vini, distillati, caffè e ammazzacaffè. salsa di pomodori e una discreta grattugiata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "vini, distillati, caffè e ammazzacaffè. salsa di pomodori e una discreta grattugiata"

Transcript

1 Speciale Pasta

2

3 Enotria, terra del vino, così veniva chiamata anticamente l Italia per gli innumerevoli vitigni autoctoni che la ricoprivano dalle Alpi a Santa Maria di Leuca; nei secoli seguenti altre denominazioni vennero attribuite alla nostra patria: la terra dove fioriscono i limoni, così Goethe; la terra degli ulivi, dei fratelli ulivi - che fan di santità pallidi i clivi - e sorridenti, così D Annunzio; e altre meno poetiche sulle quali sarà bene sorvolare. Una di queste lo coniarono i nostri cugini d oltralpe che ci chiamarono macaronì ; quello che voleva essere un insulto divenne però un complimento da quando la comunità scientifica decise che la mediterranian diet, l alimentazione mediterranea che ha come base la pasta, è la più salutare. Alla pasta italiana, che adesso tutto il mondo ci invidia e cerca inutilmente di copiarci, per la quale abbiamo inventato più di 1300 ricette per cucinarla nei modi più fantasiosi, vogliamo dedicare questo nostro speciale di Gustare l Italia. Gianni Renna

4 di Davide Rampello Storia della pasta La pasta: dono degli dèi Nei secoli scorsi i contadini italiani - anche pane e il vino completavano un pranzo semplice senza avere mai ascoltato il parere di un dietologo ma completo e sano. I guai alimentari co- - sapevano che nessun altro cibo come la minciarono con l avvento del cosiddetto benessere, pasta fornisce un alimentazione così completa quando da piatto unico la pasta ed equilibrata. Un adulto necessita di circa divenne un primo piatto che richiedeva perciò 3000 chilocalorie al giorno, costituite da carboidrati un antipasto, un secondo e contorno, il (60%), grassi (20%), proteine (10%); formaggio, la frutta, il dolce, con relativi aperitivi, un buon piatto di pasta, condito con una semplice vini, distillati, caffè e ammazzacaffè. salsa di pomodori e una discreta grattugiata Incominciarono i problemi di malattie dovute di formaggio, apporta circa 600 chiloca- alla superalimentazione e all obesità e, curio- lorie nella quasi identica percentuale di samente, la gran parte delle colpe vennero riversate carboidrati, grassi e proteine. sulla povera e innocente pasta che di- Nessun altro alimento risulta così ben bilanciato venne uno spauracchio per chiunque avesse e i contadini lo sapevano. La loro dieta: un problemi di linea. piatto di pasta al sugo arricchita di quando in Le donne crisi degli anni venti avrebbero con quando (soprattutto nei giorni di festa) da carne entusiasmo sottoscritto il Manifesto per una o pesce, era perfetta; la pasta era pratica- cucina futurista, nel quale Filippo Tommaso mente un piatto unico, il formaggio, la frutta, il Marinetti propugnava l abolizione della pasta-

5 sciutta che, secondo lui, non serviva ad altro se non a tappare i buchi dell inguaribile tristezza di quelli che spregiativamente egli chiamava pastasciuttari. Si andò avanti così per anni; intere generazioni, quando si sedevano a tavola davanti ad un piatto di bucatini o di pappardelle o di bigoli, venivano assaliti dai rimorsi e dai sensi di colpa; diafane giovinette votate all anoressia consumavano tristemente la loro giovinezza mangiando un po di bresaola e qualche foglia di insalata scondita Poi finalmente tornò la luce. Dai dietologi di oltre Atlantico arrivò la lieta novella: ci spiegarono quello che i nostri avi sapevano da centinaia di anni rivalutando come perfetti per una sana alimentazione gli elementi tradizionali degli italiani: verdure, olio e - naturalmente - la pasta. Da allora siamo tornati a gustare senza rimorsi piatti di trenette al pesto o bucatini all amatriciana o di fusilli alla marateota e se qualcuno ci obbietta qualcosa possiamo serenamente rispondere che stiamo seguendo una dieta: la dieta mediterranea. D altra parte come si potrebbe rinunciare a questo cibo che deriva dal grano, il più importante dono che ci hanno dato gli dei come è testimoniato in ogni religione: per gli antichi egizi fu Iside a donare il grano all Umanità, per i greci Demetra, per i romani Cerere Non è un caso che Cerere e Demetra, oltre ad essere le protettrici delle messi, fossero anche simboli del progresso: la coltivazione dei cereali incominciò quasi contemporaneamente in varie parti del mondo 6 o 7 mila anni fa e cambiò le abitudini dell uomo e contribuì al suo sviluppo e al suo ingresso nella civiltà. Quando si rese conto che la coltivazione e il raccolto del grano e dei cereali in genere gli costava meno fatica e comportava meno pericoli dell andare a caccia per procurarsi il necessario alla sopravvivenza, l uomo cambiò le sue abitudini di nomade e si convinse a scegliere insediamenti stabili. Fu una delle più importanti rivoluzioni della storia, che portò a radicali cambiamenti nei suoi costumi e addirittura nella sua struttura fisica; nei costumi perché, non dovendo continuamente cambiare luogo, si trovò ad avere più tempo per dedicarsi a sviluppare l artigianato e in seguito le arti e le scienze. Una divertente leggenda attribuisce l invenzione della pasta al dio Vulcano (Efesto per i greci) il quale, infuriato con Demetra - la dea delle

6 dà alla pasta una resistenza alla cottura che non si riscontra in paste nate altrove. In realtà, molto semplicemente, si è trattato di una scoperta che tutti i popoli del mondo fecero ad un certo punto della loro storia, scoperta legata alla conoscenza e all uso dei cereali; come accadde per il pane, anche per la pasta ad un certo punto qualcuno pensò di trasformare i cereali in farina e poi di cuocerla nell acqua salata trasformandola in pasta. L importante, in ogni caso, è che la pasta oggi sia una realtà, chiunque ne sia stato l inventore, e che si possa cucinare in dieci, cento, mille modi. In quanti modi si può cucinare la pasta? Per Vincenzo Buonassisi, uno dei massimi studiosi della materia, un innamorato di questo alimento potrebbe andare avanti quattro anni cambiando ricetta ogni giorno; nel suo Codimessi -, strappò tutti i chicchi di grano dalle sue spighe, li pestò rabbiosamente con la sua mazza di ferro facendone farina che gettò nel Vesuvio; i vapori del vulcano trasformarono la farina in un impasto che sul fuoco della lava venne cotto a puntino. Il dio, incuriosito dal buon profumo che emanava, lo raccolse, vi sparse sopra un po d olio d oliva e se lo mangiò; aveva inventato la prima pizza alla marinara della storia. Dalla pizza alla pasta il passo fu breve e i napoletani - forti del fatto che la leggenda mitologica situa la cottura della prima pizza in Campania - sostengono che sono stati loro a inventare i maccheroni. A Gragnano, sulle pendici del Vesuvio, non hanno alcun dubbio, i maccheroni li hanno inventati loro e portano a sostegno della loro tesi il fatto che la loro acqua, molto ricca di zolfo,

7 ce della pasta ha infatti individuato e con affetto catalogato ben 1347 ricette elencandole in ordine alfabetico, dagli agnoli (sorbir d agnoli) alla zuppa di grano. Milletrecentoquarantasette ricette, milletrecentoquarantasette piatti di pasta, dai più classici ai più nuovi e raffinati, milletrecentoquarantasette momenti di gioia per il palato, di allegria, di beatitudine appunto, perché - come scrive Mariarosa Schiaffino nel suo Tempo di pasta - la pasta è un piatto ottimista, positivo, capace di portare in tavola il sorriso e di ispirare una visione più rosea della vita. Ha anche un che di consolatorio, di affettuoso, di tenero. E morbida e accogliente come un seno materno. Gli italiani vi tuffano metaforicamente la loro fatica di vivere. Siamo al lirismo. Giustamente. Ma se si arriva alla poesia per la pasta, dove si dovrebbe arrivare pensando al pomodoro? Meglio: alla pasta col pomodoro? Pensate al povero Efesto: aveva inventato la pasta - o per lo meno la pizza - ma, per sua sfortuna, non seppe mai quale sublime abbinamento si sarebbe ottenuto unendola col pomodoro. Di Vulcano, infatti, e di tutti gli altri déi dell Olimpo, non restava ormai che il ricordo quando Cristoforo Colombo nel 1492 scoperse per caso l America e, con l America, alcune piante che dovevano arricchire la gastronomia europea: la patata, la melanzana, la zucca, il peperone e - soprattutto - il pomodoro. La cosa incredibile fu che molte di queste piante, soprattutto quelle appartenenti alla famiglia delle solanacee, per secoli vennero considerate soltanto come pianta da ornamento perché si pensava che fossero velenose. La melanzana - per esempio - ha questo nome che significa mela insana, perché erano convinti che fosse immangiabile. Soltanto alla fine del XVIII secolo si decisero a mangiare i pomodori col riso, con il pesce, nelle frittelle, in crocchette ma non ancora con la pasta. In uno dei primi libri di cucina scritto dal napoletano Vincenzo Corrado detto Il cuoco galante, nel 1773 non se ne fa cenno. Debora Montoli (2)

8 Chi sarà stato il primo che abbinò pasta e pomodori creando uno dei cibi più straordinari della storia della gastronomia: la pasta c a pummarola ncoppa? Se se ne conoscesse il nome sarebbe poca cosa dedicargli un monumento nella piazza principale di ogni città d Italia, se i turisti andassero religiosamente a visitarne la casa natale, se poeti e musicisti gli dedicassero poemi e sinfonie. Ad ogni modo qualcuno, un luminoso giorno lo fece questo abbinamento, e - anche se il suo nome è rimasto sconosciuto - si sarà certo assicurato un posto in Paradiso tra i Santi che più gioia hanno dato alla povera umanità. Con l aggiunta del pomodoro, la pasta - che per secoli era stata cotta nel brodo di carne o nel latte, condita con zucchero, formaggio, burro e addirittura cannella e altre spezie -, si illuminò, prese vita e colore, come la natura quando da uno squarcio di nuvole è illuminata dal sole. Prima della scoperta dell America, l uomo non lo sapeva, ma viveva in un Purgatorio culinario (niente gnocchi di patate, niente gatò, niente parmigiana di melanzane, niente spaghetti alla norma, alla sangiuaniello, al ragù, alla caprese, alla pizzaiola, alla bolognese ): ma era vita, quella? Oggi, grazie a Dio, quel cupo medioevo gastronomico è finito e siamo in pieno Rinascimento, anche se occorre fare molta attenzione per difendere questo cibo arrivato a noi attraverso un evoluzione durata settemila anni. Un argomento molto importante quando si parla di pasta riguarda il vino: quale vino bere gustando un piatto di pasta? Lo scrittore Al- Debora Montoli (2)

9 berto Denti di Pirajno scriveva: dopo aver mangiato la pasta c a pummarola ncoppa non dovete profanarla bevendo vino: sulla pasta al pomodoro non si beve che acqua pura. Con tutto il rispetto, mi sembra demenziale. Ma come: Dio ha dato all umanità questi tre grandi doni: pasta, pomodoro e vino che - come abbiamo visto - hanno impiegato migliaia di anni per giungere al felice appuntamento di trovarsi insieme su una tavola apparecchiata e tu vuoi che io mi privi di uno di questi? Quale peccato vuol farci scontare il buon Alberto Denti con questa rinuncia? Il vino è necessario, è importante, è indispensabile su ogni cibo, si tratta soltanto di scegliere quello adatto a ciascuno di essi. Ritengo che l homo sia finalmente diventato sapiens solo dopo aver imparato ad abbinare cibo e vino. Quale vino dunque con la pasta? C è una regola molto semplice teorizzata anni fa da Luigi Veronelli: la scelta del vino è condizionata dalla salsa; la pasta asciutta è immangiabile con la sola cottura; per farla esplodere occorre l accompagnamento di una salsa, anche la più semplice, un pomodoretto pressato, aglio e olio. Logico che siano le salse a guidare la scelta dei vini. Se sono a base di verdure: vini bianchi o rosati, lievi e passanti; se a base di pesce: vini bianchi equilibrati e secchi; se a base di carni: vino rossi asciutti e robusti. Attenzione - continua Veronelli - i vini siano più leggeri e più giovani o più freschi di quelli che avreste scelto per gli stessi intingoli di verdure, pesci, carni, cacciagione, se li avreste serviti per sé soli e non come condimento. Le ragioni sono chiare: l intingolo diluito a consistenza di salsa, ha minor pienezza; il sapore è ancora attenuato da gusto neutro della pasta. Si poteva dire meglio?

10 di Arabella Pezza COME SI CUOCE LA PASTA E incredibile, ma c è ancora gente che non sa cuocere la pasta. Non diciamo all estero ma, qualche volta, nemmeno in Italia. Date un occhiata a questo box per ricordare le regole fondamentali (e chiediamo scusa a coloro che riterranno eccessivi o scontati questi consigli): l acqua deve essere abbondante: ogni cento grammi di pasta un litro d acqua, in modo da non correre il rischio di farla agglomerare e di darle un sapore colloso; salare l acqua al momento in cui viene messa sul fuoco, in ragione di circa 10 grammi per litro (un po meno se il sugo con il quale verrà condita sarà particolarmente sapido); prima di calare la pasta, aspettare che l acqua sia ben bollente, così non si abbasserà troppo la temperatura e non si interromperà di troppo l ebollizione. E bene anche avere una piccola riserva di fuoco, così quando si butta la pasta si alza la fiamma al massimo e l acqua ricomincia a bollire; non calare la pasta in un sol colpo ma a poco a poco, assicurandosi che si sparpagli ben bene affinché non si incolli. Se si tratta di spaghetti, vanno messi nella pentola a ventaglio, in modo che ognuno sia investito dall acqua bollente in ogni parte; quando l ebollizione sarà tornata al punto giusto, abbassare la fiamma e continuare la cottura mescolando di tanto in tanto; la pasta va puntualmente cotta al dente. Ogni pasta ha il suo tempo di cottura e perciò ognuno dovrà basarsi sulla propria esperienza. Non fidarsi di quello che c è scritto su certe confezioni; a volte certe paste, per le quali si prevedono 15 minuti per la cottura, sono pronte dopo 10 minuti; non lasciare mai la pasta sola mentre cuoce ma sorvegliarla e rinnovarla con un cucchiaio (possibilmente di legno) di tanto in tanto; quando la cottura sarà completata, togliere la pentola dal fuoco e scolare la pasta scuotendo il colapasta dal basso verso l alto per far fuoriuscire tutta l acqua di cottura (tranne nei casi in cui è bene lasciarla un po acquosa, come per esempio nella pasta al pesto); appena scolata, la pasta va adagiata su un piatto di portata (possibilmente concavo e preriscaldato); se la ricetta prevede il formaggio, metterlo prima della salsa perché, quando si aggiungerà quest ultima, ben calda, ne completerà l amalgama; qualcuno consiglia di bagnare la pasta appena scolata con un po d acqua fresca che serve a fermare la cottura, ma non tutti sono d accordo. Qualche altro consiglia, una volta sgocciolata la pasta, salsata e mescolata, di versarla in un tegame e di farla saltare qualche attimo a fuoco forte. Fatta eccezione per pochissime ricette tradizionali, i puristi non sono d accordo perché le paste non amano cotture a contatto diretto con i grassi.

11 LA PASTA IN POESIA Una tenera e divertente poesia dedicata alla pasta scritta da Aldo Fabrizi, attore romano scomparso nel 1990 all età di 84 anni. Grande appassionato di cucina, nonché lui stesso ottimo cuoco. Ieri dar friggidere, ch o svotato pe daje na sbrinata, c è sortito un pezzo de guanciale rancichito na crosta de formaggio smozzicato, na ciotola de strutto congelato, du fette de presciutto inseccolito, un ciuffo de basilico appassito, e un pommidoro mezzo magagnato. Voi buttavate tutto alla monezza, ma io ch o combattuto cor bisogno ciò fatto er sugo della fanciullezza. Un sugo col sapore rancichetto che m a portato indietro come un sogno ar tempo bello ch ero poveretto. Debora Montoli (2)

12 di Saverio Carlo Buttiglione Benagiano: la pasta di Garibaldi Sono un pastasciuttaro, autentico, irriducibile, impenitente; di fronte al mio quotidiano piatto di pasta ringrazio il cielo che qualcuno l abbia inventata e mi piacerebbe conoscerne il nome per proporlo per la beatificazione. Ma chi ha inventato la pasta? Se ne attribuiscono il merito innanzitutto i napoletani, anzi gli abitanti di Gragnano (che per la verità si accontentano - e non è merito da poco - di essere considerati gli inventori della pasta al pomodoro). Ma partecipano alla gara anche greci, arabi, egiziani, perfino i turchi e ciascuno con validi argomenti. A complicare le cose ci si sono messi anche i cinesi con l autorevole testimonianza di Marco Polo. Quest ultima ipotesi è però francamente inattendibile perché già qualche anno prima che il viaggiatore veneziano tornasse dal Catai, l uso dei maccheroni nella cucina italiana era noto, e lo dimostra un documento del notaio Ugolino Scarpa che nel 1279, redigendo l inventario dei beni di un suo cliente genovese, ad un certo punto elenca una barixella plena de maccaronibus. Qualche decennio dopo il Boccaccio racconta nel Decamerone del Paese di Bengodi dove si legano le viti con salsicce ed eravi una montagna tutta di formaggio Parmigiano grattugiato sopra la quale stavan genti che gniuna altra cosa facevan che far maccheroni o raviuoli e cuocerli in brodo di capponi. In ogni modo questo è quello che importa: un giorno fece il suo solenne ingresso nella storia dell Umanità il maccherone (un invenzione pari - e forse superiore - a quella della ruota). Anche sull etimologia ci sono pareri contrastanti: chi fa derivare maccherone dal latino maccare (schiacciare, quindi impastare); chi dal greco maghis che significa colui che impasta. Ma se è proprio obbligatorio sceglierne una preferisco chi la fa derivare dal greco makarios, che significa beato. Quante volte, infatti, mi sono sentito beato dopo un piatto di spaghetti al filetto di pomodoro, alle vongole, alla caprese, o dopo una porzione di tagliolini ricoperti di tartufo bianco, o di bucatini alla matriciana o di pasta con le sarde Quando mi trovo a tu per tu con un piatto di pasta come Alberto Sordi nel film Un americano a Roma, chiedo soltanto che provenga

13 da un azienda che la produca ancora nel rispetto della qualità: trafile in soltanto che provenga da un azienda bronzo ed una lenta essicazione. Ne sono rimaste poche in Italia; le leggi del mercato globale impongono altissimi volumi di produzione a prezzi bassi e sono perciò preferiti i procedimenti veloci, anche se in questo modo si perdono i sapori e sostanze preziose per la salute contenute nel grano. Una delle aziende rimaste fedeli alla tradizione è la Benagiano di Santeramo in Colle, a pochi km da Bari, e sono proprio i suoi prodotti che vogliamo sottoporre al giudizio dei Saggi Degustatori. La dirigono i fratelli Giuseppe e Andrea che, con molti sacrifici, continuano a produrre quella che è un eccellenza agroalimentare pugliese con lo stesso amore, la stessa passione, la stessa cura del bisnonno Mastro Francesco, che a metà Ottocento diede l avvio alla stirpe dei Benagiano Pastai. In molte locande d Italia si ricorda il passaggio di Garibaldi con una targa con su scritto: Qui dormì l Eroe dei Due Mondi ; a Santeramo hanno scritto: Qui si fa la pasta come quella che mangiò e apprezzò Garibaldi (e gli piacque talmente tanto che, quando fu eletto deputato ad Andria ritornò spesso s Sant Eramo per gustarla ancora). I Benagiano sono, con i figli Nicola e Vito, arrivati alla quinta generazione di pastai, ma i metodi di produzione sono sempre gli stessi. Si incomincia dalla accurata ricerca del grano e del farro (oltre alle paste tradizionali producono, infatti, anche pasta di farro e integrale). Il mulino che li trasforma in farina lo hanno trovato ad Altamura in un altra azienda dove vige il più rigoroso rispetto della tradizione: i cilindri di macina si muovono molto lentamente, ad una velocità che è la metà di quella della produzione industriale per non bruciare sostanze importantissime. In fabbrica, poi, anche l impasto è lentissimo e avviene con un impastatrice a cielo aperto, con l acqua che cade dall alto goccia a goccia, mentre - se avvenisse alla velocità standard - dovrebbe essere sigillata ermeticamente per evitare che l effetto centrifuga, dovuto alla velocità delle pale, faccia schizzare fuori l impasto. Le trafile che danno forma ai vari tipi di pasta devono essere esclusivamente di bronzo; il bronzo, non levigabile oltre un certo limite, trasmette la sua ruvidità alla pasta e ciò svolge un ruolo fondamentale durante l essicazione perché consente che avvengano alcuni fenomeni chimici e biologici che caratterizzano il sapore e gli altri fattori di qualità della pasta; per favorire questo processo l impasto, dopo essere stato trafilato in bronzo, deve essere Debora Montoli

14 essiccato - anche se non più al sole come avveniva una volta - in tempi lunghissimi e ad una temperatura che non superi i Ancora a fine Ottocento la pasta veniva portata in strada per farla asciugare all aria aperta e occorrevano intere giornate per completare il processo; oggi la pasta della grande industria viene essiccata in poche ore ad alte temperature che eliminano definitivamente le preziose sostanze nutritive. I prodotti dei Benagiano vengono messi in celle con grandi ventole a ricambio naturale di aria alla temperatura massima di 45, per cui occorrono 24 ore per essiccare la pasta corta e quasi due giorni per quella lunga. I tempi di lavorazione vengono così notevolmente allungati, ma il risultato - importante per la nostra salute - è che la ricchezza delle sostanze contenute nel grano arriva intatta al nostro organismo per arricchirlo e proteggerlo. Fra i molti riconoscimenti e attestazioni ottenuti dalla loro pasta, premiata dal Tuttofood di Milano e dal Gambero Rosso come la miglior pasta di farro, quello che preferiscono i Benagiano è stato conferito dal Centro di Ricerca De Bellis che, dopo test durati mesi e mesi su 556 volontari scelti fra 1042 soggetti affetti da sindrome metabolica, ha decretato che la pasta di Garibaldi, oltre che essere buona, fa anche bene alla salute. L azienda Benagiano produce 35 tipi di pasta, oltre alla pasta al farro e a quella di semola integrale, ideale per i diabetici; chiedo al Cavalier Giuseppe qual è il tipo che preferisce e il modo migliore di cucinarla. Non ha esitazioni: spaghetti al pomodoro, quello che i napoletani chiamano c a pummarola ncoppa. Ci sono centinaia di modi per cucinare la pasta (Vincenzo Buonassisi nel suo Codice della Pasta ne ha individuato e catalogato ben 1347, elencandoli in ordine alfabetico dagli agnoli in sorbir alla zuppa di grano ). Ma il Cav. Giuseppe la sua pasta la preferisce nella maniera più tradizionale. E quale vino abbinargli? Lo chiedo ancora al Cavaliere, ricordandogli che qualcuno sostiene che: dopo aver mangiato la pasta al pomodoro si beve solo acqua pura; non si deve profanarla bevendo vino. Il Cavalier Giuseppe non è assolutamente d accordo: Perché questa rinuncia? Il vino è importante, è indispensabile su ogni piatto di pasta, si tratta soltanto di scegliere quello adatto. Con la mia pasta al pomodoro io bevo un buon bicchiere di vino bianco delle Murge. Ecco dunque tutti gli ingredienti per realizzare uno dei più grandi piatti della storia della gastronomia: pasta, olio, pomodori, sale, vino. Semplice, no? Ma attenzione: l olio deve essere quello sapido e intenso che solo la Puglia sa dare; il sale quello marino realizzato nelle saline lunari di Margherita di Savoia; i pomodori quelli che i contadini di Santeramo coltivano fra terra e cielo, senza niente altro che aria e sole; il vino quello ottenuto nelle Murge dalle uve di vigne ad alberello, sempre più rare. E la pasta? Naturalmente quella di Giuseppe Garibaldi. Debora Montoli

15 Le ricette con la pasta FOJADE GIALLE CON PI- SELLI E MENTA Ingredienti per 4 persone: 500 gr di farina di semola; 400 gr di piselli novelli freschi; 200 gr di Parmigiano; 4 rametti di menta; 80 gr di burro. Preparazione: preparare la sfoglia per le tagliatelle amalgamando le uova con la farina. Cuocere i piselli in abbondante acqua salata per circa 6-7 minuti, scolarli e passarli in padella col burro. Cuocere la pasta, scolarla e condirla con i piselli, il Parmigiano e le foglie di menta sbriciolate. MALTAGLIATI CON I FAGIOLI Ingredienti per 4 persone: 400 gr di farina di semola; 400 gr di fagioli freschi; 4 uova; 4 litri di brodo di gallina; 300 gr di patate; 100 gr di Parmigiano; 2 pomodori; 1 grossa cipolla; 2 spicchi d aglio; basilico e alloro; 50 gr di burro; sale e pepe q.b. Preparazione: impastare la farina con le uova e tagliare la sfoglia così ottenuta dopo averla arrotolata in pezzetti (maltagliati). Lasciare appassire la cipolla all interno di una pentola capiente con il burro. Aggiungere i fagioli, le patate, i pomodori, l aglio, l alloro, il basilico. Salare e pepare. Coprire il tutto col brodo di gallina e far cuocere per circa un ora abbondante. Cuocere i maltagliati per qualche minuto, unire il Parmigiano e servire col sugo di verdure ben caldo. Gianni Renna Ricette

16 TAGLIATELLE GIALLE CON SALSICCIA FRESCA E ACETO BALSAMICO DI MODENA Ingredienti per 4 persone: 300 gr di farina di semola; 600 gr di salsiccia cruda; 2 uova; 20 gr di burro; aceto di Modena; Parmigiano; sale q.b. Preparazione: disporre la farina a fontana, sgusciarvi al centro le uova, impastare e preparare le tagliatelle. Cuocere la pasta e nel frattempo sbriciolare le salsicce e farle rosolare in una padella col burro. Condire le tagliatelle con la salsiccia, mezzo bicchiere d acqua di bollitura, abbondante Parmigiano e qualche goccia di aceto Balsamico. TORTELLI DI ZUCCA IN CREMA DI ZUCCA E MANDORLE DI PESCA Ingredienti per 4 persone: 500 gr di farina; 4 uova; 1 kg di polpa di zucca gialla; 100 gr di amaretti; 150 gr di mostarda di mele; 50 gr di mandorle di pesca; 300 gr di Parmigiano; 1 limone; 100 gr di burro; ½ bicchiere di vino cotto; noce moscata; sale q.b. Preparazione: cuocere la zucca, scolarla e passarla al setaccio. Tritare gli amaretti, unire le mandorle e la mostarda. Aggiungere la zucca, il Parmigiano, la buccia del limone grattugiata e amalgamare bene il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Preparare la sfoglia per i tortelli con le uova e la farina. Tagliarla in quadrati di circa 8 cm di lato e riporre al centro di ognuno una noce di ripieno. Richiuderli e cuocerli in abbondante acqua salata per circa 3-5 minuti. Condirli con burro fuso e una crema di zucca preparata con un po di pesto tenuto da parte, ½ bicchiere di vino cotto e poca acqua di cottura. Gianni Renna (2)

17

18 di Cino Tortorella Peccato di gola? I Peccati Capitali quelli che senza un duro d accordo sull Ira, che provoca guerre e deferno e sofferto pentimento portano diritti all Inlitti, sull Invidia, sulla Superbia, sull Avarizia erano inizialmente gli otto individuati che uccide la solidarietà e la generosità; ci fu da Frate Cassiano nel 400 d.c.: Lussuria - Ira qualche perplessità sull Accidia, che è generata - Invidia - Superbia - Avarizia - Accidia - Tristezza dalla noia, dallo scoraggiamento, dalla e Gola. Qualche secolo dopo Tommaso solitudine, ma è difficile che provochi danni d Aquino ne introdusse ufficialmente se non a se stessi. Ma perché si chiesero nel Catechismo soltanto sette, eliminando la in molti - considerare mortale il peccato di Tristezza. Gola? Non tutti i suoi confratelli però furono d accordo; Che male si fa - si domandarono - a gustare niente da obiettare sulla Lussuria, che con piacere i doni che la Natura elargisce spesso degenera nell abiezione, nella violenza, con generosità? Perché mettere sullo stesso nella prevaricazione sui più deboli; tutti piano un delitto provocato dall Invidia o dalla

19 Superbia e il godimento di un cibo mangiato in allegria con amici e magari seguito da canti e danze e invenzioni poetiche? Tutto però fu inutile: per l autore della Summa Teologiae i Peccati Capitali dovevano essere sette e sette rimasero, compresa la Gola, che - peraltro - era stata condannata all Inferno già da Dante nel VI canto della Divina Commedia. Nei secoli che seguirono molti preti si dimenticarono di comminare recite di pateravegloria a chi confessava il peccato di aver mangiato con avidità un cosciotto di agnello o un piatto di agnolotti e molti Vescovi, Cardinali e perfino Papi sono stati colti dal dubbio se la Gola fosse da considerare un peccato e - per giunta - capitale. Nessuno è però mai intervenuto a correggere la decisione di Tommaso, forse anche per rispetto, dal momento che era stato anche santificato. Noi di Gustare l Italia siamo giunti alla conclusione che 700 anni dopo la pubblicazione della Divina Commedia, 600 anni dopo la decisione di San Tommaso sia giunta l ora di fare qualcosa di concreto e di definitivo per riparare a questa che - secondo noi - è un ingiustizia e pensiamo che, proprio come era già accaduto per la Tristezza, sarebbe opportuno cancellare dai Peccati Capitali la Gola, che nei secoli ha dato gioia, ha invitato all amore, alla poesia, alla bellezza. Chiediamo a tutti coloro che condividono il nostro pensiero a farci avere un commento su questa nostra proposta (possono anche comunicarcelo sul sito P.S. Se qualcuno si è affezionato al numero sette e ritiene che i peccati capitali debbano necessariamente essere sette, proponiamo di sostituire la Gola con il peccato dell Astinenza dal Vino e mandare all Inferno la triste genia degli Astemi, coloro che rifiutano la divina bevanda che esalta la gioia di vivere, dispone all ottimismo, dà acutezza all ingegno, ali all ispirazione e che certo ritroveremo in Paradiso, come ci assicura il Vangelo secondo Giovanni: e preso il calice, reso grazie, diede loro; e ne bevvero tutti. E disse loro: questo è il sangue mio effuso per molti. In verità vi dico che non più berrò del succo della vite fino a quel dì che ne berrò di nuovo nel regno di Dio.

20 L arôme de la séduction. cuvée prestige brut rosé millésime brut grande réserve premier cru brut blanc de blancs cuvée prestige brut millésime

Catalogo Prodotti. la PASTA ARTIGIANALE mantovana

Catalogo Prodotti. la PASTA ARTIGIANALE mantovana Catalogo Prodotti LA PASTA COME SI FACEVA UNA VOLTA La Pasta Ripiena Pasta di Nonna Angiola è un azienda artigianale a conduzione della famiglia Carnevali, che propone la vendita al dettaglio e all ingrosso,

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi CORSO DI CUCINA 4-5 DICEMBRE 2012 PRIMI PIATTI 1 PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi Risotto alla Gualtiero Marchesi Agnolotti al burro,timo e salsa ai due peperoni

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento.

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Quando negli ingredienti trovi la parola sottolineata (ES: Besciamella), significa che

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

Michele D Agostino Maestro di Cucina ed Executive chef la pasta all uovo dall archivio dell Ateneo della Cucina Italiana PASTA ALL UOVO

Michele D Agostino Maestro di Cucina ed Executive chef la pasta all uovo dall archivio dell Ateneo della Cucina Italiana PASTA ALL UOVO Michele D Agostino Maestro di Cucina ed Executive chef la pasta all uovo dall archivio dell Ateneo della Cucina Italiana PASTA ALL UOVO INGREDIENTI: Gr. 800 farina tipo 00 Gr. 200 semola di grano Gr. 10

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti.

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti. IL MARE IN TAVOLA MENU Antipasti: 1. Bottarga e pomodori 2. Cozze alla marinara 3. Fagioli cannellini e gamberetti Primi piatti: 4. Spaghetti alle cozze e vongole veraci in bianco 5. Spaghetti alla bottarga

Dettagli

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti

Ricette 2015. Alcune idee per i vostri piatti Ricette 2015 Alcune idee per i vostri piatti Indice Indice generale Riso orientale alle verdure by DEB...3 Carciofini in agrodolce...4 Mezzemaniche cozze e fagioli...5 Pasta al ragù di melanzane...6 Spaghetti

Dettagli

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI E MIE R IC E T T E ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI Ingredienti: Legumi secchi o freschi a scelta Cereali misti a scelta Carota, sedano, cipolla dorata, aglio Salvia, rosmarino Olio extravergine di oliva

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

- RICETTE di PESCE -

- RICETTE di PESCE - - RICETTE di PESCE - ZUPPA ALLA MARANESE (per 4 persone) 2 Kg di pesce misto (passera, cefalo, ghiozzo,anguilla, ecc) tutto di piccola taglia Mezza cipolla Aceto ½ bicchiere di vino bianco 2 coste di sedano

Dettagli

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola Catalogo Dal 1976 Aldera Food offre ai propri clienti prodotti freschi, genuini e di alta qualità, come fatti in casa e tutt ora conserva i segreti tramandati da una generazione all altra proponendo e

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Ricette di Andreas Caminada

Ricette di Andreas Caminada Zuppa di gulasch 600 g di cipolle 800 g di carne di manzo 20 g di paprika in polvere (piccante o dolce) 10 g di cumino 1 tazza di brodo 1 spicchio d'aglio peperoncino buccia di 1/2 limone 3 peperoni rossi

Dettagli

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano

La cucina e la tavola Lezione 4 Gilberto Marzano Riso con piselli Ingredienti; 1kg di piselli freschi, 500 g di riso, 80 g di burro, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 cipolla, olio, sale e qualche foglia di menta. Preparazione: Sgranate i piselli.

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

Antipasti. Mousse al prosciutto cotto 4 Pittole salentine 4 Formaggio fresco 5 Torta salata ai carciofi Insalata russa 6 Torta Panaspa 8

Antipasti. Mousse al prosciutto cotto 4 Pittole salentine 4 Formaggio fresco 5 Torta salata ai carciofi Insalata russa 6 Torta Panaspa 8 Antipasti Mousse al prosciutto cotto 4 Pittole salentine 4 Formaggio fresco 5 Torta salata ai carciofi 5 Insalata russa 6 Torta Panaspa 8 3 Mousse al prosciutto cotto 150 g prosciutto cotto 100 g mascarpone

Dettagli

MOZZARELLA IN CARROZZA

MOZZARELLA IN CARROZZA Ricette di pane pane raffermo a fette passata di pomodoro salata mozzarella origano olio PIZZETTE tagliare a fette non troppo sottili il pane raffermo,disporlo in una teglia, versarvi sopra qualche cucchiaio

Dettagli

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito DOLCE EPIFANIA Pinza de Marantega 300 gr. farina gialla 200 gr. farina bianca 200 gr. zucchero 200 gr. burro 50 gr. uvetta 50 gr. cedri canditi 50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago. www.istitutopalatucci.it

Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago. www.istitutopalatucci.it Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago www.istitutopalatucci.it Pomodori secchi Dividere i pomodori a metà, metterli su una gratella e farli essiccare al sole. Disporli in un barattolo

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 8

Esercitazione pratica di cucina N 8 Esercitazione pratica di cucina N 8 Cocktail di Gamberetti In Salsa Aurora ------------------------ Spaghetti di Mare Al Cartoccio ------------------------ Ravioli di Astice e pomodori Al burro Aromatizzato

Dettagli

Le ricette della cucina bolognese

Le ricette della cucina bolognese Le ricette della cucina bolognese Ragù alla bolognese: Ingredienti: Carne bovina di manzo (cartella, copertina o fesone, girello di spalla) 250 gr Carne di suino (coscia) 250 gr Brodo di carne 250 ml Pancetta

Dettagli

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT - 1 - RICETTARIO - 2 - RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT La pentola Slow Cooker è lo strumento ideale per chi vuole cucinare con facilità. Bastano pochi passi e il risultato sarà sempre perfetto!

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI

TARTUFI FRESCHI E SURGELATI TARTUFI FRESCHI E SURGELATI tartufi freschi e surgelati Tartufi freschi Disponibili tutto l anno nelle diverse tipologie, in relazione ai diversi periodi di raccolta, i tartufi bianchi, neri, estivi e

Dettagli

Le Ricette del Ristorante Conca Bella. Le ricette saranno aggiornate periodicamente

Le Ricette del Ristorante Conca Bella. Le ricette saranno aggiornate periodicamente Le Ricette del Ristorante Conca Bella Le ricette saranno aggiornate periodicamente Il filo d Arianna Crème Brûlée di tonno, capperi, olive e patata soffiata Per il crudo di tonno: 250 gr. Tonno 80 gr.

Dettagli

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Ricette proposte: Taralli con semi di finocchietto Gnocchi di patate Pizza con la zucca Pasta cu spezzi, muddica e anciova I taralli sono una specialità tipica

Dettagli

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero Zucchine sott'olio Questo è il procedimento per preparare le zucchine sott'olio e può essere utile anche per conservare altre verdure: peperoni, melanzane, funghi ecc... Ingredienti 2,5 kg di zucchine

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

PASTA DI FILIERA ECOR. Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI

PASTA DI FILIERA ECOR. Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI PASTA DI FILIERA ECOR Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI Il progetto di filiera di Ecor nasce dall idea che, per dare un futuro all agricoltura

Dettagli

CANTINA SOC.COOP.DI QUISTELLO 1928 Fantasiedi Lambrusco e non solo...

CANTINA SOC.COOP.DI QUISTELLO 1928 Fantasiedi Lambrusco e non solo... ELLO IST CANTI NA.COOP.DI Q SOC U 1928 o c s u r e i b s m a t a n a F di L e non solo... Trasformare le nostre uve in Lambrusco è la nostra attività, ma soprattutto, la nostra passione. Curiamo tutto

Dettagli

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO Pomodori Pelati I nostri pomodori pelati sono il risultato di una procedura di accurata selezione che parte dalla scelta dei semi ed arriva fino alla valutazione dei terreni adatti ad ospitare le coltivazioni.

Dettagli

Dedicata agli chef ed alla ristorazione. I vantaggi della pasta fresca surgelata

Dedicata agli chef ed alla ristorazione. I vantaggi della pasta fresca surgelata Pasta fresca PER LA RISTORAZIONE Dedicata agli chef ed alla ristorazione Vecchia Modena: marchio storico di Sapori Antichi per la pasta fresca surgelata. Una linea di prodotti tra paste corte, lunghe e

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

Le Ricette. di mamma Giuseppina

Le Ricette. di mamma Giuseppina Ricetta del Patrono 4 pugnetti di farro (come riso), cipolla abbondante, sedano abbondante, olio di oliva a discrezione, pelati di pomodoro o salsa di pomodori (si possono aggiungere anche 2 patate). Tritare

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

cottura 5 GOLOSE ricette

cottura 5 GOLOSE ricette cottura 5 GOLOSE ricette PROVA LA COTTURA del FUTURO! La prima batteria di pentole a risparmio energetico INNOVATIVA Grazie agli speciali canali collocati sul fondo IL TEMPO DI COTTURA DIMINUISCE RISPARMIANDO

Dettagli

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Menu delle feste dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Morbido di cioccolato Baccalà mantecato riso croccante

Dettagli

Facili idee di preparazione. secondi

Facili idee di preparazione. secondi Facili idee di preparazione secondi al microonde o in pade lla I Salvaminuti 90 secondi, cereali antichi per stili di vita moderni! Cereali e legumi cotti a vapore con olio Extra Vergine d Oliva Monini,

Dettagli

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero Ricette del menù proposto nella cena promozionale di Star bene a tavola di Venerdì 04 aprile 2014 ore 20,00 Insalatina

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

CHICCO CEREA MERCOLEDI 5 Febbraio 10h 13h

CHICCO CEREA MERCOLEDI 5 Febbraio 10h 13h CHICCO CEREA MERCOLEDI 5 Febbraio 10h 13h Menu Carbon pacchero Moscardini al verde / Moscardini affogati con polenta Casoncelli di Taleggio con crema di mais e tartufo nero Risotto con zucca, strachitunt

Dettagli

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia 12 1 I COPERCHI SMARTY PATATE AL FORNO Facili da usare Non sporcano Sono sicuri Riducono le dosi dei condimenti Pulite bene le patate e tagliatele a tocchetti. Accendete il fornello a fuoco medio. Coprite

Dettagli

MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA

MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA 1 CLASSIFICATO MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA RICETTA REALIZZATA DA GABRIELE GALOFARO DELL ISTITUTO I.P.S.A.R. ROSMINI DI DOMODOSSOLA VERBANIA. Per i Muffins: 30 gr

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 CREMA DI FORMAGGIO E BIRRA CON CODE DI GAMBERO E SEDANO RAPA CARNI-OVINI pagina 7 BRASATO DI AGNELLO GLASSATO ALLA BIRRA E SESAMO DESSERT pagina 9 FAGOTTINI DI CREPES

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

Per ricordare le origini a tavola

Per ricordare le origini a tavola Per ricordare le origini a tavola LA CUCINA CON AMORE... di Lucia Tardelli. ANTIPASTO : alici marinate ingredienti per 4 persone : 400gr alici fresche un po grosse 70gr farina olio per fritture 2 dl di

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Aggiungi valore ai tuoi piatti. Gastronomia per le Macellerie ricette... idee

Aggiungi valore ai tuoi piatti. Gastronomia per le Macellerie ricette... idee Aggiungi valore ai tuoi piatti Gastronomia per le Macellerie ricette... idee tutte le rivoluzione cominciano per strada e finiscono a tavola. Leo Longanesi Indice...pag. 4 Coscia di tacchino ai carciofi...

Dettagli

PASQUA. I menù di ViviDanone MENÙ PASQUA IN FAMIGLIA MENÙ PASQUA CON GLI AMICI

PASQUA. I menù di ViviDanone MENÙ PASQUA IN FAMIGLIA MENÙ PASQUA CON GLI AMICI PASQUA I menù di ViviDanone MENÙ PASQUA IN FAMIGLIA MENÙ PASQUA CON GLI AMICI Primo Pasqua in famiglia RISOTTO AGLI ASPARAGI 500 g di asparagi verdi 320 g di riso carnaroli ½ porro 1 bicchiere di vino

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

SALSA ALL AMATRICIANA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

SALSA ALL AMATRICIANA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Comune di Amatrice SALSA ALL AMATRICIANA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE La Salsa all amatriciana è un prodotto tipico della tradizione gastronomica di Amatrice, per potersi fregiare della Denominazione Comunale

Dettagli

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI facciamo il nostro lavoro con passione 2 bavarese al caffè - 250 ml di latte - 250 ml di caffè - 500 ml di panna montata - 120 g di zucchero - 8 gr di colla di pesce - 125 g di tuorli d uovo (ovvero 6

Dettagli

COLAZIONE TURCA COLAZIONE

COLAZIONE TURCA COLAZIONE COLAZIONE TURCA Descrizione della tradizionale colazione turca. Noi diamo grande importanza alla prima colazione, soprattutto il fine settimana. Una tipica colazione turca è costituita da fette di formaggio

Dettagli

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia LE RICETTE DI CARLO CRACCO Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia ingredienti pasta

Dettagli

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli.

MENU DI NATALE 2015. Crostini avogado e olive. Zucca con passolina e pinoli. Vellutata di giri. Risotto melograno e broccoli. MENU DI NATALE 2015 Crostini avogado e olive Zucca con passolina e pinoli Vellutata di giri Risotto melograno e broccoli Polpettone vegano Insalata ricca Torta Sacher VEG Crostini avogado e olive ingredienti:

Dettagli

Codice Prodotto Descrizione Formato CARCIOFI ALLA ROMANA

Codice Prodotto Descrizione Formato CARCIOFI ALLA ROMANA PRODOTTI IN BARATTOLO I migliori prodotti della tradizione alimentare italiana e mediterranea selezionati, cucinati e conservati in pratiche ed innovative confezioni. Una linea completa di specialità nata

Dettagli

Caprese con mezzelune di pomodoro

Caprese con mezzelune di pomodoro Caprese con mezzelune di pomodoro, piatto simpatico. Uno dei mille modi per presentare una caprese. pomodoro mozzarella origano Tec-Al olio al peperoncino Caprese con mezzelune di pomodoro Ingredienti:

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

In questo anno scolastico 2007/08. ci hanno fatto fare il giro del mondo con alcuni menù etnici: momenti di scambio di sapori e di unione di saperi

In questo anno scolastico 2007/08. ci hanno fatto fare il giro del mondo con alcuni menù etnici: momenti di scambio di sapori e di unione di saperi In questo anno scolastico 2007/08 San Gallicano ci hanno fatto fare il giro del mondo con alcuni menù etnici: momenti di scambio di sapori e di unione di saperi La nostra cuoca Gina e le sue collaboratrici,

Dettagli

Quello che hai sempre sognato in cucina

Quello che hai sempre sognato in cucina COPERCHI EASY-COOKING Indirizzo : Viale Ajello, 5 80018 Mugnano di Napoli Telefono : 0815714147 Fax : 0810606167 Quello che hai sempre sognato in cucina E-mail : info@futurehousesocietyit Web Site : wwwfuturehousesocietyit

Dettagli

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte Ricette Bielorusse Frittelle sottili 1 tazza di farina, 2 tazze di latte, 1 cucchiaino di zucchero, 4 cucchiai di lardo o burro, Miscelate le uova, lo zucchero, il sale, la farina e metà del latte. Mescolate

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie C A S T E L P E R G I N E Quando i piccoli frutti Sant Orsola incontrano le sapienti mani dello chef del Castello di Pergine nasce un perfetto connubio di sapore e colori che siamo lieti ed orgogliosi

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

PRIMI PIATTI --------------------------------------------------------------------------------

PRIMI PIATTI -------------------------------------------------------------------------------- La Cucina In questo spazio vi indichiamo, con delle ricette molto semplici, come si fa ad avere al campo un menu completo di sali minerali e carboidrati PRIMI PIATTI Riso in brodo: fai cuocere 400 g di

Dettagli

menu di gorgonzola a tavola Vol-au-vent al gorgonzola 400 Kcal a porzione

menu di gorgonzola a tavola Vol-au-vent al gorgonzola 400 Kcal a porzione prodotti a tavola menu di gorgonzola 64 Vol-au-vent al gorgonzola 12 vol-au-vent 100 g di gorgonzola dolce 80 g di burro 2 cucchiai di marsala secco 4 cucchiai di panna montata 1 cucchiaio di cipolla fresca

Dettagli

menu di legumi a tavola Falafel di fave secche 400 Kcal a porzione

menu di legumi a tavola Falafel di fave secche 400 Kcal a porzione prodotti a tavola menu di legumi 64 400 g di fave secche 1 mazzetto di finocchietto selvatico 200 g di ricotta 2 uova 2 spicchi d aglio pangrattato q.b. sale e pepe olio per friggere 1 cucchiaio di farina

Dettagli

Carré d agnello in crosta di pistacchi

Carré d agnello in crosta di pistacchi Corso Cucina Pag. 1 di 6 Carré d agnello in crosta di pistacchi Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Preparazione del Carré d agnello in crosta di pistacchi ed erbe aromatiche al forno Accompagnamento:

Dettagli

Collana Digitale IPSSAR Brindisi

Collana Digitale IPSSAR Brindisi Collana Digitale IPSSAR Brindisi Piatti realizzati dagli allievi del prof. Vincenzo Mustich Ricettario antipasti primi secondi contorni dessert dolci IPSSAR S. Pertini - Brindisi antipasti Porzione: 129

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Albergo Dimaro***superior

Albergo Dimaro***superior MINESTRA D'ORZO ALLA TRENTINA (Orzèt alla trentina) Ingredienti per 6 persone: 180 grammi di orzo perlato 1 osso di prosciutto con ancora carne attaccata 1 patata 1 carota 1 porro 2 pugni di pisellini

Dettagli

Ricette con basso indice glicemico

Ricette con basso indice glicemico Ricette con basso indice glicemico Il consumo delle seguenti preparazioni, esprimendo tutte un indice glicemico medio/basso, è indicato anche per persone affette da diabete o malattie metaboliche, perché

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro 1,8 kg di fesa di vitellone in un unica fetta 200 g di carote 180 g di pancetta tesa 120 g di cipolla 80 g di burro 15 dl di vino rosso 7 dl di brodo circa 2 coste

Dettagli

PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0

PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0 PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0 Scuola dell Infanzia SAN GIUSEPPE Nido integrato Via Roma 293 - ARSEGO 35010 SAN GIORGIO DELLE PERTICHE - PD Tel/fax. 049.5742061 E-mail:materna-arsego@libero.it

Dettagli

olio La qualità del nostro olio è testimoniata

olio La qualità del nostro olio è testimoniata L olio La qualità del nostro olio è testimoniata anche dal suo interessante e particolare profilo organolettico, che lo rende bello da vedere, dolce da sentire e buono da gustare. Alla vista ha il colore

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

IN CUCINA CON FANTASIA

IN CUCINA CON FANTASIA IN CUCINA CON FANTASIA CLASSI 2 A E 2 B SCUOLA PRIMARIA E. TOTI ISTITUTO COMPRENSIVO FERMI CAVARIA CON PREMEZZO PROGETTO IL VALORE DEL CIBO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA DOTT. ZAMBELLI E INTERAMENTE

Dettagli

SALSE SUGHI & CONDIMENTI

SALSE SUGHI & CONDIMENTI SALSE SUGHI & CONDIMENTI CREMA DI AVOGADOS Per condire insalate 1 avogado maturo 100 gr di yogurt intero bianco 50 gr di olio extra vergine di oliva 1 limone spremere il succo ½ cucchiaino di sale fino

Dettagli