Etichettatura degli alimenti e produzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Etichettatura degli alimenti e produzioni"

Transcript

1 Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche

2 PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti

3 RINTRACCIABILITA Definizione Normativa: Possibilità di RICOSTRUIRE E SEGUIRE IL PERCORSO di un alimento, di un mangime, di un animale destinato a produrre alimenti o di una sostanza destinata o atta ad entrare a far parte di un alimento o di un mangime ATTRAVERSO TUTTE LE FASI della produzione, della trasformazione e della distribuzione Ogni soggetto della filiera deve essere in grado di individuare l anello immediatamente precedente e quello successivo della catena alimentare

4 Tracciabilità e rintracciabilità degli alimenti di O.A. La tracciabilità presuppone l esistenza di procedure in autocontrollo atte ad identificare il prodotto lungo tutta la filiera. La rintracciabilità consiste nella possibilità di risalire ad informazioni su prodotti o materie prime ottenute o trasformate in fasi precedenti del processo produttivo o della filiera e a disporre un eventuale ritiro dal mercato degli stessi in situazioni di emergenza.

5 La Possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento cioè la sua rintracciabilità, è un evenienza strettamente connessa all etichettatura alimentare L etichettatura etichettatura degli alimenti è l insieme delle menzioni, delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, delle immagini o dei simboli che si riferiscono al prodotto alimentare, in genere apposta sull imbalaggio (D.L. 109/92).

6 FINALITA DELL ETICHETTATURA Informazioni corrette e trasparenti per il consumatore Non indurre in errore l acquirente Tracciabilità

7 ETICHETTATURA:informazioni previste per i prodotti preconfezionati di o.a. Denominazione di vendita (per es. Miele) Elenco degli ingredienti (compresi additivi e aromi) Indicazione dei possibili allergeni (per es. sedano) La quantità netta o la quantità nominale Modalità di conservazione ed eventualemente di utilizzazione Termine minimo di conservazione ( da consumarsi preferibilmente entro ) Data di scadenza per alimenti molto deperibili ( da consumarsi entro ) Lotto Sede dello stabilimento di produzione

8 Tracciabilità dei prodotti della Indicazioni obbligatorie: pesca il metodo di produzione il pescato (mare o acqua dolce) o allevato la zona di produzione la denominazione la commerciale secondo l elenco di cui all allegato al decreto ministeriale (MI.PP.AA.FF) del 27 marzo 2002 la denominazione scientifica della specie la secondo l elenco di cui all allegato al decreto ministeriale (MI.PP.AA.FF) del 27 marzo 2002

9 Metodo di produzione: Art. 4 Reg CE 2065/01 Pescato Pescato in acque dolci Allevato o Prodotto di acquacoltura Acquacoltura Ai fini del Reg. CE 2792/1999, per «acquacoltura» si intende l allevamento o la coltura di organismi acquatici che comporta l impiego di tecniche al fine di aumentare, al di là delle capacità naturali dell ambiente, la resa degli organismi in questione; questi ultimi rimangono di proprietà di una persona fisica o giuridica durante tutta la fase di allevamento o di coltura, compreso il raccolto.

10 ZONE DI PRODUZIONE CODIFICHE FAO Zone di cattura Definizione della zona (1) Atlantico nord-occidentale Zona FAO n.21 Atlantico nord-orientale(2) Mar Baltico Atlantico centrooccidentale Atlantico centro-orientale Atlantico sud-occidentale Atlantico sud-orientale Mar Mediterraneo Mar Nero Oceano Indiano Oceano Pacifico Antartico (1) Annuario FAO. Statistiche di pesca. Catture. Vol. 86/ (2) Mar Baltico escluso. Zona FAO n.21 Zona FAO n.27 Zona FAO n.27.iiid Zona FAO n.31 Zona FAO n.34 Zona FAO n.41 Zona FAO n.47 Zona FAO n.31.1, 37.2 e 37.3 Zona FAO n.37.4 Zona FAO n.51 e 57 Zona FAO n.61, 67, 71, 77, 81 e 87 Zona FAO n.48, 58 e 88

11 ZONA DI CATTURA: : Art 5 Reg. CE 2065/2001 Per i prodotti pescati in mare, l indicazione delle zone FAO indicate in allegato al Reg. CE 2065/2001 Per i prodotti pescati in acque dolci, l indicazione dello Stato membro o del Paese terzo di origine Per i prodotti di allevamento, l indicazione del Paese membro o del Paese terzo in cui si è svolta la fase finale di sviluppo E altresì consentita l indicazione di una zona più dettagliata

12

13

14

15

16

17 Tracciabilità Carne Carne bovina Informazioni obbligatorie: - N di identificazione del capo - Stato membro (per es. Italia) o paese terzo (per es.argemtina) di nascita - Stati membri o paesi terzi in cui ha avuto luogo l'ingrasso (allevamento) - Stato membro o o paese terzo in cui ha avuto luogo la macellazione (per es. "Macellato in Italia - N di riconoscimento CE ) - Stato membro o paese terzo di sezionamento (per es."sezionato in Italia - N di riconoscimento CE")

18 Altre informazioni facoltative per esempio: - Data di nascita - Data di macellazione - Alimentazione priva di grassi di origine animale" - Categoria (A-Maschi interi; E- Manzette) - Razza (o tipo genetico) - Conformazione della carcassa (S-Superiore; E- Eccellente; U-Ottima; R-Buona) - Stato di ingrassamento (1-Molto scarso; 2-Scarso; 3- Mediamente importante)

19

20

21 Carne di pollo Etichettatura obbligatoria: Paese di nascita (per es. IT) Paese allevamento (numero in codice dell allevamento e provincia) Paese dove è avvenuta la macellazione (bollo sanitario macello) Altre informazioni. Paese in cui è stato effettuato il sezionamento modalità di allevamento ( estensivo al coperto, all aperto, rurale all aperto, rurale in libertà ) tipo di alimentazione

22

23

24 Tracciabilità uova Le uova confezionate dal 01 gennaio 2004 devono riportare un codice (composto da 11 fra lettere e numeri) sul proprio guscio esempio: 3 IT 001 TO 036, ed è composto da: Un numero che indica il metodo di allevamento ; Il codice dello Stato ("IT" per Italia); Il codice ISTAT del comune ove è ubicato l allevamento (composto da 3 cifre, 001 nell'esempio); La sigla della provincia (TO); Un numero progressivo di tre cifre che consente di identificare in modo univoco l allevamento (036 nell'esempio).

25 Codici corrispondenti ai metodi di allevamento delle GALLINE OVAIOLE METODO DI ALLEVAMENTO 0 biologico 1 gallina per 10 metri quadrati su terreno all'aperto, con vegetazione. 1 all'aperto 1 gallina per 2,5 metri quadrati su terreno all'aperto, con vegetazione. 2 a terra 7 galline per 1 metro quadrato su terreno coperto di paglia o sabbia, ecc. 3 in gabbia 25 galline per 1 metro quadrato in posatoi che offrono almeno 15 cm per gallina.

26

27 UOVA: confezione Classificazione in base alla data di deposizione: A Extra fresche meno di 7 gg dalla deposizione A fresche meno di 9 gg dalla deposizione B seconda scelta C destinate all industria Classificazione delle uova in base al peso: XL Grandissime 73 gr e più L Grandi gr M Medie gr S Piccole meno di 53gr

28 Inoltre Nell etichetta di alcuni alimenti detti Prodotti tipici si possono trovare delle diciture speciali DOP (denominazione di origine protetta) DOC (denominazione di origine controllata) IGP(indicazione geografica protetta) STG (specialità tradizionale garantita) Prodotto tipico: deve rispondere a determinati requisiti ed a precisi disciplinari

29 DOP identifica la denominazione di un prodotto la cui produzione, trasformazione ed elaborazione devono aver luogo in un'area geografica determinata e caratterizzata da una perizia riconosciuta e constatata. Esempi Aceto balsamico di Modena Miele della Lunigiana Asiago Bra Grana padano Mozzarella di bufala campana Parmigiano reggiano

30 IGP il legame con il territorio è presente in almeno uno degli stadi della produzione, della trasformazione o dell'elaborazione del prodotto. Esempi Agnello sardo Vitellone bianco dell Appennino centrale Bresaola della Valtellina Prosciutto di Norcia

31 STG prodotti ottenuti secondo un metodo di produzione tipico tradizionale di una particolare zona geografica. La differenza con DOP ed IGP consta nel fatto che l alimento può essere prodotto anche in territorio diverso con materie prime provenienti da aree geografiche lontane da quelle dove avviene la produzione tipicamente. Esempio: Formaggio a pasta filata detto mozzarella prodotto con latte tedesco in Germania

32 Vi ringrazio per l attenzione!!!!!

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

La tracciabilità dei prodotti di origine animale. Dott.sa Chiara Dalvit

La tracciabilità dei prodotti di origine animale. Dott.sa Chiara Dalvit La tracciabilità dei prodotti di origine animale Dott.sa Chiara Dalvit La tracciabilità è la capacità di risalire alla storia e all uso o alla collocazione di un prodotto o di un attività attraverso identificazioni

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI TORINO 26 maggio 2009 A cosa serve l etichettatura? l l insieme di tutte le indicazioni fornite all acquirente, necessarie al fine di consentire l acquisto con piena

Dettagli

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo A cura del dott. Franco Parola Tracciabilità - Rintracciabilità Lotti - Filiera Dal campo alla tavola La filiera è l insieme di

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine.

Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine. Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine. SALVATORE dott. Gerardo Regione Basilicata Assessorato Salute Ufficio Veterinario, Igiene Alimenti, Tutela Sanitaria Consumatori Potenza, lì 07.03.2012

Dettagli

Numero di identificazione dei bovini

Numero di identificazione dei bovini Il Regolamento CE n.1760/2000, del 17 luglio 2000, istituisce un sistema di identificazione e di registrazione dei bovini e prevede l obbligo di etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista

Dettagli

Reggio Calabria, 22 ottobre 2015

Reggio Calabria, 22 ottobre 2015 Sicurezza igienico-sanitaria ed etichettatura dei prodotti alimentari: principi generali, disposizioni specifiche in materia di manifestazioni temporanee e ristorazione collettiva Dr.ssa Paola Rebufatti

Dettagli

31.12.2004: pronti per la rintracciabilità. La carne in scatola. Convegno AITA. Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca. Kraft Foods International

31.12.2004: pronti per la rintracciabilità. La carne in scatola. Convegno AITA. Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca. Kraft Foods International 31.12.2004: pronti per la rintracciabilità La carne in scatola Convegno AITA Verona, 27 novembre 2003 Giancarlo Mosca Rintracciabilità Regolamento CE 178/2002 del 28 gennaio2002 che stabilisce i principi

Dettagli

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Giornate della Prevenzione Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Stefano Ferrarini Az. Ulss n. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti di Origine

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA Vimercate, Dicembre 2014 Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA 1/4 Nel patrimonio agroalimentare italiano possiamo annoverare oltre: 400 Formaggi 250 Salumi 800 Vini 120 conserve

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

Lezione 7 ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

Lezione 7 ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 7 ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI QUADRO LEGISLATIVO L etichetta è la carta di identità del prodotto La prima direttiva quadro di armonizzazione

Dettagli

paese di macellazione e numero di riconoscimento dello stabilimento di macellazione;

paese di macellazione e numero di riconoscimento dello stabilimento di macellazione; Nelle macellerie e nei supermercati, in osservanza di norme comunitarie e nazionali, devono essere fornite le seguenti informazioni obbligatorie, per ogni taglio di carne, mediante un cartello esposto

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari QUADRO NORMATIVO Reg. CEE 2092/91 Cons. 24.6.91 Metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui

Dettagli

La rintracciabilità di filiera: aspetti legislativi e normativi

La rintracciabilità di filiera: aspetti legislativi e normativi I Seminari IMC sulla sicurezza alimentare Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità nelle aziende agricole ed agroalimentari La rintracciabilità di filiera: aspetti legislativi e normativi Davide

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

MODULO 1 Evoluzione normativa in materia di igiene degli alimenti

MODULO 1 Evoluzione normativa in materia di igiene degli alimenti CORSO PERSONALE ALIMENTARISTA CORSO DI RICHIAMO MODALITA ON LINE MODULO 1 Evoluzione normativa in materia di igiene degli alimenti Programma: - Uno sguardo alla normativa Europea e Nazionale; - Sintesi

Dettagli

E t i c h e t t e a l i m e n t a r i

E t i c h e t t e a l i m e n t a r i E t i c h e t t e a l i m e n t a r i Le etichette sono la carta d identità dei prodotti alimentari perché riportano le informazioni utili che consentono di scegliere quello più appropriato alle nostre

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele)

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele) Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico privato alimenti di Preparazione, manipolazione origine animale che esegua e conservazione domestica (eccetto di alimenti

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

rispetto a... La normativa Quadro normativo Quadro normativo Regolamento dell'unione Europea Regolamento rintracciabilità sicurezza

rispetto a... La normativa Quadro normativo Quadro normativo Regolamento dell'unione Europea Regolamento rintracciabilità sicurezza rispetto a... La normativa rintracciabilità sicurezza Quadro normativo COGENTE: disposizione di legge che impone l adozione di un sistema gestionale o di uno standard di qualità VOLONTARIO: regola tecnica

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

ESSENZIALI, LEGGIBILI E COMPRENSIBILI: LE NUOVE ETICHETTE 2014 PER I PRODOTTI ALIMENTARI. Societa Umanitaria - Milano 17 O3obre 2014

ESSENZIALI, LEGGIBILI E COMPRENSIBILI: LE NUOVE ETICHETTE 2014 PER I PRODOTTI ALIMENTARI. Societa Umanitaria - Milano 17 O3obre 2014 Societa Umanitaria - Milano 17 O3obre 2014 ESSENZIALI, LEGGIBILI E COMPRENSIBILI: LE NUOVE ETICHETTE 2014 PER I PRODOTTI ALIMENTARI L APPLICAZIONE DELLA NUOVA NORMATIVA DA PARTE DELLE AZIENDE: ALCUNI ASPETTI

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

GLI SCHEMI BRC-IFS I parte

GLI SCHEMI BRC-IFS I parte GLI SCHEMI BRC-IFS I parte LE CERTIFICAZIONI PER GESTIRE: ISO 9001 = qualità ISO 14001 - EMAS = ambiente SA 8000 = etica ISO 22000 = sicurezza alimentare PER LA D.O.: BRC IFS GLOBAL GAP = ortofrutta PER

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati Rif Normativo Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Art. 2 ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI a) non indurre in errore l'acquirente sulle caratteristiche del prodotto alimentare e precisamente sulla

Dettagli

CONOSCI LE ETICHETTE INDICE CONOSCI LE ETICHETTE 3 ALCUNI ESEMPI 6. Il latte 6

CONOSCI LE ETICHETTE INDICE CONOSCI LE ETICHETTE 3 ALCUNI ESEMPI 6. Il latte 6 INDICE CONOSCI LE ETICHETTE 3 ALCUNI ESEMPI 6 Il latte 6 Il burro 8 Ie uova 9 I formaggi 10 I salumi 11 Carni e pollame 13 Il pesce 14 Olio d oliva 15 Gli alimenti a denominazione d origine 16 Acqua minerale

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO A TUTTI I SOCI FIESA E FIEPET CONFESERCENTI ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO Il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, con apposit nota, ha fornito tra

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 14/15 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE

LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE Fabio Grillo Spina Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Via Quintino Sella,

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

La sicurezza dei prodotti alimentari

La sicurezza dei prodotti alimentari La sicurezza dei prodotti alimentari n 6/2008 Supplemento gratuito al numero odierno del giornale l Adige Provincia autonoma di Trento Programma generale d intervento 2007-2008 della Provincia autonoma

Dettagli

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari

Auchan Italia ALIMENTARI. Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Auchan Italia ALIMENTARI Effetti, vantaggi ed esperienze di imprese agroalimentari nell applicazione di sistemi di rintracciabilità alimentari Marco ANNOVAZZI Servizio Qualità Auchan Sma marco.annovazzi@auchan.it

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Presentazione delle informazioni obbligatorie

Presentazione delle informazioni obbligatorie Le principali novità sul Regolamento (UE) 1169/2011 e raffronto tra la normativa nazionale e la normativa Ue Prof.ssa Erica Varese Dipartimento di Scienze Merceologiche Università degli Studi di Torino

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. LE SERGIO BERLATO ALL ASSEMBLEA DELL AVEC Amburgo, 7 ottobre 2006

INTERVENTO DELL ON. LE SERGIO BERLATO ALL ASSEMBLEA DELL AVEC Amburgo, 7 ottobre 2006 www.sergioberlato.it INTERVENTO DELL ON. LE SERGIO BERLATO ALL ASSEMBLEA DELL AVEC Amburgo, 7 ottobre 2006 Quale membro della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale e della Commissione Ambiente, sanità

Dettagli

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA questioni aperte e difficoltà applicative CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Titolo V Reg. CE 1224/09 Titolo IV Reg. UE 404/11 DM 10 novembre 2011 DD 28 dicembre 2011

Dettagli

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza Vania Patrone Istituto di Microbiologia NUTRIGEN - Centro di ricerca sulla Nutrigenomica Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione. Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice.

ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione. Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice. ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice.it NOI SIAMO CIO CHE MANGIAMO FEUERBACH Etichettatura: [ ]l'insieme

Dettagli

Scheda Tecnica Commerciale

Scheda Tecnica Commerciale Tecnica Commerciale 27 set 211 1. Anagrafica generale Ragione sociale società Codice logistico Indirizzo società Marchio EAN 13 (unità di vendita) Famiglia Sottofamiglia ITF14 (unità logistica) TMC (termine

Dettagli

Manuale operativo per l agriturismo

Manuale operativo per l agriturismo giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1483 del 05 agosto 2014 pag. 1/7 Manuale operativo per l agriturismo Le informazioni riportate nel seguente manuale operativo sono inerenti a disposizioni

Dettagli

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni:

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni: ETICHETTATURA Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari Finalità a) non indurre in errore

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE SANITA' PUBBLICA VETERINARIA. Dirigente Responsabile: Andrea Leto

Dettagli

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni.

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni. carni suine L Azienda Mec Carni è uno dei più moderni macelli, riconosciuti a livello internazionale, specializzato nella macellazione e sezionamento di carni suine. L Azienda, nata nel 1976 a sostegno

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Mercato, concorrenza e regole... 1 2. Esperienze del sistema europeo di regolazione del mercato... 3 3. Garanzie e tecniche di intervento nel mercato... 6 4. Fisionomia

Dettagli

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 Etichetta: l'insieme delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente

Dettagli

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno CNA Rovigo - 16-17 Maggio 2004 Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Assemblea

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 66/ 14 DEL 27.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 66/ 14 DEL 27.11.2008 DELIBERAZIONE N. 66/ 14 Oggetto: Decreto interministeriale 13 novembre 2007 e art. 8 della legge 25 febbraio 2008, n. 34 - Attribuzione nuove funzioni all Agenzia ARGEA Sardegna ai sensi dell art. 7, comma

Dettagli

Rintracciabilità degli animali

Rintracciabilità degli animali Rintracciabilità degli animali Base normativa comunitaria Dir. 92/102 relativa all identificazione degli animali Reg. CE 820/97 che istituisce un sistema di identificazione Reg. CE 1760/00 che istituisce

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI Maria Severina Liberati 1 La nuova ratio Etichettatura e informazione dei consumatori Direttiva 2000/13/CE relativa

Dettagli

L attuale Quadro Normativo

L attuale Quadro Normativo L attuale Quadro Normativo L educazione alimentare per il biologico Centro Congressi di Eatily Roma, 12 Ottobre 2012 Dott.ssa Teresa De Matthaeis Dirigente Ufficio Agricoltura Biologica - PQA V Ministero

Dettagli

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 GENERE DI FORNITURA LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 ACETO DI VINO BIANCO da lt. 1 LT. 70 d uve italiane ANANAS SCIROPPATO latta kg. 3 Senza aggiunta di coloranti BICARBONATO confezioni da

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori LE ETICHETTE ALIMENTARI Docente Francesca Montuori in Italia, la normativa vigente è il D.Lgs109/1992, che definisce l'etichetta di un alimento come "l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, delle

Dettagli

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne ALLEVAMENTI AVICOLI ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

Dettagli

3 - ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI BIOLOGICI

3 - ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI BIOLOGICI 3 - ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI BIOLOGICI 3.1 PREMESSA Come spiegato nella sezione precedente, sulle etichette dei prodotti certificati secondo il Reg. CE 834/07 compaiono con modalità differenti:

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

Particolari indicazioni in etichetta

Particolari indicazioni in etichetta L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa dell Unione europea e nazionale Particolari indicazioni in etichetta Torino, 21 novembre 2012 Giovanni Peira, Alessandro Bonadonna Dipartimento di

Dettagli

Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia S.c.p.a.

Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia S.c.p.a. P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 4.17- Sottomisura a) Codice 1999. IT. 16.1.PO.011/4.17 a/8.3.7/0049 PROMOZIONE DEI PRODOTTI DELLA PESCA DELL AREA DELLA PROVINCIA DI PALERMO E AZIONI DI SUPPORTO ALLE AZIENDE

Dettagli

COME. leggere un ETICHETTA. La Coopération au cæur de la Méditerranée. La Cooperazione al cuore del Mediterraneo

COME. leggere un ETICHETTA. La Coopération au cæur de la Méditerranée. La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Coopération au cæur de la Méditerranée COME leggere un ETICHETTA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Cos è l etichetta di un prodotto

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare Etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari: il Regolamento CEE 1169/2011. L etichetta delle carni macinate, gli allergeni e la tabella nutrizionale. 25 Febbraio 2014 Dr.ssa Simona Corti Tecnologo

Dettagli

RDC 04 Rev- 01 Novità per intermediari/operatori commerciali Laboratori di sezionamento

RDC 04 Rev- 01 Novità per intermediari/operatori commerciali Laboratori di sezionamento RDC 04 Rev- 01 Novità per intermediari/operatori commerciali Laboratori di sezionamento 3A - PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL UMBRIA Soc. Cons. a r. l. PROGRAMMA DELL INCONTRO 1- nuovo dispositivo

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

Stampa: Tipografia Amadeus - Ariccia (RM)

Stampa: Tipografia Amadeus - Ariccia (RM) Stampa: Tipografia Amadeus - Ariccia (RM) LA PREMESSA I consumatori sanno che cosa significa olio extravergine d oliva prima spremitura a freddo? E che differenza c è fra il burro di panna e il semplice

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti SANZIONI Il panorama giurisprudenziale è rappresentato principalmente da: Codice penale D. L.gs n. 109/92

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Modifica del disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta «Salsiccia di Calabria» Art. 1 (Denominazione) La Denominazione di Origine Protetta Salsiccia di Calabria è riservata al

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA SALUBRITA DEGLI ALIMENTI Dott.ssa Maria Caterina Sforza Biologo esperto in igiene degli alimenti e della nutrizione Educazione alla salute e salubrità degli alimenti Leggere

Dettagli

SULLE TRACCE DEL CIBO

SULLE TRACCE DEL CIBO SULLE TRACCE DEL CIBO Guida alla lettura delle etichette alimentari Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ 18 settembre 2014 Anno 2013 I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ L Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall Unione europea (Ue). I prodotti agroalimentari

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì

Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì Unione Nazionale Consumatori 1 Convegno Istituzionale Trasporto di Qualità per alimenti sicuri. Parte Terza: Linee guida per un protocollo

Dettagli

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Roberto Defez Istituto di Genetica e Biofisica del CNR, Napoli Sviluppo sost-edibile Roma, 9 ottobre 2013 Gli Ogm li vende chi li combatte Ecco

Dettagli