Relazione semestrale al 29 giugno 2012 del Fondo Comune di Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Trend istituito e promosso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione semestrale al 29 giugno 2012 del Fondo Comune di Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Trend istituito e promosso"

Transcript

1 Relazione semestrale al 29 giugno 2012 del Fondo Comune di Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Trend istituito e promosso da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR e gestito da Amundi SGR S.p.A.

2

3 Indice Relazione semestrale al 29 giugno 2012 del Fondo Comune di Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato BancoPosta Trend istituito e promosso da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR e gestito da Amundi SGR S.p.A. Nota Illustrativa Premessa Considerazioni generali Mercati Prospettive Fondo Trend Situazione Patrimoniale del Fondo 1

4

5 Premessa La Relazione Semestrale del fondo BancoPosta Trend al 29 giugno 2012 (ultimo giorno di borsa italiana aperta del I semestre 2012) istituito e promosso da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR (Società Promotrice) e gestito da Amundi SGR S.p.A. (), è stata redatta dalla in conformità alle disposizioni emanate dalla Banca d Italia con Regolamento dell 8 maggio La assume piena responsabilità sulla completezza e sulla veridicità dei dati e delle informazioni contenute nel presente documento. La Relazione Semestrale si compone di una Situazione Patrimoniale accompagnata da una Nota Illustrativa che fornisce, tra l altro, indicazioni sia sulla politica di investimento seguita nella gestione del patrimonio del fondo nel corso del semestre, sia sulle prospettive di investimento. Poste Italiane S.p.A. Società con socio unico Patrimonio BancoPosta, società controllante di BancoPosta Fondi S.p.A. SGR, rappresenta il Collocatore delle quote del fondo comune di investimento illustrato nella presente Relazione Semestrale. Considerazioni generali Il primo semestre del 2012 ha registrato un complessivo peggioramento del quadro economico europeo in presenza di una tenuta della crescita americana e dei comparti emergenti. Inoltre, i due trimestri che compongono il semestre hanno mostrato trend molto diversi: nei primi tre mesi si erano concentrate indicazioni macroeconomiche particolarmente positive negli USA, con una forte accelerazione dell occupazione ed un sensibile aumento dei consumi. L Europa, dal canto suo, aveva mostrato qualche segnale di stabilizzazione e rimbalzo della fiducia delle imprese e dei consumatori a seguito del rasserenato quadro dei mercati finanziari, a loro volta positivamente trainati dal successo delle manovre della BCE. Tuttavia, nel secondo trimestre si sono riaffacciati i timori sul debito sovrano e la combinazione di rigore fiscale e rinnovato stress finanziario hanno riportato al ribasso gli indici di fiducia degli operatori economici. Anche dai mercati emergenti negli ultimi mesi del semestre sono giunti segnali di crescita in rallentamento, in particolare dall area asiatica. L inflazione, dal canto suo, ha mostrato un trend di generalizzata discesa sia nelle economie avanzate che nelle economie emergenti. Il rientro degli indici dei prezzi è probabilmente destinato a proseguire ancora nei mesi estivi per poi stabilizzarsi intorno al 2% sia negli USA che in Europa. Nel semestre, le banche centrali hanno svolto un importante ruolo di garanzia della liquidità a sostegno dei sistemi finanziari e di mantenimento di condizioni di politica monetaria fortemente espansiva. La BCE, in particolare ha immesso notevoli quantità di liquidità nel sistema con due operazioni a tre anni, la prima a fine dicembre 2011 e la seconda a fine febbraio 2012, insieme ad altre misure per stabilizzare i mercati finanziari. La Fed ha recentemente proseguito anch essa sulla strada dell allentamento monetario, attraverso una seconda operazione di allungamento delle scadenze dei titoli in portafoglio. Stati Uniti Il PIL americano è cresciuto intorno al 2% nel primo semestre, in parziale rallentamento rispetto al 3% del quarto trimestre 2011, con un forte contributo dei consumi nel primo tri- 1 Dati Bloomberg ove non specificato 3

6 mestre (+ 2,7%), cui è seguito un secondo trimestre meno brillante (tra +1,5% e 2%). I primi mesi del semestre avevano registrato notevoli aumenti nel numero di nuovi posti di lavoro con un accelerazione dell occupazione successivamente rientrata da aprile in poi su una crescita più contenuta. I segnali confortanti sull occupazione si abbinano al buon trend dei salari ed all aumento della ricchezza delle famiglie. Il comparto immobiliare, dal canto suo sta mostrando ormai da quattro mesi qualche timido segnale di recupero, così come gli investimenti delle aziende che sono tornati recentemente a crescere. Nonostante il recupero occupazionale messo a segno, i posti di lavoro ancora da ricostruire sono circa la metà di quelli persi nella crisi del : la strada verso la piena occupazione appare ancora lunga. Per questa ragione la banca centrale americana continua a mantenere una politica monetaria particolarmente espansiva, sia in termini di tassi ufficiali che sul versante della quantità di liquidità immessa nel sistema. Il trend in discesa dell inflazione, sotto questo profilo, è di supporto al mantenimento di un atteggiamento particolarmente accomodante da parte della Fed anche nel corso dei prossimi trimestri. Area Euro Nell Area Euro la dispersione di performance economiche tra i singoli paesi è notevolmente aumentata nel corso del semestre. La combinazione di politiche fiscali restrittive e di minori volumi di credito a costi più elevati ha contribuito ad una revisione al ribasso delle stime di crescita dei paesi periferici. Al contrario, l economia tedesca continua a mostrare una buona capacità di tenuta, nonostante le difficoltà dell economia degli altri paesi dell area. Il primo semestre del 2012 ha visto, infatti, una crescita media dell ordine dell 1% dell economia tedesca, a fronte di un più limitato +0,3% messo a segno dalla Francia, di un -1% della Spagna e di una contrazione più marcata da parte dell Italia. Le performance economiche più deboli continuano a concentrarsi in Grecia, dove le stime per l intero 2012 puntano attualmente ad una recessione del 5,2%, dopo un risultato simile dello scorso anno (-6% del PIL), nonché in Portogallo (-3,4% atteso per il 2012). Il ritorno delle tensioni nei mercati finanziari europei dopo il forte recupero dei primi mesi del semestre ha riportato l attenzione sulla necessità di stimolare la crescita al pari del mantenimento del rigore fiscale. La BCE, dal canto suo, ha garantito il rifinanziamento del sistema bancario grazie a importanti operazioni a tre anni, dopo che la crisi dell autunno scorso aveva sostanzialmente chiuso l accesso di molte istituzioni finanziarie ai mercati obbligazionari. L inflazione, come si scriveva in precedenza, è in calo e dovrebbe scendere al 2% per poi stabilizzarsi in autunno. La crisi del debito è tornata a guidare i mercati per effetto dei rinnovati timori sui rischi di uscita dall Euro della Grecia dopo i risultati delle prime elezioni politiche tenutesi nel paese ellenico. L esito elettorale delle successive elezioni tenutesi a giugno hanno solo parzialmente fugato tali dubbi. Al contempo la richiesta di aiuti a sostegno del sistema bancario spagnolo ed il conseguente downgrade del debito governativo iberico hanno accresciuto l effetto contagio non solo sui titoli di stato di Madrid ma anche su quelli italiani. Il summit di fine giugno ha affrontato queste nuove e più importanti difficoltà che ancora una volta hanno messo a rischio la stabilità dell area: il risultato del summit è stato positivo, rappresentando un importante passo avanti nella cooperazione tra gli stati per promuovere la crescita e difendere la stabilità dell area. 4

7 UK La Gran Bretagna ha anch essa sofferto di un sensibile rallentamento rispetto allo scorso anno, con un sostanziale bilanciamento tra un primo trimestre leggermente negativo ed il secondo in leggero miglioramento per la crescita. Il risultato è una complessiva stagnazione del PIL nel semestre. Il tasso di disoccupazione permane elevato, intorno all 8,3%. Al pari di quanto accade negli altri paesi europei e negli USA, l inflazione ha decelerato, scendendo dal 4,6% del secondo semestre del 2011 ad un 3,5% nel primo trimestre 2012 e ad un più contenuto 3,1% nel secondo trimestre. La Banca d Inghilterra mantiene i tassi ai minimi e ha confermato la direzione particolarmente espansiva della propria politica monetaria. Giappone In controtendenza rispetto alle principali economie avanzate, la crescita nipponica è rimbalzata vistosamente nei primi mesi del semestre, grazie agli effetti ritardati della ricostruzione e agli effetti statistici base collegati alla tragedia dello scorso anno. Il trend positivo di crescita dovrebbe proseguire anche nella seconda parte dell anno, pur in presenza di un fisiologico rallentamento. La politica monetaria, anche in questo caso, rimane apertamente espansiva e non appare destinata a mutare in tempi brevi. Cina L economia cinese è entrata in una fase di rallentamento: la crescita reale è passata dal 10,4% del 2010 al 9,2% dello scorso anno e ad un 8% del primo semestre del Gli effetti ritardati dell inasprimento monetario ormai concluso si sono fatti sentire soprattutto sul settore degli investimenti residenziali, ma anche sugli altri comparti della domanda domestica. Il rapido rientro dell inflazione, tuttavia, ha già riaperto spazi di allentamento che sono stati colti dalla banca centrale cinese con l inizio di manovre espansive per rivitalizzare gli investimenti. L inflazione è infatti scesa da livelli superiori al 5% dello scorso anno ad un 3,5% medio nei primi sei mesi di quest anno. Al contempo rimangono aperte le leve di politica fiscale nell ipotesi di un eccessivo rallentamento della maggiore economia emergente. 5

8 PRINCIPALI INDICI DI MERCATO AZIONARIO USA S&P 500 Index (Dollaro USA) 8,31% Dow Jones (Dollaro USA) 5,42% Nasdaq (Dollaro USA) 12,66% Europa Eurostoxx 50 Index (Euro) -2,24% DAX Index (Euro) 8,78% CAC 40 Index (Euro) 1,17% FTSE 100 (Sterlina) -0,02% Pacifico Nikkei (Yen) 6,52% Hang Seng Index (Dollaro HKD) 5,46% Italia FTSE Mib (Euro) -5,40% OBBLIGAZIONARIO VARIAZIONI* PERFORMANCE INDICI** Germania Germania 1-3 anni (Euro) 0,25% Germania 3-5 anni (Euro) 1,17% Germania 7-10 anni (Euro) 3,53% Italia Italia 1-3 anni (Euro) 4,14% Italia 3-5 anni (Euro) 6,75% Italia 7-10 anni (Euro) 10,19% Corporate Europa EU Corporate 1-3 anni (Euro) 3,03% EU Corporate 3-5 anni (Euro) 4,90% EU Corporate 7-10 anni (Euro) 8,68% * Variazioni dei prezzi dal 30 dicembre 2011 al 29 giugno 2012 (fonte Bloomberg). ** Variazioni complessive calcolate in base ai livelli degli indici di settore Citigroup (fonte Bloomberg); gli indici obbligazionari sono rappresentativi dell andamento dei titoli con scadenza all interno del segmento considerato (1-3 anni, 3-5 anni, 7-10 anni). Mercati Il primo semestre si è caratterizzato per una notevole volatilità dei mercati finanziari, con due trend ben distinti. Il primo trimestre ha fatto registrare notevoli rimbalzi nei prezzi delle asset class rischiose, come l azionario ed il debito societario: tali recuperi si sono accompagnati al rientro delle tensioni nei mercati monetari, alla discesa della volatilità e al sensibile rientro degli spread sovrani soprattutto nei segmenti a breve e medio termine. Come già sottolineato anche con riferimento al quadro macroeconomico, nella seconda parte del semestre, esauriti i positivi effetti delle manovre della BCE, le tensioni hanno via via ripreso forza e provocato un rientro delle positive performance dei primi mesi del 2012, soprattutto nell Area Euro. Pertanto il semestre si è chiuso con performance che ha rispecchiato la dispersione dei suddetti trend macroeconomici. I listini dei paesi periferici europei sono stati i più colpiti nelle performance azionarie, così come anche in ambito obbligazionario hanno visto ridimensionarsi sensibilmente le performance record dei primissimi mesi del Al contrario tra i principali listini europei, il listino tedesco è stato l unico a chiudere in positivo il semestre. La ricerca della sicurezza nei titoli di stato tedeschi ha altresì riportato in forte rialzo i corsi di questi ultimi. I mercati americani, dal canto loro, si sono sganciati dalle performance europee e hanno messo a segno un semestre positivo sia nell ambito dei mercati azionari che per quanto riguarda i comparti obbligazionari. I corporate bonds hanno ottenuto buoni risultati rispetto alle altre asset class, soprattutto considerando i minori livelli di volatilità sofferta e la capacità di resistere al ritorno dell avversione al rischio nel secon- 6

9 do trimestre. Infine, i mercati dei cambi hanno visto un indebolimento dell Euro negli ultimi mesi, soprattutto per effetto dell incertezza relativa al futuro della divisa unica e al peggioramento del quadro macroeconomico del vecchio continente. PRINCIPALI TASSI DI CAMBIO CONTRO EURO VARIAZIONI* Dollaro USA/Euro 2,46% Yen/Euro -1,16% Sterlina/Euro 3,58% * Variazioni dei prezzi dal 30 dicembre 2011 al 29 giugno 2012 (fonte Bloomberg). Prospettive Le incertezze legate alla crisi dell Area Euro si estendono alle prospettive del quadro macroeconomico europeo, su cui pesano le politiche fiscali restrittive e la minore disponibilità di credito in alcuni paesi dell area. Nonostante i recenti segnali di rallentamento, l economia nordamericana e quelle dei paesi emergenti dovrebbero mantenere tassi di crescita positiva e non lontano dai valori attuali. Questo anche grazie al ridotto contagio proveniente dall Area Euro e alle politiche monetarie espansive attuali e prospettiche. L inflazione proseguirà il trend al ribasso, anche grazie agli effetti ritardati della contrazione del prezzo dell energia e a causa delle revisioni delle stime sulla crescita europea. Le banche centrali continueranno a garantire sufficienti livelli di liquidità ai rispettivi sistemi finanziari, bilanciando gli squilibri causati dalla crisi e fornendo tempo prezioso alle banche per ridurre la leva finanziaria. Il mondo delle imprese continua a caratterizzarsi per una buona condizione dei bilanci e per il mantenimento di livelli di profitto apprezzabili alla luce del quadro macroeconomico e della perdurante crisi europea. In questo quadro di luci e ombre, dominato ancora dall incertezza, l atteggiamento permane cautamente ottimista. I prodotti a spread continueranno a rappresentare una valida alternativa ai titoli governativi e all azionario, quest ultima più affetta dalla crisi rispetto ai precedenti. La diversificazione nell area dollaro e nelle divise emergenti rimane un pilastro dell asset allocation allo scopo di ridurre la volatilità e i rischi di portafoglio. La liquidità offre rendimenti estremamente contenuti e continua a non rappresentare una classe d impiego attraente. 7

10 FONDO BANCOPOSTA TREND Il fondo BancoPosta Trend ha realizzato, nel corso del semestre, una performance positiva pari al 3,92 % espressa al lordo dell effetto fiscale. Il fondo è di tipo flessibile e pertanto non prevede un benchmark rappresentativo della politica d investimento. Il primo semestre del 2012 è stato caratterizzato da diversi eventi economici e politici che hanno generato volatilità e forti movimenti sui principali mercati azionari, obbligazionari e valutari. I primi mesi dell anno sono stati caratterizzati dalla prosecuzione del trend positivo sui mercati internazionali, innescato dalle misure di salvataggio dell Euro Zona (prima di tutto le operazioni di finanziamento alle banche da parte della BCE) e da un favorevole flusso di dati economici che lasciavano intendere un rimbalzo della congiuntura globale. Nel frattempo l obbligazionario governativo non perdeva terreno, sostenuto dalla promessa delle Autorità monetarie internazionali a tenere sui minimi i tassi per tutto il 2012 e, soprattutto, grazie al restringimento degli spread dei debiti sovrani della periferia europea rispetto al decennale tedesco. A partire dalla fine del primo trimestre, tuttavia, un improvviso ammorbidimento dei dati macro sia negli USA (occupazione nuovamente debole) sia in Cina (il soft landing si sta materializzando) assieme al rinnovarsi delle paure nella Zona Euro (il nuovo Governo Rajoy ha ammesso l impossibilità di rispettare per il 2012 gli impegni di risanamento finanziario presi con l Europa) hanno determinato un primo arresto del generale trend di rialzo, cui nei mesi seguenti sono succeduti i timori per la stabilità del sistema bancario iberico (es. Bankia) e, soprattutto, il riemergere di preoccupazioni sulla Grecia a seguito delle elezioni di maggio quando l impossibilità di formare un Governo che mantenesse la parola data all Eurogruppo in cambio del salvataggio finanziario, ha portato alla riapertura urgente delle urne a metà giugno per una seconda consultazione popolare. La volatilità è quindi esplosa in primavera e solo dopo le congiunte assicurazioni da parte di tutte le principali Banche centrali che avrebbero in ogni modo garantito l integrità del sistema finanziario globale, un po di calma è tornata sui mercati; le seconde elezioni in giugno hanno finalmente prodotto un governo ad Atene e questo ha temporaneamente tranquillizzato gli investitori. Le Borse si sono leggermente riprese, ma il nervosismo degli operatori non appare del tutto sopito e solo una definitiva soluzione, tuttora lontana, della debolezza di fondo del progetto-euro (unione monetaria ma non ancora unione fiscale e finanziaria) potrebbe porre fine alle continue incertezze che tanto pesano sulle quotazioni delle Borse (e dei governativi zona Euro Non-Core ). Le materie prime, che viaggiavano al rialzo trainate dai favorevoli dati economici nel primo trimestre, hanno poi corretto in modo significativo in seguito al nuovo indebolimento della congiuntura internazionale ed al momento non sembrano in grado di migliorare il loro trend. Durante il semestre, considerata la forte volatilità sui mercati obbligazionari ed in particolare dei rendimenti delle emissioni governative degli Stati europei periferici, è stato molto attivo l intervento delle agenzie di rating con numerosi giudizi di revisione sul merito creditizio degli emittenti ed in particolare sul settore bancario con focus sulle aree geografiche europee più periferiche. Sono stati inoltre effettuati downgrade sui paesi, tra cui l Italia soggetta a revisione del rating prima da parte dell agenzia S&P (il 13 gennaio 2012) da A a BBB+ e successivamente da parte di Moody s il 13 febbraio 2012 da A2 ad A3 ed il 13 luglio 2012 da A3 a Baa2, nonché da parte dell agenzia Fitch da A+ ad A- il 27 gennaio Date le condizioni di mercato, durante il semestre il portafoglio è rimasto impostato in modo complessivamente cauto, riducendo di fatto l esposizione alle asset class rischiose al solo obbligazionario corporate Investment Grade, e monitorando il rischio complessivo del portafoglio in modo da avere un livello compatibile con quanto previsto dalla tecnica di protezione. La scelta delle classi di attività (ad 8

11 esempio di natura monetaria, obbligazionaria, valutaria e azionaria) e la selezione dei singoli strumenti finanziari (ad esempio, azioni, obbligazioni, derivati ed OICR), sono avvenuti principalmente in base ai risultati delle analisi quantitative dei mercati volte ad individuare la presenza di andamenti (trend) definiti secondo uno stile di gestione flessibile. Tali analisi sono state anche supportate da valutazioni discrezionali. La componente obbligazionaria in titoli del portafoglio è stata investita in emissioni governative (italiane, francesi e belghe) ed in fondi di liquidità. La percentuale media di obbligazioni governative ed assimilate nel corso del periodo è stata pari a circa il 72%; pari a circa il 93% considerando anche i fondi di liquidità. Il rating medio ponderato del portafoglio titoli al 29 giugno 2012 risulta pari a A- (scala Standard & Poor s). Sempre al 29 giugno il peso dei titoli governativi italiani, francesi e belgi è pari, rispettivamente, al 53,7%, al 12,6% ed al 12,4% circa. Nel periodo di riferimento non si è avuta un esposizione diretta ai mercati azionari, ma anzi sui massimi del primo trimestre il gestore ha preferito proteggere l andamento del portafoglio investendo in chiave tattica su un ETF che desse esposizione favorevole nel caso di un possibile aumento della volatilità (misurata dal VIX sullo S&P 500) dei mercati. Le classi di attivo rischiose su cui è stato investito il fondo hanno riguardato quindi i mercati obbligazionari (attraverso un ETF obbligazionario sul Credito Investment Grade ) e valutari (con posizioni tendenzialmente lunghe su Dollaro Usa e Yen a discapito di Dollaro Australiano e Corona Norvegese, scommesse poi chiuse in profitto durante il mese di maggio). Nessuna esposizione sulle materie prime. L esposizione media della componente rischiosa è stata pari a circa il 6,5%. L esposizione massima è stata pari a circa il 9%. Quanto alla performance realizzata, tutte le asset class in portafoglio hanno contribuito positivamente ad eccezione dell investimento nell ETF sulla volatilità dell S&P500 il quale ha contributo in misura marginalmente negativa. Complessivamente i maggiori contributi positivi alla performance del fondo sono attribuibili principalmente ai titoli di Stato italiani in portafoglio. Positivi ma marginali i contributi derivanti dall ETF obbligazionario sul Credito Investment Grade e dalle posizioni a termine prese sul mercato valutario. Con riferimento all investimento valutario, l esposizione è stata mediamente attorno al 2%, con un valore massimo pari a circa il 2,5%. Al 29 giugno l esposizione valutaria lorda è pari zero. Con riferimento alla componente obbligazionaria in derivati, non si sono avute posizioni sul decennale americano (T-Note), tedesco (Bund), inglese (Gilt), o italiano (BTP). Nel corso del semestre si è mantenuta un esposizione ai corporate investment grade attraverso un ETF dedicato (circa il 6,5%). Al 29 giugno l esposizione lorda alla componente obbligazionaria in derivati è assente, mentre l esposizione ai corporate è pari a circa il 6,8%. Sia nel semestre che al 29 giugno, il fondo non ha investito in strumenti che permettono di prendere un esposizione alle materie prime. Alla data del 29 giugno 2012, il budget di rischio (per budget di rischio si intende la differenza tra il valore corrente della quota ed il valore attuale del valore della quota garantito, in rapporto al valore corrente) del portafoglio risulta pari al 4% circa livello questo compatibile alle attuali condizioni di mercato, con l investimento massimo in azioni pari a circa il 18% considerando quale unico asset rischioso la componente azionaria e dati i parametri sottostanti il calcolo del VaR. Il giorno in cui il valore della quota è garantito è il 29 febbraio Prima di tale giorno e successivamente, tale valore non è garantito. La garanzia è prestata da Credit Agricole SA, banca di diritto francese con rating S&P pari a A (AA- alla partenza del fondo), con rating Moody s pari a A2 (Aa1 alla partenza del fondo) e con rating Fitch pari a A+ (AA alla partenza del fondo). Si evidenzia che, a seguito delle modifiche intervenute dal 1 luglio 2011 al regime di tassazione dei fondi comuni di diritto italiano, che comporta un passaggio da un regime di tassazione sul risultato maturato in capo al fondo ad un regime di tassazione 9

12 "per realizzo" in capo ai partecipanti, sempre nella misura del 12,50%, è stato rideterminato un nuovo valore della quota garantito, risultato pari a 5,171 (il precedente valore della quota garantito era invece pari a 5,150). Si rende noto inoltre che il valore massimo della quota durante il periodo di sottoscrizione delle quote è stato pari a quello iniziale di 5,000. Il valore della quota al 29 giugno 2012 è pari ad 4,983 Prospettive del Fondo In termini prospettici, l attuale contesto di mercato e le indicazioni del gestore indicano un atteggiamento ancora prudente viste le incertezze nell Eurozona. Elenco degli strumenti finanziari in portafoglio alla data della semestrale in ordine decrescente di controvalore STRUMENTI FINANZIARI Codice ISIN Controvalore in Euro % incidenza su attività del Fondo BTP 3% 15/04/2015 IT ,528 BTP 3,75% 01/08/2015 IT ,397 BELGIUM 3,75% 28/09/2015 BE ,175 CADES 3% 25/02/2016 FR ,089 ISHARES MARKIT IBOXX EURO CORPORATE BOND IE ,870 BNY MELLON EUR LIQUIDITY FUND IE ,671 BNP INSTICASH EUR I LU ,606 NATIXIS CASH A1P1 FR ,499 FRANCE O.A.T. 3% 25/10/2015 FR ,403 BTP 4,25% 01/08/2013 IT ,001 BTP 4,25% 01/08/2014 IT ,001 BTP 3,75% 15/12/2013 IT ,001 BTP 3,5% 01/06/2014 IT ,001 Di seguito sono dettagliate (in unità di Euro) le variazioni della consistenza del patrimonio in gestione, verificatesi nel corso del primo semestre, dovute a sottoscrizioni (incrementi) e rimborsi (decrementi). Incrementi a) sottoscrizioni: Decrementi b) rimborsi: - riscatti switch Raccolta netta del periodo

13 Relazione semestrale del Fondo BancoPosta Trend Situazione Patrimoniale al 29/06/2012 ATTIVITÀ Situazione al 29/06/2012 Situazione a fine esercizio precedente Valore complessivo % tot. attività Valore complessivo % tot. attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,335 A1. Titoli di debito , ,511 A1.1 Titoli di Stato , ,511 A1.2 Altri ,089 A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R , ,824 B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R C. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati C3. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati D. DEPOSITI BANCARI D1. A vista D2. Altri E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITÀ , ,890 F1. Liquidità disponibile , ,890 F1.1 di cui in euro , ,529 F1.2 di cui in valuta , ,361 F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F2.1 di cui in euro F2.2 di cui in valuta F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare F3.1 di cui in euro F3.2 di cui in valuta G. ALTRE ATTIVITÀ , ,775 G1. Ratei attivi , ,771 G2. Risparmio d imposta ,004 G3. Altre 1 0, ,000 TOTALE ATTIVITÀ , ,000 11

14 segue: Relazione semestrale del Fondo BancoPosta Trend Situazione Patrimoniale al 29/06/2012 H. FINANZIAMENTI RICEVUTI PASSIVITÀ E NETTO Situazione al 29/06/2012 Valore complessivo Situazione a fine esercizio precedente Valore complessivo I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati L2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1.Rimborsi richiesti e non regolati M2.Proventi da distribuire M3.Altri N. ALTRE PASSIVITÀ N1.Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti d imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITÀ VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO Numero delle quote in circolazione , ,648 Valore unitario delle quote 4,983 4,795 Ai fini della determinazione giornaliera del valore complessivo netto del fondo, in conformità al Regolamento di gestione, alla garanzia viene attribuito convenzionalmente un valore pari ad 1. Movimenti delle quote nel semestre Quote emesse - Quote rimborsate ,119 12

15

16 BancoPosta Fondi S.p.A. SGR con Unico Socio Iscritta al n 95 dell Albo delle Società di Gestione del Risparmio - Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia Sede: Via Marmorata, Roma - Cap. soc. int. vers. Euro Codice Fiscale e Part. IVA Iscritta nel Registro delle Imprese di Roma con il n /1999 Tel Fax Amundi SGR S.p.A. Iscritta al n 251 dell Albo delle Società di Gestione del Risparmio - Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia Sede: Piazza Missori, Milano - Cap. soc. int. vers. Euro Codice Fiscale, Partita Iva e numero di Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano Tel Fax

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli