NATURA E CAUSE SVILUPPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NATURA E CAUSE SVILUPPO"

Transcript

1 NATURA E CAUSE SVILUPPO 1) Natura del cambiamento? Quantitativa -> graduale cambiamento nel tempo -> COMPORTAMENTISMO: b. è organismo plasmato da esperienze e apprendimento Qualitativa -> comparsa di nuove capacità o trasformazione di capacità presenti -> TEORIE ORGANISMICHE (Piaget-Vygotskij): b. attivo costruttore sue capacità e sviluppo causato da influenze interne non da fattori ambientali. 2) Processi che causano cambiamento? Fattori ambientali COMPORTAMENTISMO ->influenze ambientali modellano il comportamento in modo da determinare le naturali abilità che si sviluppano ed il ritmo. Fattori genetici: il b. si sviluppa a causa della programmazione genetica (teoria di Chomsky sull acquisizione linguaggio) TEORIE ORGANISMICHE: posiz. Intermedia: sviluppo= interazione di condizioni genetiche e ambientali 3) Cambiamento graduale e continuo/improvviso e discontinuo? Continuo e graduale = cambiamenti quantitativi Discontinuo = camb. Qualitativi, es. comparsa di nuove capacità come deambulazione e linguaggio. Teorie Diverse: a) cambiamento continuo all interno di uno stadio, discontinuo nel passaggio da 1 stadio a altro. Piaget: funzioni che rimangono invarianti durante lo sviluppo (continuità), ma strutture cognitive cambiano tra uno stadio e altro (discontinuità) APPROCCI TEORICI SVILUPPO Approccio COMPORTAMENTISTICO Individuo ha capacità illimitata di apprendere, è plasmabile dall ambiente xché ripete comportamenti che hanno avuto conseguenze positive (rinforzo positivo) e elimina quelli che non le hanno avute (rinf. Negativo) Metodo indagine: sperimentazione e osservazione massimo controllo esperimento di laboratorio è metodo ottimale 2 correnti: a) comportamentismo radicale: influenza di Skinner, sviluppo è lunga sequenza di esperienze di apprendimento. 2 processi: condizionamento classico e operante. b) teoria apprendimento sociale (Bandura): l apprendimento può derivare anche da osservazione, senza rinforzo e spiega vari comportamenti che i b. imparano osservando le persone. L apprendimento non è automatico ma influenzato da aspetti del comportamento osservato cui si presta attenzione e da capacità di ricordarli e interpretarli.

2 B. crede nei rinforzi intrinseci, derivanti dall interno non da esterno (soddisfazione per successo in compiti faticosi) Approccio ORGANISMICO Individuo è attivo teso a realizzare sue potenzialità Cambiamento è la caratteristica primaria del comportamento E guidato da leggi che regolano la sequenza dei cambiamenti: il b. costruisce gradualmente la sua comprensione e quella degli altri attraverso un continuo scambio con ambiente. Ogni nuova acquisizione non deriva da disposizione innata né da influenza dell ambiente, ma dalla coordinazione di essi. Strategia di ricerca: evolutiva e induttiva -> si confrontano b. di età diverse x individuare cambiamenti evolutivi. Teorie dello svil. Cognitivo: Piaget, Vygotskij, Werner Approccio PSICOANALITICO L individuo è simbolico, capace di attribuire significati a sé e al mondo. Il cambiamento è l esito di conflitti interni. Lo sviluppo è cambiamento qualitativo e procede secondo stadi (stadi psicosessuali di Freud). Metodo di indagine: osservazione con minimo controllo, osserv. Naturalistica, colloquio clinico e osservazione della relazione osservatore-osservato. Ricostruisce la storia personale e ne ricerca i nessi significativi, quindi non interessato a cause e conseguenze del comportamento MATURAZIONISMO Regola la comparsa delle nuove abilità con il procedere dell età attraverso il programma genetico. Arnold Gesell: regolarità con cui compaiono le prime abilità motorie del b., quindi sequenza temporale di tali abilità sono la conseguenza di un programma genetico predeterminato= sviluppo dovuto a maturazione si verifica indipendentemente dalla pratica. Es. non serve insegnare a camminare e nulla si deve fare affinché inizi la pubertà. Ma ciò può essere alterato da condiz. ambientali estreme: denutrizione o incidenti. Teoria CHOMSKY_ sostiene che capacità di acquisire il linguaggio è innata e specifica dell essere umano, ma l esperienza influisce sull acquisizione della lingua materna COMPORTAMENTISMO Solo i comportamenti esterni e osservabili possono essere oggetto di indagine scientifica. Principi ispiratori: Riduzionismo e Parsimonia _ Poiché il comport. complesso si può ridurre a comport. semplici, bisogna studiare le singole unità comportamentali Se un comportamento può essere spiegato in termini di meccanismi generali come il condizionamento operante o il rinforzo, vanno rifiutate spiegazioni di meccanismi + complessi e specifici. I meccanismi dell apprendimento operano allo stesso modo per l intero ciclo vitale = non è necessario confronto tra soggetti in momenti diversi dello sviluppo.

3 Critiche: L apprendimento non funziona in modo uniforme, non è indipendente dal materiale appreso e dalle relazioni che esso ha con le conoscenze già acquisite. Le prestazioni cognitive sono influenzate dal contesto e dal significato del compito. Se sappiamo come si apprende del materiale senza senso in laboratorio, non potremo capire come avviene l apprendimento di materiale significativo in contesti di vita quotidiana. Il cambiamento evolutivo influenza le capacità di apprendimento e memoria xché cambia le strategie usate x i compiti cognitivi. COSTRUTTIVISMO Si afferma anni 60 con Piaget. Piaget nega che psicologia sviluppo = psicol. Apprendimento xché pensiero infantile qualitativamente diverso da quello adulto. Il b. costruisce gradualmente la comprensione della realtà attraverso interazioni con l ambiente (inizialmente crede che versando un liquido in contenitori diversi, cambi la quantità) Il sistema cognitivo subisce profonde trasformazioni che corrispondono a strutture intellettive dette stadi di sviluppo che compaiono secondo una sequenza invariante e universale. Critiche: Teoria stadiale è una ipersemplificazione -> riduce lo sviluppo all evoluzione di singole strutture. Le descrizioni che P. fornisce delle strutture intellettive operazioni concrete e astratte non corrispondono a processi che il sogg. mette in atto risolvendo un compito, sono lontani dal comportamento reale. Non viene considerato il contesto sociale in cui si svolge l attività cognitiva. ECOLOGIA DELLO SVILUPPO Fino agli anni 70 il contesto in cui si sviluppa il b. si limitava al rapporto madre-bambino o alla relazione con i compagni di gioco. In seguito si è ampliato il concetto di contesto grazie a Bronfenbrenner, fondatore dell approccio ecologico allo sviluppo. All interno dell ambiente ecologico vi è una serie di strutture, incluse l una nell altra. 1 livello microsistema: situazione ambientale in cui è inserito il soggetto che si sviluppa, es. la relazione col genitore nella famiglia. 2 livello mesosistema: relazione fra microsistemi, es. l imparare a leggere può dipendere non solo da come viene insegnato al b. ma anche da legami esistenti tra scuola e famiglia. 3 livello esosistema: lo sviluppo è influenzato da eventi che si verificano in situazioni ambientali in cui il b. non è presente, come il tipo di attività lavorativa dei genitori. L esosistema è influenzato dal macrosistema, cioè dalle politiche sociali e dei servizi di una comunità, es. introdurre un nuovo tipo di assistenza alla maternità non solo influenza la relazione madre-neonato, ma produce degli effetti sullo sviluppo del b. DIFFERENZE INDIVIDUALI NELLO SVILUPPO Le differenze individuali intese sia come

4 1. differenze nello sviluppo di individui diversi (interindividuali) 2. differenze tra aspetti dello sviluppo in uno stesso individuo (intraindividuali) si manifestano nel temperamento e nel linguaggio. Il temperamento, lo stile di comportamento di un soggetto quando interagisce con l ambiente, è presente sin dalla nascita e possiede quindi l adattabilità a nuove esperienze, l intensità delle risposte, lo stato d animo e il livello di attività. Analizzando il livello di attività, si possono notare differenze individuali di temperamento (b. vivace, che si muove molto e b. calmo, che fa giochi tranquilli ). E importante la compatibilità tra il temperamento del b. e quella del genitore, con un livello di attività molto diverso le cose possono non andare molto bene. Altro aspetto in cui si osservano differenze individuali è la popolarità nell interazione con i coetanei, i soggetti popolari piacciono perché si comportano in modo positivo con gli altri, cercano di dare una mano e non sono aggressivi. L acquisizione della lingua materna può variare molto: a 8-9 mesi si possono pronunciare le prime parole oppure a mesi. Il b. che parla tardi non evidenzierà in seguito un ritardo del linguaggio. Spesso la precocità linguistica è frequente nel sesso femminile, in primogeniti e appartenenti a classi medio-alte. Come descrivere i cambiamenti in funzione dell età Si ricorre a 2 disegni di ricerca: Disegni di ricerca longitudinali: lo stesso gruppo viene osservato x un certo periodo, di solito alcuni anni. Vantaggi: si segue lo sviluppo individuale nel tempo e si controlla la stabilità del comportamento Utile anche x determinare gli effetti di esperienze antecedenti sullo sviluppo successivo. Svantaggi: metodo costoso in investimenti ed energie Si rischia di perdere i soggetti nel tempo Possibile confusione tra cambiamenti legati a età e quelli di tipo sociale e storico che si verificano nel corso della ricerca = difficile stabilire se soggetti sono cresciuti o sono cambiate le loro condizioni di vita. Sono comunque stati molto usati -> diari sullo sviluppo infantile di Darwin che descrisse le espressioni emotive del figlio e la loro evoluzione, Wilhelm Preyer ne L anima del bambino riportava le osservazioni sulla figlia. Durata: a breve termine si valutano gli stessi soggetti in almeno due punti di età, senza specificare l intervallo temporale tra questi punti. A lungo termine durata di almeno 3 anni e almeno 3 osservazioni ripetute nel tempo.

5 Disegni di ricerca trasversali gruppi di individui di età diversa confrontati nello stesso momento temporale. Vantaggi: è poco costoso e veloce nell esecuzione. Svantaggi: Si identificano differenze tra età ma non si possono osservare cambiamenti individuali in funzione del tempo. L ESPERIMENTO - Nella sperimentazione il ricercatore interviene attivamente, manipolando le variabili indipendenti e rileva se la modificazione influenza il comportamento indagato (variabile dipendente) Nell esperimento classico ci sono almeno 2 gruppi ai quali i soggetti vengono assegnati casualmente: un gruppo sperimentale viene sottoposto alla manipolazione della variabile indipendente, l altro gruppo di controllo non riceve nessun trattamento oppure un trattamento diverso. Se i cambiamenti previsti nella variabile dipendente si rilevano solo nel gruppo sperimentale, l ipotesi della ricerca viene confermata. L esperimento è condotto in laboratorio se è richiesta un apparecchiatura speciale (strumenti x registrare tempi reazione o movimenti oculari) o in ambiente naturale. Vantaggi: possibilità di stabilire relazioni causa-effetto tra variabili indipendenti e dipendenti facilità di replicazione, ottenendo conferme o disconferme dell ipotesi iniziale. Svantaggi: i soggetti osservati in condizioni di controllo potrebbero comportarsi diversamente nella realtà. La conseguenza è che difficilmente i risultati possono essere generalizzati al di fuori dell ambiente controllato in cui sono stati raccolti, tale generalizzabilità corrisponde alla validità esterna: minore è la generalizzabilità maggiore è la validità esterna dell esperimento. Tuttavia di solito l esperimento gode di una buona validità interna, nel senso che se le condizioni sperimentali sono ben controllate, la relazione tra variabili indipendenti e dipendenti è quella ipotizzata dal ricercatore. In alcuni casi non si possono manipolare le variabili indipendenti o assegnare casualmente i soggetti ai gruppi sperimentali e di controllo: se il ricercatore è interessato agli effetti del maltrattamento, malnutrizione, etc. non è evidentemente possibile x motivi etici riprodurre tali esperienze traumatiche. Il ricercatore deve trovare b. in cui la variabile da studiare sia presente naturalmente e li confronti con un altro gruppo il + possibile simile al primo x tutte le caratteristiche all infuori di quella indagata = disegni quasi-sperimentali in cui si confrontano fra loro gruppi la cui composizione non è casuale.

6 Il disegno correlazionale si usa quando non è possibile individuare gruppi che differiscono per l aspetto che interessa oppure si è interessati a descrivere il rapporto tra due variabili, cioè se ai cambiamenti di una variabile corrispondono cambiamenti nell altra variabile. Questo metodo permette di misurare il grado di associazione tra variabili senza manipolarle sperimentalmente. Es. si può misurare la quantità di spettacoli violenti che ragazzi guardano quotidianamente e registrare l aggressività comportamentale; è così possibile verificare se le 2 misure sono associate, cioè se all aumento degli spettacoli violenti corrisponde un aumento di comportamenti aggressivi (correlazione positiva tra variabili). L obiettivo dell uso dei disegni correlazionali è puramente descrittivo e non consente di ricavare conclusioni sulla relazione causa-effetto tra variabili: ragazzi che manifestano + spesso comportamenti aggressivi a scuola potrebbero essere geneticamente predisposti o essere esposti a episodi di aggressività in famiglia che li spinge a preferire la visione di spettacoli violenti. L OSSERVAZIONE E la selezione di un fenomeno degno di interesse su cui vengono raccolte informazioni in modo completo e accurato, è quindi metodo complesso e impegnativo, soggetto a distorsioni derivanti dalla soggettività dell osservatore. Diversa dalla sperimentazione: non controlla le variabili indipendenti perché il comportamento potrebbe alterarsi o non manifestarsi se si cerca di modificarlo intenzionalmente. Indaga le relazioni che esistono tra 2 o + variabili, mentre la sperimentazione è interessata alle relazioni che potrebbero esistere tra le variabili in risposta alle manipolazioni sperimentali. Si pone scopi descrittivi piuttosto che esplicativi e quindi non può verificare la presenza di relazioni causa-effetto. Può essere condotta in vari modi: Studi sul campo_ condotti negli ambienti di vita quotidiana del b. che prevedono o meno un intervento del ricercatore; osservazioni in laboratorio che possono essere o meno strutturate. 2 forme di osservazione: Naturalistica: il ricercatore esercita minimo controllo sul proprio oggetto di studio L osservazione etologica, grazie agli studi di Lorenz e Tinbergen, osserva il comportamento nell ambiente naturale in cui si manifesta e lo descrive obiettivamente. Per non influenzare la spontaneità del comportamento l osservatore si nasconde adottando un osservazione dissimulata. Controllata: l osservatore interviene attivamente anche se senza manipolare la variabile indipendente, esercitando un grado medio o max di controllo e fornisce stimoli per evocare il comportamento da studiare: Piaget, non solo registrava i comportamenti significativi nei suoi figli, ma proponeva anche delle stimolazioni per far emergere le risposte x lui interessanti. Tale tipo di osservazione può essere condotta sia in laboratorio che nell ambiente naturale.

7 Validità dell osservazione 3 fasi: 1) selezione fenomeno da osservare 2) registrazione fenomeno individuato 3) codifica dati registrati Bisogna riconoscere le fonti di errore e controllarle: A) Soggetti osservati - possono reagire alla presenza dell osservatore e comportarsi in modo innaturale. La reattività può essere controllata abituandoli alla presenza dell osservatore o adottando tecniche non invasive come l osservazione partecipante o mascherando la presenza dell osservatore dietro uno specchio unidirezionale B) Osservatore - Il comportamento degli osservatori può variare a seconda delle condizioni psicofisiche e delle capacità personali (consapevolezza di sé o assenza di pregiudizi) L osservatore reagisce anche alla valutazione dell attendibilità di ciò che registra (migliora la prestazione se sa di essere valutato), per ovviare a ciò si possono effettuare controlli casuali dell attendibilità C) Ricercatori possono influenzare l osservazione formulando aspettative e facendo commenti valutativi, adottando schemi di codifica eccessivamente complessi e difficili da applicare, soluzione -> definizioni operative chiare delle categorie di codifica e addestrare i codificatori a utilizzare uno schema prima di iniziare il lavoro di codifica Interviste e questionari utilizzate x interrogare i b. e gli adulti sul comportamento e la personalità dei b. Importante accertarsi che i b. abbiano buona capacità di comprensione e produzione del linguaggio -> quindi non usare tali tecniche con b. inferiori a 3 anni quando si intervista non usare questionari scritti a b. sotto 7-8 anni. I b. e adolescenti possono opporre resistenza a comunicare sentimenti, opinioni e rifiutare di essere intervistati -> soluzione: stimolare curiosità e interesse instaurando clima di fiducia. Importante che i soggetti abbiano un livello cognitivo adeguato alla comprensione delle domande dell intervistatore. Quando si interrogano adulti il rischio è che esprimano giudizi soggettivi, cercando di conformarsi alle aspettative dell intervistatore o di apparire adulti competenti. I loro giudizi sulle capacità del b. a diversi stadi dello sviluppo sono soggetti a errori sistematici: sottovalutano le capacità del b. in età prescolare e le sopravalutano in età scolare - > quindi è importante intervistare gli adulti sulle capacità attuali del b. piuttosto che sulle capacità pregresse, x essere + sicuri che essi forniscano info veritiere. Nell intervista e nel questionario le domande possono essere:

8 chiuse (sì-no/vero-falso) -> interviste e questionari strutturati, dove porre domande chiuse è vantaggioso per codificare facilmente le risposte e ridurre le risposte irrilevanti come non so aperte quando non si conoscono le diverse modalità di risposta o se le domande riguardano argomenti complessi Svantaggi: codifica laboriosa e raccolta di info potenzialmente irrilevanti e inutili, inoltre i soggetti devono possedere buona padronanza della lingua materna orale o scritta.

9 SVILUPPO FISICO E MOTORIO Sviluppo prenatale Nonostante l ambiente uterino protegga e nutra il feto, lo mantenga a una temperatura costante ed il liquido amniotico lo preservi dagli urti, attraverso il sangue materno passano anche sostanze chimiche, ormonali e virus che possono lasciare tracce sullo sviluppo successivo. Oggi si sa molto sugli agenti teratogeni, cioè su quei fattori ambientali che causano un danno congenito nell embrione e nel feto, come la mancanza di nutrimento adeguato o l introduzione di sostanze nocive, l ingestione di talidomide nei primi 2 mesi può causare gravi malformazioni, la nicotina e alcune droghe. 2 fasi nello sviluppo prenatale: 1) lo sviluppo dell embrione 2) del feto. Periodo embrionale Va dall inizio della 3^ alla fine dell 8^ settimana di gestazione, l embrione diventa feto, cioè organismo con caratteristiche umane. 4^ settimana - si sviluppano le cellule del sangue, si forma il sistema nervoso e il cuore. 5^ cervello e midollo spinale, occhi, orecchie, naso, reni e polmoni. Alla fine del 2 mese l embrione è lungo circa 2,5 cm. Periodo fetale - tale periodo ha inizio con il 3 mese di gravidanza (9^ settimana). In questo periodo la testa che era grande quanto il resto del corpo, cambia in proporzione e diviene pari a ¼ alla fine della gestazione. Il corpo, prima raggomitolato, si distende e durante il 4 mese, la madre percepisce distintamente i movimenti del feto. 4-5 mese raggiunge una lunghezza di 15 cm e pesa circa 250 gr polmoni ben sviluppati ma con liquido amniotico e non ancora funzionanti. 4 mese periodo di crescita + veloce. Dopo 5 mese la pelle è completamente sviluppata e compaiono capelli e unghie. 6 mese apre gli occhi e presto distingue la luce dall oscurità Negli ultimi mesi si completa l accrescimento degli organi. Il feto sembra meno attivo xché crescendo ha meno spazio all interno dell utero, quindi si posiziona con la testa verso il basso per sfruttare al massimo lo spazio disponibile. Al termine del 6 mese (26^ e 28^ settimana) il feto supera il limite minimo di sopravvivenza in caso di nascita prematura, poiché il sistema respiratorio e il sistema nervoso centrale sono abbastanza perfezionati. Diagnosi prenatale Ecografia fetale consente di valutare l età gestazionale, crescita feto e malformazioni.

10 Metodi di analisi dei tessuti fetali (amniocentesi)- aspirazione liquido amniotico al 2 trimestre di gravidanza (4 mese) Prelievo dei villi coriali - + vantaggioso perché avviene attraverso la vagina e può essere eseguito già all 8^ sett. di gestazione. Tali esami sono raccomandati nel caso di malattie genetiche nei genitori o nelle loro famiglie oppure se la madre ha superato i 40 anni. LA NASCITA E IL NEONATO Il passaggio dall ambiente intrauterino a quello extrauterino non è facile perché il n. deve respirare ossigeno attraverso i polmoni anziché tramite il cordone ombelicale, nutrirsi con la bocca anziché dal sangue materno, anche se è vero che il b. può ingerire cibo grazie ai riflessi di suzione, la termoregolazione ha ancora qualche problema, poiché mancano i tessuti adiposi. Può già respirare poiché il riflesso respiratorio mette subito in funzione i polmoni evitando l ipossia (carenza di ossigeno), che viene scongiurata grazie alla produzione di livelli elevati di ormoni dello stress, che proteggono il n. da situazioni sfavorevoli. Nella fase neonatale è importante l attenzione ai bisogni fondamentali per lo sviluppo, tra i quali il rapporto madre-bambino e un precoce attaccamento al seno, in quanto l attaccamento al seno presenta vantaggi sia nutrizionali e di difesa contro le infezioni, sia psicologici. La nascita dolce Sebbene il parto in ospedale è una difesa contro la mortalità neonatale e perinatale, presenta dei rischi per il tipo di manipolazione del n. piuttosto rude e l uso di tecniche dannose. Leboyer suggerì una tecnica di parto x rendere graduale e dolce il passaggio dal grembo materno all ambiente esterno: attenuare le luci e rumori, adagiare il n. x alcuni minuti sull addome materno, recidere il cordone soltanto dopo che il b. ha cominciato a respirare autonomamente. Ricerche hanno mostrato che una gravidanza e un parto sereni predicono che la madre sceglierà di allattare il b. al seno e che l allattamento durerà abbastanza a lungo. CRESCITA PRIMA E DOPO LA NASCITA Crescita = a) moltiplicazione cellulare che determina l aumento di volume dell organismo b) Differenziazione e sviluppo delle diverse funzioni corporee e psichiche in senso funzionale e biochimico. Asimmetria nella crescita -> tessuti e organi non si sviluppano assieme e con la stessa velocità. L età del lattante e la pubertà sono 2 periodi in cui la velocità della crescita è + rapida. Periodo pre - natale di crescita. Velocità crescita = primi 6 mesi alta 1,8mm/g rallenta dalla 35^ sett.

11 Modifica delle proporzioni corporee: a 2 mesi lunghezza testa pari a metà della lungh.totale, alla nascita si riduce a ¼ di questa. Periodo neonatale = nascita al 28 g. Prima infanzia = 0-2 anni Seconda infanzia = 2-6 anni Terza infanzia = 6-10 anni Adolescenza = 10 anni a completamento svil. sessuale Dopo Nascita = lung. 50 cm peso 3,4 kg circonf. cranio 35 cm AUMENTO PONDERALE : al 5 MESE raddoppia peso a 1 ANNO lo triplica STATURA: A 1 ANNO : AUMENTA DEL 50% 2 ANNI: aumenta di 1 cm al mese e decresce anni successivi CIRCONF. CRANIO: aumenta di 12 cm nel 1 ANNO Dal 2 anno e per tutta l infanzia la crescita prosegue meno rapidamente Nella pubertà aumenta di nuovo la crescita Movimenti pre-natali I movimenti pre-natali sono di natura spontanea più che riflessa, con fasi di attività e riposo. Il feto reagisce a stimoli sonori soprattutto, ma non è certo che possa memorizzare le caratteristiche sonore, come quelle della voce, della musica. I primi movimenti avvengono alla 7^ settimana di gestazione, seguiti da rapide contrazioni degli arti (sussulti) e da movimenti lenti che coinvolgono tutti i muscoli del corpo. In seguito, schemi motori: movimenti braccia, gambe, dita e capo,stiramenti, movimenti di suzione, singhiozzi Prima del parto si nota immobilità fetale, perché il feto sta maturando periodicità di momenti di attività e riposo che si troveranno nel neonato. Durante la fase di sonno agitato il feto sperimenta una forma di vita mentale, rielaborando le sensazioni derivanti dal suo movimento Nelle ultime settimane di gravidanza i periodi di tranquillità diventano + lunghi, diminuisce il sonno agitato e aumentano i periodi di veglia, ciò prosegue anche dopo la nascita Cosa sa fare il neonato Postura con il capo ruotato e arti flessi a causa spazio ridotto ultime sett. gestazione Presenta riflessi, cioè risposte motorie primitive involontarie (rotazione del capo, suzione, riflesso del moro:quando sente un rumore forte o subisce uno shock fisico, contrae i muscoli

12 dorsali con abduzione ed estensione degli arti; babinsky se gli si accarezza pianta piede, prima stende le dita e poi le richiude; presa, marcia automatica) I riflessi primitivi, cioè involontari non sono tali nel neonato, infatti già nelle prime fasi dello sviluppo il sistema nervoso può produrre spontaneamente movimenti ritmici (suzione e respirazione) o fasici. Tra la concezione neurofisiologica classica e quella moderna vi è grande differenza: il neonato visto come insieme di meccanismi inerti fino a che non vengono stimolati e il neonato visto come organismo attivo, composto da sottoinsiemi interconnessi, pronto a modulare la sua attività in funzione delle condizioni ambientali. Riflesso del Moro: in alcuni animali i piccoli sono spesso tenuti sospesi al ventre della madre o sugli alberi, in tale situazione una risposta di abbracciamento dopo stimolazioni brusche e improvvise è senza dubbio utile per impedire al piccolo di cadere. La presenza di alcuni movimenti nel neonato umano può essere dunque spiegata come un residuo di abilità utili ad altre specie ma che nell uomo hanno perso significato, infatti scompaiono dopo le prime settimane di vita. Il b. alla nascita non è sordo, cieco e insensibile; la ricerca dedicata alla vista è + ampia di quella relativa alle altre modalità sensoriali. Ciò che il neonato è capace di percepire dipende da quello che chiamiamo il suo stato: se dorme oppure è sveglio Prechtl distingue 5 diversi stati di coscienza: sonno profondo, sonno attivo, veglia tranquilla, veglia attiva, pianto e irrequietezza che si ripetono in modo ciclico durante la giornata, in media ogni 2 ore. Per stabilire uno scambio sociale con il n. il momento migliore è quando si trova nella veglia tranquilla, dopo essere stato nutrito. Sviluppo motorio In pochi mesi il b. passa da una quasi totale dipendenza dall adulto a una relativa autonomia, grazie a cambiamenti del sistema nervoso e in particolare nella corteccia cerebrale. Secondo la teoria classica in seguito alla maturazione del sistema nervoso comportamenti inizialmente controllati dai centri sottocorticali, come i riflessi primitivi, passano sotto il controllo di strutture corticali più evolute. Si spiega così come il riflesso di presa evolva nella prensione volontaria di oggetti. Lo sviluppo motorio segue la legge della progressione cefalo-caudale (il controllo del capo e dell asse corporeo precede quello degli arti) e prossimo-distale (lo sviluppo dei movimenti delle parti prossimali precede quello delle parti distali degli arti). Secondo l approccio HIP, che vede la mente umana simile a un pc, lo sviluppo delle diverse funzioni corrisponde alla costruzione di un sistema gerarchico di routine, schemi e rappresentazioni che diventa sempre + complesso in funzione delle interazioni con gli stimoli esterni.

13 Secondo la teoria dei sistemi dinamici, lo sviluppo motorio è dovuto non tanto all intervento di un singolo sistema, quanto all interazione di vari sistemi fra i quali anche i fattori ambientali (forza di gravità) e le caratteristiche biomeccaniche dell individuo (forze inerziali e forze dipendenti dal movimento). L acquisizione di una nuova condotta, es. deambulazione, dipende dalla cooperazione tra diversi sottosistemi. Il modello maturativo classico prevede che la marcia automatica venga inibita dalla progressiva maturazione dei centri nervosi che controllano il movimento, che generano la capacità matura di camminare. Viceversa la teoria dei sistemi dinamici ipotizza l influenza di altri fattori di natura non neurologica per spiegare lo sviluppo del cammino. La scomparsa della marcia automatica e la sua ricomparsa come deambulazione è dovuta a fattori fisici: nel lattante infatti la forza dei muscoli delle gambe non è più sufficiente a sostenere il peso del corpo. Nei primi 2 anni il b. conquista le principali abilità motorie riuscendo ad esplorare l ambiente e conquistare la posizione eretta, in modo da avere le mani libere per fare cose interessanti anziché usarle per appoggiarsi o camminare. Postura e deambulazione Il neonato presenta una ipertonia dei muscoli flessori degli arti (braccia e gambe piegate), mentre il tono dell asse del corpo, dal quale dipende la postura, è quasi inesistente. La prima tappa riguarda il sostenimento della testa che nei primi giorni è ciondolante. Quando è coricato sul ventre, il b. solleva prima il mento, poi testa e spalle (2 mesi) e si appoggia sugli avambracci (3 mesi). 4-5 mesi il b. sta seduto con un appoggio minimo, anche se l ipotonia del tronco gli fa assumere una posizione curva. 6 mesi sa mantenere tale posizione a lungo: la schiena è diritta ma il tronco è ancora inclinato in avanti. Fino alla fine del 6 mese il b. non sa spostarsi autonomamente, quindi si aiuta strisciando con le gambe, camminando carponi, anche se alcuni b. raggiungono la deambulazione eretta senza passare attraverso tale fase. 7 mesi sa stare seduto per un momento da solo, ma la posizione seduta senza appoggio è raggiunta completamente verso i 9 mesi. La posizione eretta rappresenta una nuova tappa, che il bambino comincia ad acquisire mentre ancora perfeziona la posizione seduta già raggiunta.

14 9-10 mesi è capace di tenersi in piedi sorretto o appoggiandosi e compie qualche passo, sostenuto sotto le ascelle o appoggiandosi mesi sa stare in piedi da solo. Lo sviluppo della deambulazione procede parallelamente a quello posturale, ma inizia più tardi. 1 anno sa camminare se tenuto x mano, mesi cammina da solo. Manipolazione - Si sviluppa durante il primo anno e mezzo e il suo progresso dipende dalla maturazione neuromuscolare e dall esercizio. Alla nascita c è una forma primitiva di prensione, il riflesso di presa, che durante il 1 mese si indebolisce e scompare verso i 2 mesi, quando il b. sviluppa la prensione vera e propria, che si differenzia dal riflesso poiché sotto il controllo volontario. Nello sviluppo di tale capacità si individuano 3 tipi di avvicinamento corrispondenti alla progressiva utilizzazione delle 3 articolazioni: spalla, gomito e polso: 1. All inizio il b. usa solo la spalla, mentre la mano è fissa 5-6 mesi 2. A 7-8 mesi l articolazione del gomito consente lo spostamento dell avambraccio e della mano avanti e indietro. 3. A 8 mesi le 3 articolazioni sono coordinate tra loro, consentendo alla mano di arrivare all oggetto. Prensione all inizio l oggetto viene afferrato dalla parte cubitale della mano (sotto il mignolo) senza usare il pollice (prensione cubito-palmare). In seguito esso viene condotto verso il palmo e afferrato con 3 dita insieme, pollice, indice e medio (prensione digito-palmare). Infine l oggetto viene posto sotto l indice e la prensione implica l opposizione fra pollice e indice (prensione radio-digitale) La percezione visiva ha un ruolo importante di guida all azione della mano: il riflesso di presa neonatale scompare verso il 2 mese e si ripresenta nei mesi successivi ma + evoluto. Nel neonato il semplice vedere un oggetto causa l avvicinamento del braccio ad esso, in seguito alla maturazione fra i due canali sensoriali, l attivazione di uno di essi (la vista) porta ad un inibizione dell altro (prensione), infine quando i 2 canali sensoriali si coordinano, il movimento di orientamento verso l oggetto ricompare sotto il controllo visivo. Dopo avere imparato ad afferrare e manipolare l oggetto, il b. impara a lasciarlo andare: inizialmente perde l oggetto perché la mano si riapre involontariamente quando si distrae, ma tra i 6-8 mesi, impara a lasciare l oggetto volontariamente. Soprattutto nel 1 semestre la prensione e la manipolazione permettono di entrare in contatto con l ambiente, provocando delle trasformazioni.

15 La prensione si coordinerà ad altre capacità quali la vista e la suzione. Differenze individuali sviluppo motorio Ogni b. ha il proprio ritmo di sviluppo e sceglie tempi e modi che si adattano al suo stile di movimento e ai suoi obiettivi: alcuni sono veloci nell imparare a stare in piedi, altri + lenti, altri saltano tappe motorie o dimenticano una competenza già acquisita e la riscoprono successivamente. Cause: maturazione neurologica, fattori fisici e meccanici (modifiche di ossa e muscoli), ambientali (esperienze, motivazioni e sollecitazioni) Naturalmente vi sono tappe importanti da rispettare: se a 4 mesi un b. non riesce a sollevare il capo avrà un ritardo nella manipolazione, alterazioni nella percezione visiva possono condurre a ritardi nello sviluppo posturale. SVILUPPO SESSUALE Al momento della fecondazione si stabilisce il sesso cromosomico dell embrione. All 8^ settimana di gestazione diventano riconoscibili i testicoli e alla 9^ si differenziano dentro i testicoli le cellule che producono il testosterone, ormone responsabile della formazione dei genitali maschili. La gonade femminile non richiede uno stimolo ormonale specifico per differenziarsi, basta che non venga prodotto il testosterone. Nella pubertà si raggiunge la maturità sessuale, grazie a complessi cambiamenti ormonali. 5 FASI secondo Tanner: 1) preadolescenza 2) cambiamento puberale 5) acquisizione di caratteristiche tipiche dell adulto L ordine è lo stesso x tutti, varia l età Il dimorfismo sessuale (modifiche della differenza fra sessi) riguarda tutti gli organi e gli apparati: spalle, statura, forza muscolare nel maschio, larghezza fianchi nelle femmine. La velocità max di crescita x le femmine è intorno ai 12 anni, 14 x i maschi. Per i maschi i cambiamenti puberali ritardano in media di 2 anni rispetto alle femmine. Dopo la pubertà il ritmo di crescita diminuisce, ma non la crescita corporea che nei maschi dopo i 17 anni può aumentare ancora del 2%, dopo i 15 nelle femmine. SVILUPPO SISTEMA NERVOSO

16 Il cervello cambia morfologicamente in grandezza, peso e aspetto con l età gestazionale: al 6 mese di gravidanza è il 21% del peso corporeo, il 14% alla nascita e il 3% nell età adulta. Il suo peso raddoppia nei primi 9 mesi e raggiunge il peso del cervello adulto a circa 6 anni. Alla nascita sono presenti la maggior parte dei neuroni, ma le connessioni tra neuroni (sinapsi) sono ancora imperfette. Sono presenti assoni e dendriti attraverso cui si ricevono e si inviano fra cellule sostanze chimiche e informazioni. All inizio sinapsi, assoni e dendriti sono superiori al numero definitivo, infatti vengono progressivamente eliminati parzialmente, lo stesso avviene per i neuroni (morte cellulare). Altro processo è la mielinizzazione, che inizia con la gestazione fino all età adulta. La mielina è una sostanza che avvolge come una guaina le fibre nervose e aumenta la velocità di trasmissione dell impulso nervoso: alla nascita il midollo spinale non è del tutto mielinizzato, quindi lo sviluppo del controllo muscolare nella parte inferiore del tronco e nelle gambe è + lento L esperienza ha un ruolo importante nello sviluppo cerebrale. Vi sono periodi critici, di solito nello sviluppo postnatale, in cui esperienze traumatiche possono causare conseguenze sull organizzazione cerebrale, es. esperienza visiva precoce sull organizzazione della corteccia visiva e comportamento (esper. se gatto neonato viene privato della vista di un occhio, il cervello perde la capacità di fondere gli stimoli provenienti dai 2 occhi, visione binoculare)

17 SVILUPPO PERCETTIVO Il mondo percepito non corrisponde esattamente al mondo reale, ma è il risultato di mediazioni e attività svolte dall organismo, la percezione consente di analizzare, selezionare, organizzare in modo coerente i dati dell ambiente. Sensazione: effetto soggettivo e immediato provocato dagli stimoli sui vari apparati dell organismo (uditivo, visivo ), processo con il quale le info dell ambiente vengono recepite dai recettori sensoriali e trasmesse al cervello. Percezione: processo attivo e dinamico di elaborazione degli stimoli sensoriali attraverso l analisi, selezione, coordinamento ed elaborazione delle info. Secondo la teoria empirista della percezione, Helmholtz concepisce il neonato come una tabula rasa, su cui si imprimono i dati dell esperienza e dell apprendimento, attraverso tali esperienze si svilupperebbe la percezione vera e propria, processo che si affina progressivamente per organizzare in modo significativo i dati forniti dalla sensazione. James parla di un ronzio indistinto dei vari stimoli sensoriali sul neonato, che solo con l esperienza assume significato. Nel secolo scorso, però, si è diffusa l idea che la struttura percettiva della realtà contenga degli elementi già organizzati a cui l essere umano è predisposto e che può cogliere in modo immediato grazie alla sua dotazione innata. I b. nascono infatti con facoltà percettive e predisposizioni + ampie di quelle ipotizzate dagli empiristi, anche se non vi è dubbio che la stessa capacità infantile di apprendere dall esperienza sia nettamente superiore a quella ipotizzata dagli innatisti. Percezione gustativa e olfattiva Sensibilità gustativa: fin dalle prime ore i n. sanno manifestare configurazioni facciali differenziate ai sapori piacevoli o meno, che denotano soddisfazione, come x i sapori dolci, o disgusto x sapori amari e acidi. Le sensazioni gustative e olfattive sono importanti non solo x la nutrizione, ma hanno un valore adattivo per il ruolo di mediazione nella relazione con l adulto che si prende cura del b. I n. discriminano tra varie concentrazioni di zucchero, le soluzioni salate aboliscono il riflesso di suzione e quelle dolci lo provocano, segno di capacità discriminative tra i 2 sapori. La sensibilità olfattiva è ben sviluppata alla nascita, il n. reagisce a vari tipi di odore, come l ammoniaca, l anice o l acido acetico e in particolare al latte della madre, che viene distinto addirittura dall odore del latte di altre donne e che sembra stimolare un attività motoria generale e movimenti orientativi del capo, necessari a guidare il piccolo verso il capezzolo.

18 Percezione uditiva Nel n. la conformazione anatomica dell organo recettore non presenta sostanziali differenze rispetto all adulto, anche se le dimensioni del condotto uditivo esterno, della membrana del timpano e la cavità dell orecchio medio non sono tali da consentire la trasmissione efficace delle vibrazioni sonore. Quindi nonostante i n. percepiscano gli stimoli sonori in modo attutito rispetto all adulto, sono reattivi ai suoni dopo la nascita e orientano la direzione degli occhi della testa verso un suono ritmico soprattutto se testati al buio, senza stimoli visivi. I n. discriminano suoni umani da altri tipi di suoni e preferiscono la voce materna. Mostrano già a pochi giorni una sensibilità precoce al ritmo, intonazione, variazione di frequenza e componenti fonetiche della lingua madre. Attraverso registrazioni elettromiografiche delle reazioni, i n. mostrano una maggiore rispondenza ai suoni simili al linguaggio umano piuttosto che ai suoni puri, segno che l apparato uditivo alla nascita è predisposto a recepire la voce, in particolare quella materna. La preferenza per la voce materna alla nascita dipende dal fatto che tale stimolo uditivo viene recepito già nella fase fetale (apprendimento prenatale), al contrario il feto non sa distinguere la voce della madre da quella di un estranea, quando entrambe giungano solo da canali esterni. Dopo la nascita predilige ancora il suono proveniente dagli organi interni, ma è già capace di discriminare la voce normale della madre da quella di altre donne. Il n. mostra preferenza per i suoni ritmici più che per i suoni isolati e capacità di distinguere stimoli verbali e non verbali come quelli musicali. Nei primi gg. è presente una forma di sincronia interattiva, una modulazione tra i movimenti del b. e discorso dell adulto che si verifica anche in risposta a conversazioni registrate nel ritmo naturale della lingua parlata, ma non se lo stimolo è costituito da voci sconnesse oppure da suoni come il tamburellare. Caratteristiche fonologiche della lingua I b. non solo discriminano i fonemi della propria lingua, ma mostrano abilità anche nei confronti di altre lingue, discriminando tra categorie fonetiche diverse, come le occlusive sonore (b,d,g) da quelle sorde (p,t,k), non vi sono quindi, differenze sostanziali fra adulti e neonati. Si tratta di un abilità che deriva da una dotazione innata che permette al b. di riconoscere la lingua parlata da altri tipi di suoni fin dalla + tenera età. Con lo sviluppo, già a 4 anni, tale capacità innata di discriminazione fonetica diminuisce, ciò a causa delle influenze dell ambiente, può essere mantenuta solo se sostenuta dall esperienza.

19 Percezione visiva Il sistema visivo è ancora imperfetto a causa di una incompleta maturazione del sistema visivo e nervoso: la macula lutea posta nella retina, ancora immatura, impedisce la acuità visiva cioè la possibilità di percepire i dettagli. Ciò migliora intorno al 1 mese e si completa al 4. La immaturità del sistema nervoso implica la imperfetta mielinizzazione delle fibre delle vie ottiche che impedisce sia una rapida trasmissione dei messaggi al cervello, sia una adeguata motilità oculare. Fino a circa 1 mese il coordinamento binoculare (movimento sincronico di entrambi gli occhi che consente la visione tridimensionale, cioè distanza e profondità) e l accomodazione del cristallino, che consente la messa a fuoco di oggetti posti a diverse distanze è minima. I movimenti oculari consentono l ispezione visiva dell ambiente e sono governati dalla zona motoria corticale che alla nascita è abbastanza sviluppata, come pure l area corticale della proiezione visiva situata nella zona occipitale: il n. può quindi percepire luci, buio, colori.. Egli può compiere i movimenti coniugati che consentono un ampia esplorazione del campo visivo, in direzione orizzontale + che verticale e i movimenti di inseguimento che gli consentono di seguire uno stimolo che si sposta dal centro del suo campo visivo verso la periferia. Il riflesso pupillare indica che il n. è sensibile alle diverse intensità degli stimoli visivi. La coordinazione e convergenza indispensabili per la messa a fuoco degli stimoli e per la percezione della profondità, assenti alla nascita, compaiono poche ore dopo. Inizialmente il n. mette a fuoco solo oggetti vicini (circa 25 cm), a 2-3 mesi percepisce correttamente l ambiente che lo circonda. Il n. presenta una limitazione delle capacità attentive che gli impedisce di prestare attenzione per lungo tempo agli oggetti e alle persone a lui vicini; un grande miglioramento avviene entro i 3 mesi con lo sviluppo della visione binoculare e messa a fuoco degli oggetti con entrambi gli occhi. Percezione cromatica Il b. percepisce le sfumature cromatiche, preferisce i colori + saturi, rosso e blu e sa distinguerli indipendentemente dalla brillantezza. Alla nascita discriminano il rosso, se messo a confronto col verde o blu; a 3 mesi possiedono una buona visione tricromatica, poiché capaci di differenziare 3 tonalità, rosso, blu e verde. A 4 mesi la percezione cromatica somiglia molto a quella adulta. L attenzione focalizzata

20 Nelle prime settimane i n. esplorano visivamente gli stimoli che attirano la loro attenzione, interrompendo l attività di suzione se incuriositi, segno di percezione dei cambiamenti nell ambiente. L attenzione selettiva indica che i n. di meno di 1 settimana preferiscono gli stimoli curvilinei a quelli acuminati, anche se tale preferenza svanisce quando gli stimoli sono collocati su uno sfondo omogeneo. Anche i contorni attirano l attenzione, maggiormente se curvilinei e le figure strutturate e complesse rispetto a quelle uniformi e semplici. L attenzione focalizzata è segno di attività cognitiva: si ritiene che la direzione dello sguardo e i tempi di fissazione nell esplorare uno stimolo indichino un attività cognitiva che seleziona, elabora e immagazzina le info. I n. sono attratti dalla novità dello stimolo e dalla sua complessità ed impiegano + tempo per osservare oggetti complessi rispetto ad uno stimolo già noto o semplice. L elaborazione degli stimoli è + veloce col progredire dell età perché i b. diventano capaci di cogliere la relazione tra le singole unità di informazione e quindi impiegano meno tempo nella percezione dello stimolo. Esistono differenze individuali nelle strategie utilizzate per selezionare ed elaborare lo stimolo: 1. short lookers: b. con tempi di reazione brevi poiché analizzano prima gli aspetti generali e poi quelli particolari; 2. long-lookers: b. che analizzano elemento x elemento con tempi lunghi di fissazione anche se, quando le condizioni dello stimolo sono facilitanti, tale strategia cambia e si comportano come gli short-lookers, quindi come gli adulti -> le caratteristiche dello stimolo influenzano la strategia. L attenzione obbligatoria Consiste nella fissazione protratta a lungo, con concentrazione, nei primi mesi di vita, con difficoltà a distogliere lo sguardo, ciò dimostra il carattere coercitivo che esclude la volontarietà nell esplorazione. In seguito il n. mostra segni di stress, irritabilità e di pianto. I n. sono costretti a fissare gli stimoli a causa della imperfetta coordinazione tra sistema oculomotorio e sistema attenzionale oppure a causa di una incompleta maturazione neuronale. Secondo la prospettiva classica, la coordinazione tra il sistema attenzionale e quello oculomotorio, separati alla nascita, si manifesta in seguito alla maturazione dai 3-4 mesi. L attenzione obbligatoria è causata da un controllo assente o carente, sul sistema oculomotorio, da parte dei meccanismi centrali ancora immaturi alla nascita. Secondo la prospettiva + recente l attenzione obbligatoria è un fenomeno connesso alla comparsa di un secondo circuito neurale che ha lo scopo di inibire l orientamento verso stimoli periferici ed inibisce temporaneamente il controllo oculomotorio.

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Psicologia dello sviluppo A cura di Luisa Camaioni Paola Di Blasio Edizioni Il Mulino Sommario: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. Lo studio dello sviluppo Lo sviluppo fisico e motorio Lo sviluppo percettivo Lo sviluppo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO 1 L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO Punto di convergenza tra le discipline biologiche, psicologiche e sociali, l ecologia dello sviluppo umano è un indirizzo di studio e ricerca che si propone di indagare

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli