FILOLOGIA ROMANZA. Fondamenti di filologia e linguistica romanza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILOLOGIA ROMANZA. Fondamenti di filologia e linguistica romanza."

Transcript

1 1 FILOLOGIA ROMANZA. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere (e, per mutuazione, Beni Culturali e Lettere). A.A Prof.ssa Rosa Anna Greco Schema delle lezioni del Modulo: Fondamenti di filologia e linguistica romanza. N.B. I rinvii alle pagine si riferiscono al manuale di L.RENZI.-A.ANDREOSE, Manuale di linguistica e filologia romanza, Bologna, il Mulino, 2003 e successive edizioni (=R) e al testo di S.ASPERTI, Origini romanze, Roma, Viella, 2006 (= A). Gli schemi non sono sostitutivi del manuale, ma costituiscono una guida allo studio. La Filologia romanza è una scienza storico-comparativa, sorta, come disciplina sistematica, nella prima metà dell Ottocento (Romanticismo; R, cap. 3). Filologia è parola di origine greca (l'etimologia è per noi costante strumento di indagine, R, p. 100) e significa amore della parola ; inizialmente il termine ha un significato ironico, ad es. 'ciarliero' in Platone; per Cicerone la filologia non è cosa seria. La situazione cambia nel Rinascimento, che è l'epoca in cui la parola entra nella lingua italiana ed è frutto dell'enorme lavoro di scavo e di ricerca dei testi (in particolare letterari) iniziato dagli umanisti. Al giorno d oggi il termine assume in sé il riferimento a due settori delle scienze umane: la linguistica e lo studio delle letterature (nella doppia accezione di storia letteraria e critica testuale ; R, pp ). Romanza deriva dall avverbio latino ROMÁNICE > fr. romanz > it. romanzo. Fenomeni fonetici rilevanti: sincope della vocale postonica in una parola proparossitona (R, p. 99) e formazione di un nesso consonantico secondario; caduta della vocale finale; la C si trasforma nell affricata z. Romanz passa dall'originale condizione avverbiale latina alla condizione nominale (sostantivo ed aggettivo). Il termine veniva usato nell espressione romanice parabolare parlare alla maniera dei romani, che sostituisce latine loqui (= parlare latino); significa dunque relativo alle lingue discese dal latino (suo sinonimo è neolatino). Per l etimologia di romanzo cfr. la proposta etimologica del DELI = M.CORTELAZZO - P.ZOLLI,

2 2 Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, Bologna, Zanichelli, , 5 voll; 1999 II a ed. con CD, a cura di Manlio e Michele CORTELAZZO. Quindi la filologia romanza ha come oggetto lo studio delle lingue derivate dal latino e delle letterature scritte in queste lingue, con particolare riferimento alla fase delle loro origini. La lingua madre, il latino, è considerata nella sua espressione parlata (da tutti), il latino volgare, nella misura in cui la si può ricostruire in base ai documenti scritti, gli unici disponibili (le fonti del latino volgare; R, pp ). Per Asperti (p. 9; pp ) il punto di partenza è costituito dalla latinità intesa più globalmente come antico fattore culturale unificante del mondo antico occidentale. Concetto di diasistema (A, p. 19): somma delle varianti, sui diversi livelli di analisi linguistica e per distinti livelli sociolinguistici, che compongono l insieme di una stessa lingua; cfr. ancora A, p. 20. Classificazione delle lingue romanze (R, cap.1). Romània perduta (o submersa) e Romània nuova (R, pp ). Codici semplificati: lingue creole; antesignana delle odierne lingue creole è stata la lingua franca parlata per molti secoli da popolazioni diverse che navigavano nel bacino del Mediterraneo; la sua base è stata, inizialmente, l'italiano (veneziano), R, pp Romània occidentale e Romània orientale: il confine è segnato dalla linea La Spezia Rimini, o, meglio, Massa Senigallia (R, p. 59); a nord di questa linea si verificano i seguenti fenomeni: 1) lenizione (o sonorizzazione) delle consonanti sorde intervocaliche (ad es. amiga, vida, R, p. 59 con esempi relativi soltanto ai dialetti italiani settentrionali e R, p. 229; cfr. per un esemplificazione più dettagliata anche A. VARVARO, Linguistica Romanza, Napoli, Liguori, 2001, pp ); 2) conservazione di -s finale (R, pp ; cfr. VARVARO, p. 138); 3) scempiamento delle consonanti geminate (ad es. étoile 'stella'; R, p. 59 cita esempi italiani. Criteri di classificazione delle lingue romanze: inizialmente criterio filologico, con Diez che riconosceva dignità di lingua soltanto a quelle (in tutto sei) che avevano una tradizione letteraria, in seguito glottologico (con questo criterio Ascoli individuò il ladino nel 1873 e il francoprovenzale nel 1878); attualmente prevale una distribuzione per aree geografiche. Opposizione lingua-dialetto: non è una categoria linguistica, ma di natura psicologica e sociale; tra le due varietà si può stabilire una gerarchia sociolinguistica; i dialetti rappresentano stati locali di lingua direttamente derivati dal latino. Alla radice le lingue

3 3 nazionali non sono altro che dialetti ai quali condizioni politiche e storico-culturali favorevoli hanno consentito di avvantaggiarsi sugli altri (R, pp e ). Per la definizione di lingua e dialetto è utile anche il DISC = Dizionario Italiano Sabatini- Coletti, Firenze, Giunti, 1997 (e successive edizioni). Definizione di variazione linguistica come condizione naturale della lingua, limitata soltanto dalla necessità della comunicazione (R, pp ). Le politiche linguistiche hanno in alcuni casi tentato di imporre una norma unitaria, giungendo persino a legiferare in materia (=centralismo linguistico in Francia, a partire dal 1539 sino ai giorni nostri, cfr. R, p. 52). A tal proposito la situazione più avanzata è attualmente quella spagnola che riconosce come nazionali tutte le lingue parlate sul territorio (castigliano, catalano, basco, galiziano). Con Franz Bopp e la sua analisi (1816) del sistema di coniugazione del sanscrito comparato con quello della lingua greca, latina, persiana e germanica (= lingue indoeuropee) si afferma il metodo storico-comparativo (R, cap.3, par. 5 e segg.): tecnica dello studio storico (genealogico) della lingua, basato sul confronto sistematico delle lingue. Ad es.: il nesso consonantico latino CT ha esiti costanti in ogni lingua romanza: assimilazione in tt in italiano, passaggio a it in francese portoghese e catalano, palatalizzazione in ch in spagnolo, dissimilazione in pt in rumeno: OCTO it. otto fr. huit port. oito cat. uyt sp. ocho rum. opt François Raynouard tenta di applicare i nuovi metodi allo studio delle lingue romanze, compilando uno schizzo di grammatica storica di tutte le lingue romanze (1821), basata però sull'equivoco di considerare il provenzale (o occitano/occitanico, secondo la terminologia oggi preferita) come la fase intermedia tra il latino e le lingue romanze moderne. L'opera fondamentale di questi anni è la Grammatik der romanischen Sprachen (Bonn ) di Friedrich Diez ( ), considerato il fondatore della filologia romanza. Leggi fonetiche (esigenza di attribuire carattere regolare ai cambiamenti fonetici) e i Neogrammatici: oggi si preferisce parlare di tendenze. Cultismi (o latinismi): parole che non hanno seguito la regolare evoluzione fonetica; allotropi: due parole di una lingua che, pur essendo riconducibili allo stesso etimo, si presentano differenziate formalmente (e semanticamente); un termine è di tradizione

