Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)"

Transcript

1 1/43 LIFE06/ENV/IT/ A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The A.S.A.P. project is partially funded by the European Union LIFE Programme Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero Actions for Systemic Aquifer Protection - Implementation and demonstration of a Protocol to scale down groundwater vulnerability to pollution due to overexploitation (Rev. 2c) Type of document: Rapporto di valutazione Deliverable n : D5.4 Author(s): Acque Ingegneria URI: Provincia di Pisa

2 2/43 Questa pagina è intenzionalmente lasciata bianca

3 3/43 Ringraziamenti Questo report è il risultato del lavoro del Team del Progetto A.S.A.P.. Si ringrazia del supporto il dott. Geol. Rudy Rossetto (Scuola Superiore S.Anna, Pisa) Grazie infine a tutti coloro che hanno offerto il loro sostegno nel difficile compito di analizzare ogni questione e con pazienza ne hanno discusso. Ing. Oberdan Cei Project manager

4 4/43 Sommario 1==>Rapporto di valutazione: l'effetto di A.S.A.P. sul livello, la qualità e sulla vulnerabilità dell'acquifero ==>Obiettivi ==>Ambito ==>Esecuzione e Responsabilità...6 2==>Introduzione ==>Documentazione utilizzata...7 3==>Caratterizzazione dell area di analisi ==>Modello concettuale idrogeologico...9 4==>Modello numerico del flusso ==>Implementazione del modello numerico ==>Il codice alle differenze finite MODFLOW ==>Dominio di studio ==>Parametri idrodinamici e condizioni al contorno ==>La validazione di un modello numerico ==>Obiettivi della calibrazione e data set utilizzato ==>Analisi di sensibilità ==>Calibrazione del modello ==>Metodologia ==>Il modello in stato transitorio ==>Applicazione del modello numerico del flusso ==>Simulazioni predittive ==>Caratteristiche chimiche delle acque ==>Considerazioni conclusive ==>Bibliografia ==>Indici ==>Allegati...46

5 5/43 Scopo di questo documento Il principale scopo del documento è quello valutare gli effetti di A.S.A.P. sull andamento del campo di moto del sistema idrogeologico della pianura di Bientina e delle Cerbaie per mezzo della modellistica numerica idrogeologica. Per quanto concerne la qualità delle acque si rimanda in parte al Report Finale, fornendo in questo report alcuni primi dati. Avvertenze 1. Gli autori di questo documento hanno cercato fin dove possibile di utilizzare un linguaggio comprensibile a lettori di diverse provenienze e utilizzatori con diverse finalità, evitando fin dove possibile l'uso di termini specialistici o settoriali.

6 6/43 1==>RAPPORTO DI VALUTAZIONE: L'EFFETTO DI A.S.A.P. SUL LIVELLO, LA QUALITÀ E SULLA VULNERABILITÀ DELL'ACQUIFERO Questo rapporto è uno dei deliverabie previsti dal Progetto A.S.A.P. incentrato sull'acquifero di Bientina (Pisa, IT).In particolare il Rapporto di valutazione: l'effetto di A.S.A.P. Sul livello, la qualità e sulla vulnerabilità dell'acquifero. è in relazione alla Task 5.- Valutazione e validazione del Protocollo A.S.A.P.. 1.1==>OBIETTIVI L'obiettivo di questo rapporto è quello valutare gli effetti di A.S.A.P. sull andamento del campo di moto del sistema idrogeologico della pianura di Bientina e delle Cerbaie per mezzo della modellistica numerica idrogeologica. Tale metodologia si configura come un utile strumento nei processi decisionali, nella valutazione della disponibilità della risorsa idrica e degli impatti collegati ai prelievi antropici sul campo di moto delle acque sotterranee. Per quanto concerne la qualità delle acque si rimanda in parte al Report Finale, fornendo in questo report alcuni primi dati. 1.2==>AMBITO L'ambito del rapporto riguarda l'intero acquifero del Bientina. La zona di pertinenza alla quale si riferisce il presente Report coincide con l'area A.S.A.P. sulla quale si incentra il progetto e comprende il distretto idrico di Pontedera (Pisa, IT) e i Comuni di Santa Maria a Monte, Calcinaia, San Miniato, Pontedera (escluse aree metropolitane), Castelfranco, Bientina, Vicopisano, Santa Croce sull'arno (escluse aree metropolitane), Cascina. 1.3==>ESECUZIONE E RESPONSABILITÀ Acque Ingegneria (ACQING) è responsabile della stesura del report e dell'analisi.

7 7/43 2==>INTRODUZIONE Il presente rapporto di valutazione intende innanzitutto investigare attraverso l utilizzo di un modello numerico del flusso l andamento del campo di moto delle acque sotterranee e valutare l effetto delle azioni intraprese durante lo svolgimento del Progetto A.S.A.P. sullo stato del sistema idrogeologico sfruttato a scopo idropotabile della pianura di Bientina e delle Cerbaie. A questo scopo è stato implementato un modello numerico del flusso utilizzando il codice alle differenze finite MODFLOW-2000 (Harbaugh et al., 2000) utilizzando l interfaccia grafica GroundWater Vistas v. (ESI, 2006). L implementazione di un modello numerico si articola in numerose fasi di lavoro. Queste hanno inizio con la definizione del modello concettuale idrogeologico attraverso il quale si identificano le unità idrogeologiche che si andranno a rappresentare e lo schema di funzionamento del sistema naturale. In sintesi sono state svolte le seguenti attività: caratterizzazione e concettualizzazione del sistema idrogeologico oggetto del modello numerico; revisione, archiviazione e compilazione in ambiente GIS dei dati disponibili per l effettuazione della valutazione; ricostruzione della geometria del dominio investigato mediante interpolatori deterministici e stocastici; scelta del codice con cui effettuare le simulazioni; implementazione del modello numerico: definizione del dominio del modello e sua discretizzazione, parametrizzazione idrodinamica, assegnazione delle condizioni al contorno e iniziali; effettuazione delle simulazioni in stato stazionario: calibrazione del modello secondo gli obiettivi predefiniti; effettuazione delle simulazioni in stato transitorio: calibrazione del modello secondo gli obiettivi predefiniti; effettuazione delle simulazioni per la valutazione degli effetti del Progetto A.S.A.P. sull andamento del campo di moto delle acque sotterranee in prossimità del campo pozzi delle Cerbaie. 2.1==>DOCUMENTAZIONE UTILIZZATA Per l implementazione del modello numerico in oggetto sono stati utilizzati dati provenienti da più fonti (oltre che dai dati dei partner di progetto). In particolare sono state utilizzate: le banche dati del Servizio Idrologico Regionale per quanto riguarda i dati meteo-climatici; le banche dati della Regione Toscana, del SIRA, della Provincia di Pisa, della Provincia di Lucca, di Acque Ingegneria e varie pubblicazioni edite ed inedite per la ricostruzione del modello concettuale del dominio di studio; le banche dati di Acque Ingegneria per quanto riguarda l ubicazione dei pozzi idropotabili e le portate da essi emunte su base mensile; le banche dati dell Autorità di Bacino del Fiume Serchio, del Fiume Serchio e di Acque Ingegneria per i dati piezometrici monitorati a partire dal dicembre 2002; le banche dati della Provincia di Lucca, Provincia di Pisa e di Acque Ingegneria per l acquisizione dei dati riguardanti i parametri idrodinamici delle unità idrostratigrafiche;

8 8/43 osservazioni di campagna appositamente effettuate allo scopo del presente report

9 9/43 3==>CARATTERIZZAZIONE DELL AREA DI ANALISI Dal punto di vista idrogeologico il dominio investigato, come noto, è quello relativo all'area che comprende la parte terminale della pianura di Lucca, la pianura di Bientina, ed i rilievi delle Cerbaie. Esso è limitato a Nord dalla pianura di Lucca e dalle Pizzorne, ad Nord-Est dalla pianura del sistema Pescia-NievoleFucecchio e dalla zona del Valdarno inferiore compresa tra Santa Croce e Pontedera, a Sud dalla pianura alluvionale dell Arno e dalle Colline Pisane, mentre ad Ovest dai rilievi del Monte Pisano. Fig. 3.1: Assetto idrogeologico della Valle di Bientina (da Baldacci et al., 1994) 3.1==>MODELLO CONCETTUALE IDROGEOLOGICO La costruzione del modello concettuale prevede la schematizzazione del sistema idrogeologico si da rappresentare in modo semplificato, ma efficace il sistema naturale di deflusso delle acque sotterranee. Al fine della definizione del modello concettuale idrogeologico oltre a quanto riportato in letteratura, si sono analizzate le stratigrafie di pozzi e sondaggi disponibili, presenti nelle banche dati citate.

10 ASAP LIFE06/ENV/IT/ ASAP_D5.4_EffettoASAPsuAcquifero_2c 10/43 Fig. 3.2: Carta delle stratigrafie utilizzate e dei punti di cui si dispone dei parametri idrodinamici stimati da prove - The ASAP Partnership -

11 11/43 E stata inizialmente tentata la ricostruzione delle superfici limite dei diversi corpi sopra individuati e sopra discussi, ma l estrema eterogeneità nella distribuzione dei sedimenti (dovuta all alternanza delle fasi deposizionali ed erosive unitamente all attività tettonica) e la spesso cattiva qualità dei dati di sottosuolo a disposizione non permettono di individuare chiaramente il passaggio tra le varie unità stratigrafiche, se non commettendo importanti approssimazioni nell interpretazione della geometria del sottosuolo. Si è quindi scelto di definire un modello concettuale idrogeologico di base in cui potessero essere individuate unità idrostratigrafiche chiaramente riconoscibili ed identificabili. Esso è schematicamente illustrato dalla sezione di Figura 3.3, che, dall alto verso il basso stratigrafico, comprende: una unità idrostratigrafica superficiale costituita dai depositi alluvionali della parte terminale della pianura di Lucca e della pianura di Bientina a bassa conducibilità idraulica; l Unità delle Cerbaie, che definisce una singola unità idrostratigrafica esclusivamente nella parte relativa ai rilievi delle Cerbaie a conducibilità idraulica medio-bassa; relativamente al sottosuolo della pianura di Bientina, una unità idrostratigrafica costituita dal Conglomerato del Serchio e dall Unità delle Cerbaie, con proprietà idrodinamiche intermedie tra le due, e comunque con conducibilità idraulica medio-alta. A questa unità è inoltre riferibile la porzione dell acquifero della pianura di Lucca al limite Nord del dominio di studio; una unità basale costituita dai depositi a granulometria fine, sabbiosi ed in parte sabbioso-ghiaiosi e limosi, riferibile ai depositi del Pliocene MedioSuperiore ed alla parte basale del Pleistocene, a conducibilità idraulica medio-alta.

12 ASAP LIFE06/ENV/IT/ ASAP_D5.4_EffettoASAPsuAcquifero_2c 12/43 Fig. 3.3: Sezione geologica AA' - The ASAP Partnership -

13 13/43 L alimentazione del sistema idrogeologico di Bientina e delle Cerbaie, aldilà della ricarica meteorica diretta, è complessa e prevede molteplici modalità di ricarica. Ad oggi i contributi chiaramente noti sono quelli legati al deflusso in ingresso della falda della pianura di Lucca a Nord e della ricarica dai Monti Pisani attraverso gli apparati di conoide ad Est. Da chiarire sono invece i rapporti tra il sistema idrogeologico e la pianura alluvionale dell Arno - Colline Pisane a Sud ed il dominio che si estende tra il sistema Pescia-Nievole-Fucecchio ed il Valdarno inferiore. Per il primo è possibile ipotizzare un limite a flusso nullo o una ricarica attraverso i depositi del Pliocene che si immergono dalle colline pisane sotto la pianura alluvionale dell Arno, mentre circa il secondo l assetto stratigraficostrutturale porterebbe ad ipotizzare una ricarica legata all acquifero presente nei depositi pliocenici o al limite ancora un flusso nullo legato alla presenza dei lineamenti tettonici al limite Est del rilievo delle Cerbaie. Per quanto riguarda invece l acquifero della pianura di Bientina Baldacci et al. (1994) e in seguito in CNR (2006) evidenziano i principali contributi al sistema rispettivamente sulla base di considerazioni idrogeologiche e delle caratteristiche idrogeochimiche delle acque sotterranee. Essi sono: un contributo in uscita dal sistema idrogeologico della pianura di Lucca, contributo legato agli emungimenti idropotabili ed industriali che avvengono tra Capannori, Porcari ed Altopascio; la ricarica legata agli apporti sotterranei provenienti dall acquifero delle Cerbaie; l infiltrazione diretta delle precipitazioni meteoriche, comunque legata alla generalmente bassa permeabilità dei depositi superficiali che affiorano nella pianura (Nardi et al., 1987); la limitata ricarica sub alveare dei corsi d acqua che attraversano il dominio di studio, prevalentemente nelle aree di conoide sia dai Monti Pisani sia dai rilievi delle Cerbaie. E da porre inoltre l attenzione sul fatto che in CNR (2006), sulla base del rapporto tra il contenuto in SO4 e Cl delle acque sotterranee prelevate ai campi pozzi delle Cerbaie, si ipotizza una miscelazione degli apporti sotterranei provenienti da Est con una limitata risalita di fluidi termali tipo quelli di San Giuliano Terme e Uliveto.

14 14/43 4==>MODELLO NUMERICO DEL FLUSSO In questo rapporto è stato utilizzato un approccio di tipo deterministico per valutare attraverso simulazioni numeriche gli effetti sulle acque sotterranee delle azioni intraprese grazie al Progetto A.S.A.P.. E stato quindi sviluppato un modello numerico del flusso in stato transitorio applicando il codice di calcolo MODFLOW-2000 (Harbaugh et al., 2000). Tale codice è basato su di un approccio alle differenze finite per approssimare le soluzioni delle equazioni alle differenze parziali nelle tre dimensioni che governano il flusso delle acque sotterranee. La soluzione dell equazione del flusso nello stato transitorio, ovvero per il carico idraulico che varia nel tempo. In un mezzo anisotropo, con le componenti dei principali assi di anisotropia disposte lungo gli assi di riferimento cartesiani è data da: La derivazione dell equazione generale per il flusso in un mezzo saturo è presentata in numerosi testi, come ad esempio in Bear e Verruijt (1987), ed è formulata applicando l equazione di conservazione della massa ad un volume rappresentativo dell acquifero situato nel campo di flusso. Le equazioni alle differenze parziali che descrivono il sistema idrogeologico sono di difficile soluzione per mezzo di metodi analitici, conseguentemente si utilizzano metodi numerici. L interfaccia utilizzata per il pre-processing, il processing e il post-processing è GroundWater Vistas v. 6 (ESI, 2006). La fase di implementazione del modello numerico si è svolta secondo le seguenti fasi: definizione del dominio del modello; definizione della geometria del sistema idrogeologico investigato; discretizzazione orizzontale e verticale del dominio di studio; implementazione dei parametri idrodinamici; implementazione delle condizioni al contorno; implementazione delle condizioni iniziali; calibrazione del modello in stato stazionario e transitorio. 4.1==>IMPLEMENTAZIONE DEL MODELLO NUMERICO L implementazione del modello numerico del flusso, insieme alla preparazione dei dati di ingresso ed alla successiva calibrazione, è una delle fasi che più hanno bisogno di tempo per essere portate a termine nell intero processo di modellazione. Una volta preparati tutti i file necessari all implementazione, si sono infatti prodotti una serie di modelli, salvati ciascuno in una propria directory, partendo da una versione semplificata del sistema in studio e incrementando la complessità della rappresentazione con l acquisizione di successivi risultati robusti. I dati utilizzati per l implementazione del modello in stato stazionario sono relativi al 2002, mentre lo stato transitorio s.s. è simulato dal gennaio 2003 fino alla fine di marzo 2008.

15 15/ ==>Il codice alle differenze finite MODFLOW-2000 Il codice MODFLOW (MODular three-dimensional finite-difference ground-water FLOW model) è stato sviluppato a partire dai primi anni ottanta (McDonald & Harbaugh, 1984) all interno del Servizio Geologico degli Stati Uniti (U.S.G.S., United States Geological Survey) ed è stato diffuso per la prima volta nel Si basa su di un approccio alle differenze finite per approssimare le soluzioni delle equazioni alle differenze parziali nelle tre dimensioni che governano il flusso delle acque sotterranee. Tale codice rappresenta il sistema idrogeologico attraverso una griglia di celle in una sequenza di strati (layer) e calcola il carico idraulico attraverso un processo iterativo ai nodi centrati su ogni cella (blockcentered method) della griglia. Ciò comporta che una delle principali fasi del processo di modellazione consista nella definizione della griglia e della spaziatura tra i nodi: più fine sarà la discretizzazione della griglia più accurata sarà la rappresentazione del carico idraulico. Il processo di iterazione termina e la soluzione è raggiunta quando le differenze tra il carico idraulico calcolato tra iterazioni successive sono minori del criterio di convergenza scelto all inizio della simulazione. MODFLOW ha una struttura modulare e svariati moduli (Constant Head, Recharge, General Head package, etc.) sono stati sviluppati negli ultimi 20 anni per migliorare il codice iniziale e per offrire la possibilità di simulare l intero ciclo idrogeologico. Descrizioni dettagliate sulle varie versioni di MODFLOW possono essere trovate nei vari report prodotti dall U.S.G.S. sulla modellazione del flusso e all indirizzo web: ==>Dominio di studio Poiché nella pianura di Bientina i pozzi sono sovente terebrati al limite tra la pianura stessa ed i rilievi delle Cerbaie, è necessario considerare nell implementazione del modello numerico anche il rilievo delle Cerbaie. Inoltre non essendo noti i rapporti tra il sistema delle Cerbaie ed i sistemi contermini ad Est ed a Sud, si è scelto di porre sufficientemente distanti i limiti dalla zona di interesse (prevalentemente pianura di Bientina e margine orientale delle Cerbaie) si che i limiti stessi non vadano a influenzare la soluzione del problema. Sulla base delle considerazioni esposte è stato definito un dominio del modello con geometria rettangolare e lati di dimensione 21.0 x17.5 Km. Il dominio orizzontale è stato inizialmente discretizzato con una griglia a spaziatura regolare e celle di dimensione 100x100 m, suddiviso pertanto in 210 righe 175 colonne (Figura 4.1).

16 16/43 Fig. 4.1: Griglia iniziale costituita da 175 colonne e 210 righe. In nero sono riportate le celle in cui non viene calcolato il carico idraulico (noflow cells); la riga rossa indica la traccia della sezione di Figura 4.2.

17 17/43 La discretizzazione verticale del dominio è stata effettuata rappresentando ciascuna unità idrostratigrafica, definita nel modello concettuale, con un layer. Per mezzo di interpolatori deterministici e stocastici sono state definite le superfici limite di ciascuno layer. I layer rappresentati sono pertanto (Figura 4.2): Fig. 4.2: Sezione attraverso la riga 122; si può osservare l andamento della superficie topografica e la definizione dei layer del modello. layer 1: U1- depositi alluvionali e palustri della parte terminale della pianura di Lucca e di Bientina e del sistema Pescia-Nievole-Fucecchio e del Valdarno inferiore. Ad essa per semplicità sono stati associati anche i depositi del Ciclo di Montecarlo affioranti nella parte Nord del dominio di studio; U2- sui rilievi delle Cerbaie, Unità delle Cerbaie; layer 2: U3- unità costituita dal Conglomerato del Serchio e dall Unità delle Cerbaie; layer 3: U4, depositi del Pleistocene inferiore-pliocene (inferiore?) medio/superiore. Non essendo nota la base dei depositi pliocenici si è scelto di porre arbitrariamente la base di questi depositi, e quindi del modello, alla profondità di -150 m s.l.m. La scelta delle dimensioni delle celle è stata ritenuta soddisfacente per permettere una rappresentazione iniziale del campo di moto della falda sulla base dei dati disponibili. Ulteriori raffinamenti della griglia sono stati successivamente effettuati nell area del campo pozzi delle Cerbaie, dove a causa dei numerosi emungimenti è attesa un elevata variazione del gradiente idraulico. L area ad Ovest del dominio di studio include i rilievi del Monte Pisano; poiché nel dominio di interesse questi sono costituiti da metamorfiti a bassa permeabilità ed essendo di limitato interesse ai fini del presente studio l andamento del campo di moto delle acque sotterranee nelle conoidi alluvionali del Monte Pisano, si è definito un poligono che comprende questa porzione di territorio all interno del quale le celle in esso incluse sono state inattivate (no-flow cells).

18 18/ ==>Parametri idrodinamici e condizioni al contorno Per la simulazione di un modello tridimensionale in stato transitorio oltre ai dati necessari per la ricostruzione della geometria del sistema sono necessari i valori di alcuni parametri idrodinamici. Essi sono: conducibilità idraulica lungo le direzioni Kx, Ky, Kz; coefficiente di immagazzinamento (Ss e/o Sy). Ai fini dell implementazione del modello del flusso in stato stazionario è sufficiente attribuire al modello i valori della conducibilità idraulica ed inserire un set di carichi idraulici misurati come condizioni iniziali. Nel dominio di studio esistono valori dei parametri idrodinamici che interessano le parti produttive del sottosuolo derivanti da prove di portata (Figura 4.3). Fig. 4.3: Distribuzione della conducibilità idraulica nel Layer 1. Considerando tali valori, variabili tra 86.4 m/day e m/day si è tuttavia preferito partire con delle stime iniziali. Infatti è spesso impossibile riferire la stima ad un singolo livello acquifero, quando anche distinguere a quale gruppo di livelli possa riferirsi. Allo stesso tempo, in molti casi stime effettuate per mezzo di prove di campagna possono portare errori importanti. E infatti possibile che i valori della conducibilità idraulica misurati per mezzo di prove diverse sullo stesso sito differiscano anche di un ordine di grandezza (Fetter, 2001). Di conseguenza i valori iniziali sono stati riconsiderati durante il processo di calibrazione del modello al fine di giungere al set di dati più appropriato per l area di studio. Per quanto riguarda i valori assegnati invece alle altre unità ci si è riferiti a stime comunemente riportate in testi di idrogeologia (Spitz & Moreno, 1996; Cerbini-Gorla, 2005; etc.).

19 19/43 A ciascuna delle unità individuate e definite nel modello è stato quindi assegnato un valore di conducibilità idraulica, assunto eguale lungo l asse x e y, e lungo l asse z pari ad 1/10 del valore Kx. Ad individuare le diverse unità precedentemente definite, inizialmente sono state assegnate tre zone a diversa conducibilità idraulica nel layer 1 e una distribuzione omogenea della conducibilità idraulica nei layer 2 e 3. Nella Tabella 1 riportata sono presentati valori di conducibilità idraulica inizialmente assegnati alle varie unità. Ky Kx (m/d Kz Unità (m/d) ) (m/d) Zona U U1 2 U Litologia z1 Depositi superficiali Ciclo di Montecarlo z2 (affiorante) Unità delle Cerbaie z3 (affiorante) Conglomerati del Serchio e U z4 Unità delle Cerbaie U4 z5 Depositi Plio-Pleistocenici Tab. 1: Valori di conducibilità idraulica orizzontale (in m/day) inizialmente assegnati alle zone del modello La definizione dei limiti idrodinamici nel processo di modellazione consiste nell assegnare una particolare assunzione matematica che specifica appropriate condizioni idrauliche a ciascuno di essi. I limiti idrodinamici tra il dominio del modello ed il resto del sistema sono stati assegnati per mezzo di funzioni matematiche che specificano il carico idraulico o il flusso attraverso i limiti del dominio di studio. Per quanto riguarda il dominio in esame, per rappresentare il flusso in entrata dalla pianura di Lucca si è posta una condizione a carico costante al limite NordOvest utilizzando i valori di alcune superfici piezometriche prodotte negli ultimi anni da vari enti. Tale valore è stato fatto variare nel tempo con una scansione trimestrale. Un limite a flusso nullo è stato posto alla base del modello, ovvero alla profondità di 150 m s.l.m. Allo stato attuale infatti implementare l ingresso nel dominio di studio di fluidi da livelli profondi può essere solo un ipotesi di lavoro difficilmente riscontrabile se non con i metodi delle prospezioni geochimiche (cfr. CNR, 2006) e difficilmente definibile in termini quantitativi. Il limite Nord, posto a distanza dall area di interesse del modello, rappresenta le relazioni tra le Cerbaie e il sistema Pescia-Nievole-Fucecchio. Poiché ad oggi esse non sono note agli scriventi, si è posto un carico costante non variabile nel tempo pari a 5 m a rappresentare tale limite. Il limite è stato simulato utilizzando il Constant Head package. La sua influenza sulla soluzione del modello è stata successivamente verificata nell analisi di sensibilità ed è stata giudicata trascurabile.

20 20/43 Allo stesso modo non sono note ad oggi le relazioni tra le Cerbaie ed il sistema del Valdarno inferiore. Per tale motivo anche questo limite è stato posto a distanza dall area di interesse ed è stato rappresentato con un limite a flusso nullo. Questo in ragione del fatto che il Valdarno ha un andamento pressoché parallelo alla valle di Bientina, che il Fiume Arno ne rappresenta l asse idrografico principale e che quindi il limite dovrebbe essere pressoché parallelo ad una linea di flusso. Limite a flusso nullo è stato inoltre posto sul bordo meridionale del dominio di studio. Per quanto riguarda il limite definito dai rilievi del Monte Pisano, dal quale si ha ricarica del sistema idrogeologico, si è simulato un ingresso di acqua attraverso i circa 20 Km di tale limite pari a circa m3/d pari a circa m3/anno. Il limite è stato simulato utilizzando il Well Package. Il limite Nord non occupato dal Monte Pisano è stato posto a flusso nullo in quanto generalmente corrispondente con una linea di flusso della superficie piezometrica della pianura di Lucca. Altro termini di alimentazione del sistema è costituito dalle precipitazioni. Per introdurre questo termine di alimentazione nel modello si sono reperiti i dati di precipitazione di una serie di stazioni pluviometriche situate nel dominio di studio ed in aree contermini e si sono analizzate le medie pluviometriche mensili ed annuali. Si sono quindi scelte due principali stazioni di riferimento: la stazione di Orentano e la stazione di San Giovanni alla Vena (Figura 4.4). 350 P (cumulata mensile in mm) Orentano San Giovanni alla Vena dic-08 giu-08 dic-07 giu-07 dic-06 giu-06 dic-05 giu-05 dic-04 giu-04 dic-03 giu-03 dic-02 0 Fig. 4.4: Grafico della distribuzione delle precipitazioni cumulate mensili alle stazioni di Orentano e San Giovanni alla Vena. Si è quindi diviso il dominio di studio in due diverse aree di influenza:quella a Nord legata alla stazione di Orentano e a Sud alla stazione di San Giovanni alla Vena. Di ogni cumulata mensile per ciascuna delle due stazioni si è calcolato il 20% ed il 5% e questi valori sono stati attribuiti rispettivamente alle zone più permeabili e meno permeabili del layer 1 per mezzo del Recharge Package. Tali valori sono quindi stati oggetto di calibrazione. Influenza importante sul sistema in analisi è esercitata dai prelievi industriali (prevalentemente a Nord del dominio di studio) ed idropotabili (distribuiti su tutto il dominio). E' stata implementata una tabella temporale dei prelievi operati da ciascun pozzo idropotabile per ciascun mese a partire da dicembre 2002 fino a

21 21/43 marzo Si deve comunque sottolineare che alcuni dei prelievi attribuiti ai pozzi sono stati stimati per cui in fase di calibrazione alcuni dati sono stati corretti. Per quanto riguarda invece la distribuzione dei prelievi industriali non sono a disposizione dati con cadenza temporale mensile, ma solo le dichiarazioni riportate in calce alle concessioni. Per cui gli emungimenti legati a tali attività sono stati distribuiti omogeneamente nel tempo, ponendoli a zero nel mese di Agosto di tutti gli anni simulati. 4.2==>LA VALIDAZIONE DI UN MODELLO NUMERICO La validazione del modello, che consiste nelle fasi di analisi di sensibilità, calibrazione e verifica, è richiesta per superare la mancanza di dati o l incertezza insita nei dati stessi ed allo stesso tempo per accomodare le semplificazioni del sistema naturale incorporate nel modello. Infatti la validazione fallisce o porta a risultati inadeguati se aspetti significativi del sistema naturale non sono inclusi nel modello. Scopo della validazione è quindi quello di dimostrare che il modello è capace di riprodurre il sistema idrogeologico e quindi la sua applicabilità a fini predittivi. Nella fase di calibrazione di un modello i valori simulati (altezze piezometriche, portate, concentrazioni) vengono confrontati con i valori realmente osservati. I dati in ingresso vengono modificati, all interno del campo di variazione osservato, fino a quando i valori calcolati non coincidono con quelli osservati con una certa tolleranza predefinita. La modifica dei dati in ingresso è un processo ragionevole, in quanto questi, essendo dati sperimentali, presentano un intrinseco livello di incertezza e di variabilità. Questo processo può essere effettuato sia manualmente (trial and error adjustment) o automaticamente (per mezzo di modelli inversi per la stima dei parametri). La calibrazione di un modello è un momento cruciale dell intero processo di modellazione, provando a dimostrare che il modello implementato è capace di riprodurre le risposte osservate nel sistema naturale. La fase di calibrazione può richiedere fino alla metà del tempo necessaria per l effettuazione dell intero studio. La validazione del modello è raggiunta quando i diversi scenari del flusso sono riprodotti dal modello senza variare le caratteristiche fondamentali del modello (parametri idrodinamici, principali aree di ricarica, etc.). La validazione del modello dovrebbe essere condotta con le investigazioni di campagna in corso, così da ottenere ulteriori dati richiesti per la modellazione. Se utilizzato come strumento di pianificazione, un modello dovrebbe essere aggiornato e migliorato implementandolo con i dati che si rendono disponibili nel tempo. Lo scopo dell analisi di sensibilità è quello di dimostrare la risposta del modello alle variazioni determinate dall incertezza dei parametri e di conseguenza definire il livello di incertezza insito nelle capacità predittive del modello. L analisi di sensibilità è un passo necessario per lo svolgimento della fase di calibrazione in quanto permette di valutare l importanza dei dati di ingresso in termini di influenza sulle predizioni del modello e può inoltre dimostrare la non unicità di tali dati per arrivare alla soluzione del modello. L analisi di sensibilità (sensitivity analysis), la calibrazione e la verifica del modello sono state effettuate per valutare le incertezze implicite nei dati di ingresso, per raggiungere una corrispondenza soddisfacente tra i dati simulati e quelli osservati e per dimostrare che il modello calibrato costituisce una rappresentazione adeguata del sistema fisico ==>Obiettivi della calibrazione e data set utilizzato I risultati della calibrazione possono essere valutabili sia qualitativamente sia quantitativamente. Tuttavia, anche in una valutazione quantitativa, il giudizio sulla

22 22/43 adeguatezza della calibrazione è un giudizio soggettivo (Andersonn & Woessner, 1992). Qualitativamente si può giudicare il livello di calibrazione di un modello del flusso comparando l andamento della superficie piezometrica derivante dall interpolazione di misure effettuate in campagna con la piezometrica simulata. Si deve comunque ricordare che nel processo di interpolazione si introduce un errore e quindi effettuando tale analisi si compara il risultato della simulazione, in cui ad ogni cella è calcolato un valore del carico, con un dato stimato sull intero dominio. In ogni caso, l osservazione della coincidenza dell andamento delle linee di flusso simulate con quelle stimate offre già indicazioni sulla rispondenza del campo di moto simulato al sistema reale. Quantitativamente invece si possono usare una serie di statistici descrittivi che utilizzano l errore associato ad ogni punto di osservazione (punto di misura della piezometrica). Questo errore è definito residuo ed è calcolato sottraendo al valore simulato del carico in un punto il valore osservato. Residui negativi indicano che il modello sovrastima il carico, valori positivi indicano che il valore osservato è sottostimato. Gli statistici utilizzati in questo studio per valutare la calibrazione del modello sono: RSS, Residual Standard Devation; ARM, Absolute Residual Mean; NRMS, Normalized Root Mean Square. Il modello implementato in stato stazionario così come descritto nel presente Capitolo è stato fatto girare in stato stazionario per l effettuazione dell analisi di sensibilità e per iniziare il processo di calibrazione utilizzando il dataset relativo alla piezometrica rilevata nel dominio delle Cerbaie nell Ottobre La calibrazione in stato stazionario si è raggiunta sia per la corrispondenza qualitativa tra l andamento del campo di moto stimato e quello simulato, sia per RSS minore di 2, per ARM minore di 1.5 m e NRMS minore del 10%. Per quanto riguarda lo stato transitorio, i dataset utilizzati consistono nei rilevamenti del carico idraulico in continuo ai piezometri dell Autorità di Bacino dell Arno e in alcune campagne piezometriche eseguite negli anni tra il 2002 ed il 2008 nel dominio della pianura di Bientina. Si deve invece rilevare come nel dominio delle Cerbaie i dati siano assenti (se si escludono le risultanze della campagna piezometrica dell Ottobre 2002) per cui non è possibile calibrare tale dominio. Per la rilevante mole di dati variabili nel tempo (carichi costanti, precipitazioni, emungimenti) si è ritenuto ragionevole assumere una soglia di accettabilità della calibrazione meno rigida per lo stato transitorio. In particolare si è ritenuta conseguita la calibrazione, oltre che al raggiungimento della corrispondenza qualitativa tra l andamento del campo di moto stimato e quello simulato, per ARM minore di 2.5 m e NRMS circa 10%, e allorquando il piezometro 825 nell area del campo pozzi delle Cerbaie presentasse un range di variazione del carico idraulico simulato inferiore ad 2 m. Il valore del criterio di convergenza necessario a terminare il processo iterativo è stato posto a m ==>Analisi di sensibilità L analisi di sensibilità è il processo per mezzo del quale i parametri del modello o le condizioni al contorno vengono variati al fine di osservare l effetto di questa variazione sulla soluzione del modello e quindi sugli statistici di calibrazione. Grazie a tale processo è perciò possibile riconoscere i parametri è maggiormente sensibili e quindi da variare per raggiungere la calibrazione. In questo studio l analisi di sensibilità è stata condotta sia effettuando una serie

23 23/43 Sum of Squared Residuals di simulazioni variando ad ogni volta un singolo parametro sia per mezzo dell utilizzo di procedure automatiche. In particolare è stata stimata manualmente l influenza sul modello delle condizioni a carico costante e delle portate dei pozzi che simulano gli afflussi sotterranei dal Monte Pisano. Per quanto riguarda il carico costante, solo il carico posto a rappresentare il limite Nord-Ovest presenta una certa influenza sul sistema ed in particolare nella zona di Paganico, mentre il carico imposto a simulare i rapporti tra Cerbaie e sistema Pescia-NievoleFucecchio è relativamente insensibile. La procedura automatica è stata invece utilizzata per studiare la sensibilità della conducibilità idraulica nelle zone del layer 1 unitamente ai valori della ricarica e nelle varie zone del layer 2. Le Figure 4.5 e 4.6 riportano i risultati di tale analisi. Lo statistico utilizzato per valutare la sensibilità del parametro è lo RSS, Residual Sum of Squares e permette di comparare i risultati di diverse simulazioni. La lettura di questo parametro, di cui vogliamo il minimo valore, ci dice ad es., nel caso della Figura 4.6 che moltiplicando il valore del parametro Kx della zona 5 per il valore 0.5 otteniamo una diminuzione di RSS da 687 a 264. Nel caso in esame il parametro Kx è proprio quello più sensibile. I risultati dell analisi di sensibilità sono stati utilizzati per condurre il processo di calibrazione Kx Kx Kx Recharge1 895 Recharge2 771 Recharge3 Recharge Multiplier Fig. 4.5: Risultati dell analisi di sensibilità effettuata sui valori della conducibilità idraulica delle zone del layer 1 e della ricarica.

24 Sum of Squared Residuals 24/ Kx Kx Kx Kx8 898 Kx9 792 Kx1 Kz5 687 Kz6 581 Kz7 475 Kz8 370 Kz Multiplier Fig. 4.6: Risultati dell analisi di sensibilità effettuata sui valori della conducibilità idraulica delle zone dei layer 2 e ==>CALIBRAZIONE DEL MODELLO La calibrazione del modello consiste nel variare ben definiti parametri in ingresso, di cui non è noto alcun valore misurato o con un certo grado di incertezza, entro limiti ragionevoli, per raggiungere risultati calcolati concordanti con i valori misurati. Nell implementazione di un modello del flusso e del trasporto costituisce una delle fasi cruciali ai fini dell applicabilità del modello stesso. Infatti, la qualità della calibrazione ha una grande influenza sulla robustezza di ogni conclusione e determina l affidabilità delle raccomandazioni suggerite utilizzando i risultati delle simulazioni ==>Metodologia La calibrazione del modello del flusso in stato stazionario è stata raggiunta utilizzando sia un approccio di tipo trial & error sia in automatico per mezzo di un modello inverso. Il processo di calibrazione è cominciato variando i parametri più incerti entro un campo di variazione consistente con le ipotesi idrogeologiche iniziali. In questo senso l analisi di sensibilità ha costituito nel caso di studio un importante punto di partenza nel processo di calibrazione. I carichi idraulici calcolati possono essere comparati con quelli misurati in un grafico della dispersione dei valori calcolati verso quelli osservati. Le differenze tra questi valori sono state calcolate in 54 punti relativi a misure effettuate nella campagna dell Ottobre I risultati ottenuti sono mostrati nella Figura 4.7.

25 25/43 Fig. 4.7: Grafico della dispersione dei valori calcolati verso i valori osservati relativo al modello calibrato in stato stazionario. La retta a 45 gradi rappresenta lo scenario di calibrazione perfetta, il caso in cui tutti i carichi calcolati coincidono con quelli misurati. Ovviamente un tale risultato non è comunemente raggiungibile. Nel caso in cui i carichi calcolati cadano al di sopra della linea descritta dall equazione y=x, essi sono maggiori dei valori osservati. Conseguentemente i residui di calibrazione, definiti come la differenza tra i valori calcolati e quelli misurati, sono positivi ed il modello sovrastima la situazione reale. Di contro, i punti che cadono al di sotto della linea di 45 gradi indicano che il modello sottostima la situazione reale. La calibrazione del modello in stato stazionario si è fermata allorquando il campo di moto simulato ha riprodotto il campo di moto rappresentato dalle contour delle misure dell Ottobre 2002 e quando i valori degli statistici osservati hanno raggiunto i valori sotto riportati: RSD=1.65 ARM=1.28 m NRMS=0.092 Max R=-3.9 m MIN R=3.44 m In Figura 4.8 è riportato l andamento della superficie piezometrica simulata.

26 26/43 Fig. 4.8: Andamento del campo di moto simulato relativo al modello calibrato in stato stazionario Si può osservare come il modello riproduca le depressioni esistenti al campo pozzi idropotabile delle Cerbaie e del Pollino-area industriale. Subito a Sud di questa zona si rileva la presenza del già noto spartiacque sotterraneo artificiale che divide il deflusso verso la pianura di Lucca da quello verso la pianura di Bientina. Nel modello la parte orientale delle Cerbaie viene a costituire un alto piezometrico da cui viene ricaricato gran parte del dominio: è chiaro che questa osservazione è un ipotesi che dovrà essere verificata. Questo in quanto come già detto la zona delle Cerbaie è calibrata solo nell intorno della valle del Rio Ponticelli a causa della mancanza di dati piezometrici rilevati. L unica parte meno realistica del dominio è costituita dal sink che si realizza a Sud-Est in corrispondenza delle Colline Pisane, area, come già detto, rispetto alla quale o si ha ricarica del sistema oppure non si ha alcuna influenza. Anche questo aspetto dovrà essere verificato ottenendo nuovi dati. Ai fini di questa valutazione comunque, l esistenza della depressione del campo pozzi delle Cerbaie, crea uno spartiacque sotterraneo all estremità meridionale delle Cerbaie, per cui, nel campo di variazione dei volumi emunti da Acque Spa questo limite non inficia il risultato del modello.

27 27/43 Per giungere alla calibrazione, come anche indicato dall analisi di sensibilità, si sono aggiunte ulteriori zone di conducibilità idraulica diversa e si sono variati i valori della conducibilità idraulica anche nelle zone già esistenti nei tre layer. I valori della conducibilità idraulica nelle zone individuate sono presentati nella Tabella 2, mentre le Figure presentano la distribuzione delle varie zone nel dominio di studio nei tre layer. Inoltre per ovviare alla presenza dei forti gradienti idraulici presenti nell intorno dei pozzi si sono raffinate le celle nel campo pozzi del Pollino e delle Cerbaie, sino ad ottenere una maglia di discretizzazione orizzontale pari a 25x25 m. Fig. 4.10: B) Fig. 4.9: A) Fig. 4.11: C)

28 28/43 Unità Kx (m/d) Ky (m/d) Kz (m/d) Zona Litologia Depositi superficiali U z1 pianura di Lucca Sud Ciclo di Montecarlo U z2 (affiorante) Unità delle Cerbaie U z3 (affiorante) Depositi alluvionali Valdarno inferiore e U1 U3 del sistema Pescia z4 Nievole-Fucecchio Depositi Plio z5 Pleistocenici Sud Conglomerati del U2 Serchio e Unità delle z6 U2 Serchio e Unità delle z7 U2 U3 Cerbaie - Cerbaie Conglomerati del Cerbaie - Lucca Sud Conglomerati del Serchio e Unità delle z8 Cerbaie - Bientina Depositi Plio z9 Pleistocenici Nord Depositi argilloso U1 torbosi pianura di z10 Bientina Tab. 2: Valori di conducibilità idraulica orizzontale (in m/day) assegnati alle zone del modello calibrato in stato stazionario

29 29/43 Poiché le misure dell errore presentate indicano l errore medio nella calibrazione, ma non forniscono alcuna informazione sulla distribuzione dell errore, in Figura 4.12 si presenta anche la mappa dell andamento dei residui nel dominio di studio, si da poter valutare dove siano localizzate le aree che meno riflettono l andamento del sistema naturale. Fig. 4.12: Distribuzione dei residui nel modello calibrato in stato stazionario

30 30/43 4.4==>IL MODELLO IN STATO TRANSITORIO Una volta calibrato il modello in stato stazionario, sono stati implementati nel modello tutti i dataset che presentavano una qualche variazione temporale, come descritto nel Capitolo Il codice alle differenze finite MODFLOW-2000, e sono stati assegnati valori omogenei del coefficiente di immagazzinamento a ciascun layer (in particolare Sy al layer 1 ed Ss al layer 2 e3). La discretizzazione temporale ha previsto la definizione di uno stress period mensile, per il periodo Dicembre 2002-Marzo 2008, suddiviso in 10 time step, ovvero passi temporali ai quali è possibile salvare la soluzione. Anche la calibrazione del modello in transitorio è stata eseguita sia in automatico sia con una procedura trial and error. Il modello in stato transitorio è stato calibrato effettuando lievi variazioni dei parametri della conducibilità idraulica; i risultati finali della distribuzione dei nuovi parametri idrodinamici ottenuti sono riportati in Tabella 3. Unità Kx (m/d) Ky (m/d) Kz (m/d) Zona U z2 U z3 U z4 U z5 U z6 Litologia Ciclo di Montecarlo (affiorante) Unità delle Cerbaie (affiorante) Depositi alluvionali Valdarno inferiore e del sistema Pescia-NievoleFucecchio Depositi Plio-Pleistocenici Sud Conglomerati del Serchio e Unità delle Cerbaie Cerbaie Conglomerati del Serchio U z7 e Unità delle Cerbaie Lucca Sud Conglomerati del Serchio U z8 U z9 U z10 U z11 e Unità delle Cerbaie Bientina Depositi Plio-Pleistocenici Nord Depositi superficiali pianura di Lucca Sud Depositi argilloso torbosi pianura di Bientina Tab. 3: Valori di conducibilità idraulica orizzontale (in m/day) assegnati alle zone del modello calibrato in stato transitorio Gli statistici raggiunti per la calibrazione, come precedentemente descritto, sono:

31 31/43 ARM<2.5 m NRMS max=0.108 Variazione di H<2 m in 825 Piezometriainms.l.m. La variazione nel tempo del carico idraulico simulato è stata confrontata con quella del carico osservato al piezometro 825, come riportato in Figura _Sim _OBS dic-m ar-0 -g 3 01 iu-0 -se 3 01 t dic-m ar-0 -g 4 01 iu-0 -se 4 01 t dic-m ar-0 -g 5 01 iu-0 -se 5 01 t dic-m ar-0 -g 6 01 iu-0 -se 6 01 t dic-m ar-0 -g 7 01 iu-0 -se 7 01 t dic-m ar-0 -g 8 01 iu-0 -se 8 01 t-0 -d 8 ic Fig. 4.13: Grafico dell andamento nel tempo del carico idraulico simulato verso quello osservato nel modello in stato transitorio Nonostante gli statistici confermino la calibrazione secondo i criteri definiti, è possibile comunque affermare che l andamento del carico simulato prescrive quello osservato solo a partire dal Dicembre Per tale motivo la calibrazione del transitorio è accettabile, ma non completamente soddisfacente se si volessero effettuare analisi tra i dati simulati e quelli osservati. E necessaria perciò una ulteriore calibrazione del modello che tenda e a rimuovere gli errori presenti nel risultato della simulazione.

32 32/43 L andamento del campo di moto al tempo t=2192 giorni, ovvero al 31 Dicembre 2008 (Figura 4.14), è comparabile qualitativamente con quello identificato dalle campagne piezometriche effettuate nella pianura di Bientina. Fig. 4.14: Andamento del campo di moto simulato relativo al modello calibrato in stato transitorio al tempo t=2192 (31 Dicembre 2008) Dall analisi delle superfici piezometriche ai vari intervalli temporali si osservano invece variazioni come lo spostamento dell alto piezometrico dalle Cerbaie al sistema Pescia-Nievole-Fucecchio e la riduzione e quasi annullamento dello spartiacque sotterraneo tra il Pollino e la media valle di Bientina. Tale fenomeno sembra essere legato agli apporti dal Monte Pisano. Permane il problema costituito dal sink al limite Sud-Ovest del modello. Inoltre si osservano variazioni dei residui statisticamente distribuite in coincidenza dei prelievi. Quest ultimo fatto può indicare una variabilità delle portate emunte assegnate nei vari passi di tempo. Ciò è evidente soprattutto per i pozzi dell area industriale per i quali si ha a disposizione il dataset più incerto. Un ulteriore problema emerso durante la calibrazione, collegato alla presenza di

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA Convegno: La geologia: Università ed Enti Pubblici Firenze, 14 settembre 2009 Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Dettagli

Condizioni dell'acquifero dopo l'applicazione di. (Rev. 0b)

Condizioni dell'acquifero dopo l'applicazione di. (Rev. 0b) ASAP_D5.3_CondizioniAcquiferoDopoASAP_0b 1/17 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The ASAP project is partially funded by the European Union LIFE Programme Condizioni dell'acquifero

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA A cura di D. Rigamonti & M. Consonni dario.rigamonti@tethys geco.it, mauro.consonni@tethys geco.it 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Report del processo di approvvigionamento. (Rev. 1b)

Report del processo di approvvigionamento. (Rev. 1b) ASAP_D3.3_ReportApprovvigionamento_1b 1/9 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The ASAP project is partially funded by the European Union LIFE Programme Report del processo

Dettagli

Analisi dell evoluzione piezometrica nel periodo 2007-2008 nel settore meridionale della Piana di Lucca (Toscana), area di crisi idrica conclamata

Analisi dell evoluzione piezometrica nel periodo 2007-2008 nel settore meridionale della Piana di Lucca (Toscana), area di crisi idrica conclamata 1 / Sez. Scientifica Analisi dell evoluzione piezometrica nel periodo 2007-2008 nel settore meridionale della Piana di Lucca (Toscana), area di crisi idrica conclamata Michele Ambrosio 1, Alice Del Sordo

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

Analisi idraulica, modello della rete e zonizzazione del progetto. Rapporto tecnico

Analisi idraulica, modello della rete e zonizzazione del progetto. Rapporto tecnico AnalisiIdraulicaModelliZonizzazione_1b 1/15 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The ASAP project is partially funded by the European Union LIFE Programme Analisi idraulica,

Dettagli

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it 27 marzo 2015 - Verona Open loop systems criteri per la realizzazione delle opere di presa e indagini geologiche ed idrogeologiche finalizzate alla progettazione e al monitoraggio degli impianti Silvia

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE DEFINIZIONE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI...2 DEFINIZIONE DI AREE di RICARICA...3 DEFINIZIONE DI FALDE SUPERFICIALI

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO

VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO Elena Leale, Fabio Canova Ragione Sociale URS Italia S.p.A. Torino, 14-15

Dettagli

METODI DI PREVISIONE DELLA PIEZOMETRIA NELL AREA MILANESE

METODI DI PREVISIONE DELLA PIEZOMETRIA NELL AREA MILANESE METODI DI PREVISIONE DELLA PIEZOMETRIA NELL AREA MILANESE A cura di V. Francani, L. Colombo, D. Cremonesi, G. Formentin vincenzo.francani@polimi.it, loris.colombo@polimi.it, daniele.cremonesi@polimi.it,

Dettagli

LA MODELLISTICA APPLICATA ALL AREA ZINGONIA

LA MODELLISTICA APPLICATA ALL AREA ZINGONIA LA MODELLISTICA APPLICATA ALL AREA ZINGONIA Marco Masetti Dipartimento di Scienze della Terra Università degli Studi di Milano E-mail: marco.masetti@unimi.it Ubicazione area di studio: Zingonia Sezioni

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

RELAZIONE IDROGEOLOGICA INTEGRATIVA

RELAZIONE IDROGEOLOGICA INTEGRATIVA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO RICHIESTA DI CONCESSIONE DI PRELIEVO DI ACQUE SOTTERRANEE MEDIANTE POZZI GIA IN CONCESSIONE CON AUMENTO DI VOLUME DA 315000 A 550000

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

Reticoli di flusso. Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione)

Reticoli di flusso. Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione) Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Reticoli di flusso Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione) Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell

Dettagli

Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica

Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica Il problema della determinazione delle perdite nella pratica ingegneristica Con il nome di perdite del bacino si indicano le diverse componenti della frazione della pioggia lorda che viene a mancare rispetto

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Bartolomeo Vigna Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture - Politecnico di Torino L utilità

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

Engineering & Construction. Centro di Eccellenza Geotermico LINGUE DISPONIBILI IT. Osservazioni al documento

Engineering & Construction. Centro di Eccellenza Geotermico LINGUE DISPONIBILI IT. Osservazioni al documento 1 di 10 TITOLO LINGUE DISPONIBILI IT Osservazioni al documento Adattamento ed implementazione del modello idrologico MOBIDIC per il bilancio dei bacini idrografici e dell acquifero del Monte Amiata Dini,

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano Scheda 6 Suolo e sottosuolo Indice INQUADRAMENTO GEOLOGICO IDROGEOLOGICO... 146 Siti soggetti ad obbligo di bonifica... 149 145 145 SUOLO E SOTTOSUOLO

Dettagli

TARH A Mereto: Principale conclusione:

TARH A Mereto: Principale conclusione: TARH Il progetto WARBO è estremamente multidisciplinare, con approcci di discipline diverse come la idrogeologia, geochimica e geofisica. Quindi ci sono applicate investigazione diverse in tutti tre test

Dettagli

Ottimizzazione delle caratteristiche dimensionali di una trincea drenante in un sito industriale costiero dismesso

Ottimizzazione delle caratteristiche dimensionali di una trincea drenante in un sito industriale costiero dismesso Ottimizzazione delle caratteristiche dimensionali di una trincea drenante in un sito industriale costiero dismesso A cura di Giovanni Formentin, Tethys s.r.l. Indice 1 Introduzione... 2 2 Caratteristiche

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 2007 Tav. O Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 RELAZIONE GEOLOGICA E ANALISI GEOTECNICA DEL TERRENO Adottato con Del. di C.C. N. 82

Dettagli

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione La Carta di Vocazione La Carta di Vocazione alla infiltrazione degli acquiferi costituisce uno strumento di supporto alle decisioni sia per la

Dettagli

Modellazione Idraulica

Modellazione Idraulica SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELLA RETE IDROGRAFICA... 3 3. VERIFICA DELLA RETE SCOLANTE... 6 3.1. Generalità... 6 3.2. Descrizione della modellazione idraulica... 6 3.3. Definizione dell evento

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

Valutazione dei valori di fondo geochimici naturali nelle acque sotterranee: casi di studio nel Lazio

Valutazione dei valori di fondo geochimici naturali nelle acque sotterranee: casi di studio nel Lazio Valutazione dei valori di fondo geochimici naturali nelle acque sotterranee: casi di studio nel Lazio Elisabetta Preziosi, Andrea Del Bon, Stefano Ghergo IRSA-CNR - Area della Ricerca Roma 1 - Monterotondo

Dettagli

Progetto Strategico RISKNAT

Progetto Strategico RISKNAT Progetto Strategico RISKNAT Attività B 7.1 C 7.1 Analisi multirischio sul territorio piemontese. Ricadute operative di Protezione Civile. Postfazione Postfazione Le evoluzioni metodologiche e di gestione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE. Provincia del Verbano Cusio ossola. P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F.

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE. Provincia del Verbano Cusio ossola. P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F. COMUNE DI GRAVELLONA TOCE Provincia del Verbano Cusio ossola P.zza Resistenza, 10 - Tel. 0323 / 848386 - Fax. 0323 / 864168 - C.F. 00332450030 e-mail: protocollo@comune.gravellonatoce.vb.it - gravellonatoce@pec.it

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it D i s c a r i c a i n L o c a l i t à C à d i C a p r i PROVINCIA DI VERONA U.O. DISCARICHE E BONIFICHE Via delle Franceschine, 11-37121 Verona MAIL: provincia.verona@cert.ip-veneto.net A.R.P.A.V. Via

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M.

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA 2 COMUNE DI OLBIA IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA

Dettagli

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Dettagli

Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1

Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI CHIMICA, FISICA E AMBIENTE Modellazione quali - quantitativa a scala di bacino del fiume Ledra: fase 1 Prof. Ing. Daniele Goi Ing.

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 3 STRATIGRAFIA PRESUNTA DEI TERRENI... 3 4 STIMA PREVISIONALE DEI PARAMETRI IDROGEOLOGICI E CHIMICO-FISICI...

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 3 STRATIGRAFIA PRESUNTA DEI TERRENI... 3 4 STIMA PREVISIONALE DEI PARAMETRI IDROGEOLOGICI E CHIMICO-FISICI... COMMITTENTE: GEOLOGO: COLLABORATRICE: SIG.RA SARA LEUCI DR. GEOL. ERALDO SANTARNECCHI DOTT.SSA GEOL. CINZIA LOCCI DATA: GENNAIO 2013 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 2.1 Ubicazione... 2 2.2

Dettagli

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Ciclo idrogeologico e bilancio Ricarica e recapito delle acque sotterranee Riserve e risorse sfruttabili Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi,

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

Gli acquiferi. La dimensione verticale o spessore dell acquifero è generalmente ridotta rispetto alle altre due dimensioni.

Gli acquiferi. La dimensione verticale o spessore dell acquifero è generalmente ridotta rispetto alle altre due dimensioni. Acquiferi Gli acquiferi Possono essere considerati come serbatoi sotterranei che si alimentano naturalmente attraverso la pioggia o la rete idraulica sotterranea. L acqua lascia l acquifero naturalmente

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile

PARTE I. I processi idrologici. Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) Dipartimento di Ingegneria Civile 1 Corso di Laurea Specialistica in N.O. Giuseppe Aronica Corso di Idrologia Tecnica PARTE I Lezione VI: La formazione dei deflussi (2) 2 La trasformazione afflussi-deflussi Problema: determinare i deflussi

Dettagli

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni F. Gallo 1, G. Jona Lasinio 1, A. Orasi 2 1 Università di Roma La Sapienza, Roma 2 Università degli

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

ANALISI DELLA DISTRIBUZIONE DELLE FORME CARSICHE E DELLA SUSCETTIBILITA ALLO SPROFONDAMENTO NELLA PENISOLA SALENTINA (PUGLIA) Ing.

ANALISI DELLA DISTRIBUZIONE DELLE FORME CARSICHE E DELLA SUSCETTIBILITA ALLO SPROFONDAMENTO NELLA PENISOLA SALENTINA (PUGLIA) Ing. ANALISI DELLA DISTRIBUZIONE DELLE FORME CARSICHE E DELLA SUSCETTIBILITA ALLO SPROFONDAMENTO NELLA PENISOLA SALENTINA (PUGLIA) Ing. Emanuela Bruno Le aree carsiche sono particolarmente sensibili alle pressioni

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Modellazione numerica nell ambito idrogeologico

Modellazione numerica nell ambito idrogeologico Modellazione numerica nell ambito idrogeologico La modellazione numerica è un valido strumento per comprendere i fenomeni in atto e gli effetti sulle dinamiche della falda e sulla diffusione dei contaminanti

Dettagli

LIVELLI E PORTATE MEDIE GIORNALIERE DEL FIUME BRENTA A BARZIZA NELL ANNO 2008

LIVELLI E PORTATE MEDIE GIORNALIERE DEL FIUME BRENTA A BARZIZA NELL ANNO 2008 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO NELL ANNO 2008 ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario Egiatti

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO PER L ANALISI DEI RISULTATI DEL BILANCIO IDRICO PROVINCIALE E RELATIVI ALLEGATI CARTOGRAFICI alla data 30 marzo 2012

DOCUMENTO TECNICO PER L ANALISI DEI RISULTATI DEL BILANCIO IDRICO PROVINCIALE E RELATIVI ALLEGATI CARTOGRAFICI alla data 30 marzo 2012 AGENZIA PROVINCIALE PER LE RISORSE IDRICHE E L ENERGIA DOCUMENTO TECNICO PER L ANALISI DEI RISULTATI DEL BILANCIO IDRICO PROVINCIALE E RELATIVI ALLEGATI CARTOGRAFICI alla data 30 marzo 2012 Trento, marzo

Dettagli

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Le fognature nere vengono dimensionate per le massime portate di tempo asciutto che si prevede e si stima si verificheranno negli N anni di funzionamento

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Premessa Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato

Dettagli

Le misure piezometriche in sito

Le misure piezometriche in sito 1 Le misure piezometriche in sito Raccomandazioni AGI (1977): Finalità Profilo stratigrafico Proprietà fisico-meccaniche Misura pressione neutra Permeabilità Verifica impiego analisi e tecnologie Mezzi

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 13: Filtrazione Anno Accademico 2008-2009 2009 1 Indice

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino

MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino MIARIA Monitoraggio Idrogeologico Adattivo a Supporto del Piano di Rischio Integrato Alpino Modellazione numerica e monitoraggio di frane di crollo per la valutazione degli scenari di rischio nelle aree

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

Convegno Internazionale. La geotermia in Italia ed in Europa. Quale futuro?

Convegno Internazionale. La geotermia in Italia ed in Europa. Quale futuro? Geotherm Expo, Exhibition and Conference. Ferrara, 23-25 settembre 09 Convegno Internazionale. La geotermia in Italia ed in Europa. Quale futuro? PROGETTAZIONE E DIMENSIONAMENTO DI CAMPI SONDE GEOTERMICHE:

Dettagli

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

puntuale ELEMENTI GENERALI NOTA BENE: Esistono talvolta lievi differenze tra le progressive rilevate direttamente con metodo speditivo dalle tavole

puntuale ELEMENTI GENERALI NOTA BENE: Esistono talvolta lievi differenze tra le progressive rilevate direttamente con metodo speditivo dalle tavole PROGETTO NUOVA LINEA FERROVIARIA DEL BRENNERO - PROVINCIA DI TRENTO TRATTA DI COMPLETAMENTO SUD, VARIANTE C - IMPATTI SULLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE I dati delle colonne 1-4 provengono dai documenti

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli