anno IX gennaio 2012 Mensile dei dipendenti di ENAV SpA - Controllo e sicurezza della navigazione aerea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno IX gennaio 2012 Mensile dei dipendenti di ENAV SpA - Controllo e sicurezza della navigazione aerea"

Transcript

1 Mensile dei dipendenti di ENAV SpA - Controllo e sicurezza della navigazione aerea Editoriale: ascoltare le aspettative del Cliente e delle Istituzioni per valorizzare il sistema ATM Le scuse dei Blues Brothers ed il paradosso di Einstein Le piattaforme SESAR in ambito ENAV Un anno in Academy: cosa ci ha insegnato il 2011? La Parola a... Alex Bristol 1 anno IX gennaio 2012 Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% DCB - Roma

2 EDITORIALE di Massimo Bellizzi Responsabile Area Operativa ENAV ASCOLTARE LE ASPETTATIVE DEL CLIENTE E DELLE ISTITUZIONI PER VALORIZZARE IL SISTEMA ATM IN UN DIFFICILE CONTESTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, CHE SI CARATTERIZZA PER UNA PERSISTENTE CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA, ENAV È CHIAMATA A SCELTE ALTERNATIVE E INNOVATIVE E L AREA OPERATIVA LAVORERÀ AFFINCHÈ OGNI POTENZIALE RISCHIO SIA SCONGIURATO O MINIMIZZATO E OGNI POSSIBILE OPPORTUNITÀ SIA COLTA AL VOLO. Un anno difficile è appena terminato e quello appena iniziato si preannuncia molto impegnativo. Le novità del 2011 e il mutato contesto normativo di riferimento faranno aumentare le responsabilità e gli oneri dell Area Operativa, chiamata a gestire un cambiamento che non ha precedenti in Europa. Da quest anno, i costi relativi alla fornitura dei servizi del traffico aereo non saranno più ripianati secondo il principio del cost-recover y, ma secondo determinati e vincolanti valori (già definiti fino al 2014), collegati all efficienza generale che ENAV sarà in grado di fornire nelle aree tipiche di un sistema performance based approach: safety, capacity, environment e cost-efficiency. Per gli ANSP europei, il 2012 sarà un anno fondamentale, caratterizzato dalla piena applicazione del performance scheme e dall introduzione del cost-cap 1 e, per tutti, si apriranno scenari diversi da quelli classici che, insieme ad inevitabili aree di rischio, creeranno i presupposti per nuove opportunità. In un difficile contesto nazionale ed internazionale, che si caratterizza per una persistente crisi economica e finanziaria che rende assolutamente incerte le prospettive del sistema trasporto aereo, ENAV è chiamata a scelte alternative e innovative e l Area Operativa lavorerà affinché ogni potenziale rischio sia scongiurato o minimizzato e ogni possibile opportunità sia colta al volo. Se, dal punto di vista prettamente operativo, dovremo solo mantenere gli eccellenti livelli raggiunti (e già questa è una sfida impegnativa!), le interdipendenze tra le aree di performance sulle quali l Azienda sarà, complessivamente, valutata determineranno l esigenza di man- tenere i livelli di qualità, sicurezza e puntualità raggiunti negli ultimi anni, operando in maniera economicamente più vantaggiosa e secondo modalità che tengano sempre più conto della sostenibilità ambientale. Nel presidio del core business societario, l Area Operativa intende porre sempre più al centro le aspettative del Cliente e delle Istituzioni e vuole contribuire alla massima valorizzazione del sistema ATM, quale infrastruttura strategica per le attività produttive, per il turismo e, in generale, per la ripresa economica, culturale e sociale del nostro Paese. Noi contiamo che, alla fine dell anno in corso, saremo in grado di rappresentare una società sempre più all altezza della situazione e l obiettivo, sfidante quanto coinvolgente, è quello di ancora una volta primeggiare in Europa. l 1 I sistemi sono stati introdotti con i Regolamenti (CE) n. 691/10 e 1191/10. 2

3 Tabella I - Volato, fonte dati CFMU, elaborazioni AOP/PATM n 1 - Gennaio 2012 LE SCUSE DEI BLUES BROTHERS ED IL PARADOSSO DI EINSTEIN Tabella 2 - Voli e Miglia Pianificate, fonte Piani di Volo, elaborazioni AOP/SIO/AOIS di Corrado Fantini Responsabile Funzione Prestazioni ATM ENAV Riferendosi alla grande crisi, Albert Einstein ha scritto «Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato». Questa citazione, più che mai attuale, sembra perfetta per introdurre qualche informazione sul 2011 di ENAV. Come i dati di traffico dimostrano (tabella 1), nel 2011 i voli assistiti sono stati, praticamente, gli stessi dell anno precedente (+0,4%) e il recupero iniziato nel 2010 sembra essersi interrotto. Una performance migliore di quella del 2009 (anno horribilis del trasporto aereo a livello mondiale) ma segnata da una crisi che appare localizzata e che, in Italia, fa registrare un incremento del numero di voli tra i più bassi d Europa, con valori assoluti ancora molto inferiori a quelli del Abbiamo risentito di fattori esogeni come la crisi Nord-Africana, la chiusura dello spazio aereo libico, le tensioni in Grecia. Difficilmente le cose torneranno come prima e solo l analisi delle informazioni disponibili ci aiuterà a capire cosa può accadere in futuro. Il primo dato che balza agli occhi è la non corrispondenza tra voli assistiti/miglia nautiche pianificate (tabella 2). A fronte di una leggerissima crescita del numero dei voli (0,4%), le NM diminuiscono di circa il 2,6%; questa evidente asimmetria dipende soprattutto dai sorvoli che, a fronte di una riduzione del 4,5% nel numero di voli, segna una riduzione del 9,5% nelle miglia pianificate. 3 Questi numeri sembrerebbero avvalorare la tesi secondo cui, una volta risolti i problemi contingenti (in particolare la No-Fly Zone sulla Libia), il volato potrebbe tornare a crescere. Ma altri numeri e altre informazioni sembrano volerci avvertire di possibili incognite. Il dato che appare più preoccupante è la discordanza tra i voli e le relative Unità di Servizio di rotta che, nel 2011, sono stimate in flessione di circa 2,7 punti percentuali. Dall analisi dei dati risulta che negli ultimi due mesi del 2011 si è accentuata la riduzione dei sorvoli, ma si è anche registrata una flessione dei voli domestici e dei collegamenti internazionali da/per gli aeroporti italiani (sia voli, che miglia pianificate). Questi ultimi fenomeni non sembrano direttamente legati alle contingenze, ma piuttosto appaiono effetti collaterali della crisi economica, delle modifiche del modello di business delle Compagnie Aeree e forse di specifici deficit del sistema trasporto aereo nazionale. Il Network Operations Report di EURO- CONTROL, segnala che il mese di dicembre 2011 si è caratterizzato per la crescita del traffico aereo in partenza dagli aeroporti Europei, ma lo stesso documento evidenzia che per Fiumicino (-6,1%), Malpensa (-10,3%) e Linate (-5,5%) la tendenza è inversa e segnala anche la flessione nel numero di voli operati da alcuni dei nostri principali clienti (AZA -6,3%, IBE -19,9%, BER -18,3%, DAL -9,5%, RYR -0,5%). Cosa sta accadendo? e perché? Accade qualcosa che Einstein spiega bene: «Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e le difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell incompetenza Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c è merito. È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze». Accade che, dopo anni di deregulation, le Compagnie Aeree stanno sviluppando un modello di business più appropriato a rispondere alla crisi e a determinare la selezione competitiva. Per avere adeguati livelli di rendita, un vettore deve mantenere elevato load-factor (fattore di carico) e bassi costi operativi, per questo, in momenti di crisi della domanda, si fermano gli aeromobili e si tagliano le rotte poco remunerative, in molti casi si accorpano i voli delle compagnie dello stesso gruppo e, quindi, si riducono le frequenze. Difficilmente, poi, anche quando riprende la domanda, si abbandonano le buone pratiche, così, si conferma il modello per ricercare l aumento dei profitti. Rispetto al nuovo scenario, un ANSP deve rivedere le proprie strategie e deve sviluppare programmi performance based e customer oriented. Fino ad oggi, per merito e non per caso, ENAV si è dimostrata pronta e i livelli raggiunti nelle aree di performance lo dimostrano: puntualità pressoché assoluta, pianificazione network ATS e gestione ATM a basso impatto ambientale e, soprattutto, eccellenti livelli di safety! Possiamo migliorare? Sicuramente possiamo e dobbiamo reagire. Ricordate John Belusci nel film The Blues Brothers? Vogliamo forse imitarlo? il piano nazionale di performance, la fine del costrecovery, i tagli agli incentivi di sistema, la mancanza di un piano aeroportuale nazionale, il terremoto, le cavallette!! Non credo sia il caso. Il ruolo di ENAV non è quello far sorridere il Paese, ma è quello di garantire all Italia un sistema ATM d eccellenza che sostenga lo sviluppo, quindi: miglioreremo la nostra produttività, amplieremo il perimetro del nostro core business, ottimizzeremo il rapporto con i clienti e con le istituzioni e supereremo la crisi senza essere superati. Einstein (molto più di Belushi) sembra un esempio da imitare e, volentieri, facciamo nostre le Sue conclusioni: «Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l unica crisi pericolosa che è la tragedia di non voler lottare per superarla». l

4 PIATTAFORME DI VALIDAZIONE INDUSTRIALI: LE SIMULAZIONI RELEASE1 DI SESAR Negli ultimi mesi del 2011 il Programma SESAR è entrato in una importante fase di validazione preoperativa denominata: Release 1. Tra tutti i progetti operativi SESAR, quelli a leadership ENAV hanno visto lo svolgimento di simulazioni RTS (Real-time Simulation) in cui i concetti appaiono in una scala di maturità molto avanzata ed in particolare quella definita V3 nella metodologia European Operational Con cept Validation Methodology E-OCVM. I progetti Trajectory Manage ment Framework in TMA, Tactical TMA and En-Route Queue Management e Usability Re quirements and Human Factors Issues for the Controller Working Position, hanno richiesto una recente campagna di validazione da Giugno a Novembre 2011, contando su un team di validazione composto da 12 Controllori/ATM experts e 10 tra di Luigi Mazzucchelli Responsabile Settore Sistemi Prototipali ENAV - SESAR WP3 Leader pseudo-piloti e piloti e da una piattaforma di sistema Industriale. In questo contesto, l approccio del programma SESAR, fortemente supportato da ENAV e dai vari partner internazionali, è stato quello di dare risalto all utilizzo di piattaforme pre-operative denominate IBP (Industrial Based Platforms). Tali piattaforme, equivalenti dal punto di vista funzionale e sistemistico a quelle utilizzate per le operazioni in sala, possono dar luogo a sperimentazioni di grande efficacia e prospettiva operativa in campo ATM. Queste piattaforme costituiscono oggi una importante risorsa impiegata in campagne di Controllori del Traffico Aereo e Pseudo Pilot nel corso delle Real Time Simulation. A destra i CTA Patrizia Panfili e Paolo Navarra. sperimentazione. Le stesse, pur mantenendo un elevato grado di affidabilità e robustezza, si caratterizzano per la loro complessità di gestione, configurazione ed evoluzione. Per affrontare le sfide future, il contesto SESAR vede - a leadership ENAV - un Work-package dedicato alla realizzazione di tali piattaforme denominato WP3 Validation Infrastructure Adaptation and Integration. In tale attività si vedono realizzati gli sforzi comuni e coordinati del tavolo A6 (i maggiori ANSP Europei) e le Industrie. Il WP3, per quello che riguarda le piattaforme del centro di Via Agri a Roma, è gestito dal Settore Sistemi Prototipali che si è dotato di sistemi tecnologicamente all avanguardia, in grado di simulare sia il segmento di terra che quello di bordo comprendendo sia piattaforme industriali che piattaforme di simulazione classiche. La piattaforma ENAV IBP di Via Agri a Roma è composta da un segmento di terra EnRoute/TMA denominato 4 Flight Foundation (4FF), da un simulatore di volo Autonomous Advan - ced Cokpit Simulator AACS e da un insieme aggiuntivo di simulatori che permette una rappresentazione di scenari operativi di traffico in modalità mixed-mode (i4d e non). La piattaforma 4FF fornita da SELEX Sistemi Integrati è composta da un insieme di componenti come il Flight Data Processing (FDP), l AMAN, il Data-link, il Multi Radar Tracking, un MTCD, i Safety Nets ed un generatore di Traffico. Il simulatore di volo Advanced Cockpit Simulator 4

5 (ACS) è fornito dalla società IDS, Ingegneria dei Sistemi SpA, che opera nella simulazione replicando la dinamica, la strumentazione e il comportamento di un aeromobile AIR- BUS A320. Questo,nella fattispecie risulta equipaggiato con FMS (Flight Manager System) avanzato capace di supportare operazioni i4d (initial 4D Trajectory) ed interconnesso con la piattaforma di terra. Ulteriori capacità dell infrastruttura permettono una completa integrazione tra preparazione di scenari traffico e piattaforma, una elevata capacità di settorizzazione ed una interoperabilità distribuita su reti geografiche anche attraverso l utilizzo di una SWIM-BOX basata su servizi di Interoperabilità tra sistemi ATM. Come innovazione tecnologica, rispondendo alla domanda SESAR di una dotazione di un numero crescente di funzionalità 4D-Trajectory, il Settore si è dotato di un segmento di bordo ad alta capacità con caratteristiche i4d. Esso, non potendo svilupparsi in un numero superiore di simulatori ACS, viene implementato attraverso istanze in ambienti virtualizzati chiamati iacs. Tali ambienti virtualizzati indicano l utilizzo di risorse virtuali al posto di risorse hardware fisiche (computer, server, workstation), permettendo l esecuzione contemporanea di più tool o sistemi o in questo caso di un certo numero di simulatori di volo a parità di risorse hardware. Attualmente, le tecniche di virtualizzazione vengono as- sociate al termine Cloud computing o piattaforme Cloud. Nel corso delle campagne di validazione SESAR in ambito ENAV, si può affermare di aver raggiunto quindi un elevato grado di sviluppo delle piattaforme di simulazione Industriali in grado di supportare capacità di controllo da terra e funzionalità a bordo in linea con le evoluzioni strategiche di ENAV nel contesto Internazionale di SESAR. Tali capacità potranno permettere il supporto delle simulazioni SESAR V2 e V3 nel corso dei prossimi anni dove, ad esempio, si prevede l integrazione con i simulatori industriali di AIR- BUS siti a Tolosa nell ambito del Progetto ASAS Sequencing and Merging. l OPEN DAY ENAV PRESENTAZIONE CAMPAGNA DI VALIDAZIONE SESAR 2011 Lo scorso mese di dicembre si è tenuto presso la sede ENAV di Via Agri a Roma, il SESAR Open Day promosso da ENAV con l obiettivo di presentare la campagna di validazione effettuata da ENAV nel 2011 nell ambito del Programma SE- SAR con particolare enfasi sugli esercizi previsti nella SE- SAR Release 1. Nello specifico, sono stati presentati i risultati conseguiti dai quattro Progetti Operativi SESAR condotti da ENAV e volti alla validazione di alcuni importanti concetti e scenari riguardanti l Area Terminale di Roma, il settore di Rotta e la nuova Controller Working Position. L evento organizzato dalla Funzione SESAR in collaborazione con Sistemi Prototipali è stato caratterizzato dagli interventi di Cristiano Baldoni (in foto), Iacopo Prissinotti, Luigi Mazzucchelli, dei responsabili dei quattro progetti presentati, nonché delle Industrie SELEX-SI e IDS, ed ha visto la partecipazione di numerosi esperti appartenenti a varie società ed organizzazioni italiane ed europee. Vivo apprezzamento è stato espresso dal Chief Programme Officer della SESAR JU, Florian Guillermet, che ha sottolineato l unicità e l importanza dell iniziativa, promossa per la prima volta in assoluto da un partner del Programma. La giornata si è conclusa con la visita delle piattaforme di validazione ENAV - 4 Flight Foundation (4FF), ESCAPE, Aircraft Simulator e Tower Simulator - utilizzate dai suddetti esercizi nel corso delle rispettive attività di simulazione real time. SESAR PER LA PRIMA VOLTA NEL RECURRENT TRAINING DEI CTA La Funzione SESAR in collaborazione con l Area Operativa ha avviato dallo scorso novembre la campagna di divulgazione SESAR presso i maggiori enti operativi di controllo (ACC e SAAV), con l obiettivo di far conoscere al personale operativo le attività e il ruolo ENAV all interno della SESAR Joint Undertaking ed approfondire con loro il nuovo Concetto Operativo e le attività di validazione che vedranno l Azienda impegnata da qui al Il calendario del corso SESAR ha già toccato le sedi degli ACC di Padova e Brindisi nonchè il Sistema Aero - portuale di Assistenza al Volo di Malpensa (nella foto l ing. Daniele Teotino/Funzione SESAR) con sessioni di Recur rent Training mirate a condividere con la realtà operativa l importanza che il Programma riveste a livello aziendale e ancor più importante render partecipi i controllori dei cambiamen - ti introdotti dal Concetto Operativo di SESAR per un confronto diretto con le nuove modalità del futuro sistema ATM. Prossime tappe del corso saranno Milano e Roma ACC previste rispettivamente per i prossimi febbraio e marzo. 5

6 LESSONS LEARNED COME STRUMENTO PER IMPARARE AD IMPARARE UN ANNO IN ACADEMY: COSA CI HA INSEGNATO IL 2011? Nel precedente contributo Fa - re formazione in ENAV (Cleared n. 2/2011) ci siamo lasciati con una riflessione e una sottolineatura circa la necessità per le persone che operano in organizzazioni complesse e dinamiche quali la nostra di sviluppare comportamenti orientati ad imparare ad imparare. Le esperienze e le lesson learned che da queste ricaviamo, sono una fonte preziosa dell apprendimento organizzativo e allora visto che l anno si è appena concluso, vorremmo proporre un modo diverso per fare un bilancio del 2011, raccontando oggi non cosa e quanto abbiamo insegnato lo scorso anno, ma cosa abbiamo appreso dalle esperienze di formazione progettate e realizzate per i nostri clienti interni ed esterni. Siamo infatti convinti che la formazione e l addestramento che Academy propone quotidianamente a borsisti e colleghi, siano per noi una opportunità unica di apprendere e crescere come professionisti della formazione. Di seguito vi proponiamo quindi quattro fra le tante piccole lezioni che crediamo di aver imparato nel 2011 e che costituiscono un patrimonio da coltivare e consolidare per continuare a migliorarci nel UN THE PER I CINESI, UN TAP- PETO PER I LIBICI Il 2011 è l anno che ha visto il consolidamento delle attività realizzate a favore di clienti internazionali, grazie alla stretta collaborazione con i colleghi della Funzione Sviluppo Commerciale. Centonovanta allievi di Giuseppe Baldetti e Giorgio Ghezzi - Responsabile Academy ENAV - Responsabile Servizi di sede Forlì e Segreteria Didattica ENAV provenienti da Cina, Ucraina, Libia e Albania, 17 corsi per un totale di ore di formazione erogate, ci hanno insegnato che la formazione non è solo trasmissione di conoscenze tecniche e sviluppo di abilità e competenze, ma è anche incontro di culture e interazione fra filosofie di vita e di lavoro diverse fra loro. E così, in Academy, abbiamo imparato a conoscere culture apparentemente lontane, a interagire con esse nel rispetto delle loro peculiarità con l obiettivo di massimizzare l efficacia del processo di apprendimento. Mettere a disposizione un tappeto per la Salat di mezzogiorno uno dei momenti di preghiera per i musulmani così come offrire un tè ai colleghi cinesi o la particolare attenzione posta rispetto nella gestione del concetto di faccia, miànz (complesso nodo di autorità, reputazione e credito sociale che ogni individuo cinese protegge e coltiva con grande attenzione) sono componenti fondamentali di un percorso formativo interculturale. Quando diversi competitor europei sono in grado di offrire servizi apparentemente equivalenti sotto un profilo contenutistico, sono anche i dettagli e le attenzioni verso gli aspetti più strettamente culturali che possono costituire il valore aggiunto e fare la differenza. 6 Nel 2011 abbiamo imparato che nello sviluppo di attività nel contesto internazionale, un solido training plan l abilità e la competenza degli istruttori sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi formativi, ma solo con uno sforzo di apertura interculturale è possibile ambire all eccellenza e mirare ai più alti standard di servizio. ASCOLTARE LA VOCE DEL CLIENTE Gli esperti di marketing lo hanno capito da tempo e le aziende che vogliono riuscire a concorrere sui mercati ne hanno fatto un proprio principio di azione: per offrire beni e servizi competitivi è necessario comprendere i bisogni del cliente, ascoltandone quotidianamente e con attenzione la voce. Da qui gli sforzi delle aziende per la costruzione di strumenti di customer satisfaction (e anche ENAV SpA si è da tempo mossa in tal senso) con l obiettivo di orientare la propria azione verso ciò che il cliente desidera e accompagnando al contempo il cliente in un processo di comprensione e definizione del suo stesso bisogno. Oggi, una formazione che intenda supportare i processi aziendali di sviluppo e di cambiamento non può sfuggire a queste logiche: anche per Academy, dunque, ascoltare la voce del cliente interno ed esterno diventa una fase fondamentale per sviluppare risposte di formazione operativa, tecnica e manageriale in grado di comprendere e soddisfare i bisogni di tutti. Solo ascoltando i bisogni del cliente finale siamo riusciti a migliorarne la

7 soddisfazione: il gradimento espresso dai responsabili di unità operative per la preparazione dei nuovi Controllori del Traffico Aereo formati in Academy e il gradimento espresso dai partecipanti e dai rispettivi capi relativamente ai corsi di formazione manageriale ha segnato significativi miglioramenti rispetto al Crediamo che questo miglioramento sia stato possibile solo attraverso il consolidamento delle relazioni con i nostri clienti. Nel 2011 abbiamo imparato che per raggiungere l eccellenza è necessario costruire una relazione forte e profonda con i propri clienti, per comprenderne i bisogni e coinvolgerli attivamente nelle fasi di progettazione e di focalizzazione della risposta di formazione: solo così potremo contribuire a definire percorsi mirati e selettivi per sviluppare quelle competenze prioritarie e necessarie per consolidare il ruolo internazionale conquistato da ENAV SpA. PRATICARE L INTEGRAZIONE PER INSEGNARE L INTEGRA- ZIONE Uno dei compiti che compongono la mission di Academy è la diffusione attraverso la formazione dei valori aziendali al fine di garantire, in maniera omogenea, la loro condivisione all interno di ENAV SpA. Fra questi valori, particolare rilievo ricoprono l integrazione e la collaborazione, fra le persone così come fra le Funzioni aziendali. Per adempiere questa sua mission, Academy non può limitarsi a costruire percorsi formativi efficaci, ma deve praticare l integrazione e la collaborazione: innanzitutto al proprio interno, nelle relazioni fra tutti i colleghi che portatori di diverse competenze e capacità contribuiscono alla realizzazione dei programmi formativi; e poi nelle relazioni con le al- tre Funzioni aziendali, attraverso una continua relazione di scambio e di integrazione. In questo senso, l incontro che si è svolto lo scorso 21 dicembre presso Academy assume una forte intensità e un valore simbolico: l Amministratore Unico Massimo Garbini, il Direttore dell Area Operativa Massimo Bellizzi, il Direttore Risorse Umane Umberto Musetti, hanno voluto condividere con tutti noi di Academy il meeting di fine anno, confermando in modo forte quale sia il valore che il vertice aziendale attribuisce alla formazione ed evidenziando nei fatti quale sia l importanza di un continuo confronto fra aree e funzioni aziendali. Nel 2011 abbiamo imparato che praticare in prima persona l integrazione e la collaborazione fra le persone e fra le Funzioni aziendali è indispensabile per poterla insegnare : perché per contribuire alla diffusione di valori aziendali noi di Academy dobbiamo riuscire ad essere di esempio. PRIMA DI INSEGNARE È NECES- SARIO IMPARARE. Grazie alla collaborazione con Area Operativa e Risorse Umane, abbiamo cercato di garantire che gli istruttori e i supervisori attivi in Academy avessero sempre adeguate esperienze abilità e competenze per essere impiegati nell insegnamento. Ma fare formazione significa anche essere coinvolti in un processo continuo di aggiornamento professionale, nonché di innovazione nei metodi e negli approcci con cui si gestisce la didattica: per questo motivo nel 2011 abbiamo dedicato grande attenzione alla formazione dei formatori, a quei processi di train the trainer (progettare e realizzare lezioni interattive, valutare la performance in simulazione, gestire briefing e de-briefing, ) che hanno l obiettivo di garantire la qualità del processo formativo. Nel 2011 è stato anche l anno in cui è stata avviata e progettata la collaborazione con NATS il service provider del Regno Unito per la definizione di un training plan comune per la fase ADI-RAD e per lo scambio di practice attraverso istruttori ANS Training, attività questa che ha preso il via nei primi giorni di gennaio 2012: il confronto e il benchmarking con una primaria realtà internazionale come il NATS rappresentano una interessante opportunità per proseguire nel miglioramento continuo della professionalità e della proiezione internazionale del team Academy. Nel 2011 abbiamo imparato che per essere efficaci nella gestione dei processi formativi, è necessario innanzitutto evitare l autoreferenzialità, porsi in un atteggiamento di umiltà e di apertura all apprendimento e all innovazione, studiare, approfondire, mettersi quotidianamente in gioco per migliorare le proprie performance professionali. LESSONS LEARNED E IMPEGNI PER IL FUTURO Questi sono alcuni degli apprendimenti che il 2011 ci ha offerto: il loro valore non è dato dalla loro originalità o dalla loro portata rivoluzionaria, ma piuttosto dal fatto che sono lezioni apprese dalle esperienze fatte e quindi profondamente radicate nelle persone di Academy. Condividerle attraverso Cleared con tutti i colleghi, significa prendere un impegno sfidante per il futuro, e cioè continuare a tradurre le lezioni apprese in attività concrete e in un processo di miglioramento continuo che porti valore aggiunto alle donne e agli uomini di ENAV SpA e anche un modo per applicare il metodo dell imparare ad imparare. l 7

8 CTA ENAV IMPEGNATI NELLE ATTIVITÀ DI VALIDAZIONE DI ERATO IN AMBITO SEASAR di Amedeo Belli Responsabile Settore Coordinamento Tecnico Operativo Internazionale ENAV Lo scorso dicembre 2011 ENAV ha partecipato alle attività di validazione relative al Work Package 4.3 di SESAR (En Route Integrated and Pre- Operational Validation) svolte in collaborazione con i provider francese DSNA e svizzero Skyguide presso l ACC francese di Brest nella regione della Bretagna. L obiettivo della Real Time Simulation effettuata è stato duplice: per DSNA validare l impiego dei tool di ERATO (En-Route Air Traf - fic Organizer) in un environment di tipo electronic (caratterizzato dall utilizzo delle strip elettroniche in sostituzione di quelle cartacee); per ENAV e Skyguide effettuare una prima valutazione dei possibili benefici derivanti dall impiego dei tool di ERATO nell electronic environment operativo attualmente utilizzato nei propri ACC. ERATO è uno strumento che supporta il controllore nella gestione del traffico aereo individuando i potenziali conflitti e mettendo in evidenza gli elementi da valutare per la soluzione degli stessi. La collaborazione tra DSNA, ENAV e Skyguide si è concretizzata attraverso la partecipazione di due CTA italiani (uno in forza all ACC di Padova, l altro in forza all ACC di Brindisi) e due CTA svizzeri (entrambi in forza all ACC di Ginevra) presso l ACC di Best. Per la prima volta inoltre gli aspetti di Human Factor sono stati curati da un team misto di esperti ENAV/DSNA, gettando le basi per una proficua collaborazione che potrà sicuramente essere approfondita e sfruttata nell ambito di future attività. Il team di controllori ha affrontato una prima settimana di intenso training teorico e pratico sull uso dei tool di ERATO, sulla HMI del sistema operativo in uso presso l ACC di Brest, sull area di servizio di Brest e sulle metodologie di lavoro connesse all utilizzo dei nuovi strumenti di gestione del traffico aereo. Sia il training teorico che quello pratico sono stati svolti con il supporto di un gruppo di controllori francesi, in servizio presso l ACC di Brest, che avevano ricevuto uno specifico addestramento all uso dei tool di ERATO. La seconda settimana di lavoro è consistita in una serie di esercizi al simulatore finalizzati all affinamento delle conoscenze teoriche acquisite ed è culminata nelle giornate di mercoledì 14 e giovedì 15 dicembre in cui sono stati svolti gli esercizi di simulazione soggetti a misurazione. Una prima analisi, ovviamente parziale, sui risultati delle attività svolte, effettuata dal team Human Factor misto ENAV / DSNA, ha evidenziato il giudizio globalmente positivo dei controllori sulle potenzialità dei tool di ERATO, accompagnato dalla richiesta di alcune evoluzioni indispensabili a renderlo pienamente efficace nei rispettivi ambienti operativi. In attesa della pubblicazione del report ufficiale contenente i risultati della simulazione è già possibile evidenziare un aspetto molto importante: l impiego di un team misto di controllori nelle attività di simulazione si è rivelato molto positivo, in quanto ha consentito di mettere a fattor comune le rispettive esperienze operative attraverso un costruttivo confronto (è da rimarcare che alcuni esercizi di simulazione prevedevano l impiego di due controllori di nazionalità diversa nello stesso settore operativo). l I CTA Luigi Rachiero (Brindisi ACC) e Marco De Paola (Padova ACC) durante una le simulazioni su ERATO a Brest ACC. 8

9 CLEARED NEWS a cura della Funzione Attività Internazionali ENAV CONFERENZA MESEURO: TEN-T NETWORK AND CORRIDORS Lo scorso gennaio si è tenuta presso la sede del Parlamento Europeo a Bruxelles la conferenza TEN-T Network and Corridors: Connecting Europe to East Countries and Mediter - ranean Regions promossa dal Cen - tro per gli Studi del Mediterraneo MESEURO. All incontro hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni europee, tra cui il Vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, europarlamentari, i maggiori stakeholders e gli istituti finanziari nazionali ed europei. Massimo Garbini, Amministratore Unico di ENAV, è intervenuto sulla necessità di dare un ruolo guida agli operational stakeholders cioè ai Forni - tori dei Ser vizi alla Navigazione Aerea, Compagnie Aeree ed aeroporti e di rendere disponibili dei fondi europei per supportare l implementazione del Programma SESAR, che rappresenta la modernizzazione dell infrastruttura ATM in Europa. Questo programma presuppone importanti investimenti dell industria del settore ed è uno dei punti di leva per rilanciare l economia europea in questi tempi di crisi. La Commissione Europea ha avviato nei mesi precedenti l iter legislativo per l approvazione dei due regolamenti fondamentali per la costituzione della nuova fase di pianificazione e finanziamento delle reti TEN-T ( ). l L AU di ENAV Massimo Garbini interviene alla conferenza MESEURO INCONTRO BILATERALE ENAV AIRBUS Il nuovo contesto europeo chiama ad un sempre più importante coinvolgimento i maggiori player del processo di modernizzazione dell infrastruttura ATM continentale e globale. La Società, in linea con tale evoluzione, sta rafforzando le numerose cooperazioni bilaterali e multilaterali al fine di confermare il ruolo di leadership degli ANSP nelle attività di ricerca e sviluppo e di implementazione necessarie al successo dell iniziativa SESAR. In questa luce va letto l incontro bilaterale tenutosi lo scorso dicembre a Tolosa tra le delegazioni ENAV ed Airbus. Due giorni intensi in cui gli esperti ENAV si sono confrontati con la controparte al fine di sviluppare una Knowledge Platform comune per supportare l eliminazione di comunicazioni voce via radio (R/T) nella maggior parte delle fasi di volo entro il 2020; a tal fine le delegazioni hanno quindi approfondito come sviluppare o adattare i concetti operativi e le modalità di lavoro dei controllori, gli attuali supporti tecnologici di terra e di bordo previsti dalle norme implementative sul datalink e su cui ENAV sta già investendo con il progetto LINK-IT, e gli enabler tecnologici futuri che vengono sperimentati in ambito SESAR, tra cui il sistema ADS-C e i datalink LDACS (terrestre) e SATCOM (satellitare). Il secondo giorno le delegazioni hanno analizzato l opportunità offerta dal bando pubblicato dalla SESAR JU per il cofinanziamento delle attività di dimostrazione dei concetti operativi SESAR. Grande interesse ha suscitato l iniziativa ENAV volta alla creazione di un progetto multistakeholder per la definizione di uno scenario operativo e 9 la conduzione di un certo numero di voli commerciali senza interazioni vocali tra controllori e piloti, voli durante i quali tutte le informazioni e le istruzioni avverranno attraverso il datalink (CPDLC). La delegazione ENAV, ha poi avuto l opportunità di visitare i cantieri di costruzione dell Airbus 380 e di invitare la società a visitare l ACC di Roma: appuntamento a febbraio. l

10 Q uesto articolo mi è venuto in mente durante le tante discussioni nel corso della fase di consultazione sul draft del Regolamento Europeo poi approvato come Performance Scheme (Reg 691/2010) e sulla prescrizione di elaborare un Piano di Prestazione nazionale. Manco a dirlo in ENAV avevamo idee un pò differenti dalla Commissione Europea: per noi venivano prima i target di safety e solo dopo quelli di capacità, economicità e sostenibilità, per evitare effetti negativi di possibili trade-off a scapito della sicurezza. Invece è andata a finire che per il primo periodo non si parla di obiettivi di safety, ma nel frattempo la rete della gestione del traffico deve garantire una diminuzione delle tariffe (costare di meno), una riduzione dei ritardi (aumentare la capacità), incrementare la sostenibilità ambientale (diminuire le emissioni nocive). Come dire, mentre definiamo con accuratezza gli obiettivi di safety, intanto conseguiamo risultati economici e di efficienza. Quando ci si trova di fronte ad obiettivi multipli e potenzialmente in competizione tra loro la storia dimostra che quasi sempre si corre il rischio di fallire. Per illustrare i rischi connessi con una tale situazione si fa di solito riferimento a due casi ormai divenuti materia di lezione universitaria. Il Vasa doveva essere l orgoglio della flotta militare svedese. Si trattava di un vascello maestoso: 69 metri di lunghezza, armato con 64 cannoni, riccamente arredato e decorato. Era una di quelle realizzazioni che servono a rendere evidente una supremazia e a impressionare gli avversari. Il 10 agosto 1628, giorno fissato per il viaggio inaugurale, il Vasa stava veleggiando verso l imboccatura del porto di Stoccolma, quando fu investito da una raffica di vento che lo fece notevolmente inclinare. Il veliero riuscì a raddrizzarsi, ma una seconda raffica lo piegò su un fianco. L acqua cominciò a penetrare dai portelli aperti dei cannoni. Il Vasa affondò a meno di venti minuti dall inizio del suo primo viaggio. Aveva percorso poco più di un chilometro. Il veliero ha rivisto la luce 333 anni dopo il suo naufragio, ed oggi è conservato a Stoccolma, al Vasa Museet. PIÙ LUNGA, PIÙ CANNONI, AC- CELERARE LA DATA DEL VARO! Ordinata in principio come una nave piccola e tradizionale, dopo numerosi ordini di cambiamento da parte del FASTER, CHEAPER, BETTER (FCB) OVVERO LA STORIA DI UN NAVIGLIO CHE NON VOLEVA NAVIGARE E DI NAVICELLE CHE NON DOVEVANO DECOLLARE Modello dello scafo del Vasa che illustra la bassa chiglia e i due ponti dei cannoni. re venne ingrandita sia in taglia che in armamento. Fu approntata una chiglia di 111 piedi (metri 33, 8), ma quasi immediatamente i lavori furono interrotti perchè il re aveva saputo che la Danimarca, nazione rivale, stava costruendo una nave più grande e con due ponti di cannoni, una vera novità per il tempo. Venne ordinato che la chiglia del Vasa fosse aumentata a 135 piedi (metri 41,1)e che doveva portare i cannoni alloggiati in 2 ponti coperti. Nessuno in Svezia aveva mai costruito una tale nave, e con il re che chiedeva continuamente e sempre a voce più alta sia maggiori dimensioni che celere consegna, non c era certo tempo per ingegnerizzare dei piani. Si decise allora che ampliare la chiglia di 111 piedi piuttosto che riapprontarne un altra da 135 piedi, avrebbe fatto risparmiare tempo. I mastri d ascia aggiunsero un estensione per allungare la chiglia ma il risultato risultava stretto in relazione alla sua lunghezza e al suo pescaggio molto basso per una nave di quella forma. di Roberto Di Carlo Responsabile Funzione Safety e Security ENAV All albero fu aggiunto mezzo metro ma poichè la chiglia era già stata realizzata si era dovuto aggiungere alle parti superiori della nave. Ciò innalzò il centro di gravità e contribuì all instabilità della nave. La chiglia bassa non garantiva spazio sufficiente per la zavorra necessaria a stabilizzare una nave di tale dimensione e lo stretto albero richiedeva tronchi di sostegno supplementari riducendo ulteriormente lo spazio per la zavorra. Un vascello più grande richiede cannoni più numerosi e di calibro maggiore chiedeva il re Gustavo Adolfo e dopo un infinito numero di revisioni insistette per 64 pezzi da 24, metà su ciascun ponte, più numerose bocche minori. Il ponte superiore, costruito per calibri da 12, ora doveva portare il peso del calibri da 24 sollevando ulteriormente il centro di gravità. Ma alla fine l accelerazione dei tempi di consegna consentì solo 48 pezzi da 24. In aggiunta allo straordinario peso il re ordinò che fossero montate anche centinaia di sculture dorate e dipinte di quercia. Con l intenzione di brillare più della rivale danese non furono risparmiati costi e il Vasa divenne il vascello più costoso del suo tempo. Nel frattempo morì il capo costruttore e, con l aggravante dell impazienza del re, il progetto venne continuato da 2 capimastri in un clima di divisione delle responsabilità e di comunicazioni incerte. Non c erano allora calcoli standardizzati per il centro di gravità, per le caratteristiche di 10

11 sbandata e fattori di stabilità, i comandanti imparavano provando l imbarcazione in mare, comunque si riteneva che più alta e impressionante e con più cannoni più indistruttibile sarebbe stata l imbarcazione. Non rimaneva che il test di rollio e 30 uomini furono fatti correre da una murata all altra per tre volte ma la prova fu interrotta perché la nave iniziò a dondolare così violentemente che il comandante pensò si sarebbe capovolta. I costruttori non furono informati e nulla venne fatto perché l unica correzione sarebbe stata l aggiunta di zavorra, se ci fosse stato più spazio, ma avrebbe abbassato la linea di galleggiamento praticamente portando i boccaporti dei cannoni inferiori se non sotto assai vicini al pelo dell acqua. re Gustavo, impossibilitato a comunicare, era impegnato in una campagna militare in Polonia e aveva ordinato che la barca fosse varata entro il 25 luglio in caso contrario i responsabili sarebbero stati oggetto della disgrazia di sua Maestà. La risposta più vicino al vero è l errore di progetto. In effetti l opera morta del Vasa è eccessivamente sviluppata: rispetto a un pescaggio di 4,8 metri, la poppa troneggia a più di 12 metri sopra il livello del mare! Il Vasa era un vascello speciale, che doveva essere il simbolo della potenza svedese nel Baltico e che perciò doveva rispondere a particolari esigenze di immagine di Gustavo Adolfo. Perciò, anche se nel profilo e nelle linee d acqua esso è molto simile alle altre navi del suo tempo, il suo progettista Henrik Hybertsson provò a sovradimensionarlo rispetto ai vascelli che aveva già costruito. Poiché Hybertsson non disponeva assolutamente di strumenti di calcolo matematico e la nave, visivamente, assomigliava fondamentalmente a tutte quelle che aveva costruito prima, egli non poteva rendersi conto che la nave era troppo alta e perciò instabile. Solo la prova di stabilità fatta subito prima della partenza rivelò questo errore, ma chi aveva la responsabilità e la possibilità di bloccare la nave non ebbe il coraggio di vedere la verità, anteponendo la fretta del re a ogni altra considerazione. GLI SHUTTLE CHALLENGER E COLUMBIA 17 anni prima del Columbia la navicella spaziale Challenger scoppiò durante il lancio a causa della rottura della O-ring cioè la guarnizione alle giunture dei razzi ausiliari. Esplosione del Challenger 73 secondi dal decollo. Da una semplice prospettiva tecnica la rottura della O-ring e il colpo del pezzo di rivestimento staccatosi condividono poche caratteristiche. E il contesto delle 2 avarie che ha molto in comune invece. Assai sorprendentemente la NASA era consapevole di entrambi i difetti molto prima I voli fatali del Challenger e del Columbia. Prima dell esplosione del Challenger c erano già state 9 rotture di O-ring. Prima del disastro del Columbia c erano state almeno altri 7 episodi di impatto con pezzi di rivestimento staccato. Nonostante la conoscenza di tali difettosità in entrambi i casi il managemenet ha lasciato che i voli shuttles continuassero. PRESSIONI DI PROGRAMMA E DI BUDGET Dal 1992 al 2000, Smaller, Faster, Cheaper era il mantra adottato dal management della NASA. Mentre i politici acclamavano il successo del programma spaziale ne ridussero il budget del 40%. Sotto pressione per mancanza di fondi la NASA iniziò a ricorerre all outsourcing della maggioranza del suo lavoro e simultaneamente tagliò il suo programma di safety. Si accettava che la safety potesse essere ridotta perchè gli appaltatori si sarebbero assunti la responsabilità per la safety. In pubblico la NASA continuava a dichiarare l importanza della safety. Ma il consiglio scoprì che le riduzioni di personale inviavano segnali diversi. Snellimenti e ridimensionamenti, che non passano certo inosservati ai dipendenti, trasmettono un messaggio che l efficienza è un obiettivo importante. quando si accoppia il motto del 1990 della NASA faster, better, cheaper con i tagli che drammaticamente riducono il personale della safety, l efficienza diventa un segnale forte e la safety quello debole. Sally Ride, ex astronauta e prima donna nello spazio, ha partecipato alle investigazioni di entrambi gli incidenti 11 del Challenger e del Columbia. Circa le pressioni del budget così commentava: Faster, better, cheaper applicato al programma di uomini nello spazio non è un concetto produttivo. È falsa economia. È veramente difficile averli tutti e tre simultaneamente. Scegli i tuoi due favoriti. Per il volo umano nello spazio è meglio aggiungere al motto anche la parola safety I livelli di vertice della NASA iniziarono subito ad essere occupati da business manager in luogo di ingegneri tecnici. Lo shuttle una volta designato come velivolo developmental cioè che poteva volare ma non era ancora pronto per il suo massimo impiego. Con la cultura del nuovo management divenne un velivolo operative con ciò intendendo che l obiettivo era quello di estrarre più operazioni (lanci) possibili. Il risultato: anche piccoli difetti come il consumarsi degli O-ring e gli impatti con i pezzi del rivestimento non venivano visti come seri pericoli al volo dello shuttle e erano tollerati quali parti delle operazioni di routine. Poichè queste cose non erano difetti seri e aggiustarli avrebbe ritardato voli, lo shuttle avrebbe volato con essi. Le scarse risorse venivano assegnate a problemi definiti più seri dei pezzi di rivestimento e degli O-ring. Il management intendeva procedere alla riparazione integrale di questi minori problemi alla fine ma solo dopo che i programmi di lancio fossero stati rispettati. Di nuovo, Sally Ride ci aiuta a capire:. Se il top management va faster, better, cheaper, ciò ricade giù e pone l accento sul rispetto dei programmi e sul miglioramento dei processi e dei costi. E con il passare del tempo da l impressione che budget e programma sono le cose più importanti. La nuova filosofia della NASA, better, faster, cheaper (ovvero meglio, più veloce mente e a minor costo ), non sembra dunque dare i frutti sperati. Con una punta di sarcasmo, Keith Cowing, autore di un editoriale comparso sul sito web della NASA, ha scritto: Cheaper? Yes. Better? No. Faster? No. La filosofia del Faster, Cheaper and Better, si dimostra, a mio avviso, fallimentare. Del resto vecchi adagi ci mettono da sempre in guardia dal risparmiare costi quello che costi o dal noi per risparmiare non badiamo a spese e ci ricordano che presto e bene non vanno d accordo ) l

12 LA PAROLA A... ALEX BRISTOL DIRETTORE OPERATIVO (COO) DI SKYGUIDE Bristol ha iniziato la sua carriera in ATM nel 1992 al NATS come controllore di avvicinamento a Heathrow. Nel 2003 è passato alla gestione ATC come responsabile (ATS) dell aeroporto di Farnborough e, nei 6 anni successivi, ha lavorato come responsabile di 3 dei 4 Centri di Controllo d Area britannici: Manchester, West Drayton e Swanwick. Nel 2009 presso la sede centrale del NATS è stato Direttore Strategie e Investimenti ed in seguito Direttore Relazioni Internazionali, lavorando con ENAV in diversi progetti internazionali, più specificamente nel gruppo A6 in ambito SESAR. Nel luglio 2011 si è trasferito in Svizzera per assumere il ruolo di Direttore Operativo di Skyguide in Svizzera. Quali sono le principali sfide che Skyguide dovrà affrontare con la piena implementazione del pacchetto SES2, considerando che la Svizzera non fa parte dell Unione Europea? La Svizzera non fa parte dell Unione Europea, ma non può sfuggire dalla realtà geografica di trovarsi proprio al centro dell Europa rispetto alla rete del traffico aereo europeo. Lo stato svizzero quindi ha deciso sensatamente che la Svizzera si atterrà alle regole in vigore nel resto d Europa, compresa la legislazione Cielo Unico Europeo. Skyguide affronterà fondamentalmente le stesse sfide di tutti gli altri ANSP in Europa riguardo a obiettivi di sicurezza, capacità, costi e sostenibilità. La Svizzera fa anche parte del Functional Airspace Block Europe Central (FABEC), i cui altri 5 stati fanno tutti parte del - l Unione Europea (un pò come il FAB BLUE MED che include sia stati europei che non-europei). In realtà la sfida più importante per Skyguide al momento è più politica che operativa non facendo parte del - l Euro. Il Franco Svizzero è troppo forte (per quanto ci concerne!) rispetto all Euro, perciò i prezzi di Skyguide sono diventati improvvisamente molto alti, nonostante i costi siano scesi leggermente, perché i prezzi vengono addebitati in Euro (ma noi paghiamo il nostro staff in Franchi Sviz - zeri). Per questo Skyguide deve trovare i modi per ridurre i costi due volte più del previsto per rimanere in una posizione accettabile in termini di prezzi. Come la maggior parte degli altri ANSP, Skyguide dovrà lavorare molto per ottenere un buon risultato in termini di capacità e di efficienza economica, ma queste sono sfide molto più piccole rispetto a quella Euro/Franco Svizzero. Come vede l evoluzione del ruolo degli ANSP europei nell Europa dei FAB? Credo che stiamo vivendo una fase critica in ambito FAB; sono stati fatti dei passi avanti verso una migliore cooperazione tra ANSP come risultato delle iniziative FAB, ma questo deve essere solo l inizio. Secondo me, il problema numero uno è che non ci muoviamo abbastanza velocemente e non stiamo trasferendo abbastanza benefici sui nostri clienti. Il problema numero due è che siamo a rischio di frammentazione tra ANSP: lo scopo del SES, come suggerisce il nome, è un cielo unico europeo, e noi dobbiamo garantire che non stiamo semplicemente sostituendo gli oltre 30 ANSP con altri 9 più grandi che non hanno significative interfacce operative tra di loro. Perciò, anche se i FAB sono un grande inizio, dobbiamo guardare oltre e promuovere relazioni operative sempre migliori e di alto livello tra ENAV e Skyguide (e di conseguenza anche tra BLUE MED e FABEC) per questo siamo pronti da subito. Skyguide, insieme a DSNA e ENAV, fa parte del progetto Coflight. Come vede procedere questa cooperazione? Skyguide si impegna a rispettare i punti concordati tra tutte le parti di Coflight (che promuove la nuova piattaforma per dati di volo (FDP) e relativi strumenti). In base ai piani originali, Skyguide dovrà poi decidere se e quando optare per la versione 2 (la prima versione da rendere operativa) una volta che questo sistema abbia superato i test di accettazione. La strategia preferita da Skyguide in termini tecnologici è quella di lavorare verso il giorno in cui (in qualità di ANSP più piccolo) non debba più avere un sistema FDP proprio e possa lavorare allo sviluppo di strumenti per controllori di volo e HMI adeguati ai compiti che ci aspettiamo che i CTA svolgano in futuro. Probabilmente occorreranno anni e perciò, per raggiungere questo obiettivo, dovremo lavorare davvero a stretto contatto molto più di oggi con gli ANSP vicini come DSNA, DFS ed ENAV. Il primo periodo di riferimento del Piano delle Performance inizierà tra qualche mese, che impatto avrà su Skyguide? Il primo periodo di riferimento sarà l occasione per mettere alla prova la capacità di Skyguide di raggiungere i risultati prefissati e di fare la sua parte nella rete FABEC e in quella europea. Inoltre ci mostrerà dove apportare i cambiamenti più importanti e poi dovremo lavorare con ANSP vicini, fornitori e partner per conseguire quei miglioramenti necessari. Sarà un periodo impegnativo, ma io credo che Skyguide, come ENAV, sia preparata al meglio per affrontarlo. l c l e a r e d Editore: ENAV SpA Massimo Garbini (Amministratore Unico) Consulta l archivio di Cleared online Cleared Direttore responsabile: Alessandro Di Giacomo Comitato editoriale: Massimo Bellizzi, Roberto Di Carlo, Francesco Fidenzoni, Iacopo Prissinotti, Elvira Savini Nicci, Vincenzo Smorto Redazione: Via Salaria, Roma. Tel Fax Coordinamento Editoriale: Luca Morelli In redazione: Luca Morelli Ha collaborato: Federico Maranghi (grafica) Impaginazione e stampa: Marchesi Grafiche Editoriali SpA Roma Registrazione Tribunale di Roma n. 526 del Numero chiuso in redazione il 31 Gennaio 2012

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli