DOPING: integratori e conseguenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOPING: integratori e conseguenze"

Transcript

1 r o v i n c i a d i P a d o v a DOPING: integratori e conseguenze tt. Claudio Schiraldi ecialista in Medicina dello Sport SI Padova Progetto Sperimentale: Iniziative di prevenzione del doping

2 Integratori Dott.. Claudio Schiraldi Specialista in Medicina dello Sport FMSI - Padova

3 Un concetto da tener sempre presente Gli alimenti introdotti con la dieta apportano i principi nutritivi energetici non energetici funzione plastica funzione metabolica e di bioregolazione GLUCIDI / LIPIDI PROTIDI ACQUA VITAMINE SALI MINERALI Una buona condizione fisica (ed anche la capacità di una buona prestazione fisica) dipende da una buona nutrizione DIETA EQUILIBRATA (Giusta relazione tra fisiologia e necessità nutrizionali)

4 Cosa sono gli integratori? Sono qualcosa di diverso rispetto al cibo e ai farmaci La loro composizione non e stata approvata dal FDA Non ci sono informazioni sicure Il loro impiego razionale nel curare e prevenire malattie e discutibile e incerto

5 Perché il successo degli integratori campagne pubblicitarie convinzione che i dosaggi siano inferiori al farmaco tradizionale fascino dei prodotti naturali effetto propaganda del passaparola pronta e facile reperibilità F.Botrè Botrè,, C.Tranquilli, 2001 Oltre i limiti Il 50% degi atleti d alto livello prenderebbe sostanze in grado di garantire loro una medaglia d oro alle olimpiadi anche sapendo che queste potrebbero portarli a una morte (The Ergogenics Edge,, Melvin Williams, 1998)

6 Il sostegno biofarmacologico dell atleta: Metodi e sostanze vietate Sostanze non permesse solo in alcuni sport/specialità solo sopra un certo dosaggio solo se per via sistemica Farmaci consentiti Prodotti omeopatici o di erboristeria Integratori alimentari F.Botrè Botrè,, C.Tranquilli, 2001 Integratori alimentari per lo sport: 1989: direttiva C.E.E. 1992: D.L. n.111 Italia 1999: Ministero della Salute linee guida per alimenti adatti ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi

7 La SUPPLEMENTAZIONE o l INTEGRAZIONE rispondono più a un fine ERGOGENICO che ad una corretta ed equilibrata alimentazione ERGOGENI: sostanze o mezzi in grado di determinare aumento della capacità di lavoro e in questo caso un aumento della prestazione atletica Classificazione ergogeni ergogeni : 1. supporti nutrizionali finalizzati ad integrazione energetica 2. supporti nutrizionali finalizzati a supplementazione proteica 3. sostanze finalizzate al reintegro delle perdite idroelettrolitiche 4. sostanze con funzione di bioregolazione 5. sostanze con azione metabolico e funzionale P.Spinella-2004

8 1. supporti nutrizionali finalizzati ad integrazione energetica 1. CARBOIDRATI: la corretta alimentazione per un atleta prevede una quota intorno al 60-65% nell ambito della razione giornaliera Hanno da tempo un ruolo riconosciuto come substrato energetico nelle attività prolungate e ad alta intensità. FRUTTOSIO: bevande da utilizzare prima dell esercizio per garantire maggior quota di energia pronta; la disponibilità non è poi così rapida (trasformato in glucosio dal fegato). Facili i disturbi gastrointestinali (vomito, diarrea) MALTODESTRINE: assorbimento più lento ed evita le brusche variazioni della glicemia. 2. LIPIDI: 2. LIPIDI: la corretta alimentazione prevede una quota intorno al 25-30% della quota calorica giornaliera Impiego maggiore in attività di lunga durata a bassa/media intensità TRIGLICERIDI A CATENA MEDIA (MCT): lipidi di facile assorbimento. Effetti modesti sulla performance e presenza di disturbi gastrointestinali (crampi, diarrea)

9 2. supporti nutrizionali finalizzati a supplementazione proteica 1. PROTEINE: componente importante della razione alimentare (10-15% quota calorica complessiva) Consigliata un assunzione di g/kg peso corporeo (diversa se atleti di endurance o di potenza. Supplementazione molto utilizzata in ambito sportivo (non tutti i ricercatori sono d accordo). Vari studi non hanno dimostrato miglioramenti particolari della performance o modificazioni della secrezione ormonale (hgh, testosterone) con supplementi di arginina, lisina, ornitina, tirosina, triptofano. Difficile indicare il fabbisogno proteico perché dipende da: durata, intensità, tipo di sforzo, età, sesso, dieta, allenamento, ecc. L eccesso di proteine può determinare sovraccarico renale.

10 2. supporti nutrizionali finalizzati a supplementazione proteica 2. AMINOACIDI RAMIFICATI (BCAA): valina, leucina, isoleucina hanno assunto un ruolo particolare in ambito sportivo. Ossidati preferibilmente dal muscolo scheletrico per cui si è ipotizzato che in determinate condizioni possano costituire fonte energetica. Le linee guida (Ministero della Salute-1999) danno indicazioni sulla quantità giornaliera, sulle controindicazioni. effetti: ristora e ricostruisce il muscolo, aumenta la forza Effetti collaterali: aumentato rischio di disidratazione, sovraccarico renale Amino Acids: Supplements vs. Food Valine Leucine Isoleucine 2 amino acid pills cup macaroni oz skim milk /2 oz tuna

11 3. sostanze finalizzate al reintegro delle perdite idroelettrolitiche Una giusta idratazione deve tener conto del tipo e durata di attività fisica, nonché delle condizioni climatiche. Fino ad un ora prima dell esercizio introdurre acqua (a temperatura intorno a 10 ) a dosi intervallate (fino a 500 cc) eventualmente con piccole dosi di carboidrati Attività inferiori ad 1 ora è sufficiente un reintegro con acqua ( cc ogni 20 min) Per attività superiori utilizzare bevande con bassa concentrazione di zuccheri (2-6%) e piccole quote di elettroliti (Na < 100 meq/l). Ione non > meq/litro mg/l prodotti con minerali destinati a reintegrare le perdite idro-saline causate dalla sudorazione conseguente all attività muscolare svolta Sodio Cloro Potassio Magnesio

12 4. sostanze con funzione di bioregolazione 1. VITAMINE: vengono acquisite in quantità sufficiente con l apporto nutrizionale. L assunzione di vitamine ad alte dosi non è sempre salutare (un eccesso di vit.idrosolubili viene eliminato con le urine, un eccesso di vit.liposolubili si deposita nel grasso). Negli atleti l aumentato fabbisogno può essere compensato con una dieta equilibrata. Più giustificata la maggior introduzione di vit. C, come antiossidante, per prevenire i danni tissutali dell ossidazione (l attività fisica induce un aumento dei radicali liberi). Si consiglia l uso di preparati che apportino tutte le vitamine in proporzioni armoniche e bilanciate tra loro.

13 5. sostanze con azione metabolico e funzionale 1. L-CARNITINAL 2. COENZIMA Q10 3. INOSINA 4. COLINA 5. BORO 6. CROMO 7. CREATINA 8. FITOCOMPLESSI I dati della letteratura scientifica mostrano risultati molto contrastanti per la gran parte di queste sostanze

14 CREATINA Sostanza naturale presente nella carne e nel pesce Prodotta dall organismo e depositata nel muscolo Effetti: aumenta la forza muscolare, brucia i grassi, aumenta la resistenza (?), ritarda la fatica Effetti collaterali: aumento di peso, crampi muscolari, nausea, diarrea, alterazioni renali (?) Numerosi studi hanno rilevato: Miglioramento dell attività anaerobica Nessun effetto sull attività aerobica La quantità in eccesso viene eliminata I vegetariani hanno maggior assunzione Non ci sono studi a lungo termine Dosaggio Carico intenso: g/die per 5-7 gg Carico lento: 3 g/die per 30 gg Mantenimento: 2 g/die

15 CREATINA (linee guida Ministero della Salute 1999) Assunzione motivata Aumentato fabbisogno Ridotta produzione endogena Dose giornaliera 4-6 g fino a 30 gg Non > 3 g per assunzioni protratte Oltre le 6-8 settimane necessario parere medico Assunzione controindicata Patologie renali Donne in gravidanza Bambini di età < 12 anni

16 FITOCOMPLESSI Prodotti contenenti erbe o altre sostanze vegetali il cui uso non è ancora regolato da normative (non vengono menzionati nelle linee guida del Ministero della Salute 1999) Molti integratori che contengono tali sostanze hanno un azione di tipo farmacologico e spesso si ritrovano anche combinate tra loro con possibili effetti collaterali nocivi alla salute

17 Chaparral: antico rimedio indiano provoca epatotossicità Yohimbe: paralisi Lobelia: possibile morte Willow Bark: Reye syndrome Ephedra Erbe che il FDA considera pericolose

18 EFEDRA Il genere ephedra conta numerose specie in regioni temperate-calde. Contiene l efedrina che ha azione eccitante sul SNC. effetti: riduce l appetito, agisce come decongestionante e antiasmatico, fornisce un aiuto ergogenico Effetti collaterali: stordimento, agitazione, insonnia, tachicardia, aumento della press.arterios Può essere normalmente e tranquillamente acquistata in erboristeria Famosa è diventata la MA HUANG (ephedra sinensis) utilizzata in Cina oltre 5000 anni fa nella cura dell asma, febbre. Combinata con una modesta quantità di caffeina (come scoperto in alcuni estratti di the) o guarana, l effetto termogenico può aumentare del 20% C.Schiraldi -Padova 2004

19 Ginkgo Biloba Estratto dalle foglie di Ginkgo effetti: aiuta la memoria, migliora la circolazione, utilizzato come decongestionante e nell asma Effetti collaterali: nausea, cefalea, rash, vertigini, stordimento Dosaggio: mg/die; (i benefici appaiono dopo circa 12 settimane) avvertimenti (consultare il medico) Fare attenzione con anticoagulanti (Coumadin), vit.e, acidi grassi omega-3, aspirina Porre attenzione nella M.di Alzheimer

20 Ginseng Estratto dalle radici di ginseng effetti: protegge da danni tissutali, aumento di energia, aumento dell impulso sessuale Effetti collaterali: cefalea, insonnia, rash, ansietà, diarrea Dosaggio: mg/die; avvertimenti (consultare il medico) controindicato negli ipertesi Spesso l estratto non è puro e non contiene la stessa quantità

21 Echinacea Estratto dalle radici di varie Echinacee (purpurea, angustifolia, ecc.) effetti: aumenta le difese immunitarie, previene e cura i sintomi influenzali, cicatrizzante Effetti collaterali: nausea, vomito, febbre Dosaggio: 250 mg ogni 6 ore per 2 gg non usare tutti i giorni avvertimenti (consultare il medico) controindicato in pazienti con lupus, HIV, sclerosi multipla

22 guaranà Sostanza ottenuta dai semi della Paullinia cupana (ricca di caffeina, tannini, teofillina e teobromina, proteine) effetti: antifatica, contro astenia fisica e psichica, coadiuvante nel dimagramento Effetti collaterali: nervosismo, ansia, tachicardia, convulsioni Dosaggio: Non oltre g/die avvertimenti (consultare il medico) Effetti additivi con altri farmaci (teofillina, beta-2-agonisti, ecc.)

23 DHEA (deidroepiandrosterone)( prodotto dalla corteccia surrenalica (dopo stimolo dell ACTH) ha un azione sul metabolismo glucidico, sull apparato cerebrale, sulla risposta immunitaria, a carico delle ossa. La sua concentrazione si riduce dopo i 30 anni raggiungendo, dopo 80 anni, circa il 10% di quello presente a 20 anni. Il suo utilizzo viene propagandato come farmaco antinvecchiamento effetti: aumenta il sistema immunitario, rallenta l invecchiamento, Effetti collaterali: acne, insonnia, aumento della freq.cardiaca, aumento del testosterone, riduzione del colesterolo HDL, (alte dosi possono dare peluria faciale nelle donne) Benchè non si abbiano ancora dati certi, rientra nella lista delle sostanze proibite perché potrebbe far aumentare la massa magra e ridurre quella grassa. Negli USA la vendita è libera

24 INTEGRATORI Uso corretto e sicuro Correzione di squilibri nutrizionali Carenze di micro o macro elementi Reitegro di perdite per situazioni particolari Viaggi in paesi tropicali Disturbi gastrointestinali Allenamenti e gare in condizioni climatiche avverse Supportare l aumentato fabbisogno Carichi di lavoro particolarmente impegnativi con limitazione dietetica di alcuni elementi F.Botrè Botrè,, C.Tranquilli, 2001

25 INTEGRATORI Rischi per la salute Impiego immotivato e irrazionale Assunzione con dosaggi eccessivi Materie prime e processi produttivi di standard qualitativo basso Canali di vendita non tradizionali Composizione non rigorosamente controllata F.Botrè Botrè,, C.Tranquilli, 2001

26 INTEGRATORI Rischio di positività al doping Composizione diversa da quella dichiarata Contaminazione volontaria o accidentale con sostanze doping o loro precursori Principi attivi indicati con denominazioni non ufficiali Efedrina / ma-huang Caffeina/teina-guaranà guaranà/cola Interazioni non note con altri farmaci, metaboliti e/o sostanze endogene F.Botrè Botrè,, C.Tranquilli, 2001

27 Per ottenere buone prestazioni non servono cibi speciali, è sufficiente: ALLENAMENTO BUONA ALIMENTAZIONE Non esistono alimenti magici in grado di migliorare la prestazione fisica La reintegrazione con vitamine e minerali (o il sostegno energetico) sono consigliabili solo in soggetti che praticano in modo molto assiduo lo sport: -negli sport di lunga durata (maratone, gare di fondo, ecc) -in particolari condizioni climatiche (caldo umido, alta montagna, ecc)

28 A parte l integrazione idrico-minerale, che può trovare una certa giustificazione, esiste una ampia gamma di prodotti consigliati per i più svariati motivi e che il più delle volte non trovano altra giustificazione se non quella del mercato. Per la stragrande maggioranza dei soggetti che praticano attività sportiva la consuetudine molto diffusa di voler integrare l alimentazione giornaliera può essere considerata più una moda che una necessità.

29

30 Barrette Energetiche 270 calorie % valore giornaliero: 48 g carboidrati 35% Vitamina C 3 g proteine 50% Vitamina E 8 g grassi 20% B vitamine 75 mg sodio 50% acido folico 70 mg potassio Bevande per sportivi 170 calorie 43 g carboidrati 0 g proteine 0 g grassi 20 mg sodio % valore giornaliero: 50% Vitamina C

31 Conseguenze del doping Dott.. Claudio Schiraldi Specialista in Medicina dello Sport FMSI - Padova

32

33 Argomento scottante Tutti esperti e pronti a dare giusti consigli roblema sottovalutato? o esageratamente ingrandito? c è stata ipocrisia da parte di dirigenti atleti medici giornalisti tifosi E un problema difficile da affrontare e soprattutto trovare una soluzione

34 Cosa fare per questo problema? Informare Spiegare Fare leggi Reprimere. Educare.?

35 SPORT è diventato importante, ma. trovare la pasticca o la terapia giusta per ogni problema Riflette anche il modo di comportarsi della nostra società: ricerca di affermazione successo a tutti i costi stare sempre bene essere sempre belli

36

37

38

39 10 chi sei? 9 8 sei campione e... Qualche centesimo di secondo.

40 L uso di sostanze eccitanti si perde nei tempi In Cina, nel 2760 a.c. l imperatore Shen-Hung descrisse gli effetti eccitanti di una pianta: MAHUANG Nell antica Grecia, quando alle Olimpiadi i premi destinati ai vincitori divennero molto consistenti, gli atleti, divenuti ormai professionisti, ingerivano ogni tipo di sostanza (soprattutto estratti di funghi e semi) per potenziare le prestazioni atletiche Anche nell antica Roma, nei giochi del circo si ricorreva a pratiche illecite somministrando miscele stimolanti ai cavalli (idromele), sostanze allucinogene ai gladiatori e probabilmente ai soldati prima di affrontare le battaglie durante le invasioni barbariche.

41 La pozione magica

42 E importante distinguere le sostanze utilizzate dagli atleti e durante l attività sportiva farmaci Sostanze indicate per la cura di malattie; hanno effetti collaterali talvolta pericolosi farmaci inclusi nella lista antidoping La gran parte di essi ha effetti collaterali molto pericolosi per la salute integratori (vitamine, minerali, carboidrati, aminoacidi, creatina ) normalmente non pericolosi alla salute (dipende anche dal dosaggio)

43 Il doping è un fenomeno complesso che coinvolge vari aspetti: medici (tipo di trattamento, tutela della salute, effetti dei farmaci) farmacologici (sostanze usate, dosi, tempi, modalità di somministrazione) sportivi (persone coinvolte, risultati ottenuti) etico-sociali (affermazione, ricerca del successo, giustificazione, educazione e prevenzione) legali (controllo anti-doping, legislazione, sanzioni)

44 La legislazione internazionale non ha ancora un regolamento antidoping eguale che valga per tutte le nazioni Lo sport deve basarsi su regole e regolamenti per poter avere un comportamento uniforme Il codice medico C.I.O. può essere considerato più un regolamento che una legge.

45 Definizione di doping secondo il Codice Medico del C.I.O. Il doping contravviene all etica sia dello sport che della scienza medica. E considerato doping: 1. La somministrazione di sostanze appartenenti alle classi di agenti farmacologici proibiti e/o 2. Il ricorso ai vari metodi proibiti I. Classi di sostanze proibite a. stimolanti b. narcotici (analgesici oppioidi) c. sostanze anabolizzanti d. diuretici e. ormoni peptidici e glicoproteici e sostanze analoghe II. Metodi proibiti a. doping ematico b. manipolazioni farmacologiche, chimiche o fisiche III. Classi di sostanze sottoposte a particolari restrizioni a. alcool b. marijuana c. anestetici locali d. corticosteroidi e. betabloccanti

46 Tre categorie di sostanze Sostanze che vengono assunte immediatamente prima delle competizioni sportive (stimolanti, beta-bloccanti) bloccanti) Sostanze usate durante la preparazione atletica (richiedono settimane per produrre i loro effetti) Sostanze mascheranti

47 Organi più frequentemente colpiti dai farmaci dopanti Cervello ormoni, amfetamine caffeina, cocaina marijuana, etanolo Mammelle ormoni Fegato ormoni, insulina etanolo, diuretici Apparato gastrointestinale ormoni, amfetamine caffeina, cortisone narcotici, etanolo Tendini Ormoni anabolizzanti cortisone Polmoni Beta-bloccanti Cuore e vasi ormoni, amfetamine Eritopoietina, cortisone caffeina, cocaina marijuana, etanolo Narcotici, diuretici Apparato riproduttivo ormoni, narcotici Beta-bloccanti marijuana, etanolo Muscoli e ossa ormoni, eritropoietina narcotici Reni ormoni, insulina, diuretici

48 Organi più frequentemente colpiti dai farmaci dopanti ORMONI AMFETAMINE ERITROPOIETINA

49 Doping genetico Atleti OGM? Non remota la possibilità di atleti geneticamente manipolati Costruire in laboratorio un muscolo con determinate caratteristiche ormai non è più una novità: gli esperti di genetica conoscono i cosiddetti topi Schwarzenegger. La terapia genica può essere positiva quando interviene per riparare perdite di tessuto muscolare, evitando, per esempio, la formazione di zone di fibrosi. Il problema doping sorgerà quando in laboratorio si potranno sviluppare (o costruire) muscoli adatti ai vari tipi di sport. Inserire geni artificiali nei geni delle cellule muscolari, in grado di codificare una proteina o un ormone che stimolino la crescita muscolare, oppure che attivino la produzione di miosina IIb, con velocità di contrazione altissima, ecc. Arduo sarà il compito di scoprire questo tipo di doping: sarà necessario effettuare una biopsia muscolare.

50 Normativa italiana Legge /10/1971: poco applicata per il doping Legge /12/1989: introdotta la frode nello sport Legge /11/1995: ratifica Convenzione Consiglio d Europa Legge /12/2000: disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping Decreto /10/2001: regolamento Commissione di Vigilanza sul Doping DM 13/4/2001: vigilanza dell Ist Ist.Sup.di Sanità sui laboratori preposti al controllo sanitario dell attività sportiva DM 7/8/2002 : norme per l effettuazione dei controlli antidoping DM 15/10/2002: lista dei farmaci, sostanze considerate doping DM 30/12/2002: aggiornamento lista dei farmaci

51 Legge 14 dicembre 2000, n.376 Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il Doping (Testo approvato in via definitiva dal Senato della Repubblica il 16 novembre 2000, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.294 del 18 dicembre 2000)

52 Legge 14 dicembre 2000, n.376 Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il Doping Art. 1 (Tutela sanitaria delle attività sportive- Divieto di doping) bene giuridico che deve essere tutelato: tutela della salute regolarità delle gare integrità psicofisica dell atleta definizione di doping Costituisce DOPING la somministrazione o l assunzione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l adozione o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti.

53 Legge 14 dicembre 2000, n.376 Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il Doping Art. 2 (Classe delle sostanze dopanti) lista da individuare (CIO) lista aperta Art. 3 (Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive) attività (norme di carattere generale) criteri e metodologia dei controlli (DM agosto 2003) Art. 4 (Laboratori per il controllo sanitario sull attività sportiva) compiti attività regionali Art. 9 (Disposizioni penali) elementi che devono sussistere per il reato penale somministrazione condizione non patologica modificazione della competizione mascherare i risultati aggravanti C.Schiraldi -Padova 2004

54

55 Macerata anno 2000 (n interviste 1.883) SCUOLE: LICEO SCIENTIFICO LICEO CLASSICO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ISTITUTO D ARTE ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI ISTITUO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO ISTITUTO PROFESSIONALE SESSO maschi 44% femmine 56%

56 TI E' CAPITATO DI PARLARE CON QUALCUNO DEL PROBLEMA DEL DOPING NELLO SPORT? no 36% si si 64% no SE SI, CON CHI NE HAI PARLATO DI PIU'? 40% 30% 20% 10% 0% 1 famiglia 19% insegnanti 25% amici 32% dirigenti/allenatori 1% altro 16%

57 HAI MAI AVUTO INFORMAZIONI SUL DOPING? no 21% si 79% si no SE SI, QUESTE INFORMAZIONI LE HAI AVUTE DA... 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1 televisione 58% amici 14% giornali 27% dirigenti/allenatori 15% famiglia 1% scuola 26% altri 1%

58 RITIENI UTILE ESSERE INFORMATO SUL DOPING? 60% 40% 20% 0% 1 moltissimo 16% molto 51% poco 30% per niente 4% DA CHI VORRESTI ESSERE INFORMATO DI PIU' SUL DOPING? 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% dirigenti/allenatori 35% scuola 44% medici 38% famiglia 5% giornali/televisione 25% altro 1% 1

59 SAI COSA SONO GLI INTEGRATORI ALIMENTARI? no 18% si 82% si no SECONDO TE E' GIUSTO O SBAGLIATO ASSUMERE INTEGRATORI ALIMENTARI? in alcuni casi può essere giusto 73% è giusto 9% è sempre sbagliato 18%

60 HAI MAI ASSUNTO INTEGRATORI ALIMENTARI? spesso 6% mai 47% qualche volta 47% spesso qualche volta mai SE SI, CHI TE LI HA CONSIGLIATI? 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 1 medico 33% allenatore/dirigente 9% amici 3% famiglia 12% altri 4%

61 SAI COSA SONO LE SOSTANZE DOPING? no 23% si no si 77% RITIENI NECESSARIA L'ASSUNZIONE DI SOSTANZE DOPING PER IL RENDIMENTO SPORTIVO? moltissimo 2% molto 4% poco 22% per niente 72%

62 Durante la pratica sportiva hai assunto sostanze? 1% 5% 94% spesso qualche volta mai Se si, chi te le ha consigliate? altro 25% medico 25% amici 25% allenatore/di rigente 25%

63 Nell ambito della tua attività sportiva conosci atleti che usano sostanze doping? si 24% no 76%

64 Il DOPING fa diventare CAMPIONI? Tener conto di alcuni principi Fattori che influiscono sulla prestazione FATTORI ORGANICO-FUNZIONALI FATTORI ANAGRAFICI E ANTROPOMETRICI FATTORI PSICOLOGICI FATTORI AMBIENTALI PRESTAZIONE FATTORI COORDINATIVI FATTORI SPECIFICI PER OGNI SPORT

65 La capacità di PERFORMANCE dipende 60-70% da aspetti genetici 30-40% dall allenamento, preparazione non oltre il 5% dalle sostanze farmacologiche Allora meglio Stile di vita corretto Alimentazione completa ed equilibrata Allenamento metodico Recupero della fatica Riposo adeguato? Integratori?

66 DOPING deve essere considerato come Modifica dell organismo Inciviltà sportiva Diseducazione sportiva e. Allora assume importanza EDUCARE e INSEGNARE GIUSTA CULTURA DELLO SPORT

67 Famiglia CONI e Federazioni Sportive Scuola GIUSTA CULTURA DELLO SPORT Enti di promozione sportiva Società sportive Mezzi di comunicazione -stile di vita attivo e utile a migliorare la salute -insegnare a vincere -insegnare ad accettare la sconfitta -insegnare a non essere un campione -e.

68 Tra i compiti istituzionali della FMSI c è la lotta al doping (art.2) Nel dicembre 2000 lo Stato italiano ha promulgato la legge sulla tutela sanitaria delle attività sportive e la lotta al doping. La Commissione di vigilanza sul doping ha ritenuto di avvalersi della FMSI per organizzare i prelievi e i controlli Corsi per Medici ispettori antidoping (prelevatori) 1. formazione degli istruttori 2. formazione degli altri ispettori N controlli /anno

69 Dott.Claudio Schiraldi Div.Pneumologica Az.Osp.-Università di Padova Scuola di specializzazione Malattie App.Respiratorio Med. Fisica e Riabilitazione Medicina dello Sport

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI,

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, Nuove tematiche IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, CLASSI DI SOSTANZE VIETATE MARIA GRAZIA RUBENNI Specialista in Medicina dello Sport, FIGC, Firenze Il termine doping sta ad indicare nel sapere

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare 21 MICHELANGELO GIAMPIETRO, DANILO GAMBARARA Abitudini alimentari corrette, ispirate ai semplici principi sin qui indicati, sono certamente sufficienti

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli