OBIETTIVI DELLA LEZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVI DELLA LEZIONE"

Transcript

1 sono necessari per visualizzare quest'immagine. QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) (Fondi POR Sardegna , Asse II - Misura Azione 2.3.b) SEMINARI INNOVASPETTACOLO MONIT SEMINARIO 1 IL FUND RAISING NELLE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO Cagliari, Oristano, febbraio 2008 Massimo Coen Cagli Fondatore di Direttore di OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. comprendere il significato del fund raising e le conseguenze di una sua applicazione nel contesto organizzativo degli enti locali e di quelli privati 2. Definire l'insieme delle attività di studio, analisi, progettazione e implementazione di un piano strategico di fund raising 3. Acquisire conoscenze di base sui mercati di riferimento del fund raising e sulle principali modalità tecniche di raccolta.

2 SI FA GIA' FUND RAISING PER LO SPETTACOLO SPONSORIZZAZIONI Festival della Letteratura di Mantova Sant Arcangelo dei teatri INVESTIMENTI SOCIALI Accademia Santa Cecilia di Roma FILANTROPISMO DI IMPRESA Energia per la cultura DONAZIONI INDIVIDUALI Associazione Amici del Teatro del Maggio Fiorentino Filofestival Mantova Fondazione Teatri di Reggio Emilia FUND RAISING E CULTURA PUNTI DI FORZA/1 L attenzione del pubblico verso la cultura, e la costante crescita della domanda culturale in Italia. Il dinamismo degli enti locali nel campo della cultura che in modo crescente investono programmi e risorse nello sviluppo di attività culturali innovando, seppure parzialmente, la propria cultura gestionale Una grande fertilità del settore non profit e sociale dove operano non meno di organizzazioni culturali, artistiche, ecc. che esprimono una progettualità in grado di innovare costantemente l offerta culturale

3 FUND RAISING E CULTURA PUNTI DI FORZA/2 Il farsi strada in modo prepotente di una cultura della responsabilità sociale di impresa che tende, seppure in modo dialettico, a dare uno spazio nuovo alla cultura in quanto fattore di sviluppo della comunità e non solo come bene elitario Un moderato rilancio di politiche di incentivazione ad investimenti nel campo della cultura (defiscalizzazione delle donazioni, nuove fonti di finanziamento quali il 5 per mille, ecc.) L affermarsi nella opinione pubblica di una titolarità e di una legittimazione sociale degli enti culturali a fare fund raising (se non altro come risposta alla crisi economica del welfare) FUND RAISING E CULTURA CRITICITA /1 La mancanza di un politica pubblica di sensibilizzazione, promozione, incentivazione del fund raising per la cultura (se da un lato lo stato taglia drasticamente gli investimenti per la cultura dall altro non fa nulla per creare un ambiente favorevole che faciliti l accesso ai fondi privati da parte degli enti culturali) La mancanza di una mentalità e di una cultura imprenditoriale moderna nella gestione degli enti culturali, soprattutto nei gruppi dirigenti La enorme frammentazione degli enti che sono in larga parte piccoli e piccolissimi (il settore delle organizzazioni non profit così come quello degli enti pubblici per il 90% è costituito da piccoli enti,) con conseguente difficoltà di accesso ai mercati rilevanti delle sponsorizzazioni

4 FUND RAISING E CULTURA CRITICITA /2 La ancora scarsa rilevanza conferita alla cultura nei programmi di responsabilità sociale di impresa in Italia L ingombrante presenza - nel mercato dei fondi privati per la cultura - del patrimonio monumentale, che attrae la maggioranza dei finanziamenti a scapito di progetti e attività culturali, anche come conseguenza di una vecchia cultura del mecenatismo (restauro monumenti, finanziamento ad istituti ed enti per la loro esistenza e non per i loro progetti, ecc.). FUND RAISING E SOSTENIBILITA DELLA CULTURA QUALE E IL RUOLO DEL FUND RAISING NELLE STRATEGIE ECONOMICHE? IL CASO DI UN FESTIVAL IL SOSTEGNO DELLE ATTIVITA (ARTISTI E OPERE DA FRUIRE) MERCATO PUBBLICO FINANZA DERIVATA ATTUAZIONE POLITICHE MERCATO PRIVATO PAGAMENTO SERVIZI COMUNIC. PUBBLICITA ORG.NE CULTURALE BOTTEGHINO BENE/ SERVIZIO MERCATO INDIVIDUI

5 FUND RAISING E SOSTENIBILITA DELLA CULTURA QUALE E IL RUOLO DEL FUND RAISING NELLE STRATEGIE ECONOMICHE? IL CASO DI UN FESTIVAL IL SOSTEGNO DELLA MISSION (CULTURA PER I BAMBINI, PROMO- ZIONE TERRITORIO, SPETTACOLO DI QUALITA PER LA COMUNITA ) MERCATO PUBBLICO FINANZA STRAORDIN. SVILUPPO MERCATO PRIVATO INVESTIMENT. SOCIALE OPPORTUN. SVILUPPO ORG.NE CULTURALE SOSTEGNO LIBERALE SODDISFAZ. BISOGNI MERCATO INDIVIDUI FUND RAISING E SOSTENIBILITA DELLA CULTURA DUE LIVELLI: LA MISSIONE E IL SERVIZIO (EVENTO, O ALTRO) DUE VALORI: SOCIALE (PLUS-VALORE) E COMMERCIALE O DI SERVIZIO QUALE E L IDENTITA ECONOMICA DEL VOSTRO ENTE? E COME SI PUO RAPPORTARE CON I 3 MERCATI? MERCATO PUBBLICO MERCATO PRIVATO ORG.NE CULTURALE MERCATO INDIVIDUI

6 IL RUOLO STRATEGICO DEL FUND RAISING IL FUND RAISING E LEGATO AL PLUS VALORE DELLE ATTIVITA QUINDI BISOGNA FAR VEDERE IL PLUS VALORE E SE NON C E MERCATO BISOGNA CREARLO PUBBLICO PER APRIRE NUOVI MERCATI OTTENERE DI PIU DAI VECCHI MERCATI MERCATO PRIVATO CON NUOVI SCAMBI ORG.NE CULTURALE MERCATO INDIVIDUI IL RUOLO STRATEGICO DEL FUND RAISING COSA SCAMBIAMO CON I TRE INTERLOCUTORI? VALORI SOCIALI VALORI ECONOMICI VALORI POLITICI VALORI RELAZIONALI SODDISFAZIONE DI BISOGNI E DESIDERI Integrazione sociale Sviluppo del capitale cognitivo Marketing territoriale Opportunità commerciali Qualificazione delle politiche pubbliche Aumento del capitale sociale Gestione degli stakeholders Crescita personale Gestione tempo libero Acculturazione/formazione

7 LA SFIDA DEL FUND RAISING PER LA CULTURA Porre al centro del finanziamento la propria mission sociale piuttosto che le semplici iniziative Essere in grado di produrre valore aggiunto (in termini sociali) della cultura (e del singolo spettacolo) che giustifichi il ricorso a fonti di finanziamento diverse da quelle pubbliche (in genere legate ai costi di gestione o di realizzazione delle iniziative e fondate sulle risorse raccolte attraverso il sistema fiscale) Essere in grado di produrre impatti sociali, culturali ed economici positivi sulla comunità che rappresenta per i finanziatori privati e i donatori individuali il vero ritorno atteso Essere in grado di lavorare in partnership costruendo sistemi di relazioni e collaborazioni tra pubblico, privato e non profit Aprirsi ad una cultura manageriale moderna orientata all investimento e allo sviluppo piuttosto che alla mera gestione dell esistente. L'EVOLUZIONE DEL FUND RAISING CARITA E FILANTROPISMO MARKETING ORIENTED INVESTIMENTI SOCIALI MINIMALISTA MASSIMALISTA STRATEGICO CENTRATO SUL DONATORE CENTRATO SULLE TECNICHE CENTRATO SULLA MISSION

8 DEFINIZIONE DI FUND RAISING IL FUND RAISING E' UNA ATTIVITÁ STRATEGICA DI REPERIMENTO DI RISORSE FINANZIARIE VOLTA A GARANTIRE NEL TEMPO LA SOSTENIBILITÁ DI UNA CAUSA SOCIALE (PROGETTO) E DELLA AZIONE COLLETTIVA ORGANIZZATA NECESSARIA A PERSEGUIRLA, E A PROMUOVERE IL SUO SVILUPPO COSTANTE AFFERMANDO LA PROPRIA IDENTITÁ ( VERITA ) SOCIALE VERSO UNA MOLTEPLICITA' DI INTERLOCUTORI TRE TIPOLOGIE DI FUND RAISING PER GLI ENTI CULTURALI Finanziare Servizi e strutture (es: una compagnia teatrale, uno stabile,ecc.) Sostenere Singoli progetti, iniziative ed eventi (non solo tradizionali ma anche innovativi) Investire attraverso Partnership Pubblico-Privato-Non profit (es: Festival periodico, Distretto Culturale o Sistema di Teatri, ecc.)

9 IL CICLO DEL FUND RAISING VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI ESITI MESSA IN OPERA 6 5 AVVIO DEL FUND RAISING (start up) REVISIONE DEL CICLO 7 PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE 3 ANALISI DELL AMBIENTE COSTRUIRE IL PROPRIO MODELLO DI FUND RAISING LE FASI DEL FUND RAISING AVVIO DEL 1 - AVVIO DEL FUND FUND RAISING 1 (start up) RAISING ("START UP") VALUTAZIONE E GESTIONE REVISIONE DEL CICLO definizione del case statement individuazione DEGLI ESITI e 6 superamento degli ostacoli e delle resistenze interne coinvolgimento dell'organizzazione (dirigenza, MESSA staff, volontari) IN OPERA 5 7 PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 4 2 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE 3 ANALISI DELL AMBIENTE COSTRUIRE IL PROPRIO MODELLO DI FUND RAISING

10 LE FASI DEL FUND RAISING VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI ESITI MESSA IN OPERA AVVIO DEL FUND RAISING (start up) REVISIONE DEL CICLO 2 - ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE 6 analisi della composizione dei fondi PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 2 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE SWOT (Strenght, Weakness, Opportunity, Threats) analisys 3 ANALISI DELL AMBIENTE COSTRUIRE IL PROPRIO MODELLO DI FUND RAISING LE FASI DEL FUND RAISING AVVIO DEL FUND RAISING 1 (start up) 3 - ANALISI DELL'AMBIENTE SWOT e PEST (Political, 7 Sociological, Economical e Technological) analisys 6 analisi dei soggetti e dei mercati pubblici e privati VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI ESITI definizione della costituency e metodo LAI (Linkage, Ability, Interest) 5 MESSA IN OPERA REVISIONE DEL CICLO PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 4 2 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE 3 ANALISI DELL AMBIENTE COSTRUIRE IL PROPRIO MODELLO DI FUND RAISING

11 LE FASI DEL FUND RAISING AVVIO DEL FUND RAISING (start up) 1 VALUTAZIONE E GESTIONE REVISIONE DEL CICLO 4 - PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE definizione DEGLI ESITI del piano 6 di fund raising progettazione delle singole attività scelta degli strumenti di raccolta MESSA fondi (contatto IN OPERA diretto, mailing, sponsorizzazioni, 5 convenzioni, ecc.) piano di comunicazione 7 PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 4 2 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE 3 ANALISI DELL AMBIENTE LE FASI DEL FUND RAISING AVVIO DEL FUND RAISING (start up) 5 - MESSA IN OPERA formazione dello staff 7 monitoraggio e management 6 internalizzazione/esternalizzazione dei servizi di fund raising VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI ESITI REVISIONE DEL CICLO gestione degli aspetti MESSA finanziari, contabili e IN OPERA fiscali PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 2 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE 3 ANALISI DELL AMBIENTE

12 LE FASI DEL FUND RAISING 6 - VALUTAZIONE E AVVIO DEL FUND RAISING 1 GESTIONE DEGLI (start up) ESITI valutazione economica CICLO 7 valutazione del potenziale VALUTAZIONE E REVISIONE DEL GESTIONE Fidelizzazione DEGLI ESITI 6 rinnovo e incremento 2 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE MESSA IN OPERA 5 3 ANALISI DELL AMBIENTE PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 4 LE FASI DEL FUND RAISING AVVIO DEL FUND RAISING (start up) 1 VALUTAZIONE E GESTIONE DEGLI ESITI MESSA IN OPERA REVISIONE DEL CICLO 7 REVISIONE DEL CICLO la valutazione complessiva 2 di ANALISI DELLA un ciclo di fund ORGANIZZAZIONE raising dà luogo anche alla revisione di alcuni suoi presupposti, revisione che coincide con l'inizio di un nuovo ciclo 3 ANALISI DELL AMBIENTE PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE 4

13 MERCATI 3 - Il punto critico: ad ognuno il suo modello di fund raising NON ESISTE UN UNICO MODELLO DI FUND RAISING MA DIFFERENTI MODELLI, BASATI SULLE CARATTERISTICHE DI UNA ORGANIZZAZIONEE DEI MERCATI AI QUALI FA RIFERIMENTO IN ALTRI TERMINI: SE LA TUA ORGANIZZAZIONE NON ASSOMIGLIA AL TEATRO LA SCALA O AL FAI NON DEVI ADOTTARE IL LORO MODELLO 3 - Il punto critico: ad ognuno il suo modello di fund raising costruire la propria strategia di sostenibilità Fare una strategia di fund raising vuol dire analizzare le proprie caratteristiche e quelle dei mercati di riferimento per disegnare il proprio modello di sostenibilità Forma Attività Ambito di impegno Cultura organizzativa. ORGANIZZAZIONE a partire dalle sue risorse chiave STRATEGIA Regole Cultura sociale Consuetudini Mode..

14 FUND RAISING PER LA CULTURA UN BISOGNO COMPLESSO: - COSTRUIRE STRUTTURE - SOSTENERE INTERVENTI - TROVARE RISORSE AGGIUNTIVE AL BOTTEGHINO - FAVORIRE ACCESSO ALLA CULTURA - FAR NASCERE NUOVI TALENTI - POLITICHE DI SVILUPPO LOCALE (MARKWTING TERRITORIALE) - CREARE COESIONE SOCIALE - NON E PENSABILE UNA SOLA FONTE DI FINANZIAMENTO E UN SOLO TIPO DI FUND RAISING DIVERSI MERCATI Non dipendere da una sola fonte di finanziamento Operare verso differenti mercati e con differenti modalità Ogni organizzazione ha il suo funding mix CITTADINI Quote per servizi Donazioni Quote associative Lasciti AZIENDE Sponsorizzazioni In danaro In servizi Donazioni Investimenti sociali Partnership Compartecipazione Joint venture FONDAZIONI BANCARIE Grant Finanziamento progetti FONDI PUBBLICI Progetti Convenzioni Patrimonio

15 LE 5 REGOLE D ORO PER AVERE SUCCESSO Per fare fund raising, chiedere soldi e la cosa più importante, ma è l ultima cosa da fare. Prima bisogna creare le condizioni giuste 1. RACCOGLIERE CONSENSO SULLA MISSIONE E SUL PROGETTO 2. CREARE E COLTIVARE RELAZIONI SOCIALI, UMANE, ISTITUZIONALI CON I NOSTRI POTENZIALI DONATORI 3. COMUNICARE E SENSIBILIZZARE: DIFFONDERE UNA NUOVA CULTURA DEL FILANTROPISMO 4. INVESTIRE SULLA CONOSCENZA E SULLA PROFESSIONALITA 5. FARE IL PRIMO PASSO, COMUNQUE SIA CREARE CONSENSO SULLA MISSIONE I nostri donatori possono capire la nostra causa e la possono condividere. Più la causa è condivisa, più le donazioni sono alte e durature nel tempo, perché si aderisce ad un progetto che diventa comune Più la donazione è fatta solo come gesto caritatevole o mera opportunità commerciale più è occasionale

16 CREARE RELAZIONI Per una organizzazione avere un capitale di relazioni vuol dire avere un il patrimonio di conoscenze, rapporti sociali, umani e di lavoro e il clima di fiducia nei suoi confronti che le permette di svilupparsi e di svolgere le proprie attività. Il capitale sociale oggi vale più del capitale economico Le donazioni viaggiano su canali relazionali: senza relazione non c è donazione La rete dei nostri dirigenti, volontari, operatori, ecc. è la base per creare una grande rete sociale di consenso attivo INVESTIRE IN PROFESSIONALITA E CONOSCENZA Siamo nella società della conoscenza. Per avere successo bisogna conoscere. Dobbiamo conoscere e praticare la professionalità (non si può fare tutto in casa soprattutto se dobbiamo raccolgiere moti soldi) Dobbiamo conoscere i nostri donatori e le loro motivazioni a donare Dobbiamo conoscere i differenti mercati - perché si fanno le sponsorizzazioni? - perché le fondazioni danno soldi? - perché i cittadini danno soldi? Chi conosce queste risposte, vince!

17 FARE IL PRIMO PASSO Se pensiamo a quanto è grande il nostro obiettivo di fund raising, ci accorgiamo che la nostra strada è molto lunga e difficile. Ma come si fa a fare un percorso di 100 km? Qualunque sia la risposta, la verità è che si parte facendo il primo passo. Quindi: - organizzarsi (fare un gruppo di raccolta fondi) - prendere sul serio l obiettivo con ottimismo e fiducia - non perdere tempo in chiacchiere: raccogliere soldi è la cosa più importante per la nostra causa. Altrimenti è meglio che ci mettiamo a fare qualcos altro CENTRALITA DELLO STATEMENT: ELEMENTI ESSENZIALI DELLA BUONA CAUSA VISION (è il modo di vedere la realtà; il p.d.v. generale; ma anche come la org.ne si vede nel futuro. La visione illumina la buona causa) MISSION (traguardo, causa generale di una organizzazione, fine ultimo) OBIETTIVI STRATEGICI (relativi a un piano di azione su larga scala e indispensabili per raggiungere la mission) OBIETTIVI OPERATIVI OBIETTIVI OPERATIVI (relativi a scelte tattiche o solamente di tipo tecnico e necessari a mettere in opera le strategie)

18 I TRE INTERROGATIVI DELLA BUONA CAUSA CHI DOBBIAMO/VOGLIAMO SERVIRE O SODDISFARE? COSA (QUALI BISOGNI, ESIGENZE, DOMANDE,...) DOBBIAMO/VOGLIAMO SODDISFARE? COME (CON QUALI MODALITA' TECNICHE) DOBBIAMO/VOGLIAMO SODDISFARE QUESTI BISOGNI, ESIGENZE, DOMANDE,...? I TRE FATTORI DI SUCCESSO DELLA BUONA CAUSA FATTIBILE (REALISTICA, I CUI OBIETTIVI APPAIONO RAGIONEVOLMENTE RAGGIUNGIBILI) DISTINTIVA (CHE HA ELEMENTI DI ACCENTUATA DISTINZIONE DALLE ALTRE BUONE CAUSE) MOTIVANTE (CHE SPINGE A MOBILITARSI, A FARE UN ATTO DI DONAZIONE, OSSIA CHE HA UN IMPATTO IN QUANTO DIMOSTRA CHE E' URGENTE O NECESSARIO FARE QUALCOSA PER... )

19 INDICE TIPO DEL CASE STATEMENT BUONA CAUSA (MISSION, OBIETTIVI STRATEGICI E OPERATIVI) CONTESTO O QUADRO DI RIFERIMENTO ATTIVITA' STRUTTURAGRAMMA-ORGANIGRAMMA DESTINATARI DELLE ATTIVITA' FABBISOGNO (TECNICO, FINANZIARIO, ORGANIZZATIVO, DI PERSONALE, ECC.) CURRICULUM (STORIA, INIZIATIVE SVOLTE, SUCCESSI OTTENUTI, ECC.) SISTEMI DI VERIFICA DELLA QUALITA' MODALITA' DI REPERIMENTO E UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE PROCEDURE PER LA MESSA A PUNTO DEL CASE STATEMENT 1 - RACCOLTA DI MATERIALE dal quale trarre informazioni, dati, elementi della identità dell'organizzazione (materiale di propaganda e di presentazione, interviste ai dirigenti, articoli e servizi giornalistici che parlano della organizzazione, ecc.) 2 - ANALISI DEL MATERIALE RACCOLTO 3 - BRAINSTORMING riflessione sui dati e loro elaborazione, coinvolgendo dirigenti, fund raiser, consulenti, volontari, ecc. 4 - REDAZIONE DI UN TESTO INTERMEDIO 5 - TEST-VERIFICA DEL CASE STATEMENT verso dirigenti, operatori, interlocutori, pubblico generalizzato 6 - MESSA A PUNTO 7 - REDAZIONE DI UN TESTO BASE funzionale alla comunicazione

20 6 - LA GOVERNANCE DEL FUND RAISING DIREZIONE Cogenza istituzionale Autorità Strategie Decisioni Relazioni istituzionali STAFF Operatività Strutture organizzative Risorse umane Tecnologie.. AMBIENTE ESTERNO Risorse economiche per le cause sociali Istanze e bisogni sociali Consenso Capitale sociale LA GOVERNANCE DEL FUND RAISING Comitato di raccolta fondi Presidente Consiglio di Amministrazione Fundraiser Volontari e Soci della organizzazione Interlocutori finanziari della Organizzazione (aziende, fondazioni, Pubbl. Amministrazione, ecc.) Soggetti intermediari (Capitale sociale della organizzazione)

21 6 - LA GOVERNANCE DEL FUND RAISING Comitato di raccolta fondi Presidente Consiglio di Amministrazione Fundraiser Volontari e Soci della organizzazione Interlocutori finanziari della Organizzazione (aziende, fondazioni, Pubbl. Amministrazione, ecc.) Soggetti intermediari (Capitale sociale della organizzazione).. Scopo: Coinvolgere soggetti chiave sia all interno che all esterno della organizzazione Aumentare il capitale sociale Creare un ambiente favorevole Moltiplicare le opportunità Condividere le responsabilità sul fund raising Aumentare le conoscenze e i kno-how ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE LE ACQUISIZIONI, Che cosa ha ottenuto l organizzazione per i suoi interlocutori (beneficiari; utenti, soci, partner, ecc.) In quale stato di sviluppo si trova l organizzazione Quale è il suo ruolo attuale nel contesto sociale LE POLITICHE, I programmi strategici relativi agli ambiti e ai temi propri LE ATTIVITÀ, L EVENTO I servizi erogati, le iniziative svolte, i beni prodotti e scambiati con gli interlocutori -Programma -Contenuti (tematici e spettacolari) -Spazi/Luoghi I PUBBLICI Utenti, clienti (spettatori), beneficiari, sostenitori, volontari, dirigenti, consulenti, fornitori tutti coloro che sono in relazione con la organizzazione IL SISTEMA DI COMUNICAZIONE Messaggio, mezzi/canali, destinantari, ecc. POSIZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Bilanci, crediti/debiti, costi/ricavi,

22 ANALISI DELLA ORGANIZZAZIONE LE RISORSE UMANE E PROFESSIONALI, Quantità, qualità, competenze, capacità, motivazioni LE RISORSE TECNICHE E ORGANIZZATIVE, Macchinari, sedi; strutture, software, mezzi e strumenti di comunicazione, strutture e categorie di management LE CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI, Statuto, assetto giuridico, LE CONFLITTUALITÀ, Conflitti interni edesterni tra cutlrue, posizioni politiche, professionalità, ecc. FUND RAISING E MARKETING Quantità e qualità di strumenti e attività già avviati CULTURA ORGANIZZAZIONE Fund raising, imprenditività, innovazione tecnologica, management, cooperazione, governance. ecc. AREE DI INDAGINE DELL'AMBIENTE ESTERNO I MERCATI I PUBBLICI pubblici portatori di risorse pubblici "regolatori" pubblici "intermediari" pubblici "consumatori LA COMPETIZIONE concorrenza rispetto ai beni e ai servizi concorrenza rispetto al fund raising e ai mercati concorrenza geografica IL MACROAMBIENTE i trend socio-demografici, gli stili di vita e le abitudini i ruoli sociali, i trend economici e tecnologici i trend politici, la cultura, le idee e i valori

23 MERCATO DEI FONDI PRIVATI 1 LE CD SPONSORIZZAZIONI SONO IN CRESCITA (1,5 MLD di euro nel 2004) SOPRATTUTTO NEL SETTORE DELL UTILITA SOCIALE (+3%). IL SETTORE CULTURA NON CRESCE MA E ELEVATO (CIRCA MIL. EURO) 2 LE LIBERALITA DELLE AZIENDE AMMONTANO NEL 2003 A 300 MIL. DI EURO (SOLO IL 25% DEL TOTALE DEFISCALIZZABILE) 3 IL NUMERO DELLE AZIENDE CHE INVESTE IN RESPONSABILITA SOCIALE SALE (70%) E LA MEDIA DI INVESTIMENTO ANNUO PER AZIENDA E IN CRESCITA ( euro) Cultura ancora troppo marginale ma in crescita Cultura/Sviluppo locale sociale ed economico 4 ANCHE LE PMI FANNO RESPONSABILITA SOCIALE MERCATO DEI FONDI PRIVATI 5 DECISION MAKING COMPLESSO MA PIU' RAPIDO DI QUELLO PUBBLICO 6 LE AZIENDE DA BANCOMAT A PARTNER DELLE INIZIATIVE 7 REQUISITI ESSENZIALI Capacita' di analisi dei soggetti Capacita' progettuale e impatto sulla realtà Propensione alla comunicazione sociale e pubblica Lavoro in partnership con le aziende

24 MERCATO DELLE DONAZIONI 1 SEMBREREBBE ESSERE UN MERCATO IN LENTA E COSTANTE CRESCITA VALUTABILE INTORNO A 1,3 MLD DI EURO 2 RAPIDA OBSOLESCENZA DEI MEZZI DI RACCOLTA, SOPRATTUTO DEL MAILING, DELLE CAMPAGNE SULLA STAMPA E DEGLI EVENTI SETTACOLARI E SPORTIVI 3 STRATEGIE DI MANTENIMENTO PIU' CHE DI INCREMENTO DI DONATORI 4 UNA NUOVA PROSPETTIVA: IL FUND RAISING VIA INTERNET 5 REQUISITI ESSENZIALI Conoscenza del profilo sociodemografico dei donatori e delle motivazioni a donare Capacità di contatto diretto e personalizzato Predisposizione alla comunicazione interpersonale e alla informazione La riconoscibilità della organizzazione (sia in ambito nazionale che locale) Conoscenze informatiche e apertura alla innovazione tecnologica 6 LE AGEVOLAZIONI FISCALI POTREBBERO INCREMENTARE IL MERCATO MERCATO DELLE FONDAZIONI BANCARIE NEL 2005 LE FONDAZIONI HANNO EROGATO milioni di euro CON UN INCREMENTO DEL 10% RISPETTO AL 2004 I SETTORI NEI QUALI LE FONDAZIONI SONO PRESENTI IN MAGGIOR NUMERO SONO: ARTE (TUTTE LE 88 FONDAZIONI) ATTIVITA E BENI CULTURALI E VOLONTARIATO (TUTTE LE 88 FONDAZIONI) FILANTROPIA E BENEFICENZA (TUTTE LE 88 FONDAZIONI) EDUCAZIONE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE (85) SALUTE PUBBLICA (77) RICERCA (61) ASSISTENZA SOCIALE (67)

25 MERCATO DELLE FONDAZIONI BANCARIE I BENEFICIARI SOGGETTI PRIVATI 59,1% di cui: Associazioni (16,6%) Fondazioni (11,1%) Organizzazioni di volontariato (10,7%) Cooperative sociali (2,0%) Altri organismi privati (19,3%) SOGGETTI PUBBLICI 40,9% di cui: Enti locali (23,2%) Enti pubblici non territoriali -includono Scuole, Università, Strutture sanitarie, Istituti di accoglienza e beneficenza, ecc.- (15,5%) Amministrazioni pubbliche centrali (1,6%) MERCATO DELLE FONDAZIONI BANCARIE 420 mil investiti interventi Conservazione e restauro 155 Sostegno a produzioni artistiche 93,7 (+25% su 2004) Musei e arti visive 52,4 Biblioteche, archivi ed editoria 7,6

26 MERCATO DELLE FONDAZIONI BANCARIE 5 - COME ANALIZZARE I MERCATI DOMANDA E OFFERTA contenuti entità totale e delle singole transazioni LE REGOLE DEI MERCATI Formali Informali I SOGGETTI collettivi struttura/organico economia/budget programmi/politiche bisogni (in termini di mktg) l agenda (urgenze) le consuetudini sul mercato le regole/leggi il potere interno i legami (network) individuali (donatori/clienti) legami (network) aspetti anagrafici-geografici aspetti sociografici aspetti motivazionali soggettivi aspetti motivazionali sociali-relazionali i bisogni (in termini di scambio) disponibilità economica willingness to pay (donate)

27 ANALISI DEI MERCATI: LE MODALITA DI FUND RAISING PRIVATO E FILANTORPIA (PERSONE GIURIDICHE) Aziende Grandi donazioni Piccole donazioni occasionali Fornitura di servizi e di personale volontario Sponsorizzazioni, CRM Finanziamento su progetto Prelievo alla fonte Vendita di servizi alla azienda Fondazioni Piccoli contributi a pioggia Grant (patrocinio con contributo) Gara su bando Investimenti (Joint venture) INDIVIDUI (PERSONE FISICHE) Donazioni Direct mailing Contatto diretto Telemarketing Internet ing Campagne sui mass media Eventi Quote associative Lasciti e testamenti Lotterie e simili Vendita beni e servizi Tariffe per servizi erogati al pubblico Vendita diretta di beni al pubblico (negozio, azienda) Vendita beni prodotti collaterali al fine istituzionale (editoria, ANALISI DEI PUBBLICI COSA SONO GLI STAKEHOLDERS TUTTI I SOGGETTI INDIVIDUALI, COLLETTIVI E SOCIALI CHE, A DIVERSI LIVELLI E PER DIVERSI MOTIVI, SONO COINVOLTI NELL ATTIVITÀ DELL ORGANIZZAZIONE, COMPRESE ANCHE LE PERSONE E I GRUPPI CHE NON INTRATTENGONO RAPPORTI DI SCAMBIO DIRETTI CON L ORGANIZZAZIONE

28 Portatori di risorse (donatori, sponsors, fornitori, volontari, dipendenti ) Regolatori (organi legislativi, amministrativi, fisco ) TIPOLOGIA DI PUBBLICI Intermediari (media, reti commerciali e di professionisti..) Consumatori (utenti e fruitori diretti e indiretti) IDENTIFICAZIONE DEGLI STAKEHOLDERS - CHIAVE Capacità finanziaria Basso Alto Basso Alto Interesse

29 ALCUNE REGOLE GENERALI PER LA DEFINIZIONE DEI TARGET DEL FUND RAISING INDIVIDUARE IL TARGET - SEGMENTARE I PUBBLICI VALUTARE IL POTENZIALE DI FUND RAISING DEI PUBBLICI LEGAME CON L ORGANIZZAZIONE O CON I SOGGETTI CHE VI OPERANO (FAMILIARE, SOCIALE, PROFESSIONALE, HANNO BENEFICIATO DEI SERVIZI, ECC.,) INTERESSE (GRADO DI COINVOLGIMENTO E CONSENSO) VERSO LA CAUSA DISPONIBILITÀ FINANZIARIA CHE PERMETTA DONAZIONI DI DIVERSA ENTITÀ ALCUNE REGOLE GENERALI DEL PIANO DI FUND RAISING STUDIARE LE MOTIVAZIONI DEL TARGET (PERCHE' DOVREBBERO SOSTENERCI?) PER COSA SI DANNO SOLDI PERCHE' SI DANNO SOLDI INDIVIDUARE LO SCAMBIO COSTI E BENEFICI ADOTTARE UN APPROCCIO DI MARKETING PUBBLICI PRODOTTO PREZZO DISTRIBUZIONE PROMOZIONE

30 RELATIONSHIP FUND RAISING: IL POTERE DEI NETWORK ORG AMB RELATIONSHIP FUND RAISING: IL POTERE DEI NETWORK?????? AMB RELIGIONE PROFESSIONE ORG LAVORO POLITICA HOBBY/ TEMPO LIBERO FAMIGLIA

31 PROMUOVERE E GESTIRE LE DONAZIONI 1 - PER COSA CHIEDERE LEGAME CON LA MISSION STRATEGIA E PIANO ECONOMICO 2 - A CHI CHIEDERE? SOCI O DONATORI GIA AQUISITI PERSONE SIMILI AI SOCI E AI DONATORI NUOVE PERSONE QUALI TARGET? (LISTE CALDE, LISTE FREDDE) 3 - COSA SCAMBIARE COSTI E BENEFICI MATERIALI E IMMATERIALI 4 - COME CHIEDERE CON QUALE MODALITA E MEZZO ARRIVARE AL TARGET 5- QUANTO CHIEDERE QUANTO VALE LA MIA BUONA CAUSA ATTENZIONE AL RAPPORTO COSTO/RICAVI IL MINIMO / VARIE ENTITA 6 - IL MESSAGGIO FORMALIZZARE LA NOSTRA PROPOSTA PREPARARE IL MATERIALE 8 - FARE UN TEST STRATEGIE E OBIETTIVI ECONOMICI QUALI STRATEGIE? ACQUISIZIONE, ESPANSIONE,FIDELIZZAZIONE,VALORIZZAZIONE PER QUALI OBIETTIVI? - GARANTIRE UN FONDO DI BASE PER LE ATTIVITA - VARARE NUOVI PROGETTI/INIZIATIVE - AIUTARE IL BOTTEGHINO - SOSTENERE LE STRUTTURE (RESTAURO, ACQUISIZIONE,.)

32 LA PIRAMIDE DEI DONATORI - freddo/caldo + LASCITI E PATRIMONIO GRANDI DONAZIONI PICCOLE DONAZIONI PIANIFICATE RINNOVO E INCREMENTO + entità donazione - PRIMA DONAZIONE/QUOTA ASSOCIATIVA LE TECNICHE DI RACCOLTA DONAZIONI E SOSTEGNI PER LA CULTURA Quote associative Campagne di massa (straordinarie) MODALITA Direct mailing Contatto diretto Telemarketing Internet ing Campagne di massa Eventi Lasciti e testamenti Lotterie e simili

33 10.2 ASSOCIAZIONE AMICI DI PUNTI DI FORZA CREARE UN PARCO STABILE DI DONATORI/SOSTENITORI L ADESIONE ALLA CAUSA SOCIALE COINCIDE CON IL BENEFICIO MATERIALE MASSIMA EFFICACIA DEL SISTEMA DI RELAZIONI MISURAZIONE ESATTA DEI RISULTATI PUNTI DI DEBOLEZZA ELEVATO IMPEGNO DI PERSONALE E STRUTTURE TEMPI DI RITORNO DEGLI INVESTIMENTI MEDIO-LUNGHI CONCORRENZA CON ALTRE ORGANIZZAZIONI NELLO STESSO TERRITORIO NECESSITA DI UNA MENTALITA IMPRENDITICVA E UNA CULTURA DEL MARKETING STRATEGIA ECONOMICA IN PRATICA FONDAZIONE DEL TEATRO XY - 3 mil anno Piano economico Finanziamento pubblico 50% Botteghino 30% Sponsor 15% Donazioni 5% = Donatori platinum x 5 = Donatori gold x10 = Donatori sempl x50 = Totale

34 I TARGET LISTE CALDE (CHI HA GIA UN CONTATTO CON NOI) - PUBBLICHE RELAZIONI - BENEFICIARI/CLIENTI - BENEFICIARI INDIRETTI - SPONSOR - FORNITORI - LISTE FREDDE -LEGAME POTENZIALE (LE NOSTRE AGENDINE) -INTERESSE ALLA CAUSA E ALLE ATTIVITA -DISPONIBILITA ECONOMICA/VANTAGGIO ECONOMICO -PERSONE SIMILI ALLE LISTE CALDE COSA SCAMBIAMO BENEFICI MATERIALI (FACILMENTE MONETIZZABILI) -Sconto sul prezzo dei biglietti -Accesso ai locali del teatro -Serata di gala -Viaggi culturali -Accesso alla biblioteca -Gadget -. BENEFICI IMMATERIALI (DIFFICILMENTE MONETIZZABILI) -Appartenenza sociale -Autostima -Altruismo (ad esempio sostenere giovani talenti) -Sviluppo sociale/culturale (dotazione di livello di una biblioteca) -Immagine -

35 LE PRINCIPALI MODALITÀ DIRETTE redemp. Rischi cond. Success. Punti di raccolta/sollecitazioni - + personale Lettera investimento econom Appello telefonico - + personale Eventi di fund raising + + organizz. Qualità spett. Riunioni + - personale e Cap. Soc. Vendita gadget + + Qualità prodotto INDIRETTE Sito internet -- - comunicaz. (n. visite) Campagne su mass media -- + nome e comunicaz. SMS + - nome e comunicaz. Bussolotti - - cap. soc. e nome Network fund raising ++ - cap. soc. Cause related marketing + + azienda partner, nome 10.1 GLI ASPETTI-CHIAVE DELLA LETTERA 1) I BISOGNI CHE INTENDIAMO SODDISFARE, GLI OBIETTIVI E LE AZIONI 2) CHI SIAMO, COSA FACCIAMO, LE NOSTRE CREDENZIALI 3) IL BUDGET 4) LA LUNGHEZZA DELLA LETTERA 5) IL TIPO DI LINGUAGGIO

36 10.1 IL DIRECT MAILING - OPERAZIONI 1) INDIVIDUARE I DESTINATARI GIUSTI liste calde liste fredde 2) PREDISPORRE GLI INDIRIZZARI il data base e gli items-chiave 3) DEFINIRE IL MESSAGGIO individuare i temi su cui incentrare la richiesta sviluppare il concept scegliere il tipo di comunicazione (rassicurante, aggressiva ) Preparare gli strumenti di comunicazione (lettere, brochure, ecc.) 4) DEFINIRE GLI ELEMENTI E LA FORMA DELL ADESIONE lettera o depliant conto corrente per il versamento coupon per la risposta (richiesta informazioni, segnalazione nuovi nominativi) busta 10.1 IL DIRECT MAILING - OPERAZIONI 5) DEFINIRE GLI ASPETTI ECONOMICI diverse entita di donazione diverse fasce di donatori (amico, sostenitore, onorario) modalità di versamento condizioni dello scambio (abbonamento al notiziario, tessera, gadget) 6) CALCOLARE I COSTI E I RICAVI costo totali e unitari breack even point (costi totali/entità media della donazione) redemption (bep/numero invii) 7) PREPARARE UN TEST DI VERIFICA definizione degli obiettivi (controllo della percentuale di ritorni, dell entità media della donazione, dell efficacia della richiesta) analisi delle risposte elaborazione di eventuali aggiustamenti

Il fund raising capacità di elaborare strategie di sostenibilità e di attivare una organizzazione nel fare raccolta fondi

Il fund raising capacità di elaborare strategie di sostenibilità e di attivare una organizzazione nel fare raccolta fondi CONVEGNO: LA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Il fund raising capacità di elaborare strategie di sostenibilità e di attivare una organizzazione nel fare raccolta fondi Massimo Coen Cagli Fondatore Direttore

Dettagli

Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING. Roma, 28 settembre 2011. gyfranzone per netzer 2011. Tutti i diritti sono riservati.

Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING. Roma, 28 settembre 2011. gyfranzone per netzer 2011. Tutti i diritti sono riservati. Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING Roma, 28 settembre 2011 Che cosa non è il fund raising Il fund raising non è un modo organizzato, efficiente e trendy di gestire la carità. (H. A. Rosso

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

Il fundraising per le biblioteche - Venezia 26 marzo 2015

Il fundraising per le biblioteche - Venezia 26 marzo 2015 60 61 62 63 64 65 66 67 68 68 69 69 70 TEM PO AZI EN DE O R GANI ZZ AZI ON E ANNO 0 GENNAIO - APRILE ANNO 0 MAGGIO- AGOSTO ANNO 0 SETTEMBRE - DICEMBRE Elaborazione delle linee guida di investimento. Elaborazione

Dettagli

COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO. Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di

COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO. Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di LA QUESTIONE DI FONDO 1 Oggi non vi insegno trucchi e neanche vi insegno precisamente cosa dovete

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse

FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA. Fiscalità italiana: poche idee e ben confuse FARE FUND RAISING IN BIBLIOTECA La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela e valorizza il patrimonio storico e artistico della nazione. (Art. 9 della

Dettagli

Fundraising: una storia di odio e amore

Fundraising: una storia di odio e amore Fundraising: una storia di odio e amore Le persone donano ad altre persone, non a organizzazioni o nemmeno a delle cause. Il fundraising è un affare che riguarda le persone. Ma cos è il fundraising?

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Il fundraiser questo s(conosciuto)

Il fundraiser questo s(conosciuto) ABBIAMO IL PALLINO PER IL FUNDRAISING Il fundraiser questo s(conosciuto) Chi è, cosa fa, quali strumenti utilizza, con chi si relaziona e quali obiettivi ha questa figura professionale complessa e specializzata

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati Gianluca Comin 25 febbraio 2015 Quando parliamo di settore cultura,

Dettagli

Il punto di riferimento del personal fundraising italiano

Il punto di riferimento del personal fundraising italiano Il punto di riferimento del personal fundraising italiano Indice e Chi siamo Come funziona Il Personal Fundraising I vantaggi Gli eventi Contatti pg. 3 pg. 4 pg. 6 pg. 7 pg. 8 pg. 9 3 vuole offrire ad

Dettagli

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali Edizione 10 ottobre 2008 2007 Ciclo Evoluzione ACEF Riproduzione degli studi vietata professionali - Tutti i diritti settimo riservati anno - MARKETING 1 Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Dettagli

INDICE. Parte prima - fundraising: una per le biblioteche

INDICE. Parte prima - fundraising: una per le biblioteche INDICE Introduzione 13 Prefazione di Giovanni Di Domenico 17 Parte prima - fundraising: una per le biblioteche IL FUNDRAISING: DA TECNICA DI RACCOLTA FONDI A ECONOMIA DEL WELFARE DI COMUNITA 23 1.1 Che

Dettagli

costruiamo consenso perchè in it alia si inizia a parlare di Fundraising politico? PiccoLo FEstiVaL DELLa PoLitica, 3 DICEMBRE 2015 2

costruiamo consenso perchè in it alia si inizia a parlare di Fundraising politico? PiccoLo FEstiVaL DELLa PoLitica, 3 DICEMBRE 2015 2 costruiamo costruiamo Fundraising politico e comunicazione digitale la sfida della relazione marina ripoli 3 dicembre 2015 piccolo festival della politica 1 costruiamo PERCHè IN ITALIA SI INIZIA A PARLARE

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015 Le indagini dell IID ASSIF 17 giugno 2015 PERCHE IID INIZIA A FARE INDAGINI? Per rispondere ad una serie di domande da parte di attori diversi Da parte del non profit (associati e non) Da parte dei donatori

Dettagli

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Cos è l Art Bonus Ai sensi dell'art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83 e s.m.i., è stato introdotto un credito d'imposta

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTO INVIATO AL GRUPPO 3 La cooperazione italiana può distinguersi nel panorama internazionale se valorizza le proprie

Dettagli

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS

Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Intervento di Natascia Astolfi Responsabile Area Fund Raising MBS Mi permetto di cominciare la mia relazione con una provocazione: una frase di Einstein Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi

Dettagli

Presentazione Perché i donatori investono?

Presentazione Perché i donatori investono? Presentazione Il fund raising è il carburante che alimenta il motore delle aziende nonprofit, permettendo loro di raggiungere la mission. Tuttavia, rappresenta soltanto un mezzo, non un fine. Il fine è

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Gli strumenti per il Fundraising Udine 6 Dicembre 2013

Gli strumenti per il Fundraising Udine 6 Dicembre 2013 www.npsolutions.it info@npsolutions.it Gli strumenti per il Fundraising Udine 6 Dicembre 2013 1 Simone Giarratana e Leonardo Fusini 3 Avviamo un servizio di Fundrasing 4 Gli strumenti per il Fund Raising

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO FUNDRAISING

CORSO DI PERFEZIONAMENTO FUNDRAISING CORSO DI PERFEZIONAMENTO Anno Accademico 2014-2015 FUNDRAISING in partnership con DIREZIONE: Massimo Coen Cagli, Stefania Cosci COMITATO SCIENTIFICO: Folco Cimagalli; Luigino Bruni; Giovanni Moro; Gregorio

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2014

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2014 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2014 AREA 2 FORMAZIONE TECNICO-MANAGERIALE IRECOOP UMBRIA Ente di formazione professionale di CONFCOOPERATIVE UMBRIA 0 INDICE DEI CORSI A CATALOGO COMUNICAZIONE EFFICACE.....

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

Portafoglio. prodotti

Portafoglio. prodotti Portafoglio prodotti 2015 Introduzione La crisi ha profondamente modificato la società: oggi non siamo più in un paese di benessere in cui il volontariato si occupava di alcune nicchie di svantaggio e

Dettagli

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche Paola Dubini Di che cosa parleremo Alcune premesse L individuazione delle funzioni obiettivo La configurazione dei processi e le scelte di presidio

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING CREARE OPPORTUNITÀ PER COMPETERE Oggi le imprese di qualsiasi settore e dimensione devono saper affrontare, singolarmente o in rete, sfide impegnative sia

Dettagli

Si scrive Unadieta.It ma si legge uno stile di vita italiano. Alimentazione - Fitness - Salute - Wellness - Food

Si scrive Unadieta.It ma si legge uno stile di vita italiano. Alimentazione - Fitness - Salute - Wellness - Food 1 Alimentazione - Fitness - Salute - Wellness - Food Crescere insieme lavorando in maniera coordinata e condivisa, per migliorare la qualità della vita nelle nostre città Regala alla tua azienda la giusta

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

buoni motivi per diventare

buoni motivi per diventare buoni motivi per diventare CHI SIAMO Symbolic: da più di 10 anni protagonista della Network Security Symbolic è una azienda focalizzata nell'ambito della Network Security. Da oltre 10 anni, e tra i primi

Dettagli

Hai mai pensato di diventare

Hai mai pensato di diventare Hai mai pensato di diventare Collegati al sito WWW.TU-WELFARE.IT/DITUTTI Compila il modulo di manifestazione di interesse e inviaci il tuo curriculum Attendi l invito all incontro di presentazione del

Dettagli

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa.

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa. SAPERE DONARE Insieme 2010 Regolamento 1. OBIETTIVI: Sapere Donare è un progetto della Fondazione CRT nato per sostenere e promuovere la cultura della donazione. L avvio del progetto nel 2005 è consistito

Dettagli

Comunicazione e Marketing. per il Fund Raising

Comunicazione e Marketing. per il Fund Raising Comunicazione e Marketing per il Programma Il marchio e il posizionamento nel non profit Confronto tra comunicazione profit e non profit L immagine coordinata Il piano operativo Comunicazione interna ed

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

info@ghineawebsolutions.it www.ghineawebsolutions.it T+39 0574 757134 F +39 0574 027820

info@ghineawebsolutions.it www.ghineawebsolutions.it T+39 0574 757134 F +39 0574 027820 info@ghineawebsolutions.it www.ghineawebsolutions.it T+39 0574 757134 F +39 0574 027820 Anche il sito più bello del mondo serve a poco se nessuno lo visita. Gli utenti danno una grande importanza alla

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

qui Deutschland Via Piave, 41-o - 24068 Seriate (Bergamo) Tel. 035 19969 163 Cell. 331 741 8242 www.qui-deutschland.com info@qui-deutschland.

qui Deutschland Via Piave, 41-o - 24068 Seriate (Bergamo) Tel. 035 19969 163 Cell. 331 741 8242 www.qui-deutschland.com info@qui-deutschland. Chi siamo La vostra forza nei mercati di lingua tedesca Ogni mercato deve essere gestito in modo diverso, per questo Vi aiutiamo a vendere con successo i Vostri prodotti nel mercato tedesco, curando tutti

Dettagli

Indicazioni sul Fund Raising. 20 novembre 2009

Indicazioni sul Fund Raising. 20 novembre 2009 . Indicazioni sul Fund Raising 20 novembre 2009 PREMESSA Questo breve documento è finalizzato a tracciare un quadro indicativo delle opportunità di finanziamento a disposizione delle odv, tenendo presente

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA 2016 PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA LA FORMAZIONE...Una formazione che accolga la persona nella sua unicità ed unitarietà, formazione di uomini e donne solidali, una

Dettagli

Le fondamenta della tua pagina di raccolta fondi

Le fondamenta della tua pagina di raccolta fondi Le fondamenta della tua pagina di raccolta fondi 1. Racconta la tua storia Raccogliere fondi è molto di più che chiedere denaro. Hai bisogno di condividere la tua storia personale e di comunicare alle

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

È TEMPO DI CREARE UN CAPOLAVORO

È TEMPO DI CREARE UN CAPOLAVORO È TEMPO DI CREARE UN CAPOLAVORO TIMERAISER. COS È? Un asta su opere d arte con un inversione di ruoli: le offerte non sono fatte in denaro ma in ore di tempo da dedicare a un organizzazione non profit.

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Manager degli Eventi dello Spettacolo

Manager degli Eventi dello Spettacolo Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CORSO A CATALOGO 2011 Manager degli Eventi dello Spettacolo Corsi di specializzazione

Dettagli

Doniamo un futuro alla nostra Comunità

Doniamo un futuro alla nostra Comunità Doniamo un futuro alla nostra Comunità La Fondazione Comunitaria Nord Milano è un intermediario filantropico che opera sul territorio per migliorare la qualità della vita della propria Comunità; rendere

Dettagli

Specializzati in micro, piccole e medie imprese

Specializzati in micro, piccole e medie imprese Specializzati in micro, piccole e medie imprese PRESENTAZIONE Chi siamo Siamo una società di consulenza con una consolidata esperienza in ambito finanziario e gestionale. Siamo professionisti qualificati

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010)

RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO. (Ricerca completata in data 01/12/2010) 1 RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING POLITICO IN ITALIA, STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO (Ricerca completata in data 01/12/2010) di Raffaele Picilli con la collaborazione di Flavio Giordano

Dettagli

Raccolta fondi e 5xmille. Venerdì, 29 maggio 2009

Raccolta fondi e 5xmille. Venerdì, 29 maggio 2009 Raccolta fondi e 5xmille Venerdì, 29 maggio 2009 Che cos'è un evento speciale E' quello strumento di fund raising che rafforza l'immagine dell'organizzazione nella comunità. Gli eventi speciali possono

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

MARKETING Il piano di marketing

MARKETING Il piano di marketing Università degli studi di Macerata Facoltà di Scienze della comunicazione MARKETING Il piano di marketing Prof. Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Blythe, Fondamenti di marketing, cap. 10 1 Cos è,

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

Piano attività di comunicazione e raccolta fondi per il 2014

Piano attività di comunicazione e raccolta fondi per il 2014 Piano attività di comunicazione e raccolta fondi per il 2014 1 Attività per Comunicazione Sito - Come sostenere Nel 2014, è previsto un ulteriore promozione delle voci Regali solidali e Bomboniere solidali,

Dettagli

MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015

MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015 Fundraising per la cultura MARIANNA MARTINONI Bologna, 26 maggio 2015 1 DI COSA PARLEREMO OGGI? Fundraising e crowfundingsostenitori/ Donatori/Prospects Processo di col+vazione del donatore Comunicazione

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Face to Face Marketing Comunicazione Eventi - Fundraising Ricerchiamo Location per la promozione della Vostra Causa Vi aiutiamo

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT ORATORI E CIRCOLI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT (a cura della Segreteria Nazionale) La raccolta fondi Dopo il periodo iniziale della loro vita in cui l entusiasmo dei fondatori e dei volontari

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

START CUP LAZIO 2011

START CUP LAZIO 2011 START CUP LAZIO 2011 COMPETIZIONE LOCALE CONNESSA AL WORKING CAPITAL - PNI 2011 PREMIO NAZIONALE PER L INNOVAZIONE AVVISO Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Il Concorso è una competizione tra progetti

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 EUGENIO VANDA General Manager Un'organizzazione è un gruppo di persone formalmente unite per raggiungere uno o più obiettivi comuni che

Dettagli

Strumenti e strategie per un «5x1000» di successo di Armanda Salvucci e Massimo Coen Cagli

Strumenti e strategie per un «5x1000» di successo di Armanda Salvucci e Massimo Coen Cagli Strumenti e strategie per un «5x1000» di successo di Armanda Salvucci e Massimo Coen Cagli L appromento Il «5x1000» rappresenta uno strumento di fund raising da cui anche le piccole e medie organizzazioni,

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING COMMERCIALE

IL PIANO DI MARKETING COMMERCIALE per aspera ad astra (superando le difficoltà si arriva alle stelle) IL PIANO DI MARKETING COMMERCIALE moduli operativi di formazione www.studiomaggiolo.it info@studiomaggiolo.it via Mons. D. Comboni, 3

Dettagli

Il donatore: un amico, una garanzia, il futuro..se condiviso

Il donatore: un amico, una garanzia, il futuro..se condiviso Il donatore: un amico, una garanzia, il futuro..se condiviso A cura di Beatrice Lentati Past Presdient ASSIF Associazione Italiana Fundraiser 1 La raccolta di fondi non riguarda il denaro ma le persone

Dettagli

STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT. La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato

STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT. La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato Tanti buoni motivi per scegliere il non profit - Soddisfare il consumo critico: - l'82%

Dettagli