UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA malaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2013-2014. malaria"

Transcript

1 UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA malaria

2 Protozoi ematici e tissutali Plasmodium spp Babesia spp Toxoplasma gondii Sarcocystis spp Leishmania spp Trypanosoma spp

3 La malaria è la più importante malattia parassitaria dell uomo e la principale causa di morbosità e mortalità soprattutto nelle zone tropicali e subtropicali endemiche. In questi ultimi anni nei paesi occidentali sono aumentati i casi d importazione, dovuti all aumento esponenziale dei viaggi internazionali ed all intensificarsi del fenomeno immigratorio

4 La malaria è una malattia che ogni anno causa milioni di casi all anno, con 1,5-2,7 milioni morti all anno. La maggior parte di questi decessi avviene nei bambini di età < 5 anni.

5 Malaria Phylum Apicomplexa Classe : Sporozoi Sottoclasse: Coccidia Sottordine: Haemosporina Famiglia: Plasmodidae Genere :Plasmodium Specie: falciparum, vivax, ovale, malariae, knowlesi Parassiti dixeni, ciclo tra un vertebrato ed un dittero ematofago del genere Anopheles.

6 Parassiti malarici umani Plasmodium falciparum: Terzana maligna Plasmodium vivax : Terzana benigna Plasmodium ovale : Terzana benigna Plasmodium malariae: Quartana Plasmodium knowlesi: malaria delle scimmie trasmessa all uomo, nel sud-est asiatico (accesso febbrile ogni 24 ore).

7 Trasmissione Il vettore è una zanzara: ANOPHELES La trasmissione avviene anche attraverso: 1. Trasfusioni di sangue 2. Aghi contaminati 3. Trapianti d organo 4. Transplacentare

8

9

10 Malaria Ciclo biologico: Costa di 3 fasi: Fase schizogonica Fase gametogonica Fase sporogonica

11

12

13 Fase schizogonica tissutale o esoeritrocitaria Fase asessuata : Puntura dell Anopheles, inietta gli sporozoiti (lunghi 12-15micron) nel sangue per poi localizzarsi a livello del parenchima epatico

14 Schizogonia epatica Parenchima epatico : trasformazione in schizonti e poi in migliaia di merozoiti. I merozoiti lasciano il parenchima epatico ed invadono i globuli rossi. Nel caso d infezioni da P.vivax, P.ovale i merozoiti rimangono dormienti come ipnozoiti.

15 Fase schizogonica ematica: I merozoiti nel globulo rosso si trasformano in trofozoiti (in un vacuolo a forma ad anello) Il trofozoita si accresce utilizzando l Hb che viene pinocitata ed introdotta nel vacuolo digestivo. Hb: globina viene degradata mentre la parte prostetica (l eme) viene trasformata in un pigmento ferro-porfirinico, bruno-nerastro detto emozoina che si accumula nel citoplasma del protozoo. Tale pigmento verrà fagocitato dai PMN e si deposita in vari organi conferendo l aspetto scuro noto come melanosi. Mentre i merozoiti invadono nuovi globuli rossi.

16

17 I trofozoiti utilizzano tutti i sistemi energetici del globulo rosso e si moltiplicano trasformandosi prima in schizonti e poi in merozoiti (6-32 ). L eritrocita si gonfia ed esplode, liberando i merozoiti che insieme al pigmento, ai cataboliti del parassita vengono riversati nel sangue. I merozoiti entro 1-2 minuti penetrano in altri globuli rossi e la moltiplicazione schizogonica riprende. Lo sviluppo è sincrono, la rottura dei globuli rossi è simultanea e provoca il parossismo malarico (accesso febbrile).

18 Malaria Ciclo: Nel P. vivax il sangue viene ricolonizzato dai merozoiti provenienti dagli epatociti. Fase sessuata: Dopo più cicli schizogonici ematici negli eritrociti si formano le forme sessuate del parassita: Macrogametocita--> macrogamete (femminile) Microgametocita--> microgamete (maschio) Femmina Anopheles succhiando il sangue di una persona infetta, acquisisce le forme sessuate del plasmodio avvolte nella membrana degli eritrociti che fuoriescono nello stomaco della zanzara dei GR parassitati.

19 Il nucleo subisce diverse divisioni mitotiche, fino a raggiungere la maturazione. A questo punto il microgamete feconda il macrogamete. Fusione dei 2 nuclei --> zigote--> oocinete (stomaco) L oocinete subisce una meiosi e si trasforma in oocisti (40-80 micron). All interno dell oocisti si formano sporozoiti che rompono l oocisti e raggiungono le ghiandole salivari dove sono pronte ad infettare circa una 20 di persone.

20

21

22

23

24 I globuli rossi parassitati esprimono sulla superficie, proteine di membrana eritrocitaria (PfEMP-1, PfEMP-2) che sono alla base dei fenomeni della rosettazione e citoaderenza alle cellule endoteliali con possibile ostruzione del circolo

25

26

27

28

29

30

31 Patogenesi: L azione patogena è svolta dai cicli sessuati dei parassiti nell emazie: Ipoglicemia Parossismo malarico Anemia emolitica CID TNF, cachessia Splenomegalia, Blackwater fever Malaria cerebrale: blocco dei capillari cerebrali dovuto ai GR parassitati. Cachessia : produzione di citochine, TNF-alfa, NO, IL-1, IL-6 La citoaderenza può portare ad ischemia cerebrale, ipossia, coma e morte. Malaria congenita

32 Risposta Immunitaria

33 Malaria Immunità

34 Epidemiologia: Condizioni che predispongono: Trasfusioni di sangue Uso di droghe Viaggio all estero in zone endemiche Linfoma di Burkitt Condizioni che non predispongono: Anemia falciforme Emoglobinopatie Difetti enzimatici (G-6PD) Talassemia Appartenenza al gruppo sanguigno Duffy (-) P.vivax.

35 Epidemiologia: Malattia endemica in : Asia (P.vivax) Africa (P.ovale, falciparum, malariae) America centrale (P.vivax) Sud America (P.vivax) Contatto ambientale: Temperatura, Umidità, posizione geografica, sottosviluppo, ambientale, povertà.

36

37

38 Rischio epidemiologico: Migrazione Zone di confino (marittimo, doganale, aeroporti) Stato di verginità immunologica Soggetti a rischio : immigrati, turisti, militari, studenti, marittimi, profughi, religiosi. Bambini in zone endemiche: da pochi mesi a 2-3 anni (dopo la scomparsa di anticorpi passivi di origine materna a prima di una solida premunizione)

39 Prevenzione della malaria Prevenzione delle punture di zanzare dal tramonto all alba - prevenzione primaria Utilizzo di farmaci che prevengono l insorgenza della malattia - prevenzione post esposizione Diagnosi precoce - prevenzione secondaria

40

41 Malaria Ridurre il contatto Uomo-zanzara. Letti impregnati di repellenti Indumenti protettivi Spray con DEET Lotta ai vettori: Modificazioni ambientali Larvicidi, Insetticidi (a base di piretroidi e piretro), controlli biologici Ridurre il serbatoio parassita : Chemioprofilassi

42 Protezione personale contro la malaria Le semplici misure volte a ridurre la frequenza di punture di zanzara in aree malariche sono molto importanti. Queste misure comprendono: a) evitare l esposizione alle zanzare durante le ore di massimo rischio di puntura (di solito, il tramonto e l alba, ma anche durante la notte) b) l uso di abiti adatti c) l uso di repellenti degli insetti (N,N-diethyil-methyl toluamide) d) l uso diffuso di zanzariere da letto (bed-net) in particolare quelle trattate con permetrina, riduce l incidenza della malaria e, ha ridotto la mortalità nell Africa Occidentale e orientale

43

44 Decrease Mosquito Population

45 Malaria Malattia non contagiosa Trasfusioni di sangue L uomo infetto è la sola fonte d infezione per gli anofeli Portatori sani Malaria in forma autoctona debellata: 1) grazie all eradicazione del vettore (DDT, modificazione ambientale, sviluppo socioeconomico) 2) Uso della chemioterapia antimalarica

46 Malaria in forma importata: Persiste e si deve a : Turisti provenienti da zone endemiche Recrudescenza della malattia / resistenza ai disinfestanti da parte dell Anopheles Comparsa di clorochino resistenti Esistenza di portatori sani.

47 P.falciparum 81.7 %

48 Malaria Profilassi: Perché nel Mondo si muore di malaria tra i viaggiatori internazionali : Ignoranza Si sottovaluta il pericolo di contrarre la malaria Resistenza ai farmaci da parte dei parassiti Errato uso di chemioterapici La protezione contro la malaria consiste nella-

49 Chemioprofilassi contro i parassiti malarici. Le indicazioni per la profilassi si fondano sulla conoscenza della sensibilità ai farmaci del parassita nella zona in causa e della probabilità di acquisire l infezione. Un viaggiatore dovrebbe prendere farmaci antimalarici regolarmente : La profilassi deve iniziare una settimana prima di partire Durante tutto il soggiorno 2 mesi dopo il ritorno

50

51 Caratteristiche cliniche di P.vivax e P.ovale Terzana benigna Tasso di letalità bassissimo Possibilità di recidive a distanza

52 Plasmodium vivax. Periodo d incubazione 13-17gg Epatomegalia I casi trattati si risolvono in tempi brevi Recrudescenze dopo settimane o mesi dovute ai plasmodi nel sangue Recidive (dovute agli ipnozoiti epatici) Sintomi: flu-like, mal di testa, dolori muscolari. Fotofobia, anoressia, vomito, nausea. Febbre, rigidità malarica, brividi.

53 Plasmodium ovale: Terzana benigna Infetta gli eritrociti giovani che assumono la forma ovale. Periodo d incubazione di 12-20gg Parassitano solo il 2-5% dei globuli rossi. I parossismi malarici si risolvono spontaneamente dopo 6-10 episodi Recidive per 4-5 anni Clinicamente è simile al P. vivax

54 P. malariae : E responsabile della quartana Predilige i globuli rossi vecchi Periodo d incubazione di 23-70gg 8 merozoiti, globuli rossi con i granuli di Ziemann Sudorazione accompagnata da collassi Proteinuria associata nei bambini ad altri segni di sofferenza nefrosica (edemi, ipoprotidemia, ascite, insufficienza renale) Il danno renale si deve agli IC che precipitano

55 Edema, nefrosi

56 Plasmodium knowlesi Definita malaria delle scimmie Confusa con il P.malariae responsabile della quartana. Causa insufficienza renale, distress respiratorio e insufficienza epatica. Letale in pochi giorni.

57 Plasmodium falciparum Periodo di prepatenza 6-9gg Periodo d incubazione 6-25gg Sintomi della fase prodromica prima dell attacco febbrile sono: Mal di testa, Febbre moderata, mialgia, anoressia, nausea, astenia, vomito, diarrea, Epatosplenomegalia Segue l attacco febbrile detto parossismo malarico che dura 4-8 ore, inizia con una fase di freddo (Fase algida), brividi squassanti per sensazione di freddo intenso; cianosi periferica; pallore; cute fredda

58 Segue una fase di caldo C (2-5 ore) con il paziente che avverte un intenso calore,, affaticamento, vertigini, anoressia, malessere. cute calda e con vasodilatazione; cefalea retrorbitale; vomito. Stadio della defervescenza Segue poi una fase di sudorazioni, ipotensione, poi si abbassa la T.Il paziente è esausto, prostrazione e segue una fase d insonnia. Segue un nuovo parossismo malarico. Anemia, Malaria cerebrale--> Morte

59 Malaria

60 Terzana maligna Anemia grave: ematocrito elevato riduzione di ossigeno anossia tissutale Encefalo: disorientamento spazio-temporale, delirio, stato stuporoso, fino al coma, convulsioni, segni focali (più frequenti nel bambino); Fegato: ittero, iperbilirubinemia, insufficienza epatica Reni: insufficienza renale acuta per necrosi tubulare acuta (relativa all ischemia) o per danno glomerulare (da depositi di IC); Polmoni ; Sindrome da distress respiratorio acuta Pericolosa è l ipoglicemia

61 Le 8 manifestazioni gravi di malaria: 1. Malaria cerebrale 2. Anemia grave malarica 3. Ipoglicemia 4. Acidosi metabolica 5. Insufficienza renale acuta 6. Edema polmonare 7. Collasso circolatorio, shock, o Malaria algida 8. Blackwater fever

62 Riepilogo delle differenze nelle caratteristiche cliniche di malaria grave negli adulti e nei bambini Frequenza Manifestazioni cliniche bambini Adulti Simile negli adulti e nei bambini Prostrazione Collasso cardiocircolatorio Più comune nei bambini malaria cerebrale Anemia grave Convulsioni multiple Acidosi metabolica Ipoglicemia /- Più comune negli adulti ittero Edema polmonare Emoglobinuria Emorragie anormali Insufficienza renale + +/+/+/+/

63

64

65

66

67 Diagnosi La malaria è una malattia multisistemica. Si presenta con una grande varietà di caratteristiche cliniche aspecifiche: non ci sono sintomi o segni patognomonici. Molti pazienti presentano febbre, dolori generali e malessere che sono inizialmente diagnosticati in modo errato, come "influenza". La malaria del P. falciparum può essere rapidamente progressiva e fatale. Una diagnosi precoce salva la vita e si basa su di un abile valutazione clinica a: Una buona storia - la residenza o una recente visita (nei precedenti tre mesi) in un paese dove è endemica la malaria - una storia di febbre (può essere parossistica in natura) - riconoscere il significato di aspetti clinici aspecifici come vomito, diarrea, mal di testa, malessere

68 Una visita medica - individuare i segni coerenti con la malaria: febbre, pallore, ittero, splenomegalia - escludere altre possibili cause di febbre (ad esempio segni di infezioni virali e batteriche) La diagnosi di malaria deve essere considerata in ogni persona che presenta malessere dopo che è stato in una zona malarica di recente.

69 Diagnosi di malaria Diagnosi microscopica: test emoscopici Quantitativi buffy coat (QBC) Test di ricerca rapido dell antigene (RDT) Test sierologici (ELISA, IFA) Diagnosi molecolare : PCR Altri : emocromo, test di laboratorio per valutare la funzionalità epatica e renale

70 Diagnosi microscopica Strisci di sangue: Gold standard Il test più preferito, economico, affidabile Striscio a goccia spessa: sensibile, diagnosi di infezione, Striscio sottile: Identificazione di specie in base alla morfologia

71 Diagnosi di laboratorio 3 prelievi di sangue periferico ogni 6-8 ore Striscio sottile e a goccia spessa Prendere il sangue che fluisce dal polpastrello spontaneamente Gli strisci vanno fissati con metanolo (striscio sottile) e colorati con MGG P.falciparum ( trofozoiti + gametociti) P. vivax, P.ovale, P.malariae (trofozoiti, schizonti gametociti)

72 Quantitative buffy coat (QBC) Test di Immunofluorescenza

73

74 altri test si basano sulla cattura della proteina II (PfHRP-II) STUDIO ATTIVITA ENZIMATICHE O ANTIGENICHE ASSOCIATE AL PARASSITA - Determinazione dell antigene (histidine rich protein-2, HRP-2) associato con il parassita della malaria (P. falciparum e P. vivax). - Determinazione dell enzima lattato deidrogenasi del Plasmodio (pldh) sia mediante la sua attività enzimatica che mediante immunoassay. - Determinazione dell aldolasi

75

76

77 TECNICHE BIOLOGIA MOLECOLARE - PCR Diagnosi sierologica: Test IHA, IFAT Per lo screening del sangue e per valutare il grado di trasmissione nelle aree endemiche

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

107

108

109 Terapia antimalarica Si basa su criteri anamnestetici, epidemiologici, clinici e laboratoristici; la specie di plasmodio, la forma clinica (complicata, non complicata), l area geografica di provenienza (l eventuale resistenza) e la precedente esecuzione di chemioprofilassi, sono tutti elementi di fondamentale importanza per la decisione terapeutica.

110 Malaria Terapia : Antimalarici attivi sulle forme asessuate ematiche o schizonticidi ematici: Clorochina (per via os 600mg poi 300mg) Chinino Meflochina (Lariam) Amodiachina Sulfamidici, solfoni, proguanil,sulfadiossinapirimetamina (Fansidar), trimethoprim. Tetracicline, Antimalarici attivi sulle forme epatiche latenti

111 Schizonticidi tissutali: Primachina (0,25mg7kg7die) Ceppi di P. falciparum clorochino resistenti : Sulfadiossina( 500mg)+ Pirimetamina (25mg). Chinino,tetraciclina, meflochina (15mg/kg)

112 Malarone Malarone è un efficace trattamento per adulti e bambini in aree dove il P.falciparum è resistente alla clorochina. Ogni pillola contiene atovaquone 250mg e Proguanil 100 mg. Dose: Dose adulto per trattamento: 4 pillole al giorno prese insieme per 3 gg (totale 12 pillole).

113 Nuovi antimalarici Atovaquone/Proguanil (Malarone (Malarone ) Per il trattamento e la profilassi di P. falciparum Atovaquone è un schizonticida ematico Il Proguanil è metabolizzato a cycloguanil, è uno schizonticida epatico. La combinazione è molto efficace per il trattamento delle forme di P. falciparum multifarmaco resistente.

114 Coartem (Artemetherlumefantrina) E un composto a dosi fisse di artemisia, pianta tradizionalmente utilizzata dalla medicina cinese, e lumefantrina, una sostanza di sintesi. L'azione sinergica di queste due sostanze annulla rapidamente l'infezione causata dal parassita e i principali sintomi della malaria. Può anche ridurre la trasmissione della malattia. L ultima scoperta

115

116 Malaria non complicata Definizione di malaria non complicata: Febbre e uno di questi sintomi: Mal di testa Dolore al corpo e sulle articolazioni Sensazione di freddo e brividi squassanti Perdita di appetito, dolori addominali Diarrea, nausea e vomito Epatosplenomegalia

117 Malaria complicata grave Confusione, sonnolenza, con estrema debolezza Inoltre si possono sviluppare : Alterazione del livello di coscienza (da debolezza a coma profondo) Malaria cerebrale Distress respiratorio Convulsioni multiple generalizzate Shock (collasso circolatorio, setticemia) Edema polmonare CID Ittero Emoglobinuria Insufficienza renale acuta (oligouria, anuria) Anemia grave (emoglobina < 5g/dl, ematocrito <15%) Febbre elevata Ipoglicemia (livello di glucosio nel sangue <2.2. mmol/l)

118

119

120

121 FATTORI CHE RENDONO COMPLESSO LO SVILUPPO DI UN VACCINO ANTI-MALARICO Dimensioni e complessità genetica del parassita Presenza di parassiti in diversi stadi del ciclo vitale Sviluppo di strategie in grado di confondere il sistema immunitario dell ospite Possibilità di infezione contemporanea da parte di più ceppi

122 Vaccini Bersagli dei Vaccini: Stadio Pre-eritrocitario - Prevenire l infezione - Ridurre la malattia Stadio ematico: - Prevenire la malattia Blocco della trasmissione: - Prevenire la trasmissione

123 Malaria vaccines Goal Reduce disease severity and death Goal Target population Block infection of liver Non-immune travelers in low transmission areas Block emergence from liver or RBC infection Children and pregnant women in high transmission areas Goal Target population Target population Children and pregnant women in high transmission areas In Africa AMA 1 based vaccine Phase I and II RTS,S - Phase III Prevent transmission Endemic communities Together with blood-stage vaccines, limit spread of vaccine resistance Any population and situation

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA

LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA LINEE GUIDA PER LA PROFILASSI ANTIMALARICA Z. Bisoffi #, G. Napoletano, F. Castelli e R. Romi per la Società Italiana di Medicina dei Viaggi e delle Migrazioni (SIMVIM) e la Società Italiana di Medicina

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Profilassi malaria SIMET:Layout 1 20/06/13 14:26 Pagina 1. in area endemica. Società Italiana di Medicina Tropicale (SIMET)

Profilassi malaria SIMET:Layout 1 20/06/13 14:26 Pagina 1. in area endemica. Società Italiana di Medicina Tropicale (SIMET) Profilas malaria SIMET:Layout 1 20/06/13 14:26 Pagina 1 Indicazioni per La Profilas Antimalarica nei viaggiatori in area endemica Società Italiana di Medicina Tropicale (SIMET) In collaborazione con Società

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA PROTOZOI INTESTINALI NEL CANE E NEL GATTO. ESCCAP Italia

CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA PROTOZOI INTESTINALI NEL CANE E NEL GATTO. ESCCAP Italia CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA PROTOZOI INTESTINALI NEL CANE E NEL GATTO ESCCAP Italia Traduzione ed adattazione Italiana della linea guida ESCCAP 6, Agosto 2011 2 INDICE: INTRODUZIONE.. 3 1. Considerazioni

Dettagli

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii In viaggio con i bambini 1 Indice Prefazione 4 Introduzione 5 Le vaccinazioni 7 EPATITE A FEBBRE TIFOIDE FEBBRE GIALLA ENCEFALITE GIAPPONESE ENCEFALITE DA MORSO DI ZECCA MALATTIA MENINGOCOCCICA COLERA

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Distribuzione codifiche anemia macrocitica PREVALENZA ANEMIA MACROCITICA Rete UNIRE 2.6 1.6 0.7 0.3 codificata folati

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli