Qualità igiene e sicurezza nella filiera ittica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità igiene e sicurezza nella filiera ittica"

Transcript

1 Corso Perfezionamento in igiene degli alimenti:progettazione, realizzazione e verifica per costruire alimenti sicuri Qualità igiene e sicurezza nella filiera ittica Alfredo Mengoli Arezzo CSA - 13 Aprile 2013

2 Prodotti ittici sfusi alla vendita

3 Banco pesce mercato rionale supermercato

4

5 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ITTICI NORMATIVA GENERALE NAZIONALE Dlvo 109/92 << Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari>> e successive modifiche e chiarimenti: DPCM n. 175 del 6/02/96 DPCM n. 311 del 28/07/97 Dlvo n. 68/2000 Dlvo n. 259/2000 Dlvo n. 77/1993 (Etichettat. nutrizionale) mod da ultimo da DM 18/03/2009 Circ. n. 165 del 31/03/2000 Dlvo 181/2003 (attuaz. Dir. 2000/13/CE, modificata da Dir. 2001/101/CE) Circ. 10/11/03 n. 168 Circ. 25/03/04 n. 168; Circ. n 169 del 15/10/04 e Circ. 1/12/04. Dlvo 8 febbraio 2006, n. 114 (su sost. Allergizzanti) D.L luglio 2007 (TMC o D.Scad. facilm. Visibili, in campo visivo facile individuazione per cons.) DLvo n. 178/2007 (indicaz. Ingred. non è richiesta nel caso di formaggi, burro, latte e creme di latte fermentati, se utilizzati come prodotti finiti)

6 Circ. MINS VEC n DLvo 109/92 Indicazioni allergeni alimentari in etichetta Nota MIPAF n Etichettatura dei prodotti biologici Nota Min PAF n Disposizoni transitorie etichettatura dei prodotti biologici Reg 834/2007 e Reg. 889/2008. Legge 3/02/2011 n. 4 Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari. Circ Min Ind. 23/02/1993 n. 3303/C Competenza ad irrogare le sanzioni amministrative concernenti le violazioni delle norme Dlvo 109/92 che dà attuazione delle direttive 89/395 CEE e 89/396 CEE riguardanti etichettatura presentazione e pubblicità dei prod alimentari. Circ Min Ind. 27/04/1993 n. 140 Dlvo 109. Etichettatura prod alimentari. Sentenza n. 40/91 della Corte Costituzionale. Circolare Min San n. 27 Dlvo 109/92 concernente etichettatura e pubblicità prod alimentari e Dlvo 123/93 concernente il controllo uff. prod alimentari. Nota Min Ind prot del 19/02/1998 Indicazioni termine minimo di conservazione. Circolare Min Ind, Comm e Art. n. 165 del 31/03/2000 Linee guida relative al principio della dichiarazione della quantità degli ingredienti (art 8 Dlvo 109/92), nonché ulteriori informazioni per la corretta applicazione delle disposizioni riguardanti l etichettatura dei prodotti alimentari. Circolare Min Ind Comm e Art. 12 marzo 2001 n. 166 Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari Nota Min. Politiche Agricole e Forestali n del 21/12/2001.<<Regolamento 2065/01 Informazione ai consumatori Rettifica del testo in lingua.>> ( metodo di produzione)

7 Circolare Min Att Prod. 10/11/03 n. 168 Etichettatura presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari. Circolare Min Att Produtt. 25/03/04 n. 168; - Etichettatura presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari. Testo coordinato D-L 24 guigno 2004, n Testo del D-L 24 giugno 2004, n. 157 coordinato con la legge di conversione 3/08/2004 n. 204 recante Disposizioni urgenti per l etichettatura di alcuni prodotti agroalimentari, nonché in materia di agricoltura e pesca Circolare Att Prod n 169 del 15/10/04 - Etichettatura dei prodotti alimentari DL 24/06/2004 n. 157, convertito con modificazioni nella Legge 3/08/2004 n. 204 Circolare Min Pol Agric. 1/12/04. Applicazione L. 3/08/2004 n. 204, recante disposizioni x l etichettatura di alcuni prod. agroalimentari, nonché in materia di agricoltura e pesca. Testo coordinato del D-L n. 7 coordinato con la legge di conversione n. 40 recante Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese, la valorizzazione dell istruzione tecnico-professionale e la rottamazione di autoveicoli (relativo data di scadenza)

8 Nota Min Sal prot /I.6.b/9824 del 31 luglio 2007 Regolamento CE relativo a indicazioni nutrizionali e sulla salute, fornite sui prodotti alimentari. Nota Min PAF n del 24/12/2008 Disposizoni transitorie etichettatura dei prodotti biologici Reg 834/2007 e Reg. 889/2008. Nota Min Sal 21555/P del 16/07/2008 Reg 1924/2006 relativo alle indicazioni nutrizionali sulla salute fornite sui prodotti alimentari Nota MIPAF n del 6/08/2009 Etichettatura dei prodotti biologici Circolare Min Sal 5/11/2009 Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prod. destinati a una alimentazione particolare e alimenti addizionati di vitamine e minerali. Criteri di composizione e di etichettatura di alcune categorie dio prodotti destinati a una alimentazione particolare. Circ. MINS VEC n del 22/07/2010 DLvo 109/92 Indicazioni allergeni alimentari in etichetta Nota Min Sal 729/P del 12/01/2010 Leggibilità data di scadenza riportata sui medicinali e generi alimentari.

9 NORMATIVA SPECIALE Regolamento CE 104/2000 relativo all organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura; Regolamento CE 2065/2001 che stabilisce modalità di applicazione del Reg. CE 104/2000 per quanto concerne l informazione dei consumatori nel settore dei prodotti della pesca e acquicoltura; Nota Min. Politiche Agricole e Forestali n del 21/12/2001.<<Regolamento 2065/01 Informazione ai consumatori Rettifica del testo in lingua.>> ( metodo di produzione) DM 27/03/2002. <<Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo.>> modificato nell allegato A da ultimo da: DM 31/01/2008. <<Modifiche ed integrazioni all elenco delle denominazione commerciali dei prodotti ittici, allegato al DM 27/03/2002 >> a sua volta modificato da: DM 05/03/2010 e DM 23/12/2010 DM 12/08/2011 DM 19/11/2012 Circolare 27/05/2002 n << Reg. 2065/2001 recante applicazione al Reg. 104/2000 relativamente all informazione ai consumatori nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura. DM 27/03/2002>>; (zona di cattura miscugli)

10 Recenti acquisizioni in termini di etichettatura - Normativa CE - PCP Reg CE n 1224/2009 del 20 novembre 2009 che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della PCP, che modifica i Reg CE 847/96, 2371/2002, 811/2004, 768/2005, 2115/2005, 2166/2005, 388/2006, 509/2007, 676/2007, 1098/2007, 1300/2008, 1342/2008, e che abroga i Reg CEE 2847/93, 1627/94, e 1966/2006. Reg CE 404/2011 del 8 aprile 2011 recante modalità di applicazione del Reg CE 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della PCP Recenti acquisizioni in termini di commercializzazione - Normativa italiana DM 10 Novembre 2011 finalizzato a dare attuazione alle disposizioni di cui al Titolo V del Reg CE 1224/2009 e al Titolo IV del Reg UE 404/2011 inerenti agli adempimenti connessi agli obblighi di tracciabilità e registrazione, nonché agli adempimenti previsti a carico degli operatori responsabili dell acquisto, vendita, magazzinaggio o trasporto di partite di prodotti della pesca. D. Direttoriale 28 Dicembre 2011 n Procedure e modalità attuative degli adempimenti connessi alle disposizioni del DM 10/11/2011 relativamente al controllo della commercializzazione dei prodotti ittici ai sensi del Reg CE 1224/09. A sua volta modificato da: DM 29 maggio Modifiche e integrazioni al DM 28/12/2011 n. 155, recante procedure e modalità attuative degli adempimenti connessi alle disposizioni del DM 10/11/2011 relativamente al controllo della commercializzazione dei prodotti ittici ai sensi del Reg CE 1224/09.

11 Reg CE 404/2011: Commercializzazione e tracciabilità Articolo 68 - Informazioni fornite al consumatore 1.Gli Stati membri provvedono affinché le informazioni di cui all'articolo 58, paragrafo 6, del regolamento sul controllo riguardanti la denominazione commerciale, il nome scientifico della specie, la zona di cattura di cui all'articolo 5 del regolamento(ce) n. 2065/2001 e il metodo di produzione siano indicate sull'etichetta o su un marchio adeguato dei prodotti ittici venduti al dettaglio, inclusi i prodotti importati. 2. In deroga al paragrafo 1, il nome scientifico della specie può essere fornito ai consumatori dai commercianti al dettaglio tramite informazioni commerciali come cartelloni pubblicitari o poster. 3. Nel caso in cui un prodotto ittico sia stato precedentemente congelato, il termine «scongelato» è altresì indicato sull'etichetta o sul marchio adeguato di cui al paragrafo 1. Si considera che l'assenza di tale dicitura a livello della vendita al dettaglio indichi che i prodotti ittici non sono stati precedentemente congelati e quindi scongelati.

12 4. In deroga al paragrafo 3, il termine «scongelato» non deve figurare: a) sui prodotti della pesca e dell'acquacoltura precedentemente congelati per ragioni di sicurezza sanitaria, conformemente all'allegato III, sezione VIII, del regolamento (CE) n. 853/2004; e b) sui prodotti della pesca e dell'acquacoltura che sono stati scongelati prima di essere sottoposti ad affumicatura, salatura, cottura, marinatura, essiccatura o ad una combinazione di questi processi. 5. Il presente articolo non si applica ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura di cui alle voci tariffarie 1604 e 1605 della nomenclatura combinata. 6. I prodotti della pesca e dell'acquacoltura e gli imballaggi etichettati o contrassegnati con un marchio precedentemente all'entrata in vigore del presente articolo che non sono conformi all'articolo 58, paragrafo 5, lettera g), con riguardo al nome scientifico e lettera h) del regolamento sul controllo e di cui ai paragrafi 1, 2 e 3 del presente articolo possono essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte.

13 Campo di applicazione DM 27/3/2002 (Reg. CE n. 2065/2001)..i prodotti che figurano negli elenchi dei codici del Cap. 3 della N.C., presentati nei diversi stati previsti...il fatto che siano stati decapitati, tagliati a pezzi o in filetti non li esclude dal campo di applicazione. Pesci, crostacei, molluschi, vivi, freschi, refrigerati, congelati, surgelati, decapitati, sgusciati, tagliati in pezzi o in filetti oppure triturati, secchi, salati, in salamoia, affumicati, anche preventivamente precotti, in polvere, in farina o in pellets, atti all alimentazione umana. Destinati alla vendita al dettaglio al consumatore finale nella CE (anche se importati da Paesi Terzi) Ad ogni stadio della commercializzazione e comunque in fase precedente alla vendita al consumatore Sfusi o Preconfezionati. Denominazione commerciale e scientifica (R. CE n. 1224/10 e R. CE n. 404/11) Metodo di produzione Zona di cattura mediante una indicazione o una etichetta che accompagna il prodotto. Per i prodotti preincartati le informazioni possono essere inserite in un cartello apposto al comparto. Sfusi o preconfezionati Denominazione commerciale e scientifica Metodo di produzione Zona di cattura mediante o etichettatura o su imballaggio o sui documenti di accompagnamento (Bolla compresa la fattura)

14 Banco pescivendolo

15

16

17

18 VENDITA AL DETTAGLIO DEI PRODOTTI ITTICI DENOMINAZIONE COMMERCIALE E SCIENTIFICA Allegato DM 31/01/2008- Liste provvisorie (DM 27/03/2002) METODO DI PRODUZIONE (Nota MPAF n e Nota Min San n ) Pescato /NO catturati in mare in luogo di Prodotto della pesca Pescato in acque dolci in luogo di Prodotto della pesca in acque dolci Allevato in luogo di Prodotto di acquacoltura ZONA di CATTURA A. Per i prodotti pescati in mare (vendita) ( precedente la vendita o vendita se riporta a Cartello FAO*) Oceano Atlantico nord-occidentale Zona FAO n. 21 * Atlantico nord-orientale e Mar Baltico Zona FAO n. 27 * Oceano Atlantico centro-occidentale Zona FAO n. 31 * Oceano Atlantico centro-orientale Zona FAO n. 34 * Oceano Atlantico sud-occidentale Zona FAO n. 41 * Oceano Atlantico sud- orientale Zona FAO n. 47 * Mar Mediterraneo e Mar Nero FAO 37.1; 37.2; * Oceano Indiano Zona FAO n. 51 e 57 * Oceano Pacifico FAO n. 61, 67, 71, 77, 81, 87 * Oceano Antartico Zona FAO n. 48, 58, 88. Possibilità di indicare una zona di cattura più dettagliata (es nella Z. FAO n.37 Mar Adriatico) B. Per i prodotti pescati in acque dolci Paese M. o Terzo C. Per i prodotti di allevamento - Paese Membro o Terzo / Più Paesi Mem. o Terzi

19

20

21 Classi - Evoluzione numero di specie ufficialmente riconosciute nell ordinamento nazionale DM 15 luglio 1983 Succ modif. al DM 15/7/1983 (DM 4/8/2000) DM 27/03/2002 e succ. modif. DM 14/01/05 DM DM 25/07 31/01 /2005 /2008 Crostacei Echinodermi Bivalvi Gasteropodi Cefalopodi Pesci Teleostei Pesci Selaci ( 4 razze in + poi tolte) Prod. Conser Totale Differenza

22 Aggiornamenti al DM 31/01/2008 DM DM 31/01/2008 5/03/2010 DM 23/12/2010 DM 12/08/2011 Crostacei Echinodermi Bivalvi Gasteropodi Cefalopodi Pesci Teleostei Selaci Prod conservati Altri Totale Differenza

23 Aggiornamenti al DM 31/01/2008 DM DM 31/01/2008 5/03/2010 DM 23/12/2010 DM 12/08/2011 Crostacei Echinodermi Bivalvi Gasteropodi Cefalopodi Pesci Teleostei Selaci Prod conservati Altri Totale Differenza

24 Nome lingua italiana Famiglia Genere + Specie (spp) PESCI Mezzobecco Emiramphidae Hyporamphus spp Pesce specchio Trachichthydae Hoplostetus spp Labeo Cyprinidae Labeo spp Pesce ghiaccio Salangidae Neosalanx spp Pesce ghiaccio Salangidae Protosalanx spp Drepana Drepaneidae Drepane spp Grugnolo Haemulidae Pomadasys spp Pesce imperatore Lethrinidae Lethrinus spp Persico spigola Moronidae Morone spp Triglia orientale Mullidae Parapeneus spp Triglia tropicale Mullidae Upeneus spp Nemiptero Nemipteridae Nemipterus spp Scolopero Nemipteridae Scolopsis spp Morato Pinguipedidae Pinguipes spp Catalufa Priacanthidae Priacanthus spp Pesce pappagallo Scaridae Hipposcarus spp Pesce pappagallo Scaridae Scarus spp Lingua o Cinoglosso Cynoglossidae Cynoglossus spp Rombolino Psettodidae Psettodes spp Sogliola oceanica Soleidae Synaptura spp Sigano Siganidae Siganus spp Oreo Oreosomatidae Allocyttus spp Oreo Oreosomatidae Neocyttus spp Oreo Oreosomatidae Pseudocyttus spp Zeo Zeidae Cyttus spp MOLLUSCHI Scrigno di venere Arcidae Scapharca spp Cuore Cardiidae Acanthocardia spp Cuore Cardiidae Cerastoderma spp (o Cardium spp) CROSTACEI Granchio reale Lithodidae Lithodes spp Granchio reale Lithodidae Paralithodes spp Aragosta australe Palinuridae Jasus spp Aragosta indopacifica Palinuridae Linuparus spp Aragosta tropicale Palinuridae Panulirus spp Aragostella indopacifica Palinuridae Puerulus spp Gobetto Pandalidae Plesionika spp Granchio Portunidae Portunus spp

25 REG. (CE) n. 104/2000 del Consiglio del 17 dicembre 1999 relativo all organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura: Nelle premesse: nel caso dei prodotti della pesca commercializzati allo stato fresco o refrigerato, la maggiore diversificazione dell offerta impone di fornire ai consumatori un minimo di informazioni sulle caratteristiche principali dei prodotti: a tale scopo spetta agli stati membri stabilire, per i prodotti in questione, l elenco delle denominazioni commerciali autorizzate sul proprio territorio articolo 4, comma 2: gli stati membri stabiliscono e pubblicano l elenco delle denominazioni commerciali autorizzate sul loro territorio. Tale elenco indica, per ciascuna specie, il nome scientifico, la denominazione nella lingua ufficiale, nonché, se del caso, una o più denominazioni ammesse o tollerate a livello locale o regionale articolo 4, comma 3: gli stati membri notificano alla commissione l elenco delle denominazioni commerciali di cui al paragrafo 2

26 REG. (CE) n. 2065/2001 della Commissione del 22 ottobre 2001 che stabilisce le modalità d applicazione del regolamento (CE) n.104/2000 del Consiglio per quanto concerne l informazione dei consumatori nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura: prevede che una specie che non figura nell elenco delle denominazioni commerciali autorizzate da uno stato membro può essere commercializzata con una denominazione commerciale provvisoria stabilita dall autorità competente dello stato membro

27 Decreto ministeriale 27 marzo 2002 etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo - E approvato l elenco delle denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale - È previsto che l autorità sanitaria di controllo provvede a stabilire la denominazione provvisoria in caso di commercializzazione di specie non incluse nell elenco di cui al comma precedente, dandone comunicazione al Ministero delle politiche agricole e forestali

28 D.Lgs. 26 maggio 2004, n. 154 Modernizzazione del settore della pesca e dell'acquacoltura, a norma dell'articolo 1, comma 2, della L. 7 marzo 2003, n. 38. Articolo 3 commissione consultiva centrale per la pesca e l acquacoltura - ne definisce la composizione - prevede che la commissione è chiamata a dare pareri sui decreti del Ministro delle politiche agricole e forestali finalizzati alla tutela e gestione delle risorse ittiche ed in relazione ad ogni argomento per il quale il presidente ne ravvisi l opportunità

29 Denominazioni provvisorie DM 27/03/2002 l Autorità sanitaria di controllo provvede a stabilire la denominazione provvisoria in caso di commercializzazione di specie non incluse nel DM e provvede a darne comunicazione al Ministero delle Politiche agricole e forestali Il Ministero ha poi 5 mesi di tempo per valutare la scientificità della denominazione proposta, avvalendosi di suoi esperti (Commissione di lavoro sulle denominazioni) e di inserirla nel DM con un proprio decreto. Dlvo n. 154/ istituisce la Commissione consultiva centrale sulla pesca e acquacoltura (chiamata a dare pareri sui decreti emessi dal Ministro Politiche Agricole) nell ambito di questa è istituito un Gruppo di lavoro sulle denominazioni commerciali dei prod. Ittici (in cui sono presenti varie professionalità e rappresentanti del mondo produttivo e commerciale, ma non c è un veterinario) istituita nel 2004.

30 Gruppo di lavoro sulle denominazioni commerciali dei prod. Ittici Possiede autonomia organizzativa e istruttoria Predispone l elenco delle denominazioni delle specie ittiche di interesse commerciale loro denominazioni, loro integrazioni e formula altre proposte Trasmette il tutto al competente Ufficio PEMAC II che provvede alla stesura di un decreto ministeriale Si riunisce 2 volte l anno spesso in più sedute Esamina tutte le segnalazioni relative a denominazioni provvisorie, richieste di imprese e privati circa nuove denominazioni da inserire, segnalazioni di rettifiche o modifiche

31 Criteri nella designazione di una denominazione Nome/i comunemente utilizzato/i Aggettivo relativo a evidente carattere morfologico o cromatico Aggettivo identificativo della provenienza geografica (areale di distribuzione della specie)- nessun aggettivo se trattasi di specie che si pesca in Mediterraneo e in altre zone di pesca (es: sepia officinalis un tempo chiamata seppia mediterranea ma si pesca anche in Atlantico. Per cui oggi viene denominata solo seppia ) Massima semplificazione consentita, sia per i nomi che per gli aggettivi di distribuzione geografica (raggruppamento in macroareali es. Pacifico, nord -Atlantico.. Tropicale..) compatibile con le differenze di carattere morfologico e/o di qualità e delle caratteristiche organolettiche

32 Commissioni regionali per denominazioni provvisorie Regione Veneto Arcangeli + gruppo regionale Elenco nuove proposte avanzate come Regione Veneto, vengono pubblicate nel sito del servizio veterinario Regione veneto Regione Emilia-romagna Mengoli + gruppo regionale Nuove proposte avanzate al Ministero come Regione E-R, vengono pubblicate sul sito internet dell ASL di Bologna spazio prodotti ittici Altre Regioni? Progetto futuro di lavorare in piena collaborazione, formando una rete la più nazionale possibile di interessati e collaboratori, presi dal mondo scientifico e dalle istituzioni adibite ai controlli, in mondo da rendere noto a tutti che è stata fatta una proposta di denominazione, predisponendo un sito corredato anche di relative immagini, affinchè non si verifichi che altri possano chiamare una stesso pesce pescato o individuato da un altra parte con un nome diverso.

33 Limiti delle nostre Denominazioni Per le denominazioni ufficiali è una normativa solo nazionale, a cui si devono adeguare i prodotti importati, sarebbe stata meglio applicabile dato che oggi il pesce commercializzato i Italia è per più del 35% di importazione, che si fosse individuata un elenco a livello europeo o ancora meglio a livello internazionale in vigore in tutti i Paesi terzi Per le denominazioni provvisorie, il limite è che trattasi di proposte regionali per cui sono valide all interno del territorio regionale ma diventerebbero valide sul territorio nazionale solo dopo l ufficializzazione del Ministero. Le ditte però commercializzano anche fuori Regione e hanno dei doveri di rintracciabilità, quindi hanno bisogno di dare una denominazione ai nuovi prodotti che commercializzano. Calcolando che la procedura di denominazione provvisoria è stata consentita dallo stesso Ministero, si può dire che si ritengono valide le proposte regionali fino ad attribuzione definitiva Ministeriale. Per questo occorrerebbe mettere in piedi un sistema di comunicazione più articolato.

34 Errori presenti nel decreto

35 Sinonimi

36 Nasello o merluzzo australe Indicate nel decreto come 2 specie distinte: Merluccius australis - Nasello o merluzzo australe M. polylepis - Nasello o merluzzo australe mentre per la FAO sono sinonimi della stessa specie (posizione condivisa anche da altri AA )

37 Cernia (E. marginatus) Un tempo la cernia era indicata nel decreto 25/07/2005 come Epinephelus guaza Con l emanazione del DM 31/01/2008 (che ha sostituito il D. 25/07/2005) è stata sostituita dalla denominazione scientifica di Epinephelus marginatus, ritenuta cmq sinonimo sia dalla FAO che da altri Autori. Viene comq ancora molto utilizzata soprattutto nei prodotti importati la denominazione scientifica E. guaza

38 Sono indicate nel decreto come 2 specie distinte: Spicara maena - Menola e S. flexosa Menola Anche altri AA le indicano come specie distinte (manzoni) Menola Sono invece ritenuti 2 sinonimi della stessa specie dalla FAO Analogamente altri AA (es Costa) ritiene S. flexuosa solo una variante della specie S. maena, dipendente esclusivamente dall habitat in cui vive e dalla diversa profondità

39 Calamaro atlantico Nel decreto sono indicate come 2 specie distinte Loligo patagonica: calamaro patagonico e Loligo gahi: calamaro atlantico mentre per la FAO e per altri Autori (es. Manzoni) sono considerati sinonimo della stessa specie

40 Denominazioni che recano danno commerciale

41 Appare nel decreto con la denominazione scientifica di come Hinia reticulata. La denominazione in lingua italiana italiana di falso lumachino era già stata formulata col vecchio DM 14/01/2005. Nelle successive edizioni del decreto il Ministero ha sempre riproposto il nome falso lumachino Falso lumachino Riproposto con la denominazione scientifica del sinonimo Nassarius reticulata con il DM 5/03/2010 Visto che se ne pesca di più che del Nassarius mutabilis (lumachino) la Coop Mare di Cattolica, ha emesso un Progetto di valorizzazione dell Hinia reticulata nel settembre 2008, in cui se ne proponeva il cambio di denominazione commerciale in Lumachino lungo dato che l attribuzione di falso lumachino lo rende più difficilmente commercializzabile

42 Denominazioni che recano erronea indicazione dell areale di pesca

43 Pesce topo pelagico (coilia nasus) Non è pelagico, vive nell indopacifico, sotto costa di Cina, Giappone e Korea. Capace di risalire anche per 1000 km il fiume Yangtze (Cina).

44 Aguglia imperiale (Tetrapturus belone) Essendo localizzato nel solo Mediterraneo si potrebbe anche usare il solo termine mediterraneo al posto di imperiale che evoca forse spazialità maggiori che non ci sono Marlin - Tetrapturus Albidus, ha come areale sia Atlantico che Mediterraneo

45 Triglia atlantica (Pseudopeneus Indicata nel decreto come Triglia atlantica è in realtà segnalato anche in Mediterraneo lungo le coste spagnole. prayensis)

46 Polpo atlantico octopus dollfusi Nel decreto è indicato come atlantico, ma in realtà il suo bacino di pesca è in tutt altra parte. La FAO indica come sua distribuzione è indopacifica (Western Pacific: China to Vietnam )

47 Ombrina atlantica Umbrina canariensis Citata nel decreto come Ombrina Atlantica, in realtà si trova anche in Mediterraneo e Oceano Indiano In diagnosi differenziale l Ombrina (Umbrina cirrhosa) è diffusa in Mediterraneo e anche nell atlantico orientale, a giustificazione del nome.

48 Cernia atlantica Acanthistius brasilianus Indicata nel Decreto come Cernia atlantica ma vive si in atlantico, ma prevalentemente nella parte sud ovest dell Atlantico: coste brasiliane, dell uruguay e prevalentemente argentine (quindi sarebbe più indicato scrivere argentino, invece che atlantico)

49 Engraulis japonicus Acciuga giapponese E indicato come giapponese nel decreto, ma in realtà si trova anche in gran parte nelle coste cinesi e in minima parte su quelle russe. Distribution Western Pacific: southern Sakhalin Islands, Sea of Japan and Pacific coasts of Japan, and south to almost Canton/Taiwan; rare records (seems to represent stray fishes) off the coasts of Luzon and Western Mindanao, Philippines and from Manado and Ujung Pandang, Sulawesi, Indonesia

50 la norma speciale si integra sempre con la norma generale. Norma generale etichettatura Dlvo 109/92 e succ mod Norma speciale Normativa generale sanitaria e sicurezza alimentare etichettatura DM 27/03/2002 Reg CE 178 e Reg 853

51 Art 16 Dlvo 109/92 e succ mod Prodotti sfusi o preconfezionati da vendere previo frazionamento o confezionati sui luoghi di vendita a richiesta dell acquirente o preconfezionati ai fini della vendita immediata (preincarti ) - Cartello applicato al recipiente o applicato al comparti con: Denominazione di vendita (+zona produzione +zona cattura) Ingredienti (es filetto impanato) Modalità di conservazione % di Glassatura, (considerata tara, per i prodotti congelati glassati. Il peso deve essere al netto della glassatura = o peso netto sgocciolato, altrimenti è frode per vendita di ghiaccio al costo di pesce) Prodotti sfusi nelle fasi precedenti la vendita al consumatore - Anche soltanto sul documento commerciale di accompagnamento: Denominazione di vendita Ingredienti Nome, rag. sociale o marchio e sede produttore,confez o venditore nella CE Lotto

52 Preparazioni di pesce - vendita al minuto Preparati freschi in preincarto pronti da cuocere (prodotti nel supermercato locale) per una vendita immediata e per essere cotti e consumati in breve tempo Preparati freschi e venduti sfusi dal pescivendolo per una vendita immediata e per essere cotti e consumati in giornata Cotolette (filetto impanato)- Ingred: uova, farina grano 0, pane e formag. grattugiato) Spiedini, involtini di pesce

53 Cotoletta di filetti di trota

54 Ingredienti e additivi

55 PRINCIPALI CATEGORIE di ADDITIVI nei prodotti ittici 4-Esilresorcinolo (E 586) Antimicrobici organici e inorganici

56 Additivi non consentiti Trattamenti illeciti Additivi consentiti ma utilizzati in concentrazioni superiori ai limiti di legge Non dichiarati in etichetta Coloranti ammessi in altri paesi extra CE ma vietati da noi es monossido di carbonio Additivi usati per alterare la percezione di freschezza e mascherare il reale stato del prodotto es solfiti Additivi per aumentare la ritenzione di acqua nei tessuti es polifisfati Sbiancanti es acqua ossigenata

57 Gli additivi consentiti dalla normativa situazione attuale Codificati mediante la siglatura E = europa Elenco da E 100 a E 1525 fra additivi e supporti per additivi o a funzione solo coadiuvante. Sono comunque solo circa 350 gli Additivi veri e propri di uso più comune, attualmente impiegati negli alimenti e indicati nelle etichette. Di questi: 77 - sono considerati innocui per la nostra salute gli studi scientifici sono contradditori o in alcuni casi si sono dimostrati alcuni rischi, quindi il loro utilizzo va valutato con attenzione 169 Studi scientifici ne hanno provato che sono dannosi alla nostra salute e il cui utilizzo va evitato o andrebbero vietati. Su questo ultimo aspetto si inserisce lo spirito del Reg 1333/2008, col presupposto di rivedere tutto le molecole utilizzate e ri-regolamentarne l utilizzo. La piena attuazione di questo regolamento deve infatti registrare ancora alcuni passaggi fondamentali.

58 169 Additivi attualmente impiegati e consentiti che in realtà studi scientifici ne hanno evidenziato la dannosità, quindi da evitare Coloranti sintetici: da E 102 a E 133, E 142, E151, E 154, E155, E161g, Coloranti minerali - da E173 a E 180 Conservanti (sorbati, benzoati e solfiti).da E 200 a E 233 Conservanti chimici e sintetici (fra cui nitrati-nitriti): da E 235 a E 252. Conservanti sintetici (borati) E284, E285 Antiossidanti sintetici (Gallati, BHA, EDTA..): E310, E 311, E 312, E 320, E321, E 380, E 385. Addensanti gelificanti (agar agar, carragenina): E405,E 406, E 407. Altri Addensanti, gelificanti e emulsionanti, stabilizzantida E 425 a E 436), polifosfati (da E450 a E 452), derivati della cellulosa (da E 460 a E 469) Vari Ag. rivestimento, trattanti le farine, emulsionanti, antischiumogeni, gelificanti, antiossianti e agenti di supporto: (da E 471, a E 474), E477, E 479g, da E 491 a E 496) Supporti coadiuvanti, anche antiossidanti o correttori di acidità: clorurati (da E 507 a E 510), solfati ( da E517 a E 523) fosfati e polifofosfati (da E 541a E 545) silicati (da E 552 a E 556) Esaltatori di sapidità (glutammati) da E 620 a E 640 Ag di rivestimento e trattanti di superfice (cere) da E905 a E 927a Edulcoranti (acesulfame, aspartame, saccarina) (vari da da E 950 a E 955).vari altri.

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Si ringraziano: Daniela Rende, Lorenzo Pellegrino, Katya Gaudio per la collaborazione tecnica

Si ringraziano: Daniela Rende, Lorenzo Pellegrino, Katya Gaudio per la collaborazione tecnica Questa pubblicazione è frutto della collaborazione di un gruppo di esperti del CRA (Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura): dott. Stefano Delbono dott. Andrea Ghiselli dott.ssa Roberta

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

EcctJ perché mang1 pesce sicurtj

EcctJ perché mang1 pesce sicurtj EcctJ perché mang1 pesce sicurtj ~). MINISTERO DELLA SALUTE ~ Viale Giorgio Ribatta 5-00144 Roma, ltaly.j!il"'"'.,t,«; ~,t::"' T el. +39 06 5994.1 - email: urpminsalute@sanita.it ISTITUTO ZOOPROFILATTICO

Dettagli

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone spiedini di mazzancolle tropicali impanate 4x1 kg Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate 8001179011424 280 x 130 x 390 270 x 190 x 50 spiedini di calamari e mazzancolle

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Guida alle etichette dei prodotti. www.comune.monfalcone.go.it. SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio

Guida alle etichette dei prodotti. www.comune.monfalcone.go.it. SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio COMUNE DI MONFALCONE Assessorato al Commercio SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE - SICUREZZA Ufficio Commercio Guida alle etichette dei prodotti 1 www.comune.monfalcone.go.it GUIDA ALLE ETICHETTE DEI PRODOTTI

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli