Reuflor D3 nell anziano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reuflor D3 nell anziano"

Transcript

1 Reuflor D3 nell anziano S W O T Materiale di addestramento per l ITS Italchimici realizzato da SWOT&Management

2 I Batteri all origine della vita1 Nelle scienze naturali, l'origine della vita viene ricondotta alla teoria dell'abiogenesi (dal greco a-bio-genesis, "origini non biologiche"). L'origine della vita sulla Terra è databile entro un periodo compreso tra i 4,4 miliardi di anni fa, quando l'acqua allo stato liquido comparve sulla superficie terrestre, e i 2,7 miliardi di anni fa, quando la prima incontrovertibile evidenza della vita fu verificata con gli isotopi stabili e biomarcatori molecolari con l'attività di fotosintesi. Dal punto di vista scientifico, la spiegazione dell'origine della vita parte dal presupposto fondamentale che le prime forme viventi si originarono da materiale non vivente, attraverso reazioni che, attualmente, non sono più in atto sul nostro pianeta. La prima tappa fondamentale è stata la produzione di semplici molecole organiche, come amminoacidi e nucleotidi, realizzabile nelle condizioni chimico-fisiche della Terra primordiale. Da questi semplici composti organici, concentrati nei mari in un brodo primordiale, si formarono delle cellule dotate dei requisiti minimi essenziali per poter essere considerate viventi, cioè la capacità di utilizzare materiali presenti nell'ambiente per mantenere la propria struttura, organizzazione e potersi riprodurre. I batteri, quali organismi procarioti (privi di nucleo) rappresentano i più basso livello dai cui è partito il processo evolutivo degli essere viventi. Batteri e Vita

3 I Batteri all origine della vita Domini/Regni Animalia Plantae Fungi Eucarioti multicellulari Eucarioti multicellulari Eucarioti multicellulari Protista Eubacteria Archaebacteria Procarioti Unicellulari Procarioti Unicellulari Batteri Batteri Complessità Gli esseri viventi sono classificati come: Dominio Procarioti Eucarioti Eucarioti uni e multicellulari Precambiano Epoca Attuale 2 Regno Archaebacteria Eubacteria Protista Plantae Animalia Fungi

4 I batteri: la gerarchia tassonomica3 Quando si classifica un essere vivente (procariota senza nucleo o eucariota con nucleo), lo si inserisce in categorie via via più specifiche. Per prima cosa lo si colloca in un regno: es Bacteria quindi in una divisione o phylum: es Proteobacteria quindi la classe: es. γ-proteobacteria l'ordine: es. Enterobacteriales la famiglia: es. Enterobacteriaceae il genere: es. Escherichia la specie: es. coli il ceppo: es E. coli O157:H7 (enteropatogeno) La maggior parte delle comunità microbiche intestinali appartiene al regno dei Bacteria e degli Archea. Il primo, più numeroso nel tratto intestinale, comprende molti phyla, diversamente distribuiti: Bacteroidetes ( 23%) che comprende 3 classi di Bacteroides; Firmicutes (64%) che comprende Bacilli, Clostridi e Mollicutes; Proteobacteria (8%), batteri Gram negativi come ad esempio Escherichia coli ed Helicobacter pylori; Actinobacteria ( 3% ) che comprende specie quali i Bifidobacterium. Tassonomica Specie Genere F Famiglia E Ordine C D B Classe Phylum Regno A Il regno dei Bacteria comprende 30 phyla: Acidobacteria, Actinobacteria, Aquificae, Armatimonadetes, Bacteroidetes, Caldiserica, Chlamydiae, Chlorobi, Chloroflexi" Chrysiogenetes, Cyanobacteria, Deferribacteres, Deinococcus, Dictyoglomi, Elusimicrobia, Fibrobacteres, Firmicutes, Fusobacteria, Gemmatimonadetes, Lentisphaerae, Nitrospira, Planctomycetes, Proteobacteria, Spirochaetes, Synergistetes, Tenericutes,Thermodesulfobacteria Thermomicrobia,Thermotogae, Verrucomicrobia. Ogni phylum comprende numerose classi.

5 Bacteroidetes3 ll phylum Bacteroidetes comprede tre classi: Bacteriales, Sphingobacteriales, Flavobacteriales. Nella classe Bacteriales il genere Bacteroides costituisce il 24-25% del microbiota GI. Sono specie anaerobiche Gram-, con struttura a bastoncino, non formanti spore e resistenti ai sali biliari, con notevoli capacità adattative. I Bacteroides giovano un ruolo importante nel processare molecole complesse in forme semplici per l intestino dell ospite. I Bacteroides possono utilizzare semplici zuccheri come fonte energetica, ma se questi non sono disponibili possono utilizzare i glicani derivanti dalle piante. Tuttavia i Bacteroides sono associati a diete ricche di proteine animali a grassi saturi, mentre specie batteriche come la Prevotella aumentano nel microbiota intestinale quando l ospite ha una dieta ricca di carboidrati e zuccheri semplici. La specie più importante dal punto di vista clinico è il Bacteriodes fragilis che può trasformarsi in patogeno opportunistico e causare appendicite ed infezioni nella cavità peritoneale. In generale, Bacteroides sono resistenti agli antibiotici β-lattamici, aminoglicosidici ma sensibili a metronidazolo e cloramfenicolo. Bacteroidetes Classe:Sphingobacteriales Classe:Flavobacteriales Classe Bacteriales Classe Bacteriales Famiglia: Bacteroidaceae Bacteroides, Acetomicrobium, ecc. Famiglia: Marinilabiliaceae Anaerophaga, Geofilum, ecc. Famiglia: Porphyromonadaceae Barnesiella,Butyricimonas, ecc. Famiglia: Prevotellaceae, Alloprevotella Prevotella, ecc. Famiglia: Rikenellaceae Alistipes, Anaerocella, ecc. Alcune specie della famiglia dei Bacteroides: B. acidifaciens B. gracilis B. fragilis B. putredinis B. pyogenes B. stercoris B. thetaiotaomicron

6 Firmicutes3 Il phylum Firmicutes, dal latino firmus (forte) e cutis (pelle), sono caratterizzati da uno strato di peptidoglicano che conferisce loro durezza. Sono batteri Gram+, comprendenti 250 generi suddivisi in due classi: Bacilli e Clostridi. All ordine Bacillales appartengono batteri aerobi facolativi o obbligati con la tipica forma a bastoncello, comprendono diverse famiglie: Bacillaceae, Lactobacillaceae, Leuconostocaceae, Streptococcaceae I Clostridia sono anaerobi obbligati che metabolizzano carboidrati e proteine con produzione di alcoli, acido acetico, acido butirrico e sostanze volatili come anidride carbonica, idrogeno e acido solfidrico. Circa l 8% degli adulti sono portatori sani di Clostridium difficile, che può causare diarrea, febbre, con sviluppo di colite pseudomembranosa in soggetti che assumono antibiotici. Oltre il 70% dei batteri del microbiota GI dell adulto appartiene al phylum Firmicutes, il resto della popolazione batterica è rappresentato dai phyla Bacteroidetes (20%), Actinobacteria (5%) e altri phyla. La diminuzione del rapporto Firmicutes/Bacteriodetes rappresenta uno dei marker dell obesità. La maggior parte dei probiotici immessi nel mercato appartiene alla famiglia delle Lactobaciliaceae, in particolare al genere Lactobacillus. Firmicutes Classe: Bacilll (o Firmibacteria) Ordine: Bacillales Famiglia Bacillaceae Bacillus, Listeria, ecc. Famiglia Lactobacillaceae Lactobacillus, Pediococcus, ecc. Famiglia Leuconostocaceae Leuconostoc, Weissella ecc. Famiglia Streptococcaceae Lactococcus, Streptococcus, ecc. Classe: Clostridia Ordine: Clostridiales Famiglia Clostridiaceae Clostridium

7 Actinobacteria3 Il phylum Actinobacteria comprende 5 sottoclassi di batteri Gram+ ad ampia varietà di morfologia, coccoide (Micrococcus), bacilliforme (Arthrobacter), frammenti di ifa (Nocardia spp.), micelio (Streptomyces spp). Questi batteri possiedono diverse proprietà fisiologiche e metaboliche come la produzione di enzimi e formazione di vari metaboliti. Il phylum include patogeni (Mycobacterium spp., Nocardia spp., Tropheryma spp., Corynebacterium spp. e Propionibacterium spp.), abitanti del suolo (Streptomyces spp.), commensali delle piante (Leifsonia spp.), simbioti fissanti l azoto (Frankia) ed abitanti del tratto gastrointestinale (Bifidobacterium spp.). Le Bifidobacteriaceae comprendono 4 generi, Bifidobacterium, Gardnerella, Scardovia, e Parascardovia. Il genere Bifidobacterium contiene 6 specie: B. boum, B. asteroides, B. adolescentis, B. longum, B. pullorum, and B. pseudolongum I Bifidobacteria sono anaerobi, non mobili, non sporulano, non producono gas. Sono stati isolati in diverse nicchie ecologiche: intestino, cavità orale, cibi. Actinobacteria Phylum: Actinobacteria Generi: Actinomycetales Actinomyces Arthrobacter Bifidobacterium Corynebacterium Frankia Micrococcus Micromonospora Mycobacterium Nocardia Propionibacterium Streptomyces Bifidocbacteriaceae Famiglia: Bifidobacteriaceae Generi: Gardnerella Scardovia, Parascardovia Bifidobacterium: B. boum B. asteroides, B. adolescentis, B. longum, B. pullorum, B. pseudolongum

8 Lactobacillaceae3 Il genere Lactobacillus comprende numerose specie di batteri Gram positivi anaerobi facoltativi o microaerofili di forma bastoncellare. In natura ne esistono almeno 60 specie e costituiscono la maggior parte del gruppo di batteri lattici, in quanto la quasi totalità dei loro membri converte il lattosio e altri zuccheri in acido lattico mediante la fermentazione lattica. Sono molto comuni e di solito non patogeni. Negli esseri umani sono presenti nella vagina e nel tratto gastrointestinale, in cui sono simbiotici e costituiscono una piccola parte del microbiota umano. I lactobacilli producono soprattutto acido lattico per fermentazione degli zuccheri, riducendo il ph dell'ambiente in cui crescono, ma anche acido acetico, etanolo, anidride carbonica ed altri composti secondari. L'acidificazione del loro ambiente inibisce la crescita di alcuni microrganismi patogeni. Questa funzione ha riscontro nella vagina, dove il Lactobacillus costituisce il 97%-98% della flora microbica normale ed evita la proliferazione di altri microbi mantenendo il ph su valori attorno al 5. I lactobacilli sono distinti in omofermentativi, nel caso producano quasi esclusivamente acido lattico, oppure eterofermentativi, se producono anche altri composti come l acido acetico. Lactobacillaceae Ordine: Lactobacillales Famiglia: Lactobacillaceae Genere: Lactobacillus Specie L. acidophilus L. agilis L. amylovorus L. aviarius L. brevis L. casei L. crispatus L. delbrueckii L. fermentum L. gallinarum L. gasseri L. gastricus L. helveticus L. iners L. intestinalis L. jensenii L. johnsonii L. kefiri L. mucosae L. murinus L. plantarum L. reuteri L. rhamnosus L. sakei L. salivarius L. vaginalis L. vini altri

9 Proteobacteria3 A questo phylum appartiene la famiglia delle Enterobacteriaceae, che include un numero ampio di batteri, il cui habitat naturale è costituito dall'intestino dell'uomo e di altri animali. Questi batteri sono accomunati da caratteristiche antigeniche e biochimiche tipiche dell'intero gruppo. Tutti gli Enterobatteri sono bastoncelli Gram-negativi, asporigeni. Possono essere mobili o immobili, quasi tutti provvisti di pili. Sono Aerobi-anaerobi facoltativi e normali terreni di coltura consentono la loro crescita. La superficie della cellula degli enterobatteri vede la presenza di molecole di lipopolisaccaride (LPS), caratteristica comune di tutti i batteri Gram-negativi. Questa molecola contribuisce alla proprietà tossica di questi batteri. Gli enterobatteri sono responsabili di varie manifestazioni infettive: 1. Infezioni sistemiche, causate dalle febbri enteriche, quali tifo e paratifo. 2. Infezioni intestinali, costituite da gastroenteriti o enteriti causate da batteri di stipiti specifici del genere Escherichia, Salmonella e Shigella. I sintomi sono diarroici e dissenterici. 3. Infezioni urinarie, quasi sempre causate da alcuni tipi di Escherichia coli. Enterobacteriaceae Phylum: Proteobacteria Famiglia: Enterobacteriaceae Generi principali: Escherichia Shigella Salmonella Citrobacter Klebsiella Enterobacter Serratia Proteus Providencia Morganella Yersinia

10 Il microbioma umano4,5 Il microbioma è l'insieme dei microrganismi, dei loro genomi e delle interazioni ambientali che questi stabiliscono in un dato ambiente. I microrganismi che abitano con l'uomo hanno una tale influenza sulla sua fisiologia che dovrebbero essere considerati parte del genoma umano. Dopo la mappatura del genoma umano, nel 2008 fu avviato il Progetto microbioma umano (HMP, Human Microbiome Project), frutto di collaborazioni tra grandi centri di sequenziamento genomico negli Stati Uniti ed in Europa (Metagenomics of Human Intestine), per studiare come questi microrganismi coesistano con l uomo. La mappatura del microbioma umano è stata completata a Giugno del Per determinare i microrganismi presenti in oltre 5000 campioni raccolti è stato sequenziato il gene per la subunità 16S dell'rna ribosomiale (gene condiviso da tutti i batteri ma non dagli esseri umani), che funziona come un codice a barre per identificare e contare i microbi presenti. Poi è stato sequenziato tutto il DNA presente in ogni singolo campione per creare le cosiddette sequenze metagenomiche. In questo modo, sequenziando tutti i geni di una comunità microbica, è stato possibile decifrare le capacità metaboliche dei batteri, grazie anche a nuovi metodi di analisi per comprendere questi grandi insiemi di dati. Infine, è stata compilata una lista dei batteri più interessanti, su cui concentrare l'analisi in futuro, che comprende appena 119 microbi, del cui genoma verrà eseguito il sequenziamento completo. Terminologia Microbiota umano Communità di microrganismi viventi presenti nell uomo (virus, archaebacteria, eubacteria, protista, fungi). Microbioma L insieme dei genomi del microbiota. Phylogenetica o taxonomica Composizione (es., analisi del 16S rrna genetico). Metagenomica Studio del materiale genetico direttamente dai campioni ambientali (potenziale genetico o funzionale). Metatranscriptomica Studio del tutti gli RNA trascritti (mrna, rrna, trna), da una cellula vivente. Metaproteonomica Studio delle proteine e delle loro funzioni prodotte da una cellula. Metabolomica Studio delle impronte chimiche lasciate da specifici processi cellulari quindi i profili metabolici delle molecole cellulari.

11 La scienza del microbiota umano5 Comunità microbica Quali microbi ci sono? Quale potenziale genetico? Che cosa fanno? Acidi nucleici RNA Proteine rrna 16S ribosomiale Meta transcriptomica Meta proteonomica Metaboliti Meta bolomica DNA Meta genomica

12 Il microbiota gastrointestinale umano6 ll microbiota GI ha mostrato di avere tre importanti caratteristiche: Fattori di disturbo 4 1. Diversità individuale in relazione a: Stato di salute Profilo genetico dell ospite Esposizione ambientale Dieta Esposizione ad agenti chimici/farmaci Stili di vita Età 2. Stabilità Il microbiota possiede uno stato di equilibrio rappresentato da un nucleo di microrganismi (cuore del microbiota) che malgrado i cambiamenti temporali dei singoli microrganismi gli permette di mantenere l importante ruolo di protezione immune, di produzione ed assimilazione dei nutrienti. 3. Capacità di recupero (Resilience) Il microbiota alterato da vari fattori di disturbo ha la capacità di recuperare il proprio stato di equilibrio nel tempo o un nuovo stato mantenendo le proprie funzioni. Il cuore del microbioma umano è un insieme di geni presenti in un dato habitat della maggioranza degli esseri umani. Nell abitat GI la variabilità del microbioma (in blue) può risultare da un insieme di fattori quali in profilo genetico, l età, le malattie, la dieta, l ambiente, lo stile di vita, la transitoria presenza di microrganismi. La gradazione del colore del cuore indica la possibilità che, durante la microevoluzione, nuovi geni possono essere inclusi o esclusi dal cuore.

13 Cambiamenti del microbiota umano con l età7

14 Fattori che alterano la densità e composizione del microbiota GI8 Fattori di disturbo 8 L'influenza del microbiota intestinale sulla salute umana è presente dalla nascita alla vecchiaia. Il microbiota materno può influenzare l'ambiente intrauterino e lo stato di salute del feto. Alla nascita, sono presenti nel tratto GI circa 100 specie microbiche e fattori ambientali (tipo di parto), fattori nutritivi (allattamento al seno o artificiale), e fattori di epigenetici sono implicati nello sviluppo di un intestino sano con i suoi simbionti. Durante la vita, la composizione microbica intestinale cambia con una diminuzione di Bacteroidetes ed un aumento di Firmicutes. La regolazione della temperatura corporea e la crescita tessutale sono energia-dipendenti, energia che viene prodotta dal microbiota intestinale. Fattori genetici ed esterni (antibiotici, dieta, stress e malattie) influenzano la diversità e la funzione del microbiota. La disbiosi del microbiota intestinale può condurre a diverse malattie, come IBD, IBS, cancro del colon, NAFLD, sindrome metabolica, obesità, asma, atopia.

15 Il microbiota GI dell anziano9,10,11 Il Microbiota nell anziano L equilibrio del microbiota intestinale cambia inevitabilmente con il progredire dell età e con gli eventi ad essa correlata quali, le modificazioni nella dieta, lo stile di vita e la funzionalità del sistema immune. La definizione della composizione del microbiota nell aziano sano è un complesso filone di ricerca e gli studi fino ad ora effettuati non hanno prodotto risultati definiti per la difficoltà di definire i range di età degli anziani studiati e le loro differenze geografiche. Tuttavia esiste un generalizzato consenso su un aumento, età correlato, degli anaerobi facoltativi inclusi streptococci, stafilococci, enterococci ed enterobatteri con una diminuzione di Bifidobacteria e Lactobacilli. Il microbiota GI sembra non differire molto fra adulti sani ed anziani. Tuttavia il rapporto Firmicutes/Bacteriodetes diminuisce negli individui ultracentenari nei confronti degli anziani con un range di età fra 65 e 80 anni. La fragilità del microbiota dell anziano aumenta notevolmente in relazione ai seguenti fattori: Cambiamenti fisiologici Dieta Malattie Assunzione di farmaci Stili di vita E. Biagi et al. Ageing of the human metaorganism: the microbial counterpart. AGE (2012) 34:

16 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo Immunosenscenza 12, Immunosenescenza Il tessuto linfoide associato all intestino (GALT) mantiene il microbiota intestinale sotto il controllo di un basso-grado d infiammazione fisiologica' basato su un network di processi di biofeedback. L'architettura biologica della mucosa GI permette la distinzione tra patogeni e microrganismi simbiotici, generando una risposta immune verso i primi e tollerante verso gli ultimi. Malattie non infettive caratterizzate da un aberrante infiammazione GI, come IBD, IBD, e condizioni come allergia e sindrome metabolica provocano un alterazione nell'equilibrio omeostatico tra microbiota GI e l'ospite. Negli anziani, la funzione del sistema immune è ridotta a causa dell immunosenescenza ' e l organismo è caratterizzato da uno stato infiammatorio cronico di basso-grado (inflammaging). L infiammazione persistente al livello del mucosa GI può contribuire all'insorgere dell infiammazione sistemica correlata a patologie non GI. 13 Cambiamenti fisiologici Nell anziano, aumenta la soglia di percezione dei sapori ed degli odori, la funzione masticatoria diminuisce a causa della perdita dei denti e della forza muscolare masticatoria. Ne consegue una dieta ristretta, poco variata e nutrizionalmente sbilanciata. Il decadimento delle funzioni motorie e digestive GI si traduce in malassorbimento di nutrienti e vitamine. Processi di biofeedback GI

17 Il microbiota GI dell anziano: immunosenescenza Anni di esposizione a proteine infiammatorie Danno al DNA Stress ossidativo Inflammaging Immunoscenescenza Obesità Esacerbazione del processo d invecchiamento Malattie croniche dell anziano

18 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo 8,14,15 Dieta Il modello dietetico nell anziano subisce una drastica variazione a causa di fattori quali lo stato socioeconomico, la mobilità, la capacità masticatoria e gustativa, la funzione digestiva e metabolica e lo stato mentale dell individuo (depressione e demenzia). La vita solitaria dell anziano rappresenta un fattore determinate per l istaurarsi di una dieta povera e poco variata. La qualità della dieta in età avanzata ha un significativo impatto sulla morbidità e mortalità ed aumenta il rischio di malnutrizione. I livelli plasmatici di vitamina D (25(OH)D) sono significativamente ridotti negli anziani, in particolare in quelli confinati a casa e istituzionalizzati, con grave rischio di malattie osse quali osteoporosi ed osteomalacia. Gli effetti della dieta negli anziani evidenziano ridotti livelli di vitamina C, di vitamina B12, di Magnesio, di Ferro e Folati (di conseguenza di emoglobina), questi livelli risultano particolarmente ridotti negli anziani istituzionalizzati. La diminuita sensazione di sete nell anziano riduce l ingestione di liquidi con effetti negativi nei movimenti intestinale ed il bilancio elettrolitico. L anziano consuma generalmente poche fibre che producono di conseguenza una ridotta fermentazione microbica nel colon, questa dieta è uno dei fattori predisponenti alla diverticolosi del colon. In contrasto, l overgrowth batterico nel tenue, causato da una diminuita secrezione acida nello stomaco, produce malassorbimento di nutrienti e vitamine. Il Microbiota nell anziano

19 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo 21,22 Malattie La perturbazione della composizione del microbiota GI è altrimenti conosciuta come disbiosi. L anziano è particolarmente vulnerabile a malattie sistemiche e del tratto GI che possono essere causa o effetto di un microbiota alterato. Infezioni in vari organi, emorragie del tratto GI superiore, IBS, IBD, cancro gastrico e del colon, diverticolosi, diarrea e stipsi sono condizioni ad alta prevalenza nella popolazione anziana. Molte altre malattie non infettive producono un aberrante infiammazione GI che può causare la rottura dell equilibrio fra microrganismi simbionti protettivi e patogeni opportunistici in favore di questi ultimi. Anche l obesità rappresenta un fattore aggravante dello stato di salute dell anziano per il carico che l apparato osseo-articolare, spesso affetto da osteoporosi ed artrosi, deve sopportare. Recenti studi hanno, mostrato che negli individui obesi il microbiota GI alterato ha un impatto negativo sulle attività metaboliche e sulle funzioni fisiologiche umane. Il cambiamento del microbiota GI caratterizza lo stato obeso e le malattie metaboliche associate, incluso diabete e NAFLD. L obesità è associata a GERD ed aumentato rischio di cancro del colon. I dati confermano che la riduzione di peso e del BMI si accompagnano ad una riduzione dello stato infiammatorio dell obeso. Microbiota/Malattie

20 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo 12,23-25 Infezioni GI La gastroenterite è un infiammazione della mucosa dello stomaco e dell'intestino che si manifesta prevalentemente con sintomi del tratto GI superiore (anoressia, nausea e vomito), diarrea e disturbi addominali. La perdita di liquidi e di elettroliti (Na+ e K+), associata alla gastroenterite, può essere poco più di un semplice inconveniente per un adulto in buona salute, ma può essere molto grave per una persona che non è in grado di sopportarne lo stress (soggetti anziani, debilitati o con certe malattie concomitanti). L'infezione da Campylobacter è la causa batterica più frequente della malattia diarroica. La trasmissione da persona a persona è particolarmente comune con le gastroenteriti causate da Shigella, Escherichia coli O157:H7, Giardia, virus di Norwalk e rotavirus. La colite pseudomembranosa merita una particolare attenzione poiché, anche se rara, colpisce in prevalenza gli anziani. Questa patologia è quasi sempre associata ad una crescita eccessiva del Clostridium difficile dovuta all alterazione del microbiota GI in anziani trattati con antibiotici ad ampio spettro. È causata dalle tossine prodotte dal batterio e caratterizzata dalla formazione di una pseudomembrana, ossia uno strato aderente di cellule infiammatorie e detriti sulla mucosa danneggiata. Viene definita con l acronimo CDAD (Clostridium Difficile Associated Disease). CDAD

21 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo Infezioni urinarie Infezioni del tratto urinario Le infezioni del tratto urinario sono frequenti nella popolazione anziana, particolarmente nella donna. Le infezioni non complicate delle basse vie urinarie (uretriti e cistiti) nella donna sono responsabili di una fastidiosa sintomatologia e di una bassa qualità di vita. L incidenza è di 0,5 episodi all anno per persona, con una ricorrenza del 27% - 48%. I batteri più responsabili sono E. coli (85%), Enterococcus fecalis, Staphylococcus saprophyticus. Nella donna, la maggior parte degli uropatogeni proviene dalla flora rettale, questi entrano nell uretra dopo una fase intermedia di colonizzazione vaginale e periuretrale. Il ruolo protettivo del microbiota GI e vaginale è determinante nel ridurre la carica batterica degli uropatogeni. Inoltre, le proprietà difensive dell uroepitelio che prevengono l adesione batterica attraverso le difensine ed i peptidi antimicrobici come la catelicidina, sono carenti nella donna anziana per distrofismo mucosale da carenza di estrogeni in postmenopausa. I lattobacilli vaginali e periuretrali sono diminuiti e non ostacolano in modo efficiente l adesione e l invasione delle vie urinarie dei patogeni provenienti dal colon e dalla vagina. La contiguità della regione ano-rettale con quella urogenitale femminile favorisce la colonizzazione di uropatogeni provenienti dal colon.

22 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo IBS IBS (sindrome dell intestino irritabile) L IBS è un disturbo intestinale funzionale caratterizzato da ricorrente dolore e disagio addominale, irregolari movimenti dell intestino ed alvo alterato con stipsi o diarrea. L IBS è una sindrome multifattoriale, che include alterata motilità GI, ipersensibilità viscerale, infiammazione cronica di basso-grado, fattori psicosociali (ansia e depressione), fattori genetici e dietetici. I pazienti di IBS sono stati classificati in sottotipi diversi basati su i criteri di Roma III: IBS diarrea-predominante (IBS-D), stipsi-predominante (IBS-C) e IBS-A con diarrea alternata a stipsi. Fra i vari patogenetici proposti per l IBS, la disbiosi GI riveste un ruolo centrale sia per spiegare in fattori causali psicosociali che motori GI. Nel modello dell IBS post-infezione, la persistente e lieve risposta infiammatoria che s instaura a livello GI aumenta la permeabilità mucosale. Le cellule infiammatorie rilasciano mediatori (es, istamina, proteasi e citochine) e le cellule enterocromafine rilasciano serotonine (5-HT). Questi mediatori colpiscono il sistema nervoso enterico (ENS) e l'attività del muscolo liscio, conducendo alla disfunzione motoria intestinale. L interazione di questi mediatori con le vie sensoriali afferenti aumenta la percezione a livello nervoso centrale. Anche il modello che evidenzia l asse SNC-plesso mioenterico e microbiota GI, rafforza il ruolo centrale del microbiota GI nel IBS. Sottotipi di IBS IBS-A IBS-D IBS-C Diminuita Diversità del Microbiota Mucosa Feci Controlli sani Pazienti IBS-D Disbiosi evidenziata con l analisi delle sequenze 16S rrna nei pazienti IBS-D, con marcata riduzione della diversità batterica e della popolazione dei batteri produttori di acidi grassi a catena corta.

23 Meccanismo patogenetico dell IBS post infezione 32 Una gastroenterite infettiva transitoria porta ad una risposta infiammatoria lieve persistente (cellule T e mastcellule), iperplasia delle cellule enterocromafine con aumento della permeabilità mucosale. Le cellule infiammatorie rilasciano mediatori (es, istamina, proteasi e citochine) e le cellule enterocromafine rilasciano serotonine (5-HT). Questi mediatori colpiscono il sistema nervoso enterico (ENS) e l'attività del muscolo liscio, conducendo alla disfunzione motoria intestinale. L interazione di questi mediatori con le vie sensoriali afferenti aumenta la percezione a livello nervoso centrale.

24 Integrazione del microbiota nell asse intestino-cervello 34 Capacità del cervello d influenzare il microbiota Capacità del microbiota d influenzare il cervello Attivazione delle vie nervose afferenti al cervello Pertubazioni del normale habitat dovute a stress inducono cambiamenti gastrointestinali: fisiologia funzione immune funzione epiteliale motilità rilascio di neuro-trasmettitori Goblet cell Attivazione di metaboliti che influenzano direttamente il SNC Attivazione della risposta immune mucosale Microrganismi commensali Lume intestinale Strato di muco Cellula epiteliale Paneth cell Lume intestinale Strato di muco Cellula M Lamina propria DC SED Neutrofili Follicolo linfoide Neuroni di senso TH2 cell Area perifollicolare Mast cellule TH1 cell T-cellule TH17 cell TRegcell diffe renziazione Linfonodo mesenterico Naive T cell TGFβ e altre citochine Neuroni enterici Capillare Cellule muscolari lisce Asse Cervello/Intestino L'asse cervello-intestino descrive il complesso sistema di comunicazione bidirezionale che esiste tra il sistema nervoso centrale (CNS) ed il tratto di gastrointestinale (GI) per mantenere l omeostasi. Questo asse include il CNS, i sistemi neuroendocrino e neuroimmune, il sistema nervoso autonomo con le due vie parasimpatiche e simpatiche, il sistema nervoso mioenterico e naturalmente il microbioma intestinale. Queste componenti interagiscono formando un complesso network con fibre afferenti che si proiettano al CNS e proiezioni efferenti alla muscolatura liscia enterica. In questa rete di comunicazione bidirezionale, i segnali provenienti dal cervello influenzano la motilità, le modalità sensorie e secretive del GI mentre, i segnali viscerali provenienti dal GI, influenzano la funzione del cervello. Molti pazienti affetti da IBS e da altre malattie funzionali GI hanno una disbiosi del microbioma GI che è causa o effetto di tali condizioni.

25 Fattori che alterano la densità e composizione del microbiota Gi 32

26 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo IBD (Inflammatory Bowel Disease) La malattia infiammatoria cronica dell intestino, MICI, si presnta in due forme: malattia di Crohn (CD) e colite ulcerosa (CU). Il Morbo di Crohn si localizza prevalentemente nell'intestino tenue (ileo), ed in tal caso si parla di ileite,o nel grosso intestino (colon),ed in tal caso viene denominata colite (se interessa entrambi i segmenti prende il nome di ileo-colite), pur potendosi manifestare in qualunque tratto dell'apparato digerente, dalla bocca all ano. La Colite Ulcerosa invece colpisce solo il colon; in particolare può interessare solo la parte inferiore del colon, il retto, prendendo in tal caso il nome di proctite. Nel Morbo di Crohn tutta la parete dell'intestino è coinvolta e possono esserci dei tratti di intestino sano in mezzo a tratti di intestino malato, mentre la Colite Ulcerosa colpisce solo il rivestimento interno (mucosa) del colon in modo continuo, senza "saltare" tratti di intestino, e l'infiammazione è massima nel retto. Le terapie mediche attualmente disponibili servono a contenere l'infiammazione e a controllare i sintomi, ma non sono in grado di portare alla guarigione definitiva. L eziopatogenesi dell IBD è tuttora oscura ma sembra sempre più evidente un alterata interazione fra sistema immune e microbiota GI. IBD Mordo di Crohn Colite Ulcerosa Microbiota nell IBD Controlli Pazienti Firmicutes Proteobacteria Bacteriodetes Actinobacteria

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Oltre l Osteoporosi...

Oltre l Osteoporosi... Oltre l Osteoporosi... Dr. Marco Valentini U.O. Reumatologia, Centro Osteoporosi Primus Forli Medical Center Metabolismo della vitamina D Sole ProD 3 PreD 3 Vitamina D 3 Cute ( 80%) Fegato Dieta (~20%)

Dettagli

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute Welcome D: vitamina/ormone essenziale per la salute 1. Farmacologia della vitamina D 1. Produzione e metabolismo 1. Apporto dietetico 2. Produzione endogena 2. Meccanismi d azione 1. Recettori nucleari

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli