RELAZIONE ATTIVITÀ AZIONE A2: Studio preliminare delle specie di Chirotteri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ATTIVITÀ 2010. AZIONE A2: Studio preliminare delle specie di Chirotteri"

Transcript

1 RSN Ricerche e Studi Naturalistici Biosphaera s.c. via Costa 28/A San Vito di Leguzzano (VI) C.F/P.IVA PROGETTO LIFE-NATURA IT/ AZIONI DI CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO DEGLI HABITAT E DELLE SPECIE E SALVAGUARDIA DELLA NATURALITÀ DEL SIC COLLI BERICI RELAZIONE ATTIVITÀ 2010 AZIONE A2: Studio preliminare delle specie di Chirotteri a cura di: Dott. Ferretto Michele Dott. Andrea Pereswiet Soltan tel C.F/P.IVA R.E.A. VI

2 Indice 1.AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ ANNO Studio preliminare delle specie di chirotteri USCITE DI CAMPO E DESCRIZIONE DEI DATI Metodi Siti di indagine Uscite sul campo CARATTERISTICHE DELLA CHIROTTEROFAUNA PRESENTE Quadro normativo Le specie presenti nel SIC Colonie e siti di interesse MISURE DI CONSERVAZIONE E GESTIONE Grotta della Guerra/Mura Cave dismesse di Villabalzana...11 PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 2 di 12

3 1. AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ ANNO Studio preliminare delle specie di chirotteri Si riporta di seguito il testo riassuntivo dell'azione previste per l'anno 2010 (azione A.2). Si intende effettuare una serie di indagini dell'area in esame per valutare le specie di chirotteri presenti (Miniopterus schreibersii, Myotis myotis, Rhinolophus ferrumequinum, Myotis blythii, Myotis emarginatus) lo stato della loro popolazione e l'utilizzo dei vari ambienti. Le indagini si baseranno sulle seguenti metodologie: rilevamento ultrasonico tramite bat-detector una volta individuate le aree o i siti a maggior concentrazione si prevede di organizzare una serie di catture con reti mist-nets rilevamento delle specie presenti nelle cavità naturali e artificiali popolate con catture durante l'uscita notturna Tali dati verranno inseriti nel SIT (azione E.5) e al fine di realizzare un database delle cavità naturali e artificiali integrando i dati già in possesso delle amministrazioni pubbliche (catasto delle cavità artificiali) e dei gruppi di interesse specifico (gruppi speleologici, catasto grotte della Regione Veneto) con i dati relativi ai popolamenti di Chirotteri presenti, alla stagionalità dell'utilizzo della cavità, al valore conservazionistico della cavità, al grado di minaccia. A tal fine verranno coinvolti i suddetti gruppi di interesse e predisposte le informazioni per l aggiornamento, ove necessario, del database nazionale roost. La rilevanza dell'area, rappresentata soprattutto dalla forte presenza di siti ipogei potenzialmente idonei all'insediamento dei Chirotteri e dalle incomplete conoscenze attuali rendono indispensabile una valutazione globale. I rilevamenti preliminari permettono quindi di comporre un quadro attuale e realistico delle specie presenti e soprattutto di valutare la vocazione delle aree al fine di indirizzare le conseguenti azioni di intervento e monitoraggio. 2. USCITE DI CAMPO E DESCRIZIONE DEI DATI 2.1. Metodi Nell ambito delle indagini preliminari relative al monitoraggio della chirotterofauna nel SIC "Colli Berici" (IT ), come previsto dall azione A2 del progetto Life+ in oggetto, sono state effettuate una serie di indagini scientifiche volte a valutare le specie presenti. Le indagini sono state svolte utilizzando diverse metodologie di analisi faunistica specifica. PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 3 di 12

4 Analisi bibliografica. In questa prima stagione è iniziata la raccolta e valutazione di materiale bibliografico, database faunistici (database nazionale CKMap) ed eventuali informazioni inedite provenienti da diverse fonti come dati di campo e raccolte occasionali che ha permesso di ottenere un primo quadro della presenza delle specie nell'area. L'azione prevede l'integrazione continua dei dati ottenuti dai rilevamenti sul campo. Sopralluoghi in ambienti ipogei sia naturali che artificiali. I sopralluoghi sono utili per rilevare la presenza di esemplari in letargo (da novembre a febbraio) che in riposo diurno (da marzo a ottobre). Per tali indagini è stato utilizzato materiale speleologico e tecnologico in possesso dei responsabili (caschi, tute, pile frontali, fotocamere) Rilevamenti bioacustici. Lo studio del fenomeno di ecolocalizzazione rappresenta uno dei più importanti filoni di ricerca chirotterologica e comporta importanti ricadute applicative nelle indagini su distribuzione ed ecologia. I Microchirotteri, sottordine dei Chirotteri a cui appartengono tutte le specie italiane, si orientano nel volo ed identificano la preda per mezzo di un sofisticato sistema sonar che consiste in segnali acustici di ecolocalizzazione e, in misura assai minore, di segnali sociali; tali impulsi sono prodotti con continuità per consentire all'animale di costruire ed aggiornare un immagine acustica del mondo circostante e ricadono, nella maggioranza dei casi, in un intervallo di frequenze superiori alla soglia massima di sensibilità dell'orecchio umano (oltre i 20 khz). Le specie italiane, in generale, producono impulsi la cui massima energia si concentra in un range di frequenza che va da khz (Tadarida teniotis) fino a 110 khz (Rhinolophus hipposideros). La funzione dei bat-detector è quella di convertire i segnali ultrasonori emessi dai Chirotteri o in suoni udibili e direttamente interpretabili, o in un flusso di dati digitale analizzabile tramite sistemi informatici. I rilevamenti con bat-detector, a differenza degli altri metodi, permettono sia di contattare specie ad alto volo, sia di coprire vaste aree o percorrere transetti sul territorio. Per tali indagini sono stati impiegati i rilevatori di ultrasuoni Pettersson D500X e le schede di memorizzazione forniti dal progetto Life+ oltre che strumentazione in possesso dei responsabili (detector Pettersson D100, D240X e D230, 2 registratori digitali Zoom H2, cavi e materiali di consumo). L'analisi digitale (ancora in corso ed oggetto di una tesi di laurea da parte di uno dei collaboratori al progetto) prevede l'utilizzo di un sistema software Sonobat e la determinazione specifica con classificatore statistico in collaborazione con Girc (Gruppo Italiano Ricerca Chirotteri e Università degli Studi dell'insubria) Catture con reti. Le difficoltà nel catturare i Chirotteri in volo, per mezzo di reti mist-net, è dovuta a diversi fattori: prima di tutto, gli animali riescono normalmente ad individuare le reti grazie al loro raffinato sistema di ecolocalizzazione e le evitano sistematicamente, salvo casi particolari; inoltre, molte specie sono solite cacciare ad altezze elevate, rendendo praticamente impossibile la loro PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 4 di 12

5 cattura; infine, è preferibile individuare siti con concentrazioni molto alte di esemplari affinché la probabilità di cattura sia accettabile. La cattura degli esemplari ha previsto la la predisposizione delle reti in siti con buona/alta concentrazione di esemplari (tipicamente ingresso delle cavità), la marcatura degli esemplari catturati e il successivo rilascio degli esemplari. La marcatura degli esemplari è stata eseguita tramite colorazione della pelliccia con colori atossici. Con tale metodo è possibile valutare le specie presenti con sicurezza, determinare le classi di età, rilevare i parametri biometrici degli esemplari, indagare la frequentazioni di specifici siti. Per tali indagini sono state utilizzate reti e materiali in possesso dei responsabili (paleria per reti, calibri digitali, pesole, materiali di consumo, ecc). Per alcuni esemplari è stato effettuato un prelievo di tessuto dalla membrana alare al fine di ottenere un'analisi genetica utile alla determinazione specifica. Tutte le attività di cattura e rilascio si sono svolte su autorizzazione della Regione Veneto (Decreto Regionale nr. 50 del 16 giugno 2009) e del Ministero dell'ambiente (23249 T-A31 del 29 Maggio 2009) già possedute dai responsabili delle attività 2.2. Siti di indagine Il 9 Luglio è stata acquisita, grazie alla proficua collaborazione del Club Speleologico Proteo, la parte del Catasto Grotte del Veneto che riguarda le cavità ricadenti all'interno dei territori comunali dell'area SIC. Da tale database, comprendente 630 cavità naturali, ne sono state selezionate 79, caratterizzate da uno sviluppo spaziale maggiore di 39 metri che hanno formato la lista di riferimento per orientare i sopralluoghi sul campo. Tale lista è stata aggiornata di uscita in uscita, in base alle condizioni riscontrate sul campo. Ad essa si sono aggiunte anche alcune cavità artificiali. Di questa lista è stata data priorità alle cavità che in base a dati di letteratura e conoscenze pregresse sono risultate maggiormente importanti per i Chirotteri, tra cui: Grotta dei Mulini (Alonte) Grotta della Guerra (Arcugnano) Grotta della Mura (Arcugnano) Voragine Casarotto (Arcugnano) Grotta Dito dell'orso (Arcugnano) Covolo della Loara (Longare) Voragine della Galleria Perini (Longare) Grotta del Tesoro (Longare) Cogolo delle Tette (Lonigo) PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 5 di 12

6 Grotta dei Due Cani (Zovencedo) Grotta di San Gottardo (Zovencedo) Durante i sopralluoghi sono stati inoltre controllati numerose grotte minori, non riportate in questa sede. Tra le cavità artificiali sono state controllate: Cave dismesse di Villabalzana Covoli di Costozza (Longare) Cava Ciole (galleria Perini) Cave Val del Gazzo Cave dismesse di Zovencedo Anche per quanto riguarda le cavità artificiali, sono stati fatti sopralluoghi in alcuni siti minori e ricerche generiche che non vengono riportate Uscite sul campo Nel 2010 sono state fatte 36 uscite sul campo (Table 1) considerando le notti di cattura (16) i rilevamenti con bat-detector (9 esclusivi, ma rilevamenti sono stati fatti in tutte le uscite di cattura) sopralluoghi (13 esclusivi ma da considerare come tali anche molte uscite catalogate come uscite di rilevamento). A tali attività vanno aggiunte, anche se non conteggiati ufficialmente, i tempi di progettazione logistica delle uscite, gestione dei dati raccolti, analisti cartografiche, ecc. per un tempo stimato di almeno 30gg a persona. Tutte le attività sul campo sono state svolte da entrambi i responsabili e nella maggior parte dei casi in collaborazione con collaboratori/studenti esterni. data località Comune attività 01-Giu-2010 Zovencedo Zovencedo Cave San Gottardo D 02-Giu-2010 Villabalzana Arcugnano cave dismesse D 05-Giu-2010 Spianzana Arcugnano Voragine Casarotto S 05-Giu-2010 San Gottardo Arcugnano Esterno cave dismesse D 16-Giu-2010 Lago di Fimon Arcugnano Rive del lago e dei canali T-D 16-Giu-2010 Villabalzana Arcugnano Complesso della Capura S 25-Giu-2010 Lumignano Longare Grotta della Guerra/Mura S 07-Lug-2010 I Molini Alonte Grotta dei Mulini D 08-Lug-2010 I Molini Alonte Grotta dei Mulini T -D 13-Lug-2010 Valli di Fimon Fimon Campagna S 13-Lug-2010 Lago di Fimon Arcugnano Rive del lago e dei canali D 14-Lug-2010 Fimon Fimon Campagna aperta S 14-Lug-2010 Villabalzana Arcugnano Capura T-D PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 6 di 12

7 15-Lug-2010 Lumignano Longare Grotta della Guerra/Mura S 18-Lug-2010 Monte Broion Longare Covoli del Brojon S 26-Lug-2010 Val Pizzarda Lonigo Cogolo delle Tette T 31-Lug-2010 San Gottardo Zovencedo Grotta dei Due Cani S 17-Ago-2010 Cà Menarini Longare Cave pareti Cà Menarini T 19-Ago-2010 Cà menarini Longare Covolo della Loara T 24-Ago-2010 Cà Menarini Longare Cava Ciole - Galleria Perini T 01-Set-2010 I Molini Alonte Grotta dei Mulini T 01-Set-2010 Val Pizzarda Alonte Cogolo delle Tette D 02-Set-2010 Lago di Fimon Arcugnano Rive del lago D 04-Set-2010 Val del Gazzo Zovencedo Cava del Gazzo T -D 06-Set-2010 Cà Menarini Longare Cava Ciole - Galleria Perini T 07-Set-2010 Lumignano Longare Grotta della Guerra/Mura D 08-Set-2010 Lumignano Longare Grotta della Guerra/Mura T 14-Set-2010 Lumignano Longare Grotta della Guerra T 16-Set-2010 Ca' Menarini Longare Cava Ciole - Galleria Perini T 21-Set-2010 Lago di Fimon Arcugnano Riva del lago D 22-Set-2010 Ca Menarini Longare Cava Ciole, Gr. del Tesoro e Covoli T-D-S 23-Set-2010 Lumignano Longare Grotta della Guerra/Mura T 40-Nov-2010 Ca Menarini Longare Cava Ciole T-D 15-Nov-2010 Villabalzana - Lumignano Arcugnano - Longare Capura Gr. della Guerra/Mura S 17-Nov-2010 Lumignano Longare Grotta Guerra della Mura S 27-Dic-2010 Lumignano - Villabalzana Longare-Arcugnano Covoli Cava Ciole Capura S Table 1: Riepilogo attività sul campo. T = catture con reti; D = rilevamenti con bat-detector; S = sopralluogo 3. CARATTERISTICHE DELLA CHIROTTEROFAUNA PRESENTE 3.1. Quadro normativo Le problematiche relative alla conservazione dei Chirotteri sono state colte a livello europeo con l inclusione di tutti i Chirotteri nell'elenco delle specie rigorosamente protette (Allegato II) della Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa (Berna, 19 Settembre 1979) fra le cui parti contraenti vi è la Comunità Europea (Decisione 82/72/CEE), ratificata in Italia dalla L. 5 Agosto 1981, n 503, eccettuato il solo pipistrello nano (Pipistrellus pipistrellus), compreso peraltro nell'allegato relativo alle specie protette (Allegato III). Tutti i pipistrelli europei sono anche tutelati dalla Convenzione sulla conservazione delle specie migratorie appartenenti alla fauna selvatica (Bonn, 23 Giugno 1979), ratificata in Italia dalla L. 25 Gennaio 1983, n 42 e dalla successiva Direttiva Habitat 92/43/CEE del Consiglio del 21/05/92 relativa alla Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche, attuata dall Italia col D.P.R. 08 Settembre 1997, n 357, modificato e integrato dal D.P.R. 12 Marzo 2003, n 120 che pone in Allegato II (Specie animali e vegetali di interesse comunitario per le quali si necessita la designazione di zone speciali di conservazione ) ben 13 specie di Chirotteri, includendo le rimanenti in PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 7 di 12

8 Allegato IV (Specie animali e vegetali di interesse comunitario che necessitano di una stretta protezione). Recentemente, con la Legge 27 maggio 2005, n. 104, è stato ratificato dall Italia un accordo, nato sotto gli auspici della convenzione di Bonn, noto come Bat Agreement, stipulato a Londra il 4 dicembre 1991 che impegna ogni parte contraente a promuovere programmi di ricerca e ad emanare disposizioni di tutela secondo quanto enunciato in dettaglio in un Action plan e nelle risoluzioni concordate dall'assemblea delle parti aderenti all'accordo. Per quanto riguarda la legislazione nazionale, essa conferisce lo status di specie protette a tutte le specie di Chirotteri in base alla L. 11 Febbraio 1992, n 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio). Inoltre ai Chirotteri, in quanto componente ambientale, possono applicarsi le prescrizioni della normativa nazionale in materia di danno ambientale secondo la L. 8 Luglio 1986, n Le specie presenti nel SIC Le specie finora rilevate con dati sul campo e ricerca bibliografica sono 11 (Table 2, con asterisco le specie catturate almeno una volta durante la stagione 2010). Per quanto riguarda la presenza di colonie, è da sottolineare l'importanza della già ampiamente considerata Grotta della Guerra, nel territorio del comune di Longare. In tale sito sono state finora rilevate in attività 3 specie (Myotis myotis, Myotis blythii, Miniopterus schreibersii)) e monitorata la grossa concentrazione di esemplari in fase riproduttiva (alcune centinaia di esemplari). Per tale sito rimane confermata l'importanza delle azioni previste di protezione (azione C.3). Sono state considerate altre cavità importanti per le quali dovrà essere valutata la fattibilità delle azioni di protezione in particolare per quanto riguarda le condizioni di proprietà pubblica/privata e dell effettiva necessità di una loro chiusura. Un primo risultato interessante è la segnalazione con cattura di 10 specie che rappresentano una buona variabilità specifica probabilmente indice dell'alta diversità ecologica del territorio. Una di queste, Plecotus macrobullaris, è stata segnalata per la prima volta in provincia di Vicenza solamente quest'anno, in alcune località dell'alto vicentino (Ferretto, Pereswiet Soltan, dati non ancora pubblicati) ed ora è stata catturata in più occasioni anche nell'area SIC: precedentemente era nota una sola segnalazione per il Veneto, nell'area veronese. Per quanto riguarda le indagini bioacustiche, non si hanno attualmente analisi dei dati raccolti che verranno effettuate nei prossimi mesi. Tuttavia la valutazione sommaria di indici di attività ha permesso di individuare siti interessanti per concentrazione di animali (come i dintorni del Lago di Fimon) nonché di indirizzare meglio gli sforzi di cattura. Inoltre, le analisi acustiche preliminari, indicano comunque certa la presenza di ulteriori specie Colonie e siti di interesse Le indagini preliminari hanno permesso di confermare l'alto interesse conservazionistico della Grotta della Guerra, che durante la stagione estiva accoglie, nella sua parte inferiore, una colonia di PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 8 di 12

9 Vespertilio maggiore (Myotis myotis) valutata in 600/1000 esemplari. Presente anche il Miniottero (Miniopterus schreibersii) soprattutto durante l'inizio della stagione autunnale. All'interno, lungo il sistema superiore, sono inoltre presenti esemplari sparsi. Altro sito di interesse sono risultate le cave dismesse in località Lumignano (Cava Ciole) con alte concentrazioni di esemplari in attività durante la stagione estiva e con la presenza di una colonia temporanea di Miniottero (Miniopterus schreibersii) di cui non è stato possibile determinare il numero di esemplari. Lo stesso complesso di cava Ciole ospita anche una colonia svernante di circa 180/200 esemplari di Ferro di cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum). Interessante dal punto di vista conservazionistico si è rivelato anche il complesso delle cave dismesse presso Villabalzana, dove ampi saloni presentano le caratteristiche per un possibile utilizzo da parte di colonie estive o invernali. Durante le sessioni di cattura sono stati catturati solamente pochi esemplari rinvenuti all'interno della cavità ma considerando però che l'accesso da parte degli animali rimane quasi totalmente precluso a causa dei cancelli di chiusura con maglie non adatte al passaggio in volo, si ritiene il sito potenzialmente idoneo alla colonizzazione. Gli ingressi delle cave si affacciano inoltre su un ampio spazio panoramico che abbraccia tutto il lago di Fimon, senza ostacoli evidenti e con ampie possibilità di ingresso ed uscita e ciò potrebbe rappresentare un ulteriore vantaggio per gli esemplari colonizzanti. PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 9 di 12

10 specie Formulario SIC L. 157/92 BERNA Ap.2 BONN Ap.2 HABITAT Ap.2 HABITAT Ap.4 IUCN Rhinolophus ferrumequinum* x x x x x x LR/cd Rhinolophus hipposideros x x x x x VU A2c Eptesicus serotinus* x x x x Miniopterus schreibersii* x x x x x x LR/nt Myotis oxygnathus* x x x x x x Myotis myotis* x x x x x x LR/nt Myotis nattereri* x x x x Pipistrellus kuhlii* x x x x Plecotus auritus* x x x x Plecotus macrobullaris* x Tadarita teniotis x x x x Hypsugo savii* x x x x Table 2: Specie rilevate con catture. PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 10 di 12

11 4. MISURE DI CONSERVAZIONE E GESTIONE 4.1. Grotta della Guerra/Mura Durante i diversi sopralluoghi presso la Grotta della Guerra e della Mura sono stati rinvenuti resti di fuochi e bivacchi, indicanti la frequentazione della cavità da parte di persone che molto probabilmente ignorano la fragilità dell'ambiente ipogeo. Risulta pertanto imprescindibile, come d'altra parte già indicato nel progetto Life+, la salvaguardia di tale sito, già ampiamente segnalato i letteratura, per evitare che venga compromesso a causa di una fruizione non regolata. Oltre alla presenza stabile della colonia di Chirotteri durante il periodo estivo, vale la pena segnalare che interventi di protezione potrebbero risultare favorevoli anche alla popolazione di Salamandra pezzata (Salamandra salamandra) presente con numerosi esemplari che trascorrono la stagione invernale presso le pozze interne della cavità. Azione conservativi del sito sono rappresentate essenzialmente dalla chiusura selettiva almeno del ramo destro inferiore, con cancellata metallica che precluda l'accesso alla colonia. Per evitare il problema dell'accensione di fuochi all'interno della cavità è inoltre opportuna la predisposizione di almeno un pannello informativo che informi gli eventuali frequentatori della valenza naturalistica del luogo. La Grotta delle Guerra dispone anche di un accesso superiore, aperto artificialmente qualche decina d'anni fa, che in accordo con i gruppi di interesse (associazioni speleologiche) verrà chiuso completamente, al fine di ripristinare le condizioni di circolazione d'aria, temperatura e umidità originarie. Stesso discorso si può fare per la vicina grotta della Mura, che nonostante risulti meno sviluppata e meno adatta alla presenza stabile di Chirotteri, è collegata direttamente tramite un tunnel artificiale alla grotta della Guerra. Pertanto verrà valutata e proposta la chiusura dell'ingresso o la chiusura del tunnel di collegamento in modo ohe l'eventuale disturbo in questa cavità non possa risultare dannoso alla colonia. Per entrambe le cavità, il periodo annuale di necessità assoluta di protezione coincide con il periodo di presenza della colonie, cioè da Aprile a Novembre, mentre per il restante periodo dell'anno può essere ammesso un disturbo dovuto alla presenza umana, anche nei rami protetti, purché compatibile con la natura del luogo Cave dismesse di Villabalzana Le cave dismesse di Villabalzana, come indicato sopra, rappresentano un sito potenzialmente idoneo PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 11 di 12

12 alla colonizzazione di popolazioni svernanti o estive di Chirotteri. Le azioni conservative preventivate possibili prevedono la pulitura della vegetazione esterna alle cavità in modo da rendere libere le entrate e il rifacimento almeno della metà superiore dei cancelli con maglie orizzontali di opportuna distanza. I cancelli, a differenza degli attuali che risultano sempre aperti, dovranno necessariamente precludere l'accesso indiscriminato delle persone. Gli interventi risultano inoltre utili dal punto di vista divulgativo, considerando che gli accessi delle cave si trovano in prossimità di una rete sentieristica che collega la valle e il Lago di Fimon frequentata da un buon numero di escursionisti: pertanto l'apposizione presso gli ingressi di pannellistica adeguata, riguardante le motivazioni degli interventi e la fauna presente, potrebbe rappresentare un utile strumento di sensibilizzazione. PROGETTO LIFE-NATURA IT/ pag 12 di 12

ESPERIENZE DI MONITORAGGIO DEI CHIROTTERI NELLE MARCHE

ESPERIENZE DI MONITORAGGIO DEI CHIROTTERI NELLE MARCHE ESPERIENZE DI MONITORAGGIO DEI CHIROTTERI NELLE MARCHE Paolo Forconi Studio Faunistico Chiros Lucrezia Maria Pascucci Eleonora Palatroni Maurizio Fusari Giovanni Carotti Giulia Fusco Nazzareno Polini Giorgio

Dettagli

Chirotteri: gli unici mammiferi a volo attivo

Chirotteri: gli unici mammiferi a volo attivo Chirotteri: gli unici mammiferi a volo attivo Le omologie nei vertebrati volatori Le particolarità del piede: appendersi a testa in giù Evoluzione: le forme ancestrali Evoluzione: la ecolocalizzazione

Dettagli

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 IL IL PROGETTO PROGETTO LIFE+ LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 AZIONI AZIONI DI DI CONSERVAZIONE, CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEGLI DEGLI HABITAT HABITAT EE DELLE DELLE SPECIE SPECIE EE SALVAGUARDIA

Dettagli

Codice sito: IT1205034 NATURA 2000 Data Form NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD PER ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS)

Codice sito: IT1205034 NATURA 2000 Data Form NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD PER ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Codice sito: IT1205034 NATURA 2000 Data Form NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD PER ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) PER ZONE PROPONIBILI PER UNA IDENTIFICAZIONE COME SITI D'IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC)

Dettagli

Università degli studi di Genova. Facoltà di Ingengneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con Perform

Università degli studi di Genova. Facoltà di Ingengneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con Perform Università degli studi di Genova Facoltà di Ingengneria, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali in collaborazione con Perform Master Universitario di II livello in 1 ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

Appendice. Schede tipologici per interventi in siti Natura 2000

Appendice. Schede tipologici per interventi in siti Natura 2000 Appendice Schede tipologici per interventi in siti Natura 2000 Le schede riportate nelle pagine seguenti, intendono essere strumento operativo di supporto all Ufficio Tecnico Comunale in sede di valutazione

Dettagli

PRIMA INDAGINE CONOSCITIVA DELLA CHIROTTEROFAUNA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BERGAMO

PRIMA INDAGINE CONOSCITIVA DELLA CHIROTTEROFAUNA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BERGAMO PRIMA INDAGINE CONOSCITIVA DELLA CHIROTTEROFAUNA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BERGAMO a Cura di dott.ssa Anna Maria Gibellini Rhinolophum ferrumequinum. Foto: A.Gibellini INTRODUZIONE La Comunità scientifica

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente Decreto n 34 / V Regione Autonoma della L Assessore della Difesa dell Ambiente OGGETTO: Azione di protezione delle produzioni ittiche negli stagni dell Oristanese dalla predazione degli uccelli ittiofagi.

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Progetto GESPO: L importanza della vegetazione ripariale per la conservazione dei Chirotteri. Paolo Agnelli & Giacomo Maltagliati

Progetto GESPO: L importanza della vegetazione ripariale per la conservazione dei Chirotteri. Paolo Agnelli & Giacomo Maltagliati Progetto GESPO: Palazzo Medici Riccardi, via Cavour, Firenze 19 Marzo 2014 L importanza della vegetazione ripariale per la conservazione dei Chirotteri Paolo Agnelli & Giacomo Maltagliati Sezione di Zoologia

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 PARERE RELATIVO ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA Direttiva 92/43/CEE, art.6, D.P.R. 08/09/1997 n. 357, art.5. Oggetto: D.P.R. n.

Dettagli

INDAGINE SUI CHIROTTERI DELLA VAL PAROL (COMUNE DI NAGO, PROVINCIA DI TRENTO, ITALIA NORD-ORIENTALE)

INDAGINE SUI CHIROTTERI DELLA VAL PAROL (COMUNE DI NAGO, PROVINCIA DI TRENTO, ITALIA NORD-ORIENTALE) Ann. Mus. civ. Rovereto Sez.: Arch., St., Sc. nat. Vol. 13 (1997) 265-276 1999 EDOARDO VERNIER INDAGINE SUI CHIROTTERI DELLA VAL PAROL (COMUNE DI NAGO, PROVINCIA DI TRENTO, ITALIA NORD-ORIENTALE) Abstract

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

SCHEDE DEI PRINCIPALI CHIROTTERI ITALIANI PRESENTI IN PARTE ANCHE NELLA VENA DEL GESSO ROMAGNOLA

SCHEDE DEI PRINCIPALI CHIROTTERI ITALIANI PRESENTI IN PARTE ANCHE NELLA VENA DEL GESSO ROMAGNOLA SCHEDE DEI PRINCIPALI CHIROTTERI ITALIANI PRESENTI IN PARTE ANCHE NELLA VENA DEL GESSO ROMAGNOLA Famiglia: Rhinolophidae Ferro di Cavallo minore (Rhinolophus hipposideros) Misure corporee: lunghezza testa-corpo:

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Chirotteri dell'umbria

Chirotteri dell'umbria Chirotteri Le rondini della notte 15 ottobre 2010 Chirotteri dell'umbria Stato attuale delle conoscenze e prospettive future di studio Cristiano Spilinga e Bernardino Ragni Studio Naturalistico Associato

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA - A cura di Omar Giordano Giorgio Ficetto Tecnici faunistici C.A. CN2 PREMESSA

Dettagli

Progetto Sentieri dei Colli Berici

Progetto Sentieri dei Colli Berici Progetto Sentieri dei Colli Berici Proposta di progetto per la creazione di una struttura dedicata alla gestione, manutenzione e promozione della rete sentieristica dei Colli Berici Preventivo versione

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici.

D.D.L. concernete Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. TESTO Articolo 1 Finalità 1. La presente legge disciplina

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ;

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ; DGR n.270 del 25 febbraio 2000 Richiamati: - la direttiva 79/409/CEE concernente la conservazione degli uccelli selvatici, con la quale al paragrafo 2 dell'art. 4. si prevede che gli Stati membri classifichino

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO 6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO Le specie più a rischio non sono oggetto di monitoraggi organici, in mancanza di fondi destinati a questo scopo; gli studi attivati sono

Dettagli

PARCO NAZIONALE DEl MONTI SIBILLINI

PARCO NAZIONALE DEl MONTI SIBILLINI PARCO NAZIONALE DEl MONTI SIBILLINI '>J'/ N. J del/ Z l-v/1., Oggetto: Convenzione con il Collegio Regionale delle Guide Alpine delle Marche per la pratica sostenibile delle attività e discipline alpinistiche.

Dettagli

07 Chirotteri 1-12-2006 11:40 Pagina 415. Chirotteri

07 Chirotteri 1-12-2006 11:40 Pagina 415. Chirotteri 07 Chirotteri 1-12-2006 11:40 Pagina 415 Chirotteri 07 Chirotteri 1-12-2006 11:40 Pagina 416 07 Chirotteri 1-12-2006 11:40 Pagina 417 Nome scientifico Rhinolophus euryale Nome comune Rinolofo Euriale Sistematica

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

L'istituzione di un Sistema Integrato di Gestione Ambientale (S.I.GE.A) vuole essere una

L'istituzione di un Sistema Integrato di Gestione Ambientale (S.I.GE.A) vuole essere una Presentazione del Progetto SIGEA UDINE SUD (*) -Sviluppo di un Sistema di Gestione Ambientale per l area della Zona Industriale di Udine e delle Zone Artigianali ed Urbane circostanti.- Le Motivazioni

Dettagli

A cura di Wildlife Research Unit, Laboratorio di Ecologia Applicata del Dipartimento di Agraria

A cura di Wildlife Research Unit, Laboratorio di Ecologia Applicata del Dipartimento di Agraria SIC Gole di Pennadomo e Torricella Peligna - Piano Gestione della chirotterofauna e dell ittiofauna 1 STUDI CHIROTTEROLOGICI E ITTIOLOGICI VOLTI ALLA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI GESTIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati Ai Consiglieri Nazionali Ai componenti il Comitato Amministratore AGROTECNICI/ENPAIA LORO SEDI e-mail

degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati Ai Consiglieri Nazionali Ai componenti il Comitato Amministratore AGROTECNICI/ENPAIA LORO SEDI e-mail Roma, 12 marzo 2013 Prot. n. 1130/ARA OR/ml Oggetto: competenze professionali in valutazioni di incidenza ambientale. Direttiva n. 92/43/CEE e DPR n. 357/1997. Circolare pubblica. Ai Presidenti dei Collegi

Dettagli

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Attività Area Natura 2000 e Osservatorio

Dettagli

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011 Allegato B alla Delibera di Comitato Esecutivo n. 21 del 04/04/2011 Capitolato tecnico - Allegato tecnico B DCE n. 20/2011 Monitoraggio delle popolazioni di uccelli nidificanti, svernanti e migratrici

Dettagli

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!!

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!! COMUNE DI PISA Ufficio Ambiente e-mail: ambiente@comune.pisa.it Tel.050 910551 Fax 050910416 sito internet: www.comune.pisa.it ~ orario di apertura: martedì: 9.00 13.00 giovedì: 15.00 17.00 Palazzo Pretorio

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica. Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane

COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica. Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane a cura di A.Gentilli, V.Ferri, L.Di Tizio, C.Scoccianti, G.Stagni e P.Ventrella, Giugno

Dettagli

Classificazione dei rifiuti

Classificazione dei rifiuti Classificazione dei rifiuti DM di modifica dell allegato D ed I della parte quarta del d. lgs.152/06 Dott.ssa Giulia Sagnotti Ministero dell Ambiente Direzione Generale RIN Divisione Rifiuti DM di modifica

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

VOLONTARIATO AL PARCO NATURALE ALPI MARITTIME

VOLONTARIATO AL PARCO NATURALE ALPI MARITTIME VOLONTARIATO AL PARCO NATURALE ALPI MARITTIME Un numero sempre maggiore di cittadini, per lo più donne e giovani, sono impegnati quotidianamente nella salvaguardia della flora e della fauna, attivi ogni

Dettagli

Premessa La presente Relazione è redatta in applicazione del DPR 357/97 art. 5, comma 6

Premessa La presente Relazione è redatta in applicazione del DPR 357/97 art. 5, comma 6 Premessa La presente Relazione è redatta in applicazione del DPR 357/97 art. 5, comma 6 Il Piano di Tavagnacco ridetermina le aree del Comune relazionando la situazione locale alle dinamiche ambientali

Dettagli

Azione N 10 del Piano di Gestione della Rete di riserve

Azione N 10 del Piano di Gestione della Rete di riserve RELAZIONE CONCERNENTE LA REALIZZAZIONE DI STUDI PROPEDEUTICI ALLA FORMAZIONE DI PIANI DI PROTEZIONE PER SPECIE ANIMALI DI INTERESSE COMUNITARIO POTENZIALMENTE PRESENTI Chirotteri (sp. pl.) gufo reale (Bubo

Dettagli

PARCO NAZIONALE MONTI SIBILLINI DECRETO DEL DIRETTORE N. 255 DEL 5 LUGLIO 2004

PARCO NAZIONALE MONTI SIBILLINI DECRETO DEL DIRETTORE N. 255 DEL 5 LUGLIO 2004 1 PARCO NAZIONALE MONTI SIBILLINI DECRETO DEL DIRETTORE N. 255 DEL 5 LUGLIO 2004 Disposizioni per la salvaguardia dell ambiente naturale della Valle del lago di Pilato Il Direttore del Parco VISTO: Il

Dettagli

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte LA GROTTA DEI CERVI DI PORTO BADISCO IN 3D Una visita virtuale nel Castello di Otranto Otranto (LE), 25-26 novembre 2010 La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte Virginia Valzano (Direttore

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Massa 2) Codice di accreditamento: NZ00625 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001)

PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001) Allegato A alla deliberazione di consiglio provinciale n. 53 del 19.07.2006 PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001) RELAZIONE PRELIMINARE D INDIRIZZO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 LE COMPETENZE

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172 PO FESR 2007-2013 - ASSE IV - LINEA 4.4 INTERVENTI PER LA RETE ECOLOGICA - AZIONE 4.4.1 - ATTIVITA E - Approvazione schema di convenzione

Dettagli

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Lungomare Scipioni,, 6 Sede dell Universit Università di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Sen. Pasquale Sollo INTRODUZIONE DI DISPOSIZIONI PER UNA RAZIONALIZZAZIONE DELLA TUTELA PENALE DELLA FAUNA SELVATICA PROTETTA ONOREVOLI SENATORI. Il presente disegno di

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 27.2.2002 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 27.2.2002 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 SEZIONE I CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 27.2.2002 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 DELIBERAZIONE 29 gennaio 2002, n. 18 Legge regionale 6 aprile 2000, n. 56 (Norme per la conservazione

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

Finalità. L offerta formativa prepara il selecontrollore per l iscrizione a due diverse sezioni dell Albo, a scelta del candidato:

Finalità. L offerta formativa prepara il selecontrollore per l iscrizione a due diverse sezioni dell Albo, a scelta del candidato: Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e naturale, gestione faunistica Provincia di Lodi Via Fanfulla, 14 26900 Lodi C.F. 92514470159 tel. 0371.442.1 fax 0371.416027 pec: provincia.lodi@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

SETTORE AMBIENTE SERVIZIO TUTELA E SVILUPPO FAUNA

SETTORE AMBIENTE SERVIZIO TUTELA E SVILUPPO FAUNA SETTORE AMBIENTE SERVIZIO TUTELA E SVILUPPO FAUNA DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA Oggetto Istituzione 1 del Centro di Recupero Animali Selvatici dell Associazione LIPU denominato OTUS. LA DIRIGENTE

Dettagli

Direttiva 79/409/CEE "Conservazione degli uccelli selvatici"

Direttiva 79/409/CEE Conservazione degli uccelli selvatici Si prefigge la protezione, la gestione e la regolazione di tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri Gli Stati membri devono adottare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA 8119 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10 Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

Provvedimento n. 36/2013 SCUOLA DI SCIENZE AMBIENTALI

Provvedimento n. 36/2013 SCUOLA DI SCIENZE AMBIENTALI Provvedimento n. 36/2013 SCUOLA DI SCIENZE AMBIENTALI Avviso di selezione per la stipula di n. 1 contratto di natura Professionale per attività di carattere tecnico-scientifico nell ambito Gestione del

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33. Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33. Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 25652 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33 Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

CHIROTTERI, MICROMAMMIFERI, MESOMAMMIFERI, PESCI

CHIROTTERI, MICROMAMMIFERI, MESOMAMMIFERI, PESCI CHIROTTERI, MICROMAMMIFERI, MESOMAMMIFERI, PESCI di Dino Scaravelli INDICE 1. INTRODUZIONE... 139 2. CRITERI DI SELEZIONE DELLE SPECIE OGGETTO DELLA RICERCA... 139 3. METODI DI ACQUISIZIONE DELLE INFORMAZIONI...

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO CENTRO DI RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Zona Industriale Brindisi IN PROCEDURA SEMPLIFICATA AI SENSI DELL ART. 216 DEL D.Lgs 152/2006 E ss.mm.ii.

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO Capraia Isola, 16.03.2010 Prot. 23/6/1 UT/RP/rp Al SEGRETARIO COMU ALE Dott. FRANCO PAOLO DEL SEPPIA Sede Comunale RELAZIONE PER L ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA DI ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

PRESENZA DEL MOLOSSO DI CESTONI, TADARIDA TENIOTIS, NELLA REGIONE VENETO (CHIROPTERA, MOLOSSIDAE)

PRESENZA DEL MOLOSSO DI CESTONI, TADARIDA TENIOTIS, NELLA REGIONE VENETO (CHIROPTERA, MOLOSSIDAE) Edoardo Vernier PRESENZA DEL MOLOSSO DI CESTONI, TADARIDA TENIOTIS, NELLA REGIONE VENETO (CHIROPTERA, MOLOSSIDAE) Riassunto. Il molosso di Cestoni, Tadarida teniotis (Rafinesque, 1814) è una specie di

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

La Rete Ecologica del Veneto

La Rete Ecologica del Veneto La Rete Ecologica del Veneto Convegno Le reti ecologiche nella pianificazione territoriale: il contributo del progetto Life+TEN c/o aula grande - Fondazione Bruno Kessler (FBK) via S. Croce, 77 Trento

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Capitolo 3 INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE DI ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO... 1 3.1.1.

Dettagli

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Unità di paesaggio (Art. 3.1-3.2) Indicazioni generali Le unità di paesaggio, al fine di garantire una gestione del territorio coerente con gli obiettivi di valorizzazione

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

INDICE 3 - CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 MANTENERE O MIGLIORARE LO STATO DELLE ACQUE È IMPORTANTE PER LA LORO PROTEZIONE,

INDICE 3 - CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 MANTENERE O MIGLIORARE LO STATO DELLE ACQUE È IMPORTANTE PER LA LORO PROTEZIONE, Bacino del fiume Sile I INDICE 3 - CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE DI ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO... 1 3.2. AREE DESIGNATE PER LA PROTEZIONE DI SPECIE ACQUATICHE

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI Silvano Toso ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI L Istituto Superiore per Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è un ente pubblico di ricerca

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DI IMPERIA ALLA POLIZIA PROVINCIALE DI IMPERIA Prot.n. 251/06

Dettagli

Plecotus austriacus ORDINE CHIROPTERA

Plecotus austriacus ORDINE CHIROPTERA Plecotus austriacus ORDINE CHIROPTERA Famiglia Rhinolophidae Rhinolophus euryale Blasius, 1853 Ferro di cavallo euriale Distribuzione in Italia: questa specie di rinolofo è stata segnalata per tutte le

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 24.4.2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 219/2008, presentata da Javier San Martin Larrinoa, cittadino spagnolo, che protesta contro

Dettagli

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa Silvano Toso Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa L Europa ha conosciuto tutte le tappe della cultura e del diritto della caccia La caccia preistorica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Michele Soprano Via Cescole n 52 Itri (LT) Telefono 3296155377 E-mail Data di nascita 01/09/1985

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli