Titelbild: Illustration Foto, first level imagery Objekt. Performance. Recognition. Reward. ABB Cassa pensione. A better world begins with you

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titelbild: Illustration Foto, first level imagery Objekt. Performance. Recognition. Reward. ABB Cassa pensione. A better world begins with you"

Transcript

1 Titelbild: Illustration Foto, first level imagery Objekt Regolamento, edizione 2012 Performance. Recognition. Reward. ABB Cassa pensione A better world begins with you

2 Fa fede la versione originale in lingua tedesca.

3 Indice Cifra Pagina A Disposizioni generali Nome e scopo 1 4 Definizioni 2 4 Cerchia degli assicurati 3 4 Inizio e fine dell assicurazione 4 5 Salario assicurato 5 5 Capitale di risparmio e accrediti di risparmio 6 6 B Prestazioni della fondazione Prestazioni di vecchiaia Rendita di vecchiaia/capitale di risparmio 7 7 Rendita per figli di pensionati 8 7 Prestazioni d invalidità Rendita d invalidità 9 8 Rendita per figli d invalidi 10 8 Prestazioni per superstiti Rendita per il coniuge o liquidazione 11 9 Rendita per il partner o liquidazione 12 9 Rendita per orfani Capitale in caso di decesso Altre prestazioni Rendita in caso di ritiro anticipato per motivi aziendali Prestazione di libero passaggio Cifra Pagina E Organizzazione e amministrazione Consiglio di fondazione Amministrazione della fondazione Informazioni e obbligo di notifica F Disposizioni finali Amministrazione della giustizia Lacune del regolamento Modifiche/regolamenti precedenti Entrata in vigore Appendice I: Tabelle dei contributi 18 Appendice II: Aliquota di conversione 21 Appendice III: Tabella d acquisto 22 C Disposizioni generali sulle prestazioni Liquidazione delle rendite Promozione di proprietà d'abitazioni Adeguamento delle rendite al rincaro Eccedenza d assicurazione e riduzione delle prestazioni D Finanziamento Obbligo di contribuzione Ammontare dei contributi Patrimonio, equilibrio finanziario e fondi separati Limitazione dell obbligo di contribuzione della ditta Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 3

4 A Disposizioni generali 1 Nome e scopo 1.1 Con il nome ABB Cassa pensione esiste una fondazione iscritta nel registro della previdenza professionale ai sensi dell articolo 80 segg. CC e dell articolo 48 LPP. 1.2 Lo scopo della fondazione è la previdenza professionale nell ambito della LPP e delle sue norme d attuazione. Essa è destinata alle collaboratrici e ai collaboratori della ABB Schweiz AG nonché ai loro congiunti e superstiti. Le imprese connesse economicamente o finanziariamente ad essa hanno la possibilità di aderire alla fondazione tramite un accordo. La fondazione offre una protezione contro le conseguenze economiche dovute a vecchiaia, decesso e invalidità. 1.3 La fondazione s impegna a corrispondere in ogni caso le prestazioni prescritte per legge. 2 Definizioni 2.1 Quando nelle presenti disposizioni si usa la forma maschile, essa è da intendersi sempre come riferita a entrambi i sessi. 2.2 Nell ambito del presente regolamento i seguenti termini significano: a) fondazione: ABB Cassa pensione a Baden b) ditta: ABB Schweiz AG e tutte le imprese ed istituzioni connesse alla fondazione c) assicurati attivi: tutti i collaboratori della ditta assicurati in base a questo regolamento d) età di pensionamento: l età al momento del ritiro dopo il compimento del 62 anno di età e) età finale: il primo del mese dopo il compimento del 65 anno di età f) LPP: Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità g) età LPP: la differenza tra l anno civile in corso e l anno di nascita h) figli aventi diritto a rendite: tutti i figli fino al compimento del 18 anno di età. Se seguono una formazione o se presentano un grado d invalidità del 70% fino al compimento del 25 anno di età. Gli affiliati sono equiparati ai figli propri se l assicurato provvede al loro sostentamento. i) Unione domestica registrata: gli assicurati che vivono in unione domestica registrata secondo l articolo 2 della Legge federale sull unione domestica registrata del 18 giugno 2004 (LUD), in merito a diritti e obblighi derivanti dal presente regolamento sono equiparati agli assicurati coniugati. Per favorire la leggibilità, in questo regolamento si parla comunque di assicurati coniugati o di coniugi. 3 Cerchia degli assicurati 3.1 Tutti i collaboratori della ditta devono aderire alla fondazione se il rapporto di lavoro è stato stipulato per più di 3 mesi. Se invece è stato stipulato un rapporto di lavoro fino a 3 mesi, l adesione avviene soltanto se sarà prolungato oltre i 3 mesi. 3.2 Se più rapporti di lavoro consecutivi presso la stessa azienda durano complessivamente più di 3 mesi e nessuna delle interruzioni è superiore a 3 mesi, il collaboratore è assicurato dall inizio del 4 mese totale di lavoro. 3.3 Non sono accolti nella fondazione i collaboratori: il cui salario annuo non supera l importo prescritto secondo la LPP - non attivi in Svizzera (o presumibilmente non per sempre) e che sono già sufficientemente assicurati all estero se richiedono di essere dispensati dall adesione alla fondazione (con riserva delle disposizioni degli accordi sulla libera circolazione con l UE-AELS) che al momento di cominciare il rapporto di lavoro hanno - superato l età finale o che sono invalidi come minimo al 70% che provano di essere debitamente assicurati nell ambito della LPP presso un altro istituto di previdenza 3.4 Se il beneficiario di una rendita di vecchiaia viene di nuovo assunto come collaboratore, deve aderire alla fondazione come assicurato attivo; salvo cifra 3.3. Il Consiglio di fondazione può accogliere nella fondazione anche i collaboratori che non sottostanno per legge all obbligo assicurativo. 3.5 I collaboratori che al momento dell adesione alla fondazione sono parzialmente inabili al lavoro, saranno assicurati soltanto per la parte che corrisponde al grado della capacità lavorativa. 4 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

5 3.6 Se i collaboratori lasciano la ditta, possono rimanere nella fondazione se sono domiciliati in Svizzera e se il pagamento dei contributi avviene tramite sistema di addebito (LSV). I nuovi datori di lavoro devono tuttavia dichiararsi d accordo. A partire da un ritardo di 2 mesi nel versare i contributi, l assicurazione cessa e la prestazione di libero passaggio sarà trasferita all istituto collettore. In ogni caso si devono stipulare dei particolari accordi per il futuro allestimento del rapporto assicurativo. Con l esplicito accordo del Consiglio di fondazione possono rimanere nella fondazione anche gli assicurati con domicilio all estero se ne fanno espressa richiesta e se hanno un rapporto di lavoro con un altra società ABB all estero. 3.7 Se, in seguito a una riduzione del reddito, il salario annuo determinante risulta inferiore all importo prescritto ai sensi della cifra 3.3 per un adesione alla fondazione, i collaboratori rimangono assicurati. 4 Inizio e fine dell assicurazione 4.1 Di regola l assicurazione entra in vigore con l inizio contrattuale del rapporto di lavoro. Al più presto: per i rischi di decesso e invalidità inizia il 1 gennaio - dell anno in cui si compie il 18 anno di età per la previdenza di vecchiaia inizia il 1 gennaio dell anno in cui si compie il 25 anno di età 4.2 L assicurazione termina con la cessazione del rapporto di lavoro se non esiste un diritto a delle prestazioni assicurative o se l assicurazione non continua ai sensi della cifra 3.6. I rischi di decesso e invalidità restano tuttavia assicurati per la durata di 1 mese dopo la cessazione del rapporto di lavoro se il collaboratore non istaura prima un nuovo rapporto di lavoro. 5 Salario assicurato 5.1 La base per la determinazione del salario assicurato sono le 13 mensilità. La ditta può, previa approvazione del Consiglio di fondazione, considerare anche altre corresponsioni per definire il salario annuo determinante. 5.2 La deduzione di coordinamento tiene conto delle prestazioni dell AVS/AI. Essa ammonta ad un terzo del salario annuo determinante, ma è limitata alla rendita massima di vecchiaia AVS. 5.3 Il salario assicurato corrisponde al salario determinante annuo meno la deduzione di coordinamento, tutt al più però al salario massimo assicurato stabilito dal Consiglio di fondazione. 5.4 Se il salario determinante scende temporaneamente a causa di malattia, infortunio, disoccupazione, maternità o motivazioni analoghe, con il consenso dell azienda il salario assicurato precedente può restare invariato. Tutti i contributi (quota del datore di lavoro e dell assicurato, contributi di rischio e di risparmio) per la parte di salario sulla quale si prosegue l assicurazione sono a carico dell assicurato. 5.5 Gli assicurati attivi il cui salario annuo determinante si riduce fra il 58 anno d età e l età finale, possono richiedere la prosecuzione dell assicurazione sul salario assicurato precedente secondo le disposizioni seguenti: a) Il termine di notifica per la prosecuzione dell assicurazione è di 6 mesi. b) La riduzione del salario non deve superare il 50%. c) Tutti i contributi (quota del datore di lavoro e dell assicurato, contributi di rischio e di risparmio) per la parte di salario sulla quale si prosegue l assicurazione sono a carico dell assicurato. d) La prosecuzione dell assicurazione cessa su richiesta scritta dell assicurato, comunque al più tardi al raggiungimento dell età finale. Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 5

6 A Disposizioni generali 6 Capitale di risparmio e accrediti di risparmio 6.1 Per gli assicurati dell assicurazione vecchiaia si tiene un conto vecchiaia individuale dal quale risulta il capitale di risparmio. Il capitale di risparmio è composto dai versamenti con gli interessi meno i prelevamenti nonché dagli accrediti di risparmio con gli interessi. Gli accrediti di risparmio dell anno in corso non fruttano interessi. 6.2 Gli accrediti di risparmio annui risultano dal salario assicurato e dall età dell assicurato in base ad una delle tabelle dei contributi nell appendice I. 6.3 Il tasso d interesse viene stabilito dal Consiglio di fondazione. 6.4 Alla fine di ogni anno, il Consiglio di fondazione stabilisce l ammontare di una corresponsione d interesse supplementare in base all eccedenza attiva secondo il bilancio. Questa viene accreditata ai conti vecchiaia entro il 31 dicembre dell anno in corso. Ne hanno diritto gli assicurati che al momento sono membri della fondazione. Le basi per il calcolo della corresponsione d interesse supplementare sono: a) il capitale di risparmio allibrato nella fondazione al 1 gennaio dell anno in corso b) il momento e l ammontare dei versamenti accreditati nell anno in corso c) il momento e l ammontare delle somme prelevate nell anno in corso 6 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

7 B Prestazioni della fondazione Prestazioni di vecchiaia 7 Rendita di vecchiaia/capitale di risparmio 7.1 Ritiro all età finale Il diritto alle prestazioni di vecchiaia sorge, salvo la cifra 7.3, al termine del rapporto di lavoro all età di pensionamento; per i beneficiari di rendite d invalidità il diritto alle prestazioni di vecchiaia sorge all età finale. Il termine di notifica per il ritiro di vecchiaia è di 6 mesi. Le prestazioni di vecchiaia possono essere percepite sotto forma di capitale o di rendita. Gli assicurati possono anche, al momento del pensionamento, percepire soltanto una parte del capitale di risparmio sotto forma di capitale. Per gli assicurati coniugati, il coniuge deve manifestare il suo consenso al prelievo del capitale con la sua firma autenticata dal notaio. Nel caso di un prelievo parziale del capitale di risparmio sotto forma di capitale, la rendita di vecchiaia e le altre prestazioni coassicurate saranno ridotte nel rapporto del capitale prelevato al capitale di risparmio disponibile. Con il prelievo dell intero capitale di risparmio sotto forma di capitale si estinguono tutti i diritti nei confronti della fondazione. Al momento del pensionamento in età ordinaria, la rendita di vecchiaia viene calcolata in base al capitale di risparmio disponibile e all aliquota di conversione nell appendice II. 7.2 Ritiro flessibile In caso di ritiro dopo il 63 anno d età compiuto, la rendita di vecchiaia viene calcolata in base al capitale di risparmio disponibile al momento del pensionamento e all aliquota di conversione nell appendice II. La cifra 7.1 trova applicazione per analogia. A partire dal momento del ritiro fino al raggiungimento dell età finale, i contribuenti hanno diritto ad una rendita mensile transitoria se la durata dei contributi versati corrispondeva almeno a 5 anni. Se i beneficiari di una rendita di vecchiaia esercitano un attività lucrativa dopo il loro ritiro, devono informare immediatamente la fondazione. L importo dell attività lucrativa viene dedotto dalla rendita transitoria. Tuttavia viene concessa una franchigia annuale che ammonta a 2 volte l importo massimo mensile della rendita di vecchiaia AVS. La rendita transitoria corrisponde alla rendita massima di vecchiaia AVS valida al momento del ritiro. Per le persone occupate a tempo parziale la rendita transitoria viene ridotta in base al grado di occupazione medio degli ultimi 5 anni. Il diritto a una rendita transitoria scade con l iscrizione all assicurazione dei disoccupati. Se gli assicurati hanno diritto a una rendita AVS/AI o alla rendita di un assicurazione sociale estera, ricevono un versamento mensile che corrisponde alla differenza tra la rendita massima di vecchiaia AVS e la rendita AVS/AI o la rendita estera effettivamente percepita all inizio del diritto alla rendita. 7.3 Ritiro anticipato e rimandato Se gli assicurati lo desiderano, possono ritirarsi anticipatamente, tuttavia al più presto dopo il compimento del 58 anno di età. La cifra 7.1 trova applicazione per analogia. Previo consenso della ditta, gli assicurati possono rimandare il loro ritiro fino al più tardi al 70 anno di età. La cifra 7.1 trova applicazione per analogia. La rendita di vecchiaia anticipata o rimandata si calcola in base al capitale di risparmio disponibile al momento del ritiro e all aliquota di conversione nell appendice II. 7.4 Ritiro graduale Previo accordo con la ditta, gli assicurati possono richiedere un ritiro parziale o un ritiro graduale. Le disposizioni delle cifre 7.1 fino a 7.3 nonché 22.5 trovano applicazione per analogia. 8 Rendita per figli di pensionati 8.1 Per i figli aventi diritto i beneficiari di una rendita di vecchiaia hanno diritto alla corresponsione di una rendita per figli di pensionati. 8.2 La rendita annua per figli di pensionati ammonta per ogni figlio avente diritto al 20% della rendita di vecchiaia erogata. 8.3 La rendita per figli di pensionati è erogata alla stessa data della rendita di vecchiaia. Con il decesso del figlio o quando cessa il suo diritto a percepire una rendita, si estingue anche il diritto alla rendita. Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 7

8 B Prestazioni della fondazione Prestazioni d invalidità 9 Rendita d invalidità 9.1 Gli assicurati hanno diritto a una rendita d invalidità se ai sensi dell Assicurazione federale contro l invalidità (AI) sono come minimo invalidi al 40% e se erano assicurati nella fondazione quando si è verificata l incapacità al lavoro la cui causa ha portato all invalidità. A condizione che l iscrizione all AI sia già avvenuta e dietro certificazione di un medico designato dalla fondazione, il Consiglio di fondazione può assegnare una rendita d invalidità prima che gli assicurati percepiscano delle prestazioni dall AI. 9.2 Dietro certificazione di un medico o di un istituto designato dalla fondazione il Consiglio di fondazione può assegnare una rendita d invalidità agli assicurati che lavorano all estero su incarico della ditta e che non sono assicurati presso l AI senza che sia necessario un atto dispositivo da parte dell AI. 9.3 Le prestazioni per gli invalidi non vengono versate finché l assicurato percepisce il proprio salario o l indennità di malattia o infortunio che lo sostituisce. Il diritto alla rendita si estingue quando l assicurato non è più invalido o con il suo decesso, al più tardi tuttavia con il raggiungimento dell età finale. 9.4 L ammontare del diritto a una rendita d invalidità viene calcolato in base al grado d invalidità: 9.5 La rendita intera d invalidità annua ammonta al 60% del salario assicurato. A partire dal costituirsi del diritto alla rendita d invalidità, il capitale di risparmio è accresciuto in base all ultimo salario assicurato con accrediti di risparmio in conformità alla tabella dei contributi Standard (v. appendice I) e con gli interessi e gli interessi supplementari fino all età finale. Questo capitale di risparmio è il parametro di commisurazione per le prestazioni di vecchiaia. 9.6 In caso d invalidità parziale, il capitale di risparmio dell assicurato disponibile all inizio dell invalidità sarà suddiviso in proporzione alla graduazione della rendita. Il capitale di risparmio corrispondente alla parte attiva continua ad essere accresciuto come per gli assicurati pienamente attivi. 10 Rendita per figli d invalidi 10.1 Per i figli aventi diritto i beneficiari di una rendita d invalidità hanno diritto alla corresponsione di una rendita per figli d invalidi La rendita annua per figli d invalidi ammonta per ogni figlio avente diritto al 20% della rendita d invalidità corrisposta La rendita per figli d invalidi è erogata alla stessa data della rendita d invalidità. Il diritto a una rendita si estingue con il decesso del figlio oppure alla fine del diritto di percepire una rendita. Grado d invalidità invalidità di almeno il 70% invalidità di almeno il 60% invalidità di almeno il 50% invalidità di almeno il 40% Graduazione della rendita intera rendita 3 quarti di rendita mezza rendita 1 quarto di rendita Il Consiglio di fondazione può tenere conto di modifiche nel grado d invalidità che l AI non ha ancora considerato o che ha considerato soltanto in ritardo. Può anche disporre una visita di controllo presso un medico da lui designato. Il diritto può essere modificato visto il risultato della visita. Se i beneficiari di una rendita d invalidità rifiutano la visita medica, allora il Consiglio di fondazione può dichiararli privati dei loro diritti. 8 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

9 Prestazioni per superstiti 11 Rendita per il coniuge o liquidazione 11.1 Il coniuge superstite di una persona assicurata attiva o di un beneficiario di rendita ha diritto ad una rendita per coniuge se ha allevato dei figli o se ha compiuto il 45 anno di età. Se i coniugi che non hanno ancora compiuto 45 anni, percepiscono una rendita d invalidità dell AI, allora il Consiglio di fondazione può concedere loro anche una rendita per il coniuge Se il coniuge superstite non soddisfa nessuna condizione ai sensi della cifra 11.1, allora ha diritto ad una liquidazione unica per l ammontare del quintuplo dell importo annuo della rendita per il coniuge Il diritto ad una rendita per coniuge inizia dopo la scadenza delle corresponsioni di vecchiaia o d invalidità, rispettivamente alla scadenza della corresponsione del salario. Esso si estingue alla fine del mese del decesso o in caso di seconde nozze, se in questo momento il coniuge non ha ancora compiuto il 60 anno di età. Se il diritto di rendita per coniuge si estingue in seguito a matrimonio, allora il coniuge ha diritto ad una liquidazione unica per l ammontare del triplo dell importo annuo della rendita per il coniuge La rendita per il coniuge ammonta, al momento del decesso dell assicurato prima di aver raggiunto l età finale, al 60% della rendita d invalidità, erogabile fino al momento in cui la persona deceduta avrebbe raggiunto l età finale. Dopodiché ammonta al 60% della rendita di vecchiaia fittizia. Per la determinazione della rendita di vecchiaia fittizia si continua ad accrescere in termini contabili con gli interessi e gli interessi supplementari il capitale di risparmio netto (capitale di risparmio meno gli acquisti effettuati personalmente presso la fondazione) della persona deceduta in base all ultimo salario assicurato con gli accrediti di risparmio in base alla tabella dei contributi Standard (v. appendice I) fino all età finale. Al momento del decesso di beneficiari di una rendita di vecchiaia, la rendita per il coniuge ammonta al 60% dell attuale rendita di vecchiaia Al momento del pensionamento, rispettivamente con la riscossione della rendita di vecchiaia, gli assicurati hanno la possibilità di aumentare la rendita prevedibile per i coniugi. In base ai criteri tecnici adottati dalla fondazione, la rendita di vecchiaia viene così decurtata per tutta la vita. L importo della rendita per coniugi aumentata non può superare la rendita di vecchiaia decurtata. Questa decurtazione riguarda soltanto la rendita di vecchiaia e viene mantenuta anche se il coniuge muore prima del beneficiario della rendita di vecchiaia. 12 Rendita per il partner o liquidazione 12.1 Se è dimostrabile che un assicurato non coniugato ha vissuto nella stessa economia domestica con un partner non coniugato e di cui non è parente per almeno 5 anni fino alla sua morte oppure se provvedeva al sostentamento di uno o più figli comuni, allora il partner ha diritto alle stesse prestazioni di un coniuge. Il Consiglio di fondazione può richiedere un contributo alle spese di accertamento I partner di beneficiari di rendita di vecchiaia non coniugati hanno diritto ad una rendita per partner ai sensi della cifra 12.1 solo se la convivenza sussisteva già prima del 60 anno di età Le disposizioni delle cifre 11.1, 11.3 e 11.4 si applicano per analogia. Se il partner non adempie alle condizioni per una rendita per partner ai sensi della cifra 11.1, ma se tuttavia la convivenza è durata almeno 5 anni, sarà corrisposta una liquidazione ai sensi della cifra Non vi è diritto a una rendita per il partner, se la persona beneficiaria percepisce già una rendita per coniuge o partner di un altro istituto di previdenza La richiesta deve essere inoltrata al più tardi 3 mesi dopo il decesso della persona assicurata Le disposizioni per la rendita per coniugi valgono anche per i coniugi divorziati se il matrimonio è durata almeno 10 anni. Le prestazioni della fondazione sono tuttavia limitate alla parte degli alimenti (in conformità alla sentenza di divorzio) che superano le prestazioni dell AVS e quelle di assicurazioni sociali estere. Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 9

10 B Prestazioni della fondazione 13 Rendita per orfani 13.1 In caso di decesso di assicurati o di beneficiari di rendite i figli aventi diritto hanno diritto alla corresponsione di una rendita per orfani La rendita per orfani annua ammonta per ogni figlio avente diritto al 20% dell intera rendita d invalidità assicurata rispettivamente al 20% della rendita di vecchiaia erogata. Se un figlio è orfano di entrambi i genitori la rendita per orfani si raddoppia Il diritto ad una rendita per orfani inizia alla scadenza dell erogazione della rendita di vecchiaia o d invalidità rispettivamente alla scadenza della corresponsione del salario. Il diritto alla rendita si estingue con il decesso dell orfano oppure quando termina il diritto di percepire una rendita. 14 Capitale in caso di decesso 14.1 Se una persona assicurata decede, scade un capitale in caso di decesso. Ne hanno diritto i superstiti, indipendentemente dal diritto di successione, secondo la seguente graduatoria e nella seguente misura: a) il coniuge e i figli aventi diritto a una rendita: l intero importo; in loro mancanza b) il partner (ai sensi della cifra 12.1) oppure persone sostentate in larga misura dal defunto assicurato prima del suo decesso: l intero importo; in loro mancanza c) gli altri figli o i genitori: l intero importo; in loro mancanza d) gli altri eredi legali per la metà dell importo ad esclusione dell ente pubblico 14.2 Gli assicurati possono consegnare alla fondazione una dichiarazione scritta, nella quale stabiliscono in quale misura quali persone dei gruppi beneficiari hanno diritto al capitale di decesso. In mancanza di una dichiarazione, la ripartizione all interno dei gruppi beneficiari è responsabilità del Consiglio di fondazione In caso di decesso prima del pensionamento, il capitale di decesso corrisponde per gli assicurati attivi e invalidi al capitale di risparmio netto accumulato (capitale di risparmio meno gli acquisti effettuati personalmente presso la fondazione), meno le spese per il finanziamento delle prestazioni per i superstiti, come minimo tuttavia al 100% del salario annuo assicurato. Dopo il pensionamento, il capitale in caso di decesso corrisponde alla doppia rendita di vecchiaia annua, meno le rendite di vecchiaia già percepite. 10 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

11 Altre prestazioni 15 Rendita in caso di ritiro anticipato per motivi aziendali 15.1 Su richiesta dell azienda la fondazione eroga agli assicurati che hanno dovuto lasciare la ditta per motivi aziendali delle rendite mensili. L ammontare delle rendite si basa su un piano vincolante per l azienda L azienda deve risarcire la fondazione per le sue prestazioni supplementari in base ai calcoli attuariali Al raggiungimento o in caso di decesso prima del raggiungimento dell età finale le rendite si estinguono ai sensi della cifra 15.1 e al loro posto subentrano le prestazioni regolamentari. 16 Prestazione di libero passaggio 16.1 L assicurazione termina con lo scioglimento del rapporto di lavoro se non esiste un diritto a prestazioni della fondazione ai sensi delle disposizioni succitate. In presenza di un capitale di risparmio l assicurato ha diritto a una prestazione di libero passaggio L ammontare della prestazione di libero passaggio è calcolato sulla base del primato dei contributi. Esso corrisponde al capitale di risparmio disponibile. L assicurato uscente, tranne il caso di liquidazione parziale, non ha diritto a ulteriori mezzi della fondazione La prestazione di libero passaggio sarà versata all istituto previdenziale del nuovo datore di lavoro. In sua mancanza viene versata su un conto di libero passaggio o viene impiegata per la costituzione di una polizza di libero passaggio. Se dopo 6 mesi dalla data di uscita la fondazione non ha ancora ricevuto alcun avviso dalla persona assicurata, la prestazione di libero passaggio sarà versata all istituto collettore Gli assicurati uscenti possono richiedere il versamento in contanti della prestazione di libero passaggio se: a) lasciano per sempre la Svizzera e il Principato del Liechtenstein. Resta esclusa la quota obbligatoria della prestazione di uscita, se la persona uscente si stabilisce in uno Stato membro dell UE o dell AELS e ha stipulato colà un assicurazione legale di vecchiaia, decesso e invalidità. In questo caso la quota obbligatoria deve essere utilizzata per l apertura di un conto di libero passaggio o di una polizza di libero passaggio in Svizzera o nel Principato del Liechtenstein. b) iniziano un attività lucrativa indipendente e non sono più soggetti alla previdenza professionale obbligatoria oppure se c) l importo della prestazione di libero passaggio è inferiore all importo annuale dei loro contributi Per le persone coniugate il pagamento in contanti può avvenire soltanto con il consenso scritto del coniuge e autenticato dal notaio Per il resto vigono le disposizioni di legge sul libero passaggio Le prestazioni assicurate in caso di decesso e invalidità al momento della cessazione del rapporto di lavoro restano invariate fino all inizio di un nuovo rapporto di previdenza, al massimo tuttavia per la durata di 1 mese. Se la fondazione ha l obbligo di eseguire le prestazioni e la prestazione di libero passaggio è già stata versata, il capitale di risparmio sarà decurtato nella misura in cui viene a mancare un rimborso. Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 11

12 C Disposizioni generali sulle prestazioni 17 Liquidazione delle rendite 17.1 Le rendite sono erogate sotto forma di rate mensili anticipate. Nel mese in cui si estingue il diritto alla rendita, si eroga la rendita completa. Nel caso di decesso di beneficiari di rendite di vecchiaia o d invalidità, il diritto alla rendita si estingue soltanto 2 mesi dopo il mese del decesso Se al momento dell erogazione della rendita la rendita annua o la somma delle rendite annue è inferiore del 10% della rendita minima AVS, si versa al posto della rendita/delle rendite una liquidazione di capitale calcolata in base alle regole attuariali. 18 Promozione di proprietà d abitazioni 18.1 Gli assicurati possono impiegare il loro capitale di risparmio nell ambito delle disposizioni di legge per acquistare un abitazione di proprietà ad uso personale Il Consiglio di fondazione emana le disposizioni d attuazione necessarie. 19 Adeguamento delle rendite al rincaro 19.1 Le rendite per superstiti ed invalidi ai sensi della LPP vengono adattate all evoluzione dei prezzi secondo le disposizioni legali e le prescrizioni del Consiglio federale Il Consiglio di fondazione decide ogni anno se e in quale misura può migliorare le rendite in proporzione alle disponibilità finanziarie della fondazione. A questo scopo si impiegano i mezzi del fondo a favore dei beneficiari di rendite (cifra 23.4 b). 20 Eccedenza d assicurazione e riduzione delle prestazioni 20.1 Se le prestazioni per i superstiti o le prestazioni d invalidità della fondazione, insieme alle prestazioni di un altro istituto previdenziale, della AVS/AI, dell assicurazione infortunio militare o di assicurazioni sociali estere, fruttano un reddito da rendite superiore al 90% del reddito presunto, le rendite che la fondazione deve corrispondere possono essere decurtate fino a che il limite predetto non viene più superato. Lo stesso vale per le assicurazioni per cui la ditta ha pagato almeno metà del premio. Ai beneficiari di prestazioni d invalidità viene imputato il reddito percepito oppure un reddito eventualmente da percepire da un attività lucrativa ragionevolmente esigibile. Le prestazioni di vecchiaia vengono decurtate soltanto se coincidono con prestazioni dell assicurazione infortuni o dell assicurazione militare. La prestazione di vecchiaia così decurtata deve tuttavia corrispondere almeno al capitale di risparmio al momento in cui è subentrata l invalidità. Le liquidazioni uniche rispettivamente le liquidazioni di capitale sono mutate in rendite equipollenti al valore attuariale. Per quanto consentito dall articolo 25 OPP 2, le riduzioni delle prestazioni dell assicurazione infortuni o dell assicurazione militare non vengono compensate Le persone aventi diritto a delle prestazioni in caso di decesso o d invalidità devono cedere alla fondazione i loro crediti verso terzi responsabili fino all ammontare dell obbligo alla prestazione della fondazione La fondazione può ridurre le sue prestazioni in misura commisurata se l AVS/AI rispettivamente l assicurazione infortuni o l assicurazione militare riduce, toglie o nega le prestazioni perché la persona avente diritto ha causato il decesso o l invalidità per colpa grave oppure si oppone ad una misura di reinserimento Se la fondazione deve fornire una prestazione anticipatamente, verserà le prestazioni minime prescritte dalla legge. 12 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

13 D Finanziamento 21 Obbligo di contribuzione 21.1 L obbligo di contribuzione inizia con l accoglienza nella fondazione e continua fino al pensionamento, fino all uscita dalla fondazione o fino al decesso della persona assicurata L obbligo di contribuzione degli assicurati invalidi si riduce ai sensi della cifra La ditta detrae i contributi degli assicurati dal salario, dal pagamento continuato del salario o dall indennità di salario e li versa mensilmente alla fondazione, unitamente ai contributi della ditta Le prestazioni di libero passaggio risultanti da precedenti rapporti di previdenza devono essere versati nell ambito delle disposizioni di legge nella fondazione al momento dell accoglienza. 22 Ammontare dei contributi 22.1 Gli assicurati versano fino alla fine dell anno in cui compiono il 24 anno di età un premio di rischio dell 1% del salario assicurato. Questo premio di rischio non è restituito al momento dell uscita La ditta versa fino alla fine dell anno in cui gli assicurati compiono il 24 anno di età un premio di rischio dell 1,5% del salario assicurato. Questo premio di rischio non è restituito al momento dell uscita Dal 1 gennaio dell anno in cui gli assicurati compiono il 25 anno di età, versano un contributo di risparmio in base a una delle tabelle dei contributi (v. appendice I). Ci sono 3 tabelle a disposizione: Standard, Standard plus e Standard minus. Per il 1 gennaio di ogni anno è possibile scegliere secondo quale tabella versare i contributi per l anno che segue. In mancanza di scelta si attua la tabella dei contributi Standard. Una decisione presa una volta vale fino a quando sarà revocata dagli assicurati Dal 1 gennaio dell anno in cui l assicurato compie il 25 anno di età, la ditta versa un contributo secondo una delle tabelle dei contributi (v. appendice I). Questo contributo comprende la metà degli accrediti di risparmio subordinati all età nonché un contributo del 4,2% del salario assicurato per i rischi di decesso ed invalidità, per il ritiro flessibile nonché per altre spese. Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 13

14 D Finanziamento 22.5 Nell ambito delle disposizioni di legge, è possibile effettuare in qualsiasi momento dei versamenti nella fondazione per incrementare le prestazioni di vecchiaia. La fondazione stabilisce i limiti d acquisto in base a criteri riconosciuti (v. tabella d acquisto in appendice III). In caso di decesso la somma degli acquisti effettuati personalmente presso la fondazione sarà erogata insieme agli interessi agli aventi diritto ai sensi delle cifre 14.1 e 14.2 in aggiunta al capitale in caso di decesso conformemente alla cifra Se sono stati effettuati degli acquisti non è possibile percepire per i prossimi 3 anni, sotto forma di capitale, le prestazioni da essi risultanti. Se sono stati effettuati dei prelievi per la promozione della proprietà d'abitazioni, è possibile fare degli acquisti volontari solo dopo il rimborso dei prelievi. Questo divieto non viene applicato per i riacquisti in caso di divorzio. Se 3 anni prima dell età finale il rimborso di un prelievo anticipato per la promozione di proprietà d abitazioni non è stato effettuato, sono ammessi dei riscatti volontari, a condizione che non superino, insieme ai prelievi anticipati, i diritti di previdenza massimi autorizzati dal regolamento In caso di pensionamento prima dell età finale (vedi cifra 7.3), le riduzioni delle prestazioni che ne risultano possono essere riscattate dall assicurato secondo le basi tecniche della fondazione. Il riscatto deve essere percepito sotto forma di rendita; per questo capitale è esclusa la prestazione in capitale ai sensi della cifra 7.1. In ogni caso si applicano le disposizioni relative ai limiti per l acquisto ai sensi dell articolo 79b LPP. La persona assicurata riceve al massimo la rendita che avrebbe ottenuto senza pagare dei contributi supplementari per il finanziamento del pensionamento anticipato, se fosse andata in pensione all età pensionabile regolamentare. È accettabile un limite di tolleranza del 5%. Se il pensionamento avviene prima dell età finale, i versamenti volontari, le prestazioni di libero passaggio ed i rimborsi effettuati dopo l età LPP di 52 anni secondo la legge sulla promozione di proprietà d abitazioni nonché gli interessi e gli interessi complementari saranno convertiti secondo i criteri attuariali della fondazione in un ulteriore rendita di vecchiaia. Le prestazioni di libero passaggio, il cui bonifico è stato pattuito al momento dell entrata in ditta dopo l età LPP di 52 anni, saranno convertite in rendita di vecchiaia ai sensi della cifra ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

15 23 Patrimonio, equilibrio finanziario e fondi separati 23.1 Il patrimonio della fondazione è da investire accuratamente. Il Consiglio di fondazione stabilisce la strategia d investimento. La composizione del patrimonio deve corrispondere alle disposizioni di legge. Per affrontare le spese correnti la fondazione deve disporre di sufficienti mezzi liquidi Ogni anno il Consiglio di fondazione incarica un esperto per la previdenza professionale a compilare un bilancio attuariale della fondazione secondo i principi del sistema di capitalizzazione per la cassa chiusa Se il bilancio attuariale presenta una sottocopertura, che pregiudica la sicurezza delle prestazioni regolamentari, il Consiglio di fondazione adotta le misure necessarie. In particolare, nel rispetto delle disposizioni di legge, si possono aumentare temporaneamente i contributi degli assicurati e ridurre in misura adeguata le prestazioni assicurative future o eventualmente anche quelle già acquisite. Se la base d esistenza dell assicurazione è in pericolo in seguito a circostanze straordinarie come guerra, epidemie, perdita del patrimonio della cassa ecc., il Consiglio di fondazione ha la facoltà di ridurre le prestazioni acquisite e correnti nonché quelle future in via preventiva. 24 Limitazione dell obbligo di contribuzione della ditta 24.1 Gli articoli 65 e 66 della LPP stabiliscono che la ditta è obbligata per legge ad erogare il contributo necessario per il finanziamento paritetico delle prestazioni minime stabilite per legge. La promessa di erogare prestazioni superiori può essere revocata dalla ditta dopo aver consultato il rappresentante degli assicurati nel Consiglio di fondazione e dietro osservanza di un termine di 12 mesi dall inizio dell anno se la ditta se ne sente obbligata a causa della futura legislazione, giurisdizione o considerata la situazione economica dell azienda. Eventualmente anche i contributi degli assicurati sono da ridurre nella misura necessaria a mantenere la parità di contribuzione prescritta dalla legge a) La fondazione gestisce un fondo a favore degli assicurati; a questo fondo si accreditano gli utili in eccedenza per migliorare le prestazioni degli assicurati e si addebitano i miglioramenti delle prestazioni degli assicurati. b) La fondazione gestisce un fondo a favore dei beneficiari di rendita; a questo fondo si accreditano gli utili in eccedenza destinati a migliorare le prestazioni dei beneficiari di rendita e si addebitano i miglioramenti delle prestazioni dei beneficiari di rendita. c) La fondazione gestisce inoltre delle riserve attuariali, definite in modo completo in un apposito regolamento. Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 15

16 E Organizzazione e amministrazione 25 Consiglio di fondazione 25.1 Il Consiglio di fondazione è l unico organo della fondazione. Esso è composto da 12 membri, di cui 6 sono designati dalla ABB Schweiz AG e 6 sono eletti tra i collaboratori assicurati Il Consiglio di fondazione emana le norme di come deve essere effettuata la nomina dei rappresentanti degli assicurati nel Consiglio di fondazione I membri del Consiglio di fondazione restano in carica per 4 anni. I membri possono essere rieletti. La carica termina prematuramente con il ritiro del membro dalla ditta. In questo caso si deve procedere ad un elezione sostitutiva. Il nuovo membro eletto subentra nella carica del suo predecessore La fondazione può indennizzare le unità operative dell azienda per l impiego dei rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori nel Consiglio di fondazione. L ammontare dell indennizzo corrisponde alle direttive di mercato ed è fissato in dettaglio dal Consiglio di fondazione. L indennizzo è esposto nel conto annuale. 26 Amministrazione della fondazione 26.1 Il Consiglio di fondazione elegge il direttore della fondazione La fondazione sostiene le spese d amministrazione. Queste sono allibrate in bilancio ABB Schweiz AG designa il presidente del Consiglio di fondazione. Per il resto il Consiglio di fondazione si autocostituisce Il Consiglio di fondazione amministra la fondazione in conformità al presente regolamento. Può delegare delle singole mansioni a delle commissioni, degli uffici amministrativi e dei comitati ed emana a questo scopo le direttive ed i regolamenti necessari. Il Consiglio d amministrazione decide definitivamente in tutte le questioni che riguardano la fondazione in osservanza delle normative di legge e delle disposizioni di questo regolamento. Egli dà incarico all organo di controllo e ai periti in materia di previdenza professionale Il quorum del consiglio d amministrazione è costituito dalla presenza di almeno 7 membri. Le sue decisioni sono prese con la semplice maggioranza dei voti. Il presidente vota con voto semplice. Una decisione è presa soltanto se almeno un rappresentante degli assicurati ed un rappresentante del datore di lavoro aderiscono al negozio. Se non si giunge ad una delibera, il negozio deve essere trattato nuovamente entro 60 giorni. Il Consiglio di fondazione rilascia un regolamento per le decisioni circolari. 27 Informazioni e obbligo di notifica 27.1 Il bilancio della fondazione è reso pubblico per tutti gli assicurati ed i beneficiari di rendite. Ogni anno gli assicurati ricevono un certificato d assicurazione dal quale risultano le prestazioni assicurate e l ammontare del capitale di risparmio. Dietro richiesta all amministrazione della fondazione si rendono noti i dati personali agli assicurati Gli assicurati rispettivamente i superstiti devono in qualsiasi momento fornire informazioni veritiere su situazioni determinanti e inoltrare la documentazione necessaria per motivare i diritti alle prestazioni Il Consiglio di fondazione si riserva il diritto di sospendere delle prestazioni o di chiedere il rimborso di prestazioni percepite erroneamente se gli assicurati rispettivamente i beneficiari di rendita non adempiono ai loro doveri d informazione I membri del Consiglio di fondazione ed i suoi incaricati sono tenuti a mantenere il più stretto riserbo riguardo alle situazioni personali degli assicurati e le questioni commerciali della fondazione e della ditta di cui vengono a conoscenza durante l esercizio del loro mandato. 16 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

17 F Disposizioni finali 28 Amministrazione della giustizia 28.1 Le vertenze derivanti dall uso o dall interpretazione di questo regolamento o dalle questioni non espressamente fissate da questo regolamento sono da sottoporre al Consiglio di fondazione per comporle in via amichevole Se non si raggiunge un accordo amichevole, bisogna adire le vie legali ai sensi della LPP. 29 Lacune del regolamento 29.1 Nei casi in cui questo regolamento non disponga di una chiara regolamentazione, il Consiglio di fondazione è autorizzato ad emettere una regolamentazione corrispondente ai sensi ed allo scopo di questo regolamento. 30 Modifiche/regolamenti precedenti 30.1 Il Consiglio di fondazione può modificare in qualsiasi momento questo regolamento nell ambito delle disposizioni di legge e dello scopo della fondazione. Le modifiche non riguardano i diritti già acquisiti dagli aventi diritto. In deroga si applicano tuttavia le seguenti disposizioni particolari Per le eventuali prestazioni di decesso (capitale in caso di decesso e rendite per coniugi), a cui hanno diritto i beneficiari di una rendita di vecchiaia, si applica il regolamento in vigore al momento del decesso Il capitale in caso di decesso per il beneficiario di una rendita d invalidità, che ha diritto a una rendita d invalidità vitalizia (diritto in base ai regolamenti in vigore prima del 1994), ammonta, in caso di decesso prima dell età di pensionamento AVS, al doppio della rendita d invalidità annuale. Dopo l età di pensionamento AVS il capitale in caso di decesso ammonta al doppio della rendita annuale, fatta deduzione delle rendite già percepite Per il capitale in caso di decesso del beneficiario di una rendita d invalidità, che ha diritto alla rendita d invalidità temporanea (diritto in base ai regolamenti dal 1994 in poi), si applica il regolamento in vigore al momento del decesso Per verificare il diritto a un capitale di decesso si applica l ordine dei beneficiari descritto nel regolamento in vigore al momento del decesso Per le prestazioni destinate ai partner la cifra 30.1 trova applicazione per analogia Per il calcolo dell eccedenza d assicurazione delle prestazioni di vecchiaia per beneficiari di una rendita d invalidità temporanea (diritto in base ai regolamenti dal 1994 in poi) si applica il regolamento in vigore al momento del ricalcolo Per il calcolo della nuova prestazione in caso di passaggio dalla rendita d invalidità rispettivamente dalla rendita per coniugi a una rendita di vecchiaia rispettivamente a una rendita di vecchiaia per coniugi, si applicano le disposizioni descritte nel regolamento in vigore in tale momento Per le rendite d invalidità il diritto alle quali si è costituito prima del 1 gennaio 2007, si applicano disposizioni transitorie speciali. Le rendite d invalidità il diritto alle quali si è costituito prima del 1 gennaio 2007, non sono interessate dai nuovi scaglioni di cui alla cifra 9.4. A queste si applicano ancora gli scaglioni previsti dal regolamento del 1 gennaio 2004, se non è cambiato il grado d invalidità. In caso contrario, valgono le seguenti disposizioni: Data di costituzione del diritto alla rendita prima del prima del prima del dal al dal al Entrata in vigore Aumento grado AI prima del dopo il prima del dopo il Riduzione grado AI dopo il prima del dopo il Scaglioni secondo regolamento 2004, cifra , cifra , cifra , cifra , cifra Questo regolamento entra in vigore il 1 gennaio 2012 e sostituisce quello del 1 gennaio Il Consiglio di fondazione ABB Cassa pensione Baden, 26 agosto 2011 Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 17

18 Appendice I Tabella dei contributi Standard Età LPP Accrediti di risparmio in % del salario assicurato ai sensi Contributi in % del salario assicurato ai sensi della cifra 22.1 fino a 22.4 della cifra 6.2 Assicurati Ditta ,00 1, ,8 3,90 8, ,2 4,10 8, ,7 4,35 8, ,2 4,60 8, ,6 4,80 9, ,1 5,05 9, ,5 5,25 9, ,0 5,50 9, ,3 5,65 9, ,7 5,85 10, ,1 6,05 10, ,4 6,20 10, ,8 6,40 10, ,2 6,60 10, ,5 6,75 10, ,9 6,95 11, ,3 7,15 11, ,6 7,30 11, ,0 7,50 11, ,4 7,70 11, ,7 7,85 12, ,1 8,05 12, ,5 8,25 12, ,8 8,40 12, ,2 8,60 12, ,6 8,80 13, ,9 8,95 13, ,3 9,15 13, ,8 9,40 13, ,2 9,60 13, ,7 9,85 14, ,1 10,05 14, ,6 10,30 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14, ,0 10,50 14,70 18 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

19 Tabella dei contributi Standard plus Età LPP Accrediti di risparmio in % del salario assicurato ai sensi Contributi in % del salario assicurato ai sensi della cifra 22.1 fino a 22.4 della cifra 6.2 Assicurati Ditta ,00 1, ,0 8,10 8, ,4 8,30 8, ,9 8,55 8, ,4 8,80 8, ,8 9,00 9, ,3 9,25 9, ,7 9,45 9, ,2 9,70 9, ,5 9,85 9, ,9 10,05 10, ,3 10,25 10, ,6 10,40 10, ,0 10,60 10, ,4 10,80 10, ,7 10,95 10, ,1 11,15 11, ,5 11,35 11, ,8 11,50 11, ,2 11,70 11, ,6 11,90 11, ,9 12,05 12, ,3 12,25 12, ,7 12,45 12, ,0 12,60 12, ,4 12,80 12, ,8 13,00 13, ,1 13,15 13, ,5 13,35 13, ,0 13,60 13, ,4 13,80 13, ,9 14,05 14, ,3 14,25 14, ,8 14,50 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14, ,2 14,70 14,70 Regolamento, edizione 2012 ABB Cassa pensione 19

20 Appendice I Tabella dei contributi Standard minus Età LPP Accrediti di risparmio in % del salario assicurato ai sensi Contributi in % del salario assicurato ai sensi della cifra 22.1 fino a 22.4 della cifra 6.2 Assicurati Ditta ,00 1, ,0 3,10 8, ,0 2,90 8, ,0 2,65 8, ,0 2,40 8, ,0 2,20 9, ,0 1,95 9, ,0 1,75 9, ,0 1,50 9, ,0 1,35 9, ,0 1,15 10, ,0 3,95 10, ,0 3,80 10, ,0 3,60 10, ,0 3,40 10, ,0 3,25 10, ,0 3,05 11, ,0 2,85 11, ,0 2,70 11, ,0 2,50 11, ,0 2,30 11, ,0 7,15 12, ,0 6,95 12, ,0 6,75 12, ,0 6,60 12, ,0 6,40 12, ,0 6,20 13, ,0 6,05 13, ,0 5,85 13, ,0 5,60 13, ,0 5,40 13, ,0 8,15 14, ,0 7,95 14, ,0 7,70 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14, ,0 7,50 14,70 20 ABB Cassa pensione Regolamento, edizione 2012

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli