Osservatorio Recenti Prog Med 2010; 101:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio Recenti Prog Med 2010; 101: 106-111"

Transcript

1 106 Osservatorio Recenti Prog Med 2010; 101: Obesità e malattia da reflusso gastroesofageo Salvatore De Marco, Carlo Passaglia Riassunto. L obesità, definita come Indice di massa corporea >30, e la malattia da reflusso gastroesofageo colpiscono, rispettivamente, il 30% e il 15-20% della popolazione adulta nei paesi occidentali. Esistono numerose evidenze epidemiologiche sulla elevata prevalenza dei sintomi e delle complicanze della malattia da reflusso gastroesofageo nei pazienti obesi; i meccanismi fisiopatologici coinvolgono la motilità esofagea e gastrica, l aumentata pressione intraddominale, gli ormoni sessuali, le abitudini alimentari e la presenza di ernia iatale. Il trattamento chirurgico dell obesità comprende diversi tipi di intervento: di tipo restrittivo (riduzione del volume gastrico con comparsa di precoce senso di sazietà), di tipo malassorbitivo (riduzione della superficie assorbente dell intestino tenue) e di tipo misto (restrittivo e malassorbitivo). Il tipo di trattamento chirurgico nei pazienti obesi influisce sull andamento post-operatorio della malattia da reflusso esofageo; in particolare il by-pass gastrico su ansa alla Roux determina in genere la maggiore riduzione dei sintomi nei pazienti obesi affetti da tale patologia. Parole chiave. Adiposità viscerale, chirurgia bariatrica, Indice di massa corporea, malattia da reflusso gastroesofageo, obesità. Summary. Obesity and gastroesophageal reflux disease. Obesity, defined as body mass index >30, and gastroesophageal reflux disease show a prevalence of 30%, and 15-20% respectively, in adults in western countries. Obesity increase prevalence of gastroesophageal reflux disease, through difference physiopathological mechanism, that involve esophageal and gastric motility, sexual hormones, dietary habits and drugs intake, presence of hiatal hernia, elevated intra-abdominal pressure. Several surgical treatment options are avalaible in obese patients, which can be divided into restrictive (acting through reduction of gastric volume), or malabsorptive techniques (acting through functional shortening of digestive tract), or a combination of both. Type of surgical approach influences gastroesophageal reflux disease outcome in obese patients with pre-existing symptoms; Roux-en-Y gastric bypass probably represents the best option for these, eligible for bariatric surgery. Key words. Abdominal obesity, bariatric surgery, body mass index, gastroesophageal reflux disease, obesity. Introduzione Obesità e malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) rappresentano due diffuse patologie la cui incidenza è progressivamente aumentata negli ultimi decenni nei paesi industrializzati. L obesità, definita in base all indice di massa corporea (BMI= peso corporeo in kg/altezza in metri 2 ) >di 30, in casistiche del Nord America incide nel 33% della popolazione adulta 1. La malattia da reflusso gastroesofageo (intesa come comparsa di sintomi fastidiosi correlati al reflusso del contenuto gastrico in esofago con frequenza settimanale) è segnalata in circa il 15-20% della popolazione adulta, con una maggiore prevalenza in Nord America rispetto all Europa e all Estremo Oriente, e con un andamento in crescita negli ultimi decenni 2-4. In Italia, un studio condotto mediante interviste su 700 pazienti ha evidenziato una prevalenza di sintomi di MRGE nella popolazione adulta di circa il 15% 5. L obesità è uno dei fattori più fortemente legati alla comparsa di malattia da reflusso attraverso molteplici meccanismi, e l incremento di incidenza negli ultimi anni dell obesità nella popolazione adul- ta dà conto, in parte, del parallelo aumento di incidenza della MRGE. L associazione tra obesità e MRGE, infine, si riflette anche sulle decisioni operative dello specialista in chirurgia bariatrica; quest ultima viene riservata in genere a pazienti affetti da obesità patologica (definita come BMI >40, o BMI >35 in soggetto con almeno un altro fattore di rischio cardiovascolare). Epidemiologia L aumentata incidenza di MRGE in soggetti obesi è chiaramente evidenziata in numerose casistiche riportate in letteratura. La meta-analisi di Hampel et al. 6 su 210 pazienti evidenzia un aumentato rischio di MRGE sintomatica (8 pirosi retro sternale e/o reflusso) sia in pazienti con eccesso ponderale (BMI >25; OR 1,47; 95% CI: 1,158-1,774), sia in obesi (BMI >30; OR 1,94; 95% CI :1,468-2,556). È stata inoltre evidenziata una correlazione lineare tra la incidenza di sintomi da MRGE e vari livelli di BMI, persino nei pazienti con BMI normale (BMI compreso tra 20 e 25), se stratificati secondo un cut off pari a 22,4 7. UO Medicina 5, Dipartimento di Gastroenterologia, Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, Pisa. Pervenuto il 19 gennaio 2010.

2 S. De Marco, C. Passaglia: Obesità e malattia da reflusso gastroesofageo 107 L aumentata incidenza di MRGE è stata evidenziata anche usando un parametro oggettivo (ph metria esofagea delle 24 ore), in un gruppo di 31 pazienti affetti da obesità patologica; in questo caso, i rilievi ph metrici sono risultati patologici nel 61% dei pazienti 8. Nella metaanalisi di Hampel et al. 6, l eccesso ponderale (BMI >25) aumenta l incidenza di esofagite erosiva (OR 1,76; 95% CI: 1,156-2,677); il dato è stato confermato anche in altri studi 4. Il ruolo del sesso è stato valutato in numerosi studi 9-10, che hanno dimostrato come il sesso femminile, nell ambito della popolazione di pazienti obesi, rappresenti un ulteriore fattore di rischio per la insorgenza di MRGE. Lo studio di Nillson et al. 9 ha evidenziato una Odd Ratio di 3,3 (95% CI 2,4-4,7) per MRGE in obesi maschi con BMI >35, e di 6,3 (95% CI: 4,9-8,0) nelle donne. Non solo il BMI, ma anche l adiposità viscerale, rappresentata dal parametro della circonferenza addominale, mostra una correlazione lineare con l incidenza della MRGE, se riferita sia alla comparsa di sintomi 11, sia alla presenza di parametri patologici alla ph metria esofagea delle 24 ore 12. L obesità determina una aumentata incidenza anche delle complicanze della MRGE. Un incremento di incidenza di esofago di Barrett (BE) è stato correlato all aumento sia del BMI che della adiposità viscerale 13. In questo studio, la valutazione della adiposità viscerale è stata ottenuta valutando parametri antropometrici oggettivi (mediante CT), e quest ultima si è dimostrata un parametro più significativo rispetto all incremento del BMI nel predire il rischio di comparsa di BE. Altri studi infatti, limitati alla generica valutazione del BMI 6, hanno fallito nell indentificare un aumentato rischio di comparsa di BE nei soggetti obesi. L aumento di incidenza dell adenocarcinoma esofageo presenta un significativo incremento negli obesi (BMI >30) rispetto ai soggetti magri con BMI <22 (OR 16,2; 95% CI: 6,3-41,4) 14. Il dato è stato confermato dalla meta-analisi di Hampel et al 6, sia nei pazienti con eccesso ponderale (OR 1,52; 95% CI: 1,147-2,009), sia in quelli obesi (OR 2,78; 95% CI: 1,850-4,164). L aumento del peso corporeo nel tempo determina la frequente comparsa di sintomi da MRGE; in particolare l incremento del BMI di 3,5 kg/m 2 causa un aumento di 3 volte del rischio di comparsa di sintomi (OR 2,8; 95% CI 1,6-4,8) 7. Non c è tuttavia una chiara dimostrazione che il calo del peso corporeo, a seguito di provvedimenti dietetici, determini una riduzione della incidenza dei sintomi Una valutazione ph metrica e clinica è stata eseguita prima e dopo l inizio di una dieta a bassissimo contenuto calorico (<420 Kcal / die; contenuto in carboidrati <20 g/die), con miglioramento dei sintomi e dei parametri ph metrici 18. Lo studio, tuttavia, ha analizzato pochi pazienti e la valutazione è stata eseguita dopo soli 14 giorni dall inizio della dieta. Un altro studio è stato condotto in pazienti obesi che hanno ottenuto calo ponderale mediante posizionamento di pallone intragastrico (bioenteric intragastric balloon: BIB) o mediante dieta, per 13 settimane; dopo questo termine, anche i pazienti trattati con dieta sono stati sottoposti a posizionamento di BIB per 48 settimane. Lo studio ha evidenziato un transitorio peggioramento dei sintomi nei pazienti portatori di BIB e un miglioramento nei pazienti in trattamento dietetico. Dopo rimozione del BIB, la sintomatologia migliorava a valori superiori a quelli pretrattamento 19. Meccanismi fisiopatologici della MRGE nei soggetti obesi Numerosi meccanismi sono stati proposti per spiegare l aumento di incidenza della MRGE nei soggetti obesi. ALIMENTAZIONE E FARMACI L obesità e la malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) sono patologie ad elevata e crescente prevalenza nei paesi occidentali. Vari studi epidemiologici evidenziano come l obesità rappresenti un fattore di rischio per lo sviluppo della MRGE e delle sue complicanze. Un primo meccanismo da considerare è legato alle abitudini alimentari del soggetto obeso. Il maggior consumo di grassi, di snack, di cioccolata, l aumentata assunzione di alcolici e di bevande gassate, sono tutti possibili fattori favorenti la comparsa di malattia da reflusso gastroesofageo, sia tramite aumento dei rilasciamenti transitori del cardias (grassi, bevande gassate), sia per un danno diretto sulla mucosa esofagea (alcol), sia per riduzione del tono del cardias (grassi, cioccolata). I pazienti obesi, inoltre, a seguito dell aumentata incidenza di patologie cardiovascolari, assumono ORMONI frequentemente farmaci che possono interferire con la motilità esofagogastrica, quali beta bloccanti, calcio antagonisti, nitrati con vari meccanismi fisiopatologici (riduzione del tono del cardias, ritardato svuotamento gastrico, etc.). Il ruolo degli estrogeni è dimostrato dalla maggiore incidenza di MRGE nelle donne obese; la somministrazione di estrogeni in donne in fase post-menopausale aumenta ulteriormente il rischio di MRGE. Le donne obese presentano più bassi livelli circolanti di sex hormone binding globulin, con conseguente incremento della frazione di estradiolo libero; esiste inoltre una incrementata quota di substrati per la sintesi degli estrogeni, vi sono evidenze di sintesi diretta di estrone nel tessuto grasso dei soggetti obesi. Gli estrogeni determinano incremento della sintesi di ossido nitrico in cellule muscolari lisce, fenomeno che induce il rilasciamento del cardias sia in modelli animali che negli esseri umani 9. AUMENTO DELLA ADIPOSITÀ VISCERALE L aumento della circonferenza addominale (e quindi della adiposità viscerale), tramite l aumento della pressione intra-addominale e quindi della pressione intra-gastrica 20, può favorire la comparsa di reflusso gastroesofageo.

3 108 Recenti Progressi in Medicina, 101 (3), marzo 2010 Il tessuto adiposo viscerale, inoltre, è un tessuto metabolicamente attivo che produce numerose citochine, tra cui TNF alfa e interleuchina-6 (IL-6) le quali possono influenzare la motilità esofagogastrica. In particolare, la produzione di IL-6 indotta dalla infiammazione della mucosa esofagea determina un incremento di H 2 O 2 nelle cellule muscolari lisce con induzione della sintesi di PAF e PGE2, che a loro volta mediano il rilasciamento delle cellule muscolari e in particolare la riduzione del tono dello sfintere esofageo inferiore 21. ALTERAZIONI MANOMETRICHE DELLO SFINTERE ESOFAGEO INFERIORE Nei pazienti obesi è frequente il riscontro di alterazioni manometriche dello sfintere esofageo inferiore (LES), in particolare il riscontro di LES ipotensivo (definito da una pressione endoluminale basale, misurata manometricamente, inferiore a 10 mmhg). Il LES ipotensivo è un fattore favorente la comparsa di MRGE; diversi lavori hanno dimostrato la correlazione tra aumento del BMI e riduzione del tono del LES; come nei pazienti obesi, il tono del LES appare ridotto nei pazienti con sintomi di MRGE, rispetto a soggetti obesi asintomatici 22. In un gruppo di 345 affetti da obesità patologica, è stata valutata la percentuale di incidenza di LES ipotensivo rispetto a pazienti con normale tono del LES (10-35 mm Hg) 23. I portatori di LES ipotensivo (52%) presentavano più alta incidenza di sintomi da MRGE, rispetto a quelli con pressione normale del LES (52,6% vs 32,1%; p=0,003). I rilasciamenti transitori del LES (transient lower esophageal sphincter relaxations: TLESRs), definiti come completo rilasciamento del LES in assenza di atto deglutitorio, sono eventi prevalentemente post-prandiali, in genere elicitati dalla distensione gastrica, che possono favorire la comparsa di reflusso. I soggetti obesi presentano rispetto a soggetti normopeso un aumento dei rilasciamenti transitori del LES nel periodo postprandiale; inoltre, i rilasciamenti transitori nei soggetti obesi si associano più spesso ad episodi di reflusso gastroesofageo, rispetto a quelli che si verificano nei soggetti normopeso 24. ERNIA IATALE LES rispetto al diaframma crurale che funziona da sfintere esterno, alla perdita dell angolo gastrico acuto di His, alla funzione di reservoir di acido assunto dalla porzione di stomaco e migrato nella cavità toracica. In affetti da obesità patologica, il riscontro di ernia iatale correla con più alta incidenza di esofagite da reflusso e/o bassi valori di ph nell esofago distale, rispetto a pazienti obesi della stessa coorte senza riscontro endoscopico di ernia iatale 25. Uno studio recente condotto con manometria ad alta definizione ha consentito di individuare negli obesi un più elevato gradiente pressorio esofagogastrico e una più elevata pressione intragastrica, con una correlazione lineare con l aumento del BMI; il che determina un effetto meccanico di distorsione anatomica della giunzione esofagogastrica, con una maggiore separazione spaziale dello sfintere interno ed esterno (il diaframma crurale) rispetto ai controlli normopeso, in particolare durante la inspirazione. Questo meccanismo favorirebbe nel tempo lo sviluppo dell ernia iatale 26. ALTERAZIONI MOTORIE DELLO STOMACO Differenti meccanismi fisiopatologici sono alla base dello sviluppo di malattia da reflusso gastroesofageo in soggetti obesi: alterazioni della motilità esofagea e gastrica, le abitudini alimentari e l uso di farmaci, la presenza di ernia iatale, la elevata pressione intra-addominale legata all aumento della adiposità viscerale ed il sesso (prevalenza nel sesso femminile). I soggetti obesi presentano una aumentata compliance gastrica rispetto a soggetti normopeso, ma esistono poche evidenze 27 di una aumentata incidenza di ritardato svuotamento gastrico, quale meccanismo favorente la MRGE, negli obesi affetti da MRGE, rispetto a obesi asintomatici o a soggetti normopeso. Esistono, al contrario 28,29, studi che segnalano un accelerato svuotamento gastrico in soggetti obesi; la conseguenza è che l accelerato svuotamento gastrico riduce il senso di sazietà e di conseguenza rappresenta un fattore favorente l obesità, è solo indirettamente correlato a MRGE. Controversa è la funzione della grelina, piccolo polipeptide secreto principalmente dallo stomaco, coinvolto tra l altro nella secrezione del GH e nella regolazione ipotalamica del senso di fame. La grelina è un potente procinetico gastrico, e i livelli sierici appaiono aumentati nei pazienti malnutriti e diminuiti negli obesi; l assenza di una riduzione dell effetto procinetico negli obesi, a differenza di quanto sarebbe lecito aspettarsi data la riduzione dei livelli di grelina, è probabilmente legata alla perdita, negli obesi, degli effetti della grelina sulla cinesi gastrica 30. L ernia iatale costituisce un comune riscontro endoscopico nei pazienti obesi, più frequente che nei soggetti normopeso. Essa favorisce il reflusso tramite svariati meccanismi 25, correlati principalmente alla distorsione anatomica della giunzione esofago-gastrica con la migrazione prossimale del ALTERAZIONI MANOMETRICHE DEL CORPO ESOFAGEO I soggetti obesi presentano una più elevata incidenza di alterazioni manometriche del corpo esofageo (in particolare esofago a schiaccianoci, o disordini aspecifici di motilità) rispetto ai soggetti normopeso 23.

4 S. De Marco, C. Passaglia: Obesità e malattia da reflusso gastroesofageo 109 In particolare, circa il 50% di soggetti affetti da obesità patologica presenta alterazioni manometriche del corpo esofageo, rispetto ad una incidenza del 10-15% 31 nei soggetti normopeso. Uno studio di comparazione 32 tra due gruppi di pazienti affetti da MRGE, obesi e normopeso, ha evidenziato una incidenza di alterazioni motorie in entrambi i gruppi in circa il 40% dei pazienti (probabilmente secondarie alla MRGE); i due gruppi differivano nella ridotta clearance esofagea (percentuale di transito completo del bolo: 66% nei pazienti obesi vs 88% nei soggetti normopeso). La ridotta clearance nei pazienti obesi è un fattore favorente la comparsa di MRGE. Effetti della chirurgia bariatrica sulla MRGE nei pazienti obesi Alcune recenti rassegne 33,34 hanno analizzato l effetto della chirurgia bariatrica sulla MRGE nei pazienti obesi. L eterogeneità degli studi presenti in letteratura e le stesse diverse tecniche chirurgiche adottate complicano la valutazione complessiva dei dati. La chirurgia bariatrica per il trattamento della obesità patologica ha assunto negli ultimi 20 anni una importanza via via crescente, in parallelo con l aumento di prevalenza dell obesità nelle popolazione generale. Le tecniche attualmente in uso sono tecniche di tipo prevalentemente restrittivo, tese a ridurre il volume gastrico e quindi ad indurre precoce senso di sazietà. Il posizionamento del pallone intragastrico (BIB) consiste nella introduzione nel fondo gastrico, sotto guida endoscopica, di un pallone di materiale plastico, che viene riempito di soluzione fisiologica (circa ml) e che deve essere rimosso entro 6 mesi per evitare comparsa di decubiti sulla parete mucosa dello stomaco. Il suo impiego è limitato a pazienti non in grado, o non desiderosi, di sottoporsi ad un intervento chirurgico, e che non hanno risposto ad un trattamento medico. La chirurgia bariatrica è riservata a pazienti affetti da obesità patologica (BMI >40, o BMI >35 con associato un ulteriore fattore di rischio cardiovascolare). Esistono varie tecniche, sia di tipo restrittivo (riduzione del volume gastrico), sia malassorbitive ( riduzione della superficie enterica assorbente, sia di tipo misto (combinazione di tecnica restrittiva e malassorbitiva). Il by pass gastrico su ansa alla Roux è l approccio chirurgico che determina più degli altri un favorevole esito della MRGE a lungo termine nella fase post-operatoria. Il bendaggio gastrico (laparoscopic adjustable gastric banding: LAGB) consiste nel posizionamento per via laparoscopica di un anello di silicone intorno alla porzione prossimale dello stomaco, collegato ad un reservoir sottocutaneo; attraverso la introduzione o la rimozione di variabili quantità di liquido dal resevoir, è possibile variare la distensione dell anello gastrico, in modo da aumentare o ridurre le dimensioni del pouch gastrico prossimale, e quindi aumentare o diminuire l effetto restrittivo. Esiste anche un bendaggio di tipo esofago gastrico (LAEB) che consiste nel posizionare l anello a livello cardiale, abbracciando la porzione terminale dell esofago, metodica ormai in disuso per la frequente insorgenza di disfagia. La gastroplastica verticale con bendaggio (vertical banded gastroplasty: VBG) consiste nel creare un pouch gastrico prossimale cucendo la parete gastrica mediante staple gun parallelamente alla piccola curva, e quindi nel posizionare intorno alla porzione distale del pouch un anello di silicone per restringerne il calibro. La gastrectomia verticale (sleeve gastrectomy: SG) consiste nella asportazione della grande curva gastrica, creando di fatto una tubulizzazione dello stomaco residuo, parallela alla piccola curva, che assicura la continuità delle vie digestive. Tecniche di tipo malassorbitivo consistono nel ridurre la superficie assorbente del tenue e/o la sua capacità assorbitiva (bypass digiuno ileale, diversione bilio pancreatica sec. Scopinaro); tali tecniche sono attualmente di scarso impiego per via delle complicanze a lungo termine legate alla sindrome da malassorbimento. Un intervento di tipo misto (restrittivo e malassorbitivo) è rappresentato dal by-pass gastrico su ansa alla Roux (Roux-en-Y gastric by-pass: RYGB), che consiste nella creazione di un piccolo pouch gastrico prossimale che viene completamente separato dallo stomaco distale; il pouch prossimale viene direttamente connesso al digiuno con una gastro-enteroanastomosi latero- terminale, by-passando lo stomaco residuo ed il duodeno, che vengono anastomizzati al digiuno. In 164 pazienti obesi affetti da MRGE sottoposti a LAGB 35 il 68% ha presentato miglioramento dei sintomi, mentre nel 32% dei casi i sintomi sono rimasti invariati o peggiorati. I due gruppi presentavano simile calo di peso corporeo, mentre la valutazione manometrica preoperatoria evidenziava una più alta incidenza di disordini di motilità del corpo esofageo nel gruppo di pazienti con sintomatologia invariata o peggiorata; risultati opposti, con peggioramento dei sintomi di MRGE, sono stati evidenziati in altri studi 36.

5 110 Recenti Progressi in Medicina, 101 (3), marzo 2010 Un effetto positivo sulla MRGE viene rimarcato in particolare nei pazienti con corretto posizionamento del bendaggio, o quando lo stesso non si disloca distalmente nel tempo 37. Una recente rassegna 38 prende in esame 20 studi per un totale di circa 3000 pazienti trattati con LAGB; essa segnala che LAGB possiede proprietà antireflusso sia migliorando i sintomi, sia migliorando i parametri manometrici (aumento del tono del LES, diminuzione del numero dei TLESRs), ph metrici ed endoscopici dei pazienti. Segnala, invece, la comparsa di sintomatologia da MRGE e peggioramento dei sintomi preesistenti in una modesta percentuale di pazienti, in relazione in particolare al dislocamento distale dell anello gastrico, al suo eccessivo restringimento o alla presenza di alterazioni manometriche del corpo esofageo in fase preoperatoria. Da segnalare come l effetto favorevole, in particolare in termini di remissione di sintomi, compare precocemente, prima di un significativo calo del peso corporeo, come se il LAGB determinasse un miglioramento dei meccanismi antireflusso della giunzione esofago-gastrica. L effetto della presenza di ernia iatale nel paziente obeso affetto da MRGE sottoposto a LAGB è tuttora oggetto di discussione; è stato proposto di non sottoporre a LAGB pazienti con preesistente ernia iatale per un aumentato rischio di dislocazione distale del banding 39. Altri autori, al contrario, non hanno evidenziato una aumentata incidenza di MRGE in pazienti con ernia iatale sottoposti a LAGB 40,41. Un effetto peggiorativo rispetto alla MRGE postoperatoria è frequente conseguenza della VBG, il cui impiego in pazienti affetti da MRGE viene sconsigliato o proposto eventualmente in associazione ad intervento di plastica antireflusso 42. L uso del pallone intragastrico (BIB) determina invariabilmente un peggioramento dei sintomi di MRGE nei pazienti con sintomi preesistenti alla procedura, e a volte causa comparsa di sintomi nei pazienti in precedenza asintomatici; i sintomi migliorano intorno alla ventesima settimana, probabilmente a seguito di un meccanismo di adattamento delle pareti gastriche, e scompaiono dopo alcuni mesi dalla rimozione del pallone 19,43. Il bypass gastrico su ansa alla Roux (RYGB) ha determinato in numerosi studi sia la riduzione dei sintomi della MRGE, sia quella del consumo degli inibitori di pompa 44,45, oltre che un consistente calo del peso corporeo (dopo 12 mesi, in media la perdita di circa il 70 % dell eccesso di peso). L effetto antireflusso si manifesta anche nei pazienti obesi sottoposti a RYGB ed a contemporanea conversione di preesistente plastica antireflusso Alcuni studi di confronto 47,48 tra differenti trattamenti chirurgici per l obesità hanno evidenziato un più favorevole effetto del RYGB rispetto al LAGB sulla riduzione dei sintomi della MRGE. In conclusione, dai dati della letteratura si può affermare che la RYGB rappresenta il trattamento di chirurgia bariatrica che ottiene nel tempo il miglior esito in termini di remissione dei sintomi nei pazienti obesi affetti da MRGE. Bibliografia 1. Ogden CL, Yanovski SZ, Carroll MD, et al. The epidemiology of obesity. Gastroenterology 2007; 132: Dent J, El Serag HB, Wallander MA, Johansson S. Epidemiology of gastro oesophageal reflux disease: a sistematic review. Gut 2005; 54: El Serag HB. Time trends of gastroesophageal reflux disease: a sistematic review. Clin Gastroenterol Hepatol 2007; 5: El Serag HB, Graham D, Satia JA, et al. Obesity is an indipendent risk factor for GERD symptoms and erosive esophagitis. Am J Gastroenterol 2005; 100: Valle C, Broglia F, Pistorio A, et al. Prevalence and impact of symptoms suggestive of gastroesophageal disease. Dig Dis Sci 1999; 44: Hampel H, Abraham NS, El Serag HB. Meta-analysis: obesity and the risk for gastroesophageal reflux disease and its complications. Ann Int Med 2005; 143: Jacobson BC, Somers SC, Fuchs CS, et al. Body mass index and symptoms of gastro esophageal reflux in women. N Engl J Med 2006; 354: Iovino P, Agrisani L, et al. Proximal stomach function in obesity with normal or abnormal oesophageal acid exposure. Neurogastroenterol Motil 2006; 18: Nilsson M, Johansen R, Ye W, et al. Obesity and estrogen as risk factor for gastroesophageal reflux symptoms. JAMA 2003; 290: Furukawa N, Iwakiri R, et al. Proportion of reflux esophagitis in 6010 japanese adults; prospective evaluation by endoscopy. J Gastroenterol 1999; 34: Corey DA, Kubo A, Zhao W. Abdominal obesity, ethnicity and gastroesophageal reflux symptoms. Gut 2007; 56: El Serag HB, Ergun GA, Pandolfino J, et al. Obesity increases oesophageal acid exposure. Gut 2007; 56: El Serag HB, Kvapil P, et al. Abdominal obesity and risk of Barrett s esophagus. Am J Gastroenterol 2005; 1000: Lagergren J, Bergstrom R, Nyren O. Association between body mass index and adenocarcinoma of the esophagus and gastric cardia. Ann Int Med 1999; 130: Fraser-Moodie CA, Norton B, Gornall C, et al. Weigth loss has an indipendent beneficial effect on symptoms of GERD in patients who are overweight. Scand J Gastroenterol 1999; 34: Frederiksen SG, Johansson J, Johansson F, Hedenbro J. Neither low calorie diet, nor vertical banded gastroplasty influence gastro oesophageal reflux in morbidly obese patients. Eur J Surg 2000; 166: Kjellin A, Ramel S, Rössner S, Thor K. GERD in obese patients is not reduced by weight reduction. Scand J Gastroenterol 1996; 31: Austin G, Thiny M, Westman E, Yancy WS Jr, Shaheen NJ. A very low-carbohydrate diet improves gastroesophageal reflux and its symptoms. Dig Dis Sci 2006; 51: Mathus-Vliegen EMH, Tytgat GNJ. Influence of overweight, weight loss and chronic gastric balloon distension. Scand J Gastroenterol 2002; 37: Sugeman HJ. Effects of increased intra abdominal pressure in severe obesity. Surg Clin North Am 2001; 81:

6 S. De Marco, C. Passaglia: Obesità e malattia da reflusso gastroesofageo Cheng L, Harnett KM, Cao W, Liu F, Behar J, Fiocchi C, et al. Hydrogen peroxide reduces lower esophageal sphincter tone in human esophagitis. Gastroenterology 2005; 129: Iovino P, Angrisani L, Tremolaterra F, et al. Abnormal esophageal acid exposure is common in morbidly obese patients and improves after a successful lapband system implantation. Surg Endosc 2002; 16: Suter M, Dorta G, Giusti V, et al. Gastro-esophageal reflux and esophageal motility disorders among morbidly obese patients.obes Surg 2004; 14: Wu JC, Mui LM, Cheung CM, et al. Obesity is associated with increased transient lower sphincter relaxation. Gastroenterology 2007; 132: Boeckstaens GEE. Review article: the pathophysiology of gastro-oesophageal reflux disease. Aliment Pharm Ther 2007; 26: Pandolfino J, El Serag HB, Zhang Q, et al. Obesity: a challenge to esophagogastric junction integrity. Gastroenterology 2006; 130: Maddox A, Horowitz M, Wishart J, Collins P. Gastric and oesophageal emptying in obesity. Scand J Gastroenterology 1989; 24: Verdich C, Madsen JL, Toubro S, Buemann B, Holst JJ, Astrup A. Effect of obesity and major weight reduction on gastric emptying. Int J Obesity 2000; 24; Tosetti C, Corinaldesi R, Stanghellini V, et al. Gastric emptying of solids in morbid obesity. Int J Obes Relat metab Disord 1996; 20: Mora M, Scarfone A, Valenza V, et al. Ghrelin does not influence gastric emptying in obese subjects. Obes Res 2005; 13: Jaffin BW, et al. High prevalence of asymptomatic esophageal motility disorders among morbidly obese patients. Obes Surg 1999; 9: Quiroga E, Cuenca-Abente F, Flum D, et al. Impaired esohageal function in morbidity obese patients with gastroesophageal reflux disease: evaluation with multichannel intraluminal impedance. Surg Endosc 2006: Friedenberg FK, Xanthopoulos M, Foster GD, et al. The association between gastroesophageal reflux disease and obesity. Am J Gastroenterol 2008; 103: De Groot NL, Burgerhart JS, Van De Meeberg PC, et al. Systematic review: the effects of conservative and surgical treatment for obesity on gastro-esophageal reflux disease. Aliment Pharmacol Ther 2009; 30: Klaus A, Gruber I, Wetscher G, et al. Prevalent esophageal body motility disorders underlie aggravation of GERD symptoms in morbidly obese patients following adjustable gastric banding. Arch Surg 2006; 141: Gutschow C, Collet P, Prenzel K, et al. Long term results and gastroesophageal reflux in a series of of laparoscopic adjustable gastric banding. J Gastrointest Surg 2005; 91: Tolonen P, Victorzon M, Niemi R, et al. Does gastric banding for morbid obesity reduce or increase gastroesophageal reflux? Obes Surg 2006; 16: De Jong JR, Besselink MGH, Van Ramshorst B, et al. Effects of adjustable gastric banding on gastroesophageal reflux and esophageal motility: a systematic review. Obesity Reviews 2009; doi: 10/1111/j X Greenstein RJ, Nissan A, Jaffin B. Esophageal anatomy and function in laparoscopic gastric restrictive bariatric surgery: implications for patient selection. Obes Surg 1998; 8: De Jong JR, Van RB, Timmer R, Gooszen HG, Smout AJ. Influence of laparoscopic adjustable gastric banding on gastro esophageal reflux. Obes Surg 2004; 14: Angrisani L, Iovino P, Lorenzo M, et al. Treatment of morbid obesity and gastroesophageal reflux with hiatal hernia by Lap-Band. Obes Surg 1999; 9: Chiasson PM, Perey BJ, Veldhuyzen Van Zanten SJ. Initial experience with surgical management of morbid obesity associated with symptomatic gastroesophageal reflux: a comparison between gastroplasty alone and gastroplasty with anterior fundoplication. Obes Surg 1994; 4: Hirsch DP, Mathus-Vliegen EM, Dagli U, et al. Effect of prolonged gastric distention on lower esophageal sphincter function and gastroesophageal reflux. Am J Gastroenterol 2003; 98: Frezza EE, Ikramuddin S, Gouurash W, et al. Symptomatic improvement in gastroesophageal reflux disease following laparoscopic Roux-en-Y gastric bypass. Surg Endosc 2002; 16: Nelson LG, Gonzales R, Haines K, et al. Amelioration of gastroesophageal reflux symptoms following Roux-en-Y gastric bypass for clinical significant obesity. Am Surg 2005; 71: Raftopoulos I, Awais O, Courcoulas AP, et al. Laparoscopic, gastric bypass after antireflux surgery for treatment of gastroesophageal reflux in morbidly obese patients: initial experience. Obes Surg 2004; 14: Merrouche M, Sabate JM, Jouet P, et al. Gastro esophageal reflux and esophageal motility disorders in morbidly obese patients before and after bariatric surgery. Obes Surg 2007; 17: Ortega J, Escudero MD, Mora F, et al. Outcome of esophageal function and 24-hour esophageal ph monitoring after vertical banded gastroplasty and Roux en Y gastric bypass. Obes Surg 2004; 14: Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Salvatore De Marco Via Tosco-Romagnola 1319/ Cascina (Pisa)

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

LA NOSTRA RICERCA Effetti protettivi del vino rosso in

LA NOSTRA RICERCA Effetti protettivi del vino rosso in LA NOSTRA RICERCA Effetti protettivi del vino rosso in gastroenterologia Nicola de Bortoli U.O. Gastroenterologia Universitaria Università di Pisa Montalcino (SI) Teatro degli Astrusi 15-16 ottobre 2010

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Angina esofagea Angina esofagea Angina pectoris DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Nella diagnosi differenziale del dolore di origine coronarica il ruolo principale spetta al dolore toracico di origine

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - S.C. PRONTO SOCCORSO

Dirigente ASL I fascia - S.C. PRONTO SOCCORSO INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI MARTINO MARIA Data di nascita 13/04/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI SPEZZINO Dirigente ASL I fascia - S.C.

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo TREMOLATERRA FABRIZIO LOC. CORTE GRANDE, 10, 81037 SESSA AURUNCA (CE), ITALY Telefono +39 329 6482147

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome Caviglia Renato Luogo e Data di nascita Roma, 3 gennaio 1969 Laurea Medicina e Chirurgia Specializzazione Gastroenterologia Dottorato di Ricerca Dottore

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

Applicazione di radiofrequenza alla giunzione esofago-gastrica (STRETTA) per il trattamento del reflusso gastroesofageo

Applicazione di radiofrequenza alla giunzione esofago-gastrica (STRETTA) per il trattamento del reflusso gastroesofageo Applicazione di radiofrequenza alla giunzione esofagogastrica (STRETTA) per il trattamento del reflusso gastroesofageo L erogazione di radiofrequenza alla giunzione esofagogastrica (STRETTA) è stata proposta

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

ROMOLO BRIGLIA. Direttore s.c. Gastroenterologia Ospedale S.Andrea La Spezia

ROMOLO BRIGLIA. Direttore s.c. Gastroenterologia Ospedale S.Andrea La Spezia ROMOLO BRIGLIA Direttore s.c. Gastroenterologia Ospedale S.Andrea La Spezia Malattia da reflusso GE Manifestazioni cliniche e percorso diagnostico Dr.R.Briglia S.C.GASTROENTEROLOGIA ASL 5 Malattia da reflusso

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione Il recente aumento di diagnosi di tumori benigni (leiomiomi e GIST) dell esofago è dovuto in

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE LE COMPLICANZE ADIPOSA DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE E sempre più chiaro che non è tanto l entità della massa adiposa a incidere negativamente sulla salute, quanto la distribuzione del

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi Dott.ssa Sabrina Santaniello Edentulismo Iper-nutrizione Sindrome metabolica Obesità «viscerale» «Pandemia del terzo Millennio»

Dettagli

Follow-up dei pazienti sottoposti a chirurgia laparoscopica antireflusso mediante questionario telefonico

Follow-up dei pazienti sottoposti a chirurgia laparoscopica antireflusso mediante questionario telefonico Follow-up dei pazienti sottoposti a chirurgia laparoscopica antireflusso mediante questionario telefonico Ann. Ital. Chir., 2005; 76: 141-146 Alessandro Favero, Vittorio Bresadola, Giuseppe Dado, Erica

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

Dr.ssa Mara Fornasarig

Dr.ssa Mara Fornasarig I TUMORI RARI GIST: Percorso diagnostico-terapeutico 5 novembre 2015 Dr.ssa Mara Fornasarig S.O.C. Gastroenterologia Oncologica CRO - ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO GIST GENERALITA I GIST appartengono

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico.

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. Luca Busetto Servizio Terapia Medica e Chirurgica dell Obesità Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova 4 Congresso Sezione

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2

La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 MeDia 2015;15:84-90 84 pratica professionale La chirurgia bariatrica nel paziente con diabete mellito tipo 2 Riassunto La chirurgia bariatrica è al momento la più efficace strategia terapeutica per l ottenimento

Dettagli

The ten top countries in the world have one thing in common

The ten top countries in the world have one thing in common TRIALS CLINICI SUL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL DIABETE Dott. Nicola Di Lorenzo UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA The ten top countries in the world have one thing in common Basso, Mag 01 Innovation in Surgery

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE La persona affetta da neoplasia gastrica è spesso portatrice di uno stato di malnutrizione, soprattutto quando la malattia è localizzata negli organi dell apparato digerente. Alle cause di malnutrizione

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier

Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier Corso aggiornamento OMCT 19.1.2012 A.Kuhrmeier It is predicted that over the course of the next 20 years obesity will be the #1 health problem throughout the world 4 Terapia a breve termine dell obesità

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Test utili di Medicina Nucleare. Dott.ssa A. Filice

Test utili di Medicina Nucleare. Dott.ssa A. Filice Test utili di Medicina Nucleare Dott.ssa A. Filice Salivagramma Salivagramma E' una metodica medico nucleare che consente di evidenziare eventuali incoordinazioni della deglutizione. Salivagramma Si somministra

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

SPORT E APPARATO GASTROENTERICO

SPORT E APPARATO GASTROENTERICO SPORT E APPARATO GASTROENTERICO Esofago passaggio del cibo Cardias diaframma passaggio nello stomaco Stomaco succo gastrico (acido cloridrico) (chilo) Piloro passaggio nel duodeno Duodeno inizio processi

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PREVENA

SCHEDA PRODOTTO PREVENA NOME COMMERCIALE NOME GENERICO PRODUTTORE FORNITORE INDICAZIONE D USO INTERVENTO DI RIFERIMENTO SCHEDA PRODOTTO PREVENA Sistema di gestione delle incisioni con medicazione KCL KCL Il sistema di gestione

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Effetti metabolici della chirurgia bariatrica

Effetti metabolici della chirurgia bariatrica University of Pisa 1 th A.I.S.F. PRE-MEETING COURSE Liver Disease, Life Style and Behaviour School of Medicine Effetti metabolici della chirurgia bariatrica Stefania Camastra Dipartimento di Medicina Interna

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia S. I. C. OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità OB. CONSENSO INFORMATO per INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITÀ Da allegare alla cartella clinica numero Di. Nome Cognome Data. Reparto.. Ospedale

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Comunicati123.com 06/03/2014 CURA OBESITA': UN'ECCELLENZA DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI DI ERBA 2 Rubrica Alimentazione e salute 37 La Repubblica

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Gestione terapeutica del paziente obeso Dieta iperproteica o iperglucidica? Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Verona 25 Gennaio 2008 Composizione macronutrienti diverse diete Dieta

Dettagli

Prof. Angelo Pezzullo Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia

Prof. Angelo Pezzullo Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Malattia da Reflusso Gastro-esofageo Mucosectomia endoscopica nel trattamento Prof. Angelo Pezzullo Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Chirurgia Endoscopica Esofago

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Il benessere comincia dall ufficio 4 ottobre 2008 Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Dott.ssa Cristina Angeloni Università di Bologna Dipartimento di Biochimica G.Moruzzi Centro Ricerche sulla

Dettagli

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI

DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI DIPARTIMENTO DI CHIRURIA GENERALE P. STEFANINI CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO DEL PROF. NICOLA BASSO DATI PERSONALI Nome e Cognome Luogo e data di nascita: Stato Civile: Dipartimento Indirizzo NICOLA

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA

GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA GASTRIC BANDING VS SLEEVE GASTRECTOMY: ANATOMIA DI UN DILEMMA 1986 Kuzmak: anello con camera gonfiabile 1991 Belachew: laparoscopia 1992 Catona e Cadiere: prime publicazioni 1995 FDA GASTRIC BANDING 15

Dettagli

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica

Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica CAPITOLO 29 Dieci anni di chirurgia bariatrica laparoscopica Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Alessandro Pecchia Introduzione In 10 anni abbiamo accolto circa 2500 pazienti presso il Centro per il trattamento

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA 1 PRESENTAZIONE Luigi Roncoroni Direttore SC Clinica Chirurgica e Terapia Chirurgica, Francesco Ceccarelli Direttore

Dettagli

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli