PREVENZIONE del DANNO RENALE ACUTO da MEZZO di CONTRASTO ORGANO-IODATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE del DANNO RENALE ACUTO da MEZZO di CONTRASTO ORGANO-IODATO"

Transcript

1 Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA PREVENZIONE del DANNO RENALE ACUTO da MEZZO di CONTRASTO ORGANO-IODATO Dr. Luigi La Vecchia, UOS Emodinamica, Dipartimento Cardiovascolare Dr. Vittore Pinna, UOC Neuroradiologia Prof. Claudio Ronco, Dipartimento Nefrologia Dialisi e Trapianto Dr. Sergio Savastano, UOC Radiologia Ospedale San Bortolo, ULSS 6 - Vicenza Introduzione In passato si definivano come nefropatia da mezzo di contrasto (MdC) le alterazioni renali da reazione avversa ai MdC organo-iodati. Più recentemente, in accordo con la letteratura scientifica, che definisce Danno Renale Acuto (Acute Kidney Injury AKI) lo spettro sindromico dell insufficienza renale (dalle forme minori, subcliniche, a quelle più gravi), si preferisce usare il termine di Danno Renale Acuto Indotto da Mezzo di Contrasto (Contrast induced Acute Kidney Injury CI-AKI) [1]. Il CI-AKI è una delle possibili complicanze delle procedure radiologiche diagnostiche e terapeutiche che necessitano della somministrazione intrarteriosa o intravenosa di MdC organo-iodato. Il CI-AKI coinvolge specialisti di varie discipline, e necessita dello sforzo multidisciplinare e condiviso per la prevenzione, la diagnosi precoce e la protezione del rene.

2 Definizione La CI-AKI è definita come un alterazione della funzionalità renale che determina un incremento della creatininemia 0.5 mg/dl o 25% rispetto ai valori di partenza, che si sviluppa in genere ore dopo la somministrazione del MdC in assenza di altre cause accertate [2-7]. La sua incidenza, indipendentemente dal tipo di MdC, è pari al 2% circa nella popolazione generale [8, 9], ma sale al 12-50% nei pazienti con aumentato rischio di danno renale [3-7, 10-18]. Il CI-AKI è la terza causa in ordine di frequenza (11% dei casi) di insufficienza renale acquisita nel corso di un ricovero [19] e comporta un aumento significativo della durata di ricovero, dei costi relativi e dei rischi di morbilità e mortalità sia a breve che a lungo termine (Tab. I). La mortalità da CI-AKI è sovrapponibile a quella osservata in pazienti con AKI da farmaco (10-20% dei casi) [20-31]. Tabella I: Mortalità a breve e a lungo termine per CI-AKI Autore Mortalità intraospedaliera in assenza di CI-AKI Mortalità intraospedaliera in presenza di CI-AKI Mortalità a lungo termine in assenza di CI-AKI Mortalità a lungo termine in presenza di CI-AKI Levy et al [22] 7% 34% McCullough et al [23] 1.1% 7.1% 81.2% (5 anni) 35.4% (1 anno no Gruber et al [24] 4.9% 14.9% 19.4% (1 anno) dialisi) 3.7% (1 anno) 14.5% 12.1% (1 anno) Rihal et al [10] 1.4% 22% (5 anni) 44.6% (5 anni) Iakovu et al [25] 0.9% 4.7% 13.9% (1 anno) 32.3% (1 anno) Lindsay et al [26] 2.7% (1 anno) 9.5% (1 anno) Eziopatogenesi Il meccanismo del CI-AKI non è ancora completamente chiarito; attualmente tre sono le teorie più accreditate: 1) danno tossico diretto per passaggio delle molecole iodate nell interstizio renale; 2) danno tubulare per generazione di radicali liberi (aumentata in ambiente acido) con aumento dello stress ossidativo; 3) vasocostrizione con danno endoteliale per riduzione del flusso midollare. Fattori di rischio Il rischio di CI-AKI dipende in gran parte dalla funzionalità renale di base. La egfr (estimated Glomerular Filtration Rate) è un indice validato per descrivere il livello di funzione renale, anche se la sua accuratezza è limitata per valori di filtrato <60 ml/min/1.73 m 2. Tale indice, tuttavia, non è utile quando la generazione o la filtrazione della creatinina cambiano rapidamente; in tali situazioni il valore stimato non corrisponde più al valore reale o misurato (GFR, Glomerular Filtration Rate). I pazienti che sviluppano AKI hanno frequentemente una compromissione renale latente (acuta o cronica) o derivante da un pregresso insulto; è quindi difficile accertare lo stato di normalità della 2

3 funzione renale in condizioni basali o preesistenti a una procedura diagnostico-interventistica. In tali situazioni è difficile la diagnosi di CI-AKI sulla base della sola creatininemia, che può invece avvantaggiarsi dalla ricerca dei marcatori di danno renale acuto. Un qualche contributo potrebbe essere fornito da un anamnesi volta alla ricerca del rischio renale, specie nei pazienti ambulatoriali [32]. Il CI-AKI deve quindi essere inteso come uno spettro che va da un aumentata predisposizione all insulto (basata sui fattori di rischio) al danno anatomo-funzionale vero e proprio che esita nella guarigione o nel danno cronico. In Tabella II sono elencati i fattori di rischio per CI-AKI [33]. Tabella II: Fattori di rischio di danno renale da mezzo di contrasto [33] Correlati al paziente o egfr <60 ml/min/1.73 m 2 prima della somministrazione intrarteriosa o egfr <45 ml/min/1.73 m 2 prima della somministrazione intravenosa o In particulare in presenza di Nefropatia Diabetica Disidratazione Insufficienza cardiaca congestizia (NYHA classe 3-4) e ridotta frazione di eiezione FE IMA recente (<24 h) Contropulsatore aortico Ipotensione peri-procedurale Basso ematocrito Età >70 aa Assunzione farmaci nefrotossici Insufficienza Renale acuta nota o sospetta Correlati alla procedura Iniezione intrarteriosa di MdC MdC ad elevate osmolalità Elevate quantità di MdC Somministrazioni ripetute di MdC in pochi giorni Nota: Nessuna profilassi farmacologica (con vasodilatatori renali, antagonisti dei recettori dei mediatori endogeni vasoattivi o farmaci citoprotettivi) si è dimostrata offrire una protezione adeguata contro il CI-AKI 3

4 Prevenzione del danno renale acuto Le strategie di prevenzione del CI-AKI si basano sulle raccomandazioni di pratica clinica indicate nel documento del Gruppo di Lavoro K-DIGO [1], che: raccomanda l espansione del volume con salina isotonica o sodio bicarbonato nei pazienti ad aumentato rischio per CI-AKI; raccomanda di non usare fluidi per via orale in pazienti ad aumentato rischio di CI-AKI; suggerisce l utilizzo orale di N-acetilcisteina insieme all uso endovenoso di soluzioni isotoniche di cristalloidi in pazienti ad aumentato rischio di CI-AKI; suggerisce di non utilizzare per prevenire il CI-AKI la teofillina né il fenoldopam; suggerisce di non utilizzare l emodialisi o l emofiltrazione intermittenti profilattiche per la rimozione del MdC nei pazienti a rischio di CI-AKI. Lo schema di pretrattamento con Acetilcisteina prevede l assunzione di 2 compresse 12 h e 2 compresse 6 h prima dell esame, e 2 compresse 6 h e 2 compresse 12 h dopo l esame. Lo sviluppo di CI-AKI, tuttavia, non dipende solo da fattori correlati al paziente (per i quali si adottano le strategie preventive sopra descritte) ma anche dal tipo di procedura, dalla nefrotossicità intrinseca del MdC, legata alle sue caratteristiche chimico-fisiche e alla modalità di somministrazione (Tab. II). Pazienti in terapia con Metformina Un esame radiologico che richiede la somministrazione intravascolare di MdC crea ansia nei pazienti diabetici in terapia con Metformina. La Metformina è un biguanide di prima scelta nel trattamento del diabete dell adulto non insulinodipendente, non controllato dalla dieta e dall esercizio fisico [34, 35]. E un farmaco a rapido assorbimento intestinale, con picco ematico a 2,5 h, e rapida eliminazione per via renale attraverso la filtrazione glomerulare e l escrezione tubulare (90% nelle prime 12 h) [36]. Nella formulazione a rilascio ritardato il picco ematico è raggiunto 7 h dopo l assunzione. Il rischio di acidosi lattica da Metformina nei diabetici è molto basso (9 casi/ pazienti/anno) [37, 38]. In presenza di danno renale, l eliminazione della Metformina è ridotta (fino al 78% circa in pazienti con CKD 4 e 5) e i livelli ematici di Metformina rimangono elevati per lungo tempo aumentando il rischio di acidosi lattica [39]. Le line guida della UK National Institute for Clinical Excellence (NICE) stabiliscono che la Metformina può essere prescritta con egfr 45 ml/min/1.73 m 2, mentre il dosaggio deve essere rivisto per egfr <45 ml/min/1.73 m 2. In pazienti con egfr <30 ml/min/1.73 m 2 la terapia dovrebbe essere sospesa [35]. La Metformina è controindicata anche in altre situazioni che predispongono alla acidosi lattica (epatopatie, ipossiemia, malattie cardiache e respiratorie, infezioni gravi) [36]. Il rischio di CI-AKI è ridotto nei diabetici con funzione renale conservata, ma più alto in quelli con trapianto renale [13, 14, 40]. 4

5 Alla luce delle nuove conoscenze, la European Society of Urogenital Radiology (ESUR) ha nel 2009 aggiornato le linee guida sull impiego dei MdC organo-iodati nei pazienti in terapia con Metformina (Tab. III) [35]. Queste nuove linee guida stabiliscono che i pazienti con egfr 45 ml/min/1.73 m 2 possano continuare regolarmente la terapia ipoglicemizzante se devono eseguire un esame che prevede la somministrazione intravenosa del MdC. I pazienti con egfr di ml/min/1.73 m 2 che devono sottoporsi ad un iniezione intrarteriosa di MdC e quelli con egfr ml/min/1.73 m 2 in cui il MdC deve essere somministrato per via intravenosa devono interrompere l assunzione di Metformina 48 h prima dall iniezione del MdC; la funzione renale deve quindi essere rivalutata dopo 48h dalla somministrazione del MdC e la terapia con metformina dovrebbe essere ripresa solo in assenza di un deterioramento della funzione renale [3]. Tabella III: Linee guida ESUR nei pazienti in terapia con Metformina [33] I pazienti con: 1. egfr 60 ml/min/1.73 m 2 (CKD 1 and 2) possono continuare ad assumere normalmente la Metformina 2. egfr ml/min/1.73 m 2 (CKD3) egfr 45 ml/min/1.73 m 2 e somministrazione del MdC per via intravenosa: possono continuare normalmente ad assumere la metformina egfr 45 ml/min/1.73 m 2 e somministrazione del MdC per via intrarteriosa: dovrebbero sospendere la terapia con metformina 48 h prima dell esame e riprenderla dopo 48 h in assenza di deterioramento della funzione renale egfr ml/min/1.73 m 2 e somministrazione del MdC intravenosa: dovrebbero sospendere la terapia con metformina 48 h prima dell esame e riprenderla dopo 48 h in assenza di deterioramento della funzione renale 3. egfr <30 ml/min/1.73 m 2 (CKD 4 and 5), o con malattie intercorrenti causa di ipossia o riduzione della funzione epatica: la Metformina è controindicata e la somministrazione di MdC organoiodato dovrebbe essere evitata 4. Procedure d emergenza: la Metformina dovrebbe essere sospesa dal momento della somministrazione del MdC. Dopo la procedura il paziente dovrebbe essere monitorato per ricerca di segni di acidosi. La terapia con Metformina dovrebbe essere ripresa dopo 48 h dopo la procedura se la creatininemia/egfr è invariata rispetto ai valori pre-procedurali. I mezzi di contrasto organo-iodati I MdC sono farmaci particolari, impiegati a soli fini diagnostici, somministrati in grande quantità, alto volume ed elevata velocità di iniezione. La ricerca farmaceutica ha permesso nel tempo la sintesi di composti ad alto profilo di sicurezza. I MdC organo-iodati si differenziano per la struttura 5

6 della molecola legante l atomo di iodio, per il numero degli atomi di iodio legati, per l osmolalità e la viscosità [42]. Gli effetti biologici dei MdC sono dovuti alla tossicità intrinseca delle molecole, alla tossicità relativa alle proprietà chimico-fisiche delle soluzioni (osmolalità, viscosità, concentrazione) che alterano l omeostasi corporea a partire da quella del sangue (in quanto primo organo con il quale vengono in contatto) fino a quelli sugli altri sistemi e apparati, con particolare riguardo agli apparati cardiovascolare, urinario, respiratorio e al sistema nervoso. Gli effetti sistemici sono dovuti, oltre che alla tossicità intrinseca della molecola, alle caratteristiche chimico-fisiche delle soluzioni mentre gli effetti neurotossici sono legati esclusivamente alla tossicità delle molecole. L indice di sicurezza degli attuali MdC organo-iodati è molto elevato; la tollerabilità sistemica dei composti di ultima generazione ha raggiunto valori tali da permetterne un impiego clinico con alti margini di rischio e migliori profili di sicurezza. A livello ematico i MdC determinano modificazione della deformabilità degli eritrociti, riduzione dell ematocrito e formazione di radicali liberi con azione vasocostrittrice [43, 44]. Gli effetti cardiaci correlati all osmolalità delle soluzioni sono l incremento del ritorno venoso e del lavoro cardiaco da ipervolemia per il richiamo d acqua dallo spazio extravascolare. I MdC hanno un effetto vasodilatatore per diminuzione del tono vascolare e quindi ipotensivo per riduzione delle resistenze vascolari sistemiche [45]. Nella somministrazione intracoronarica di MdC, il sangue nell arteria è completamente sostituito per breve tempo dal MdC stesso, con possibili aritmie (quali fibrillazione ventricolare, tachicardia ventricolare e asistolia) [46]. Gli effetti collaterali polmonari più severi sono il broncospasmo, l ipertensione polmonare e l edema polmonare. La somministrazione di MdC influenza il flusso sanguigno in tutti i tipi di vasi, da quelli più grandi ai capillari. Gli effetti collaterali sui grandi vasi sono mediati dal tono vascolare e dell aumento della volemia, mentre quelli sui piccoli vasi dall aumento della viscosità ematica. Studi preclinici evidenziano che il rene, quale organo deputato all eliminazione degli agenti di contrasto per filtrazione glomerulare, è sensibile alle alte concentrazioni, all osmolalità e alle relative alte viscosità dei composti in sede tubulare [45, 47]. I principali meccanismi potenzialmente responsabili della nefrotossicità sono di tipo diretto, a livello glomerulare e tubulare, e mediato dalla compromissione del circolo [48]. La diminuzione del flusso renale può essere anche imputata a un anormale vasodilatazione dovuta a un alterata produzione di monossido di azoto. Gli effetti tossici diretti verificati su cellule tubulari includono danni al metabolismo energetico ATP-dipendente, alterazioni dell omeostasi del calcio, alterazioni della polarità cellulare e apoptosi [49-51]. I Mezzi di Contrasto nella Pratica Clinica Con riferimento al rischio nefrotossico da MdC, il medico radiologo deve essere consapevole dei fattori di rischio, legati sia alle caratteristiche del paziente sia alla procedura, e deve essere in grado di attuare le opportune strategie profilattiche nel soggetti a rischio. E indubbio, peraltro, che le condizioni operative costringono il medico radiologo ad affrontare situazioni cliniche molto diverse e che l impiego clinico del MdC rientri in scenari molto vari. La realtà operativa del radiologo interventista che utilizza il MdC in sala angiografica è simile a quella del cardiologo emodinamista, ma molto diversa da quella del collega che effettua esami in una sezione TC, in cui si eseguono prestazioni ambulatoriali, o quanto meno d elezione, nella 6

7 maggior parte dei casi. Ai diversi scenari corrispondo differenti profili di rischio di danno nefrotossico. Nefrotossicità dei mezzi di contrasto Nella programmazione di uno studio che prevede la somministrazione intravascolare di MdC il radiologo deve sempre prendere in considerazione i fattori di rischio individuali per un danno nefrotossico. Il radiologo deve quindi ricevere dal medico curante informazioni in merito. A tal fine il Contrast Media Safety Committee dell ESUR ha predisposto un questionario [32]. Il radiologo deve inoltre essere ben consapevole dei fattori di rischio legati al paziente, recentemente puntualizzati dallo stesso Committee [33] (Tab. II). In assenza di fattori di rischio non vi sono precauzioni particolari per prevenire un danno nefrotossico. In presenza di fattori di rischio il medico radiologo deve invece: verificare l appropriatezza dell esame; mettere in atto tutte le misure preventive in grado di ridurre il rischio, predisponendo l espansione di volume (cosiddetta idratazione ); discutere l opportunità di sospendere eventuali terapie con farmaci nefrotossici; valutare l opportuno intervallo di tempo, situazione clinica permettendo, per l esecuzione di due esami contrastografici necessari nello stesso paziente a rischio per CI-AKI. Il medico radiologo infine sceglie il MdC più opportuno e la dose minima necessaria per il raggiungimento delle informazioni diagnostiche richieste. Nella pratica clinica si pone spesso il problema di programmare due procedure consecutive che necessitano di somministrazione intravascolare di MdC. Purtroppo non esistono evidenze cliniche che permettano di stabilire l intervallo temporale più opportuno. Tenuto conto della priorità imposta dalle esigenze cliniche (urgenza/emergenza), si considera ragionevole far trascorrere un periodo di almeno due settimane tra due indagini contrastografiche per consentire il recupero di un possibile danno renale acuto. CI-AKI da somministrazione intravenosa (TAC, urografia) La maggior parte degli studi clinici sul CI-AKI riguarda pazienti afferenti alle sale di emodinamica, molto diversi da quelli indagati con TC, dove sono generalmente studiati pazienti ambulatoriali. Le indicazioni ricavate dall esperienza della cardiologia interventistica non possono pertanto essere tout court trasferite a questa diversa realtà operativa. Il Contrast Media Safety Committee dell ESUR indica come rischio nefrotossico valori di egfr <45 ml/min/1.73 m 2 nei pazienti da sottoporre a TC (iniezione intravenosa di MdC), riconoscendo quindi un rischio minore rispetto ai soggetti in cui è prevista l iniezione intrarteriosa, considerati a rischio per egfr <60 ml/min/1.73m 2 [33]. Questa differente stima del rischio per gli esami TC si basa su alcune evidenze cliniche, sulle dosi usualmente inferiori usate nelle procedure endovenose, sulla minore concentrazione del MdC che raggiunge il rene, sulle diverse caratteristiche dei pazienti (soprattutto minor instabilità emodinamica) e sulla possibilità che nelle procedure intrarteriose l embolizzazione colesterinica aumenti l incidenza di nefropatia. 7

8 L organizzazione dell attività nelle sezioni di TC deve far fronte a carichi di lavoro crescenti e con apparecchiature sempre più veloci. La gestione del paziente a rischio per CI-AKI rappresenta in questo contesto un carico operativo non trascurabile che il medico radiologo deve affrontare assieme alla sua equipe. Va anzitutto prevista un organizzazione dell attività che permetta che le informazioni cliniche necessarie per identificare un paziente a rischio pervengano al medico radiologo assieme alla richiesta dell esame TC. Devono quindi essere predisposti specifici modelli da utilizzare sia all interno delle strutture ospedaliere sia da parte dei medici di medicina generale [32]. Il medico radiologo deve quindi valutare l esistenza di fattori di rischio e deve discutere con un approccio multidisciplinare l appropriatezza dell indicazione all esame e l eventuale opportunità di sospendere gli eventuali farmaci nefrotossici assunti dal paziente. Sotto il profilo operativo, l impostazione dell espansione di volume ( idratazione ) nei pazienti a rischio crea notevoli problematiche nella routine quotidiana delle sezioni di TC. In particolare, non costituisce un problema nei pazienti ospedalizzati, ove sono attuabili protocolli che ne prevedano l inizio anche 12 ore prima della procedura e il termine a distanza di 12 ore, ma il tutto è difficilmente gestibile nei pazienti ambulatoriali. La proposta di effettuare l espansione di volume con bicarbonato di sodio tramite un protocollo che prevede l inizio della somministrazione un ora prima della procedura e il termine 6 ore dopo [52] rappresenta un alternativa, comunque impegnativa, ma indubbiamente più applicabile anche al paziente ambulatoriale. Un ulteriore aspetto di cui il medico radiologo deve farsi carico è il controllo della funzionalità renale del paziente a rischio. Questa problematica è più rilevante nel paziente ambulatoriale, per il quale sono necessari un contatto con il medico curante e l organizzazione di percorsi che permettano una verifica della funzionalità renale di questi pazienti ore dopo l esame. Per gestire queste problematiche si impone l attuazione di modelli organizzativi efficienti e la collaborazione diretta con i nefrologi e i medici di medicina generale. La recente revisione delle Linee Guida dell ESUR [33] ha considerevolmente semplificato i problemi quotidiani, indentificando a rischio i pazienti candidati a TC con egfr <45 ml/min/1.73 m 2, per i quali propone il protocollo di espansione di volume con bicarbonato di sodio. Ciò ha ridotto notevolmente il numero dei soggetti in cui mettere in atto misure preventive e ha reso gestibile l idratazione dei pazienti ambulatoriali. I MdC in emodinamica Le procedure diagnostiche e terapeutiche di emodinamica sono sempre più utilizzate, specie nella popolazione più anziana, che presenta molteplici fattori di rischio cardio-renali, comorbidità, necessità di ripetizione degli esami, e, per alcune procedure, la somministrazione di elevati volumi di MdC. Il deterioramento acuto della funzione renale osservabile in questi pazienti si associa a una prognosi peggiore a breve termine [10, 53] e a un considerevole incremento dei costi sia per la gestione clinica sia per la prolungata durata dei ricoveri [31]. E pertanto indispensabile una definizione più precisa di CI-AKI [54, 55], che prenda in considerazione non solo l impatto prognostico a breve termine ma anche quello a lungo termine [56]. Il proliferare di lavori scientifici e di messe a punto che adottano definizioni differenti non contribuisce a fare chiarezza. 8

9 Accertato il peggioramento della prognosi durante il ricovero nei pazienti che sviluppano CI-AKI, l attenzione si sta spostando sulle conseguenze a medio-lungo termine di questo danno, ovvero sia sul progressivo deterioramento della funzione renale (per gli effetti sommatori di più procedure angiografiche ripetute nel tempo o per l associazione di eventi acuti nefrologici che incrementano il danno) sia sulla maggiore incidenza di eventi clinici negativi che influenzano la prognosi [57, 58]. Studi su pazienti sottoposti a coronarografia e/o angioplastica coronarica con disfunzione renale da moderata a severa (egfr <60 ml/min/1.73 m 2 ) dimostrano che lo sviluppo di CI-AKI costituisce un fattore prognostico negativo dell outcome a lungo termine (Fig. 1). Fig. 1 Curve di sopravvivenza a 5 anni (A: mortalità; B: mortalità, dialisi ed eventi cardiovascolari maggiori) nei 3 gruppi: pazienti che non sviluppano CI-AKI e pazienti con CI-AKI con danno renale transitorio o persistente [42]. Il paziente che sviluppa CI-AKI (transitoria o persistente) è comunque a maggior rischio generale ed è complessivamente più fragile, per effetto della depressione della funzione cardiorenale, della maggiore incidenza di comorbidità e di fattori di rischio cardiovascolare e renale. Prevenzione di CI-AKI in cardiologia Nel paziente stabile o in cui sia programmabile con alcune ore di anticipo l esecuzione di una coronarografia e/o di un angioplastica coronarica, c è consenso sull efficacia dell espansione del volume intravascolare, ottenibile idratando preventivamente i pazienti con soluzione fisiologica o sodio bicarbonato (che avrebbe il vantaggio di un effetto antiossidante e alcalinizzante le urine). La superiorità del sodio bicarbonato nei confronti della soluzione fisiologia è ancora oggetto di dibattito [59-62]. Peraltro, a parità di efficacia, il protocollo di somministrazione del sodio bicarbonato prevede un contemporaneo reintegro della volemia, prevenendo sia l ipovolemia indotta dal diuretico sia l ipervolemia da idratazione forzata. I primi studi randomizzati [63, 64] su un numero limitato di pazienti hanno mostrato una significativa riduzione dell incidenza di CI-AKI, senza un eccesso di complicanze. 9

10 D altra parte, a parità di efficacia, il protocollo di somministrazione del sodio bicarbonato prevede una fase di carico di un ora soltanto, seguita da un infusione per 6-12 ore (sodio bicarbonato, 154 meq/l a 3 ml/kg per la prima ora, seguito dall infusione di 1 ml/kg/ora), ed è quindi praticabile anche nelle situazioni di urgenza come l infarto miocardico acuto trattato con angioplastica primaria, in cui vi è un rischio elevato di sviluppo di CI-AKI. Per stabilire i livelli ottimali di idratazione e i target da mantenere o raggiungere in misurazioni successive sono stati inoltre sviluppati dispositivi che forzano l idratazione bilanciando automaticamente i liquidi persi con la diuresi (RenalGuard System, PLC Inc. USA) o che prevedono l utilizzo di tecnologie quali la bioimpedenza (CardioEFG, EFG Ireland). Conclusioni La nefropatia da MdC, come conosciuta nel passato, ha lasciato il posto oggi a un entità ben definita chiamata CI-AKI. I nuovi schemi classificativi e la concordanza sulla definizione delle diverse classi di severità della sindrome consentono una valutazione più accurata del rischio e degli effetti collaterali del CI-AKI, e quindi un azione preventiva più efficace. E indubbio che i progressi relativi ai nuovi MdC rappresentino un importante passo avanti nella gestione delle procedure diagnostiche nei pazienti a rischio. Risulta infine evidente che questo è un settore decisamente multidisciplinare, in cui le competenze dei diversi specialisti coinvolti nei percorsi diagnostici e terapeutici devono fondersi per ottenere un miglioramento dei risultati clinici. 10

11 Bibliografia 1. KDIGO Clinical Practice Guideline for Acute Kidney Injury. Kidney Int 2012; Suppl 2 (Section 4: Contrast-induced AKI:69-88). 2. Morcos SK Contrast medium-induced nephrotoxicity. In: Dawson P, Cosgrove DO, Grainger RG, eds. Textbook of Contrast Media, Oxford: Isis Medical Media, 1999; Murphy SW, Barrett BJ, Parfrey PS Contrast nephropathy. J Am Soc Nephrol 2000;11: Fishbane S, Durham JH, Marzo K, Rudnick M N-Acetylcysteine in the prevention of radiocontrast-induced nephropathy. J Am Soc Nephrol 2004;15: Gleeson TG, Bulugahapitiya S Contrast-induced nephropathy. AJR Am J Roentgenol 2004;83: Maeder M, Klein M, Fehr T, Rickli H Contrast nephropathy: review focusing on prevention. J Am Coll Cardiol 2004;44: Goldenberg I, Matetzky S Nephropathy induced by contrast media: pathogenesis, risk factors and preventive strategies. CMA J 2005;172: Barrett BJ, Parfrey PS, Vavasour HM, et al. Contrast nephropathy in patients with impaired renal function: high versus osmolar media. Kidney Int 1992;41: Murakami B, Tajima H, Kumazaki T, Yamamoto K Effect of iodixanol on renal function immediately after abdominal angiography: clinical comparison with iomeprol and ioxaglate. Acta Radiol 1998;39: Rihal CS, Textor SC, Grill DE, et al. Incidence and prognostic importance of acute renal failure after percutaneous coronary intervention. Circulation 2002;105:

12 11. Cochran ST, Wong WS, Roe DJ Predicting angiography-induced acute renal function impairment: clinical risk model. AJR Am J Roentgenol 1983;141: Manske CL, Sprafka JM, Strony JT, Wang Y Contast nephopathy in azotemic diabetic patients undergoing coronary angiography. Am J Med 1990;89: Rudnick MR, Goldfarb S, Wexler L, et al. Nephrotoxicity of ionic and non ionic contrast media in 1196 patients: a randomized trial the ioexol comparative study. Kidney Int 1995;47: Parfrey PS, Griffiths SM, Barrett BJ, et al. Contrast material induced renal failure in patients with diabetes mellitus, renal insufficiency, or both: a prospective controlled study. N Engl J Med 1989;320: Schwab SJ, Hlatky MA, Pieper KS, et al. Contrast nephrotoxicity: a randomized controller trial of a nonionic and an ionic radiographic contrast agent. N Engl J Med 1989;320: Lautin EM, Freeman NJ, Schoenfeld AH, et al. Radiocontrast-associated renal dysfunction: incidence and risk factors. AJR Am J Roentgenol 1991;157: Weisberg LS, Kurnik PB, Kurnik BR Risk of radiocontrast nephropathy in patients with and without diabetes mellitus. Kidney Int 1994;5: Toprak O Conflicting and new risk factors for contrast induced nephropathy. J Urol 2007;178: Nash K, Hafeez A, Hou S Hospital-acquired renal insufficiency. Am J Kidney Dis 2002;39: Tepel M, Aspelin P, Lameire N Contrast-induced nephropathy: a clinical and evidence-based approach. Circulation 2006;113: Briguori C, Visconti G, Focaccio A, et al. Cystatin C and contrast-induced acute kidney injury. 12

13 Circulation 2010;121: Levy EM, Viscoli CM, Horwitz RI The effect of acute renal failure on mortality. A cohort analysis. JAMA 1996;275: M ccullough PA, Brown JR Acute renal failure after coronary intervention: incidence, risk factors, and relationship to mortality. Am J Med 1997;103: Gruberg L, Mintz GS, Mehran R, et al. The prognostic implications of further renal function deterioration within 48 hours of interventional coronary procedures in patients with pre-existing chronic renal insufficiency. J Am Coll Cardiol 2000;36: Iakovou I, Dangas G, Mehran R, et al. Impact of gender on the incidence and outcome of contrast-induced nephropathy after percutaneous coronary intervention. J Invasive Cardiol 2003;15: Lindsay J, Apple S, Pinnow EE, et al. Percutaneous coronary intervention-associated nephropathy foreshadows increased risk of late adverse events in patients with normal baseline serum creatinine. Catheter Cardiovasc Interv 2003;59: McCullough PA Contrast-induced acute injury. J Am Coll Cardiol 2008;51: McCullough PA, Adam A, Becker CR, et al. Risk prediction of contrast-induced nephropathy. Am J Cardiol 2006;98:27K-36K. 29. Dangas G, Iakovou I, Nikolsky E, et al. Contrast-induced nephropathy after percutaneous coronary interventions in relation to chronic kidney disease and hemodynamic variables. Am J Cardiol 2005;95: Weisbord SD, Chen H, Stone RA, et al. Associations of increases in serum creatinine with mortality and length of hospital stay after coronary angiography. J Am Soc Nephrol 2006;17: Subramanian S, Tumlin J, Bapat B, Zyczynski T Economic burden of contrast-induced nephropathy: implications for prevention strategies. J Med Econ 2007;10:

14 32. Morcos SK, Bellin MF, Thomsen HS, et al. Reducing the risk of iodine-based and MR I contrast media administration: Recommendation for a questionnaire at the time of booking. Eur J Radiol 2008;66: Stacul F, van der Molen AJ, Reimer P, et al. Contrast induced nephropathy: update ESUR Contrast Media Safety Committee guidelines. Eur Radiol 2011;21: Bolen S, Feldman L, Vassy J et al. Systematic review: comparative effectiveness and safety of oral medications for type 2 diabetes. Ann Intern Med 2007;147: NICE Clinical Guideline CG 87 Type 2 diabetes newer agents (a partial update of CG 66): short guideline; Updated 18 June 2009 (2009) Available at /44320/44320.pdf Accessed 24 November Bailey CJ, Turner RC Metformin. New Engl J Med 1996:334: Stang M, Wysowski DK, Butler-Jones D Incidence of lactic acidosis in metformin users. Diabetes Care 1996;22: Salpeter S, Greyber E, Pasternak G, Salpeter EE Risk of fatal and nonfatal lactic acidosis with metformin use in type 2 diabetes mellitus. Cochrane Database Syst Rev 2012 CD Sirtori CR, Pasik C Re-evaluation of a biguanide, metformin: mechanism of action and tolerability. Pharmacol Res 1994;30: McCullough PA, Stacul F, Becker CR et al. Contrast- Induced Nephropathy (CIN) Consensus Working Panel: executive summary. Rev Cardiovasc Med 2006;7: Renal adverse reactions to iodinated contrast media. Contrast media safety guidelines of the Contrast Media Safety Committee of the European Society of Urogenital Radiology, 2008, version 7.0. Available at: Accessed 6 June Ronco C, Mauro Maioli M, Vito Lorusso V et al. Nefropatia da mezzo di contrasto: risoluzioni del gruppo di studio vikisafe (Visipaque 14

15 KIdney SAfety effect) G Ital Nefrol 2012;29: Heinrich MC, Kuhlmann MK, Grgic A et al. Cytotoxic effects of ionic high-osmolar, nonionic monomeric, and nonionic iso-osmolar dimeric iodinated contrast media on renal tubular cells in vitro. Radiology 2005;235: Nikolsky E, Mehran R, Lasic Z, et al. Low hematocrit predicts contrast-induced nephropathy after percutaneous coronary interventions. Kidney Int 2005;67: Morcos SK, Dawson P, Pearson JD, et al. The haemodynamic effects of iodinated water soluble radiographic contrast media: a review. Eur J Radiol 1998;29: Levin DC, Gardiner GA Coronary arteriography. In: Braunwald E, ed. Heart disease, Philadelphia; WB Saunders, 1992: Persson PB, Hansell P, Liss P Pathophysiology of contrast medium-induced nephropathy. Kidney Int 2005;68: Rudnick MR, Goldfarb S Pathogenesis of contrast-induced nephropathy: experimental and clinical observations with an emphasis on the role of osmolality. Rev Cardiovasc Med2003;4(Suppl 5):S Wong GTC, Irwin MG Contrast-induced nephropathy. Brit J Anaesth 2007;99: Humes HD, Hunt DA, White MD Direct toxic effect of the radiocontrast agent diatrizoate on renal proximal tubule cells. Am J Physiol 1987;252:F Hizoh I, Strater J, Schick CS, Kubler W, Haller C Radiocontrast induced DNA fragmentation of renal tubular cells in vitro: role of hypertonicity. Nephrol Dial Transplant 1998;13: Merten GJ, Burgess WP, Gray LV, et al. Prevention of contrast-induced nephropathy with sodium bicarbonate: a randomized controlled trial. 15

16 JAMA 2004; 291: Best PJ, Lennon R, Ting HH, et al. The impact of renal insufficiency on clinical outcomes in patients undergoing percutaneous coronary intervention. J Am Coll Cardiol 2002;39: Toprak, O What is the best definition of contrast-induced nephropathy? Ren Fail 2007;29: Jabara R, Gadesam RR, Pendyala LK, et al. Impact of the definition utilized on the rate of contrast-induced nephropathy in percutaneous coronary intervention. Am J Cardiol 2009;103: Budano C, Levis M, D Amico M, et al. Impact of contrast induced acute kidney injury definition on clinical outcomes. Am Heart J 2011;161: James MT, Ghali WA, Knudtson ML, et al. Associations between acute kidney injury and cardiovascular and renal outcomes after coronary angiography. Circulation 2011;123: James MT, Ghali WA, Tonelli M, et al. Acute kidney injury following coronary angiography is associated with a long-term decline in kidney function. Kidney Int 2010;78: Stacul F, Adam A, Becker CR, et al. Consensus Working Panel: Strategies to reduce the risk of contrast-induced nephropathy. Am J Cardiol 2006;98:59K-77K. 60. From AM, Al Badarin FJ, McDonald FS, et al. Iodixanol versus low-osmolar contrast media for prevention of contrast induced nephropathy. Metaanalysis of randomized, controlled trials. Circ Cardiovasc Interv 2010;3: Brar SS, Hiremath S, Dangas G, et al. Sodium bicarbonate for the prevention of contrast induced-acute kidney injury: A systematic review and metaanalysis. Clin J Am Soc Nephrol 2009;4:

17 62. Zoungas S, Ninomiya T, Huxley R, et al. Systematic review: sodium bicarbonate treatment regimens for the preventionof contrastinduced nephropathy. Ann Intern Med 2009;151: Briguori C, Visconti G, Focaccio A, et al. Renal insufficiency after contrast media administration trial II (REMED IAL II): RenalGuard system in high-risk patients for contrast-induced acute kidney injury. Circulation 2011;124: Marenzi G, Ferrari C, MaranaI, et al. Prevention of contrast nephropathy by furosemide with matched hydration. The MYTHOS (Induced Diuresis With Matched Hydration Compared to Standard Hydration for Contrast Induced Nephropathy Prevention) Trial. JACC Cardiovasc Interv 2012;5:

gruppo di studio vikisafe (Visipaque KIdney SAfety effect)

gruppo di studio vikisafe (Visipaque KIdney SAfety effect) G Ital Nefrol 2012; 29 (2): 183-204 RASSEGNA Nefropatia da mezzo di contrasto: risoluzioni del gruppo di studio vikisafe (Visipaque KIdney SAfety effect) GIN FAD Claudio Ronco 1,2, Mauro Maioli 3, Vito

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Prevenzione dell insufficienza renale da mezzo di contrasto

Prevenzione dell insufficienza renale da mezzo di contrasto AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Prevenzione dell insufficienza renale da mezzo di contrasto Linee Guida Aziendali Gruppo Evidence Based Medicine Ottobre 2008 AZIENDA OSPEDALIERO

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone

INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA. L unica associazione di Benazepril & Spironolattone INSUFFICIENZA CARDIACA CONGESTIZIA L unica associazione di Benazepril & Spironolattone Angiotensina II e Aldosterone: 2 fattori chiave Durante la progressione dell insufficienza cardiaca, una riduzione

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli