LETTURA STATISTICA DELLA PESCA ITALIANA E GAC - MARCHE SUD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LETTURA STATISTICA DELLA PESCA ITALIANA E GAC - MARCHE SUD"

Transcript

1 LETTURA STATISTICA DELLA PESCA ITALIANA E GAC MARCHE SUD a cura di Nazzareno Torquati

2 SOMMARIO. La Sostenibilità della Risorsa Introduzione Bilancio di approvvigionamento del settore ittico in Italia. La Politica delle Demolizioni Demolizioni in Italia per anno e licenze di pesca Le demolizioni nella Regione Marche. La Flotta Attuale

3 . Il Compartimento di San Benedetto del Tronto. Il Pesce Azzurro in Adriatico. Conclusioni. Appendice

4 La sostenibilità della risorsa Oggi il quadro delle risorse ittiche dell Adriatico è drammatico. Anni di supersfruttamento delle risorse ittiche hanno causato dei gravissimi gap riproduttivi in tutte le specie autoctone e solo la grandissima ricchezza biologica del mare e il fatto che una parte degli stock di individui adulti dislocati nei numerosi fondali inaccessibili per le reti da traino ha permesso che si creassero enclave spazio/temporali che hanno consentito ad una parte dello stock di raggiungere la maturità sessuale, evitando così l esaurimento della popolazione. Secondo Ocean (una coalizione di Ong che si battono per una riforma del mercato e delle politiche ittiche europee) in termini di attività ittiche ecosostenibili la quota di pescato italiana sarebbe già esaurita. E stato calcolato che l autonomia ittica italiana è di soli giorni l anno Il caso italiano è, in tal senso, emblematico :. km di costa malgestiti, violentata fino a renderla spopolata o fortemente inquinata. Ancora oggi nonostante le tante Bandiere Blu lo sversamento in mare di inquinanti dai fiumi è continuo e ad esso si aggiunge lo scarico in mare di rifiuti di ogni genere da parte di navi che a centinaia navigano quotidianamente nel nostro mare. Sebbene gli stock ittici siano una risorsa rinnovabile, preleviamo dai nostri mari molto più velocemente rispetto ai tempi di ripopolamento. Le raccomandazioni derivanti dalla ricerca scientifica hanno trovato scarsa applicazione nella gestione della pesca e alle strategie di gestione, come ad esempio per i programmi di contenimento dello sforzo, è mancato perlopiù un fondamento scientifico nonostante l abbondanza delle ricerche e delle conoscenze sulla pesca e le risorse nell Adriatico. Non si è creato un organismo scientifico generale che potesse promuovere e coordinare le attività e i risultati scientifici, valutare i pareri e presentarli in una forma adeguata che serva di base per la gestione della pesca. La conseguenza è che il % dei stock ittici del Mediterraneo esaminati nel rapporto di Ocean è sovrasfruttato. Per l Italia il grado di autosufficienza e sceso dal,% al,% negli ultimi due anni e rimane dipendente dal pesce estero per circa il % dei suoi consumi con un disavanzo di miliardi di euro. Dato il calo delle catture, l Italia, che continua a consumare quasi la stessa quantità di pesce del, è costretta a importarne il % in più rispetto a un ventennio fa. BILANCIO DI APPROVVIGIONAMENTO DEL SETTORE ITTICO IN ITALIA INDICATORI Produzione Importazioni Esportazioni Saldo commerciale Movimento Consumi apparenti Consumo Pro Capite (Kg.) Grado di Autoapprovvigionamento (%) Propensione all import (%) Propensione all export (%) Grado di coprt. delle import. (%) Saldo Normalizzato (%) MIGLIAIA DI TONNELLATE,,,,,,,,,,,,,,,,,, VAR. (%) /,,,,,,,,,,,, T.V.M.A. /.Stima.Pesca marittima e acquacoltura.pesci, molluschi, crostacei ed altri invertebrati acquatici e loro preparazioni Fonte: elaborazioni Ismea su dati Mipaaf Irepa, Api, Istat,,,,,,,,,,,,

5 LA BIOMASSA DI ALCUNE SPECIE COMMERCIALI Nasello Scampo Triglia di Fango,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,, Elaborando questa biomassa delle tre specie, su un piano puramente teorico e solo per avere un idea di cosa può rappresentare in termini economici in un area come il Mare Adriatico che complessivamente ha una superficie di. kmq dei quali, togliendo le acque territoriali croate e la fascia costiera ne restano pescabili circa. kmq che divisi per i addetti stimati imbarcati su pescherecci operativi fuori delle tre miglia ci da un rapporto di un pescatore ogni kmq che sono circa ettari. E come se ogni pescatore avesse una disponibilità di un area come quasi il territorio di San Benedetto, che è di kmq. Se poi si fa lo stesso calcolo per i operatori entro le tre miglia, con una superficie di. Kmq, il rapporto è di un pescatore ogni, kmq che sono circa ettari. Rapportando così la biomassa sulla superficie pescabile possiamo ipotizzare questi valori.queste ipotesi di valutazione economica della biomassa disponibile non tiene conto della riserva minima per ogni specie a rischio estinzione. Nel contempo da un idea della scarsa redditività del lavoro nella pesca ulteriormente aggravata dal costo del gasolio. NASELLO SCAMPO TRIGLIA Kg/Kmq Q.tà disponibile Kg Kg/addetto /addetto Kg/Kmq Q.tà disponibile Kg Kg/addetto /addetto Kg/Kmq Q.tà disponibile Kg Kg/addetto /addetto

6 un vero e proprio disastro Bisogna chiedersi come mai dopo dieci Piani triennali per la pesca, ventisei fermi biologici ed oltre miliardi di euro spesi in questo settore negli ultimi venticinque anni ci ritroviamo con il dimezzamento della flotta, il dimezzamento degli equipaggi, il dimezzamento del pescato e il raddoppio della dipendenza dall estero con una bilancia negativa di oltre tre miliardi di euro annui, con il mondo della ricerca fermo e ignorato. FINANZIAMENTI PESCA UE ALL ITALIA TRA IL E IL Descrizione Demolizioni barche Incremento capacità di cattura Fermi biologici Incremento Acquacoltura Azioni per organizzazioni e ass.prod. Progetti Pilota Infrastrutture portuali Modernizzazioni barche Promozione Trasferimento barche in stati esteri Di questo vero e proprio disastro possiamo darci alcune risposte anche di natura politica come la mancanza di un Piano Strategico di settore di lunga durata sia da parte del Governo centrale che delle Regioni per l affermazione di una politica di sostenibilità della risorsa e di condivisione della stessa con i Paesi frontalieri e la mancanza di un coinvolgimento reale delle Amministrazioni locali nella programmazione degli interventi da parte del Governo centrale che delle Regioni. La scarsa attenzione delle forze politiche alle problematiche di sviluppo del settore ed eccessiva delega alle associazioni di categoria da decenni ferme nelle loro iniziative e nei loro dirigenti. Eppure se andiamo ad analizzare i fondi messi a disposizione dalla UE negli anni / vediamo che sono stati spesi circa milioni di euro su iniziative come da questa tabella. Salta subito agli occhi la mancanza di fondi per la ricerca scientifica ma di fato essa è stata in gran parte delegata alle associazioni di categoria ed ognuna si è creata una o più società di ricerca cui hanno dirottato finanziamenti per ricerche mai suffragate da reali benefici per le imprese di pesca. Parliamo di decine di milioni di euro finiti nel nulla. Euro..,..,..,..,..,..,..,..,..,.., percentuale Totale.., Da questa tabella possiamo invece vedere quali sono i porti italiani che maggiormente hanno usufruito di finanziamenti europei. Spicca Mazara del Vallo in quanto ha esercitato una forte ridimensionamento della flotta di pescherecci di alto tonnellaggio riuscendo così ad intercettare un consistente livello di fondi provenienti dall Europa. FINANZIAMENTI UE Porto MAZARA DEL VALLO DEL TR. MOLFETTA TRAPANI.....

7 La politica delle demolizioni La mancanza di una gestione scientifica e di una visione dell economia ittica proiettata nel futuro come settore di valenza strategica nazionale ha portato a cercare una soluzione con la demolizione della flotta. Iniziativa inefficace considerando l incremento esponenziale della flotta dei Paesi frontalieri con i quali si condividono le stesse aree di pesca e di risorse ittiche e le nuove costruzioni e la dotazione di motori sempre più potenti. Le demolizioni di barche in Italia, effettuate a partire dal, sono state ad oggi e hanno riguardato lo strascico, con ritiro di licenze, pari al % del totale, i LongLine o con licenze, pari al %, le reti da posta con licenze, pari al %, la circuizione con licenze, pari al %, le Vongolare con licenze, pari al % e per ultime le Volanti con licenze, pari al.%. DEMOLIZIONI IN ITALIA PER ANNO E LICENZA ANNO Totale VG RP LL ST CR VL TOTALE Legenda: VG=Vongolare, RP=Reti da Posta, LL=Long Line, ST=, CR=, VL=Volante

8 Delle barche demolite erano in attività da oltre anni, da a anni, da a anni, e sotto i anni. Sicuramente è stata fatta una bella pulizia di natanti ormai obsoleti e molto dispendiosi nella gestione.come vedremo però nelle prossime pagine sono numerosi, in giro per i porti italiani, i pescherecci ancora in attività, o almeno sulla carta, con un considerevole numero di anni di vita alle spalle. In diversi casi si supera addirittura il secolo di vità. ETA BARCHE DEMOLITE FASCIA DI ANNI Da anni in su Da anni a anni Da anni a anni Sotto i anni TOTALE NUM... % PRIMI PORTI PER QUANTITA DI M/P DEMOLITO PORTO MAZARA DEL VALLO GORO MANFREDONIA GALLIPOLI SCIACCA DEL TR. MOLFETTA TERRACINA TRAPANI PORTOPALO DI CAPO P. PORTICELLO CHIOGGIA BAGNARA SIRACUSA MARANO LAGUNARE ORISTANO BRINDISI MOLA DI BARI SAVONA PESCARA LESINA LIPARI CIVITANOVA MARCHE TARANTO LIVORNO FANO GAETA LICATA CROTONE MARSALA PORTO GARIBALDI SANT'AGATA DI MILITELLO SCARDOVARI CAORLE LAMPEDUSA MILAZZO TERMINI IMERESE CATANIA VIAREGGIO RIMINI FORMIA SANT'ANTIOCO GRADO ISOLA DELLE FEMMINE MARGHERITA DI SAVOIA MONOPOLI TERMOLI TRANI VASTO VG RP LL ST CR VL TOTALE Legenda: VG=Vongolare, RP=Reti da Posta, LL=Long Line, ST=, CR=, VL=Volante

9 CLASSE DI TLS M/P DEMOLITI Regione Abruzzo Calabria Campania EmiliaRomagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Molise Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Totale Fino a in su Totale TIPOLOGIA DI LICENZA DI PESCA PRINCIPALE PER M/P DEMOLITI Regione Abruzzo Calabria Campania EmiliaRomagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Molise Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Totale Circuiz. Palang. Rapidi Reti da P. Volante Vongol. Totale TIPOLOGIA DELLA DOPPIA LICENZA DI PESCA PER M/P DEMOLITI Regione Abruzzo Calabria Campania EmiliaRomagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Molise Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Totale Circuiz. Rapidi Reti da P. Sciabica Vongol. Totale Palang. Volante

10 MATERIALE DI COSTRUZIONE PER M/P DEMOLITI Regione Abruzzo Calabria Campania EmiliaRomagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Molise Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Totale Totale VTR NC RAPPORTO E M/P DEMOLITI Regione Abruzzo Calabria Campania EmiliaRomagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Molise Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Totale N Scafi CLASSE DI ETA DELLO SCAFO M/P DEMOLITI Regione Abruzzo Calabria Campania EmiliaRomagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Molise Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Totale.. Totale.

11 Le Demolizioni nella Regione Marche ANDAMENTO DELLE DEMOLIZIONI PER ANNO Anno N. Demolizioni ANDAMENTO DELLE DEMOLIZIONI PER ANNO Anno N. Demolizioni CLASSE DI M/P DEMOLITI Compartimento Ancona Pesaro San Benedetto Tr. totale Fino a in su TOTALE TIPOLOGIA DI LICENZA PRINCIPALE M/P DEMOLITI Compartimento Ancona Pesaro San Benedetto Tr. totale Circuiz. Palang. Reti da P Volante Vongol. TOTALE TIPOLOGIA DOPPIA LICENZA DI PESCA M/P DEMOLITI Compartimento Ancona Pesaro San Benedetto Tr. totale Circuiz. Palang. Reti da P Sciabica Volante Vongol. TOTALE

12 MATERIALE DI COSTRUZIONE M/P DEMOLITI Compartimento Ancona Pesaro San Benedetto Tr. totale RAPPORTO E M/P DEMOLITI Compartimento Ancona Pesaro San Benedetto Tr. totale N... VTR.... CLASSE DI ETA DELLO SCAFO M/P DEMOLITI Compartimento Ancona Pesaro San Benedetto Tr. totale NC TOTALE TOTALE

13 Le Demolizioni nel compartimento di San Benedetto del Tronto e nel Gac Marche Sud CLASSE DI M/P DEMOLITI Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Fino a in su TOTALE TIPOLOGIA DI LICENZA PRINCIPALE M/P DEMOLITI Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Circuiz. Palang. Reti da P Volante Vongol. TOTALE TIPOLOGIA DI DOPPIA LICENZA DI PESCA M/P DEMOLITI Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Circuiz. Palang. Reti da P Sciabica Volante Vongol. TOTALE MATERIALE DI COSTRUZIONE DEI M/P DEMOLITI Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud VTR NC TOTALE

14 RAPPORTO E M/P DEMOLITI Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud N CLASSE DI ETA DELLO SCAFO E M/P DEMOLITI Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud TOTALE

15 Le demolizioni nel nostro compartimento Nel nostro compartimento le demolizioni sono state ad oggi con in testa la flotta sambenedettese con demolizioni alle quali vanno aggiunte altre, in massima parte piccole imbarcazioni, che sono state trasferite in altri porti. Nella particolare classifica del compartimento nostrano, dopo il porto di San Benedetto viene quello di Porto San Giorgio con demolizioni, quindi quello di Cupra Marittima con venti. Seguono i porti di Grottammare e Pedaso, entrambi con demolizioni ciascuno. Sono da evidenziare le demolizioni delle imbarcazioni di Martinsicuro, facenti base al Porto di San Benedetto, che ha avuto la flotta delle lampare decimate. Con le demolizioni sono state ritirate licenze delle quali sono rappresentate dallo strascico. DEMOLIZIONI NEL COMPARTIMENTO ANNO CM GR PD PSG SBT TOTALE Totale

16 LICENZE RITIRATE Porto RP LL ST CR VG TOTALE PORTO SAN GIORGIO PEDASO CUPRAMARITTIMA GROTTAMMARE T. Legenda: RP=Reti da Posta, LL=Long Line, ST=, CR=, VG=Vongolare

17 LA FLOTTA ATTUALE TONNELLAGGIO A STAZZA LORDA Classe Fino a Da a Da a Da a Sopra le N %.. totale. La consistenza della flotta da pesca italiana è oggi fortemente ridimensionata se rapportata alla lunghezza delle coste e della vastità della superficie di mare disponibile.ben il % delle imbarcazioni sono di piccolo tonnellaggio ciò conferisce alla flotta italiana le caratteristiche di una flotta artigianale di piccolo cabotaggio, sebbene una parte ingente delle catture sia effettuata da pescherecci più grossi e non artigianali. Si tratta perlopiù di attività di piccola pesca che, nelle acque costiere, praticano mestieri diversi in funzione del periodo dell anno.e vi è inoltre un alta percentuale di pescatori semiprofessionali e a tempo parziale. I punti di sbarco o di approdo sono disseminati lungo migliaia di chilometri di costa.,,,, CLASSE DI PER REGIONE Regione fino a in su Totale Abruzzo Calabria Campania Emilia Romagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto totale Quella che era stata appena anni fa una delle marinerie più forti nel mondo con la sua flottiglia di pescherecci oceanici con stazza dalle alle oggi si ritrova con solo due imbarcazioni che superano le, una tonnara iscritta al compartimento di Napoli e una a strascico iscritta a Mazara del Vallo e operativa nel Mediterraneo.

18 MATERIALE DI COSTRUZIONE Abruzzo Calabria Campania Emilia Romagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto LEGNO Regione totale METALLO VTR ALTRO NC TOTALE / MOTORE PER REGIONE Abruzzo Calabria Campania Emilia Romagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Regione totale N BARCHE /BARCA,,,,,,,,,,,,,, /BARCA,,,,,,,,,,,,,,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,., CLASSE DI E Fino a in su Classe di totale N BARCHE.... /BARCA,,,,,,,,.,.,,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,..

19 Oggi lo scenario della maggiore consistenza di flotta di pesca in termini di tonnellaggio va al porto di Mazara del Vallo. Il nostro porto che per decenni ha detenuto il primato è oggi al nono posto. Dopo Mazara del Vallo c è Chioggia che, nonostante abbia un numero superiore di imbarcazioni ha un totale di tonnellaggio a stazza lorda di molte inferiore a quello del porto siciliano. Quindi ci sono i porti di Ancona, Sciacca, Manfredonia, Cagliari, Molfetta, Pescara e come detto San Benedetto che si trova al nono posto con un tonnellaggio di. e unità di pesca. In questa particolare classifica, chiusa al ventesimo posto da Bisceglie, ci sono anche i porti marchigiani di Civitanova Marche che si posiziona al quattrodicesimo posto e di Fano, che ricopre la diciassettesima posizione. CONSISTENZA FLOTTA DI PESCA PORTO MAZARA DEL VALLO CHIOGGIA SCIACCA MANFREDONIA CAGLIARI MOLFETTA PESCARA DEL TRONTO PORTICELLO PORTOPALO DI CAPO PASSERO SALERNO RIMINI CIVITANOVA MARCHE PALERMO CATANIA FANO SANT'ANTIOCO TRAPANI BISCEGLIE.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,., N LICENZA DI PESCA PRINCIPALE PER REGIONE Regione Reti da Posta Rapidi Volante Vongolare TOTALE Abruzzo Calabria Campania Emilia Romagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto totale

20 BARCHE CON LA DOPPIA LICENZA DI PESCA Regione Reti da Posta Volante Vongolare Sciabica Rapidi TOTALE Abruzzo Calabria Campania Emilia Romagna FriuliV.Giulia Lazio Liguria Marche Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto totale In questa tabella si è cercato di stimare il numero degli addetti alla pesca e confrontando la stima con la nostra marineria i dati sono molti vicini alla realtà Classe Fino a Da a Da a Da a Sopra le Stima n addetti..... %,,,,, totale. Mancano numeri certi sugli addetti imbarcati sui pescherecci italiani, i pochi dati attendibili sono datati a diversi anni fa. Eppure sarebbe di fondamentale importanza conoscere non solo il numero ma anche l età, il livello culturale e la preparazione professionale, le aspettative, la nazionalità ecc. Dotandosi di questi dati sarebbe possibile mettere in atto delle azioni di attrazione delle nuove generazioni per dimostrare che le attività di pesca rappresentano una possibilità di lavoro. Perché la mancanza di nuove assunzioni, assieme alla perdita di opportunità di lavoro per i pescatori più anziani sta avendo un impatto negativo sulla trasmissione dell eredità culturale legata alle attività di pesca. Nella nostra regione non esistono più Istituti di formazione professionale e ormai da decenni non vengono utilizzati i fondi del FSE per le attività pescherecce.

21 Un dato su cui riflettere è quello dato dagli anni di attività dei pescherecci residui. Come si può notare nella tavola la nostra è una flottiglia obsoleta dove oltre il % ha una attività superiore ai trenta anni quindi con barche costruite in epoche in cui non erano presenti le problematiche legate alle condizioni igienicosanitarie, di sicurezza e confort, di risparmio energetico, di inquinamento acustico e da idrocarburi. Lo stato di invecchiamento della flotta presenta, ormai, un connotato di cronicità in Periodo Da anni in su Da anni a anni Da anni a anni Sotto i anni totale quanto, sebbene le politiche atte a ringiovanire il capitale impiegato risalgano a parecchi anni addietro l obsolescenza della flotta risulta costante nel tempo a causa dell invarianza del rapporto tra entrate e uscite. Il grado di obsolescenza delle navi da pesca è un indicatore particolarmente significativo per una valutazione complessiva dell efficienza della flotta e dell evoluzione del fattore capitale come elemento dello sforzo di pesca. In generale, l età della flotta è uno stimatore della progressiva riduzione dell efficienza delle operazioni di pesca. Il basso contenuto di innovazione tecnologica che caratterizza una flotta obsoleta impedisce l utilizzo di materiali più leggeri, di apparecchiature più efficienti che migliorano la performance produttiva e permettono un innalzamento dell efficienza complessiva. Col passare del tempo si registra una perdita di efficienza delle imbarcazioni che si traduce in una progressiva riduzione del grado di utilizzo del capitale e, per riflesso, di efficienza della flotta. N..... % STIMA PERSONALE IMBARCATO PER REGIONE Regione ABRUZZO CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI V. GIULIA LAZIO LIGURIA MARCHE MOLISE PUGLIA SARDEGNA SICILIA TOSCANA VENETO TOTALE Circuiz.. Palang.. Reti da p.. Strasc.,,. Vongol.. Volante. TOTALE

22 ETA DEI M/P NEI PORTI ITALIANI PORTO Da a anni Da a anni Da anni in su Sotto i anni Totale Demolibili ORISTANO GORO PORTICELLO SANT'ANTIOCO CHIOGGIA MANFREDONIA MAZARA DEL VALLO MARANO LAGUNARE CAGLIARI RODI GARGANICO TARANTO TRAPANI SALERNO GALLIPOLI CORIGLIANO CALABRO ISOLA DELLE FEMMINE PORTOPALO DI CAPO PASSERO SCIACCA Scorrendo l elenco delle barche si notano decine di imbarcazioni con un età superiore ai anni. Questo fa nascere il sospetto che è probabilmente frutto di una mancanza di controllo da parte delle autorità competenti perché se fosse vero sarebbero oggetto da museo. Nel porto di Ancona figura in attività la Enrichetta, una imbarcazione che avrebbe qualcosa come anni. A Sperlonga ce ne sarebbe una operativa da quindi, sempre ad Ancona, altre due barche che lavorerebbero una da e una da anni: rispettivamente la Matilde e la Esmeralda. La più giovane di questa particolare classifica ha appena novant anni e si trova nelle Marche, a Senigallia. NOME M/P ENRICHETTA GA MATILDE RICCHI FLIPPER ROSA A. LUPIN ESMERALDA SARA S. TERESA DEL BAMBIN G. LETIZIA VITTORIO NOVELLINO S. ANTONIO MAREA BEA BIANCA MARIA MARIA ADELAIDE JESUS RIKI II S. FRANCESCO DOMENICA ANTONIA SAN SILVERIO PRIMO ANTARES S. COSIMO PASQUALINA TRENTO E TRIESTE SERENELLA PORTO SPERLONGA SCARDOVARI GORO LA SPEZIA SENIGALLIA PORTICELLO SANT'ANTIOCO GORO BELLARIA ISOLA DELLE FEMMINE ALGHERO GALLIPOLI GORO PORTO TORRES PORTO TORRES ORISTANO GORO BARI BARI BARI GOLFO ARANCI PORTO TORRES BRINDISI CROTONE ORISTANO SENIGALLIA ANZIANITA

23 Nella tabella seguente sono invece riportate le costruzioni per il totale di delle imbarcazioni, sia esistenti che demolite a partire dal, suddivise in località sede dei cantieri navali escluse le navi per la pesca oceanica. Il primato va a Civitanova Marche con costruzioni. Da notare la presenza di altre tre località marchigiane fra le prime dieci. In una politica di rinnovamento totale della flotta sia i cantieri che tutto l indotto avrebbero una spinta di notevole importanza e si innesterebbe un momento di grande fervore nella ricerca di nuove tecnologie. BARCHE REALIZZATE PER CANTIERE CITTA CANTIERE CIVITANOVA MARCHE TRAPANI LICATA MOLFETTA MANFREDONIA MONOPOLI DEL TR. VIAREGGIO FANO SALERNO NC PALERMO MAZARA DEL VALLO TORRE DEL GRECO VENEZIA CATANIA BARI CESENATICO RIMINI.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,., N COSTRUZIONI

24 Il compartimento di San Benedetto del Tronto Le unità da pesca esistenti oggi sono con in testa San Benedetto,, Porto San Giorgio, Cupramarittima e poi Pedaso e Grottammare con. La maggioranza delle licenze sono le reti da posta, le vongolare, a strascico, palangari, volante, circuizione. Si può notare come la maggioranza delle licenze riguarda l operatività della fascia costiera dove i ritmi di lavoro sono più lenti e soprattutto si effettua una pesca con uscita in mare e rientro nella giornata. Si possono stimare addetti alla pesca nel compartimento di circa unità con in testa San Benedetto,, Porto San Giorgio, Cupramarittima e poi Pedaso e Grottammare con. CLASSE DI Classe Fino a totale Numero Barche % CLASSE DI NEL COMPARTIMENTO E NEL GAC MARCHE SUD Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Fino a LICENZA PRINCIPALE NEL COMPARTIMENTO E NEL GAC MARCHE S. Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Circuiz. Palang. Reti da P DOPPIA LICENZA NEL COMPARTIMENTO Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Circuiz. Palang. Reti da P Vongol. Sciabica TOTALE Volante TOTALE TOTALE

25 MATERIALE DI COSTRUZIONE NEL COMPARTIMENTO Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud VTR / MOTORE NEL COMPARTIMENTO Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud N Barche CLASSE DI ETA DI COSTRUZIONE DELLO SCAFO Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud NC STIMA DEL PERSONALE IMBARCATO NEL COMPARTIMENTO Porto Cupra Marittima Grottammare Pedaso Porto San Giorgio San Benedetto Tr. totale compartim. Civitanova Marche totale GAC M. Sud Circuiz. Palang. Reti da P Vongol. TOTALE TOTALE NC TOTALE

26 La Flotta Marchigiana DOPPIE LICENZE PER COMPARTIMENTO Compartimento PESARO Totale CLASSE DI NELLE MARCHE Classe Fino a Totale Circuiz. N / MOTORE Classe PESARO S. BENEDETTO Totale N Barche. %. Palang. Reti da P CLASSE DI PER COMPARTIMENTO Compartimento PESARO Totale Fino a LICENZA DI PESCA PRINCIPALE PER COMPARTIMENTO Compartimento PESARO Totale Sciabica Circuiz. Palang. Volanti Reti da P Totale Vongol. MATERIALE DI COSTRUZIONE PER COMPARTIMENTO Compartimento PESARO Totale CLASSE DI ETA DI COSTRUZIONE DELLO SCAFO Compartimento PESARO Totale STIMA PERSONALE IMBARCATO Compartimento PESARO Totale Circuiz. Palang. Reti da P Vongol. Totale VTR NC NC Sopra Totale Totale Totale Totale

27 Il pescato astato nel mercato di San Benedetto A conforto delle statistiche relative al raffronto fra l astato del con quello del i dati del vedono in grande ripresa di cattura due specie di buon valore commerciale : il merluzzo che è incrementato del % e la sogliola con un +% e una ripresa di totani +% e seppie +%. Le quantità astate al maggio confermano un importante incremento di queste specie. CROSTACEI (Kg.) Specie Scampi Pannocchie Mazzancolle Gambero rosa AL SU BASE POND..,.,.,., MOLLUSCHI (Kg.) Specie Calamari Moscardini Seppie Totani AL..,.,.,., SU BASE POND..,.,.,., PESCI PIATTI (Kg.) Specie Rombi Razze AL.... SU BASE POND... PESCI CODATI (Kg.) Specie Merluzzi RospiPescatrici Potassoli O Melu` Triglie Gallinella o mazzola AL SU BASE POND......

28 Lo sforzo di pesca per il pesce azzurro in Adriatico Analizzando i dati relativi alle licenze di pesca del pesce azzurro nell Adriatico viene fuori ancora una volta l innegabile realtà di un settore non governato da una politica della pesca basata sulla ricerca e sulla sostenibilità della risorsa ma bensì sulla approssimazione, sulla sudditanza ad esigenze di mercato effimere, su una politica associativa corporativa incapace di una visione strategica di lungo respiro. Infatti negli ultimi due decenni sia con la demolizione di pescherecci che con il rilascio di licenze di pesca a coppia, comunemente chiamate volante, si è cercato di diminuire lo sforzo di pesca a strascico incrementando la cattura di pesce azzurro e così pregiudicando ulteriormente lo stock ittico già fortemente depresso. LICENZE DI PESCA A COPPIA VOLANTE MARE Adriatico Ionio Mediterraneo Tirreno totale N,,,, PESCA VOLANTE IN ADRIATICO MARE Alto Adriatico Centro Adriatico Basso Adriatico totale N % %

29 Rilascio delle licenze per la pesca volante Il Governo italiano nel corso degli anni ha di fatto promosso un incremento della pressione di pesca su queste specie nell Adriatico permettendo un aumento del numero delle imbarcazioni autorizzate, e della stazza delle stesse, anche grazie all artificio delle licenze di pesca sperimentale che di sperimentale non avevano nulla: una vera e propria flotta fantasma che alla fine è stata regolarizzata ed è andata a soppiantare il più tradizionale sistema della lampara, con un pescato di notevole qualità. LICENZE PER LE VOLANTI NEI PORTI ITALIANI PORTO N PORTO N BELLARIA CATTOLICA CESENATICO CHIOGGIA GORO MARANO LAGUNARE PORTO GARIBALDI PORTO TOLLE RAVENNA RIMINI BARLETTA BISCEGLIE MANFREDONIA MARGHERITA DI S. MOLA DI BARI MOLFETTA TRANI CIVITANOVA MARCHE FANO MARTINSICURO PESCARA T. TORTORETO CROTONE LAMPEDUSA SCIACCA ANZIO CORIGLIANO CAL. FORMIA PORTO SANTO ST. GAETA LA SPEZIA SAN REMO CASTELLABATE VIAREGGIO totale Complessivamente sono state rilasciate licenze delle quali pari al % in Adriatico. Di queste ultime ben in Alto Adriatico pari al %, in Centro Adriatico pari al % e in Basso Adriatico pari al %. Una ripartizione senza criterio di sostenibilità se non quello di soddisfare marinerie che dopo aver intaccato le proprie risorse demersali si sono riversate sul pesce azzurro.

30 Non si è cercato di mutuare esperienze in atto in Europa come in tutto il Mondo di contenimento delle catture in base alla ricerca e alla rilevazione della biomassa seguendo un formulario ormai consolidato. ( sarebbe stato sufficiente informarsi sulle disposizione UE nel Cantabrico dove da cinque anni sono contingentate le catture e grazie alle aziende di trasformazione collegate la materia prima ha raggiunto un altissima redditività o i fermi pluriennali nelle coste marocchine o della Namibia) Così operando e ignorando il grido di allarme proveniente dal mondo ambientalista e dalla ricerca si è intaccato un patrimonio naturale inestimabile, a ragione definito l oro blu, che rappresenta l unico pesce massivo del nostro mare e dal quale ha avuto origine un industria di lavorazione oggi sofferente per la mancanza di materia prima di dimensioni macchinabili. Ulteriore fattore altamente penalizzante la contaminazione stagionale del pescato da parte dell Anisakis, che ha creato diffidenza e una ulteriore fortissima contrazione del mercato.

31 La situazione nel porto di San Benedetto La cattura annuale dei motopesca facenti capo a San Benedetto è passata dalle. tonnellate degli anni a. degli anni, alle. degli anni, alle del primo decennio del, alle del. Oggi benché siano rilasciate licenze principali per lampara, a Martinsicuro e a Pescara, e ben di doppia licenza, a Giulianova, a Pescara e a Martinsicuro, le imbarcazioni che in questo periodo hanno armato a lampara sono solo quelle di Martinsicuro e un paio a Giulianova. Quella che era la pesca più sostenibile con più personale imbarcato e che aveva riscontri positivi nell industria di trasformazione sta inesorabilmente tramontando. ALICI PERIODO ANNI ANNI ANNI ANNI OGGI ALICI ANNO TONNELLATE..... TONNELLATE

Corriamo. 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente. per l ambiente!

Corriamo. 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente. per l ambiente! Corriamo 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente per l ambiente! E la più grande corsa a tappe a favore dell e dello ambiente sport E una manifestazione non competitiva,

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

LA PESCA ILLEGALE, NON DOCUMENTATA E NON REGOLAMENTATA NELL UNIONE EUROPEA: Il CASO DELLE RETI DERIVANTI ITALIANE. Greenpeace/GParsons

LA PESCA ILLEGALE, NON DOCUMENTATA E NON REGOLAMENTATA NELL UNIONE EUROPEA: Il CASO DELLE RETI DERIVANTI ITALIANE. Greenpeace/GParsons LA PESCA ILLEGALE, NON DOCUMENTATA E NON REGOLAMENTATA NELL UNIONE EUROPEA: Il CASO DELLE RETI DERIVANTI ITALIANE Greenpeace/GParsons Novembre 2010 Indice 1. Introduzione 2. Le attività INN della Italiana

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1 Posti disponibili A 245 CIACCI Angela pos.214 punt.70,20 CHEILAN Claria Marie pos.221 punt.70,00 MELLI CREMONINI Elisabetta pos.210 punt.70,50 MUCCHINO Valentina pos.212 punt.70,30 APPIGNANESI SIMONA pos.224

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CLASSE DI CONCORSO:A019 DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMIC. CLASSE DI CONCORSO:A024 DISEGNO E STORIA DEL COSTUME

CLASSE DI CONCORSO:A019 DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMIC. CLASSE DI CONCORSO:A024 DISEGNO E STORIA DEL COSTUME CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI BARONI SILVANA 06/03/1962 VV 262,00 C D DI VITO GREGORIO 12/09/1957 VV 193,00 C D DRAMISSINO ROSALBA 07/06/1960 CS 176,00 C D ** FIAMINGO ANTONIA

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*)

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*) Prot. AOOUSPNO 5969/U Novara, 22/08/2013 IL DIRIGENTE la CM n. 8004 del 02/08/2013 e il relativo contingente assegnato a questa provincia per l attribuzione di contratto a tempo indeterminato per il PERSONALE

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

D I S P O N E. GF\D:\Documents and Settings\All Users\Documenti\Documenti\NOMINE 2012-2013\GRADUATORIA DEFIN UTILIZZ E ASS PROVV 2012-13.

D I S P O N E. GF\D:\Documents and Settings\All Users\Documenti\Documenti\NOMINE 2012-2013\GRADUATORIA DEFIN UTILIZZ E ASS PROVV 2012-13. Prot. n. 6028 C2CU, 05.09.2012 IL DIRIGENTE VISTO il CCNI sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA sottoscritto per l anno scolastico 20122013 in data 2382012;

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC.

PUNT. TOT. DICHIARATO PREC. 1 A016 NUCIFORA LAURA 24/06/1962 205,00 ITG JUVARA SIRACUSA 1 A018 LASAGNA GIORGIO 11/09/1956 DOP 200,00 LIC.ART. NOTO 2 A018 GULINO MARIA TERESA 06/08/1961 DOP 118,00 LIC.ART. LENTINI 3 A018 INTERLANDI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'ABRUZZO AMBITO VII - PROVINCIA DI TERAMO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'ABRUZZO AMBITO VII - PROVINCIA DI TERAMO A016 - COSTR. TECNOL. CECI EUSTACCHIO FAUSTO 15/09/1963 DOTAZIONE ORGANICA PROV. 114,00 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'ABRUZZO AMBITO VII - PROVINCIA DI TERAMO A017 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI ABATUCCI

Dettagli

D E C R E T A 3 D ADDARIO TEODOLINDA AD01 ITC CASALBORDINO 5 DI BIASE LUCIA AD01 IM LANCIANO 6 DI BLASIO TERESA AD01 ITIS VASTO

D E C R E T A 3 D ADDARIO TEODOLINDA AD01 ITC CASALBORDINO 5 DI BIASE LUCIA AD01 IM LANCIANO 6 DI BLASIO TERESA AD01 ITIS VASTO Prot. n. AOOUSPCH2813 IL RESPONSABILE DELL UFFICIO VI VISTO il proprio atto n. 2462 del 22 luglio 2013, con il quale sono stati individuati i posti di sostegno agli alunni in situazione di handicap negli

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'ABRUZZO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CHIETI

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'ABRUZZO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CHIETI GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Committente: Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/212251 - fax: 039/2109334 http//www.alsispa.it

Dettagli

In cl. Ri s. Cod. Tip o. Su ppl en za

In cl. Ri s. Cod. Tip o. Su ppl en za Cod. Tip o In cl. Ri s Post o Cognome Nome Data Nascita Punt eggi o AN 1 PROIETTI MANCINI SIMONA 30/09/1975 200 AN 2 CALCATERRA LUCIA 24/09/1969 198 AN 3 COPPOLA MARIA TERESA 25/06/1962 196 AN 4 MARCON

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : FOGGIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : FOGGIA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

LICEO GINNASIO "I. KANT" IV A V A. Composizione Consigli di Classe A.S. 2011-12. Classe: CINTI MARIA CARLA. Italiano GALLORO FELICIA.

LICEO GINNASIO I. KANT IV A V A. Composizione Consigli di Classe A.S. 2011-12. Classe: CINTI MARIA CARLA. Italiano GALLORO FELICIA. LICEO GINNASIO "I. KANT" Composizione Consigli di Classe A.S. 2011-12 IV A CINTI MARIA CARLA GALLORO FELICIA CINTI MARIA CARLA CINTI MARIA CARLA TEDESCHINI ALESSANDRA CRISTOFORI PAOLA MATTONI ANNAMARIA

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

1. CINELLI ANNA MARIA 15/04/57 PN 151,00

1. CINELLI ANNA MARIA 15/04/57 PN 151,00 INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 NOTA ESPLICATIVA I PUNTEGGI PER I DOCENTI INCLUSI NELLA PRESENTE GRADUATORIA SONO DETERMINATI NEL SEGUENTE MODO: 1) PER I DOCENTI GIA' TITOLARI SULLA

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014 Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014 Tipo Posto Cod. Tipo Posto Posto Cognome Nome Punteggio COMUNE AN 1 VICARI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE : SICILIA DIOCESI : NICOSIA ELENCO RISERVISTI GRADUATORIA DEFINITIVA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE : SICILIA DIOCESI : NICOSIA ELENCO RISERVISTI GRADUATORIA DEFINITIVA CONCORSO RISERVATO PERSONALE DOCENTE DI RELIGIONE - SCUOLA PRIMO E SECONDO GRADO PAG. 1 DIOCESI : NICOSIA 000001 NOVELLO MARIA YF/005712 38,60 12,00 13,00 4,00 09,60 M GQR 02 30/05/1965 LEONFORTE (EN)

Dettagli

Tip olo gia Gr. Cod. Tip o. Incl. Ris

Tip olo gia Gr. Cod. Tip o. Incl. Ris Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Infanzia BRIC82200P- SECONDO ISTITUTO COMPRENSIVO-SAN VITO DEI NORMANNI Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 30/09/2014 Tipo Posto Cod. Tip

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

A012 PORRECA Patrizia A058-A060-A074 Pisticci 101 95 95 DOP. A016 COLLETTA Olga Ren. A072- Sostegno Policoro 46 40 Senza sede

A012 PORRECA Patrizia A058-A060-A074 Pisticci 101 95 95 DOP. A016 COLLETTA Olga Ren. A072- Sostegno Policoro 46 40 Senza sede Altra Classe di Sede e A012 PORRECA Patrizia A058-A060-A074 Pisticci 101 95 95 DOP A016 COLLETTA Olga Ren. A072- Sostegno Policoro 46 40 Senza sede A017 GAUDIANO Domenico A039 ITC"Ol."MT 299 Matera 305

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE SOCIETA' C.R PUNT. M AURELIA LAZ 12013 TEAM LOMBARDIA LOM 11726 PLAIN TEAM VENETO VEN 11487 GESTISPORT COOP LOM 11355 TEAM INSUBRIKA LOM 11323 ANIENE LAZ 11202 TEAM NUOTO TOSCANA EMPOLI TOS 11014 DDS LOM

Dettagli

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO "MONTERISI" LORIA COMUNE : SALERNO

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO MONTERISI LORIA COMUNE : SALERNO AB77 - CHITARRA PAG. 1008 000001 BARONE MARIO SA/135710 0,00 0,00 6,00 126,00 66,00 15,00 Q X 213,00 2014 02/12/1985 (NA) BRNMRA85T02L245D VIA CARMINIELLO 7, E 14 80058 TORRE ANNUNZIATA (NA) SAMM17400V

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L.

DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L. DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L. 64/2013 Fatture in C/Capitale non estinte alla data dell'8 Aprile 2013 1 F.lli

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Prot. n. 4582/1 Foggia, 20.8.2013 IL DIRIGENTE

Prot. n. 4582/1 Foggia, 20.8.2013 IL DIRIGENTE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la PUGLIA Direzione Generale Ufficio IX Ambito Territoriale Foggia Prot. n. 4582/1 Foggia, 20.8.2013 IL DIRIGENTE

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Sup. Co d. Tip o. Tip olo gia Gr. Inc l. Ris. Po sto. Tipo Posto

Sup. Co d. Tip o. Tip olo gia Gr. Inc l. Ris. Po sto. Tipo Posto Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria BRIC82200P- SECONDO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VITO DEI NORMANNI Data Produzione Graduatoria Definitiva: 08/11/2014 Tipo Posto Co d. Tip

Dettagli

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Femmine (50 mt) anno Società TEMPO 1

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009 Oggetto: approvazione graduatoria finale della selezione pubblica per titoli per il reperimento di figure professionali necessarie al funzionamento dell ufficio di Piano e per attività e servizi previsti

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

agevolazioni 2.09.2014

agevolazioni 2.09.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO ELETTRICO, LE RINNOVABILI E L'EFFICIENZA ENERGETICA, IL NUCLEARE EX DIVISIONE IX ATTUAZIONE E GESTIONE DI PROGRAMMI DI INCENTIVAZIONE

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : MATERA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

Focus regionale sulla depurazione:

Focus regionale sulla depurazione: Goletta Verde presenta i risultati del monitoraggio in Puglia Cariche batteriche elevate per 9 campionamenti su 30. Criticità alle foci di fiumi, torrenti e scarichi Focus regionale sulla depurazione:

Dettagli

20 SETTEMBRE - 2 a SESSIONE: Infermiere e Project Management

20 SETTEMBRE - 2 a SESSIONE: Infermiere e Project Management Il unitamente all Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina e Chirurgia - Master di II livello in Project Manager in Sanità - ed i Collegi di Bari, BAT, Benevento, Bergamo, Campobasso, Caserta,

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

DecOro Una ricca collezione di decorazioni che ampliano le soluzioni architettoniche dei Mosaici d Italia

DecOro Una ricca collezione di decorazioni che ampliano le soluzioni architettoniche dei Mosaici d Italia MOSAICI d ITALIA Il nome.. la materia.. l idea, un progetto di notevole spessore. Una innovazione certa tutto assolutamente ed esclusivamente Italiano. Gres porcellanato estruso, colori a tutta massa dalle

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE II CIRCOLO G. RODARI Via Fiduccia n.7/a 90039 Villabate Tel. - Fax 091/6159077 Presidenza Tel. 091/6144639 PUBBLICA

DIREZIONE DIDATTICA STATALE II CIRCOLO G. RODARI Via Fiduccia n.7/a 90039 Villabate Tel. - Fax 091/6159077 Presidenza Tel. 091/6144639 PUBBLICA PROT. Ris. N /B19 DIREZIONE DIDATTICA STATALE II CIRCOLO G. RODARI Via Fiduccia n.7/a 90039 Villabate Tel. - Fax 091/6159077 Presidenza Tel. 091/6144639 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VILLABATE, 03/04/2014 *

Dettagli

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A Staffette 4 x 25 Stile Libero 1 F SPORT VILLAGE (Azzoni-Mazzeo-Caravaggi-Costa) 2 F VOGHERESE N (Guida-Prizzon-Guagnini-Dragoti) 3 F CENTRO FIN PAVIA (Rossi-Beretta-.-Balduzzi)) 1 F/M MELEGNANO (Marchesoni-Gigli-Turazza-Benussi)

Dettagli

ASSEGNAZIONE DOCENTI AI PLESSI, ALLE CLASSI, ALLE SEZIONI, ALLE DISCIPLINE

ASSEGNAZIONE DOCENTI AI PLESSI, ALLE CLASSI, ALLE SEZIONI, ALLE DISCIPLINE A.S. 2013-14 ASSEGNAZIONE DOCENTI AI PLESSI, ALLE CLASSI, ALLE SEZIONI, ALLE DISCIPLINE SCUOLA INFANZIA COLLE INNAMORATI Doc. curricolari Sostegno IRC Sezione A Cattelan Cristina Ranieri Paola (antimer.)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIII - Cremona Prot. MIUR AOO USPCR RU/5402 Cremona, 30 Agosto 2012 IL DIRIGENTE VISTO il

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli