COLLECTIONS CAPECITABINA 3 CASI CLINICI NEL CARCINOMA MAMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLECTIONS CAPECITABINA 3 CASI CLINICI NEL CARCINOMA MAMMARIO"

Transcript

1 COLLECTIONS CAPECITABINA 3 CASI CLINICI NEL CARCINOMA MAMMARIO

2 Capecitabina in combinazione con vinorelbina nel setting neoadiuvante in una paziente di 84 anni affetta da carcinoma della mammella non operabile Cristina Raimondi, Maria Sofia Rosati, Silvia Quadrini, Luciano Stumbo, Rita De Sanctis, Bruno Gori, Marisa Di Seri, UOC Oncologia A, Policlinico Umberto I, Sapienza, Università di Roma Dati del paziente Paziente di sesso femminile, 84 anni, pensionata. Menarca a 12 anni, due gravidanze, due aborti, nessun parto e menopausa a 52 anni. Fumatrice (5 sigarette/die). Ipertesa. Anamnesi e presentazione clinica La paziente giunge alla nostra osservazione nel gennaio All esame clinico si riscontra una massa neoplastica palpabile di 9 x 12 cm, che presenta aspetti infiammatori e occupa tutti i quadranti della mammella destra (Figura 1). L anamnesi patologica remota rivela, nel 1985, un carcinoma epidermoidale infiltrante della mammella sinistra (stadiazione pt2 N0 Mx, G1, stato recettoriale non noto), trattato con chirurgia e radioterapia. Iter diagnostico e terapeutico Le condizioni generali della paziente sono eccellenti, con un ECOG performance status di 0 e nessuna apparente riduzione clinicamente significativa della riserva funzionale d organo. La TC total body conferma la presenza di una massa di 7 cm con numerose aree necrotiche, senza coinvolgimento della parete toracica e con alcuni linfonodi ascellari omolaterali di natura potenzialmente tumorale Figura 1. Massa neoplastica palpabile di 9 x 12 cm, con aspetti infiammatori, occupante tutti i quadranti della mammella destra. (diametro medio di 12 mm). In considerazione del quadro clinico, con particolare riferimento alle dimensioni del tumore e agli aspetti infiammatori, si propone alla paziente un trattamento neoadiuvante, al fine di consentire la migliore rimozione chirurgica della massa neoplastica. La paziente mostra scarsa compliance al trattamento chemioterapico, dovuta al timore di eventi avversi quali alopecia, nausea e vomito e alla difficoltà nel far fronte agli accessi in day hospital richiesti per la somministrazione. Con l obiettivo di coniugare l efficacia terapeutica alle esigenze della paziente, ed escludendo regimi classici a base di antracicline per il maggior rischio di cardiotossicità correla- 6

3 to all età, nel gennaio 2007 si propone alla paziente una chemioterapia neoadiuvante con capecitabina (1000 mg/m 2 bid ai giorni 1-14) in associazione a vi- Figura 2. Mammella destra dopo 2 cicli di chemioterapia con capecitabina in associazione a vinorelbina, con somministrazione di quest ultimo farmaco posticipata al giorno 2 del ciclo rispetto allo schema di trattamento convenzionale. Figura 3. Mammella destra dopo 3 cicli di chemioterapia con capecitabina in associazione a vinorelbina con somministrazione di quest ultimo farmaco posticipata al giorno 2 del ciclo rispetto allo schema di trattamento convenzionale. norelbina (50 mg/m 2 ai giorni 2 e 9 ogni 21), entrambe som-ministrate per via orale; rispetto allo schema convenzionale, l assunzione di vinorelbina viene posticipata al secondo giorno, per una migliore gestione della terapia domiciliare. La paziente riceve 3 cicli di chemioterapia (Figure 2 e 3), che risultano nel complesso ben tollerati: l evento avverso clinicamente più rilevante è stato l insorgenza di astenia ai giorni 3 e 10, successivamente alla somministrazione di vinorelbina. Dopo il terzo ciclo di chemioterapia, una risonanza magnetica della mammella mostra una massa di 8,3 x 6,7 x 7 cm, con un area colliquativa senza enhancement contrastografico. Data la riduzione significativa della componente infiammatoria, nell aprile del 2007 la paziente viene sottoposta a mastectomia destra, con conseguente diagnosi, all esame istologico, di carcinoma duttale infiltrante pt3 N0 Mx (stadio IIB), G2, R2b, con recettori ormonali (ER e PgR) negativi, c-erb-b2 < 10% all IHC e Ki67 2%. La TC total body postchemioterapia non documenta alcuna lesione secondaria. A causa di un evento di ischemia cardiaca, successivo all intervento chirurgico e apparentemente non correlato al trattamento sistemico, nel maggio del 2007 la paziente rifiuta di ricevere una terapia adiuvante chemioterapica o radioterapica, pertanto viene invitata a ripresentarsi regolarmente per essere sottoposta a rigorose visite di follow-up. Contrariamente a quanto consigliato, i controlli successivi non sono stati eseguiti con regolarità dalla paziente, anche a causa di una successiva ospedalizzazione resasi necessaria per l impianto di un pacemaker cardiaco permanente, e hanno evidenziato una lenta progressione della malattia, compatibile con l età della paziente, che continua a rifiutare qualunque intervento terapeutico. 7

4 Discussione Gli obiettivi della chemioterapia nel setting neoadiuvante sono il downstaging della neoplasia e l aumento delle possibilità di successo di una chirurgia conservativa della mammella [1]. Capecitabina (precursore di 5-fluorouracile, somministrato per via orale) è, alla luce delle conoscenze attuali, uno dei tre agenti chemioterapici maggiormente attivi nel carcinoma della mammella, insieme con antracicline e taxani. Nel carcinoma mammario metastatico (metastatic breast cancer, MBC), capecitabina risulta efficace sia in monoterapia sia in combinazione con altri farmaci, come docetaxel e paclitaxel, in grado di inibire la depolimerizzazione dei microtubuli [2]. In particolare, uno studio di fase III, pubblicato nel 2007, ha messo a confronto la combinazione capecitabina/docetaxel (XT) con la classica combinazione adriamicina/ciclofosfamide (AC), mostrando una maggiore efficacia del regime XT rispetto ad AC in termini di incidenza di risposta completa (21% vs 10%), pur mantenendo un buon profilo di sicurezza [3]. La combinazione XT non è la sola tra quelle a base di capecitabina ad aver mostrato una promettente attività antitumorale in uno studio clinico di fase III. Molti altri studi, tra cui uno studio di fase III che prevedeva l impiego di capecitabina/epirubicina/docetaxel versus epirubicina/docetaxel, uno studio di fase III riguardante la somministrazione capecitabina/vinorelbina versus TAC (docetaxel 75 mg/m 2, adriamicina 50 mg/m 2, ciclofosfamide 500 mg/m 2 al giorno 1 ogni 21) e alcuni studi di fase II relativi a differenti regimi a base di capecitabina, hanno confermato l elevata efficacia di capecitabina nel setting neoadiuvante, nonché il suo buon profilo di sicurezza [1]. Vinorelbina (alcaloide semisintetico della vinca) rappresenta una buona opzione terapeutica nelle pazienti affette da MBC [4]. Inoltre, vinorelbina, come capecitabina, risulta ben tollerata nelle pazienti anziane [5,6]. In molti studi, la combinazione di vinorelbina con 5-fluorouracile in infusione continua ha mostrato una significativa attività antitumorale in pazienti pretrattate con antracicline e taxani con una tossicità prevalentemente ematologica (neutropenia) [7,8]. Considerando l efficacia della combinazione vinorelbina/5-fu, la sostituzione del fluoro in infusione continua con la somministrazione orale di capecitabina è risultata essere una valida alternativa nel trattamento di pazienti con MBC, con buoni presupposti teorici come il diverso meccanismo citotossico e i profili di tossicità non sovrapponibili mostrati dai due farmaci, oltre ai differenti meccanismi di resistenza messi potenzialmente in atto dalle cellule tumorali per contrastarne l attività. Il buon profilo di tossicità di capecitabina, la possibilità di una somministrazione per via orale e l effetto sinergico del farmaco in combinazione con vinorelbina hanno spinto alla valutazione clinica di questa combinazione. In un primo studio di fase I/II [9], riguardante l utilizzo di capecitabina/vinorelbina per via endovenosa in pazienti con MBC precedentemente trattate, il profilo di sicurezza di questa combinazione è risultato soddisfacente (neutropenia di grado 3 nel 26% delle pazienti e di grado 4 nel 13%; sindrome manopiede di grado 3 in un unica paziente) e una prima valutazione dell efficacia del trattamento ha fornito dati incoraggianti (ORR 59%). Il GeparTrio, studio clinico del 2005 di fase III del German Breast Group, mostra, in pazienti affette da MBC, un efficacia dello schema di trattamento XN (capecitabina 1000 mg/m 2 bid ai giorni 1-14, vinorelbina 25 mg/m 2 per via endovenosa ai giorni 1 e 8 ogni 21) pari a quella conseguibile con lo schema TAC, con un profilo di sicurezza più favorevole [10]. Nel 2006, Nolè et al. hanno pubblicato un esteso studio di fase I sulla combinazione capecitabina/vinorelbina definendone il dosaggio raccomandato (capecitabina 1250 mg/m 2 bid ai giorni 1-14, vinorelbina 22,5 mg/m 2 ai giorni 1 e 3 ogni 21), la tollerabilità (nausea, costipazione, astenia, mucosite, sindrome mano-piede di grado 1/2 come eventi avversi comuni, febbre e diarrea 8

5 di grado 4 soltanto nel 2% delle pazienti) e l efficacia (risposte obiettive nel 37% delle pazienti) [11]. Con particolare riferimento ai pazienti anziani, nel 2004 è stato pubblicato uno studio sulla combinazione capecitabina/vinorelbina in soggetti con età superiore ai 65 anni, nei quali questo schema terapeutico è risultato ben tollerato (tossicità ematologica osservata a dosi inferiori nei pazienti con coinvolgimento midollare, stomatite, diarrea e astenia moderate). L overall response rate (ORR) è stata simile a quella riportata in pazienti più giovani [12]. Nel 2006, Nolè et al. hanno inoltre pubblicato i risultati di uno studio di fase I riguardante la combinazione capecitabina/vinorelbina a somministrazione interamente orale, identificando un dosaggio raccomandato pari a 60 mg/m 2 per vinorelbina a somministrazione orale e di 2250 mg/m 2 per capecitabina [13]. La combinazione è risultata sicura, con una tossicità prevalentemente di tipo ematologico e comunque limitata: in particolare, sono stati riportati soltanto tre episodi di neutropenia febbrile. La principale tossicità non ematologica è stata a livello gastrointestinale, con un incidenza limitata di tossicità di grado 3 e nessun episodio di grado 4. Inoltre, la terapia di combinazione capecitabina/vinorelbina a somministrazione orale è risultata di facile somministrazione, priva di interazioni farmacocinetiche tra i due farmaci ed efficace (con un totale di 15 risposte parziali e 3 complete, per una RR pari al 40,9%) [13]. Lo studio di fase I del 2006 del Finnish Breast Cancer Group ha confermato, in pazienti con MBC, la buona tollerabilità della combinazione di vinorelbina alla dose di 60 mg/m 2 al giorno 1 e 8 e di capecitabina alla dose di 1000 mg/m 2 ai giorni 1-14 ogni 21, con dati confortanti in termini di risposte obiettive e di stabilità di malattia (su 19 pazienti, 7 hanno mostrato una risposta obiettiva o una stabilità di malattia per più di 6 mesi, con un clinical benefit rate del 37%) [14]. Infine, il GOIM (Gruppo Oncologico dell Italia Meridionale) ha pubblicato, nel 2006, uno studio di fase II sull utilizzo dello schema a somministrazione interamente orale VINOCAP (vinorelbina 60 mg/m 2 ai giorni 1, 3 e 8, capecitabina 2000 mg/m 2 ai giorni 2-7 e 9-16, ogni 3 settimane) in pazienti affette da MBC refrattarie ad antracicline e/o taxani, mostrando un ottimo profilo di sicurezza (su 38 pazienti, neutropenia di grado 2-3 in 7 pazienti e di grado 4 in una sola paziente, anemia di grado 2-3 in 5 pazienti e trombocitopenia di grado 3 in una sola paziente; tossicità non ematologica nella maggior parte dei casi di gravità lieve) e di efficacia (2 risposte complete, 13 risposte parziali, 14 casi di malattia stabile e una durata media della risposta pari a 7 mesi), risultati sovrapponibili agli studi effettuati sulla medesima combinazione con vinorelbina somministrata per via endovenosa [15]. Bibliografia 1. Wardley A. Capecitabine: Expanding options for the treatment of patients with early or locally advanced breast cancer. Oncologist 2006; 11 (Suppl. 1): Gelmon K, Chan A, Harbeck N. The role of capecitabine in first-line treatment for patients with metastatic breast cancer. Oncologist 2006; 11 (Suppl. 1): Lee KS, Ro J, Nam BH, et al. A randomized phase-iii trial of docetaxel/capecitabine versus doxorubicin/cyclophosphamide as primary chemotherapy for patients with stage II/III breast cancer. Breast Cancer Res Treat 2008; 109: Toi M, Saeki T, Aogi K, et al. Late phase II clinical study of vinorelbine monotherapy in advanced or recurrent breast cancer previously treated with anthracyclines and taxanes. Jpn J Clin Oncol 2005; 35: Ershler WB. Capecitabine use in geriatric oncology: an analysis of current safety, efficacy, and quality of life data. Crit Rev Oncol Hematol 2006; 58: Martín M, Ruiz A, Muñoz M, et al.; Spanish Breast Cancer Research Group (GEICAM) trial. Gemcitabine plus vinorelbine versus vinorelbine monotherapy in patients with metastatic breast cancer previously treated with anthracyclines and taxanes: final results of the phase III Spanish Breast Cancer Research Group (GEICAM) trial. Lancet Oncol 2007; 8:

6 17. Stuart NS, McIllmurray MB, Bishop JL, et al. Vinorelbine and infusional 5-fluorouracil in anthracycline and taxane pre-treated metastatic breast cancer. Clin Oncol (R Coll Radiol) 2008; 20: Razis E, Kosmidis P, Aravantinos G, et al. Second line chemotherapy with 5 fluorouracil and vinorelbine in anthracycline and taxane pretreated patients with metastatic breast cancer. Cancer Invest 2004; 22: Welt A, von Minckwitz G, Oberhoff C, et al. Phase I/II study of capecitabine and vinorelbine in pretreated patients with metastatic breast cancer. Ann Oncol 2005; 16: von Minckwitz G, Blohmer JU, Loehr A, et al. Comparison of docetaxel/doxorubicin/cyclophosphamide (TAC) vs vinorelbine/capecitabine (NX) in patients non-responding to 2 cycles of neoadjuvant TAC chemotherapy first results of the phase III GEPARTRIO- Study by the German Breast Group. 28th Annual San Antonio Breast Cancer Symposium 2005, San Antonio (TX) 11. Nolè F, Catania C, Munzone E, et al. Capecitabine/vinorelbine: an effective and well-tolerated regimen for women with pretreated advanced-stage breast cancer. Clin Breast Cancer 2006; 6: Hess D, Thuürlimann B, Pagani O, et al.; Swiss Group of Clinical Cancer Research (SAKK). Capecitabine and vinorelbine in elderly patients (> or = 65 years) with metastatic breast cancer: a phase I trial (SAKK 25/99). Ann Oncol 2004; 15: Nolè F, Catania C, Sanna G, et al. Dose-finding and pharmacokinetic study of an all-oral combination regimen of oral vinorelbine and capecitabine for patients with metastatic breast cancer. Ann Oncol 2006; 17: Kellokumpu-Lehtinen PL, Sunela K, Lehtinen I, et al. A phase I study of an all-oral combination of vinorelbine/capecitabine in patients with metastatic breast cancer previously treated with anthracyclines and/or taxanes. Clin Breast Cancer 2006; 7: Lorusso V, Spada M, Giampaglia M, et al.; Gruppo Oncologico dell Italia Meridionale. Oral vinorelbine plus capecitabine (oral vincap) combination in patients with advanced breast cancer (ABC). A phase II study of the GOIM (Gruppo Oncologico dell Italia Meridionale). Ann Oncol 2006; 17 (Suppl. 7): vii

7 3 Trattamento con capecitabina in paziente anziana affetta da neoplasia della mammella localmente avanzata: riduzione degli accessi in ospedale e della sintomatologia dolorosa Pasquale Razionale, Day Hospital Interdivisionale Oncologico, Ospedale di Cuggiono, Cuggiono (MI) Dati del paziente Paziente di sesso femminile, 84 anni. Pensionata, casalinga, vive sola. Anamnesi e presentazione clinica L anamnesi oncologica familiare risulta negativa. La paziente si presenta a una prima visita nel gennaio 2007 dopo aver subito, nel giugno 2006, un intervento di biopsia chirurgica, seguita da esame istologico che ha evidenziato un carcinoma lobulare infiltrante G2, con ER 95% e PgR 0%. Dal luglio 2006 assume pertanto exemestano in compresse, al dosaggio di 25 mg/die. L evoluzione clinica della malattia nel corso del tempo e i trattamenti adottati sono riassunti nella Tabella 1. La paziente è autosufficiente e presenta un ECOG performance status pari a 1. Al momento della visita lamenta una sintomatologia dolorosa spontanea all emitorace omolaterale; all esame obiettivo si nota un ampia lesione proliferativa, del diametro maggiore di 7,5 cm, fissa sui piani profondi e rilevata (esuberante dal piano cutaneo di almeno 1,5 cm), facilmente sanguinante e con abbondante secrezione siero-emorragica che necessita di sostituzione della medicazione più volte nella giornata (Figura 1). Non sono presenti altre comorbilità. Tabella 1. Evoluzione clinica della malattia nel corso del tempo e trattamenti adottati Trattamento Evoluzione clinica Giugno 2006 Carcinoma lobulare infiltrante G2, ER 95%, PgR 0% Luglio 2006 Gennaio 2007 Febbraio 2007 Aprile 2007 Giugno 2007 Novembre 2007 Gennaio 2008 Exemestano 25 mg/die Capecitabina 1250 mg bid per 14 giorni ogni 21 giorni + fulvestrant 250 mg im ogni 28 giorni Ampia lesione proliferativa sanguinante e secernente. Sintomatologia dolorosa spontanea. Ca 15.3 pari a 54 UI/ml Secrezione assente. Riduzione nell assunzione di FANS Lesione quasi piana, non sanguinante. Assunzione di FANS al bisogno. Ca 15.3 nella norma Lesione depressa pseudocicatriziale. Assenza di sintomatologia dolorosa Stabilità della malattia 11

8 3 Iter diagnostico e terapeutico Si procede a indagini di stadiazione tramite l esecuzione di un ecografia addominale, una radiografia del torace e una scintigrafia ossea, tutte risultate nella norma. Il valore del marcatore Ca 15.3 si presenta lievemente al di sopra dei range di normalità (54 UI/ml). In considerazione dei risultati ottenuti somministrando capecitabina in monoterapia in soggetti anziani affetti da neopla- Figura 1. Mammella sinistra con evidente lesione proliferativa, del diametro maggiore di 7,5 cm, fissa sui piani profondi e rilevata dal sia avanzata della mammella piano cutaneo di almeno 1,5 cm, facilmente sanguinante e con abbondante secrezione siero-emorragica. (lo studio registrativo ha mostrato una sopravvivenza mediana superiore a 1 anno) [1], della buona tollerabilità prospettabile e della volontà della paziente di ridurre al minimo gli accessi in ospedale, nel febbraio 2007 si inizia un trattamento per via orale con capecitabina, al dosaggio di 2500 mg/m 2 diviso in due somministrazioni (mattino e sera) per 14 giorni ogni 21. In associazione si somministra fulvestrant, in sostituzione al trattamento ormonale, al dosaggio di 250 mg ogni 28 giorni tramite iniezione intramuscolare. Dopo 2 cicli di trattamento la lesione non si presenta più secernente: la paziente sostituisce la medicazione a giorni alterni ed esegue un controllo a frequenza settimanale. Risulta inoltre diminuita l assunzione di FANS. Nel giugno 2007, dopo 4 cicli di terapia, la lesione si presenta quasi piana, non sanguinante, il consumo di analgesici si rende necessario solo sporadicamente e i valori di Ca 15.3 risultano nella norma. Dopo 10 cicli di terapia, l esame obiettivo permette di rilevare un area depressa a fondo fibrinoso, non dolente (Figura 2); la paziente viene quindi invitata a sostituire la medicazione 2 volte la settimana e a presentarsi ai controlli soltanto periodicamente. La paziente non riferisce sintomatologia dolorosa di altro tipo e non viene riportata tossicità ematologica, gastroenterica o cutanea correlata al trattamento. A gennaio 2008, la malattia si presenta stabile. Figura 2. Mammella sinistra con evidente area depressa a fondo fibrinoso non dolente. 12

9 3 Discussione Le opzioni terapeutiche nel trattamento della neoplasia localmente avanzata della mammella sono oggi molteplici. Nel caso in esame, dal momento che non sussisteva la possibilità di sottoporre la paziente a un intervento chirurgico radicale, la scelta è stata guidata dalla volontà della paziente, anziana e alla prima esperienza di patologia di tale rilievo, di limitare il numero di accessi e il tempo da trascorrere in ospedale, di evitare di essere sottoposta a cicli di infusione e di vedere alleviati i disturbi derivanti dalla neoplasia mantenendo al minimo il rischio di tossicità della terapia [2-4]. Nel corso del caso clinico qui presentato, il trattamento con capecitabina ha determinato una cospicua riduzione volumetrica della lesione tumorale, delle secrezioni e delle emorragie correlate, che rappresentavano i sintomi di maggior disturbo per la paziente. Capecitabina ha inoltre giocato un ruolo importante sulla soppressione della sintomatologia dolorosa, permettendo quindi di diminuire progressivamente l assunzione di analgesici, e sulla progressione della malattia. Altrettanto buono si è dimostrato il profilo di sicurezza del farmaco, che non è risultato associato a fenomeni di tossicità di rilievo [3]. Bibliografia 1. Bajetta E, Procopio G, Celio L, et al. Safety and efficacy of two different doses of capecitabine in the treatment of advanced breast cancer in older women. J Clin Oncol 2005; 23: Crivellari D, Aapro M, Leonard R, et al. Breast cancer in the elderly. J Clin Oncol May 10, 2007; 25: Biganzoli L, Martin M, Twelves C. Moving forward with capecitabine: a glimpse of the future. Oncologist 2003; 8: Liu G, Franssen E, Fitch MI, Warner E. Patient preferences for oral versus intravenous palliative chemotherapy. J Clin Oncol 1997; 15:

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato.

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Dott. Castellari Sigerio Specialista in Oncologia Generale Radiologia e Terapia Fisica Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Sintesi

Dettagli

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Campo obbligatorio ai fini dell'eleggibilità Campo obbligatorio ABRAXAN (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Abraxane in associazione con gemcitabina è indicato per il trattamento di prima linea

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO-

CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO- 11 11 Corso di aggiornamento in Oncologia e Ematologia CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO- Dott.ssa Silvia Sanguineti Sestri Levante, 18 maggio 2013 CASO CLINICO Donna di 41 anni alla diagnosi

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia Codice Interno Definizione Fase PDTA Significato Denominatore Numeratore Formula Matematica Valore di Riferimento Fonti dati BC obj1 Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANGILERI MARIA GRAZIA Data di nascita 17/05/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC Caso clinico: triple positive Alberto Fumagalli Anno di nascita 1952 A.P.R.: ipertensione arteriosa in trattamento con beta-bloccante. Gennaio 1989 Biopsia

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO

Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO Innovazioni tecnologiche ed applicazioni nel trattamento radioterapico dei tumori mammari: CASO CLINICO O. Lora, F. Gregucci, A. Negri* U.O. di Radioterapia e Medicina Nucleare *U.O. Di Fisica Sanitaria

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

MTC nel paziente oncologico

MTC nel paziente oncologico MTC nel paziente oncologico U.O Medicina Oncologica Ospedale di Carpi Giorgia Razzini La legge della domanda e dell offerta (1) L utilizzo delle Medicine Non Convenzionali subisce un incremento del 30%

Dettagli

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici?

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Carlo Greco Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico di Roma - Via Álvaro del Portillo, 21-00128

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

ATTUALITA NELL IMAGING

ATTUALITA NELL IMAGING IL CARCINOMA DELLA MAMMELLA A.I.O.M. Sierra Silvana, 24 Maggio 2003 ATTUALITA NELL IMAGING Stefania Di Carlo Studio Radiologico Viterbo - Di Carlo,Castellana Grotte 1 Il tumore della mammella è diventato

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto La Radioterapia post-mastectomia nel carcinoma della mammella Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto LA RADIOTERAPIA POST-MASTECTOMIA I QUESITI perchè in quali pazienti sempre dopo chemioterapia

Dettagli

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE UNA STRANA MASSA ADDOMINALE Uomo di 50 anni Altezza 1,70m Peso 88 kg Professione impiegato Coniugato Due figli Anamnesi patologica remota 1997 Ernioplastica ombelicale Obesita Ipertensione arteriosa bolderline

Dettagli

Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato

Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato G. Margani, R. Carnuccio, L. Maran, A. Paccagnella, R. Merenda, E. Ancona per il Gruppo Multidisciplinare Oncologico

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA

TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA EPIDEMIOLOGIA In Europa il tumore dello stomaco è la 5 neoplasia più frequente nella popolazione femminile e maschile

Dettagli

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore IL TUMORE AL SENO Il tumore della mammella è caratterizzato dalla crescita non controllata di cellule che subiscono modificazioni rispetto alle cellule che originano nelle ghiandole dove avviene la produzione

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo 1 STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab Sinossi del protocollo Titolo Protocollo: Studio di fase II con doxorubicina liposomiale più ciclofosfamide in associazione a trastuzumab,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Probabilità nella Popolazione Generale Carcinoma mammario 11% Carcinoma dell ovaio 0.7% PERCHE UNA CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA?

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 05/06/2013 e 23/11/2012 Decisione: farmaco inserito con nota Nota ufficiale: con compilazione della scheda di monitoraggio regionale fd CARATTERISTICHE

Dettagli

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA?

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? Informazioni sui percorsi di trattamento chirurgico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto

Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto, etichettatura e foglio illustrativo presentati dall Agenzia europea per i medicinali 6 Conclusioni

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

EVEROLIMUS - AFINITOR

EVEROLIMUS - AFINITOR giunta regionale Allegato D al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/10 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED EVEROLIMUS - AFINITOR Indicazione in esame: Everolimus

Dettagli

Osservazioni su Report di un caso di ADK POLMONARE con metastasi linfonodali,, epatiche ed ossee

Osservazioni su Report di un caso di ADK POLMONARE con metastasi linfonodali,, epatiche ed ossee Osservazioni su Report di un caso di ADK POLMONARE con metastasi linfonodali,, epatiche ed ossee dott. Mauro Madarena Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini (Roma) Paziente di sesso maschile, anni 52,

Dettagli

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Sara De Dosso Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Gruppo Interesse Oncologia Ticinese 20 novembre 2014 Outline Capecitabina, (S1) Regorafenib Sunitinib

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Commento a cura di Francesco Facciolo

Commento a cura di Francesco Facciolo Lee M. Krug, Harvey I. Pass, Valerie W. Rusch, Hedy L. Kindler, David J. Sugarbaker, Kenneth E. Rosenzweig, Raja Flores, Joseph S. Friedberg, Katherine Pisters, Matthew Monberg, Coleman K. Obasaju, and

Dettagli

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1 Carcinoma esofageo 1 Anatomia 2 scaricato da www.sunhope.it 1 3 Epidemiologia ed Eziologia 4 scaricato da www.sunhope.it 2 Epidemiologia ed Eziologia Costituisce il 50% di tutta la patologia d organo 7%

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia)

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Documento PTR n.99 Raccomandazioni d'uso Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Bevacizumab Direzione Generale alla Sanità e alle Politiche Sociali Raccomandazioni d uso n. 5/2010 Rev. luglio

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Nab-paclitaxel nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 40 Febbraio

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Trattamenti preoperatori. Claudia Nisi

Trattamenti preoperatori. Claudia Nisi Trattamenti preoperatori Claudia Nisi Caso clinico Donna di 49 anni, PS 0, nessuna comorbidità, dubbia allergia ad ASA. Sett 14 comparsa di macroematuria cistoscopia: Agevole introduzione del cistoscopio

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz LA NEOPLASIA Una competizione costante di aggiornamento contro la storia naturale di una patologia inesorabile Fattore tempo Latenza clinica: da 8 a 16 anni a seconda del tipo

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli