Misure di mobilità - Definizioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misure di mobilità - Definizioni"

Transcript

1 Misure di mobilità - Definizioni La base di una specifica classe di analisi modale sperimentale è la misura di un insieme di Funzioni di Risposta in Frequenza (FRF). Il movimento può essere descritto in termini di spostamento, velocità o accelerazione. Le corrispondenti funzioni di risposta in frequenza sono cedevolezza, mobilità ed inertanza. Il termine "misura della mobilità" è usato, in senso generale, per descrivere ogni forma di FRF. Nella progettazione, la FRF più comunemente usata è la cedevolezza. La FRF generalmente usata per le misurazioni è l'inertanza, poiché i trasduttori del movimento più comodi ed efficaci sono gli accelerometri. Cedevolezza, mobilità ed inertanza sono algebricamente correlati, la misura di ognuno di questi può essere usata per il calcolo degli altri. (Attenzione però nel derivare i segnali!!!) 19 Analisi in Frequenza

2 Calcolo della FRF In linea teorica, la misura della mobilità dovrebbe comportare semplicemente l'eccitazione della struttura tramite una forza nota, la misura della risposta ed il calcolo del rapporto tra lo spettro della forza e quello della risposta. In pratica, tuttavia, si presentano degli altri problemi, quali: a) Rumore meccanico nella struttura, incluso il comportamento non-lineare b) Rumore elettrico nella strumentazione c) Limitata risoluzione dell'analisi Per ridurre la portata di questi problemi si devono applicare alcuni metodi statistici, per decidere come calcolare la FRF, dalle misure effettuate. Dati contenenti rumore casuale implicano generalmente una qualche forma di integrazione. Quali tecniche possiamo impiegare per integrare il rapporto uscita/ingresso?: 20 Analisi in Frequenza

3 Rumore nella misura dell'uscita. Per eseguire la misura, la struttura in esame viene sospesa. Il segnale della forza viene misurato da un trasduttore di forza collegato direttamente al punto dove la forza è applicata. A parte alcuni rumori elettrici di livello molto basso presenti nella strumentazione, I'eccitazione reale può così essere misurata. Altri processi dinamici (macchinari, vento, passi, ecc.) possono, insieme con rumori e processi dinamici interni, causare del rumore meccanico e produrre così delle vibrazioni nell'oggetto in esame. Il segnale di risposta non solo contiene la risposta causata dall'eccitazione misurata, ma anche la risposta causata all'eccitazione casuale, prodotta dall'ambiente. Possiamo perciò dire che questa misura contiene del rumore nel segnale in uscita misurato. Usando il metodo dei minimi quadrati, per ridurre gli effetti del rumore all'uscita, troviamo che il miglior estimatore della FRF è: H = ( F* X) / ( F* F) chiameremo questo estimatore H 1 ed il suo valore sarà pari al cross spettro, tra la risposta e la forza applicata, diviso per l'autospettro della forza stessa: H 1 ( ) = G FX ( ) / G FF ( ) Una rilevazione importante circa H 1 è che il rumore casuale presente nell'uscita viene rimosso durante il processo d'integrazione del cross spettro. Più è alto il numero di integrazioni e più H 1 si avvicina al valore reale di H. 21 Analisi in Frequenza

4 22 Analisi in Frequenza

5 Rumore nelle misure dell'ingresso. Nelle misure pratiche su una struttura, un'altra sorgente di rumore può apparire, quando viene usato un eccitatore. Alla sua frequenza naturale, la struttura diventa molto cedevole e ciò provoca delle ampiezze molto alte della vibrazione. Può quindi verificarsi che l'eccitatore usi tutta la sua energia per accelerare le sue componenti meccaniche, non disponendo quindi più di alcuna forza per eccitare la struttura. Il livello del segnale della forza può quindi cadere verso il normale livello di rumore nella strumentazione, in contrasto con la risposta, che si trova ora al massimo livello e copre probabilmente ogni rumore. Questa situazione può essere definita come avente del rumore all'ingresso. Lo stimatore che riduce al minimo l'effetto di tale rumore è: H 2 ( ) = G XX ( ) / G XF ( ) Usando H 2, il rumore d'ingresso viene rimosso dal cross spettro durante il processo d'integrazione. Più alto sarà il numero d'integrazioni e più H 2 si avvicinerà al reale valore di H. Quando del rumore è presente sia all'ingresso che all uscita, H 1 e H 2 formano generalmente l'intervallo di confidenza del valore reale di H. 23 Analisi in Frequenza

6 24 Analisi in Frequenza

7 L'analizzatore bicanale FFT Un analizzatore bicanale FFT può essere usato valutare la Funzione di Risposta in Frequenza. L'analizzatore può essere considerato come una "scatola nera" dall'operatore, che deve semplicemente fornire il segnale analogico di eccitazione e quello di risposta e quindi premere il "tasto FRF". Passi per effettuare l analisi spettrale: A) I segnali di ingresso analogico sono filtrati, campionati e digitalizzati, per dare una serie di sequenze digitali o registrazioni. Su di un tempo finito, queste registrazioni rappresentano la storia nel tempo dei segnali. La velocità del campionamento e la lunghezza della registrazione determinano la gamma di frequenza e la risoluzione dell'analisi. B) Ogni registrazione di una sequenza continua può essere moltiplicata (ponderata) per una funzione finestra. Questa tratta i dati sia all'inizio che alla fine di ogni registrazione per renderli più adatti all'analisi a blocchi. C) La sequenza è ponderata trasformata, nel dominio della frequenza, come uno spettro complesso, tramite una trasformazione discreta di Fourier. Questo processo è reversibile (una trasformazione inversa darà la sequenza temporale originale). Per stimare la densità spettrale di un segnale, alcune tecniche di integrazione devono essere usate per rimuovere il rumore ed aumentare la confidenza statistica. 1

8 D) Un autospettro viene calcolato moltiplicando uno spettro per il suo numero complesso coniugato (segno di fase opposto), e mediando un numero di prodotti indipendenti. E) Quando il numero complesso coniugato di uno spettro è moltiplicato per uno spettro di una grandezza fisica differente otteniamo un cross spettro. Il cross spettro è complesso, indica la differenza di fase tra l'uscita e l'ingresso ed una quantità che rappresenta il prodotto coerente della potenza all'ingresso e all'uscita. L'autospettro della forza e della risposta, insieme al cross spettro tra la forza e la risposta sono esattamente le quantità di cui abbiamo bisogno per la stima di FRF e della coerenza. 2

9 3

10 4

11 Scelta dell'estimatore ottimale FRF Per concludere la nostra discussione sugli estimatori FRF e sugli errori di misura, possiamo stabilire delle regole empiriche, di aiuto per il personale addetto alle prove. In ogni misurazione è probabile che ad alcune frequenze ci sia del rumore all'ingresso, ad altre frequenze del rumore in uscita e, ad altre ancora, del rumore sia all'ingresso che all'uscita. Nei sistemi con delle alte risonanze e delle profonde antirisonanze, nessun estimatore coprirà l'intera gamma di frequenza senza, con questo, introdurre degli errori di bias. L'estimatore ottimale deve essere scelto sulla base della FRF stessa: a) Eccitazione casuale e risonanze. H 2 ( ) = G XX ( ) / G XF ( ) è il miglior estimatore poiché cancella il rumore all'ingresso ed è meno sensibile alla dispersione. b) Antirisonanze. H 1 ( ) = G FX ( ) / G FF ( ) è il miglior estimatore, poiché il problema dominante è il rumore all'uscita. c) Eccitazione ad impatti e pseudo-casuale. H1 e H2 saranno generalmente uguali alle risonanze. H1 è preferibile essendo il miglior estimatore alle antirisonanze. In generale, con il rumore casuale presente sia all'ingresso che all'uscita, H1 e H2 costituiscono i limiti di confidenza del reale H H1 H H2 5

12 ALIASING In un analizzatore se il tempo di campionamento è t ed il segnale da analizzare contiene componenti in frequenza superiori a 1/2 t, si verifica un fenomeno chiamato aliasing o ripiegamento della funzione nel dominio della frequenza. Gli analizzatori limitano gli effetti di queste problematiche attraverso un filtro passa basso (filtro antialiasing) con una frequenza di taglio di 1/2 t con una pendenza di -140dB/ottava. Nelle figure sono riportate due onde sinusoidali di differente frequenza, campionate con lo stesso tempo. 6

13 Differenza tra un onda quadra acquisita con e senza il filtro antialiasing: 7

14 TRONCAMENTO TEMPORALE: È un problema direttamente correlato alla necessità di considerare una time history di lunghezza finita e di poterla considerare come periodica. In figura sono riportate due funzioni sinusoidali a frequenza diversa, ma campionate prendendo lo stesso intervallo temporale, all interno del quale la periodicità non è perfetta per una delle due funzioni. Il troncamento nel tempo porta ad una dispersione nella frequenza. La dispersione si rivela nei picchi misurati, che sono troppo ampi e bassi. Questo effetto può essere causato dall'utilizzazione di una risoluzione in frequenza insufficiente per l'analisi. 8

15 L'esperienza indica che l'estimatore H 2 può ridurre drasticamente l errore di dispersione. In una misura tipica noi eccitiamo generalmente la struttura usando uno spettro piatto, che può essere quindi misurato senza alcun errore di dispersione. Il cross spettro riflette i picchi acuti nella risposta, e può essere distorto dalla dispersione. H 1 è il rapporto tra uno spettro con dispersione ed uno spettro senza dispersione. H 1 include perciò la dispersione. H 2, per contrasto, è il rapporto tra due spettri con risonanze acute, entrambi soggetti ad errori di dispersione; nel loro rapporto gli errori tendono ad annullarsi. 9

16 Ricordiamo che: I dati possono essere rappresentati normalmente in due differenti domini, tempo o frequenza. E' la stessa informazione che viene fornita, ma rappresentata in due modi diversi. Ricordate che un evento ampio in un dominio è stretto nell'altro: 1) Impulsi brevi hanno un ampio spettro da 0 Hz fino a frequenze molto alte. 2) Una sinusoide continua ha solo una linea spettrale. 3) Una risonanza acuta risuona per un lungo tempo, quando viene eccitata. Relazione tra troncamento e dispersione: Quando l'ampiezza di osservazione è limitata in un dominio, la registrazione è troncata, e la dispersione corrispondente è introdotta nell'altro dominio: 1) Se tentiamo di misurare un impulso acuto, usando della strumentazione che non abbia una sufficiente larghezza di banda, I impulso stesso apparirà più ampio di quanto sia realmente. 2) Quando misuriamo una risonanza in smorzamento usando un tempo di osservazione più corto del tempo di decadimento, il picco di risonanza osservato è troppo ampio. Le dispersioni introducono un errore non-lineare che è correlato alla lunghezza di record della trasformata discreta di Fourier. Questa è una proprietà intrinseca e non è correlata al modo di esecuzione dell'osservazione. 10

17 11

18 Troncamento temporale FINESTRE TEMPORALI Le finestre temporali impongono un profilo definito al segnale temporale prima di fare la trasformata di Fourier. FINESTRA RETTANGOLARE: è definita da uno step di durata finita all interno del quale il segnale è preso senza alcuna variazione. FINESTRA DI HANNING o sinusoidale: elimina in maniera consistente il troncamento. Altre tipologie di finestrature: FINESTRA TRANSIENTE: utilizzata generalmente per prove ad impatto, fa passare i dati, non ponderati, durante l impatto; annulla tutti gli altri per il resto della registrazione. FINESTRA ESPONENZIALE: per fenomeni transienti. 12

19 13

20 La Finestra Transiente La durata di un impatto è normalmente molto breve rispetto alla lunghezza di registrazione. Particolare attenzione si dovrà quindi prestare all'uso della finestra. È il segnale di forza durante l'impatto che ci interessa. La rimanente parte del segnale è rumore. Questo può essere rumore elettrico o vibrazione nel martello, dopo l'impatto. La finestra da usare è la finestra transiente. Questa fa passare i dati, non ponderati, durante la durata dell'impatto, e annulla tutti gli altri per il resto della registrazione. La finestra può includere delle transazioni morbide, ai due bordi laterali della finestra, per migliorare il livellamento quando il segnale di forza contiene una componente DC. Quando esaminiamo l'evoluzione nel tempo della forza d'impatto, possiamo rilevare dei segnali di segno negativo. Dal punto di vista fisico ciò non è ammesso, ma poiché stiamo misurando la forza all'interno di una gamma di frequenza limitata (troncamento), questo breve effetto è una rappresentazione corretta, nella particolare gamma di frequenza (dispersione). La lunghezza della finestra della forza deve essere scelta in modo che l'intero segnale sia incluso. Doppio impatto. Se il martello è troppo pesante, la struttura potrebbe rimbalzare sul martello, producendo così un doppio impatto. Il verificarsi di impatti doppi dipende anche dall'abilità dell'operatore. Un impatto doppio non può essere utilizzato per le misure poiché lo spettro conterrà dei punti a valore zero spaziati di n/t r dove n è un numero intero e t r è il ritardo di tempo tra i due impatti. Tutte le funzioni di risposta in frequenza (FRF), misurate quando si verifica un doppio impatto, sono errate e da escludere dall insieme dei dati. 14

21 15

22 La Finestra Esponenziale La risposta ad un impatto è uno smorzamento libero di tutti i modi di vibrazione. Consideriamo due situazioni tipiche: 1) Una struttura leggermente smorzata che dia delle risonanze acute che risuonano per lungo tempo (strette in frequenza, ampie nel tempo). Se la lunghezza di registrazione è più breve del tempo di decadimento, la misura presenterà un errore di dispersione (troncamento nel tempo, dispersione in frequenza) che renderà le risonanze osservate troppo basse ed ampie. 2) Una struttura molto smorzata dove la risposta decada molto rapidamente e che presenti quindi un valore zero della risposta dopo un intervallo molto breve di tempo. Se la lunghezza di registrazione è molto più lunga del tempo di decadimento otterremo un rapporto segnale - rumore molto basso, e la misura verrà così contaminata dal rumore. La finestra esponenziale sarà ugualmente utile in entrambi questi casi. Questa è una funzione seguente effetto: W( t) e t r che aggiunge dello smorzamento alla risposta, con il 1) Nel caso della struttura leggermente smorzata, la risposta è obbligata a decadere completamente all'interno della registrazione, così che vengono evitate le dispersioni dovute al troncamento. L'effetto osservato sulla misura è che la risonanza diventa troppo ampia, o lo smorzamento apparente è troppo alto. Una correzione di smorzamento può essere facilmente applicata nello stadio di post-elaborazione. 2) Nel caso della struttura molto smorzata, il rumore è attenuato dalla finestra. Una correzione di smorzamento non è richiesta poiché il decadimento naturale è generalmente molto più veloce di quello della funzione finestra. 16

23 17

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

Capitolo 4 Tecnica di analisi on-line

Capitolo 4 Tecnica di analisi on-line Capitolo 4:Tecniche di analisi in on-line 70 Capitolo 4 Tecnica di analisi on-line 4.1 Introduzione L analisi in tempo reale di un sistema complesso comporta la scelta di tecniche di analisi di tipo statistico

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Elaborazione dei segnali 1 Sommario Elaborazione del segnale Sistemi lineari tempo invarianti (LTI), tempocontinui e tempo-discreti Analisi di Fourier

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2 Lezione 14 1 Funzioni di trasferimento Lezione 14 2 Introduzione Lezione 14 3 Cosa c è nell Unità 4 In questa sezione si affronteranno: Introduzione Uso dei decibel e delle scale logaritmiche Diagrammi

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali

Revisione dei concetti fondamentali Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Argomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza rgomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B. Evento prodotto: Evento in cui si verifica sia A che B ; p(a&b) = p(a) x p(b/a)

Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B. Evento prodotto: Evento in cui si verifica sia A che B ; p(a&b) = p(a) x p(b/a) Probabilità condizionata: p(a/b) che avvenga A, una volta accaduto B Eventi indipendenti: un evento non influenza l altro Eventi disgiunti: il verificarsi di un evento esclude l altro Evento prodotto:

Dettagli

Analizzatori di spettro in Tempo Reale: sono tutti uguali? (G. Amadasi - S.C.S. Controlli e Sistemi)

Analizzatori di spettro in Tempo Reale: sono tutti uguali? (G. Amadasi - S.C.S. Controlli e Sistemi) Analizzatori di spettro in Tempo Reale: sono tutti uguali? (G. Amadasi - S.C.S. Controlli e Sistemi) Introduzione L introduzione delle tecniche DSP (Digital Signal Processing) per l analisi di suoni e

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

APPLICATION NOTE. Analisi Envelope per la diagnosi di difetti sui cuscinetti Autore Hans Konstantin-Hansen, Brüel & Kjær, Denmark

APPLICATION NOTE. Analisi Envelope per la diagnosi di difetti sui cuscinetti Autore Hans Konstantin-Hansen, Brüel & Kjær, Denmark APPLICATION NOTE Analisi Envelope per la diagnosi di difetti sui cuscinetti Autore Hans Konstantin-Hansen, Brüel & Kjær, Denmark L'analisi Envelope o Demodulazione di Ampiezza consente di estrarre il segnale

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda.

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda. Analisi dei segnali. Dominio del tempo e della frequenza. Teorema di Fourier e analisi armonica. Spettro di un segnale. Spettro di forme d'onda elementari. Spettro di un impulso. Spettro di segnali non

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

[ dbm] = 0 dbm " 0,2 #100 db = " 20 dbm

[ dbm] = 0 dbm  0,2 #100 db =  20 dbm Esercizi di comunicazioni ottiche (SNR, Q, BER) Consideriamo il caso di una linea in fibra ottica lunga 00 km con attenuazione di 0, db/km e dispersione cromatica compensata. Supponiamo poi di avere una

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione 12/02/09 IPSIA Antonio Pacinotti - Pistoia Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo Laboratorio di Sistemi Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione Gualtiero Lapini

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11 Indice: Introduzione 2 L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3 Adsr 4 I cavi 6 Tipo di connettori 7 Gli alimentatori 9 L'amplificatore 11 Le valvole 15 I trasduttori elettroacustici 16 Il compressore

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

VALUTAZIONE D'IMPATTO ACUSTICO (V.I.A.)

VALUTAZIONE D'IMPATTO ACUSTICO (V.I.A.) VALUTAZIONE D'IMPATTO ACUSTICO (V.I.A.) DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA DELLA RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE ATTENZIONE: Valutazione d'impatto acustico si distingue in: valutazione previsionale valutazione

Dettagli

Equalizzatori e Filtri

Equalizzatori e Filtri Equalizzatori e Filtri Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Nozioni generali Quando un segnale elettrico rappresentante un'onda acustica (per esempio il segnale che esce da un microfono) entra in un circuito,

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Codifiche a lunghezza variabile

Codifiche a lunghezza variabile Sistemi Multimediali Codifiche a lunghezza variabile Marco Gribaudo marcog@di.unito.it, gribaudo@elet.polimi.it Assegnazione del codice Come visto in precedenza, per poter memorizzare o trasmettere un

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA Lezione n 8: Caratteristiche acustiche dei materiali: Isolamento acustico e potere fonoisolante delle pareti Comportamento dei materiali nei confronti dell

Dettagli

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Centro sui Rischi nelle Costruzioni INDICE DELLA PRESENTAZIONE - Concetti base di dinamica dei sistemi discreti oscillazioni libere e smorzamento

Dettagli

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura La dinamica degli edifici e le prove sperimentali La Norma UNI 9916 prende in considerazione in modo esplicito il caso della misura delle vibrazioni finalizzata allo: Studio del comportamento dinamico

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso Associazione CONGENIA OSFIN - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna - Anno 2012/2013 Corso di alta formazione per "TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA" Programma e calendario del corso Modulo 1: Fondamenti

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 03

ELEMENTI DI ACUSTICA 03 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 01/013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni EEMENTI DI ACUSTICA 03 PROPAGAZIONE DE SUONO 0 DIRETTIVITA DEA SORGENTE FREQUENZA SONORA PROPAGAZIONE

Dettagli

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Conversione A/D Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione TEORIA DEI SEGNALI Introduzione L obiettivo principale di un servizio di telecomunicazione è il trasferimento dell'informazione emessa da una sorgente agli utenti cui è destinata, nell'ambito di una particolare

Dettagli

Elementi di sismologia

Elementi di sismologia Elementi di sismologia Sismologia e Rischio Sismico Anno Accademico 2009-2010 Giovanna Cultrera, cultrera@ingv.it Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Trasformata di Fourier Premessa: l equazione

Dettagli

CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI

CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI 1 Fondamenti di segnali Fondamenti e trasmissione TLC Segnali in formato numerico Nei moderni sistemi di memorizzazione e trasmissione i segnali in ingresso sono

Dettagli

Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni

Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazione nel dominio della frequenza Soluzioni 1 La trasformata discreta 1D Calcoliamo lo spettro di x(n) = R L (n) al variare di L = 2, 10, 20,

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Esercizio 1 Si consideri il seguente modello ad effetti fissi con variabili binarie: + 1 2 a) supponete che N=3. Si mostri che i regressori

Dettagli

Tesina: Applicazioni dell analisi di Fourier per il trattamento di segnali in due dimensioni

Tesina: Applicazioni dell analisi di Fourier per il trattamento di segnali in due dimensioni Manuela Di Mauro Ingegneria per l ambiente ed il territorio Matr 32311 Laboratorio sull analisi di Fourier Tesina: Applicazioni dell analisi di Fourier per il trattamento di segnali in due dimensioni Introduzione:

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Appendice A Rappresentazione dei segnali A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Scomporre una generica forma d onda s(t) in somma di opportune funzioni base è operazione assai comune, particolarmente

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW All.n.7 GAD PEC RI2 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW Easy MASW La geofisica osserva il comportamento delle onde che si propagano all interno dei materiali. Un segnale sismico, infatti, si modifica

Dettagli

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza INDICE: Filtri RC e CR 1. Analisi nel dominio della frequenza 1.1. Filtro PASSA BASSO 1.2. Filtro PASSA ALTO 1.3. Filtro PASSA ALTO + PASSA BASSO 1.4. Filtri PASSA BASSO IN CASCATA 2. Analisi nel dominio

Dettagli

Lezione B4 - DDC 2003 1

Lezione B4 - DDC 2003 1 Elettronica per le telecomunicazioni Unità B: Anelli ad aggancio di fase (PLL) Lezione B.4 Sintetizzatori, DDS, CDR, DLL principio e parametri di DDS data recovery, CDR sincronizzazione clock con DLL Elettronica

Dettagli

Metodi di previsione

Metodi di previsione Metodi di previsione Giovanni Righini Università degli Studi di Milano Corso di Logistica I metodi di previsione I metodi di previsione sono usati per ricavare informazioni a sostegno dei processi decisionali

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

Autenticazione Vocale

Autenticazione Vocale Autenticazione Vocale (A. Gorziglia) INTRODUZIONE: perché usare i sistemi biometrici per l autenticazione. Il motivo principale è quello di impedire all utente di perdere (o dimenticare) la chiave di autenticazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE  VILLAGGIO DEI RAGAZZI  (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO Anno scolastico 2005/2006 Materia di insegnamento: TELECOMUNICAZIONI Ore settimanali: 3 Classe: 4^ Sezione: A Docente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

1 - Analisi modale sperimentale.

1 - Analisi modale sperimentale. 1 - Analisi modale sperimentale. 1.1 - Modi propri di una struttura e metodo della sovrapposizione modale. I modi propri di una struttura, supposta discretizzata come un sistema ad n gradi di libertà,

Dettagli

Misuratore ed analizzatore della esposizione umana alle vibrazioni in ambiente di lavoro e in ambiente di vita

Misuratore ed analizzatore della esposizione umana alle vibrazioni in ambiente di lavoro e in ambiente di vita Misuratore ed analizzatore della esposizione umana alle vibrazioni in ambiente di lavoro e in ambiente di vita L opzione HVMA di Soundbook è una soluzione dedicata per la misura e l analisi del rischio

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

In questa seconda puntata

In questa seconda puntata TEORIA TEORIA MHZ RISORSE MHZ SPECIALE RISORSE SPECIALE PRATICA Visual Analyser 90 In questa seconda puntata presentiamo una delle applicazioni del programma Visual Analyser: la misura della risposta in

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

T = 0.16 (s) S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota di applicazione

T = 0.16 (s) S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota di applicazione Nota di applicazione ARMANI Alberto 09-2009 Premessa Nelle misure di acustica edilizia ed acustica architettonica, la valutazione del tempo di riverberazione si è sempre dimostrata la più critica e la

Dettagli

Carichiamo il segnale contenuto nel file ecg_es_20121128.mat

Carichiamo il segnale contenuto nel file ecg_es_20121128.mat Esercitazione su analisi segnale ECG Carichiamo il segnale contenuto nel file ecg_es_20121128.mat Il file contiene due variabili - dt, che vale 0.004 - ecg, che è vettore lungo 6500 campioni La frequenza

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA ESAME DEL 17/06/2015 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Esercizio 1 Un sistema

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

Motivazioni e Obiettivi EMC Group @ POLIMI Dip. ELETTROTECNICA

Motivazioni e Obiettivi EMC Group @ POLIMI Dip. ELETTROTECNICA Propagazione del Rumore nei Sistemi di Misura EMI nel Dominio del Tempo D. Bellan and S. A. Pignari POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di ELETTROTECNICA EMC Group @ POLIMI Milano, Italy 1 Motivazioni e

Dettagli

Matlab per applicazioni statistiche

Matlab per applicazioni statistiche Matlab per applicazioni statistiche Marco J. Lombardi 19 aprile 2005 1 Introduzione Il sistema Matlab è ormai uno standard per quanto riguarda le applicazioni ingegneristiche e scientifiche, ma non ha

Dettagli

INTERFEROMETRO (Michelson)

INTERFEROMETRO (Michelson) S I beam splitter Semispecchio divide il raggio sorgente in due raggi, inviandoli a due specchi distinti: uno fisso e l altro mobile δ (OM - OF) INTERFEROMETRO (Michelson) specchio fisso OF OM + D m specchio

Dettagli

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione Il Suono Digitale Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale Introduzione pag 1 Vantaggi del segnale digitale pag 2 Svantaggi della rappresentazione digitale pag 2 Schema della catena audio

Dettagli

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto.

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto. «Possiamo conoscere qualcosa dell'oggetto di cui stiamo parlando solo se possiamo eseguirvi misurazioni, per descriverlo mediante numeri; altrimenti la nostra conoscenza è scarsa e insoddisfacente.» (Lord

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Digitalizzazione EMG: Valori Tipici

Digitalizzazione EMG: Valori Tipici Digitalizzazione EMG: Valori Tipici Tipo Segnale Ampiezza V IN Risoluzione EMG ad Ago 0.1 20 mv 25600 µv 0.39 µv/digit 2 10000 Hz VCM 0.1 20 mv 25600 µv 0.39 µv/digit 2 10000 Hz VCS 1-100 µv 3200 µv 48.8

Dettagli

ERRORI NELLA MISURA DEL RUMORE AMBIENTALE. (1) SCS Controlli e Sistemi - g.m.amadasi@scs-controlsys.com (2) 01dB Italia S.r.l. cerniglia@01db.

ERRORI NELLA MISURA DEL RUMORE AMBIENTALE. (1) SCS Controlli e Sistemi - g.m.amadasi@scs-controlsys.com (2) 01dB Italia S.r.l. cerniglia@01db. ERRORI NELLA MISURA DEL RUMORE AMBIENTALE Giovanni Amadasi (1), Andrea Cerniglia (2) (1) SCS Controlli e Sistemi - g.m.amadasi@scs-controlsys.com (2) 01dB Italia S.r.l. cerniglia@01db.it Sommario La presentazione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli