ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA DEGLI ARTI INFERIORI: STORIA NATURALE, SINTOMI, E DIAGNOSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA DEGLI ARTI INFERIORI: STORIA NATURALE, SINTOMI, E DIAGNOSI"

Transcript

1 ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA DEGLI ARTI INFERIORI: STORIA NATURALE, SINTOMI, E DIAGNOSI Prof Claudio S Cinà, MD, FRCSC MSc Health research Methodology Specialista in Chirurgia Generale, Università di Catania Specialista in Chirurgia Vascolare ed Endovascolare, Università di Toronto Prof Luciano Sfogliano Specialista in Medicina Interna Università di Catania Specialista in Cardiologia Università di Catania Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 1

2 ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA DEGLI ARTI INFERIORI: STORIA NATURALE, SINTOMI, E DIAGNOSI Summary The peripheral arterial occlusive disease (PAOD) has risk factors which are mostly known and modifiable. The clinical syndrome is protean and has a variable course. In most cases the PAOD is a manifestation of generalized atherosclerosis and cardiac and cerebral complications are the most severe consequences. Symptoms vary from claudication to gangrene, but the progression to gangrene is rare if risk factors are effectively modified with pharmacological interventions and modifications of life style choices. Diagnosis is based on clinical examination and noninvasive diagnostic tests. Angiography, computerized tomography and magnetic resonance angiography should only be used when a surgical intervention is planned. Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 2

3 Introduzione Negli ultimi anni abbiamo assistito a notevoli sviluppi nel trattamento dell arteriopatia ischemica ostruttiva periferica (AIOP) e delle sindromi ad esse relate. Questi sviluppi sono dovuti sia ad una migliore comprensione della storia naturale, dei fattori di rischio della malattia e del loro trattamento, sia a tutta una nuova gamma di interventi farmacologici e chirugici per migliorare i sintomi e la qualità di vita del paziente. L AIOP è una manifestazione segmentaria dell aterosclerosi che è una condizione sistemica con manifestazioni regionali, di solito a livello di biforcazioni importanti come quelle dell'aorta, delle arterie iliache, e delle carotidi. Si tratta di una malattia progressiva con decorso variabile, a volte statico, a volte intermittente od anche inesorabilmente progressivo. Le manifestazioni cliniche dipendono dal distretto interessato, dal corso della malattia, e dai circoli collaterali. Nel distretto cerebrale si può manifestare con attacchi ischemici transitori (TIA) od ictus; in quello coronarico con angina stabile, instabile o con un infarto; in quello renale con ipertensione o insufficienza renovascolare; nell addome con angina od infarto intestinale e negli arti inferiori con claudicazione intermittente, dolore a riposo o gangrena (Figure 1). Figure 1 Manifestazioni polidistrettuali potenziali della malattia aterosclerotica Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 3

4 Eziologia Una dissertazione comprensiva sull etiologia dell aterosclerosi è al di fuori dello scopo di questo lavoro. Tuttavia, possiamo dire che la placca ateromasica è caratterizzata da un accumulo di lipidi, cellule muscolari lisce (CML) e matrice extracellulare (MEC) nella parete arteriosa [61]. Strie lipidiche (fatty streaks) - formate dall aggregazione di macrofagi carichi di lipidi (foam cells) - appaiono inizialmente nelle pareti e, nel tempo, si trasformano in lesioni fibrotiche clinicamente più significative costituite da un centro lipidico-necrotico circondato da un cappuccio contenente CML e MEC.[1] Nella prima fase della generazione di placca, le lipoproteine a bassa densità (low density lipoprotein, LDL) che costituiscono l apolipoproteina B (apob), sono intrappolate nella matrice subendoteliale della parete dell arteria.[2] L'interazione tra queste e la matrice della parete del vaso promuove la successiva ritenzione e l accumulo di LDL.[3] L'ossidazione delle LDL nella parete del vaso porta ad un infiammazione con richiamo di macrofagi che, fagocitando i lipidi, si trasformano in foam cells[1]; le LDL ossidate stimolano anche la produzione endoteliale di molecole chemotattiche e di fattori di crescita [4] che a loro volta amplificano il processo favorendo il reclutamento di monociti e la loro proliferazione nella parete vasale; i monociti producono piccole molecole con radicali ossidanti liberi (reactive oxygen species, ROS) che danneggiano le cellule e favoriscono l ulteriore ossidazione delle lipoproteine che a loro volta vengono inglobate dai macrofagi.[5] Si crea così un circolo vizioso che vede l accumulo di cellule macrofagiche e dell infiammazione. Successivamente, placche fibrose, caratterizzate da lipidi extracellulari, CML e MEC, si formano attorno agglomerati di foam cells. Fattori di rischio come elevate concentrazioni di omocisteina (OCS), l'ipertensione e l'angiotensina II, stimolano la migrazione di CML e la produzione di MEC contribuendo alla progressione delle lesioni.[6] In un primo tempo l arteria risponde aumentando il suo diametro complessivo allo scopo di mantenere il lume del vaso e quindi la perfusione tissutale. Quando questo meccanismo compensatorio viene saturato, il lume vasale si restringe e con esso la portata ematica. Inoltre le placche degenerate possono rompersi causando embolizzazione distale e trombosi locale. Prevalenza La prevalenza dell AIOP aumenta con l età ed è più comune negli uomini che nelle donne. L incidenza di claudicazione è quasi il doppio negli uomini di età superiore ai 50 anni che nelle donne (rispettivamente 3.5% e 2%).[7] L importanza del problema sta aumentando in modo Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 4

5 significativo a causa dell aumento dell aspettativa di vita della popolazione. Circa il 10% degli individui di età superiore ai 70 anni hanno sintomi riferibili a AIOP, mentre, se si considerano i pazienti asintomatici (identificati per esempio con la misurazione dell indice caviglia/braccio), la prevalenza aumenta in questo gruppo fino al 50%.[8-11] Questi dati sono particolarmente significativi se si considera anche che i pazienti con sintomi di AIOP hanno un aumento del tasso d infarto del miocardio (MI), d ictus cerebrale e di morte cardiovascolare tre volte speriore alla popolazione normale[12-17]; e che i pazienti asintomatici con AIOP (definita come un indice caviglia/braccio <0.9, ma senza sintomi) presentano un aumento della morbilità e mortalità cardiovascolare da 1,5 a 2 volte superiore (Figure 2).[10, 11, 16] Figure 2 Curve di sopravvivenza Kaplan-Meier (basate sulla mortalità da qualunque causa) per quattro gruppi di pazienti: normali, asintomatici, sintomatici e con sintomi gravi. La prognosi è infausta per i pazienti con AIOP; anche in pazienti asintomatici la sopravvivenza è drasticamente ridotta, rispetto ai soggetti normali. Il sottogruppo con AIOP sintomatica grave ha la peggiore prognosi con un aumento di 15 volte dei tassi di mortalità per malattie cardiovascolari e coronariche. A 10 anni, circa la metà dei pazienti asintomatici, e solo il 25% dei pazienti gravemente sintomatici sopravvive. [11] 1.00 Survival Normal Asymptomatic Symptomatic Severe symptomatic Time (years) L importanza del problema è anche dimostrato dal documento della TASC II sul trattamento delle AIOP il quale suggerisce che la prevalenza in Europa ed in Nord America è di 27 milioni di individui affetti con 413,000 dimissioni dagli ospedali per anno.[18] Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 5

6 Fattori di rischio Fattori di rischio tradizionali I fattori di rischio tradizionalmente associati con l aterosclerosi comprendono l'età, il sesso [19-21], l anamnesi familiare positiva [15, 16, 22], il fumo di tabacco [16, 17, 23, 24] l ipertensione (pressione sanguigna > 140/90) [25-31], il diabete mellito [27, 32-35], gli elevati livelli di colesterolo totale e / o la riduzione del colesterolo HDL, e l'obesità.[16, 36] La Tabella 1 riassume gli elementi di prova relativi al ruolo di questi fattori tradizionali di rischio per la coronaropatia ischemica (CPI) e la malattia cerebrovascolare (MCV). Fattori di rischio non convenzionali Più recentemente sono stati identificati altri fattori di rischio che potremmo chiamare non convenzionali e che comprendono la frequenza cardiaca > 90 battiti al minuto [26, 37-39], l iperuricemia [40-42], l aumento dello spessore intimo-mediale [43], i depositi di calcio nelle arterie coronarie [44], l ipertrofia ventricolare sinistra [45, 46], le infezioni da Clamidia ed Elicobacter Pylori [47, 48], la presenza di marker infiammatori [49-51], e l iperomocisteinemia.[52-55] La Tabella 2 riassume i fattori di rischio che sembrano essere fortemente associati con CPI e MCV. Sulla base degli studi descritti, l American College of Cardiology/American Heart Association (ACC/AHA) suggeriscono che i seguenti gruppi di pazienti si devono considerare a rischio: 1. Età > 75 anni 2. Età tra i 50 e 69 anni con un anamnesi positiva per il fumo ed il diabete 3. Età tra i 40 e 49 anni con diabete ed almeno un altro fattore di rischio: sintomi che suggeriscono claudicazione; polsi pedidi anormali; manifestazioni aterosclerotiche in altri distretti (coronarie, carotidi, arterie renali).[56] Rischio di progressione della malattia Le linee guida della ACC/AHA del 2005 suggeriscono che, nei pazienti con claudicatione, il rischio a 5 anni di un peggioramento della sintomatologia è del 10-20% e di ischemia severa che minacci la vitalità dell arto è del 1-2%. Molto più severa in questi pazienti è la prognosi per le complicanze cardiovascolari con un rischio d infarto del miocardio del 20% e di Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 6

7 mortalità del 15-30% (75% dovuta a malattie cardiovascolari). Tra i pazienti con sindromi ischemiche severe (dolore a riposo, ulcere e gangrene) entro un anno solo il 50% sopravvive con entrambe le gambe, il 25% subisce un amputazione ed il 25% muore per complicanze cardiovascolari. Queste stime non possono applicarsi indiscriminatamente a tutti i pazienti dal momento che in alcuni la progressione è più accelerata a causa della persistenza di fattori di rischio. I fattori statisticamente associati ad una progressione più rapida sono: un tabagismo corrente, un alto rapporto colesterolo totale/colesterolo HDL, l elevazione della proteina C reattiva ad alta sensibilità, un aumento delle lipoproteine (a), ed il diabete.[57] Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 7

8 Tabella 1 Fattori di rschio convenzionali della malattia aterosclerotica Età Sesso Anamnesi familiare positiva per infarto del miocardio (IM) Colesterolo totale LDL Ipertrigliceridemia Ipertensione Diabete mellito Mallattia Coronarica Ischemica Si 1. Studio prospettivo di popolazione: [5] Il rischio aumenta con l età >45 anni nell uomo e > 55 anni nella donna Si 1. Studio prospettivo di popolazione: [5] Nell uomo il RR per mortalità è 5 (95% CI ) Nella donna il RR è 3 (95% CI ) Si 1. Studi di Coorte: [6] Anormalità elettrocardiographiche indotte dal dipiridamolo sono evidenti nel 50% di individui asintomatici con una anamnesi familiare positiva 2. Studio di caso-controllato:[7] Il RR di IM = 2 con un genitore; =3.4 con un fratello; 4.7 con più di un fratello; 20 con più di due familialri con IM prima dei 55 y 3. Studio prospettivo di coorte: [8] Nell uomo con una anamnesi familiare positiva il RR di mortalità da ischemia coronarica è = 0.64 (95% CI ) Si 1. MRFIT Study (studio di coorte): [21] Il RR aumenta da 1.29 a 3.42 con l aumento del valore da a 6.34 mmol/l Si 1. Riassunto della letteratura: [22] Rischio alto >4.1 mmol/l Rischio moderato mmol/l Rischio basso <3.4 mmol/l Incerto come fattore di rischio indipendente A. Studi contro il suo ruolo come fattore di rischio 1. Analisi secondarie di precedentii studi di coorte[117] B. Studi che suggeriscono il suo ruolo come fattore di rischio 1 Meta-analisi di studi prospettici di popolazione [118] 2. Studi prospettici di caso controllato nested [21] 3. Studi retrospettivi di coorte [119] Si 1. Studi di popolazione: [12] RR 2 (95%CI ) 2. Analisi secondarie di 9 studi prospettici osservazionali: [13] La riduzione di 5 mm Hg in pressione diastolica causa una RRR di 0.25 (95% CI ) 3. Meta-analisi di RCT di farmaci anti-ipertensivi: [14] RRR 14% (95%CI 4-22) Si 1. Studio prospettivo di coorte: [16]: Nell uomo il RR 2 (95% CI ) Nelle donne RR 3 (95% CI ) 2. Studi di popolazione: [17] Nelle donne RR 1.39 (95% CI ) 3. Studi di caso-controllato: [18] RR 1.58 (95% CI ) 4. Studio di coorte: [19] Nell uomo l OR 1.4 (95% CI ) Nella donna l OR 11.7 (95% CI ) Ictus Cerebrale Si 1. Documento dell American Heart Association:(2001 Heart and Stroke Statistical Update On line) Il RR aumenta 2 volte con ogni decade di età dopo i 55 anni Incerto 1. Documento dell American Heart Association:(2001 Heart and Stroke Statistical Update On line) 61% della mortalità causata da ictus occorre nelle donne Si 1. Studio prospettivo di popolazione: [4] Per un aumento del livello di colesterolo di 0.26 mmol/l l Odds Ratio (OR) di una stenosi carotidea moderata = 1.10 (95% CI ) 2. RCT degli inibitori dellla HMGCoA riduttasi vs. placebo: [116] RRR 0.27 (95% CI ) Incerto come fattore indipendente di rischio Si 1. Studi di popolazione: [12] RR 2 (95%CI ) 2. Analisi secondarie di 9 studi prospettici osservazionali: [13] Reduction La riduzione di 5 mm Hg in pressione diastolica causa una RRR of 0.40 (95% CI ) 3. Meta-analisi di RCT di farmaci anti-ipertensivi: [14] RRR 42% (95%CI 33-50) Si 1. RCT di trattamento intensivo vs. trattamento tradizionale[20]: RR 2 (95% CI ) Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 8

9 Carenza di estrogeni Vita sedentaria Fumo di tabacco Obesità 4. RCT di trattamento intensivo vs. trattamento tradizionale [20]: RRR 0.42 (95% CI ) Incerto 1. RCT (HERS Trial): [120] Il trattamento con estroprogestinici non riduce la coronariopatia nelle donne in menopausa RR 0.99 (95% CI ) 2. RCT (ERA Trial): [121] Nelle donne con coronariopatia il trattamento con estroprogestinici non riduce l incidenza di nuoeve lesioni coronariche dimostrate angioraficamente RR 0.90 (95% CI ) 3. RCT (PEPI Trial): [122] Gli estrogeni o gli estroprogestinici migliorano il profilolipidico 4. Meta-analisi di studi di coorte (1998): [123,124] Estrogenoterapia = RR 0.30 (95% CI ) Terapia estroprogestinica = RR 0.34 (95% CI ) 5. Studio di coorte in donne in menopausa senza coronariopatia: [125] Estrogenoterapia 0.3 mg = RR 0.58 (95% CI ) Estrogenoterapia mg = RR 0.54 (95% CI ) Terapia estroprogestinica = RR 0.91 (95% CI ) Si 1. Studio prospettivo di coorte: [129] Attività fisica elevata vs bassa = RR 0.20 (95% CI ) 2. Studio prospettivo di coorte: [8] Uomini attivi vs sedentari =RR 0.36 (95% CI ) Si 1. Studio prospettivo di coorte negli uomini: [8] RR 0.50 (95% CI ) 2. Studio di popolazione prospettivo: [9] Nella donna RR 3.3 (95% CI ) Nell uomo RR1.6 (95% CI ) 3. Studio di popolazione: [10] Nella donna RR 2.24 (95% CI ) Nell uomo RR 1.42 (95% CI ) Si 1. Studio prospettivo di coorte: [8] RR 0.55 (95% CI ) 2. Studio propsettivo di coorte: [23] Nell uomo RR 2.9 (95% CI ) Nella donna RR 2.2 (95% CI ) Incerto 1. Studio di coorte in donne in menopausa senza coronariopatia: [125] Estrogenoterapia mg = RR 1.35 (95% CI ) Terapia estroprogestinica = RR 1.45 (95% CI ) 2. Studio prospettivo di coorte in donne in menopausa senza coronariopatia: [126] Terapia estroprogestinica = RR 0.37 (95% CI ) 3. Studio di caso controllato in donne in menopausa: [127] Estrogenoterapia = RR 1.16 (95% CI ) Terapia estroprogestinica = RR 1.17 (95% CI ) 4. RCT (HERS Trial): [128] Terapia estroprogestinica = RR 1.23 (95% CI ) Si 1. Studio di popolazione: [11] Nell uomo RR 2.2 (95% CI ) Nella donna RR 2.5 (95% CI ) 2. Studio prospettivo di coorte [130] Nella donna RR 2.58 (95% CI ) Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 9

10 Tabella 2 Fattori di rischio aterosclerotico non convenzionali Mallattia Coronarica Ischemica Ictus Elevata frequenza cardiaca 1. Studio prospettivo di coorte: [24] RR 2.02 (95% CI ) Iperuricemia 1. Studio di popolazione: [30] Nell uomo il RR di mortalità =.17 (95% CI ) Nella dona il RR di mortalità = 1.30 (95% CI ) Ispessimento mediointimale dell arteria (IMI) 1. Studio prospettivo di coorte: [31] Per un aumento di spessore di 0.22mm del IMI il RR = 1.27 (95% CI ) 1. Studio prospettivo di coorte: [31] Per un aumento di spessore di 0.22mm del IMI il RR = 1.28 (95% CI ) Depositi di calcio nelle arterie coronarie 1. Studio retrospettivo di coorte: [32] Nell uomo il RR = 1.27 (95% CI ) Nella donna il RR = 1.22 (95% CI ) 1. Studio retrospettivo di coorte: [32] Nella donna il RR = 1.46 (95% CI ) Ipertrofia ventricolare sinistra Studio di popolazione: [131] Il RR di mortalità = 2 (95% CI ) Studio di popolazione: [25] Il RR = 2 (95% CI } Infezioni 1. Studio prospettivo di coorte: [36] Citomegalovirus RR = 2 (95% CI ) 1. Studio di caso controllato: [128] Clamidia IgA = OR 4.51 (95% CI ) Hepatite A RR = 1.6 (95% CI ) Herpes simplex tipo 2 RR = 1.5 (95% CI ) Presenza di markers dell infiammazione 1. Studio di caso controllato: [37] Proteina C Reattiva RR = 1.5 (95% CI ) Proteina C Reattiva e colesterolo elevato RR = 5 (95% CI ) 2. Studio prospettivo di coorte: [38] 1. Studio di caso controllato: [37,39] Nella donna un aumento di 5 volte della Proteina C Reattiva = RR of IM or ictus di 7.3 (95% CI ) Proteina C Reattiva RR = 1.15 (95% CI ) Manifestazioni cliniche Distribuzione topografica Topograficamente l AIOP si può classificare in tipo 1, localizzata alla biforcazione aorto-iliaca (5-10%); tipo 2 che interessa l aorta e le arterie iliache, ma con estensione limitata alla regione intra addominale (25%); tipo 3 con manifestazioni estese alle arterie prossimali e distali al ligamento inguinale (65%); e tipo 4, localizzata solo alle arterie tibiali (5%). Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 10

11 L AIOP tipo 1 L AIOP tipo 1 colpisce prevalentemente individui giovani di età anni con un rapporto M/F 1:1; sono fumatori severi e portatori di iperlipidemie miste. Clinicamente si presentano con quella che viene chimata la sindrome di Leriche: claudicazione di anca e coscia, impotenza (30-50%) negli uomini, ed assenza dei polsi femorali (Figure 3). Figure 3 Arteriopatia ischemica ostruttiva periferica di tipo 1 L AIOP tipo 2 e 3 L AIOP di tipo 2 e 3 si manifestano in individui di con un rapporto M/F 6:1. Sono spesso diabetici, ipertesi, con manifestazioni cerebrovascolari e cardiache a causa delle quali la loro aspettativa di vita è ridotta (Figure 4 e Figure 5). L AIOP tipo 4 L AIOP tipo 4 si trovano in forma pura quasi esclusivamente in pazienti diabetici (o con una anamnesi familiare positiva per diabete) e nei rari pazienti (giovani, e più spesso di sesso Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 11

12 maschile) con tromboangioite obliterante. Si tratta di individui di età variabile dai 50 ai 70 anni che si presentano con ulcerazioni, dolori ischemici a riposo ed infezioni (Figure 6). Figure 4 Arteriopatia ischemica ostruttiva periferica di tipo 2 Figure 5 Arteriopatia ischemica ostruttiva periferica di tipo 3 Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 12

13 Figure 6 Arteriopatia ischemica ostruttiva periferica di tipo 4 L occlusione totale dell aorta Una condizione che è necessario ricordare a parte, è l occlusione totale cronica dell aorta che sembra essere presente nel 5-10% dei pazienti con AIOP di tipo 1 (Figure 7). Questa condizione si può complicare con estensione del trombo ad una o entrambe le arterie renali causa di insufficienza renale. In questi pazienti i sintomi agli arti inferiori possono essere lievi o addirittura assenti [58] grazie allo sviluppo di collaterali, che sebbene non riescano a ricostituire i polsi femorali, sono in grado di provvedere un flusso non pulsatile abbastanza elevato da soddisfare le richieste emodinamiche periferiche.[59] Gli studi sulla storia naturale dell occlusione totale cronica dell aorta sono limitati, e le percentuali di occlusione delle arterie renali è incerta. Uno studio sull occlusioni aortiche juxtarenali (Figure 8) suggerisce il coinvolgimento di almeno un arteria renale nel 30% dei casi. E probabile tuttavia che questa stima sia troppo alta dal momento che deriva da uno studio retrospettivo di coorte che, come sappiamo, tende ad amplificare l incidenza di complicanze. [60] Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 13

14 Figure 7 Occlusione aortica totale che si estende a livello di due grosse arterie lombari che rappresentano il circolo collaterale Figure 8 Occlusione totale dell aorta juxtarenale che mostra la prossimità del fronte occlusivo con l arteria renale sinistra Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 14

15 Classificazione clinica Due classificazioni sono comunemente usate per definire le conseguenze cliniche dell AIOP, quella di Fontaine e quella di Rutherford (Tabella 3). La claudicazione può essere definita lieve se la distanza percorsa è di metri; moderata se è metri; severa se < 100 metri. Lo stadio III di Fontaine e la categoria 4 di Ruthreford sono delle forme di AIOP severa che pongono la minaccia di perdita d arto. Il dolore ischemico a riposo rappresenta una forma più avanzata d ischemia ma che non ha ancora provocato la necrosi tissutale. La perdita di tessuto minore si riferisce ad un ulcera che non guarisce, o ad una gangrena focale localizzata ad un zona limitata del piede; mentre la perdita di tessuto maggiore si riferisce ad una gangrena che si estende prossimalmente al metatarso, ed il piede non è più salvabile. [61, 62] Tabella 3 Classificazione dell arteriopatia ostruttiva periferica: stadi di Fontaine e categorie di Rutherford. [62] Fontaine Rutherford Stadio Clinical Categoria Clinical I Assenza di sintomi 0 Assenza di sintomi IIa Claudicazione lieve 1 Claudicazione lieve IIb Claudicazione moderata-severa 2 Claudicazione moderata 3 Claudicazione severa III Dolore ischemico a riposo 4 Dolore ischemico a riposo IV Ulcera o gangrena 5 Perdita di tessuto minore 6 Perdita di tessuto maggiore Adattata da Dormandy [62] Claudicazione La claudicazione viene spesso riferita come un dolore crampiforme o continuo, o semplicemente come senso di debolezza dell arto o stanchezza. I sintomi possono essere prevalentemente localizzati all anca, alla coscia, al polpaccio o al piede. Il dolore è comunque riproducibile ed in genere precipitato da un deteminato carico d esercizio, sebbene questo possa variare a seconda delle condizioni del paziente (cambiamenti della portata cardiaca), della temperatura esterna o di stati emozionali. La caratteristica costante tuttavia è che il dolore scompare prontamente con il riposo (da meno di 1 minuto a pochi minuti). Esiste una relazione, sebbene approssimativa, tra la localizzazione del sintomo e la topografia della arteriopatia ostruttiva che si puo riassumere come segue: claudicazione di anca e di coscia, malattia aortoiliaca; claudicazione della gamba (polpaccio), arteria femorale superficiale; e claudicazione di piede, arterie tibiali. Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 15

16 Claudicazione d anca e coscia La claudicazione d anca e coscia più comunemente si deve differenziare dalla claudicazione neurogenica o dall osteoartrite. In questi ultimi, tuttavia il dolore non è necessariamente correlato all esercizio e quando si manifesta richiede un tempo di gran lunga superiore per migliorare (spesso più di minuti). Nell uomo a volte si associa ad impotenza erettile. Claudicazione di polpaccio La claudicazione di gamba è la più comune e deve essere differenziata dai crampi notturni, che spesso sono presenti nei pazienti anziani, e dal dolore di gamba dei soggetti attletici. Il primo sembra essere dovuto a fattori neuromuscolari o difficoltà di drenaggio venoso, il secondo sembra essere dovuto ad un aumento di pressione dentro il compartimento della gamba in soggetti particolarmente muscolosi che si sottopongono ad allenamenti pesanti. Claudicazione di piede La claudicazione di piede in forma pura è rara ed è occasionalmente vista nei pazienti con malattia di Buerger (tromboangioite obliterante). Claudicazione atipica E da tenere presente però che la presentazione clinica della claudicazione può anche essere atipica. In uno studio su 460 pazienti di sesso maschile con arteriopatia ostruttiva nota, la claudicazione si presentava in modo classico nel 33%; non costringeva il paziente a fermarsi nel 9%; non si risolveva entro 10 minuti nel 20%; il dolore era presente con l esercizio ma anche a riposo nel 19%; il dolore non era correlato all esercizio ma in pazienti molto attivi (14%); il dolore non era correlato all esercizio ma in pazienti con limitata attività fisica (5%).[63] Nei pazienti con claudicazione atipica tuttavia i sintomi sono spesso dovuti alla coesistenza di altre patologie come la neuropatia diabetica o la stenosi spinale. Esame fisico. L esame fisico del paziente claudicante può essere perfettamente normale, particolarmente nei casi lievi in cui le stenosi sono emodinamicamente non significative a riposo e diventano tali solo con l esercizio fisico. Questo infatti causa un aumento della velocità del sangue e genera turbolenze a livello della stenosi che si associano ad una caduta pressoria distalmente alla stenosi particolarmente durante la diastole. Nella maggior parte dei casi tuttavia l esame fisico può identificare una riduzione od una assenza dei polsi periferici e la Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 16

17 presenza di soffi sui focolai di ascolatazione. Dal punto di vista della riproducibilità dei segni clinici in pazienti con AIOP, è stato visto che il classificare i polsi a seconda della loro forza e qualità fornisce dei dati non attendibili e non riproducibili.[64] E preferibile quindi definire il polso come presente od assente, dal momento che questa divisione dicotomica è associata ad una migliore riproducibilità tra diversi osservatori. La presenza od assenza dei polsi può aiutare nella definizione della localizzazione di una occlusione arteriosa. Ricordiamo infatti che un occlusione arteriosa si associa sempre (con eccezioni così rare da essere clinicamente irrilevanti) ad una assenza del polso distale alla occlusione. Il motivo è che - anche in presenza di collaterali di dimensione tale da fornire l intero flusso ematico dell arteria senza ostruzione - il flusso attraverso le collaterali è continuo e mai pulsante. Questo ci fa capire come un polso assente all arteria femorale comune, indichi un occlusione della arteria iliaca ipsilateale o dell aorta (in quest ultimo caso il polso è assente anche nella femorale contralaterale); un polso femorale presente ma con polso popliteo assente indica un occlusione dell arteria femorale superficiale; un polso popliteo presente ed un polso assente sull arteria pedidia anteriore indica un occlusione dell arteria tibile anteriore, mentre l assensa del polso pedidio posteriore indica un occlusione dell arteria tibiale posteriore. Le arterie pedidie tuttavia possono anche essere congenitamente assenti. In particolare l arteria dorsale del piede. Studi in bambini di età inferiore a 10 anni e di giovani senza arteriopatia ostruttiva di età inferiore a 19 anni, dimostrano che la pedidia anteriore è congenitmente assente nel 9-12% dei casi e la posteriore nello 0,2%.[65, 66] In presenza di stenosi aorto-iliache, l ascoltazione a livello dell arteria femorale fa riscontrare dei soffi. Questi possono manifestarsi o diventare più sonori dopo un breve esercizio come salire dei gradini o sollevarsi ripetutamente sulla punta dei piedi. Minaccia di perdita d arto Il dolore ischemico a riposo o le perdite di tessuto (ulcere e gangrene) pongono una minaccia di perdita d arto che, se persiste per più di due settimane, si definisce cronica. Dal punto di vista fisiopatologico, la minaccia di perdita d arto si determina quando la malattia è plurisegmentaria con coinvolgimento di 2 o più livelli dell albero arterioso: per esempio Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 17

18 simultaneo coinvolgimento delle arterie aorto-iliache e femorale superficiale, o arteria femorale superficiale e tibiali, od aorto-iliache e tibiali. Il rischio di perdita d arto tuttavia può presentarsi anche con occlusione ad un solo livello, ma purchè coinvolga due sistemi in parallelo: per esempio l arteria femorale superficiale e l arteria femorale profonda a livello della coscia, o più di due arterie tibiali al polpaccio. Dolore ischemico a riposo Il dolore ischemico a riposo si può manifestare solo durante la notte (meno grave) quando il paziente è in posizione orizontale o può essere presente anche di giorno (più grave). In ogni caso il dolore è prevalentemente localizzato alle dita dei piedi e all avampiede, è peggiorato dalla posizione supina e migliorato quando il paziente o l arto assumono la posizione verticale. La pressione arteriosa sistolica alla caviglia in questi casi è sotto i 40 mmhg e la pressione digitale sotto i 30 mmhg. All esame fisico, l arto del paziente con dolore ischemico a riposo si presenta pallido quando in posizione elevata, ma a volte acquista una colorazione rossobluastra (eritrocianosi) che è più accentuata se l arto è decombente (Figura 9). Le ulcere ischemiche Le ulcere ischemiche rappresentano spesso la conseguenza di traumi minori, e si localizzano sopprattutto nelle aree di pressione come i malleoli, i talloni, e le punte delle dita dei piedi; sono spesso molto dolenti ed associate ad altri sintomi e segni di insufficienza arteriosa (Figura 10). Le ulcere venose invece sono tipicamente localizzate sopra i malleoli, nelle vicinanze di vene perforanti insufficienti, e la pelle circostante è eczematosa e con iperpigmentazione emosiderinica. Figura 9 Eritrosi da decubito Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 18

19 Figura 10 Ulcere ischemiche dell arto sinistro in un paziente con una amputazione di coscia a destra La gangrena Le lesioni gangrenose sono caratterizzate da aree di colorito cianotico o francamente nere ed anestetiche. La gangrena si chiama secca quando si riferisce a delle aree con pelle secca che si demarca facilmente dal tessuto circostante ancora vitale (Figura 11). Quando esiste una demarcazione netta limitata alla parte distale delle dita, si può lasciare che la gangrena si autoamputi. Questo processo, tuttavia è spesso molto lungo e può non essere tollerato dal paziente a causa del dolore associato o della condizione emotiva che provoca. La rivascolarizzazione prossimale ed una concomitante amputazione minore, può risolvere il problema in modo più rapido. La gangrena umida è spessa associata ad edema, formazione di bolle cutanee e spesso rappresenta un emergenza chirurgica, particolarmente nei diabetici Figura 11 Lesioni gangrenose minori Arteriopatia Ostruttiva CS Cinà 19

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

RISCHIO CARDIOVASCOLARE

RISCHIO CARDIOVASCOLARE AZIENDA SANITARIA LOCALE LANCIANO VASTO - CHIETI CORSO DI AGGIORNAMENTO AZIENDALE PER MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013 RISCHIO CARDIOVASCOLARE A cura di Docente MMG: dr.ssa Stefania Plessi Docente

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S

Il trattamento. endovascolare degli. aneurismi dell'aorta. addominale. Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Il trattamento endovascolare degli aneurismi dell'aorta addominale Informazioni per il paziente A A A E N D O P R O S T H E S I S Indice Introduzione 1 Che cos'è un aneurisma dell aorta addominale (AAA)?

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

INFARTO SENZA FATTORI DI RISCHIO: UN ASSOCIAZIONE TUTT ALTRO CHE RARA

INFARTO SENZA FATTORI DI RISCHIO: UN ASSOCIAZIONE TUTT ALTRO CHE RARA Rel. 22/2011 28-01-2011 8:09 Pagina 195 INFARTO SENZA FATTORI DI RISCHIO: UN ASSOCIAZIONE TUTT ALTRO CHE RARA G. Di Pasquale, G. V. Coutsoumbas, L. Riva, D. Calabrese, S. Zagnoni, A. C. Musuraca, P. C.

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli