Study English Abroad codice C-1-FSE-POR-Campania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Study English Abroad codice C-1-FSE-POR-Campania-2012-584"

Transcript

1 M.I.U.R. ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE C.COLOMBO SEDE LEGALE: CORSO GARIBALDI, 5 bis TORRE DEL GRECO(NA) CM NAIS E Dirigenza: Tel Direzione amm.va: tel fax Sito web: I.S.I.S.S. SEZIONE ASSOCIATA: IPAM C.SO GARIBALDI, 5 BIS TEL TORRE DEL GRECO (NA) CM: NARM01702P :ITN V. EMANUELE (VILLA COM.LE) TEL TORRE DEL GRECO (NA) CM: NATH01701E Obiettivo C1 Interventi per lo sviluppo di competenze chiave CODICE C-1-FSE-POR-Campania STUDY ENGLISH ABROAD Valutazione degli esiti Study English Abroad codice C-1-FSE-POR-Campania MONITORAGGIO FINALE 13/10/2012 Il Coordinatore Prof.ssa Lilla Mangano Pagina 1 di 28

2 Nell ambito delle iniziative rivolte al miglioramento dei livelli di conoscenza e competenza dei giovani, Obiettivo C1 Interventi per lo sviluppo di competenze chiave con il CODICE C-1-FSE-POR-Campania , è stato approvato, per il nostro Istituto, il progetto, STUDY ENGLISH ABROAD. Il progetto è suddiviso in tre fasi formative: - Uno stage di 60 di formazione suddivise in 21 giorni in Gran Bretagna (Torquay) - Un corso in sede di 15 ore di approfondimento e preparazione all esame finale - Esami finali per la certificazione del livello B2 per la lingua inglese In data 10/8/2012, sono stata nominata, con prot. 4893/PORC1/584, Coordinatore logistico del progetto con le seguenti funzioni e compiti: - Provvedere a raccordarsi con il D.S. e con il personale coinvolto, a vario titolo, per coordinare le attività necessarie all espletamento del percorso formativo; - Procedere, con la collaborazione dei tutor accompagnatori, alla stesura del bando di selezione degli allievi partecipanti allo stage, la compilazione della graduatoria dei candidati e la successiva pubblicazione; - Curare, con la collaborazione dei tutor accompagnatori, la stesura del patto formativo e verificarne la sottoscrizione da parte dei genitori durante l incontro con gli stessi prima della partenza; - Verificare l avvenuta compilazione della scheda allievo in piattaforma PON; - Verificare che nel registro didattico e di presenza siano state annotate dai tutor accompagnatori le presenze dei corsisti, del tutor aziendale, l orario d inizio e di fine della lezione e le firme dei partecipanti; - Interfacciarsi con il gruppo di allievi e i due tutor accompagnatori in località Torquay; - Partecipare e verbalizzare le riunioni operative necessarie sia in fase preliminare, in corso e finale dell attività ; - Verificare l inserimento della documentazione richiesta in piattaforma PON concordando i tempi con il D.S.; - Redigere breve relazione finale al D.S. trasmettendola sull istituzionale con allegato il time sheet delle ore prestate Pagina 2 di 28

3 Dal giorno della nomina ho partecipato a tutte le riunioni di coordinamento. Per la presentazione dell impianto formativo del progetto ho istituito, dal 20/08/2012 al 31/08/2012, uno sportello informativo, per alunni e genitori; ed organizzato due incontri con corsisti, genitori, tutor accompagnatori e tutor organizzativo del centro di formazione EF Education. Durante queste riunioni, per sollecitare una partecipazione consapevole dei potenziali beneficiari, sono state spiegate tutte le fasi di attuazione del progetto stesso: l organizzazione, il programma, le procedure di selezione, gli obiettivi che si intendono perseguire, le modalità di certificazione, per fornire tutte le informazioni tecniche per l organizzazione del viaggio e tutte le altre caratteristiche del percorso formativo e dello stage a Torquay. Ai genitori si è fatta compilare una scheda informativa per avere tutte le notizie relative ad eventuali intolleranze alimentari, allergie e/o eventuali terapie seguite dai figli e letto e sottoscritto, sia dai genitori che dai corsisti, il contratto formativo. In data 1 settembre 2012 ho verificato l esattezza e la completezza delle schede anagrafiche dei corsisti e li ho supportati nella compilazione on line del questionario di monitoraggio dell ANSAS e a termine progetto del questionario finale e del report. Dal giorno 4 fino al 24 settembre, per tutta la durata dello stage a Torquay, ho stabilito contatti (telefonici, skype, ) giornalieri con i tutor accompagnatori e controllato la piattaforma. Per problemi tecnici a Torquay non sempre i tutor riuscivano ad accedere alla piattaforma, quindi, attraverso i canali stabiliti sopperivo, da casa, alla compilazione della piattaforma e all inserimento degli eventuali allegati. Per tutto il periodo dello stage mi sono interfacciata anche con i corsisti a Torquay, non solo per monitorare, attraverso discussioni, l organizzazione e l andamento del processo formativo, il grado di soddisfazione delle loro aspettative, ma anche per raccogliere notizie da fornire ai familiari, qui. Ho controllato, in piattaforma, l esattezza e completezza dell inserimento delle verifiche, assicurandomi dell inserimento dei file allegati e dei risultati conseguiti dai corsisti. Ho inserito sulla piattaforma tutti i prodotti dell intervento. Ho inserito in piattaforma tutti gli interventi e i dati della valutazione. Ho ideato e prodotto in formato digitale manifesti, locandine, inviti e magliette pubblicitarie. Ho predisposto questionari da somministrare ai corsisti, ai genitori, ai tutor e ai coordinatori delle classi di appartenenza dei corsisti per la valutazione di tutti gli aspetti dell intero processo. Ho analizzato i dati raccolti dal monitoraggio al fine di individuare punti di forza e di debolezza. Ho organizzato con i corsisti la manifestazione di chiusura. Ho organizzato la manifestazione finale. Pagina 3 di 28

4 ATTIVITA REGISTRATE AL DI FUORI DELLE RIUNIONI DI COORDINAMENTO Data Attività Ora inizio Ore impiegate Attività svolta 21/08/ ,00 ANALISI CANDIDATURE ALUNNI VERIFICA REQUISITI STESURA GRADUATORIA 22/08/ ,00 ELABORAZIONE MATERIALE PUBBLICITARIO 23/08/ ,00 Invito alle famiglie 23/08/ ,00 Stesura contratto formativo 23/08/ ,50 stesura autorizzazione partecipazione e scheda informativa per soggiorno estero 24/08/ ,00 Ideazione di una maglietta pubblicitaria 29/08/ ,50 INCONTRO CON I GENITORI 01/09/ ,50 Incontro con genitori e referente dell EF Education s.r.l. 01/09/ ,00 Supporto agli alunni per la compilazione in piattaforma del questionario ANSAS 06/09/ ,00 CONTROLLO PIATTAFORMA CONTROLLO FREQUENZA MONITORAGGIO INIZIALE 12/09/ ,00 Contatto skype con il gruppo in stage a Torquay e verifica inserimento dati in piattaforma. Controllo registro presenze monitoraggio intermedio 14/09/ ,50 STESURA RELAZIONE DI MONITORAGGIO INTERMEDIO PER IL COLLEGIO DOCENTI DEL 15/09/ /09/ ,00 Incontro con i tutor: riscontro tra programmato e attuato durante lo stage. Stesura comunicazione calendario corso di preparazione agli esami. 28/09/ ,00 inserimento in piattaforma dei prodotti dell'intervento ideazione eed elaborazione grafica dell'invito per la manifestazione finale 03/10/ ,00 Elaborazione e stesura schede di monitoraggio per la valutazione delle prestazioni. Elaborazione e stesura di questionari per la rilevazione sulla 'customer satisfaction'. Elaborazione e stesura schede per la rilevazione della ricaduta sul curricolare delle azioni attuate. 08/10/ ,00 ANALISI SCHEDE MONITORAGGIO 09/10/ ,00 ELABORAZIONE GRAFICA MONITORAGGIO DI ALCUNI ASPETTI DEL PROGETTO 12/10/ ,00 REPORT FINALE Pagina 4 di 28

5 ANALISI DEL CONTESTO L analisi del contesto ha incluso incontri preliminari con i tutor e l esame della struttura validata del progetto sulla piattaforma di Gestione della Programmazione Unitaria, per rilevare e analizzare i dati relativi alla tipologia dei destinatari, ai bisogni formativi, agli obiettivi, ai contenuti, alle metodologie e al calendario del corso. Gli elementi raccolti hanno consentito di individuare gli indicatori per il monitoraggio iniziale e per rilevare i contenuti relativi all elaborazione della prova di competenza in ingresso, sulla base degli obiettivi formativi, indicati nelle linee programmatiche del percorso. FINALITÀ E OBIETTIVI DEL PROGETTO Le attività programmate nel progetto mirano al raggiungimento dei seguenti obiettivi: Apprendere la lingua inglese in un contesto estero, dove la lingua madre sia solo ed esclusivamente l'inglese; Migliorare e consolidare il livello di padronanza della 4 abilità nella lingua inglese (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) in differenti contesti sociali e culturali; Abituare l'alunno al lavoro in team e in project -work in un contesto internazionale dove l' inglese diventa lingua veicolare per risolvere questioni di carattere personale, quotidiano e praticoprofessionale, nell'ottica della metodologia CLIL. Acquisire competenze spendibili per l'inserimento nel mondo del lavoro Abituare alla riflessione interculturale per un raggiungimento di una identità di cittadinanza "europea". Acquisizione del livello B2 del quadro comune europeo di riferimento QCER per il corretto inserimento degli allievi nei corsi superiori del settore nautico, come accademie e corsi a bordo DESTINATARI Il progetto destinato ai migliori 15 alunni delle classi del triennio finale a.s. 2010/2011. Al bando hanno risposto 16 alunni di cui uno diplomato, due non in possesso dei requisiti richiesti dal progetto e indicati nel bando, di cui uno in possesso della certificazione del livello B1 e di buona valutazione scolastica in inglese. Il gruppo di coordinamento ha deliberato l esclusione di Palomba T. in quanto anche la valutazione scolastica della lingua inglese è appena sufficiente, mentre delibera l ammissione di Paolillo in quanto in possesso di competenze linguistiche idonee. ammessi maschi femmine Classe 4 Indirizzo capitani Classe 5 Indirizzo capitani Classe 5 Indirizzo macchinisti diplomati Pagina 5 di 28

6 ARTICOLAZIONE E PIANIFICAZIONE Il percorso formativo suddiviso in due fasi - Uno stage di 60 di formazione suddivise in 21 giorni in Gran Bretagna (Torquay): 4 ore formative in aula al giorno (in media). 160 ore di learn by doing: visite d istruzione, lezioni itineranti, attività di settore, attività ricreative-creative formative - Un corso in sede di 15 ore di approfondimento e preparazione all esame finale: al rientro dallo stage, dal 28 settembre al 10 ottobre in orario extracurricolare presso la sede delll ITTL è stato pianificato tenendo conto dei diversi livelli di conoscenza della lingua inglese posseduti in entrata dai corsisti La compilazione in piattaforma della struttura è stata curata dal Tutor prof.ssa Corvino. STRUTTURA Attività previste Contenuti Competenze specifiche Metodologie Luoghi Ore Didattica Analisi delle competenze in ingresso: Entry Test Somministrazione di un test di valutazione per la verifica delle competenze in entrata 4.00 Lezioni frontali con l'ausilio di strumenti multimediali CLASS ACTIVITIES AND DIDATTIC MULTIMEDIA STRATEGIES Verifica in itinere IN- BETWEEN TEST Lezioni frontali con l'ausilio di strumenti multimediali CLASS ACTIVITIES AND DIDATTIC MULTIMEDIA STRATEGIES Presentazione programma per il conseguimento del livello B2.1 ( GRADE 7 del livello TRINITY). Suggerimenti per la scelta dei PERSONAL TOPICS. Spiegazione per l esecuzione della INTERACTIVE PHASE Inizio funzioni linguistiche e strutture grammaticali; lessico specifico di settore, fonologia e pronuncia appropriata per il raggiungimento del livello B2.1 GRAMMAR Second Conditional, Simple passive, Used to, Relative clauses, Modals and phrases for giving advice and making suggestions. Modals and phrases for expressing possibility and uncertainty Linkers: because of,due to Multiple choice, filling and cloze tests, oral and written production. SUBJECT AREAS education national customs village and city life national and local produce and products early memories pollution and recycling Parlare con scioltezza su un argomento di interesse personale Interagire in una conversazione in modo spontaneo e naturale Essere in grado di dare consigli, di evidenziare vantaggi e svantaggi; Dedurre ulteriori informazioni ed espansioni di idee ed opinioni; Esprimere accordo e disaccordo; Esprimere con appropriata intonazione interesse e sorpresa; Esprimere con una intonazione calante la fine della conversazione. Dare suggerimenti e fare proposte; Descrivere azioni al passato; Esprimere possibilità ed incertezze; Monitoraggio in itinere per la verifica delle competenze acquisite. Discutere con scioltezza e disinvoltura su tematiche e problematiche attuali Raffronto tra il sistema scolastico italiano e quello britannico; Riferire circa gli usi e i costumi delle propria nazione; Comparare la vita di città e quella di paese; Riferire circa i prodotti tipici nazionali e locali; Descrivere abitudini al passato e riferire sui propri ricordi; Discutere circa l'inquinamento e gestione del ciclo dei rifiuti. Cooperative Learning Discussione Didattica laboratoriale Lezione frontale Problem solving Simulazione/Role playing Project work Ricerca sperimentale Cooperative Learning Discussione Didattica laboratoriale Lezione frontale Problem solving Simulazione/Role playing Project work Ricerca-azione Aula Spazi laboratoriali Aula Spazi laboratoriali Pagina 6 di 28

7 Attività previste Contenuti Competenze specifiche Metodologie Luoghi Ore Didattica Test finale FINAL TEST and ASSESSMENT SECTION Accertamento del 4.00 Test di allineamento per il corso di approfondimento e preparazione agli esami al rientro dal paese straniero corso di approfondimento e preparazione agli esami Test finale Final Test Verifica delle competenze in uscita attraverso la simulazione d'esame e conferimento sui lavori Personali (TOPICS) Exam Simulation: TOPIC PHASE INTERACTIVE PHASE CONVERSATION PHASE TEST: Multiple choice, filling and cloze tests, oral and written production. Revisione e formalizzazione dei contenuti dei lavori personali per ciascun candidato PERSONAL TOPICS Esercitazione sulla fase di interazione con l esaminatore INTERACTIVE PHASE Discussione ed approfondimento delle tematiche in oggetto nella prova di conversazione Verifica delle competenze in uscita attraverso la simulazione d'esame e conferimento sui lavori Personali (TOPICS) raggiungimento del livello B2.1 (QCER) Parlare con scioltezza su un argomento di interesse personale Interagire in una conversazione in modo spontaneo e naturale Essere in grado di dare consigli, di evidenziare vantaggi e svantaggi; Dedurre ulteriori informazioni ed espansioni di idee ed opinioni; Esprimere accordo e disaccordo; Esprimere con appropriata intonazione interesse e sorpresa; Esprimere con una intonazione calante la fine della conversazione. Dare suggerimenti e fare proposte; Descrivere azioni al passato; Esprimere possibilità ed incertezze; Discutere con scioltezza e disinvoltura su tematiche e problematiche attuali Raffronto tra il sistema scolastico italiano e quello britannico; Riferire circa gli usi e i costumi delle propria nazione; Comparare la vita di città e quella di paese; Riferire circa i prodotti tipici nazionali e locali; Descrivere abitudini al passato e riferire sui propri ricordi; Discutere circa l'inquinamento e gestione del ciclo dei rifiuti. Accertamento del raggiungimento del livello B2.1 (QCER) Cooperative Learning Discussione Didattica laboratoriale Lezione frontale Problem solving E-learning Simulazione/Role playing Project work Studio di caso Peer education (educazione pari) Ricerca-azione Ricerca sperimentale tra Aula Aula multimediale Spazi laboratoriali Totali Ore Attività 75 OPERATORI COINVOLTI Scuola: DS, DSGA, 2 Tutor accompagnatori; 1 esperto madrelingua; 2 Coordinatori logistici; 3 A.A., 1 AT, 2C.S. Centro di formazione EF: 1 Docente esperto madrelingua, un tutor accompagnatore, un tutor animatore Pagina 7 di 28

8 VERIFICHE Sono state somministrate dal centro di formazione e dal docente esperto del corso di preparazione agli esami, prove di verifica in ingresso, in itinere e al termine del processo formativo (documentazione su piattaforma) come previsto dalle direttive sull azione C1. Le verifiche hanno valutato in modo diretto la preparazione e l impegno degli allievi, in modo indiretto l andamento del corso. Sebbene siano strumenti didattici da leggere nella loro evoluzione temporale, interessante è quindi la differenza fra valori in ingresso e in quelli in uscita Sono state somministrate varie prove di verifica ed effettuato un bilancio complessivo delle competenze. Dalla tabella riepilogativa degli esiti delle prove si evince facilmente che tutti i corsisti hanno fatto registrare crescenti risultati positivi fino a giungere alla certificazione finale di Livello B2, fatta eccezione di un solo corsista che ha conseguito comunque il livello B2 pur partendo da nessuna certificazione iniziale. I risultati risultano ancora più soddisfacenti se si considera che ad inizio corso ben sei alunni avevano livelli bassissimi, in termini di conoscenza e fluidità linguistica. corsista CUOMO A. ROSARIO D AMBRA MARIO DIDONE CLAUDIO PALOMBA BEATRICE PERILLO RAFFAELE VACATELLO M. CHIARA BORRELLI GIUSEPPE MIELE LUIGI LA MARCA CARMINE LETTERESE DOMENICO POMPOSELLI CARMINE PASSARO MARIO C. AGLIANO DANIELE PINTO PAOLO PAOLILLO FRANCESCO Certificazioni possedute a inizio corso Livello rilevato a Torquay con Test iniziale Test intermedio Livello raggiunto a termine dello stage Test finale Certificazione Trinity LIVELLO AUTONOMO B1 LIVELLO B LIVELLO B2 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B LIVELLO B2 AUTONOMO B1 NESSUNA LIVELLO LIVELLO B2 CERTIFICAZIONE BASE A2 NESSUNA LIVELLO LIVELLO B2 CERTIFICAZIONE BASE A2 NESSUNA LIVELLO LIVELLO B2 CERTIFICAZIONE BASE A2 LIVELLO BASE A2 LIVELLO B LIVELLO B2 LIVELLO BASE A2 LIVELLO B LIVELLO B2 NESSUNA CERTIFICAZIONE LIVELLO AUTONOMO B1 LIVELLO LIVELLO B1 BASE A2 LIVELLO B LIVELLO B2 Pagina 8 di 28

9 COLLEGAMENTO CON IL CURRICULO I contenuti e gli obiettivi formativi del percorso si correlano con i principi dell offerta formativa del POF e si integrano non solo con i contenuti disciplinari della lingua inglese, ma anche con quelli specifici dell area di professionalizzazione facendo maturare competenze spendibili in contesti non strettamente scolastici. Il processo di apprendimento degli alunni è stato monitorato costantemente dai Docenti Esperti e Tutor mediante la somministrazione di prove di verifica iniziali, intermedie e finali. Le stesse prove, oltre a definire i livelli di formazione dei corsisti, sono state utilizzate anche come attività di monitoraggio delle diverse fasi progettuali, per individuare elementi di criticità da risolvere in itinere al fine di svolgere al meglio le attività del PON. In un secondo momento anche il Consiglio di Classe e i Coordinatori, attraverso una scheda di Rilevazione dati e osservazioni, hanno registrato i livelli di miglioramento degli alunni e la ricaduta delle azioni PON sulla formazione dei discenti, al fine di integrare la valutazione del percorso didattico curricolare con quella relativa al progetto in esame e al POF nel suo complesso. QUESTIONARIO I Docenti i cui allievi sono coinvolti nelle attività progettuali, esprimono le loro osservazioni sulla base dei seguenti indicatori utilizzando una scala da 1 a 10 per ciascun indicatore: - Autostima e immagine di sé - Rapporto con la scuola - Motivazione all apprendimento - Socializzazione /collaborazione nei rapporti interpersonali - Rapporto con la famiglia - Effetti sull andamento del profitto scolastico - Effetti sul comportamento - Al rientro dallo stage ha raccontato con entusiasmo l esperienza didattico-formativa I Docenti esprimono, sulla partecipazione dell alunno al progetto PON, una valutazione: L analisi dei dati raccolti, come si evince dai grafici, mette in evidenza la positività della ricaduta sul curricolare delle attività svolte con il PON. Tutti gli item analizzati, infatti, hanno fatto registrare una valutazione da 8 a 10. Anche la valutazione complessiva, espressa da ciascun docente, sulla partecipazione dell alunno al progetto PON, va dal positivo all eccellente. Pagina 9 di 28

10 FREQUENZA Tutti i corsisti hanno partecipato a tutte le lezioni ed effettuato tutte le verifiche. MODALITÀ DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Come indicato nelle Linee guida e le norme per la realizzazione dei progetti cofinanziati dal FSE, che prevedono l integrazione dei PON nel POF d Istituto e, come deliberato dagli OOCC competenti, i Consigli di classe valuteranno la ricaduta sul curricolare e attribuiranno il credito scolastico alla certificazione sull attività svolta e sulle competenze acquisite dai partecipanti, che pur non avendo valore legale rappresenta un credito, spendibile in tutte le circostanze in cui esso sia comunque riconosciuto, e credito formativo per la certificazione rilasciate da enti esterni. In merito a ciò, gli O.O.C.C. ISISS Colombo hanno stabilito che le modalità di valutazione, ai fini del credito scolastico/formativo, saranno adeguate alle competenze certificate ai corsisti. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato (allegato agli atti) che indicherà struttura formativa, percorso formativo, durata del corso e competenze in esito (tenendo conto dell effettivo rapporto tra competenze richieste e competenze possedute). Come approvato nelle sedute collegiali, la certificazione sarà valutata ai fini dell attribuzione del credito scolastico. Inoltre, i corsisti che supereranno l esame Trinity acquisendo il livello B2 previsto dal progetto avranno certificazione esterna delle competenze che sarà valutata come credito formativo. PUBBLICITÀ E stata curata la diffusione dell informazione sul progetto nei confronti sia della scuola nel suo complesso (corpo docente, alunni, famiglie, ecc.) che della società civile nel contesto territoriale, attraverso la promozione della partecipazione, ecc. (indicazioni contenute nel Regolamento (CE) n, 1159/2000 del relativo alle Azioni informative e pubblicitarie a cura degli Stati membri sugli interventi dei Fondi strutturali).sono stati effettuati: -pubblicizzazione attraverso affissione di locandine/manifesti -pubblicizzazione attraverso Giornali. -manifesti informativi -brochure informative per il personale interno, alunni, genitori. -comunicazione al Collegio dei docenti e Consiglio di Istituto -comunicazione ai Dipartimenti e ai docenti delle discipline coinvolte -comunicazioni agli alunni e alle famiglie -circolari interne -informative ai consigli di classe -incontri di sensibilizzazione con genitori ed alunni -sportello informativo -bando esterno per reclutamento aziende e pubblicizzazione iniziativa -testimonianze filmate e fotografiche diffuse internamente e sul sito della scuola -depliant illustrativo -documentazione multimediale su sito web della scuola -targa illustrativa -maglietta pubblicitaria distribuita ai corsisti -edizione straordinaria del giornalino scolastico (elaborata in collaborazione dei corsisti) -manifestazione finale (tutte le copie sono allegate agli atti) Pagina 10 di 28

11 ATTIVITÀ PRELIMINARI PER LA VALUTAZIONE ED IL MONITORAGGIO L intervento complessivo è stato da me valutato durante tutto il suo percorso. La valutazione è stata svolta, durante tutte le fasi attuative, secondo linee condivise dal Gruppo di Coordinamento e di concerto con i Tutor, in un clima di dialogo e di collaborazione. In qualità di Coordinatore logistico ho adottato le seguenti fasi procedurali: o lettura dei progetti proposti, con attenzione alla tipologia dei destinatari, ai bisogni e alle finalità educative; o visione della struttura validata sulla piattaforma dell Agenzia Scuola con attenzione agli obiettivi e al calendario dei corsi; o elaborazione dei questionari di monitoraggio ex ante in ordine ad aspettative e motivazioni dell utenza e loro somministrazione in forma anonima; elaborazione dei questionari di gradimento intermedio al fine di far emergere eventuali ostacoli al regolare svolgimento dei corsi e loro somministrazione all incirca a metà del corso; o controllo della frequenza; o controllo dell avanzamento degli inserimenti in piattaforma; o ricognizione e socializzazione dei dati raccolti nelle riunioni collegiali e nelle riunioni con Tutor e nelle riunioni di coordinamento; o elaborazione di questionari per la rilevazione della ricaduta dei progetti PON sulla formazione dei discenti da compilare a cura del coordinatore di ogni Consiglio delle Classi di appartenenza dei corsisti; o discussioni con i corsisti per il coinvolgimento attivo nella valutazione; o elaborazione dei questionari di monitoraggio finale relativo al contesto di apprendimento, didattica, clima relazionale rivolti ai corsisti e loro somministrazione; o elaborazione questionario di gradimento e valutazione dell attività da somministrare ai genitori dei corsisti o Elaborazione del Documento finale di sintesi (Report). FASE INIZIALE 1- visione della struttura validata dei progetti sulla piattaforma di Gestione della Programmazione Unitaria con attenzione alla tipologia dei destinatari, ai bisogni sottesi, agli obiettivi, ai contenuti, alle metodologie e al calendario dei corsi. Gli elementi raccolti sono poi stati utilizzati per la preparazione del questionario iniziale e ad individuare i tempi più opportuni per gli interventi di monitoraggio. 2- elaborazione del questionario iniziale in ordine ad aspettative e motivazioni dell utenza. Le informazioni raccolte sono poi state utilizzate per la formulazione e predisposizione dei criteri con i quali organizzare gli indicatori programmati dal gruppo di coordinamento per le successive fasi del monitoraggio. 3- ricognizione e socializzazione dei dati raccolti nelle riunioni di coordinamento e nelle riunioni Collegiali per ricavare un feedback utile al ri-orientamento delle azioni successive. In particolare, in questa fase, ho esplicato la mia azione nei seguenti momenti: Accertamento della coerenza delle azioni di pubblicizzazione Accertamento della coerenza esecutiva alle ipotesi progettate Accertamento della coerenza delle prove iniziali e del materiale didattico fornito ai partecipanti Somministrazione ai corsisti di un test anonimo ( a inizio percorso) atto a rilevare la motivazione e le aspettative FASE INTERMEDIA Lo stage si è svolto a Torquay quindi, nell impossibilità di somministrare questionari ho avviato discussioni partecipative, attraverso Skype, con corsisti e tutor su a obiettivi prefissati a rilevare elementi utili per la valutazione del processo: clima relazionale, aspetti organizzativi, indicatori e descrittori utili a far emergere punti di forza e di debolezza, opportunità e rischi. L obiettivo è stato quello di controllare lo stato di Pagina 11 di 28

12 attuazione del progetto sia sul piano didattico sia sul piano organizzativo, restituendo un quadro di elementi sui diversi aspetti dell attività formativa ed il grado di soddisfazione globale, al fine di adottare eventuali correttivi. Anche l accertamento della coerenza delle prove intermedie e del materiale didattico fornito ai partecipanti è stato realizzato on line e sulla piattaforma. La ricognizione e socializzazione dei dati raccolti è stata realizzata nelle riunioni di coordinamento e nelle riunioni Collegiali per ricavare un feedback utile al ri-orientamento delle azioni successive. FASE FINALE 1- elaborazione dei questionari di monitoraggio finale in ordine a contesto di apprendimento, didattica, clima relazionale, rivolti ai destinatari dei corsi, nonché di una scheda rivolta al tutor, per valutare l efficienza dell intervento e di una scheda di gradimento riservata ai genitori, per valutare l efficacia dell intervento formativo. 2- documentazione del lavoro svolto nel report finale dell attività di monitoraggio e valutazione che sarà reso pubblico nelle riunioni collegiali e depositato agli atti della scuola per la consultazione all interno dell Istituto, ai fini della circolazione dei risultati e della loro tesaurizzazione in vista di una eventuale nuova progettazione. I report riportano i dati raccolti ed elaborati mediante grafici che ne consentiranno una lettura chiara ed immediata. 4- report finale di sintesi finalizzato ad un analisi qualitativa e alla valutazione del processo per: - verificare i contesti di efficacia ed efficienza della progettualità; - individuare i punti di forza ed i punti di debolezza del sistema; - valutare il livello di gradimento degli operatori e degli utenti riguardo al servizio erogato; - valutare il grado di qualità percepito; - tesaurizzare gli elementi di qualità per una riproposizione migliorativa in contesti similari. I documenti prodotti nelle varie fasi del piano di valutazione sono stati inseriti nella piattaforma di Gestione della Programmazione Unitaria e depositati agli atti della scuola. In linea generale gli item scelti sono orientati a rilevare le aspettative, le motivazioni degli attori coinvolti (alunni, tutor, docenti) e l efficacia degli aspetti organizzativi, in fase di preparazione del progetto. Nel monitorare e valutare il processo formativo, mi sono avvalsa di diversi indicatori. Innanzitutto ho fatto riferimento a quelli specificatamente espressi in sede progettuale: risultati in ingresso in itinere e finali assenze effettuate la % di abbandono del corso poi ho condotto un indagine di monitoraggio molto più articolata (sotto forma di questionari anonimi ed individuali e discussione partecipativa) tendente a far emergere : le criticità e i punti di forza le risorse umane e l organizzazione le caratteristiche del processo formativo l efficacia del processo formativo l efficienza delle risorse umane ed organizzative in relazione al processo formativo e altri Questi indici sono in effetti quelli più oggettivi: complessivamente spiegano la reale efficacia del corso, basandosi sulla considerazione che il processo formativo non termina con l espletamento della prova finale, ma coinvolge il corsista nelle sue possibilità di auto-apprendere facendogli acquisire tecniche di apprendimento verificabili in futuro. Non ho tralasciato di valutare elementi quali l azione di pubblicizzazione e la coerenza esecutiva rispetto a quella progettuale. La prima è stata verificata considerando l allineamento tra quanto proposto in sede progettuale e quello realizzato. Sono stati positivamente valutati le modalità, i contenuti e i mezzi pubblicitari adoperati per l azione. Ho, altresì, verificato la congruenza tra quanto progettato, quanto riformulato a seguito dei risultati delle competenze in ingresso e quanto realizzato per tutto il processo; la stessa è risultata positiva. Sono stati Pagina 12 di 28

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014 LICEO CLASSICO SCIENTIFICO SCIENTIFICO TECNOLOGICO E DELLE SCIENZE APPLICATE 7202 - FRANCAVILLA FONTANA (BR) Viale V. Lilla, 25 Tel.: 083.84727 Fax: 083.83744 72024 - ORIA (BR) Via A. Negri, Tel.: 083.87097

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli