DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION"

Transcript

1 CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B TRENTO (I) Tel. (39) Fax. (39)

2 Mobilità ACCESSO AGLI ARGINI E ALLE AREE DI RIEQUILIBRIO ECOLOGICO Leris Fantini, Linda Mussini, Marzia Zamboni C.E.R.P.A. - ITALIA Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell Accessibilità 2

3 Il 20 ottobre 2000 a Firenze è stata presentata la Convenzione Europea sul paesaggio: i Ministri dei paesi membri hanno sottoscritto un testo, per la cui stesura sono stati necessari circa dieci anni di lavori, durante i quali si sono scontrate e confrontate due diverse linee di interpretazione del paesaggio, da un lato quella che ne considera gli aspetti naturalistici, dall altro quella in cui prevale l idea dello spazio legato all azione umana ed alle attività produttive. Già in precedenza, nel corso della Conferenza di Rio del 1992 e durante le discussioni sullo sviluppo sostenibile, il tema paesaggio era stato messo in particolare rilievo in quanto esso rappresenta un fattore di equilibrio tra patrimonio naturale e culturale, è lo specchio dell identità e della diversità tra i popoli e rappresenta una risorsa economica creatrice di posti di lavoro. I modi con cui si può intervenire sul paesaggio possono allora essere ampiamente diversificati: dalla conservazione, al recupero, alla riqualificazione, a seconda dei valori che vi sono presenti, della loro integrità e concentrazione, ogni azione non può, tuttavia, prescindere dal fatto che ha come obiettivo finale la promozione di un miglioramento della qualità degli ambiti in cui le popolazioni vivono. Emerge quindi con forza il tema della fruibilità degli spazi sia naturali, che costruiti o ripristinati. In ogni caso un principio generale da tenere presente nel momento in cui si opera sul paesaggio è che gli spazi all aperto progettati, naturali o artificiali, devono essere per tutti, bambini, giovani, adulti, anziani, sia sani ed efficienti, che afflitti da limitazioni fisiche, sensoriali o mentali In tal senso vorremmo richiamare l'attenzione sulla legge regionale dell'emilia- Romagna n.17/91 relativa alla disciplina delle attività estrattive, la cui peculiarità, rispetto alla normativa precedente, è stata quella di far prevalere le tematiche ambientali sulle esigenze produttive, imponendo uno sforzo progettuale importante e non indifferente; richiedendo che a monte di una qualsiasi trasformazione del territorio, venga definita la sua destinazione d uso a conclusione dell attività, privilegiandone l utilizzo sia naturalistico che sociale. E' con queste premesse che l esperienza di progettazione nasce, nell'ambito del Progetto Integra Isola: inserimento sociale lavorativo di soggetti con disagio, come azione complementare alle attività previste nell Accordo di Programma sottoscritto dalla Regione Emilia Romagna, dalle Provincie di Modena e Reggio Emilia, dal Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia Secchia e dal Consorzio per la gestione dell Area di Riequilibrio Ecologico della cassa di espansione del fiume Secchia e delle aree contigue. Il Consorzio delle casse di espansione del fiume Secchia, avendo verificato la necessità di trovare delle soluzioni per rendere il territorio che ha in gestione fruibile da parte di tutti, da qualche tempo era alla ricerca di esperienze analoghe, che tuttavia non sono state identificate, nonostante il grande sviluppo di arginature nelle aree di pianura. Da qui l idea di un incarico assegnato dalla Regione Emilia Romagna 3

4 per la realizzazione di un modello nato sì per le casse del Secchia, ma esportabile in qualsiasi altro luogo in cui sia presente l argine come barriera architettonica. Il modello si configura quindi come un contributo destinato a tutte le Amministrazioni e/ privati che gestiscono aree destinate (anche potenzialmente) alla pubblica fruizione. Esso rappresenta anche un elemento da tenere in considerazione ogni qualvolta si progettano ex novo risistemazioni del territorio, al fine di non dover ricorrere a posteriori ad inutili ed onerosi interventi di adeguamento. Il territorio in gestione al Consorzio e oggetto del progetto, si trova in una realtà complessa ed estremamente multiforme, in un comprensorio fortemente industrializzato e interessato da numerose attività produttive (tra cui quelle estrattive), stretto tra grosse arterie stradali (tra esse la via Emilia e l autostrada A1), e ricomprendente una Riserva naturale istituita in corrispondenza di un manufatto idraulico. In questo mosaico di bisogni della collettività il Consorzio ha sviluppato, nel corso dei suoi 10 anni di attività, azioni sulla base di quanto definito nelle finalità istitutive, con occhio particolare all educazione ambientale, quindi alla fruizione e conoscenza dell ambiente, partendo dal principio che non si può conservare e proteggere se non si conosce. Nel nutrito ventaglio delle iniziative un posto di rilievo l hanno avuto sin dall inizio quelle svolte all aperto, cioè le visite guidate ed è stato proprio in occasione dello svolgimento di alcune di esse che si è posto il problema dell accessibilità al territorio, poiché più volte nelle classi in visita erano presenti alunni disabili per i quali l arginatura costituiva una barriera. Questa considerazione è stato il punto di partenza per numerose riflessioni sulla fruibilità del territorio e sui vincoli presenti in esso. In un ambiente naturale progettare l accessibilità significa rendere alcuni percorsi e aree raggiungibili ed utilizzabili da chiunque. Prima di intervenire è necessario analizzarne attentamente le caratteristiche allo scopo di individuare le zone più idonee o adattabili alle utenze deboli. Le soluzioni progettuali variano poi a seconda degli obiettivi prefissati e delle caratteristiche del sito. Ancora una volta vale la pena sottolineare che va fatta una importante distinzione tra aree per le quali è possibile una progettazione ex-novo e aree esistenti che necessitano di un intervento di adattamento, quale è il caso delle casse di espansione del fiume Secchia. Si è quindi proceduto per gradi contattando in primo luogo alcune associazioni di disabili per comprenderne le esigenze al fine di poter avanzare delle ipotesi tenendo ben presente che intervenire sull esistente non è semplice, soprattutto se l esistente è rappresentato da un manufatto le cui finalità sono di tipo idraulico, legate alla sicurezza pubblica. L obiettivo da perseguire era quello di trovare una soluzione a tutti i problemi garantendo il pieno rispetto dei vincoli e soddisfacendo le esigenze della fruizione. 4

5 Nel nostro caso il primo elemento barriera è rappresentato dall arginatura che da un lato è un segno forte che caratterizza il paesaggio, dall altro ha una funzionalità legata alla regimazione delle acque, da considerare di importanza prioritaria. L intervento di adattamento avrebbe quindi dovuto essere progettato, e successivamente eseguito, tenendo ben presente: - preesistenze paesaggistiche; - assenza di interferenze con l argine; - presenza di un area protetta; - esigenze dell utenza. Per tali motivi l introduzione di un qualsiasi elemento estraneo al territorio avrebbe dovuto inserirsi in un contesto paesaggistico contenente già linee fortemente marcate. Per quanto riguarda la conservazione delle caratteristiche di sicurezza dell arginatura, non sono possibili interventi di adattamento che prevedano il rimodellamento del corpo arginale o altri tipi di interferenze, ad esempio l inserimento di pali o altro (soprattutto nella sua parte interna, cioè quella rivolta all interno del bacino, che peraltro ha vincoli ulteriori). Anche la presenza di un area protetta ha determinato alcune scelte, soprattutto legate alle specie vegetali utilizzate per mascherare/evidenziare l intervento di adattamento. Alla luce di quanto appena riassunto è comprensibile che le ipotesi siano state numerose e diversificate tra loro, sino a giungere ad una mediazione: trasformare il modello strutturale in modello di approccio filosofico al problema. In virtù della legge che consente l'accesso alle vicinanze dell'area di interesse di disabili con i propri mezzi ed essendo a conoscenza che le persone con problemi motori e sensoriali hanno come unico mezzo, che garantisce l'autonomia e la mobilità, il mezzo di trasporto privato, si è pensato di ribaltare concettualmente il concetto di parcheggio. Il parcheggio deve essere in prossimità dell'area di interesse e se una barriera sono le distanze eccessive (> di 100 mt.), perché non collocare il parcheggio a ridosso dell'argine?!. Il percorso naturalistico si sviluppa in genere sulla sommità dell'argine e la differenza di quota (5/6 mt.) se affrontata con una rampa a norma, comporterebbe uno sviluppo notevole se non addirittura improponibile secondo un rapporto lunghezza/pendenza/energie umane. Diventa interessante a questo punto immaginare che l'auto, mezzo principale della mobilità, posa superare con estrema facilità una rampa carrabile. Inizialmente il percorso carrabile è stato pensato secondo un disegno che ricordasse forme a spirale come i gusci di molluschi ritrovati nella zona. Un percorso sinuoso che nel rispetto del paesaggio si sviluppa lungo l'argine, ma in sede propria, sino a raggiungere la sommità. Si voleva mantenere il riporto di terra all'esterno dell'argine, collegando le due sommità con una passerella. La struttura della passerella doveva essere molto leggera e riprodurre in modo semplificato lo scheletro di un'animale preistorico: le vertebre. 5

6 Una sorta di tensostruttura mascherata dalla vegetazione del luogo, si sarebbe sviluppata fra il percorso naturale e la "porta di accesso" all'argine. L'area riportata diventa quindi una "porta di accesso", un'area significativa, riconoscibile, da cui partire e ritornare; dunque un'infrastruttura attrezzata con aree di parcheggio delimitate da siepi e piccoli arbusti. Il luogo si presta per essere successivamente attrezzato con panche per la sosta e il riposo opportunamente attrezzate per il riparo dal vento e dai raggi solari. L'infrastruttura, per chi non utilizza l'auto, costituisce un'occasione per osservare, toccare, odorare, la flora e la vegetazione tipiche della riserva. Un percorso didattico dunque che si sviluppa sia sulla sommità del parcheggio che sul percorso realizzato con rampe di scale. L'area e i percorsi riteniamo debbano in qualche modo "mascherare" i mezzi meccanici attraverso canneti artificiali; il canneto è un elemento che sovente ritroviamo all'interno dell'area naturale. I canneti artificiali dovranno essere rivestiti da vegetazione rampicante e, se i canneti si congiungono alla loro sommità, si otterrebbe oltre ad un buon effetto estetico, anche un miglioramento dell'ombreggiatura, simile ad un pergolato. In sintesi, si è optato per la realizzazione di un terrapieno addossato all argine (in corrispondenza del suo lato esterno), che da un lato ne riprende l andamento, quindi il segno sul territorio, dall altro, essendo un corpo estraneo, non interferisce con esso, garantendo l accessibilità alla sua sommità. Al fine di non ricadere nell errore concettuale di creare uno spazio riservato a categorie più deboli, la filosofia di progettazione è stata quella di ideare un elemento di riferimento, riconoscibile sul territorio avente la funzione di porta di accesso per tutti alla Riserva. Ulteriore problematica da risolvere è stata quella del mascheramento/sottolineatura del terrapieno: appesantirlo con ulteriori elementi strutturali avrebbe potuto creare problemi all argine. Si è quindi optato per una copertura vegetale che comunque non interferisse con il manufatto idraulico, che potrebbe essere compromesso da apparati radicali consistenti, pertanto si è dovuto prevedere la messa a dimora di specie erbacee, tutt al più arbustive, rigorosamente autoctone poiché si tratta di un intervento all interno di una Riserva naturale. Si è già detto che un punto di forza dell area risiede negli aspetti didattici che vi sono presenti e che si esprimono attraverso le numerose attività che vi si realizzano nel campo dell Educazione ambientale. Partendo da questa riflessione è stata individuata una soluzione in grado di ovviare alle problematiche sopra identificate e al contempo attribuire all intervento un ulteriore contenuto e significato. Nel caso della Riserva delle Casse di espansione del fiume Secchia si è pensato alla creazione di un percorso botanico didattico, accessibile a qualsiasi tipo di utenza, finalizzato alla conoscenza delle piante officinali presenti nell area. Un percorso 6

7 botanico che riassuma e proponga in termini didattici, in un unico luogo, le specie officinali del territorio. Per accentuare maggiormente il significato educativo dell intervento si è programmato di attivare una collaborazione con un istituto superiore professionale di agraria di Modena, attraverso la realizzazione di un area di progetto. Gli alunni avranno il compito di progettare e realizzare la sistemazione del verde del terrapieno. Al fine di rendere completa la progettazione, si dovranno anche prevedere tutti quegli elementi di comunicazione (cartellini didascalici e/o mini guida o pieghevole da distribuire all utenza) che faranno dell orto delle officinali del Secchia un vero e proprio percorso botanico didattico. TECNOLOGIE E SERVIZI PER LA MOBILITÀ Le attenzioni progettuali legate espressamente al territorio, attraverso la modifica di parti dell ambiente non bastano, occorre ripensare alla mobilità come espressione sinergica di diversi livelli di trasporto. Si rivela quindi necessario individuare uno strumento che consenta, soprattutto nelle aree naturali, di muoversi in modo agevole e sicuro superando le barriere ambientali del luogo che sono: la pendenza la distanza. Per dare avvio al modello di mobilità accennato, occorre individuare e realizzare luoghi fruibili e un servizio di assistenza. Una esperienza di servizio di noleggio similare a quanto si vuole introdurre sull area, è stato realizzato diversi anni fa all interno dell Orto Botanico di Roma ma attualmente ritroviamo esperienze similari presso gli Aeroporti di Roma, la Stazione Termini di Roma, nella città di Ferrara, ecc Il servizio di noleggio di ausili che facilitano la mobilità e il risparmio di energie, non riguarda solo le persone definite comunemente disabili ma si rivolge anche a persone anziane, cardiopatici, asmatici e quanti hanno difficoltà motorie di vario genere. L iniziativa può essere supportata da uno sponsor che affida in comodato gratuito il o i mezzi all ente gestore attraverso apposita convenzione. La convenzione potrebbe prevedere alcune agevolazioni nei confronti dello sponsor nonché modalità di gestione, manutenzione, riparazione dei mezzi e assicurazione. Quindi il sistema intermodale che potrebbe essere ipotizzato non riguarda più interventi tecnico-ambientali ma più propriamente la progettazione di servizi sostanzialmente di noleggio e accompagnamento. 7

8 Il servizio di noleggio dei veicoli può essere efficacemente messo a disposizione in corrispondenza dei punti di arrivo del pullman turistici localizzati, dei parcheggi e comunque nelle immediate vicinanze del parco (Check Points). I mezzi che si possono mettere in campo sono molteplici ma riportiamo a seguito alcune descrizioni esemplificative: - Scooter elettrici Lo scooter elettrico potrebbe essere il mezzo veloce all interno della città trafficata e che rispetta tutte le caratteristiche sopracitate. Per quanto ci riguarda gli scooter elettrici che ci interessano sono dei motoveicoli a tre ruote, creati per rendere più indipendenti possibile le persone anziane, oltre ad assicurare comodità e facilità di guida consente la circolazione non solo su strada ma anche, per le loro ridotte velocità, in centri commerciali, luoghi di vacanza, scuole, ecc Particolarmente adatto nel superamento degli ostacoli e delle pendenze (24%). L autonomia del mezzo può raggiungere i 40 km., peso 60 kg., velocità 6 km/h. - Cingolati Più che i dispositivi per la mobilità su strada, i cingolati hanno la funzione specifica di superamento dei dislivelli. E un dispositivo dotato di un motore elettrico alimentato da un accumulatore ricaricabile e viene inserito nelle carrozzine ed è un ausilio importante che viene utilizzato per salire e scendere le scale, trasportando una persona. Esso ha la prerogativa di poter superare pendenze abbastanza elevate. Questa soluzione può essere molto vantaggiosa nel caso di percorsi accidentati e con forti pendenze (parchi, oasi, sentieri). L autonomia del mezzo può raggiungere le 4 ore, il peso è di 120 kg., la velocità 6 km/h. Il sistema mobilità non può però risolversi solo con un servizio di noleggio ma occorre predisporre una serie di infrastrutture che consentono l arrivo nel luogo e la visitabilità dell area. Per es.: ARRIVO attraverso: - scuolabus - pullman - auto privata - camper o roulotte - motociclo 8

9 - bicicletta FRUIBILITA DEL PARCO attraverso: - percorsi pedonali - mountain bike - scooter elettrici - carrozzine manuali - carrozzine elettriche Le problematiche presenti nell area in cui si è progettato in fase preliminare sono numerose, come si è descritto in precedenza, lo sforzo progettuale è stato proprio quello di trovare una soluzione compatibile con i numerosi vincoli preesistenti, senza cadere nell errore di proporre degli spazi dedicati solo ai soggetti portatori di handicap, da qui la filosofia della porta di accesso alla Riserva. Particolarmente interessante è stata la proposta della Regione di assegnare un incarico per la realizzazione di un progetto secondo la formula del prototipo, ad un Ente territoriale che già era alla ricerca di una soluzione ad un problema esistente su ampia scala. L idea del prototipo rappresenta anche un interessante sperimentazione che consente, tra l altro, l ottimizzazione delle risorse economiche (purtroppo sempre relativamente esigue) e progettuali degli Enti di gestione delle aree destinate alla fruizione. 9

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo COME PIANIFICARE I TERRITORI PER FAVORIRE LO SPOSTAMENTO DI CHI HA DIFFICOLTA MOTORIE RAPPRESENTAZIONE di Un Percorso Metodologico Architetto Aldo Capodaglio - VENEZIA FASE PRELIMINARE

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati Luogo Popolazione residente Descrizione Perugia 158.313 abitanti La particolare conformazione planoaltimetrica del centro di Perugia, in cui sono concentrate

Dettagli

E PROMOZIONE OF RESEARCH AND. Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I)

E PROMOZIONE OF RESEARCH AND. Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015 La manutenzione degli argini Iacopo Iacopo MANETTI MANETTI Consorzio Consorzio di di bonifica bonifica Medio Medio Valdarno Valdarno Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

J O L LY STANDARD 27000 U N I TA' VENDUTE RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.

J O L LY STANDARD 27000 U N I TA' VENDUTE RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE. Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12. J O L LY STANDARD RICONOSCIUTO DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE Nomenclatore Tariffario delle Protesi: cod. ISO 18.30.12.003 PRODOTTO IN ITALIA Reg. n. 6130 UNI EN ISO 9001 : 2008 O LT R E 27000 U N I TA'

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21. Paola Poggipollini

Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21. Paola Poggipollini Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21 Paola Poggipollini Settimana europea della mobilità dal 16 al 22 settembre a Ferrara Martedì 16 settembre 2004 Forum la mobilità delle persone disabili Mercoledì

Dettagli

Beatrice Benesperi acquisizione delle informazioni restituzione delle informazioni implementazione aggiornamento delle informazioni

Beatrice Benesperi acquisizione delle informazioni restituzione delle informazioni implementazione aggiornamento delle informazioni Beatrice Benesperi In quest'intervento parlerò della seconda fase del lavoro, cioè della conoscenza dello stato di fatto dei luoghi. Dopo la costituzione del laboratorio comunale per accessibilità si passa

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA

COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA CICONIA Nr.2 luglio 2005 FOGLI DI CONSERVAZIONE DELLA CICOGNA BIANCA COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA Lo scorso anno, l Associazione Olduvai Onlus ha coordinato la raccolta di informazioni relative

Dettagli

INTERVENTI PER IL SUPERAMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO IL CIMITERO SAN GIUSEPPE DI CONEGLIANO

INTERVENTI PER IL SUPERAMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO IL CIMITERO SAN GIUSEPPE DI CONEGLIANO INTERVENTI PER IL SUPERAMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PRESSO IL CIMITERO SAN GIUSEPPE DI CONEGLIANO Relazione illustrativa preliminare Conegliano, 11/06/2014 Premessa Una delle

Dettagli

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi Comune di Caronno Pertusella PIÙ TEMPO ALLE DONNE E MOBILITÀ SOSTENIBILE PER UNA CITTÀ IN ARMONIA VADEMECUM per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi L

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA COMUNICATO STAMPA L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA Per la prima volta a Milano un bando per assegnare la abitazioni a canone calmierato.

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998)

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998) COMUNE DI NAPOLI Carta dei Parchi Urbani della Città di Napoli (Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

E-ECO-RENT E-ECO-RENT

E-ECO-RENT E-ECO-RENT E-ECO-RENT (nome e sistema depositato) E-Eco-Rent significa noleggio ecologico e vuole contribuire alla soluzione dei problemi di traffico che angustiano i centri storici delle grandi città e delle città

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012

Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012 02/12/2014 1 GEOGRAFIA Insegnare geografia nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012 02/12/2014

Dettagli

Città di Sesto San Giovanni

Città di Sesto San Giovanni Il forum dei ragazzi INDICAZIONI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI SESTO SAN GIOVANNI L assemblea del Forum dei Ragazzi, dopo aver ricevuto dall Amministrazione Comunale l incarico di elaborare indicazioni

Dettagli

IL SISTEMA LEADER di Gestione delle aree di sosta delle Aziende Ospedaliere

IL SISTEMA LEADER di Gestione delle aree di sosta delle Aziende Ospedaliere IL SISTEMA LEADER di Gestione delle aree di sosta delle Aziende Ospedaliere Il progetto multihospital mobility, nasce da una profonda esperienza pluriennale nell ambito del controllo accessi e da una spiccata

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica Dott. Michele Rossini Parole chiave: Costo di produzione Valore di produzione Prototipo Lowcost Se neparla molto e il dialogo sembra ancora agli

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA Competenza 1 Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio,

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 AA.GG, Giunta, URP, Segr./Direz. Generale, Contratti- -Assistenza Giuridico Amm.va ai Comuni, Controllo Strategico/Direzionale, Pari Opportunità, Consigliera di parità

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì Verso una distribuzione più sostenibile delle merci nel tessuto urbano della città: presentazione del Progetto europeo SMARTSET 18 Maggio 2013 Camera di Commercio di Forlì-Cesena Sala Zambelli Ing. Claudio

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO. Approvato

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA Convenzione tra Comune Spinea e Università IUAV STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA PRIMO RAPPORTO Responsabilità scientifica : Professoressa Maria Rosa Vittadini PREMESSA Il Comune

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

3 GRUPPO: NUOVA ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI SEGRETERIA CHE TENGA CONTO DELLE ESIGENZE DI VALUTAZIONE

3 GRUPPO: NUOVA ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI SEGRETERIA CHE TENGA CONTO DELLE ESIGENZE DI VALUTAZIONE Organizzazione al servizio della scuola favorendo la valutazione interna ed esterna SEMINARIO REGIONALE PER LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO 3 GRUPPO: NUOVA ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI SEGRETERIA

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13 dicembre 2006 durante la sessantunesima sessione

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità L accessibilità in Piemonte Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità COSA SI INTENDE PER ACCESSIBILITA L accessibilità è la possibilità, anche per persone

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

Regolamento Visite e Viaggi

Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Premessa Come è noto sono state a tutt'oggi emanate numerose circolari in materia di visite guidate e viaggi di istruzione. Alla luce dell'esperienza

Dettagli

PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna

PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna PORTALE SIVA sulle tecnologie per la disabilità e l autonomia Carrozzine elettroniche e ausili per la mobilità esterna Antonio Caracciolo Servizio DAT Centro IRCCS S.Maria Nascente Fondazione Don Carlo

Dettagli

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Comune di Beinasco Comune di Bruino 18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Oltre i campi 0/6 CIdiS 1 Premessa Allo scopo di fornire un contributo, che auspichiamo

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

IDEALE PER MONZA E PER LA BRIANZA (ZONE A DOMANDA DEBOLE)

IDEALE PER MONZA E PER LA BRIANZA (ZONE A DOMANDA DEBOLE) Via Tazzoli 37-20052 Monza IL (Mi) BUS - Email: A DOMANDA hqmonza.info@gmail.com (TAXIBUS) FLESSIBILE, Web: http://hqmonza.tripod.com VELOCE, COMODO Giugno 2002 - Pagina 1 di 6 IDEALE PER MONZA E PER LA

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

Peschiera Borromeo - Via Trieste 39 c/o Il Truciolo Bar Caffetteria OSSERVAZIONI E PROPOSTE

Peschiera Borromeo - Via Trieste 39 c/o Il Truciolo Bar Caffetteria OSSERVAZIONI E PROPOSTE OSSERVAZIONI E PROPOSTE OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PGT ADOTTATO IN DATA 27/02/2012 OSSERVAZIONI 1) Gli elaborati del PGT propongono la realizzazione di una strada posta tra il Castello della Longhignana

Dettagli

DIARIO DI LABORATORIO

DIARIO DI LABORATORIO Comune di Saluzzo Comune di Melpignano Progetto Pilota: Borghi della Felicità LAB. N 3 LABORATORIO SUI TEMI: CULTURA E IDENTITA' ECONOMIA DELL ESPERIENZA E OSPITALITA' COMUNE DI SALUZZO A. PRESENTAZIONE

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori.

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori. I Servizi Educativi del Comune di Trieste rappresentano una tradizione storica, un patrimonio di tradizione culturale di cui la città e le famiglie vanno orgogliose. Un patrimonio storico che negli anni

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA un modello di mobilità sostenibile arch. Alessandro Meggiato Dirigente del Servizio Politiche per la Mobilità Comune di Reggio Emilia IL CONTESTO abitanti

Dettagli

Cooperativa Sociale La Cruna esperienze sul turismo accessibile

Cooperativa Sociale La Cruna esperienze sul turismo accessibile Cooperativa Sociale La Cruna esperienze sul turismo accessibile Introduzione La Cruna è una cooperativa sociale di inserimento lavorativo. Fin dalla sua nascita, nel 1997, si è specializzata nella formazione

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA Sommario 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 3. VINCOLI PROGETTUALI... 3 4. METODOLOGIA E PROCEDURA... 3 5. ELABORATI DEL PROGETTO... 5 6. CONCLUSIONI... 6 1. PREMESSA Il Nuovo Codice della Strada

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli