WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE. Come utilizzare al meglio un database di gestione delle configurazioni (CMDB)?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE. Come utilizzare al meglio un database di gestione delle configurazioni (CMDB)?"

Transcript

1 WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Come utilizzare al meglio un database di gestione delle configurazioni (CMDB)?

2 Indice generale ExEcutive summary... 1 Perché un CMDB... 2 Importanza della gestione delle configurazioni Ruolo essenziale dei dati... 3 Evoluzione del CMDB... 3 Approccio raccomandato al CMDB... 6 Contenuto di un CMDB ITIL... 6 Quadro generale... 8 Funzione del CMDB Federazione di dati Modello di dati flessibile Partizionamento delle configurazioni...11 Riconciliazione delle configurazioni...11 Accesso aperto ai dati Conclusioni Glossario... 14

3 Executive summary L uso di un database di gestione delle configurazioni (CMDB) può essere necessario, ma occorre capire perché e soprattutto sapere come affrontare questo argomento. Nel presente white paper elaborato da BMC Software viene dimostrata l importanza della gestione della configurazione e dell uso di un CMDB, in particolare, in relazione agli obiettivi di una IT Infrastructure Library (ITIL ). Vengono definiti i diversi tipi di dati solitamente contenuti in un CMDB, dagli elementi di configurazione (CI, Configuration Item) alle relazioni con i dati associati, ad esempio, le richieste di modifica e un modello di impatto dei servizi. Dopo una breve analisi degli approcci al CMDB già tentati, quali l integrazione di data store o l inserimento di tutti i dati in un unico database centrale, il presente documento illustra il nostro approccio al CMDB: un modello federato che funge da fonte di record per gli elementi di configurazione, ma protegge l investimento attuale nei data store esistenti. Vengono esaminate le caratteristiche richieste da un CMDB, comprendenti un modello di dati flessibile, il partizionamento delle configurazioni, la riconciliazione delle configurazioni e l accesso aperto ai dati. Viene spiegato in che modo ciascuna di queste caratteristiche contribuisce a creare una soluzione di configurazione generale che consente alle organizzazioni IT di fornire un servizio della più alta qualità possibile. PA G I N A >

4 Perché un CMDB In considerazione del crescente interesse registrato nell adozione delle best practice tra reparti IT diversi, soprattutto in base a standard quali ITIL, molte organizzazioni hanno ora deciso di implementare un database di gestione delle configurazioni (CMDB). Si sono accorte del valore business derivante dall uso di un unica fonte di record capace di fornire un modello logico di infrastruttura IT con cui identificare, gestire e verificare tutti gli elementi di configurazione (CI, Configuration Item) nell ambiente operativo. Importanza della gestione della configurazione Il compito svolto dai reparti IT per fornire servizi affidabili per il conseguimento degli obiettivi business di un azienda è alquanto impegnativo. Per riuscire a superare gran parte delle difficoltà, è richiesta una strategia di gestione delle configurazioni efficace: senza conoscere i componenti del proprio ambiente, è impensabile sperare di controllarlo, mantenerlo o migliorarlo. Obiettivi Come indicato nel manuale Service Support di ITIL, gli obiettivi per la gestione delle configurazioni devono includere i seguenti: >..Rispondere di tutti gli asset e le configurazioni IT all interno dell organizzazione e dei relativi servizi >..Fornire informazioni precise sulle configurazioni e la relativa documentazione a supporto di tutti gli altri processi di gestione dei servizi >..Fornire una solida base per la gestione di incidenti, problemi, cambiamenti e release >..Verificare i record delle configurazioni rispetto all infrastruttura e correggere eventuali eccezioni Vantaggi La realizzazione di questi obiettivi può risultare vantaggiosa per l organizzazione sotto vari aspetti importanti e quantificabili di controllo, integrazione e supporto decisionale. Controllo La verifica e la correzione dei record delle configurazioni fornisce un livello più ampio di controllo dell infrastruttura. Ad esempio, attraverso il controllo delle versioni degli elementi di configurazione, è possibile ridurre la complessità dell ambiente e quindi dei costi per il supporto del desktop. In tal modo, è possibile notare gli elementi che compaiono o scompaiono senza contropartita ed eseguire un controllo degli asset senza incorrere in problemi di natura legale. Un maggiore controllo dell ambiente determina inoltre un maggiore livello di sicurezza complessiva. Integrazione I processi per la gestione di incidenti, problemi, cambiamenti e release basati su un record corrente della configurazione utilizzata possono essere integrati, in modo da ridurre i costi di amministrazione e il rischio di errori. Ad esempio, è possibile integrare i processi di gestione degli incidenti e dei cambiamenti in due modi: >.Se la risoluzione di un incidente richiede una modifica, l applicazione per la gestione degli incidenti può creare automaticamente la richiesta di modifica. >.Un applicazione per la gestione di incidenti o problemi può servirsi di un modello di servizio con cui individuare le modifiche precedenti che possono avere causato un errore. L integrazione di tutti i processi IT legati alle configurazioni può portare alla riduzione del personale addetto all amministrazione dell ambiente, con conseguente risparmio economico. Supporto decisionale L abbinamento di queste informazioni di configurazione aggiornate ai processi di gestione dei servizi aziendali si rivela vantaggiosa per i manager IT. È più facile prendere decisioni quando si dispone di dati completi e precisi; viene inoltre migliorata la valutazione delle risorse e delle prestazioni. È possibile contare con maggiore tranquillità sui livelli dei servizi e migliorare la gestione dei rischi, con la conseguente riduzione del downtime non pianificato. 1. Office of Government Commerce, Best Practice for Service Support. (London: The Stationery Office, 2000). PA G I N A >

5 Ruolo essenziale dei dati È possibile iniziare la gestione delle configurazioni con uno dei processi sopra descritti o con molti altri. Tuttavia, a prescindere dai processi di gestione delle configurazioni implementati, l aspetto che li rende efficaci è costituito dai dati utilizzati. La precisione dei dati di configurazione è importante; per questo i dati devono essere aggiornati di frequente. Le configurazioni mutano continuamente, perciò i dati considerati attuali in un determinato momento potrebbero risultare obsoleti dopo una settimana e portare, ad esempio, all acquisto di dieci server quando in realtà ne occorrono soltanto cinque o addirittura all installazione di un patch di sicurezza che causa il blocco del sistema. I dati di configurazione devono inoltre essere disponibili per tutti i processi IT perché anche i dati più aggiornati non servono a nulla se non è possibile accedervi. Ad esempio, se i dati della topologia di rete forniti dall applicazione di discovery non sono accessibili per l applicazione di gestione dei cambiamenti, non è possibile pianificare in maniera intelligente una riprogettazione della rete. Evoluzione del CMDB Il concetto di CMDB si è evoluto nel tempo da semplice raccolta di data store isolati all idea di data store integrati in un singolo database centrale, fino da avvicinarsi sempre più a una soluzione che prevede un unica fonte di record per i dati di configurazione senza gravare sull infrastruttura. Data store isolati Inizialmente, un CMDB era costituito semplicemente da diverse applicazioni in cui venivano archiviati i dati applicativi e spesso da altri database contenenti i dati di configurazione, come illustrato nella Figura 1. Questo approccio era in grado di soddisfare l obiettivo primario di ITIL, il quale consisteva nel rendere conto di tutti gli asset e i servizi IT. L applicazione per la gestione degli asset non era in grado di rilevare i dati di un applicazione di discovery e la gestione dell impatto dei servizi non poteva modificare i contratti di servizio (SLA). La soluzione che consente di preservare l accuratezza. dei dati di configurazione condivisi da più processi IT è. un CMDB. Richieste Elementi di configurazione e rispettive relazioni impatto servizi asset Applicazione di discovery 1 problemi Applicazione di discovery 2 cambiamenti SLA Libreria software definitivo Contratti incidenti Figura 1. Data store isolati PA G I N A >

6 Un altro svantaggio era dato dalla mancanza di un singolo punto di accesso, la quale costringeva gli utenti che richiedevano i dati a sapere dove e come trovarli. Infine, questo approccio non consentiva di memorizzare le informazioni sulle relazioni tra elementi di configurazione. Per maggiori informazioni sulle relazioni, vedere le informazioni riportate in Relazioni tra elementi di configurazione nella sezione Approccio raccomandato. al CMDB di questo documento. Data store integrati Successivamente, le organizzazioni IT hanno cercato anche di creare CMDB mediante l integrazione diretta di varie fonti di dati e applicazioni, collegando ciascun consumer dei dati al provider da cui necessitava informazioni, come illustrato nella Figura 2. Grazie a questo approccio, è stato possibile ottenere la condivisione dei dati tra diversi processi di gestione delle configurazioni, con conseguente notevole miglioramento dell utilità dei CMDB. Tuttavia, erano richieste numerose risorse per creare e gestire le varie integrazioni. Inoltre, analogamente all approccio dei data store isolati, chi non conosceva sufficientemente il sistema non sapeva dove cercare determinati dati. Richieste Elementi di configurazione e rispettive relazioni impatto servizi asset Applicazione di discovery 1 problemi Applicazione di discovery 2 cambiamenti SLA Libreria software definitivo Contratti incidenti Figura 2. Integrazione diretta di data store diversi PA G I N A >

7 Database centralizzato unico Di recente, alcuni fornitori hanno proposto un CMDB singolo onnicomprensivo per i dati di configurazione, accessibile da tutte le applicazioni che necessitano dei dati, come illustrato nella Figura 3. In questo approccio, le applicazioni integrate nel CMDB (sia consumer che provider dei dati) possono accedere a tutti i dati relativi alle configurazioni; pertanto, la condivisione viene portata a un livello superiore rispetto all approccio dei data store integrati. Inoltre, viene offerto un singolo punto di accesso, grazie al quale il CMDB diventa la fonte di record a cui gli utenti possono inviare tutte le richieste. Anche un database onnicomprensivo presenta tuttavia alcuni svantaggi. Richiede una capacità elevata in un unico punto e genera intasamenti perché tutte le richieste di aggiornamenti dei dati devono attraversare lo stesso percorso. È inoltre richiesto un imponente processo di migrazione per trasferire tutti i dati in un singolo database, creando un modello di dati complesso che dovrà essere modificato ad ogni cambiamento di una delle applicazioni integrate nel CMDB. Infine, se tali applicazioni non provengono dallo stesso fornitore del CMDB, tutte le integrazioni rischiano di rivelarsi procedure particolarmente impegnative. Richieste impatto servizi asset Applicazione di discovery 1 Applicazione di discovery 2 cambiamenti CI e relazioni Modello servizio Contratti Asset DSL Problemi Incidenti Richieste cambiamento SLA problemi SLA incidenti Figura 3. Database centralizzato unico PA G I N A >

8 Approccio raccomandato al CMDB BMC Software ritiene che l uso di un CMDB con un modello di dati federato, dotato di un database centralizzato collegato ad altri data store, sia il modo migliore di condividere i dati di configurazione senza dovere sostenere i costi elevati di installazione e manutenzione associati all approccio centralizzato puro. In questa sezione vengono descritti i tipi di dati utilizzati e quindi viene spiegata in dettaglio la separazione dei dati effettuata attraverso il modello federato. Contenuto di un CMDB ITIL ITIL raccomanda di archiviare tipi di dati diversi nel CMDB. In tal modo, è possibile mantenere gli elementi di configurazione e le rispettive interrelazioni per ottenere una configurazione in un dato momento o in determinate condizioni. ITIL informa inoltre che il CMDB può contenere dati correlati agli elementi di configurazione, ad esempio, ticket di help desk o definizioni SLA. Cos è un elemento di configurazione? Gli elementi di configurazione costituiscono la base di un CMDB. Senza una chiara definizione di ciò che può essere considerato un elemento di configurazione, non è possibile valutare con certezza l opportunità di collocare dati di natura diversa nel CMDB. In parole povere, un elemento di configurazione è un istanza di un entità che fa parte dell ambiente e che presenta attributi configurabili specifici di tale istanza. Queste entità possono essere fisiche (ad esempio, un sistema di computer), logiche (ad esempio, un istanza installata di un programma software) o concettuali (ad esempio, un servizio business); tuttavia, devono essere una parte diretta dell ambiente, piuttosto che semplici informazioni su tale parte. Gli esempi seguenti illustrano i concetti appena esposti. Elementi di configurazione Un sistema di computer fa parte dell ambiente e presenta attributi configurabili, quali numero di serie, velocità del processore e indirizzo IP. Un edificio fa parte dell ambiente e presenta attributi configurabili, quali numero di stanze, sistema di condizionamento dell aria e allarme antifurto. Un dipendente fa parte dell ambiente e presenta attributi configurabili, quali capacità, orario di lavoro e reparto. Un istanza di software installata su un sistema di computer fa parte dell ambiente e presenta attributi configurabili, quali numero di serie, livello di patch e metodo di sviluppo. Un servizio business fa parte dell ambiente e presenta attributi configurabili, quali livello di importanza per il business e costo dell interruzione del servizio. Elementi non di configurazione Un ticket di help desk presenta attributi configurabili, ma non fa parte direttamente dell ambiente. Fanno invece parte dell ambiente le informazioni sulle altre entità (ad esempio, un sistema di computer). Un pacchetto software archiviato fa parte dell ambiente e viene in genere conservato nella libreria DSL (Definitive Software Library). Un contratto di servizio (SLA) presenta attributi configurabili, ma non fa parte direttamente dell ambiente. Fanno invece parte dell ambiente le informazioni sulle altre entità (ad esempio, un server Web). Un contratto presenta attributi configurabili, ma non fa parte direttamente dell ambiente. Fanno invece parte dell ambiente le informazioni sulle altre entità (ad esempio, una fotocopiatrice).. Un evento non presenta attributi configurabili e non fa parte dell ambiente. Tabella 1. Cos è un elemento di configurazione? PA G I N A >

9 Naturalmente non tutto ciò che può essere considerato un elemento di configurazione è degno di nota; pertanto, non occorre creare appositi record nel CMDB per tutti i dipendenti dell organizzazione. Relazioni tra elementi di configurazione Gli elementi di configurazione sono collegati tra loro. Un elemento di configurazione può utilizzare altri elementi di configurazione, può essere subordinato ad altri elementi di configurazione, essere un componente di altri elementi di configurazione, attivare altri elementi di configurazione, appartenere a un gruppo di elementi di configurazione o essere contenuto in altri elementi di configurazione, tanto per fornire qualche esempio. La memorizzazione di queste relazioni nel CMDB consente di analizzare le interrelazioni e le interdipendenze tra gli elementi di configurazione. Tali relazioni possono essere semplici, come ad esempio l appartenenza di un unità disco a un sistema di computer in qualità di componente, o più complesse, come quelle illustrate nella Figura 4. Le relazioni non esistono soltanto tra elementi di configurazione fisici, ma anche tra elementi di configurazione logici e concettuali, quali le istanze del software e i servizi indicati nella Figura 4. Tra due elementi di configurazione possono esserci anche più relazioni: ad esempio, un dipendente può essere proprietario di un server e utilizzarlo. I dati delle relazioni fanno del CMDB uno strumento efficace di supporto decisionale. La comprensione delle dipendenze e della altre relazioni che intercorrono tra elementi di configurazione possono indicare, ad esempio, in che modo l aggiornamento del Processore A può migliorare le prestazioni del Server B o quali servizi vengono ridotti in caso di guasto del Router C. Gran parte del downtime viene causato da problemi derivanti dai cambiamenti di configurazione e queste informazioni possono essere utilizzate per evitare che ciò accada. Dati correlati Le informazioni correlate agli elementi di configurazione sono numerose: ticket di help desk, eventi di cambiamento, contratti, contratti di servizio (SLA),. libreria DSL (Definitive Software Library) e molto altro.. Pur non essendo elementi di configurazione, questi dati contengono comunque informazioni sugli elementi di configurazione e rappresentano una parte importante dell infrastruttura IT. Subordinato a Store online (servizio) Subordinato a Subordinato a Database ordini (istanza software) Utilizza Server Web Superiore a Carrello (istanza software) Utilizza Utilizza Unità disco 1 Unità disco 2 Figura 4. Esempi di relazioni PA G I N A >

10 Quadro generale Il CMDB e la relativa infrastruttura devono essere suddivisi in tre layer: il CMDB stesso, i dati correlati collegati in modo bidirezionale al CMDB (dati estesi del CMDB) e le applicazioni che interagiscono con questi due layer (ambiente CMDB), come illustrato nella Figura 5. I layer del CMDB e dei dati estesi del CMDB compongono insieme ciò che ITIL definisce un CMDB. La suddivisione di quest ultimo in altri due layer distingue l approccio federato da quelli descritti in Evoluzione del CMDB nella sezione Perché un CMDB di questo documento. CMDB Il CMDB contiene soltanto gli elementi di configurazione e le rispettive relazioni, ma alcuni degli attributi possono essere collegati ai dati estesi del CMDB. Tuttavia, non è necessario memorizzare nel CMDB tutti gli attributi degli elementi di configurazione disponibili: al contrario, è necessario memorizzare soltanto gli attributi chiave e creare un collegamento a quelli meno importanti conservati nel layer dei dati estesi. Sebbene il CMDB non contenga tutti i dati degli attributi o i dati correlati, funge tuttavia da fonte di record per i dati di configurazione in quanto rappresenta un collegamento ai dati estesi del CMDB. È possibile inoltrare tutte le richieste al CMDB e se i dati necessari non sono contenuti in tale sede, è possibile utilizzare i collegamenti di riferimento alle posizioni di archiviazione dei dati e alle informazioni su come è possibile accedere ai dati. SLA Ambiente CMDB Applicazioni capacità config. software cambiamenti applicazioni Applicazione di discovery 1 impatto servizi asset identità Applicazione di discovery 2 Help Desk incidenti Fornitura problemi Richieste Dati estesi CMDB Informazioni correlate ai CI CMDB esteso Richieste di cambiamento Ticket di help desk Collegamenti tra record Dati CI federati Contratti servizio (SLA) Contratti Altri dati correlati ai CI DSL (Definitive Software Library) CMDB Elementi di configurazione e rispettive relazioni Figura 5. Infrastruttura raccomandata del CMDB con modello di dati federato PA G I N A >

11 Dati estesi del CMDB I dati estesi del CMDB contengono i dati specificati in Dati correlati nella sezione Approccio raccomandato al CMDB del presente documento, oltre agli attributi degli elementi di configurazione la cui memorizzazione nel CMDB viene ritenuta superflua. I dati del layer dei dati estesi del CMDB sono collegati ai dati degli elementi di configurazione nel CMDB. Per definizione, gli attributi federati degli elementi di configurazione sono collegati alle rispettive istanze nel CMDB, in modo da consentire alle richieste al CMDB di raggiungere tali attributi. Per altri tipi di dati estesi, invece, il collegamento può essere in una singola direzione o bidirezionale. Ad esempio, un record di richiesta di cambiamento può avere un collegamento tramite il quale è possibile accedere alle istanze degli elementi di configurazione interessati dal cambiamento e ciascuna istanza di elemento di configurazione può avere un collegamento tramite il quale è possibile accedere alle richieste di cambiamento che lo riguardano. Questa strategia offre diversi vantaggi: > Il CMDB può concentrare la propria funzionalità sugli elementi di configurazione e sulle rispettive relazioni. Tale funzionalità comprende partizioni per più versioni istantanee, riconciliazione di dati da più fonti e dati federati ed è descritta in dettaglio nella sezione Funzione del CMDB del presente documento. > Le risorse impegnate per ottenere questa funzionalità non vengono sprecate per dati che non le necessitano. Ad esempio, l uso di più istantanee di una libreria DSL è superfluo; pertanto, è preferibile non introdurre alcuna libreria DSL come parte del CMDB per non occupare inutilmente spazio di archiviazione prezioso. > Non è necessario modificare il CMDB per contenere i dati correlati. La definizione dei limiti tracciati in corrispondenza degli elementi di configurazione e delle rispettive relazioni risolve già la questione della scelta della posizione di archiviazione di un nuovo tipo di dati nel CMDB. Questi ultimi vengono archiviati invece come parte dei dati estesi del CMDB, in modo da evitare di dover cambiare il modello di dati nel CMDB per rendere possibile l aggiunta del nuovo tipo di dati. Si evitano inoltre i problemi derivanti dalla semplificazione del modello di dati nel caso in cui si decida in un secondo momento di estrarre i dati dal CMDB. > I dati transazionali possono essere memorizzati in database più idonei alla gestione di un elevato volume di richieste, invece che nel CMDB. > I dati vengono forniti con maggiore efficienza. Anziché ottenere tutti i dati dal CMDB, i consumer di dati possono accedervi da singoli data store ottimizzati in maniera tale da fornire il tipo di dati specifico richiesto. > Non occorre effettuare diverse migrazioni di dati e integrazioni di applicazioni per trasferire le richieste di cambiamento, i ticket di help desk e gli altri dati correlati agli elementi di configurazione nel CMDB. Le applicazioni che utilizzano questi dati possono continuare ad accedervi nella posizione in cui i dati vengono attualmente memorizzati. > Il CMDB non diventa un collo di bottiglia che provoca intasamenti. Attraverso la gestione delle richieste di dati correlati individuali da parte di altri database, il CMDB non deve sostenere tale traffico in aggiunta alle richieste correlate agli elementi di configurazione. Il carico può essere distribuito tra più sistemi. Sebbene sia possibile archiviare i dati estesi del CMDB in un unica posizione, questa operazione non è obbligatoria. I diversi tipi di dati di questo layer non sono necessariamente collegati né correlati tra loro. L unico aspetto che devono avere in comune è un collegamento bidirezionale con il CMDB. CMDB esteso Il CMDB e i dati estesi del CMDB costituiscono insieme il CMDB esteso, il quale coincide con il concetto di CMDB utilizzato da ITIL. Ambiente CMDB Se il CMDB esteso contiene dati, l ambiente CMDB viene dedicato alle applicazioni che forniscono e utilizzano tali dati. Queste applicazioni possono accedere al CMDB, al CMDB esteso o a entrambi. Ad esempio, un applicazione di gestione degli asset che consente di visualizzare e modificare le istanze degli elementi di configurazione nel CMDB fa parte dell ambiente CMDB in qualità di consumer, mentre un applicazione di discovery che consente di creare istanze degli elementi di configurazione nel CMDB fa parte dell ambiente CMDB in qualità di provider. Queste applicazioni talvolta archiviano le proprie informazioni in appositi database; tuttavia, tali componenti continuano a essere considerati appartenenti a layer diversi dell infrastruttura del CMDB. Ciascuna applicazione fa parte dell ambiente CMDB, mentre i dati correlati alla rispettiva configurazione fanno parte del CMDB esteso. Naturalmente le applicazioni dell ambiente CMDB possono inoltre accedere ai dati non correlati agli elementi di configurazione. Questi dati non fanno parte del CMDB esteso. PA G I N A >

12 Funzione del CMDB Nella sezione Approccio raccomandato al CMDB è stato descritto come strutturare il CMDB e correlarlo al resto dell infrastruttura. Tuttavia, pur disponendo della struttura adeguata, un CMDB deve essere dotato di diverse caratteristiche per gestire gli elementi di configurazione con efficacia. Tali caratteristiche sono: >..Federazione di dati > Modello di dati flessibile > Partizionamento delle configurazioni > Riconciliazione delle configurazioni > Accesso aperto ai dati Federazione di dati Questo argomento è stato trattato in precedenza nel presente documento, pertanto è noto che una federazione si riferisce a un repository centrale contenente determinati dati e collegamenti ad altri dati. di altre fonti. Può essere opportuno eseguire la federazione di alcuni attributi se si desidera registrarli, senza però registrarli troppo spesso o con particolare impegno come per gli attributi chiave degli elementi di configurazione. Questi attributi secondari sono i primi di due tipi di dati che è possibile federare. Pertanto, ad esempio, il record CMDB di un dipendente potrebbe riportare un attributo Capacità contenente un elenco delle capacità del dipendente e un attributo Reparto contenente il nome del reparto del dipendente. Potrebbe inoltre presentare una relazione con un data store di Risorse umane contenente ulteriori attributi, ad esempio, Salario, non particolarmente importanti dal punto di vista della configurazione. L altro tipo riguarda i dati correlati agli elementi di configurazione, in cui però i dati non sono effettivamente attributi di un elemento di configurazione; si tratta infatti di dati che fanno riferimento a un elemento di configurazione o a cui viene fatto riferimento da un elemento di configurazione per fornire ulteriore contenuto sulla funzionalità estesa, ma non fanno parte dell elemento di configurazione stesso. Ad esempio, i record di elementi di configurazione relativi alle istanze del software possono presentare una relazione di licenza contenente l indirizzo URL di una pagina intranet nella quale è pubblicata la licenza, oppure ciascun record di elementi di configurazione può presentare una relazione Problemi contenente le informazioni necessarie alla ricerca di tutte le questioni relative agli elementi di configurazione in un database di problemi. L uso di dati federati presenta diversi vantaggi: >..Risparmio di risorse impegnate per importare, registrare e riconciliare i dati del CMDB >..Metodo standard per realizzare riferimenti incrociati tra dati correlati >..Possibilità di collocare i dati federati in più posizioni diverse >..Destinazione dell investimento ad altri data store Modello di dati flessibile Sono disponibili diversi tipi di elementi di configurazione, dai sistemi di computer all hardware di rete ai server di software. Senza un modello di dati in grado di riflettere con precisione questi tipi di dati e i tipi di relazioni esistenti tra loro, il CMDB potrebbe contenere attributi non pertinenti ai relativi elementi di configurazione, escludere gli attributi necessari e rendere più complessa la ricerca di gruppi di elementi di configurazione. Questo modello di dati deve essere sia orientato agli oggetti che estendibile. Orientamento agli oggetti Il modello di dati orientato agli oggetti presenta un insieme gerarchico di classi, ciascuna delle quali assume gli attributi della classe di livello superiore nella gerarchia e aggiunge i propri contributi in modo da creare un tipo di oggetto, ovvero una sottoclasse, più specifico. Le sottoclassi possono contenere ulteriori sottoclassi che estendono la gerarchia al livello di dettaglio che si desidera registrare. Ad esempio, la classe SistemaComputer può presentare gli attributi Dominio, TipoProcessore e Produttore.. La classe SistemaComputer può a sua volta contenere sottoclassi, quali ComputerLaptop, ComputerDesktop e ComputerMainframe. Ciascuna di queste sottoclassi presenta i tre attributi della classe superiore, oltre ai propri attributi specifici. Nella Figura 6 viene illustrata una parte del modello di dati del CMDB orientato agli oggetti, compresa una classe superiore e due livelli di sottoclassi. Il modello di dati orientati agli oggetti presenta vantaggi quali l applicazione di attributi comuni tra tipi analoghi di elementi di configurazione e la capacità di eseguire ricerche non solo all interno di una determinata classe di elementi di configurazione, ma anche all interno di un ramo qualsiasi della gerarchia. Se il modello di dati contiene un unica classe di base da cui derivano tutte le sottoclassi, è possibile ricercare tutti gli elementi di configurazione e le rispettive relazioni. PA G I N A > 10

13 Componenti sistema hardware Stampante locale Tastiera Supporti Memoria Monitor Dispositivo puntamento Processore Pacchetto UPS hardware CD ROM Unità disco Unità dischetti Unità nastro Scheda Telaio Rack Figura 6. Parte di modello di dati orientato agli oggetti Estendibilità L infrastruttura e la tecnologia su cui si basa sono in continuo mutamento. Di conseguenza, anche i tipi di elementi di configurazione e le relazioni nel CMDB devono mutare; per questo motivo, è necessario che il modello di dati sia estensibile. Deve essere possibile aggiungere e rimuovere gli attributi delle classi e persino aggiungere e rimuovere le classi stesse. Nonostante l importanza di questa funzione, occorre evitare di farne un uso eccessivo. Il CMDB deve contenere solo gli elementi di configurazione comuni e le rispettive relazioni. L aggiunta di classi e attributi riguardanti elementi di configurazione di importanza minima determina un inutile sovraccarico del CMDB. Inoltre, l eccessiva suddivisione in sottoclassi può comportare la creazione di classi talmente definite da contenere soltanto pochi componenti. È opportuno trovare il giusto equilibrio tra la necessità di classificazione e la necessità di archiviazione congiunta di elementi di configurazione analoghi. Partizionamento delle configurazioni Il partizionamento è la capacità di suddividere i dati di configurazione in componenti denominati set di dati, ciascuno dei quali rappresenta un insieme di dati rilevato in un determinato momento. Questa suddivisione consente l esistenza di istanze dello stesso elemento di configurazione o della stessa relazione in più set di dati. Si tratta di una funzione importante ai fini della verifica e della correzione dei record di configurazione rispetto all infrastruttura. È possibile creare un set di dati con cui rappresentare la configurazione desiderata, quindi usare un applicazione di discovery per creare un altro set di dati che rappresenti la configurazione effettiva e confrontare infine il primo con il secondo. Il partizionamento è uno strumento efficace che può essere usato per numerose finalità. I set di dati possono rappresentare: > Una configurazione obsoleta > Una configurazione futura > Una configurazione standard di base collaudata > Versioni diverse di una configurazione attuale > Sottoinsiemi di una configurazione generale > Dati forniti da diverse applicazioni di discovery > Dati provenienti da configurazioni di client diversi. (multi-proprietà) > Altre finalità desiderate Riconciliazione delle configurazioni Se si dispone di più set di dati contenenti le stesse istanze, la riconciliazione è il processo di identificazione di istanze corrispondenti in tutti i set di dati e quindi il confronto delle diverse versioni di ciascuna istanza con indicazione delle differenze o la fusione dei set di dati in un unico nuovo set di dati. In tal modo, è possibile verificare i cambiamenti nel tempo o determinare una configurazione desiderata quando sono presenti dati provenienti da più fonti di discovery. Identificazione delle istanze Prima di confrontare le diverse versioni di un oggetto, è necessario stabilire se effettivamente queste rappresentano la stessa entità. Questa operazione viene effettuata attraverso l identificazione, con la quale vengono applicate le regole specificate rispetto alle istanze della stessa classe in due o più set di dati diversi. Ad esempio, una regola fissata per l identificazione di istanze di sistemi di computer può specificare che gli indirizzi IP di entrambe le istanze devono essere uguali. Quando la regola trova una corrispondenza, entrambe le istanze vengono contrassegnate con la stessa identità, ovvero con un attributo aggiuntivo con cui viene indicato che ciascuna istanza rappresenta lo stesso elemento nel proprio set di dati. PA G I N A > 11

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

EMC Documentum xcp for Business Process Management

EMC Documentum xcp for Business Process Management Analisi dettagliata Abstract Oggi le aziende devono affrontare una sfida comune: ottimizzare i processi di business e la loro efficienza operativa. Per vincere questa sfida, EMC Documentum xcelerated Composition

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

La soluzione open source per l'it Asset Management: CMDB, workflow, interoperabilità www.cmdbuild.org

La soluzione open source per l'it Asset Management: CMDB, workflow, interoperabilità www.cmdbuild.org 1 La soluzione open source per l'it Asset Management: CMDB, workflow, interoperabilità www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com www.tecnoteca.com Il progetto CMDBuild CMDBuild è nato nel

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli