Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo"

Transcript

1 Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna - Brescia Reparto di Microbiologia Laboratorio di Microbiologia

2 Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Introduzione Requisiti comunitari Limiti Strumenti a disposizione Applicazioni pratiche 2 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

3 Requisiti comunitari Regolamento CE 178/2002 Pacchetto igiene Regolamento CE 1441/ Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

4 Requisiti comunitari Il Regolamento CE 178/2002 Principi e requisiti della legislazione alimentare Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare E.F.S.A. Procedure nella Sicurezza Alimentare 4 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

5 Requisiti comunitari Il Pacchetto Igiene Regolamento CE 852/2004 Igiene dei prodotti alimentari Regolamento CE 853/2004 Igiene per gli alimenti di origine animale Regolamento 854/2004 Organizzazione dei controlli ufficiali 5 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

6 Requisiti comunitari Il Reg. CE 1441/2007 Modifica al Reg. CE 2073/2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari I consideranda Gli articoli I limiti 6 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

7 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 I consideranda 7 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

8 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 I consideranda 3. Gli OSA hanno l obbligo di ritirare dal mercato gli alimenti a rischio [ ] 5. La sicurezza dei prodotti alimentari è garantita principalmente da misure di prevenzione [ ] basate sui principi dell analisi dei rischi e dei punti critici di controllo (procedure H.A.C.C.P.) 8 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

9 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 I consideranda 21. Il produttore [ ] è tenuto a decidere se il prodotto è pronto ad essere consumato tale e quale [ ] Le istruzioni per l uso di un prodotto alimentare devono obbligatoriamente essere riportate sull etichetta quando la loro omissione non consenta all acquirente di fare un uso appropriato del prodotto alimentare 9 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

10 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 I consideranda 23. Gli OSA devono decidere autonomamente con quale frequenza debbano essere eseguite le operazioni di campionamento e di analisi nel quadro delle procedure H.A.C.C.P. e di altre procedure di controllo dell igiene 10 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

11 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 I consideranda 24. [ ] gli OSA devono avere la possibilità di usare metodi d analisi diversi dai metodi di riferimento, in particolare quelli più rapidi [ ] compreso il ricorso ad organismi indicatori alternativi, a condizione che essi forniscano garanzie equivalenti in merito alla sicurezza alimentare. 11 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

12 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 Gli articoli 12 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

13 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 Gli articoli 3. [ ] gli OSA effettuano studi [ ] per verificare se i criteri sono rispettati per l intera durata del periodo di conservabilità. In particolare ciò si applica agli alimenti pronti che costituiscono terreno favorevole alla crescita di Listeria monocytogenes [ ] 13 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

14 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 Gli articoli 5. [ ] Gli OSA che producono alimenti pronti, i quali possono sviluppare Listeria monocytogenes [ ], procedono nell ambito del loro piano di campionamento al prelievo di campioni dalle aree di lavorazione per la ricerca di Listeria monocytogenes[ ] 14 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

15 Requisiti comunitari Reg. CE 1441/2007 Gli articoli 5. [ ] Il numero di unità campionarie da considerare nei piani di campionamento di cui all allegato I può essere ridotto se l operatore può documentare l applicazione di procedure efficaci basate sui principi H.A.C.C.P.[ ] 15 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

16 I limiti Tipologia di prodotto Tipologia di pericolo 16 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

17 I limiti I criteri di igiene di processo I criteri di sicurezza alimentare 17 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

18 I limiti Criterio di Igiene di processo Definisce il funzionamento accettabile del processo di produzione Non si applica ai prodotti immessi sul mercato Fissa un valore indicativo di contaminazione 18 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

19 I limiti Criteri igiene processo Il campionamento E definito a tre classi dove: n è il numero di unità costituenti il campione c è il numero di unità campionarie i cui valori si situano tra m e M. m èil limite inferiore M èil limite superiore Es: n5 c2 m10 M Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

20 I limiti Criteri igiene processo I parametri Carica batterica totale Enterobacteriaceae Salmonella spp Escherichia coli Staphylococcus aureus Enterotossina stafilococcica Bacillus cereus 20 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

21 I limiti Criteri igiene processo I parametri Carica batterica totale Carcasse durante la macellazione Carne e prodotti a base di carne Carne macinata Carni separate meccanicamente 21 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

22 I limiti Criteri igiene processo I parametri Enterobacteriaceae Carcasse durante la macellazione Latte e prodotti lattiero caseari Latte in polvere ed alimenti per lattanti (*) Gelati Prodotti a base di uova (*)se presenti Ricerca Enterobacter sakazakii 22 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

23 I limiti Criteri igiene processo I parametri Salmonella spp Carcasse durante la macellazione Bovini, ovini, caprini, equini n50 c2 Suini n50 c5 Pollame n50 c7 23 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

24 I limiti Criteri igiene processo I parametri Escherichia coli Carne e prodotti a base di carne Carne macinata Carni separate meccanicamente Prodotti a base di carne Latte e prodotti lattiero caseari Formaggi, burro Prodotti della pesca Ortaggi, frutta e prodotti derivati 24 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

25 I limiti Criteri igiene processo I parametri Staphylococcus aureus Latte e prodotti lattiero caseari (*) Latte in polvere Formaggi a base di latte crudo Formaggi a base di latte termizzato Formaggi a base di latte pastorizzato Prodotti della pesca n5 c2 m variabile M variabile (*) (*)se > 10 5 ufc/g Ricerca Enterotossina 25 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

26 I limiti Criteri igiene processo I parametri Bacillus cereus Alimenti in polvere per lattanti Alimenti dietetici in polvere A fini medici speciali Destinati a bambini < 6 mesi età n5 c1 m50 M Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

27 I limiti Criterio di Igiene di processo Metodo di analisi di riferimento Non vincolante Fase a cui si applica il criterio Livello di attenzione Fase piu critica del processo Azione in caso di risultati insoddisfacenti 27 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

28 I limiti Criterio di sicurezza alimentare Definisce l accettabilità di un prodotto o di una partita di prodotti alimentari E applicabile ai prodotti immessi sul mercato 28 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

29 I limiti Criteri sicurezza alimentare Il campionamento E definito a due classi dove: n è il numero di unità costituenti il campione c è il numero di unità campionarie i cui valori si situano tra m e M. m e M sono uguali Es: n5 c0 m=m Assente ufc/g 29 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

30 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Listeria monocytogenes Salmonella spp Enterotossine stafilococciche Enterobacter sakazakii Escherichia coli Istamina 30 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

31 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Listeria monocytogenes Alimenti pronti per lattanti Assente Alimenti che favoriscono lo sviluppo di L. mono < 100 ufc durante la shelf life Nota 5 Assente a fine processo Nota 7 Alimenti che non favoriscono lo sviluppo di L. mono < 100 ufc durante la shelf life Nota 8 31 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

32 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Listeria monocytogenes Nota 5 Questo criterio si applica ai prodotti se il produttore è in grado di dimostrare che il prodotto non supererà il limite di 100 ufc/g al termine del periodo di conservabilità L operatore può fissare durante il processo limiti intermedi sufficientemente bassi da garantire che il limite di 100 ufc/g non sia superato al termine del periodo di conservabilità. 32 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

33 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Listeria monocytogenes Nota 7 Questo criterio si applica ai prodotti prima che non siano più sotto il controllo diretto dell operatore del settore alimentare che li produce se questi non è in grado di dimostrare, con soddisfazione dell autorità competente, che il prodotto non supererà il limite di 100 ufc/g durante il periodo di conservabilità 33 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

34 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Listeria monocytogenes Nota 8 Appartengono a questa categoria i prodotti con ph 4,4 o aw 0,92, i prodotti con ph 5,0 e aw 0,94, i prodotti con conservabilità inferiore a 5 gg altri prodotti purché vi sia una giustificazione scientifica. 34 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

35 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Salmonella spp Carne e prodotti a base di carne, cotti e crudi Assente Formaggi, burro, panna crudi o termizzati Assente Nota 10 Prodotti a base di uova, cotti o crudi Assente Molluschi, crostacei, cotti e crudi Assente 35 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

36 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Salmonella spp Nota 10 Se il produttore può dimostrare che grazie al periodo di maturazione, al valore di aw del prodotto non vi è rischio di Salmonella spp 36 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

37 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Enterotossine stafilococciche Latte e prodotti lattiero caseari Latte in polvere Formaggi a base di latte crudo Formaggi a base di latte termizzato Formaggi a base di latte pastorizzato quando Staphylococcus aureus > 10 5 ufc/g o ml 37 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

38 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Enterobacter sakazakii Alimenti in polvere per lattanti Alimenti dietetici in polvere A fini medici speciali Destinati a bambini < 6 mesi età 38 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

39 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Escherichia coli Molluschi bivalvi vivi Echinodermi vivi Tunicati vivi Gasteropodi vivi 39 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

40 I limiti Criteri sicurezza alimentare I parametri Istamina Prodotti della pesca ottenuti da specie ittiche associate con un tenore elevato di istidina Prodotti della pesca che hanno subito un trattamento di maturazione enzimatica in salamoia, ottenuti da specie ittiche associate con un tenore elevato di istidina 40 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

41 I limiti Criterio di sicurezza alimentare Metodo di analisi Vincolante per il Controllo Ufficiale Fase a cui si applica il criterio Livello di allerta 41 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

42 Strumenti a disposizione Livello di attenzione Metodo di analisi alternativi Organismi indicatori alternativi Campionamento H.A.C.C.P. Livello di allerta Metodo di analisi Ufficiali Organismi indicatori Campionamento Ufficiale 42 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

43 Strumenti a disposizione Metodi di analisi Livello di attenzione Livello di allerta Metodi di prova PCR + ISO Sensibilità Tempi di risposta Specificità Metodi di prova ISO / FSIS Sensibilità Tempi di risposta Specificità 43 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

44 Strumenti a disposizione Metodi di analisi Interpretazione dei risultati 1. Non rilevata presenza del/i patogeno/i con metodica PCR <1x10 1 1x10 2 ufc/ml 2. Rilevata presenza del/i patogeno/i con metodica PCR Non rilevata presenza del/i patogeno/i con conferma microbiologica >1x10 2 1x10 3 ufc/ml ed < 1x10 4 ufc/ml 3. Rilevata presenza del/i patogeno/i con metodica PCR Rilevata presenza del/i patogeno/i con conferma microbiologica > 1x10 4 ufc/ml 44 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

45 Strumenti a disposizione Organismi indicatori Livello di attenzione Livello di allerta Listeria spp Listeria monocytogenes Enterococchi fecali Listeria spp Enterobacteriaceae Enterobacter sakazakii Flore lattiche ph Patogeni Acqua libera 45 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

46 Strumenti a disposizione Campionamento Livello di attenzione Livello di allerta Durante processo Fine processo Presa di saggio: 50 g Presa di saggio: 25 g Superficie contatto Sul prodotto Shelf life a +10 C Shelf life a +4 C 46 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

47 Applicazioni pratiche F.A.Q. Tipologia di alimento Favorisce lo sviluppo di L. monocytogenes? Salmonella spp è un rischio? Enterotossina stafilococcica è un rischio? Alimento Ready To Eat Alimento destinato a cottura Modalità di cottura 47 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

48 Applicazioni pratiche Metodi di analisi Piani di monitoraggio Challenge test Parametri indicatori Prove di shelf life Campionamento 48 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

49 Analisi in PCR Applicazioni pratiche Piano monitoraggio latte crudo Listeria monocytogenes Salmonella spp. Campylobacter spp. Escherichia coli verocitotossico Esito PCR Livello di attenzione Esito microbiologico Livello di allerta 49 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

50 Applicazioni pratiche Piano monitoraggio latte crudo Campylobacter PCR+Micro N campioni Totale Campylobacter PCR Negativi PCR Positivi PCR Negativi esame colturale Positivi esame colturale 50 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

51 Applicazioni pratiche Piano monitoraggio latte crudo Listeria monocytogenes PCR + Micro N Campioni Totale Listeria monocytogenes Negativi PCR Positivi PCR (Positivi monocytogenes) Negativi esame colturale (negativi monocytogenes) Positivi esame colturale (positivi monocytogenes) 51 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

52 Applicazioni pratiche Piano monitoraggio latte crudo Salmonella PCR + Micro N Campioni Totale Salmonella spp Negativi PCR Positivi PCR Negativi esame colturale Positivi esame colturale 52 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

53 Applicazioni pratiche Piano monitoraggio latte crudo E.coli O 157 PCR + Micro N Campioni Totale E.coli verocitotossico Negativi PCR Positivi PCR Negativi esame colturale Positivi esame colturale 53 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

54 Applicazioni pratiche Challenge test Protocollo per lo studio della dinamica di comportamento dei patogeni durante il processo di trasformazione 54 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

55 Applicazioni pratiche Challenge test Parametri chimico fisici ph Water activity Parametri microbiologici Flore lattiche Standard di processo Standard di prodotto Organismi indicatori Organismi patogeni 55 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

56 Applicazioni pratiche Shelf life Protocollo per lo studio della dinamica di comportamento dei patogeni durante la vita commerciale dei prodotti 56 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

57 Applicazioni pratiche Shelf life Variabile temperatura Da +5 C a Variabile confezionamento Atmosfera modificata Sotto vuoto. Variabile pezzatura Prodotto intero Prodotto in tranci Prodotto affettato 57 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

58 Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Conclusioni Piano H.A.C.C.P. = livello di attenzione Conoscenza dei processi di produzione Conoscenza dei prodotti Rispecchiare la situazione reale 58 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

59 Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Conclusioni temperatura Temperature pastorizzazione tempo term 47 term 9 term 10 term 11 term 13 term 14 term 17 term 20 term 21 term 22 term 23 term 25 term27 term 28 term 29 terrm 31 term 32 term 34 term 35 term 36 term 37 term 39 term 40 term 42 term 43 term 44 term 45 term 46 term Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

60 Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Conclusioni Controlli ufficiali = livello di allerta Conoscenza dei processi di produzione Conoscenza dei prodotti Validazione piano H.A.C.C.P. 60 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

61 Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Piano H.A.C.C.P. Livello di attenzione Controlli ufficiali Livello di allerta Conoscenza dei processi di produzione Conoscenza dei prodotti Strumento per giustificazione scientifica 61 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

62 Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Grazie per l attenzione Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna - Brescia Reparto di Microbiologia Resp. Dott. Paolo Boni Laboratorio di Microbiologia - Resp. Dott. Paolo Daminelli Telefono Fax E mail 62 Metodi ufficiali, metodi alternativi, livello di attenzione e livello di allerta IZSLER

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

I piani di campionamento ed il Reg. CE 1441/2007 Quando e come

I piani di campionamento ed il Reg. CE 1441/2007 Quando e come Shelf life Criteri di applicazione e di valutazione I piani di campionamento ed il Reg. CE 1441/2007 Quando e come Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna

Dettagli

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione Materiale Didattico Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione a cura della D.Ssa Ylenia Esposito Regolamento CE 2073/2005 I controlli microbiologici i i sui prodotti alimentari Legislazione sulla

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE. CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009

REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE. CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009 REG.20.2073/2005 CE CRITERI DI APPLICAZIONE CRITERI DI IGIENE DI PROCESSO E DI SICUREZZA ALIMENTARE IZSLER FERRARA 5 novembre 2009 DEFINIZIONI CRITERIO MICROBIOLOGICO: CRITERIO CHE DEFINISCE L ACCETTABILITA

Dettagli

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo e i limiti critici Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo (2 principio: individuazione dei CCP) Punto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari 22.12.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 338/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005

Dettagli

Accordo stato regioni Linee guida di applicazione del Regolamento CE 2073/2005 sui criteri microbiologici

Accordo stato regioni Linee guida di applicazione del Regolamento CE 2073/2005 sui criteri microbiologici Accordo stato regioni Linee guida di applicazione del Regolamento CE 2073/2005 sui criteri microbiologici Riflessioni sulle modalità applicative del Reg. (CE) 2073/04 sui criteri microbiologici degli alimenti

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA D_025 Rev. 4:2011 07 novembre 2011 LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA Questo documento contiene le tabelle dei limiti di contaminazione microbica, elaborate dal Laboratorio Chimico sulla base dei limiti

Dettagli

Obiettivi del presente piano sono la raccolta ordinata di dati statisticamente significativi in merito a:

Obiettivi del presente piano sono la raccolta ordinata di dati statisticamente significativi in merito a: Programma di verifica della qualità microbiologica del latte e dell efficacia dei processi di trattamento termico del latte destinato alla caseificazione 2013-2015 OBIETTIVO: verificare il rispetto dei

Dettagli

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI Dario De Medici, Monica Gianfranceschi e il Gruppo di Lavoro IIZZSS Corso di

Dettagli

Qualità microbiologica dei prodotti lattiero-caseari in aziende di estivazione

Qualità microbiologica dei prodotti lattiero-caseari in aziende di estivazione Qualità microbiologica dei prodotti lattiero-caseari in aziende di estivazione Numero di campioni prelevati Totale campioni non conformi 357 42 Introduzione e obiettivi Il Canton Ticino, con la sua ricchezza

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Prevenire la listeriosi Potenza, 31 ottobre 2013 Dr.ssa Carla Brienza Dr.ssa Nunzia Damiani Nel 2012 sono state 3436 le notifiche

Dettagli

L.monocytogenes atcc_19115 wild_strain_izs_n _144664 wild_strain_izs_n _162061

L.monocytogenes atcc_19115 wild_strain_izs_n _144664 wild_strain_izs_n _162061 Ditta Comune Produzione Fumagalli Industria Alimentari S.p.A. Como Prosciutto cotto Festa Sperimentazione del // Patogeno L.monocytogenes atcc_ wild_strain_izs_n _ wild_strain_izs_n _ Modalità di contaminazione

Dettagli

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Lucia Rossi L attività di Ricerca Corrente svolta dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Fabriano, 26 Ottobre 2011 ERMENEUTICA DEL REGOLAMENTO H.A.C.C.P.: criteri di individuazione e gestione dei punti critici.

Fabriano, 26 Ottobre 2011 ERMENEUTICA DEL REGOLAMENTO H.A.C.C.P.: criteri di individuazione e gestione dei punti critici. Fabriano, 26 Ottobre 2011 ERMENEUTICA DEL REGOLAMENTO 2073 H.A.C.C.P.: criteri di individuazione e gestione dei punti critici Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell

Dettagli

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina:

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina: intesa Stato/Regioni n. 159/CSR del 23-9-2010 In materia di impiego transitorio di latte crudo bovino non rispondente ai criteri di cui all allegato III, sezione IX del regolamento CE 853/2004, per quanto

Dettagli

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto Alfonso Zecconi Università degli Studi di Milano Dipartimento Patologia Animale Le tossinfezioni alimentari Problema comune a tutti gli alimenti

Dettagli

I criteri microbiologici come strumenti per la gestione del rischio

I criteri microbiologici come strumenti per la gestione del rischio I criteri microbiologici come strumenti per la gestione del rischio Giuseppe Merialdi IZSLER Bologna Ferrara, 5 Novembre 2009 I controlli microbiologici sugli alimenti Utilizzi attuali Verificare i processi

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie?

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel. 0521 795 262 Mail: silvana.barbuti@ssica.it

Dettagli

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE TEMPORANEA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ERDISU DI TRIESTE (CIG N. 3218525AD7). ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE

Dettagli

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute Gestione del rischio Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute AUTOCONTROLLO - DECRETO LEGISLATIVO 155/ 97 I principi su cui si basa l elaborazione di un piano HACCP sono 7: Identificare

Dettagli

1. INDICE INDICE Indice Premessa Introduzione Capitolo I Quadro Normativo Capitolo II Tossinfezioni alimentari

1. INDICE INDICE Indice Premessa Introduzione Capitolo I Quadro Normativo Capitolo II Tossinfezioni alimentari 1. INDICE INDICE 1. Indice... 1 1.1. Indice figure... 3 1.2. Indice tabelle... 3 1.3. Indice grafici... 5 2. Premessa... 7 3. Introduzione... 9 4. Capitolo I Quadro Normativo... 12 4.1. Sicurezza alimentare...

Dettagli

Osvaldo Matteucci Farindola 22 marzo 2014

Osvaldo Matteucci Farindola 22 marzo 2014 REGOLAMENTO (CE) 2073/2005 MODIFICATO DAI REGOLAMENTI (CE) 1441/2007, 365/2010, 1086/2011 E 209/2013: : CRITERI MICROBIOLOGICI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Osvaldo Matteucci Farindola 22 marzo 2014

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

Allegato N.3. Limiti di Contaminazione Microbica

Allegato N.3. Limiti di Contaminazione Microbica COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N.3 Limiti di Contaminazione Microbica TABELLA A CARNI BOVINE CRUDE ALIMENTO Tagli di carne refrigerata

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. n.. Presidente. Vice Presidente. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore.

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. n.. Presidente. Vice Presidente. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Assessore. Cod. Modulo M/3 REGIONE UMBRIA OGGETTO: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.. presenti assenti Presidente Vice Presidente Presidente : Relatore : Direttore: Segretario Verbalizzante : LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

I criteri microbiologici nella normativa U.E. e nell applicazione pratica

I criteri microbiologici nella normativa U.E. e nell applicazione pratica Alessandria, 6 giugno 2014 I criteri microbiologici nella normativa U.E. e nell applicazione pratica prof.ssa Tiziana Civera Dipartimento di Scienze Veterinarie Università degli Studi di Torino Reg.(CE)

Dettagli

Attività comunitaria concernente i criteri microbiologici degli alimenti in funzione della valutazione del rischio

Attività comunitaria concernente i criteri microbiologici degli alimenti in funzione della valutazione del rischio Attività comunitaria concernente i criteri microbiologici degli alimenti in funzione della valutazione del rischio Laura Toti,, Eva Alessi Focus su sicurezza d uso e nutrizionale degli alimenti 21-22 22

Dettagli

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici Workshop: Focus su Sicurezza d Uso e Nutrizionale degli Alimenti 21-22 Novembre 2005, Istituto Superiore di Sanità, Roma Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio

Dettagli

3 2073/2005 A. PAPARELLA,

3 2073/2005 A. PAPARELLA, CRITERI COMUNITARI PER LA DETERMINAZIONE DELLA SHELF-LIFE: LIFE: IL CASO DEGLI ALIMENTI PRONTI Prof. Antonello Paparella Microbiologia degli alimenti apaparella@unite.it La normativa europea in materia

Dettagli

CRITERI DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEGLI ALIMENTI

CRITERI DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEGLI ALIMENTI CONTROLLI DEGLI ALIMENTI CRITERIO OPERATIVO N 4 CRO 04 CONTROLLI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 10 CRITERI PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI DEGLI ALIMENTI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO CE 2073/2005

Dettagli

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Dipartimento di Scienze e tecnologie alimentari e microbiologiche Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Listeria: tassonomia Bastoncini Gram positivi, asporigeni, catalasi

Dettagli

Il Regolamento 2073 CE

Il Regolamento 2073 CE Il Regolamento 2073 CE e la valutazione dei criteri di processo e di sicurezza alimentare attraverso il Challenge test Contributi pratici Mauro Fontana Responsabile Controllo Qualità Stefano Bisotti Direttore

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

CORSI & CONSULENZE. Audit di seconda parte presso Laboratorio di prova pubblico accreditato Regione Lazio.

CORSI & CONSULENZE. Audit di seconda parte presso Laboratorio di prova pubblico accreditato Regione Lazio. CORSI & CONSULENZE 2010 Audit di seconda parte presso Laboratorio di prova privato accreditato Regione Friuli Venezia Giulia. Verifica della conformità ai requisiti della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005

Dettagli

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari Convegno Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai Laboratori Accreditati Roma, 15-16 novembre 2011 L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL P.F. VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE N. 32 DEL 24/03/2011

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL P.F. VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE N. 32 DEL 24/03/2011 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL P.F. VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE N. 32 DEL 24/03/2011 Oggetto: Sicurezza alimentare Piano regionale di campionamento delle sostanze alimentari per il triennio 2010-2012.

Dettagli

Campione di matrici alimentari: caratteristiche generali e norme di riferimento

Campione di matrici alimentari: caratteristiche generali e norme di riferimento Campione di matrici alimentari: caratteristiche generali e norme di riferimento Relatore: Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle regioni Lazio e Toscana IL CAMPIONAMENTO DEGLI

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 2 Insegnamento: Microbiologia degli alimenti CFU:

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE

LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE LA VERIFICA ANALITICA TELEMACO CENCI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE L AUTORITA DI CONTROLLO DEVE: PREMIARE Competenza e Rigore degli OSA che applicano correttamente prevenzione

Dettagli

Attuazione D.Lgs. 81/08: Sicurezza e Igiene sui posti di lavoro

Attuazione D.Lgs. 81/08: Sicurezza e Igiene sui posti di lavoro A tutti i SIGNORI CLIENTI Loro sedi Oggetto: Attuazione dei Regolamenti Comunitari concernenti l igiene dei prodotti alimentari e i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari e certificazioni

Dettagli

Ispezione degli alimenti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Ispezione degli alimenti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Ispezione degli alimenti di origine animale Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Procedure HACCP (Decreto legislativo 155/1997) Tali misure interessavano tutte le fasi successive

Dettagli

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO Pag. 1 di 5 PRELIEVO Il campione portato in laboratorio deve essere RAPPRESENTATIVO dell intera massa da cui è tratto. Esistono al riguardo, a seconda dei prodotti e delle finalità per cui vengono effettuate

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953 INFORMAZIONI PERSONALI Nome PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio MEDICO VETERINARIO ISTITUTO Responsabile - SERVIZIO ASSICURAZIONE

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Dr. Pasquale Albano, con la collaborazione della Dr. Donatella Laganà Autocontrollo: risorsa occupazionale? Sepino (CB), 30 ottobre 2010

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali:

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali: L HACCP si definisce come un approccio sistematico per l identificazione dei pericoli ed la valutazione/controllo dei rischi connessi alla produzione di un alimento basato su 7 principi. Secondo quanto

Dettagli

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta

Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta Casi studio/aspetti pratici delle analisi su alimenti e della ricerca di contaminanti Lucia Chiappetta LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Istamina nei prodotti della Pesca

Istamina nei prodotti della Pesca NEWS sulla SICUREZZA E QUALITÀ DEGLI ALIMENTI Istamina nei prodotti della Pesca G.U.U.E. L del 24 ottobre 2013, n. 282 Regolamento (UE) n. 1019/2013 della Commissione del 23.10.2013 che modifica l Allegato

Dettagli

LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli

LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli LA SICUREZZA ALIMENTARE IN GRAVIDANZA E NELLE ALTRE FASCE A RISCHIO: CONSIGLI E PRECAUZIONI LISTERIA MONOCYTOGENES Dott.ssa Manuela Cagnoli Novara, 29 settembre 2012 Borgomanero,, 13 ottobre 2012 1924

Dettagli

WORKSHOP RASFF ALLERTA MICROBIOLOGICA

WORKSHOP RASFF ALLERTA MICROBIOLOGICA WORKSHOP RASFF ALLERTA MICROBIOLOGICA Montecchio Precalcino 29, 30 novembre M.Cristina Mosconi ARPAV - U.O. Microbiologia SL Verona Relazione sul Sistema di Allerta Comunitaria Anno 2011- Ministero della

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

I requisiti del latte alimentare

I requisiti del latte alimentare I requisiti del latte alimentare Le disposizioni delle Linee Guida e della Misura 215. Progetto Qualità Latte Premessa A partire dal 1 gennaio 2006, sono in applicazione le disposizioni previste dai regolamenti

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche

Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Università di Genova Facoltà di Scienze MFN Corso di studi in Scienze biologiche Verifiche analitiche sulla qualità di materie prime, semilavorati e prodotti agroalimentari Docente: Dott.ssa Francesca

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

SEMINARIO DIVULGATIVO

SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO Esigenze formative per il settore della Pesca e dell Acquacoltura alla luce delle nuove normative europee. Il manuale di buona prassi igienica strumento essenziale

Dettagli

Report Piano Regionale Integrato dei Controlli (PRIC) Sub-Allegato A/1- Anno 2012

Report Piano Regionale Integrato dei Controlli (PRIC) Sub-Allegato A/1- Anno 2012 Report Piano Regionale Integrato dei Controlli (PRIC) Sub-Allegato A/1- Anno 2012 A cura del Centro Studi per la Sicurezza Alimentare (CSA) dell IZSLT: Dott.ssa Selene Marozzi Dott. Roberto Condoleo Responsabile

Dettagli

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 L'entrata in vigore dei recenti regolamenti europei in materia di sicurezza degli alimenti, il cosiddetto "Pacchetto igiene", sta avviando una profonda

Dettagli

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 STANDARD DEI VALORI MICROBIOLOGICI E CHIMICO- FISICI DELLE DERRATE ALIMENTARI E DEGLI AMBIENTI

Dettagli

HACCP (Reg CE 852\04 )

HACCP (Reg CE 852\04 ) L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto al fine di valutare e stimare pericoli

Dettagli

Assessorati alla sanità Regioni e Provincia Autonoma di Trento Assessorato all Agricoltura Provincia Autonoma di Bolzano LORO SEDI

Assessorati alla sanità Regioni e Provincia Autonoma di Trento Assessorato all Agricoltura Provincia Autonoma di Bolzano LORO SEDI Ministero del Lavoro,della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

Dettagli

ELENCO PROVE E TARIFFARIO

ELENCO PROVE E TARIFFARIO 1 Carne e derivati Umidità AOAC 950.46 2010 6,95 2 Carne e derivati Proteine grezze AOAC 981.10 1983 11,60 3 Carne e derivati Lipidi grezzi AOAC 991.36 1996 9,30 4 Carne e derivati Ceneri 5 Carne e derivati

Dettagli

ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO

ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO NA Numero di assegnazione (un numero assegnato arbitrariamente ad una particolare merce che figurerà in quanto tale sul certificato). Controllo fino a destinazione Capitolo

Dettagli

10/03/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 20. Regione Lazio

10/03/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 20. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 27 febbraio 2015, n. G01963 Piano regionale di campionamento degli alimenti di origine animale

Dettagli

Uova e prodotti a base di uova Dott.ssa Cristina Leonardi

Uova e prodotti a base di uova Dott.ssa Cristina Leonardi LA SICUREZZA ALIMENTARE IN GRAVIDANZA E NELLE ALTRE FASCE A RISCHIO: CONSIGLI E PRECAUZIONI Uova e prodotti a base di uova Dott.ssa Cristina Leonardi Novara, 29 settembre 2012 Borgomanero, 13 ottobre 2012

Dettagli

La Decisione 2001/471/CE. Applicazione del sistema HACCP negli impianti di macellazione

La Decisione 2001/471/CE. Applicazione del sistema HACCP negli impianti di macellazione La Decisione 2001/471/CE Applicazione del sistema HACCP negli impianti di macellazione Fissa le norme per i controlli regolari sulle condizioni igieniche di lavorazione che devono essere svolti dagli operatori

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO IN RIFERIMENTO ALLE ATTIVITÁ DELLA REGIONE CAMPANIA ANNO 2008 2010

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO IN RIFERIMENTO ALLE ATTIVITÁ DELLA REGIONE CAMPANIA ANNO 2008 2010 RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA COMUNITARIO IN RIFERIMENTO ALLE ATTIVITÁ DELLA REGIONE CAMPANIA ANNO 008 00 dott.ssa Colarusso, dott.ssa Peirce, dott.ssa Pellicanò INTRODUZIONE Il sistema di allerta comunitario

Dettagli

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE.

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 853/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. A partire dal 1 gennaio 2006 si applicano, su tutto il territorio

Dettagli

Prodotti lattiero caseari attività di ricerca in sicurezza alimentare

Prodotti lattiero caseari attività di ricerca in sicurezza alimentare la valorizzazione del prodotto alimentare Prodotti lattiero caseari attività di ricerca in sicurezza alimentare Lucia Decastelli S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni IZSTO Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

Carni macinate e. Carni macinate, preparazioni di carni e carni separate meccanicamente. preparazioni di carni. Reg.853 Allegato I Definizioni

Carni macinate e. Carni macinate, preparazioni di carni e carni separate meccanicamente. preparazioni di carni. Reg.853 Allegato I Definizioni Carni macinate, preparazioni di carni e carni separate meccanicamente Carni macinate e preparazioni di carni M. Luisa Cortesi IV anno 2012 Reg.83 Allegato I Definizioni 1.13. Carni macinate: carni disossate

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

MSOffice1 REGIONE LAZIO

MSOffice1 REGIONE LAZIO MSOffice1 La Tutela dell Ambiente garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo L impatto sulla sicurezza alimentare. dall autocontrollo al controllo ufficiale Ugo Della Marta Dirigente Area Sanità

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. - Abilitato all'esercizio della professione di Medico Veterinario con la votazione di 120/120.

CURRICULUM VITAE. - Abilitato all'esercizio della professione di Medico Veterinario con la votazione di 120/120. CURRICULUM VITAE NORMANNO GIOVANNI GIUSEPPE Professore Universitario di seconda fascia SSD VET/04 Ispezione degli alimenti Nato a Foggia il 2/01/1967 Già in servizio presso la facoltà di Medicina Veterinaria

Dettagli

Il Dirigente Marco Menchini

Il Dirigente Marco Menchini 84 20.7.2005 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Settore Politiche per la Qualità dei Servizi Sanitari DECRETO 14 giugno

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Gelato artigianale. Emissione 01 31/03/2011

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Gelato artigianale. Emissione 01 31/03/2011 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Gelato artigianale Emissione 01 31/03/2011 Copia n 01 Assegnata a: Dipartimento agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente. INDICE 1. Premessa... 3 2. Introduzione...

Dettagli

Gestione delle NC microbiologiche

Gestione delle NC microbiologiche Gestione delle NC microbiologiche IL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DEGLI ALIMENTI: CAMPIONAMENTO, INTERPRETAZIONE DEL RISULTATO, FLUSSI INFORMATIVI e GESTIONE DELLE NC Torino 10-11 11 giugno 2013 Asti 18-19

Dettagli

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 1) Gli alimenti per la prima infanzia sono disciplinati a livello comunitario:

Dettagli

L ESPORTAZIONE IN RUSSIA DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI. Ettore Soria Assolatte

L ESPORTAZIONE IN RUSSIA DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI. Ettore Soria Assolatte L ESPORTAZIONE IN RUSSIA DI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI Ettore Soria Assolatte Legge Federale 2.01.2000 n. 29 sulla qualità e la sicurezza degli alimenti L. F. 27.12.2002 n. 184 su norme tecniche L. F. n.

Dettagli

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Dipartimento di Scienze Animali, sezione di Zootecnica Agraria Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Bava Luciana, Sandrucci Anna, Tamburini Alberto,

Dettagli

Il controllo del latte

Il controllo del latte Il controllo del latte diagnosi di patologie mammarie controlli funzionali controlli tecnologici controlli qualitativi (pagamento qualità) controlli di legge 1 Analisi Inibenti Carica batterica Grasso,

Dettagli

Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA. Mantova, 29 ottobre 2012, problematiche SOA

Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA. Mantova, 29 ottobre 2012, problematiche SOA Giornata di incontro con Operatori del Settore Alimentare sul problema SOA Perché la normativa sui sottoprodotti? Prima dei regolamenti comunitari 1774/2002 e 1069/2009 l utilizzo dei sottoprodotti era

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 STANDARD DEI VALORI MICROBIOLOGICI E CHIMICO- FISICI DELLE DERRATE ALIMENTARI E DEGLI AMBIENTI Allegato

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

COMUNE DI CAVALLASCA. 07 Ottobre 2014. Esiti analisi eseguite su rete di distribuzione acquedotto. comunale,

COMUNE DI CAVALLASCA. 07 Ottobre 2014. Esiti analisi eseguite su rete di distribuzione acquedotto. comunale, CAP 22020 (CO) TEL. 031 210455 - FAX 031 536439 N. Part. Iva 00516340130 07 Ottobre 2014 Esiti analisi eseguite su rete di distribuzione acquedotto comunale, campioni di acqua prelevati in data 29 Settembre

Dettagli

H A C C P. Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi

H A C C P. Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi H A C C P Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi del pericolo e punti critici di controllo) rappresenta uno strumento operativo per l'analisi dei rischi che caratterizzano

Dettagli