Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative"

Transcript

1 Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Banca d Italia d - Roma 2/3 dicembre 2002 A cura di Giovan Battista Sala - Servizio VEC - Divisione Analisi 1 ( ) 1

2 Una definizione La cartolarizzazione degli attivi consiste, essenzialmente, in un operazione di finanziamento mediante emissione di titoli (Asset Backed Securities), i cui sottoscrittori sono remunerati dai flussi finanziari prodotti da un pool di attivi, a ciò specificamente destinati. Securitization di tipo tradizionale o funded 2

3 Cosa è/a cosa serve E una operazione di finanziamento E una operazione di gestione del portafoglio E una operazione di gestione dei NPLs E una operazione di gestione del capitale economico E una operazione di ottimizzazione dei profili rischio/rendimento E una operazione di gestione del capitale regolamentare E una operazione di make-up di bilancio... 3

4 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 4

5 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 5

6 Cosa viene cartolarizzato Impieghi non performing Impieghi performing Titoli Contratti derivati ABS Immobili ecc.. In funzione degli assets, diverse definizioni: ABS, ABCP, MBS, CDO, CLO, CBO, ecc. ecc. 6

7 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 7

8 Le strutture L intersezione di schemi e clausole diverse può dare luogo ad una molteplicità di strutture Clausole Particolari Tradizionali Sintetiche N originator Revolving Call options ecc. 8

9 Uno schema stilizzato - Funded Cash Cash Originator SPV Investitori Attivi ceduti ABS emessi 9

10 Nella realtà, la struttura delle operazioni è ben più complessa... SUPPORTO CONSULENZIALE ARRANGER CEDENTE CESSIONE CREDITI SPV EMISSIONE ABS TRANCHING TRANCHE JUNIOR INVESTITORI PORTAFOGLIO CREDITI CREDIT ENHANCEMENT TERZI GARANTI SERVICER ANALISI QUALITÀ PORTAFOGLIO AGENZIA DI RATING 10

11 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 11

12 Soggetti Coinvolti Cedente (Originator) particolare Servicer interesse da parte SPV della Vigilanza Trustee Arranger Consulenti (Legali o Tecnici) Agenzie di rating Sottoscrittori Agents (calculation, paying, listing) Account Banca d Italia 12

13 Le varie fasi dell operazione 1 Studio fattibilità e analisi convenienza economica 2 Definizione Struttura operazione 3 Individuazione attività da cedere 4 Valutazione attività 5 Due diligence Informativa per Banca d Italia 6 Costituzione SPV Liquidità Gestione pagamenti Hedging 7 Stipula contratti 8 Modello Finanziario 9 Rating Provvisorio 10 Stipula altri contratti CESSIONE GARANZIA E INDENNIZZO SERVICING 11 Rating Definitivo 12 Redazione Prospetto Informativo 13 Emissione e Collocamento Titoli 13

14 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 14

15 Le forme di Credit Enhancement Perché ricorrere a forme di Credit Enhancement? Consentono di ridurre i livelli di rischio (credito, liquidità) insiti negli ABS Rendono più agevole - e meno costoso - il classamento degliabs 15

16 Rilevanza del Credit Enhancement La cartolarizzazione perfetta è quella in cui alla cessione ( funded o syntetic ) degli assets si accompagna la cessione integrale del rischio Circostanze legate alle condizioni del mercato e/o dell originator possono tuttavia imporre la prestazione di forme di garanzia L entità e le caratteristiche della garanzia prestata ( Credit enhancement ) determinano, in sostanza, la ritenzione di parte del rischio 16

17 segue: Rilevanza del Credit Enhancement In concreto, si pone il problema di quanto rischio dovrà residuare in capo all originator, dati gli obiettivi dell operazione (specie in termini di rating) Ai fini di Vigilanza: il problema non è solo quantitativo ( quanto trattengo ) ma, soprattutto, qualitativo ( cosa trattengo ) Si può determinare un effetto di addensamento del rischio 17

18 Le forme di Credit Enhancement Due tipologie di Credit Enhancement Esterni Polizze assicurative Lettere di credito Interni Senior subordinated Overcollateralization Liquidity lines/res. accounts Excess spread... La tipologia interna diventa sempre più diffusa Indipendenza dal rating del garante 18

19 Credit Enhancement Interni Senior Subordinated Problema di definizione sequenza dei flussi ( Waterfalls ) Rimborso di tipo sequenziale, pro-rata, subordinaz. capitale/interessi Suddivisione ABS in categorie con priorità differenziate nella allocazione dei flussi di cassa generati dal pool Tipicamente, l emissione viene strutturata in tranches (Senior, Mezzanine, Junior) 19

20 Senior - subordinated structure Cash flows generati dal pool of assets Senior Mezzanine PERDITE Junior 20

21 un esempio ( ) Ipotizziamo che l operazione preveda due sole tranches (Senior e Equity); il rating auspicato sulla tranche senior (ad esempio AAA) richiede una perdita attesa - a livello di portafoglio - pari a 0,05% Sono possibili due diversi stati del mondo (ciascuno con una sua probabilità di realizzazione): Scenario 1 - positivo (le perdite attese sul portafoglio ammontano allo 0,16%); Scenario 2 - negativo (le p.a. sul portafoglio ammontano a 1,16%) tratto da: Caputo Nassetti, Fabbri Trattato sui contratti derivati di credito. 21

22 un esempio ( ) Perdita attesa Scenario 1 Π sc1 = 75% EL=0,16% Sc. EL Πsc Perdita su equity 1 0,16% 75% K H 2 1,16% 25% K L Scenario 2 Π sc1 = 25% EL=1,16% tratto da: Caputo Nassetti, Fabbri Trattato sui contratti derivati di credito. 22

23 un esempio ( ) EL portafoglio = 75%*0,16% + 25%*1,16% = 0,41% EL da coprire con equity = 0,41% - 0,05% = 0,36% Ponendo K H = K L = X si ottiene: min(x;0,16%)*75% + min(x;1,16%)*25% = 0,36% X = 0,96% tratto da: Caputo Nassetti, Fabbri Trattato sui contratti derivati di credito. 23

24 Credit Enhancement Interni Overcollateralisation Problemi di valutazione nel caso di cartolarizzazioni su NPLs Casi recenti di undercollateral. Il valore nominale degli assets ceduti supera il valore nominale degli ABS emessi La cessione a SPV avviene sulla base di un valore scontato, precostituendo una riserva di valutazione 24

25 Credit Enhancement Interni Excess Spread Il differenziale tra il rendimento degli assets ceduti ed il costo degli ABS emessi viene posto a copertura della first loss Problemi di riconoscimento ai fini di Vigilanza Difficilmente applicabile a NPLs Sono previste clausole che consentono all originatori di avere la disponibilità dell e.s. 25

26 Credit Enhancement Interni Liquidity Lines Vanno distinte dalle linee di credito non subordinate concesse a fronte di esigenze di liquidità Possono rientrarvi le Servicer Advance Facilities, il cui rimborso è collegato ai recuperi In alcuni casi, sono previsti covenants collegati al rating del concedente la SAF 26

27 segue: Rilevanza del Credit Enhancement La compresenza di differenti forme di credit enhancement può dare luogo a gerarchie assai complesse Esempio: Quadrifoglio 2001 a) importo per hedging; b) spese trustee, agent, emittente; c) interessi su liquidity facility; d) commissioni di servicing e rimborso spese recupero e) interessi su tranche A f) interessi su tranche B h) rimborso capitale su tranche A i) rimborso capitale su tranche B l) interessi su tranche C m) spese di recupero eccedenti limite prefissato l) rimborso capitale su tranche C m) rimborso reserve account 27

28 Elementi caratterizzanti Attività sottostanti all operazione Struttura dell operazione Soggetti partecipanti Meccanismi assicurativi Clausole particolari 28

29 Alcune clausole particolari In generale, mirano a ridurre i costi dell operazione - anche in termini di credit enhancement per l originator Tra le più recenti clausole innovative si sottolineano quelle che mirano a modificare i termini di rimborso Opzioni di riacquisto ( call ) Inserimento di trigger events Possono porre seri problemi nell ottica prudenziale 29

30 Alcune clausole particolari Originator SPV Investitori Clausole Call Il cedente o il veicolo hanno l opzione di rimborsare i titoli emessi e riacquistare gli attivi ceduti (in tutto o in parte) Possono essere legati a clausole di step-up Trigger events Al verificarsi di trigger events i detentori dei titoli possono ottenere la chiusura anticipata delle operazioni e il rimborso dei titoli. Differenti tipologie di trigger events 30

31 Alcune clausole particolari Alcune tipologie di trigger events T.E. collegati a fattori economici: (es yield trigger/charge off trigger) sono collegati alla performance dei crediti cartolarizzati (possono rappresentare segnali di warning ). T.E. collegati a fattori non economici: possono essere collegati, ad esempio, a mutamenti della normativa fiscale ovvero al rating dell emittente. 31

32 Cartolarizzazioni innovative il portafoglio oggetto di cessione include: - titoli che incorporano derivati su crediti (CLNs); - titoli ABS rivenienti da altre cartolarizzazioni; - strumenti finanziari subordinati emessi da banche o enti finanziari (anche del medesimo gruppo); - portafogli coperti (in tutto o in parte) da derivati su crediti (del tipo Credit Default Swap). 32

33 Le strutture sintetiche Non necessariamente l operazione implica la fuoriuscita degli attivi dal bilancio del soggetto originante: gli effetti delle cartolarizzazioni possono essere replicate sinteticamente tramite l uso di credit derivatives. Securitization di tipo sintetico 33

34 Una parentesi necessaria... Cenni sui derivati creditizi Definizione Credit Derivatives: contratti finanziari bilaterali che isolano specifici aspetti del rischio di credito da uno strumento sottostante e trasferiscono il rischio tra le parti. separano la titolarità e la gestione del rischio dalla titolarità della relazione creditizia aprono nuove prospettive al credit risk management attraverso le strutture più complesse è possibile oltre che trasferire il rischio, trasformarlo 34

35 Una parentesi necessaria... Cenni sui derivati creditizi Finalità La separazione tra titolarità del credito e titolarità dei rischi si realizza, in particolare, per: rischio di default ; rischio di spread rischio paese (insolvenza Stato sovrano) Deterioramento qualità creditizia 35

36 Cenni sui derivati creditizi I credit derivatives: motivi del successo La primaria funzione economica dei credit derivatives è assimilabile alle tradizionali garanzie bancarie A differenza di strumenti più tradizionali (es. fidejussioni), i credit derivatives: sono negoziabili; hanno un prezzo di mercato sono standardizzati agiscono per specifiche tipologie di rischio di credito - default, spread, rischio paese 36

37 Cenni sui derivati creditizi segue: I credit derivatives: motivi del successo Potente strumento di risk management Non è necessario che il creditore sottostante (reference entity) sia parte o sia informato della transazione in credit derivatives che lo riguarda. Ciò consente alla banca di gestire il rischio con discrezione senza intaccare importanti relazioni di clientela. E possibile realizzare una trasformazione del rischio, rispetto ai termini contrattuali originari Consentono di andare corti : inversione del profilo di rischio di credito. 37

38 Principali tipologie contrattuali Unfunded (strumento non accompagnato da provvista) Total Rate Of Return Swap (T.R.O.R.) Credit Default Product Credit Spread Product: Funded Credit-Linked Notes 38

39 Principali tipologie contrattuali Total Rate Of Return Swap - TRORS Prevede l impegno del total return payer (protection buyer) a pagare periodicamente ad un total return receiver (protection seller) il reddito complessivo generato da una reference obligation detenuta dal compratore di protezione, sia in conto interessi (cedole e commissioni), sia in conto capitale. A fronte di tali pagamenti, l investitore si obbliga a corrispondere al beneficiario un tasso variabile, cui viene aggiunto uno spread prefissato. 39

40 Principali tipologie contrattuali segue: Total Rate Of Return Swap - TRORS Il regolamento dell operazione è basato sul valore corrente dell attività di riferimento che - rispetto alla quotazione iniziale - può aver fatto registrare un deprezzamento o un apprezzamento. Nel primo caso il garante dovrà corrispondere il differenziale alla controparte; nel caso di apprezzamento, dovrà essere il total return payer a dover effettuare il pagamento all investitore. In caso di default prima della scadenza, l operazione si estingue ed il garante effettua un pagamento alla controparte a seguito del deprezzamento verificatosi. 40

41 Principali tipologie contrattuali segue: Total Rate Of Return Swap - TRORS Libor+spread+ perdite sull asset TOTAL RETURN PAYER rendimento totale positivo sull asset TOTAL RETURN RECEIVER Rischio economico del reference entity N.B. Il TRORS espone il garante sia ai rischi di mercato che ai rischi di credito 41

42 Principali tipologie contrattuali Credit Default Products Credit default swap/options Credit default swap: contratto in cui il protection buyer ha interesse a proteggersi dal rischio di credito relativo a un attività sottostante, mentre il protection seller è disposto ad assumere il medesimo rischio su di sé. L acquirente trasferisce alla controparte il default risk su una reference obligation, dietro corresponsione di commissioni periodiche; il venditore si impegna a effettuare un pagamento al protection buyer in caso di default; se il default non si verifica entro la scadenza del contratto, quest ultimo si estingue. 42

43 Principali tipologie contrattuali segue: Credit Default Products Gli elementi chiave di un default swap/option sono due: la definizione di default e la determinazione dell importo che il venditore della protezione deve corrispondere all acquirente in caso di inadempimento. PROTECTION BUYER Premio o commissione periodica Pagamento in caso di credit event PROTECTION SELLER Rischio di credit event del reference entity 43

44 Principali tipologie contrattuali Credit Spread Products Ragione economica: andamento del merito creditizio della Reference Entity (il sottostante è rappresentato dall andamento di uno spread) Credit spread swap/forward: accordo tra due controparti per scambiare, a una/più date di regolamento future, uno spread prefissato contro uno spread variabile. Il pagamento verrà effettuato a scadenza da una delle due controparti a seconda che il differenziale si sia allargato ( spread widening ) o ristretto ( spread tightening ) rispetto a quanto inizialmente determinato 44

45 Principali tipologie contrattuali Credit Spread Products Credit Spread Options: il protection seller, in cambio di un premio, ha l obbligo di pagare al protection buyer un importo calcolato in base alla differenza tra lo spread di mercato esistente alla data di esercizio dell opzione ed uno strike spread prestabilito. 45

46 Credit spread swap BANCA A (PROTECTION BUYER) MKT spread STRIKE spread (in caso di spread widening) STRIKE spread MKT spread (in caso di spread tightening) BANCA B (PROTECTION SELLER) Credit spread option BANCA A (PROTECTION BUYER) MKT spread STRIKE spread (in caso di spread widening) Premio BANCA B (PROTECTION SELLER) Rischio di credito (rischio di default + rischio di spread) del reference entity 46

47 Principali tipologie contrattuali Credit Linked Notes Sono strumenti finanziari che costituiscono la combinazione di un titolo di debito (titolo ospite ) con un derivato su credito (in genere un credit default swap), che può modificare i cash flow del titolo ospite. CLN collegano il rendimento/il rimborso del capitale alla performance di uno o più crediti sottostanti. Possono essere emesse direttamente da una banca ovvero da SPV (caso più ricorrente). 47

48 Principali tipologie contrattuali Soggetti coinvolti nelle CLN a) emittente CLN b) investitori c) protection buyer d) emittente collateral Credit default swap Premio Capitale iniziale SPV- Emittente CLNs SECURITIES COLLATERAL Cash flow titoli PROTECTION BUYER Capitale iniziale Cash flow CLN s Rischio di credit event del reference entity ACQUIRENTE CLNs 48

49 Caratteristiche distintive delle cartolarizzazioni sintetiche Le attività sottostanti all operazione rimangono nel bilancio della banca fino all attivazione della protezione Non si generano effetti rilevanti sopra la linea (no funding) Gli effetti sul conto economico sono completamente diversi In generale, i costi delle sintetiche sono minori Anche le attività sottostanti possono essere diverse (meno standardizzabili) Spesso rispondono a logiche di ottimizzazione del capitale economico e regolamentare 49

50 Originator Investitori Pool of assets Non escono dal bilancio Credit Der. Super Senior Credit Derivative Banca di standing SPV CLN Senior Mezz. Junior Collateral AAA 50

51 Cartolarizzazione Sintetica L ORIGINATOR mantiene gli attivi in bilancio compra protezione da terzi (SPV, banche OCSE) attraverso la stipula di uno o piu credit derivatives (di solito, CDS). SPV che vende protezione emette credit linked notes, il cui rimborso è subordinato al recupero dei crediti (reference obligation) verso soggetti nei confronti dei quali è stata ceduta protezione (reference entity). I proventi rivenienti dalle emissioni delle notes vengono investiti nell acquisizione di titoli di elevata qualità (AAA), che vengono costituiti a garanzia delle tranches Senior e, eventualmente, Mezzanine, ovvero confluiscono in depositi presso la banca originator. 51

52 Effetti patrimoniali: Green SIMULAZIONE SUGLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA CARTOLARIZZAZIONE SINTETICA Importo Importo Peso nominale ponderato Requisito patr. Requisito patrimoniale iniziale (*) % Requisito patrimoniale a seguito dell'operazione di cartolarizzazione sintetica: Credit Default Swap "Super Senior" Ipotesi % Ipotesi % Credit Linked Notes garantite da "Pfandbriefe" Ipotesi % 40 3 (tranches "A" e "B") Ipotesi % 26 2 Credit Linked Notes garantite da contante Ipotesi % 0 0 (tranches "C", "D", "E", "F") Ipotesi % 0 0 Credit Linked Notes acquistate da SPIMI ("first loss") Ipotesi (tranches "G") Ipotesi Totale credit linked notes emesse da SPV Ipotesi Ipotesi Totale requisito patrimoniale Ipotesi Ipotesi

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

I credit derivatives, strumenti di gestione del rischio di credito.

I credit derivatives, strumenti di gestione del rischio di credito. I credit derivatives, strumenti di gestione del rischio di credito. a cura di Alessandro Matta 1. I credit derivatives...1 1.1 La documentazione....4 1.2 Il credit event....4 1.3 Modalità di regolamento...5

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione?

Dettagli

La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità.

La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Definizione La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Si individuano porzioni di crediti omogenei (in termini di

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e

La cartolarizzazione dei crediti e La cartolarizzazione dei crediti e degli immobili Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione? Incapacità del sistema bancario americano di far fronte alla forte

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

PMI Mortgage Insurance Company Limited

PMI Mortgage Insurance Company Limited Gestione dei rischi e ottimizzazione del capitale PMI Mortgage Insurance Company Limited Andrea Giorio Mortgage Day Roma, 30 ottobre 2007 PMI Mortgage Insurance Company Ltd Regulated by the Irish Financial

Dettagli

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni I CREDIT DERIVATIVE Credit derivative Definizione: Strumenti che consentono di isolare e negoziare il rischio di credito relativo a una determinata attività, senza che l attività medesima venga trasferita

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015 * * Claudio D Auria c.dauria1@lumsa.it Roma, 26 novembre 2015 1 * 2 DEFINIZIONI Definizione ampia che ricomprende tutte le tipologie di cartolarizzazioni Operazione che suddivide il rischio di credito

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti al consumo. Claudio Porzio Università Parthenope Roma 26 marzo 2003

La cartolarizzazione dei crediti al consumo. Claudio Porzio Università Parthenope Roma 26 marzo 2003 La cartolarizzazione dei crediti al consumo Claudio Porzio Università Parthenope Roma 26 marzo 2003 Indice Introduzione La struttura dell operazione Le operazioni concluse La normativa Conclusioni Indice

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.17389

Dettagli

La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali

La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali finanza d impresa La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali Struttura e protagonisti dell operazione Francesco Ferragina Partner di Kon SpA, dottore commercialista, docente

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata Febbraio 2013 Dossier Montepaschi Note tecniche sui prodotti finanziari che interessano le principali operazioni che costituiscono il dossier Monte Paschi Siena. Riflessioni emerse dalle ricostruzioni

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

CIRCOLARI BANCA D ITALIA VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA. Il bilancio bancario: schemi e regole di compilazione

CIRCOLARI BANCA D ITALIA VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA. Il bilancio bancario: schemi e regole di compilazione CIRCOLARI BANCA D ITALIA CIRCOLARE 22 dicembre 2005, n. 262. Il bilancio bancario: schemi e regole di compilazione - 3 aggiornamento del 22 dicembre 2014 - Ristampa integrale. VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO

FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO La Cassa di Risparmio di Orvieto, in qualità di Emittente, invita gli investitori a prendere attenta visione della nota informativa, al fine di comprendere i fattori

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

5. FINANZIAMENTI ALTERNATIVI AL CREDITO BANCARIO PER LE PMI

5. FINANZIAMENTI ALTERNATIVI AL CREDITO BANCARIO PER LE PMI 5. FINANZIAMENTI ALTERNATIVI AL CREDITO BANCARIO PER LE PMI Finanziamenti alternativi al credito bancario per le PMI 5. 5.1. LA FINANZA STRUTTURATA La finanza strutturata è un area di attività che comprende

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

FONDITALIA. Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE

FONDITALIA. Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE FONDITALIA Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE Questo addendum del 23 maggio 2016 fa parte del Prospetto e del Regolamento

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE B.10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE In qualità di emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA DEL PROGRAMMA OBBLIGAZIONI BCC OROBICA Tasso Fisso BCC OROBICA 20/01/2012 20/01/2015 3,50%

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING

Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING Renato Martire, Credit Derivatives Copyright 2014 Tangram Edizioni Scientifiche Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE S.C. TF 1,85% 18/11/2009-18/11/2012 153^ ISIN IT0004550205

CREDITO VALTELLINESE S.C. TF 1,85% 18/11/2009-18/11/2012 153^ ISIN IT0004550205 Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8 Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/12/2010-01/12/2015 A TASSO VARIABILE SUBORDINATO LOWER TIER II Codice ISIN IT0004654866

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE BCC TASSO VARIABILE TV% 2010-2015 - ISIN IT0004645898. EMESSE DALLA CASSA RURALE

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Marzo 2011/2016 Tasso Fisso 3,25%, ISIN IT000468024 2 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI RISPARMIO

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Paestum

Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Paestum PROSPETTO INFORMATIVO SEMPLIFICATO per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. "BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013 Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0 da emettersi nell ambito del programma "BANCA POPOLARE

Dettagli

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324

Banca Valsabbina T.F. 3,50% 14/12/2012-2015 ISIN IT0004874324 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. iscritta al registro delle Imprese di Brescia e CCIAA di Brescia REA n.9187 Capitale Sociale 107.390.481 i.v. Sede Legale: via Molino, 4-25078 Vestone (BS) Direzione Generale:

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l investitore

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 03/04/2012-03/04/2015 A TASSO VARIABILE CON TASSO MINIMO 2,00% Codice ISIN IT0004805302

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - Obbligazioni a Tasso Variabile

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - Obbligazioni a Tasso Variabile MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE - TASSO VARIABILE Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche

Dettagli

Cartolarizzazione: il pricing, la regolamentazione e l evidenza nel caso italiano

Cartolarizzazione: il pricing, la regolamentazione e l evidenza nel caso italiano UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di Laurea Specialistica in Analisi Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Cartolarizzazione:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa

Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa ALLEGATO 2C MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP-UP / STEP-UP AMORTIZING Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A.

CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA CREDITO DI ROMAGNA OBBLIGAZIONI A STEP UP STEP DOWN CREDITO DI ROMAGNA S.p.A. STEP UP 02/02/2010 02/02/2013 SERIE 85 IT0004571151

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE f Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI

Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI San Miniato, 13 maggio 2011 Alessandro Tappi Head, Guarantees & Securitisation Crisi finanziaria e gestione dei rischi negli intermediari finanziari Mitigazione del rischio PMI e interventi FEI Indice

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE SULLE TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO E SULLA CARTOLARIZZAZIONE Il presente documento fornisce

Dettagli