4 4 diretta, patrimoniale, l'altro un latinismo (cosa e causa, vezzo e vizio, angoscia e angustia, R, p. 96). Analogia: meccanismo imitativo che presuppone l'adesione formale ad un modello preesistente (R, pp ). Per eventuali definizioni dei fenomeni generali di linguistica, è utile consultare G.L. BECCARIA (a cura di), Dizionario di linguistica e di filologia, metrica, retorica, Torino, Einaudi, 1994 o R. SIMONE, Fondamenti di linguistica, Roma- Bari, Laterza, Karl Lachmann ( ) è considerato il fondatore della filologia moderna, che assegna al filologo un triplice compito: a) preservazione dei testi dalla distruzione materiale; b) ristabilimento della esatta lezione dei testi; c) interpretazione dei testi (R, pp ; A). Trascrizione fonetica. La pronuncia delle lingue non è rispecchiata in modo coerente nella loro grafia; ad esempio il francese nota graficamente una quantità di segni a cui non corrisponde alcun suono (a causa dell'intervento di alcuni eruditi francesi, che, nel XVI sec., volevano ricollegare le parole alle loro basi latine, reintroducendo vocali e consonanti non più pronunciate e che hanno trasformato la grafia fonetica dell'antico francese, ad es. tans < TEMPUS, nell'attuale grafia etimologica temps); non è pertanto possibile ricavare dalla grafia tradizionale delle lingue la loro pronuncia in modo sistematico e regolare. I linguisti si servono di alfabeti fonetici, sistemi di trascrizione artificiali, fatti in modo tale che a ciascun segno corrisponda un'articolazione fonica precisa. Il più usato è l'alfabeto Fonetico Internazionale (= IPA, o API, cfr. R, pp ). La trascrizione fonetica viene indicata tra parentesi quadre: [kane]. La fonetica è la disciplina che studia la natura dei suoni linguistici visti nella loro fisicità, considerando il modo in cui sono prodotti dall'apparato fonatorio (= fonetica articolatoria) ed il modo in cui si propagano nell'aria (= fonetica acustica). I suoni, prodotti da un' emissione d'aria che attraversa gli organi fonatori, sono distinti in due categorie principali: le vocali e le consonanti. Le vocali, sonore e caratterizzate dal libero passaggio dell'aria, si classificano generalmente sulla base di tre dimensioni: apertura/chiusura della bocca; anteriorità/posteriorità (posizione della lingua verso la parte anteriore o posteriore del palato); arrotondamento delle labbra: si costituisce in tal modo il triangolo vocalico. Quando l'aria, nel fuoriuscire, passa attraverso le fosse nasali, si hanno le vocali nasali

5 5 (tipiche del francese, che possiede quindi una doppia serie vocalica), altrimenti sono dette orali. Esempio del sistema vocalico dell'italiano standard: i e o u ε a Le consonanti sono prodotte da un flusso d'aria che fuoriesce dal tratto fonatorio completamente chiuso (momentaneo) oppure fortemente ristretto. Le consonanti sono classificate secondo il loro modo di articolazione e il loro punto di articolazione ed in base al comportamento delle corde vocali (in tal modo si distinguono le sonore, prodotte con vibrazione delle corde vocali e le sorde prodotte in assenza della loro vibrazione). Il modo di articolazione si riferisce al tipo di chiusura che viene opposto al passaggio dell'aria: ad es. chiusura totale = occlusive; parziale = fricative (o spiranti). Il punto di articolazione indica il luogo del tratto fonatorio in cui la chiusura viene operata: ad es. bilabiali (chiusura delle labbra). La fonologia (o fonematica) studia i suoni nella loro funzionalità e procede all'identificazione dei fonemi di una lingua mediante la prova di commutazione (se, sostituendo un segmento in una parola si ottiene una parola distinta dalla precedente, si è individuata una coppia minima, che dimostra l'esistenza di un'opposizione fonologica, alla quale corrisponde una variazione semantica: ad es. cane ~ pane; lima ~ lama; mano ~ meno). L' analisi fonologica è per la linguistica contemporanea un'acquisizione irrinunciabile, perché permette di cogliere e isolare la costanza degli elementi costitutivi essenziali al funzionamento della lingua. Il fonema (che va indicato tra barrette oblique: /a/, /p/ ) è l'unità minima di un sistema linguistico, ossia un segmento fonico-acustico non suscettibile di ulteriore segmentazione, dotato di capacità distintiva e oppositiva rispetto alle altre unità; il fonema di per sé non ha

6 6 significato, ma combinandosi con altre unità minime forma unità con significato; il fonema è, quindi, la minima unità del significante, riprendendo la terminologia di F. de Saussure ( ; R, pp ) e delle sue dicotomie (= opposizioni): significante/significato, langue (=istituzione sociale) /parole (=uso individuale), diacronico (=storico) / sincronico (=descrittivo), asse sintagmatico (=in praesentia) / asse paradigmatico (=in absentia). Il morfema è l'elemento formale che conferisce aspetto e funzionalità alle parole, definendone la categoria grammaticale (ad es. amico, amica; amo, ami, ama). Il lessema è l'unità minima significativa di un lessico e che viene assunta come forma di base (ad es. l'infinito per un verbo; il maschile sing. per un aggettivo). Le trasformazioni dei suoni sono dovute, attraverso alcune tendenze generali (assimilazioni, palatalizzazioni, velarizzazioni etc., R, pp ), scaturite dall'esigenza di economia fonetica a un gioco di squilibrio e riequilibrio: lo squilibrio è causato dalla tendenza all'uso illimitato e quindi a sfuggire al sistema, alla struttura che è l'istituzione sociale cui è affidata la comunicazione linguistica, basata sulla reciproca comprensione. Anche l'accento ha, almeno in molte lingue, funzione fonologica; serve cioè a distinguere al pari dei fonemi: ancora e angora si distinguono per / k / ~ / g /; áncora e ancora si distinguono per il diverso posto dell'accento. Elenco delle condizioni e dei fattori esterni alla lingua che hanno contribuito al processo di differenziazione linguistica del latino e frammentazione romanza: un unico e solo processo storico, un equilibrio di forze centrifughe e centripete: 1) sostrato (R, p. 169; quando due lingue sono giunte in contatto sullo stesso territorio in epoche differenti, per lingua di sostrato s'intende la lingua preesistente, che decade, ma lascia tracce nella lingua che ha avuto il sopravvento; la lingua di sostrato costituisce lo strato geologico sotterraneo. Ad es. nel territorio galloromanzo c' è un diverso sostrato prelatino: al nord i Galli, popolazione celtica di stipite indeuropeo immigrata tra il IX e il VI sec. a.c.; al sud popolazioni preindeuropee, i Liguri nel sud-est, gli Ibèri (o Aquitani) nel sud-ovest; inoltre alcune colonie greche (Marsiglia, Antibes). 2) epoca e durata della colonizzazione romana: dal III secolo a.c. al II sec. d.c. Nel 212 d.c. la concessione del diritto di cittadinanza a tutti i 'provinciali' (editto di Caracalla) è un evento socialmente sintomatico, che contribuisce a spostare il centro di gravità dell'impero e a rafforzare le differenziazioni linguistiche regionali originarie (causate

7 7 anche dalla composizione sociale dei coloni, dal rapporto città-campagna). Nel III sec. d.c. il centro dell'impero non è più Roma, ma Lione e Treviri. La Gallia fu romanizzata a partire dagli anni a.c. (la Provincia Narbonensis); la romanizzazione fu portata a termine da G.Cesare nel 51a.C. I Celti erano già in contatto con la cultura latina e greca e non si opposero a tale processo di assimilazione. L'abbandono della loro lingua avvenne per gradi, attraverso una progressiva contrazione del suo valore sociale (N.B. Bisogna sempre supporre, in tutto il complesso processo di differenziazione linguistica romanza, fasi di bilinguismo; per la definizione di bilinguismo e diglossia cfr. anche VARVARO, pp ). In effetti sostrato e superstrato sono due etichette per il fenomeno del cambio di lingua che implica sempre che la lingua abbandonata, nel luogo e nel momento in cui viene abbandonata goda di minor prestigio. 3) isolamento relativo delle province (VI-VIII sec.d.c.) in cui l'istruzione latina e le correnti di scambio raggiungono il punto minimo e le lingue parlate regionali, consolidandosi, penetrano a poco a poco anche nei testi un tempo composti in latino letterario (cfr. A, pp ). Un termine di riferimento per questa situazione è offerto dalla famosa decisione del Concilio di Tours (813 d.c.), che indicava l uso del volgare per le omelie. Per l importanza della Chiesa cfr. A, pp Testo della XVII deliberazione (= presa d'atto dell'esistenza delle lingue romanze, cfr. A, pp ). Visum est unanimitati nostrae, ut quilibet episcopus habeat omelias continentes necessarias admonitiones, quibus subiecti erudiantur: id est de fide catholica, prout capere possint, de perpetua retributione bonorum et aeterna damnatione malorum, de resurrectione quoque futura et ultimo iudicio, et quibis operibus possit promereri beata vita, quibusve excludi. ET UT EASDEM OMELIAS QUISQUE APERTE TRANSFERRE STUDEAT IN RUSTICAM ROMANAM LINGUAM AUT THIOTISCAM, QUO FACILIUS CUNCTI POSSINT INTELLIGERE QUAE DICUNTUR (ciascun [ vescovo] procuri di tradurre le omelie in lingua rustica romana o tedesca perché più facilmente si possa capire ciò che dicono). 4) possibile influenza di superstrato: per fenomeno di superstrato (R, p. 236) s'intende l'azione della lingua sopraggiunta, che però non si sostituisce alla precedente; mentre l'influsso del sostrato riguarda dati fonetici, morfosintattici e lessicali, quello del superstrato riguarda essenzialmente dati lessicali. Nella Gallia meridionale giunsero nel V sec. i Visigoti con capitale a Tolosa; nel bacino del Medio Rodano e del lago di Ginevra si installarono nel 443 i Burgundi; nel 486 a nord della Loira giunsero i Franchi. Differenze

8 8 linguistiche notevoli tra gli invasori: i Visigoti ed i Burgundi appartengono al ramo orientale del ceppo germanico, i Franchi al ramo occidentale. I Franchi sconfissero nel 507 i Visigoti e nel 534 i Burgundi che si sottomisero, mentre i Visigoti emigrarono in territorio iberico dove resistettero sino all'invasione araba (711). La Francia meridionale conobbe anche un invasione araba respinta da Carlo Martello (Poitiers, 732). Per la Rinascita carolingia cfr. A, pp Per quanto riguarda il superstrato germanico bisogna sottolineare che le popolazioni germaniche parlavano dialetti, appartenenti a gruppi diversi con specifiche caratteristiche fonetiche e morfologiche: germanico occidentale (Svevi, Longobardi, Franchi, Bàvari), germanico orientale (Goti), germanico settentrionale (Normanni). Criteri generali per la stratificazione del superstrato germanico nel dominio romanzo (ci si basa sempre su dati fonetici): 1) prestito già avvenuto nel latino volgare; ad es. abbandono di BELLUM debole per la collisione con BELLUS (aggett. = grazioso, che si sostituisce a PULCHER) in favore di werra; la debolezza di BELLUM è confermata dal rumeno, che pur non avendo superstrato germanico, ha sostituito il termine con lo slavo razboi; 2) prestiti indipendenti; ad es. le voci longobarde nell'italiano (cfr. C. TAGLIAVINI, Le origini delle lingue neolatine, Bologna, Pàtron 1969, pp ); 3) prestito in una singola lingua romanza e successivamente esteso all' intero dominio, ad es. la voce giardino è entrata nell'italiano e nello spagnolo attraverso il francese (dal francone *gard, cfr. TAGLIAVINI, p. 286). La palatalizzazione di C+A e G+A appartiene, infatti, al francese. Per il superstrato arabo, è importante notare che spesso, soprattutto nello spagnolo (azucar, alcachofa), i prestiti arabi vengono ripresi con l articolo determinativo al-, non riconosciuto dai parlanti e quindi agglutinato al sostantivo. Nei prestiti colti questo non avviene: chimica si oppone a alchimia. Altri esempi di arabismi: algebra, alfiere, almanacco, elisir, magazzino, darsena, fondaco, taccuino; ancora, molta terminologia della scienza: zenit, nadir, etc. Una lingua che vive in contatto eterogeneo con un'altra è detta lingua di adstrato. Ad esempio il greco può essere, in situazioni diverse, lingua di adstrato, di sostrato, di superstrato (cfr.varvaro, pp ).

9 9 Sistemi vocalici delle lingue romanze (R, pp ). Latino classico: elemento di valore fonologico (= differenziazione semantica) la durata o quantità: vocale breve ~ vocale lunga. Esempi di opposizione fonologica basata sulla quantità: VĔNIT 'viene' ~ VĒNIT 'venne' FŎDIT 'scava' ~ FŌDIT 'scavò' SŎLUM 'suolo' ~ SŌLUM 'solo' ŎS 'osso' ~ ŌS 'bocca' MĂLUM 'male' ~ MĀLUM 'melo' Le distinzioni di quantità in età classica dovevano essere realizzate e percepite dai parlanti in modo netto: secondo la testimonianza di Cicerone un attore che fosse incorso in occasionale errore, scambiando una lunga con una breve, suscitava la reazione del pubblico. Latino lingue romanze. Radicale travolgimento del sistema quantitativo in concomitanza con una trasformazione qualitativa dell'accento, che diviene intensivo (= la sillaba accentata è emessa con forza sonora maggiore, dovuta a un incremento di energia espiratoria). Si perdono così nelle strutture del latino le caratteristiche opposizioni quantitative e si affacciano nuove distinzioni di carattere qualitativo (= vocale aperta ~ vocale chiusa) destinate ad affermarsi nelle lingue romanze: pεsca (frutto) ~ pesca (azione di pescare), c lto 'raccolto' ~ colto 'dotto'. Si tratta di mutamenti lenti e graduali, legati anche a condizioni di sostrato, conseguenze del fatto che il latino, nella sua espansione, si era sovrapposto ad altre lingue che non conoscevano distinzioni quantitative

10 10 ed avevano abitudini articolatorie diverse (cfr. la testimonianza di sant'agostino sugli africani che confondevano ŎS 'osso' con ŌS 'bocca', cfr. TAGLIAVINI, p. 237). I. Tipo comune diffuso in Iberoromanzo, Galloromanzo, Italia settentrionale, centrale e parte superiore dell'italia meridionale, Rezia, Istria, Dalmazia. Ī Ī Ē Ĕ Ā Ă Ŏ Ō Ŭ Ū i e ε a o u i e o u ε a Si tratta di un sistema eptavocalico a quattro gradi di apertura timbrica. Da questo schema muove l'ulteriore evoluzione del vocalismo tonico nelle lingue suddette. La perfetta simmetria di questo schema evolutivo prescinde però dalla cronologia (cfr. schema III del balcanoromanzo). Esempi: FĪLU > it. filo fr. fil sp. hilo PĬLU > pelo poil pelo [pwal] TĒLA > tela toile tela [twal] PĔDE > piede pied pié FĔSTA > fεsta fete fiesta cfr. dittongazione MĂRE > mare mer mar NŎVU > nuovo afr. nuef* nuevo *fr.mod. neuf [noef] PŎRTA > p rta porte puerta cfr. dittongazione

11 11 FLŌRE > fiore fleur flor [floer] GŬLA > gola gueule gola [gœl] MŪRU > muro mur muro [myr] II. Tipo sardo. Diffuso in Sardegna (tranne il sassarese), Corsica meridionale ed una zona calabro-lucana (da Maratea al golfo di Taranto; linea Diamante-Cassano). Ī Ĭ Ē Ĕ Ā Ă Ŏ Ō Ŭ Ū i e a o u i e o u a Sistema pentavocalico a tre gradi d' apertura. La perdita della quantità dev'essere stata precoce, anteriore allo sviluppo della differenziazione timbrica, per cui la fusione di Ĭ e di Ē, Ō ed Ŭ non ha avuto modo di effettuarsi. Sardo: FĪLU > filu PĬLU > pilu CATĒNA > catena PĔDE > pede NŎVA > nova VŌCE > boghe FŬRCA > furca [boge]

12 12 MŪRU > muru III. Tipo asimmetrico balcanoromanzo. Ī Ĭ Ē Ĕ Ā Ă Ŏ Ō Ŭ Ū i e ε a o u i e ε a o u Si tratta di un sistema asimmetrico a sei vocali con tre gradi d'apertura nella serie vocalica posteriore e quattro in quella anteriore. L'oriente balcanico conosce quindi soltanto la fusione delle vocali anteriori Ĭ, Ē > /e/, che deve essersi verificata prima di quella delle posteriori Ŭ, Ō > /o/. Rumeno: SĬTE > sete CRĒDO > crede TĒLA > teara NEPŌTE > nepot ŎCTO > opt GŬLA > gura MŪRU > mur

13 13 IV. Tipo siciliano e parte dell'italia meridionale (penisola salentina e Calabria centromeridionale). Ī Ĭ Ē Ĕ Ā Ă Ŏ Ō Ŭ Ū i e a o u i e o u a Sistema pentavocalico a tre gradi d'apertura. Esempi: FĪLU > filu NĬVE > nive RĒTE > rite PĔDE > pede NŎVU > novu SUDŌRE > suduri CRŬCE > cruci LŪNA > luna Dittongo: unione di due vocali in una sola sillaba; una ha durata e intensità maggiore e riceve l'accento, mentre l'altra è più ridotta per durata e intensità e non è accentabile

14 14 (avviene solo in presenza di -i ed -u, definite semivocali / semiconsonanti; -i è detto anche yod e -u è detto anche wau: ieri, uomo). Si ha lo iato (= pronuncia distinta delle due vocali) quando la -i o la -u sono toniche: spia, paura. I dittonghi, nei quali la semivocale precede la vocale, sono dittonghi ascendenti: piede, buono; nei dittonghi discendenti è la vocale a precedere la semivocale: faida, cauto, ant. fr. teile. Importante fenomeno che interviene a modificare il sistema vocalico di base delle lingue romanze è la dittongazione: le vocali toniche /ε/, / / a causa dell'accento intensivo dovettero suonare allungate, come sdoppiate (peede, boono) e poi per dissimilazione diventarono piede, buono, bueno. Nello spagnolo il dittongamento si verifica incondizionatamente, sia in sillaba libera (che termina cioè con vocale) che in sillaba chiusa (che termina con consonante): PĚDE > pié; PĚRDE > pierde; BŎNU > bueno; PŎRTU > puerto. In quasi tutta la Romània sono le vocali in sillaba libera che tendono spontaneamente a dittongarsi: PĚDE > it. piede fr. pied FĚRRU > fεrro fer NŎVU > nuovo afr. nuef > fr. mod. neuf [noef] PŎRTU > p rto port Per quanto riguarda la situazione italiana, dal dittongamento spontaneo toscano va distinto il dittongamento dei dialetti centromeridionali (escluse le zone a sistema siciliano), condizionato dalla metafonia (o metafonesi = alterazione di una vocale tonica per influenza di una vocale seguente, normalmente finale di parola, R, p. 97. Secondo alcuni linguisti la dittongazione metafonetica rappresenta la fase più antica della dittongazione romanza). In questi dialetti la dittongazione è causata dalle finali -i, -u: PĚTRA > petra VĚNTU > vientu PĚDE > pede PĚDES > piedi DĚNTE > dente DĚNTES > dienti BŎNA > bona BŎNU > buenu NŎSTRA > nostra NŎSTRU > nuestru Assume così funzione morfologica di distinzione di genere e di numero.

15 15 La metafonia provoca, inoltre, la chiusura di /e/ in /i/ e di /o/ in /u/ nei dialetti centromeridionali per influsso di -i, -u finali: RŬSSA > rossa RŬSSU > russu SŌLA > sola SŌLU > sulu SĬCCA > secca SĬCCU > siccu MĒNSE > mese MĒNSES> misi Funzione morfologica di genere e di numero. Nei dialetti settentrionali la metafonia si verifica soltanto per influsso di -i finale: CAPĬLLU > kavel CAPĬLLI > kavil Funzione morfologica di distinzione di numero. Francese. In francese il dittongamento spontaneo investe, oltre /ε/, / / in sillaba libera, anche /e/, /o/ in sillaba libera che danno luogo a dittonghi discendenti, tipici dell'antico francese: TĒLA > afr. téile > fr.mod. toile [twal] FLŌRE > afr. flour > fr.mod. fleur [flœr] Consonantismo. Palatalizzazione delle occlusive velari latine /k/, /g/+ E,I (R, pp ): si distinguono due fasi, di cui nella prima, comune a tutto il dominio romanzo (tranne il sardo che continua ancora oggi la pronuncia velare; altre tracce dell'originaria pronuncia velare nel latino classico sono rinvenibili nei prestiti latini alle lingue germaniche e nel basco) si è avuto, dal V secolo in poi, un graduale spostamento verso le palatali /t /, /dz/; ad es. CAELU > it. cielo, CIVITATE > it. città, GELU > it.gelo. Una seconda fase ha interessato il dominio romanzo occidentale, in cui si è verificato uno spostamento verso le affricate dentali /ts/, /dz/; ad es. ant. francese /tsiel/, /tsité/, /dzel/ e successivamente verso le fricative: sibilanti nel galloromanzo, /siel/, /sité/, /zel/; interdentali nello spagnolo / iel/.

16 16 Morfologia. Scomparsa del genere neutro (R, pp ) e sua ridistribuzione nel maschile e nel femminile (ad es. PÉCORA, neutro plurale diviene in italiano femminile singolare; FOLIA, neutro plurale diviene in francese la feuille). Nomi ambigeneri, ad es. il braccio, le braccia, diffusi in italiano ed in rumeno, così come la formazione del plurale in -ora, desinenza originaria della III declinazione: it. focora, rum. timpuri (R, pp ). Declinazione romanza: l'evoluzione della flessione nominale avviene secondo una linea di semplificazione, livellamento e risoluzione analitica; nel latino classico le funzioni sintattiche erano rappresentate mediante le desinenze; nelle lingue romanze mediante l'uso dell'articolo e delle preposizioni. La crisi delle desinenze (riduzione delle declinazioni: la V > I, la IV > II; parificazione della III, R, p. 186), ancora una volta, si manifesta nel latino volgare e termina con la vittoria delle preposizioni sulle desinenze: struttura analitica su struttura sintetica. I casi, per motivi fonetici ed economici, si restringono e vanno verso il grado zero, attraverso una fase medievale di flessione bicasuale. Esempi di conservazione di casi: nominativo HOMO > fr. on, it. uomo (ma sardo omine < HOMINEM); nom. REX > re; genit. ILLORUM > loro; dat. CUI > cui, *ILLUI > lui; la serie di avverbi in -mente deriva da ablativi di aggettivi accompagnati al sostantivo MENTE, fermamente < FIRMAMENTE (R, pp. 153; 214). Il numero dei casi del latino classico viene ridotto nel latino volgare (R, pp ); e precisamente, nella maggior parte della Romània, in maniera tale che rimangono solo, da un lato, il nominativo come caso soggetto (o caso retto), dall'altro lato, l'accusativo come caso obliquo (o caso regime, in cui confluiscono gli altri casi). Questa declinazione bicasuale ha pieno vigore nell'antico francese e nell'antico occitano; a partire dal XIII secolo essa è progressivamente scomparsa, cosicché nel francese e occitano moderni si è conservato un unico caso, l'obliquo, e, come flessione, è rimasta solo la distinzione di numero. Per le altre lingue romanze, tranne il rumeno, non si hanno tracce della declinazione bicasuale. Attualmente il rumeno conserva, oltre al nominativo-accusativo, il genitivo-dativo -AE, cui bisogna aggiungere un vocativo in -o di probabile origine slava; si ha così una declinazione tricasuale. Esempi di declinazione bicasuale in ant. fr.: I Declin. nom. sing. AMICA > amie nom. pl. *AMICAS> amies acc. sing. AMICA(M) > amie acc. pl. AMICAS> amies (lenizione dell occlusiva sorda intervocalica e dileguo delle vocali atone finali).

17 17 Va sottolineato che la desinenza -AS del nominativo plurale (che sostituisce -AE del latino clas.) è forse un osco-umbrismo. II Declin. nom. sing. MURUS > murs nom. pl. MURI > mur acc. sing. MURU(M) > mur acc. pl. MUROS> murs (dileguo delle vocali atone finali). Articolo (R, pp ). Le più antiche forme dell'articolo determ. sono quelle derivate da IPSUM > su e IPSA > sa e sono conservate nel sardo e nel catalano (es, sa). Le forme più recenti derivano da ILLUM, ILLAM. Il rumeno pospone l'articolo, per cui dà luogo ad una declinazione articolata che si differenzia da quella inarticolata: fratele 'il fratello', fratelui 'del/al fratello', frate 'fratello' (R, p.213). Dimostrativi: prevalgono forme rafforzate. It. quello < ECCUM + ILLUM. Comparativo. In latino il comparativo si formava con l aggiunta alla radice del suffisso IOR (ALTUS, ALTIOR). Esisteva anche una perifrasi con MAGIS, che prende il sopravvento (restano però alcune forme, migliore, peggiore ecc.), affiancata dalla forma più recente PLUS: si crea pertanto una divisione della Romània tra centro e periferia. MAGIS ALTUS > sp. mas alto, rum. mai înalt. PLUS ALTUS > it. più alto, fr. plus haut, occ. plus alt. La distribuzione del comparativo illustra chiaramente la teoria della linguistica spaziale di M. Bartoli ( ), che mira a ricostruire la storia delle parole e quindi delle lingue mediante l'analisi della distribuzione geografica dei singoli fenomeni; ad esempio le aree laterali ed isolate conservano caratteristiche arcaiche; l'innovazione linguistica si irradia dal centro verso la periferia. Forme verbali. Principale innovazione il futuro perifrastico romanzo (R, pp e il condizionale, R, p.182; pp ), presente già nel testo francese dei Giuramenti di Strasburgo (salvarai, prindrai, R, p ). Ordine sintattico: la libertà e varietà del latino si riducono e nelle lingue romanze prevale la sequenza: soggetto-verbo-oggetto (R, pp ); la maggiore rigidità si verifica nel francese. ******************

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Cenni sulla pronuncia dell antico francese

Cenni sulla pronuncia dell antico francese Cenni sulla pronuncia dell antico francese Questa guida si riferisce alla pronuncia dell antico francese intorno ai secoli XII e XIII, periodo in cui la lingua era in evoluzione e dunque non facilmente

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

Facoltà di Studi Umanistici Cagliari Riallineamento Greco

Facoltà di Studi Umanistici Cagliari Riallineamento Greco Bibliografia utilizzata e consigliata per il corso. A.SIVIERI P.VIVIAN, Grammatica greca, Messina-Firenze 1994 A.SIVIERI P.VIVIAN, (a cura di S. Corbinelli), Grammatica greca, Messina-Firenze 2006 A.SIVIERI

Dettagli

La scrittura. I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc.

La scrittura. I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc. La scrittura I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc. - sistemi sillabici: un simbolo > una sillaba es. loma, (Liberia

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Facoltà di Lettere efilosofia, Cagliari

Facoltà di Lettere efilosofia, Cagliari L alfabeto greco L alfabeto greco consta di 24 lettere: 7 vocali e 17 consonanti. Maiuscola Minuscola Nome della lettera Trascrizione latina Pronuncia Α α Alfa a [a] es. amico Β β Beta b [b]es. base Γ

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

Francesco Bruni. L'italiano. Elementi di storia della lingua e della cultura UTET LIBRERIA

Francesco Bruni. L'italiano. Elementi di storia della lingua e della cultura UTET LIBRERIA Francesco Bruni L'italiano Elementi di storia della lingua e della cultura UTET LIBRERIA INDICE PARTE PRIMA CAPITOLO I. Il volgare nel periodo delle origini 1. Tre aspetti della diffusione della cultura

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Suoni diversi in lingue diverse. Tra fonetica, fonologia e simboli grafici.

Suoni diversi in lingue diverse. Tra fonetica, fonologia e simboli grafici. Suoni diversi in lingue diverse. Tra fonetica, fonologia e simboli grafici. di Cristina Lavinio Introduzione 2 Fonetica e foni, fonologia e fonemi..4 Fonologia e fonematica..5 Fonetica articolatoria..7

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Classe I. Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO SEDE CENTRALE DI FABRIANO SEDE STACCATA DI SASSOFERRATO Indirizzo Scientifico Classe I Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNUALE DI LINGUA E CULTURA

Dettagli

2 Come consueto in letteratura, si distinguono terminologicamente i casi nei quali

2 Come consueto in letteratura, si distinguono terminologicamente i casi nei quali STUDIO SULL APPRENDIMENTO DEL CONSONANTISMO SPAGNOLO DA PARTE DI ITALOFONI Emanuela Colonna, Barbara Gili Fivela Università degli Studi di Lecce coleman2078@yahoo.it; gili@sns.it 1. SOMMARIO In questo

Dettagli

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese Cecilia Paquola BILINGUISMO Uso corrente di due lingue da parte di un individuo o di una popolazione. Due lingue parlate per due contesti differenti:

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PROGRAMMA DI. Linguistica italiana

PROGRAMMA DI. Linguistica italiana PROGRAMMA DI Linguistica italiana Docente Tutor disciplinare Programma dell insegnamento Paolo Martino Sara Deodati MODULO 1. CHE COS'È L'ITALIANO (= circa 25 ore di didattica) mira a puntualizzare alcune

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 9

Risposte alle domande del Capitolo 9 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) Risposte alle domande del Capitolo 9 9.1. Su quali principi si può fondare una classificazione delle

Dettagli

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

DIDATTICA - VECCHIO ORDINAMENTO LINGUE E LETTERATURE STRANIERE: IL PIANO DI STUDI CONSIGLIATO DALLA FACOLTA' (in vigore fino all a.a.

DIDATTICA - VECCHIO ORDINAMENTO LINGUE E LETTERATURE STRANIERE: IL PIANO DI STUDI CONSIGLIATO DALLA FACOLTA' (in vigore fino all a.a. DIDATTICA - VECCHIO ORDINAMENTO LINGUE E LETTERATURE STRANIERE: IL PIANO DI STUDI CONSIGLIATO DALLA FACOLTA' (in vigore fino all a.a. 2000/2001) SPERIMENTAZIONE (Per gli studenti immatricolati a partire

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio.

Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio. Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio. Formatrice AID Legnago 26 aprile2012 DSA: DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELLE ABILITA SCOLASTICHE Sono

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE

DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE DIPARTIMENTO DI ITALIANO CORSO DI LAUREA IN LINGUA E LETTERATURA ITALIANA * PRIMO SEMESTRE a cura di Roberto Vetrugno, Antonio Morone (per i corsi di storia), Barbara Airò (per i corsi di traduzione).

Dettagli

Dalle origini latine all italiano di oggi

Dalle origini latine all italiano di oggi Dalle origini latine all italiano di oggi Prof. Alessio Lodes DALLE ORIGINI LATINE ALL ITALIANO DI OGGI. Dedico questo libro alle cinque persone più importanti della mia vita: Mia nonna Claudia, strappata

Dettagli

C erano una volta due bambini.

C erano una volta due bambini. C erano una volta due bambini. Lettera di risposta Inizio 1 primaria Altre volte invece 4 primaria (inizio) Cosa significa scrivere? Trasmettere dei contenuti di pensiero attraverso dei segni grafici Scopo

Dettagli

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

Fonologia. Secondo livello di analisi linguistica

Fonologia. Secondo livello di analisi linguistica Fonologia Secondo livello di analisi linguistica Dalla fonetica alla fonologia Dalla fonetica alla fonologia Quando si sono spiegati tutti i movimenti dell apparato vocale necessari a produrre le singole

Dettagli

Lezione 2. Chiavi degli esercizi. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Lezione 2. Chiavi degli esercizi. Coordinatrice didattica: Paola Baccin Lezione 2 Chiavi degli esercizi Coordinatrice didattica: Paola Baccin LA PRONUNCIA In italiano le parole si scrivono praticamente come si pronunciano, e non come avviene per l inglese o per il portoghese

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Introduzione Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Questo percorso è finalizzato al recupero delle difficoltà di comprensione morfo-sintattica in bambini con disturbo specifico di linguaggio

Dettagli

Introduzione alla storia della lingua gaelica

Introduzione alla storia della lingua gaelica Introduzione alla storia della lingua gaelica Anna Fattovich EUT Edizioni Università di Trieste ISBN 978-88-8303-316-2 Sommario Introduzione allo studio della lingua gaelica 4 Proto-celtico 9 Stadi della

Dettagli

Dialettologia Italiana

Dialettologia Italiana Dialettologia Italiana dott. Marina Pucciarelli LINGUA e DIALETTO a.a. 2011/2012 1 ATTENZIONE: Questi materiali didattici sono coperti da copyright. Vengono messi liberamente a disposizione esclusivamente

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.)

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Lezione n. 2 La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Fabrizio Alias L invasione araba della penisola iberica (al-andalus) 711. Invasione degli arabi nella penisola iberica 713. Conquista

Dettagli

Guida per l insegnante/tutor 1. 0. Presentazione della Guida

Guida per l insegnante/tutor 1. 0. Presentazione della Guida Guida per l insegnante/tutor 1 0. Presentazione della Guida Questo documento è una guida all uso del corso di lingua italiana come L2 per adulti realizzato dall Università per Stranieri di Siena nell ambito

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Parte 1. Biiettività fonematica

Parte 1. Biiettività fonematica 53 Rapporti tra lingue e matematica: Esperanto e oltre Parte 1. Biiettività fonematica Ce s c o Re a l e Associazione Mondiale di Esperanto, rappresentante ONU Festival di Giochi Matematici (www.tuttoenumero.it)

Dettagli

Scuola superiore per mediatori linguistici Carlo Bo di Roma FONETICA: LA LINGUA ITALIANA

Scuola superiore per mediatori linguistici Carlo Bo di Roma FONETICA: LA LINGUA ITALIANA Scuola superiore per mediatori linguistici Carlo Bo di Roma FONETICA: LA LINGUA ITALIANA LA SITUAZIONE ITALIANA Molto sinteticam ente si può osservare che la situazione delle parlate con cui ci si esprim

Dettagli

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO L.Carretti-logopedista- HSA - Como 1 1 2 L.Carretti-logopedista- HSA 2 - Como 3 L.Carretti-logopedista- HSA 3 - Como 4 L.Carretti-logopedista- HSA 4 - Como L.Carretti-logopedista-

Dettagli

categorie flessionali (genere, numero, caso, tempo, persona...)

categorie flessionali (genere, numero, caso, tempo, persona...) Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2010 / 2011 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia / Dr.ssa Francesca Strik Lievers (giorgio.arcodia@unimib.it / francesca.striklievers@gmail.com)

Dettagli

SUMMER SCHOOL «POLITICHE DI INTEGRAZIONE

SUMMER SCHOOL «POLITICHE DI INTEGRAZIONE SUMMER SCHOOL «POLITICHE DI INTEGRAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE: PERCORSI E METODOLOGIE» BARI, 15-19 GIUGNO 2015 Presidente UMI MATERIALI DIDATTICI E INPUT LINGUISTICO. L ACQUISIZIONE DELL ITALIANO L2

Dettagli

La p r o n u n c i a d e l f r i u l a n o s ta n d a r d:

La p r o n u n c i a d e l f r i u l a n o s ta n d a r d: Paolo Roseano La p r o n u n c i a d e l f r i u l a n o s ta n d a r d: proposte, problemi e domande aperte 1. Una questione poco trattata La pronuncia della lingua comune è stata ed è tuttora un argomento

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. Classe/i: 1) Disciplina:FRANCESE

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. Classe/i: 1) Disciplina:FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO Da Vinci VILLAMASSARGIA PIANO DI STUDIO ANNUALE per le discipline Scuola Primaria - Scuola Secondaria di 1 grado - A.S. 2013-2014 Docente: Scuola: Classe/i: Discipline riportate: CHESSA

Dettagli

L ITALIANO A SCUOLA IN BASILICATA

L ITALIANO A SCUOLA IN BASILICATA Italia Amorosi L ITALIANO A SCUOLA IN BASILICATA NEI PRIMI ANNI DELL UNITÀ Consiglio Regionale della Basilicata INDICE I difficili passi nella lotta all analfabetismo di Egidio Nicola Mitidieri 7 Presentazione

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

CATALOGO FCI 2009. Stampa Definitiva 28/07/2009. Provincia di BIELLA. Scheda descrittiva percorso formativo. Sezione 1 - Scheda Introduttiva

CATALOGO FCI 2009. Stampa Definitiva 28/07/2009. Provincia di BIELLA. Scheda descrittiva percorso formativo. Sezione 1 - Scheda Introduttiva CATALOGO FCI 2009 Scheda descrittiva percorso formativo Sezione 1 - Scheda Introduttiva Parte 1.1 Identificativo del corso (Dati Libra) Denominazione del corso Codice: 19818 Denominazione: LINGUA INGLESE

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO)

Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO) Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) Esercizi di morfologia e lessico (SOLUZIONI IN FONDO)

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico. V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico. V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia 1 Il repertorio linguistico Definiti i fattori che all interno di una comunità linguistica influenzano

Dettagli

METAFONOLOGICO: correlato con

METAFONOLOGICO: correlato con Proposte didattiche per i bambini della scuola dell infanzia Laives, 30 settembre 2010 Graziella Tarter Centro Studi Erickson - Trento Progetto Il mondo delle parole Ago-set 2010 Set 10 formazione teorica

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

MODULO PLURIDISCIPLINARE SPERIMENTALE IL TERRITORIO TRA CONOSCENZA ED APPARTENENZA

MODULO PLURIDISCIPLINARE SPERIMENTALE IL TERRITORIO TRA CONOSCENZA ED APPARTENENZA MODULO PLURIDISCIPLINARE SPERIMENTALE IL TERRITORIO TRA CONOSCENZA ED APPARTENENZA Con questo modulo si intende sperimentare un percorso multidisciplinare nell ambito del Progetto sul biennio unitario

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Lo scritto dà solidità alla parola.

Lo scritto dà solidità alla parola. 1 Lo scritto dà solidità alla parola. 4. 5. Le parole tuttavia toccano l'aria e subito spariscono (non durano se non quanto dura il loro suono), per questo come segno delle parole sono state trovate delle

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO

QUADRO DI RIFERIMENTO Valutazione 2005 Prove di Italiano QUADRO DI RIFERIMENTO Quadro legislativo La costruzione delle prove di verifica degli apprendimenti di italiano si situa in linea di continuità con gli obiettivi strategici

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Roberto Basili, Marco Pennacchiotti Corso di Fondamenti di Informatica a.a. 2003-2004 Definizioni Generali e Regole d esame Il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA Informazioni e suggerimenti per la scuola Giuliana Nova Rezzonico Associazione AFORISMA Associazione accreditata dal MIUR per la

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI

ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 325 ELABORAZIONE CURATA DALLA FIGURA STRUMENTALE Ins. Dott.ssa MARIA ROSARIA SABINI 326 2 Modulo Operativo Le abilità linguistiche: parlare modulare Acquisire la capacità di comunicare oralmente il proprio

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE FINALITÀ Le finalità dell insegnamento della lingua inglese nella Scuola Primaria e Secondaria di primo grado del nostro Istituto riguardano: a) l area formativa: la lingua straniera

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

PRESTITI NELLA (O DALLA) LINGUA ROMENA di Alessandro Demontis

PRESTITI NELLA (O DALLA) LINGUA ROMENA di Alessandro Demontis PRESTITI NELLA (O DALLA) LINGUA ROMENA di Alessandro Demontis La lingua romena viene classificata come 'indoeuropea neolatina', indicando la sua origine del ceppo indoeuropeo balcanico con substrato dacico

Dettagli

Transfer linguistico. La contrastività italiano-inglese. inglese. Cenni storici. Analisi comparativa/contrastiva

Transfer linguistico. La contrastività italiano-inglese. inglese. Cenni storici. Analisi comparativa/contrastiva La contrastività italiano-inglese inglese Matteo Santipolo Università di Padova Cenni storici Anni 50: Ipotesi contrastiva (interferenza pesante delle abitudini linguistiche della L1 sull acquisizione

Dettagli

0. Presentazione della Guida

0. Presentazione della Guida Guida per insegnanti/tutor 1 0. Presentazione della Guida Questo documento è una guida all uso del corso di lingua italiana come L2 per adulti realizzato dall Università per Stranieri di Siena nell ambito

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LETTERE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LETTERE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LETTERE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2015-2016 ITALIANO Obiettivi minimi di apprendimento al termine del biennio PARLARE - esprimersi su qualsiasi argomento in maniera ordinata,

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA LAUREA SPECIAL- ISTICA IN LINGUISTICA TEORICA E APPLI- CATA DM 270 1

PIANO DI STUDIO DELLA LAUREA SPECIAL- ISTICA IN LINGUISTICA TEORICA E APPLI- CATA DM 270 1 PIANO DI STUDIO DELLA LAUREA SPECIAL- ISTICA IN LINGUISTICA TEORICA E APPLI- CATA DM 270 1 CURRICULUM IL LINGUAGGIO: VARIAZIONE DIACRON- ICA E SINCRONICA, ACQUISIZIONE, ASPETTI COM- PUTAZIONALI 1 ANNO

Dettagli

A.A. 2014/2015. Didattica della linguistica italiana

A.A. 2014/2015. Didattica della linguistica italiana CFU 2 Giuliana Fiorentino Didattica della linguistica italiana Il corso mira a discutere e presentare in maniera critica gli aspetti essenziali della linguistica moderna ai fini del loro utilizzo didattico

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Lezione 2. Coordinatrice didattica: Paola Baccin

Lezione 2. Coordinatrice didattica: Paola Baccin Lezione 2 Coordinatrice didattica: Paola Baccin LA PRONUNCIA In italiano le parole si scrivono praticamente come si pronunciano, e non come avviene per l inglese o per il portoghese stesso. Quindi, attenzione!

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA Allegate al DM 12 luglio 2011 SINTESI Legge 8 ottobre 2010, n.170, : riconoscimento DSA e assegnazione alla scuola del compito

Dettagli

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail:

PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail: <patrizia.bellucci@unifi.it> PATRIZIA BELLUCCI Indirizzo web: www.patriziabellucci.it o www.unifi.it/linguistica/bellucci e-mail: Corso di SOCIOLINGUISTICA - A.A. 2004-2005 Bibliografia per gli Studenti

Dettagli

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lingue e letterature straniere Manifesto degli Studi P. I: Requisiti di accesso e norme relative Per accedere al corso di laurea in Lingue e letterature

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

Linguistica Romanza Corso introduttivo Alberto Varvaro

Linguistica Romanza Corso introduttivo Alberto Varvaro Parte A Introduzione 1 che COSA È LA LINGUISTICA ROMANZA La linguistica romanza studia in ogni loro aspetto tutte le parlate che hanno origine da una evoluzione della lingua latina. Proprio per questo

Dettagli

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016 I.C. ARBE -ZARA Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano a.s. 2015/2016 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI INGLESE CLASSI 1A - 1B Docente: DANIELA BAIO 1 1. COMPETENZE Tenendo

Dettagli

A proposito dell origine della declinazione del pronome clitico di terza persona in italiano

A proposito dell origine della declinazione del pronome clitico di terza persona in italiano A proposito dell origine della declinazione del pronome clitico di terza persona in italiano Giorgio Cadorini Università Carlo IV di Praga Sommario L articolo cerca di ricostruire

Dettagli

F I L O L O G I A R O M A N Z A A ( c o d. 3 0 3 0) 2 0 1 1-2 0 12. M A R I E D E F R A N C E Lais (a cura di Giovanna Angeli) Lanval (vv.

F I L O L O G I A R O M A N Z A A ( c o d. 3 0 3 0) 2 0 1 1-2 0 12. M A R I E D E F R A N C E Lais (a cura di Giovanna Angeli) Lanval (vv. F I L O L O G I A R O M A N Z A A ( c o d. 3 0 3 0) 2 0 1 1-2 0 12 M A R I E D E F R A N C E Lais (a cura di Giovanna Angeli) Lanval (vv. 287 324) Quant il l oï, mut fu dolenz; Del respundre ne fu pas

Dettagli