Reuflor D3 nell anziano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reuflor D3 nell anziano"

Transcript

1 Reuflor D3 nell anziano S W O T Materiale di addestramento per l ITS Italchimici realizzato da SWOT&Management

2 I Batteri all origine della vita1 Nelle scienze naturali, l'origine della vita viene ricondotta alla teoria dell'abiogenesi (dal greco a-bio-genesis, "origini non biologiche"). L'origine della vita sulla Terra è databile entro un periodo compreso tra i 4,4 miliardi di anni fa, quando l'acqua allo stato liquido comparve sulla superficie terrestre, e i 2,7 miliardi di anni fa, quando la prima incontrovertibile evidenza della vita fu verificata con gli isotopi stabili e biomarcatori molecolari con l'attività di fotosintesi. Dal punto di vista scientifico, la spiegazione dell'origine della vita parte dal presupposto fondamentale che le prime forme viventi si originarono da materiale non vivente, attraverso reazioni che, attualmente, non sono più in atto sul nostro pianeta. La prima tappa fondamentale è stata la produzione di semplici molecole organiche, come amminoacidi e nucleotidi, realizzabile nelle condizioni chimico-fisiche della Terra primordiale. Da questi semplici composti organici, concentrati nei mari in un brodo primordiale, si formarono delle cellule dotate dei requisiti minimi essenziali per poter essere considerate viventi, cioè la capacità di utilizzare materiali presenti nell'ambiente per mantenere la propria struttura, organizzazione e potersi riprodurre. I batteri, quali organismi procarioti (privi di nucleo) rappresentano i più basso livello dai cui è partito il processo evolutivo degli essere viventi. Batteri e Vita

3 I Batteri all origine della vita Domini/Regni Animalia Plantae Fungi Eucarioti multicellulari Eucarioti multicellulari Eucarioti multicellulari Protista Eubacteria Archaebacteria Procarioti Unicellulari Procarioti Unicellulari Batteri Batteri Complessità Gli esseri viventi sono classificati come: Dominio Procarioti Eucarioti Eucarioti uni e multicellulari Precambiano Epoca Attuale 2 Regno Archaebacteria Eubacteria Protista Plantae Animalia Fungi

4 I batteri: la gerarchia tassonomica3 Quando si classifica un essere vivente (procariota senza nucleo o eucariota con nucleo), lo si inserisce in categorie via via più specifiche. Per prima cosa lo si colloca in un regno: es Bacteria quindi in una divisione o phylum: es Proteobacteria quindi la classe: es. γ-proteobacteria l'ordine: es. Enterobacteriales la famiglia: es. Enterobacteriaceae il genere: es. Escherichia la specie: es. coli il ceppo: es E. coli O157:H7 (enteropatogeno) La maggior parte delle comunità microbiche intestinali appartiene al regno dei Bacteria e degli Archea. Il primo, più numeroso nel tratto intestinale, comprende molti phyla, diversamente distribuiti: Bacteroidetes ( 23%) che comprende 3 classi di Bacteroides; Firmicutes (64%) che comprende Bacilli, Clostridi e Mollicutes; Proteobacteria (8%), batteri Gram negativi come ad esempio Escherichia coli ed Helicobacter pylori; Actinobacteria ( 3% ) che comprende specie quali i Bifidobacterium. Tassonomica Specie Genere F Famiglia E Ordine C D B Classe Phylum Regno A Il regno dei Bacteria comprende 30 phyla: Acidobacteria, Actinobacteria, Aquificae, Armatimonadetes, Bacteroidetes, Caldiserica, Chlamydiae, Chlorobi, Chloroflexi" Chrysiogenetes, Cyanobacteria, Deferribacteres, Deinococcus, Dictyoglomi, Elusimicrobia, Fibrobacteres, Firmicutes, Fusobacteria, Gemmatimonadetes, Lentisphaerae, Nitrospira, Planctomycetes, Proteobacteria, Spirochaetes, Synergistetes, Tenericutes,Thermodesulfobacteria Thermomicrobia,Thermotogae, Verrucomicrobia. Ogni phylum comprende numerose classi.

5 Bacteroidetes3 ll phylum Bacteroidetes comprede tre classi: Bacteriales, Sphingobacteriales, Flavobacteriales. Nella classe Bacteriales il genere Bacteroides costituisce il 24-25% del microbiota GI. Sono specie anaerobiche Gram-, con struttura a bastoncino, non formanti spore e resistenti ai sali biliari, con notevoli capacità adattative. I Bacteroides giovano un ruolo importante nel processare molecole complesse in forme semplici per l intestino dell ospite. I Bacteroides possono utilizzare semplici zuccheri come fonte energetica, ma se questi non sono disponibili possono utilizzare i glicani derivanti dalle piante. Tuttavia i Bacteroides sono associati a diete ricche di proteine animali a grassi saturi, mentre specie batteriche come la Prevotella aumentano nel microbiota intestinale quando l ospite ha una dieta ricca di carboidrati e zuccheri semplici. La specie più importante dal punto di vista clinico è il Bacteriodes fragilis che può trasformarsi in patogeno opportunistico e causare appendicite ed infezioni nella cavità peritoneale. In generale, Bacteroides sono resistenti agli antibiotici β-lattamici, aminoglicosidici ma sensibili a metronidazolo e cloramfenicolo. Bacteroidetes Classe:Sphingobacteriales Classe:Flavobacteriales Classe Bacteriales Classe Bacteriales Famiglia: Bacteroidaceae Bacteroides, Acetomicrobium, ecc. Famiglia: Marinilabiliaceae Anaerophaga, Geofilum, ecc. Famiglia: Porphyromonadaceae Barnesiella,Butyricimonas, ecc. Famiglia: Prevotellaceae, Alloprevotella Prevotella, ecc. Famiglia: Rikenellaceae Alistipes, Anaerocella, ecc. Alcune specie della famiglia dei Bacteroides: B. acidifaciens B. gracilis B. fragilis B. putredinis B. pyogenes B. stercoris B. thetaiotaomicron

6 Firmicutes3 Il phylum Firmicutes, dal latino firmus (forte) e cutis (pelle), sono caratterizzati da uno strato di peptidoglicano che conferisce loro durezza. Sono batteri Gram+, comprendenti 250 generi suddivisi in due classi: Bacilli e Clostridi. All ordine Bacillales appartengono batteri aerobi facolativi o obbligati con la tipica forma a bastoncello, comprendono diverse famiglie: Bacillaceae, Lactobacillaceae, Leuconostocaceae, Streptococcaceae I Clostridia sono anaerobi obbligati che metabolizzano carboidrati e proteine con produzione di alcoli, acido acetico, acido butirrico e sostanze volatili come anidride carbonica, idrogeno e acido solfidrico. Circa l 8% degli adulti sono portatori sani di Clostridium difficile, che può causare diarrea, febbre, con sviluppo di colite pseudomembranosa in soggetti che assumono antibiotici. Oltre il 70% dei batteri del microbiota GI dell adulto appartiene al phylum Firmicutes, il resto della popolazione batterica è rappresentato dai phyla Bacteroidetes (20%), Actinobacteria (5%) e altri phyla. La diminuzione del rapporto Firmicutes/Bacteriodetes rappresenta uno dei marker dell obesità. La maggior parte dei probiotici immessi nel mercato appartiene alla famiglia delle Lactobaciliaceae, in particolare al genere Lactobacillus. Firmicutes Classe: Bacilll (o Firmibacteria) Ordine: Bacillales Famiglia Bacillaceae Bacillus, Listeria, ecc. Famiglia Lactobacillaceae Lactobacillus, Pediococcus, ecc. Famiglia Leuconostocaceae Leuconostoc, Weissella ecc. Famiglia Streptococcaceae Lactococcus, Streptococcus, ecc. Classe: Clostridia Ordine: Clostridiales Famiglia Clostridiaceae Clostridium

7 Actinobacteria3 Il phylum Actinobacteria comprende 5 sottoclassi di batteri Gram+ ad ampia varietà di morfologia, coccoide (Micrococcus), bacilliforme (Arthrobacter), frammenti di ifa (Nocardia spp.), micelio (Streptomyces spp). Questi batteri possiedono diverse proprietà fisiologiche e metaboliche come la produzione di enzimi e formazione di vari metaboliti. Il phylum include patogeni (Mycobacterium spp., Nocardia spp., Tropheryma spp., Corynebacterium spp. e Propionibacterium spp.), abitanti del suolo (Streptomyces spp.), commensali delle piante (Leifsonia spp.), simbioti fissanti l azoto (Frankia) ed abitanti del tratto gastrointestinale (Bifidobacterium spp.). Le Bifidobacteriaceae comprendono 4 generi, Bifidobacterium, Gardnerella, Scardovia, e Parascardovia. Il genere Bifidobacterium contiene 6 specie: B. boum, B. asteroides, B. adolescentis, B. longum, B. pullorum, and B. pseudolongum I Bifidobacteria sono anaerobi, non mobili, non sporulano, non producono gas. Sono stati isolati in diverse nicchie ecologiche: intestino, cavità orale, cibi. Actinobacteria Phylum: Actinobacteria Generi: Actinomycetales Actinomyces Arthrobacter Bifidobacterium Corynebacterium Frankia Micrococcus Micromonospora Mycobacterium Nocardia Propionibacterium Streptomyces Bifidocbacteriaceae Famiglia: Bifidobacteriaceae Generi: Gardnerella Scardovia, Parascardovia Bifidobacterium: B. boum B. asteroides, B. adolescentis, B. longum, B. pullorum, B. pseudolongum

8 Lactobacillaceae3 Il genere Lactobacillus comprende numerose specie di batteri Gram positivi anaerobi facoltativi o microaerofili di forma bastoncellare. In natura ne esistono almeno 60 specie e costituiscono la maggior parte del gruppo di batteri lattici, in quanto la quasi totalità dei loro membri converte il lattosio e altri zuccheri in acido lattico mediante la fermentazione lattica. Sono molto comuni e di solito non patogeni. Negli esseri umani sono presenti nella vagina e nel tratto gastrointestinale, in cui sono simbiotici e costituiscono una piccola parte del microbiota umano. I lactobacilli producono soprattutto acido lattico per fermentazione degli zuccheri, riducendo il ph dell'ambiente in cui crescono, ma anche acido acetico, etanolo, anidride carbonica ed altri composti secondari. L'acidificazione del loro ambiente inibisce la crescita di alcuni microrganismi patogeni. Questa funzione ha riscontro nella vagina, dove il Lactobacillus costituisce il 97%-98% della flora microbica normale ed evita la proliferazione di altri microbi mantenendo il ph su valori attorno al 5. I lactobacilli sono distinti in omofermentativi, nel caso producano quasi esclusivamente acido lattico, oppure eterofermentativi, se producono anche altri composti come l acido acetico. Lactobacillaceae Ordine: Lactobacillales Famiglia: Lactobacillaceae Genere: Lactobacillus Specie L. acidophilus L. agilis L. amylovorus L. aviarius L. brevis L. casei L. crispatus L. delbrueckii L. fermentum L. gallinarum L. gasseri L. gastricus L. helveticus L. iners L. intestinalis L. jensenii L. johnsonii L. kefiri L. mucosae L. murinus L. plantarum L. reuteri L. rhamnosus L. sakei L. salivarius L. vaginalis L. vini altri

9 Proteobacteria3 A questo phylum appartiene la famiglia delle Enterobacteriaceae, che include un numero ampio di batteri, il cui habitat naturale è costituito dall'intestino dell'uomo e di altri animali. Questi batteri sono accomunati da caratteristiche antigeniche e biochimiche tipiche dell'intero gruppo. Tutti gli Enterobatteri sono bastoncelli Gram-negativi, asporigeni. Possono essere mobili o immobili, quasi tutti provvisti di pili. Sono Aerobi-anaerobi facoltativi e normali terreni di coltura consentono la loro crescita. La superficie della cellula degli enterobatteri vede la presenza di molecole di lipopolisaccaride (LPS), caratteristica comune di tutti i batteri Gram-negativi. Questa molecola contribuisce alla proprietà tossica di questi batteri. Gli enterobatteri sono responsabili di varie manifestazioni infettive: 1. Infezioni sistemiche, causate dalle febbri enteriche, quali tifo e paratifo. 2. Infezioni intestinali, costituite da gastroenteriti o enteriti causate da batteri di stipiti specifici del genere Escherichia, Salmonella e Shigella. I sintomi sono diarroici e dissenterici. 3. Infezioni urinarie, quasi sempre causate da alcuni tipi di Escherichia coli. Enterobacteriaceae Phylum: Proteobacteria Famiglia: Enterobacteriaceae Generi principali: Escherichia Shigella Salmonella Citrobacter Klebsiella Enterobacter Serratia Proteus Providencia Morganella Yersinia

10 Il microbioma umano4,5 Il microbioma è l'insieme dei microrganismi, dei loro genomi e delle interazioni ambientali che questi stabiliscono in un dato ambiente. I microrganismi che abitano con l'uomo hanno una tale influenza sulla sua fisiologia che dovrebbero essere considerati parte del genoma umano. Dopo la mappatura del genoma umano, nel 2008 fu avviato il Progetto microbioma umano (HMP, Human Microbiome Project), frutto di collaborazioni tra grandi centri di sequenziamento genomico negli Stati Uniti ed in Europa (Metagenomics of Human Intestine), per studiare come questi microrganismi coesistano con l uomo. La mappatura del microbioma umano è stata completata a Giugno del Per determinare i microrganismi presenti in oltre 5000 campioni raccolti è stato sequenziato il gene per la subunità 16S dell'rna ribosomiale (gene condiviso da tutti i batteri ma non dagli esseri umani), che funziona come un codice a barre per identificare e contare i microbi presenti. Poi è stato sequenziato tutto il DNA presente in ogni singolo campione per creare le cosiddette sequenze metagenomiche. In questo modo, sequenziando tutti i geni di una comunità microbica, è stato possibile decifrare le capacità metaboliche dei batteri, grazie anche a nuovi metodi di analisi per comprendere questi grandi insiemi di dati. Infine, è stata compilata una lista dei batteri più interessanti, su cui concentrare l'analisi in futuro, che comprende appena 119 microbi, del cui genoma verrà eseguito il sequenziamento completo. Terminologia Microbiota umano Communità di microrganismi viventi presenti nell uomo (virus, archaebacteria, eubacteria, protista, fungi). Microbioma L insieme dei genomi del microbiota. Phylogenetica o taxonomica Composizione (es., analisi del 16S rrna genetico). Metagenomica Studio del materiale genetico direttamente dai campioni ambientali (potenziale genetico o funzionale). Metatranscriptomica Studio del tutti gli RNA trascritti (mrna, rrna, trna), da una cellula vivente. Metaproteonomica Studio delle proteine e delle loro funzioni prodotte da una cellula. Metabolomica Studio delle impronte chimiche lasciate da specifici processi cellulari quindi i profili metabolici delle molecole cellulari.

11 La scienza del microbiota umano5 Comunità microbica Quali microbi ci sono? Quale potenziale genetico? Che cosa fanno? Acidi nucleici RNA Proteine rrna 16S ribosomiale Meta transcriptomica Meta proteonomica Metaboliti Meta bolomica DNA Meta genomica

12 Il microbiota gastrointestinale umano6 ll microbiota GI ha mostrato di avere tre importanti caratteristiche: Fattori di disturbo 4 1. Diversità individuale in relazione a: Stato di salute Profilo genetico dell ospite Esposizione ambientale Dieta Esposizione ad agenti chimici/farmaci Stili di vita Età 2. Stabilità Il microbiota possiede uno stato di equilibrio rappresentato da un nucleo di microrganismi (cuore del microbiota) che malgrado i cambiamenti temporali dei singoli microrganismi gli permette di mantenere l importante ruolo di protezione immune, di produzione ed assimilazione dei nutrienti. 3. Capacità di recupero (Resilience) Il microbiota alterato da vari fattori di disturbo ha la capacità di recuperare il proprio stato di equilibrio nel tempo o un nuovo stato mantenendo le proprie funzioni. Il cuore del microbioma umano è un insieme di geni presenti in un dato habitat della maggioranza degli esseri umani. Nell abitat GI la variabilità del microbioma (in blue) può risultare da un insieme di fattori quali in profilo genetico, l età, le malattie, la dieta, l ambiente, lo stile di vita, la transitoria presenza di microrganismi. La gradazione del colore del cuore indica la possibilità che, durante la microevoluzione, nuovi geni possono essere inclusi o esclusi dal cuore.

13 Cambiamenti del microbiota umano con l età7

14 Fattori che alterano la densità e composizione del microbiota GI8 Fattori di disturbo 8 L'influenza del microbiota intestinale sulla salute umana è presente dalla nascita alla vecchiaia. Il microbiota materno può influenzare l'ambiente intrauterino e lo stato di salute del feto. Alla nascita, sono presenti nel tratto GI circa 100 specie microbiche e fattori ambientali (tipo di parto), fattori nutritivi (allattamento al seno o artificiale), e fattori di epigenetici sono implicati nello sviluppo di un intestino sano con i suoi simbionti. Durante la vita, la composizione microbica intestinale cambia con una diminuzione di Bacteroidetes ed un aumento di Firmicutes. La regolazione della temperatura corporea e la crescita tessutale sono energia-dipendenti, energia che viene prodotta dal microbiota intestinale. Fattori genetici ed esterni (antibiotici, dieta, stress e malattie) influenzano la diversità e la funzione del microbiota. La disbiosi del microbiota intestinale può condurre a diverse malattie, come IBD, IBS, cancro del colon, NAFLD, sindrome metabolica, obesità, asma, atopia.

15 Il microbiota GI dell anziano9,10,11 Il Microbiota nell anziano L equilibrio del microbiota intestinale cambia inevitabilmente con il progredire dell età e con gli eventi ad essa correlata quali, le modificazioni nella dieta, lo stile di vita e la funzionalità del sistema immune. La definizione della composizione del microbiota nell aziano sano è un complesso filone di ricerca e gli studi fino ad ora effettuati non hanno prodotto risultati definiti per la difficoltà di definire i range di età degli anziani studiati e le loro differenze geografiche. Tuttavia esiste un generalizzato consenso su un aumento, età correlato, degli anaerobi facoltativi inclusi streptococci, stafilococci, enterococci ed enterobatteri con una diminuzione di Bifidobacteria e Lactobacilli. Il microbiota GI sembra non differire molto fra adulti sani ed anziani. Tuttavia il rapporto Firmicutes/Bacteriodetes diminuisce negli individui ultracentenari nei confronti degli anziani con un range di età fra 65 e 80 anni. La fragilità del microbiota dell anziano aumenta notevolmente in relazione ai seguenti fattori: Cambiamenti fisiologici Dieta Malattie Assunzione di farmaci Stili di vita E. Biagi et al. Ageing of the human metaorganism: the microbial counterpart. AGE (2012) 34:

16 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo Immunosenscenza 12, Immunosenescenza Il tessuto linfoide associato all intestino (GALT) mantiene il microbiota intestinale sotto il controllo di un basso-grado d infiammazione fisiologica' basato su un network di processi di biofeedback. L'architettura biologica della mucosa GI permette la distinzione tra patogeni e microrganismi simbiotici, generando una risposta immune verso i primi e tollerante verso gli ultimi. Malattie non infettive caratterizzate da un aberrante infiammazione GI, come IBD, IBD, e condizioni come allergia e sindrome metabolica provocano un alterazione nell'equilibrio omeostatico tra microbiota GI e l'ospite. Negli anziani, la funzione del sistema immune è ridotta a causa dell immunosenescenza ' e l organismo è caratterizzato da uno stato infiammatorio cronico di basso-grado (inflammaging). L infiammazione persistente al livello del mucosa GI può contribuire all'insorgere dell infiammazione sistemica correlata a patologie non GI. 13 Cambiamenti fisiologici Nell anziano, aumenta la soglia di percezione dei sapori ed degli odori, la funzione masticatoria diminuisce a causa della perdita dei denti e della forza muscolare masticatoria. Ne consegue una dieta ristretta, poco variata e nutrizionalmente sbilanciata. Il decadimento delle funzioni motorie e digestive GI si traduce in malassorbimento di nutrienti e vitamine. Processi di biofeedback GI

17 Il microbiota GI dell anziano: immunosenescenza Anni di esposizione a proteine infiammatorie Danno al DNA Stress ossidativo Inflammaging Immunoscenescenza Obesità Esacerbazione del processo d invecchiamento Malattie croniche dell anziano

18 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo 8,14,15 Dieta Il modello dietetico nell anziano subisce una drastica variazione a causa di fattori quali lo stato socioeconomico, la mobilità, la capacità masticatoria e gustativa, la funzione digestiva e metabolica e lo stato mentale dell individuo (depressione e demenzia). La vita solitaria dell anziano rappresenta un fattore determinate per l istaurarsi di una dieta povera e poco variata. La qualità della dieta in età avanzata ha un significativo impatto sulla morbidità e mortalità ed aumenta il rischio di malnutrizione. I livelli plasmatici di vitamina D (25(OH)D) sono significativamente ridotti negli anziani, in particolare in quelli confinati a casa e istituzionalizzati, con grave rischio di malattie osse quali osteoporosi ed osteomalacia. Gli effetti della dieta negli anziani evidenziano ridotti livelli di vitamina C, di vitamina B12, di Magnesio, di Ferro e Folati (di conseguenza di emoglobina), questi livelli risultano particolarmente ridotti negli anziani istituzionalizzati. La diminuita sensazione di sete nell anziano riduce l ingestione di liquidi con effetti negativi nei movimenti intestinale ed il bilancio elettrolitico. L anziano consuma generalmente poche fibre che producono di conseguenza una ridotta fermentazione microbica nel colon, questa dieta è uno dei fattori predisponenti alla diverticolosi del colon. In contrasto, l overgrowth batterico nel tenue, causato da una diminuita secrezione acida nello stomaco, produce malassorbimento di nutrienti e vitamine. Il Microbiota nell anziano

19 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo 21,22 Malattie La perturbazione della composizione del microbiota GI è altrimenti conosciuta come disbiosi. L anziano è particolarmente vulnerabile a malattie sistemiche e del tratto GI che possono essere causa o effetto di un microbiota alterato. Infezioni in vari organi, emorragie del tratto GI superiore, IBS, IBD, cancro gastrico e del colon, diverticolosi, diarrea e stipsi sono condizioni ad alta prevalenza nella popolazione anziana. Molte altre malattie non infettive producono un aberrante infiammazione GI che può causare la rottura dell equilibrio fra microrganismi simbionti protettivi e patogeni opportunistici in favore di questi ultimi. Anche l obesità rappresenta un fattore aggravante dello stato di salute dell anziano per il carico che l apparato osseo-articolare, spesso affetto da osteoporosi ed artrosi, deve sopportare. Recenti studi hanno, mostrato che negli individui obesi il microbiota GI alterato ha un impatto negativo sulle attività metaboliche e sulle funzioni fisiologiche umane. Il cambiamento del microbiota GI caratterizza lo stato obeso e le malattie metaboliche associate, incluso diabete e NAFLD. L obesità è associata a GERD ed aumentato rischio di cancro del colon. I dati confermano che la riduzione di peso e del BMI si accompagnano ad una riduzione dello stato infiammatorio dell obeso. Microbiota/Malattie

20 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo 12,23-25 Infezioni GI La gastroenterite è un infiammazione della mucosa dello stomaco e dell'intestino che si manifesta prevalentemente con sintomi del tratto GI superiore (anoressia, nausea e vomito), diarrea e disturbi addominali. La perdita di liquidi e di elettroliti (Na+ e K+), associata alla gastroenterite, può essere poco più di un semplice inconveniente per un adulto in buona salute, ma può essere molto grave per una persona che non è in grado di sopportarne lo stress (soggetti anziani, debilitati o con certe malattie concomitanti). L'infezione da Campylobacter è la causa batterica più frequente della malattia diarroica. La trasmissione da persona a persona è particolarmente comune con le gastroenteriti causate da Shigella, Escherichia coli O157:H7, Giardia, virus di Norwalk e rotavirus. La colite pseudomembranosa merita una particolare attenzione poiché, anche se rara, colpisce in prevalenza gli anziani. Questa patologia è quasi sempre associata ad una crescita eccessiva del Clostridium difficile dovuta all alterazione del microbiota GI in anziani trattati con antibiotici ad ampio spettro. È causata dalle tossine prodotte dal batterio e caratterizzata dalla formazione di una pseudomembrana, ossia uno strato aderente di cellule infiammatorie e detriti sulla mucosa danneggiata. Viene definita con l acronimo CDAD (Clostridium Difficile Associated Disease). CDAD

21 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo Infezioni urinarie Infezioni del tratto urinario Le infezioni del tratto urinario sono frequenti nella popolazione anziana, particolarmente nella donna. Le infezioni non complicate delle basse vie urinarie (uretriti e cistiti) nella donna sono responsabili di una fastidiosa sintomatologia e di una bassa qualità di vita. L incidenza è di 0,5 episodi all anno per persona, con una ricorrenza del 27% - 48%. I batteri più responsabili sono E. coli (85%), Enterococcus fecalis, Staphylococcus saprophyticus. Nella donna, la maggior parte degli uropatogeni proviene dalla flora rettale, questi entrano nell uretra dopo una fase intermedia di colonizzazione vaginale e periuretrale. Il ruolo protettivo del microbiota GI e vaginale è determinante nel ridurre la carica batterica degli uropatogeni. Inoltre, le proprietà difensive dell uroepitelio che prevengono l adesione batterica attraverso le difensine ed i peptidi antimicrobici come la catelicidina, sono carenti nella donna anziana per distrofismo mucosale da carenza di estrogeni in postmenopausa. I lattobacilli vaginali e periuretrali sono diminuiti e non ostacolano in modo efficiente l adesione e l invasione delle vie urinarie dei patogeni provenienti dal colon e dalla vagina. La contiguità della regione ano-rettale con quella urogenitale femminile favorisce la colonizzazione di uropatogeni provenienti dal colon.

22 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo IBS IBS (sindrome dell intestino irritabile) L IBS è un disturbo intestinale funzionale caratterizzato da ricorrente dolore e disagio addominale, irregolari movimenti dell intestino ed alvo alterato con stipsi o diarrea. L IBS è una sindrome multifattoriale, che include alterata motilità GI, ipersensibilità viscerale, infiammazione cronica di basso-grado, fattori psicosociali (ansia e depressione), fattori genetici e dietetici. I pazienti di IBS sono stati classificati in sottotipi diversi basati su i criteri di Roma III: IBS diarrea-predominante (IBS-D), stipsi-predominante (IBS-C) e IBS-A con diarrea alternata a stipsi. Fra i vari patogenetici proposti per l IBS, la disbiosi GI riveste un ruolo centrale sia per spiegare in fattori causali psicosociali che motori GI. Nel modello dell IBS post-infezione, la persistente e lieve risposta infiammatoria che s instaura a livello GI aumenta la permeabilità mucosale. Le cellule infiammatorie rilasciano mediatori (es, istamina, proteasi e citochine) e le cellule enterocromafine rilasciano serotonine (5-HT). Questi mediatori colpiscono il sistema nervoso enterico (ENS) e l'attività del muscolo liscio, conducendo alla disfunzione motoria intestinale. L interazione di questi mediatori con le vie sensoriali afferenti aumenta la percezione a livello nervoso centrale. Anche il modello che evidenzia l asse SNC-plesso mioenterico e microbiota GI, rafforza il ruolo centrale del microbiota GI nel IBS. Sottotipi di IBS IBS-A IBS-D IBS-C Diminuita Diversità del Microbiota Mucosa Feci Controlli sani Pazienti IBS-D Disbiosi evidenziata con l analisi delle sequenze 16S rrna nei pazienti IBS-D, con marcata riduzione della diversità batterica e della popolazione dei batteri produttori di acidi grassi a catena corta.

23 Meccanismo patogenetico dell IBS post infezione 32 Una gastroenterite infettiva transitoria porta ad una risposta infiammatoria lieve persistente (cellule T e mastcellule), iperplasia delle cellule enterocromafine con aumento della permeabilità mucosale. Le cellule infiammatorie rilasciano mediatori (es, istamina, proteasi e citochine) e le cellule enterocromafine rilasciano serotonine (5-HT). Questi mediatori colpiscono il sistema nervoso enterico (ENS) e l'attività del muscolo liscio, conducendo alla disfunzione motoria intestinale. L interazione di questi mediatori con le vie sensoriali afferenti aumenta la percezione a livello nervoso centrale.

24 Integrazione del microbiota nell asse intestino-cervello 34 Capacità del cervello d influenzare il microbiota Capacità del microbiota d influenzare il cervello Attivazione delle vie nervose afferenti al cervello Pertubazioni del normale habitat dovute a stress inducono cambiamenti gastrointestinali: fisiologia funzione immune funzione epiteliale motilità rilascio di neuro-trasmettitori Goblet cell Attivazione di metaboliti che influenzano direttamente il SNC Attivazione della risposta immune mucosale Microrganismi commensali Lume intestinale Strato di muco Cellula epiteliale Paneth cell Lume intestinale Strato di muco Cellula M Lamina propria DC SED Neutrofili Follicolo linfoide Neuroni di senso TH2 cell Area perifollicolare Mast cellule TH1 cell T-cellule TH17 cell TRegcell diffe renziazione Linfonodo mesenterico Naive T cell TGFβ e altre citochine Neuroni enterici Capillare Cellule muscolari lisce Asse Cervello/Intestino L'asse cervello-intestino descrive il complesso sistema di comunicazione bidirezionale che esiste tra il sistema nervoso centrale (CNS) ed il tratto di gastrointestinale (GI) per mantenere l omeostasi. Questo asse include il CNS, i sistemi neuroendocrino e neuroimmune, il sistema nervoso autonomo con le due vie parasimpatiche e simpatiche, il sistema nervoso mioenterico e naturalmente il microbioma intestinale. Queste componenti interagiscono formando un complesso network con fibre afferenti che si proiettano al CNS e proiezioni efferenti alla muscolatura liscia enterica. In questa rete di comunicazione bidirezionale, i segnali provenienti dal cervello influenzano la motilità, le modalità sensorie e secretive del GI mentre, i segnali viscerali provenienti dal GI, influenzano la funzione del cervello. Molti pazienti affetti da IBS e da altre malattie funzionali GI hanno una disbiosi del microbioma GI che è causa o effetto di tali condizioni.

25 Fattori che alterano la densità e composizione del microbiota Gi 32

26 Il microbiota GI dell anziano: fattori di disturbo IBD (Inflammatory Bowel Disease) La malattia infiammatoria cronica dell intestino, MICI, si presnta in due forme: malattia di Crohn (CD) e colite ulcerosa (CU). Il Morbo di Crohn si localizza prevalentemente nell'intestino tenue (ileo), ed in tal caso si parla di ileite,o nel grosso intestino (colon),ed in tal caso viene denominata colite (se interessa entrambi i segmenti prende il nome di ileo-colite), pur potendosi manifestare in qualunque tratto dell'apparato digerente, dalla bocca all ano. La Colite Ulcerosa invece colpisce solo il colon; in particolare può interessare solo la parte inferiore del colon, il retto, prendendo in tal caso il nome di proctite. Nel Morbo di Crohn tutta la parete dell'intestino è coinvolta e possono esserci dei tratti di intestino sano in mezzo a tratti di intestino malato, mentre la Colite Ulcerosa colpisce solo il rivestimento interno (mucosa) del colon in modo continuo, senza "saltare" tratti di intestino, e l'infiammazione è massima nel retto. Le terapie mediche attualmente disponibili servono a contenere l'infiammazione e a controllare i sintomi, ma non sono in grado di portare alla guarigione definitiva. L eziopatogenesi dell IBD è tuttora oscura ma sembra sempre più evidente un alterata interazione fra sistema immune e microbiota GI. IBD Mordo di Crohn Colite Ulcerosa Microbiota nell IBD Controlli Pazienti Firmicutes Proteobacteria Bacteriodetes Actinobacteria

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La rivoluzione culturale del microbiota umano

La rivoluzione culturale del microbiota umano La rivoluzione culturale del microbiota umano Enzo Grossi FROM NUTRITION TO HEALTH: AN EXPO CHALLENGE Milano, 4 Dicembre 2014 Microbiota e salute: come Sino a pochi anni fa: cambiano le cose! interesse

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:06 Pagina 59 mondo Il dei microbi In che modo i batteri buoni possono migliorare la salute e mettervi in condizione di guadagnare

Dettagli

Report Congressuale. Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH)D 3. . Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico. Bruno Farmaceutici

Report Congressuale. Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH)D 3. . Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico. Bruno Farmaceutici CORSO DI AGGIORNAMENTO ECM Programma Nazionale per la Formazione Continua degli Operatori della Sanità Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH) Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico Bruno

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi Dott.ssa Sabrina Santaniello Edentulismo Iper-nutrizione Sindrome metabolica Obesità «viscerale» «Pandemia del terzo Millennio»

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

USC Gastroenterologia,

USC Gastroenterologia, Impiego dei probiotici in Gastroenterologia: razionale e risultati Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, i Seriate Indice della lettura La Rivoluzione del Microbiota: cosa abbiamo imparato Breve

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti CELIACHIA E una enteropatia autoimmune geneticamente determinata,caratterizzata da una risposta autoimmune contro la glutine, contenuto nel grano, orzo, segale, farro ed altri cereali minori. E caratterizzata

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli

I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano

I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano Gill, S. R., et al. 2006, Science, 312, 1355 1359 Analisi di 78 megabasi (Mb) di sequenze metagenomiche uniche relative al microbiota intestinale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST ARS MEDICA Centro Medico Polispecialistico VIA M. ANGELONI, 80/A - PERUGIA 06124 TEL/FAX: 075 5000388 CELL: 334 2424824 E-Mail: info@arsmedicapg.it Sito Web: www.arsmedicapg.it CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Campylobacter: ancora un patogeno emergente?

Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Ludovico DIPINETO Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università degli Studi di Napoli Federico II Campylobacter Batteri appartenenti

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione Membro International Society of Physical and Rehabilitation

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Per i Sig.ri Medici Dentisti. La soluzione più innovativa e naturale per combattere i problemi gengivali

Per i Sig.ri Medici Dentisti. La soluzione più innovativa e naturale per combattere i problemi gengivali Per i Sig.ri Medici Dentisti La soluzione più innovativa e naturale per combattere i problemi gengivali L unico probiotico per la Gengivite e parodontite: una sfida ancora placca INFIAMMAZIONE GENGIVITE

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Lactobacillus bulgaricus

Lactobacillus bulgaricus La definizione migliore di batteri probiotici,forse, è la seguente: sono microrganismi viventi che inclusi nel cibo possono influenzare la composizione dell'attività del microbiota intestinale, modulano

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24%

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24% Sindrome dell intestino irritabile IBS (Irritable bowel syndrome) Incidenza Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno ma solo 50% consulterà un medico Prevalenza Nella popolazione generale: M:

Dettagli

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 LA DIARREA DEL VIAGGIATORE Andrea Rossanese MD, PhD, DTM (Glas), FFTM RCPS (Glas) Certificate in Travellers Health Definizione di TD 1.

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

CAUSE DI MALNUTRIZIONE

CAUSE DI MALNUTRIZIONE CAUSE DI MALNUTRIZIONE INADEGUATO INTROITO DI NUTRIENTI DIFFICOLTA AD ALIMENTARSI Insufficiente introito di energia e proteine con gli alimenti MALNUTRIZIONE CORRELATA ALLA MALATTIA Malnutrizione: conseguenze

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE

MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE MALATTIE INFETTIVE 1) L organismo deve essere costantemente ritrovato nella lesione caratterizzante la malattia 2) Il microorganismo deve poter essere isolato da singole

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

La malattia metabolica, l obesità, le malattie intestinali: il ruolo del microbioma

La malattia metabolica, l obesità, le malattie intestinali: il ruolo del microbioma STILI DI VITA, ALIMENTAZIONE & SALUTE ORALE. Stili di vita e di alimentazione come fattori di rischio per la salute orale e salute orale come fattore determinante della qualità di vita. La malattia metabolica,

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Bologna 21 Marzo 2009 Dr.ssa G.Cenni Laboratorio Analisi Caravelli srl .e infine il laboratorio Quali sono i test di laboratorio che possono routinariamente

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

75 ragioni per bere ogni giorno succo di Mangostina

75 ragioni per bere ogni giorno succo di Mangostina La Mangostina Un frutto dall aspetto bizzarro che contiene un succo ricchissimo di valori nutrizionali 75 ragioni per bere ogni giorno succo di Mangostina Il succo di Mangostina assunto regolarmente con

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web Anno scolastico 2012-13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (Articolazione: Biotecnologie sanitarie) PROGRAMMA PREVENTIVO MATERIA Biologia, Microbiologia e

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

ALIMENTAZIONE E CERVELLO incontri per riflettere sul cibo e nutrire i nostri pensieri

ALIMENTAZIONE E CERVELLO incontri per riflettere sul cibo e nutrire i nostri pensieri Settimana del cervello 2014 ALIMENTAZIONE E CERVELLO incontri per riflettere sul cibo e nutrire i nostri pensieri 10-14 marzo 2014 Circolo dei Lettori, Via Bogino 9 Torino La Settimana del Cervello 2014

Dettagli

Il piede nel diabetico L ULCERA ISCHEMICA INFETTA: ANTIBIOTICOTERAPIA PARENTERALE

Il piede nel diabetico L ULCERA ISCHEMICA INFETTA: ANTIBIOTICOTERAPIA PARENTERALE III Corso avanzato di aggiornamento La riparazione tessutale delle lesioni croniche cutanee Campolongo Hospital Eboli, 28-30 ottobre 2004 Direttore Scientifico: F. Petrella Coordinatore Didattico: G. Nebbioso

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi ALICONS SCUOLA DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE P R E S E N T A N O MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi PROGRAMMA 25 CREDITI

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli