IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 In questo numero :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 In questo numero :"

Transcript

1 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 In questo numero : La pesca nel La fame BPCO malattia Mar Ligure nel mondo silenziosa L approvvigion amento idrico Sommario Pagina 4 Pagina 5 Pagina 8 Pagina 10 Produzione di carne e cereali I cereali sono piante appartenenti alla famiglia delle graminacee, coltivate per ricavare chicchi e semi da utilizzare come alimento per produrre farina da trasformare in pasta o pane. La foresta pluviale 2 Gli OGM:vantaggi e svantaggi 3 La pesca nel Mar Ligure 4 La fame nel mondo 5 Il nostro equilibrio energetico 6 Quante persone può sostenere la Terra? BPCO: malattia silenziosa 8 Il trasporto del cibo 9 L approvvigionamento idrico 10 We feed the world 11 La sardenaira:specialità ligure 12 7 In molti paesi rappresentano l alimento principale della dieta della popolazione umana. I cereali più prodotti sono: Mais, che è uno dei principali cibi delle popolazioni nel Nord e Sud America e in Africa; Frumento, che è la principale fonte energetica per le regioni a clima temperato, si coltiva maggiormente in Emilia-Romagna e Puglia; Riso, che è il cereale principale per le regioni a clima tropicale. Troviamo poi: Orzo, Sorgo, Miglio, Avena, Segale, Triticale, Grano Saraceno, Fonio e Quinoa. La carne è la materia organica costituente gli animali. In Italia si mangiano a testa, in media, 92 chili di carne all anno (di cui 23 di carne bovina). Il consumo di grandi quantità di carne può portare all obesità o a malattie del cuore. Carne rossa e carne conservata sono state associate ad un più alto rischio di cancro ai polmoni, esofago, fegato e colon. Giada Spina PAGINA 1

2

3 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 La foresta pluviale Una meraviglia flagellata dal continuo abbattimento di alberi La foresta pluviale è uno dei più interessanti biomi del pianeta. Essa è localizzata nella fascia più soleggiata del nostro pianeta: l equatore, da cui il nome di foresta equatoriale. La possiamo trovare in tre differenti continenti : sud-est asiatico, Africa centrale e A- merica meridionale. Ma parliamo ora della parte fondamentale della zona equatoriale: la foresta pluviale. Quella Amazzonica, è la più estesa del globo, e raggiunge ben 10 stati. È interamente attraversata dal Rio delle Amazzoni: il secondo corso d acqua più lungo al mondo. La vegetazione molto fitta è costituita da quattro differenti strati, catalogati dal basso verso l alto: Lo strato più basso è costituito da piante che arrivano a 1-1,5 metri d altezza: il sottobosco. Il secondo strato è formato da piante legnose, che possono arrivare alla misura di 3-5 metri. Il terzo strato, cominciamo a trovare alberi alti decine di metri, che riescono a fuoriuscire dal manto delle fronde e assorbire la luce. Nell ultimo strato troviamo la porzione di vegetazione detta parte emergente. Tra tutte le specie vegetali c è una gran competizione per la luce: infatti, se gli alberi più alti possono contare su luce e sull impollinazione tramite il vento, le piante più basse hanno dovuto utilizzare la bellezza ed il profumo dei fiori come strategia, per attirare gli animali impollinatori. Ora però, molte di queste piante sono in pericolo. La foresta è una regione ricca di terre pianeggianti e legname, l ideale per un agricoltura su larga scala,. Tuttavia, gli alberi sono un ostacolo e molti imprenditori senza scrupoli, hanno fatto abbattere o bruciare ettari ed ettari di foresta, spesso incontaminata. E dopo che il terreno si è esaurito ecco che un altro ettaro qua e là vengono deforestati. Ciò non ha solo portato danni alla flora, ma in particolare alla fauna, la quale, direttamente o meno, n è dipendente. Le fabbriche costruite in questi territori, inoltre, scaricano nei fiumi sostanze nocive. Animali rari come il delfino rosa del Rio sono a rischio di estinzione. Per non parlare dell impatto nei confronti delle popolazioni indigene le quali sono sfruttate nelle industrie o vengono scacciate. È vero che anche loro usavano questo metodo per avere campi coltivabili, ma il loro numero era talmente esiguo che non portavano danni all ambiente e non producevano sostanze inquinanti. I governi locali hanno sempre cercato di ovviare a tale problema, ma il giro d affari è tale che spesso loro stessi ne sono coinvolti. Solo il presidente brasiliano Lula nell ultimo decennio, ha restituito le terre agli indigeni e arrestato gli eco-terroristi, ma la strada è ancora lunga e la foresta non può aspettare i nostri comodi. Alberto Remus PAGINA 2

4

5 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo2011 OGM: Organismi Geneticamente Modificati vantaggi e svantaggi Si chiamano cibi geneticamente modificati (Ogm), fanno parte dell alimentazione umana da una decina d anni e sono un vero pomo della discordia. Per la prima volta in agricoltura il miglioramento di una pianta non avviene attraverso i metodi tradizionali, ma inserendo direttamente nel Dna un gene che può appartenere a un altra specie, per ottenere, per esempio, la resistenza ai parassiti o una maggiore produttività, oppure piante che compiono il loro ciclo vitale in un tempo minore rispetto a quello necessario in natura. PRO DEGLI OGM possibilità di ottenere organismi in grado di resistere in particolari condizioni climatiche, inattaccabili ai pesticidi o che non necessitino di anti-parassitari, con grande risparmio di denaro, tempo e aumento di rendimento. possibilità di trovare una soluzione al problema della fame nei paesi sottosviluppati, grazie all adozione di piante resistenti alle più dure condizioni climatiche. riduzione dell inquinamento da pesticidi o fertilizzanti. CONTRO DEGLI OGM riduzione della biodiversità, cioè della varietà di codice genetico dei vari esseri viventi sulla Terra. perdita della maggioranza di specie e varietà naturali ognuna adatta ad un determinato territorio, clima, risorse idriche, ecc. Inquinamento genetico: un gene impiantato su un organismo potrebbe, una volta che questo è stato inserito nell ambiente, diventare parte del patrimonio genetico di un altro, con conseguenze imprevedibili e non sempre piacevoli ( tipo una pianta parassitaria resistente ai pesticidi!). Possibile collegamento tra tumori infantili e non, sterilità, allergie e alimentazione a base di OGM Dipendenza economica dalle multinazionali che li detengono poiché i semi modificati geneticamente vengono brevettati, spesso resi sterili, quindi non utilizzabili per una moltiplicazione degli stessi privatamente, obbligando i contadini a riacquistarli ogni anno. COS E LA BIODIVERSITA? E la varietà degli esseri viventi che popolano la Terra, e si misura a livello di geni, di specie, di popolazioni e di ecosistemi. Una varietà incredibile di organismi, piccolissimi o meno, piante, animali ed ecosistemi tutti legati l uno all altro, tutti indispensabili, frutto di 3 miliardi e mezzo di anni di evoluzione. Anche noi facciamo parte della biodiversità. L anno 2010 è stato proclamato dall ONU Anno Internazionale della Biodiversità. PIANO DI AZIONE DELL UNIONE EU- ROPEA A FAVORE DELLA BIODIVERSITA I leader europei si sono accordati sull obiettivo di preservare e fermare la perdita di biodiversità in Europa entro il 2010, e andare ovviamente oltre questa data. Una serie di politiche a livello nazionale, comunitario e paneuropeo sta contribuendo a tale obiettivo. Molte politiche si concentrano su provvedimenti di protezione specifici per specie e habitat chiave. Però, se si vuole gestire la biodiversità in modo sostenibile, è importante integrare le esigenze della biodiversità nello sviluppo e nell attuazione di politiche settoriali. Gloria Gamba PAGINA 3

6

7 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 La pesca nel mar Ligure Quali sono i tipi di pesca in Liguria? I tipi di pesca praticati nella nostra regione sono la pesca con reti, per la cattura di acciughe e sardine, pesca a strascico, soprattutto calamari, seppie e sogliole di cui la Liguria è ricchissima, reti da posta, per la pesca di naselli, occhialoni. Sciabica da spiaggia principalmente per la pesca tradizionale del cicerello e del bianchetto. Anche la pesca dell'orata è molto praticata, soprattutto dalla riva ma anche dalla barca, con la tecnica del bolentino o con il palamito (esche utilizzate gamberetti, totani e seppie). L'orata di mare è uno dei piatti tipici che non può mancare nella cucina ligure! Particolarmente diffusa è la pesca a traina, nonché la tecnica del drifting, per la cattura di boniti, palamite, tonnetti, lampughe e cavalle. Questa tecnica di pesca è praticata principalmente in autunno, quando davanti alle coste Liguri c'è il passaggio dei pesci predatori che si concentrano nella caccia alle acciughe, che per difesa si raccolgono nelle famose bolle, visibili a occhio nudo. Per finire, non può mancare l'antichissima pesca della tonnara di Camogli, sistema di pesca a reti fisse calate a circa 400 metri da Camogli, praticata fin dai primi del I regolamenti per pescare in modo corretto nel nostro mare! Per cominciare si conferma il divieto sancito dalla legge italiana di pescare pesci inferiori a 7 cm, così come è confermata la misura minima italiana per i seguenti pesci, ricordando che il pesce va misurato a bocca chiusa. Ecco l'elenco dei pesci e dei periodi in cui è vietato pescarli : Saraghi di tutte le specie cm 15 Acciughe cm 9 Rana pescatrice cm 30 Pagelli (tutte le specie del pagello) cm 12 Suro di tutte le specie cm 12 Spigola cm 23 Cernia di tutte le specie cm 45 Nasello e merluzzo argentato cm 20 Cefali di tutte le specie cm 20 Triglia di fango e scoglio cm 11 Pagro cm 18 Cernia di fondale (o dotto) cm 45 Sgombro cm 18 sogliola cm 20 Tonno rosso, cattura massima consentita settimanalmente un solo tonno per ciascuna imbarcazione cm 70 Pesce spada(la misura va effettuata dalla punta della spada alla punta della coda), lo spada novello e vietato pescarlo durante i mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre cm 140 Orate cm20 Storione cm 60 Storione ladano cm 100 Anguilla e Palamita cm 25 Alalonga cm 40 Tonnetto * cm 30 Ghiozzo "go" cm 12 Passera pianuzza cm 15 Storione comune divieto permanente di cattura detenzione e trasporto Federica Giacchino PAGINA 4

8

9 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N La fame nel mondo Sono 800 milioni le persone, da un emisfero all'altro, che soffrono di fame. E non basta, perché la malnutrizione riguarda un numero ben superiore di persone: oltre due miliardi. l'80% della popolazione Africana soffre di gravi malattie legate alla malnutrizione. I bambini sono soggetti alla caduta di capelli, fino alla calvizie, alla perdita delle unghie e talvolta anche del primo strato di pelle. I1 mondo è pieno di affamati perché le risorse alimentari sono mal distribuite: bisognerebbe quindi sviluppare l'agricoltura nelle zone più povere insegnando loro le nuove tecnologie utilizzate nei paesi industrializzati e proteggere le economie delle zone più povere. Ma questo non è abbastanza perchè nel mondo i dislivelli tra popolazioni povere e ricche è troppo smisurato..e i paesi ricchi lo diventeranno sempre più a scapito di quelli poveri che resteranno tali. È allarme rosso anche per la situazione infanzia nel mondo : Ogni anno 11 milioni di bambini muoiono per problemi legati alla malnutrizione e questo grosso problema sfocia in altri sempre molto gravi come i bambini soldato, o quelli nei bordelli, vittime dello sfruttamento sessuale. Oltre 600 milioni,sotto i 5 anni, devono sopravvivere con meno di un dollaro al giorno 200 milioni sono affetti da rachitismo per malnutrizione e oltre 110 non vanno a scuola. Secondo le ricerche della Global Humanitaria un bambino africano può avere un futuro con soli 25 euro al mese ovvero circa 80 centesimi al giorno con i quali potrà mangiare e vestirsi. Quindi Tutti gli uomini devono e possono battersi per la tutela dei diritti umani, troppo spesso violati aiutando queste popolazioni con piccolissimi contributi che comportano però un grande fututo. Luca Greco PAGINA 5

10

11 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 Il nostro equilibrio energetico dattamento evolutivo e siamo impreparati sia dal punto di vista comportamentale che biologico. Al giorno d oggi tendiamo a mangiare il più possibile e a fare poca attività fisica, e le nostre cellule non operano correttamente quando l energia è in eccesso. Lo studio dell energomica si concentra sui mitocondri, gli organuli delle cellule che gestiscono il metabolismo energetico: il loro DNA contiene geni responsabili di varie patologie come l obesità, le malattie cardiovascolari, il diabete, il cancro e alcune forme di sordità. Per trattare queste patologie si studiano farmaci in grado di intervenire nel metabolismo energetico della cellula. La chiave del funzionamento del nostro organismo sta nell equilibrio tra l energia che assumiamo attraverso il cibo e quella che consumiamo con i processi biologici e l attività fisica. Da qui nasce una nuova disciplina detta energomica, che indaga il nesso tra i meccanismi alla base di questo equilibrio e l insorgere di numerose patologie e studia il metabolismo energetico sia a livello generale dell organismo, sia a livello cellulare. problemi nascono quando l equilibrio viene meno perché l energia in ingresso non è sufficiente al fabbisogno, oppure è troppa e difficile da smaltire. Il nostro metabolismo si è adattato ad affrontare la scarsità di energia nel corso di una lunga storia evolutiva. Non siamo invece attrezzati a gestire l eccessiva disponibilità alimentare che riguarda oggi i paesi ricchi. Il cambiamento ambientale è stato troppo rapido per un a- I mitocondri sono coinvolti anche nei processi di invecchiamento dell organismo: attenuare questi processi vorrebbe dire se non altro invecchiare in condizioni migliori anche se non è facile perché al giorno d oggi nella vita moderna gli ascensori, le scale mobili e l abitudine a prendere l auto o i mezzi pubblici ci inducono l impressione di non aver tempo per l attività fisica. Daniele Patrone PAGINA 6

12

13 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 Quante persone può sostenere la Terra? È una domanda con cui gli scienziati sono alle prese da centinaia di anni. Essi devono ancora accordarsi su una risposta. Thomas Malthus ha dato il via al dibattito nei primi anni dell'ottocento, quando ha predetto la fine imminente per il genere umano. Egli credeva che la popolazione della Terra fosse aumentata a causa di un tasso geometrico, mentre la produzione di cibo fosse aumentata solo per un tasso aritmetico. La popolazione umana avrebbe presto superato la sua capacità di produrre cibo, e ci sarebbe stata una catastrofe dalla metà del XIX secolo. Siamo ancora qui, e quindi, la predizione non si è avverata. La tecnologia ha permesso agli esseri umani di produrre molto più cibo di quanto previsto da Malthus. Anche se le sue idee erano sbagliate, esse rimangono interessanti. La capacità di carico della Terra è un argomento assai controverso. Molti credono che siamo già al limite massimo di persone sostenibili dal nostro pianeta. Altri invece pensano che la terra possa sostenere molte più individui. La popolazione mondiale attuale corrisponde circa a 6,6 miliardi di persone; secondo le Nazioni Unite, la sua crescita si differenzia in tutto il mondo; infatti va dal 1,9 per cento nelle regioni meno sviluppate a 0,3/0,4 per cento nelle zone più sviluppate; il numero medio di figli invece che una donna dà alla luce nella sua vita, detto anche tasso di fecondità totale, varia da 4,2 bambini nei paesi in via di sviluppo, a 1,2 nei paesi sviluppati. Nel 1992, le Nazioni Unite prevedevano che se dal 1990 il tasso di crescita era continuo, il mondo avrebbe avuto circa 12,5 miliardi di persone nel Il tasso di fecondità medio mondiale, però è sceso a 2,5 per donna, quindi la popolazione mondiale della Terra, invece di crescere costantemente fino a 12,5 miliardi in 50 anni, come previsto è diminuita, poiché il tasso di natalità è sceso all 1,7 per cento. In base a questo dati la popolazione dovrebbe aumentare fino a 7,8 miliardi di individui. E complicato determinare veramente qual è il limite reale, perché vi sono numerosissime variabili, come lo stile di vita. Il nostro pianeta, comunque, è in grado di sopportare molte più persone, se riuscissimo a vivere, utilizzando meno risorse. Manzino Luca Wojcikowski Daniel PAGINA 7

14

15 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 BPCO: Malattia silenziosa La sua diffusione continua ad aumentare La BPCO, BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, è una malattia caratt e r i z z a t a d a l l i n f i a m m a z i o n e dell apparato respiratorio ostruendo parzialmente i bronchi e le vie aeree. Secondo le statistiche è stato riscontrato che la BPCO è la quarta causa di morte in Europa e negli Stati Uniti, e questo dato si sta diffondendo anche per quel che riguarda il resto del mondo. Ma come si contrae questa malattia e quali sono i suoi sintomi? E i possibili rimedi? La causa principale di questa patologia è sicuramente il fumo di sigaretta, le sostanze come nicotina e diversi tipi di catrami intaccano le vie respiratorie; è stato calcolato che il 15-20% dei fumatori abituali contragga tale malattia. La BPCO colpisce soprattutto gli uomini, ma da pochi anni a questa parte anche nelle donne è aumentato questo numero; infatti, nel secolo scorso la presenza della malattia è aumentata del 25% negli uomini e del 69% nelle donne. Tra le altre cause troviamo il lavoro in ambienti molto inquinati senza le dovute precauzioni, come lavoro in fabbrica e miniera (che può portare anche alla silicosi). Ce ne sono poi delle altre, di minore importanza ma che è bene non sottovalutare, tra cui l esposizione a polveri sottili e al cosiddetto fumo passivo. Quali sono i sintomi della patologia? È rimediabile e/o reversibile? La broncopneumopatia cronica ostruttiva ha diversi sintomi, i quali, però non sono così evidenti come per altre patologie, abbiamo bronchite cronica, respiro affannoso dopo brevi e poco intensi sforzi, perdita di peso, aumento del volume toracico, rantoli, edemi agli arti inferiori e molti altri ancora. Per e f f e t t u a r e una diagnosi della malattia è sufficiente fare due test molto semplici e poco invasivi: l Emo Gas e il test dei 6 minuti di cammino, la diagnosi arriverà immediatamente dopo tali prove. La malattia quando viene riscontrata negli stadi di avanzamento medio alti è solitamente non totalmente reversibili, buona norma dopo averla riscontrata è smettere di fumare e ridurre l esposizione a sostanze inquinanti. Per curarla, se è possibile il paziente, viene sottoposto a ossigeno terapia, trattamenti farmacologici di diverso tipo e nei casi estremi interventi chirurgici quali riduzione del volume polmonare o addirittura trapianto di organi respiratori. Sarebbe in ogni modo da evitare di fumare, per qualunque ragione, perché una volta diagnosticata la BPCO, si ha il 40% di possibilità di sopravvivenza. (in 3 casi su 5 si muore!) Alberto Remus PAGINA 8

16

17 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 Il trasporto del cibo 11mila chilometri con un consumo di 6,4 kg di petrolio che liberano 20,1 chili di anidride carbonica e l anguria brasiliana viaggia per oltre 9mila km, brucia 5,3 chili di petrolio e libera 16,5 chili di anidride carbonica per ogni chilo di prodotto, attraverso il trasporto con mezzi aerei. In alcuni casi si spende di piu' per i trasporti che per il prodotto in sè. Il livello globale è stato calcolato che un pasto medio percorre più di 1900 chilometri, trasportato da camion, nave o aeroplano, prima di arrivare sulla nostra tavola e spesso ci vuole più energia per consegnare il pasto al consumatore del valore nutrizionale del pasto stesso. Talvolta alcuni prodotti percorrono fino a 2400 km. Consumando prodotti locali, di stagione e a chilometri zero e facendo attenzione agli imballaggi, una famiglia può arrivare ad abbattere fino a mille chili di anidride carbonica l anno. E stato calcolato che un chilo di ciliegie dal Cile per giungere sulle tavole italiane deve percorrere quasi 12mila chilometri con un consumo di 6,9 chili di petrolio e l emissione di 21,6 chili di anidride carbonica, mentre un chilo di mirtilli dall Argentina deve volare per più di Il consumo di petrolio, il costo del cibo, la crescita della popolazione mondiale, il lavoro, la quantità e la qualità della terra coltivabile a disposizione, la scarsità di acqua, i cambiamenti climatici, e la cosiddetta "nutrition transition", ovvero i cambiamenti nella dieta dei paesi in via di sviluppo sono sfide quindi che il nostro pianeta si troverà ad affrontare. Amore Desirè PAGINA 9

18

19 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N Il problema dell approvvigionamento idrico all'utilizzo e alla proprietà delle risorse idriche. La maggior parte dei conflitti sono a causa della diversità delle risorse idriche tra i vari paesi. Con l'attuazione del progetto Gap, che prevede la realizzazione di 22 dighe e 19 centrali idroelettriche, la Turchia ha due obiettivi: ribadire la sua supremazia rispetto a Siria e Iraq e controllare militarmente i territori dell'anatolia sudorientale. Il caso turco, così come quello israeliano, dimostra come le "guerre per l'acqua" possano essere la conseguenza più che la causa delle tensioni internazionali, e rivela la pericolosità delle logiche dell'idropolitica. L'acqua sulla Terra è il 40% in meno di trent'anni fa. Questo è dovuto alla crescita demografica e all inquinamento. Gli scienziati avvertono che, intorno al 2020, quando ad abitare la Terra saremo circa 8 miliardi, il numero delle persone senza accesso all'acqua potabile sarà circa 3 miliardi. Le soluzioni prospettate finalizzate ad aumentare la disponibilità di acqua come la costruzione di grandi dighe o la desalinizzazione hanno costi ambientali ed economici troppo elevati. Nessun sistema, per ora ideato, è risultato utilizzabile. Non riuscendo a trovare un modo per aumentare la disponibilità d acqua si prevedono, in futuro, guerre per l oro blu indispensabile alla vita.. Oggi giorno si tende a presentare la situazione come immodificabile, quasi apocalittica, senza interrogarsi sulle cause reali che hanno portato il pianeta sull'orlo del collasso idrico e che impediscono a un terzo dell'umanità di avere l'accesso diretto alle acque potabili.. Attualmente, nel mondo ci sono circa cinquanta conflitti tra Stati per cause legate Una politica di potenza, basata sul ricatto idrico e sulle difficoltà di approvvigionamento degli avversari, non è certo la strada migliore per risolvere la penuria d'acqua. Al contrario tende a "mantenere" la scarsità per poter far valere i propri meccanismi. La soluzione ai problemi legati alla scarsità idrica in molti casi non si trova nell'acqua, o in costose e discutibili soluzioni tecniche, ma passa per la volontà politica dei dirigenti. Che vuol dire avviare una seria cooperazione a livello regionale e internazionale se non addirittura mondiale. Marta Piombo PAGINA 10

20

21 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 We feed the world Forse non si ci è mai chiesti quanto cibo viene sprecato ogni anno in Italia. Allora ecco qualche numero: più di tonnellate di cibo buttate nella spazzatura. certamente questo dato fa riflettere su tante cose. Una tale quantità di cibo sarebbe in grado di sfamare un intera nazione! Nei cassonetti si buttano: pane, pasta, frutta, verdura, uova scadute, biscotti secchi ecc, insomma tutto quanto si è acquistato e messo nel carrello e poi per tanti motivi si è dimenticato o nel frigo o nella dispensa. In una grande città come Milano ogni giorno si butterebbero nella spazzatura quasi 200 quintali di pane. Tutto il cibo prima nominato e calcolato in così tante tonnellate corrisponde ad una cifra pari a 4 miliardi di euro, è come se ciascuna famiglia ogni anno buttasse nella spazzatura quasi 600 euro, e non è poco, visto che ogni mese la stessa famiglia spende una media di 500 euro solo per la stessa e medesima spesa alimentare, in sintesi è quasi come se un mese intero finisse nel cassonetto. A livello di supermercato ogni anno si formano i cossi detti resi cioè quel cibo invenduto, rimasto sugli scaffali causa una piccola ammaccatura, piuttosto che cibo troppo vicino alla scadenza o con la confezione non perfetta. E quasi certamente non si è mai pensato alla quantità di cibo prodotta a livello mondiale... Alcuni studi e calcoli dimostrano che, nonostante la popolazione attuale mondiale sia circa 7 miliardi di persone, il cibo è prodotto per quasi il doppio, ovvero per 12 miliardi di persone: lo spreco quindi parte già dalla produzione ancora prima che dal consumo! Se in Italia le cose vanno in questo modo, come è la situazione negli altri Paesi? Ad esempio in Inghilterra si butta nella spazzatura più di un terzo della spesa, basta citare un semplice esempio: lo yogurt va a finire ancora intero (chiuso nella sua confezione) nel cassonetto. Si deve tenere presente un piccolo consiglio dato dagli esperti: se a casa si ha uno yogurt scaduto solo da uno o due giorni, non si deve buttare, perché in realtà può essere consumato senza nessun problema, l unico fatto sarà legato alla sua carica batterica (batteri buoni) semplicemente ridotta o assente, visto che i batteri hanno una certa durata di vita, ma per il resto mangiarlo non farà male! Al limite, se proprio non i consumatori non si fidano, losi può usare per una sana e casalinga maschera per il viso.la data di scadenza è, per certi cibi, stabilita perentoriamente dalla Legge; è il caso ad esempio del latte (6 giorni il fresco, 90 l Uht e 180 quello sterilizzato), le uova (28 giorni dopo la deposizione, solo 9 giorni nel caso delle uova extra fresche), la pasta fresca ecc. Per gli altri alimenti, l indicare la scadenza (o tmc, termine minimo di conservazione) è di competenza dell azienda produttrice che, dopo aver testato il prodotto, valutato la materia prima utilizzata, le diverse tecniche di conservazione e così via, decide il lasso di tempo entro il quale il prodotto sarà valido. Quindi occhio a non sprecare, a non comperare più del necessario, a controllare con molta attenzione la dispensa e tutti i cibi all interno del frigorifero, così come quando si fa la spesa attenzione a ciò che si sceglie di mettere all interno del carrello. Fabio Brondo PAGINA 11

22

23 IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 15 Marzo 2011 Sardenaira Tipica specialità ligure Una focaccia tipica del ponente ligure: INGREDIENTI SALE PEPE 3 SPICCHI D AGLIO POMODORO PASTA PER LA PIZZA ORIGANO OLIVE TAGGIASCHE ACCIUGHE CIPOLLA OLIO La preparazione si compone di tre momenti: 1) Preparare il sugo in padella con olio, cipolla, salsa di pomodoro,salare. 2) Stendere la pasta per la pizza su una teglia unta e aggiungere la salsa di pomodoro, acciughe, capperi, due spicchi d aglio in camicia, abbondante origano, olive e un filo d olio. 3) PIZZA: Scaldare il forno fino a 200 gradi, deve essere caldissimo! Cuocere per 15 minuti. Fabio Brondo Roberto Calcagno PAGINA 12

24

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI 24 aprile 15 Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa Ci siamo incontrati con Matteo che collabora con LAST MINUTE MARKET. LAST MINUT MARKET

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Perché sprecare se...

Perché sprecare se... Perché sprecare se... Emergenza acqua Dal ciclo dell'acqua dipendono sia le condizioni climatiche e ambientali, sia i processi di fotosintesi e respirazione, che rendono possibile la vita sul nostro pianeta.

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Nella partita contro la deforestazione

Nella partita contro la deforestazione Nella partita contro la deforestazione facciamo il tifo per GLI ALBERI. Coop lancia il progetto Boschi e Foreste: una serie di iniziative concrete per contrastare la deforestazione e favorire l aumento

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Postfazione. di Edoardo Maturo

Postfazione. di Edoardo Maturo 107 Postfazione di Edoardo Maturo Nel 2011, anno in cui ricorre il 150 anniversario dell unità d Italia, il nostro Paese sembra essere stato invaso da una nuova ondata di partecipazione politica. Tra qualche

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!!

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!! LEZIONE 3 Rivolta a tutti i ragazzi delle scuole dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado. Per i docenti: sviluppate la traccia della tematica sotto presentata, adattandola con parole e iniziative,

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Pensare globalmente, agire localmente.

Pensare globalmente, agire localmente. Pensare globalmente, agire localmente. Consapevolezza alimentare degli studenti del Liceo V. Gioberti di Torino Pensare globalmente, agire localmente. Questo lo slogan del progetto Comenius 2013/2015 che

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici).

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). IL CAMBIAMENTO CLIMATICO \ INQUINAMENTO DELL'ARIA Ogni anno

Dettagli

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce

Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce EMERGENZA ACQUA Disponibilità annuale pro capite di acqua dolce Le società umane si sono sviluppate laddove c era disponibilità d acqua. Le prime civiltà furono, infatti, civiltà fluviali. Il Nilo, il

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

L impronta ecologica

L impronta ecologica L impronta ecologica IMPRONTA ECOLOGICA L'impronta ecologica parte dal presupposto che ogni categoria di consumo di energia e di materia e ogni emissione di scarti ha bisogno della capacità produttiva

Dettagli

Campagna 1 Milione di Pasti le uova di Pasqua diventano solidali. Press Kit 21/03/2013

Campagna 1 Milione di Pasti le uova di Pasqua diventano solidali. Press Kit 21/03/2013 Campagna 1 Milione di Pasti le uova di Pasqua diventano solidali Press Kit 21/03/2013 COMUNICATO STAMPA 328.200 pasti distribuiti nelle nostre scuole durante il 2012 e 100.000 solo in Italia negli ultimi

Dettagli

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO ORGANISMO GENETICAMENTE MODIFICATO PRO CONTRO LA FAME NEL MONDO Il maggior utilizzo degli Ogm consentirà una maggiore produttività dei raccolti, garantendo cibo in abbondanza anche ai paesi più arretrati

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO TUTELA DELLA BIODIVERSITA ED AGRICOLTURA BIOLOGICA Domenica 25 Ottobre 2015 con inizio

Dettagli

Auto, moto, scooter, biciclette, urban mobility elettrici e ibridi, la mobilità è ad una svolta!! Ma cosa sono e come funzionano?

Auto, moto, scooter, biciclette, urban mobility elettrici e ibridi, la mobilità è ad una svolta!! Ma cosa sono e come funzionano? Auto, moto, scooter, biciclette, urban mobility elettrici e ibridi, la mobilità è ad una svolta!! Ma cosa sono e come funzionano? Vediamo di conoscerli un po meglio!! Come è costituito un mezzo elettrico

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo.

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Con la compartecipazione della Provincia di Bologna, Tavolo Provinciale per la Pace.

Dettagli

Survey Internazionale sull Ecologia Risultati italiani

Survey Internazionale sull Ecologia Risultati italiani Survey Internazionale sull Ecologia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare il rapporto delle utenti di alfemminile con l ambiente, l ecologia e i prodotti di origine biologica. Date 16 29 agosto

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Il nostro spreco quotidiano

Il nostro spreco quotidiano Il nostro spreco quotidiano Torino, 23 ottobre 2014 Franca Braga Responsabile Centro studi alimentazione e salute Chi siamo? La prima e più diffusa organizzazione di consumatori italiana ALTROCONSUMO è

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

L Esposizione Universale, chiamata anche. EXPO, è una manifestazione che ha luogo ogni. Riunisce migliaia di persone che provengono

L Esposizione Universale, chiamata anche. EXPO, è una manifestazione che ha luogo ogni. Riunisce migliaia di persone che provengono L Esposizione Universale, chiamata anche EXPO, è una manifestazione che ha luogo ogni cinque anni. Riunisce migliaia di persone che provengono da tutto il mondo per parlare di un tema che riguarda tutti.

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

INVASIONE? Le cifre del problema

INVASIONE? Le cifre del problema INVASIONE? Le cifre del problema 114.285 richiedenti asilo in Italia nei primi 8 mesi dell anno (2.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 L Italia accoglie un numero molto modesto di profughi

Dettagli

Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE

Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: CRESCERE BENE Premessa: Studi recenti hanno messo in luce come, anche in Italia, stia ormai emergendo il problema dell obesità infantile. Come è noto si

Dettagli

Può Risparmiare NON ALIMENTARE. Evitando LO SPRECO. Consumi Oltremisura

Può Risparmiare NON ALIMENTARE. Evitando LO SPRECO. Consumi Oltremisura Si Può Risparmiare Evitando NON ALIMENTARE LO SPRECO Consumi Oltremisura Per spreco alimentare si intende l insieme di tutti quei prodotti alimentari che hanno perso valore commerciale e vengono scartati

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Dalla campagna a casa tua

Dalla campagna a casa tua Prodotti di agricoltura locale Dalla campagna a casa tua Ricevi a casa prodotti freschissimi di agricoltura locale a poche ore dal raccolto! Esci dal supermercato, entra in agricoltura Prodotti di agricoltura

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Quanta acqua serve per produrre un kg di carta?

Quanta acqua serve per produrre un kg di carta? Quanta acqua serve per produrre un kg di carta? a) nuova 10 litri / riciclata 0,5 litri b) nuova 100 litri / riciclata 2 litri c) nuova 350 litri / riciclata 70 litri Quasi nessun prodotto può essere fabbricato

Dettagli

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri Homo Sapiens Sapiens ed Energia Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri 1 Il punto di vista energetico... E solo uno degli innumerevoli punti di vista utili per valutare

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili Nella fisica classica l'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Le

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

PERCHÉ SCEGLIERE UN ALIMENTAZIONE VEGAN?

PERCHÉ SCEGLIERE UN ALIMENTAZIONE VEGAN? PERCHÉ SCEGLIERE UN ALIMENTAZIONE VEGAN? PER GLI ANIMALI Chi sceglie di vivere vegan prende oggettivamente atto che gli animali (tutti e non solo alcuni) non sono cibo, bensì esseri senzienti in grado

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT)

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Gruppo di ricerca Sorveglianza del rischio alimentare Sorveglianza dell esposizione

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013

Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile. Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Realtà e prospettive del biologico per un agricoltura sostenibile Paolo Carnemolla Il Biologico verso l Expo 2015 Bologna 06 settembre 2013 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Serve un sistema agroalimentare

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

-La crisi della diversità

-La crisi della diversità -La crisi della diversità La diversità culturale e la diversità biologica sono legati strettamente. Ovunque le comunità locali hanno sviluppato il proprio sapere, hanno trovato il modo di ricavare i mezzi

Dettagli

Silvia Ricci Associazione Mazingira

Silvia Ricci Associazione Mazingira Legna, carbone e sterco: uso delle biomasse nei Paesi in Via di Sviluppo Silvia Ricci Associazione Mazingira La combustione di legno o altri materiali organici facilmente disponibili fu la più antica forma

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA LA POVERTÀ CONDUCE DIRETTAMENTE AL DEGRADO AMBIENTALE, PERCHÉ I POVERI NON PENSANO AL FUTURO E TAGLIERANNO ANCHE

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: IL 1300 BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre lo studio dei fatti più importanti del 1300 DIDATTIZZAZIONE e

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

La via delle delizie. * vegan * biologico * senza latte * senza uovo * senza olio di palma. www.wheaty.it

La via delle delizie. * vegan * biologico * senza latte * senza uovo * senza olio di palma. www.wheaty.it La via delle delizie * vegan * biologico * senza latte * senza uovo * senza olio di palma www.wheaty.it SAPORI STRAORDINARI TOPAS nasce più di 20 anni fa. Il nome unisce i primi prodotti offerti: tofu,

Dettagli

Batti la crisi col cervello!

Batti la crisi col cervello! Batti la crisi col cervello! 20 suggerimenti per vivere meglio consumando meno alimentazione trasporti economia domestica denaro tempo libero calcola il valore della tua AltraCard! Batti la crisi col cervello!

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli