Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI"

Transcript

1 Direttore: Dott.ssa Anna Urbani CARTA DEI SERVIZI

2 Via Miranese Mirano (VE) Tel: Fax: DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direttore Dr.ssa Anna Urbani DOCUMENTO DI MISSION E DI VISION DEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE ULSS 13 Mission Coerentemente con l attuale Progetto Obiettivo Regionale per la Tutela della Salute Mentale, la mission del Dipartimento Salute Mentale è: promuovere la salute mentale, fornire consulenza, assistenza e trattamento alle persone, alle famiglie e alla popolazione in generale per migliorare il benessere e la funzionalità delle persone, mettendone in evidenza i punti di forza e le risorse, rafforzandone la resistenza e stimolando i fattori di protezione esterni; favorire il superamento dello stigma e dei pregiudizi e promuovere l inclusione sociale. Tali obiettivi vengono raggiunti attraverso il coordinamento delle due Unità Operative del DSM. Vision La Vision Aziendale ULSS 13 si esplicita nel "Ricercare e promuovere integrazioni, alleanze e sinergie sia all'interno dell'organizzazione sia all'esterno, con il contesto locale, per arricchire il capitale sociale esistente e per migliorare l'offerta dei servizi per la salute, in un'ottica di incremento delle condizioni di uguali opportunità e di tensione continua al miglioramento delle prestazioni e dei risultati; sviluppare e qualificare il capitale professionale degli operatori e sostenere il loro impegno nel fornire prestazioni di eccellenza" e la vision dell attuale Progetto Obiettivo Regionale per la Tutela della Salute Mentale è stata così definita La salute ed il benessere mentale sono fondamentali per la qualità della vita e la produttività degli individui, delle famiglie e delle comunità. In coerenza con entrambe il DSM si propone di rendere più omogenee le prassi operative dei percorsi di cura tra le due Unità Operative che lo compongono; implementare e rendere più definite le reti relazionali con i Servizi di confine; favorire gli interventi che hanno prove di efficacia; attivare e coinvolgere tutte le risorse cliniche, familiari e sociali per evitare il permanere degli utenti all interno del ambito psichiatrico e restituirli, per quanto possibile, alla vita sociale e lavorativa. Sapere che cosa bisogna fare, volere quello che è necessario, osare quello che deve essere tentato

3 UNITA ORGANIZZATIVE U.O.C. di Psichiatria Comunitaria area 1 Miranese Area Nord Mirano responsabile dell assistenza psichiatrica per la popolazione residente nei comuni di Mirano, Salzano, Scorzè, Noale, Martellago, Santa Maria di Sala, Spinea. U.O.C. di Psichiatria Comunitaria Area 2 Riviera del Brenta responsabile dell assistenza psichiatrica per la popolazione residente nei comuni di Dolo, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Fiesso d Artico, Fossò, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo. AMBITO DI RIFERIMENTO Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) rappresenta il punto di riferimento dell Area Tutela della Salute Mentale dell ULSS 13 e lo strumento per realizzare: una diffusa e completa tutela della salute mentale, negli ambiti preventivo, terapeutico e riabilitativo; la promozione, il mantenimento e l attuazione di progetti di formazione e aggiornamento degli operatori, nonché di sensibilizzazione ed informazione della popolazione residente. Il DSM articola il proprio sistema di assistenza lungo le seguenti linee direttrici clinicoorganizzative: FASE di EMERGENZA PSICHIATRICA: nella quale l intervento sanitario-psichiatrico avviene: nelle sedi ambulatoriali e di Day-Hospital; nel reparto di Diagnosi e Cura, quando l emergenza di uno stato acuto non permette il trattamento ambulatoriale. FASE TERAPEUTICO-RIABILITATIVA: nella quale le prestazioni sanitarie e socio-sanitarie vengono erogate a supporto di percorsi individualizzati integrati all interno di una rete, formale e informale, di strutture e servizi, nelle fasi intensiva ed estensiva del trattamento: Centri di Salute Mentale (CSM); Centri Diurni (CD); Comunità Terapeutiche Residenziali Protette (CTRP); Comunità Alloggio (CA); Alloggi a minore livello di protezione (APPARTAMENTI SEMIPROTETTI); Servizio di Assistenza Territoriale; Le altre strutture e/o servizi inseriti nei Piani di Zona. FASE di LUNGOASSISTENZA: nella quale gli interventi assumono una connotazione più propriamente socio-assistenziale, di supporto e accompagnamento a fronte delle difficoltà della vita quotidiana. Tali interventi, oltre ad alcuni punti della rete precedentemente elencata, si avvalgono, a fronte di necessità socio-assistenziali che richiedono un contesto di residenzialità, anche di strutture residenziali di lungo assistenza. Il sistema di assistenza psichiatrica, nell erogazione delle proprie prestazioni, fa riferimento al quadro normativo di applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, interagendo, in maniera sistematica, con Comuni, cittadini ed altri soggetti istituzionali e sociali, in un più ampio contesto di integrazione socio-sanitaria.

4 FUNZIONI E STRUMENTI OPERATIVI DEL DSM Il DSM svolge la funzione di coordinamento progettuale-programmatico delle equipe pluriprofessionali psichiatriche garantendo l integrazione concertata, interna ed esterna, la continuità assistenziale, la migliore efficienza operativa dei processi di prevenzione, cura, riabilitazione, assistenza. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI FUNZIONAMENTO Il nucleo centrale e strutturale del DSM è costituito da 2 equipe psichiatriche multidisciplinari integrate (Servizi Psichiatrici Territoriali) che si configurano come Unità Operative Autonome dotate di responsabilità economica (relativamente alla spesa generata). (P.O. regionale sulla Salute Mentale). Tabella dei Servizi Psichiatrici Territoriali L azione dei Servizi Psichiatrici Territoriali si sviluppa secondo un modello operativo che garantisce in maniera forte, indipendentemente dall afferenza amministrativa dei singoli Servizi psichiatrici, la continuità del trattamento, la progettualità personalizzata, l integrazione fra gli interventi di cura che richiedono l ospedalizzazione e gli interventi terapeutico-riabilitativiassistenziali erogati sul territorio. Il modello operativo si caratterizza, pertanto, per le seguenti componenti: L unicità dell equipe psichiatrica multidisciplinare integrata che, in ciascuna delle due aree territoriali assegnate ai Servizi psichiatrici, eroga le prestazioni ospedaliere e territoriali. Le equipe psichiatriche sono responsabili, dal punto di vista terapeutico ed organizzativo, delle strutture assegnate, del raggiungimento degli obiettivi di budget concordato e della efficacia dei percorsi terapeutici (P.O. regionale sulla Salute Mentale); L integrazione concertata, interna ed esterna, la continuità assistenziale e la migliore efficienza operativa del processo di cura attraverso la funzione di coordinamento progettuale-programmatico delle equipe pluriprofessionali psichiatriche esercitata dal DSM; L integrazione tra le competenze sanitarie e le competenze sociali, al fine di assicurare la continuità tra le azioni di prevenzione, cura e riabilitazione e reinserimento sociale. L integrazione socio-sanitaria si fonda sul concorso di più soggetti istituzionali e sociali sia nel momento della progettazione che in quello dell esecuzione e si sviluppa secondo le linee guida indicate dal P.O. regionale Tutela della Salute Mentale; La presa in carico globale della persona, che inserisce l erogazione delle prestazioni in un quadro di attenzione e preoccupazione per i bisogni complessivi della persona stessa, di continuità di riferimento e di trattamento sia longitudinalmente nel tempo, sia trasversalmente nelle varie sedi del trattamento; Il progetto individualizzato, strettamente collegato alle varie fasi della malattia, all evoluzione dei bisogni ed alla tipologia dei pazienti, quale strumento che riconduce ad unitarietà e ad integrazione, nella personalizzazione dei percorsi, le varie prestazioni, intrecciando i programmi terapeutico-riabilitativi-assistenziali dell utente con le prestazioni e con i luoghi degli interventi (ospedale, ambulatori, domicilio, strutture semiresidenziali e residenziali).

5 Sono parte delle unità di offerta del Dipartimento: 1 Comunità Alloggio, per 10 pazienti, situata a Camponogara (assistenza 24h/24) 2 Gruppi Appartamento semiprotetti, per 3 pazienti l uno, situati a Mirano (assistenza 6h/24 l uno) Entrambe queste strutture sono convenzionate con l ULSS 13 e gestite da Cooperativa. Il diritto alla TUTELA DELLA PRIVACY è garantito dal decreto legislativo n 196 in visione presso l URP o presso il sito aziendale

6 UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI PSICHIATRIA AREA NORD MIRANO Direttore Dr.ssa Anna Urbani Il Servizio Psichiatrico di Mirano del Dipartimento per la Salute Mentale ULSS13 si occupa dei problemi di salute mentale dell età adulta del territorio dei comuni di: Mirano, Salzano, Scorzè, Noale, Martellago, Santa Maria di Sala, Spinea. Esulano dalla competenza del servizio i problemi correlati all uso di alcool, di sostanze stupefacenti, i problemi dell handicap e associati alla demenza. Per queste problematiche il Servizio offre attività di consulenza e collaborazione ai progetti dei Dipartimenti di riferimento. L insieme di questi comuni costituisce il distretto n. 1 della ULSS 13. La popolazione complessiva, alla rilevazione del 31/12/2010, è di abitanti. Il Servizio Psichiatrico ha sede direzionale e segreteria a Mirano, via Miranese, 18 (presso il parcheggio antistante l Ospedale). Tel: Fax: OBIETTIVI L obiettivo del servizio è la risposta in tempi certi e con programmi verificabili alle persone con problemi di salute mentale, con priorità per le persone affette da patologia mentale grave residenti nel distretto n.1. E intento del servizio operare in collaborazione con altre strutture sanitarie esistenti nel territorio, in modo particolare con i due distretti sociosanitari, i medici di medicina generale e nel rispetto delle reciproche competenze con il SERT, la neuropsichiatria infantile, il settore sociale, l handicap adulto, la senilità. La risposta fornita consiste in prestazioni specifiche quali il ricovero, le visite psichiatriche, le consulenze psichiatriche, gli interventi psicologici individuali e di gruppo, le attività riabilitative, l assistenza domiciliare, l inserimento di pazienti nelle comunità terapeutiche che il servizio gestisce in proprio o la ricerca, in accordo con le specificità del caso, di altre soluzioni comunitarie compatibilmente con le risorse economiche disponibili. Per i pazienti presi in carico il servizio propone un progetto terapeutico costituito da un insieme di prestazioni integrate tra loro e continuative nel tempo. Per le situazioni gravi il servizio si propone come il referente pubblico principale per il paziente e per i suoi familiari, secondo i principi della continuità terapeutica (un unico progetto di cura da attuarsi nelle varie strutture, basato sul paziente, senza cesure tra ospedale e territorio e tra struttura e struttura) e del non abbandono (assistere comunque fino ad una soluzione soddisfacente, anche nel caso di scarsa efficacia della cura o di mancato supporto familiare). Pur in una considerazione realistica delle possibilità offerte, il servizio si propone come obiettivo curativo di fondo il miglioramento della qualità di vita del paziente e dei suoi familiari, la riduzione dei rischi di emarginazione e l integrazione sociale. Per quest ultimo aspetto il servizio collabora volentieri con il SIL, con le organizzazioni di auto aiuto e con tutte le organizzazioni volontarie esistenti nel territorio. Vision: - migliorare l applicazione del progetto terapeutico personalizzato nella presa in carico del paziente; - migliorare la qualità delle visite domiciliari (psicoeducazione); - agire di sinergia con l utenza monitorando più efficacemente l indice di gradimento e soddisfazione - promuovere la Recovery e l Empowerment dei pazienti

7 STRUTTURE Queste sono le strutture di cui il servizio dispone: CSM: dove hanno sede Ambulatori psichiatrici e psicologici Centro diurno Day Hospital territoriale Comunità Terapeutica Riabilitativa Protetta Il servizio utilizza altresì posti comunitari in altre istituzioni convenzionate esterne. Per tali istituzioni il servizio verifica periodicamente la congruenza dei programmi terapeutici concordati, affidando al personale convenzionato di queste strutture la gestione diretta delle attività riabilitative. Il servizio utilizza le risorse strutturali e di personale secondo gli obiettivi curativi esposti sopra e secondo il principio di efficienza, nella consapevolezza di operare, come tutte le altre istituzioni sanitarie, in un regime di risorse limitate.

8 IL CENTRO DI SALUTE MENTALE Responsabile Dr.ssa Anna Urbani STRUTTURA Il centro di salute mentale è l insieme funzionale di attività di programmazione e verifica di progetti di assistenza nel territorio e di attività medico specialistiche e psicologiche ambulatoriali e di coordinamento delle attività infermieristiche ambulatoriali e domiciliari. Del centro fa parte anche la presenza di un medico dedicato alla urgenza territoriale dalle 8.00 alle L equipe del CSM è pluriprofessionale e comprende: Medici specialisti in psichiatria; Psicologi; Educatori; Infermieri; OSS. Il coordinamento di tutta l attività del Centro è a cura della Dr.ssa A. Urbani. OBIETTIVI e FUNZIONI Il centro è la struttura fondamentale di accettazione della domanda di cura e di progettazione ed esecuzione degli interventi. Si occupa della patologia mentale psichiatrica dell adulto con priorità per i disturbi mentali gravi. In dettaglio si possono ottenere dal centro: INFORMAZIONE E ACCOGLIMENTO: si possono rivolgere tutti i cittadini in situazioni di disagio psichico che a giudizio del paziente o dei suoi familiari o del medico di medicina generale possano essere ritenute urgenti e non procrastinabili. Non serve in tal caso alcuna impegnativa e alcuna prenotazione. Tel Sia nel caso di richiesta informativa che di intervento un operatore del centro provvederà ad ascoltare il paziente, a dare informazioni, a fornire una risposta che potrà essere urgente o, dopo valutazione in equipe, programmata. PRESTAZIONI INFERMIERISTICHE: vengono erogate al CSM e, quando serve, a domicilio del paziente e comprendono: - Monitoraggio dei casi; - Somministrazione e consegna delle terapie farmacologiche. In ambulatorio si eseguono anche, su indicazione medica: - Prelievi venosi per il monitoraggio laboratoristico dei casi; - Flebo terapie; - Rilevazione dei parametri vitali. VISITE AMBULATORIALI E DOMICILIARI URGENTI: la risposta all urgenza può consistere in una visita ambulatoriale presso la sede del centro (in tempo reale, vedi sopra) o in un intervento domiciliare da parte del gruppo medico infermieristico (nel minor tempo possibile), in interventi di rete (attivazione di altre risorse come l assistente sociale dei comuni e il medico di base) o un eventuale ricovero in Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura a Dolo.

9 VISITE AMBULATORIALI NON URGENTI (PROGRAMMATE): nelle situazioni per le quali si preveda l opportunità di visite specialistiche psichiatriche e psicologiche il paziente verrà indirizzato alla normale attività ambulatoriale per la quale serve impegnativa del medico di base. Le prestazioni fornite sono la visita psichiatrica di inquadramento diagnostico, le visite successive, la psicoterapia individuale e il supporto familiare per la parte psichiatrica; visita, consulenza e inquadramento diagnostico, la psicodiagnostica, la psicoterapia individuale e familiare per la parte psicologica. Il ticket è da pagare come per qualsiasi altra prestazione ambulatoriale. Sono esentate dal pagamento del ticket le persone che ne hanno diritto per legge in base al reddito, all età e alle condizioni sociali. Sono inoltre esentate le persone per cui sono certificate alcune specifiche patologie psichiatriche. L ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA fornita dal centro è decisa dal gruppo medico-infermieristico dopo una valutazione della situazione ed è tipicamente sanitaria (non assistenziale). Consiste in visite periodiche a domicilio del paziente, fatte di norma da infermiere del centro senza o con la presenza del medico specialista. Sono finalizzate alla valutazione della situazione clinica e terapeutica. Hanno in media una frequenza da una a più alla settimana in fasi acute, a una al mese in situazioni stabilizzate. Esulano dalla attività domiciliare compiti propriamente assistenziali di durata e frequenza maggiore e finalizzati alla assistenza in situazioni senili, demenziali o di gravi handicap, (queste prestazioni sono fornite, secondo le competenze, dal distretto, dal settore sociale o dal comune). I medici del CSM forniscono anche consulenze all ospedale di Mirano, alla Lungodegenza di Noale, alla casa di riposo di Mirano, Noale, Salzano, Scorzè, e per le urgenze al PS di Mirano su richiesta dei colleghi. I medici del CSM partecipano all attività delle Unità Valutative Distrettuali Multiprofessionali per quanto di loro competenza. ORARIO DI APERTURA Il CSM è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle e il sabato dalle 8.00 alle 13.00: in queste ore è possibile trovare un infermiere disponibile che può suggerire il da farsi. Il medico per le urgenze è presente dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle In altre ore si può telefonare all SPDC dove c è una presenza medica attiva dalle alle dal lunedì al venerdì e dalle 8.00 alle del sabato.

10 GLI OPERATORI Responsabile: Dirigenti Medici: Dirigenti Psicologi: Capo Sala: Dr.ssa Anna Urbani Dr.ssa Marina Cobianchi Dr.ssa Marzia Figar Dr.ssa Chiara Olivotto Dr.ssa Mascia Ortolan Dr.ssa Alessandra Bonollo Dr. Ivan Pertile Dr.ssa Gabriella Vergine Dr. Giovanni Zanuttigh Dr.ssa Simona Mogni Dr. Walter Pozzobon Dr.ssa Francesca Sbraccia Dr.ssa Ornella Calzavara 10 Infermieri Professionali (di cui due a part - time) 2 Operatori Socio Sanitari 1 Educatore 1 Segretaria

11 DAY HOSPITAL TERRITORIALE Responsabile Dr. Ivan Pertile STRUTTURA: Area per le prestazioni diagnostiche e terapeutico riabilitative a breve e medio termine in regime semiresidenziale diurno. Un medico è responsabile della sua organizzazione, della valutazione del percorso assieme al medico inviante/referente, del coordinamento degli infermieri che vi operano, della registrazione dei dati. L equipe del DHT è pluriprofessionale e comprende: Medici specialisti in psichiatria; Psicologi; Infermieri; OSS. OBIETTIVI e FUNZIONI Il DHT offre interventi farmacologici e psicoterapeutici riabilitativi per situazioni di sub-acuzie psichiatriche per le quali non è opportuno o necessario il ricovero in strutture di degenza. Gli invii vengono fatti dallo psichiatra del CSM sia referente che medico per le urgenze. ORARIO DI APERTURA Il DHT è aperto per l utenza dalle ore 8.00 alle dal lunedì al venerdì Il riferimento normativo è il Dgr. 1616/2008 GLI OPERATORI Responsabile: Dr. Ivan Pertile 1 infermiere presente durante tutto il turno di apertura. Gli interventi specifici che si stimano necessari per il singolo paziente sono di volta in volta prestati dai diversi profili professionali del CSM. CAPACITA RECETTIVA: MAX. 12 posti/die

12 CENTRO DIURNO Responsabile Dr.ssa Mascia Ortolan E un centro terapeutico riabilitativo. E un luogo di incontro, di terapia, di socializzazione. E un occasione per poter usufruire di diversi tipi di terapia prevalentemente di gruppo. Il C.D. può essere utile a persone con gravi difficoltà relazionali e progettuali, perdita di competenze sociali, lavorative, scolastiche secondarie a patologia psichiatrica. Accoglie persone con un età che varia dai 18 ai 50 anni accomunate dal desiderio di diminuire la propria sintomatologia, migliorare le proprie competenze, mettere in comune con gli altri le proprie capacità. L invio può essere fatto dalle diverse strutture del Servizio: - Dagli ambulatori psichiatrici - Dalle Comunità psichiatriche I medici di medicina generale e i familiari possono prendere informazioni direttamente ma rivolgersi agli specialisti ambulatoriali per l invio. Non si occupa di problematiche legate alle dipendenze, alle patologie degenerative, ai deficit organici.

13 U.O.S. COMUNITA TERAPEUTICA RESIDENZIALE PROTETTA Direttore: Dr.ssa Francesca Sbraccia COSA E La Comunità Terapeutica Residenziale Protetta dell area nord è un Unità Operativa del Dipartimento di Salute Mentale che accoglie persone, con età compresa tra i 18 e i 45 anni, con disturbi psichici che incidono profondamente sul pensiero e nelle relazioni interpersonali e che pertanto necessitano di un percorso di cura ed assistenza in un ambiente sanitario protetto con forti caratteristiche familiari. OBIETTIVI L equipe della CTRP lavora per far riemergere l identità del paziente gravemente compromessa, attraverso un percorso di cura che porti al miglioramento della sintomatologia, delle relazioni con gli altri e auspicabilmente verso la guarigione. PROGETTO TERAPEUTICO È individuale e si avvale di una terapia integrata costituita da: Attività strutturate individuali o di gruppo Psicoterapia individuale Psicoterapia di gruppo Psicoterapia familiare Terapia ambientale Colloqui con i familiari Attività socio riabilitative Colloqui e visite psichiatriche Colloqui psicologici Farmacoterapia Collaborazione con agenzie esterne del territorio a altri servizi dell AULSS per il reinserimento sociale MODALITA DI ACCOGLIENZA L ammissione alla CTRP viene decisa dall equipe curante della Comunità su proposta di uno psichiatra del dipartimento. L accoglienza è di tipo full- time, con permanenza in Comunità nelle 24 ore. Ogni programma terapeutico è rigorosamente a termine. La comunità è attualmente dotata di 10 posti letto. GLI OPERATORI 1 psicologa-responsabile (per un tempo definito) 1 psichiatra (per un tempo definito) 14 tra infermieri e Operatori Socio Sanitari (di cui uno part-time) 1 A.F.D. caposala (per un tempo definito) ORARIO DI APERTURA È aperta tutto l anno per 24 ore al giorno. DOVE SI TROVA Via villetta, Salzano (VE) Tel. 041/ fax 041/437155

14 U.O.C. DI PSICHIATRIA COMUNITARIA AREA 2 RIVIERA DEL BRENTA Direttore F.F.: Dott.ssa Adriana Del Borrello L U.O.C. (Unità Operativa Complessa) di Psichiatria Comunitaria della Riviera del Brenta del Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS 13 si occupa dei problemi di salute mentale dell età adulta del territorio dei comuni di: Dolo, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Fiesso d Artico, Fossò, Mira, Pianiga, Stra, Vigonovo. L insieme di questi comuni costituisce il distretto n. 2 dell ULSS 13. La popolazione complessiva, alla rilevazione del 31/12/2010, è di unità, di cui di età superiore ai 17 anni. La sede direzionale e la segreteria sono collocate a Dolo, in via XXIX Aprile, 2, all interno della struttura ospedaliera (edificio numero 13). Contatti: Tel.: fax: Mission L U.O.C. ha come mission la gestione e l offerta di prestazioni finalizzate alla promozione della salute mentale, alla prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle persone affette da malattia mentale, con priorità per le persone che presentano patologia mentale grave. Obiettivi Favorire l accesso ai servizi dell unità operativa e la crescita di una cultura del superamento dello stigma del malato mentale e di ogni forma di pregiudizio. Garantire la presa in carico precoce, globale, continua e per tutto il tempo necessario delle persone con disagio o disturbo mentale assicurandone il funzionamento sociale e il miglioramento della qualità di vita. Produrre servizi essenziali, prestazioni appropriate e personalizzate utilizzando le risorse in maniera razionale. Offrire prestazioni e servizi in relazione ai bisogni delle persone nel rispetto dell autodeterminazione anche nei casi di gravità e di urgenza di un trattamento terapeutico. Attuare l integrazione con altri servizi sanitari e sociali, aziendali e territoriali per fornire risposte tempestive e complete e secondo i principi della continuità terapeutica. In particolare viene attuata una collaborazione con i Distretti Socio-Sanitari, i Medici di Medicina Generale, il SerT, la Neuropsichiatria Infantile, il settore sociale, l handicap adulto e la senilità. Valorizzare come risorsa la partecipazione delle associazioni dei familiari e degli utenti, del volontariato, del privato sociale e imprenditoriale.

15 Strutture L U.O.C. di Psichiatria Comunitaria dell Area Sud di Dolo è dotata delle seguenti strutture:. CSM: dove hanno sede: Ambulatori psichiatrici e psicologici; Centro diurno; Day Hospital Territoriale. SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA COMUNITÀ TERAPEUTICA RIABILITATIVA PROTETTA Sono utilizzati anche posti comunitari in altre istituzioni convenzionate esterne che gestiscono direttamente le attività riabilitative e viene garantita la verifica periodica dei programmi terapeutici concordati con i medici psichiatri referenti del progetto di cura. Il servizio utilizza le risorse strutturali e di personale secondo gli obiettivi esposti e secondo il principio di efficienza, nella consapevolezza di operare in un regime di risorse limitate. OPERATORI Direttore F.F.: Dirigenti Medici: Dirigenti Psicologi: AFD: Dott.ssa Adriana Del Borrello Dott. Alberto Castagna Dott.ssa Linda Cibinel Dott.ssa Barbara Corinto Dott.ssa Francesca Masier Dott. Renato Montemurro Dott.ssa Carmela Scolaro Dott. Elisa Serena Dott.ssa Francesca Ceccherelli Dott.ssa Bertilla Marcato Dott.ssa Maria Solito Sergio Barbato 29 Infermieri Professionali di cui 2 a tempo parziale) 16 Operatori Socio Sanitari (di cui 4 a tempo parziale) 1 Educatore 1 Segretaria Contatti: Tel.: fax:

16 CENTRO DI SALUTE MENTALE Responsabile: Dott.ssa Adriana Del Borrello Struttura Il CSM ha la funzione di programmare e verificare i progetti di cura, riabilitazione e reinserimento sociale dei pazienti residenti nell area della Riviera del Brenta e di coordinare le attività infermieristiche ambulatoriali e domiciliari. L equipe del CSM è pluriprofessionale comprende: 5 Medici specialisti in psichiatria 3 Psicologi (di cui 2 per 18 ore) 8 Infermieri Professionali (di cui 2 a tempo parziale) 3 Operatori Socio Sanitari (di cui 1 a tempo parziale) 1 Educatore 1 Segretaria Il coordinamento di tutta l attività del centro è a cura della Dott.ssa Adriana del Borrello. Obiettivi e Funzioni Il CSM è la struttura che definisce le modalità di approccio integrato e la presa in carico degli utenti con coinvolgimento e sostegno alle famiglie. Collabora con i medici di medicina generale e le agenzie territoriali interessate a migliorare la qualità della vita dei soggetti con malattie mentali. Il CSM inoltre definisce le priorità per gli interventi nei confronti dei pazienti con disturbi mentali gravi, e in particolare di pazienti psicotici con rischio di emarginazione e cronicizzazione, valorizzando l integrazione degli interventi e la continuità terapeutica. Le prestazioni sono definite nel progetto terapeutico individuale proposto e condiviso con gli utenti in carico al servizio e, nel rispetto della privacy, con i familiari. Infine, coordina le attività di pronto intervento per la gestione dell urgenza psichiatrica in collaborazione con la Medicina di Base, il Servizio di Continuità Assistenziale e il SUEM. Modalità di Accesso L'accesso al CSM può avvenire su invio del Medico di Medicina Generale, di un altro Medico (ospedaliero o privato), di altri Enti o Servizi Sociali, e attraverso la richiesta dell'interessato. Un operatore dedicato all accoglienza fornisce, anche telefonicamente (Tel ), tutte le informazioni utili per rispondere in maniera appropriata ai bisogni degli utenti o dei familiari. Le richieste di interventi urgenti non provenienti dal Pronto Soccorso ordinariamente pervengono all attenzione del personale del CSM deputato all accoglienza (Tel ) che fornirà la risposta più adeguata ai bisogni espressi dal paziente o dai familiari, indirizzandoli all attenzione del medico dedicato alle urgenze. L accesso alle attività del Centro diurno e del DHT viene concordato tra il responsabile della struttura intermedia e il medico referente del CSM, con attenzione all appropriatezza dell inserimento, al consenso informato e alla modalità di informazione ai familiari.

17 Modalità di Prenotazione Le prenotazioni per le prestazioni ambulatoriali vengono effettuate presso l Accettazione del Centro di Salute Mentale di Dolo, anche telefonicamente al numero La prenotazione viene effettuata dal personale del CSM dalle 9.00 alle dal lunedì al venerdì e il sabato dalle 9.00 alle e risulta registrata nelle liste di prenotazione del CUP aziendale. È necessario accedere con l impegnativa medica ed è previsto il pagamento del ticket presso l Ufficio Cassa, salvo le esenzioni per gli aventi diritto. Cosa Facciamo Visite psichiatriche ambulatoriali e domiciliari; Colloqui e valutazioni psicologiche; Attività di prevenzione mediante interventi di sensibilizzazione sui temi della Salute Mentale con i Medici di Medicina Generale e con la Popolazione; Attività di collaborazione con i Medici di Medicina Generale su singoli casi clinici, fornendo consulenze su specifici progetti terapeutici; Consulenze ai Servizi dell'area dell'handicap, delle Dipendenze, dell Età Evolutiva e Geriatrica; Psicoterapie individuali e di gruppo: sono effettuate in base alla disponibilità dell organizzazione e alla specificità del servizio; Attività psico-educazionale rivolta ai familiari dei pazienti con patologia psichiatrica grave. Prestazioni Infermieristiche Si svolgono nell Ambulatorio del CSM e, ove necessario, anche a domicilio se previste dal progetto personalizzato e comprendono: Monitoraggio dei progetti terapeutici; Somministrazione e consegna delle terapie farmacologiche; Attività riabilitative; Attività educativo-occupazionali. Assistenza domiciliare programmata. In ambulatorio si eseguono: Terapia infusiva; Rilevazione parametri vitali. Visite domiciliari Le visite domiciliari sono effettuate nell ambito di specifici trattamenti all interno di un progetto terapeutico concordato con il terapeuta di riferimento del CSM, e in integrazione con il Dipartimento delle Cure Primarie e del SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica), al fine di garantire una risposta appropriata anche alle richieste di interventi urgenti domiciliari. Le Attività Socio-Assistenziali Sono attività di Segretariato Sociale, a favore di nostri utenti finalizzate a: Promozione di percorsi di socializzazione, in collaborazione con altre Agenzie del territorio; Inserimenti lavorativi in collaborazione con il S.I.L. (Servizio Integrazione Lavorativa); Inserimenti in Strutture Residenziali e Semi-residenziali.

18 Orario di Apertura Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle Sabato dalle 8.00 alle Tel.: fax: Il medico per le urgenze è presente dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle al seguente numero Il sabato dalle alle è presente un solo medico del DSM per le urgenze di tutto il DSM (Area Nord Mirano e Area Sud Dolo). Nelle ore notturne feriali (dalle alle 8.00) e nei giorni festivi è attivo il servizio di pronta disponibilità medica. IL DAY - HOSPITAL TERRITORIALE Responsabile: Dott.ssa Barbara Corinto Il Day-Hospital Territoriale è una struttura che fornisce prestazioni diagnostiche, terapeuticoriabilitative a breve e medio termine in regime semi-residenziale diurno per patologie acute o subacute che non richiedono l ospedalizzazione. Capacità ricettiva: 10 pazienti. L invio viene fatto dal medico referente territoriale con attenzione alla appropriatezza dell inserimento, al consenso informato e alla modalità di informazione ai familiari. Il medico stesso ne curerà il percorso programmando gli interventi necessari. In situazioni di urgenza sarà coinvolto il medico in servizio per le urgenze. Orario di Apertura Dal lunedì al venerdì: dalle 9.00 alle

19 IL CENTRO DIURNO Responsabile: Dott.ssa Francesca Masier Struttura Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale del Centro di Salute Mentale che svolge attività terapeutiche e riabilitative, con particolare attenzione alla risocializzazione del paziente. Uno psicologo è responsabile della sua organizzazione e della valutazione del percorso terapeutico assieme al medico psichiatra inviante. Obiettivi La struttura del Centro Diurno si occupa della riabilitazione di pazienti che hanno disabilità sociali, relazionali e lavorative correlate alla malattia mentale. Gli utenti possono partecipare a gruppi con valenza psicoterapica, condotti da psicologi, e ai laboratori di tipo artistico, musicale e motorio. Tali attività, assieme alle uscite e ai soggiorni riabilitativi, rappresentano momenti strutturati in cui l utente interagisce e si relaziona con il gruppo, recuperando abilità residue e sperimentandone di nuove. Capacità ricettiva: 15 pazienti. Attività Terapeutico-Riabilitative Gruppo cinema; Gruppo teatro-terapia; Laboratorio di espressione artistica e manualità creativa; Gruppo giornale; Gruppo di attività motoria; Uscite riabilitative; Gruppo verbale. Modalità di Accesso Vi si accede attraverso progetti individualizzati, concordati con il terapeuta di riferimento, con proposta condivisa con il Responsabile del C.D.. L invio viene fatto dal medico referente territoriale con attenzione alla appropriatezza dell inserimento, al consenso informato e alla modalità di informazione ai familiari. Operatori 1 Medico per 10 ore 1 Infermiere per progetti individuali 2 OSS Orario di Apertura Il lunedì: dalle 8.00 alle e dalle alle dal martedì al venerdì: dalle 8.00 alle Sede Presso CSM Via XXIX Aprile, 2, all interno della struttura ospedaliera (edificio numero 13). Tel.: fax:

20 U.O.S. SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA Direttore: Dott. Renato Montemurro Struttura Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura, ubicato nell Ospedale di Dolo, è dotato di 15 posti letto di degenza ordinaria sia in regime volontario che obbligatorio. Il bacino di utenza è di unità, di cui unità di età superiore ai 17 anni, e comprende il Distretto Socio-Sanitario 1 dell area Nord e il Distretto Socio-Sanitario 2 dell area Sud. L SPDC accoglie pazienti che non sono gestibili in ambito ambulatoriale o domiciliare e che hanno bisogno di un trattamento ospedaliero per la gravità o acuzie della patologia psichiatrica. Mission Il SPDC svolge attività sanitaria per la formulazione di una corretta diagnosi e terapia farmacologica e psicologica volta alla risoluzione delle acuzie psichiatriche. La politica assistenziale del DSM mira a elevare al massimo l efficienza operativa del SPDC allo scopo di limitarne l utilizzo alla fase strettamente diagnostico-terapeutica delle manifestazioni psichiatriche acute, rinviando alle competenti strutture territoriali ogni altra tipologia di intervento. Modalità di Accesso L accesso avviene attraverso una valutazione da parte dello specialista del DSM dopo l invio da parte dei colleghi del CSM attraverso una lettera di presentazione. Le richieste urgenti avvengono attraverso invio del Medico di Medicina Generale o del SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica). Sono presenti in reparto il responsabile dell SPDC e il medico di reparto che si occupano della continuità assistenziale e terapeutica e delle urgenze provenienti dal SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica), dal territorio attraverso il filtro del CSM o dai MMG e delle consulenze dei reparti ospedalieri. Dalle alle è presente un solo medico del DSM per l assistenza ai pazienti del reparto e per le urgenze di tutto il DSM (Area Nord Mirano e Area Sud Dolo). Nelle ore notturne feriali (dalle alle 8.00) e nei giorni festivi è attivo il servizio di pronta disponibilità medica. Prestazioni Ricoveri a breve termine con finalità di contenimento intensivo della crisi, di formulazione o riformulazione della diagnosi, di osservazione intensiva con impostazione di progetti terapeutici territoriali; Valutazione di eventuali patologie organiche e trattamento attraverso consulenze specialistiche ed esami strumentali; Colloqui con i familiari di supporto e verifica del decorso clinico; Collaborazione con i colleghi dei servizi territoriali per formulare un progetto terapeutico extraospedaliero per il paziente; Colloqui psicologici e test psicodiagnostici; Interventi psicoeducazionali; Visite urgenti con invio da parte del SUEM (Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica) o dei reparti ospedalieri o del MMG.

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE

A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE Osservazioni generali Osservazioni al PSSR Si evidenziano solo alcune tra le criticità più rilevanti, la dove riguardano anche la salute

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 C A R T A D E I S E R V I Z I U n i t à O p e r a t i v a d i G e r i a t r i a Presidio Ospedaliero di Dolo Complesso

Dettagli

L infermiere case manager in psichiatria

L infermiere case manager in psichiatria Studi & Esperienze 1 L introduzione di nuovi modelli organizzativi all interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Relazione salute mentale adulti 01/03/2012

Relazione salute mentale adulti 01/03/2012 Relazione salute mentale adulti 01/03/2012 (a cura del responsabile Unità Funzionale Salute Mentale Adulti Zona delle Apuane, dott. Fabrizio Lazzerini)) La legge 180 e la legge 833 "Riforma del Servizio

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Carta dei servizi Istituto Dosso Verde Sede di Milano

Carta dei servizi Istituto Dosso Verde Sede di Milano Carta dei servizi Istituto Dosso Verde Sede di Milano SERVIZI... 2... 2... 3 AMBULATORIO... 4... 4 DEGENZA... 6... 6... 8... 9 EQUIPE... 11 1 Accreditato dal S.S.N. nel 1991 Autorizzato dalla Regione Lombardia

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Unità Operativa Complessa di MEDICINA INTERNA Presidio Ospedaliero di Mirano (VE) Direttore: Dott. Giuseppe Donà

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

SEZIONE C PRESIDI DI RIABILITAZIONE ESTENSIVA DEI SOGGETTI PORTATORI DI DISABILITA FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

SEZIONE C PRESIDI DI RIABILITAZIONE ESTENSIVA DEI SOGGETTI PORTATORI DI DISABILITA FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI SEZIONE C, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI PER LE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME RESIDENZIALE E/O SEMIRESIDENZIALE Trattasi di presidi che erogano prestazioni sanitarie specialistiche

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

Area della Salute Mentale

Area della Salute Mentale Area della Salute Mentale Pagina n. 101 Introduzione Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) della ASSL n. 6 Vicenza è il complesso di tutte le attività socio-sanitarie territoriali e sanitarie ospedaliere

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento dei Sert e delle Strutture di Trattamento Residenziali e Semiresidenziali per persone dipendenti da sostanze

Requisiti specifici per l accreditamento dei Sert e delle Strutture di Trattamento Residenziali e Semiresidenziali per persone dipendenti da sostanze Requisiti specifici per l accreditamento dei Sert e delle Strutture di Trattamento Residenziali e Semiresidenziali per persone dipendenti da sostanze d abuso Premessa Elenco strutture 1. Strutture ambulatoriali

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Riordino del sistema tariffario per la residenzialità e semiresidenzialità sociosanitaria. Abrogazione della D.G.R. n. 308/2005. N. 969 IN 01/08/2008 del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA Richiamati

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA DIPENDENZA DA ALCOOL 22/05/2015 Elena Bruno, Cristina

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Area psichiatrica Doppia Diagnosi Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE

PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE Indice Introduzione Premessa I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio Cap. 1 Le aree di bisogno

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

CENTRO di RIABILITAZIONE ambulatoriale day hospital tempo pieno vedano olona (va)

CENTRO di RIABILITAZIONE ambulatoriale day hospital tempo pieno vedano olona (va) A S S O C I A Z I O N E A S S O C I A Z I O N E VIA DON LUIGI MONZA, 10 21040 VEDANO OLONA (VA) TEL. 0332.866080 F AX 0332.400208 WWW. LANOSTRAFAMIGLIA. IT E - MAIL: LNFVEDANO@ TIN. IT C.F. E P. IVA: 00307430132

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. del OGGETTO: Approvazione Linee di Indirizzo regionali per i Disturbi dello Spettro Autistico (ASD). NOTE PER LA TRASPARENZA: Approvazione delle Linee di Indirizzo

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA ALLEGATO B1 DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA Riferimenti normativi 1. Piano Sanitario Nazionale 2007-2009 adottato con DPCM del 7.4.2006. 2. Piano Socio Sanitario Regionale

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA

COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL POTENZIAMENTO DELLA RETE DI SERVIZI PER LE MALATTIE DEMENTIGENE E PER I MALATI DI ALZHEIMER - DISTRETTO CENTRO NORD - 2011-2013 COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI TITOLO SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI AUTORI Giuseppe Cardamone (1), Edvige Facchi (2), Rita Pescosolido (3) (1) Direttore DSM ASL 9 di Grosseto

Dettagli

Conferenza territoriale per la salute mentale

Conferenza territoriale per la salute mentale Conferenza territoriale per la salute mentale Lecco, 3. 12. 2007 LA RESIDENZIALITA LEGGERA IN LOMBARDIA Giorgio Cerati Residenzialità psichiatrica: i punti critici Disomogeneità della presenza delle SR

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli