I diritti di previdenza sociale. in Svizzera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I diritti di previdenza sociale. in Svizzera"

Transcript

1 I diritti di previdenza sociale in Svizzera

2 Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione reciproca sulla protezione sociale nell'unione europea (MISSOC). Ulteriori informazioni sulla rete MISSOC sono disponibili all'indirizzo: La presente guida fornisce una descrizione generale delle disposizioni in materia di previdenza sociale nei rispettivi paesi. Per ottenere maggiori informazioni consultare ulteriori pubblicazioni MISSOC disponibili al link succitato. In alternativa è possibile contattare gli enti e le autorità competenti riportati nell allegato alla presente guida. Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea può essere considerata responsabile dell'uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Unione europea, 2012 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Luglio

3 Indice Capitolo I: Introduzione, organizzazione e finanziamento... 4 Sommario... 4 Organizzazione della protezione sociale... 5 Finanziamento... 6 Capitolo II: Servizi sanitari... 9 Requisiti per beneficiare dell'assistenza sanitaria... 9 Rischi coperti... 9 Come beneficiare delle prestazioni sanitarie...10 Capitolo III: Prestazioni di malattia in denaro...12 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di malattia in denaro...12 Rischi coperti...12 Capitolo IV: Prestazioni di maternità e paternità...13 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di maternità o paternità...13 Rischi coperti...13 Come beneficiare delle prestazioni di maternità e di paternità...14 Capitolo V: Prestazioni di invalidità...15 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di invalidità...15 Rischi coperti...16 Come beneficiare delle prestazioni di invalidità...18 Capitolo VI: Prestazioni e pensioni di vecchiaia...20 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di vecchiaia...20 Rischi coperti...20 Come beneficiare delle prestazioni di vecchiaia...22 Capitolo VII: Prestazioni ai superstiti...23 Requisiti per beneficiare delle prestazioni ai superstiti...23 Rischi coperti...24 Come beneficiare delle prestazioni ai superstiti...24 Capitolo VIII: Prestazioni in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali...25 Requisiti per beneficiare delle prestazioni in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali...25 Rischi coperti...25 Come beneficiare delle prestazioni in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali...28 Capitolo IX: Prestazioni familiari...29 Requisiti per beneficiare delle prestazioni familiari...29 Rischi coperti...29 Come beneficiare delle prestazioni familiari...30 Capitolo X: Disoccupazione...31 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di disoccupazione...31 Rischi coperti...31 Come beneficiare delle prestazioni di disoccupazione...33 Capitolo XI: Risorse minime...34 Requisiti per beneficiare delle prestazioni relative alle risorse minime...34 Rischi coperti...34 Come beneficiare delle prestazioni relative alle risorse minime...35 Capitolo XII: Assistenza di lunga durata...36 Requisiti per beneficiare dell'assistenza di lunga durata...36 Rischi coperti...37 Come beneficiare dell'assistenza a lungo termine...37 Allegato: Recapiti delle istituzioni e degli enti e siti Internet utili...39 Luglio

4 Capitolo I: Introduzione, organizzazione e finanziamento Sommario Sicurezza sociale L assicurazione malattia svizzera comprende l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (assunzione delle spese relative alle prestazioni sanitarie in caso di malattia, maternità e, a titolo sussidiario, in caso di infortunio) e l assicurazione facoltativa per l indennità giornaliera. Per quanto concerne la maternità, le prestazioni in natura sono erogate ai sensi della legge sull assicurazione malattia mentre quelle in denaro vengono versate dal regime delle indennità di perdita di guadagno (regime IPG), che accanto alle indennità di maternità eroga anche indennità durante il servizio militare, il servizio civile o il servizio nella protezione civile. L'assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali copre tutti i tipi di infortuni e malattie professionali. È obbligatoria per i lavoratori dipendenti e facoltativa per i lavoratori autonomi. Chi non è assicurato in base alla legge sull assicurazione contro gli infortuni è coperto dall'assicurazione malattia, per quanto riguarda le cure medico-sanitarie. La protezione contro i rischi di vecchiaia e invalidità e per i superstiti è organizzata secondo un sistema basato su un regime di previdenza pubblica (assicurazione federale di base) che copre tutta la popolazione. È completata da un regime di previdenza professionale per i lavoratori subordinati, che è in parte obbligatorio per coloro che appartengono a una particolare classe di reddito e facoltativo per gli altri, nel cui caso il datore di lavoro ha una possibilità di scelta (previdenza professionale). Esiste inoltre un piano di risparmio privato facoltativo che usufruisce di misure di incentivazione (misure di previdenza privata individuale). Si tratta del cosiddetto "sistema svizzero dei tre pilastri". Le prestazioni familiari nel settore agricolo sono gestite a livello federale. Negli altri settori, sono regolamentate dalle normative cantonali e da una legge federale di armonizzazione. L'assicurazione contro la disoccupazione è obbligatoria per i lavoratori subordinati. Assistenza sociale In genere l'assistenza sociale, che costituisce l'ultima rete di protezione sociale, rientra nella sfera di competenza dei cantoni, mentre la sua esecuzione è affidata ai comuni. L'assistenza sociale si basa dunque essenzialmente su 26 sistemi cantonali. Questa situazione crea rilevanti disparità. Le raccomandazioni formulate dalla Conferenza svizzera delle istituzioni dell azione sociale (COSAS) mirano a mantenere un certo livello di armonizzazione tra le prestazioni. Luglio

5 Organizzazione della protezione sociale Sicurezza sociale Ogni ramo della sicurezza sociale è gestito da diversi enti. L'assicurazione malattia è gestita da casse malati riconosciute e da compagnie assicurative private autorizzate a esercitare l'assicurazione malattia sociale. Chi è soggetto all obbligo assicurativo può scegliere liberamente tra gli enti assicuratori autorizzati del luogo in cui ha la residenza. La gestione dell'assicurazione contro gli infortuni spetta all Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni (INSAI), che copre più della metà di tutti i lavoratori subordinati e mediante enti assicuratori pubblici o privati. La gestione dell'assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (AHV-AVS/IV- AI, 1 pilastro) è affidata a casse di compensazione cantonali, federali e professionali e a un Ufficio centrale di compensazione. L'assicurazione invalidità è gestita anche dagli uffici cantonali IV-AI. Il regime IPG (prestazioni in denaro in caso di maternità) è gestito dagli enti responsabili dell'assicurazione vecchiaia e superstiti (AHV-AVS). I cantoni stabiliscono gli organi cui affidare il compito di ricevere ed esaminare le domande oltre a quello di fissare e versare le prestazioni complementari al 1 pilastro. Di norma si tratta delle casse cantonali di compensazione. La previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (2 pilastro) è gestita dagli istituti di previdenza registrati. Nel regime federale, gli assegni familiari sono gestiti dalle casse cantonali di compensazione, mentre nei regimi cantonali sono gestiti dalle casse di compensazione per gli assegni familiari (casse professionali o interprofessionali riconosciute e casse cantonali). L'assicurazione contro la disoccupazione è gestita da vari organismi, costituiti principalmente da casse di disoccupazione pubbliche, casse di disoccupazione private riconosciute, autorità designate dai cantoni e alcuni enti dell'assicurazione vecchiaia e superstiti (AHV-AVS). I settori di malattia e infortuni sono controllati dall'ufficio federale della sanità pubblica (OFSP), che fa parte del dipartimento federale (ministero) dell interno. I settori di vecchiaia, superstiti e invalidità, il regime delle indennità di perdita di guadagno (regime IGP) e le prestazioni familiari sono controllati dall'ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), che appartiene allo stesso dipartimento. L'assicurazione contro la disoccupazione rientra nella sfera di competenza della Segreteria di Stato dell'economia (seco), che rientra nel dipartimento federale dell'economia. Assistenza sociale Cfr. Introduzione. Luglio

6 Finanziamento I diversi settori delle assicurazioni sociali sono solitamente finanziati in primo luogo dai contributi versati dagli assicurati e dai datori di lavoro e, in secondo luogo, dal gettito fiscale. Prestazioni di malattia e maternità in natura Per le prestazioni di malattia e di maternità in natura, il premio individuale è stabilito dall'ente assicuratore e approvato dall'autorità di vigilanza. Gli assicurati residenti nella stessa regione versano premi identici se sono iscritti allo stesso ente assicuratore. Gli enti assicuratori possono graduare l'importo dei premi se i costi variano a seconda dei cantoni e delle regioni. Viene fissato un premio ridotto per i minori (fino a 18 anni compiuti) e per i giovani adulti (fino a 25 anni compiuti). Il premio medio applicabile in Svizzera per persona adulta (compresa la copertura contro gli infortuni ) è pari a CHF 382 al mese (318 EUR). Gli enti pubblici accordano una diminuzione dei premi a persone con mezzi di sussistenza limitati. Prestazioni di malattia e maternità in denaro Il premio per la prestazione di malattia in denaro viene stabilito dall'ente assicuratore. I premi sono uguali a parità di prestazioni, ma è possibile graduarli in base all'età di ingresso nel regime di assicurazione e alle regioni. Le indennità di perdita di guadagno in caso di maternità e per chi presta servizio (IPG) sono finanziate dagli assicurati e dai datori di lavoro: 0,5% della retribuzione lorda (in totale, il lavoratore subordinato e il datore di lavoro versano lo 0,25% ciascuno); 0,5% del reddito professionale lordo per i lavoratori autonomi; è prevista una riduzione dell'aliquota contributiva secondo uno schema decrescente partendo da una soglia di reddito; non è prevista alcuna soglia né un tetto massimo di contributi per la popolazione attiva; la popolazione non attiva versa contributi per un importo compreso tra CHF 23 (19 EUR) e CHF (957 EUR) annui, a seconda delle condizioni economiche. Infortuni sul lavoro e malattie professionali I premi per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali vengono stabiliti in base a una percentuale della retribuzione di riferimento e sono a carico del datore di lavoro. Le imprese sono classificate in classi e gradi di tariffe dei premi in base alla loro natura e alle loro caratteristiche tipiche; la classificazione tiene conto, in particolare, del rischio di infortuni e della condizione delle misure preventive. Esiste un tetto massimo della retribuzione di riferimento di CHF ( EUR) annui. Infortuni non professionali I premi per gli infortuni non professionali sono fissati in base a una percentuale della retribuzione di riferimento e sono a carico del lavoratore. Gli assicurati si dividono in Luglio

7 classi di rischio (secondo le imprese che li impiegano). Il tetto massimo della retribuzione di riferimento è di CHF ( EUR) annui (nel 2011). Invalidità L'assicurazione invalidità (1 pilastro, regime di base) è finanziata nel seguente modo: 1,4% della retribuzione lorda (in totale, il lavoratore subordinato e il datore di lavoro versano lo 0,7% ciascuno); 1,4% del reddito professionale lordo per i lavoratori autonomi; è prevista una riduzione dell'aliquota contributiva secondo uno schema decrescente partendo da una soglia di reddito; non è prevista alcuna soglia né un tetto massimo di contributi per la popolazione attiva; la popolazione non attiva versa contributi per un importo compreso tra CHF 65 (54 EUR) e CHF (2.705 EUR) annui, a seconda delle condizioni economiche. Nel regime di base la Confederazione copre il 37,7% delle spese annuali. Inoltre, tra il 2011 e il 2017, una certa percentuale delle entrate totali derivanti dall IVA sarà destinata all assicurazione invalidità, ammontando al 3,98% nel 2011 e al 4,99% tra il 2012 e il L'assegno per grandi invalidi e le pensioni straordinarie sono finanziati esclusivamente dalla Confederazione. Previdenza professionale (2 pilastro, minimo obbligatorio): ogni istituto di previdenza stabilisce il tasso di contribuzione necessario per coprire il rischio di invalidità. Vecchiaia e morte: L'assicurazione vecchiaia e superstiti (1 pilastro, regime di base) è finanziata nel seguente modo: 8,4% della retribuzione lorda (in totale, il lavoratore subordinato e il datore di lavoro versano il 4,2% ciascuno); 7,8% del reddito professionale lordo per i lavoratori autonomi; è prevista una riduzione dell'aliquota contributiva secondo uno schema decrescente partendo da una soglia di reddito; non è prevista alcuna soglia né un tetto massimo di contributi per la popolazione attiva; la popolazione non attiva versa contributi per un importo compreso tra CHF 387 (322 EUR) e CHF ( EUR) annui, a seconda delle condizioni economiche. Nel regime di base, la Confederazione copre il 19,55% delle spese annuali. Il 13,33% delle entrate totali derivanti dall IVA, così come le entrate derivanti dalla tassa sulle case da gioco, sono destinate all assicurazione vecchiaia e superstiti. L'assegno per grandi invalidi è finanziato esclusivamente dalla Confederazione. Previdenza professionale (2 pilastro, minimo obbligatorio): i contributi variano dal 7% al 18% della retribuzione di riferimento, in funzione dell'età dell'assicurato (accrediti di vecchiaia). La retribuzione di riferimento (salario coordinato) è la parte di retribuzione annua compresa tra CHF ( EUR) e CHF ( EUR). La somma Luglio

8 dei contributi versati dal datore di lavoro deve essere almeno pari alla somma dei contributi versati dai suoi dipendenti. Disoccupazione L'assicurazione contro la disoccupazione è finanziata nel seguente modo: 2,2% della retribuzione lorda (il lavoratore subordinato e il datore di lavoro versano l 1,1% ciascuno); tetto massimo della retribuzione di riferimento: CHF (8.741 EUR) al mese; un contributo di solidarietà dell 1% (il lavoratore subordinato e il datore di lavoro versano il 0,5% ciascuno) della retribuzione compresa tra CHF (8.741 EUR) e CHF (21 399) al mese; i lavoratori autonomi e la popolazione non attiva non sono assicurati. La Confederazione contribuisce ai costi del collocamento e dei provvedimenti inerenti al mercato del lavoro, per un importo pari allo 0,159% della somma dei salari soggetti a contribuzione. Se necessario, essa concede mutui di tesoreria a condizioni di mercato. Prestazioni familiari Prestazioni familiari del regime federale per l'agricoltura: le prestazioni familiari per gli agricoltori indipendenti sono finanziate dallo Stato (Confederazione [ 2 / 3 ] e cantoni [ 1 / 3 ]), e le prestazioni familiari per i lavoratori agricoli subordinati sono finanziate mediante i contributi dei datori di lavoro (2% della retribuzione lorda), mentre il disavanzo è finanziato dalla Confederazione ( 2 / 3 ) e dai cantoni ( 1 / 3 ). Regimi cantonali altri lavoratori (compresi i lavoratori autonomi in alcuni cantoni): i lavoratori subordinati non versano contributi (tranne nel cantone del Valais, nel quale versano contributi nella misura dello 0,3%), e i datori di lavoro pagano dallo 0,1% al 4% a seconda del cantone e della cassa. I cantoni finanziano gli assegni familiari per le persone che non svolgono un'attività retribuita. Luglio

9 Capitolo II: Servizi sanitari Requisiti per beneficiare dell'assistenza sanitaria L'iscrizione all'assicurazione delle cure medico-sanitarie è obbligatoria per tutti coloro che risiedono in Svizzera. L'assicurazione è individuale. Chiunque si stabilisca in Svizzera è obbligato ad assicurarsi entro tre mesi. L iscrizione all assicurazione sanitaria non spetta al datore di lavoro. Il governo può estendere l'obbligo di assicurazione a coloro che non risiedono in Svizzera oppure escludere alcune categorie di persone dall'assicurazione obbligatoria. Nel caso in cui il soggetto interessato si assicuri nei termini previsti, l assicurazione diviene efficace a partire dalla data di dichiarazione di soggiorno in Svizzera. Negli altri casi, l assicurazione è efficace a partire dalla data dell iscrizione. La copertura obbligatoria in materia di assicurazione malattia è concessa senza riserva e senza poter tenere conto di una malattia in atto. È possibile sottoscrivere un assicurazione complementare privata per le prestazioni non coperte dall assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Gli enti assicuratori sono liberi di assicurare o di rifiutare l assicurazione complementare a chi gliene faccia richiesta. Essi possono prevedere dei limiti di età e invocare un esclusione di copertura per problemi di salute esistenti. Rischi coperti L assicurazione delle cure medico-sanitarie eroga prestazioni in natura in caso di malattia, maternità o infortunio (in via sussidiaria, in caso di mancata copertura da parte dell assicurazione contro gli infortuni). L assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie copre i costi delle prestazioni che servono per diagnosticare o curare una malattia e i relativi postumi. Tali prestazioni devono essere efficaci, adeguate ed economiche. Tutti gli enti assicuratori che esercitano l assicurazione delle cure medico-sanitarie sono tenuti a coprire le prestazioni previste dalla legge, ossia: gli esami e le terapie ambulatoriali, in ospedale o in una casa di cura, nonché le cure ospedaliere prestate da parte di: medici; chiropratici o persone che effettuano prestazioni previa prescrizione o indicazione medica; un contributo alle cure dispensate ambulatorialmente in base a una prescrizione medica e a un comprovato bisogno terapeutico; le cure acute e transitorie che si rivelano necessarie a seguito di un soggiorno in ospedale e prescritte da un medico operante in questa struttura (per un periodo massimo di due settimane); le analisi, i farmaci, i mezzi e gli apparecchi diagnostici o terapeutici prescritti da un medico o, nei limiti stabiliti dal Consiglio federale, da un chiropratico; una partecipazione alle spese delle cure balneari prescritte da un medico; i provvedimenti di riabilitazione medica effettuati o prescritti da un medico; la degenza in ospedale secondo lo standard del reparto comune; Luglio

10 la degenza in una casa per partorienti in caso di parto; un contributo alle spese di trasporto necessarie dal punto di vista medico e alle spese di salvataggio; le prestazioni effettuate dal farmacista (consulenza) all atto del rilascio dei farmaci prescritti; esami di screening e trattamenti preventivi effettuati o prescritti da un medico; le cure dentarie richieste a causa di una malattia grave non evitabile dell apparato masticatorio o connesse a un altra malattia grave o ai relativi postumi (ad esempio, leucemia, AIDS), o necessarie per il trattamento di una malattia grave o dei relativi postumi, o qualora le lesioni dell'apparato masticatorio siano dovute a un infortunio non coperto dall'assicurazione contro gli infortuni. L assicurazione obbligatoria contro gli infortuni destinata ai lavoratori copre gli infortuni non professionali a condizione che il lavoratore svolga un attività remunerata per almeno otto ore settimanali per lo stesso datore di lavoro. I lavoratori autonomi e chi non lavora non sono soggetti all obbligo di assicurazione contro gli infortuni, così che nel loro caso i costi connessi al trattamento di infortuni sul lavoro e non professionali sono coperti dall assicurazione delle cure medico-sanitarie. Come beneficiare delle prestazioni sanitarie Il medico curante può essere scelto liberamente. L'ente assicuratore paga i costi fino a un massimo corrispondente alle tariffe applicabili nel luogo di residenza o di lavoro dell'assicurato o nella zona circostante (tranne nei casi di emergenza o per motivi medici). L'ente può offrire all'interessato una forma di assicurazione che comporta una limitazione della possibilità di scelta (medico di base, HMO) in cambio di una riduzione del premio. Se non diversamente concordato, il pagamento deve essere effettuato dall'assicurato che, successivamente, riceve un rimborso da parte dell'ente assicuratore (sistema del "terzo garante"). Gli assicurati partecipano ai costi delle prestazioni di cui beneficiano e tale partecipazione, obbligatoria per gli adulti (ossia a partire dai 18 anni compiuti), comprende un importo fisso annuo (franchigia, CHF 300, pari a 250 EUR, per un adulto) e una quota di partecipazione ai costi che superano la franchigia (aliquota percentuale del 10% dei costi che superano la franchigia). I minori pagano solo l aliquota. È previsto un importo massimo dell aliquota (CHF 700 per gli adulti, equivalenti a 583 EUR, e CHF 350 per un figlio, pari a 291 EUR, o CHF annui, corrispondenti a 832 EUR, per più figli della stessa famiglia). Gli adulti assicurati possono scegliere tra una franchigia maggiore, a fronte di un premio ridotto, o una franchigia per i figli. L aliquota percentuale ammonta al 20% per i farmaci il cui prezzo supera di oltre il 20% il costo medio del terzo più economico dei farmaci con gli stessi principi attivi. D'altro canto, non si paga la franchigia per alcune misure preventive attuate nell'ambito di programmi nazionali o cantonali, che attualmente sono i seguenti: programmi cantonali di screening mammografico e programmi cantonali di vaccinazione contro il papilloma virus umano. Luglio

11 Le cure medico-sanitarie sono anche assicurate da ospedali pubblici e privati inclusi nell'elenco cantonale degli ospedali approvati. Il pagamento viene effettuato direttamente dall'ente assicuratore (sistema del "terzo garante"). Per le cure ospedaliere è prevista una partecipazione pari a quella stabilita per le cure ambulatoriali. Inoltre, gli assicurati che superano i 25 anni di età versano un contributo giornaliero ai costi di degenza ospedaliera (CHF 15 al giorno, corrispondenti a 12 EUR). Gli enti assicuratori adottano decisioni sulle prestazioni. Gli assicurati hanno la possibilità di contestare tali decisioni entro 30 giorni. Se l'interessato non è soddisfatto della nuova decisione, può rivolgersi al tribunale cantonale competente o, se considera ingiustificata la decisione di quest'ultimo, può adire il tribunale federale. Luglio

12 Capitolo III: Prestazioni di malattia in denaro Requisiti per beneficiare delle prestazioni di malattia in denaro Non esiste un assicurazione obbligatoria contro l incapacità lavorativa temporanea cagionata da una malattia. Per chi risiede o svolge un'attività lucrativa in Svizzera e ha un'età compresa tra 15 e 65 anni è disponibile un sistema di assicurazione facoltativa. Gli enti assicuratori sono obbligati a stipulare un assicurazione facoltativa per l indennità giornaliera (in base al diritto delle assicurazioni sociali) anche se il richiedente risulta già affetto da una patologia; tuttavia, può essere esclusa dalla copertura assicurativa la patologia esistente al momento dell'ammissione con una riserva da parte dell'ente assicuratore (per una durata massima di cinque anni). In base alle disposizioni del diritto del lavoro (diritto delle obbligazioni), il datore di lavoro è tenuto a continuare a versare lo stipendio per un periodo di tempo limitato al lavoratore impedito di lavorare per motivi di malattia o di gravidanza. La durata è di tre settimane nel primo anno di servizio. Eventuali periodi successivi più lunghi sono fissati su una base di equità. Spesso i contratti collettivi di lavoro prevedono condizioni più favorevoli. Se l indennità giornaliera sostituisce l obbligo di conservazione della retribuzione dei lavoratori secondo il diritto del lavoro in caso di malattia e di gravidanza, il datore di lavoro è tenuto ad accollarsi almeno la metà dei premi dovuti. Un obbligo assicurativo può risultare dal contratto di lavoro individuale o collettivo. In tal caso, l'assicurazione di indennità giornaliera (Taggeldversicherung/assurance d'indemnités journalières) può essere stipulata nella forma di assicurazione collettiva. Alla scadenza del contratto di lavoro, è possibile stipulare un'assicurazione individuale di indennità giornaliera senza che l'ente assicuratore possa invocare nuove riserve rispetto a una malattia esistente. Ciò non si applica alle assicurazioni di indennità giornaliera che esulano dalla legge sulle assicurazioni sociali e che sono contratte secondo la normativa sulle assicurazioni private. Rischi coperti L'ente assicuratore concorda con l'assicurato l'importo dell'indennità giornaliera (Taggeld/indemnités journalières). Salvo accordi contrari, il diritto all'indennità giornaliera viene riconosciuto a partire dal terzo giorno successivo all'inizio della malattia. L'indennità deve essere erogata per almeno 720 giorni nell'arco di un periodo di 900 giorni. Per i disoccupati sono previste norme particolari. Chi presenta un'incapacità lavorativa superiore al 50% riceve le indennità giornaliere intere e chi presenta un'incapacità lavorativa tra il 25% e il 50% riceve la metà delle indennità giornaliere. Luglio

13 Capitolo IV: Prestazioni di maternità e paternità Requisiti per beneficiare delle prestazioni di maternità o paternità Prestazioni in natura L'assicurazione delle cure medico-sanitarie è obbligatoria per tutti coloro che risiedono in Svizzera (per maggiori informazioni è possibile consultare la parte sui servizi sanitari). L'assicurazione delle cure medico-sanitarie eroga anche prestazioni in natura in caso di maternità. La copertura assicurativa è concessa senza riserva e senza poter tenere conto di una gravidanza in corso. Congedo/indennità di maternità Ha diritto a prestazioni in denaro in caso di maternità (indennità di maternità) ogni lavoratrice che sia stata iscritta all assicurazione obbligatoria vecchiaia e superstiti (AHV-AVS) del sistema svizzero nei 9 mesi che precedono il parto e che, nel corso dei suddetti 9 mesi, abbia svolto un attività lavorativa per almeno cinque mesi e al momento del parto sia una lavoratrice subordinata o autonoma. Inoltre, la lavoratrice deve interrompere effettivamente l'attività durante il congedo di maternità. Rischi coperti Prestazioni in natura L'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie copre le prestazioni generali in caso di malattia (per maggiori informazioni è possibile consultare la parte sui servizi sanitari) e prestazioni specifiche in caso di maternità: gli esami di controllo durante e dopo la gravidanza effettuati da un medico o da una levatrice ovvero prescritti da un medico; un contributo ai corsi preparatori al parto; il parto a casa, in ospedale o in una casa per partorienti nonché l assistenza di un medico o di una levatrice; la consulenza necessaria per l allattamento; le cure prestate al neonato sano e la sua degenza in ospedale finché vi rimane con la madre. Congedo e indennità di maternità/paternità In base alle disposizioni del diritto del lavoro (diritto delle obbligazioni), il datore di lavoro è tenuto a continuare a versare lo stipendio per un periodo di tempo limitato al lavoratore impedito di lavorare per motivi di gravidanza. La durata è di tre settimane nel primo anno di servizio. Successivamente un periodo più lungo è fissato su una base di equità. Spesso i contratti collettivi di lavoro prevedono condizioni più favorevoli. Il diritto all indennità decorre dal giorno del parto e cessa al più tardi 98 giorni dopo (ossia 14 settimane) o anche prima, se la madre riprende a lavorare a tempo pieno o parziale ovvero se muore. Luglio

14 L indennità di maternità ammonta all 80% del reddito medio da lavoro percepito prima dell inizio del diritto all indennità e l importo massimo ammonta a CHF 196 (163 EUR) al giorno. Come beneficiare delle prestazioni di maternità e di paternità Le cure medico-sanitarie vengono erogate dai medici o negli ospedali pubblici e privati inclusi nell'elenco cantonale degli ospedali approvati. Non è richiesta alcuna partecipazione ai costi delle cure mediche se si tratta di prestazioni di maternità. Il regime IPG (indennità in caso di maternità) è gestito dagli enti responsabili dell'assicurazione vecchiaia e superstiti (AHV-AVS), ai quali occorre rivolgersi per le richieste di indennità di maternità. Gli enti assicuratori adottano decisioni sulle prestazioni. Gli assicurati hanno la possibilità di contestare tali decisioni entro 30 giorni. Se l'interessato non è soddisfatto della nuova decisione, può rivolgersi al tribunale cantonale competente. Le decisioni di quest'ultimo sono a loro volta impugnabili facendo ricorso al tribunale federale. Luglio

15 Capitolo V: Prestazioni di invalidità Requisiti per beneficiare delle prestazioni di invalidità Invalidità Per invalidità si intende l incapacità al guadagno totale o parziale che si presume sia permanente o di lunga durata. È considerata incapacità al guadagno la perdita, totale o parziale, della possibilità di guadagno sul mercato del lavoro equilibrato quando tale perdita è la conseguenza di un danno alla salute fisica, mentale o psichica ed essa perdura nonostante le cure e le misure d integrazione. L invalidità può derivare da un infermità congenita, da una malattia o da un infortunio. Il sistema di previdenza per l invalidità, la vecchiaia e i superstiti si basa su un sistema che comprende tre pilastri. Primo pilastro Si tratta della previdenza statale e comprende l assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AHV-AVS) e l assicurazione invalidità (IV-AI). Le prestazioni previdenziali di queste due assicurazioni sono destinate a coprire il fabbisogno vitale. In taluni casi è possibile beneficiare di prestazioni complementari (PC) non contributive allo scopo di finanziare il fabbisogno vitale. Il primo pilastro è obbligatorio per tutti quelli che risiedono e/o svolgono un'attività lucrativa in Svizzera. Ciò significa che, oltre ai lavoratori subordinati, anche i lavoratori autonomi e coloro che non lavorano sono soggetti all obbligo assicurativo. Sono esentati coloro che soddisfano le condizioni dell'assicurazione obbligatoria solo per un periodo di tempo relativamente breve. Chi svolge un attività lavorativa è obbligato a versare i contributi a partire dal 1 gennaio successivo al compimento del 17 anno di età. Anche chi non lavora è tenuto all obbligo contributivo ma, in questo caso, a partire dal 1 gennaio successivo al compimento del 20 anno di età. Per aver diritto alle prestazioni di invalidità, è necessario aver versato i contributi previdenziali per almeno tre anni. Le prestazioni possono essere richieste a partire dall'età di 18 anni e fino all'età pensionabile. I cittadini svizzeri e i residenti degli Stati membri dello Spazio economico europeo che vivono in uno Stato terzo possono iscriversi all assicurazione facoltativa a condizione di essere stati prima iscritti all assicurazione obbligatoria AHV-AVS/IV-AI, per almeno cinque anni consecutivi. Secondo pilastro Si tratta della previdenza professionale (PP) per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità, che completa il primo pilastro; insieme devono consentire l adeguata continuazione del tenore di vita abituale. Gli assicurati nell ambito della previdenza professionale obbligatoria sono gli assicurati obbligatori dell AHV-AVS. Sono soggetti all obbligo contributivo in funzione dei redditi da lavoro subordinato, tenendo conto di una determinata soglia e di un determinato tetto massimo retributivo annuo. Nel loro regolamento, gli istituti di previdenza possono prevedere prestazioni che superano il minimo obbligatorio e possono, in particolare, considerare quale retribuzione di riferimento una retribuzione inferiore alla Luglio

16 soglia minima o superiore al tetto massimo (fino a un determinato limite massimo di retribuzione). A partire dal 1 gennaio successivo al compimento del 17 anno, i lavoratori sono obbligatoriamente assicurati contro i rischi di invalidità e morte, a condizione che percepiscano una determinata retribuzione annua da uno stesso datore di lavoro. Dopo il 24 anno, oltre ai rischi di invalidità e morte, sono assicurati obbligatoriamente per il rischio vecchiaia. Anche i disoccupati sono assicurati per i rischi di invalidità e morte e ciò secondo determinati requisiti. Ogni datore di lavoro che assume lavoratori subordinati soggetti all assicurazione obbligatoria dev essere iscritto a un istituto di previdenza, a sua volta iscritto nel registro ufficiale degli istituti di previdenza. Sono esentati, per esempio, i dipendenti di un datore di lavoro che non deve versare contributi per il primo pilastro, i lavoratori subordinati assunti per un periodo limitato non superiore a 3 mesi, chi ha almeno il 70% di invalidità e taluni familiari di un agricoltore che lavorano per la sua impresa. I lavoratori subordinati e quelli autonomi non soggetti all assicurazione obbligatoria possono contrarre l assicurazione facoltativa. Terzo pilastro Si tratta della previdenza personale facoltativa destinata a coprire altre necessità individuali. È possibile assicurarsi o risparmiare a titolo individuale per poter beneficiare di prestazioni di invalidità, vecchiaia e morte stipulando un contratto di previdenza con compagnie di assicurazione, istituti bancari o di assicurazione vita. Rischi coperti Primo pilastro Le prestazioni previste dall assicurazione invalidità (IV-AI, 1 pilastro) mirano a prevenire, ridurre o eliminare l invalidità grazie a provvedimenti d integrazione adeguati, semplici e appropriati, nonché a risarcire le conseguenze economiche permanenti dell invalidità mediante un adeguata copertura del fabbisogno vitale e ad aiutare gli assicurati interessati a condurre una vita autonoma e responsabile. Integrazione Gli assicurati invalidi o chi rischia un invalidità imminente hanno diritto a provvedimenti d integrazione se questi sono necessari e idonei a ristabilire, conservare o migliorare l abilità al lavoro o la capacità di compiere le normali attività quotidiane (per esempio, i lavori domestici). Questi provvedimenti possono consistere in provvedimenti sanitari per gli assicurati di età inferiore a 20 anni, provvedimenti di reinserimento per preparare all integrazione professionale, provvedimenti professionali, mezzi ausiliari e misure di reintegrazione dei beneficiari di una pensione. Oltre a ciò, e in base a determinati requisiti, può essere eventualmente accordata un indennità giornaliera durante l esecuzione dei provvedimenti d integrazione. Il sistema è informato al principio dell integrazione prima della pensione. Luglio

17 Pensione di invalidità Ogni assicurato che presenti un'incapacità al lavoro di almeno il 40% nel corso di un anno ha diritto alla pensione di invalidità (Invalidenrente/rente d'invalidité) purché abbia almeno tre anni di versamenti contributivi all'ahv-avs/iv-ai. La pensione è determinata in base ai seguenti gradi di invalidità: 70%: pensione intera; 60%: tre quarti di pensione; 50%: metà pensione; e 40%: un quarto di pensione. Il calcolo della pensione IV-AI si basa sugli stessi principi applicati per la pensione AHV-AVS (per ulteriori informazioni è possibile consultare la parte su prestazioni e pensioni di vecchiaia). L'importo della pensione dipende dagli anni di contribuzione (che determinano la scala di pensione) e dal reddito medio annuo (che determina l'importo della pensione nell'ambito della scala di pensione applicabile). Per quanto riguarda il coniuge che non lavora, i suoi contributi si considerano versati se il coniuge che lavora ha versato almeno il doppio dei contributi minimi nell ambito dell AHV-AVS/IV-AI. Tale requisito si applica anche all unione domestica registrata. Per il calcolo della pensione di coloro che non lavorano, i contributi sono convertiti e presi in considerazione come reddito derivante da un'attività lavorativa. Gli importi della pensione intera corrispondono a quelli dell AHV-AVS. Qualora il grado di invalidità subisca una modifica sostanziale, anche la pensione vi si adeguerà. Il diritto alla pensione di invalidità cessa nel momento in cui l assicurato non è più invalido, ha diritto alla pensione di vecchiaia o muore. Per valutare il grado di invalidità, si mette a confronto il reddito che l assicurato avrebbe potuto percepire se non fosse stato invalido con quello che potrebbe ottenere svolgendo l attività che ci si può ragionevolmente aspettare che svolga su un mercato di lavoro equilibrato, dopo le cure e i provvedimenti d integrazione. L invalidità degli assicurati che non svolgono attività lavorativa, e per i quali non è ragionevolmente previsto che ne svolgano alcuna, è valutata in funzione della loro capacità di svolgere le normali attività quotidiane (per esempio, i lavori domestici). Gli aventi diritto a una pensione di invalidità hanno altresì diritto a una pensione per ogni figlio che, in caso di loro decesso, avrebbe diritto a una pensione in qualità di orfano (per un importo pari al 40% della pensione di invalidità intera). Assegno per grandi invalidi Ha diritto a tale assegno ogni assicurato che, a causa di un danno alla salute, necessita permanentemente dell aiuto di terzi o di una sorveglianza personale per compiere gli atti quotidiani della vita. La grande invalidità può essere di grado elevato, medio o lieve (per ulteriori informazioni è possibile consultare la parte sull assistenza di lunga durata). Luglio

18 Contributo per l assistenza Lo scopo del contributo per l assistenza è quello di consentire alla persona invalida di vivere in maniera indipendente. La persona che riceve l assegno per grandi invalidi e vive o desidera vivere a casa propria ha diritto a un assegno di assistenza personale per poter assumere una persona fisica (assistente) che fornisca l assistenza necessaria. Secondo pilastro Le persone con un invalidità di almeno il 40% secondo l assicurazione invalidità (1 pilastro) e che, al sopraggiungere dell incapacità al lavoro, erano assicurate per la previdenza professionale (2 pilastro) hanno diritto a una pensione di invalidità. L'importo della pensione dipende dal grado di invalidità (come nel 1 pilastro). La pensione viene calcolata in base a una percentuale dell avere di vecchiaia (costituito da contributi e interessi), tenendo conto dell avere previsto (fino al pensionamento) e dell aliquota di conversione della pensione (6,9% per gli uomini e 6,85% per le donne). La pensione di invalidità è sostituita da una liquidazione in capitale se tale pensione è inferiore al 10% della pensione minima di vecchiaia dell AHV-AVS o se il regolamento dell istituto di previdenza lo prevede. Gli aventi diritto a una pensione di invalidità hanno altresì diritto a una pensione complementare per ogni figlio che, in caso di loro decesso, avrebbe diritto a una pensione in qualità di orfano. L'importo corrisponde al 20% della pensione di invalidità intera. Nel 2 pilastro non sono previsti provvedimenti d integrazione. Terzo pilastro I requisiti per avere diritto alle prestazioni previste nell ambito della previdenza facoltativa (3 pilastro) in caso di invalidità dipendono dalle disposizioni contenute nel contratto di assicurazione individuale e dal prodotto previdenziale scelto. I lavoratori subordinati e quelli autonomi godono di agevolazioni fiscali fino a un certo importo per quanto riguarda la previdenza personale. In linea di massima, le prestazioni di previdenza personale sono versate unicamente al verificarsi del rischio. Oltre alle prestazioni previste dai tre pilastri, il lavoratore può altresì beneficiare di prestazioni di invalidità in base all assicurazione contro gli infortuni. Come beneficiare delle prestazioni di invalidità Le domande per le prestazioni di invalidità del primo pilastro devono essere presentate all'ufficio IV-AI cantonale competente. Questo ufficio comunicherà all'assicurato la decisione sulle prestazioni che intende adottare. L'assicurato ha diritto a un'audizione (Vorbescheid/préavis). La decisione finale adottata formalmente può essere contestata rivolgendosi al tribunale cantonale competente. La decisione di quest'ultimo può essere impugnata facendo ricorso al tribunale federale. Luglio

19 La previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (2 pilastro) è gestita dagli istituti previdenziali registrati ai quali occorre presentare le domande di prestazione. Le controversie tra gli istituti di previdenza e gli assicurati sono esaminate dal tribunale cantonale competente. La decisione di quest'ultimo può essere impugnata facendo ricorso al tribunale federale. È possibile un riesame dell'invalidità in qualsiasi momento fino all'età pensionabile. Luglio

20 Capitolo VI: Prestazioni e pensioni di vecchiaia Requisiti per beneficiare delle prestazioni di vecchiaia Le prestazioni di vecchiaia sono erogate secondo il regime di base statale dell assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AHV-AVS, 1 pilastro), secondo la previdenza professionale (2 pilastro) e, all occorrenza, secondo la previdenza privata (3 pilastro). Chiunque risieda o svolga un attività lavorativa in Svizzera è coperto dall'assicurazione pensionistica del primo pilastro. Chi ha raggiunto l età pensionabile, ossia 65 anni per gli uomini e 64 per le donne, ha diritto a una pensione AHV/AVS, a condizione che abbia versato almeno un intero anno di contributi all AHV-AVS/IV-AI. La copertura obbligatoria prevista dal secondo pilastro (previdenza professionale) vale per i lavoratori subordinati di età superiore a 24 anni, iscritti al regime di base del primo pilastro e che ricevono dallo stesso datore di lavoro una retribuzione annuale superiore a CHF , pari a EUR. I lavoratori subordinati non coperti dall'assicurazione obbligatoria e i lavoratori autonomi possono contrarre l'assicurazione facoltativa. Gli assicurati presso un istituto di previdenza professionale hanno diritto alle prestazioni di vecchiaia alla stessa età alla quale hanno diritto alle prestazioni AHV- AVS (65 anni per gli uomini e 64 per le donne). Non è previsto alcun periodo assicurativo minimo. I requisiti per avere diritto alle prestazioni previste nell ambito della previdenza facoltativa (3 pilastro) in caso di vecchiaia dipendono dalle disposizioni contenute nel contratto di assicurazione individuale e dal prodotto previdenziale scelto. Rischi coperti AHV-AVS, primo pilastro La pensione è calcolata sulla base degli anni di contribuzione (che determinano la scala di pensione) e dal reddito medio annuo (che determina l importo della pensione nell ambito della scala di pensione applicabile). Tale reddito è formato dai redditi da lavoro e dagli accrediti per compiti educativi e assistenziali. I genitori hanno diritto a un accredito per compiti educativi svolti (Erziehungsgutschriften/bonification pour tâches éducatives) per gli anni in cui hanno esercitato l autorità parentale su uno o più figli di età inferiore a 16 anni. Le persone che si prendono cura degli ascendenti o dei discendenti nonché dei fratelli e delle sorelle e che percepiscono un assegno dell AHV-AVS o dell'iv-ai per grandi invalidi almeno di grado medio, hanno diritto a un accredito per compiti assistenziali (Betreuungsgutschriften/bonification pour tâches d'assistance) se possono raggiungere facilmente il proprio parente che ha bisogno di assistenza. Luglio

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. in Spagna

I diritti di previdenza sociale. in Spagna I diritti di previdenza sociale in Spagna Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli