QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine"

Transcript

1 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune captazioni di acquedotti locali pescano acque con elevato contenuto di nitrati di origine agricola, seppure nel rispetto della norma. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine Le acque destinate al consumo umano devono possedere, alla distribuzione, i requisiti di qualità indicati nel D.lgs. 31/01, che stabilisce i valori per una serie di parametri: organolettici, chimico-fisici, microbiologici, sostanze inquinanti e tossiche. Oltre al D.lgs. 31/01, anche il D.lgs. 152/06, in alcuni articoli specifici, relativi alla parte III Norme in difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall inquinamento e di gestione delle risorse idriche, detta alcuni indirizzi relativamente alle acque destinate al consumo umano; di particolare importanza, relativamente alla qualità di queste ultime, risulta essere la parte riguardante il recepimento della Direttiva CEE 91/676 che si occupa dell inquinamento da nitrati delle acque. Nel Friuli Venezia Giulia, oltre il 90% delle acque destinate al consumo umano proviene da falde sotterranee e da sorgenti, mentre solo una piccola percentuale deriva da acque superficiali. Le acque superficiali destinate alla produzione di acqua potabile devono possedere i requisiti di qualità indicati nel D.lgs. 152/06, allegato 2 della parte III; il monitoraggio di tali acque è competenza dell ARPA FVG. La competenza dei controlli alle captazioni e alle utenze finali di tutte le acque destinate al consumo umano è rimasta alle Aziende per i Servizi Sanitari (ASS); i laboratori dell ARPA FVG effettuano le verifiche analitiche sui campioni che i competenti servizi delle ASS prelevano. Accanto alle acque destinate al consumo umano, i laboratori dell ARPA FVG analizzano su richiesta delle ASS, competenti sul territorio, le acque derivanti dagli impianti delle piscine. Questo tipo di controllo prevede la verifica del rispetto dei requisiti di qualità dell acqua di approvvigionamento, dell acqua di immissione in vasca e dell acqua in vasca, secondo programmi concordati, fermo restando la competenza dell Azienda Sanitaria Locale nella gestione dei relativi risultati e degli eventuali provvedimenti conseguenti. Per quanto riguarda le acque destinate al consumo umano, quest ultimo triennio conferma quanto già riportato nei precedenti rapporti sullo stato dell ambiente, cioè la tendenza del cambiamento della tipologia dei parametri richiesti dalle ASS e quindi analizzati. Rispetto ad una sostanziale costanza di richiesta di parametri di tipo batteriologico permane infatti una percentuale più bassa, diversamente dal passato, del numero di parametri di chimici di base, mentre sono aumentati quelli relativi ai microinquinanti organici ed inorganici. I campioni analizzati per anno e suddivisi per provincia sono riassunti nella tabella 1. Il numero di campioni medio di acque di piscina analizzati nel triennio è di circa 250 campioni. I parametri analizzati sono sostanzialmente rimasti invariati e si limitano a controlli di tipo microbiologico e

2 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 149 TABELLA 1. CAMPIONI ANALIZZATI PER ANNO SUDDIVISI PER PROVINCIA. Provincia GO PN TS UD Totali AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA < FIGURA 1. I PARAMETRI MICROBIOLOGICI RISULTANO ESSERE I PRINCIPALI RESPONSABILI DEGLI ESITI SFAVORE- VOLI. ESSI RAPPRESENTANO QUASI IL 60% DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI LAVORATIVI. Microbiologici Microinquinanti organici Chimici di base

3 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 150 TABELLA 2. CONCENTRAZIONI MINIME, MEDIE E MASSIME DI NITRATI NELLE CAPTAZIONI DEI PRINCIPALI ACQUEDOTTI REGIONALI. Provincia Acquedotto Comune Punto prelievo Minimo Medio Massimo (mg/l) (mg/l) (mg/l) GO Iris Cormons Pozzo n GO Iris Cormons Pozzo n GO Iris Cormons Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n

4 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 151 Provincia Acquedotto Comune Punto prelievo Minimo Medio Massimo (mg/l) (mg/l) (mg/l) GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n PN Basso Livenza Azzano Decimo Pozzo n PN Brugnera Brugnera Pozzo n PN Caneva Caneva Pozzo n PN Casarsa Casarsa della Delizia Pozzo n PN Cordenons Cordenons Pozzo n PN Basso Tagliam. Cordovado Pozzo n PN Fontanafredda Fontanafredda Pozzo n PN Santissima Polcenigo Sorgente PN Comina Bassa Pordenone Pozzo Protciv PN Comina Bassa Pordenone Pozzo Fhelman PN Torre Est Pordenone Pozzo n PN Roveredo Roveredo in Piano Pozzo protciv PN Roveredo Roveredo in Piano Pozzo vecchio n PN Roveredo Roveredo in Piano Pozzo vecchio n PN Provesano San Giorgio della Richinvelda Pozzo n PN Rauscedo San Giorgio della Richinvelda Pozzo n PN Arzene San Martino al Tagliamento Pozzo n PN San Quirino San Quirino Pozzi PN Spilimbergo Spilimbergo Pozzo PN Spilimbergo Spilimbergo Pozzo m PN Spilimbergo Spilimbergo Pozzo m UD CAFC Artegna Pozzo T UD CAFC Camino al Tagliamento Pozzo T UD CAFC Gonars Pozzo T n UD CAFC Lusevera Sorgente Musi UD Poiana Manzano S. Nicolò n UD Poiana Manzano S. Nicolò n UD CAFC Palmanova Pozzo T UD AMGA Reana del Roiale S. Agnese UD CAFC Santa Maria la Longa Pozzo UD AMGA Taipana Sorgenti UD CAFC Tavagnacco Pozzi nn. 3 e UD AMGA Tricesimo Valloncello UD AMGA Udine Palamostre UD AMGA Udine Gonars UD AMGA Udine Castello AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA <

5 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 152 La distribuzione mette in evidenza la bassa concentrazione di nitrati negli acquedotti montani e pedemontani e la concentrazione decisamente più elevata negli acquedotti che servono i comuni siti nella zona udinese a cavallo della linea delle risorgive. dei parametri chimici di base. Gli esiti sfavorevoli sono principalmente dovuti ad un eccesso o un difetto di cloro e del valore del ph seguiti poi dai parametri microbiologici. Indicatore 1: Esiti sfavorevoli - campioni di acque destinate al consumo umano La percentuale dei campioni sfavorevoli di acque destinate al consumo umano si attesta negli anni attorno ad un valore del 6% dei campioni totali, con una tendenza alla diminuzione rispetto al passato (9%). I parametri batteriologici rappresentano mediamente il 60% (fig. 1) dei campioni con esito sfavorevole; i rimanenti sono dovuti principalmente a parametri di tipo chimico di base e una piccola parte a residui di erbicidi, la cui totalità è riferibile ad analisi su campioni d acqua proveniente da pozzi privati. > Indicatore 2: Distribuzione della concentrazione di nitrati nei principali acquedotti regionali La Direttiva CEE 91/676 ha messo in evidenza la problematica derivante dall inquinamento delle acque provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole. Le acque sotterranee da cui attingono principalmente i nostri acquedotti possono anche essere sottoposte a questo tipo di inquinamento. Tenere sotto controllo l andamento della concentrazione di nitrati nella captazione degli acquedotti diventa quindi di fondamentale importanza sia per quanto riguarda la salute umana, vista la specifica destinazione di queste acque, sia in attuazione a quanto prescritto dalla Direttiva CEE riguardo i programmi di controllo. Le concentrazioni minime, medie e massime dei nitrati nelle captazioni dei principali acquedotti regionali sono riportate nella tabella 2, mentre la figura 2 mostra la concentrazione di nitrati negli acquedotti regionali. La distribuzione mette in evidenza in generale la buona qualità delle acque servite dagli acquedotti (limite previsto dal D.lgs. 31/01 riguardo i nitrati è pari a 50 mg/l). In particolare, è evidente la bassa concentrazione di nitrati negli acquedotti montani e pedemontani e la concentrazione decisamente più elevata negli acquedotti che servono i comuni siti nella zona udinese a cavallo della linea delle risorgive. Indicatore 3: Distribuzione dei parametri richiesti e analizzati per provincia La diversificazione delle richieste analitiche e quindi dei parametri analizzati, nei campioni di acqua destinata al consumo umano può essere un indicatore utile per monitorare e verificare l uniformità o meno dei controlli effettuati nelle varie province. L indicatore scelto ha messo in evidenza infatti che, mentre le richieste per le analisi microbiologiche sono più o meno equamente distribuite, quella dei microinquinanti organici ed inorganici è difforme. La distribuzione mette in rilievo il tipo di controllo non omogeneo all interno delle quattro province per quanto riguarda le analisi di tipo chimico e, in particolare, relative ai microinquinanti inorganici e ad alcune classe di microinquinanti organici (fig. 3 e tab. 3). In generale, la qualità delle acque destinate al consumo umano della regione è buona e non presenta particolari rischi sanitari: il fatto che in Friuli Venezia Giulia oltre il 90% di tali acque provenga da falde sotterranee e da sorgenti, mentre solo una piccola percentuale derivi da acque superficiali risulta essere sicuramente una garanzia per il rispetto dei requisiti di qualità di cui al D.lgs. 31/01.

6 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 153 FIGURA 2. CONCENTRAZIONE DI NITRATI (mg/l) NEGLI ACQUEDOTTI REGIONALI (I DATI SONO STATI ELABORATI COME MEDIANE PER COMUNE). AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA < <lq dati non disponibili o comuni senza rete acquedottistica

7 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 154 Dal punto di vista chimico sono principalmente i pozzi privati, da cui emungono l acqua potabile le singole abitazione, insediate in comuni con assenza di rete acquedottistica, che denotano non conformità per la presenza di erbicidi. L elaborazione dei dati degli esiti sfavorevoli conferma infatti che dal punto di vista chimico sono principalmente i pozzi privati, da cui emungono l acqua potabile le singole abitazione, insediate in comuni con assenza di rete acquedottistica, che denotano non conformità per la presenza di erbicidi, quali i metaboliti dell atrazina e/o della terbutilazina. Questa realtà mette anche in evidenza la difficoltà del controllo sanitario, che risulta quasi impossibile in quanto troppo dispersivo e capillare. I piccoli acquedotti delle zone montane e pedemontane, così come nel passato, confermano la loro problematicità per quanto riguarda i rispetti dei requisiti di qualità dei parametri microbiologici. L emungimento effettuato da sorgenti a volte poco protette, il numero elevato di acquedotti per comuni e di conseguenza per popolazione servita (spesso gli acquedotti servono nuclei famigliari) e le scarse risorse economiche a disposizione per la sistemazione delle reti di distribuzione, sono quasi sempre la causa del mancato rispetto dei limiti di legge dei parametri microbiologici. Relativamente alla problematica dei nitrati, possiamo dire che, in generale, gli acquedotti regionali distribuiscono acque con concentrazioni di nitrati entro la norma (50 mg/l), ma che in alcuni comuni la concentrazione in rete supera la soglia dei 10 mg/l (valore consigliato per l infanzia). Gli andamenti nel triennio, relativi ad alcune captazioni, indicano comunque una leggera tendenza alla diminuzione. L eterogeneità di comportamento all interno del territorio regionale, rispetto alla quantità e al tipo di analisi richieste, non giustificata apparentemente da diverse problematiche presenti nei singoli territori provinciali, pone delle domande riguardo all uniformità dei controlli e al corretto utilizzo delle risorse analitiche. La continua, costante e robusta sorveglianza sanitaria sicuramente limita i rischi di diffusione di germi patogeni, prevenendo così problematiche sanitarie, soprattutto per la popolazione a rischio, migliorando l aspetto igienico/sanitario ed economico. Le tecniche analitiche sempre più accurate e precise certamente permettono di valutare meglio gli indici di eventuali inquinamenti chimici, garantendo alla popolazione una sempre maggior garanzia degli alti livelli di qualità dello stato chimico delle acque servite dai gestori degli acquedotti. Tuttavia la mancanza di acquedotti in alcune zone e la presenza di pozzi privati per ogni unità abitativa impedisce di fatto una seria verifica sanitaria. L andamento, in leggera diminuzione, della concentrazione di nitrati in alcune captazioni degli acquedotti regionali fa pensare ad una corretta valutazione ed applicazione, attraverso i Piani d Azione, della normativa sui nitrati. >

8 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 155 FIGURA 3. DISTRIBUZIONE PERCENTUALE DEI PARAMETRI RICHIESTI E ANALIZZATI PER PROVINCIA % GO PN TS UD AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA < 20 0 FF GEN IPA MET MICRO VOCS Analisi tipo TABELLA 3. TIPO DI INQUINANTI. Abbreviazione Descrizione Tipo FF Fitosanitari (antiparassitari, fungicidi, erbicidi, ecc.) Microinquinanti organici GEN Chimici di base (ferro incluso) IPA Idrocarburi policiclici aromatici Microinquinanti organici MET Metalli (ferro escluso) Microinquinanti inorganici MICRO Microbiologici PCB Policlorobifenili Microinquinanti organici VOCS Composti organici volatili Microinquinanti organici

9 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 156 STRUTTURA DEGLI INDICATORI INDICATORE 1 NOME Esito sfavorevole DPSIR Stato UNITÀ DI MISURA % FONTE ARPA FVG COPERTURA SPAZIALE DATI Regionale COPERTURA TEMPORALE DATI INDICATORE 2 NOME Distribuzione della concentrazione dei nitrati DPSIR Stato UNITÀ DI MISURA mg/l FONTE ARPA FVG COPERTURA SPAZIALE DATI Regionale COPERTURA TEMPORALE DATI INDICATORE 3 NOME Distribuzione dei parametri analizzati DPSIR Stato UNITÀ DI MISURA % FONTE ARPA FVG COPERTURA SPAZIALE DATI Regionale COPERTURA TEMPORALE DATI 2010 PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO D.lgs. 2 febbraio 2001, n. 31 Accordo 16 gennaio 2003 Direttiva CEE 91/676 Attuazione della Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Accordo tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio Direttiva del Consiglio relativa alla protezione delle acque all inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 Servizio Osservatorio Acque Interne agosto 2012 ARPAV Direttore Generale: Carlo Emanuele Pepe Direttore Area Tecnico-Scientifica:

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

DESCRIZIONE ZDD03B2719 13 REGGIMENTO CARABINIERI FVG GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO 34170 GORIZIA STRUTTURA PROPONENTE

DESCRIZIONE ZDD03B2719 13 REGGIMENTO CARABINIERI FVG GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO 34170 GORIZIA STRUTTURA PROPONENTE ZDD03B2719 GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO MANUTENZIONE ASCENSORI KONE SPA VIA FIGINO NR. 41 PERO (MI) MAM ASCENSORI SRL VIA ROMANA 27 34074 MONFALCONE (GO) ELTEC SNC VIA LAVORO ARTIGIANO 3 34077 RONCHI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Le acque destinate al consumo umano

Le acque destinate al consumo umano Le acque destinate al consumo umano Vincenzo Riganti Università di Pavia, Dipartimento di Chimica generale, Cattedra di Chimica merceologica (riganti@unipv.it) La normativa. La direttiva comunitaria 80/778/CEE

Dettagli

QUADERNO 2. ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO La normativa di riferimento

QUADERNO 2. ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO La normativa di riferimento QUADERNO 2 ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO La normativa di riferimento Ottobre 2008 1 Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino Carlo FOPPA Presidente *** Francesco BRUNO Commissario

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITÀ Direzione Sanità. Settore Igiene e Sanità Pubblica

ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITÀ Direzione Sanità. Settore Igiene e Sanità Pubblica ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITÀ Direzione Sanità Settore Igiene e Sanità Pubblica Alla redazione hanno collaborato: Michela AUDENINO Isabella MIOTTI Maria Vittoria ROSSI Caterina SALERNO Caterina

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA?

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? MARZO 2007 TESTI ED ELABORAZIONE DATI: GIORGIA BUSINARO ELABORAZIONE GRAFICA: LISA CHERUBIN 2 Indice: Introduzione 3 Cap. I. La situazione mondiale

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Fabrizio Jondini - ASSOMETAB. Convegno AIPP-CRA PAV-GRIFA, Roma 21 gennaio 2010

Fabrizio Jondini - ASSOMETAB. Convegno AIPP-CRA PAV-GRIFA, Roma 21 gennaio 2010 Fabrizio Jondini - ASSOMETAB Sostanze attualmente autorizzate in Italia Revisione comunitaria - Stato dell arte Numero CAS: (A) e (B): Piretrine: 8003-34-7 Estratto A: estratti di Chrysanthemum cinerariaefolium:

Dettagli

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati * * * Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee * * * Aprile

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale

Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Accesso agli atti Ambiente e Gestione del Territorio / Tecnico e Sviluppo Locale Il cittadino deve formulare istanza di accesso agli atti quando deve richiedere copie di atti raccolti negli archivi comunali,

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 G.U. n. 296 del 20/12/2010

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 G.U. n. 296 del 20/12/2010 DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 G.U. n. 296 del 20/12/2010 Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di qualita' ambientale nel settore della politica delle acque, recante

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CONFERENZA DEI PRESIDENTI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2004

CONFERENZA DEI PRESIDENTI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2004 ACCORDO TRA LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO SULLA DISCIPLINA INTERREGIONALE DELLE PISCINE IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO STATO REGIONI E PP.AA. DEL 16 GENNAIO 2003 CONFERENZA DEI PRESIDENTI

Dettagli

ANALISI COMPLESSIVA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL SITO DI MONFALCONE CON VALUTAZIONE DEL CONTRIBUTO DELLE DIVERSE SORGENTI EMISSIVE

ANALISI COMPLESSIVA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL SITO DI MONFALCONE CON VALUTAZIONE DEL CONTRIBUTO DELLE DIVERSE SORGENTI EMISSIVE CENTRALE TERMOELETTRICA DI MONFALCONE ANALISI COMPLESSIVA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL SITO DI MONFALCONE CON VALUTAZIONE DEL CONTRIBUTO DELLE DIVERSE SORGENTI EMISSIVE Autori G. Brusasca, G. Tinarelli,

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni WWF Friuli Venezia Giulia e Veneto Giugno 2003 0. Premessa Si rileva ancora

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

C O DICI IN BORSA. N u m e r o 2 6 CODICE DELL AMBIENTE

C O DICI IN BORSA. N u m e r o 2 6 CODICE DELL AMBIENTE C O DICI IN BORSA N u m e r o 2 6 CODICE DELL AMBIENTE CODICE DELL AMBIENTE Sommario CODICE DEL DIRITTO DELL AMBIENTE... 3 PARTE PRIMA - DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI ( 1 )... 5 PARTE SECONDA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli