Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative"

Transcript

1 Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Banca d Italia d - Roma 2/3 dicembre 2002 A cura di Giovan Battista Sala - Servizio VEC - Divisione Analisi 1 ( ) 1

2 Una definizione La cartolarizzazione degli attivi consiste, essenzialmente, in un operazione di finanziamento mediante emissione di titoli (Asset Backed Securities), i cui sottoscrittori sono remunerati dai flussi finanziari prodotti da un pool di attivi, a ciò specificamente destinati. Securitization di tipo tradizionale o funded 2

3 Cosa è/a cosa serve E una operazione di finanziamento E una operazione di gestione del portafoglio E una operazione di gestione dei NPLs E una operazione di gestione del capitale economico E una operazione di ottimizzazione dei profili rischio/rendimento E una operazione di gestione del capitale regolamentare E una operazione di make-up di bilancio... 3

4 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 4

5 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 5

6 Cosa viene cartolarizzato Impieghi non performing Impieghi performing Titoli Contratti derivati ABS Immobili ecc.. In funzione degli assets, diverse definizioni: ABS, ABCP, MBS, CDO, CLO, CBO, ecc. ecc. 6

7 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 7

8 Le strutture L intersezione di schemi e clausole diverse può dare luogo ad una molteplicità di strutture Clausole Particolari Tradizionali Sintetiche N originator Revolving Call options ecc. 8

9 Uno schema stilizzato - Funded Cash Cash Originator SPV Investitori Attivi ceduti ABS emessi 9

10 Nella realtà, la struttura delle operazioni è ben più complessa... SUPPORTO CONSULENZIALE ARRANGER CEDENTE CESSIONE CREDITI SPV EMISSIONE ABS TRANCHING TRANCHE JUNIOR INVESTITORI PORTAFOGLIO CREDITI CREDIT ENHANCEMENT TERZI GARANTI SERVICER ANALISI QUALITÀ PORTAFOGLIO AGENZIA DI RATING 10

11 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 11

12 Soggetti Coinvolti Cedente (Originator) particolare Servicer interesse da parte SPV della Vigilanza Trustee Arranger Consulenti (Legali o Tecnici) Agenzie di rating Sottoscrittori Agents (calculation, paying, listing) Account Banca d Italia 12

13 Le varie fasi dell operazione 1 Studio fattibilità e analisi convenienza economica 2 Definizione Struttura operazione 3 Individuazione attività da cedere 4 Valutazione attività 5 Due diligence Informativa per Banca d Italia 6 Costituzione SPV Liquidità Gestione pagamenti Hedging 7 Stipula contratti 8 Modello Finanziario 9 Rating Provvisorio 10 Stipula altri contratti CESSIONE GARANZIA E INDENNIZZO SERVICING 11 Rating Definitivo 12 Redazione Prospetto Informativo 13 Emissione e Collocamento Titoli 13

14 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 14

15 Le forme di Credit Enhancement Perché ricorrere a forme di Credit Enhancement? Consentono di ridurre i livelli di rischio (credito, liquidità) insiti negli ABS Rendono più agevole - e meno costoso - il classamento degliabs 15

16 Rilevanza del Credit Enhancement La cartolarizzazione perfetta è quella in cui alla cessione ( funded o syntetic ) degli assets si accompagna la cessione integrale del rischio Circostanze legate alle condizioni del mercato e/o dell originator possono tuttavia imporre la prestazione di forme di garanzia L entità e le caratteristiche della garanzia prestata ( Credit enhancement ) determinano, in sostanza, la ritenzione di parte del rischio 16

17 segue: Rilevanza del Credit Enhancement In concreto, si pone il problema di quanto rischio dovrà residuare in capo all originator, dati gli obiettivi dell operazione (specie in termini di rating) Ai fini di Vigilanza: il problema non è solo quantitativo ( quanto trattengo ) ma, soprattutto, qualitativo ( cosa trattengo ) Si può determinare un effetto di addensamento del rischio 17

18 Le forme di Credit Enhancement Due tipologie di Credit Enhancement Esterni Polizze assicurative Lettere di credito Interni Senior subordinated Overcollateralization Liquidity lines/res. accounts Excess spread... La tipologia interna diventa sempre più diffusa Indipendenza dal rating del garante 18

19 Credit Enhancement Interni Senior Subordinated Problema di definizione sequenza dei flussi ( Waterfalls ) Rimborso di tipo sequenziale, pro-rata, subordinaz. capitale/interessi Suddivisione ABS in categorie con priorità differenziate nella allocazione dei flussi di cassa generati dal pool Tipicamente, l emissione viene strutturata in tranches (Senior, Mezzanine, Junior) 19

20 Senior - subordinated structure Cash flows generati dal pool of assets Senior Mezzanine PERDITE Junior 20

21 un esempio ( ) Ipotizziamo che l operazione preveda due sole tranches (Senior e Equity); il rating auspicato sulla tranche senior (ad esempio AAA) richiede una perdita attesa - a livello di portafoglio - pari a 0,05% Sono possibili due diversi stati del mondo (ciascuno con una sua probabilità di realizzazione): Scenario 1 - positivo (le perdite attese sul portafoglio ammontano allo 0,16%); Scenario 2 - negativo (le p.a. sul portafoglio ammontano a 1,16%) tratto da: Caputo Nassetti, Fabbri Trattato sui contratti derivati di credito. 21

22 un esempio ( ) Perdita attesa Scenario 1 Π sc1 = 75% EL=0,16% Sc. EL Πsc Perdita su equity 1 0,16% 75% K H 2 1,16% 25% K L Scenario 2 Π sc1 = 25% EL=1,16% tratto da: Caputo Nassetti, Fabbri Trattato sui contratti derivati di credito. 22

23 un esempio ( ) EL portafoglio = 75%*0,16% + 25%*1,16% = 0,41% EL da coprire con equity = 0,41% - 0,05% = 0,36% Ponendo K H = K L = X si ottiene: min(x;0,16%)*75% + min(x;1,16%)*25% = 0,36% X = 0,96% tratto da: Caputo Nassetti, Fabbri Trattato sui contratti derivati di credito. 23

24 Credit Enhancement Interni Overcollateralisation Problemi di valutazione nel caso di cartolarizzazioni su NPLs Casi recenti di undercollateral. Il valore nominale degli assets ceduti supera il valore nominale degli ABS emessi La cessione a SPV avviene sulla base di un valore scontato, precostituendo una riserva di valutazione 24

25 Credit Enhancement Interni Excess Spread Il differenziale tra il rendimento degli assets ceduti ed il costo degli ABS emessi viene posto a copertura della first loss Problemi di riconoscimento ai fini di Vigilanza Difficilmente applicabile a NPLs Sono previste clausole che consentono all originatori di avere la disponibilità dell e.s. 25

26 Credit Enhancement Interni Liquidity Lines Vanno distinte dalle linee di credito non subordinate concesse a fronte di esigenze di liquidità Possono rientrarvi le Servicer Advance Facilities, il cui rimborso è collegato ai recuperi In alcuni casi, sono previsti covenants collegati al rating del concedente la SAF 26

27 segue: Rilevanza del Credit Enhancement La compresenza di differenti forme di credit enhancement può dare luogo a gerarchie assai complesse Esempio: Quadrifoglio 2001 a) importo per hedging; b) spese trustee, agent, emittente; c) interessi su liquidity facility; d) commissioni di servicing e rimborso spese recupero e) interessi su tranche A f) interessi su tranche B h) rimborso capitale su tranche A i) rimborso capitale su tranche B l) interessi su tranche C m) spese di recupero eccedenti limite prefissato l) rimborso capitale su tranche C m) rimborso reserve account 27

28 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 28

29 Alcune clausole particolari In generale, mirano a ridurre i costi dell operazione - anche in termini di credit enhancement per l originator Tra le più recenti clausole innovative si sottolineano quelle che mirano a modificare i termini di rimborso Opzioni di riacquisto ( call ) Inserimento di trigger events Possono porre seri problemi nell ottica prudenziale 29

30 Alcune clausole particolari Originator SPV Investitori Clausole Call Il cedente o il veicolo hanno l opzione di rimborsare i titoli emessi e riacquistare gli attivi ceduti (in tutto o in parte) Possono essere legati a clausole di step-up Trigger events Al verificarsi di trigger events i detentori dei titoli possono ottenere la chiusura anticipata delle operazioni e il rimborso dei titoli. Differenti tipologie di trigger events 30

31 Alcune clausole particolari Alcune tipologie di trigger events T.E. collegati a fattori economici: (es yield trigger/charge off trigger) sono collegati alla performance dei crediti cartolarizzati (possono rappresentare segnali di warning ). T.E. collegati a fattori non economici: possono essere collegati, ad esempio, a mutamenti della normativa fiscale ovvero al rating dell emittente. 31

32 Cartolarizzazioni innovative il portafoglio oggetto di cessione include: - titoli che incorporano derivati su crediti (CLNs); - titoli ABS rivenienti da altre cartolarizzazioni; - strumenti finanziari subordinati emessi da banche o enti finanziari (anche del medesimo gruppo); - portafogli coperti (in tutto o in parte) da derivati su crediti (del tipo Credit Default Swap). 32

33 Le strutture sintetiche Non necessariamente l operazione implica la fuoriuscita degli attivi dal bilancio del soggetto originante: gli effetti delle cartolarizzazioni possono essere replicate sinteticamente tramite l uso di credit derivatives. Securitization di tipo sintetico 33

34 Una parentesi necessaria... Cenni sui derivati creditizi Definizione Credit Derivatives: contratti finanziari bilaterali che isolano specifici aspetti del rischio di credito da uno strumento sottostante e trasferiscono il rischio tra le parti. separano la titolarità e la gestione del rischio dalla titolarità della relazione creditizia aprono nuove prospettive al credit risk management attraverso le strutture più complesse è possibile oltre che trasferire il rischio, trasformarlo 34

35 Una parentesi necessaria... Cenni sui derivati creditizi Finalità La separazione tra titolarità del credito e titolarità dei rischi si realizza, in particolare, per: rischio di default ; rischio di spread rischio paese (insolvenza Stato sovrano) Deterioramento qualità creditizia 35

36 Cenni sui derivati creditizi I credit derivatives: motivi del successo La primaria funzione economica dei credit derivatives è assimilabile alle tradizionali garanzie bancarie A differenza di strumenti più tradizionali (es. fidejussioni), i credit derivatives: sono negoziabili; hanno un prezzo di mercato sono standardizzati agiscono per specifiche tipologie di rischio di credito - default, spread, rischio paese 36

37 Cenni sui derivati creditizi segue: I credit derivatives: motivi del successo Potente strumento di risk management Non è necessario che il creditore sottostante (reference entity) sia parte o sia informato della transazione in credit derivatives che lo riguarda. Ciò consente alla banca di gestire il rischio con discrezione senza intaccare importanti relazioni di clientela. E possibile realizzare una trasformazione del rischio, rispetto ai termini contrattuali originari Consentono di andare corti : inversione del profilo di rischio di credito. 37

38 Principali tipologie contrattuali Unfunded (strumento non accompagnato da provvista) Total Rate Of Return Swap (T.R.O.R.) Credit Default Product Credit Spread Product: Funded Credit-Linked Notes 38

39 Principali tipologie contrattuali Total Rate Of Return Swap - TRORS Prevede l impegno del total return payer (protection buyer) a pagare periodicamente ad un total return receiver (protection seller) il reddito complessivo generato da una reference obligation detenuta dal compratore di protezione, sia in conto interessi (cedole e commissioni), sia in conto capitale. A fronte di tali pagamenti, l investitore si obbliga a corrispondere al beneficiario un tasso variabile, cui viene aggiunto uno spread prefissato. 39

40 Principali tipologie contrattuali segue: Total Rate Of Return Swap - TRORS Il regolamento dell operazione è basato sul valore corrente dell attività di riferimento che - rispetto alla quotazione iniziale - può aver fatto registrare un deprezzamento o un apprezzamento. Nel primo caso il garante dovrà corrispondere il differenziale alla controparte; nel caso di apprezzamento, dovrà essere il total return payer a dover effettuare il pagamento all investitore. In caso di default prima della scadenza, l operazione si estingue ed il garante effettua un pagamento alla controparte a seguito del deprezzamento verificatosi. 40

41 Principali tipologie contrattuali segue: Total Rate Of Return Swap - TRORS Libor+spread+ perdite sull asset TOTAL RETURN PAYER rendimento totale positivo sull asset TOTAL RETURN RECEIVER Rischio economico del reference entity N.B. Il TRORS espone il garante sia ai rischi di mercato che ai rischi di credito 41

42 Principali tipologie contrattuali Credit Default Products Credit default swap/options Credit default swap: contratto in cui il protection buyer ha interesse a proteggersi dal rischio di credito relativo a un attività sottostante, mentre il protection seller è disposto ad assumere il medesimo rischio su di sé. L acquirente trasferisce alla controparte il default risk su una reference obligation, dietro corresponsione di commissioni periodiche; il venditore si impegna a effettuare un pagamento al protection buyer in caso di default; se il default non si verifica entro la scadenza del contratto, quest ultimo si estingue. 42

43 Principali tipologie contrattuali segue: Credit Default Products Gli elementi chiave di un default swap/option sono due: la definizione di default e la determinazione dell importo che il venditore della protezione deve corrispondere all acquirente in caso di inadempimento. PROTECTION BUYER Premio o commissione periodica Pagamento in caso di credit event PROTECTION SELLER Rischio di credit event del reference entity 43

44 Principali tipologie contrattuali Credit Spread Products Ragione economica: andamento del merito creditizio della Reference Entity (il sottostante è rappresentato dall andamento di uno spread) Credit spread swap/forward: accordo tra due controparti per scambiare, a una/più date di regolamento future, uno spread prefissato contro uno spread variabile. Il pagamento verrà effettuato a scadenza da una delle due controparti a seconda che il differenziale si sia allargato ( spread widening ) o ristretto ( spread tightening ) rispetto a quanto inizialmente determinato 44

45 Principali tipologie contrattuali Credit Spread Products Credit Spread Options: il protection seller, in cambio di un premio, ha l obbligo di pagare al protection buyer un importo calcolato in base alla differenza tra lo spread di mercato esistente alla data di esercizio dell opzione ed uno strike spread prestabilito. 45

46 Credit spread swap BANCA A (PROTECTION BUYER) MKT spread STRIKE spread (in caso di spread widening) STRIKE spread MKT spread (in caso di spread tightening) BANCA B (PROTECTION SELLER) Credit spread option BANCA A (PROTECTION BUYER) MKT spread STRIKE spread (in caso di spread widening) Premio BANCA B (PROTECTION SELLER) Rischio di credito (rischio di default + rischio di spread) del reference entity 46

47 Principali tipologie contrattuali Credit Linked Notes Sono strumenti finanziari che costituiscono la combinazione di un titolo di debito (titolo ospite ) con un derivato su credito (in genere un credit default swap), che può modificare i cash flow del titolo ospite. CLN collegano il rendimento/il rimborso del capitale alla performance di uno o più crediti sottostanti. Possono essere emesse direttamente da una banca ovvero da SPV (caso più ricorrente). 47

48 Principali tipologie contrattuali Soggetti coinvolti nelle CLN a) emittente CLN b) investitori c) protection buyer d) emittente collateral Credit default swap Premio Capitale iniziale SPV- Emittente CLNs SECURITIES COLLATERAL Cash flow titoli PROTECTION BUYER Capitale iniziale Cash flow CLN s Rischio di credit event del reference entity ACQUIRENTE CLNs 48

49 Caratteristiche distintive delle cartolarizzazioni sintetiche Le attività sottostanti all operazione rimangono nel bilancio della banca fino all attivazione della protezione Non si generano effetti rilevanti sopra la linea (no funding) Gli effetti sul conto economico sono completamente diversi In generale, i costi delle sintetiche sono minori Anche le attività sottostanti possono essere diverse (meno standardizzabili) Spesso rispondono a logiche di ottimizzazione del capitale economico e regolamentare 49

50 Originator Investitori Pool of assets Non escono dal bilancio Credit Der. Super Senior Credit Derivative Banca di standing SPV CLN Senior Mezz. Junior Collateral AAA 50

51 Cartolarizzazione Sintetica L ORIGINATOR mantiene gli attivi in bilancio compra protezione da terzi (SPV, banche OCSE) attraverso la stipula di uno o piu credit derivatives (di solito, CDS). SPV che vende protezione emette credit linked notes, il cui rimborso è subordinato al recupero dei crediti (reference obligation) verso soggetti nei confronti dei quali è stata ceduta protezione (reference entity). I proventi rivenienti dalle emissioni delle notes vengono investiti nell acquisizione di titoli di elevata qualità (AAA), che vengono costituiti a garanzia delle tranches Senior e, eventualmente, Mezzanine, ovvero confluiscono in depositi presso la banca originator. 51

52 Effetti patrimoniali: Green SIMULAZIONE SUGLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA CARTOLARIZZAZIONE SINTETICA Importo Importo Peso nominale ponderato Requisito patr. Requisito patrimoniale iniziale (*) % Requisito patrimoniale a seguito dell'operazione di cartolarizzazione sintetica: Credit Default Swap "Super Senior" Ipotesi % Ipotesi % Credit Linked Notes garantite da "Pfandbriefe" Ipotesi % 40 3 (tranches "A" e "B") Ipotesi % 26 2 Credit Linked Notes garantite da contante Ipotesi % 0 0 (tranches "C", "D", "E", "F") Ipotesi % 0 0 Credit Linked Notes acquistate da SPIMI ("first loss") Ipotesi (tranches "G") Ipotesi Totale credit linked notes emesse da SPV Ipotesi Ipotesi Totale requisito patrimoniale Ipotesi Ipotesi

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Standard. Quadro prudenziale per la misurazione e il controllo delle grandi esposizioni

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Standard. Quadro prudenziale per la misurazione e il controllo delle grandi esposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Standard Quadro prudenziale per la misurazione e il controllo delle grandi esposizioni Aprile 2014 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE Le note di sintesi sono composte dagli elementi informativi richiesti dalla normativa applicabile noti come "Elementi". Detti Elementi

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi kpmg.com/it Indice 1 Lo scenario di riferimento 4 2 Le opportunità del Decreto Sviluppo 2012 6 Obiettivi e finalità generali Strumenti di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse, Nestlé, Novartis, Roche Worst of style Strike basso

3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse, Nestlé, Novartis, Roche Worst of style Strike basso Termsheet del' 07.07.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1220 Imposta preventiva 3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione Versione integrale Comprendente

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea Pharmaceutica Osservazione continua della barriera

5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea Pharmaceutica Osservazione continua della barriera Termsheet indicativo del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

10.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su ABB, Holcim, OC Oerlikon Osservazione continua della barriera Rimborso anticipato a discrezione

10.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su ABB, Holcim, OC Oerlikon Osservazione continua della barriera Rimborso anticipato a discrezione Termsheet indicativo del' 26.06.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 10.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli