Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI"

Transcript

1 Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI

2 Via Miranese Mirano (VE) Tel: Fax: DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direttore Dr.ssa Anna Urbani DOCUMENTO DI MISSION E DI VISION DEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE ULSS 13 Mission Coerentemente con l attuale Progetto Obiettivo Regionale per la Tutela della Salute Mentale, la mission del Dipartimento Salute Mentale è: promuovere la salute mentale, fornire consulenza, assistenza e trattamento alle persone, alle famiglie e alla popolazione in generale per migliorare il benessere e la funzionalità delle persone, mettendone in evidenza i punti di forza e le risorse, rafforzandone la resistenza e stimolando i fattori di protezione esterni; favorire il superamento dello stigma e dei pregiudizi e promuovere l inclusione sociale. Tali obiettivi vengono raggiunti attraverso il coordinamento delle due Unità Operative del DSM. Vision La Vision Aziendale ULSS 13 si esplicita nel "Ricercare e promuovere integrazioni, alleanze e sinergie sia all'interno dell'organizzazione sia all'esterno, con il contesto locale, per arricchire il capitale sociale esistente e per migliorare l'offerta dei servizi per la salute, in un'ottica di incremento delle condizioni di uguali opportunità e di tensione continua al miglioramento delle prestazioni e dei risultati; sviluppare e qualificare il capitale professionale degli operatori e sostenere il loro impegno nel fornire prestazioni di eccellenza" e la vision dell attuale Progetto Obiettivo Regionale per la Tutela della Salute Mentale è stata così definita La salute ed il benessere mentale sono fondamentali per la qualità della vita e la produttività degli individui, delle famiglie e delle comunità. In coerenza con entrambe il DSM si propone di rendere più omogenee le prassi operative dei percorsi di cura tra le due Unità Operative che lo compongono; implementare e rendere più definite le reti relazionali con i Servizi di confine; favorire gli interventi che hanno prove di efficacia; attivare e coinvolgere tutte le risorse cliniche, familiari e sociali per evitare il permanere degli utenti all interno del ambito psichiatrico e restituirli, per quanto possibile, alla vita sociale e lavorativa. Sapere che cosa bisogna fare, volere quello che è necessario, osare quello che deve essere tentato

3 UNITA ORGANIZZATIVE U.O.C. di Psichiatria Comunitaria area 1 Miranese Area Nord Mirano responsabile dell assistenza psichiatrica per la popolazione residente nei comuni di Mirano, Salzano, Scorzè, Noale, Martellago, Santa Maria di Sala, Spinea. U.O.C. di Psichiatria Comunitaria Area 2 Riviera del Brenta responsabile dell assistenza psichiatrica per la popolazione residente nei comuni di Dolo, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Fiesso d Artico, Fossò, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo. AMBITO DI RIFERIMENTO Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) rappresenta il punto di riferimento dell Area Tutela della Salute Mentale dell ULSS 13 e lo strumento per realizzare: una diffusa e completa tutela della salute mentale, negli ambiti preventivo, terapeutico e riabilitativo; la promozione, il mantenimento e l attuazione di progetti di formazione e aggiornamento degli operatori, nonché di sensibilizzazione ed informazione della popolazione residente. Il DSM articola il proprio sistema di assistenza lungo le seguenti linee direttrici clinicoorganizzative: FASE di EMERGENZA PSICHIATRICA: nella quale l intervento sanitario-psichiatrico avviene: nelle sedi ambulatoriali e di Day-Hospital; nel reparto di Diagnosi e Cura, quando l emergenza di uno stato acuto non permette il trattamento ambulatoriale. FASE TERAPEUTICO-RIABILITATIVA: nella quale le prestazioni sanitarie e socio-sanitarie vengono erogate a supporto di percorsi individualizzati integrati all interno di una rete, formale e informale, di strutture e servizi, nelle fasi intensiva ed estensiva del trattamento: Centri di Salute Mentale (CSM); Centri Diurni (CD); Comunità Terapeutiche Residenziali Protette (CTRP); Comunità Alloggio (CA); Alloggi a minore livello di protezione (APPARTAMENTI SEMIPROTETTI); Servizio di Assistenza Territoriale; Le altre strutture e/o servizi inseriti nei Piani di Zona. FASE di LUNGOASSISTENZA: nella quale gli interventi assumono una connotazione più propriamente socio-assistenziale, di supporto e accompagnamento a fronte delle difficoltà della vita quotidiana. Tali interventi, oltre ad alcuni punti della rete precedentemente elencata, si avvalgono, a fronte di necessità socio-assistenziali che richiedono un contesto di residenzialità, anche di strutture residenziali di lungo assistenza. Il sistema di assistenza psichiatrica, nell erogazione delle proprie prestazioni, fa riferimento al quadro normativo di applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, interagendo, in maniera sistematica, con Comuni, cittadini ed altri soggetti istituzionali e sociali, in un più ampio contesto di integrazione socio-sanitaria.

4 FUNZIONI E STRUMENTI OPERATIVI DEL DSM Il DSM svolge la funzione di coordinamento progettuale-programmatico delle equipe pluriprofessionali psichiatriche garantendo l integrazione concertata, interna ed esterna, la continuità assistenziale, la migliore efficienza operativa dei processi di prevenzione, cura, riabilitazione, assistenza. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI FUNZIONAMENTO Il nucleo centrale e strutturale del DSM è costituito da 2 equipe psichiatriche multidisciplinari integrate (Servizi Psichiatrici Territoriali) che si configurano come Unità Operative Autonome dotate di responsabilità economica (relativamente alla spesa generata). (P.O. regionale sulla Salute Mentale). Tabella dei Servizi Psichiatrici Territoriali L azione dei Servizi Psichiatrici Territoriali si sviluppa secondo un modello operativo che garantisce in maniera forte, indipendentemente dall afferenza amministrativa dei singoli Servizi psichiatrici, la continuità del trattamento, la progettualità personalizzata, l integrazione fra gli interventi di cura che richiedono l ospedalizzazione e gli interventi terapeutico-riabilitativiassistenziali erogati sul territorio. Il modello operativo si caratterizza, pertanto, per le seguenti componenti: L unicità dell equipe psichiatrica multidisciplinare integrata che, in ciascuna delle due aree territoriali assegnate ai Servizi psichiatrici, eroga le prestazioni ospedaliere e territoriali. Le equipe psichiatriche sono responsabili, dal punto di vista terapeutico ed organizzativo, delle strutture assegnate, del raggiungimento degli obiettivi di budget concordato e della efficacia dei percorsi terapeutici (P.O. regionale sulla Salute Mentale); L integrazione concertata, interna ed esterna, la continuità assistenziale e la migliore efficienza operativa del processo di cura attraverso la funzione di coordinamento progettuale-programmatico delle equipe pluriprofessionali psichiatriche esercitata dal DSM; L integrazione tra le competenze sanitarie e le competenze sociali, al fine di assicurare la continuità tra le azioni di prevenzione, cura e riabilitazione e reinserimento sociale. L integrazione socio-sanitaria si fonda sul concorso di più soggetti istituzionali e sociali sia nel momento della progettazione che in quello dell esecuzione e si sviluppa secondo le linee guida indicate dal P.O. regionale Tutela della Salute Mentale; La presa in carico globale della persona, che inserisce l erogazione delle prestazioni in un quadro di attenzione e preoccupazione per i bisogni complessivi della persona stessa, di continuità di riferimento e di trattamento sia longitudinalmente nel tempo, sia trasversalmente nelle varie sedi del trattamento; Il progetto individualizzato, strettamente collegato alle varie fasi della malattia, all evoluzione dei bisogni ed alla tipologia dei pazienti, quale strumento che riconduce ad unitarietà e ad integrazione, nella personalizzazione dei percorsi, le varie prestazioni, intrecciando i programmi terapeutico-riabilitativi-assistenziali dell utente con le prestazioni e con i luoghi degli interventi (ospedale, ambulatori, domicilio, strutture semiresidenziali e residenziali).

5 Sono parte delle unità di offerta del Dipartimento: 1 Comunità Alloggio, per 10 pazienti, situata a Camponogara (assistenza 24h/24) 2 Gruppi Appartamento semiprotetti, per 3 pazienti l uno, situati a Mirano (assistenza 6h/24 l uno) Entrambe queste strutture sono convenzionate con l ULSS 13 e gestite da Cooperativa. Il diritto alla TUTELA DELLA PRIVACY è garantito dal decreto legislativo n 196 in visione presso l URP o presso il sito aziendale

6 UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI PSICHIATRIA AREA NORD MIRANO Direttore Dr.ssa Anna Urbani Il Servizio Psichiatrico di Mirano del Dipartimento per la Salute Mentale ULSS13 si occupa dei problemi di salute mentale dell età adulta del territorio dei comuni di: Mirano, Salzano, Scorzè, Noale, Martellago, Santa Maria di Sala, Spinea. Esulano dalla competenza del servizio i problemi correlati all uso di alcool, di sostanze stupefacenti, i problemi dell handicap e associati alla demenza. Per queste problematiche il Servizio offre attività di consulenza e collaborazione ai progetti dei Dipartimenti di riferimento. L insieme di questi comuni costituisce il distretto n. 1 della ULSS 13. La popolazione complessiva, alla rilevazione del 31/12/2010, è di abitanti. Il Servizio Psichiatrico ha sede direzionale e segreteria a Mirano, via Miranese, 18 (presso il parcheggio antistante l Ospedale). Tel: Fax: OBIETTIVI L obiettivo del servizio è la risposta in tempi certi e con programmi verificabili alle persone con problemi di salute mentale, con priorità per le persone affette da patologia mentale grave residenti nel distretto n.1. E intento del servizio operare in collaborazione con altre strutture sanitarie esistenti nel territorio, in modo particolare con i due distretti sociosanitari, i medici di medicina generale e nel rispetto delle reciproche competenze con il SERT, la neuropsichiatria infantile, il settore sociale, l handicap adulto, la senilità. La risposta fornita consiste in prestazioni specifiche quali il ricovero, le visite psichiatriche, le consulenze psichiatriche, gli interventi psicologici individuali e di gruppo, le attività riabilitative, l assistenza domiciliare, l inserimento di pazienti nelle comunità terapeutiche che il servizio gestisce in proprio o la ricerca, in accordo con le specificità del caso, di altre soluzioni comunitarie compatibilmente con le risorse economiche disponibili. Per i pazienti presi in carico il servizio propone un progetto terapeutico costituito da un insieme di prestazioni integrate tra loro e continuative nel tempo. Per le situazioni gravi il servizio si propone come il referente pubblico principale per il paziente e per i suoi familiari, secondo i principi della continuità terapeutica (un unico progetto di cura da attuarsi nelle varie strutture, basato sul paziente, senza cesure tra ospedale e territorio e tra struttura e struttura) e del non abbandono (assistere comunque fino ad una soluzione soddisfacente, anche nel caso di scarsa efficacia della cura o di mancato supporto familiare). Pur in una considerazione realistica delle possibilità offerte, il servizio si propone come obiettivo curativo di fondo il miglioramento della qualità di vita del paziente e dei suoi familiari, la riduzione dei rischi di emarginazione e l integrazione sociale. Per quest ultimo aspetto il servizio collabora volentieri con il SIL, con le organizzazioni di auto aiuto e con tutte le organizzazioni volontarie esistenti nel territorio. Vision: - migliorare l applicazione del progetto terapeutico personalizzato nella presa in carico del paziente; - migliorare la qualità delle visite domiciliari (psicoeducazione); - agire di sinergia con l utenza monitorando più efficacemente l indice di gradimento e soddisfazione - promuovere la Recovery e l Empowerment dei pazienti

7 STRUTTURE Queste sono le strutture di cui il servizio dispone: CSM: dove hanno sede Ambulatori psichiatrici e psicologici Centro diurno Day Hospital territoriale Comunità Terapeutica Riabilitativa Protetta Il servizio utilizza altresì posti comunitari in altre istituzioni convenzionate esterne. Per tali istituzioni il servizio verifica periodicamente la congruenza dei programmi terapeutici concordati, affidando al personale convenzionato di queste strutture la gestione diretta delle attività riabilitative. Il servizio utilizza le risorse strutturali e di personale secondo gli obiettivi curativi esposti sopra e secondo il principio di efficienza, nella consapevolezza di operare, come tutte le altre istituzioni sanitarie, in un regime di risorse limitate.

8 IL CENTRO DI SALUTE MENTALE Responsabile Dr.ssa Anna Urbani STRUTTURA Il centro di salute mentale è l insieme funzionale di attività di programmazione e verifica di progetti di assistenza nel territorio e di attività medico specialistiche e psicologiche ambulatoriali e di coordinamento delle attività infermieristiche ambulatoriali e domiciliari. Del centro fa parte anche la presenza di un medico dedicato alla urgenza territoriale dalle 8.00 alle L equipe del CSM è pluriprofessionale e comprende: Medici specialisti in psichiatria; Psicologi; Educatori; Infermieri; OSS. Il coordinamento di tutta l attività del Centro è a cura della Dr.ssa A. Urbani. OBIETTIVI e FUNZIONI Il centro è la struttura fondamentale di accettazione della domanda di cura e di progettazione ed esecuzione degli interventi. Si occupa della patologia mentale psichiatrica dell adulto con priorità per i disturbi mentali gravi. In dettaglio si possono ottenere dal centro: INFORMAZIONE E ACCOGLIMENTO: si possono rivolgere tutti i cittadini in situazioni di disagio psichico che a giudizio del paziente o dei suoi familiari o del medico di medicina generale possano essere ritenute urgenti e non procrastinabili. Non serve in tal caso alcuna impegnativa e alcuna prenotazione. Tel Sia nel caso di richiesta informativa che di intervento un operatore del centro provvederà ad ascoltare il paziente, a dare informazioni, a fornire una risposta che potrà essere urgente o, dopo valutazione in equipe, programmata. PRESTAZIONI INFERMIERISTICHE: vengono erogate al CSM e, quando serve, a domicilio del paziente e comprendono: - Monitoraggio dei casi; - Somministrazione e consegna delle terapie farmacologiche. In ambulatorio si eseguono anche, su indicazione medica: - Prelievi venosi per il monitoraggio laboratoristico dei casi; - Flebo terapie; - Rilevazione dei parametri vitali. VISITE AMBULATORIALI E DOMICILIARI URGENTI: la risposta all urgenza può consistere in una visita ambulatoriale presso la sede del centro (in tempo reale, vedi sopra) o in un intervento domiciliare da parte del gruppo medico infermieristico (nel minor tempo possibile), in interventi di rete (attivazione di altre risorse come l assistente sociale dei comuni e il medico di base) o un eventuale ricovero in Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura a Dolo.

9 VISITE AMBULATORIALI NON URGENTI (PROGRAMMATE): nelle situazioni per le quali si preveda l opportunità di visite specialistiche psichiatriche e psicologiche il paziente verrà indirizzato alla normale attività ambulatoriale per la quale serve impegnativa del medico di base. Le prestazioni fornite sono la visita psichiatrica di inquadramento diagnostico, le visite successive, la psicoterapia individuale e il supporto familiare per la parte psichiatrica; visita, consulenza e inquadramento diagnostico, la psicodiagnostica, la psicoterapia individuale e familiare per la parte psicologica. Il ticket è da pagare come per qualsiasi altra prestazione ambulatoriale. Sono esentate dal pagamento del ticket le persone che ne hanno diritto per legge in base al reddito, all età e alle condizioni sociali. Sono inoltre esentate le persone per cui sono certificate alcune specifiche patologie psichiatriche. L ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA fornita dal centro è decisa dal gruppo medico-infermieristico dopo una valutazione della situazione ed è tipicamente sanitaria (non assistenziale). Consiste in visite periodiche a domicilio del paziente, fatte di norma da infermiere del centro senza o con la presenza del medico specialista. Sono finalizzate alla valutazione della situazione clinica e terapeutica. Hanno in media una frequenza da una a più alla settimana in fasi acute, a una al mese in situazioni stabilizzate. Esulano dalla attività domiciliare compiti propriamente assistenziali di durata e frequenza maggiore e finalizzati alla assistenza in situazioni senili, demenziali o di gravi handicap, (queste prestazioni sono fornite, secondo le competenze, dal distretto, dal settore sociale o dal comune). I medici del CSM forniscono anche consulenze all ospedale di Mirano, alla Lungodegenza di Noale, alla casa di riposo di Mirano, Noale, Salzano, Scorzè, e per le urgenze al PS di Mirano su richiesta dei colleghi. I medici del CSM partecipano all attività delle Unità Valutative Distrettuali Multiprofessionali per quanto di loro competenza. ORARIO DI APERTURA Il CSM è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle e il sabato dalle 8.00 alle 13.00: in queste ore è possibile trovare un infermiere disponibile che può suggerire il da farsi. Il medico per le urgenze è presente dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle In altre ore si può telefonare all SPDC dove c è una presenza medica attiva dalle alle dal lunedì al venerdì e dalle 8.00 alle del sabato.

10 GLI OPERATORI Responsabile: Dirigenti Medici: Dirigenti Psicologi: Capo Sala: Dr.ssa Anna Urbani Dr.ssa Marina Cobianchi Dr.ssa Marzia Figar Dr.ssa Chiara Olivotto Dr.ssa Mascia Ortolan Dr.ssa Alessandra Bonollo Dr. Ivan Pertile Dr.ssa Gabriella Vergine Dr. Giovanni Zanuttigh Dr.ssa Simona Mogni Dr. Walter Pozzobon Dr.ssa Francesca Sbraccia Dr.ssa Ornella Calzavara 10 Infermieri Professionali (di cui due a part - time) 2 Operatori Socio Sanitari 1 Educatore 1 Segretaria

11 DAY HOSPITAL TERRITORIALE Responsabile Dr. Ivan Pertile STRUTTURA: Area per le prestazioni diagnostiche e terapeutico riabilitative a breve e medio termine in regime semiresidenziale diurno. Un medico è responsabile della sua organizzazione, della valutazione del percorso assieme al medico inviante/referente, del coordinamento degli infermieri che vi operano, della registrazione dei dati. L equipe del DHT è pluriprofessionale e comprende: Medici specialisti in psichiatria; Psicologi; Infermieri; OSS. OBIETTIVI e FUNZIONI Il DHT offre interventi farmacologici e psicoterapeutici riabilitativi per situazioni di sub-acuzie psichiatriche per le quali non è opportuno o necessario il ricovero in strutture di degenza. Gli invii vengono fatti dallo psichiatra del CSM sia referente che medico per le urgenze. ORARIO DI APERTURA Il DHT è aperto per l utenza dalle ore 8.00 alle dal lunedì al venerdì Il riferimento normativo è il Dgr. 1616/2008 GLI OPERATORI Responsabile: Dr. Ivan Pertile 1 infermiere presente durante tutto il turno di apertura. Gli interventi specifici che si stimano necessari per il singolo paziente sono di volta in volta prestati dai diversi profili professionali del CSM. CAPACITA RECETTIVA: MAX. 12 posti/die

12 CENTRO DIURNO Responsabile Dr.ssa Mascia Ortolan E un centro terapeutico riabilitativo. E un luogo di incontro, di terapia, di socializzazione. E un occasione per poter usufruire di diversi tipi di terapia prevalentemente di gruppo. Il C.D. può essere utile a persone con gravi difficoltà relazionali e progettuali, perdita di competenze sociali, lavorative, scolastiche secondarie a patologia psichiatrica. Accoglie persone con un età che varia dai 18 ai 50 anni accomunate dal desiderio di diminuire la propria sintomatologia, migliorare le proprie competenze, mettere in comune con gli altri le proprie capacità. L invio può essere fatto dalle diverse strutture del Servizio: - Dagli ambulatori psichiatrici - Dalle Comunità psichiatriche I medici di medicina generale e i familiari possono prendere informazioni direttamente ma rivolgersi agli specialisti ambulatoriali per l invio. Non si occupa di problematiche legate alle dipendenze, alle patologie degenerative, ai deficit organici.

13 U.O.S. COMUNITA TERAPEUTICA RESIDENZIALE PROTETTA Direttore: Dr.ssa Francesca Sbraccia COSA E La Comunità Terapeutica Residenziale Protetta dell area nord è un Unità Operativa del Dipartimento di Salute Mentale che accoglie persone, con età compresa tra i 18 e i 45 anni, con disturbi psichici che incidono profondamente sul pensiero e nelle relazioni interpersonali e che pertanto necessitano di un percorso di cura ed assistenza in un ambiente sanitario protetto con forti caratteristiche familiari. OBIETTIVI L equipe della CTRP lavora per far riemergere l identità del paziente gravemente compromessa, attraverso un percorso di cura che porti al miglioramento della sintomatologia, delle relazioni con gli altri e auspicabilmente verso la guarigione. PROGETTO TERAPEUTICO È individuale e si avvale di una terapia integrata costituita da: Attività strutturate individuali o di gruppo Psicoterapia individuale Psicoterapia di gruppo Psicoterapia familiare Terapia ambientale Colloqui con i familiari Attività socio riabilitative Colloqui e visite psichiatriche Colloqui psicologici Farmacoterapia Collaborazione con agenzie esterne del territorio a altri servizi dell AULSS per il reinserimento sociale MODALITA DI ACCOGLIENZA L ammissione alla CTRP viene decisa dall equipe curante della Comunità su proposta di uno psichiatra del dipartimento. L accoglienza è di tipo full- time, con permanenza in Comunità nelle 24 ore. Ogni programma terapeutico è rigorosamente a termine. La comunità è attualmente dotata di 10 posti letto. GLI OPERATORI 1 psicologa-responsabile (per un tempo definito) 1 psichiatra (per un tempo definito) 14 tra infermieri e Operatori Socio Sanitari (di cui uno part-time) 1 A.F.D. caposala (per un tempo definito) ORARIO DI APERTURA È aperta tutto l anno per 24 ore al giorno. DOVE SI TROVA Via villetta, Salzano (VE) Tel. 041/ fax 041/437155

14 U.O.C. DI PSICHIATRIA COMUNITARIA AREA 2 RIVIERA DEL BRENTA Direttore F.F.: Dott.ssa Adriana Del Borrello L U.O.C. (Unità Operativa Complessa) di Psichiatria Comunitaria della Riviera del Brenta del Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS 13 si occupa dei problemi di salute mentale dell età adulta del territorio dei comuni di: Dolo, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Fiesso d Artico, Fossò, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo. L insieme di questi comuni costituisce il distretto n. 2 dell ULSS 13. La popolazione complessiva, alla rilevazione del 31/12/2010, è di unità, di cui di età superiore ai 17 anni. La sede direzionale e la segreteria sono collocate a Dolo, in via XXIX Aprile, 2, all interno della struttura ospedaliera (edificio numero 13). Contatti: Tel.: fax: Mission L U.O.C. ha come mission la gestione e l offerta di prestazioni finalizzate alla promozione della salute mentale, alla prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle persone affette da malattia mentale, con priorità per le persone che presentano patologia mentale grave. Obiettivi Favorire l accesso ai servizi dell unità operativa e la crescita di una cultura del superamento dello stigma del malato mentale e di ogni forma di pregiudizio. Garantire la presa in carico precoce, globale, continua e per tutto il tempo necessario delle persone con disagio o disturbo mentale assicurandone il funzionamento sociale e il miglioramento della qualità di vita. Produrre servizi essenziali, prestazioni appropriate e personalizzate utilizzando le risorse in maniera razionale. Offrire prestazioni e servizi in relazione ai bisogni delle persone nel rispetto dell autodeterminazione anche nei casi di gravità e di urgenza di un trattamento terapeutico. Attuare l integrazione con altri servizi sanitari e sociali, aziendali e territoriali per fornire risposte tempestive e complete e secondo i principi della continuità terapeutica. In particolare viene attuata una collaborazione con i Distretti Socio-Sanitari, i Medici di Medicina Generale, il SerT, la Neuropsichiatria Infantile, il settore sociale, l handicap adulto e la senilità. Valorizzare come risorsa la partecipazione delle associazioni dei familiari e degli utenti, del volontariato, del privato sociale e imprenditoriale.

15 Strutture L U.O.C. di Psichiatria Comunitaria dell Area Sud di Dolo è dotata delle seguenti strutture:. CSM: dove hanno sede: Ambulatori psichiatrici e psicologici; Centro diurno; Day Hospital Territoriale. SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA COMUNITÀ TERAPEUTICA RIABILITATIVA PROTETTA Sono utilizzati anche posti comunitari in altre istituzioni convenzionate esterne che gestiscono direttamente le attività riabilitative e viene garantita la verifica periodica dei programmi terapeutici concordati con i medici psichiatri referenti del progetto di cura. Il servizio utilizza le risorse strutturali e di personale secondo gli obiettivi esposti e secondo il principio di efficienza, nella consapevolezza di operare in un regime di risorse limitate. OPERATORI Direttore F.F.: Dirigenti Medici: Dirigenti Psicologi: AFD: Dott.ssa Adriana Del Borrello Dott. Alberto Castagna Dott.ssa Linda Cibinel Dott.ssa Barbara Corinto Dott.ssa Francesca Masier Dott. Renato Montemurro Dott.ssa Carmela Scolaro Dott. Elisa Serena Dott.ssa Francesca Ceccherelli Dott.ssa Bertilla Marcato Dott.ssa Maria Solito Sergio Barbato 29 Infermieri Professionali di cui 2 a tempo parziale) 16 Operatori Socio Sanitari (di cui 4 a tempo parziale) 1 Educatore 1 Segretaria Contatti: Tel.: fax:

16 CENTRO DI SALUTE MENTALE Responsabile: Dott.ssa Adriana Del Borrello Struttura Il CSM ha la funzione di programmare e verificare i progetti di cura, riabilitazione e reinserimento sociale dei pazienti residenti nell area della Riviera del Brenta e di coordinare le attività infermieristiche ambulatoriali e domiciliari. L equipe del CSM è pluriprofessionale comprende: 5 Medici specialisti in psichiatria 3 Psicologi (di cui 2 per 18 ore) 8 Infermieri Professionali (di cui 2 a tempo parziale) 3 Operatori Socio Sanitari (di cui 1 a tempo parziale) 1 Educatore 1 Segretaria Il coordinamento di tutta l attività del centro è a cura della Dott.ssa Adriana del Borrello. Obiettivi e Funzioni Il CSM è la struttura che definisce le modalità di approccio integrato e la presa in carico degli utenti con coinvolgimento e sostegno alle famiglie. Collabora con i medici di medicina generale e le agenzie territoriali interessate a migliorare la qualità della vita dei soggetti con malattie mentali. Il CSM inoltre definisce le priorità per gli interventi nei confronti dei pazienti con disturbi mentali gravi, e in particolare di pazienti psicotici con rischio di emarginazione e cronicizzazione, valorizzando l integrazione degli interventi e la continuità terapeutica. Le prestazioni sono definite nel progetto terapeutico individuale proposto e condiviso con gli utenti in carico al servizio e, nel rispetto della privacy, con i familiari. Infine, coordina le attività di pronto intervento per la gestione dell urgenza psichiatrica in collaborazione con la Medicina di Base, il Servizio di Continuità Assistenziale e il SUEM. Modalità di Accesso L'accesso al CSM può avvenire su invio del Medico di Medicina Generale, di un altro Medico (ospedaliero o privato), di altri Enti o Servizi Sociali, e attraverso la richiesta dell'interessato. Un operatore dedicato all accoglienza fornisce, anche telefonicamente (Tel ), tutte le informazioni utili per rispondere in maniera appropriata ai bisogni degli utenti o dei familiari. Le richieste di interventi urgenti non provenienti dal Pronto Soccorso ordinariamente pervengono all attenzione del personale del CSM deputato all accoglienza (Tel ) che fornirà la risposta più adeguata ai bisogni espressi dal paziente o dai familiari, indirizzandoli all attenzione del medico dedicato alle urgenze. L accesso alle attività del Centro diurno e del DHT viene concordato tra il responsabile della struttura intermedia e il medico referente del CSM, con attenzione all appropriatezza dell inserimento, al consenso informato e alla modalità di informazione ai familiari.

17 Modalità di Prenotazione Le prenotazioni per le prestazioni ambulatoriali vengono effettuate presso l Accettazione del Centro di Salute Mentale di Dolo, anche telefonicamente al numero La prenotazione viene effettuata dal personale del CSM dalle 9.00 alle dal lunedì al venerdì e il sabato dalle 9.00 alle e risulta registrata nelle liste di prenotazione del CUP aziendale. È necessario accedere con l impegnativa medica ed è previsto il pagamento del ticket presso l Ufficio Cassa, salvo le esenzioni per gli aventi diritto. Cosa Facciamo Visite psichiatriche ambulatoriali e domiciliari; Colloqui e valutazioni psicologiche; Attività di prevenzione mediante interventi di sensibilizzazione sui temi della Salute Mentale con i Medici di Medicina Generale e con la Popolazione; Attività di collaborazione con i Medici di Medicina Generale su singoli casi clinici, fornendo consulenze su specifici progetti terapeutici; Consulenze ai Servizi dell'area dell'handicap, delle Dipendenze, dell Età Evolutiva e Geriatrica; Psicoterapie individuali e di gruppo: sono effettuate in base alla disponibilità dell organizzazione e alla specificità del servizio; Attività psico-educazionale rivolta ai familiari dei pazienti con patologia psichiatrica grave. Prestazioni Infermieristiche Si svolgono nell Ambulatorio del CSM e, ove necessario, anche a domicilio se previste dal progetto personalizzato e comprendono: Monitoraggio dei progetti terapeutici; Somministrazione e consegna delle terapie farmacologiche; Attività riabilitative; Attività educativo-occupazionali. Assistenza domiciliare programmata. In ambulatorio si eseguono: Terapia infusiva; Rilevazione parametri vitali. Visite domiciliari Le visite domiciliari sono effettuate nell ambito di specifici trattamenti all interno di un progetto terapeutico concordato con il terapeuta di riferimento del CSM, e in integrazione con il Dipartimento delle Cure Primarie e del SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica), al fine di garantire una risposta appropriata anche alle richieste di interventi urgenti domiciliari. Le Attività Socio-Assistenziali Sono attività di Segretariato Sociale, a favore di nostri utenti finalizzate a: Promozione di percorsi di socializzazione, in collaborazione con altre Agenzie del territorio; Inserimenti lavorativi in collaborazione con il S.I.L. (Servizio Integrazione Lavorativa); Inserimenti in Strutture Residenziali e Semi-residenziali.

18 Orario di Apertura Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle Sabato dalle 8.00 alle Tel.: fax: Il medico per le urgenze è presente dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle al seguente numero Il sabato dalle alle è presente un solo medico del DSM per le urgenze di tutto il DSM (Area Nord Mirano e Area Sud Dolo). Nelle ore notturne feriali (dalle alle 8.00) e nei giorni festivi è attivo il servizio di pronta disponibilità medica. IL DAY - HOSPITAL TERRITORIALE Responsabile: Dott.ssa Barbara Corinto Il Day-Hospital Territoriale è una struttura che fornisce prestazioni diagnostiche, terapeuticoriabilitative a breve e medio termine in regime semi-residenziale diurno per patologie acute o subacute che non richiedono l ospedalizzazione. Capacità ricettiva: 10 pazienti. L invio viene fatto dal medico referente territoriale con attenzione alla appropriatezza dell inserimento, al consenso informato e alla modalità di informazione ai familiari. Il medico stesso ne curerà il percorso programmando gli interventi necessari. In situazioni di urgenza sarà coinvolto il medico in servizio per le urgenze. Orario di Apertura Dal lunedì al venerdì: dalle 9.00 alle

19 IL CENTRO DIURNO Responsabile: Dott.ssa Francesca Masier Struttura Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale del Centro di Salute Mentale che svolge attività terapeutiche e riabilitative, con particolare attenzione alla risocializzazione del paziente. Uno psicologo è responsabile della sua organizzazione e della valutazione del percorso terapeutico assieme al medico psichiatra inviante. Obiettivi La struttura del Centro Diurno si occupa della riabilitazione di pazienti che hanno disabilità sociali, relazionali e lavorative correlate alla malattia mentale. Gli utenti possono partecipare a gruppi con valenza psicoterapica, condotti da psicologi, e ai laboratori di tipo artistico, musicale e motorio. Tali attività, assieme alle uscite e ai soggiorni riabilitativi, rappresentano momenti strutturati in cui l utente interagisce e si relaziona con il gruppo, recuperando abilità residue e sperimentandone di nuove. Capacità ricettiva: 15 pazienti. Attività Terapeutico-Riabilitative Gruppo cinema; Gruppo teatro-terapia; Laboratorio di espressione artistica e manualità creativa; Gruppo giornale; Gruppo di attività motoria; Uscite riabilitative; Gruppo verbale. Modalità di Accesso Vi si accede attraverso progetti individualizzati, concordati con il terapeuta di riferimento, con proposta condivisa con il Responsabile del C.D.. L invio viene fatto dal medico referente territoriale con attenzione alla appropriatezza dell inserimento, al consenso informato e alla modalità di informazione ai familiari. Operatori 1 Medico per 10 ore 1 Infermiere per progetti individuali 2 OSS Orario di Apertura Il lunedì: dalle 8.00 alle e dalle alle dal martedì al venerdì: dalle 8.00 alle Sede Presso CSM Via XXIX Aprile, 2, all interno della struttura ospedaliera (edificio numero 13). Tel.: fax:

20 U.O.S. SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA Direttore: Dott. Renato Montemurro Struttura Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura, ubicato nell Ospedale di Dolo, è dotato di 15 posti letto di degenza ordinaria sia in regime volontario che obbligatorio. Il bacino di utenza è di unità, di cui unità di età superiore ai 17 anni, e comprende il Distretto Socio-Sanitario 1 dell area Nord e il Distretto Socio-Sanitario 2 dell area Sud. L SPDC accoglie pazienti che non sono gestibili in ambito ambulatoriale o domiciliare e che hanno bisogno di un trattamento ospedaliero per la gravità o acuzie della patologia psichiatrica. Mission Il SPDC svolge attività sanitaria per la formulazione di una corretta diagnosi e terapia farmacologica e psicologica volta alla risoluzione delle acuzie psichiatriche. La politica assistenziale del DSM mira a elevare al massimo l efficienza operativa del SPDC allo scopo di limitarne l utilizzo alla fase strettamente diagnostico-terapeutica delle manifestazioni psichiatriche acute, rinviando alle competenti strutture territoriali ogni altra tipologia di intervento. Modalità di Accesso L accesso avviene attraverso una valutazione da parte dello specialista del DSM dopo l invio da parte dei colleghi del CSM attraverso una lettera di presentazione. Le richieste urgenti avvengono attraverso invio del Medico di Medicina Generale o del SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica). Sono presenti in reparto il responsabile dell SPDC e il medico di reparto che si occupano della continuità assistenziale e terapeutica e delle urgenze provenienti dal SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica), dal territorio attraverso il filtro del CSM o dai MMG e delle consulenze dei reparti ospedalieri. Dalle alle è presente un solo medico del DSM per l assistenza ai pazienti del reparto e per le urgenze di tutto il DSM (Area Nord Mirano e Area Sud Dolo). Nelle ore notturne feriali (dalle alle 8.00) e nei giorni festivi è attivo il servizio di pronta disponibilità medica. Prestazioni Ricoveri a breve termine con finalità di contenimento intensivo della crisi, di formulazione o riformulazione della diagnosi, di osservazione intensiva con impostazione di progetti terapeutici territoriali; Valutazione di eventuali patologie organiche e trattamento attraverso consulenze specialistiche ed esami strumentali; Colloqui con i familiari di supporto e verifica del decorso clinico; Collaborazione con i colleghi dei servizi territoriali per formulare un progetto terapeutico extraospedaliero per il paziente; Colloqui psicologici e test psicodiagnostici; Interventi psicoeducazionali; Visite urgenti con invio da parte del SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica) o dei reparti ospedalieri o del MMG.

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS9 Azienda ULSS n. 9 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 DESIGNAZIONE dei DIRIGENTI MEDICI AUTORIZZATI al RILASCIO dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli