Piattaforma Tecnologica Nazionale Italian Food for Life. Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 Implementation Action Plan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piattaforma Tecnologica Nazionale Italian Food for Life. Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 Implementation Action Plan"

Transcript

1 Piattaforma Tecnologica Italian Food for Life Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 Implementation Action Plan Roma, 14 giugno 2011

2

3 1 Piattaforma Tecnologica Italian Food for Life Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 Implementation Action Plan Roma, 14 giugno 2011 PALOMBI EDITORI

4 2 - Innovazione 2011 Tutti i diritti spettano a Federalimentare viale Pasteur, Roma - Italia Progettazione, realizzazione grafica e assistenza redazionale a cura della Palombi & Partner Srl via Gregorio VII, Roma

5 3 Indice Introduzione di Daniele Rossi (Chairman) 5 Key Thrust 1: Migliorare la salute, il benessere e la longevità 13 1.A.1 Sviluppo ottimale delle funzioni nervose, benessere e invecchiamento 14 1.A.2 Salute intestinale e funzioni immunitarie 20 1.A.3 Dieta, peso corporeo e obesità 29 1.A.4 Miglioramento dei prodotti di origine animale e di acquacoltura 34 Key Thrust 2: Rafforzare la fiducia del consumatore verso la filiera alimentare 38 2.A.1 Gestione della filiera alimentare 39 2.A.2 Alimenti e consumatore - Sicurezza alimentare 55 2.A.3 Produzione e Qualità degli alimenti 72 Key Thrust 3: Favorire una produzione alimentare sostenibile e competitiva Sviluppo di appropriati sistemi, strumenti e supporti per valutare la sostenibilità del settore agro-industriale mediante l approccio LCA Realizzazione di un modello di produzione primaria sostenibile attraverso l uso razionale delle risorse naturali Valorizzazione di sottoprodotti, rifiuti, acque di processo e surplus dell Industria alimentare Sviluppo di processi ed imballaggi sostenibili per una distribuzione sostenibile Best practice per la sostenibilità e la competitività delle PMI del settore agro-industriale Elaborazione di scenari futuri di sostenibilità della produzione alimentare e dei sistemi di approvvigionamento in Italia 100 Comunicazione, Formazione, Trasferimento Tecnologico e Creazione di Impresa A.1 Comunicazione A.2 Formazione A.3 Trasferimento Tecnologico A.4 Reti di Imprese 121

6 4 - Agenda strategica per la ricerca e l innovazione al 2030

7 Introduzione Introduzione PIATTAFORMA TECNOLOGICA EUROPEA FOOD FOR LIFE Le Piattaforme Tecnologiche sono iniziative spontanee paneuropee del sistema industriale (organizzazioni private informali non legalmente riconosciute), con un approccio bottom up e competitiveness driven che perseguono il potenziamento, attraverso la collaborazione di tutti gli stakeholder, della crescita e del trasferimento di conoscenze e competenze a sostegno dell innovazione e della crescita economica del settore. Il focus delle attività è l innovazione, mentre il collante è l Industria (Industry led). Le Piattaforme coinvolgono: imprese, istituzioni di ricerca, mondo finanziario, autorità pubbliche, nazionali e locali, la società, i media, i consumatori. Le parti interessate concordano un Vision Document per la tecnologia, un Agenda Strategica di Ricerca che delinea gli obiettivi di medio e lungo periodo necessari per la tecnologia, e definiscono un Implementation Action Plan, mobilitando risorse umane e finanziarie. La Piattaforma Food for Life, promossa da Federalimentare e dalla CIAA (Confederazione delle Industrie Agro-Alimentari dell ), insieme agli attori più rappresentativi del settore agroalimentare (Organizzazioni dei consumatori, Organizzazioni imprenditoriali, Aziende agrochimiche e zootecniche, Aziende industriali della trasformazione, Autorità e Governi nazionali, rappresentanti del settore della Distribuzione, fornitori di servizi, Università e Centri di Ricerca, rappresentanti della Commissione europea), si propone di definire gli scenari della filiera agroalimentare da oggi al 2020 con proiezioni al Il Vision Document di Food for Life, presentato a Bruxelles il 5 luglio 2005, individua 7 aree strategiche per rafforzare la competitività del settore alimentare attraverso ricerca, tecnologia e innovazione: Alimenti e Salute, Qualità e preparazione degli Alimenti e Consumatore, Sicurezza alimentare, Sostenibilità della produzione, Gestione della filiera alimentare, Comunicazione, Formazione e Trasferimento Tecnologico. Il 13 settembre 2007 è stata presentata a Bruxelles l Agenda Strategica di Ricerca di Food for Life, un documento dinamico e innovativo per la realizzazione del Vision Document. Ad ottobre 2008 è stato presentato l Implementation Action Plan della Piattaforma, un piano dettagliato che descrive i requisiti in termini di ricerca, formazione e disseminazione necessari per l attuazione del Vision Document e dell Agenda Strategica di Ricerca. A marzo 2010, in occasione dello Stakeholders Event della Piattaforma a Bruxelles, è stata presentata la nuova struttura della Piattaforma in 3 Key Thrust: Improve Health, Wellbeing and Longevity, Build Consumer Trust in the Food Chain, Sustainable and Ethical Production. Attualmente si stanno costituendo nuovi gruppi di lavoro verticali (3 Key Thrust) e orizzontali (Qualità e preparazione degli Alimenti e Consumatore, Gestione della filiera alimentare, Comunicazione, Formazione e Trasferimento Tecnologico) per l elaborazione della nuova Agenda Strategica di Ricerca e Innovazione che, alla luce dei nuovi orien-

8 6 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 tamenti della Commissione europea in vista del Common Strategic Framework for EU Research and Innovation Funding (Ottavo Programma Quadro), pone al centro del documento il concetto di Innovazione. La nuova Strategic Research and Innovation Agenda sarà presentata in occasione del prossimo Stakeholders Event a Bruxelles a fine L INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA: LE PMI E LA SFIDA DELL INNOVAZIONE. L Industria alimentare italiana che Federalimentare rappresenta, aderendo a Confindustria, attraverso le sue 19 Associazioni di categoria è uno dei pilastri dell economia nazionale: con 124 miliardi di euro di fatturato, dei quali ben 21 miliardi vanno all export con un saldo attivo della bilancia commerciale di 4 miliardi di euro, rappresenta il secondo settore manifatturiero italiano dopo la meccanica ed è candidata al terzo posto in Europa, a ridosso dell Industria alimentare tedesca e francese (vedi figura 2.1). Si tratta di un contesto imprenditoriale estremamente diffuso nel nostro Paese, con una prevalenza significativa di Piccole e Medie Imprese: su imprese, una trentina sono di grandi dimensioni, circa 250 sono di medie dimensioni e le restanti sono di piccole, se non piccolissime dimensioni (da 10 addetti in su). Insieme ad Agricoltura, Indotto e Distribuzione, l Industria alimentare è al centro della prima filiera economica del Paese. Inoltreacquista e trasforma il 70% delle materie prime agricole ed è universalmente riconosciuta come ambasciatrice del Made in Italy nel mondo, dal momento che quasi l 80% dell export agroalimentare italiano è rappresentato da prodotti industriali di marca. Se agli oltre dipendenti dell Industria si potessero sommare gli dell Agricoltura e i della Distribuzione moderna e tradizionale, arriveremmo ad un totaledioltre addettiallafilieraagroalimentare. A questi vanno aggiunti i circa addetti alla Sanità pubblica ed alla Ricerca alimentare diffusi capillarmente sul territorio con funzioni anche di analisi e controllo di filiera (Centri di eccellenza, Università, Agenzie governative, Zooprofilattici, ASL, Repressione frodi, NAS, Forestale, ecc). Il bilancio occupazionale di circa 2 milioni di persone si integra con i valori sociali, culturali, ambientali e di gestione di risorse strategiche, da quelle paesistiche a quelle idriche, dal commercio estero all accoglienza, al turismo. Il settore vanta punti di forza importanti e la sua immagine costituisce un patrimonio molto apprezzato in Europa e nel mondo, articolato in un invidiabile ventaglio di offerta di prodotti di alta qualità e su una schiera di prodotti a Denominazione di Origine Protetta o Controllata che troviamo al top dei mercati internazionali. Un successo dovuto non solo ai legami della produzione alimentare italiana col territorio e col patrimonio culturale del Paese, ma anche agli alti standard di sicurezza e qualità, oltre che alla capacità di unire tradizione e innovazione costante di processo e di prodotto. Qualità intesa come l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o servizio che si riferiscono alla sua capacità di soddisfare bisogni espliciti ed impliciti. Si tratta di un concetto ampio coinvolgente l intera filiera (dalla tavola al campo, di processo e di prodotto), attraverso la materia prima, i metodi di produzione, di confezionamento, di distribuzione, e la sostenibilità ambientale di tali processi. I dati sull innovazione nel settore denotano il limite degli approcci schematici fra set-

9 Introduzione - 7 tori maturi e settori dinamici: in questo periodo di crisi partito con le bolle finanziarie e immobiliari del 2007 e 2008, il Made in Italy per il largo consumo ha dimostrato non solo una capacità di resistenza, ma soprattutto una capacità di sviluppo sui mercati esteri non indifferente: + 10,7 % l export alimentare nel 2010, ma anche + 6% nella moda, + 4% nel calzaturiero ed accessori, + 3% nel legno arredo. E tutto ciò con prodotti ad elevato contenuto di servizio, ripensati per i mercati di destino, a volte con contenuti radicalmente nuovi. Solo l Industria alimentare continua ad investire il 2% del fatturato in analisi e controllo di qualità e sicurezza, l 1,8% in ricerca e sviluppo formale ed informale di prodotti e processi innovativi, oltre il 4% in nuovi impianti, automazione, ICT e logistica, per un totale di circe 9 miliardi di euro annui. Fra i temi dell innovazione nel settore alimentare, una parte importante viene orientata dalle principali tendenze di consumo: la naturalità e la freschezza dei prodotti, il tessuto, il colore, il gusto ed i contenuti organolettici, la ricettazione e le tante sue riformulazioni, il porzionamento e la presentazione con il servizio integrato, le valenze nutrizionali e salutistiche, la funzionalità, l occasione ed il luogo di consumo. Tuttavia il settore è penalizzato da alcuni gap strutturali che frenano la crescita e la capacità di competere degli operatori alimentari. Fattore principale di limitazione dello sviluppo dell agricoltura e dell Industria alimentare è l eccessiva frammentazione della struttura produttiva, che si somma alle carenze infrastrutturali, logistiche e distributive, agli eccessivi costi di produzione a partire dall energia, alla scarsa qualità dell offerta di servizi per le imprese, alla finanza, al credito. Un impulso forte al trasferimento delle innovazioni di processo e di prodotto contribuirebbe a migliorare il posizionamento della competitività della nostra Industria alimentare, soprattutto delle PMI, recuperando efficienza e margini e garantendo la distintività delle nostre produzioni, anche a fronte della domanda internazionale e del cambiamento degli scenari in una fase molto delicata di transizione, dopo una crisi importante di sistema. Basti pensare che circa un quarto (24%) del fatturato dell Agroalimentare (vedi figura 2.2) è costituito proprio da prodotti per i quali l innovazione, anche incrementale, costituisce un fattore essenziale e che incorpora il maggiore valore aggiunto: si tratta della gamma del cosiddetto tradizionale evoluto, ovvero sughi pronti, oli aromatizzati, condimenti freschi, surgelati, ecc., e dei veri e propri nuovi prodotti, ossia alimenti ad alto contenuto salutistico e di servizio. Se consideriamo le tendenze in atto nei modelli di consumo alimentare, questa componente di prodotti più evoluta è destinata ad aumentare il proprio peso rispetto al cosiddetto alimentare classico (pasta, conserve, formaggi, vino, olio), che attualmente costituisce circa due terzi del fatturato totale del settore (66%), mentre il rimanente 10% è rappresentato dai prodotti a Denominazione di Origine e, in misura molto minore, dai prodotti biologici. Se il mercato interno comincia perciò a dimostrare che la ricerca e l innovazione sono una delle leve del progresso, quello internazionale ci dice che senza capacità d innovazione il rischio di finire fuori mercato diventa sempre più concreto, soprattutto per le nostre commodity. È indubbio, quindi, che il successo dei nostri prodotti nasca dalla capacità degli imprenditori di coniugare tradizione e innovazione, dedicando il giusto rilievo alla ricerca applicata. Nel corso degli anni le nostre aziende alimentari hanno, infatti, utilizzato la tecnologia più moderna, ade-

10 8 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 guandola alle ricette gastronomiche tradizionali, in modo da rendere possibili prodotti facili da preparare, con standard di sicurezza sempre più elevati e un alto livello di qualità. Risultati possibili solo destinando ogni anno risorse alla ricerca: un impegno economico che equivale non solo ad un investimento sul futuro, ma anche ad un immediata risposta alle richieste del consumatore nell ambito dell Italian Style. FIGURA 2.1 L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA (dati 2010) FATTURATO 124 Mld di fatturato Secondo posto dopo il settore metalmeccanico (13%) N. ADDETTI N. AZIENDE di cui Imprese > 9 dipendenti Imprese > 19 dipendenti EXPORT 21 Mld di L 80% dell export alimentare italiano è rappresentato da prodotti industriali di marca IMPORT 17 Mld ATTIVO COMMERCIALE 4 Mld FIGURA 2.2 FATTURATO PER TIPOLOGIA DI PRODOTTO 2010 TRADIZIONALE CLASSICO 81,84 Mld 66% TRADIZIONALE EVOLUTO 19,84 Mld 16% DENOMINAZIONI PROTETTE 11,53 Mld 9,3% (di cui 3 Mld e di export) NUOVI PRODOTTI 9,92 Mld 8% BIOLOGICO 0,87 Mld 0,7% TOTALE 124 Mld 100% (di cui 20 Mld di export) Denominazioni protette 9,3% Nuovi prodotti 8% Biologico 0,7% Tradizionale evoluto 16% Tradizionale classico 66%

11 Introduzione LA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ITALIAN FOOD FOR LIFE : UN IMPEGNO NAZIONALE ED EUROPEO. Il mercato italiano e internazionale dei prodotti alimentari sarà influenzato sempre di più dalle trasformazioni della società (invecchiamento, ricomposizione sociale, individualizzazione), dai cambiamenti delle abitudini alimentari e dei ritmi di vita. Proprio per questo l Industria alimentare italiana è costantemente impegnata ad andare incontro ai consumatori fornendo prodotti adatti alle più diverse necessità nutrizionali, come anche alle differenti occasioni di consumo, e che permettano al consumatore di compiere scelte consapevoli e di seguire una dieta adatta al proprio stile di vita e all attività fisica svolta. Gli stessi consumatori, soprattutto quelli italiani ed europei, sono sempre più in grado di riconoscere il valore intrinseco di ciò che comprano, dalla scelta delle materie prime, agli aspetti tecnologici, all attenzione rivolta al corretto utilizzo ambientale delle risorse naturali, al servizio, alla logistica e al packaging, nell ottica di un concetto di qualità globale. Per rispondere a queste esigenza Federalimentare, già impegnata a Bruxelles nel coordinamento della Piattaforma Tecnologica Europea Food for Life e motivata dalla consapevolezza della stretta correlazione tra l esigenza di modernizzazione del sistema produttivo e la diffusione della cultura della ricerca e dell innovazione tra le imprese (soprattutto le PMI), si è fatta promotrice nel 2006, insieme all ENEA, all INRAN, all Università di Bologna e agli attori più rappresentativi del settore agroalimentare in Italia, della Piattaforma Tecnologica Italian Food for Life. Colgo qui l occasione per ricordare il Professore Carlo Cannella che ha seguito i lavori della Piattaforma sin dall inizio, sia in qualità di Co-Chairman, in rappresentanza dell INRAN, che di Coordinatore del Key Thrust 1. La Piattaforma, ufficialmente costituita a Roma il 5 luglio 2006, rappresenta un iniziativa unica nel nostro settore e aggrega, sotto il coordinamento di Federalimentare, oltre 300 stakeholder tra Imprese grandi, piccole e medie, Università, Centri di Ricerca pubblici e privati, Associazioni dei consumatori, rappresentanze del mondo agricolo e della Distribuzione, con l obiettivo comune di incidere sulla politica economica del Governo in materia alimentare, orientandola più efficacemente in favore della ricerca e dell innovazione, senza sovrapposizioni, dispersioni o destinazioni prive di risultati. Questa collaborazione vivace ha portato dapprima all individuazione di priorità di ricerca condivise confluite nel Vision Document - Agenda Strategica di Ricerca, presentato a Bologna il 27 novembre 2006 e, successivamente, l 8 maggio 2008 alla presentazione a Cibus Parma dell Implementation Action Plan, un documento pragmatico e operativo che individua i tempi e gli strumenti di finanziamento necessari per attuare i temi di ricerca identificati nel Vision Document - Strategic Research Agenda. Il Board di Italian Food for Life del 17 febbraio 2010 ha deliberato la ristrutturazione della Piattaforma nazionale da 7 Pillar in 3 Key Thrust analogamente a quanto avvenuto a Bruxelles con un gruppo orizzontale dedicato alle attività di Comunicazione, Formazione Trasferimento Tecnologico e Creazione di Impresa. In tal modo ci si adeguerà alla nuova organizzazione della Piattaforma Europea e si aggiornerà l Agenda Strategica di Ricerca in Agenda Strategica di Ricerca e Innovazione con l indicazione di priorità fino al 2030 (vedi figura 3.1).

12 10 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 In questi anni di attività la Piattaforma Italian Food for Life si è rivolta alle Istituzioni nazionali competenti per convincerle a puntare su programmi di ricerca alimentare focalizzati sugli obiettivi strategici del settore conseguendo anche importanti successi, come nel caso del Programma del Ministero dello Sviluppo Economico Industria Quest ultimo ha rappresentato una svolta cruciale poiché, per la prima volta, si è riconosciuto chiaramente che l innovazione e la ricerca sono alla base dello sviluppo industriale nazionale e si è chiesto alle imprese stesse di aiutare ad individuare i campi in cui investire. La Piattaforma si è immediatamente attivata in questa direzione, contribuendo alla definizione dei temi di ricerca agroalimentare del Progetto di Innovazione Industriale Nuove Tecnologie per il Made in Italy, orientandolo verso le priorità individuate nell Implementation Action Plan. La Piattaforma ha inoltre partecipato attivamente a due dei Tavoli di analisi attivati dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per la predisposizione del Programma della Ricerca : Sistema Agroalimentare e Beni Strumentali e Made in Italy conseguendo, assieme alle altre Piattaforme coinvolte, un ulteriore successo. Il PNR si dichiara, infatti, favorevole alla nascita ed al consolidamento delle Piattaforme Nazionali, riconoscendone ruolo e struttura e considerandole rilevanti nell organizzazione, gestione e valutazione del Sistema di Ricerca nazionale, in particolare coerenza con gli ambiti relativi a Expo Milano 2015 Feeding the Planet, Energy for Life, sui temi dell agroalimentare, della sostenibilità e dell energia. Quest azione prevede il riconoscimento da parte del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca delle Piattaforme Nazionali e il loro coinvolgimento nelle azioni di programmazione e valutazione delle azioni di ricerca. La Piattaforma si è dimostrata particolarmente attiva anche a livello europeo, attraverso il coordinamento della rete delle 36 Piattaforme Tecnologiche Nazionali nate nell ambito della Piattaforma Europea Food for Life (vedi figura 3.2). Si tratta di un network attualmente rappresentativo di 35 Paesi (Albania, Austria, Belgio Fiandre e Vallonia, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele, Finlandia, Francia, Italia, Lettonia, Libano, Lituania, Montenegro, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria), più di imprese, circa 800 centri di ricerca, e oltre stakeholder nazionali. Le Piattaforme Nazionali si riuniscono due volte l anno (il nono meeting è stato a Budapest il 2 maggio 2011, il decimo sarà a Bonn a novembre, mentre il dodicesimo a Istanbul nel maggio 2012) e stanno assumendo un ruolo sempre più rilevante all interno della Piattaforma Food for Life che le consulta stabilmente, anche per la revisione dei suoi documenti strategici. Altro tema di particolare rilievo per la nostra Piattaforma è quello inerente la Knowledge Based Bio - Economy (KBBE), ed in particolare l attivazione, sul modello di quanto è stato fatto in Europa (progetto BEcoTePs - Bio-Economy Technology Platforms), di un sistema di coordinamento sinergico delle Piattaforme Tecnologiche Nazionali dell area KBBE (Italian Food for Life, SusChem Italy, Italian Global Animal Health, Italian Technology Platform for Farm Animal Breeding Reproduction, Forest-Based Sector Technology Platform Italia, IT-Plants for the Future, Biofuels Italia, Piattaforma Tecnologica Italiana in Agricoltura Biologica) e, per gli aspetti di comune interesse, di Manu- Future- Italia. Tale attività, affidata al Dr. Luigi Rossi, già Direttore ENEA BAS e Presidente

13 Introduzione - 11 FIDAF, sarà orientata alla definizione della massa critica necessaria a costituire un minimo comune denominatore dei progetti di maggiore interesse per la bioeconomia a livello nazionale. La Piattaforma Italian Food for Life costituisce quindi un opportunità unica, non solo per promuovere il coordinamento delle attività di ricerca in materie di alimenti e nutrizione, garantendone sia la direzione, sia una massa critica sufficiente, ma anche per assicurare il trasferimento delle conoscenze alle imprese. La promozione della cultura dell innovazione, della ricerca e della formazione è senza dubbio la chiave di volta per l affermazione dei nostri prodotti in Italia e all estero. Stiamo parlando di quello che sarà riconosciuto come il Made in Italy alimentare del futuro, che oggi deve passare attraverso la specializzazione, la ricerca e il progresso tecnologico per affermarsi, domani, come un nuovo classico nel quale s impone la nostra capacità, tutta italiana, di elaborare cultura e conoscenza, innovazione e tradizione. È nostra convinzione che le misure e gli strumenti disponibili per il nostro Paese costituiscano un quadro di sostegni alla ricerca ben strutturato e un buon punto da cui partire per ridare impulso allo straordinario patrimonio di know how per troppo tempo rimasto inespresso. Questo anche per far emergere le potenzialità del nostro settore agroalimentare, per accrescere la competitività delle nostre imprese, e trasformare in opportunità i profondi cambia- FIGURA 3.1 ITALIAN FOOD FOR LIFE : LA STRUTTURA M IR CHAIRMAN: FEDERALIMENTARE CO-CHAIRMAN: ENEA, INRAN, UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEGRETERIA TECNICA: FEDERALIMENTARE SERVIZI, ROMA - CONFINDUSTRIA R O R G R O U P MISE MIUR MIPAAF MIN. SALUTE REGIONI 1 KEY THRUST 1 MIGLIORARE LA SALUTE, IL BENESSERE E L INVECCHIAMENTO 2 3 KEY THRUST 2 RAFFORZARE LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE VERSO LA FILIERA ALIMENTARE COMUNICAZIONE FORMAZIONE TRASFERIMENTO TECNOLOGICO CREAZIONE D IMPRESA COORDINATORE: TECNOALIMENTI CORE GROUP: AGRICONSULTING, AITA, ENEA, EURIS, FEDERALIMENTARE, NEXEN, ENGINEERING, SAPLO PERONI, TECNOALIMENTI, U. NAPOLI FEDERICO II COORDINATORI: INRAN - U. ROMA 1 GRANAROLO UNILEVER LEADER DEI GRUPPI DI LAVORO: BARILLA CON. BIO ERIDANIA SADAM GRANAROLO FATT. PETRINI GENTILINI U. DEL SANNIO U. ROMA 1 KEY THRUST 3 FAVORIRE UNA PRODUZIONE ALIMENTARE SOSTENIBILE E COMPETITIVA COORDINATORI E LEADER DEI GRUPPI DI LAVORO: UNIBO BARILLA FERRERO COORDINATORI E LEADER DEI GRUPPI DI LAVORO: ENEA INALCA CREMONINI SAPLO PERONI

14 12 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 menti dei mercati globali e del sistema delle conoscenze, che vorremmo sempre più trasferite soprattutto alle Piccole e Medie Imprese. Abbiamo intrapreso la strada giusta e ora cerchiamo tutti, Industria, Amministrazioni e Accademia in primis di proseguire in questa direzione! Soprattutto in questa fase di transizione con uno scenario politico profondamente mutato in cui si affacciano, da una parte, i vantaggi derivanti da una ritrovata chiarezza sulle responsabilità di Governo, dall altra gli svantaggi derivanti dal rinnovo di una tensione regionalistica e a volte localistica che rischia di disperdere il nostro sforzo centrale e unitario, nonché di sovrapporre e duplicare risorse ed iniziative. A questo fine il Mirror Group dovrà aiutare il percorso di crescita della Piattaforma combinando linee di ricerca ed innovazione con linee di finanziamento e di credito, recuperando efficienza ed efficacia della spesa. FIGURA 3.2 IL NETWORK DELLE PIATTAFORME TECNOLOGICHE NAZIONALI FOOD FOR LIFE Daniele Rossi Chairman Italian Food for Life Board Roma, 14 giugno 2011

15 Key Thrust 1: Migliorare la salute, il benessere e la longevità 13 Coordinatore 1 : Dr. Andrea Ghiselli (INRAN) Co-coordinatori: Dr. Andrea Borsari (Granarolo SpA), Ing. Roberto Nardi (RO.NA Food Technology Consulting) Con il supporto della Dott.ssa Veronica Vallini (Eridania Sadam SpA) Segreteria Tecnica: Dott.ssa Maria Cristina Di Domizio (Federalimentare Servizi srl) Sono quattro le aree di ricerca prioritarie in cui sussiste una maggiore necessità di sviluppare nuovi processi, prodotti e strumenti atti a migliorare la salute, il benessere e la longevità: A1. Sviluppo ottimale delle funzioni nervose, benessere e invecchiamento; A2. Salute intestinale e funzioni immunitarie; A3. Dieta, peso corporeo e obesità; A4. Miglioramento dei prodotti di origine animale e di acquacoltura. L obiettivo generale è l elaborazione di una dieta sana attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti alimentari di qualità che rappresenteranno la scelta consapevole del consumatore perché più sana e conveniente. Per quanto concerne gli obiettivi specifici si intende: - sviluppare nuove ed efficaci strategie alimentari dirette a migliorare la salute umana, nonché a ridurre e/o a ritardare il rischio di insorgenza di alcune malattie; - garantire ai consumatori la tipologia giusta di alimento; - aumentare la fiducia dei consumatori attraverso una comunicazione e un dialogo attivi tra aziende, Istituzioni di Governo e consumatori, in modo da orientare e da mettere in campo strategie efficaci volte a promuovere comportamenti alimentari salutari. Il gruppo di lavoro svilupperà le sue attività a stretto contatto con gli altri Key Thrust, il CTTT, le altre Piattaforme Nazionali della KBBE (Knowledge Based Bio- Economy) e la Piattaforma ManuFuture- Italia. 1 Il Professore Carlo Cannella ha brillantemente coordinato il Key Thrust 1 fino a febbraio

16 14 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 A. 1 Sviluppo ottimale delle funzioni nervose, benessere einvecchiamento Comprendere gli effetti della dieta sulle funzioni cerebrali, tenendo in considerazione anche il gut-brain axis. L obiettivo è principalmente correlato allo studio dell influenza del cibo sullo sviluppo cerebrale e cognitivo e allo studio dell influenza della dieta: - sulle performance cognitive di breve e lungo termine in tutti i gruppi di età (dai neonati agli anziani); - sul ritardo della neurodegenerazione. Tempi: Coordinatori: Dott.ssa Francesca Petrini (Fattorie Petrini), Dr. Paolo Gentilini (Fabbrica Biscotti P. Gentilini Srl), Prof. Francesco Mancini (Università degli Studi del Sannio). Partecipanti: Dott.ssa Claudia Aureli - Con.Bio Dott.ssa Elena Azzini - INRAN Dott.ssa Loretta Berti - Università degli Studi di Verona Dr. Luigi Bertocchi - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia-Romagna Dott.ssa Alessandra Bordoni - Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna Dott.ssa Diana Di Gioia - Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna Dott.ssa Natalia Di Pietro - Università degli Studi di Chieti G. D Annunzio Prof. Paolo Fantozzi - Università degli Studi di Perugia Prof.ssa Patrizia Hrelia - Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna Prof.ssa Silvana Hrelia - Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna Dr. Renato Iori - CRA - Centro di Ricerca per le Colture Industriali Dr. Giuseppe Maiani - INRAN Prof. Emanuele Marconi - Università degli Studi del Molise Dott.ssa Elena Mengheri - INRAN Prof. Nicolò Merendino - Università degli Studi della Tuscia Ing. Roberto Nardi (RO.NA Food Technology Consulting) Prof.ssa M. Cristina Nicoli - Università degli Studi di Udine Prof.ssa Assunta Pandolfi - Università degli Studi di Chieti G. D Annunzio Prof.ssa Paola Pittia - Università degli Studi di Teramo Prof. Paolo Polidori - Università degli Studi di Camerino Dott.ssa Angela Polito - INRAN Prof.ssa Marisa Porrini - Università degli Studi di Milano Dr. Paolo Rapisarda - CRA - Centro di Ricerca per l Agrumicoltura e le Colture Mediterranee Dott.ssa Anna Rizzolo - CRA- Unità di Ricerca per i Processi dell Industria Agroalimentare Dr. Stefania Ruggeri - INRAN Dott.ssa Elisabetta Sanzini - Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Annalisa Tassoni - Alma Mater Studiorum - Università degli Studi di Bologna Dott.ssa Veronica Vallini - Eridania Sadam SpA

17 Key Thrust 1: Migliorare la salute, il benessere e la longevità - 15 Prof. Sauro Vittori - Università degli Studi di Camerino Research Challenge 1: L influenza della dieta, dei nutrienti, dei non nutrienti e dei rispettivimetabolitisullasalutecerebraleintutti i gruppi di età (dai neonati agli anziani). Studio dei meccanismi attraverso i quali i componenti della dieta modulano lo sviluppo cerebrale e le performance cognitive e ritardano il declino neurocognitivo associato all invecchiamento,inrelazioneanchealgut-brainaxis. Comprendere: - il ruolo dei nutrienti e dei non nutrienti nella modulazione dello sviluppo cerebrale e della performance cognitiva e nel ritardo del declino cognitivo associato all invecchiamento; - i meccanismi attraverso cui i composti neuroprotettivi presenti nella dieta sono in grado di prevenire o ritardare i processi di invecchiamento associati al declino cognitivo, anche attraverso il miglioramento del gut-brain axis, utilizzando anche modelli cellulari e animali. Acquisire dati al fine di suggerire nuove strategie nutrizionali neurotrofiche e/o neuroprotettive; di sostanziare i claim nutrizionali e salutistici rivolti a specifici gruppi di popolazione: - soggetti nella fase di sviluppo delle funzioni cognitive (neonati, prima infanzia); - soggetti nella fase di fisiologica involuzione delle stesse (anziani); - soggetti con disordini cerebrali ad alto rischio di degenerazione (soggetti affetti da malattie neurodegenerative, malati di Alzheimer e di Parkinson). Deliverables: 1. Identificazione, analisi e purificazione di specifici componenti bioattivi degli alimenti, evidenziando i meccanismi cellulari e sistemici degli effetti neuroprotettivi e neurorescue (sia contro i problemi di indebolimento cognitivo che di degenerazione neurologica collegati al processo di invecchiamento psicologico e al danno cerebrale). 2. Effetto dei componenti della dieta sulla modulazione della neurogenesi durante lo sviluppo o sul ritardo della neurodegenerazione durante l invecchiamento. 3. Strategie nutrizionali per invecchiare in salute. 4. Effetto di specifici regimi alimentari sulla modificazione dei meccanismi di plasticità sinaptica che sono alla base della performance cognitiva. 5. Effetto della dieta e dei suoi specifici componenti sulle interrelazioni delle funzioni gastrointestinali, sistemiche, metaboliche, ormonali e neurovegetative collegate al benessere.

18 16 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 Research Challenge 1 L influenza della dieta e dei nutrienti, non nutrienti e metaboliti sulla salute cerebrale in tutti i Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di gruppi di età (dai neonati agli presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca anziani). Studio dei meccanismi 50% attraverso i quali i componenti 10% IND della dieta modulano lo sviluppo 40% NAZ cerebrale e le performance cognitive e ritardano il declino neurocognitivo associato all invecchiamento, in relazione anche al gut-brain axis. Deliverable 1 Identificazione, analisi e purificazione di specifici componenti bioattivi degli alimenti, evidenziando i meccanismi cellulari e sistemici degli effetti neuroprotettivi e neurorescue (sia contro i problemi di indebolimento cognitivo che di degenerazione neurologica collegati al processo diinvecchiamento psicologico e al danno cerebrale). DURATA: 5 anni Ratio UNIV./IND. : 80/20 Deliverable 2 Effetto dei componenti della dieta sulla modulazione della neurogenesi durante lo sviluppo o Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di sul ritardo della neurodegenerazione presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca durante l invecchiamento. 50% 10% IND INIZIO: % NAZ DURATA: 10 ANNI Ratio UNIV./IND. : 80/20 Deliverable 3 Strategie nutrizionali per invecchiare in salute. Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di INIZIO: 2020 presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca DURATA: 10 ANNI 50% Ratio UNIV./IND. : 70/30 20% IND 30% NAZ

19 Key Thrust 1: Migliorare la salute, il benessere e la longevità - 17 Deliverable 4 Effetto di specifici regimi alimentari sulla modificazione dei meccanismi di plasticità sinaptica che sono alla Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di base della performance cognitiva. presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca 50% INIZIO: % IND DURATA: 5 ANNI 40% NAZ Ratio UNIV./IND. : 80/20 Deliverable 5 Effetto della dieta e dei suoi specifici componenti sulle interrelazioni delle funzioni Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di gastrointestinali, sistemiche, presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca metaboliche, ormonali e 50% neurovegetative collegate 20% IND al benessere. 30% NAZ INIZIO: 2013 DURATA: 5 ANNI Ratio UNIV./IND.: 80/20 Research Challenge 2: Analizzare il ruolo potenziale della dieta, dei nutrienti, dei non-nutrienti e dei rispettivi metaboliti nella modulazione dei processi psicologici, cognitivi e comportamentali che influenzano le scelte alimentari, il consumo di alimenti e l apporto di energia e nutrienti. Comprendere il ruolo della dieta, dei nutrienti, dei non-nutrienti e dei loro metaboliti nella modulazione delle funzioni fisiologiche correlate alle risposte psicologiche, cognitive e comportamentali che condizionano le scelte alimentari, il consumo di alimenti e l apporto di energia e nutrienti (compresi i fattori associati a palatabilità, ripienezza e sazietà). Acquisire nuove conoscenze per la prevenzione (primaria, secondaria e terziaria) dei disordini alimentari che possono condurre a malnutrizione (in eccesso o in difetto) e per favorire l adozione di comportamenti e abitudini alimentari adeguati. Deliverables: 1. Identificazione della relazione tra dieta e scelte alimentari; 2.Identificazione di pattern alimentari e/o alimenti per la prevenzione della malnutrizione per eccesso o per difetto; 3. Identificazione di pattern alimentari e/o alimenti per favorire l acquisizione di abitudini alimentari adeguate durante l infanzia, contrastando la fisiologica riluttanza e/o evitamento di alcuni alimenti o gruppi di alimenti (neofobia); 4. Identificazione di pattern alimentari e/o alimenti per la prevenzione della malnutrizione associata all anoressia senile; 5. Studio delle vie molecolari nella comunicazione tra sistema nervoso centrale, apparato gastroenterico e tessuto adiposo che modulano food choice e food intake ; 6. Definizione di strategie nutrizionali per un successfull ageing.

20 18 - Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione al 2030 Research Challenge 2 Analizzare il ruolo potenziale della dieta, dei nutrienti, dei non-nutrienti e dei rispettivi Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di metaboliti nella modulazione dei presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca processi psicologici, cognitivi e 50% comportamentali che influenzano 20% IND le scelte alimentari, il consumo 30% NAZ di alimenti e l apporto di energia e nutrienti. Deliverable 1 Identificazione della relazione tra dieta e scelte alimentari. INIZIO: 2013 DURATA: 10 anni Ratio UNIV./IND. : 80/20 Deliverable 2 Identificazione di pattern alimentari e/o alimenti per la prevenzione della malnutrizione per eccesso Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di o per difetto. presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca 40% INIZIO: % IND DURATA: 10 ANNI 40% NAZ Ratio UNIV./IND. : 70/30 Rete/ Coordin. Deliverable 3 Identificazione di pattern alimentari e/o alimenti per favorire l acquisizione di abitudini Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di alimentari adeguate durante presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca l infanzia, contrastando la 40% fisiologica riluttanza e/o evitamento 30% IND di alcuni alimenti o gruppi di 30% NAZ alimenti (neofobia). INIZIO: 2013 DURATA: 10 ANNI Ratio UNIV./IND. : 70/30 Deliverable 4 Identificazione di pattern alimentari e/o alimenti per la prevenzione della malnutrizione associata Expertise di ricerca Combinazione Medio - Alto Progetti di all anoressia senile. presenti in dei finanziamenti 5-15 Milioni Ricerca 40% INIZIO: % IND DURATA: 10 ANNI 40% NAZ Ratio UNIV./IND.: 70/30

KT1 IMPROVING HEALTH, WELLBEING AND LONGEVITY MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

KT1 IMPROVING HEALTH, WELLBEING AND LONGEVITY MANIFESTAZIONI DI INTERESSE KT1 IMPROVING HEALTH, WELLBEING AND LONGEVITY Leader: Prof. Carlo Cannella, Università Sapienza carlo.cannella@uniroma1.it Co leaders: Dr. Andrea Borsari, Granarolo SpA Andrea.Borsari@granarolo.it Ing.

Dettagli

ROMA, CONFINDUSTRIA, 14 GIUGNO

ROMA, CONFINDUSTRIA, 14 GIUGNO Ricerca, Innovazione, Competitività: le sfide dell Industria Alimentare Italiana al 2030 Presentazione dell Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione ROMA, CONFINDUSTRIA, 14 GIUGNO 2011 CTTT: COMUNICAZIONE,

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Bologna Il sistema dei finanziamenti europei e nazionali per la ricerca nel campo della salute animale Marco Degani ARIC Settore Ricerca Europea Bologna, 30 maggio 2008

Dettagli

Il Cluster Tecnologico Nazionale AgrifoodCL.ANe le prospettive italiane ed europee

Il Cluster Tecnologico Nazionale AgrifoodCL.ANe le prospettive italiane ed europee Il Cluster Tecnologico Nazionale AgrifoodCL.ANe le prospettive italiane ed europee Presidente Cluster Agrifood: Dr. Daniele Rossi AD Federalimentare Servizi Presidente Piattaforma Tecnologica Food for

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera TRADIZIONE.

Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera TRADIZIONE. Il SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO rappresenta una vera ECCELLENZA che primeggia sul piano della QUALITÀ, della SICUREZZA ALIMENTARE, dell INNOVAZIONE TECNOLOGICA d avanguardia, di della SOSTENIBILITÀ,

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

M. Cristina Di Domizio

M. Cristina Di Domizio BioEconomy between Food & NoFood: the Italian Way Stato dell arte, traiettorie di sviluppo ed opportunità per l Italia 26 maggio Sala Auditorium della Cascina Triulza Expo 2015 Nome relatore M. Cristina

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista MIUR 14/10/2011 Linee guida per l Educazione Alimentare

Dettagli

Milano, 12 maggio 2014 Safety for food

Milano, 12 maggio 2014 Safety for food Milano, 12 maggio 2014 Safety for food Innanzitutto faccio i complimenti ai ministeri della Salute e delle Politiche Agricole, al CNR, a Cisco e al Museo della Scienza per aver promosso questa importante

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

DAL 1962 SIAMO LA MATERIA PRIMA DI CHI SOGNA

DAL 1962 SIAMO LA MATERIA PRIMA DI CHI SOGNA DAL 1962 SIAMO LA MATERIA PRIMA DI CHI SOGNA Metra nasce nel 1962, dall iniziativa di un gruppo di imprenditori dotati di grande lungimiranza, tenacia e sogni non comuni. I PIONIERI DELL ALLUMINIO Grazie

Dettagli

Granarolo e la ricerca collaborativa

Granarolo e la ricerca collaborativa Roma, 30 gennaio 2013 LE SFIDE DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E DELL INNOVAZIONE PER IL SISTEMA AGRO-INDUSTRIALE ITALIANO Granarolo e la ricerca collaborativa Angelo Vittorio Zambrini Dir. Qualità, Innovazione,

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

Studio Professionale AM Consulting

Studio Professionale AM Consulting La seguente scheda fornisce solo alcune informazioni di carattere generale e non è da considerarsi esaustiva, si rimandano gli approfondimenti a un momento successivo con le parti interessate. SALUTE 2008-2013

Dettagli

SEZIONE DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE

SEZIONE DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE SEZIONE DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE Dati preliminari suggeriscono che un alimentazione ricca in alimenti d origine vegetale ed antiossidanti possa contribuire ad una miglioramento del processo di invecchiamento

Dettagli

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Lucca, 25 febbraio 2012 Anno Europeo del Volontariato Volontariato: Libera scelta Libera

Dettagli

L Industria alimentare italiana e gli alimenti funzionali: la tradizione presenta il benessere

L Industria alimentare italiana e gli alimenti funzionali: la tradizione presenta il benessere L Industria alimentare italiana e gli alimenti funzionali: la tradizione presenta il benessere LA RICERCA INDUSTRIALE SUGLI ALIMENTI FUNZIONALI E LA PIATTAFORMA TECNOLOGICA FOOD FOR LIFE Milano, 11 giugno

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

MOLISEINNOVAZIONE S.C.p.A Parco Scientifico e Tecnologico del Molise per: I molisani nel mondo

MOLISEINNOVAZIONE S.C.p.A Parco Scientifico e Tecnologico del Molise per: I molisani nel mondo MOLISEINNOVAZIONE S.C.p.A Parco Scientifico e Tecnologico del Molise per: I molisani nel mondo Coordinatore Tecnico Gestore Dr. Marco Molino MOLISEINNOVAZIONE è una società consortile, a prevalente capitale

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Totale* 213. In casa 140

Totale* 213. In casa 140 Firenze, 11 aprile 2015 I CONSUMI ALIMENTARI DELLE FAMIGLIE (valori in Mld. di euro correnti anno 2014) Totale* 213 In casa 140 Fuori casa 73 * escluse bevande alcoliche Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Strategie di promozione internazionale dei prodotti agroalimentari

Strategie di promozione internazionale dei prodotti agroalimentari per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi Divisione X Promozione in Asia, Oceania e Paesi del Golfo Strategie di promozione internazionale dei prodotti agroalimentari italiani

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n.

Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. Le attività sono finanziate dalla Regione Emilia-Romagna tramite Fondi Regionali. Operazioni approvate con Delibera della Giunta Regionale n. 1496 del 15/10/2012 Rif. P.A. 2012-1706/RER - Rif. P.A. 2012-1720/RER

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

Iniziativa nologo: Licenza d'uso del Marchio Europeo di Solidarietà

Iniziativa nologo: Licenza d'uso del Marchio Europeo di Solidarietà Una grande opportunità per Industria e Distribuzione Iniziativa nologo: Licenza d'uso del Marchio Europeo di Solidarietà Americo Casci Magnani by Key Solution srl Obiettivo : profitto solidale Profitto

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Tendenze nei consumi alimentari e composizione dell offerta. Daniele Rossi Direttore Generale Federalimentare

Tendenze nei consumi alimentari e composizione dell offerta. Daniele Rossi Direttore Generale Federalimentare Tendenze nei consumi alimentari e composizione dell offerta Roma, 15 maggio 2009 Daniele Rossi Direttore Generale Federalimentare 1 INDUSTRIA ALIMENTARE EUROPEA DATI DI BASE Fonte: Dati e stime CIAA per

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Intestinale dalla fisiologia alla patologia

Intestinale dalla fisiologia alla patologia ilruolo delmicrobiota Intestinale dalla fisiologia alla patologia Con il supporto non condizionato di Bari, 13 Dicembre 2014 Sheraton Nicolaus Hotel CORSO INTERATTIVO ECM RAZIONALE SCIENTIFICO Negli ultimi

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

ROMA, CONFINDUSTRIA, 14 GIUGNO

ROMA, CONFINDUSTRIA, 14 GIUGNO Ricerca, Innovazione, Competitività: le sfide dell Industria Alimentare Italiana al 2030 Presentazione dell Agenda Strategica per la Ricerca e l Innovazione ROMA, CONFINDUSTRIA, 14 GIUGNO 2011 KEY THRUST

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali 17 luglio 2013 Auditorium Biagio Alba, via G. Ribotta. ROMA La federazione Italiana Produttori Piante

Dettagli

Conclusioni e raccomandazioni Workshop 1 Organizzazione, infrastruttura e ruolo dei Comitati etici per la ricerca (REC) a livello nazionale

Conclusioni e raccomandazioni Workshop 1 Organizzazione, infrastruttura e ruolo dei Comitati etici per la ricerca (REC) a livello nazionale Conclusioni e raccomandazioni Workshop 1 Organizzazione, infrastruttura e ruolo dei Comitati etici per la ricerca (REC) a livello nazionale Il traguardo non è stato ancora raggiunto Il sempre crescente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

Alimentazione e Nutrizione

Alimentazione e Nutrizione Alimentazione e Nutrizione Dr. Augusto Innocenti, PhD Biologo Nutrizionista Prof. a contratto Università di Parma Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

Il Foresight Tecnologico quale strumento di business intelligence a supporto della competitività delle imprese

Il Foresight Tecnologico quale strumento di business intelligence a supporto della competitività delle imprese XXXIV CONVEGNO ANNUALE AIDEA AZIENDE DI SERVIZI E SERVIZI PER LE AZIENDE. LA RICERCA DI UN PERCORSO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER SUPERARE LA CRISI. PERUGIA, 13 E 14 OTTOBRE 2011 FILONE DI RIFERIMENTO: SERVIZI

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale

Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale aiuti il sociale doni al sociale Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale Americo Casci Magnani by Key Solution srl Obiettivo : profitto solidale Profitto Aziendale e Solidarietà Sociale Con

Dettagli

www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto

www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto www.menoalcolpiugusto.it Ed. pr. Albino Ferrarotto Cos è E la campagna di prevenzione alcologica promossa dal Gruppo Alcologia del DIPARTIMENTO per le Dipendenze dell Ulss n.6 di Vicenza Il messaggio di

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

ERASMUS+ Presentazione a cura di Lucia Di Cecca Conservatorio di Musica Licinio Refice di Frosinone

ERASMUS+ Presentazione a cura di Lucia Di Cecca Conservatorio di Musica Licinio Refice di Frosinone Presentazione a cura di Lucia Di Cecca Conservatorio di Musica Licinio Refice di Frosinone 1 Erasmus da Rotterdam (1466-1536) Grande umanista olandese Insegnò in numerose università europee Acronimo per

Dettagli

CORSO: ALIMENTAZIONE. ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA

CORSO: ALIMENTAZIONE. ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA PRESENTAZIONE CORSO ECM FAD CORSO: ALIMENTAZIONE ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA a cura dell ISTITUTO DI SCIENZE DELL ALIMENTAZIONE

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

Smart Specialisation Strategy: valorizzare le aree di specializzazione territoriale

Smart Specialisation Strategy: valorizzare le aree di specializzazione territoriale Smart Specialisation Strategy: valorizzare le aree di specializzazione territoriale Bernardino D Auria, Invitalia 27 novembre 2014 Il Progetto S3 a supporto delle politiche di ricerca e innovazione Il

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR-ISPA www.ispa.cnr.it. Direttore: Antonio Logrieco

Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR-ISPA www.ispa.cnr.it. Direttore: Antonio Logrieco Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR-ISPA www.ispa.cnr.it Direttore: Antonio Logrieco La ricerca e l innovazione rappresentano il volano per la crescita ecosostenibile del nostro territorio

Dettagli