AUSL RAVENNA. Rassegna stampa del 11/07/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUSL RAVENNA. Rassegna stampa del 11/07/2011"

Transcript

1 AUSL RAVENNA Rassegna stampa del 11/07/2011 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE AUSL RAVENNA 11/07/2011 QN - Il Resto del Carlino - Rimini «Il Gattopardo» balla sulla terrazza del Grand Hotel 10/07/2011 Avvenire - Nazionale Muti: Verdi in Kenya per i bimbi degli slum 11/07/2011 Corriere di Romagna - Rimini Sulle note del valzer per lo Ior 11/07/2011 Corriere di Romagna - Ravenna «L' Ospedale della costa insieme a Cesenatico» 11/07/2011 Corriere di Romagna - Ravenna Punte di 36 gradi, ma non è emergenza 11/07/2011 La Voce di Romagna - Rimini Quattro denunce per i manifestanti sotto al Comune 11/07/2011 La Voce di Romagna - Rimini Sgomberato il presidio 11/07/2011 Corriere Economia La strana compagnia di Bucarest 11/07/2011 Dolce Attesa Riprovarci di nuovo AREA VASTA E REGIONE 11/07/2011 La Voce di Romagna - Rimini Sistema idrico integrato Un incontro dell'idv Dibattito sulla Sanità alla Festa del Pd Gita risorgimentale con Amphora 16 SANITÀ NAZIONALE 11/07/2011 Corriere della Sera - ROMA Campanella in Cardiochirurgia tra bisturi e cellule staminali 11/07/2011 Corriere della Sera - MILANO «La nostra sfida, regalare qualche ora di serenità» 18 19

3 11/07/2011 Corriere della Sera - MILANO Camici bianchi, 164 matricole in più «Per gli ospedali non basteranno» 11/07/2011 Il Sole 24 Ore Liste d'attesa pianificate solo in dieci regioni 11/07/2011 La Repubblica - Torino Il sindaco: sto con loro, ma sbagliano così non salviamo il nostro ospedale 11/07/2011 La Repubblica - Torino La crociata delle mamme con pancione 11/07/2011 Il Giornale - Milano Allarme caldo, da oggi 40 gradi 10/07/2011 Avvenire - Bologna I dati degli aborti e i testimoni della vita 11/07/2011 Il Gazzettino - VENEZIA Raccolta di firme per i dipendenti dell'ospedale civile 11/07/2011 Il Secolo XIX Farmaci, i liguri spendono più di tutti 11/07/2011 La Repubblica - Affari Finanza La Sanità resta la maglia nera 11/07/2011 La Repubblica - Affari Finanza I sistemi medici bioceramici disegnati in teleconferenza 11/07/2011 La Repubblica - Affari Finanza Alla Farmindustria finisce l'era Dompè 11/07/2011 La Repubblica - Affari Finanza Teva punta sull'italia per andare oltre i generici 11/07/2011 ItaliaOggi Sette Sanità, procedura telematica per pagamenti e consegna referti

4 AUSL RAVENNA 9 articoli

5 11/07/2011 QN - Il Resto del Carlino - Rimini Pag. 4 (diffusione:165207, tiratura:206221) IL GALA' DELLO IOR «Il Gattopardo» balla sulla terrazza del Grand Hotel SOPRATTUTTO bellezza, sabato sera, ad animare il giardino e la terrazza del Grand Hotel per il 12 Gran Gala dello Ior presentato da Francesco Cesarini. Evento mondano che vede insieme medici e ricercatori oncologi che operano a Rimini e responsabili e volontari dell'istituto Oncologico Romagnolo. «Continuare a lottare contro i tumori - ha detto Vinicio Paganini, vice presidente dell'istituto - è una battaglia che vale la pena di essere combattuta». Alberto Ravaioli, primario oncologo, ha presentato con orgoglio il suo staff, che, come ha poi specificato Michele Cucuzza, è il tipico esempio di modello Rimini. La scenografia scelta per la serata, ispirata ai gran balli dell'ottocento, è stata vivacizzata da coppie di danzatori che indossavano costumi d'epoca ispirati al film "Il Gattopardo" e dagli stessi ospiti, che sono stati coinvolti nei giri di walzer. Coppia di ballerini inedita e bipartisan, quella composta da Marcella Bondoni, ex assessore provinciale del Pd, e da Oronzo Zilli, consigliere comunale del Pdl che col portamento da ufficiale gentiluomo ha fatto un figurone. Tanto gli amici e gli sponsor che sostengono lo Ior: dalle istituzioni e aziende che nel tempo sono divenute sponsor ufficiali (Comune e Provincia, Banca Malatestiana, Camera di Commercio, Marina di Rimini, Grand Hotel Rimini, Società Gas Rimini), a quelle che lo sono da quest'anno (Aeradria, Audi Reggini, Nicoletta Cei Gioielli), ai testimonial d'eccezione come il giornalista Michele Cucuzza. Maria Cristina Muccioli AUSL RAVENNA 5

6 10/07/2011 Avvenire - Ed. Nazionale Pag. 31 (diffusione:105812, tiratura:151233) LA MUSICA CHE UNISCE Cinquemile persone hanno assistito ieri all'uhuru Park di Nairobi al concerto promosso dal Ravenna Festival nell'ormai tradizionale progetto «Le vie dell'amicizia» Muti: Verdi in Kenya per i bimbi degli slum Accanto al maestro 186 musicisti italiani, 140 coristi locali e 200 ragazzi Donati fondi a padre Kizito Sesana, all' ospedale di Francesca Lipeti e alla famiglia di George Gathuru DA NAIROBI PIER ACHILLE DOLFINI Nairobi è una città dove la gente per strada ti fissa negli occhi. Impietosa. «I'm hungry». Ho fame, ti dice mentre tende la mano mettendoti in crisi. Pensi che qui occorrano soldi. Cose materiali. Cibo. Non le note di Giuseppe Verdi. Poi ascolti i cinquemila dell'uhuru park cantare tutti insieme il Va' pensiero. I duecento bambini delle missioni italiane di Amani e dell'avsi, di padre Renato Kizito Sesana, del ravennate Nino Valerio e del medico piacentino Francesca Lipeti. Gente che il cibo lo porta, insieme a una Speranza. E gli italiani, giunti solo poche ore prima con un volo che da Ravenna li ha catapultati nel cuore dell'africa. E capisci che forse per aiutare un popolo occorre anche altro. Riccardo Muti lo dice dal podio, le mani senza bacchetta ancora levate in aria sulle note verdiane che ieri hanno chiuso la tappa 2011 de Le vie dell'amicizia del Ravenna festival (l'evento andrà su Raiuno il 28 luglio, giorno del settantesimo compleanno di Muti). «La vera musica ci rende sempre più uniti». Joseph, invece, lo dice con il suo cono gelato che mette prontamente da parte quando si levano le note dell'inno del Kenya e il papà Julius lo fa alzare in piedi. Gli suggerisce le parole. «Perché è il canto della nostra terra». Che celebra la libertà di un popolo. Libertà che in swahili si dice Uhuru, come il nome del parco. Joseph ha il volto nerissimo. E lo stesso sorriso di tanti suoi coetanei. Come quello velato di nostalgia di Lina, 13 anni, nata e cresciuta nella baraccopoli di Kibera, la più povera e la più vasta della capitale. O come quello solare di Francis, sull'erba dell'uhuru park con una macchina fotografica per immortalare i suoi amici che studiano al Conservatorio di Nairobi e che Muti ha voluto si unissero per il concerto ai colleghi italiani dell'orchestra Cherubini e dell'orchestra giovanile italiana. In tutto sono 106. Più 80 coristi del Municipale di Piacenza e della Stagione armonica, a cui se ne aggiungono 140 di due cori locali. Insieme suonano e cantano pagine che hanno contribuito a unire l'italia, quelle di Verdi e Bellini. Nabucco e Trovatore, Norma e Puritani che i piccoli delle missioni, per ingannare il tempo in attesa del loro turno col Va' pensiero, dirigono facendo simpaticamente il verso a Muti. Il pubblico ascolta concentratissimo. Josephine, 58 anni, sulla collina con i suoi figli, sorride e sgrana gli occhi perché per la prima volta sente un'orchestra suonare dal vivo. Paola con Verdi si sente un po' a casa. «Sono di Pordenone, ma da nove anni vivo qui con mio marito, un indiano, e il piccolo Manu» dice lasciandosi poi prendere dal ritmo delle percussioni dei giovani acrobati del Koinonia team che strappano applausi con le loro piramidi umane. Muti li guarda. A qualcuno «dà il cinque». Risponde così alla chiamata arrivata un anno fa da Francesca Lipeti a volare con la musica in Kenya. Il medico piacentino è in prima fila con dieci donne masai del suo dispensario di Lenkisem. Dall'Italia ci sono 100mila euro per lei, per padre Kizito, che ogni anno salva 200 ragazzi tra i 120mila bambini di strada di Nairobi, e per la famiglia di George Munyua Gathuru il 15enne morto sabato scorso nell'adriatico insieme al volontario italiano Marco Colombaioni. Per loro un minuto di silenzio chiesto dal vicepresidente del Kenya, Kalonzo Musyoka. «Look at me». Guardatemi, dice Muti ai piccoli prima di "dare il la" al Va' pensiero. Poi li abbraccia. Joseph, da lontano, lo saluta con la sua mano sporca di gelato. Foto: Il palco all'uhuru Park di Nairobi con l'orchestra italiana e artisti africani AUSL RAVENNA 6

7 11/07/2011 Corriere di Romagna - Rimini Pag. 7 Gran Gala sabato sera: in pista Vitali, Zilli e Masini Sulle note del valzer per lo Ior RIMINI. Il Gran Gala di Rimini, il ricevimento cittadino finalizzato a sostenere l'attività dell'istituto oncologico romagnolo, si è svolto sabato sera al Grand Hotel Rimini sulle note dei più famosi valzer della tradizione. La serata si è aperta sulle note del Valzer dal famoso film di Luchino Visconti "Il Gattopardo". Il divertente gioco danzante di metà serata ha coinvolto i partecipanti in un curioso sorteggio delle coppie e ha visto in pista ballerini di tutto rispetto, dal presidente della Provincia Stefano Vitali al consigliere comunale Oronzo Zilli, dal presidente di Aeradria Massimo Masini al noto principe del foro Veniero Accreman. Mentre a bordo pista si sono goduti lo spettacolo: il sindaco Andrea Gnassi, i presidenti della Camera di commercio Manlio Maggioli, dell'aia Patrizia Rinaldis, del Marina di Rimini Luigi Ferretti. AUSL RAVENNA 7

8 11/07/2011 Corriere di Romagna - Ravenna Pag. 37 L'invito ai sindaci arriva da Fli «L' Ospedale della costa insieme a Cesenatico» CERVIA. «E' giunto il momento per la politica di decidere per convinzione e non per convenienze. Anche i cittadini di Cesenatico, come facemmo noi cervesi a suo tempo, invocano la realizzazione del così detto Ospedale della Costa; l'unico progetto fattibile, che può dare risposte credibili nel tempo». La sollecitazione arriva dalla coordinatrice cervese di Futuro e libertà Nicoletta Galigani. «Le risorse umane - precisa - ci sarebbero tutte, con un risparmio economico nel tempo e un acquisto in efficienza notevole, che andrebbero e gre gia me nte a ripagare eventuali investimenti infrastruttura li». Poll ice verso, invece, per l'ipotesi di una clinica privata, che «ci ha sempre lasciati perplessi. Per il s e m p l i c e motivo che, purtroppo, la prevenuta e assurda ostilità di certa sinistra che governa il territorio, ha ingiustificat amente umiliato le c a p a c i t à professionali e organizzative del privato». L'invito di Fli sia «al sindaco Roberto Zoffoli che al neo sindaco di Cesenatico, Roberto Buda», è quello di «dare un bell'esempio, per realizzare un doveroso sogno per i propri cittadini». L'intervento di finiani cervesi muove dalla considerazione che «a più riprese l'amministrazione locale ha giustificato la così detta "rimodulazione ospedaliera", senza norme di sicurezza», elencanco progetti come quello sul Pronto soccorso, oppure sulla "Cittadella sanitaria". «Contemporaneamente i cervesi assistevano a un destino ben diverso del vicino Ospedale di Cesenatico - con reparti lasciati in piedi, se non potenziati, e l'aumento delle sale chirurgiche. Per loro l'adeguamento alle leggi del punto di Pronto soccorso, e il mantenimento dei reparti di degenza, perlomeno sotto molti aspetti, hanno trovato risorse e condivisioni politiche». «Oggi le cose stanno mutando - aggiunge la Galigani - e assisteremo a ulteriori tagli. Le motivazioni che hanno portato alle dimissioni del delegato alla Sanità, Elena Alessandrini, sono state un apprezzabile atto di dignità politica, ma crediamo che dimostrino quanto detto in premessa. L'analisi dei costi e dei benefici chiesti all'ausl, non solo di Ravenna, ma a livello Regionale, non ha mai portato ad una risposta chiara e comprensibile per il cittadino. Abbiamo assistito a giochi politici campanilistici o di bottega, che non hanno portato a nessuna razionalizzazione ed efficienza: nessuno ha avuto il coraggio di pensare a un vero e unico polo chirurgico di alto livello a Ravenna, con protocolli complementari ed efficienti post intervento presso gli altri ospedali del territorio. Quanto hanno pesato le carriere personali dei vari primari, per tenere in piedi doppioni su tutto il territorio? Quanto è costata la convenienza politica dei sindaci, legata solo all'immagine del servizio in loco, più che alla qualità e alla efficienza? Quanta spesa in più ha comportato tutto questo, e quali tagli su altri servizi? Il vulnus tutto italiano che l'ente di controllo (l'ausl) sia anche l'ente erogatore, la dice lunga sulla trasparenza». (m.p.) Proposte sui servizi sanitari locali AUSL RAVENNA 8

9 11/07/2011 Corriere di Romagna - Ravenna Pag. 35 L'ONDATA DI CALORE Punte di 36 gradi, ma non è emergenza Accessi al Pronto soccorso nella norma Il picco è previsto fra domani e mercoledì RAVENNA. Bisognerà attendere giovedì o venerdì per tornare a respirare. Solo allora l'arrivo di una perturbazione dalla Francia dovrebbe portare temporali e rinfrescare l'aria, ponendo fine all'ondata di calore che sta attanagliando anche il territorio romagnolo già da qualche giorno. Le temperature sono di 5-6 gradi sopra la norma del periodo, ma ben lontane dal caldo record del 2007: allora il 20 luglio si raggiunsero nell'entroterra i 41 gradi. Le punte più alte, ieri in linea con quelle degli ultimi giorni - si sono registrate nell'entrot erra faentino e lughese, con gradi; nè si è stati meglio sulla costa, dove, nonostante massime inferiori (29-31 gradi), l'a lto tasso di umidità ha fatto percepire l'afa nello stesso modo. Non andrà meglio prima di qualche giorno: il campo di alta pressione di origine nordafricana spiega il meteorologo Pierluigi Randi di Meteoromagna - resterà sulle nostre regioni almeno fino a mercoledì compreso. Anzi, fra domani e mercoledì potrebbe esserci un ulteriore rialzo, con valori fino a gradi nell'e ntroterra e sulla costa. L'ondata di calore non sembra comunque aver avuto un impatto particolarmente negativo dal punto di vista sanitario sulla popolazione: gli accessi al Pronto soccorso, aggiornati al pomeriggio di ieri, sono stati, assicurano dall'ausl, «in linea con le medie abituali: 360 a Ravenna, 90 a Cervia, 103 a Faenza e 135 a Lugo». E' del resto attivo già da giugno il "Piano caldo" rivolto agli anziani e alle altre fasce fragili della popolazione quali minori a rischio e adulti in condizioni di disagio. Sorvegliate speciali le persone già in carico ai servizi socio sanitari, per le quali sono state attivate azioni di monitoraggio che vanno dall'a ccesso domiciliare, effettuato direttamente dagli operatori dei servizi per le situazioni a più alto rischio, al monitoraggio telefonico periodico effettuato da operatori delle associazioni di volontariato. I volontari di protezione civile effettuano poi un "pattugli amento" dei parchi pubblici, in divisa, per intercettare eventuali situazioni di esposizione a rischi da calore. Ci si rinfresca come si può, per difendersi dalla calura africana di questi giorni AUSL RAVENNA 9

10 11/07/2011 La Voce di Romagna - Rimini Pag. 11 (diffusione:30000) Quattro denunce per i manifestanti sotto al Comune Slai-Cobas e Pac pronti a continuare con la vertenza. Da Spartaco solidarietà "Ma il problema casa non è stato risolto" RAVENNA - "Nessuno sgombero può fermare la lotta per il diritto alla casa". Così Slai-Cobas e Pac, attraverso una nota congiunta, hanno criticato lo sgombero dei manifestanti da sotto al Municipio. "Di mattina presto, approfittando del numero esiguo di chi partecipava al presidio - si legge nella nota - le famiglie dei senza casa hanno avuto come risposta uno sgombero da parte delle forze dell'ordine" al termine del quale "si sono prese le impronte digitali in questura" per "manifestazione non autorizzata e resistenza a pubblico ufficiale". Undici giorni di "protesta pacifica non hanno avuto l'interesse per trovare una soluzione da parte dell'amministrazione comunale e dell'asp; nessun politicante di maggioranza od opposizione, nessun sindacato confederale ha sostenuto la loro sacrosanta battaglia di civiltà". E così tutto è stato trasformato in "un problema di ordine pubblico". Però secondo Pac e Cobas "questo presidio ha permesso a un tessuto sociale invisibile con una problematica enorme di emergere dall'oscurità perbenista e borghese ravennate" tanto che "in queste giornate famiglie con le stesse problematiche ci hanno contattati". Per questo Pac e Slai- Cobas "continuano con una vertenza casa poiché l'emergenza abitativa non è stata assolutamente risolta". Solidarietà ai manifestanti è arrivata anche dal centro sociale autogestito "Spartaco" che in una nota ha definito l'atteggiamento del Comune "ipocrita" per avere "cercato di minimizzare il problema". Un richiamo anche alla Chiesa che "continua ad accumulare immobili, lasciandoli spesso disabitati". Sgomberato dalle forze dell'ordine il presidio non autorizzato AUSL RAVENNA 10

11 11/07/2011 La Voce di Romagna - Rimini Pag. 11 (diffusione:30000) Da 11 giorni protestavano senza autorizzazione per avere un alloggio popolare Sgomberato il presidio RAVENNA - Da undici giorni avevano creato un presidio non autorizzato con tanto di tende sotto al Municipio per protestare per il mancato assegnamento di un alloggio popolare. Una situazione che aveva creato non pochi momenti di tensione e che aveva costretto le forze dell'ordine a intervenire più volte, soprattutto in occasione di matrimoni, per garantire che non si arrivasse a degenerazioni. Ieri mattina sono stati tutti sgomberati da Digos, carabinieri e polizia Municipale. Si tratta di alcune di famiglie italiane senza casa per un totale di una decina di persone alle quali nei giorni scorsi era arrivata la solidarietà degli Slai-Cobas e della formazione politica locale "Pac". Quattro di loro, portati in questura per l'identificazione, sono stati denunciati a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale e per avere promosso una manifestazione non autorizzata. Tutto il materiale di protesta - tra cui cartelloni e lenzuola bianche con scritte vergate con vernice spray - è stato sequestrato. L'amministrazione comunale a suo tempo in una nota aveva precisato di avere dato adeguata assistenza. E - riferendosi a un caso in particolare - di avere offerto proposte, tutte puntualmente rifiutate. "I partecipanti al presidio di protesta - era stato riferito - sono persone in carico ai servizi sociali da diverso tempo. Tra queste, una famiglia composta da padre, madre e una bimba di pochi mesi ospitata a lungo in alloggi di emergenza abitativa dell'asp, poi assegnataria di alloggio popolare da cui sfrattata per morosità". E proprio nella prima mattinata di protesta, quella di giovedì 30 giugno, era stato loro proposto "un ulteriore percorso di aiuto" per il "raggiungimento dell'autonomia". Nel corso degli anni "questa famiglia ha goduto di molteplici e continuativi aiuti economici senza che sia seguita da parte loro l'elaborazione di un sufficiente progetto di vita. Oltre e nonostante gli aiuti che i servizi hanno loro proposto ed erogato" tipo "contributo maternità e ospitalità gratuita dallo scorso aprile al capofamiglia, alla compagna e alla loro bimba, la coppia non si è dimostrata sufficientemente autonoma". AUSL RAVENNA 11

12 11/07/2011 Corriere Economia - N Luglio 2011 Pag. 7 Il caso della City Insurance e le polizze sanitarie a Rimini e Ravenna La strana compagnia di Bucarest S. RIG. I l settore è ad alto rischio. Infatti i big italiani delle polizze stanno accuratamente lontani della Responsabilità civile in ambito sanitario. La causa prima è la malasanità che accresce il livello di litigiosità tra pazienti e personale medico, la cosiddetta medical malpractice. Ma l'esigenza di copertura è reale, per i professionisti della medicina e per le strutture sanitarie. Solo che il disinteresse di alcuni - anche per la mancanza di una sinistrosità storica dimostrabile - rischia di compromettere l'elemento base del mondo delle assicurazioni: la fiducia. Così accade che all'azienda sanitaria locale di Rimini - in nome e per conto anche dell'ausl di Ravenna, facenti parte dell'«area Vasta Romagna» - risulti vincitrice di un lotto dei servizi assicurativi (assicurazione aziendale Rct/o primo rischio) la compagnia City Insurance, come risulta dalla determinazione n 353 del 28 marzo scorso della medesima azienda sanitaria. In pratica dal 15 maggio scorso a tutto il 2014 l'importante polizza di responsabilità civile per i danni subiti dai pazienti per «malasanità» è affidata a questa società assicuratrice. A fronte di un nome anglosassone, City Insurance è una compagnia rumena, con sede in via Lisabona 8, Bucarest, come risulta dal sito consultabile anche in lingua italiana (http://www.cityinsurance.ro/it/ informatii_societate). Dal medesimo sito risultano anche altri aspetti che possono interessare gli assicurati italiani: il capitale sociale è aggiornato al 2008 e risulta composto di 13,77 milioni di Leu rumeni, pari a circa 3,28 milioni di euro secondo il cambio calcolato alla fine della scorsa settimana. Inoltre, si possono trovare quattro documenti autorizzativi, due della Autorithy rumena, due dell'isvap che si sostiene essere firmati dal presidente Giancarlo Giannini in data 12 gennaio 2008 (un sabato) e l'altro nella settimana di Ferragosto, esattamente il 12 agosto 2008, entrambi su carta semplice e non intestata. Sempre dal sito di City Insurance - da dove risulta possibile assicurarsi on line per una serie di rischi - si fa riferimento poi alle specializzazioni nella sezione prodotti e servizi. Eccole: Assicurazioni viaggi, Infortuni e malattia, Proprietà e beni, Crediti, Cauzioni, Soluzioni per le imprese, Responsabilità civile. Nulla riferito all'ambito sanitario, neppure nel settore Responsabilità civile, scritto peraltro in un italiano incerto. Ma soprattutto preoccupa che nel sito dell'isvap (www.isvap.it), nella sezione Imprese e intermediari, sottosezione Albo delle imprese, tra le oltre mille compagnie autorizzate, di City Insurance non ci sia traccia. RIPRODUZIONE RISERVATA AUSL RAVENNA 12

13 11/07/2011 Dolce Attesa - N.98 - Luglio 2011 Pag. 16 (diffusione:60000, tiratura:100000) SALUTE Riprovarci di nuovo L'aborto spontaneo è un'esperienza dolorosa, ma si tratta spesso di un evento isolato, che non pregiudica la possibilità di avere un bebé Servizio di FRANCESCA MASCHERONI A volte capita, purtroppo, che la gravidanza termini improvvisamente. L'aborto spontaneo è infatti un problema frequente, che riguarda una donna su quattro. "Si interrompe circa il 20% delle gravidanze, generalmente nelle prime settimane di gestazione", conferma Enzo Esposito, ginecologo dell'ospedale di Lugo (Ravenna). "Per fortuna, le situazioni in cui l'aborto si ripete sono invece decisamente più rare: l'incidenza è del 2% quando le interruzioni sono due, dello 0,5-1% quando sono tre o più. In questo caso si parla di malattia abortiva o poliabortività, una condizione che merita approfondimenti diagnostici specialistici". In ogni caso, non appena ci si riprende dal triste evento, tìsicamente e psicologicamente, tentare un nuovo concepimento si può. Tante le cause possibili Specie quando l'aborto è stato occasionale, spesso non si riesce a trovare la causa che può averlo scatenato. Diventa invece importante identificarla quando l'attesa si interrompe di nuovo. "In circa la metà degli aborti al primo trimestre di gestazione, la causa è di tipo genetico, ovvero entrano in gioco alterazioni cromosomiche nella formazione dell'embrione, e in stretta correlazione con l'età della futura mamma: la percentuale degli aborti spontanei che si registra nelle donne oltre i 40 anni è del 50%, e tra questi il 7080% è su base cromosomica", spiega Valentina Pontello, ginecologa a Firenze e consulente dell'associazione CiaoLapo onlus, che si occupa della tutela della gravidanza a rischio e della salute perinatale. "Tra le altre cause, ci possono essere alterazioni dell'utero che ne modificano la struttura e ostacolano l'impianto dell'embrione (per esempio, un mioma sottomucoso), malattie ormonali (come alterazioni tiroidee non trattate correttamente), malattie del sistema immunitario e situazioni in cui il sangue coagula troppo (con rischio di trombofilia)". Aspettare il momento giusto "Diciamo subito la cosa più importante: un singolo aborto si considera di solito un episodio a sé, senza significato patologico e non pregiudica assolutamente la possibilità di avere future gravidanze regolari", rassicura Enzo Esposito. Ma è possibile cercare subito un nuovo concepimento o conviene aspettare un po'? E come regolarsi se c'è stato un raschiamento? "In teoria, la fertilità si ripristina immediatamente. Il consiglio, tuttavia, è fare trascorrere almeno due cicli mestruali", suggerisce Velentina Pontello. "In questo modo si da il tempo all'endometrio, il rivestimento delle pareti uterine che accoglie e nutre l'ovulo fecondato, di ricostituirsi. Questo vale a maggior ragione se c'è stato un intervento sull'utero, come il raschiamento, a seguito del quale potrebbero essere ancora presenti fattori inflammatori che rischiano di ostacolare la nuova gravidanza". Da tenere presente è anche l'aspetto psicologico: un aborto è una perdita a tutti gli effetti. "Elaborare il lutto è fondamentale, prima di cercare di nuovo un figlio", spiega Enzo Esposito. "Spesso, una simile esperienza lascia dentro un senso di colpa, come se ciò che è successo fosse dipeso da una propria responsabilità. È bene che la donna esprima le proprie ansie, le proprie paure, parlandone con il compagno e, possibilmente, anche con il ginecologo, un'ostetrica o una psicoioga. Il momento migliore per intraprendere un'altra gravidanza è quando la coppia si sente pronta, non solo tìsicamente ma anche emotivamente". Quando sottoporsi ai controlli Prima del concepimento è comunque consigliabile sottoporsi a degli esami? "Se l'aborto è avvenuto nelle prime settimane di gestazione e, come già detto, si è trattato di un caso isolato, dal punto di vista medico non si ritiene necessario fare ulteriori accertamenti", dice Valentina Pontello. "In caso di aborti ricorrenti, e soprattutto dopo il terzo episodio, è bene invece effettuarli, preferibilmente in un centro specializzato in gravidanze a rischio". In che cosa consistono questi controlli? "Non c'è un accordo unanime su questo punto, così come su quali esami debbano essere esenti da ticket e quali no, molto dipende dalle singole Asl", spiega l'esperta. "In linea di massima, oltre all'ecografia pelvica per escludere anomalie uterine, esami di base sono quelli che identificano il cariotipo dei genitori (un semplice prelievo del sangue per confermare la normalità del corredo cromosomico) e quelli che valutano eventuali alterazioni metaboliche, ormonali e immunitarie AUSL RAVENNA 13

14 11/07/2011 Dolce Attesa - N.98 - Luglio 2011 Pag. 16 (diffusione:60000, tiratura:100000) (diabete, ipotiroidismo, condizioni di trombofilia). Talvolta viene ritenuto utile anche esaminare il cariotipo del materiale abortivo: per questo, al momento del raschiamento, una parte del materiale viene raccolta e sottoposta ad esame citogenetico. Infine, altri accertamenti saranno richiesti dal ginecologo a seconda della situazione e della storia personale della paziente". Lo stile di vita è importante C'è qualcosa che la donna può fare per prepararsi alla nuova gravidanza, per esempio assumere integratori? "Potrebbe essere utile l'assunzione di acido folico, che svolge un effetto protettivo verso alcune malformazioni, come i difetti del tubo neurale (spina bifida)", dice Valentina Pontello. "Recentemente, si sta diffondendo anche l'utilizzo di inositolo, un'altra vitamina che migliora la qualità dell'ovulazione e aiuta dal punto di vista della fertilità. Entrambe queste supplementazioni vanno però assunte solo su indicazione del medico. Ma la cosa migliore è prendersi cura di sé: seguire un'alimentazione sana, svolgere esercizio fisico costante e regolare e cercare di raggiungere un buon equilibrio psicologico per intraprendere la nuova gravidanza nel modo più sereno possibile", conclude l'esperta. Consulenza di Enzo Esposito, ginecologo dell'ospedale di Lugo (Ravenna) e di Valentina Pontello, ginecologa, consulente dell'associazione CiaoLapo onlus SE SUCCEDE a gravidanza avanzata Un discorso a parte riguarda le perdite tardive, che si realizzano cioè dopo le settimane, in un momento in cui la futura mamma si sente ormai "al sicuro" rispetto al rischio di aborto spontaneo. In questo periodo, la percentuale delle perdite fetali oscilla fra il 3 e il 5 per mille. "Si tratta di un evento che deve essere considerato sempre con estrema attenzione", osserva la ginecologa Valentina Pontello. "Le valutazioni da eseguire, da parte di un team ostetrico esperto del settore, comprendono, oltre agli accertamenti sulla salute materna, anche quelli sulla placenta, considerata un po' la 'scatola nera' della gravidanza, e quelli sul feto. Dare il consenso a quest'ultimo esame è molto doloroso, ma cercare di capire che cosa è successo è fondamentale per evitare che accada di nuovo", aggiunge l'esperta. "Ma, soprattutto, in questi casi, l'impatto psicologico è devastante. Il consiglio è cercare aiuto, appoggiandosi a persone o a strutture esperte, come l'associazione CiaoLapo onlus, che raccoglie medici, psicologi e genitori allo scopo di offrire un sostegno professionale e strutturato a chi si trova a vivere questa drammatica esperienza". Per saperne di più: Foto: Solo in caso di aborti ricorrenti è opportuno rivolgersi a un centro specializzato in gravidanze a rischio ed eseguire una serie di accertamenti AUSL RAVENNA 14

15 AREA VASTA E REGIONE 1 articolo

16 11/07/2011 La Voce di Romagna - Rimini Pag. 9 (diffusione:30000) Sistema idrico integrato Un incontro dell'idv Dibattito sulla Sanità alla Festa del Pd Gita risorgimentale con Amphora Sulla curva in via Roma lo scooterone si è scontrato con un'auto Fiat Panda 4x4 FORLI' - Per il ciclo di itinerari serali a cura di Amphora «Passeggiate nel Risorgimento», stasera alle 20,45 "Pompeo Randi e la pittura di storia nell'italia unita". Ritrovo: ex Palazzo della Provincia (via delle Torri). L'itinerario si svolge tra gli interni pubblici ed ecclesiastici decorati dal noto artista forlivese. Il percorso terminerà al Duomo, dove si terrà un concerto di Alberto Salimbeni e Daniele Sabatani. FORLI' - Stasera alle 21 per la Festa Nazionale Forum Nuovi Linguaggi e Nuove Culture in piazza Berlinguer al Ronco, dibattito dal titolo «Una nuova cultura della Sanità». Al confronto partecipano: Carlo Lusenti (nella foto), assessore alla Sanità Regione Emilia-Romagna, Guglielmo Russo, vicepresidente Provincia Forlì-Cesena e Paolo Fontanelli, responsabile Sanità Pd nazionale. FORLI' - L'Italia dei Valori organizza stasera alle 21 nella sala in via Francesco Nullo, un dibattito aperto alla cittadinanza dal titolo: «Il futuro dell'acqua dopo il referendum». Relatori il segretario provinciale Idv Tommaso Montebello e la vice preside di Unica Reti Roberta Coliola, si confronteranno col pubblico sugli scenari futuri della gestione del sistema idrico integrato dopo il successo referendario. AREA VASTA E REGIONE 16

17 SANITÀ NAZIONALE 15 articoli

18 11/07/2011 Corriere della Sera - Roma Pag. 5 (diffusione:619980, tiratura:779916) Sanità Scelto nel San Filippo Neri il nuovo direttore del reparto Campanella in Cardiochirurgia tra bisturi e cellule staminali Un nuovo direttore per la Cardiochirurgia del San Filippo Neri. Dopo un avviso pubblico cui hanno risposto molti specialisti italiani e stranieri, la scelta della direzione generale dell'ospedale, guidato da Domenico Alessio, è caduta sul professor Ciro Campanella, un professionista di grande esperienza internazionale che si è formato alla scuola di Christian Barnard, il primo che effettuò un trapianto di cuore nell'università di Città del Capo in Sudafrica. Campanella è stato tra l'altro primario al Wentwoth - Università di Natal a Durban, sempre in Sudafrica, e dal 1985 ha diretto anche la Cardiochirurgia della Royal Infirmary di Edimburgo. Il nuovo primario prenderà servizio nel San Filippo Neri tra circa un mese. Oltre che della Cardiochirurgia tradizionale, Campanella si occuperà anche di chirurgia mininvasiva su valvola mitralica, aortica, su arterie coronarie e di assistenza meccanica ventricolare. A sua disposizione Campanella avrà anche una particolare e recente innovazione di cui è dotato il San Filippo Neri: il programma di rivascolarizzazione miocardica indiretta mediante l'utilizzo del laser e delle cellule staminali. «Ritengo che la scelta di Campanella sia la più adeguata per un significativo rilancio dell'ospedale - commenta il direttore generale del San Filippo Neri, Domenico Alessio - che è un importante centro di riferimento per le patologie cardiovascolari a livello nazionale. Un progetto realizzato grazie al sostegno della presidente della Regione, Renata Polverini». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Cuore Il professor Ciro Campanella SANITÀ NAZIONALE 18

19 11/07/2011 Corriere della Sera - Milano Pag. 10 (diffusione:619980, tiratura:779916) Fatebenefratelli L'associazione Uman.a e il suo hospice, attivo da otto anni all'ultimo piano dell'ospedale «La nostra sfida, regalare qualche ora di serenità» Giacomo Valtolina «Una volta, i malati scoprivano che la loro situazione era ormai irreversibile solo con l'arrivo a domicilio dei volontari che dovevano accompagnarli in ospedale. E questo veniva percepito quasi come la chiamata delle pompe funebri. Oggi, invece, è nata una rete cittadina (Rhm) di strutture dedicate all'ospitalità dei malati terminali sul modello pubblico inglese. Ma il nostro hospice è l'unico di Milano che ha cercato di ricreare un ambiente casalingo, capace di far sentire il calore di un'abitazione privata ai pazienti alle prese con gli ultimi giorni della loro vita». Così, Joanna Landi, ex architetto e volontaria dell'associazione Progetto oncologia Uman.a fin dai primi anni Novanta, racconta la nascita dell'hospice Casa Claudia Galli - il primo realizzato in una struttura pubblica - avvenuta nel 2003 dopo la ristrutturazione dell'ultimo piano dell'oftalmico del Fatebenefratelli al civico 15 di via Castelfidardo. Otto camere numerate con targhette provenzali, abbaino, mobili in legno, poltrone, divani letto per i parenti, cucina e televisore accolgono ogni paziente. «Ho messo a disposizione le mie competenze di architetto - spiega Landi - per cercare d'indirizzare i lavori di ristrutturazione ma soprattutto per evitare una situazione di disagio a chi cerca di concludere l'esistenza in tranquillità». Progetto oncologia Uman.a è stato fondato nel 1991 da Alberto Scanni, oggi presidente emerito del Fatebenefratelli. L'hospice è stato aperto grazie a una serie di donazioni per 2 miliardi di lire. Il budget medio annuale è di circa 100 mila euro. Tra le attività, accoglienza, cura degli ambienti, opuscoli informativi, borse di studio per medici e infermieri e corsi di formazione per volontari. La lista di attesa per l'hospice è di circa dieci giorni: «Stare in corsia, tra gli altri pazienti - testimonia Gabriella P., moglie di un malato colpito da un tumore all'esofago - era una tortura: ora sia io sia lui stiamo molto meglio. Devo dire grazie a tutti, a partire dalla responsabile del reparto Cristina Mantica». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Ospitalità Le stanze dell'hospice Casa Claudia Galli riservate ai malati terminali. Nel tondo, la volontaria di Uman.a Joanna Landi SANITÀ NAZIONALE 19

20 11/07/2011 Corriere della Sera - Milano Pag. 3 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'analisi Entro il 2015 in Lombardia rischiano di restare scoperti posti Camici bianchi, 164 matricole in più «Per gli ospedali non basteranno» Simona Ravizza Il tempo stringe, i pensionamenti incombono: entro il è il refrain del Pirellone - mancheranno in Lombardia medici. Eppure. Per risolvere il problema anche l'anno accademico sembra ormai perso. Il decreto firmato il 5 luglio dai ministri Ferruccio Fazio (Salute) e Mariastella Gelmini (Università e Ricerca) fa aumentare le matricole di Medicina a Milano del 10%: 60 in più contro Troppo poche, di certo, per tamponare l'emergenza medici ormai alle porte degli ospedali. Lo stesso vale per il resto della Lombardia: complessivamente i posti messi a disposizione dai test di ammissione in Medicina sono contro i dell'anno scorso, appena 164 in più (discorso a parte vale per la Cattolica che ruota, però, principalmente su Roma). Il preside di Medicina della Statale, Ferruccio Virgilio Ferrario, è anche il portavoce delle altre cinque facoltà mediche lombarde (Milano Bicocca, San Raffaele, Brescia, Pavia, Varese Insubria): «Il numero di matricole dev'essere stabilito sulla base di una reale programmazione delle esigenze sanitarie locali - ripete da anni -. Un calcolo che va eseguito a livello regionale senza nessuna centralizzazione da parte di Roma. Purtroppo non s'intravvedono soluzioni all'orizzonte, tanto meno quelle risorse economiche necessarie ad allestire aule per i nuovi studenti». Non finisce qui. Gli ingressi troppo limitati a Medicina sono il punto di partenza di un problema ancora più grave: per salvare le corsie d'ospedale - dove il saldo tra chi entra e chi esce sarà a breve negativo - servono più contratti post laurea per le specializzazioni (come chirurgia, geriatria, ginecologia, pediatria, radiologia, ortopedia, cardiologia, anestesia e rianimazione, medicina interna). E invece: anche in questo caso, la decisione dello scorso marzo del ministero dell'università ha bloccato le borse di studio a 750 l'anno. Sono almeno 500 in meno rispetto ai fabbisogni dichiarati dagli ospedali. Il Pirellone ne mette a disposizione altre 100 (per un totale di cinque milioni di euro): ma il gap tra le necessità delle corsie e i nuovi camici bianchi in arrivo resta profondo. Già lo scorso aprile il governatore Roberto Formigoni ha lanciato l'allarme e ha attivato un tavolo tecnico con gli atenei. L'assessore alla Sanità, Luciano Bresciani, ha chiesto l'abolizione del numero chiuso e sta studiando una proposta di legge: l'obiettivo è di far diventare la Lombardia un laboratorio sperimentale per aumentare con finanziamenti privati il numero dei possibili ammessi nei corsi di laurea. Mosse importanti che, però, al momento sembrano scontrarsi con le decisioni del ministero dell'università. I test d'ingresso in Medicina sono fissati per il 5 settembre: e i posti sono un'altra volta inferiori alle aspettative. RIPRODUZIONE RISERVATA SANITÀ NAZIONALE 20

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi

Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi Venerdì 27 febbraio 2015 (0) Il campione Ivan Basso a Stezzano La sua bici per l ospedale dei bimbi Lunedì 2 marzo a partire dalle 15,30 il ciclista Ivan Basso, oggi corridore per il team Tinko!- Saxo,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Verifica dei Risultati 2012

Verifica dei Risultati 2012 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE CASTELLARANO Verifica dei Risultati 2012 e Piano Annuale Attività 2013 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N. 58 42014 CASTELLARANO (RE) Partita

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli