Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria"

Transcript

1 Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013

2 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità Liquidity & Cash management Strumenti per gestire la liquidità: Cash pooling Netting Payment factory 2. Previsione dei flussi finanziari Metodi e modelli per la pianificazione finanziaria Il Budget Finanziario Il Cash flow forecast 3. Working capital management Le leve del capitale circolante 4.Reporting finanziario Obiettivi del reporting finanziario Principali KPI da monitorare PwC 2

3 Introduzione PwC 3

4 Il rischio di liquidità Il rischio che l impresa si trovi nella condizione di non poter accedere tempestivamente alle risorse finanziarie necessarie per l esercizio della propria attività a costi sostenibili ed in modo efficiente Il rischio di non riuscire a far fronte, anche temporaneamente, ai propri impegni finanziari (e.g. rimborso del finanziamento) Cosa significa gestire il rischio di liquidità? Definire una struttura finanziaria equilibrata (debt/equity) Gestire efficacemente il capitale circolante Ottenere linee di affidamento coerenti con il fabbisogno finanziario dell azienda Monitorare il proprio merito creditizio PwC 4

5 Leve per gestire il rischio di liquidità e ridurre il costo del funding Struttura finanziaria Gestione ottimale del capitale circolante Rischio di liquidità Gestione e pianificazione della liquidità disponibile Monitoraggio e reporting finanziario PwC 5

6 Obiettivi da perseguire Con riferimento alla liquidità disponibile in azienda, gli obiettivi strategici che un organizzazione deve perseguire sono riconducibili a: CASH VISIBILITY CASH FLOW FORECASTING CASH GENERATION PwC 6

7 Gestione della liquidità PwC 7

8 Perché è importante gestire la cassa efficientemente? Massimizzare gli interessi attivi in caso di eventuali surplus di cassa Ridurre il costo del debito Ridurre il fabbisogno di mezzi di terzi Disporre dei mezzi per pagare stipendi e fornitori Disporre dei mezzi per ripagare i finanziamenti Reinvestire nel business aziendale Garantire la continuità aziendale PROFITABILITY ISSUES SURVIVAL ISSUES PwC 8

9 Il governo della liquidità Governare la liquidità al fine di rendere disponibili, in ottica di breve periodo, le risorse finanziarie necessarie per far fronte alle uscite previste, ottimizzando: la scelta delle forme tecniche di indebitamento/impiego in relazione alla durata prevista della carenza/eccedenza di liquidità Ciò si concretizza in una verifica giornaliera dei saldi bancari previsti con un orizzonte previsionale pari a 3-5 giorni e, sulla base di tale analisi, nell impostazione della manovra di tesoreria (e.g. girofondi, bonifici) Cash management PwC 9

10 Le principali alternative di cash management nei Gruppi aziendali In presenza di Gruppi aziendali, un elemento prioritario da considerare per la gestione efficace ed efficiente del rischio di liquidità è costituito dall ottimizzazione delle risorse finanziarie presenti nelle diverse società e dall impostazione di una soluzione accentrata di cash management I principali strumenti per una gestione efficiente della cassa sono: Cash pooling (Zero Balance System, Notional cash pooling) Netting Payment factory PwC 10

11 Focus: strumenti per la gestione della liquidità Cash pooling Netting Payment factory PwC 11

12 Cash pooling - definizione Il cash pooling è una struttura composta da una serie di conti correnti i cui saldi sono periodicamente concentrati su un unico conto corrente (cosiddetto Master Account) allo scopo di ottimizzare gli interessi pagati (o incassati), migliorando pertanto la gestione della liquidità. I conti correnti possono essere intestati ad una o più entità legali di un gruppo. PwC 12

13 Cash pooling - benefici Ottimizzare la gestione dei flussi di cassa attraverso l accentramento degli stessi e la maggiore efficacia dei meccanismi di controllo finanziario delle società controllate Eliminare o ridurre in maniera considerevole i possibili indebitamenti a breve termine con il sistema bancario ed i costi ad essi connessi Standardizzare e rendere più trasparenti i costi legati alle operazioni bancarie Ottenere la massima automazione dei processi attraverso la riduzione dei carichi amministrativi a livello centrale Incrementare il livello di controllo sull operatività finanziaria del Gruppo PwC 13

14 Il Netting Il netting è uno strumento sempre più usato soprattutto da Gruppi dotati di una tesoreria centralizzata o da una in-house bank. Ci sono due tipi di netting: Bilaterale: consiste nel compensare (a livello di singola fattura o di saldo contabile) le posizioni di credito e debito tra l entità A e l entità B così che solo il saldo netto venga liquidato. Tale accordo di netting non necessita una gestione accentrata e può operare a livello di soli flussi intercompany Multilaterale: i saldi intercompany sono compensati presso un entità del Gruppo e la posizione netta in capo ad ogni società viene liquidata (a credito o a debito), con una frequenza prestabilita, sul conto accentrato della capogruppo. Il netting multilaterale necessita di un netting centre, che normalmente gestisce anche le esposizioni in cambi delle partecipanti. In questo modo, le controparti effettuano o ricevono un pagamento al/dal netting centre alla scadenza prestabilita nella propria valuta locale PwC 14

15 Benefici e Vincoli del sistema di Netting Benefici: riduzione dei movimenti di fondi e, di conseguenza, dei costi bancari di trasferimento riduzione delle transazioni in valuta centralizzazione dell esposizione al rischio cambio diminuzione del numero di conti correnti valutari miglioramento dei processi amministrativi e di riconciliazione Vincoli: standardizzazione delle procedure maggiore informazione e controllo a livello centrale sul cash flow e conseguente migliore capacità previsionale sulle eventuali necessità/surplus restrizioni normative in alcuni Paesi necessità di supporti informativi efficienti PwC 15

16 Payment Factory: caratteristiche La Payment Factory è una soluzione che permette di centralizzare (e potenzialmente dematerializzare) il workflow relativo ai pagamenti ed il relativo flusso dispositivo Gestisce i pagamenti commerciali e finanziari delle diverse società del Gruppo E caratterizzata da workflow interni di autorizzazione dei pagamenti (validazione, autorizzazione ed esecuzione dei pagamenti) coordinandosi con le altre entità del Gruppo Consente l implementazione di processi di pagamento omogenei e standardizzati nel Gruppo Concentra presso un unica entità il collegamento dispositivo con le banche Favorisce la razionalizzazione dei sistemi di comunicazione bancaria (informativa e dispositiva) e la riduzione dei relativi costi di licenza, gestione e manutenzione PwC 16

17 Payment Factory: i benefici BENEFICI QUANTITATIVI Razionalizzazione del numero di risorse coinvolte nel processo di esecuzione del pagamento a livello di singola società/bu e complessivamente nel Gruppo Riduzione del numero di applicativi utilizzati per l autorizzazione ed esecuzione dei pagamenti (es. electronic banking) e il numero di interfacce con le banche Riduzione del numero di disposizioni di pagamento (es. aggregazione di file diversi) Riduzione dei costi bancari BENEFICI QUALITATIVI Migliore efficienza: implementazione di processi straight through, utilizzo della stessa infrastruttura per tutte le banche del Gruppo, comunicazione bancaria semplificata Maggior controllo: riduzione del rischio operativo- un solo processo di pagamento, accentramento firme digitali / elettroniche, un unico db per le attività dispositive, segregazione delle funzioni Economie di scala: aggrega i processi di pagamento, rappresenta una componente tipica di uno shared service centre, consente la creazione di un centro di eccellenza per le competenze di gestione delle transazioni e relazioni bancarie PwC 17

18 Payment factory: attori coinvolti nel processo di gestione dei flussi di pagamento Soc. A Flussi pagamenti commerciali Flussi pagamenti finanziari PAYMENT FACTORY Formati locali MT 101 Bank A Soc. B Flussi di pagamento Tool di comunicazione vs il mondo bancario Swift Internet Banking ISO Bank B Soc. C Flussi Pagamenti stipendi Bank C PwC 18

19 Il processo di pianificazione finanziaria PwC 19

20 Perché è importante la pianificazione finanziaria? Pianificazione finanziaria = Gestione del rischio di liquidità Mediante interventi di miglioramento della pianificazione finanziaria, è possibile ottenere i seguenti benefici: Diretti: Mitigare il rischio di liquidità Ridurre gli oneri finanziari o incrementare i proventi finanziari Miglioramento delle qualità dei dati all interno dei sistemi aziendali Indiretti: Motivare le risorse chiamate a gestire strumenti di pianificazione o a fornire informazioni previsionali Migliorare le comunicazioni tra le Funzioni in azienda Soddisfare requisiti informativi richiesti dalle controparti bancarie PwC 20

21 Approccio di stima top-down vs bottom-up TOP-DOWN Budget economico/ patrimoniale Driver/ regole di smobilizzo Budget finanziario (ad 1 anno rolling mensile e trimestrale) Transazioni Cash flow forecast (a 3 mesi rolling settimanale o mensile) BOTTOM-UP PwC 21 Regole di previsione

22 Gli strumenti di pianificazione finanziaria operativa Strumento Metodo utilizzato Approccio di stima Ownership Budget finanziario (ad 1 anno rolling mensile e trimestrale) Cash flow forecast (a 3 mesi rolling settimanale o mensile) Metodo diretto Topdown Bottomup Direzione Finanza Tesoreria PwC 22

23 Budget finanziario e CFF confronto Budget finanziario Cash flow forecast Finalità Verificare la compatibilità dei programmi operativi di esercizio con le possibilità di impiego e copertura delle risorse finanziarie Programmare le attività di tesoreria in termini di volume di flussi da gestire e mix delle forme di finanziamento coerentemente con gli indirizzi del budget finanziario Tempistiche e Copertura temporale annuale Copertura temporale 12/15 livello di dettaglio Approccio Aggiornamento mensile / trimestrale (coerentemente con l aggiornamento del budget economico) Dettaglio dei flussi e saldi mensile Top-down (Budget economico, regole di incasso e pagamento) settimane Aggiornamento settimanale/mensile Dettaglio dei flussi e saldi settimanale Bottom-up (Ordini di acquisto e vendita, fatture da emettere e ricevere, scadenziari) PwC 23

24 Cosa capire prima del disegno e perchè Orizzonte temporale da coprire e struttura di reporting Perché: A seconda delle esigenze previsionali di breve e medio termine, tali aspetti influiscono sul livello di dettaglio delle informazioni da reperire e sul livello di approssimazione ragionevole delle previsioni Per capire quali informazioni previsionali hanno rilevanza secondo la struttura di reporting desiderata, come raggrupparle e come presentarle I principali aspetti da considerare sono: Livello di dettaglio dei prospetti Struttura e tipologia di prospetto per natura/centro di responsabilità (budget finanziario) per strumento d incasso /pagamento (cash flow forecast) KPI e variabili oggetto di previsione disponibilità previsionale e/o saldi banche PFN PwC 24

25 Cosa capire prima del disegno e perchè Informazioni alimentanti disponibili Perché: Per capire gli eventuali gap informativi da colmare per arrivare a redigere il reporting previsionale desiderato Possibili fonti informative dei modelli: CFF BUDGET FINANZIARIO Flussi da oper. finanz. Altri input extra sistema Budget Inves Budget Personale Scad. clienti/ forn Fatture da ricevere / Ordini di Acquisto Budget Ricavi Budget Acquisti PwC 25

26 Cosa capire prima del disegno e perchè Cicli di business Ciclo operativo Perché: Registrazione fattura attiva / passiva Entrata / uscita merce Ordini di acquisto/ vendita Per comprendere con quale livello di tempestività e accuratezza si riescono a ottenere le informazioni previsionali Nello specifico, per capire se i processi aziendali, così come oggi sono strutturati, riescono a supportare la reperibilità del corredo informativo necessario per prevedere le entrate e le uscite di cassa Affidabilità medio/alta del dato Affidabilità media del dato Affidabilità medio/bassa del dato PwC 26 0 Mese 1 Mese 2 Mese 3

27 Cosa capire prima del disegno e perchè Sistemi a disposizione Perché: Per capire quanto informatizzati o manuali possano essere i processi di reperimento e aggregazione delle informazioni previsionali Sistemi da selezionare Perché: Per capire se e quando condurre un processo di selezione e successiva implementazione di un sistema a supporto della pianificazione finanziaria PwC 27

28 Working Capital Management PwC 28

29 Il capitale circolante come leva per gestire il rischio di liquidità e ottimizzare il costo del funding La gestione ottimale del capitale circolante e l efficienza dei processi e dei controlli aziendali che ne determinano il governo consentono di raggiungere benefici, sia diretti che indiretti, ai fini di una migliore gestione del rischio di credito e della liquidità disponibile: Benefici DIRETTI Massimizzazione dei flussi di cassa Aumento della capacità di autofinanziamento Riduzione dei costi operativi Riduzione degli oneri finanziari INDIRETTI Creazione di valore per l azionista Miglioramento del cash flow forecasting Miglioramento del servizio alla clientela PwC 29

30 Focalizzazione sulla gestione del circolante per massimizzare il valore d azienda e liberare cassa Un ottimale gestione del capitale circolante permette di liberare cassa attraverso la gestione integrata del ciclo attivo (Order to Cash) del magazzino e logistica (Forecast to Fulfil) e del ciclo passivo (Purchase to Pay), ovvero delle leve a monte del processo di generazione/assorbimento della cassa Ciclo attivo Magazzino Working Capital Management Ciclo passivo PwC 30

31 Il Working Capital e le sue componenti Stato Patrimoniale m + Rimanenze Immobilizzazioni 1,355 Attivo Circolante Rimanenze 315 Crediti Commerciali 505 Debiti Debiti commerciali (283) Working capital + Crediti commerciali Capitale circolante netto 537 Altri crediti e debiti (35) Liquidità 263 Debiti Finanziari (2,314) Debiti commerciali Patrimonio Netto (194) PwC 31

32 I cicli per la riduzione del capitale circolante Order to Cash Ricezione Ordini Forecast to Fulfill Sviluppo prodotto Procure to Pay Scelta fornitori; negoziazione contratti Analisi merito creditizio Previsione vendite Ordini materie prime Fatturazione e registrazioni contabili Pianificazione produzione Valutazione performance fornitori Invio fatture Gestione rimanenze Elaborazione /contabilità fatture Incasso crediti Spedizione e Customer Service Pagamento fatture Key drivers - Controllo del credito - Tempi di incasso - Fatturazione - Processo di sollecito Key drivers - Planning di vendita/produzione - Servizio di consegna - Tempi di approvvigionamento - Gestione del magazzino Key drivers - Termini di pagamento e sconti - Procurement process - Processo di pagamento PwC 32

33 Reporting finanziario PwC 33

34 Il reporting dell area finanza E lo strumento più rilevante per monitorare le performance complessive del business e supportare il Management nelle decisioni per gestire il rischio di liquidità La sua struttura presenta alcune sezioni standard più alcune aggiuntive al fine di cogliere al meglio le tipicità del business (costo della monetica per società Retail, monitoraggio rischio commodity, etc.): Analisi dei dati di mercato (andamento Euribor, tassi di cambio, etc.) Cash flow operativo consuntivo (vs previsionale) Cash flow forecast (per i 3/6 mesi successivi) Analisi della PFN e degli affidamenti utilizzati Gestione dei rischi di mercato (e.g. tasso, cambio) Gestione del capitale circolante KPIs PwC 34

35 Caratteristiche e obiettivi del reporting finanziario Caratteristiche Fruibile Accurato Chiaro Tempestivo Obiettivi Fornire un flusso informativo attendibile e costante ai soggetti che interagiscono con l impresa ed al management Rappresentare in modo veritiero ed esaustivo l evoluzione delle variabili finanziarie dell impresa in relazione alle linee strategiche pianificate Consentire un monitoraggio costante dei principale KPIs finanziari, permettendo il confronto tra variabili finanziarie pianificate e risultati ottenuti PwC 35

36 Destinatari del reporting finanziario CdA Amministratore delegato /CFO Direttore Finanza/Tesoriere PwC 36

37 Grazie per l attenzione! PricewaterhouseCoopers Advisory SpA Domenico Dimita Senior Manager

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

PER INIZIARE. Flussi da ERP

PER INIZIARE. Flussi da ERP PER INIZIARE Il lavoro inizia con la raccolta delle condizioni bancarie tramite un questionario e/o tramite lo studio delle contabili e delle liquidazioni periodiche. Le condizioni possono essere condivise

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Da vincolo a risorsa strategica

Da vincolo a risorsa strategica La gestione della tesoreria aziendale: Aspetti organizzativi, di previsione e di controllo della risorsa finanziaria Da vincolo a risorsa strategica Giuseppe Santoro 1 Finanza strategica Sotto questo aspetto

Dettagli

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali la tua tesoreria Le banche Gli standard CBI (Corporate Banking Interbancario) del 1997 hanno uniformato i Lo Swift è lo strumento usato dalle banche di tutto il mondo per trasferire e standard SWIFT risale

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Tesoreria.net per. Il programma produce situazioni immediatamente confrontabili con i documenti inviati dalle banche.

Tesoreria.net per. Il programma produce situazioni immediatamente confrontabili con i documenti inviati dalle banche. La Soluzione per la Gestione, la Programmazione e l Analisi della Finanza Aziendale 1 di 39 Tesoreria.net per TESORERIA. NET Tesoreria. NET L'attuale operatività delle aziende evidenzia in forma ricorrente,

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

GESTIONE TESORERIA. Le banche. DocFinance per Dynamics NAV contiene i servizi dei CBI e dello SWIFT Score

GESTIONE TESORERIA. Le banche. DocFinance per Dynamics NAV contiene i servizi dei CBI e dello SWIFT Score GESTIONE TESORERIA Le banche Gli standard CBI (Corporate Banking Interbancario) del 1997 hanno uniformato i flussi informativi che si sono aggiunti a quelli dispositivi. Lo Swift è lo strumento usato dalle

Dettagli

Relatore: Dott. Alessandro Milone

Relatore: Dott. Alessandro Milone Ottimizzare i flussi finanziari per prevenire crisi di liquidità Relatore: Dott. Alessandro Milone Assolombarda Sala Falck Milano, 27 Gennaio 2011 1 Indice Il sistema di tesoreria Focus sui flussi finanziari

Dettagli

Tesoreria. di Rupert Limentani (*)

Tesoreria. di Rupert Limentani (*) Tesoreria Tecniche Finanza aziendale, il ruolo del tesoriere di Rupert Limentani (*) Con questo contributo si vuole mettere in evidenza la strategicità della figura del tesoriere: i suoi compiti non si

Dettagli

I Sistemi di Tesoreria e il dialogo con il Sistema Bancario.

I Sistemi di Tesoreria e il dialogo con il Sistema Bancario. I Sistemi di Tesoreria e il dialogo con il Sistema Bancario. Supply Chain Finance e Payment Factory : il supporto delle Soluzioni Gestionali al Capitale Circolante e alla creazione di Valore Andrea Guillermaz,

Dettagli

Evoluzione ed integrazione della figura del Credit Manager all interno del processo Order to Cash AICS Meeting Day 2009. Bardolino, 27 maggio 2009.

Evoluzione ed integrazione della figura del Credit Manager all interno del processo Order to Cash AICS Meeting Day 2009. Bardolino, 27 maggio 2009. Evoluzione ed integrazione della figura del Credit Manager all interno del processo Order to Cash 1 AICS Meeting Day 2009. Bardolino, 27 maggio 2009. Alberto Roncallo Credit & Customer Accounting Manager

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Business modeling & profitability optimization. Budgeting & forecasting. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it

Business modeling & profitability optimization. Budgeting & forecasting. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it Business modeling & profitability optimization Budgeting & forecasting 1 INDICE BUSINESS MODELING & PROFITABILITY OPTIMIZATION BUDGETING & FORECASTING Business Modeling & Profitability Optimization. Pag.3

Dettagli

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA Brevi note per la direzione a cura di Giuseppe Santoro Centro di Consulenza Aziendale Queste brevi note vogliono essere un contributo per le Direzioni Aziendali

Dettagli

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA Brevi note per la direzione a cura del prof. Giuseppe Santoro Centro di Consulenza Aziendale Queste brevi note vogliono essere un contributo per le Direzioni

Dettagli

Le filiali Europee 2

Le filiali Europee 2 Masinelli Fabrizio Group Treasurer Panini Spa Pistoia, 16 Febbraio 2011 1 Le filiali Europee 2 Le filiali ExtraEuropee 3 I Business Societari 4 Riflessi sulla gestione della Tesoreria Business diversi

Dettagli

Gestione dei rischi finanziari e di tesoreria

Gestione dei rischi finanziari e di tesoreria La soluzione in dettaglio Finanza Gestione dei rischi finanziari e di tesoreria 2013 di SAP AG o altra affiliata SAP. Tutti i diritti riservati Gestione dei rischi finanziari e di tesoreria In questo periodo

Dettagli

I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione

I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione Elena Bisconti Business Developer Financial Management Solution Public Sector, SAS Il Processo di Pianificazione Integrato:

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

I Rischi insiti nel commercio internazionale

I Rischi insiti nel commercio internazionale I Rischi insiti nel commercio internazionale Nel commercio internazionale esistono varie tipologie di rischio: occorre conoscerle per valutare quali coprire, quali cedere e quali accollarsi consapevolmente

Dettagli

Pianificare, gestire e controllare. Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit

Pianificare, gestire e controllare. Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit + Pianificare, gestire e controllare Roberto De Flumeri Offering Treasury & Credit Novità del corporate treasury Nuovi processi Nuove tecnologie Nuovi bisogni 2014 domani Nuove normative 2013 2009.ieri..oggi

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi

Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi Un Sistema Integrato per la Gestione dei costi Roma, 23 Ottobre 2013 Sono presenti spazi di miglioramento sia nella governance dei costi sia nei modelli di determinazione della redditività secondo le diverse

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it

IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA 1 SOMMARIO LA FASE INIZIALE DEL PROGETTO ESTERO : STRATEGIA, RUOLI, RAPPORTI CASA MADRE- CONTROLLATE L ANALISI E LA DEFINIZIONE DEL REPORT PACKAGE LE PROCEDURE, LE TEMPISTICHE,

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari

Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari Gli effetti della crisi che sta sconvolgendo i mercati internazionali, effetti che purtroppo dureranno anni, impongono ad ogni imprenditore

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione

La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione Il controllo di gestione in azienda: le nuove linee guida di Borsa Italiana come possibile modello di riferimento Workshop Pianificazione e Controllo

Dettagli

Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario

Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il punto di vista di Accenture Giovanni Andrea Incarnato ABI Costi&Business 2006 Roma, 3 ottobre 2006 Agenda I. Lo scenario

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

I rischi finanziari aziendali: dalla prevenzione alla gestione

I rischi finanziari aziendali: dalla prevenzione alla gestione I rischi finanziari aziendali: dalla prevenzione alla gestione Prof. Carlo Arlotta Presidente Commissione Finanza e Controllo di Gestione - ODCEC Milano Partner Consilia Business Management SpA- Milano

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati Il ruolo strategico del credit management Milano, 18 novembre 2010 A cura di Massimo Solbiati 1. IL CREDIT MANAGEMENT LEVA STRATEGICA PER IL CONTROLLO FINANZIARIO 2. CREDIT MANAGER: IL RUOLO DELL EQUILIBRISTA?

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

«La sfida della pianificazione integrata» Palazzo delle Stelline Milano, 23 Aprile 2015

«La sfida della pianificazione integrata» Palazzo delle Stelline Milano, 23 Aprile 2015 «La sfida della pianificazione integrata» Palazzo delle Stelline Milano, 23 Aprile 2015 AGENDA Dalla Distinta Base al Profit&Loss 23 Aprile 2015 Agenda Piacere, ABIC Perchè pianificare in modo integrato

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LEVE FINANZIARIE E NUOVI STRUMENTI PER GOVERNARE L IMPRESA Gli strumenti a supporto dello sviluppo: Impresa 24

LEVE FINANZIARIE E NUOVI STRUMENTI PER GOVERNARE L IMPRESA Gli strumenti a supporto dello sviluppo: Impresa 24 LEVE FINANZIARIE E NUOVI STRUMENTI PER GOVERNARE L IMPRESA Gli strumenti a supporto dello sviluppo: Impresa 24 Il Sole 24 ORE: molto più un quotiano 1.200.000 lettori al giorno Software per aziende e professionisti,

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

The "Ready to Work" suite for" Integrated corporate performance management" Brainware S.p.A. Via F.lli Cairoli 59-23900 Lecco Tel +39 0341 226811

The Ready to Work suite for Integrated corporate performance management Brainware S.p.A. Via F.lli Cairoli 59-23900 Lecco Tel +39 0341 226811 The "Ready to Work" suite for" Integrated corporate performance management" Presentazione" Overview" Brainware e BBI Corporate Performance Management BBI Suite di Applicazioni Planning Financial Management

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza sulle tecniche di Management Accounting più

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

4 TRADE & FINANCE I-EFFICIENT

4 TRADE & FINANCE I-EFFICIENT 4 TRADE & FINANCE I-EFFICIENT La suite di prodotti 4 Trade & Finance I-Efficient copre tutta l operatività relativa all importazione ed all esportazione di merci ed alle relative forme di pagamenti. I-Efficient

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Amministrazione finanza e controllo di gestione_diagrammi di flusso. Dott.ssa D'Intino Ileana_anno 2010

Amministrazione finanza e controllo di gestione_diagrammi di flusso. Dott.ssa D'Intino Ileana_anno 2010 Amministrazione finanza e controllo di gestione_diagrammi di flusso _anno 2010 Amministrazione, finanza e controllo di gestione L'area amministrazione, finanza e controllo di gestione comprende la finanza

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli

Si5 Amministrazione Finanza e controllo

Si5 Amministrazione Finanza e controllo Si5 Amministrazione Finanza e controllo oscar.polato@sorma.com pag. 1 Caratteristiche tecnologiche ed interfaccia Sistema Multi Piattaforma & Multi Data base 64 bit Java Web Application Interfaccia multi-browser

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Capitolo 6 Indice degli argomenti 1. Perché è necessario prevedere le dimensioni dei

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Gestione aziendale semplificata

Gestione aziendale semplificata SAP Solution Brief Soluzioni SAP per la piccola e media impresa SAP Business One Obiettivi Gestione aziendale semplificata Gestisci efficacemente la tua piccola impresa assicurandone la crescita Gestisci

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Partire dall analisi dei costi alberghieri per riuscire a migliorare il vostro revenue Aziendale. My-Costpar è un servizio di consulenza specifica per l analisi

Dettagli

di Aldo Stesuri Amministrazione e Finanza >> Finanza aziendale

di Aldo Stesuri Amministrazione e Finanza >> Finanza aziendale CASH POOLING: LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI NELLA di Aldo Stesuri Amministrazione e Finanza >> Finanza aziendale PREMESSA Una delle principali novità introdotte dalla

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Pianificare approvvigionamenti e scorte

Pianificare approvvigionamenti e scorte di Andrea Martinelli, Andrea Bacchetti Pianificare approvvigionamenti e scorte In questa e nelle prossime pagine si descrive la progettazione di uno strumento informativo in grado di supportare il processo

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Galileo Cantine e Distillerie

Galileo Cantine e Distillerie Knowledge Company VICENZA UDINE MILANO REGGIO EMILIA Galileo Cantine e Distillerie Soluzioni ERP per le aziende del settore vinicolo e le distillerie Le nostre referenze Galileo vanta tra i sui clienti

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

LE TECNICHE E GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E DEL CONTROLLO DI GESTIONE

LE TECNICHE E GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E DEL CONTROLLO DI GESTIONE LE TECNICHE E GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E DEL CONTROLLO DI GESTIONE Relatori Davide Mondaini Docente di Economia e Organizzazione Università di Bologna Ing. Massimo Lazzari Partner

Dettagli

Dovunque ti porti il tuo business, ADP è al tuo fianco per la gestione del personale della tua azienda. Il Costo del Lavoro.

Dovunque ti porti il tuo business, ADP è al tuo fianco per la gestione del personale della tua azienda. Il Costo del Lavoro. Dovunque ti porti il tuo business, ADP è al tuo fianco per la gestione del personale della tua azienda. Il Costo del Lavoro. HR World 20XI ADP: copertura internazionale ed esperienza locale Sono molti

Dettagli

RELAZIONE BANCA E IMPRESA: EVOLUZIONE DEL RAPPORTO

RELAZIONE BANCA E IMPRESA: EVOLUZIONE DEL RAPPORTO RELAZIONE BANCA E IMPRESA: EVOLUZIONE DEL RAPPORTO PESCHIERA DEL GARDA HOTEL AL FIORE 4 NOVEMBRE 2014 ORE 18-20 Agenda Ore 18,00 18,20: Il progetto Costruiamoci Relatore: Dott. Giampaolo Fogliardi (Studio

Dettagli