UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Materiali didattici A.A. 201O/2011 Prof. Arch. Francesco Suraci Coll. Arch. PietroAntonio Gaetano Il Project Management (P.M.), o Management by Projects o by Systems, consiste essenzialmente in una vera e propria filosofia gestionale elaborata per gestire in modo ottimale (o tendente all ottimo) ogni lavoro, iniziativa o programma che possa essere definito come progetto. In generale con il termine management si indica un "processo di coordinamento di risorse materiali e umane allo scopo di raggiungere determinati obiettivi". Un'attività elementare di management si riscontra sempre dove esiste un'attività economica (ad esempio nell'impresa privata, nell'impresa pubblica, nelle Amministrazioni dello Stato eccetera). È comunque evidente che il management, inteso come fenomeno economico e sociale, acquista un certo peso quando si è in presenza di una attività organizzativa complessa, ovvero caratterizzata da un numero elevato di variabili, tra loro connesse tramite un sistema di reciproche interdipendenze altamente articolate, da richiedere l'impiego di metodi di gestione manageriale. 1 Con il termine project si intende indicare l'insieme delle attività necessarie alla realizzazione di un'iniziativa. Il project management può essere considerato un valido punto di riferimento metodologico e culturale per rispondere a due ordini di problemi. Il primo è rappresentato dalla ricerca di modalità risolutive della crisi di determinati sistemi produttivi, dalla globalizzazione dei mercati e dalla crescente esigenza della massima flessibilità del processo di fabbricazione. Il secondo deriva dalla diffusa crisi di managerialità e, contestualmente, dall'incremento della responsabilizzazione del progettista introdotta dall'ordinamento legislativo nazionale. Tale quadro di riferimento mette in evidenza la necessità di "ridisegnare" l'architettura organizzativa generale delle strutture e delle attività operative, attraverso l'individuazione di linee strategiche, che consentano di effettuare interventi innovativi e di raggiungere gli obiettivi prefissati. Il project management deve essere perciò considerato come una nuova filosofia di approccio globale ai problemi organizzativi e gestionali, e costituisce una delle leve strategiche mediante le quali diventa possibile dare razionalità ed efficacia ai comportamenti dell'impresa. Secondo la definizione di Miscia, il project management consiste nella: "gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di risorse differenziate e con vincoli interdipendenti di costi - tempi - qualità" (R. D. Archibald, 1997, "Project management - La gestione di progetti e programmi"). Le tecniche di project management consentono al sistema imprenditoriale da un lato, e alla pubblica amministrazione dall'altro, di dotarsi di metodologie operative in grado di migliorare l'efficienza e l'efficacia gestionale e di ottenere risultati interfunzionali e globali. Il project

2 management è uno strumento che permette di valutare e di gestire in modo integrato il processo progettuale e costruttivo, attraverso un controllo continuo ed efficace delle attività connesse alla realizzazione del progetto. Attraverso la valutazione integrata è possibile analizzare il progetto nella sua globalità in modo da: assicurare la maggiore trasparenza possibile delle interdipendenze tra costi, tempi e performance tecnica lungo tutto il progetto; individuare preventivamente i problemi in modo da evitare o contenere gli effetti; individuare le opportunità in modo da accelerare la schedulazione, ridurre i costi e migliorare gli aspetti tecnici. La valutazione integrata del progetto può essere schematizzata in tre fasi: la prima fase prevede la verifica del lavoro effettivamente eseguito, dei risultati tecnici ottenuti e previsti e delle risorse (umane, materiali e finanziarie) utilizzate; la seconda fase prevede la verifica della situazione di piano per quanto riguarda le schedulazioni, i costi budgetati e i costi previsti, le specifiche tecniche; la terza fase prevede l'identificazione degli scostamenti tra i costi, la schedulazione e i relativi piani. Successivamente il processo di valutazione cede il passo alla gestione del progetto per la definizione delle iniziative atte a eliminare gli scostamenti tra la performance e il piano. Il project management si pone perciò i seguenti obiettivi: - disporre di una visione realistica del progetto - responsabilizzare gli enti operativi su obiettivi specifici - evidenziare le eventuali situazioni critiche e/o deviate rispetto a quelle prefigurate preventivamente - facilitare la valutazione degli effetti conseguenti alle soluzioni alternative considerate - rendere tempestiva l'applicazione degli eventuali interventi correttivi - tracciare un quadro previsionale degli scenari progettuali - garantire la coerenza tra gli obiettivi prefissati. 2 La struttura organizzativa del project management Il project management, ovvero "gestione per progetto", è un sistema che comporta modifiche sostanziali all'indirizzo strategico generale dell'impresa. In linee generali, la struttura tradizionale di un'impresa o di una pubblica amministrazione ha un'impostazione gestionale di tipo gerarchicofunzionale, ovvero una struttura organizzativa che prevede la suddivisione in specializzazioni funzionali e competenze in diverse aree, al loro interno suddivise per livelli e ruoli di tipo gerarchico.

3 In tal modo le informazioni seguono percorsi di tipo verticale, dall'alto verso il basso e viceversa (top down e bottom up), senza un processo orizzontale di comunicazione strutturato e senza un coordinamento e un'integrazione delle proprie competenze, comportando spesso, soprattutto se si tratta di progetti complessi, perdite di efficienza nella gestione. L'impiego del project management richiede il ricorso a un modello organizzativo multidimensionale "a matrice", che supera i vincoli imposti dalle strutture gerarchico-funzionali (e/o dalle strutture divisionali) e prevede la presenza simultanea di due strutture di coordinamento, che operano in direzioni tra loro ortogonali. una verticale, specializzata per funzione; l altra, orizzontale, finalizzata al singolo progetto. L'organizzazione gerarchica strutturata per funzioni ruota intorno agli input tecnici (engineering, marketing eccetera); l'organizzazione strutturata per progetti, invece, ruota intorno all'output che si propone di ottenere (una nuova costruzione, un nuovo prodotto eccetera). A entrambe si pone il problema dell'equilibrio fra l'obiettivo di lungo termine delle unità specialistiche (ad esempio accrescere la loro competenza tecnica) e gli obiettivi di breve termine dei singoli progetti. In tale modello strutturale la configurazione gerarchico-funzionale a sviluppo tipicamente verticale, convive con una serie di raggruppamenti di risorse umane che attraversano in senso orizzontale la struttura organizzativa dell'impresa. I vantaggi principali dell'organizzazione "a matrice" sono: - l'equilibrio fra gli obiettivi - il coordinamento delle funzioni - l'evidenza degli obiettivi del progetto. Gli eventuali problemi gestionali che possono insorgere tra le due strutture organizzative possono risolversi definendo con chiarezza per ciascun soggetto: - i ruoli - le responsabilità - l'autorità. 3 Gli strumenti metodologici del project management: Le tecniche di project management consistono in una serie di procedure organizzative finalizzate alla programmazione e al controllo sistemico delle fasi di sviluppo del processo realizzativo di un'opera edilizia (o di un prodotto, o di un servizio, eccetera). Tale struttura organizzativa e informativa consente di pianificare, monitorare e gestire le attività componenti un progetto, di compararle con quelle previsionali in modo da valutarne gli scostamenti, di guidare le eventuali azioni correttive, ottenendo il coordinamento e l'integrazione delle fasi realizzative e raggiungere perciò gli obiettivi prefissati. Le tecniche di project management si avvalgono di strumenti metodologici di tipo: - organizzativo - tecnico-organizzativo - tecnico-scientifico - economico-finanziario I principi organizzativi e tecnico-organizzativi si riferiscono agli aspetti della struttura operativa di un'impresa o di una pubblica amministrazione. I principi tecnico-scientifici ed economico-finanziari riguardano i meccanismi opertivi informatizzati. Le procedure ed il sistema informativo necessari a supportare adeguatamente il project management nella gestione del progetto nel rispetto dei criteri di:

4 - trasparenza - efficienza - efficacia Project Management: organizzazione e tecnica I principi organizzativi del project management possono essere riassunti nella filosofia della gestione per obiettivi. Il processo di decisione per obiettivi è un processo interno che si pone come principale fine l'ottimizzazione degli obiettivi attraverso il miglioramento dell'efficienza e dell'efficacia interna della struttura organizzativa. Tale processo può riguardare sia un'amministrazione che un'azienda in genere. A differenza del classico sistema gerarchico, tipico delle strutture tradizionali, il processo di decisione per obiettivi è un processo collettivo, che si sviluppa in funzione delle diverse fasi dell'intervento e coinvolge tutti gli operatori del team, al fine di perseguire gli obiettivi prefissati. Il modello decisionale per obiettivi è dunque un processo decisorio stabilito da: -i diversi attori (quali ad esempio l'amministrazione committente, la direzione dei lavori, i capocantiere, i subappaltatori eccetera) - la definizione dell'opera/intervento/prodotto da realizzare (contratti, norme eccetera) - i sistemi organizzativi in cui operano i diversi componenti del processo - i vincoli esterni (logistici, funzionali eccetera). 4 Si stabilisce un processo logico di formazione della decisione in cui gli operatori, in relazione al proprio livello di responsabilità, rispondono alle domande in modo tale da ottenere alla fine la decisione migliore, compatibilmente con i vincoli e con la disponibilità di risorse. La decisione finale è supportata da un sistema di pianificazione complesso che prevede una delega di responsabilità a un gruppo di lavoro coordinato da un responsabile di progetto (project manager). I principi tecnico-organizzativi del Project management fanno riferimento alla scomposizione del progetto secondo la tecnica del Work Breakdown Structure (WBS) - struttura di suddivisione del lavoro. Secondo la definizione del Project Management Institute, la Work Breakdown Structure costituisce "un sistema per suddividere un progetto in parti di lavoro, componenti ed elementi gestibili, per fornire una comune struttura per comunicazioni, allocazioni di responsabilità e di monitoraggio e gestione dello scopo del lavoro, dei costi e del programma". La WBS prevede la scomposizione strutturata del progetto per livelli successivi, secondo un grado di approfondimento legato a criteri gestionali. Graficamente utilizza una struttura a forma di albero rovesciato (o di una piramide) in cui i componenti sono: -il vertice che rappresenta lo scopo del progetto - le foglie che rappresentano le attività suddivise per livelli in cui il progetto è scomposto - i rami che indicano i sistemi di connessione delle foglie e costituiscono il legame logico di interconnessione tra un livello e i successivi.

5 Nella costruzione di una WBS vi è una dipendenza di tipo logico-gerarchico delle attività di un livello con quello sovrastante. La somma delle attività di ogni livello deve essere equivalente a quella del livello successivo; il vertice della piramide rappresenta lo scopo del lavoro, il cui valore economico, temporale o di risorse è costante per tutti i livelli successivi. Quando si tratta di opere complesse, la relazione dei progetti dovrebbe essere corredata da: a) una rappresentazione grafica di tutte le attività costruttive suddivise in livelli gerarchici (struttura ad albero) b) un diagramma che rappresenta graficamente la pianificazione dei lavori nei suoi aspetti di sequenze logiche e temporali, con l'identificazione del cammino critico, ovvero della serie di attività che producono un aumento dei tempi di realizzazione dei lavori. È inoltre necessario individuare il parametro guida della scomposizione del progetto in entità elementari. In linee generali, la suddivisione di un'opera complessa può avvenire: per parti; per aree, per fasi funzionali. Le regole generali sono riconducibili ad un metodo sintetico standard denominato MOGSA e formulato da D. I. Cleland nel suo Matrix Management Handbook. L'acronimo del modello MOGSA è il seguente: 5 M, mission: scopo del progetto O, objectives: obiettivi e fasi del progetto G, goals: obiettivi e fasi intermedie che costituiscono il master network S, strategy: mezzi ed attività del network, A, actions: pacchetti di lavoro elementari. Condizione fondamentale è che il criterio guida di un livello sia coerente con gli obiettivi gestionali del livello stesso. I criteri guida per le scomposizioni che ricorrono maggiormente sono: - la suddivisione per aree geografiche o planimetriche - la suddivisione per capitoli contrattuali - la suddivisione per fasi temporali - la suddivisione per capitoli di spesa - la suddivisione per funzione specialistica - la suddivisione per opera - la suddivisione per metodologia di realizzazione - la suddivisione per categoria d'opera - la suddivisione per capitoli di costo. La scomposizione consente l'individuazione di attività successive costituenti un albero di interventi e cioè una matrice di più livelli (solitamente non conviene superare sei livelli). La sistematicità e la struttura gerarchica della WBS offre al Project Manager un quadro completo del progetto nelle sue grandi linee e nei suoi elementi più piccoli, evidenziandone i criteri guida di scomposizione di ogni livello e le dipendenze logico-gerarchiche di un livello con gli altri livelli. Il processo di scomposizione consiste in pratica nella costruzione di una matrice dove nelle righe sono riportate le attività operative necessarie a completare la fornitura (ABS = Activity Breakdown Structure) e nelle colonne sono riportate le componenti elementari, nelle quali è scomposto il prodotto finale (PBS = Product Breakdown Structure).

6 Ciascun modulo elementare (work package = WP) viene identificato dalla coppia di codici binari ed alfanumerici ABS e PBS. La fase conclusiva consiste nella codifica dei livelli e delle attività componenti, in modo da avere un comune linguaggio interpretativo con una comune logica di classificazione, per connettere tutte le attività operative e direzionali della struttura aziendale. Una volta definita la struttura della WBS, il Project Manager provvede alla definizione dei contenuti dei singoli pacchetti di lavoro secondo la metodologia roll-up, che prevede l'attribuzione di un obiettivo parziale dello scopo del lavoro ad ogni pacchetto di lavoro e la preparazione di una serie di documenti indirizzati alle strutture di servizio al progetto. Queste strutture costituiscono una sorta di contratto interno o la base per le successive richieste di offerta. Il documento che ne scaturisce è il risultato della fase di pianificazione. Una volta effettuata l'analisi temporale e la schedulazione delle attività, sono inserite le informazioni relative alle attività critiche, alle date di inizio e di fine delle attività e ai possibili slittamenti, secondo la metodologia bottom-up. La descrizione dei pacchetti di lavoro corrisponde al capitolato speciale di appalto, il quale contiene una serie di norme dettagliate per le diverse categorie d'opera. Quando la suddivisione dello scopo del lavoro riguarda specificatamente l'organizzazione aziendale per livelli e per responsabilità, viene definita OBS (Organization Breakdown Structure). Quando la suddivisione dello scopo del lavoro è direttamente connessa all'individuazione di un budget per ogni singola attività, la suddivisione del progetto in centri di costo è definita CBS (Cost Breakdown Structure). Tale suddivisione può coincidere con il piano dei conti della contabilità industriale. Filosofia organizzativa del project management Chi >> Che cosa e come >> Quando >> Quanto >> Principi organizzativi Gestione per obiettivi Gruppo di progetto Principi tecnico-organizzativi Tecnica di pianificazione e di scomposizione W.B.S. (Work Breakdown Strucure) Principi tecnico-scientifici Tecnica di programmazione reticolare C.P.M. (Critical Path Method) Principi economici-finanziari Tecniche di valutazione e di controllo a) Contabilità industriale b) indici di gestione c) earned value 6

7 PROGETTO IN AMBITO GESTIONALE DEFINIZIONE DI PROGETTO Il Project Management (P.M.), o Management by Projects o by Systems, consiste essenzialmente in una vera e propria filosofia gestionale elaborata per gestire in modo ottimale (o tendente all ottimo) ogni lavoro, iniziativa o programma che possa essere definito come progetto. 7 interpretazione semantica di progetto nell ambito delle discipline gestionali, ed in particolare del Project (o del Construction) Management. La disciplina del Project Management assume il nome di Construction Management quando viene applicata ad un processo costruttivo edilizio (o prevalentemente tale) da professionisti specializzati in management delle costruzioni IL PROGETTO COME PROCESSO DEFINIZIONE DI PROCESSO in senso letterale = una successione di fatti o fenomeni aventi tra di loro un nesso più o meno profondo, ovvero anche un modo di procedere in rapporto ad un determinato fine. nel campo gestionale del Project (o Construction) Management, il processo può essere definito in maniera abbastanza simile dal punto di vista concettuale, ma piuttosto mediante gli elementi caratteristici della produzione (in particolare per commessa ) come: le attività, gli obiettivi, gli apporti specialistici, il controllo, la coordinazione, il tempo, ecc..

8 IL PROGETTO: insieme di attività richieste per raggiungere un determinato obiettivo occasionale (e quindi non ripetitivo) raggiunto attraverso l organizzazione di contributi specialistici coordinati, ed il controllo a vita intera (dall ideazione all avviamento o alla consegna) sul raggiungimento dell obiettivo stesso alle condizioni predeterminate. project nel modo anglosassone = una iniziativa o un programma afferente qualsivoglia tipo di attività design = traduce invece il puro progetto tecnico o, in particolare, architettonico Dal confronto dei due termini si deduce pertanto che per progetto si intende l intero processo necessario per raggiungere un ben determinato risultato (scopo contrattuale). complesso contiene in sé una molteplicità di fattori appartenenti a svariate discipline tecnologiche e gestionali ed una nutrita serie di competenza specialistiche che devono essere anzitutto individuate chiaramente ed isolate singolarmente ( strutturare il progetto ) e quindi gestite in maniera integrata, o sistemica. 8 Contenuti e origine del Cost Engineering ENGINEERING (INGEGNERIA e ARCHITETTURA) Progettazione Specifiche tecniche Specifiche di processo Controllo progetti Management progetti ECONOMIA (ESTIMO) Finanziamenti Costi e stime (parametriche ed analitiche) Mercato Concorrenza Profittabilità Statistiche Banche dati DIRITTO Contrattualistica (nazionale e inter.le) Clausole contrattuali Strategia contrattuale Revisione giuridica Procedure commerciali Claiming, arbitrato

9 COST ENGINEERING MANAGEMENT SCIENCE RICERCA OPERATIVA PROJECT MANAGEMENT PREVISIONI SIMULAZIONE BREAK EVEN POINT, ecc. COST Engineering 9 COST CONTROL SCHEDULE CONTROL STIMA COSTI PROFITTABILITA MODELLIZZAZIONE PIANIFICAZIONE TEMPI, COSTI E RISORSE Le funzioni del Professional Construction Manager (P.C.M.) Il C.M. infatti deve monitorare sistematicamente: l Avanzamento del Progetto esecutivo (Avanzamento disegni) la Gestione dei materiali la Gestione delle Maestranze l Avanzamento Fisico dei Lavori (Tempi) l Avanzamento Contabile (Costi)

10 le variabili al Progetto, e quindi, in particolare: - Lavori Extra (Extra Works) - Nuovi Prezzi - aumento o diminuzioni delle quantità - Contenziosi (claims) - imprevisti che possono inficiare il budget programmato quant altro è necessario per portare a buon fine l Appalto. Il metodo del C.M.: l approccio sistemico e la costruzione per fasi La costruzione per fasi Si vide subito che la costruzione per fasi poteva portare a risparmi di tempo notevoli e benefici economici rilevanti, a patto di poter disporre di: efficiente Organizzazione Aziendale esperienza nella tecnica delle costruzioni coordinazione tra ingegneria, forniture, costruzioni ed avviamento Controllo economico accurata Pianificazione e Programmazione. 10 Le fasi del Progetto di costruzione Possiamo generalmente distinguere almeno cinque fasi principali, dall idea iniziale dell Opera alla sua realizzazione: 1. Pianificazione di base (Feasibility Studies) 2. Progettazione di base (Preliminary Engineering) 3. Progettazione di dettaglio (Detailed Engineering) 4. Approvvigionamento e Costruzione (Procurement and Construction)

11 5. Collaudo e Consegna dell Opera ed eventuale Avviamento degli Impianti tecnologici (Start-up) I servizi propri del Professional Construction Management 1) Pianificazione di base (Pre-design, Feasibility Studies) 2) Progettazione di base (Preliminary Engineering) STRUTTURAZIONE DEL PROGETTO PREPARAZIONE DEL PROGRAMMA GENERALE DI SVILUPPO DEL PROGETTO PREPARAZIONE DELLA STIMA PRELIMINARE DI BUDGET PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PROGETTAZIONE PIANIFICAZIONE DEGLI ACQUISTI 3) Progettazione di dettaglio (Detailed Engineering) CONTROLLO DELLA PROGETTAZIONE CONTROLLO DEI DISEGNI E DELLE SPECIFICHE IDENTIFICAZIONE DEI MATERIALI CHE NECESSITANO DI UN LUNGO TEMPO DI CONSEGNA RIESAME DEL PROGRAMMA GENERALE DEI LAVORI 4) Fase di approvvigionamento e costruzione (Procurement and Construction) 11 PIANIFICARE E PROGRAMMARE UN DETTAGLIATO PIANO DI COSTRUZIONE MONITORARE IL LAVORO DEGLI APPALTATORI CONTROLLO DEI LAVORI EXTRA 5) Fase di Collaudo e Consegna dell Opera ed eventuale Avviamento degli impianti tecnologici (Start-up) COORDINARE LE ISPEZIONI DI ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO DELL OPERA COORDINARE CON L APPALTATORE L EVENTUALE COMPLETAMENTO DI CIASCUN CONTRATTO, A SEGUITO DI RISERVE COORDINARE L OCCUPAZIONE DEGLI EDIFICI DA PARTE DEL COMMITTENTE ELABORARE UN PROGRAMMA DI GARANZIA.

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE Roma, dicembre 1999 Analisi dei rischi in un progetto di sviluppo sw RISCHIO = potenziale difetto il cui verificarsi comporta dei danni Danno Non

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado ISBN 9788896354643 CC BY ND Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado Autori Antonio Dell Anna info@antoniodellanna.it Martina Dell

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LA MAPPATURA E L'ANALISI DEI PROCESSI GESTIONALI: AL CUORE DELL'ACTIVITY- BASED MANAGEMENT

LA MAPPATURA E L'ANALISI DEI PROCESSI GESTIONALI: AL CUORE DELL'ACTIVITY- BASED MANAGEMENT Liuc Papers n. 22, Serie Economia aziendale, 4, luglio-agosto 1995 LA MAPPATURA E L'ANALISI DEI PROCESSI GESTIONALI: AL CUORE DELL'ACTIVITY- BASED MANAGEMENT Catry Ostinelli La gestione aziendale orientata

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli