INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE"

Transcript

1 Presentazione V Introduzione PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali Atto costitutivo e statuto Denominazione dell ente Scopo Patrimonio Sede Assemblea Organo amministrativo Altri organi facoltativi Diritti e obblighi degli associati Condizioni per l ammissione degli associati Altri elementi non essenziali Statuto adeguato alle norme di cui al D.L. 460/ Registrazione dell atto costitutivo Il riconoscimento Il registro regionale delle persone giuridiche Effetti del riconoscimento Acquisti di beni immobili, accettazione di eredità, legati o donazioni Recesso ed esclusione degli associati Estinzione dell associazione e liquidazione CAPITOLO 2 LE ASSOCIAZIONI NON RICONOSCIUTE 2.1. Atto costitutivo

2 VIII INDICE SOMMARIO Elementi dell atto costitutivo Formazione dell atto costitutivo Atto costitutivo e norme fiscali Il fondo comune delle associazioni non riconosciute Gli acquisti delle associazioni non riconosciute La responsabilità degli amministratori Il d.lgs. 8 giugno 2001, n Il fallimento Aspetti civilistici delle associazioni non riconosciute CAPITOLO 3 LE FONDAZIONI 3.1. Aspetti generali Atto costitutivo Scopo Patrimonio Norme sull ordinamento e l amministrazione Criteri e modalità di erogazione delle rendite Norme relative all estinzione dell ente, alla devoluzione del patrimonio e alla trasformazione Disposizione di fondazione per testamento Riconoscimento Iscrizione nel registro delle persone giuridiche Controllo sull amministrazione delle fondazioni Revoca della costituzione di fondazione Acquisto di immobili e accettazione di eredità, legati o donazioni Fondazioni non riconosciute Estinzione della fondazione Vari tipi di fondazioni CAPITOLO 4 I COMITATI 4.1. Nozioni generali I promotori e gli organizzatori La responsabilità dei componenti il comitato I sottoscrittori Costituzione Comitati riconosciuti

3 IX CAPITOLO 5 LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (ONLUS) 5.1. Generalità I soggetti che possono diventare ONLUS I soggetti che possono diventare parzialmente ONLUS I settori di attività delle ONLUS Le clausole degli statuti delle ONLUS Le finalità di solidarietà sociale Le attività istituzionali e quelle direttamente connesse Le partecipazioni societarie detenute dalla ONLUS I vincoli operativi della gestione Obbligo di comunicazione e anagrafe delle ONLUS Esonero dall iscrizione all Anagrafe Unica delle ONLUS Le agevolazioni fiscali per le ONLUS Le erogazioni liberali in denaro e in natura a favore delle ONLUS Le ONLUS e le partecipazioni Le scritture contabili delle ONLUS Obbligo di revisione Rinvio alla normativa degli enti non commerciali Uso esclusivo del termine ONLUS Sanzioni e responsabilità dei rappresentanti legali e degli amministratori delle ONLUS La devoluzione del patrimonio CAPITOLO 6 L IMPRESA SOCIALE 6.1. Premessa I soggetti e i requisiti Disciplina Il lavoro nell impresa sociale e il coinvolgimento dei lavoratori e dei destinatari delle attività Funzioni di monitoraggio ed ispettive Norme di coordinamento e trattamento fiscale Una ONLUS può detenere un impresa sociale Considerazioni sulla nozione di gruppo di enti non profit a partire dalla disciplina dell impresa sociale

4 X INDICE SOMMARIO CAPITOLO 7 LE ISTITUZIONI PUBBLICHE DI ASSISTENZA E BENEFICENZA (IPAB) 7.1. Premessa Aspetti generali Classificazione delle IPAB Le privatizzazioni delle IPAB ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio Riordino del sistema delle IPAB a norma del D.Lgs. 4 maggio 2001, n Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali Definizione di sistema integrato di interventi e servizi sociali Soggetti della programmazione e dell organizzazione dei servizi alla persona Diritto alle prestazioni Sistema di finanziamento delle politiche sociali Ruolo del terzo settore Funzioni dello Stato, delle regioni, delle province e dei comuni Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza Autorizzazioni e accreditamento Figure professionali sociali e Carta dei servizi CAPITOLO 8 LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO 8.1. La legge quadro sul volontariato L attività istituzionale delle organizzazioni di volontariato L attività commerciale L attività convenzionata Attitudine e capacità dell organizzazione L oggetto Lo svolgimento dell attività Il corrispettivo La durata I controlli Le coperture assicurative degli aderenti all organizzazione di volontariato L attività finanziata da Stato o enti pubblici Le caratteristiche dell attività di volontariato La gratuità La spontaneità La personalità La tutela previdenziale dei volontari Assicurazione dei volontari

5 XI 8.9. I rapporti di lavoro Premessa I rapporti di lavoro nelle organizzazioni di volontariato Lo statuto Fine di solidarietà e assenza di scopo di lucro Aderenti Assemblea Organo esecutivo Presidente Risorse dell organizzazione di volontariato Bilancio Dipendenti Scioglimento Revisori dei conti Registri delle organizzazioni di volontariato Benefici fiscali Erogazioni liberali a favore di organizzazioni di volontariato IRES Somme versate alle organizzazioni dagli associati o partecipanti a titolo di contributo o quote associative Cessione di beni e prestazioni di servizi IVA Imposte indirette Imposte sulle donazioni e sulle successioni Riepilogo agevolazioni fiscali Organizzazioni di volontariato e ONLUS CAPITOLO 9 LE COOPERATIVE SOCIALI 9.1. Premessa La legge 381/ Tipi organizzativi Categorie di soci Costituzione Adempimenti conseguenti la costituzione Regime tributario Cooperative sociali e ONLUS CAPITOLO 10 LE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Premessa Costituzione delle società di mutuo soccorso

6 XII INDICE SOMMARIO Iscrizione al REA e al Registro prefettizio Iscrizione all Anagrafe dei Fondi sanitari CAPITOLO 11 I SOGGETTI DELLA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO (LE ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE) La legge 11 agosto 2014, n. 125 sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo Indirizzo politico, governo e controllo della cooperazione allo sviluppo Agenzia per la cooperazione allo sviluppo e direzione generale per la cooperazione allo sviluppo Soggetti della cooperazione allo sviluppo Iscrizione nell elenco dell Agenzia per la cooperazione allo sviluppo Obbligo di iscrizione al registro delle Onlus delle ONG già esistenti Organizzazioni non governative e ONLUS Deducibilità e detraibilità delle erogazioni liberali in favore delle ONG. 334 CAPITOLO 12 I CIRCOLI AZIENDALI Premessa Che cosa è il CRAL Aspetti fiscali Cessione di beni Organizzazione di viaggi Gestione del bar Pubblicità Opzioni ai sensi della legge 398/ Prestazioni rese da un circolo ai soci di un altro circolo affiliato ad una medesima organizzazione nazionale Lo statuto CAPITOLO 13 LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE Premessa Le associazioni e le società sportive dilettantistiche

7 XIII La disciplina fiscale delle associazioni sportive dilettantistiche Enti non commerciali «speciali»: non rischiano di perdere la qualifica Norme speciali per le associazioni sportive dilettantistiche: la legge 398/ Norme speciali per le associazioni sportive: la legge 133/1999, la legge 289/ La certificazione dei corrispettivi Il Registro nazionale delle associazioni e società sportive dilettantistiche Sintesi della normativa CAPITOLO 14 LE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Premessa Soggetti interessati Statuto Risorse economiche Iscrizione nel registro nazionale delle associazioni di promozione sociale Iscrizione nel Registro delle ONLUS Prestazioni degli associati Aspetti fiscali Convenzioni Strutture pubbliche concesse alle associazioni di promozione sociale Attività turistiche Statuto Perché scegliere la forma dell associazione di promozione sociale? A confronto le principali caratteristiche delle organizzazioni non profit. 392 CAPITOLO 15 IL TRUST Il trust L art ter del codice civile I trust e le imposte Il trust ONLUS CAPITOLO 16 ALTRI ENTI Premessa Le associazioni di consumatori

8 XIV INDICE SOMMARIO I circoli di cultura cinematografica Le sale della comunità Le associazioni di solidarietà familiare I gruppi di acquisto solidale (G.a.s.) CAPITOLO 17 GLI ENTI NON COMMERCIALI E IL REGISTRO DELLE IMPRESE Iscrizione nel Registro delle imprese Iscrizione al REA Pagamento diritto annuale REA CAPITOLO 18 LA RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE GIURIDICHE E DEGLI ENTI (D.LGS. 231/2001) Le novità introdotte dal D.Lgs. n. 231 del CAPITOLO 19 IL MODELLO EAS Premessa Soggetti esonerati dalla presentazione del modello per espressa previsione dell art Contenuto della comunicazione: enti associativi i cui dati sono disponibili presso pubblici registri o amministrazioni pubbliche Soggetti esclusi dalla presentazione del modello per mancanza dei presupposti Modalità e termini di presentazione del modello EAS CAPITOLO 20 OPERAZIONI STRAORDINARIE NEGLI ENTI NON PROFIT: TRASFORMAZIONI ETEROGENEE E SCISSIONE La trasformazione eterogenea: generalità Disciplina civilistica Trasformazione eterogenea da società di capitali Trasformazione eterogenea in società di capitali

9 XV Opposizione dei creditori alla trasformazione eterogenea Trasformazione eterogenea da o in società di persone Disciplina fiscale Differenze tra nozione civilistica e nozione fiscale di trasformazione eterogenea Trasformazione eterogenea da società di capitali Trasformazione eterogenea in società di capitali Disciplina ai fini dell IRAP Disciplina ai fini dell IVA Disciplina ai fini dell Imposta di Registro Modalità operative della trasformazione eterogenea Aspetti generali della trasformazione eterogenea in società di capitali Aspetti generali della trasformazione eterogenea da società di capitali Le operazioni di scissione negli enti non profit L operazione di scissione Il caso delle ONLUS PARTE SECONDA LE SCRITTURE CONTABILI E IL BILANCIO CAPITOLO 1 LE RILEVAZIONI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI 1.1. Rilevazioni contabili e loro funzione Libri contabili Il libro giornale Il libro inventari I libri contabili ausiliari Libri fiscali obbligatori: generalità Libri fiscali obbligatori per gli enti non commerciali con contabilità ordinaria Il registro dei beni ammortizzabili Registri IVA Tenuta e conservazione delle scritture contabili Contabilità semplificata Regimi forfetari di determinazione del reddito Libri prescritti dalla legislazione sul lavoro Contabilità separata degli enti non commerciali La contabilizzazione delle gestioni patrimoniali degli enti I libri dell attività dell ente Sintesi obblighi contabili

10 XVI INDICE SOMMARIO CAPITOLO 2 IL RENDICONTO DEGLI ENTI: IL BILANCIO DI ESERCIZIO 2.1. Premessa I caratteri strutturali degli enti La necessità di trasparenza negli enti non profit L esigenza di tutela della pubblica fede dell istituzione non profit I destinatari del bilancio e le loro esigenze informative La particolare natura del rendiconto negli enti e il suo contenuto tipico Principi contabili per gli enti non profit La necessità di impostare un bilancio preventivo e uno consuntivo Le operazioni di gestione, le rilevazioni contabili e il bilancio Linee Guida e schemi per la redazione dei bilanci di esercizio degli enti non profit: il documento dell Agenzia per le ONLUS Principi generali Schemi di bilancio Criteri di valutazione Linee Guida e schemi per la redazione del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato delle imprese sociali Il bilancio di esercizio delle imprese sociali I soggetti e gli obblighi I documenti di bilancio Il bilancio consolidato delle imprese sociali La normativa in tema di gruppo e di bilancio consolidato delle imprese sociali Conti consolidati Breve sintesi della normativa sul bilancio consolidato Il bilancio consolidato negli enti non profit CAPITOLO 3 IL BILANCIO DI MISSIONE DEGLI ENTI 3.1. Premessa La nozione di bilancio sociale e di bilancio di missione Il sistema informativo e il bilancio di missione Il contenuto del bilancio di missione L utilità del bilancio di missione Le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale delle Organizzazioni Non Profit dell Agenzia per le ONLUS Gli obiettivi dell Agenzia: cultura dell accountability e omogeneità dei bilanci sociali Un modello specifico e rigoroso per il terzo settore La struttura minimale del bilancio sociale: informazioni comuni e specifiche

11 XVII I diversi livelli di applicazione delle Linee Guida La possibilità di integrare le informazioni fornite nel bilancio sociale L ambito di applicazione Le condizioni di efficacia indicate dalle Linee Guida La sfida applicativa CAPITOLO 4 IL CONTROLLO ESTERNO SUGLI ENTI. I COMPITI DEI REVISORI 4.1. La funzione del controllo esterno Il controllo del perseguimento dei fini istituzionali Il controllo del patrimonio aziendale e degli atti amministrativi Il controllo con riferimento alla normativa fiscale PARTE TERZA IL FINANZIAMENTO ED IL SOSTEGNO DEGLI ENTI NON PROFIT CAPITOLO 1 IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT 1.1. Le liberalità a favore delle aziende non profit: motore per la loro attività e per lo sviluppo Quali nuove forme di supporto per il mondo non profit? La costituzione di istituzioni di secondo grado Le reti sociali e le opportunità di conoscenze e informazioni La costituzione di consorzi-fidi come per le piccole e medie imprese Istituti della donazione e certificazioni di qualità La creazione di fondi pubblico-privati per finanziare iniziative non profit I prestiti di medio-lungo termine per il sociale Iniziative di venture philanthropy per lo start up di iniziative solidali Nuove modalità di sostegno finanziario dei progetti degli enti Le partnership, nuova frontiera delle donazioni Attivazione di forme di consulenza per l avvio e lo sviluppo di iniziative sociali Lo sviluppo e la formazione del volontariato Il volontariato di impresa (employee volunteering) La crescita delle fondazioni per la società civile Le fondazioni di sviluppo Le fondazioni comunitarie

12 XVIII INDICE SOMMARIO Le iniziative cause related marketing Gli outsourcing degli enti profit verso le imprese CAPITOLO 2 LA RACCOLTA FONDI 2.1. Premessa Natura dei finanziamenti Strumenti per la raccolta fondi La campagna di raccolta fondi Le Linee Guida per la raccolta fondi La carta della donazione I principi nordamericani sulla funzione di raccolta fondi Responsabilità verso il pubblico L utilizzo dei fondi Materiale informativo e di richiesta Procedure di fund raising Gestione La raccolta fondi nei casi di emergenza umanitaria Le raccolte occasionali di fondi Enti non commerciali Associazioni sportive dilettantistiche Organizzazioni di volontariato Obbligo di rendicontazione Il sostegno a distanza di minori e giovani CAPITOLO 3 LE DISPOSIZIONI A FAVORE DI ENTI NON PROFIT 3.1. Premessa Il testamento Istituzione di erede e legato La forma dei testamenti I legittimari La donazione L onere Il fedecommesso Aspetti tributari Reintroduzione dell imposta sulle successioni e donazioni La tassazione Previsioni specifiche per gli enti non profit Imposte ipotecaria e catastale Imposta di bollo

13 XIX CAPITOLO 4 I CONTRATTI DI SPONSORIZZAZIONE 4.1. Aspetti generali Vari tipi di contratti di sponsorizzazione Aspetti fiscali della sponsorizzazione La sponsorizzazione nello sport Il contratto di sponsorizzazione La pubblicità sociale (cause related marketing) CAPITOLO 5 IL 5 PER MILLE 5.1. Il 5 per mille Problematiche applicative CAPITOLO 6 GLI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO O DETRAIBILI DALLE IMPOSTE 6.1. Deducibilità e detraibilità di oneri sostenuti da persone fisiche a favore di enti non commerciali Deducibilità e detraibilità delle erogazioni liberali sostenute dalle imprese a favore di enti non profit La «Più dai meno versi» (art. 14, D.L. 35/2005) Erogazioni liberali a sostegno della cultura (art bonus) PARTE QUARTA LE IMPOSTE E GLI ENTI NON COMMERCIALI CAPITOLO 1 GLI ENTI NON COMMERCIALI E LE IMPOSTE DIRETTE 1.1. La riforma del sistema fiscale La soggettività tributaria degli enti non commerciali ai fini delle imposte dirette Premessa La lettera b) dell articolo 73, comma 1, T.U.I.R La lettera c) dell articolo 73, comma 1, T.U.I.R Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) La non soggettività IRES dello Stato e di taluni enti pubblici. 745

14 XX INDICE SOMMARIO 1.3. Il tema della commercialità delle attività degli enti La disciplina degli enti non commerciali Premessa La qualificazione di ente non commerciale Il reddito complessivo degli enti non commerciali Le raccolte occasionali di fondi e contributi Le convenzioni con le amministrazioni pubbliche L obbligo della contabilità separata per le attività commerciali degli enti Gli oneri deducibili dal reddito degli enti non commerciali Detrazioni d imposta Enti religiosi e spese dei membri collaboratori Gli enti di tipo associativo Generalità Le disposizioni per gli enti associativi La necessità di adeguare gli statuti a regole di democraticità e trasparenza L adeguamento della normativa IVA La perdita della qualifica di ente non commerciale I regimi forfetari di determinazione del reddito degli enti non commerciali Regime forfetario per le associazioni sportive, le associazioni senza scopo di lucro e le pro-loco Riduzione dell IRES per alcune tipologie di enti non commerciali L ente non commerciale proprietario di immobili: le esenzioni e le agevolazioni L imposta municipale propria (IMU) Tassazione degli utili da partecipazione e delle plusvalenze da cessione di partecipazioni Utili da partecipazioni Plusvalenze da partecipazioni Imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) L ente non commerciale può assumere la figura di sostituto di imposta Le dichiarazioni dei redditi degli enti non commerciali La dichiarazione ai fini IRES-IRAP La dichiarazione dei sostituti d imposta Dichiarazione IRAP I contributi agli enti non commerciali: aspetti tributari CAPITOLO 2 GLI ENTI NON COMMERCIALI E L IVA 2.1. Soggettività tributaria Associazioni e IVA Premessa L esercizio di attività commerciale IVA. Disciplina generale

15 XXI Disciplina particolare riguardante alcuni tipi di associazioni Associazioni e norme statutarie I contributi agli enti non commerciali e l IVA. Le «sponsorizzazioni». Le oblazioni e le liberalità Momento imponibile IVA delle operazioni degli enti non commerciali La detrazione dell IVA sugli acquisti Gli acquisti intra UE Enti non soggetti d imposta Enti soggetti passivi d imposta La disciplina sulla territorialità dei servizi La cessione di beni immobili Gli enti non commerciali e le operazioni esenti dall IVA L ente non commerciale e la locazione di immobili Obblighi degli enti non commerciali in relazione all IVA Inizio, variazione e cessazione di attività Fatture: requisiti richiesti Dichiarazioni e versamenti IVA. Dichiarazione annuale Classificazione dei contribuenti ai fini del versamento dell IVA. 856 CAPITOLO 3 GLI ENTI NON COMMERCIALI E IL CODICE FISCALE 3.1. L obbligo di usare il numero di codice fiscale Indice analitico

SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE

SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE SOMMARIO 1. ENTI NON LUCRATIVI NEL CODICE CIVILE INTRODUZIONE... 3 FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE... 4 Costituzione di associazioni riconosciute e fondazioni... 4 Riconoscimento della personalità

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... Capitolo 1 La qualifica di ONLUS: inquadramento giuridico, soggettivo ed oggettivo

SOMMARIO. Prefazione... Capitolo 1 La qualifica di ONLUS: inquadramento giuridico, soggettivo ed oggettivo Prefazione... VII Capitolo 1 La qualifica di ONLUS: inquadramento giuridico, soggettivo ed oggettivo 1. Le ONLUS tra disciplina civilistica e fiscale... 1 2. Gli enti ammessi alla qualifica... 3 2.1. I

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I L ORDINAMENTO SPORTIVO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI

SOMMARIO. Capitolo I L ORDINAMENTO SPORTIVO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SOMMARIO Capitolo I L ORDINAMENTO SPORTIVO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI 1. Il c.d. modello Italia e il CONI... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. Il Decreto Melandri... 5 1.3. Ruolo delle Regioni... 5 1.4. Attuale

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

SOCIETA' E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Mario Frascarelli

SOCIETA' E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Mario Frascarelli SOCIETA' E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Mario Frascarelli Tutte le formule riportate in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Per scaricare i file relativi si vedano le

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI

ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI ONLUS E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI FISCALI - IMPOSTE SUL REDDITO (IRES) - OBBLIGHI DICHIARATIVI - IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (IRAP) - AGEVOLAZIONI/ESENZIONI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT ORATORI E CIRCOLI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI NON PROFIT (a cura della Segreteria Nazionale) La raccolta fondi Dopo il periodo iniziale della loro vita in cui l entusiasmo dei fondatori e dei volontari

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA. non esiste una definizione giuridica di ente non profit

L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA. non esiste una definizione giuridica di ente non profit L ENTE NON PROFIT NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA non esiste una definizione giuridica di ente non profit CODICE CIVILE (artt. 14-42) associazioni fondazioni comitati TESTO UNICO IMPOSTE SUI REDDITI (artt.

Dettagli

PARTE I ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE E NON RICONOSCIUTE

PARTE I ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE E NON RICONOSCIUTE INDICE SOMMARIO Premessa... 5 PARTE I ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE E NON RICONOSCIUTE 1. Atto costitutivo di associazione... 17 2. Atto costitutivo di associazione... 19 3. Atto costitutivo di associazione...

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere esercitata

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

LA PERSONALITA GIURIDICA

LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA delle Associazioni RICONOSCIUTE (ARTT. 12 35 CODICE CIVILE) dotate di personalità giuridica - rispondono solo con il patrimonio sociale - il riconoscimento

Dettagli

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI/GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Normativa di riferimento D.lgs 460/97 (riforma

Dettagli

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali 1 AMBITO CIVILISTICO AMBITO TRIBUTARIO FINALITA perseguimento di uno scopo di natura ideale non valutabile economicamente OGGETTO

Dettagli

C. De Stefanis ENTI NON PROFIT. 5ª Edizione

C. De Stefanis ENTI NON PROFIT. 5ª Edizione C. De Stefanis ENTI NON PROFIT 5ª Edizione Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Introduzione agli enti non profit di tipo associativo. 7 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Angela Petrignano

Introduzione agli enti non profit di tipo associativo. 7 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Angela Petrignano Introduzione agli enti non profit di tipo associativo 7 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Angela Petrignano Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso

Dettagli

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Conferenza Episcopale Italiana 3 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani L Istruzione in materia amministrativa 2005 AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Rag. PATRIZIA CLEMENTI, Tributarista

Dettagli

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO PRO LOCO ADEMPIMENTI CIVILISTICI E TRIBUTARI Dott. Raffaele De Spirito 1 Norme di carattere civilistico: - Art. 36 e segg. del Cod. Civ. Norme di carattere tributario: - Art. 4 e 19 ter del D.P.R. n. 633/72

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV CORSO DI FORMAZIONE 2014 Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV LEGGE 398 DEL 16/12/1991 REQUISITI OGGETTIVI Esercizio dell opzione Rispetto del limite dimensionale non superiore

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI Relatore Dott.ssa Luisa Mortati WORKSHOP IL FISCO E LA SICUREZZA PER LE ASSOCIAZIONI Giovedì, 16 Ottobre 2014 AGENDA LE ASSOCIAZIONI COSTITUZIONE e

Dettagli

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO La legge 398/91 a cura di: Introduzione Associazione sportiva dilettantistica con personalità giuridica Associazione sportiva dilettantistica senza personalità giuridica Società

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

Normativa generale e normativa speciale: storia annunciata di un paese fiscalocentrico

Normativa generale e normativa speciale: storia annunciata di un paese fiscalocentrico Normativa generale e normativa speciale: storia annunciata di un paese fiscalocentrico Dott. Lorenzo Ferreri Firenze, 5 giugno 2010 Pagina 1 di 17 Definizione di ente non commerciale Definizione di origine

Dettagli

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche DISPOSIZIONI E ADEMPIMENTI FISCALI PER L ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 REQUISITI FORMALI la COSTITUZIONE Ai sensi dell art. 90 L. 289/2002 e

Dettagli

ENTI NON PROFIT MODELLO EAS

ENTI NON PROFIT MODELLO EAS L approvazione in data 2.9.2009, da parte dell Agenzia delle Entrate, del modelle EAS modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi ha reso operativa la

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo Università ità Commerciale Luigi i Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ENTI NON COMMERCIALI Francesco Dal Santo Panoramica Qualificazione ENTI NON COMMERCIALI Non commercialità:

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

F.A.Q. OdV e Aps a confronto

F.A.Q. OdV e Aps a confronto Cosa hanno in comune le Odv e le Aps? Le Organizzazioni di Volontariato (OdV) e le Associazioni di Promozione Sociale (APS) hanno la caratteristica comune di avere nel fine solidaristico la propria dimensione

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI

COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) Agenda Presupposti di un associazione

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE DI CAPITALI

LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE DI CAPITALI LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE DI CAPITALI La distinzione tra sport professionistico e sport dilettantistico deve essere letta in funzione del riconoscimento, da parte del CONI,

Dettagli

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I Cessione, conferimento, affitto e donazione d azienda INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I La nozione di azienda e la sua disciplina civilistica 23 1 Nozione di azienda 23 2 Contratto di cessione d azienda

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management O N L U S Possono essere ONLUS le associazioni, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e altri enti privati con o senza personalità giuridica O N L U S Non possono essere ONLUS gli enti pubblici,

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche

Associazioni Sportive Dilettantistiche http://www.amministrazioneaziendale.com/associazioni-sportive-dilettantistiche.php Associazioni Sportive Dilettantistiche Negli ultimi anni l attività sportiva dilettantistica ha ricevuto particolare attenzione

Dettagli

Come e quando far valere le erogazioni liberali

Come e quando far valere le erogazioni liberali Il sistema tributario italiano prevede numerose agevolazioni fiscali, per i contribuenti che effettuano erogazioni liberali a favore di determinate categorie di enti di particolare rilevanza sociale, sia

Dettagli

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI.

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. Franca Della Pietra Dottore Commercialista - Revisore legale dei conti - Trento Via

Dettagli

Il terzo settore tra normativa e prassi: aspetti civilistici, fiscali e contabili

Il terzo settore tra normativa e prassi: aspetti civilistici, fiscali e contabili Il terzo settore tra normativa e prassi: aspetti civilistici, fiscali e contabili Il corso è stato accreditato per n. 38 CFP presso l Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 Come compilare correttamente il Modello EAS Ottobre 2009 Seconda edizione PRIMA PARTE Articolo 30: cosa cambia per l'associazionismo italiano Il 2 settembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. CXCII n. 1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (Periodo 8 marzo - 31 dicembre 2002) (Articolo

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD Latina, 18 dicembre 2015 Dott. Massimiliano Lucaroni COSTITUZIONE DI UNA ASD - artt. 36 e seguenti del Codice Civile - per accedere ai benefici fiscali,

Dettagli

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista Livorno, 9 Maggio 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l affiliazione ad

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

INDICE Presentazione 21 GIOVANNI PETRUCCI. Prefazione 23 ALDO MILANESE, GIANFRANCO PORQUEDDU ANALISI

INDICE Presentazione 21 GIOVANNI PETRUCCI. Prefazione 23 ALDO MILANESE, GIANFRANCO PORQUEDDU ANALISI Manuale delle associazioni sportive INDICE Presentazione 21 GIOVANNI PETRUCCI Prefazione 23 ALDO MILANESE, GIANFRANCO PORQUEDDU ANALISI CAPITOLO I L ordinamento sportivo italiano 27 STEFANO COMELLINI 1

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 08 26.02.2014 Enti non profit: le scritture contabili Categoria: Associazioni Sottocategoria: Varie Gli enti non commerciali rappresentano un fenomeno

Dettagli

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 1 - Lo scopo mutualistico... 21 2 - La mutualità esterna... 24 3 - La nuova mutualità... 25 4 - I segni distintivi...

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

Palermo, Novembre 2015. Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo

Palermo, Novembre 2015. Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo La verifica fiscale nello sport dilettantistico Antonio Coglitore Palermo, Novembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo MODULO 4-3-3 PER GIOCARE LA PARTITA CON IL

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE PARTE GENERALE 1. Disposizioni fondamentali................................... 3 1.1. Costituzione della Repubblica Italiana.................... 3 1.2. Trattato sul funzionamento dell Unione europea (Artt.

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni Regolamento

Albo Comunale delle Associazioni Regolamento COMUNE DI NICOTERA Prroviinciia dii Viibo Valenttiia REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Nicotera 01 Marzo 2013 1 Albo Comunale delle Associazioni Regolamento Premesso che: L articolo 3, dello

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso organizzato di persone

Dettagli

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano.

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano. Cos è l Irap? E una sorta di tassa sul costo del lavoro. Se l associazione ha personale dipendente, un collaboratore a progetto o delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale deve pagare l Irap su

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Fiscalità delle A.S.D. Dott.Federico Pascale Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Modena

Fiscalità delle A.S.D. Dott.Federico Pascale Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Modena Fiscalità delle A.S.D. Dott.Federico Pascale Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Modena 1 Forme giuridiche Attività istituzionali - commerciali ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA Regimi fiscali

Dettagli

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI TRATTAMENTO FISCALE OBBLIGO DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ DI VIGILANZA MODULISTICA Art. 143, c. 3, lett. a) D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 20, 22

Dettagli

Manuale delle associazioni sportive ANALISI CAPITOLO I

Manuale delle associazioni sportive ANALISI CAPITOLO I Manuale delle associazioni sportive INDICE Prefazione 7 ALDO MILANESE, GIANFRANCO PORQUEDDU ANALISI CAPITOLO I L ordinamento sportivo italiano 27 STEFANO COMELLINI 1 Premessa 27 2 Il CONI 28 3 Le Federazioni

Dettagli

LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE. Stresa 27 novembre 2009

LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE. Stresa 27 novembre 2009 LA NUOVA DEFINIZIONE DI BENEFICENZA E IL SUO IMPATTO SULLE FONDAZIONI DI EROGAZIONE Stresa 27 novembre 2009 EVOLUZIONE STORICA DELLA NOZIONE DI BENEFICENZA art. 10, comma 1, lett. a), n. 3, D. lgs. 460/1997

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI AD APS Art. 22 L. 383/2000

EROGAZIONI LIBERALI AD APS Art. 22 L. 383/2000 EROGAZIONI LIBERALI AD APS Art. 22 L. 383/2000 PER APS ISCRITTE NEI REGISTRI: 1. da persone fisiche (art. 15, c. 1, lett. i-quater, Dpr 917/86) - Erogazioni liberali in denaro detraibili per il 19% di

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Via Napoleone I, 8-37138 Verona Tel. 045 8102419 - Fax 045 8195686 info@csv.verona.it www.csv.verona.it A. Chi può donare Soggetti all Imposta

Dettagli

Gli Enti Non Profit ASPETTI CONTABILI E DI RENDICONTAZIONE. Scuola di Formazione Professionale Aldo Sanchini 2014 1

Gli Enti Non Profit ASPETTI CONTABILI E DI RENDICONTAZIONE. Scuola di Formazione Professionale Aldo Sanchini 2014 1 Gli Enti Non Profit ASPETTI CONTABILI E DI RENDICONTAZIONE Francesco Capogrossi Guarna Presidente Commissione Culturale Enti non profit dell'odcec di Roma Roma, 10 aprile 2014 Scuola di Formazione Professionale

Dettagli

Adempimenti contabili e gestionali delle Onlus e degli enti non profit

Adempimenti contabili e gestionali delle Onlus e degli enti non profit ENTI NON PROFIT Adempimenti contabili e gestionali D I L U C A P A G L I O T T A Premessa La recente presentazione delle Linee Guida e schemi per la redazione dei Bilanci di esercizio degli Enti non profit

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15

ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15 TITOLO I - DICHIARAZIONE ANNUALE ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15 PREMESSA 16 1. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI (CO. 1) 17 2. NATURA GIURIDICA DELLA DICHIARAZIONE

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Le Onlus Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51 Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Obblighi formali e contabili delle ONLUS...54 Le principali agevolazioni fiscali

Dettagli

Le principali scadenze fiscali di Aprile 2013

Le principali scadenze fiscali di Aprile 2013 Periodico informativo n. 37/2013 Le principali scadenze fiscali di Aprile 2013 Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo, sulle principali scadenze Fiscali

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il terzo settore tra normativa e prassi: aspetti civilistici, fiscali e contabili

Il terzo settore tra normativa e prassi: aspetti civilistici, fiscali e contabili Percorsi formativi FORMAZIONE PERMANENTE CRC - CENTRO DI RICERCA SULLA COOPERAZIONE E SUL NONPROFIT Il terzo settore tra normativa e prassi: aspetti civilistici, fiscali e contabili E stata inoltrata la

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

SEMINARIO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI CSAIn e UFI!

SEMINARIO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI CSAIn e UFI! SEMINARIO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI CSAIn e UFI! (Tricesimo 21 febbraio 2015) Relatore Dott. Giuseppe Tamburo Team Esperti CSAIn Costituzione, organi e funzionamento delle Associazioni culturali e Società

Dettagli

Ratio Nonprofit 2015 Indice generale Ricerca per parola chiave

Ratio Nonprofit 2015 Indice generale Ricerca per parola chiave Parola Chiave Settore Tematica Titolo Pagina Mese Anno 770 Imposte e tasse Accertamento CHECK LIST DI CONTROLLO PER ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE 11 1 2013 770 Imposte e tasse Imposte dirette

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DELL ATTIVITA INTERNA ED ESTERNA DELLE APS

INQUADRAMENTO FISCALE DELL ATTIVITA INTERNA ED ESTERNA DELLE APS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INQUADRAMENTO FISCALE DELL ATTIVITA INTERNA ED ESTERNA DELLE APS Borghisani Chiara 17 marzo 2015 - ODCEC MILANO Associazioni di promozione sociale Circolare

Dettagli

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE Le associazioni sono un insieme di individui che si riuniscono e si vincolano tramite un contratto al fine di perseguire uno scopo comune volto al soddisfacimento

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 Di cosa parleremo? Che cos è il non profit? Le ONP: le Fonti normative Le Organizzazioni di Volontariato 2 CHE COS

Dettagli

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit

La rendicontazione economico-finanziaria e il controllo negli enti non profit RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA E SOCIALE DELLE AZIENDE NON PROFIT: I PRINCIPI CONTABILI PER IL TERZO SETTORE Prof. Matteo Pozzoli Vercelli 12 Ottobre 2010 Ufficio studi della Presidenza del Consiglio

Dettagli

Giovani in Associazione

Giovani in Associazione Giovani in Associazione 16 NOVEMBRE 2011 A cura dei Dottori: Piero Cevola Riccardo Petrignani Componenti del Gruppo di Studio Enti No Profit Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino

Dettagli

Capitolo 2 Le Società Sportive e le Onlus sportive

Capitolo 2 Le Società Sportive e le Onlus sportive Capitolo 2 Le Società Sportive e le Onlus sportive 2.. Le società sportive dilettantistiche La società sportiva dilettantistica è stata istituzionalizzata per la prima volta come società di capitali o

Dettagli

AMICI DI PADRE PEDRO BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008

AMICI DI PADRE PEDRO BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008 AMICI DI PADRE PEDRO Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale BILANCIO CONSUNTIVO 31 DICEMBRE 2008 Sede Legale: Via dei Prefetti, 36 00186 Roma INDICE COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI 2 NOTA

Dettagli

Fiscal Adempimento N. 10. La presentazione del Modello EAS. La circolare di aggiornamento professionale 16.03.2015. Premessa.

Fiscal Adempimento N. 10. La presentazione del Modello EAS. La circolare di aggiornamento professionale 16.03.2015. Premessa. Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 10 16.03.2015 La presentazione del Modello EAS Categoria: Associazioni Sottocategoria: Adempimenti L art. 30, D.L. 29.11.2008, n. 185,

Dettagli