QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine"

Transcript

1 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune captazioni di acquedotti locali pescano acque con elevato contenuto di nitrati di origine agricola, seppure nel rispetto della norma. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine Le acque destinate al consumo umano devono possedere, alla distribuzione, i requisiti di qualità indicati nel D.lgs. 31/01, che stabilisce i valori per una serie di parametri: organolettici, chimico-fisici, microbiologici, sostanze inquinanti e tossiche. Oltre al D.lgs. 31/01, anche il D.lgs. 152/06, in alcuni articoli specifici, relativi alla parte III Norme in difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall inquinamento e di gestione delle risorse idriche, detta alcuni indirizzi relativamente alle acque destinate al consumo umano; di particolare importanza, relativamente alla qualità di queste ultime, risulta essere la parte riguardante il recepimento della Direttiva CEE 91/676 che si occupa dell inquinamento da nitrati delle acque. Nel Friuli Venezia Giulia, oltre il 90% delle acque destinate al consumo umano proviene da falde sotterranee e da sorgenti, mentre solo una piccola percentuale deriva da acque superficiali. Le acque superficiali destinate alla produzione di acqua potabile devono possedere i requisiti di qualità indicati nel D.lgs. 152/06, allegato 2 della parte III; il monitoraggio di tali acque è competenza dell ARPA FVG. La competenza dei controlli alle captazioni e alle utenze finali di tutte le acque destinate al consumo umano è rimasta alle Aziende per i Servizi Sanitari (ASS); i laboratori dell ARPA FVG effettuano le verifiche analitiche sui campioni che i competenti servizi delle ASS prelevano. Accanto alle acque destinate al consumo umano, i laboratori dell ARPA FVG analizzano su richiesta delle ASS, competenti sul territorio, le acque derivanti dagli impianti delle piscine. Questo tipo di controllo prevede la verifica del rispetto dei requisiti di qualità dell acqua di approvvigionamento, dell acqua di immissione in vasca e dell acqua in vasca, secondo programmi concordati, fermo restando la competenza dell Azienda Sanitaria Locale nella gestione dei relativi risultati e degli eventuali provvedimenti conseguenti. Per quanto riguarda le acque destinate al consumo umano, quest ultimo triennio conferma quanto già riportato nei precedenti rapporti sullo stato dell ambiente, cioè la tendenza del cambiamento della tipologia dei parametri richiesti dalle ASS e quindi analizzati. Rispetto ad una sostanziale costanza di richiesta di parametri di tipo batteriologico permane infatti una percentuale più bassa, diversamente dal passato, del numero di parametri di chimici di base, mentre sono aumentati quelli relativi ai microinquinanti organici ed inorganici. I campioni analizzati per anno e suddivisi per provincia sono riassunti nella tabella 1. Il numero di campioni medio di acque di piscina analizzati nel triennio è di circa 250 campioni. I parametri analizzati sono sostanzialmente rimasti invariati e si limitano a controlli di tipo microbiologico e

2 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 149 TABELLA 1. CAMPIONI ANALIZZATI PER ANNO SUDDIVISI PER PROVINCIA. Provincia GO PN TS UD Totali AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA < FIGURA 1. I PARAMETRI MICROBIOLOGICI RISULTANO ESSERE I PRINCIPALI RESPONSABILI DEGLI ESITI SFAVORE- VOLI. ESSI RAPPRESENTANO QUASI IL 60% DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI LAVORATIVI. Microbiologici Microinquinanti organici Chimici di base

3 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 150 TABELLA 2. CONCENTRAZIONI MINIME, MEDIE E MASSIME DI NITRATI NELLE CAPTAZIONI DEI PRINCIPALI ACQUEDOTTI REGIONALI. Provincia Acquedotto Comune Punto prelievo Minimo Medio Massimo (mg/l) (mg/l) (mg/l) GO Iris Cormons Pozzo n GO Iris Cormons Pozzo n GO Iris Cormons Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Farra d Isonzo Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Gorizia Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Comunale Ronchi dei Legionari Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Iris San Canzian d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n

4 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 151 Provincia Acquedotto Comune Punto prelievo Minimo Medio Massimo (mg/l) (mg/l) (mg/l) GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n GO Acegas San Pier d Isonzo Pozzo n PN Basso Livenza Azzano Decimo Pozzo n PN Brugnera Brugnera Pozzo n PN Caneva Caneva Pozzo n PN Casarsa Casarsa della Delizia Pozzo n PN Cordenons Cordenons Pozzo n PN Basso Tagliam. Cordovado Pozzo n PN Fontanafredda Fontanafredda Pozzo n PN Santissima Polcenigo Sorgente PN Comina Bassa Pordenone Pozzo Protciv PN Comina Bassa Pordenone Pozzo Fhelman PN Torre Est Pordenone Pozzo n PN Roveredo Roveredo in Piano Pozzo protciv PN Roveredo Roveredo in Piano Pozzo vecchio n PN Roveredo Roveredo in Piano Pozzo vecchio n PN Provesano San Giorgio della Richinvelda Pozzo n PN Rauscedo San Giorgio della Richinvelda Pozzo n PN Arzene San Martino al Tagliamento Pozzo n PN San Quirino San Quirino Pozzi PN Spilimbergo Spilimbergo Pozzo PN Spilimbergo Spilimbergo Pozzo m PN Spilimbergo Spilimbergo Pozzo m UD CAFC Artegna Pozzo T UD CAFC Camino al Tagliamento Pozzo T UD CAFC Gonars Pozzo T n UD CAFC Lusevera Sorgente Musi UD Poiana Manzano S. Nicolò n UD Poiana Manzano S. Nicolò n UD CAFC Palmanova Pozzo T UD AMGA Reana del Roiale S. Agnese UD CAFC Santa Maria la Longa Pozzo UD AMGA Taipana Sorgenti UD CAFC Tavagnacco Pozzi nn. 3 e UD AMGA Tricesimo Valloncello UD AMGA Udine Palamostre UD AMGA Udine Gonars UD AMGA Udine Castello AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA <

5 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 152 La distribuzione mette in evidenza la bassa concentrazione di nitrati negli acquedotti montani e pedemontani e la concentrazione decisamente più elevata negli acquedotti che servono i comuni siti nella zona udinese a cavallo della linea delle risorgive. dei parametri chimici di base. Gli esiti sfavorevoli sono principalmente dovuti ad un eccesso o un difetto di cloro e del valore del ph seguiti poi dai parametri microbiologici. Indicatore 1: Esiti sfavorevoli - campioni di acque destinate al consumo umano La percentuale dei campioni sfavorevoli di acque destinate al consumo umano si attesta negli anni attorno ad un valore del 6% dei campioni totali, con una tendenza alla diminuzione rispetto al passato (9%). I parametri batteriologici rappresentano mediamente il 60% (fig. 1) dei campioni con esito sfavorevole; i rimanenti sono dovuti principalmente a parametri di tipo chimico di base e una piccola parte a residui di erbicidi, la cui totalità è riferibile ad analisi su campioni d acqua proveniente da pozzi privati. > Indicatore 2: Distribuzione della concentrazione di nitrati nei principali acquedotti regionali La Direttiva CEE 91/676 ha messo in evidenza la problematica derivante dall inquinamento delle acque provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole. Le acque sotterranee da cui attingono principalmente i nostri acquedotti possono anche essere sottoposte a questo tipo di inquinamento. Tenere sotto controllo l andamento della concentrazione di nitrati nella captazione degli acquedotti diventa quindi di fondamentale importanza sia per quanto riguarda la salute umana, vista la specifica destinazione di queste acque, sia in attuazione a quanto prescritto dalla Direttiva CEE riguardo i programmi di controllo. Le concentrazioni minime, medie e massime dei nitrati nelle captazioni dei principali acquedotti regionali sono riportate nella tabella 2, mentre la figura 2 mostra la concentrazione di nitrati negli acquedotti regionali. La distribuzione mette in evidenza in generale la buona qualità delle acque servite dagli acquedotti (limite previsto dal D.lgs. 31/01 riguardo i nitrati è pari a 50 mg/l). In particolare, è evidente la bassa concentrazione di nitrati negli acquedotti montani e pedemontani e la concentrazione decisamente più elevata negli acquedotti che servono i comuni siti nella zona udinese a cavallo della linea delle risorgive. Indicatore 3: Distribuzione dei parametri richiesti e analizzati per provincia La diversificazione delle richieste analitiche e quindi dei parametri analizzati, nei campioni di acqua destinata al consumo umano può essere un indicatore utile per monitorare e verificare l uniformità o meno dei controlli effettuati nelle varie province. L indicatore scelto ha messo in evidenza infatti che, mentre le richieste per le analisi microbiologiche sono più o meno equamente distribuite, quella dei microinquinanti organici ed inorganici è difforme. La distribuzione mette in rilievo il tipo di controllo non omogeneo all interno delle quattro province per quanto riguarda le analisi di tipo chimico e, in particolare, relative ai microinquinanti inorganici e ad alcune classe di microinquinanti organici (fig. 3 e tab. 3). In generale, la qualità delle acque destinate al consumo umano della regione è buona e non presenta particolari rischi sanitari: il fatto che in Friuli Venezia Giulia oltre il 90% di tali acque provenga da falde sotterranee e da sorgenti, mentre solo una piccola percentuale derivi da acque superficiali risulta essere sicuramente una garanzia per il rispetto dei requisiti di qualità di cui al D.lgs. 31/01.

6 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 153 FIGURA 2. CONCENTRAZIONE DI NITRATI (mg/l) NEGLI ACQUEDOTTI REGIONALI (I DATI SONO STATI ELABORATI COME MEDIANE PER COMUNE). AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA < <lq dati non disponibili o comuni senza rete acquedottistica

7 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 154 Dal punto di vista chimico sono principalmente i pozzi privati, da cui emungono l acqua potabile le singole abitazione, insediate in comuni con assenza di rete acquedottistica, che denotano non conformità per la presenza di erbicidi. L elaborazione dei dati degli esiti sfavorevoli conferma infatti che dal punto di vista chimico sono principalmente i pozzi privati, da cui emungono l acqua potabile le singole abitazione, insediate in comuni con assenza di rete acquedottistica, che denotano non conformità per la presenza di erbicidi, quali i metaboliti dell atrazina e/o della terbutilazina. Questa realtà mette anche in evidenza la difficoltà del controllo sanitario, che risulta quasi impossibile in quanto troppo dispersivo e capillare. I piccoli acquedotti delle zone montane e pedemontane, così come nel passato, confermano la loro problematicità per quanto riguarda i rispetti dei requisiti di qualità dei parametri microbiologici. L emungimento effettuato da sorgenti a volte poco protette, il numero elevato di acquedotti per comuni e di conseguenza per popolazione servita (spesso gli acquedotti servono nuclei famigliari) e le scarse risorse economiche a disposizione per la sistemazione delle reti di distribuzione, sono quasi sempre la causa del mancato rispetto dei limiti di legge dei parametri microbiologici. Relativamente alla problematica dei nitrati, possiamo dire che, in generale, gli acquedotti regionali distribuiscono acque con concentrazioni di nitrati entro la norma (50 mg/l), ma che in alcuni comuni la concentrazione in rete supera la soglia dei 10 mg/l (valore consigliato per l infanzia). Gli andamenti nel triennio, relativi ad alcune captazioni, indicano comunque una leggera tendenza alla diminuzione. L eterogeneità di comportamento all interno del territorio regionale, rispetto alla quantità e al tipo di analisi richieste, non giustificata apparentemente da diverse problematiche presenti nei singoli territori provinciali, pone delle domande riguardo all uniformità dei controlli e al corretto utilizzo delle risorse analitiche. La continua, costante e robusta sorveglianza sanitaria sicuramente limita i rischi di diffusione di germi patogeni, prevenendo così problematiche sanitarie, soprattutto per la popolazione a rischio, migliorando l aspetto igienico/sanitario ed economico. Le tecniche analitiche sempre più accurate e precise certamente permettono di valutare meglio gli indici di eventuali inquinamenti chimici, garantendo alla popolazione una sempre maggior garanzia degli alti livelli di qualità dello stato chimico delle acque servite dai gestori degli acquedotti. Tuttavia la mancanza di acquedotti in alcune zone e la presenza di pozzi privati per ogni unità abitativa impedisce di fatto una seria verifica sanitaria. L andamento, in leggera diminuzione, della concentrazione di nitrati in alcune captazioni degli acquedotti regionali fa pensare ad una corretta valutazione ed applicazione, attraverso i Piani d Azione, della normativa sui nitrati. >

8 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI 155 FIGURA 3. DISTRIBUZIONE PERCENTUALE DEI PARAMETRI RICHIESTI E ANALIZZATI PER PROVINCIA % GO PN TS UD AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA < 20 0 FF GEN IPA MET MICRO VOCS Analisi tipo TABELLA 3. TIPO DI INQUINANTI. Abbreviazione Descrizione Tipo FF Fitosanitari (antiparassitari, fungicidi, erbicidi, ecc.) Microinquinanti organici GEN Chimici di base (ferro incluso) IPA Idrocarburi policiclici aromatici Microinquinanti organici MET Metalli (ferro escluso) Microinquinanti inorganici MICRO Microbiologici PCB Policlorobifenili Microinquinanti organici VOCS Composti organici volatili Microinquinanti organici

9 AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 156 STRUTTURA DEGLI INDICATORI INDICATORE 1 NOME Esito sfavorevole DPSIR Stato UNITÀ DI MISURA % FONTE ARPA FVG COPERTURA SPAZIALE DATI Regionale COPERTURA TEMPORALE DATI INDICATORE 2 NOME Distribuzione della concentrazione dei nitrati DPSIR Stato UNITÀ DI MISURA mg/l FONTE ARPA FVG COPERTURA SPAZIALE DATI Regionale COPERTURA TEMPORALE DATI INDICATORE 3 NOME Distribuzione dei parametri analizzati DPSIR Stato UNITÀ DI MISURA % FONTE ARPA FVG COPERTURA SPAZIALE DATI Regionale COPERTURA TEMPORALE DATI 2010 PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO D.lgs. 2 febbraio 2001, n. 31 Accordo 16 gennaio 2003 Direttiva CEE 91/676 Attuazione della Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Accordo tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio Direttiva del Consiglio relativa alla protezione delle acque all inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO CERNUSCO SUL NAVIGLIO "La situazione idrica nella nostra città" Pelosi M., Peterlongo G. CAP Gestione NORMATIVA VIGENTE ACQUE POTABILI Dal 25 dicembre 2003 é in vigore il D.Lgs. 31 del 2 febbraio 2001

Dettagli

SCARICHI ANALIZZATI. n. 83 DISTRIBUTORI CARBURANTI. n. 69. n. 11 LAVAGGI MEZZI (METEORICHE - INDUSTRIALI)

SCARICHI ANALIZZATI. n. 83 DISTRIBUTORI CARBURANTI. n. 69. n. 11 LAVAGGI MEZZI (METEORICHE - INDUSTRIALI) SCARICHI ANALIZZATI n. 8 AUTO- DEMOLIZIONI (METEORICHE) n. LAVAGGI MEZZI (INDUSTRIALI) DISTRIBUTORI CARBURANTI n. (METEORICHE - INDUSTRIALI) n. 69 Fig. SCARICHI DA DISTRIBUTORI DI CARBURANTE COMPOSIZIONE

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

L ACQUA DEL RUBINETTO

L ACQUA DEL RUBINETTO L ACQUA DEL RUBINETTO Felino, 9 maggio 2013 Dott.ssa Nadia Fontani Comuni serviti da Iren Iren eroga il servizio idrico a 18 Comuni mediante 2 895 Km di rete acquedottistica Felino Centro Zona di Langhirano

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano

Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Il controllo della qualità delle acque destinate al consumo umano assessorato.valmaggia@regione.piemonte.it Il controllo delle acque acque destinate al

Dettagli

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas Introduzione Aspetti di gestione distribuzione risorse idriche Controlli di

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di CAMPOFORMIDO Legambiente circolo Udine Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA Trieste, 26 agosto 2003 DIREZIONE E REDAZIONE: PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - TRIESTE - PIAZZA UNITÀ D ITALIA, 1 - TEL. 3773607

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza Friuli Venezia Giulia

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza Friuli Venezia Giulia 00466330305 AIELLO DEL FRIULI UD FRIULI VENEZIA GIULIA 51 1.050,92 84002950305 AMARO UD FRIULI VENEZIA GIULIA 30 364,25 84001250301 AMPEZZO UD FRIULI VENEZIA GIULIA 36 483,56 81000570937 ANDREIS PN FRIULI

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Tabelle riassuntive oneri istruttori

Tabelle riassuntive oneri istruttori Tabelle riassuntive oneri istruttori 1. Oneri istruttori Comuni della Provincia di Pordenone per scarichi rientranti in AUA. Oneri istruttori per Oneri istruttori per Oneri istruttori per Comune nuova/modifica

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE SOTTERRANEE. Davide Brandolin Baldovino Toffolutti ARPA FVG Gestione attività centralizzate di rilievo regionale

QUALITÀ DELLE ACQUE SOTTERRANEE. Davide Brandolin Baldovino Toffolutti ARPA FVG Gestione attività centralizzate di rilievo regionale QUALITÀ DELLE ACQUE SOTTERRANEE 97 QUALITÀ DELLE ACQUE SOTTERRANEE In Friuli Venezia Giulia sono stati individuati 61 corpi idrici sotterranei: in quelli dell alta pianura e in prossimità delle risorgive,

Dettagli

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA

ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Pag. 1 di 8 ANALISI ACQUA POTABILE ACQUEDOTTO DI ERBA e ALBAVILLA Premessa: La città di ERBA, dal punto di vista idrico, è suddivisa in 4 zone: - zona 1 frazione di Carpesino, Arcellasco, Crevenna, Buccinigo:

Dettagli

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali 11 Novembre 2010 Andamento della popolazione residente

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

Il monitoraggio ambientale regionale delle acque superficiali e sotterranee

Il monitoraggio ambientale regionale delle acque superficiali e sotterranee Il monitoraggio ambientale regionale delle acque superficiali e sotterranee Elena Anselmetti Santhià, 21 marzo 2014 1 DIRETTIVA 2000/60/CE Quadro per l azione comunitaria in materia di acque OBIETTIVI

Dettagli

Caratteristiche delle acque naturali

Caratteristiche delle acque naturali Caratteristiche delle acque naturali Acque meteoriche: contengono in soluzione i gas costituenti l atmosfera; non contengono generalmente sostanze solide ed organiche; risorsa quantitativamente marginale

Dettagli

INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA ENTE RICHIEDENTE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 TRIESTE TS Scuole

Dettagli

La rete di monitoraggio del Veneto

La rete di monitoraggio del Veneto La rete di monitoraggio del Veneto Flavio Trotti Elena Caldognetto ARPA VENETO Dipartimento Provinciale di Verona Giornata di studio: La radioattività nelle acque potabili ed il gemellaggio di ARPA Veneto

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino

Sara Pelligra Polo Alimenti. Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino Sara Pelligra Polo Alimenti Il controllo chimico negli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato 5 e 6 febbraio 2014 Torino 1 CONTROLLO UFFICIALE monitoraggio e sorveglianza ispezioni

Dettagli

SCENDONO I RITARDI NEI PAGAMENTI DEI COMUNI DEL NORDEST

SCENDONO I RITARDI NEI PAGAMENTI DEI COMUNI DEL NORDEST SCENDONO I RITARDI NEI PAGAMENTI DEI COMUNI DEL NORDEST Bortolussi: Non bisogna abbassare la guardia e l attenzione su questo fenomeno, poiché la mancanza di liquidità continua a mettere a dura prova la

Dettagli

La qualità dell acqua distribuita dal civico acquedotto di Brescia

La qualità dell acqua distribuita dal civico acquedotto di Brescia La qualità dell acqua distribuita dal civico acquedotto di Brescia Conferenza stampa del 28 febbraio 2014 Mario Tomasoni I PUNTI DI MONITORAGGIO DELL ACQUA DISTRIBUITA Punti di controllo totali: 26 Circoscrizione

Dettagli

2.1 Descrizione dell'area di balneazione

2.1 Descrizione dell'area di balneazione 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione Fiume Tagliamento - Localita' Cornino Cimano 4 Categoria fiume 5 Regione Friuli Venezia Giulia 6 Provincia Udine 7 Comune Forgaria nel Friuli

Dettagli

Campionati a squadre 2015 Squadre regionali che hanno acquisito il diritto a partecipare ai vari campionati a squadre

Campionati a squadre 2015 Squadre regionali che hanno acquisito il diritto a partecipare ai vari campionati a squadre Campionati a squadre 2015 Squadre regionali che hanno acquisito il diritto a partecipare ai vari campionati a squadre Serie A1 Femminile - - Serie A2 TC TRIESTINO 1a squadra TS promossa da serie B - Serie

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cuggiono

L acqua potabile nel comune di Cuggiono L acqua potabile nel comune di Cuggiono Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cuggiono, quale risulta dai controlli effettuati nel corso del

Dettagli

1. Oneri istruttori previsti dai Comuni della Provincia di Pordenone. nuova/modifica. rinnovo. scarico già autorizzazione ( ) Comune ( )

1. Oneri istruttori previsti dai Comuni della Provincia di Pordenone. nuova/modifica. rinnovo. scarico già autorizzazione ( ) Comune ( ) Tabelle riassuntive degli oneri istruttori per le autorizzazioni degli SCARICHI di ACQUE REFLUE rientranti nell Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) - DPR n. 59 del 13/06/2013 dei Comuni della Provincia

Dettagli

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne Filippo Mion RETI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLE ACQUE SAI predispone i piani di monitoraggio e raccoglie e valuta i risultati dei monitoraggi

Dettagli

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 a cura di Alessandro Franchi, ARPA - Toscana 1 Introduzione Fin dal 1997 il Gruppo di lavoro APAT-ARPA-APAT Fitofarmaci,

Dettagli

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO...

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... Piano Investimenti gestore ACQUEDOTTO POIANA SpA INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... 3 3 BENCHMARK INVESTIMENTI DEL PIANO BILANCIATO ADOTTATO... 6

Dettagli

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Dipartimento di Sanità Pubblica Unità Operativa Igiene degli Alimenti e Nutrizione RISULTATI DI OLTRE 13.500 CONTROLLI EFFETTUATI DAL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE dell AZIENDA USL di BOLOGNA SULL

Dettagli

Punto Operativo Indirizzo Città CAP Tel. Fax Prov. ABI CAB AQUILEIA VIA G. AUGUSTA 34 UDINE 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620

Punto Operativo Indirizzo Città CAP Tel. Fax Prov. ABI CAB AQUILEIA VIA G. AUGUSTA 34 UDINE 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620 AQUILEIA VIA G. AUGUSTA 34 UDINE 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620 AVIANO VIA PORDENONE 17 AVIANO 33081 0434 652600 0434 652998 PORDENONE 06340 64770 AZZANO DECIMO VIA XXV APRILE 39 AZZANO

Dettagli

Sommario Parte Prima Leggi, regolamenti e atti della Regione

Sommario Parte Prima Leggi, regolamenti e atti della Regione bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 16 maggio 2007 20 Sommario Parte Prima Leggi, regolamenti e atti della Regione Decreto del Presidente della Regione 24 aprile 2007, n.

Dettagli

Provincia di Gorizia. Centro Informagiovani via Gradenigo, 24-34073 Grado tel e fax 0431 877139 www.comune.grado.go.it info@informagiovanigrado.191.

Provincia di Gorizia. Centro Informagiovani via Gradenigo, 24-34073 Grado tel e fax 0431 877139 www.comune.grado.go.it info@informagiovanigrado.191. Provincia di Gorizia Puntogiovani via Vittorio Veneto, 7-34170 Gorizia tel e fax 0481 537089 www3.comune.gorizia.it/it/punto-giovani puntogiovani@gmail.it Centro Informagiovani via Gradenigo, 24-34073

Dettagli

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2011

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2011 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Dipartimento di Como della Lombardia Presentazione Perché un documento sulla qualità dell ambiente nella Provincia di Como? Da sempre prosperità e benessere

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

U.O.C. Servizio Interzonale Progetti, Abitabilità, Acque potabili

U.O.C. Servizio Interzonale Progetti, Abitabilità, Acque potabili Regione Lazio Azienda USL ROMA/C Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Servizio Interzonale Progetti, Abitabilità, Acque potabili Viale Castrense 5/D 00182 - Roma Anno 2012 Presentazione La Carta dei Servizi

Dettagli

TABELLE VALORI AGRICOLI 2015

TABELLE VALORI AGRICOLI 2015 COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA DI ESPROPRIO DI CUI ALL ART. 41 DEL D.P.R. 327/2001 Deliberazione Commissione Provinciale Espropri della Provincia di Pordenone n. 478 del 30/01/2015

Dettagli

Rischi Industriali Censimento Georeferenziazione

Rischi Industriali Censimento Georeferenziazione Rischi Industriali Censimento degli stabilimenti con rischio industriale elevato a livello regionale Reperimento dei dati dagli Enti e dalle strutture competenti sulla base della normativa nazionale e

Dettagli

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Dr.Fiorella Costa TREVISO 5 DICEMBRE 2007 1 Con il Decreto Legislativo 31/2001 e la DGRV 4080/2004 il panorama legislativo delle acque destinate

Dettagli

2: SUOLO INTRODUZIONE

2: SUOLO INTRODUZIONE 2: SUOLO INTRODUZIONE Con la comunicazione della Commissione Europea dal titolo Verso una strategia tematica per la protezione del suolo adottata da parte del Consiglio nel giugno 2002 si è riconosciuto

Dettagli

U.S.R.-UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PORDENONE SCUOLA PRIMARIA - POSTI VACANTI PER IMMISSSIONE IN RUOLO - ANNO SCOLASTICO 2015/16

U.S.R.-UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PORDENONE SCUOLA PRIMARIA - POSTI VACANTI PER IMMISSSIONE IN RUOLO - ANNO SCOLASTICO 2015/16 U.S.R.-UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PORDENONE SCUOLA PRIMARIA - PER IMMISSSIONE IN RUOLO - ANNO SCOLASTICO 2015/16 PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA COMUNE 31/8/2016 SCUOLA COMUNE

Dettagli

Rapporto sulla contaminazione radioattiva delle acque potabili del Veneto Anno 2009

Rapporto sulla contaminazione radioattiva delle acque potabili del Veneto Anno 2009 Rapporto sulla contaminazione radioattiva delle acque potabili del Veneto Anno 2009 Foto Servizio Acque Interne ARPAV Area Tecnico Scientifica Dipartimento Provinciale ARPAV di Verona Servizio Osservatorio

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore

L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore L acqua potabile nel comune di Cerro Maggiore Introduzione Scopo di questa relazione è descrivere la qualità dell acqua fornita dall acquedotto di Cerro Maggiore, quale risulta dai controlli effettuati

Dettagli

DISCIPLINA DEI CONTROLLI

DISCIPLINA DEI CONTROLLI LINEA GUIDA PER LA STESURA DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO DA PARTE DEL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 2906 DEL 10 DICEMBRE 2004 Approvazione di direttive

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

CONVEGNO Acqua potabile e grandi città a confronto: emergenze idriche

CONVEGNO Acqua potabile e grandi città a confronto: emergenze idriche Dipartimento Prevenzione Medico S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione CONVEGNO Acqua potabile e grandi città a confronto: emergenze idriche Linee guida ed esperienze regionali: la Liguria 30 novembre 2011

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono Biomonitoraggio dei lavoratori addetti all impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Torino Risultati sui livelli di bioaccumulo di metalli e inquinanti organici dopo un anno dall avvio dell impianto

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

I bilanci di genere negli enti locali del FVG: punti di forza e di debolezza di un nuovo processo di rendicontazione.

I bilanci di genere negli enti locali del FVG: punti di forza e di debolezza di un nuovo processo di rendicontazione. I bilanci di genere negli enti locali del FVG: punti di forza e di debolezza di un nuovo processo di rendicontazione Paolo Tomasin Alcune domande Quanto sono diffuse le pratiche di accountability delle

Dettagli

Acque di falda Indagine sulla situazione nel pordenonese

Acque di falda Indagine sulla situazione nel pordenonese ❸ AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.6 FRIULI OCCIDENTALE B O O K S E I Acque di falda Indagine sulla situazione nel pordenonese ❸ B O O K S E I Considerazioni idrogeologiche AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati

Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati Leonella Rossi Direzione Tecnica Arpa Emilia Romagna Claudio Bonifazzi Professore di Statistica e

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

DIPARTIMENTO ARPAM ASCOLI PICENO - SERVIZIO ACQUE Unità Operativa Acque Potabili e minerali

DIPARTIMENTO ARPAM ASCOLI PICENO - SERVIZIO ACQUE Unità Operativa Acque Potabili e minerali 1 DIPARTIMENTO ARPAM ASCOLI PICENO - SERVIZIO ACQUE Operativa Acque Potabili e minerali INDAGINE CONOSCITIVA a cura di S.O.S.MISSIONARIO- S.Benedetto del Tronto ed ARPAM- Ascoli Piceno SU n.21 Acque di

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RICHIESTA NULLA OSTA IGIENICO SANITARIO PER. Nuova autorizzazione sanitaria art.2 L. 283/62 e DPR 327/80 - per

SCHEDA TECNICA DI RICHIESTA NULLA OSTA IGIENICO SANITARIO PER. Nuova autorizzazione sanitaria art.2 L. 283/62 e DPR 327/80 - per REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L. N 2 Lucca AREA FUNZIONALE DELLA PREVENZIONE Ufficio Coordinamento Attività

Dettagli

LE ANALISI SULL ACQUA

LE ANALISI SULL ACQUA LE ANALISI SULL ACQUA L'acqua e i suoi composti naturali Chimicamente l acqua è una molecola composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. Durante il suo percorso attraverso il terreno e le rocce,

Dettagli

AOOUSPPN prot. n. 3129 /U Pordenone, 12 maggio 2015 e - mail. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia LORO SEDI

AOOUSPPN prot. n. 3129 /U Pordenone, 12 maggio 2015 e - mail. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia LORO SEDI AOOUSPPN prot. n. 3129 /U Pordenone, 12 maggio 2015 e - mail Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia LORO SEDI Alle OO.SS. di Categoria LORO SEDI Agli ATTI Al sito web

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

Visto il documento istruttorio concernente l'argomento in oggetto e la conseguente proposta del direttore regionale alla sanità e servizi sociali;

Visto il documento istruttorio concernente l'argomento in oggetto e la conseguente proposta del direttore regionale alla sanità e servizi sociali; Delib. G.R. 28 maggio 2003, n. 697 (1). Linee-guida vincolanti per il controllo delle acque destinate al consumo umano e la gestione delle non conformità, in attuazione del D.Lgs. n. 31/2001. ------------------------

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL'ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO

LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL'ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO allegato alla Delibera del Regione Autonoma della Sardegna 22.12.2003 n. 47/59 Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL'ACQUA

Dettagli

Direttive 2000/60 e 2006/118: monitoraggio dei fitofarmaci in Piemonte

Direttive 2000/60 e 2006/118: monitoraggio dei fitofarmaci in Piemonte 8 Convegno Nazionale FITOFARMACI E AMBIENTE Roma, 12 13 maggio 2010 Direttive 2000/60 e 2006/118: monitoraggio dei fitofarmaci in Piemonte Elio Sesia - ARPA Piemonte, Struttura Qualità delle Acque La WFD

Dettagli

Aggiornamento del piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della provincia di Pordenone anno scolastico 2015/2016

Aggiornamento del piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della provincia di Pordenone anno scolastico 2015/2016 Aggiornamento del piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche della provincia di Pordenone anno scolastico 2015/2016 L aggiornamento del piano di dimensionamento della rete scolastica provinciale

Dettagli

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a causa del bombardamento pubblicitario, che le acque

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

Fig. 25. Classi di qualità (S.E.C.A) dei corsi d acqua (stato ecologico) anno 2003.

Fig. 25. Classi di qualità (S.E.C.A) dei corsi d acqua (stato ecologico) anno 2003. Fig. 25. Classi di qualità (S.E.C.A) dei corsi d acqua (stato ecologico) anno 2003. In base ai risultati analitici rilevati nel corso del triennio 2000-2002, la Regione Lombardia con Deliberazione Regionale

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 145

Lo stato dell Ambiente in Liguria 145 La nostra Regione, pur essendo un piccolo territorio a vocazione turistica, ha anche un passato di attività industriale di rilievo; alcune zone sono definite ad alta concentrazione di attività produttive

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore Dr. Iginio Pintor LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Con il termine

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

COMUNE DI ZAVATTARELLO

COMUNE DI ZAVATTARELLO M COMUNE DI ZAVATTARELLO PROVINCIA DI PAVIA MANUALE DI ESERCIZIO E GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE 1 INDICE Premessa e richiami normativi 3 Criteri di potabilità 4 Interventi di manutenzione ordinaria

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE Dati stagione balneare 2013

RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE Dati stagione balneare 2013 RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE Dati stagione balneare 2013 Scenario di riferimento Il Ministero della Salute svolge a livello nazionale un ruolo di coordinamento per quanto riguarda

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

PROCEDURA DI ALLERTAMENTO IN CASO DI INCIDENTE CHE COMPORTI INQUINAMENTO DELLE SORGENTI ACQUEDOTTISTICHE DELL AREA TRANSFRONTALIERA ITALIA SLOVENIA

PROCEDURA DI ALLERTAMENTO IN CASO DI INCIDENTE CHE COMPORTI INQUINAMENTO DELLE SORGENTI ACQUEDOTTISTICHE DELL AREA TRANSFRONTALIERA ITALIA SLOVENIA Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia - Slovenia 2007-2013 PROCEDURA DI ALLERTAMENTO IN CASO DI INCIDENTE CHE COMPORTI INQUINAMENTO DELLE SORGENTI ACQUEDOTTISTICHE DELL AREA TRANSFRONTALIERA

Dettagli

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Giorgio Cavallo Legambiente Friuli Venezia Giulia Sedegliano 11 settembre 2009 Le biomasse forestali

Dettagli

CONSORZIO MARIO NEGRI SUD CENTRO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE E BIOMEDICHE 66030 S. MARIA IMBARO (Chieti) Italy

CONSORZIO MARIO NEGRI SUD CENTRO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE E BIOMEDICHE 66030 S. MARIA IMBARO (Chieti) Italy CONVENZIONE TRA L AGENZIA SANITARIA REGIONALE ABRUZZO E IL CONSORZIO MARIO NEGRI SUD PER LO STUDIO DEI RISCHI AMBIENTALI LEGATI ALL INQUINAMENTO DEI POZZI IDRICI DELL AREA DI COLLE SANT ANGELO - ALLEGATI

Dettagli

Marca da bollo 16,00 C H I E D E

Marca da bollo 16,00 C H I E D E CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA PUBBLICA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI ( Artt. 36 e 37 del Regolamento di Fognatura

Dettagli

Commissione provinciale per la determinazione dell indennità di esproprio di cui all art. 41 del DPR n 327.

Commissione provinciale per la determinazione dell indennità di esproprio di cui all art. 41 del DPR n 327. 2012 Commissione provinciale per la determinazione dell indennità di esproprio di cui all art. 41 del DPR 08.06.2001 n 327. ELENCAZIONE DELLE REGIONI AGRARIE E DEI COMUNI CHE LE COMPONGONO REGIONE AGRARIA

Dettagli

Tabelle riassuntive oneri istruttori

Tabelle riassuntive oneri istruttori Tabelle riassuntive oneri istruttori 1. Oneri istruttori Comuni della Provincia di Pordenone per scarichi rientranti in AUA. Oneri istruttori per Oneri istruttori per Oneri istruttori per Comune nuova/modifica

Dettagli

Tab. 1 Reddito imponibile medio per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014

Tab. 1 Reddito imponibile medio per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014 Tab. 1 Reddito imponibile per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014 n. Regione Reddito imponibile N. di contribuenti 1 Lombardia 22.970 7.080.404 2 Lazio 21.836 3.850.722 3 Emilia-Romagna 21.079 3.349.347

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. Sottoscritt nato a il residente/ con sede a Via n

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. Sottoscritt nato a il residente/ con sede a Via n CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI

La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI Tavola rotonda sul tema Proge&azione e sostenibilità dei pozzi per lo scambio termico nelle falde padane Ing. Roberto

Dettagli

ELENCO MONUMENTI suddivisi per COMUNE

ELENCO MONUMENTI suddivisi per COMUNE ELENCO MONUMENTI suddivisi per COMUNE 1 GORIZIA Capriva del Friuli 2 GO Cormons 3 GO Doberdò del Lago 4 GO Dolegna del Collio 5 GO Farra d'isonzo 6 GO Fogliano-Redipuglia 7 GO Gorizia 8 GO Grado 9 GO Gradisca

Dettagli

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA :

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : La pianificazione del fabbisogno e dell utilizzo della risorsa idrica nel PROGETTO

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli