COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO"

Transcript

1 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, COM(2003) 542 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni per veicoli sicuri e intelligenti (SEC(2003) 963)

2 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni per veicoli sicuri e intelligenti PREFAZIONE La società moderna dipende dalla mobilità, fattore di libertà personale, che permette l'accesso a servizi per il lavoro e il tempo libero. Dal punto di vista della società, un sistema di trasporti efficiente è il motore della nostra economia, e il settore dei trasporti riveste un'importanza economica di grande rilievo, dando lavoro a più di 10 milioni di persone e con una spesa superiore al 10% del prodotto interno lordo (PIL) europeo. Da molto tempo la domanda di servizi di trasporto è in costante aumento sia per i passeggeri sia per le merci. La crescita continua dell'attività economica e l'allargamento dell'unione intensificheranno la domanda di mobilità e di servizi di trasporto. Si prevede che tale crescita riguarderà principalmente il settore stradale, in un momento in cui le ristrettezze nei bilanci pubblici limitano gli investimenti in infrastrutture. I crescenti volumi di traffico contribuiscono al deterioramento della situazione per quanto riguarda i problemi causati dal trasporto stradale: congestione delle principali arterie stradali e delle aree urbane, effetti nocivi sull'ambiente e sulla salute delle persone e, soprattutto, incidenti che sono causa di decessi, lesioni e danni materiali. In prima linea nella ricerca di un trasporto più sicuro e più efficiente si trova l'industria automobilistica, insieme con i suoi fornitori e con il settore emergente delle applicazioni telematiche, che si valgono dei punti di forza di altri due settori industriali: le telecomunicazioni mobili e la tecnologia dell'informazione. Grazie agli sforzi dell'industria, oggi i veicoli sono intrinsecamente più sicuri, più puliti e più riciclabili di prima. Ma la società continua a pagare un costo troppo alto per il trasporto stradale incidenti all'anno in Europa causano morti e feriti, per un costo stimato in 160 miliardi di euro, pari al 2 % del PIL europeo. Il trasporto stradale è necessario per la nostra mobilità, ma occorrono nuove misure per affrontare questo problema sempre più grave. L'industria automobilistica è indotta con sempre maggiore insistenza a raccogliere questa sfida per contribuire al principale obiettivo comunitario in materia di trasporti di dimezzare il numero di morti sulle strade entro il Tuttavia, per migliorare la sicurezza stradale non è sufficiente intervenire sull'industria e sui veicoli. Il settore pubblico deve lavorare con il settore privato investendo nelle infrastrutture necessarie e adottando misure che consentano di introdurre sul mercato soluzioni nuove. Molto si può realizzare con interventi semplici, quali l'educazione degli automobilisti ad una maggior responsabilità, l'osservanza delle norme di sicurezza stradale esistenti, come quelle relative all'uso della cintura di sicurezza, alla guida in stato di ebbrezza e ai limiti di velocità, e il miglioramento dell'infrastruttura stradale. La sicurezza e l'efficienza delle strade possono essere notevolmente migliorate mediante l'adozione e la diffusione di Sistemi di Trasporto Intelligenti (STI) per infrastrutture intelligenti, come sistemi adattativi di controllo e gestione del traffico nelle città e sistemi di controllo del traffico e rilevamento di incidenti sulle autostrade, con il sostegno finanziario del Programma e Reti Transeuropee per i Trasporti. 2

3 Le tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni (TIC) sono già ampiamente in uso in tutti i settori della mobilità, in particolare nei veicoli, che diventano sempre più intelligenti. Con lo sviluppo di processori, tecnologie di comunicazione, sensori e attuatori più potenti, una parte sempre maggiore delle funzioni di controllo, monitoraggio e conforto del veicolo è basata sulle TIC. Le tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni si configurano altresì quale insieme importantissimo di strumenti che consentono ai soggetti industriali di vincere la sfida già citata della sicurezza stradale, contribuendo alle attese dell'europa nel senso di una mobilità più sicura e più efficiente. Riconoscendo tale potenziale, nel 2002 la Commissione europea ha istituito, insieme con l'industria automobilistica ed altri soggetti interessati, un Gruppo di lavoro esafety, composto di una quarantina di esperti, con l'incarico di proporre una strategia per accelerare la crescita, lo sviluppo e l'uso di sistemi intelligenti di sicurezza basati sulle TIC, per migliorare la sicurezza stradale in Europa. Nel novembre 2002, il gruppo di lavoro ha pubblicato una relazione definitiva, successivamente approvata da una riunione di alto livello di tutti i soggetti interessati quale base di ulteriori azioni volte a promuovere l'uso delle TIC per migliorare la sicurezza stradale in Europa. La relazione definitiva del Gruppo di lavoro esafety contiene 28 raccomandazioni dettagliate di azioni, rivolte alla Commissione europea, agli Stati membri, alle autorità responsabili delle strade e della sicurezza, all'industria automobilistica, ai fornitori di servizi, alle associazioni di utenti, al settore assicurativo e agli altri soggetti interessati. Le raccomandazioni si suddividono in tre categorie principali: azioni di sviluppo degli elementi costitutivi della sicurezza integrata, azioni di adeguamento della regolamentazione e della normazione ed azioni volte ad eliminare gli ostacoli di ordine sociale e commerciale. Secondo la relazione, il maggior potenziale di applicazione delle TIC per risolvere i problemi di sicurezza del trasporto stradale risiede nei sistemi di sicurezza per veicoli intelligenti, che si avvalgono di TIC avanzate per fornire nuove soluzioni intelligenti riguardanti contemporaneamente la partecipazione e l'interazione del guidatore con il veicolo e l'ambiente stradale. In tale approccio di sicurezza integrato e globale, i sistemi di sicurezza autonomi di bordo sono completati da tecnologie collaborative, che utilizzano la comunicazione da veicolo a veicolo e da veicolo a infrastruttura per ottenere informazioni sull'ambiente stradale, in modo da valutare i pericoli potenziali e ottimizzare il funzionamento dei sistemi di sicurezza di bordo. La presente comunicazione illustra le azioni che la Commissione intende adottare per accelerare lo sviluppo, l'adozione su larga scala e l'uso dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli in Europa, mettendo l'accento sui veicoli intelligenti. Tali azioni intendono coadiuvare l'industria nello sviluppo di tali sistemi, consentirne la rapida introduzione commerciale eliminando gli ostacoli regolamentari e di normazione e contribuire all'articolazione di un piano di sviluppo pubblico-privato ritenuto condizione sine qua non di una diffusione su larga scala di tali sistemi. Le azioni illustrate, se completate in modo coordinato con azioni condivise dagli Stati membri a livello nazionale, regionale e locale e dall'industria stessa, dovrebbero apportare un contributo fondamentale per ridurre gli incidenti mortali sulle strade europee, soddisfacendo un'esigenza fondamentale dei cittadini d'europa: quella di una mobilità sicura. 3

4 INDICE PREFAZIONE...2 INDICE INTRODUZIONE IL SETTORE DEI TRASPORTI: SETTORE ECONOMICO FONDAMENTALE CHE SODDISFA UN'ESIGENZA DI BASE L'AUMENTO DELLA DOMANDA DI SERVIZI DI TRASPORTO CAUSA PROBLEMI SEMPRE MAGGIORI NECESSITÀ DI AZIONI URGENTI PER RACCOGLIERE LE SFIDE DELLA SOCIETÀ VERSO I VEICOLI INTELLIGENTI E UNA MOBILITÀ PIÙ SICURA ED EFFICIENTE VERSO UN'INFRASTRUTTURA PIÙ INTELLIGENTE COGLIERE I BENEFICI DELLE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE DALLA SICUREZZA PASSIVA ALLA SICUREZZA ATTIVA E ALLA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI VERSO UNA NUOVA GENERAZIONE DI SISTEMI INTELLIGENTI DI SICUREZZA ATTRAVERSO LA RICERCA SISTEMI INTELLIGENTI DI SICUREZZA DEI VEICOLI CONDIZIONE SINE QUA NON: UN PIANO DI SVILUPPO POSITIVO CONTRIBUIRE ALLA SICUREZZA DEI PEDONI MOTIVI DELL'AZIONE COMUNITARIA INTRODUZIONE LA COMMISSIONE EUROPEA SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DELLE AZIONI DEL SETTORE PUBBLICO A LIVELLO EUROPEO LAVORARE INSIEME A LIVELLO DI UE, STATO E REGIONE AZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA PROMUOVERE I SISTEMI INTELLIGENTI DEI VEICOLI ADATTARE LE DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI E DI NORMAZIONE ELIMINARE GLI OSTACOLI SOCIALI E COMMERCIALI ALTRE AZIONI RELAZIONI ALLEGATO 1: GLOSSARIO ALLEGATO 2: SINTESI DELLE CONSULTAZIONI

5 1. INTRODUZIONE 1.1. Il settore dei trasporti: settore economico fondamentale che soddisfa un'esigenza di base La mobilità e il trasporto sono preoccupazioni dei cittadini in tutta Europa: l'ue conta 375 milioni di utenti della strada. La società moderna dipende dalla mobilità, sinonimo di libertà personale e di accesso a servizi per il lavoro e il tempo libero. Dal punto di vista della società, un sistema di trasporti efficiente è il motore della nostra economia e il settore dei trasporti riveste un'enorme importanza economica, dando lavoro a più di 10 milioni di persone e fatturando più del 10% del prodotto interno lordo (PIL) in Europa. Particolarmente significativa nel settore dei trasporti è la presenza dell'industria automobilistica, che produce circa 17 milioni di veicoli all'anno e dà lavoro, con l'indotto, a quasi 2 milioni di persone in Europa, con un fatturato a livello mondiale di 452 miliardi di euro 1. Il mercato delle applicazioni telematiche automobilistiche, che comprende le vendite di piattaforme telematiche e servizi telematici, è in rapida crescita in termini di penetrazione del mercato e, secondo alcuni studi di mercato, raggiungerà un fatturato annuale di 8,5 milioni di euro in Europa nel 2007, da confrontare con il dato del 2000 di 1 milione di euro. Con l'ampliamento del parco dei veicoli dotati di applicazioni telematiche, il mercato si riorienterà sui servizi 2, integrando ulteriormente il mercato automobilistico con altri due settori industriali strategici in Europa: le comunicazioni mobili e la tecnologia dell'informazione. Complessivamente, le tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) hanno un ruolo essenziale nella convergenza di questi settori verso i veicoli intelligenti del futuro. La prossima generazione di tecnologia delle comunicazioni mobili rafforzerà ulteriormente questa tendenza L'aumento della domanda di servizi di trasporto causa problemi sempre maggiori Da molti anni, la domanda di servizi di trasporto è in crescita costante per passeggeri e merci. Tale aumento è stato assorbito principalmente dal trasporto stradale, che ha potuto aumentare la propria capacità e offrire servizi concorrenziali. Si ritiene che l'80% circa del traffico passeggeri, calcolato in passeggeri-km, avvenga attualmente in automobile, e il settore stradale rappresenta il 44% del mercato di trasporto merci. Dal 1970 al 2001 il parco veicoli nella Comunità è passato da 62,5 milioni a più di 205 milioni di unità 3, a cui continuano ad aggiungersi attualmente più di 3 milioni di veicoli all'anno. L'aumento costante dell'attività economica nell'unione e l'allargamento accentueranno l'esigenza di mobilità e di servizi di trasporto, con un aumento della domanda stimato del 38% per i servizi merci e del 24% per i passeggeri entro il 2010 nell'ue a 15.Quasi tutta la crescita dovrebbe essere assorbita dal settore stradale, aggravando ulteriormente la situazione relativa ai problemi specifici di tale forma di trasporto, fra cui la congestione in un numero maggiore di nodi della rete stradale principale e nelle aree urbane, effetti nocivi sull'ambiente e sulla sanità pubblica e, soprattutto, incidenti causa di morti, lesioni corporali e danni materiali Fonti: ACEA e Eurostat, Fonte: European Automotive Telematics Market, Frost&Sullivan Fonte: ACEA, Il numero complessivo di veicoli a motore in uso era di 205,8 milioni, di cui 180,3 milioni di automobili. 5

6 Contemporaneamente le ristrettezze dei bilanci pubblici limitano gli investimenti infrastrutturali. Questi problemi non sono solo socio-economici ma colpiscono tutti i cittadini nella vita quotidiana di ciascuno. Ogni anno, incidenti in Europa causano morti e vittime di lesioni, con un costo stimato in 160 miliardi di euro, pari al 2% del PIL. A livello umano, l'implicazione di questi dati è che un terzo di tutti noi è vittima di un incidente nel corso della propria vita. I danni psicologici inflitti alle vittime e alle loro famiglie non si possono nemmeno stimare Necessità di azioni urgenti per raccogliere le sfide della società Il trasporto stradale è necessario per la nostra mobilità, ma occorre adottare nuove misure per affrontare i problemi sempre maggiori che ne derivano. L'industria automobilistica è il principale motore dello sviluppo di un trasporto più sicuro e efficiente, insieme con i suoi fornitori e il settore telematico emergente. Questi ultimi dipendono ampiamente dagli apporti di altri due settori industriali: le comunicazioni mobili e la tecnologia dell'informazione. Grazie soprattutto all'azione del settore industriale, oggi i veicoli sono intrinsecamente più sicuri, più puliti e più riciclabili di prima. Grazie ai miglioramenti della resistenza all'impatto dei veicoli ("crash worthiness"), alle cinture di sicurezza, all'abs e ad altre invenzioni, oggi i veicoli sono quattro volte più sicuri che nel 1970; di conseguenza, dal 1970 a questa parte i decessi sono diminuiti del 50% nell'ue a 15, mentre i volumi di traffico, nello stesso periodo, sono triplicati. Ma la società continua a pagare un costo troppo alto per il trasporto stradale, e nuovi obiettivi sono stati fissati. L'industria automobilistica, con i suoi fornitori e i settori dell'indotto, si trova ad affrontare una sfida crescente per adempiere a controlli ambientali più rigidi richiesti dalla società e dai cittadini per rendere il trasporto più sostenibile 4 e soddisfare l'esigenza di contribuire al principale obiettivo della politica dei trasporti comunitaria di dimezzare il numero di incidenti mortali sulle strade entro il Per quanto riguarda la sicurezza stradale, le misure attuali sembrano esaurire la loro efficacia ed occorrono urgentemente nuovi interventi. Per affrontare la questione della sicurezza stradale nel suo complesso, compresa anche l'applicazione delle attuali misure di sicurezza a livello nazionale e regionale, la Commissione ha varato un programma d'azione europeo per la sicurezza stradale Verso i veicoli intelligenti e una mobilità più sicura ed efficiente Le TIC preconizzano una mobilità più sicura ed efficiente Guardando al futuro, saranno le tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) a dover garantire la mobilità e una solida crescita economica. I principali effetti delle TIC nel settore dei trasporti e della mobilità consistono nel rendere possibile lo sviluppo di veicoli più intelligenti e di servizi telematici più sofisticati e l'applicazione dei sistemi di trasporto intelligenti ai sistemi di controllo e gestione del traffico, che costituiranno l'infrastruttura stradale intelligente. La telematica e la logistica innovativa basate sulle TIC possono Consiglio europeo di Goteborg, Libro bianco sulla politica europea dei trasporti per il 2010, adottato dalla Commissione nel settembre Programma di azione europeo per la sicurezza stradale. Dimezzare il numero di vittime della strada nell'unione europea entro il 2010: una responsabilità condivisa. COM 2003(311) def.,

7 contribuire a rendere più efficienti i flussi di traffico, evitando la congestione anche sull'infrastruttura stradale esistente. Verso veicoli più intelligenti La competitività del settore automobilistico dipende sempre più dalla sua capacità di impiegare e adottare le tecnologie di punta dell'informazione e delle comunicazioni. Un numero sempre maggiore di funzioni dei veicoli è controllato da processori e software, aumentando la parte di valore aggiunto del veicolo derivante da sistemi elettronici sofisticati in grado di sostituire interi sottosistemi meccanici e idraulici. Oggi, i sensori elettronici, gli attuatori e i sottosistemi destinati a controllare e monitorare il veicolo e a garantirne la sicurezza e il conforto rappresentano il 30% circa del valore aggiunto dei veicoli, e si prevede che tale percentuale passerà al 40% nel Negli ultimi dieci anni, abbiamo fatto in Europa un grosso investimento nell'uso di TIC nelle tecnologie di sicurezza a bordo dei veicoli, quali i sistemi avanzati di assistenza alla guida (Advanced Driver Assistance Systems - ADAS). In parallelo all'introduzione di queste tecnologie sul mercato, occorre continuare ad investire nelle tecnologie avanzate del futuro. Nonostante queste ultime si prestino ad un'ampia gamma di applicazioni nei veicoli intelligenti, compresi i sistemi di diagnostica a bordo 7, la presente comunicazione si occupa esclusivamente della loro applicazione alla sicurezza stradale. Il Sesto Programma Quadro dell'ue di ricerca e sviluppo tecnologico offre altre possibilità di finanziamento in questo settore 8. Verso servizi telematici più sofisticati Il settore della telematica automobilistica si appoggia sulle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni. Le principali tecnologie TIC sono le telecomunicazioni mobili, le tecnologie di localizzazione e posizionamento, sensori, attuatori e interfacce intelligenti, processori ad alte prestazioni adatti all'uso automobilistico e le reti di comunicazioni ad alte prestazioni a bordo dei veicoli. In questo campo in rapida espansione, un ruolo di primo piano spetta anche al settore dei servizi e dei contenuti, con un'evoluzione verso servizi personalizzati di qualità superiore e modelli commerciali sostenibili. Attualmente i quattro mercati principali per i servizi telematici sono affidabilità e sicurezza (compresi i dispositivi di chiamata (e-call) e la tracciabilità dei veicoli), la telematica orientata ai veicoli (fra cui la diagnostica a distanza e la manutenzione proattiva), la navigazione e il routing calcolo dei percorsi (compresa la navigazione dinamica, i punti di interesse, informazioni sul traffico e di viaggio), gestione del parco veicoli e "infotainment" (ricreazione, accesso a Internet, servizi di informazione, ). 7 8 Direttiva 2001/1/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 gennaio 2001, recante modifica della direttiva 70/220/CEE del Consiglio, relativa alle misure da adottare contro l'inquinamento atmosferico da emissioni dei veicoli a motore. GU l 35 del Decisione n. 1513/2002/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2002, relativa al Sesto Programma Quadrodi azioni comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione volto a contribuire alla realizzazione dello Spazio europeo della ricerca e all'innovazione ( ); GU L 232 del ; 2002/834/CE: Decisione del Consiglio del 30 Settembre 2002 che adotta un programma specifico di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione: "Integrare e rafforzare lo Spazio europeo della ricerca" ( ); GU L 294 del

8 Le comunicazioni mobili: un pilastro per la telematica del futuro Con la penetrazione del sistema di trasmissione dati a pacchetto tramite radiofrequenze (GPRS) e del sistema universale di telecomunicazioni mobili (UMTS) nei mercati automobilistici, le prospettive per i servizi mobili di localizzazione stanno migliorando significativamente. La possibilità di rimanere permanentemente in linea e l'offerta di bande notevolmente più larghe consentono di aumentare rapidamente la gamma di servizi disponibili a prezzi accessibili. In futuro, i servizi telematici esistenti basati sulla messaggistica SMS o WAP tramite GSM saranno sostituiti da servizi di localizzazione con supporto GPRS/UMTS e DAB/DVB, mentre i servizi RDS-TMC tramite radiofonia FM saranno perfezionati e dovrebbero coesistere sul mercato. L'iniziativa eeurope , incentrata sulla fornitura di connettività mobile e a banda larga e di servizi mobili, faciliterà ulteriormente questa evoluzione. Logistica basata sulle TIC La combinazione di logistica e telematica basate sulle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni sta acquisendo un'importanza sempre maggiore in tutto il settore dei trasporti, in particolare nel trasporto merci su strada. Le TIC sono sempre più utilizzate nella pianificazione degli itinerari, nella tracciabilità e rintracciabilità dei veicoli e nella fatturazione basata sull'uso effettivo. I trasportatori stradali oggi dipendono dalle TIC per la gestione del parco veicoli, che promette una maggiore efficienza e una riduzione dei costi di dotazione. Il ruolo delle TIC nella logistica si espanderà con il commercio elettronico e con la tendenza a favore della consegna in tempi ottimizzati ("just on time") Verso un'infrastruttura più intelligente Infrastruttura intelligente e sistemi collaborativi Molte nostre città di grandi e medie dimensioni dispongono di sistemi avanzati informatizzati e adattativi di controllo del traffico e di informazione sulla viabilità. La rete autostradale europea va dotandosi di sistemi di controllo del traffico, rilevamento degli incidenti e informazione agli utenti, che ne migliorano la sicurezza e il conforto, per esempio fornendo agli utenti informazioni sulle condizioni di circolazione e su itinerari alternativi in caso di incidente. Fondamento di una gestione efficace del traffico è la disponibilità in tempo reale di informazioni sulla circolazione. I dati di traffico tradizionalmente sono raccolti da sensori incorporati nella pavimentazione, situati in punti critici della rete stradale. È in aumento l'installazione di sensori video, i cui dati sono analizzati con tecnologie di processamento di immagini. I sistemi della prossima generazione, che utilizzano dati fluttuanti sui veicoli (Floating Vehicle Data - FVD), ad esempio basandosi su un campione anonimo di informazione su posizioni e velocità di veicoli, dovrebbero fornire informazioni di traffico più complete ad un costo molto contenuto. Ulteriori progressi nella tecnologia delle comunicazioni mobili, nel controllo del traffico e nelle tecnologie dell'informazione e della localizzazione permetteranno di evitare le strozzature offrendo nuove modalità innovative di gestione del traffico. La collaborazione fra l'infrastruttura intelligente e il veicolo intelligente è vantaggiosa per entrambi. L'informazione sullo stato della rete è necessaria ai fini del rendimento ottimale dei 9 eeurope 2005: una società dell'informazione per tutti, COM(2002) 263 def.,

9 sistemi a bordo del veicolo e le informazioni di ritorno sono di importanza primaria per migliorare la conoscenza della situazione da parte degli operatori. Progetti di sistemi di trasporto intelligenti (STI) nell ambito del programma Reti Transeuropee sono in prima linea nell'introduzione di questi servizi. Galileo: tecnologia di posizionamento di base per servizi telematici L'informazione di localizzazione, insieme con le comunicazioni mobili, rende possibili numerosi servizi telematici, quali la chiamata d'emergenza localizzata (e-call), sistemi di navigazione sui veicoli, i servizi punto di interesse (POI), la tracciabilità dei veicoli, la localizzazione dei veicoli rubati, ecc. Gli attuali sistemi a bordo dei veicoli si basano sulla navigazione satellitare (GPS) per l'esigenza di funzionare anche in zone rurali dove la tecnologia alternativa di localizzazione (basata sulla rete di comunicazioni mobili) non offre prestazioni sufficienti. L'infrastruttura europea di navigazione satellitare Galileo 10 fornirà una serie di servizi di navigazione e di posizionamento che renderanno possibile lo sviluppo di un'ampia gamma di applicazioni innovative. Galileo, insieme con l'avvento di nuove regolamentazioni nel settore della telefonia mobile (legislazione E-112), nel settore stradale e in altri settori, creerà nuove opportunità commerciali e renderà possibili nuove applicazioni. La maggior accuratezza e la garanzia di servizio fornite da Galileo miglioreranno le prestazioni dei servizi STI. Galileo entrerà in servizio nel 2008 e in attesa di quella data analoghi servizi potenziati saranno disponibili attraverso il Sistema europeo di copertura geostazionaria per la navigazione (EGNOS 11 ) a partire dal COGLIERE I BENEFICI DELLE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLE COMUNICAZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE 2.1. Dalla sicurezza passiva alla sicurezza attiva e alla prevenzione degli incidenti Ogni anno in Europa accidenti stradali causano morti e lesioni. Nell'ultimo decennio, l'unione europea, gli Stati membri e l'industria automobilistica si sono adoperati per migliorare la sicurezza stradale mediante la prevenzione degli incidenti e la riduzione delle lesioni. Numerose misure di prevenzione degli incidenti si sono incentrate sul conducente, mentre le misure volte a ridurre le conseguenze degli incidenti si sono incentrate prevalentemente sul veicolo, migliorando la sicurezza passiva tramite la resistenza agli impatti, le cinture di sicurezza e l'airbag e intervenendo sui sistemi di sicurezza attiva quali freni e luci Conclusioni del Consiglio su GALILEO, 25/25 marzo 2002, europa.eu.int/comm/dgs/energy_transport/galileo/index_en.htm Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio "Integrazione del programma EGNOS nel programma GALILEO", COM(2003) 123 def.,

10 Le misure di sicurezza passiva si sono rivelate un metodo molto efficace di riduzione dei traumi causati dagli incidenti automobilistici, come dimostrano, per esempio, dati tedeschi sugli incidenti. Nel periodo il numero di incidenti sulle strade tedesche è aumentato del 40% circa, mentre il traffico, misurato in chilometri percorsi, è aumentato del 72%. Tuttavia, nello stesso periodo il numero di lesioni in incidenti stradali è diminuito del 20% e il numero di morti addirittura del 50%. Se ne è dedotto che tale diminuzione era dovuta in buona parte alle misure di prevenzione delle lesioni, fra cui notevoli miglioramenti della resistenza all'impatto dei veicoli e l'introduzione della cintura di sicurezza 12. Complessivamente queste azioni hanno contribuito alla riduzione costante delle morti sulle strade europee. Il numero di decessi nell'ue a 15 si è dimezzato dal 1970, mentre nello stesso periodo i volumi di traffico sono triplicati 13. Ciò nonostante, il numero di incidenti stradali e il numero di vittime della strada permangono a livelli inaccettabili nell'unione europea. Inoltre, molte di queste misure di sicurezza "tradizionali" stanno esaurendo la loro efficacia e diventa sempre più difficile che portino ad ulteriori miglioramenti di sicurezza a costi ragionevoli. È per questo motivo che occorre completare la sicurezza passiva a bordo introducendo sui mercati sistemi attivi e collaborativi più avanzati di sicurezza a bordo dei veicoli Verso una nuova generazione di sistemi intelligenti di sicurezza attraverso la ricerca In Europa nell'ultimo decennio il settore industriale e il settore pubblico hanno realizzato grossi investimenti di ricerca e sviluppo (RST) per l'uso di tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) nelle tecnologie e nei sottosistemi di sicurezza a bordo dei veicoli. Mentre la maggior parte di questo lavoro è stato fatto dall'industria, i programmi di ricerca dell'ue hanno dato un contributo alla realizzazione di tecnologie, sistemi e applicazioni di punta. L'UE ha avuto un ruolo in queste ricerche sin dal programma DRIVE del Nell'ambito del Quarto programma quadro di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione ( ), il programma di applicazioni telematiche ha contribuito alla realizzazione di sistemi e applicazioni di punta. Il Programma per le tecnologie della società dell'informazione (TSI) 14 prosegue le ricerche in tecnologie e sistemi applicativi per un trasporto più sicuro, più pulito e più efficiente, prestando particolare attenzione alla sicurezza intelligente, ai sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) e alle tecnologie di supporto. Il raggruppamento relativo ai veicoli intelligenti del programma TSI conta più di 40 progetti, con una dotazione finanziaria di più di 150 milioni di euro, di cui 80 milioni a carico della Comunità. La ricerca in materia di veicoli e infrastrutture più sicuri e di basi di dati di incidenti e comportamento umano nel trasporto stradale si svolge anche nell'ambito del programma per la crescita competitiva e sostenibile (Quinto programma quadro) Verletzungsfolgekosten nach Strassenverkehrsunfallen". Schriftenreihe des Hauptverbandes der gewerblichen Berufsgenossenschaften e.v. A. Sutter Druckerei GmbH, Essen. Il Programma per le tecnologie della società dell'informazione fa parte del Quinto programma quadro dell'unione europea di ricerca e sviluppo tecnologico (RST), per il periodo Cfr. 10

11 Lo sviluppo di sensori, attuatori e processori appropriati ha già consentito l'introduzione diffusa di sistemi che aiutano il conducente a mantenere il controllo del veicoli anche quando sono superati i limiti "normali" di guida. Ne sono esempi i sistemi di frenatura antibloccaggio (ABS) e il programma elettronico di stabilità (ESP). Questi sistemi stanno già apportando un contributo considerevole alla sicurezza stradale; insieme con miglioramenti nella sicurezza passiva, rendono i veicoli di oggi quattro volte più sicuri di quelli del Molti incidenti possono essere evitati se il conducente mette in atto una manovra che è possibile solo se questi ha mantenuto il controllo direzionale del veicolo. Tuttavia, se le ruote si bloccano in fase di frenatura, il conducente perde tale controllo. I sistemi di frenatura antibloccaggio (ABS) sono in grado di individuare il momento in cui una ruota del veicolo sta per bloccarsi e allentano leggermente i freni su quella ruota, in modo che essa mantenga l'aderenza alla superficie stradale. Pertanto, in situazioni di frenatura d'emergenza o in condizioni di scivolosità, il conducente di un veicolo dotato di ABS può evitare un incidente correggendo la direzione e mantenere il controllo del veicolo stesso. È assai più difficile fornire protezione agli occupanti dagli impatti laterali che da quelli frontali, soprattutto se l'oggetto colpito è stretto, come un palo o un albero, caso frequente quando un veicolo scivola o devia fuori strada. Pertanto, i produttori di veicoli e di sistemi di frenatura hanno sviluppato sistemi generalmente noti come Programmi elettronici di stabilità (ESP), che rilevano l'inizio di uno scivolamento e automaticamente applicano i freni a determinate ruote per correggere il movimento e mantenere la traiettoria del veicolo. L'ESP è utile anche quando non evita l'incidente ma riesce comunque a trasformarlo da laterale a frontale. Oggi l'esp è opzionale e a volte anche standard in molti modelli attuali di automobili. Secondo le statistiche fornite da una casa automobilistica, nel 2001 è stata registrata una riduzione degli incidenti del 4%, rispetto all'anno precedente, imputabile direttamente all'esp. La riduzione degli incidenti con capovolgimento ottenuta grazie all'esp è stimata al 12%. L'ulteriore sviluppo di sistemi intelligenti di sicurezza attiva richiederà sforzi di RST sostanziali. L'attuale Sesto Programma Quadro di ricerca e sviluppo tecnologico ( ) 8 comporterà nuove opportunità di finanziamento per RST in sistemi integrati intelligenti di sicurezza, fra cui lo studio degli incidenti e sistemi e tecnologie avanzati di assistenza alla guida. Il nuovo strumento, il progetto integrato, previsto per generare le conoscenze necessarie per affrontare le grandi sfide della società, sarà particolarmente adatto alle ricerche in questo campo. I progetti integrati dovranno generare una massa critica di attività e risorse necessarie per realizzare obiettivi scientifici e tecnologici ambiziosi e chiaramente definiti. Questi progetti, di dimensioni sostanziali, hanno una durata tipica di 3-5 anni Sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli Sappiamo che quasi il 95% degli incidenti è dovuto almeno in parte al fattore umano. In quasi tre quarti dei casi il comportamento umano è l'unica causa. Questo sfasamento apparente fra le abilità di guida e la complessità della situazione può essere affrontato apportando miglioramenti a tre elementi: il conducente (istruzione e formazione), l'ambiente (infrastruttura intelligente) e il veicolo (sistemi di sicurezza a bordo). I sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli utilizzano tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni per fornire soluzioni volte a migliorare la sicurezza stradale, in particolare nella fase che precede l'impatto, quando è ancora possibile evitare l'incidente o quanto meno ridurne significativamente la gravità. Grazie a questi sistemi, che possono funzionare autonomamente a bordo del veicolo o appoggiarsi sulla comunicazione da veicolo a veicolo o 11

12 da veicolo a infrastruttura (sistemi collaborativi), è possibile ridurre il numero e la gravità degli incidenti, portando così ad una riduzione anche del numero di decessi e lesioni. Le collisioni durante cambi di corsia e deviazioni involontarie dalla corsia sono due cause di incidenti fra le più importanti. Questo problema richiede che la tecnologia a bordo del veicolo contribuisca a rilevare l'imminente uscita del veicolo dalla corsia comunicando tale informazione ai conducenti dei veicoli adiacenti. Secondo la National Highway Traffic Safety Agency (NHTSA) statunitense, le collisioni dovute a cambiamento di corsia e inserzione nel flusso potrebbero essere ridotte della metà dalle nuove tecnologie. In Europa uno studio olandese prevede una riduzione del 37% di tutte le collisioni ad impatto laterale e una riduzione del 24% degli incidenti a veicolo unico ottenibile grazie all'evitamento dell'impatto in seguito a uscita dalla corsia. Le chiamate di emergenza localizzate, come quelle effettuate dai dispositivi di chiamata a bordo del veicolo (e-call), offrono alla società principalmente i vantaggi di salvare vite e dare un senso di maggior sicurezza. Ciò si ottiene migliorando l'instradamento delle chiamate in modo da ottenere informazioni più rapide e precise per l'invio sul posto delle risorse necessarie e, soprattutto, migliori informazioni per localizzare il chiamante. In questi casi è di importanza fondamentale la tempestività con cui le risorse necessarie raggiungono la persona in stato di bisogno, il che può evitare fino al 10% dei decessi. Un maggior senso di sicurezza è particolarmente importante per i cittadini europei in viaggio all'estero. Fra i vantaggi secondari, assai vari, citiamo una maggior fiducia nella fornitura dei servizi di emergenza, meno stress, una minor dipendenza dalla comunicazione verbale e la riduzione della congestione del traffico 16. Nello sviluppo e nell'adozione di sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli, occorre dare la precedenza ai sistemi che presentano le prospettive migliori. Il Gruppo di lavoro esafety 17 ha individuato numerosi sistemi siffatti, fra cui velocità sicura, supporto di corsia, distanza di sicurezza, protezione dei pedoni, visibilità migliorata, monitoraggio del conducente e sistemi di sicurezza agli incroci. Ognuno di questi sistemi dipende da una serie di sensori, sottosistemi e tecnologie con diversi livelli di maturità, di cui alcuni sono ancora in fase di RST mentre altri sono già stati parzialmente introdotti sul mercato. Il contributo potenziale dell'introduzione dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli al miglioramento della sicurezza e dell'affidabilità sulle strade è già stato dimostrato dall'industria in una serie di progetti europei di ricerca e sviluppo tecnologico (RST). Tuttavia, per concretizzare i benefici potenziali i nuovi sistemi devono essere ampiamente diffusi sul mercato. Riveste quindi un'importanza fondamentale la collaborazione fra i settori pubblico e privato nell'accelerare lo sviluppo e la diffusione di tali sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli in Europa. Tale approccio collaborativo dovrebbe favorire una penetrazione di mercato particolarmente rapida da parte di questi sistemi. Nel rispetto della legislazione sulla protezione dei dati personali e sul diritto alla mobilità, occorrerebbe considerare anche altre tecnologie, quali monitoraggio più preciso delle condizioni e delle prestazioni del conducente, registratori di dati degli incidenti e identificazione elettronica dei veicoli, come esposto dal programma d'azione europeo per la sicurezza stradale Caller Location in Telecommunication Networks in view of enhancing 112 Emergency Services: Recommendations towards a European policy and implementation plan. 30 aprile 2002, Helios Technology Ltd. Relazione finale del Gruppo di lavoro esafety sulla sicurezza stradale, novembre

13 2.4. Condizione sine qua non: un piano di sviluppo commerciale positivo Dal punto di vista dei fabbricanti, l'introduzione di sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli basati su sensori, attuatori, componenti elettronici e sottosistemi ad alto costo incide sul costo di fabbricazione, sul consumo energetico e sul peso dei componenti, rendendo anche più difficile adempiere alle norme ambientali imposte ai veicoli di nuova produzione. Inoltre, occorre risolvere i problemi connessi con l'affidabilità dell'elettronica incorporata (embedded), in particolare del software. L'introduzione sul mercato di nuove funzionalità impone la considerazione di questioni di responsabilità legale, omologazione e interazione uomo-macchina, oltre agli investimenti infrastrutturali. L'industria ha dimostrato di possedere una capacità di innovazione e di introduzione sul mercato di sistemi di sicurezza attiva, come è avvenuto per l'abs e l'esp. L'introduzione di queste tecnologie esemplifica chiaramente i due principali problemi che l'industria si trova ad affrontare nel portare sul mercato nuovi sistemi. In primo luogo, se il ritmo dell'introduzione sul mercato è dettato unicamente dai fattori economici e concorrenziali del mercato stesso, i tempi possono essere assai lunghi. L'ABS è arrivato sul mercato negli anni '70 ed oggi, trent'anni dopo, ne sono ancora dotati solo il 91% dei veicoli nuovi, con una penetrazione del 66% su tutto il parco veicoli europeo. L'introduzione dell'esp è stata un po' più rapida, giungendo al 38% di dotazione dei nuovi veicoli venduti e al 16% del parco veicoli totale in cinque anni dalla prima introduzione 18. In secondo luogo, il fatto di appoggiarsi esclusivamente sull'interesse commerciale delle case automobilistiche ha come conseguenza che i nuovi dispositivi di sicurezza sono introdotti prima sui veicoli di alta gamma, successivamente su quelli di livello medio e solo alla fine nelle automobili più piccole. Ciò non desta sorpresa se si confronta il prezzo dei sistemi avanzati di sicurezza, per esempio 2000 euro per un sistema di attenuazione delle collisioni o per un sistema di controllo di crociera adattativo, con il prezzo di vendita dei veicoli. Ne deriva che i conducenti più a rischio, vale a dire i giovani, che tendono a guidare veicoli più vecchi e più piccoli, sono gli ultimi a beneficiarne. Inoltre, i sistemi più sofisticati di software e assistenza elettronica tendono a generare una maggior complessità nella riparazione e manutenzione dei veicoli. Poiché il costo delle riparazioni e della manutenzione solitamente rappresenta il 40% del costo totale del veicolo su tutto il ciclo di vita, pari dunque al costo di acquisto, si tratta di un'importante considerazione per i consumatori. Sulla base di quanto sopra esposto, è evidente che l'adozione generalizzata dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli non può dipendere unicamente dall'interesse commerciale dei soggetti privati e necessita del pieno appoggio del settore pubblico, sotto forma di un piano di sviluppo pubblico/privato. Tale piano dovrà essere elaborato congiuntamente con tutti i soggetti coinvolti, fra cui case automobilistiche, fornitori di apparecchiature, gestori autostradali, operatori di telecomunicazioni, fornitori di servizi, servizi postvendita per automobili, assicuratori, organizzazioni per la sicurezza stradale e degli utenti della strada, autorità competenti per le strade, gestori di servizi di emergenza, Stati membri e Commissione europea. I settori pubblico e privato devono accordarsi per collaborare fra loro, definire ruoli e responsabilità di ciascuno e attuare le azioni appropriate. 18 Fonte: ricerca del Gruppo Volkswagen, 2001, mercato tedesco. 13

14 I principali meccanismi di intervento del settore pubblico, in termini di contributo al piano di sviluppo, sono: la promozione della normazione, che porta ad un'armonizzazione del mercato, a maggiori volumi di produzione e a minori costi di produzione; la promozione della consapevolezza e dell'informazione, che intensifica la domanda di sistemi di sicurezza e aumenta la disponibilità dei consumatori a pagare per avere dispositivi avanzati di sicurezza; la collaborazione con i partner adatti (dei settori pubblico e privato) per introdurre incentivi finanziari per gli acquirenti di veicoli dotati di sistemi avanzati di sicurezza. Le norme di omologazione dei veicoli vanno adattate, ove necessario, per consentire o rendere obbligatori tali sistemi, secondo i casi. L'introduzione di sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli esige un sistema di manutenzione e riparazione efficiente e concorrenziale, tale da garantire il buon funzionamento dei sistemi nel tempo. I consumatori devono poter scegliere fra diversi fornitori di servizi di riparazione e manutenzione. A tal fine l'industria automobilistica e i fornitori di apparecchiature devono osservare il regolamento della Commissione che dispone che i riparatori indipendenti abbiano accesso alle informazioni tecniche, alla formazione, agli strumenti e alle apparecchiature 19. Da ultimo, oltre al ruolo di normazione, le autorità pubbliche hanno un compito definito nell'orientare la realizzazione delle infrastrutture adeguate, compresi i dispositivi intelligenti, e nel proporre atti legislativi che consentano un'adozione più ampia dei STI Contribuire alla sicurezza dei pedoni Nel 2001, l'industria automobilistica europea (rappresentata dall'acea) si è impegnata a ridurre i rischi di morte e di lesioni per i pedoni investiti da un veicolo. Si trattava di un approccio innovativo alla sicurezza stradale, contenente elementi di sicurezza sia passiva sia attiva, oltre ad un impegno dell'industria di installare progressivamente dispositivi supplementari di sicurezza attiva, fra cui elementi TIC. Sebbene sia stato successivamente concordato che gli elementi di sicurezza passiva dovranno avere il sostegno di una direttiva 20, i dispositivi supplementari di sicurezza attiva e gli elementi TIC rimangono soggetti all'impegno dell'industria. 3. MOTIVI DELL'AZIONE COMUNITARIA 3.1. Introduzione Le tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC), che consentono la produzione di veicoli intelligenti per strade intelligenti, aiuteranno l'europa a soddisfare le proprie attese di mobilità e crescita economica. Le TIC offrono una serie di strumenti che danno ai soggetti industriali un'opportunità per vincere le sfide relative alla sicurezza stradale. I sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli di prima generazione, quali ABS (sistema di frenatura antibloccaggio) ed ESP (programma elettronico di stabilità) stanno già contribuendo a ridurre il numero di incidenti e di decessi. Una grande responsabilità per l'introduzione di sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli a bordo dei veicoli stessi rimane a carico dell'industria automobilistica, che sta sviluppando tali Regolamento (CE) del Consiglio n. 1400/2002, del 31 luglio Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla protezione dei pedoni e di altri utenti della strada vulnerabili in caso di urto con un veicolo a motore e che modifica la direttiva 70/156/CEE, COM(2003) 67 def.,

15 sistemi in collaborazione con i fornitori e l'industria telematica e con il sostegno di altri due grandi settori industriali, quelli delle telecomunicazioni e delle tecnologie dell'informazione. Ma l'industria non può fare da sola. Il settore pubblico deve collaborare con il settore privato in modo concertato. La Commissione europea deve intervenire in particolare nell'ambito delle proprie competenze, quali RST comunitaria, procedure di omologazione dei veicoli, regolamentazione delle telecomunicazioni e dei trasporti e nel superare ostacoli, in termini di responsabilità legale, normazione e altri, che possono frapporsi all'introduzione dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. I cittadini europei devono potersi aspettare lo stesso livello di sicurezza e sostegno dall'infrastruttura stradale di cui si servono per la loro mobilità in tutta Europa, così come avviene per i dispositivi di sicurezza sui veicoli. Occorre adottare ulteriori azioni a livello europeo per definire e armonizzare i requisiti tecnici e gli investimenti nelle strade e nelle strutture di comunicazione degli Stati membri, in particolare quelli necessari per i futuri sistemi collaborativi di sicurezza stradale. In molti casi, non esiste un interesse commerciale privato per l'introduzione di sistemi di sicurezza ed occorre un'ulteriore intervento del settore pubblico, in termini di incentivi fiscali e assicurativi, per accelerarne l'adozione La Commissione europea si assume la responsabilità delle azioni del settore pubblico a livello europeo La presente comunicazione della Commissione presenta le misure proposte dalla Commissione stessa nell'intento di promuovere lo sviluppo e l'adozione di sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli e di rimuovere ostacoli che si frappongono alla loro introduzione e adozione su larga scala in Europa. Le azioni comunitarie proposte si inquadrano in tre categorie: (1) promuovere i sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli; (2) adattare le disposizioni regolamentari e di normazione; (3) eliminare gli ostacoli commerciali e sociali. Con queste azioni la Commissione intende facilitare lo sviluppo e l'adozione su larga scala dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli in Europa, in modo da consentire all'industria automobilistica europea di mantenere e aumentare la propria competitività a livello mondiale, recando al tempo stesso un beneficio alla società grazie alla riduzione degli incidenti stradali e dei relativi decessi. Questi sistemi, una volta adottati su scala sufficientemente ampia, dovranno dare un contributo sostanziale alla riduzione dei decessi sulle strade europee, garantendo l'esigenza fondamentale dei cittadini europei: una mobilità sicura. Azioni concertate con l'impiego di tecniche menzionate nella presente comunicazione serviranno anch'esse per dare all'europa i migliori risultati al minor costo, sfruttando l'adozione della gestione dell'infrastruttura per realizzare i tre obiettivi del Libro bianco sulla politica europea dei trasporti: ridurre la congestione, garantire un uso più efficiente dei modi di trasporto disponibili e, in particolare, agevolare una maggior intermodalità fra i sistemi di trasporto. 15

16 3.3. Lavorare insieme a livello di UE, Stato e regione Nonostante l'ampio campo di azione dell'ue in materia di sicurezza stradale, il raggiungimento degli obiettivi del Libro bianco sulla politica europea dei trasporti non può essere lasciato alla sola responsabilità dell'unione. Occorrono azioni condivise relative a tutti i tipi di misure di sicurezza con la partecipazione di tutti i soggetti a livello comunitario, nazionale e regionale. Il programma d'azione europeo per la sicurezza stradale "Dimezzare il numero di vittime della strada nell'unione europea entro il 2010: una responsabilità condivisa" illustra la strategia europea di collaborazione e presenta misure concrete volte a migliorare la sicurezza stradale. Numerose misure inserite nel piano contribuiscono anche a realizzare gli obiettivi della presente comunicazione, come ad esempio il sostegno a EuroNCAP nel progredire verso nuovi metodi e informazioni per i consumatori, l'ulteriore sviluppo della base di dati CARE sugli incidenti e il suo completamento con i dati sulle cause degli incidenti, l'elaborazione di specifiche comuni per la registrazione degli incidenti e il miglioramento dei metodi di raccolta delle statistiche sugli incidenti negli Stati membri e, da ultimo, lo studio con gli Stati membri dell'esigenza di inserire nuovi sistemi elettronici nell'ambito dell'ispezione tecnica dei veicoli e dei relativi controlli. L'azione condivisa della Commissione europea, degli Stati membri, dell'industria e di altri soggetti pubblici e privati è anche necessaria per promuovere lo sviluppo, la diffusione e l'uso dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. La relazione finale del Gruppo di lavoro esafety ha individuato complessivamente 28 azioni, la maggior parte delle quali richiederanno il contributo degli Stati membri. Oltre alle azioni oggetto della presente comunicazione, si tratta dei seguenti interventi: Consolidare le analisi derivate dagli attuali dati sugli incidenti provenienti dall'ue, dagli Stati membri e dall'industria, con informazioni sulle cause e sulle circostanze degli incidenti. Definire un formato e una struttura comuni per la registrazione dei dati sugli incidenti nei paesi UE. Sviluppare congiuntamente una base di dati europea sulle cause degli incidenti. Istituire un quadro di insieme coordinato di convalida per i test operativi dei sistemi di sicurezza attiva negli Stati membri. Sviluppare calendari d'azione del settore pubblico che indichino gli investimenti necessari per i miglioramenti delle reti stradali e dell'infrastruttura di informazione, basati sui corrispondenti calendari industriali, e individuare gli interventi necessari per eliminare gli ostacoli regolamentari. Individuare specifiche esistenti e, ove necessario, svilupparne di nuove per interfacce e protocolli di comunicazione paneuropei, standardizzati e interoperativi, per comunicazioni da veicolo a veicolo e da veicolo a infrastruttura in grado di supportare sistemi di sicurezza e servizi interattivi e cooperativi. Istituire gruppi nazionali di collegamento per coordinare l'attuazione e la costituzione della catena dei servizi E

17 Stimolare e sostenere gli utenti della strada e i proprietari di parchi veicoli ad acquistare veicoli dotati di funzioni intelligenti di sicurezza stradale e ad usare servizi di sicurezza, mediante incentivi quali riduzioni fiscali, diminuzioni dei premi assicurativi e trattamento preferenziale. Pianificare ed attuare campagne di sensibilizzazione per spiegare ai consumatori i vantaggi, il funzionamento e l'uso dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. 4. AZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA La Commissione, in stretta collaborazione con altri soggetti, si propone di attuare le seguenti azioni per promuovere lo sviluppo, la diffusione e l'uso di sistemi intelligenti integrati di sicurezza in Europa e per eliminare gli ostacoli che si frappongono alla loro introduzione e adozione su larga scala Promuovere i sistemi intelligenti dei veicoli La sicurezza stradale esige azioni concertate da parte di tutti i soggetti della sicurezza: Commissione europea, industria e operatori del settore automobilistico e delle telecomunicazioni, fornitori di apparecchiature e servizi, operatori autostradali, autorità viarie, organizzazioni di utenti della strada e altri. Per agevolarne la collaborazione, la Commissione continuerà a sostenere una piattaforma comune per tutti i soggetti interessati alla sicurezza stradale, il Forum esafety. Obiettivo del Forum è quello di promuovere e controllare l'attuazione delle raccomandazioni individuate dal Gruppo di lavoro esafety e di sostenere lo sviluppo, la diffusione e l'uso dei sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. Il Forum costituirà una piattaforma per incoraggiare le azioni di tutti i soggetti coinvolti, fra cui l'industria e gli Stati membri, sorvegliandone lo stato di avanzamento e riferendone alla Commissione. Il futuro sviluppo delle funzioni di sicurezza sopra citate richiede un'ulteriore attività di RST in numerose tecnologie. L'obiettivo complessivo dell'europa, concordato dal Consiglio "Ricerca" di Barcellona nel 2002, è quello di dedicare alla ricerca il 3% del PIL entro il Questi sforzi accresciuti, con una partecipazione finanziaria del settore privato dei due terzi, dovranno considerare i sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli come un settore prioritario. La Commissione intende servirsi del suo Sesto Programma Quadro di ricerca e sviluppo tecnologico ( ) per sostenere la ricerca in questo settore, in coordinamento con programmi nazionali di ricerca e avvantaggiandosi dello Spazio europeo per la ricerca (SER) e della cooperazione internazionale. L'intervento critico, in cui il Forum esafety può avere un ruolo, consiste nel determinare le priorità delle ricerche future sulla base dei dati sulle cause degli incidenti e dell'impatto delle contromisure potenziali. La cooperazione internazionale dovrebbe riguardare in particolare l'interazione uomo-macchina, la metodologia e le procedure di certificazione e di test, armonizzazione e normazione, questioni giuridiche, l'analisi d'impatto e di beneficio socioeconomico e l'analisi comparativa/migliori pratiche. L'interazione uomo-macchina con sistemi sempre più complessi a bordo dei veicoli è una preoccupazione rilevante. Per affrontare questo tema importante, la Commissione ha pubblicato nel 2000 una Raccomandazione relativa ai sistemi sicuri e efficienti di 17

18 informazione e comunicazione di bordo 21, ampiamente adottata dall'industria. Ora la Commissione propone di valutare la situazione alla luce del progresso tecnico, che comprende gli effetti dell'introduzione di dispositivi nomadi nei veicoli, in collaborazione con l'industria e con gli Stati membri. Si proporranno successivamente le ulteriori misure ritenute necessarie. Un aspetto importante di questo lavoro è lo sviluppo della valutazione del carico di lavoro, del test e di metodologie e procedure di certificazione per ambienti di lavoro di bordo complessi che comportano interfacce con dispositivi di bordo per il controllo del veicolo, l'assistenza alla guida e la fornitura di contenuti informativi e ricreativi. Qualora un veicolo sia coinvolto in un incidente, può scattare automaticamente una chiamata d'emergenza (e-call) che può trasmettere la localizzazione accurata del veicolo ed altre informazioni di sicurezza al punto di risposta del servizio pubblico (Public Service Answering Point - PSAP). Tale informazione riduce drasticamente i tempi di risposta all'emergenza, salvando vite e riducendo le conseguenze delle lesioni gravi, ed ha anche il potenziale di consentire risposte corrette in caso di incidenti con merci pericolose. Appoggiandosi sulle disposizioni della cosiddetta legislazione E-112, contenute nella nuova direttiva sulle comunicazioni elettroniche 22, la Commissione propone una strategia integrata per i servizi di emergenza paneuropei. Questi ultimi si baseranno sui servizi di emergenza con capacità di localizzazione in fase di introduzione negli Stati membri in seguito a discussioni del gruppo settoriale congiunto industria - settore pubblico CGALIES 23 e alla raccomandazione della Commissione, adottata recentemente, sull'attuazione della E , ma includendo disposizioni per un'informazione di localizzazione più accurata e ulteriori informazioni di sicurezza. Ciò richiede che siano definite le interfacce fra i veicoli e la rete di telecomunicazioni e fra quest'ultima rete e i PSAP e che si risolvano le questioni correlate di responsabilità legale e competenza. Le informazioni in tempo reale sulla viabilità e sui viaggi (Real-time traffic and travel information - RTTI) contribuiscono notevolmente alla sicurezza. Per facilitare l'accesso ai dati in possesso del settore pubblico e consentire ai settori pubblico e privato di collaborare nella fornitura del servizio, la Commissione ha pubblicato nel 2001 una raccomandazione sulla diffusione in Europa dei servizi telematici di informazione sulla viabilità e sui viaggi 25.Ora la Commissione propone ulteriori analisi e raccomandazioni per accelerare l'adozione delle misure sull'accesso ai dati del settore pubblico, per consentire la nascita di Raccomandazione della Commissione, del 21 dicembre 1999, relativa ai sistemi sicuri e efficienti di informazione e comunicazione di bordo: principi europei in materia di interfaccia uomo-macchina. Testo rilevante ai fini del SEE (notificata con il numero C(1999) 4786), GU L 19 del Direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 marzo 2002, che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica (direttiva quadro), GU L 108 del ; direttiva 2002/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 marzo 2002, relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica (direttiva servizio universale), GU L 108 del ; direttiva 2002/58/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 luglio 2002, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche (direttiva relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche), GU L 201 del Cfr. la relazione definitiva di CGALIES (Co-ordination Group for Access to Location Information by Emergency Services), Raccomandazione della Commissione, del 25 luglio 2003, sul trattamento delle informazioni relative alla localizzazione del chiamante sulle reti di comunicazione elettronica ai fini della fornitura di servizi di chiamata di emergenza con capacità di localizzazione, C(2003) Raccomandazione della Commissione, del 4 luglio 2001, relativa all'elaborazione di un quadro giuridico ed economico per la partecipazione del settore privato alla diffusione in Europa dei servizi telematici di informazione sulla viabilità e sui viaggi (TTI), GU L 199 del , pag

19 partenariati pubblico-privato e la fornitura di servizi RTTI affidabili e di alta qualità in Europa. Inoltre, la Commissione potrebbe redigere, nell'ambito del proprio gruppo di lavoro TEN STI, raccomandazioni o atti legislativi volti ad accelerare l'adozione in Europa dei servizi di informazione in tempo reale sulla viabilità e sui viaggi. Azioni della Commissione: Per facilitare la cooperazione di tutti i soggetti, la Commissione continuerà a sostenere il Forum esafety, volto a realizzare una piattaforma autosufficiente. Il Forum esafety promuoverà e sorveglierà l'attuazione delle raccomandazioni del Gruppo di lavoro esafety e sosterrà lo sviluppo, la diffusione e l'uso di sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. Il Forum promuoverà anche lo sviluppo di piattaforme aperte, architetture di piattaforme aperte e la sensibilizzazione degli utenti ai sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. Ove appropriato, il Forum istituirà gruppi di lavoro specifici 26. In un periodo iniziale di due anni, la Commissione fornirà al Forum il sostegno necessario. Durante questo periodo un modello di piattaforma autosufficiente verrà stabilito dall industria e dai Paesi membri, onde trasferirne la responsabilità ai partner industriali a fine La Commissione definirà obiettivi e priorità trasparenti per ulteriori attività di RST a norma del suo Sesto Programma Quadro e perseguirà il coordinamento con i programmi nazionali. La Commissione inviterà il Forum ad analizzare i dati esistenti sulle cause degli incidenti e ad individuare obiettivi e priorità trasparenti per ulteriore RST in sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli nell'ambito della ricerca industriale, della ricerca comunitaria (progetti integrati nel Sesto PQ) e dei programmi nazionali di ricerca. Inoltre, la Commissione perseguirà la cooperazione internazionale per lo sviluppo di tecnologie integrate intelligenti di sicurezza stradale. La Commissione determinerà le azioni ulteriori necessarie per l'interazione uomomacchina. La Commissione inviterà il Forum esafety ad istituire un gruppo di lavoro incaricato di considerare le relazioni inviate dagli Stati membri e il rapido sviluppo in questo settore e di elaborare ulteriori raccomandazioni sull'interazione uomo-macchina. Sulla base di tali raccomandazioni, la Commissione valuterà l'opportunità di intraprendere ulteriori azioni. Inoltre, la Commissione promuoverà, attraverso i propri finanziamenti RST e la cooperazione in materia, lo sviluppo di metodologie e procedure di valutazione del carico di lavoro, del test e della certificazione per ambienti di lavoro complessi a bordo dei veicoli. 26 Si tratta dei nuovi gruppi di lavoro esafety del forum, funzionanti sotto l'egida di quest'ultimo, da non confondere con il Gruppo di lavoro esafety istituito nell'aprile 2002, che ha pubblicato la sua relazione finale con 28 raccomandazioni nel novembre

20 La Commissione promuoverà un servizio paneuropeo armonizzato di chiamata d'emergenza a bordo dei veicoli (e-call), basato sulla chiamata d'emergenza con capacità di localizzazione E-112. A tal fine, si invita il Forum esafety ad istituire un gruppo di lavoro per giungere ad un consenso sull'attuazione della chiamata d'emergenza paneuropea dai veicoli (e- Call), sulla base della raccomandazione recentemente pubblicata e dei risultati delle azioni di RST in corso. Inoltre, la Commissione incoraggia l'industria nella definizione di requisiti per i dati, di protocolli di trasferimento dati, di specifiche di interfaccia e di procedure di istradamento e trattamento per gli e-call da bordo con capacità aggiuntive e sostiene la normazione in seno all'etsi e al CEN. La Commissione analizzerà i progressi compiuti nella fornitura di informazioni in tempo reale sulla viabilità e sui viaggi (RTTI) in Europa e proporrà ulteriori interventi. La Commissione inviterà il Forum esafety ad analizzare le implicazioni dei servizi RTTI per la sicurezza stradale, considerando anche i nuovi servizi di emergenza basati sulla radioteletrasmissione e sulle comunicazioni mobili, tenendo conto delle risposte degli Stati membri alla raccomandazione TTI. Occorre prestare particolare attenzione ai servizi paneuropei e ai modelli commerciali sostenibili. Sulla base di tali analisi e raccomandazioni, la Commissione considererà l'opportunità di presentare una relazione sullo stato di avanzamento indirizzata al Consiglio e al Parlamento europeo, per non perdere di vista gli elementi della questione e proporre ulteriori misure eventualmente necessarie Adattare le disposizioni regolamentari e di normazione Il radar di bordo (SRR) a banda ultralarga (UWB), operante a 24 GHz, è ritenuto una tecnologia essenziale per l'introduzione rapida a costi contenuti di numerosi sistemi intelligenti di sicurezza dei veicoli. I sistemi SRR di questo tipo potrebbero rendere fattibili in tempi relativamente brevi concetti di sicurezza attiva, dando ad altre tecnologie il tempo di giungere a maturità. Tuttavia, permangono ostacoli regolamentari all'introduzione di mercato di questa tecnologia, in particolare per quanto riguarda l'accesso ad uno spettro radio armonizzato appropriato nell'ue. Tali ostacoli incidono sulla realizzazione nei tempi previsti degli obiettivi comunitari di sicurezza stradale, a meno che non siano risolti in modo cooperativo con gli Stati membri in seno al Comitato di comunicazione elettronica (Electronic Communication Committee - ECC) della CEPT 27. Oggi la Commissione propone di adottare le azioni necessarie a sostegno dell'eliminazione degli ostacoli regolamentari all'uso limitato nel tempo dello spettro a 24 GHz per il radar di bordo a breve raggio e di sostenere la normazione del SRR da parte dell'etsi. Prima dell'immissione sul mercato dell'unione europea, automobili e motocicli devono essere muniti della omologazione completa CE del veicolo, a conferma dell'adempimento a una serie di direttive comunitarie distinte. Altri tipi di veicoli, quali autocarri, autobus ed altri, possono anch'essi valersi delle medesime direttive per avere accesso al mercato europeo. 27 Conference Européenne des Administrations des postes et des télécommunications. 20

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Circolazione stradale: direttiva europea per incentivare la sicurezza dei pedoni ( Direttiva Europea 17.11.2003 n 2003/102/CE )

Circolazione stradale: direttiva europea per incentivare la sicurezza dei pedoni ( Direttiva Europea 17.11.2003 n 2003/102/CE ) Circolazione stradale: direttiva europea per incentivare la sicurezza dei pedoni ( Direttiva Europea 17.11.2003 n 2003/102/CE ) Con la Direttiva 2003/102/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio sono

Dettagli

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate MEMO/10/343 Bruxelles, 20 luglio 2010 Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate La Commissione ha adottato oggi un programma ambizioso sulla sicurezza stradale inteso a dimezzare

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C

9524/16 cip/tar/s 1 DG G 3 C Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 26 maggio 2016 (OR. en) 9524/16 RISULTATI DEI LAVORI Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni IND 111 RECH 207 TELECOM 99 MI 389 COMPET

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0522/2000 22/10/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio in vista dell'adozione della direttiva del Parlamento europeo

Dettagli

L'industria spaziale europea: competere a livello mondiale in un settore complesso

L'industria spaziale europea: competere a livello mondiale in un settore complesso L'industria spaziale europea: competere a livello mondiale in un settore complesso Lo spazio è al servizio dei cittadini europei. Molti dei sistemi e dei servizi che sono oggi essenziali per il nostro

Dettagli

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067)

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067) Direttiva 96/69/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 ottobre 1996 che modifica la direttiva 70/220/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle misure

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Collegare l'europa: La nuova rete centrale di trasporti dell'ue

Collegare l'europa: La nuova rete centrale di trasporti dell'ue MEMO/11/706 Bruxelles, 19 ottobre 2011 Collegare l'europa: La nuova rete centrale di trasporti dell'ue Oggi la Commissione ha adottato una proposta per trasformare l'attuale groviglio europeo di strade,

Dettagli

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva;

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva; DIRETTIVA 91/440/CEE DEL CONSIGLIO del 29 luglio 1991 relativa allo sviluppo delle ferrovie comunitarie IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE. Visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea,

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 595 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI GIOVEDÌ 3 MAGGIO 2001 Risoluzione del Parlamento europeo sull

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori Commissione per i trasporti e il turismo 27.3.2012 2012/2056(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sull'introduzione

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 9.5.2003 L 115/63 DIRETTIVA 2003/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 aprile 2003 che modifica la direttiva 91/671/CEE del Consiglio per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Come certificare la sicurezza e la sostenibilità del patrimonio immobiliare favorendo lo sviluppo economico BEN 7 MILIONI DI EDIFICI IN ITALIA

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Fa fede solo il discorso pronunciato

Fa fede solo il discorso pronunciato Discorso della Presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso Le regioni e le città d'europa in movimento: prospettive della politica dei trasporti dell'ue e delle reti transeuropee dei trasporti

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) AIRI TUTORIAL MEETING TECNOLOGIE MODERNE ED EMERGENTI PER LE PMI Perché una regolamentazione La politica ambientale dell'unione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

vista la comunicazione della Commissione sulla promozione del trasporto sulle vie navigabili interne: NAIADES,

vista la comunicazione della Commissione sulla promozione del trasporto sulle vie navigabili interne: NAIADES, RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA PROMOZIONE DEL TRASPORTO SULLE VIE NAVIGABILI INTERNE: NAIADES, PROGRAMMA DI AZIONE EUROPEO INTEGRATO PER IL TRASPORTO SULLE VIE NAVIGABILI INTERNE Il Parlamento

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione (traduzione del documento ISO/TC176/SC2/N544R) Questo documento guida vuole aiutare gli utilizzatori delle norme

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 del 16 febbraio 2015

NEWSLETTER n. 40 del 16 febbraio 2015 SOMMARIO Pag. 2. PREVENZIONE DEI RIFIUTI: PUBBLICATO IL PIANO NAZIONALE Pag. 3. BANDO FOTOVOLTAICO: PUBBLICATA LA GRADUATORIA DELLO SPORTELLO 1 Pag. 3. AMIANTO: ADOTTATO IL PIANO REGIONALE DI PROTEZIONE,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) / DELLA COMMISSIONE. del XXX

REGOLAMENTO (UE) / DELLA COMMISSIONE. del XXX COMMIIONE EUROPEA Bruxelles, XXX D040155/01 [ ](2015) XXX draft REGOLAMENTO (UE) / DELLA COMMIIONE del XXX che modifica il regolamento (CE) n. 692/2008 riguardo alle emissioni dai veicoli passeggeri e

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Perché è importante la valutazione dei rischi?

Perché è importante la valutazione dei rischi? Intervista al sig. Jukka Takala, direttore dell'agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Bilbao, 28 aprile 2008 Cosa si intende per valutazione dei rischi? Jukka Takala: La valutazione dei

Dettagli

Presidente ADIRA Coordinatore R2RC. R2RC Il Diritto alla libera riparazione

Presidente ADIRA Coordinatore R2RC. R2RC Il Diritto alla libera riparazione CONFARTIGIANATO AUTORIPARAZIONE Vicenza 21 marzo 2009 Bruno Beccari Presidente ADIRA Coordinatore R2RC Campagna di informazione Europea R2RC Il Diritto alla libera riparazione 24 marzo 2009 COMITATO ITALIANO

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 COM(2008) 819 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Piano di azione per la donazione e il trapianto di organi (2009-2015): rafforzare la cooperazione

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 2013/0371(COD) 6.2.2014 PROGETTO DI PARERE della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia destinato alla commissione

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi Efficienza operativa nel settore pubblico 10 suggerimenti per ridurre i costi 2 di 8 Presentazione La necessità impellente di ridurre i costi e la crescente pressione esercitata dalle normative di conformità,

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli