N Titolo Testata-Edizione Data 1 Il Trofeo dell'est fa il record Il Piccolo Gorizia Solo due assessori uscenti su 8 in Consiglio Il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N Titolo Testata-Edizione Data 1 Il Trofeo dell'est fa il record Il Piccolo Gorizia 04-06-2007 2 Solo due assessori uscenti su 8 in Consiglio Il"

Transcript

1 N Titolo Testata-Edizione Data 1 Il Trofeo dell'est fa il record Il Piccolo Gorizia Solo due assessori uscenti su 8 in Consiglio Il Piccolo Gorizia Portelli: Brancati aveva il 45% dei voti Il Piccolo Gorizia Cormons, un successo la Festa dei popoli Il Piccolo Gorizia Gherghetta soccorre un uomo caduto dalla moto Il Piccolo Gorizia Gradisca, sara' reso piu' sicuro l'ingresso al raccordo Il Piccolo Gorizia Romans, venerdi' la consegna del premio Celso Macor Il Piccolo Gorizia Cdl all'attacco: Bloccate la procedura Il Piccolo Monfalcone Piano rifiuti Il Piccolo Monfalcone Grado, varata la giunta Olivotto Il Piccolo Monfalcone Un week-end all'insegna Messaggero Veneto Gorizia

2 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Sport e Turismo pagina 11 NUOTO La neozelandese Baker domina nei 50 delfino e nei 50 rana. Il croato Stralija conquista il titolo nazionale nei 50 dorso. Bene il monfalconese Luca Salerno Il Trofeo dell Est fa il record di presenze con 550 atleti e 16 olimpici È stata la neozelandese Zoe Baker la grande protagonista della diciassettesima edizione del Trofeo dell Est. La manifestazione, organizzata dalla Gorizia Nuoto per celebrare i suoi primi trent anni di vita, è stata baciata dal sole e dal successo di pubblico: migliaia le persone che dalla mattina hanno affollato le tribune della piscina olimpica da 50 metri per attribuire il giusto applauso ai numerosi campioni arrivati a ogni angolo del globo. Presenti nuotatori provenienti da Brasile, Nuova Zelanda, Polonia, Germania, oltre ai velocisti della nazionale croata e a quelli della rappresentativa slovena: erano ben sedici gli atleti reduci dalle ultime Olimpiadi di Atene. E le gare non hanno tradito le attese: su tutte da segnalare le performances della campionessa di Auckland, che si è aggiudicata ben due gare, con tempi di assoluto rilievo. Nei 50 delfino un ottimo ha fatto registrare il record della manifestazione, mentre nei 50 rana è bastato fermare il cronometro a per avere la meglio sulle avversarie. Da segnalare anche la prova del croato Marko Stralija, che nei 50 dorso ha vinto stabilendo il nuovo record nazionale con il tempo di 26 03, a un solo centesimo dal primato del Trofeo. Spettacolo anche da Peter Mankoc: lo sloveno ha vinto i 50 farfalla con un significativo 24 84, portandosi sotto il muro dei 25 anche il brasiliano Gabriel Mangabeira con Bene anche la giovane promessa monfalconese Luca Salerno che nei 50 farfalla gruppo 2 ha chiuso la propria batteria vincendo con un importante Il presidente della Gorizia Nuoto Sergio Burelli è l immagine della felicità: «Una giornata super davvero racconta, sono arrivati 550 atleti da tutto il mondo e siamo riusciti a raddoppiare le presenze di pubblico e sponsor rispetto all anno scorso. Un immenso grazie al lavoro svolto dai due arbitri Piero Cecchetto e Annalisa Bolteri che hanno permesso un ottimizzazione del lavoro organizzativo. Il clima poi ha dato una mano a rendere perfetta la giornata: siamo proprio contenti». In mattinata visita ufficiale del presidente della Provincia Enrico Gherghetta accompagnato dall assessore provinciale Mara Cernic. Gherghetta ha sottolineato come la nostra sia «la provincia più sportiva d Italia e manifestazioni come il Trofeo dell Est evidenziano questo fatto. Sono orgoglioso ha detto ancora Gherghetta - dell organizzazione e della qualità della piscina olimpionica di Gorizia». Matteo Femia Un gruppo di tifosi esulta durante le gare del Trofeo dell Est a Gorizia Taglio medio

3 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 14 L ingegnere Crocetti tornerà a seguire il suo studio. Cressati continuerà a fare il docente universitario Solo due assessori uscenti su 8 in Consiglio La maggior parte degli amministratori riprenderà la propria occupazione Soltanto Gianluca Pinto e Silvestro Primosig continueranno l esperienza politica. Daranno battaglia dai banchi dell opposizione Il vicesindaco Bon ha concluso l esperienza amministrativa Con la giornata odierna si apre quella che sarà la prima settimana di Ettore Romoli da sindaco della città. Va dunque in archivio definitivamente il quinquennio brancatiano e, con esso, tutti gli assessori che hanno formato la giunta di centrosinistra dal Ma ora cosa faranno gli ex assessori? Rimarranno in politica o, dopo il mandato, e l inevitabile sovraesposizione che, un po da tutti i punti di vista, esso comporta avranno deciso di prendersi un periodo di riposo, lontano dai riflettori che illuminano il palazzo municipale? Prima di capire come cambierà la loro vita, però, occorre fare una premessa. Nel corso degli ultimi cinque anni gli assessori che, uno dopo l altro, hanno amministrato i diversi settori di competenza della giunta comunale sono stati davvero tanti, forse troppi come più di qualcuno ha osservato. Basti pensare, ad esempio, all assessorato alle politiche transfrontaliere e comunitarie che è stato portato avanti da ben tre persone diverse. Inizialmente, infatti, venne guidato da Damijan Terpin che poi passò il testimone a Mara Cernic, trasferitasi nemmeno un anno dopo nella neoeletta giunta provinciale per guidare le politiche ambientali, la quale, a sua volta, cedette le consegne ad un altro esponente della Slovenska Skupnost, Silvestro Primosig. Ma se questo resta una caso limite, vero è che quasi tutti gli altri assessorati hanno vissuto analoghe vicende. Quello all assistenza e ai servizi sociali, infatti, ha fatto capo prima a Silvano Cecotti, la cui scelta di lasciare l incarico da molti viene considerato ancora oggi il casus belli che ha portato alla frammentazione che a tutt oggi continua a caratterizzare il centrosinistra goriziano, e successivamente a Luciano Gentile. Stessa sorte per l assessorato alla polizia municipale. All inizio la delega venne affidata a Maurizio Di Matteo, poi chiamato anche lui da Gherghetta per un incarico di giunta, in questo caso in tema di viabilità e trasporti, al quale subentro Giuseppe De Martino. Turn-over anche per i componenti di Rifondazione Comunista, Ottavio Romano e Gianluca Pinto che si sono alternati alla guida dell assessorato allo sport e alle politiche giovanili. Acque meno agitate per le altre deleghe, dove Claudio Cressati, Alessandro Bon e Bruno Crocetti hanno portato a termine per intero il quinquennio, rispettivamente occupandosi di cultura, ambiente e urbanistica. Ora, tutti questi ex assessori che cosa faranno? Di alcuni, nella fattispecie coloro che si sono trasferiti da piazza del Municipio a corso Italia (dove ha sede la Provincia), abbiamo già detto. E gli altri? Non cambierà molto per Claudio Cressati che già da assessore non aveva rinunciato alla sua professione di docente universitario all ateneo di Udine. «Ora mi dedicherò a tempo pieno all attività di insegnamento e a quella di ricerca ha spiegato l ex assessore che ci tiene a ribadire la positività dell incarico politico svolto senza dimenticare che mi dovrò anche occupare dell Accademia Europeista del Friuli Venezia Giulia e della Confagricoltura di Trieste e Gorizia, visto che sono di entrambe l attuale presidente». Si dedicherà a tempo pieno alla sua attività di libero professionista l ingegner Bruno Crocetti. «Tornerò ad occuparmi del mio studio ha confermato come, inevitabilmente, non ho potuto fare in questi anni». Si godrà la pensione, invece, Luciano Gentile. «Ero già in quiescenza al momento in cui venni chiamato a guidare l assessorato ha ricordato Gentile che, negli scorsi giorni, aveva spiegato con parole decise che si sarebbe anche preso una pausa da una politica locale che non gli piace per niente e, allora, mi sentii in dovere di prendermi quell impegno e di tornare a lavorare». Continuerà ad occuparsi di politica, ma da un altro punto di vista, Giuseppe De Martino, il quale ha affermato di «riprendere a fare il sindacalista (nella Cisl, ndr)». Solo due degli ex assessori, però, continueranno a giocare una parte attiva nella politica cittadina, attraverso un seggio in consiglio comunale. I loro nomi sono Gianluca Pinto e Silvestro Primosig. Nicola Comelli Taglio basso

4 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 15 COMUNALI Il «caso Gorizia» sarà sottoposto questa sera al tavolo della direzione regionale del partito. «Le segreterie hanno fallito» Portelli: Brancati aveva il 45% dei voti Un sondaggio attribuiva all ex sindaco la possibilità di arrivare al ballottaggio di Francesco Fain «Ricordo a Capogrosso Sansone e alle segreterie che il sindaco uscente Vittorio Brancati aveva un indice di fiducia, nel dicembre scorso, del 45%. Pertanto, nei suoi cinque anni di governo della città, qualcosa di buono l ha fatto. Persino Ettore Romoli ed Erminio Tuzzi l hanno ammesso nei giorni scorsi: soltanto la dirigenza della Margherita continua ad affondare i colpi dando ingiustamente la colpa del disastro a Brancati. Tutto ciò è incredibile». Federico Portelli, leader della Margherita 2 (quella brancatiana) parteciperà questa sera alla direzione regionale della Margherita. E porterà a quel tavolo il «caso-gorizia». «Mi riservo di fare una ricostruzione di ciò che è successo negli ultimi due anni - dichiara -. Credo che le attuali segreterie del partito abbiano dimostrato di non poter guidare il partito verso la nascita del Pd». È un fiume in piena Portelli. Ha letto le ultime esternazioni di Capogrosso Sansone pubblicate ieri sul Piccolo («Siamo certi di aver governato bene? I cittadini pensano che abbiamo amministrato perfettamente? Credo di no. Sinceramente, sono stato il primo a dire che il cittadino era scontento. Vorrei ricordare, inoltre, di essere stato io il promotore sin da giugno 2006 delle primarie», le dichiarazioni dell ex segretario comunale) e la rabbia monta. «Purtroppo i cittadini goriziani non hanno potuto giudicare Brancati perchè il sindaco uscente è stato fatto fuori dai segretari che hanno assunto una decisione autonoma, senza confrontarsi con gli altri militanti del partito. Sono riusciti a fare di Brancati un martire». Il leader della Margherita 2 - che aveva sfidato senza fortuna Giulio Mosetti alla segreteria comunale - evidenzia che «è mancato, in questi anni, il sostegno del primo partito della coalizione (ovvero la Margherita stessa) che invece di spiegare quanto di buono fatto è stato il primo partito dell opposizione». Anche sul discorso delle primarie, il cui «ricordo» è stato rilanciato da Capogrosso Sansone, Portelli illustra la sua posizione: «Parliamoci chiaro. Le primarie, lanciate a suo tempo dalle segreterie della Margherita, servivano soltanto a delegittimare il sindaco uscente. Quando, nell aprile scorso, le abbiamo proposte noi per risolvere la crisi interna al partito, loro (i rappresentanti della Margherita 1, ndr) non le hanno più accettate. Perché? Ma perché l obiettivo del congresso di far fuori il sindaco era già stato raggiunto, quindi non c era più la necessità di ricorrere alle preconsultazioni. Capogrosso Sansone sostiene che c è sempre stata democrazia nella Margherita? Mi limito soltanto a ricordargli che, in questi anni, nessuna delle decisioni della segreteria è stata condivisa assieme ai componenti del partito. E quindi, per questo motivo, le persone che compongono questa dirigenza sono, a nostro parere, totalmente inadeguate a guidare il processo del Partito democratico». Portelli fa un ultima riflessione-provocazione. «E dire che, a suo tempo, i brancatiani erano Luigi Capogrosso Sansone e Maurizio Di Matteo». Con la sconfitta elettorale dell Ulivo (superato anche dalla coalizione che sosteneva Andrea Bellavite alla carica di sindaco) sono Gli esponenti della Margherita 2, Gentile e Vidic assieme al segretario comunale Mosetti Il recente congresso regionale della Margherita con Pinto (Rc) che porta il saluto di Brancati tornate ad essere conclamate le divisioni all interno della Margherita che parevano essersi «sopite» con la candidatura di diversi esponenti della cosiddetta Margherita 2 nella lista dell Ulivo: da Federico Portelli a Franco Miccoli, da Arcengelo Bocciero a Liviana Cechet. Ma già il giorno dopo il responso delle urne era salita la temperatura con le dichiarazioni forti di Franco Brussa e le randellate di Federico Portelli. Il partito - pertanto - continua ad essere spaccato in due tronconi: l ala rappresentata dalle segreterie da una parte e l ala, che per comidità si può definire «brancatiana», dall altra. In questa difficile situazione sono emerse ieri le posizioni da «pontiere» (o mediatore che dir si voglia) di Bruno Crocetti che, comunque, è ascrivibile alla Margherita 2. «Evidentemente la situazione in cui ci troviamo ha qualche padre e qualche madre. La politica dovrebbe contemplare - la sottolineatura di Crocetti - anche il riconoscimento degli errori che sono stati fatti. Li ho commessi anch io ma c è qualcuno che ne ha fatti di più. Fatta questa premessa, non credo che la stampa sia il luogo più adatto per chiarirci. Non credo che riusciremo a costruire qualcosa di serio se tutti quanti ci attacchiamo reciprocamente». Aveva aggiunto Crocetti: «Gli errori si fanno, si possono mettere in evidenza, l ammissione di responsabilità è giusta ma se continuiamo su questa strada, rischiamo di andare alle elezione regionali totalmente allo sbando. Dobbiamo assolutamente costruire in tempi rapidi un tessuto politico di centrosinistra credibile in città». Ecco che la parola d ordine di Crocetti diventa «ricostruzione» e per ricostruire non servono gli attacchi a distanza ma occorre mettersi tutti attorno a un tavolo. A ragionare. MANZ-indi83 Apertura

5 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Citta' pagina 15 FRANCO BRUSSA Rappresenta la Margherita 1, critica nei confronti del sindaco uscente Brancati La galassia della Margherita Goriziana LE DIVISIONI INTERNE FEDERICO PORTELLI Rappresenta la Margherita 2 pro-brancati che si contrappone a Brussa e Margherita 1 DIEGO MORETTI Segretario provinciale della Margherita LUCIANO GENTILE Assessore comunale uscente GIULIO MOSETTI Segretario comunale della Margherita BRUNO CROCETTI Si pone come il mediatore fra le due anime del partito anche se è più vicino alla Margherita 2 Apertura

6 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Isontino pagina 18 IMMIGRAZIONE E CONVIVENZA Gherghetta: «È giusto che l iniziativa si tenga in una delle province più aperte d Italia» Cormons, un successo la Festa dei popoli Un gruppo di immigrati presenti alla manifestazione CORMONS Una grande occasione per convivere e integrarsi. Ha chiuso alla grande ieri la «Festa dei Popoli» a Cormons alla presenza delle massime autorità, presidente della Provincia Enrico Gherghetta in testa. Dopo una messa multilingue (recitata in rumeno, spagnolo e francese) animata da gruppi di immigrati è seguito uno spettacolo in ricreatorio organizzato dalla parrocchia, dalla Caritas diocesana e dalle varie associazioni extracomunitarie presenti sul territorio che ha permesso al pubblico di assistere a balli e canti tipici delle più diverse aree del mondo, dal Centro e Sud America all Africa alle coreografie di giovani danzatrici del ventre italiane che si esibivano in uno show dalle tradizioni orientali. Nel primo pomeriggio, dopo un pranzo comunitario a cui hanno partecipato centinaia di persone, cerimonia di chiusura con le premiazioni dei tornei di calcio e cricket svoltisi sul terreno di via Gorizia. Molti gli stand presenti: in quello rumeno era possibile acquistare oggetti e manufatti provenienti da quella regione, mentre sui banconi albanesi e africani era possibile assaggiare pietanze tipiche provenienti da Tirana e dai Paesi al di sotto del Mediterraneo. Particolarmente visitato è stato lo stand dell Associazione culturale sportiva Skenderbeu, che promuoveva i piatti tipici albanesi. «Abbiamo esposto tre prodotti della nostra tradizione spiega Arturo Avllaj, presidente dell associazione come il tarator me kos, un antipasto fatto da yogurt intero, cetrioli, aglio e olio d oliva, il qofte ne zgare, con carne di manzo, simile ai vostri cevapcici, e lo shenetlie, il nostro dolce del saluto. Siamo orgogliosi di partecipare a quest iniziativa che guarda avanti verso un futuro di pace. La cultura unisce i popoli ed è l unico strumento veramente utile per portare la fratellanza». Anche il presidente della Provincia Enrico Gherghetta ha sottolineato l importanza non solo simbolica della manifestazione. «È giusto che la Festa dei Popoli si tenga in una delle province più aperte d Italia esordisce. Al centro troviamo i temi della convivenza e dell integrazione. Le vicende di questi mesi evidenziano il fallimento del modello americano, che io definisco modello ad arcipelago, dove i nuclei etnici vivono in enclavi anche territorialmente separate le une dalle altre. Questo esempio non è adatto all Europa: il miglior modello per noi è quello della grande minestra dove ognuno porta le proprie caratteristiche per fondersi in un risultato finale che esalta l integrazione. Fermo restando che chi viene da noi deve adeguarsi alle nostre regole e alle nostre leggi: altrimenti può benissimo scegliere di andare a vivere in un altro Stato». Matteo Femia Taglio medio

7 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Isontino pagina 18 CORMONS Un uomo, appena caduto dalla suo Quad - una moto a 4 ruote - e finito in mezzo alla strada, è stato soccorso dal presidente della Provincia Enrico Gherghetta, che stava in quel momento transitando con la sua autombile. È accaduto ieri poco, poco prima delle 14, a Cormons, in via Gorizia, all altezza dell ex scuola elementare «Ippolito Nievo». Gherghetta stava rientrando a casa dopo aver partecipato alla Festa dei popoli in svolgimento nel Gherghetta soccorre un uomo caduto dalla moto a Cormons centro collinare quando ha scorto in via Gorizia l uomo a terra, che rischiava di essere travolto dalle auto di passaggio. L uomo aveva accostato sul Quad al marcipaiede, ma quando ha cercato di scendere è ruzzolato pesantemente sull ìasfalto. Il presidente della Provincia si è fermato ed ha aiutato l uomo, che era in uno stato di ebbrezza alcolica tanto da non reggersi in piedi da solo, ad alzarsi e a raggiungere il vicino marciapiede. Nel frattempo è intervenuta anche un altra automobilista che si è presa cura dell uomo in attesa dell arrivo di un ambulanza del 118. Gherghetta ha provveduto a chiamare il pronto intervento del 112 e sul posto si sono recati i carabinieri della stazione di Cormons e una pattuglia del Nucleo radiomobile della Compagnia di Gradisca d Isonzo. L uomo, di cui non sono state fornite le generalità ed è residente a Gorizia, non ha voluto essere soccorso dai sanitari del 118 che intendevano portarlo in ospedale. Ha invece atteso l arrivo di un familiare, che ha provveduto a trasportarlo a casa. Il motociclista, al di là degli effetti dell alcol, non ha riportato nella caduta alcuna ferita. Taglio basso

8 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Isontino pagina 19 Verranno installati anche pannelli luminosi per una migliore indicazione stradale Gradisca, sarà reso più sicuro l ingresso al raccordo con un nuovo spartitraffico GRADISCA Lo svincolo autostradale di Gradisca sarà più sicuro soprattutto per quanti si immettono proveniendo da via Roma. Infatti è prevista entro la fine dell estate la realizzazione di uno spartitraffico in coincidenza con lo svincolo d immissione e uscita dal raccordo autostradale in via Roma. Ma non è solo questo l intervento previsto. Nei giorni scorsi è stato completato l intervento di attrezzatura in cemento armato che fungerà da base d ancoraggio e e di sostegno della nuova cartellonistica luminosa. L'intervento è stato deciso, ed anche finanziato, da Autovie venete che intende così migliorare l informazione stradale agli automobilisti in entrata e in uscita dal centro isontino. I due nuovi cartelloni luminosi, posti all ingresso/uscita del raccordo, consentiranno agli automobilisti anche nelle ore notturne una corretta interpretazione delle indicazioni stradali. Una scelta che è quanto mai utile perché lo svincolo di Gradisca, con le chiusure anche parziali del raccordo autostradale, viene utilizzato come uscita dia veicoli che poi si immettono sulla viabilità ordinaria per raggiungere le varie località di destinazione. E a patire questo traffico è soprattutto la viabilità cittadina. Ed è in questa ottica che verrà ridisegna e potenziata l intera area spartitraffico in particolare per quanto riguarda l illuminazione. Il progetto, infatti, prevede la collocazione di fari ad alta luminosità che consentiranno una corretta illuminazione anche nella fascia notturna. E si parla a Gradisca di utilizzare il traliccio, che sarà installato per ospitare la nuova cartellonistica stradale all imbocco dello svincolo. per collocare una delle quattro nuove antenne per la telefonia mobile approvate dal piano intercomunale delle antenne. L impianto, infatti, secondo il progetto intercomunale dovrebbe sorgere nella vicina piazzetta allo svincolo, fra le vie Roma e Papalina, ma ora c è la possibilità di trasferire l antenne in un area a minor impatto abitativo senza comprometterne le caratteristiche di propagazione. Si tratta ora di convincere i gestori ad accettare la variazione prevista dal progetto. Sul piano della sicurezza stradale il Comune è impegnato anche su altri fronti: rendere meno pericoloso l'incrocio del Mercaduzzo con la realizzazione di una rotatoria e vietare il transito di mezzi pesanti in centro, e soprattutto lungo viale Regina Elena. Di quest ultimo problema il sindaco di Gradisca Franco Tommasini ha interessato il presidente della Provincia di Gorizia Enrico Gherghetta. Insieme, di concerto con l Anas, dovrebbe essere redatto uno studio di fattibilità per l inibizione dei mezzi pesanti in centro. Il provvedimento sarebbe particolarmente gradito nel rione del Mercaduzzo, dove da tempo i residenti chiedono di deviare altrove il passaggio dei camion, a prescindere dalla realizzazione della rotatoria da 305 mila euro garantita nelle scorse settimane dal vicepresidente della Regione Gianfranco Moretton. Sarà reso più sicuro l innesto nel raccordo autostradale Gorizia-Villesse Taglio alto

9 4 GIU 2007 Il Piccolo Gorizia Isontino pagina 19 Romans, venerdì la consegna del premio «Celso Macor» ROMANS Si terrà venerdì alle all'auditorium «Mons. Galupin» di Romans, la cerimonia di consegna del premio «Celso Macor», giunto quest'anno alla sua terza edizione e denominato «Terre d'isonzo tra memoria e futuro». All'incontro parteciperanno gli attori Barbara Della Polla e Giorgio Monte, con l'accompagnamento musicale del duo composto da Daniela Bon e Mauro Bregant. L'importante iniziativa, intesa a ricordare la figura e l'opera del compianto poeta, scrittore e giornalista Celso Macor, nativo di Versa, viene proposta dal Comune di Romans, con il patrocinio della Provincia, in collaborazione con alcune associazioni isontine. Breve

10 4 GIU 2007 Il Piccolo Monfalcone Citta' pagina 14 L opposizione compatta insiste per impedire l avvio della raccolta differenziata il 18 giugno Cdl all attacco: «Bloccate la procedura» Forza Italia e Lega: «Pizzolitto si incontri subito con Romoli» «Fermatevi finchè siete in tempo». È questo l appello che viene rivolto dall opposizione di centrodestra alla maggioranza, decisa a partire il 18 giugno con il sistema di raccolta differenziata porta a porta, anche se la data non sembra ancora avere il crisma dell ufficialità perché ci sono tantissime incognite che pesano su questo processo. Prima tra tutte, il cambio di guida al Consiglio comunale di Gorizia, con l arrivo diel sindaco di centrodestra, Ettore Romoli, «avversario» dell attuale sistema di raccolta. «Come Lega Nord, abbiamo chiesto ufficialmente al neosindaco di Gorizia di rivedere il sistema di raccolta spiega Federico Razzini per cui, se io fossi stato il suo collega Pizzolitto, avrei atteso di capire che cosa accadrà a Gorizia, per evitare di far partire un sistema che poi verrà bloccato. Per cui propongo che i primi cittadini di Monfalcone e di Gorizia si Lionella Zanolla di An incontrino al più presto per decidere che fare nella nostra provincia del sistema dei rifiuti». Nella vicenda, secondo Razzini, entrano poi anche le dimissioni di Gutty dai vertici di Iris. «Adesso è il momento di pensare ad un consiglio di amministrazione che sia più vicino alle esigenze dei cittadini spiega che riporti la società verso i principi di efficienza che dovrebbero essere il cardine della pubblica amministrazione. Iris, è vero, è una Spa, ma finora ciò ha causato solo disagi». Anche Giuseppe Nicoli, segretario locale di Forza Italia, è d accordo su un eventuale stop. «La prossima settimana ci sarà un incontro con le segreterie politiche della Casa delle libertà spiega per prendere atto dei risultati delle amministrative e fare il punto sul futuro di Gorizia. Proprio in quest ottica la decisione di partire del Comune di Monfalcone sembra una forzatura bella e buona, dal momento che il contesto provinciale è in procinto di modificarsi profondamente». In questa vicenda, sostiene Nicoli, ci sono state forti pressioni del presidente della Provincia Enrico Gherghetta e del suo assessore alla differenziata Mara Cernic. «Ormai, però, la provincia di Gorizia non è più governabile in modo omogeneo afferma il segretario di Forza Italia perché c è il centrodestra a Gorizia dove i Democratici di sinistra sono riusciti a piazzare un solo consigliere comunale, e il centrosinistra su Monfalcone, situazione che rende il presidente Gherghetta molto più debole di due saettimane fa». Perciò, per quanto riguarda la partenza del porta a porta il 18 giugno, Forza Italia ribadisce il suo appello alla giunta monfalconese: «Fermatevi, fermatevi finchè siete in tempo afferma Nicoli per non spendere soldi inutilmente. Pizzolitto ha infatti mai contattato Romoli per sapere quali sono le sue intenzioni? Non credo, e questo non è ammissibile. La fretta dell amministrazione di sinistra nel volere il porta a porta può anche causare un grave danno erariale, nel caso in cui ci si debba fermare». In più, spiega Forza Italia, proprio a metà giugno sarà inviato all Azienda per i servizi sanitari e al Nas dei carabinieri un sollecito in merito alla richiesta, già inviata da tempo da Forza Italia, di effettuare una verifica sul sistema di raccolta del porta a porta. «Anche in virtù di questo, un ripensamento è necessario», conclude Nicoli. Appello opposto ma con analoghe finalità, invece, da parte di Alleanza nazionale. Per la consigliera Lionella Zanolla, infatti, è inutile rimandare ancora. «Partiamo, finalmente, così facciamo vedere al Comune che il sistema non funziona» spiega. E ai quartieri dice: «È inutile adesso dichiararsi non pronti. Sono più di due anni che si parla di questo sistema, e si sa che, bene o male, lo si dovrà fare, e dovrà farlo anche chi non è d accordo, come me. Quindi partiamo e poi dimostreremo chiaramente che non funziona». Elena Orsi Taglio medio

11 4 GIU 2007 Il Piccolo Monfalcone Citta' pagina 14 La Provincia: «Controproducente l eccessiva rigidità, possibili soluzioni alternative» Piano rifiuti: il porta a porta potrebbe saltare già a gennaio Il sistema di raccolta differenziata porta a porta a Monfalcone, la cui partenza è prevista fra poco più di due settimane, potrebbe durare solo qualche mese. Il tempo necessario cioè alla predisposizione del nuovo piano provinciale dei rifiuti che sarà approvato entro fine anno ma le cui linee-guida sono già definite. La Provincia, infatti, intende mettere in discussione non solo il sistema di tariffazione per gli utenti che non sarà più rapportato alla metratura dell alloggio ma proporzionale alla «produzione» di rifiuti, ma anche l attuale rigidità del sistema di raccolta porta a porta, posto sotto accusa non solo in chiave preventiva a Monfalcone, ma anche negli altri comuni del Monfalconese in cui viene già attuato da mesi. Che il sistema porta a porta a Monfalcone sia rimesso in discussione a breve scadenza è un eventualità che lo stesso presidente della Provincia Enrico Gherghetta, alle prese con il nuovo piano rifiuti, definisce «realistica». «Sia chiaro - afferma Gherghetta -, qui non è la raccolta differenziata in dubbio, ma il sistema complessivo per raggiungere un obiettivo, che per Monfalcone è il 60% di rifiuti differenziati. Il nuovo piano darà delle linee-guida e degli obiettivi. Ma non imporrà certo il porta a porta». La Provincia intende insomma tenere conto delle osservazioni e delle proteste pervenute dai cittadini, dai quartieri e dalle categorie sul nuovo sistema di raccolta. È così - aggiunge Gherghetta -, e la sintesi è questa: i cittadini non vogliono essere costretti a tenersi in casa le immondizie per giorni. Con il nuovo piano noi intendiamo evitare che ciò avvenga». Le soluzioni, secondo la provincia, ci saranno. E per questo sono stati incaricati tre tecnici di livello nazionale che avranno il compito di analizzare l attuale piano, individuare gli elementi superati e trovare nuove soluzioni improntate, comunque, alla flessibilità e ispirate anche alle nuove tecnologie. Un piano comunque in movimento. Porta a porta, dunque, con i che altre novità: tariffe più basse a chi produce meno rifiuti, accordi con i supermercati perché vengano limitate le confezioni e creati punti di raccolta degli imballaggi, vantaggi ai Comuni che effettuano la raccolta differenziata attraverso l introduzione di tariffe «ritagliate su misura» in rapporto alle percentuali raggiunte. In sostanza, la nuova programmazione non nascerà sotto dettatura di Iris ma sarà il frutto di una co-progettazione. Deve essere chiaro insomma, per la Provincia, che il porta a porta e la multiservizi isontina non sono dogmi assoluti. «Ci piacerebbe percorrere in provincia - conclude Gherghetta - la strada del commercio Teatro comunale gremito in una delle assemblee sull avvio della raccolta «porta a porta» a Monfalcone (Foto Altran) mesi contati? «È possibile. Peraltro, sia ben chiaro, nè la Provincia nè l Ulivo sono il partito dell Iris o del porta a porta. «Il nostro obiettivo - continua - sarà quello di dare risposte ai cittadini e di tutelare l ambiente. Il porta a porta non è un obiettivo del nuovo piano dei rifiuti ma, casomai, uno strumento per raggiungere i risultati che ci siamo prefissati». Insomma, porta a porta a Monfalcone figlio di un piano dei rifiuti troppo rigoroso? «Potrei dire di sì. Quando si parla di temi ambientali l eccesso di rigore non serve a nulla, ci vuole casomai una maggiore flessibilità». Le linee-guida del nuovo piano prevedono comunque an- differente dando la possibilità, agli utenti, di liberarsi dei materiali di imballaggio, plastica e cartone già dentro i siti commerciali. Un meccanismo già avviato in alcune regioni che consentirebbe al cittadino di eliminare, subito dopo il pagamento della spesa alla cassa, i materiali superflui. Altro caposaldo del piano è di far pagare al cittadino solo per la quantità di rifiuti che produce. Da effettuare, ad esempio, introducendo l obbligatorietà dell uso di un sacchetto dal costo elevato che penalizzi così chi produce più rifiuti. Altro sistema, quello del controllo tramite un codice a barre posto direttamente sul contenitore dei rifiuti. f. m. Rifiuti depositati fuori dai cassonetti in una strada del centro a Monfalcone Apertura

12 4 GIU 2007 Il Piccolo Monfalcone Provincia pagina 19 Il sindaco terrà per sé l Urbanistica e il Personale, mentre all esterno Scaramuzza vanno i Lavori pubblici. Le Attività produttive a Delbello Grado, varata la giunta Olivotto: 6 assessori A sorpresa la delega alla Pesca è andata alla giovanissima leghista Elisa Polo, 22 anni GRADO Definita ufficialmente la composizione della giunta comunale e assegnate le deleghe. Gli atti saranno formalizzati oggi ma la notizia è stata ufficialmente comunicata dal sindaco Silvana Olivotto, visibilmente soddisfatta per essere riuscita a chiudere tutto in pochi giorni, smussando più di qualche frizione che era emersa, o meglio di richieste che le varie delegazioni avevano fatto per cercare di ottenere il più possibile. Ogni gruppo comunque ha fatto un passo indietro rispetto alle richieste iniziali Queste dunque le deleghe. Il sindaco Silvana Olivotto tiene per sé l importante e spigolosa delega dell Urbanistica, quella del Personale e delle Aziende partecipate. Deleghe importanti anche per il vicesindaco Enzo Marocco (Democratici riformisti proveniente dalla Margherita. È stato presente in consiglio comunale durante lo scorso mandato ma seduto sui banchi della minoranza) che oltre a quella relativa ai rapporti con il consiglio, si è prese Silvana Olivotto quelle del Bilancio, delle Risorse finanziarie, dei Tributi e del Patrimonio. Di rilevanza, dato il grande numero di persone che coinvolge direttamente, pure gli incarichi assegnati ad Alide Dovier (lista civica Progetto democratico per Grado). L ex comandante della polizia municipale, da un paio d anni in quiescenza, sarà il referente per la Cultura, l Associazionismo, il Volontariato, l Istruzione e lo Sport. Altri referati molto delicati e sempre al centro dell attenzione della gente, sono quelli relativi a Sanità e Assistenza assegnati a Giorgio Laus (Lista Silvana Olivotto; tecnico presso il ministero delle Finanze per 20 anni, dirigente nel settore privato dei servizi e attualmente consulente aziendale; per 8 anni è stato consigliere d opposizione al comune di Ruda; è componente della commissione regionale di coordinamento delle attività diabetologiche e presidente dell associazione diabetici della provincia di Trieste). Allo stesso Laus vanno anche le Politiche familiari, la Polizia municipale e la Protezione Civile. Alla leghista Elisa Polo, la più giovane e unica donna di tutta la massima assise cittadina, sono state date invece le deleghe per Caccia e Pesca, quelle relative alle Politiche giovanili e ovviamente quelle legate alle Pari opportunità. Assessorato «pesante» per Maurizio Delbello (Forza Grado; ex responsabile locale di Forza Italia estromesso da Fi che ha commissariato la sezione affidandola dapprima a un triumvirato e poi a Edi Maricchio) che si prende in carico quasi tutte le Attività produttive, tranne la pesca che è andata alla Polo. A Delbello vanno cioè il turismo, il commercio, l artigianato, l agricoltura e, ovviamente tutte le problematiche legate alle frazioni agricole di Boscat e Fossalon. Altre deleghe di rilevanza all assessore esterno Giordano Scaramuzza (Democratici Riformisti proveniente dai Democratici di Sinistra) che curerà i Lavori pubblici, Viabilità, Parchi e l Ambiente. Scaramuzza è un ingegnere civile, dipendente della Provincia di Gorizia dove si occupa di pubblici impianti e sicurezza. Fra l altro è noto alle cronache per essere riuscito, nel 2001, a vincere 250 milioni delle vecchie lire al quiz televisivo «Chi vuol essere miliardario» di Jerry Scotti. «Siamo molto soddisfatti sottolinea il sindaco Silvana Olivotto non appena terminata la riunione di ieri mattina che è servita appunto per definire gli ultimi dettagli relativi agli incarichi perché è stata dimostrata grande armonia fra tutti, trovando il giusto equilibrio nella distribuzione delle deleghe». Attorniata da alcuni assessori, Silvana Olivotto si è seduta all esterno del bar Alla Fenice proprio per rilassarsi dopo quella che è stata senza dubbio una notte di riflessione e dopo tanti giorni di intensa attività con le prime apparizioni e la partecipazione ad alcune cerimonie ufficiali. «Siamo pieni di entusiasmo aggiunge e non vediamo l ora di iniziare il lavoro che ci porterà a fare tanti interventi a favore del turismo, dell economia e del sociale». E i lavori inizieranno già domani con la prima riunione della giunta. La convocazione del primo consiglio comunale è in programma invece sabato 16 giugno alle 18. «Nei prossimi giorni - sottolinea il vice sindaco Enzo Marocco penseremo anche alla costituzione delle commissioni consiliari che serviranno per avere un ulteriore forma di collaborazione da parte di tutti». Fra queste commissioni ci sarà sicuramente quella alla cultura che sarà presieduta da Bruno Scaramuzza. Le altre commissioni interesseranno tutti gli altri settori e buona parte delle deleghe assegnate. Un incarico in qualche azienda partecipata o in altri enti sarà assegnato inoltre a Loris Sodomaco di Grado dei Valori, forza che non è rappresentata in consiglio comunale ma che ha dato il suo concreto contributo all elezione della coalizione trasversale che ha vinto le elezioni. Antonio Boemo Apertura

13 4 GIU 2007 Il Piccolo Monfalcone Provincia pagina 19 Apertura

14 4 GIU 2007 Messaggero Veneto Gorizia Isontino pagina 4 CORMÒNS Un week-end all insegna della multi-etnicità Un momento della festa dei popoli a Cormòns CORMÒNS.Colori,sapori,lingue,religioni, culture e tradizioni di un mondo globale sono stati protagonisti del weekend cormonese. Sotto un sole luminoso, ieri diverse etnie si sono incontrate nel ricreatoriodicormònsinoccasionedella Festa dei popoli, promossa dalla parrocchia di Sant Adalberto, in collaborazione con la Fondazione cassa di risparmio di Gorizia, la Diocesi di Gorizia e la Caritas diocesana di Gorizia. Il programma, iniziato venerdì sera, è culminato ieri con la messa plurilingue nel Duomo e con lo spettacolo folcloristico delle comunità di immigrati in ricreatorio seguito dal pranzo multietnico preparato dalle diverse comunità di immigrati. Le ballerine con la pelle color ebano e i costumi variopinti si sono esibite sui ritmi travolgenti delle musiche sudamericane, leallievedella scuolaginnastica cormonese hanno ballato la danza del ventre.ealterminedellospettacolo,caricodiallegriaedenergia,sièpassatiall assalto ai piatti nei piccoli stand multietnici. Dalla Latino America (empanadas e dolce), alla Mauritania (Couscous e begnet), dal Senegal (fataya, vermicelli con verdura e carne), alla Romania (antipastodimelanzana, Sarme, Gulash, dolcedi mele),almarocco(couscous,teedolcimarocchini),all Albania(yogurtecetrioli,ce- vapcici), alla Costa D Avorio (platano fritto, ignam, pomodoroe pesce, bissape zinzero) e alle Filippine. Insomma, un vero e proprio pranzo dal sapore multietnicoeglobalizzato. Le specialità e i piatti tipici sono stati preparati e serviti da alcuni responsabili delle comunità di immigrati della provincia isontina. Nella sala della biblioteca era esposta una piccola mostra di oggettistica e artigianato rumeno. Variopinto anche il pubblico che ha partecipato alla festa: molti tra i presenti indossavano infatti gli abiti tradizionali, colorato esempio di integrazione. E sul concetto di integrazione si è soffermato anche Enrico Gherghetta, presidente della provincia di Gorizia. «Le vicende di questi mesi in Italia e in Europa ha spiegato dimostrano che il modello di integrazione statunitense ad arcipelago (dove i gruppi etnici vivono su isole diverse) non è adatto all Europa. L Europa deve cercare un altro modello». Gherghetta, restando in tema enogastronomico,hausatolametaforadellaminestra, dove ogni ingrediente ha il suo sapore, ma deve amalgamarsi con gli altri per la riuscita del piatto. «Una comunità non può isolarsi, deve integrarsi con la nostra società. Ma questomodellorichiedeatuttiunpassoavanti. Questa festa ha sottolineato non è la festa di un popolo solo, di una religione sola,madituttiipopoliconlelorocaratteristiche, secondo il principio di contaminazione. La natura ha proseguito ha tre caratteristiche: è estensiva (cioè tende a conquistare nuovi spazi); è cognitiva (impara dal passato); è sistemica (fa sistema). La società deveavere lestesse caratteristiche». «La gente che pensa in modo diverso,conunaculturadiversaeunatradizione diversa che abita qui ha concluso deve convivere nel rispetto del quadro di valori e di leggi sancite dalla costituzione italiana. Ecco: io credo in questo tipo di integrazione». (m.b.) Taglio medio

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Rassegna del 15/04/2015

Rassegna del 15/04/2015 Rassegna del 15/04/2015 SANITA' REGIONALE 15/04/15 Gazzetta del Sud 17 Lavori in corso nel centrodestra - «Un ponte tra chi non dialoga più» Costa Luana 1 15/04/15 Gazzetta del Sud 17 Le nomine fatte dai

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa IL MAGGIO DEI LIBRI Premessa Fino al 2010 esistevano in Italia due iniziative a carattere nazionale per la promozione del libro e dell a lettura, del tutto distinte per patrocinatore, soggetto promotore,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli