Tecnica Bancaria (Cagliari )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)"

Transcript

1 Tecnica Bancaria (Cagliari ) prof. Mauro Aliano 1

2 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2

3 Le operazioni di cartolarizzazione 3

4 Le operazione di cartolarizzazione (securization) In finanza questa tipologia di operazione viene impiegata, in una forma primordiale, dal 1920 negli USA. Successivamente, sempre negli USA, negli anni 70 assume un ruolo sempre più importante Freddie Mac (a federal purchaser of mortgages from members of the Federal Reserve System ) In Italia legge n. 130/99 Scopo: trasformare attività illiquide in titoli scambiali sui mercati In teoria queste operazioni potrebbero essere impiegate anche da soggetti di natura non bancaria (o che non svolgono attività di intermediazione finanziaria) 4

5 Le operazioni di cartolarizzazione e la relazione con il mercato immobiliare In Usa, a fine anni 70, tramite tre agenzie governative (Fannie Mae, Ginnie Mae e Freddie Mac) si cercò di dare vitalità al settore immobiliare americano favorendo l acquisto di nuove case tramite mutui. Infatti le tre agenzie acquistavano mutui dalle thrifts (savings and loan institutions negli USA) o prestavano garanzie nelle operazioni di erogazione delle thrifts. Le tre agenzie finanziavano l acquisto di mutui tramite l emissione di proprie passività. 5

6 I significati di securization Securization (in senso ampio): inteso come processo di disintermediazione finanziaria, ovvero si riferisce al prevalere, tra gli anni 70 e 80, del mercato di capitali quale fonte di approvvigionamento di capitale per le imprese. Securization (in senso stretto): emissioni di titoli scambiali sul mercato i cui flussi (riferiti sia alla quota capitale, sia alla quota di interesse) sono garantiti dagli asset cartolarizzati. Ovvero la trasformazione di attività illiquide (ad esempio crediti, immobili, etc ) in attività liquide (Asset Backed Securities) 6

7 Come si classificano gli ABS? Bond? No perché la restituzione della quota capitale e di interesse è assicurata non dall attività d impresa nel complesso ma da specifici assets Azioni? No, perché non costituiscono il capitale di rischio dell impresa 7

8 Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche 8

9 Il processo di emissione degli ABS Nei primi anni 90, in Italia, questa tipologia di operazione è stata impiegata per cartolarizzare soprattutto crediti. Questa operazione rappresenta, per la banca, un attività di funding alternativa all emissione di obbligazioni e azioni Il processo di cartolarizzazione dei crediti viene definito Mortgage Backes securities e si caratterizza, in estrema sintesi, in: Rimozione degli attivi cartolarizzati dal bilancio Emissione di ABS 9

10 Il confronto con l operazione di loan sale Si ipotizzi che la banca Alpha decida di finanziare una società per 10 milioni, e ceda poi parte dei crediti derivanti dal finanziamento alla banca Beta e alla banca C per una valore rispettivamente di 3 milioni e 5 milioni. La banca Alpha, dunque, dopo aver originato individualmente un finanziamento di 10 presenta nel suo attivo prestiti per 2 milioni, mentre le banche B e C divengono dirette prestatrici della società finanziata In questo tipo di operazioni la banca Alpha (originator) amministra i flussi associati ai prestiti venduti alle altre due banche ed in cambio riceve una commissione determinata dallo spred tra interessi pagati dalla società e interessi girati alle banche 10

11 Le differenze tra securization e loan sale Nelle operazioni di loan sale l attivo venduto non diventa liquido in quanto, rispetto alle operazioni di securization cambia: La tipologia degli acquirenti dei prestiti: banche principalmente per la loan sale, anche altri investitori per le securization Il numero di acquirenti dei prestiti: esiguo per la loan sale, rilevante per le operazioni di securization Altre differenze: Nelle operazioni di loan sale si acquistano i crediti e pertanto il buyer diventa direttamente creditore, la relativa posizione non è tutelata da un pool di asset, ma direttamente dalla controparte creditizia. 11

12 Struttura dell operazione di cartolarizzazione Obiettivo: conversione di crediti o di attività finanziarie, di diverso genere, in strumenti cartolari e, più propriamente, in valori mobiliari negoziabili e quindi liquidabili su un apposito mercato secondario I flussi di cassa derivanti da impieghi creditizi, mutui o classi di attivo predeterminate, vengono selezionati ed aggregati al fine di costituire un supporto a garanzia di titoli di debito emessi sul mercato dei capitali. 12

13 Gli attori coinvolti Originator: individua gli attivi oggetto del processo di cartolarizzazione. Può essere una banca, un impresa finanziaria o un impresa commerciale Advisor: assiste l originator nell individuazione degli attivi oggetto del processo di cartolarizzazione. Di solito è una investment bank SPV: Special Purpose Veichle. L originator cede gli attivi al SPV che è una società di scopo diversa rispetto all originator. Per finanziare l acquisto degli attivi emette gli ABS Investitori: coloro che acquistano gli ABS emessi dallo SPV Lead manager: cura il processo di collocamento degli ABS, di solito è una Investment o merchant bank 13

14 Gli attori coinvolti Agenzia di rating: valuta il pool di attivi ceduti a cui sono associati i flussi di rimborso degli ABS Prestatori di garanzie: al fine di rendere più appetibile l operazione (credit enhancement) ci sono soggetti che prestano garanzie sull operazione Fornitori di altri servizi: ad esempio provider di swap che consentono la trasformazione dei flussi associati agli attivi 14

15 Figura n. 1: la configurazione base di un operazione di securitization I debitori ceduti effettuano i pagamenti relativi ai prestiti all originator o a un servicer esterno Debitori Ceduti Originator Vendita degli attivi da parte dell'originator e incasso del controvalore SPV L'originator trasferisce i flussi finanziari generati dagli attivi ceduti e incassa la servicing fee Investment bank: agisce come advisor e come lead manager nel collocamento Commissioni Agenzia di rating: effettua il rating dell'emissione Commissioni Lo SPV emette ABS ed ottiene le risorse finanziarie necessarie al pagamento del pool di attivi. Successivamente trasmette flussi finanziari in linea capitale e interessi ai detentori delle ABS Credit enhancers e altri providers di servizi di sostegno Commissioni Flussi finanziari corrisposti dai providers di servizi di sostegno Investitori Flussi iniziali Prestazione di servizi Flussi posteriori all'emissione Fonte: nostra elaborazione da M. La Torre, Securitization e Banche, Il Mulino, Bologna, 1995, pag

16 Quali vantaggi per le banche? Funding: attraverso lo smobilizzo dei pool di attivo, l originator ottiene risorse finanziarie Coefficienti patrimoniale: attraverso la cessione dell attivo rischioso si migliorano i coefficienti patrimoniali imposti dalla normativa Rischio di credito: la banca, cedendo prestiti, trasferisce il rischio di insolvenza 16

17 Aspetti problematici Concernenti la scelta degli attivi da cartolarizzare Crediti in bonis o in sofferenza? Omogeneità della natura giuridica Prevedibilità del flusso di cassa associato Garanzie da prestare e quindi due diligence 17

18 L oggetto della cartolarizzazione Crediti garantiti Crediti non garantiti di varia natura (Credito al consumo, rate di leasing, etc.) Flussi associati ad immobili Contratti di franchising 18

19 Le garanzie intrinseche nelle operazioni di cartolarizzazione Overcollateralisation: l originator cede un volume di attività più elevato rispetto a quello necessario ad assicurare il pagamento degli ABS Credit tranching: le ABS sono suddivise in tranches alle quali vengono attribuiti diversi livelli di seniority Cash collateralization: viene posta garanzia una somma di denaro Spread account: quando gli attivi presenta un tasso di rendimento notevolmente più elevato rispetto ai rendimenti degli ABS (spread), si costituisce un fondo di garanzia a favore dello SPV a cui si cede lo spread 19

20 L utilizzo delle cartolarizzioni nei settori non bancari: tutto fa brodo Olivetti nel 1994 cartolarizza crediti commerciali per 300 mln di dollari Parmalat nel 1995 cartolarizza crediti commerciali SS Lazio nel 1997 cartolarizza futuri incassi attesi relativi a partite di calcio (per 50 mld di lire) La Fiorentina nel 1998 cartolarizza futuri incassi attesi relativi a partite di calcio (per 500 mld di lire) Cirio nel 1999 cartolarizza crediti commerciali per 140 mld di lire Cecchi Gori cartolarizza i diritti cinematrografici futuri per 475 mld etc. 20

21 L utilizzo da parte delle banche Banca di Roma per credit non performing, crediti in sofferenza, e prestiti obbligazionari Nel 2007 Intesa Sanpaolo cartolarizza 13 mld di obbligazioni Unicredit nel 2014 a fronte di crediti generati da contratti di leasing 21

22 Recenti evoluzioni 22

23 La crisi dei subprime La cattiva qualità dei creditori (subprime appunto) è stata bilanciata dall incremento del valore dell immobile. In sostanza, a fronte di PD elevate si è pensato di ridurre la LGD! Le banche sono passate da un sistema Oth (Originate to hold) ad un modello OTD (Originate to distribute). Attraverso questo cambiamento del modello di business il rischio di default è stato trasferito sull investitore finale. 23

24 CDO È un attività collegata ad un portafoglio di assets (azioni, obbligazioni, ABS, derivati creditizi etc.) Durante la crisi dei subprime sono stati gli strumenti che hanno consentito la diffusione della crisi 24

25 Death Bond Negli Usa impiegati a fronte di polizze assicurative caso morte Per esigenze legate al beneficiario si scontano queste polizze future (ovviamente con un prezzo a sconto) I death Bond sono strumenti emessi a fronte di queste polizze 25

26 Come superare lo smacco dei Subprime? L originator trasferisce definitivamente allo SPV la proprietà dei crediti Maggiore standardizzazione e trasparenza sugli ABS evidenziando, anche degli standard comuni finalizzati alla valutazione del rischio di credito sottostante gli assets ceduti. Per rendere il mercato degli ABS ancora più liquido si ricorre alle ricartolarizzazioni ( o cartolarizzazioni di secondo livello) Per quanto riguarda la realtà bancaria Europea, il Parlamento ha specificato non solo la percentuale di risk retention del 5% attraverso le seguenti possibili opzioni : i) 5% del valore del nominale di ogni tranche emessa (vertical slice) ii) un porzione di emissione scelta in modo random, ma comunque non inferiore al 5% del valore nominale iii) la prima tranche in perdita, ed eventualmente anche le successive, per un ammontare non inferiore al 5% del valore nominale. Le autorità statunitensi attraverso il Credit Risk Retention Act impongono la percentuale di retention al 5%. 26

27 Intervento congiunto della ECB e della BOE Rilanciano l attività di cartolarizzazione I benefici delle operazioni di cartolarizzazione sono: Funding (diversifica le fonti di finanziamento delle banche) Trasferimento del rischio Entrambe Il ruolo svolto dalle non banche che, come investitori, possono finanziarie indirettamente, attraverso l acquisto degli ABS l attività economica (assicurazioni, fondi pensione) Per la banche possono essere un canale di funding meno costoso rispetto agli altri https://www.ecb.europa.eu/pub/pdf/other/ecbboe_impaired_eu_securitisation_marketen.pdf (paper completo) 27

28 La soluzione Draghi In termini di politica monetaria asset-backed securities purchase program (ABSPP) Senior and guaranteed mezzanine tranches of assetbacked securities (ABSs) Acquisto di obbligazioni bancarie garantite (Covered Bond Purchase Programme -CBPP) 28

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative

Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Le operazioni di cartolarizzazione. Principali strutture e caratteristiche operative Banca d Italia d - Roma 2/3 dicembre 2002 A cura di Giovan Battista Sala - Servizio VEC - Divisione Analisi 1 (06-4792.4625)

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA CARTOLARIZZAZIONE DOPO LA CRISI FINANZIARIA?

QUALE FUTURO PER LA CARTOLARIZZAZIONE DOPO LA CRISI FINANZIARIA? Francesca Battaglia QUALE FUTURO PER LA CARTOLARIZZAZIONE DOPO LA CRISI FINANZIARIA? FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile con

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative

La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative La cartolarizzazione dei crediti e la cartolarizzazione immobiliare : strutture contrattuali e modalità operative Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione?

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

La cartolarizzazione dei crediti e

La cartolarizzazione dei crediti e La cartolarizzazione dei crediti e degli immobili Università di Parma Prof. Claudio Cacciamani 1 Dove e perché nasce la cartolarizzazione? Incapacità del sistema bancario americano di far fronte alla forte

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEGLI ASSETS BANCARI: ANALISI DELLO SPREAD DELLE ABS SUL MERCATO ITALIANO

LA CARTOLARIZZAZIONE DEGLI ASSETS BANCARI: ANALISI DELLO SPREAD DELLE ABS SUL MERCATO ITALIANO Facoltà: Economia Cattedra: Economia degli Intermediati finanziari c.p. LA CARTOLARIZZAZIONE DEGLI ASSETS BANCARI: ANALISI DELLO SPREAD DELLE ABS SUL MERCATO ITALIANO Relatore: Prof. Domenico Curcio Correlatore:

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12.

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12. LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli Sistema Finanziario Take Home Exam Data di consegna 20.12.2007 1 Individuare, all interno dell appendice

Dettagli

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali

La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali finanza d impresa La cartolarizzazione per finanziare le piccole e medie imprese distrettuali Struttura e protagonisti dell operazione Francesco Ferragina Partner di Kon SpA, dottore commercialista, docente

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Cartolarizzazioni di immobili e crediti Cartolarizzazione Consiste in un operazione di conversione di assets di bilancio in titoli: consente di convertire parte delle proprie attività in titoli con la

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

IC Satellite. Investment Banking Advisors. Autocartolarizzazione. icsatellite.com. a different perspective. 2013-2014 riservato confidenziale

IC Satellite. Investment Banking Advisors. Autocartolarizzazione. icsatellite.com. a different perspective. 2013-2014 riservato confidenziale Autocartolarizzazione icsatellite.com a different perspective Chi siamo e che facciamo in 10 sec. IC Satellite è una società di CONSULENZA DIREZIONALE IN FINANZIARIA STRATEGICA (qualcuno la chiamerebbe

Dettagli

L ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI LOCALI

L ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI LOCALI Debt Capital Markets Michele Rolleri Head of DCM - Public Sector UniCredit Banca Mobiliare L ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI LOCALI Milano, 22 Gennaio 2003 Agenda IL FINANZIAMENTO

Dettagli

Cartolarizzazione: il pricing, la regolamentazione e l evidenza nel caso italiano

Cartolarizzazione: il pricing, la regolamentazione e l evidenza nel caso italiano UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di Laurea Specialistica in Analisi Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Cartolarizzazione:

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI 1 LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI La Legge 130/1999 ha introdotto in Italia la disciplina della cartolarizzazione dei crediti bancari, più nota come securitization, mutuandola dal sistema bancario

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari della UE e l attività del FEI

Gli Strumenti Finanziari della UE e l attività del FEI Gli Strumenti Finanziari della UE e l attività del FEI Credito al Credito 25 Novembre 2015 InnovFin (ex-rsi) Portafoglio di finanziamenti a PMI & Small Mid-Caps Innovative Rischio ritenuto dall IF Minimo

Dettagli

PARTE H - OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PARTE H - OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PARTE H - OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE 1. Informazioni sui compensi dei consiglieri e dei dirigenti con responsabilità strategiche Le informazioni si riferiscono a chi ha il potere e la responsabilità,

Dettagli

La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità.

La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Definizione La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Si individuano porzioni di crediti omogenei (in termini di

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015

* Claudio D Auria. c.dauria1@lumsa.it. Roma, 26 novembre 2015 * * Claudio D Auria c.dauria1@lumsa.it Roma, 26 novembre 2015 1 * 2 DEFINIZIONI Definizione ampia che ricomprende tutte le tipologie di cartolarizzazioni Operazione che suddivide il rischio di credito

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 11 Non Performing Loan Contenuti Elementi caratteristici degli NPL Caratteristiche oggettive

Dettagli

Facoltà di Scienze Statistiche

Facoltà di Scienze Statistiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea Triennale in Statistica Economia e Finanza L OPERAZIONE MASTER DOLFIN: ANALISI DELLA TECNICA DI CARTOLARIZZAZIONE Relatore:

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI "M. FANNO" CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA TESI DI LAUREA CARTOLARIZZAZIONE DI RMBS: ANALISI DEI RISULTATI

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2012-2013

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2012-2013 Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati

PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI. PMS - tutti i diritti riservati PRODOTTO STRUTTURALE PER CREDITI IMMOBILIARI ANOMALI PMS - tutti i diritti riservati La crisi e il territorio Può una Banca essere vicina al territorio in un periodo di crisi? PMS - tutti i diritti riservati

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Edoardo Marullo Reedtz Responsabile Studi Finanziari, ANIA 12 marzo 2015 Università degli Studi di Parma, «Compagnie di Assicurazione e Banche

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005 L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli Roma Novembre 2005 Indice Le PMI: l asse portante dell economia italiana Vincoli finanziari per le PMI Il Mercato Europeo dei CDO Il ruolo del settore

Dettagli

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata Febbraio 2013 Dossier Montepaschi Note tecniche sui prodotti finanziari che interessano le principali operazioni che costituiscono il dossier Monte Paschi Siena. Riflessioni emerse dalle ricostruzioni

Dettagli

PMI Mortgage Insurance Company Limited

PMI Mortgage Insurance Company Limited Gestione dei rischi e ottimizzazione del capitale PMI Mortgage Insurance Company Limited Andrea Giorio Mortgage Day Roma, 30 ottobre 2007 PMI Mortgage Insurance Company Ltd Regulated by the Irish Financial

Dettagli

Moody s Investors Service

Moody s Investors Service IL RATING DELLE OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ED IL FABBISOGNO DI DATI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ CREDITIZIA DEGLI ASSETS Alain Debuysscher Team Leader - Structured Finance Italy +39.02.86.337.645 alain.debuysscher@moodys.com

Dettagli

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni

Credit derivative. Finalità: gestione dei rischi di credito. Utilizzatori: Banche Investitori istituzionali Imprese di grandi dimensioni I CREDIT DERIVATIVE Credit derivative Definizione: Strumenti che consentono di isolare e negoziare il rischio di credito relativo a una determinata attività, senza che l attività medesima venga trasferita

Dettagli

5. FINANZIAMENTI ALTERNATIVI AL CREDITO BANCARIO PER LE PMI

5. FINANZIAMENTI ALTERNATIVI AL CREDITO BANCARIO PER LE PMI 5. FINANZIAMENTI ALTERNATIVI AL CREDITO BANCARIO PER LE PMI Finanziamenti alternativi al credito bancario per le PMI 5. 5.1. LA FINANZA STRUTTURATA La finanza strutturata è un area di attività che comprende

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 Gli strumenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna

Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna Crisi Finanziaria: origini ed effetti di propagazione. Quali prospettive? Massimiliano Marzo Università di Bologna La situazione Crisi finanziaria globale Macro-effetti: Crisi del mercato finanziario nel

Dettagli

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope - Napoli 1 SOMMARIO La finanza mobiliare Il corporate finance Il merchant banking La finanza strutturata

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

Le forme di finanziamento nelle Società

Le forme di finanziamento nelle Società Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali Le forme di finanziamento nelle Società a cura di: Dott. Angelo D Alia 1 Indice 1.Il concetto di impresa 2. Le varie tipologie

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 dicembre 2014 Sommario Premessa TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 5 TAVOLA 2 RISCHIO DI

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Approvato nella seduta del

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE I. La (ri)regolamentazione dei mercati finanziari... pag. 1 II. Cos è la soft law...» 3 III. Soft law e mercati finanziari...» 5 IV. Le funzioni svolte dalla

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

01.09.2009 15.10.2009 28.11.2009 11.01.2010 24.02.2010 09.04.2010 23.05.2010

01.09.2009 15.10.2009 28.11.2009 11.01.2010 24.02.2010 09.04.2010 23.05.2010 Crédit Agricole (S&P: AA-/Negativo; Moody s: Aa1/Negativo; Fitch: AA-/Stabile) Le principali attività del gruppo bancario francese Il gruppo Crédit Agricole è il primo gruppo bancario in Francia e una

Dettagli

Cartolarizzazione come strumento di liquidità. PREMESSA La cartolarizzazione come strumento di liquidità

Cartolarizzazione come strumento di liquidità. PREMESSA La cartolarizzazione come strumento di liquidità ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE VIA VISCONTI DI MODRONE, 12 20122 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 REA MILANO: 1731117 CORSO G. MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL. +39 02 77

Dettagli

Trasferimento del Rischio di. benefici? Presentazione di Renato Filosa all ENI Corporate University

Trasferimento del Rischio di. benefici? Presentazione di Renato Filosa all ENI Corporate University Gli strumenti per il Trasferimento del Rischio di Credito (TRC): più rischi che benefici? Presentazione di Renato Filosa all ENI Corporate University Gli antecedenti dei TRC Crediti sindacati dei prestiti

Dettagli

U IVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

U IVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA U IVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIME TO DI SCIE ZE ECO OMICHE E AZIE DALI "M. FA O" CORSO DI LAUREA MAGISTRALE I ECO OMIA E FI A ZA TESI DI LAUREA A ALISI DI U 'OPERAZIO E DI CARTOLARIZZAZIO E IMMOBILIARE

Dettagli

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA UE

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA UE TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA UE Convention FEDART 25 September 2015 The material in this presentation has been prepared by EIF and is general background information about the EIF Instruments,

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Alba Leasing S.p.A. Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012. Milano, 6 maggio 2013. Servizio Risk e Compliance

Alba Leasing S.p.A. Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012. Milano, 6 maggio 2013. Servizio Risk e Compliance Alba Leasing S.p.A Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012 Milano, 6 maggio 2013 Servizio Risk e Compliance INDICE 1. PREMESSA... 3 2. TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2.1. INFORMATIVA

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA SULLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA SULLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola sono riportati i nominativi di tutti i soggetti che hanno partecipato alla consultazione e che non abbiano richiesto la non divulgazione. Rispondenti Hanno risposto alla consultazione:

Dettagli

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario BANCHE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Revisione della disciplina di vigilanza sulle Obbligazioni Bancarie Garantite

Revisione della disciplina di vigilanza sulle Obbligazioni Bancarie Garantite Revisione della disciplina di vigilanza sulle Obbligazioni Bancarie Garantite MAGGIO 2014 Pagina 1 di 6 Si fa riferimento al documento di consultazione per la revisione della disciplina di vigilanza sulle

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

Le forme tecniche dei prestiti per cassa e di firma. Giuseppe Squeo

Le forme tecniche dei prestiti per cassa e di firma. Giuseppe Squeo Le forme tecniche dei prestiti per cassa e di firma Giuseppe Squeo 1 Il ruolo della banca nel finanziamento dell impresa non smobilizzo cartolariz -zazione smobilizzo Attivo Imm.ni mat. Imm.ni imm. Imm.ni

Dettagli