Qualità igiene e sicurezza nella filiera ittica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità igiene e sicurezza nella filiera ittica"

Transcript

1 Corso Perfezionamento in igiene degli alimenti:progettazione, realizzazione e verifica per costruire alimenti sicuri Qualità igiene e sicurezza nella filiera ittica Alfredo Mengoli Arezzo CSA - 13 Aprile 2013

2 Prodotti ittici sfusi alla vendita

3 Banco pesce mercato rionale supermercato

4

5 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ITTICI NORMATIVA GENERALE NAZIONALE Dlvo 109/92 << Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari>> e successive modifiche e chiarimenti: DPCM n. 175 del 6/02/96 DPCM n. 311 del 28/07/97 Dlvo n. 68/2000 Dlvo n. 259/2000 Dlvo n. 77/1993 (Etichettat. nutrizionale) mod da ultimo da DM 18/03/2009 Circ. n. 165 del 31/03/2000 Dlvo 181/2003 (attuaz. Dir. 2000/13/CE, modificata da Dir. 2001/101/CE) Circ. 10/11/03 n. 168 Circ. 25/03/04 n. 168; Circ. n 169 del 15/10/04 e Circ. 1/12/04. Dlvo 8 febbraio 2006, n. 114 (su sost. Allergizzanti) D.L luglio 2007 (TMC o D.Scad. facilm. Visibili, in campo visivo facile individuazione per cons.) DLvo n. 178/2007 (indicaz. Ingred. non è richiesta nel caso di formaggi, burro, latte e creme di latte fermentati, se utilizzati come prodotti finiti)

6 Circ. MINS VEC n DLvo 109/92 Indicazioni allergeni alimentari in etichetta Nota MIPAF n Etichettatura dei prodotti biologici Nota Min PAF n Disposizoni transitorie etichettatura dei prodotti biologici Reg 834/2007 e Reg. 889/2008. Legge 3/02/2011 n. 4 Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari. Circ Min Ind. 23/02/1993 n. 3303/C Competenza ad irrogare le sanzioni amministrative concernenti le violazioni delle norme Dlvo 109/92 che dà attuazione delle direttive 89/395 CEE e 89/396 CEE riguardanti etichettatura presentazione e pubblicità dei prod alimentari. Circ Min Ind. 27/04/1993 n. 140 Dlvo 109. Etichettatura prod alimentari. Sentenza n. 40/91 della Corte Costituzionale. Circolare Min San n. 27 Dlvo 109/92 concernente etichettatura e pubblicità prod alimentari e Dlvo 123/93 concernente il controllo uff. prod alimentari. Nota Min Ind prot del 19/02/1998 Indicazioni termine minimo di conservazione. Circolare Min Ind, Comm e Art. n. 165 del 31/03/2000 Linee guida relative al principio della dichiarazione della quantità degli ingredienti (art 8 Dlvo 109/92), nonché ulteriori informazioni per la corretta applicazione delle disposizioni riguardanti l etichettatura dei prodotti alimentari. Circolare Min Ind Comm e Art. 12 marzo 2001 n. 166 Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari Nota Min. Politiche Agricole e Forestali n del 21/12/2001.<<Regolamento 2065/01 Informazione ai consumatori Rettifica del testo in lingua.>> ( metodo di produzione)

7 Circolare Min Att Prod. 10/11/03 n. 168 Etichettatura presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari. Circolare Min Att Produtt. 25/03/04 n. 168; - Etichettatura presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari. Testo coordinato D-L 24 guigno 2004, n Testo del D-L 24 giugno 2004, n. 157 coordinato con la legge di conversione 3/08/2004 n. 204 recante Disposizioni urgenti per l etichettatura di alcuni prodotti agroalimentari, nonché in materia di agricoltura e pesca Circolare Att Prod n 169 del 15/10/04 - Etichettatura dei prodotti alimentari DL 24/06/2004 n. 157, convertito con modificazioni nella Legge 3/08/2004 n. 204 Circolare Min Pol Agric. 1/12/04. Applicazione L. 3/08/2004 n. 204, recante disposizioni x l etichettatura di alcuni prod. agroalimentari, nonché in materia di agricoltura e pesca. Testo coordinato del D-L n. 7 coordinato con la legge di conversione n. 40 recante Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese, la valorizzazione dell istruzione tecnico-professionale e la rottamazione di autoveicoli (relativo data di scadenza)

8 Nota Min Sal prot /I.6.b/9824 del 31 luglio 2007 Regolamento CE relativo a indicazioni nutrizionali e sulla salute, fornite sui prodotti alimentari. Nota Min PAF n del 24/12/2008 Disposizoni transitorie etichettatura dei prodotti biologici Reg 834/2007 e Reg. 889/2008. Nota Min Sal 21555/P del 16/07/2008 Reg 1924/2006 relativo alle indicazioni nutrizionali sulla salute fornite sui prodotti alimentari Nota MIPAF n del 6/08/2009 Etichettatura dei prodotti biologici Circolare Min Sal 5/11/2009 Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prod. destinati a una alimentazione particolare e alimenti addizionati di vitamine e minerali. Criteri di composizione e di etichettatura di alcune categorie dio prodotti destinati a una alimentazione particolare. Circ. MINS VEC n del 22/07/2010 DLvo 109/92 Indicazioni allergeni alimentari in etichetta Nota Min Sal 729/P del 12/01/2010 Leggibilità data di scadenza riportata sui medicinali e generi alimentari.

9 NORMATIVA SPECIALE Regolamento CE 104/2000 relativo all organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura; Regolamento CE 2065/2001 che stabilisce modalità di applicazione del Reg. CE 104/2000 per quanto concerne l informazione dei consumatori nel settore dei prodotti della pesca e acquicoltura; Nota Min. Politiche Agricole e Forestali n del 21/12/2001.<<Regolamento 2065/01 Informazione ai consumatori Rettifica del testo in lingua.>> ( metodo di produzione) DM 27/03/2002. <<Etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo.>> modificato nell allegato A da ultimo da: DM 31/01/2008. <<Modifiche ed integrazioni all elenco delle denominazione commerciali dei prodotti ittici, allegato al DM 27/03/2002 >> a sua volta modificato da: DM 05/03/2010 e DM 23/12/2010 DM 12/08/2011 DM 19/11/2012 Circolare 27/05/2002 n << Reg. 2065/2001 recante applicazione al Reg. 104/2000 relativamente all informazione ai consumatori nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura. DM 27/03/2002>>; (zona di cattura miscugli)

10 Recenti acquisizioni in termini di etichettatura - Normativa CE - PCP Reg CE n 1224/2009 del 20 novembre 2009 che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della PCP, che modifica i Reg CE 847/96, 2371/2002, 811/2004, 768/2005, 2115/2005, 2166/2005, 388/2006, 509/2007, 676/2007, 1098/2007, 1300/2008, 1342/2008, e che abroga i Reg CEE 2847/93, 1627/94, e 1966/2006. Reg CE 404/2011 del 8 aprile 2011 recante modalità di applicazione del Reg CE 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della PCP Recenti acquisizioni in termini di commercializzazione - Normativa italiana DM 10 Novembre 2011 finalizzato a dare attuazione alle disposizioni di cui al Titolo V del Reg CE 1224/2009 e al Titolo IV del Reg UE 404/2011 inerenti agli adempimenti connessi agli obblighi di tracciabilità e registrazione, nonché agli adempimenti previsti a carico degli operatori responsabili dell acquisto, vendita, magazzinaggio o trasporto di partite di prodotti della pesca. D. Direttoriale 28 Dicembre 2011 n Procedure e modalità attuative degli adempimenti connessi alle disposizioni del DM 10/11/2011 relativamente al controllo della commercializzazione dei prodotti ittici ai sensi del Reg CE 1224/09. A sua volta modificato da: DM 29 maggio Modifiche e integrazioni al DM 28/12/2011 n. 155, recante procedure e modalità attuative degli adempimenti connessi alle disposizioni del DM 10/11/2011 relativamente al controllo della commercializzazione dei prodotti ittici ai sensi del Reg CE 1224/09.

11 Reg CE 404/2011: Commercializzazione e tracciabilità Articolo 68 - Informazioni fornite al consumatore 1.Gli Stati membri provvedono affinché le informazioni di cui all'articolo 58, paragrafo 6, del regolamento sul controllo riguardanti la denominazione commerciale, il nome scientifico della specie, la zona di cattura di cui all'articolo 5 del regolamento(ce) n. 2065/2001 e il metodo di produzione siano indicate sull'etichetta o su un marchio adeguato dei prodotti ittici venduti al dettaglio, inclusi i prodotti importati. 2. In deroga al paragrafo 1, il nome scientifico della specie può essere fornito ai consumatori dai commercianti al dettaglio tramite informazioni commerciali come cartelloni pubblicitari o poster. 3. Nel caso in cui un prodotto ittico sia stato precedentemente congelato, il termine «scongelato» è altresì indicato sull'etichetta o sul marchio adeguato di cui al paragrafo 1. Si considera che l'assenza di tale dicitura a livello della vendita al dettaglio indichi che i prodotti ittici non sono stati precedentemente congelati e quindi scongelati.

12 4. In deroga al paragrafo 3, il termine «scongelato» non deve figurare: a) sui prodotti della pesca e dell'acquacoltura precedentemente congelati per ragioni di sicurezza sanitaria, conformemente all'allegato III, sezione VIII, del regolamento (CE) n. 853/2004; e b) sui prodotti della pesca e dell'acquacoltura che sono stati scongelati prima di essere sottoposti ad affumicatura, salatura, cottura, marinatura, essiccatura o ad una combinazione di questi processi. 5. Il presente articolo non si applica ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura di cui alle voci tariffarie 1604 e 1605 della nomenclatura combinata. 6. I prodotti della pesca e dell'acquacoltura e gli imballaggi etichettati o contrassegnati con un marchio precedentemente all'entrata in vigore del presente articolo che non sono conformi all'articolo 58, paragrafo 5, lettera g), con riguardo al nome scientifico e lettera h) del regolamento sul controllo e di cui ai paragrafi 1, 2 e 3 del presente articolo possono essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte.

13 Campo di applicazione DM 27/3/2002 (Reg. CE n. 2065/2001)..i prodotti che figurano negli elenchi dei codici del Cap. 3 della N.C., presentati nei diversi stati previsti...il fatto che siano stati decapitati, tagliati a pezzi o in filetti non li esclude dal campo di applicazione. Pesci, crostacei, molluschi, vivi, freschi, refrigerati, congelati, surgelati, decapitati, sgusciati, tagliati in pezzi o in filetti oppure triturati, secchi, salati, in salamoia, affumicati, anche preventivamente precotti, in polvere, in farina o in pellets, atti all alimentazione umana. Destinati alla vendita al dettaglio al consumatore finale nella CE (anche se importati da Paesi Terzi) Ad ogni stadio della commercializzazione e comunque in fase precedente alla vendita al consumatore Sfusi o Preconfezionati. Denominazione commerciale e scientifica (R. CE n. 1224/10 e R. CE n. 404/11) Metodo di produzione Zona di cattura mediante una indicazione o una etichetta che accompagna il prodotto. Per i prodotti preincartati le informazioni possono essere inserite in un cartello apposto al comparto. Sfusi o preconfezionati Denominazione commerciale e scientifica Metodo di produzione Zona di cattura mediante o etichettatura o su imballaggio o sui documenti di accompagnamento (Bolla compresa la fattura)

14 Banco pescivendolo

15

16

17

18 VENDITA AL DETTAGLIO DEI PRODOTTI ITTICI DENOMINAZIONE COMMERCIALE E SCIENTIFICA Allegato DM 31/01/2008- Liste provvisorie (DM 27/03/2002) METODO DI PRODUZIONE (Nota MPAF n e Nota Min San n ) Pescato /NO catturati in mare in luogo di Prodotto della pesca Pescato in acque dolci in luogo di Prodotto della pesca in acque dolci Allevato in luogo di Prodotto di acquacoltura ZONA di CATTURA A. Per i prodotti pescati in mare (vendita) ( precedente la vendita o vendita se riporta a Cartello FAO*) Oceano Atlantico nord-occidentale Zona FAO n. 21 * Atlantico nord-orientale e Mar Baltico Zona FAO n. 27 * Oceano Atlantico centro-occidentale Zona FAO n. 31 * Oceano Atlantico centro-orientale Zona FAO n. 34 * Oceano Atlantico sud-occidentale Zona FAO n. 41 * Oceano Atlantico sud- orientale Zona FAO n. 47 * Mar Mediterraneo e Mar Nero FAO 37.1; 37.2; * Oceano Indiano Zona FAO n. 51 e 57 * Oceano Pacifico FAO n. 61, 67, 71, 77, 81, 87 * Oceano Antartico Zona FAO n. 48, 58, 88. Possibilità di indicare una zona di cattura più dettagliata (es nella Z. FAO n.37 Mar Adriatico) B. Per i prodotti pescati in acque dolci Paese M. o Terzo C. Per i prodotti di allevamento - Paese Membro o Terzo / Più Paesi Mem. o Terzi

19

20

21 Classi - Evoluzione numero di specie ufficialmente riconosciute nell ordinamento nazionale DM 15 luglio 1983 Succ modif. al DM 15/7/1983 (DM 4/8/2000) DM 27/03/2002 e succ. modif. DM 14/01/05 DM DM 25/07 31/01 /2005 /2008 Crostacei Echinodermi Bivalvi Gasteropodi Cefalopodi Pesci Teleostei Pesci Selaci ( 4 razze in + poi tolte) Prod. Conser Totale Differenza

22 Aggiornamenti al DM 31/01/2008 DM DM 31/01/2008 5/03/2010 DM 23/12/2010 DM 12/08/2011 Crostacei Echinodermi Bivalvi Gasteropodi Cefalopodi Pesci Teleostei Selaci Prod conservati Altri Totale Differenza

23 Aggiornamenti al DM 31/01/2008 DM DM 31/01/2008 5/03/2010 DM 23/12/2010 DM 12/08/2011 Crostacei Echinodermi Bivalvi Gasteropodi Cefalopodi Pesci Teleostei Selaci Prod conservati Altri Totale Differenza

24 Nome lingua italiana Famiglia Genere + Specie (spp) PESCI Mezzobecco Emiramphidae Hyporamphus spp Pesce specchio Trachichthydae Hoplostetus spp Labeo Cyprinidae Labeo spp Pesce ghiaccio Salangidae Neosalanx spp Pesce ghiaccio Salangidae Protosalanx spp Drepana Drepaneidae Drepane spp Grugnolo Haemulidae Pomadasys spp Pesce imperatore Lethrinidae Lethrinus spp Persico spigola Moronidae Morone spp Triglia orientale Mullidae Parapeneus spp Triglia tropicale Mullidae Upeneus spp Nemiptero Nemipteridae Nemipterus spp Scolopero Nemipteridae Scolopsis spp Morato Pinguipedidae Pinguipes spp Catalufa Priacanthidae Priacanthus spp Pesce pappagallo Scaridae Hipposcarus spp Pesce pappagallo Scaridae Scarus spp Lingua o Cinoglosso Cynoglossidae Cynoglossus spp Rombolino Psettodidae Psettodes spp Sogliola oceanica Soleidae Synaptura spp Sigano Siganidae Siganus spp Oreo Oreosomatidae Allocyttus spp Oreo Oreosomatidae Neocyttus spp Oreo Oreosomatidae Pseudocyttus spp Zeo Zeidae Cyttus spp MOLLUSCHI Scrigno di venere Arcidae Scapharca spp Cuore Cardiidae Acanthocardia spp Cuore Cardiidae Cerastoderma spp (o Cardium spp) CROSTACEI Granchio reale Lithodidae Lithodes spp Granchio reale Lithodidae Paralithodes spp Aragosta australe Palinuridae Jasus spp Aragosta indopacifica Palinuridae Linuparus spp Aragosta tropicale Palinuridae Panulirus spp Aragostella indopacifica Palinuridae Puerulus spp Gobetto Pandalidae Plesionika spp Granchio Portunidae Portunus spp

25 REG. (CE) n. 104/2000 del Consiglio del 17 dicembre 1999 relativo all organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura: Nelle premesse: nel caso dei prodotti della pesca commercializzati allo stato fresco o refrigerato, la maggiore diversificazione dell offerta impone di fornire ai consumatori un minimo di informazioni sulle caratteristiche principali dei prodotti: a tale scopo spetta agli stati membri stabilire, per i prodotti in questione, l elenco delle denominazioni commerciali autorizzate sul proprio territorio articolo 4, comma 2: gli stati membri stabiliscono e pubblicano l elenco delle denominazioni commerciali autorizzate sul loro territorio. Tale elenco indica, per ciascuna specie, il nome scientifico, la denominazione nella lingua ufficiale, nonché, se del caso, una o più denominazioni ammesse o tollerate a livello locale o regionale articolo 4, comma 3: gli stati membri notificano alla commissione l elenco delle denominazioni commerciali di cui al paragrafo 2

26 REG. (CE) n. 2065/2001 della Commissione del 22 ottobre 2001 che stabilisce le modalità d applicazione del regolamento (CE) n.104/2000 del Consiglio per quanto concerne l informazione dei consumatori nel settore dei prodotti della pesca e dell acquacoltura: prevede che una specie che non figura nell elenco delle denominazioni commerciali autorizzate da uno stato membro può essere commercializzata con una denominazione commerciale provvisoria stabilita dall autorità competente dello stato membro

27 Decreto ministeriale 27 marzo 2002 etichettatura dei prodotti ittici e sistema di controllo - E approvato l elenco delle denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale - È previsto che l autorità sanitaria di controllo provvede a stabilire la denominazione provvisoria in caso di commercializzazione di specie non incluse nell elenco di cui al comma precedente, dandone comunicazione al Ministero delle politiche agricole e forestali

28 D.Lgs. 26 maggio 2004, n. 154 Modernizzazione del settore della pesca e dell'acquacoltura, a norma dell'articolo 1, comma 2, della L. 7 marzo 2003, n. 38. Articolo 3 commissione consultiva centrale per la pesca e l acquacoltura - ne definisce la composizione - prevede che la commissione è chiamata a dare pareri sui decreti del Ministro delle politiche agricole e forestali finalizzati alla tutela e gestione delle risorse ittiche ed in relazione ad ogni argomento per il quale il presidente ne ravvisi l opportunità

29 Denominazioni provvisorie DM 27/03/2002 l Autorità sanitaria di controllo provvede a stabilire la denominazione provvisoria in caso di commercializzazione di specie non incluse nel DM e provvede a darne comunicazione al Ministero delle Politiche agricole e forestali Il Ministero ha poi 5 mesi di tempo per valutare la scientificità della denominazione proposta, avvalendosi di suoi esperti (Commissione di lavoro sulle denominazioni) e di inserirla nel DM con un proprio decreto. Dlvo n. 154/ istituisce la Commissione consultiva centrale sulla pesca e acquacoltura (chiamata a dare pareri sui decreti emessi dal Ministro Politiche Agricole) nell ambito di questa è istituito un Gruppo di lavoro sulle denominazioni commerciali dei prod. Ittici (in cui sono presenti varie professionalità e rappresentanti del mondo produttivo e commerciale, ma non c è un veterinario) istituita nel 2004.

30 Gruppo di lavoro sulle denominazioni commerciali dei prod. Ittici Possiede autonomia organizzativa e istruttoria Predispone l elenco delle denominazioni delle specie ittiche di interesse commerciale loro denominazioni, loro integrazioni e formula altre proposte Trasmette il tutto al competente Ufficio PEMAC II che provvede alla stesura di un decreto ministeriale Si riunisce 2 volte l anno spesso in più sedute Esamina tutte le segnalazioni relative a denominazioni provvisorie, richieste di imprese e privati circa nuove denominazioni da inserire, segnalazioni di rettifiche o modifiche

31 Criteri nella designazione di una denominazione Nome/i comunemente utilizzato/i Aggettivo relativo a evidente carattere morfologico o cromatico Aggettivo identificativo della provenienza geografica (areale di distribuzione della specie)- nessun aggettivo se trattasi di specie che si pesca in Mediterraneo e in altre zone di pesca (es: sepia officinalis un tempo chiamata seppia mediterranea ma si pesca anche in Atlantico. Per cui oggi viene denominata solo seppia ) Massima semplificazione consentita, sia per i nomi che per gli aggettivi di distribuzione geografica (raggruppamento in macroareali es. Pacifico, nord -Atlantico.. Tropicale..) compatibile con le differenze di carattere morfologico e/o di qualità e delle caratteristiche organolettiche

32 Commissioni regionali per denominazioni provvisorie Regione Veneto Arcangeli + gruppo regionale Elenco nuove proposte avanzate come Regione Veneto, vengono pubblicate nel sito del servizio veterinario Regione veneto Regione Emilia-romagna Mengoli + gruppo regionale Nuove proposte avanzate al Ministero come Regione E-R, vengono pubblicate sul sito internet dell ASL di Bologna spazio prodotti ittici Altre Regioni? Progetto futuro di lavorare in piena collaborazione, formando una rete la più nazionale possibile di interessati e collaboratori, presi dal mondo scientifico e dalle istituzioni adibite ai controlli, in mondo da rendere noto a tutti che è stata fatta una proposta di denominazione, predisponendo un sito corredato anche di relative immagini, affinchè non si verifichi che altri possano chiamare una stesso pesce pescato o individuato da un altra parte con un nome diverso.

33 Limiti delle nostre Denominazioni Per le denominazioni ufficiali è una normativa solo nazionale, a cui si devono adeguare i prodotti importati, sarebbe stata meglio applicabile dato che oggi il pesce commercializzato i Italia è per più del 35% di importazione, che si fosse individuata un elenco a livello europeo o ancora meglio a livello internazionale in vigore in tutti i Paesi terzi Per le denominazioni provvisorie, il limite è che trattasi di proposte regionali per cui sono valide all interno del territorio regionale ma diventerebbero valide sul territorio nazionale solo dopo l ufficializzazione del Ministero. Le ditte però commercializzano anche fuori Regione e hanno dei doveri di rintracciabilità, quindi hanno bisogno di dare una denominazione ai nuovi prodotti che commercializzano. Calcolando che la procedura di denominazione provvisoria è stata consentita dallo stesso Ministero, si può dire che si ritengono valide le proposte regionali fino ad attribuzione definitiva Ministeriale. Per questo occorrerebbe mettere in piedi un sistema di comunicazione più articolato.

34 Errori presenti nel decreto

35 Sinonimi

36 Nasello o merluzzo australe Indicate nel decreto come 2 specie distinte: Merluccius australis - Nasello o merluzzo australe M. polylepis - Nasello o merluzzo australe mentre per la FAO sono sinonimi della stessa specie (posizione condivisa anche da altri AA )

37 Cernia (E. marginatus) Un tempo la cernia era indicata nel decreto 25/07/2005 come Epinephelus guaza Con l emanazione del DM 31/01/2008 (che ha sostituito il D. 25/07/2005) è stata sostituita dalla denominazione scientifica di Epinephelus marginatus, ritenuta cmq sinonimo sia dalla FAO che da altri Autori. Viene comq ancora molto utilizzata soprattutto nei prodotti importati la denominazione scientifica E. guaza

38 Sono indicate nel decreto come 2 specie distinte: Spicara maena - Menola e S. flexosa Menola Anche altri AA le indicano come specie distinte (manzoni) Menola Sono invece ritenuti 2 sinonimi della stessa specie dalla FAO Analogamente altri AA (es Costa) ritiene S. flexuosa solo una variante della specie S. maena, dipendente esclusivamente dall habitat in cui vive e dalla diversa profondità

39 Calamaro atlantico Nel decreto sono indicate come 2 specie distinte Loligo patagonica: calamaro patagonico e Loligo gahi: calamaro atlantico mentre per la FAO e per altri Autori (es. Manzoni) sono considerati sinonimo della stessa specie

40 Denominazioni che recano danno commerciale

41 Appare nel decreto con la denominazione scientifica di come Hinia reticulata. La denominazione in lingua italiana italiana di falso lumachino era già stata formulata col vecchio DM 14/01/2005. Nelle successive edizioni del decreto il Ministero ha sempre riproposto il nome falso lumachino Falso lumachino Riproposto con la denominazione scientifica del sinonimo Nassarius reticulata con il DM 5/03/2010 Visto che se ne pesca di più che del Nassarius mutabilis (lumachino) la Coop Mare di Cattolica, ha emesso un Progetto di valorizzazione dell Hinia reticulata nel settembre 2008, in cui se ne proponeva il cambio di denominazione commerciale in Lumachino lungo dato che l attribuzione di falso lumachino lo rende più difficilmente commercializzabile

42 Denominazioni che recano erronea indicazione dell areale di pesca

43 Pesce topo pelagico (coilia nasus) Non è pelagico, vive nell indopacifico, sotto costa di Cina, Giappone e Korea. Capace di risalire anche per 1000 km il fiume Yangtze (Cina).

44 Aguglia imperiale (Tetrapturus belone) Essendo localizzato nel solo Mediterraneo si potrebbe anche usare il solo termine mediterraneo al posto di imperiale che evoca forse spazialità maggiori che non ci sono Marlin - Tetrapturus Albidus, ha come areale sia Atlantico che Mediterraneo

45 Triglia atlantica (Pseudopeneus Indicata nel decreto come Triglia atlantica è in realtà segnalato anche in Mediterraneo lungo le coste spagnole. prayensis)

46 Polpo atlantico octopus dollfusi Nel decreto è indicato come atlantico, ma in realtà il suo bacino di pesca è in tutt altra parte. La FAO indica come sua distribuzione è indopacifica (Western Pacific: China to Vietnam )

47 Ombrina atlantica Umbrina canariensis Citata nel decreto come Ombrina Atlantica, in realtà si trova anche in Mediterraneo e Oceano Indiano In diagnosi differenziale l Ombrina (Umbrina cirrhosa) è diffusa in Mediterraneo e anche nell atlantico orientale, a giustificazione del nome.

48 Cernia atlantica Acanthistius brasilianus Indicata nel Decreto come Cernia atlantica ma vive si in atlantico, ma prevalentemente nella parte sud ovest dell Atlantico: coste brasiliane, dell uruguay e prevalentemente argentine (quindi sarebbe più indicato scrivere argentino, invece che atlantico)

49 Engraulis japonicus Acciuga giapponese E indicato come giapponese nel decreto, ma in realtà si trova anche in gran parte nelle coste cinesi e in minima parte su quelle russe. Distribution Western Pacific: southern Sakhalin Islands, Sea of Japan and Pacific coasts of Japan, and south to almost Canton/Taiwan; rare records (seems to represent stray fishes) off the coasts of Luzon and Western Mindanao, Philippines and from Manado and Ujung Pandang, Sulawesi, Indonesia

50 la norma speciale si integra sempre con la norma generale. Norma generale etichettatura Dlvo 109/92 e succ mod Norma speciale Normativa generale sanitaria e sicurezza alimentare etichettatura DM 27/03/2002 Reg CE 178 e Reg 853

51 Art 16 Dlvo 109/92 e succ mod Prodotti sfusi o preconfezionati da vendere previo frazionamento o confezionati sui luoghi di vendita a richiesta dell acquirente o preconfezionati ai fini della vendita immediata (preincarti ) - Cartello applicato al recipiente o applicato al comparti con: Denominazione di vendita (+zona produzione +zona cattura) Ingredienti (es filetto impanato) Modalità di conservazione % di Glassatura, (considerata tara, per i prodotti congelati glassati. Il peso deve essere al netto della glassatura = o peso netto sgocciolato, altrimenti è frode per vendita di ghiaccio al costo di pesce) Prodotti sfusi nelle fasi precedenti la vendita al consumatore - Anche soltanto sul documento commerciale di accompagnamento: Denominazione di vendita Ingredienti Nome, rag. sociale o marchio e sede produttore,confez o venditore nella CE Lotto

52 Preparazioni di pesce - vendita al minuto Preparati freschi in preincarto pronti da cuocere (prodotti nel supermercato locale) per una vendita immediata e per essere cotti e consumati in breve tempo Preparati freschi e venduti sfusi dal pescivendolo per una vendita immediata e per essere cotti e consumati in giornata Cotolette (filetto impanato)- Ingred: uova, farina grano 0, pane e formag. grattugiato) Spiedini, involtini di pesce

53 Cotoletta di filetti di trota

54 Ingredienti e additivi

55 PRINCIPALI CATEGORIE di ADDITIVI nei prodotti ittici 4-Esilresorcinolo (E 586) Antimicrobici organici e inorganici

56 Additivi non consentiti Trattamenti illeciti Additivi consentiti ma utilizzati in concentrazioni superiori ai limiti di legge Non dichiarati in etichetta Coloranti ammessi in altri paesi extra CE ma vietati da noi es monossido di carbonio Additivi usati per alterare la percezione di freschezza e mascherare il reale stato del prodotto es solfiti Additivi per aumentare la ritenzione di acqua nei tessuti es polifisfati Sbiancanti es acqua ossigenata

57 Gli additivi consentiti dalla normativa situazione attuale Codificati mediante la siglatura E = europa Elenco da E 100 a E 1525 fra additivi e supporti per additivi o a funzione solo coadiuvante. Sono comunque solo circa 350 gli Additivi veri e propri di uso più comune, attualmente impiegati negli alimenti e indicati nelle etichette. Di questi: 77 - sono considerati innocui per la nostra salute gli studi scientifici sono contradditori o in alcuni casi si sono dimostrati alcuni rischi, quindi il loro utilizzo va valutato con attenzione 169 Studi scientifici ne hanno provato che sono dannosi alla nostra salute e il cui utilizzo va evitato o andrebbero vietati. Su questo ultimo aspetto si inserisce lo spirito del Reg 1333/2008, col presupposto di rivedere tutto le molecole utilizzate e ri-regolamentarne l utilizzo. La piena attuazione di questo regolamento deve infatti registrare ancora alcuni passaggi fondamentali.

58 169 Additivi attualmente impiegati e consentiti che in realtà studi scientifici ne hanno evidenziato la dannosità, quindi da evitare Coloranti sintetici: da E 102 a E 133, E 142, E151, E 154, E155, E161g, Coloranti minerali - da E173 a E 180 Conservanti (sorbati, benzoati e solfiti).da E 200 a E 233 Conservanti chimici e sintetici (fra cui nitrati-nitriti): da E 235 a E 252. Conservanti sintetici (borati) E284, E285 Antiossidanti sintetici (Gallati, BHA, EDTA..): E310, E 311, E 312, E 320, E321, E 380, E 385. Addensanti gelificanti (agar agar, carragenina): E405,E 406, E 407. Altri Addensanti, gelificanti e emulsionanti, stabilizzantida E 425 a E 436), polifosfati (da E450 a E 452), derivati della cellulosa (da E 460 a E 469) Vari Ag. rivestimento, trattanti le farine, emulsionanti, antischiumogeni, gelificanti, antiossianti e agenti di supporto: (da E 471, a E 474), E477, E 479g, da E 491 a E 496) Supporti coadiuvanti, anche antiossidanti o correttori di acidità: clorurati (da E 507 a E 510), solfati ( da E517 a E 523) fosfati e polifofosfati (da E 541a E 545) silicati (da E 552 a E 556) Esaltatori di sapidità (glutammati) da E 620 a E 640 Ag di rivestimento e trattanti di superfice (cere) da E905 a E 927a Edulcoranti (acesulfame, aspartame, saccarina) (vari da da E 950 a E 955).vari altri.

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Prot. n. / / PR.CA.E Novara, 1 settembre 2014 ASL NO La sicurezza nel piatto Conoscere l anisakis Tra le abitudini alimentari rientra quella di portare sulle nostre tavole prodotti ittici crudi. Per tutela

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

buone pratiche di spesa, conservazione e cucina

buone pratiche di spesa, conservazione e cucina buone pratiche di spesa, conservazione e cucina un alimento acquistato e trasportato fino a casa correttamente e poi ben manipolato, cucinato e conservato, ci mette al riparo da possibili malattie trasmesse

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Filetti di alici marinate

Filetti di alici marinate Ittico Filetti di alici marinate Filetti di alici marinate in olio. filetti di alici engraulls engrasicholus (alici, acqua, aceto di vino, sale) 65% min, olio di semi di girasole, sale, acido citrico,

Dettagli

Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati

Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati Analisi dei pericoli nella filiera dei prodotti della pesca trasformati Dott. Mino Orlandi Medico veterinario Dipartimento di Prevenzione Azienda ASL 5 Spezzino Imperia 12 giugno 2009 Reg. (CE) N. 178/2002

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA questioni aperte e difficoltà applicative CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Titolo V Reg. CE 1224/09 Titolo IV Reg. UE 404/11 DM 10 novembre 2011 DD 28 dicembre 2011

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta

I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua alla forchetta Stampa Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana LA FILIERA DEL PESCE I prodotti della pesca: dall acqua

Dettagli

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano.

potenzialmente legato al consumo dell alimento e a garantirne l idoneità al consumo umano. LINEE GUIDA ALL ACQUISTO DI PRODOTTI ITTICI E MOLLUSCHI BIVALVI REGOLE E CONTROLLI Il cosiddetto Pacchetto Igiene raccoglie i Regolamenti Comunitari in materia di Igiene degli Alimenti, comprendendo tutta

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto L ETICHETTA ALIMENTARE Carta d identità del prodotto Alcune informazioni sono obbligatorie e regolamentate per legge e sono molto utili per la sicurezza alimentare Altre sono facoltative o complementari

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE

LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE LE IMPORTAZIONI DEI PRODOTTI DI ACQUACOLTURA NELL UE I principali flussi commerciali nell Unione Europea e in Italia Convegno «Qualità e sicurezza dei prodotti d acquacoltura: regolamenti, controlli e

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Giornate della Prevenzione Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Stefano Ferrarini Az. Ulss n. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti di Origine

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Chiarimenti in materia di additivi alimentari

Chiarimenti in materia di additivi alimentari Chiarimenti in materia di additivi alimentari Definizione di additivo alimentare Qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti,

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI

ETICHETTATURA PRODOTTI ETICHETTATURA PRODOTTI Alimenti senza segreti con il nuovo servizio di CNA Roma CNA ROMA Viale Guglielmo Massaia, 31 00154 Roma Tel. 06 570151 Fax 06 57015222 info@cnapmi.com www.cnapmi.org PREMESSA Dal

Dettagli

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE Al Ministero della Sanità Ufficio Veterinario per gli Adempimenti Comunitari Compartimento: VENETO RICHIESTA DI REGISTRAZIONE In data odierna, presso l'ufficio per gli Adempimenti Comunitari del Compartimento

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie.

Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. Glassatura 20% Imballo. 6 x 1 Kg. Marchio. Blu Mares. Specie. seppie pulite iqf 8/12 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010663 385 x 195 x 250 260 x 415 seppie pulite iqf 10/20 6x1 kg Seppia Orientale (Sepiella Japonica) 8001179010670 385 x 195 x

Dettagli

La gestione dell Anisakis lungo la filiera dei prodotti della pesca: la ristorazione

La gestione dell Anisakis lungo la filiera dei prodotti della pesca: la ristorazione Università degli Studi di Napoli Federico II Comune di Pozzuoli Laboratorio di Ricerca Universitario presso il Mercato Ittico all ingrosso di Pozzuoli La gestione dell Anisakis lungo la filiera dei prodotti

Dettagli

PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri

PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri PROCEDURA DI ABBATTIMENTO PER IL CONTROLLO DELLA PRESENZA DI PARASSITI [ Valerio Ranghieri Redatto da:ranghieri Dr Valerio Medico Veterinario Approvato da: 2 1) SCOPO E FINALITA DELLA PROCEDURA La presente

Dettagli

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI

Dal punto di vista gastronomico è importante la distinzione tra i: a) PESCI AFFUSOLATI b) PESCI PIATTI Modulo integrativo per le classi seconde i prodotti ittici PESCI DI MARE, D ACQUA DOLCE E MISTA I pesci I pesci sono prodotti ittici, sono vertebrati e non vanno confusi con i crostacei e molluschi, che

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

ANISAKIS E ANISAKIASI

ANISAKIS E ANISAKIASI ANISAKIS E ANISAKIASI INTRODUZIONE L anisakiasi è una malattia zoonosica nota da molti anni [Con il termine zoonosi si intende una qualsiasi malattia infettiva o parassitaria degli animali che può essere

Dettagli

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi

ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi ANISAKIS prodotti della pesca da consumare crudi o praticamente crudi LA NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Regolamento (CE) n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione

Dettagli

Roma Al VEDASI ELENCO INDIRIZZI e, p.c.

Roma Al VEDASI ELENCO INDIRIZZI e, p.c. 1 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

COME. leggere un ETICHETTA. La Coopération au cæur de la Méditerranée. La Cooperazione al cuore del Mediterraneo

COME. leggere un ETICHETTA. La Coopération au cæur de la Méditerranée. La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Coopération au cæur de la Méditerranée COME leggere un ETICHETTA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Cos è l etichetta di un prodotto

Dettagli

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non

Mare. Specialità di. Specialità. Acciughe. Tonno. Un po di cultura. SPECIALITÀ DI MARE Specialità Acciughe Tonno. Frutti di mare e non Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Specialità di Mare Con il termine pesce si intendono le carni di animali acquatici forniti

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

DECISIONI COMMISSIONE

DECISIONI COMMISSIONE L 206/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.8.2007 II (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione non è obbligatoria) DECISIONI COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del

Dettagli

Guerci S.r.l. Località Molinello 433-22041 Colverde (CO) Tel. +39 031 55100.11 - Fax +39 031 550150 - P.IVA IT02488810132 - e-mail: guerci@guerci.

Guerci S.r.l. Località Molinello 433-22041 Colverde (CO) Tel. +39 031 55100.11 - Fax +39 031 550150 - P.IVA IT02488810132 - e-mail: guerci@guerci. SCHEDA TECNICA PREPARATO Cod. 2635 2660 2280 2018 Rev. 00 del 26.06.2014 PREPARATO PER RISOTTO E SPAGHETTI PRECOTTO E CONGELATO IN BUSTA DA: 500 g 1 kg 2 kg Guerci S.r.l. - Località Molinello 433-22041

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI IT 17.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 78/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 232/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 marzo 2012 che modifica l allegato II del regolamento

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI il ravvicinamento delle legislazioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Il reg. 1169/2011 In Italia, prima dell armonizzazione

Dettagli

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 "Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore"

Dettagli

Sbocciano i fiori e sbocciano nuove offerte!

Sbocciano i fiori e sbocciano nuove offerte! Sbocciano i fiori e sbocciano nuove offerte! Tantissime novità oltre al meglio dei nostri prodotti in esclusiva per Voi Si eseguono preventivi per container direttamente dal Perù a prezzi vantaggiosissimi

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

IL QUADERNO DELLA SALUTE LA PREVENZIONE DELL ANISAKIS

IL QUADERNO DELLA SALUTE LA PREVENZIONE DELL ANISAKIS UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE POLICLINICO AGOSTINO GEMELLI ROMA DELLA SANITÀ E BENESSERE ANIMALE U.O.C. IGIENE FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA IL QUADERNO DELLA SALUTE

Dettagli

Per etichettatura s intende l insieme delle

Per etichettatura s intende l insieme delle L etichettatura degli alimenti: al servizio del consumatore I prodotti alimentari in vendita sono obbligatoriamente accompagnati da un etichetta, una sorta di carta d identità del bene acquistato. Ma solo

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

REG. CE 1935/2004 12.10.2012

REG. CE 1935/2004 12.10.2012 Principali elementi della legislazione europea, nazionale e regionale sui materiali a contatto. REG. CE 1935/2004: etichettatura, tracciabilità,dichiarazione di conformità. 12.10.2012 Dott.ssa Simonetta

Dettagli

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI. DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA IL PROBLEMA DEI PARASSITI DR. ARMANI ANDREA Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa L ISTAMINA NEI PRODOTTI ITTICI CHE COS E L ISTAMINA? L Istamina è un composto organico che si forma

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

newsletter UN PERCORSO DI SAPORI LUNGO IL LEMENE > IN ULTIMA PAGINA IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI

newsletter UN PERCORSO DI SAPORI LUNGO IL LEMENE > IN ULTIMA PAGINA IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI Gennaio 2009 N. PROTOCOLLO 41 20.01.09 SEDE DI PORTOGRUARO Borgo Sant Agnese, 93 Tel. 0421.278311 Fax. 0421.274411 ascomportogruaro@confcom.it C.F. 83002590277 UN PERCORSO DI SAPORI LUNGO IL LEMENE ITINERARIO

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Studi di settore IL MERCATO DEI PRODOTTI ITTICI FRESCHI IN ITALIA Analisi dell offerta, della domanda e della distribuzione al dettaglio Il settore ittico in Italia I principali indicatori del settore

Dettagli

UNITà 11 la conservazione degli alimenti

UNITà 11 la conservazione degli alimenti unità La conservazione degli alimenti I termini e i concetti fondamentali 1 cause dell alterazione degli alimenti e metodi di conservazione Le trasformazioni a cui vanno incontro gli alimenti freschi li

Dettagli

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti ALIMENTI PET FOOD La linea PET FOOD VITAVERDE è composta da varie linee di crocchette, da paste, riso, alimenti umidi e sabbie per offrire al cliente una gamma completa. Tale linea è mirata, come nostra

Dettagli

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Maria Severina

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

AGR - VET 13 - Impiego del sale nella conservazione degli alimenti docente Patrizia Cattaneo

AGR - VET 13 - Impiego del sale nella conservazione degli alimenti docente Patrizia Cattaneo AGR - VET 13 - Impiego del sale nella conservazione degli alimenti docente Patrizia Cattaneo Bibliografia: Meat and Meat products, A. Varnam e J. Sutherland, Chapman & Hall, London, 1995 (3/217); Alimenti,

Dettagli

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Prof. Michele Amorena Conclusioni? I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di d inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO A TUTTI I SOCI FIESA E FIEPET CONFESERCENTI ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO Il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, con apposit nota, ha fornito tra

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

Business Questionnaire

Business Questionnaire Allegato B Transnational Networking and Cooperation Initiatives for the Development of coastal SMEs in the Balkan Adriatic Region - CONNECT PROJECT L. 84/01 Business Questionnaire Rivolto alle PMI locali

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA

DISCIPLINARE CONSORZIO PESCA ANCONA DISCIPLINARE Indice Emissione del 09.01.2007 2 1. INTRODUZIONE OP con sede in via Molo Mondracchio, s.n 60125 Ancona (indirizzo internet www.conpesca.it) L OP, ai sensi e per gli effetti delle norme comunitarie

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

Disciplinare Tecnico di Produzione

Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione di ArtiGelato Gelato Artigianale Tradizionale Garantito Tipo di prodotto Gelato artigianale. Denominazione del prodotto ARTIGELATO

Dettagli

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali (Ordinanza sui controlli OITE) 916.443.106 del 16 maggio 2007 (Stato 1 novembre 2008) Il Dipartimento federale

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

REPORT: GLI ADDITIVI ALIMENTARI

REPORT: GLI ADDITIVI ALIMENTARI REPORT: GLI ADDITIVI ALIMENTARI Cosa è un additivo alimentare pag 3 Come si possono riconoscere..pag 4 A cosa servono e dove si possono trovare pag 4 I criteri di approvazione degli additivi...pag 11 Additivi

Dettagli

EMBARGO FINO ALLE 11 DEL 27/04/07

EMBARGO FINO ALLE 11 DEL 27/04/07 PESCE, ALLA RICERCA DELLE ETICHETTE PERDUTE III RAPPORTO MDC SU SICUREZZA ALIMENTARE E PRODOTTI ITTICI Aprile 2007 EMBARGO FINO ALLE 11 DEL 27/04/07 PESCE, ALLA RICERCA DELLE ETICHETTE PERDUTE III RAPPORTO

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

LIBRO INGREDIENTI PESCHERIA TIGROS DRIVE

LIBRO INGREDIENTI PESCHERIA TIGROS DRIVE LIBRO INGREDIENTI PESCHERIA TIGROS DRIVE COMPLETO DI ELENCO ADDITIVI MODALITA DI CONSERVAZIONE: in Frigorifero 0/+2/4 C SI CONSIGLIA DI CONSUMARE I PRODOTTI ENTRO 2 GG DALL ACQUISTO PER APPREZZARNE MAGGIORMENTE

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

Vigilanza dei Prodotti della Pesca

Vigilanza dei Prodotti della Pesca Ispezione degli Alimenti di origine animale Tecnici della Prevenzione 30 ore Vigilanza dei Prodotti della Pesca Natale Sergio Glorioso 1 Una volta arpionai una cernia in tana, ma questa non voleva saperne

Dettagli

GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07

GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07 GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Reg. CE 834/07 Reg. CE 889/08 DOCUMENTAZIONE Scheda materie prime Scheda di preparazione prodotti Registro

Dettagli

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne A.S. 2011/12 Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Seminario biomedico e chimico farmacologico sulla Dieta mediterranea e i disordini alimentari 23 gennaio 2012 3 incontro

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE Lezione 4 MISURA 3.1 Azioni collettive Progetto La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE TITOLO V: CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Principi generali SM

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/190/CE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/190/CE) L 67/88 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell'8 marzo 2001 che modifica la decisione 2001/172/CE recante misure di protezione contro l'afta epizootica nel Regno Unito [notificata con il numero C(2001) 720]

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Normativa nazionale MINISTERO DELLA SALUTE Decreto 9 agosto 2005, n.199 Regolamento recante recepimento della direttiva 2003/115/CE 1 che modifica la direttiva 94/35/CE sugli edulcoranti destinati ad essere

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti, con o senza valore

Qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti, con o senza valore Qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti, con o senza valore nutritivo, la cui aggiunta intenzionale ad alimenti per

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli