ELETTRONICA DI POTENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELETTRONICA DI POTENZA"

Transcript

1 ELETTRONICA DI POTENZA

2 L elettronica di potenza ha il compito di gestire l energia elettrica anziché trattare le informazioni. Questo problema di gestione dell energia è fondamentale per l industria che compra energia dall esterno in una data forma e deve adattarla al tipo di apparati che devono essere alimentati. Questa trasformazione deve essere effettuata cercando di non sprecare potenza elettrica ovvero di minimizzare la potenza elettrica dissipata in questa operazione. Nell economia di un ambiente industriale pesante la gestione-trasformazione-recupero dell energia è molto importante per mantenere bassi i costi dei prodotti (oltre che per ragioni puramente ecologiche). L energia elettrica può essere erogata essenzialmente in due forme: 1. DC: tensione invariante nel tempo (potenza invariante), continua 2. AC: potenza erogata sotto forma di corrente alternata a valor medio nullo Le operazioni di conversione dell energia effettuate dai sistemi di potenza sono quindi le seguenti: 1. Conversione DC-AC. Conversione da tensione corrente continua ad alternata 2. Conversione AC-DC. Raddrizzamento. 3. Conversione AC-AC. Conversione da bassa tensione ad alta tensione alternata( e viceversa) a parità di potenza. Conversione della frequenza dei segnali 4. Conversione DC-DC. Conversione da bassa tensione ad alta tensione alternata( e viceversa) a parità di potenza. Fig. 1 Flusso di Potenza dal generatore al carico P=V*I La potenza erogata dal generatore è P = VI. Il generatore è in grado di erogare la potenza richiesta dal carico se questa è inferiore alla potenza massima che il generatore stesso può erogare. Se il carico richiede una maggiore corrente il generatore tende ad abbassare il valore di tensione. Esempio: il carico ad un certo punto aumenta, ovvero la resistenza totale diminuisce Se R diminuisce troppo e il carico richiede quindi più corrente, la tensione deve diminuire anch essa. 2 V Infatti P = VI = = cos tan te = PMAX. R Questa condizione del generatore che eroga la massima potenza possibile è da evitare perché anche se V diminuisce, I tende ad aumentare e quindi il generatore viene attraversato da una forte corrente che rischia di bruciare gli avvolgimenti Nel caso che il generatore sia di tipo alternato (che fornisce una tensione o corrente a valor medio nullo), la potenza viene erogata sotto forma di tensione e corrente alternata. La potenza erogata in questo caso è la seguente. Supponendo il carico puramente resistivo, allora si ha che V e I sono in fase.

3 V = V I = I M M cosω t cosω 0 0 Possiamo calcolare la potenza istantanea P(t): 1+ cos 2ωt VM I M V P( t) = VI = VM I M cos ω 0t = VM I M = cos 2ω 2 2 M I M t La potenza istantanea è data dalla somma di due componenti: una costante e una oscillante. Se voglio calcolare l energia erogata dal generatore in un intervallo di tempo basta calcolare l integrale della potenza in tale intervallo. P ( t) dt Visto che la frequenza ω è costante (ω =50Hz o ω =60Hz) viene fuori che la componente oscillante è nulla. Quindi mi interessa la componente costante: P COST 1 = V 2 M I M La frazione 2 1 è dovuta alla natura oscillante del sistema. Spesso gli strumenti di misura forniscono direttamente i valori efficaci di tensione e corrente: VM V EFF = 2 V EFF = I M 2 L elettronica di potenza ha lo scopo di trasformare l energia elettrica da una forma ad un altra, a seconda delle esigenze del carico e dell utilizzatore, possibilmente con la minore perdita di potenza possibile. Per chiarire facciamo alcuni esempi. Esempio: Il trasformatore di tensione per il pilotaggio delle linee elettriche Fig. 4 : il trasformatore è un tipico convertitore AC-AC Per ridurre la potenza dissipata, la corrente viene trasportata tramite elettrodotti ad alta tensione, poiché la potenza che viene persa è quella dell effetto Joule causata dalla corrente che scorre nei cavi.

4 1 RI 2 Pdissipata = 2 Potenza dissipata nei conduttori della linea Sono necessari quindi a monte e a valle della linea due trasformatori AC/AC per alzare prima e abbassare dopo la tensione mediante un trasformatore in cui il rapporto tra le correnti in ingresso e in uscita dipende dal rapporto tra le spire. In questo modo minimizzo le perdite di energia durante il trasporto. Il dispositivo dovrebbe trasferire tutta la potenza, in realtà il trasformatore non è ideale: più spire ci metto maggiori sono le perdite di potenza che si hanno per effetto Joule, inoltre si hanno perdite nel traferro dovute all azione del campo magnetico che si forma sulla struttura del metallo che forma il nucleo del trasformatore. Esempio: Conversione DC-DC all interno delle piastre di circuiti elettrici complessi I sistemi elettronici complessi hanno un sempre maggiore numero di circuiti integrati che tendono ad assorbire una potenza sempre maggiore (a causa dell aumento dei singoli transistori per chip) ad un valore di tensione di alimentazione sempre più basso per ridurre i campi elettrici interni. Elevata potenza a bassa tensione implica che nella piastra le piste delle alimentazioni dovrebbero condurre delle correnti sempre più elevate. Si pone quindi in piccolo la stessa esigenza vista per la trasmissione sulle linee elettriche. In questo caso però la conversione a parità di potenza (prima da bassa ad alta tensione e dopo da alta a bassa tensione) deve avvenire con tensioni e correnti continue. Si ha quindi necessità di inserire dei convertitori DC-DC di piccola portata. Convertitore AC/DC Fig. 7 : Conversione AC/DC La conversione AC/DC permette di raddrizzare una forma d onda a valor medio nullo per ottenere un valore di tensione continua Il criterio di bontà del convertitore è il residuo d armonica o fattore di ripple: L ampiezza della componente alternata residua sovrapposta al valore continuo: più basso è, migliore è il raddrizzatore. Convertitore DC/AC Trasforma una tensione continua in una tensione alternata a frequenza fissa. In questo caso, poiché in generale l utente ha bisogno di una forma d onda sinusoidale ed il convertitore tende a fornire una onda squadrata, il fattore di bontà è costituito dall ampiezza delle armoniche superiori alla prima. Più basso è il contenuto delle armoniche, migliore è il convertitore.

5 Le armoniche superiori presenti nell onda quadra utilizzata per alimentare un carico costituito da strutture elettromeccaniche elettromeccaniche possono eccitare le frequenze meccaniche di risonanza provocando vibrazioni e stress nelle strutture fino a provocarne la rottura. Tanto più la forma d onda somiglia ad una sinusoide meno problemi ho con le risonanze meccaniche. Se usassi un filtro passa-basso riuscirei a tagliare le frequenze delle armoniche, però non riuscirei ad evitare le conseguenti perdite di potenza. Esempio di CONVERTITORE DC/AC Per poter fare una conversione DC/AC possiamo usare il seguente schema che include un trasformatore. Convertitore DC/AC a trasformatore Abbiamo un carico sul secondario del trasformatore mentre il primario ha una parte centrale connessa ad una batteria E posta a massa. All estremità del primario sono connessi due tasti che nella realizzazzione pratica sono dei dispositivi di switch. Tali dispositivi sono aperti e chiusi in controfase. Indichiamo il pilotaggio: - a sinistra una forma d onda φ. - a destra una forma d onda φ. dove φ è un onda quadra che pilota l apertura e la chiusura del tasto e φ è l onda in controfase. Il sistema funziona nel seguente modo: Quando φ = 1 e φ = 0 vuol dire che il tasto di sinistra è chiuso e quello di destra è aperto. In queste condizioni la corrente erogata dalla batteria E scorre nel ramo di sinistra ed impone nel traferro un campo magnetico in una data direzione. Se inverto la chiusura e l apertura dei tasti la corrente che eroga la batteria E rimane costante in modulo ma scorre in verso opposto e quindi tende a creare nel traferro un flusso di campo magnetico opposto alla condizione precedente. Necessariamente, a questo cambiamento improvviso

6 di flusso nel traferro, il secondario deve rispondere con l emissione di una forza elettromotrice che tende ad opporsi al cambiamento di corrente. Di fatto, se la frequenza di switch è sufficientemente elevata, ottengo in uscita al secondario una forma d onda che certamente non è una sinusoide ma è a valor medio nullo e quindi contiene una armonica fondamentale della stessa frequenza dell onda quadra di controllo. La forma d onda di tensione sul secondario ha un andamento del tipo in figura. Conclusione: Il sistema esposto non è un molto efficiente perché non è possibile di fatto controllare la forma d onda in uscita perché questa dipende dalle costanti di tempo degli elementi reattivi presenti nel circuito (induttanza e eventualmente capacità connesse in parallelo). Ovvero la forma d onda di uscita non è qualcosa di fisso che posso imporre io, ma dipende fortemente dalla natura del carico. In ogni caso il sistema esposto è esemplificativo di tutti gli elementi che compongono un sistema di conversione DC-AC: una sorgente di tensione costante, dei commutatori (switch) e soprattutto un sistema di controllo (una intelligenza elettronica, un microprocessore ad esempio) che pilota l apertura e chiusura degli switch e che regola la temporizzazzione della conversione. ELEMENTI DI UN SISTEMA DI CONVERSIONE DC/AC 1) Elementi non lineari che fungono da interruttori. L efficienza operativa di dipende dalla qualità e dalla funzionalità del tasto. Un esempio di tasto elettronico è il transistore MOSFET la cui conduzione tra Source e Drainè controllata dalla tensione di gate. Nella conversione AC-DC (raddrizzatori) gli elementi non lineari possono essere a comportamento fisso, ovvero non configurabili, come i diodi a semiconduttore la cui caratteristica è fissa e non configurabile dall esterno. Nella conversione DC-AC si ha invece la necessità di avere dei dispositivi a controllo intelligente dall esterno che possano in qualche modo cambiare la loro configurazione, cioè un tasto che si può aprire o chiudere. In questo caso si ricorre a vari tipi di dispositivi come gli SCR, i transistori IGBT (Insulated Gate Bipolar Transistors) o anche i MOSFET di potenza. 2) Per cercare di migliorare il più possibile le prestazioni di questi dispostivi è necessaria la presenza di una intelligenza, di un CIRCUITO DI COMANDO. Tale circuito ha il ruolo di gestione: non deve maneggiare elevate correnti, elevate tensioni perché ciò è fatto dai tasti, dal trasformatore, dalla batteria. Questo elemento ha il ruolo di fornire i comandi (e.g. azionare gli switch con una cadenza opportuna). È formato da una circuiteria che deve elaborare dei segnali. In particolare è un elettronica che prevede di gestire in modo accurato i sincronismi e i tempi di commutazione. La grandezza da controllare sono i tempi in cui un tasto deve rimanere aperto o chiuso. In generale il circuito di potenza ed il circuito intelligente operano con alimentazioni molto diverse tra loro (1000 V 5V) spesso non compatibili. La loro interazione avviene tramite elementi di sicurezza con cui le due sezioni possono scambiare comandi e informazioni in modo bidirezionale rimanendo separati dal punto di vista elettrico: gli OPTOISOLATORI. In questi dispositivi il comando avviene attraverso la trasmissione di impulsi luminosi che passano attraverso un isolante trasparente alla

7 luce ma con alta rigidità dielettrica, per cui posso mettere in colloquio il sistema intelligente a bassa potenza con il circuito di alta potenza. Senza il rischio che una elevata tensione danneggi i circuiti del sitema a bassa alimentazione. Nel caso invece che i due circuiti usufruiscano di alimentazioni non troppo dissimili (applicazioni a bassa potenza) allora è possibile integrare sullo stesso chip di semiconduttore o sullo stesso circuito ibrido le due tipologie di circuito. In questo caso si parla di SMART Power ovvero di un circuito di potenza che possiede al suo interno una intelligenza (Smart). Se guardo al microscopio questo circuito integrato monolitico, in genere vedo: Un area in cui ci sono circuiti molto complessi di transistor MOS molto piccoli che servono a elaborare un informazione Un area separata in cui ci sono transistors di area maggiore necessari a gestire la potenza. La figura seguente illustra una parte del layout di un circuito elettronico di tipo Smart-Power della Siemens: A. Riguarda l allocazione degli elementi di potenza (poiché sono di potenza devono avere delle aree grandi) B. Formata da tanti microscopici transistori: costituisce l intelligenza a bordo del sistema. N.B. Un transistor si rompe perché il flusso di elettroni tende a lacerare il reticolo cristallino. Non è la corrente in sé che danneggia il dispositivo, ma la densità di corrente. corrente densità _ di _ corrente = area _ della _ sezione _ attraversata A parità di corrente da erogare, devo mantenere la densità di corrente molto bassa. Se voglio aumentare la corrente devo aumentare l area mantenendo la densità di corrente al di sotto di un valore di sicurezza. Come funziona un OPTOISOLATORE L optoisolatore è costituito da un diodo emettitore di luce separato da un fototransistor per mezzo di uno strato isolante elettrico ma trasparente alla luce. (Vedi figura) Il diodo emettitore è in grado di emettere una potenza luminosa proporzionale alla corrente di polarizzazione diretta. La luce emessa ha una lunghezza d onda nel vicino infrarosso (tipicamente da 0.8 a 1.6 microns).

8 Il Foto transistor è in pratica un transistore BJT con la base connessa ad un fotorivelatore. La fotocorrente dovuta all assorbimento di fotoni viene iniettata nella base del transistor che quindi viene mandato in conduzione o in saturazione a seconda dell entità della luce emessa. Il Diodo emettitore è quindi connesso con il circuito a bassa tensione mentre il foto-transistor appartiene elettricamente alla sezione ad alta potenza I DISPOSITIVI DI COMMUTAZIONE I dispositivi di commutazione sono gli elementi principali e più importanti del sistema di potenza. Infatti proprio da loro, dalle loro proprietà e dalla rapidità con cui si aprono e si chiudono dipende l efficienza del sistema di conversione. In particolare la potenza persa all interno del sistema e che viene trasformata in calore, viene dissipata proprio in questi elementi. PERCHÉ E COME VIENE DISSIPATA POTENZA IN UN TASTO L elemento di commutazione in un sistema di potenza può essere schematizzato dal circuito seguente dove tutti gli elementi sono considerati ideali. Quando il tasto è aperto il generatore di tensione Vf è sconnesso dal resto del circuito, per cui il diodo è percorso dalla corrente Io e la caduta sul diodo ideale è da considersi nulla (un diodo ideale ha una tensione di soglia nulla). Nel tasto naturalmente non scorre corrente ed ai suoi capi ricade tutta la tensione Vf. In questo caso le potenze dissipate sul diodo e sul tasto sono nulle perchè ènullo uno dei due elementi del prodotto. Quando il tasto è chiuso la tensione Vf ricade tutta sul bipolo diodo-generatore di corrente. Tale tensione pone il diodo in condizioni di polarizzazione inversa per cui la corrente non scorre nel diodo ma deve richiudersi dentro il generatore di tensione. Anche in questo caso sul diodo non viene dissipata alcuna potenza in quanto uno dei due fattori (la corrente) è nullo. In realtà, anche in queste due condizioni stazionarie, una qualche potenza viene dissipata sul diodo a causa delle non idealità dei dispositivi (tensione di soglia, corrente inversa di saturazione). Tuttavia l aspetto più critico si verifica in condizioni transitorie, ovvero durante la commutazione. Nella figura che segue vengono illustrati schematicamente i grafici temporali conseguenti alla chiusura e all apertura dello switch elettronico. In fase di chiusura, quando la tensione deve tornare a zero, esiste un intervallo di tempo T ON in cui la tensione continua a rimanere invariata. Quando poi il tasto comincia a chiudersi però non si

9 chiude in maniera istantanea ovvero la tensione scende con una velocità massima ma non infinita. Il V parametro indica quindi la velocità di discesa della tensione durante la fase di chiusura. t Durante la fase opposta di apertura, avviene un comportamento analogo per quanto riguarda la corrente che dovrebbe rapidamente ridursi a zero. T OFF - tempo in cui la corrente continua a scorrere Dopo il comando apriti, la corrente tende a diminuire con una velocità massima indicata dal I parametro. t Se mettiamo insieme questi due comportamenti otteniamo che in fase di apertura e chiusura (durante un ciclo di commutazione) i tasti dissipano una potenza di tipo impulsivo (impulso triangolare) come mostrato dal grafico della potenza istantanea nella figura in basso. Situazione della temporizzazione della tensione, della corrente e della potenza istantanea durante le commutazioni Ci sono quindi due importanti e gravi conseguenze: 1. Esiste un ritardo dell uscita rispetto al comando. La commutazione avviene con ritardo rispetto all andamento dell onda quadra di comando. 2. La potenza dissipata sugli switch, mediata sul periodo del ciclo, è responsabile della diminuzione del fattore di conversione della potenza, dell aumento di temperatura del dispositivo stesso e della diminuzione del suo tempo di vita. In conclusione, la scelta del tipo di dispositivo con cui realizzare gli switch è fondamentale per il buon funzionamento del circuito di conversione. Dalle loro caratteristiche di velocità dipende l efficienza e l affidabilità con cui il circuito lavora. Tuttavia spesso il fattore velocità si trova ad essere in contrasto con la robustezza : spesso i dispositivi veloci non sono in grado di sopportare valori di tensione molto elevati e viceversa.

10 IL FATTORE TERMICO Abbiamo visto come nella realtà la non idealità nel comportamento degli switch fa sì che al loro interno venga dissipata una potenza media: l aumento di temperatura a lungo andare danneggia i dispositivi stessi perché: l aumento di temperatura altera le caratteristiche elettriche l aumento di temperatura altera le caratteristiche meccaniche Ad esempio: i dispositivi su silicio sono connessi insieme da piste metalliche: se la temperatura del dispositivo va oltre i 200 C queste rischiano di fondere o di lacerarsi al passaggio di forti correnti (elettromigrazione). Visto che la dissipazione di potenza sui dispositivi è per certi versi ineliminabile, è necessario che comunque la temperatura di esercizio del dispositivo non aumenti più di tanto. In questa esigenza è coinvolto il progetto del package del dispositivo stesso. Per package si intende l insieme della struttura meccanica che serve a rendere compatto il dispositivo, a proteggerlo dall ambiente esterno e soprattutto a consentire lo smaltimento del calore in eccesso utilizzando i meccanismi di scambio termico di conduzione del calore ed eventualmente di convezione. La figura mostra un tipico assemblaggio meccanico di un dispositivo di potenza. In cima c è la sorgente di calore mentre in fondo il sistema è a contatto con il mondo esterno a temperatura costante To. L intero sistema meccanico possiede un parametro, denominato RESISTENZA TERMICA di CONDUZIONE Rth che è la misura della temperatura Tj raggiunta dalla sorgente qundo viene dissipata la potenza Pd. Si ha: Tj = To + Rth * Pd La resistenza termica si misura in C/ W. Per un singolo strato percorso da un flusso uniforme di calore, la resistenza termica ha la seguente espressione del tutto simile a quella della resistenza elettrica. Rth = (1/k) * (l /S) Dove k è la conducibilità termica del materiale, l lo spessore dello strato ed S l area. La resistenza termica è quindi in generale determinata da un fattore che dipende dal materiale e da un fattore di tipo geometrico. (forma e dimensione degli strati che compongono il package). Nella figura di sopra, in cui il flusso termico ha in generale un andamento tridimensionale, ogni strato ha la sua propria resistenza termica e la Rth e data dalla somma dei contributi di tutti gli strati.

11 Il progetto meccanico del sistema di assemblaggio del dispositivo di potenza deve tendere ad utilizzare materiali e geometrie tali da MINIMIZZARE la resistenza termica in modo da rendere minimo l aumento di temperatura durante il funzionamento del dispositivo. Nota : la trasmissione del calore per conduzione ed il mondo elettrico sono legate da una qualche analogia (non totale sotto tutti gli aspetti) In particolare la differenza di temperatura corrisponde alla differenza di potenziale elettrico e la potenza dissipata corrisponde alla potenza dissipata o al flusso di calore. La resistenza termica corrisponde alla resistenza elettrica. Grandezza Elettrica Grandezza Termica V T To I Pd R Rth σ (conducibilità elettrica) k (conducibilità termica) ρ (resistività elettrica) 1/k CIRCUITO TERMICO EQUIVALENTE ad una struttura multistrato Pv Tj Pc R1 R2 1/h Pd To Ta Pd = generatore ideale di corrente (potenza dissipata nel dispositivo) Pc = flusso termico di conduzione attraverso gli strati. To = generatore ideale di tensione (temperatura del termostato alla base del sistema) R1 = primo strato R2 = secondo strato MASSA = temperatura ambiente Ta (parte del flusso passa per convezione dalla superficie superiore all ambiente) Pv = flusso termico di convezione [Watt] Pv = h * ( Tj-Ta ) Con h = coefficiente di scambio termico per convezione La formula di Pv assomiglia alla Legge di Ohm nella forma I= V/R, per cui h ha la dimensione di una conduttanza termica [W/ C], motivo per cui inserisco nel circuito una resistenza 1/h. La giunzione su cui si trova il dispositivo che scalda è rappresentato dal nodo con temperatura Tj. OSSERVAZIONE:_ Differenza tra Pd, Pc e Pv Pd è la generazione superficiale di potenza = è una sorgente indipendente dalle condizioni ambientali (l equivalente dei generatori di corrente), a differenza di Pc e Po che sono flussi termici (l equivalente delle correnti). Il generatore di corrente impone una certa corrente fissa nel ramo in

12 cui è posto,poi quando il ramo incontra un nodo, la corrente si ripartisce come l ambiente suggerisce. SOLUZIONE: per calcolare Tj devo risolvere la rete attraverso la sovrapposizione degli effetti, avendo due generatori indipendenti. La presenza della resistenza 1/h in parallelo al generatore di corrente tende ad abbassare la tensione (ovvero la temperatura) del nodo Tj a parità di potenza generata. DISPOSITIVI NEI CIRCUITI DI POTENZA 1. DIODO Di questo dispositivo disegniamo soltanto la caratteristica tensione-corrente stilizzata: è qualcosa di statico, inamovibile. Funziona da elemento raddrizzante. 2. SCR Questo dispositivo assai robusto (può condurre una corrente molto elevata) si comporta di fatto come un diodo normale ma soltanto se sul terminale di gate G viene inviato un impulso di corrente, altrimenti si comporta come un ramo aperto. Se un impulso sul gate accende l SCR e questo si trova in condizioni di polarizzazione diretta, il dispositivo si comporta come un corto circuito. Per riportare il dispositivo nello stato di OFF, basta invertire la tensione tra anodo e catodo. DISPOSITIVI BIDIREZIONALI 3. BJT BIPOLARE Dispositivo che funziona soltanto in un quadrante. È bidirezionale: dal comando della base posso interdire il dispositivo (se non conduce corrente, è un ramo aperto) oppure attivarlo in conduzione. Se inietto una forte corrente dalla base lo porto in saturazione ed ai suoi capi insiste la tensione collettore-emettitore di saturazione ( Volt).

13 4. MOSFET Lo switch è bidirezionale. Il source è elettricamente collegato al substrato inferiore:quando è spento (la tensione di gate è inferiore alla tensione di soglia), sotto l ossido non ci sono cariche che possono mettere in conduzione source e drain; per collegamento tra source e drain ciò che rimane è una giunzione p-n. Dal punto di vista delle applicazioni di potenza il MOSFET lo possiamo vedere come un Transistore normale più in parallelo tra source e drain un diodo (giunzione substratodrain). Quando il MOSFET è spento può essere usato come diodo semplice con l anodo sul source ed il catodo sul drain. Quando aziono il transistore (mando sul GATE una tensione maggiore della tensione di soglia) creo un cortocircuito tra anodo e catodo. Questa proprietà risulta molto utile per aggiungere un controllo di regolazione nei raddrizzatori (convertitori AC/DC). 5. GTO È un dispositivo utilizzato soltanto per applicazioni di potenza. 6. IGBT (Insulated Gate Bipolar Transistor) Dispositivo che è di fatto formato da un transistore bipolare di potenza la cui corrente di base è erogata da un mosfet di potenza a sua volta controllato da un gate. Può essere attivato o disattivato per mezzo del gate del mosfet. Viene utilizzato al posto del GTO per applicazioni di elevata potenza ESIGENZE DISPOSITIVI 1. Velocità di commutazione (devo sveltire la commutazione) 2. Resistenza ad una tensione quanto più possibile elevata (se io devo commutare tensioni dell ordine di 200 V) Il MOSFET è molto veloce, ma è anche molto delicato in termini di tensione. Infatti, tutto il suo funzionamento si basa sulla presenza dello strato di ossido. Per rendere bassa la tensione di soglia l ossido deve essere sottile, ma più sottile è l ossido più c è la possibilità che questo venga danneggiato dai campi elettrici interni causati da eccessivi valori di tensione tra il gate ed il semiconduttore. Altri dispositivi che hanno una maggiore robustezza (GTO, IGBT) sono tendenzialmente più lenti in fase di commutazione. CONVERTITORI AC-DC : RADDRIZZATORE A SINGOLA SEMIONDA Vi I C R

14 Non è un dispositivo molto efficiente: è un modo di utilizzare il diodo abbastanza pericoloso per il diodo stesso. Ricordiamo che l ampiezza picco-picco della ondulazione residua vale Vm/fRC dove f è la frequenza dell onda. Solamente nel piccolo intervallo tratteggiato il diodo è in conduzione. Tale intervallo è tanto più piccolo quanto più il ripple è piccolo. In quell intervallo accade che se consideriamo il diodo completamente ideale (la V è nulla), scorre una corrente tanto più elevata quanto più grande è il γ condensatore di filtro, per cui il diodo viene sollecitato nel peggior modo possibile con elevati picchi di corrente ad ogni periodo. È come avere un generatore ideale con un condensatore scarico e un tasto: se chiudo il tasto ho una carica istantanea e quindi un innalzamento istantaneo della tensione; tale innalzamento istantaneo è supportato da un impulso di corrente infinito. Conclusione: questo dispositivo usa il diodo in maniera pericolosa perché per la maggior parte del tempo il diodo rimane inattivo e poi quando è attivo deve erogare una corrente molto elevata. RADDRIZZATORE A SINGOLA SEMIONDA CON INDUTTANZA Una possibile soluzione per eliminare le sollecitazioni di tipo impulsivo che tende a danneggiare il diodo stesso è inserire un induttanza (ha il comportamento duale del condensatore). Vi L C R Condensatore: è un volano di tensione: impedisce che la tensione ai suoi capi salga bruscamente. Induttanza: è un volano di corrente: impedisce che la corrente attraverso la bobina possa variare in maniera brusca. Nel momento della carica il sistema risponde con un andamento della corrente più dolce e quindi vuol dire che, anche se ho ridotto il valore medio, sono riuscito ad allungare di corrente su un tempo più lungo e quindi riesco a evitare le sollecitazioni impulsive di corrente che sono pericolose per il diodo.

15 RADDRIZZATORE A DOPPIA SEMIONDA A PONTE DI GRAETZ Per diminuire il fattore Ripple aumentando di un fattore 2 la frequenza posso usare anche la semionda negativa: devo fare in modo di raddrizzare la semionda cioè fare una specie di amplificatore in valore assoluto che fornisce un uscita positiva se l ingresso è positivo e ancora un uscita positiva se l ingresso è negativo. La struttura è: questo sistema è un elemento fondamentale di quei sistemi che tramutano una energia elettrica dall alternata alla continua. Andamento della corrente nel raddrizzatore a doppia semionda durante la semionda positiva (a sinistra) e negativa (a destra) Durante la semionda positiva polarizzo direttamente il diodo D1 e il diodo D2. Se corrente deve passare nel carico, questa deve andare da sinistra a destra, quindi il carico è percorso da una corrente con il seguente verso. Durante la semionda negativa inverto le polarità: i diodi D1 e D2 sono interdetti e i diodi D3 e D4 sono posti in conduzione. Quindi all interno del carico la polarità è la stessa e la corrente scorre sempre verso destra. Lo stesso identico circuito può essere disegnato in un altra forma più comoda:

16 I rami di questo convertitore sono semplicemente degli elementi raddrizzanti. RADDRIZZATORE TRIFASE Posso fare un raddrizzatore a doppia semionda che ha come sorgente alternata una tripletta di tensioni sfasate di 120 (tensione trifase). I rami costituiti dai due diodi sono le fasi delle trifase. Dal punto di vista elettrico lo posso indicare con 3 generatori con un neutro. Le fasi hanno un andamento di questo tipo: TENSIONE TRIFASE La tensione trifase è una forma d onda dell energia che serve per alimentare i motori (è quella fornita dall ENEL). È composta da 3 generatori di tensione messi nella seguente maniera denominata configurazione a stella:

17 Ciascun generatore dà luogo a una forma sinusoidale, però le 3 sinusoidi sono sfasate di 120 l una dall altra. Una tensione sinusoidale può essere rappresentata sul piano di Gauss. La tripletta di generatori può essere rappresentata così: con 3 vettori sfasati di 120 La forma d oinda che misuro con l oscilloscopio è istante per istante la proiezione, cioè la componente reale del vettore. Se facciamo ruotare questa stella a 3 punte con una pulsazione ω 0 = 50Hz, uno di questi vettori costituisce una funzione sinusoidale. Siccome i 3 vettori sono sfasati di un certo angolo allora le proiezioni sull asse reale sono sfasate temporalmente di un certo ritardo. Tutte queste tensioni sono riferite a un nodo centrale: il neutro. ESEMPIO DI RADDRIZZATORE TRIFASE CON CONTROLLO DI AMPIEZZA Il sistema preso in esame ed illustrato nella figura che segue è un semplice convertitore trifase realizzato con MOSFET di potenza. Esso è ad esempio il circuito che fornisce le alimentazioni continue a bordo di una motocicletta. Le tensioni alternate che costituiscolo la stella trifase in ingresso provengono dal generatore del nostro motorino. Per mezzo di questa sorgente elettrica devo devo alimentare tutti i sistemi di bordo che funzionano a corrente continua (devo caricare la batteria, devo alimentare le luci ). L ampiezza picco-picco della tensione del generatore dipende dalla velocità del motorino: maggiore la velocità e maggiore è la tensione sul carico. Quindi è possibile che il sistema, se non regolato, possa fornire una tensione maggiore del dovuto col rischio di danneggiare gli elementi. È necessario quindi inserire un sistema di controllo che legge la tensione in uscita ed interviene a bloccare parzialmente il raddrizzatore in modo da ridurre gradualmente la tensione in uscita. tensione continua che ho in uscita e l intelligenza deve dire se la tensione continua è troppo elevata. Dalla figura si vede che i diodi del ponte trifase sono realizzati con transistori mosfet. I tre di sopra hanno il gate ed il source cortocircuitati, per cui non sono mai messi in attivazione: funzionano soltanto da diodi source-drain. I tre mosfet inferiori hanno invece il gate collegato con il circuito di controllo. Quando la tensione sul carico si innalza, il controllo tende a mandare degli impulsi positivi maggiori della tensione di soglia in modo da attivare il mosfet per un certo periodo rendendolo un cortocircuito. Le fasi del

18 generatore vengono ad essere messe in corto per cui diminuisce la tensione media che ricade sul condensatore di uscita. V1 V2 V3 CARICO CIRCUITO DI REGOLAZIONE E CONTROLLO - GENERAT. DI IMPULSI Ponte raddrizzatore trifase con controllo dell ampiezza di uscita. CONVERTITORI DC/AC I convertitori DC/AC trasformano una tensione e corrente continua in una tensione e corrente alternata. Sono sistemi più complessi perché: - Devono sempre possedere un circuito di controllo che regola i tempi di commutazione dei tasti elettronici ed eventualmente che che regola l ampiezza della tennsione di uscita. - Il convertitore non riesce mai ad ottenere una forma sinusoidale perfettamente pura ma fornisce una tensione alternata di tipo squadrato, del tipo di un onda quadra oppure una forma composta da una serie di impulsi rettangolari. Avere un onda quadra invece di una sinusoide pura vuol dire in pratica avere la potenza di uscita che si distribuisce sulla fondamentale e sulle armoniche superiori. La presenza delle armoniche è certamente indesiderata perché sono inutili al circuito utilizzatore e perchè assorbono una parte della potenza. Inoltre la loro presenza può essere pericolosa: infatti se il carico è un sistema di tipo elettromeccanico (motore) possiede certamente una sua frequenza di risonanza meccanica. Se una delle armoniche della tensione è vicina o coincidente con quella di risonanza, possono essere indotte vibrazioni anche violente che posso danneggiare il sistema. Nella figura è illustrato il più semplice converitore DC/AC di tipo monofase

19 E Φ1 S1 S3 Φ2 CIRCUITO DI PILOTAGGIO DEI TASTI Φ2 S2 S4 Φ1 Il circuito di controllo ha il compito di aprire e chiudere i tasti secondo una cadenza opportuna. Φ1 è la forma d onda che pilota i tasti S1 ed S4, mentre Φ2 pilota S2 ed S3. In ogni ramo i tasti sono aperti e chiusi in controfase. E E S1 e S4 chiusi S2 e S3 aperti S2 e S3 chiusi S1 e S4 aperti Se i tasti sono i soliti dispositivi di commutazione, alla tensione di controllo alta corrisponde il tasto chiuso, alla tensione bassa corrisponde il tasto aperto. Dalla figura sopra si vede chiaramente che la tensione sul carico (e quindi anche la corrente cambia di verso nelle due condizioni, per cui la forma d onda sul carico assume la forma di un onda quadra. Ho trasformato quindi una tensione continua in una tensione alternata. È una funzione periodica a valor medio nullo, ma essendo un onda quadra possiede un contenuto non indifferente di armoniche. Accantoniamo per ora il problema delle armoniche e andiamo a vedere in realtà qual è la vera forma d onda che devo realizzare.

20 Il problema serio a cui va incontro questo tipo di commutatore cosi pilotato è il rischio di danneggiare la batteria. Infatti quello che NON DEVE ACCADERE è che i tasti in un ramo rimangano per un istante chiusi entrambi durante la commutazione. In tal caso avverrebbe un cortocircuito della batteria. Questo pericolo è indotto dalla lentezza con cui i tasti rispondono al comando di apertura e chiusura. Se quindi uno stesso comando fornisce l ordine ad S1 di chiudersi ed a S3 di aprirsi, certamente durante questa commutazione la lentezza con cui S3 esegue l ordine provoca un corto circuito della batteria nel primo ramo. Per evitare questo difetto si fa in modo che le due forme d onda di comando non siano mai esattamente l una il negato dell altra ma assumono la forma di un onda quadra con il duty-cycle minore del 50%. Nella figura seguente sono illustrate le due vere forme d onda di comando e la tensione sul cariico che ne consegue. In pratica tra i due stati del sistema esiste un piccolo intervallo di tempo in cui tutti e quattro i tasti rimangono aperti e la tensione sul carico è nulla. La durata di questo intervallo dipende dal tipo di commutatore scelto. Facendo riferimento alla commutazione della tensione dal più al meno Vu = + E Vu = 0 Vu = -E S1 e S4 chiusi (Φ1=1) S1 e S4 aperti (Φ1=0) S1 e S4 aperti (Φ1=0) S2 e S3 aperti (Φ2=0) S2 e S3 aperti (Φ2=0) S2 e S3 chiusi (Φ2=1) Φ1 Φ2 +E -E t La forma d onda vera è ancora alternata a valor medio nullo, è migliore della onda quadra pura perché si avvicina di più a una sinusoide e quindi il suo contenuto di armoniche è minore. Si ricorda che un convertitore è migliore di un altro in base ai seguenti criteri: - Rapporto di trasferimento di potenza maggiore - Potenza sulle armoniche minore TECNICA PWM Una possibile tecnica per cercare di minimizzare il contenuto di armoniche è figlia della considerazione che abbiamo fatto precedenetemente nel senso che posso avere una situazione intermedia in cui posso trasmettere una tensione 0 sul carico. Quindi, è possibile, agendo sulla temporizzazione dei tasti costruire una forma d onda di uscita composta da una serie opportuna di

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE Capitolo 2 CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE 2.1 Generalità. I convertitori statici hanno l obiettivo di controllare i flussi di potenza tra ingresso ed uscita modificando opportunamente alcune grandezze

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

TRANSISTOR DI POTENZA

TRANSISTOR DI POTENZA TRANSISTOR DI POTENZA Caratteristiche essenziali: - bassa resistenza R on - elevata frequenza di commutazione - elevata impedenza di ingresso - stabilità termica (bassa resistenza termica) - funzionamento

Dettagli

GLI ALIMENTATORI SWITCHING (SMPS) (switch-mode power supply)

GLI ALIMENTATORI SWITCHING (SMPS) (switch-mode power supply) GLI ALIMENTATORI SWITCHING (SMPS) (switch-mode power supply) TESTO PREPARATO DALL ING. VITTORIO BUSSONI IK4CIE PER LA LEZIONE PRESSO LA SEZIONE A.R.I. DI PARMA DEL 03-12-2004. Ogni apparecchiatura elettronica

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

Elettronica degli azionamenti

Elettronica degli azionamenti Elettronica degli azionamenti INDICE Elettronica degli azionamenti VALVOLE DI POTENZA GENERALITA VALVOLA NON COMANDATA: DIODO VALVOLE COMANDATE a) VALVOLA COMANDATA IN CHIUSURA O ACCENSIONE: TIRISTORE

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Amplificatori di potenza

Amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Gli amplificatori di potenza sono quegli amplificatori che trasferiscono al carico una potenza rilevante; orientativamente da alcuni decimi di Watt in su. Di solito essi sono costituiti

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

azionamento I quadranti di un azionamento motore cc Gli azionamenti dei motori

azionamento I quadranti di un azionamento motore cc Gli azionamenti dei motori Gli azionamenti dei motori Per azionamento si intende, in generale, un insieme di apparecchiature, gruppi convertitori, attuatori, organi di trasmissione, macchine operatrici, dispositivi di controllo.

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro Consumo di Potenza nell inverter CMOS Potenza dissipata Le componenti del consumo di potenza sono 3: Potenza statica: è quella dissipata quando l inverter ha ingresso costante, in condizioni di stabilità

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER GLI STABILIZZATORI DI TENSIONE sesta parte I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER di Nico Grilloni nicogrilloni@tin.it Sono sempre più utilizzati prevalentemente per l alto rendimento, notevolmente

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente I Capitoli 3 e 4 sono stati dedicati, ad eccezione del paragrafo sugli induttori accoppiati, esclusivamente all analisi

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net I Diodi Questi componenti sono provvisti di due terminali: il catodo e l'anodo. Il catodo si riconosce perchè sul corpo è stampata una fascia in corrispondenza di tale piedino. Ad esempio, i diodi nella

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere:

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Per analizzare il PA (Power Amplifier) alcune considerazioni teoriche mi sembrano utili.

Per analizzare il PA (Power Amplifier) alcune considerazioni teoriche mi sembrano utili. Versione 0 del 04/12/2011 Versione Del Descrizione 0 04/12/2011 Prima stesura 0.1 20/12/2013 Modifiche minori By i4nkf fabrizio(at)restori(dot)it Per presentare il kit rockmite 1 ad un gruppo di novelli

Dettagli

Amplificatori in classe B

Amplificatori in classe B Amplificatori in classe B Lo schema semplificato di un amplificatore in classe B è mostrato in figura. Si tratta di una classica configurazione push-pull a simmetria complementare, nella quale i due componenti

Dettagli

CAPITOLO 6 AMPLIFICATORI A COMPONENTI DISCRETI

CAPITOLO 6 AMPLIFICATORI A COMPONENTI DISCRETI 91 CAPITOLO 6 AMPLIFICATORI A COMPONENTI DISCRETI Iniziamo con questo capitolo lo studio dei circuiti elettronici veri e propri. Dopo aver passato in rassegna i dispositivi elettronici più comuni, possiamo

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE

PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE PARTE ^ - QUESTIONI RIGUARDANTI LA TECNICA, IL FUNZIONAMENTO E LA REGOLAMENTAZIONE A. - QUESTIONI DI NATURA TECNICA.- ELETTRICITA',

Dettagli

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo umore Elettronico Sorgenti di rumore in Diodi, Js, MOSFEs umore equivalente all ingresso di amplificatori umore nel dominio del tempo 1 umore della Giunzione PN: Shot Noise La corrente che fluisce attraverso

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

Azionamenti in Corrente Continua

Azionamenti in Corrente Continua Convertitori La tensione variabile necessaria per regolare la velocità in un motore a c.c. può essere ottenuta utilizzando, a seconda dei casi, due tipi di convertitori: raddrizzatori controllati (convertitori

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME INTRODUZIONE Questa guida è rivolta a tutti gli studenti che intendono sostenere l esame del corso di Macchine e Azionamenti Elettrici in forma orale. I testi consigliati

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Programma svolto di Elettrotecnica, elettronica e automazione. Modulo n 1/ Argomento: Studio di reti in corrente continua

Programma svolto di Elettrotecnica, elettronica e automazione. Modulo n 1/ Argomento: Studio di reti in corrente continua Programma svolto di Elettrotecnica, elettronica e automazione Classe III sez. CR Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico Colombo di Camogli Docenti: D Alessandro Donato, Ferraro Silvano Testo

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI

Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI ESAME DI STATO Istituto Professionale Industriale Anno 2004 Indirizzo TECNICO INDUSTRIE ELETTRICHE Tema di ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI Un impianto funicolare è alimentato, oltre che dalla

Dettagli

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso.

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso. Sistemi Trifase Un insieme di m generatori che producono f.e.m. sinusoidali di eguale valore massimo e sfasate tra di loro dello stesso angolo (2π/m) è un sistema polifase simmetrico ad m fasi. Se lo sfasamento

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

motori elettrici a magneti permanenti a corrente continua

motori elettrici a magneti permanenti a corrente continua motori elettrici a magneti permanenti a corrente continua Costante di coppia Costante di coppia La distribuzione della corrente di armatura in un motore con una coppia di poli e illustrato a lato La corrente

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Disturbi e schermature

Disturbi e schermature Disturbi e schermature Introduzione Cause di degrado di un segnale: il rumore,, un contributo legato alla fisica del moto dei portatori di carica nei dispositivi, descritto da leggi statistiche; Filtraggio

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua Corrente elettrica e forza elettromotrice La conduzione nei metalli: Resistenza e legge di Ohm Energia e potenza nei circuiti elettrici

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente TEORIA RISORSE SPECIALE mente Variatore di 100 In questo articolo viene trattato un semplice variatore di velocità ad alto rendimento per motori c.c a 12 ed a 24 Volt basato sulla PWM (Pulse Width Modulation).

Dettagli

Generatore radiologico

Generatore radiologico Generatore radiologico Radiazioni artificiali alimentazione: corrente elettrica www.med.unipg.it/ac/rad/ www.etsrm.it oscar fiorucci. laurea.tecn.radiol@ospedale.perugia.it Impianto radiologico trasformatore

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

HOEPLI. Corso di ElEttrotECniCa Ed ElEttroniCa. Per l articolazione ElEttrotECniCa degli Istituti Tecnici settore Tecnologico

HOEPLI. Corso di ElEttrotECniCa Ed ElEttroniCa. Per l articolazione ElEttrotECniCa degli Istituti Tecnici settore Tecnologico Corso di ElEttrotECniCa Ed ElEttroniCa GaEtano ContE MattEo CEsErani EManuElE impallomeni Per l articolazione ElEttrotECniCa degli Istituti Tecnici settore Tecnologico 3 HOEPLI CORSO DI ELETTROTECNICA

Dettagli

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI:

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: ATTIVITA DIDATTICA Obiettivi specifici della disciplina Requisiti minimi Requisiti per l eccellenza METODO DI LAVORO Metodologia Strumenti e materiali didattici Strategie di recupero Conoscere i fondamenti

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica)

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S 9.1 Il Web 2.0 rappresenta la moderna evoluzione di Internet rispetto al Web 1.0, caratterizzato dalla rappresentazione solo statica di testi e di immagini. Il Web

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI

CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI -4.1- CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI 4.1 INTRODUZIONE Nei capitoli precedenti, sono state sviluppate in maniera semplificata le procedure di analisi e di sintesi delle reti digitali,

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

+ + f 2 p n 2f2 z 1. 2f 2 z 2

+ + f 2 p n 2f2 z 1. 2f 2 z 2 9.9 Funzione di trasferimento degli amplificatori Nella maggior parte degli amplificatori utilizzati in pratica il guadagno risulta costante su un certo intervallo di frequenze, definito banda passante

Dettagli

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti LA GIUNZIONE PN Sulla base delle proprietà chimiche e della teoria di Bohr sulla struttura dell atomo (nucleo costituito da protoni e orbitali via via più esterni in cui si distribuiscono gli elettroni),

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

IL DIODO. Il moltiplicatore di tensione: Cockroft-Walton Transiente Stato stazionario Alta impedenza di carico

IL DIODO. Il moltiplicatore di tensione: Cockroft-Walton Transiente Stato stazionario Alta impedenza di carico IL DIODO RIASSUNTO: Semiconduttori Drogaggio N e P La giunzione p-n Diodo polarizzato in diretta/inversa Caratteristica I(V) Raddrizzatori a singola semionda a doppia semionda Il moltiplicatore di tensione:

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2014 2015 Materia: Elettrotecnica ed Elettronica Classe: 4^ elettrotecnici Data di presentazione: 16-09-2014 DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Maulini Stefano Pagina 1

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli