UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA malaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2013-2014. malaria"

Transcript

1 UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA malaria

2 Protozoi ematici e tissutali Plasmodium spp Babesia spp Toxoplasma gondii Sarcocystis spp Leishmania spp Trypanosoma spp

3 La malaria è la più importante malattia parassitaria dell uomo e la principale causa di morbosità e mortalità soprattutto nelle zone tropicali e subtropicali endemiche. In questi ultimi anni nei paesi occidentali sono aumentati i casi d importazione, dovuti all aumento esponenziale dei viaggi internazionali ed all intensificarsi del fenomeno immigratorio

4 La malaria è una malattia che ogni anno causa milioni di casi all anno, con 1,5-2,7 milioni morti all anno. La maggior parte di questi decessi avviene nei bambini di età < 5 anni.

5 Malaria Phylum Apicomplexa Classe : Sporozoi Sottoclasse: Coccidia Sottordine: Haemosporina Famiglia: Plasmodidae Genere :Plasmodium Specie: falciparum, vivax, ovale, malariae, knowlesi Parassiti dixeni, ciclo tra un vertebrato ed un dittero ematofago del genere Anopheles.

6 Parassiti malarici umani Plasmodium falciparum: Terzana maligna Plasmodium vivax : Terzana benigna Plasmodium ovale : Terzana benigna Plasmodium malariae: Quartana Plasmodium knowlesi: malaria delle scimmie trasmessa all uomo, nel sud-est asiatico (accesso febbrile ogni 24 ore).

7 Trasmissione Il vettore è una zanzara: ANOPHELES La trasmissione avviene anche attraverso: 1. Trasfusioni di sangue 2. Aghi contaminati 3. Trapianti d organo 4. Transplacentare

8

9

10 Malaria Ciclo biologico: Costa di 3 fasi: Fase schizogonica Fase gametogonica Fase sporogonica

11

12

13 Fase schizogonica tissutale o esoeritrocitaria Fase asessuata : Puntura dell Anopheles, inietta gli sporozoiti (lunghi 12-15micron) nel sangue per poi localizzarsi a livello del parenchima epatico

14 Schizogonia epatica Parenchima epatico : trasformazione in schizonti e poi in migliaia di merozoiti. I merozoiti lasciano il parenchima epatico ed invadono i globuli rossi. Nel caso d infezioni da P.vivax, P.ovale i merozoiti rimangono dormienti come ipnozoiti.

15 Fase schizogonica ematica: I merozoiti nel globulo rosso si trasformano in trofozoiti (in un vacuolo a forma ad anello) Il trofozoita si accresce utilizzando l Hb che viene pinocitata ed introdotta nel vacuolo digestivo. Hb: globina viene degradata mentre la parte prostetica (l eme) viene trasformata in un pigmento ferro-porfirinico, bruno-nerastro detto emozoina che si accumula nel citoplasma del protozoo. Tale pigmento verrà fagocitato dai PMN e si deposita in vari organi conferendo l aspetto scuro noto come melanosi. Mentre i merozoiti invadono nuovi globuli rossi.

16

17 I trofozoiti utilizzano tutti i sistemi energetici del globulo rosso e si moltiplicano trasformandosi prima in schizonti e poi in merozoiti (6-32 ). L eritrocita si gonfia ed esplode, liberando i merozoiti che insieme al pigmento, ai cataboliti del parassita vengono riversati nel sangue. I merozoiti entro 1-2 minuti penetrano in altri globuli rossi e la moltiplicazione schizogonica riprende. Lo sviluppo è sincrono, la rottura dei globuli rossi è simultanea e provoca il parossismo malarico (accesso febbrile).

18 Malaria Ciclo: Nel P. vivax il sangue viene ricolonizzato dai merozoiti provenienti dagli epatociti. Fase sessuata: Dopo più cicli schizogonici ematici negli eritrociti si formano le forme sessuate del parassita: Macrogametocita--> macrogamete (femminile) Microgametocita--> microgamete (maschio) Femmina Anopheles succhiando il sangue di una persona infetta, acquisisce le forme sessuate del plasmodio avvolte nella membrana degli eritrociti che fuoriescono nello stomaco della zanzara dei GR parassitati.

19 Il nucleo subisce diverse divisioni mitotiche, fino a raggiungere la maturazione. A questo punto il microgamete feconda il macrogamete. Fusione dei 2 nuclei --> zigote--> oocinete (stomaco) L oocinete subisce una meiosi e si trasforma in oocisti (40-80 micron). All interno dell oocisti si formano sporozoiti che rompono l oocisti e raggiungono le ghiandole salivari dove sono pronte ad infettare circa una 20 di persone.

20

21

22

23

24 I globuli rossi parassitati esprimono sulla superficie, proteine di membrana eritrocitaria (PfEMP-1, PfEMP-2) che sono alla base dei fenomeni della rosettazione e citoaderenza alle cellule endoteliali con possibile ostruzione del circolo

25

26

27

28

29

30

31 Patogenesi: L azione patogena è svolta dai cicli sessuati dei parassiti nell emazie: Ipoglicemia Parossismo malarico Anemia emolitica CID TNF, cachessia Splenomegalia, Blackwater fever Malaria cerebrale: blocco dei capillari cerebrali dovuto ai GR parassitati. Cachessia : produzione di citochine, TNF-alfa, NO, IL-1, IL-6 La citoaderenza può portare ad ischemia cerebrale, ipossia, coma e morte. Malaria congenita

32 Risposta Immunitaria

33 Malaria Immunità

34 Epidemiologia: Condizioni che predispongono: Trasfusioni di sangue Uso di droghe Viaggio all estero in zone endemiche Linfoma di Burkitt Condizioni che non predispongono: Anemia falciforme Emoglobinopatie Difetti enzimatici (G-6PD) Talassemia Appartenenza al gruppo sanguigno Duffy (-) P.vivax.

35 Epidemiologia: Malattia endemica in : Asia (P.vivax) Africa (P.ovale, falciparum, malariae) America centrale (P.vivax) Sud America (P.vivax) Contatto ambientale: Temperatura, Umidità, posizione geografica, sottosviluppo, ambientale, povertà.

36

37

38 Rischio epidemiologico: Migrazione Zone di confino (marittimo, doganale, aeroporti) Stato di verginità immunologica Soggetti a rischio : immigrati, turisti, militari, studenti, marittimi, profughi, religiosi. Bambini in zone endemiche: da pochi mesi a 2-3 anni (dopo la scomparsa di anticorpi passivi di origine materna a prima di una solida premunizione)

39 Prevenzione della malaria Prevenzione delle punture di zanzare dal tramonto all alba - prevenzione primaria Utilizzo di farmaci che prevengono l insorgenza della malattia - prevenzione post esposizione Diagnosi precoce - prevenzione secondaria

40

41 Malaria Ridurre il contatto Uomo-zanzara. Letti impregnati di repellenti Indumenti protettivi Spray con DEET Lotta ai vettori: Modificazioni ambientali Larvicidi, Insetticidi (a base di piretroidi e piretro), controlli biologici Ridurre il serbatoio parassita : Chemioprofilassi

42 Protezione personale contro la malaria Le semplici misure volte a ridurre la frequenza di punture di zanzara in aree malariche sono molto importanti. Queste misure comprendono: a) evitare l esposizione alle zanzare durante le ore di massimo rischio di puntura (di solito, il tramonto e l alba, ma anche durante la notte) b) l uso di abiti adatti c) l uso di repellenti degli insetti (N,N-diethyil-methyl toluamide) d) l uso diffuso di zanzariere da letto (bed-net) in particolare quelle trattate con permetrina, riduce l incidenza della malaria e, ha ridotto la mortalità nell Africa Occidentale e orientale

43

44 Decrease Mosquito Population

45 Malaria Malattia non contagiosa Trasfusioni di sangue L uomo infetto è la sola fonte d infezione per gli anofeli Portatori sani Malaria in forma autoctona debellata: 1) grazie all eradicazione del vettore (DDT, modificazione ambientale, sviluppo socioeconomico) 2) Uso della chemioterapia antimalarica

46 Malaria in forma importata: Persiste e si deve a : Turisti provenienti da zone endemiche Recrudescenza della malattia / resistenza ai disinfestanti da parte dell Anopheles Comparsa di clorochino resistenti Esistenza di portatori sani.

47 P.falciparum 81.7 %

48 Malaria Profilassi: Perché nel Mondo si muore di malaria tra i viaggiatori internazionali : Ignoranza Si sottovaluta il pericolo di contrarre la malaria Resistenza ai farmaci da parte dei parassiti Errato uso di chemioterapici La protezione contro la malaria consiste nella-

49 Chemioprofilassi contro i parassiti malarici. Le indicazioni per la profilassi si fondano sulla conoscenza della sensibilità ai farmaci del parassita nella zona in causa e della probabilità di acquisire l infezione. Un viaggiatore dovrebbe prendere farmaci antimalarici regolarmente : La profilassi deve iniziare una settimana prima di partire Durante tutto il soggiorno 2 mesi dopo il ritorno

50

51 Caratteristiche cliniche di P.vivax e P.ovale Terzana benigna Tasso di letalità bassissimo Possibilità di recidive a distanza

52 Plasmodium vivax. Periodo d incubazione 13-17gg Epatomegalia I casi trattati si risolvono in tempi brevi Recrudescenze dopo settimane o mesi dovute ai plasmodi nel sangue Recidive (dovute agli ipnozoiti epatici) Sintomi: flu-like, mal di testa, dolori muscolari. Fotofobia, anoressia, vomito, nausea. Febbre, rigidità malarica, brividi.

53 Plasmodium ovale: Terzana benigna Infetta gli eritrociti giovani che assumono la forma ovale. Periodo d incubazione di 12-20gg Parassitano solo il 2-5% dei globuli rossi. I parossismi malarici si risolvono spontaneamente dopo 6-10 episodi Recidive per 4-5 anni Clinicamente è simile al P. vivax

54 P. malariae : E responsabile della quartana Predilige i globuli rossi vecchi Periodo d incubazione di 23-70gg 8 merozoiti, globuli rossi con i granuli di Ziemann Sudorazione accompagnata da collassi Proteinuria associata nei bambini ad altri segni di sofferenza nefrosica (edemi, ipoprotidemia, ascite, insufficienza renale) Il danno renale si deve agli IC che precipitano

55 Edema, nefrosi

56 Plasmodium knowlesi Definita malaria delle scimmie Confusa con il P.malariae responsabile della quartana. Causa insufficienza renale, distress respiratorio e insufficienza epatica. Letale in pochi giorni.

57 Plasmodium falciparum Periodo di prepatenza 6-9gg Periodo d incubazione 6-25gg Sintomi della fase prodromica prima dell attacco febbrile sono: Mal di testa, Febbre moderata, mialgia, anoressia, nausea, astenia, vomito, diarrea, Epatosplenomegalia Segue l attacco febbrile detto parossismo malarico che dura 4-8 ore, inizia con una fase di freddo (Fase algida), brividi squassanti per sensazione di freddo intenso; cianosi periferica; pallore; cute fredda

58 Segue una fase di caldo C (2-5 ore) con il paziente che avverte un intenso calore,, affaticamento, vertigini, anoressia, malessere. cute calda e con vasodilatazione; cefalea retrorbitale; vomito. Stadio della defervescenza Segue poi una fase di sudorazioni, ipotensione, poi si abbassa la T.Il paziente è esausto, prostrazione e segue una fase d insonnia. Segue un nuovo parossismo malarico. Anemia, Malaria cerebrale--> Morte

59 Malaria

60 Terzana maligna Anemia grave: ematocrito elevato riduzione di ossigeno anossia tissutale Encefalo: disorientamento spazio-temporale, delirio, stato stuporoso, fino al coma, convulsioni, segni focali (più frequenti nel bambino); Fegato: ittero, iperbilirubinemia, insufficienza epatica Reni: insufficienza renale acuta per necrosi tubulare acuta (relativa all ischemia) o per danno glomerulare (da depositi di IC); Polmoni ; Sindrome da distress respiratorio acuta Pericolosa è l ipoglicemia

61 Le 8 manifestazioni gravi di malaria: 1. Malaria cerebrale 2. Anemia grave malarica 3. Ipoglicemia 4. Acidosi metabolica 5. Insufficienza renale acuta 6. Edema polmonare 7. Collasso circolatorio, shock, o Malaria algida 8. Blackwater fever

62 Riepilogo delle differenze nelle caratteristiche cliniche di malaria grave negli adulti e nei bambini Frequenza Manifestazioni cliniche bambini Adulti Simile negli adulti e nei bambini Prostrazione Collasso cardiocircolatorio Più comune nei bambini malaria cerebrale Anemia grave Convulsioni multiple Acidosi metabolica Ipoglicemia /- Più comune negli adulti ittero Edema polmonare Emoglobinuria Emorragie anormali Insufficienza renale + +/+/+/+/

63

64

65

66

67 Diagnosi La malaria è una malattia multisistemica. Si presenta con una grande varietà di caratteristiche cliniche aspecifiche: non ci sono sintomi o segni patognomonici. Molti pazienti presentano febbre, dolori generali e malessere che sono inizialmente diagnosticati in modo errato, come "influenza". La malaria del P. falciparum può essere rapidamente progressiva e fatale. Una diagnosi precoce salva la vita e si basa su di un abile valutazione clinica a: Una buona storia - la residenza o una recente visita (nei precedenti tre mesi) in un paese dove è endemica la malaria - una storia di febbre (può essere parossistica in natura) - riconoscere il significato di aspetti clinici aspecifici come vomito, diarrea, mal di testa, malessere

68 Una visita medica - individuare i segni coerenti con la malaria: febbre, pallore, ittero, splenomegalia - escludere altre possibili cause di febbre (ad esempio segni di infezioni virali e batteriche) La diagnosi di malaria deve essere considerata in ogni persona che presenta malessere dopo che è stato in una zona malarica di recente.

69 Diagnosi di malaria Diagnosi microscopica: test emoscopici Quantitativi buffy coat (QBC) Test di ricerca rapido dell antigene (RDT) Test sierologici (ELISA, IFA) Diagnosi molecolare : PCR Altri : emocromo, test di laboratorio per valutare la funzionalità epatica e renale

70 Diagnosi microscopica Strisci di sangue: Gold standard Il test più preferito, economico, affidabile Striscio a goccia spessa: sensibile, diagnosi di infezione, Striscio sottile: Identificazione di specie in base alla morfologia

71 Diagnosi di laboratorio 3 prelievi di sangue periferico ogni 6-8 ore Striscio sottile e a goccia spessa Prendere il sangue che fluisce dal polpastrello spontaneamente Gli strisci vanno fissati con metanolo (striscio sottile) e colorati con MGG P.falciparum ( trofozoiti + gametociti) P. vivax, P.ovale, P.malariae (trofozoiti, schizonti gametociti)

72 Quantitative buffy coat (QBC) Test di Immunofluorescenza

73

74 altri test si basano sulla cattura della proteina II (PfHRP-II) STUDIO ATTIVITA ENZIMATICHE O ANTIGENICHE ASSOCIATE AL PARASSITA - Determinazione dell antigene (histidine rich protein-2, HRP-2) associato con il parassita della malaria (P. falciparum e P. vivax). - Determinazione dell enzima lattato deidrogenasi del Plasmodio (pldh) sia mediante la sua attività enzimatica che mediante immunoassay. - Determinazione dell aldolasi

75

76

77 TECNICHE BIOLOGIA MOLECOLARE - PCR Diagnosi sierologica: Test IHA, IFAT Per lo screening del sangue e per valutare il grado di trasmissione nelle aree endemiche

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

107

108

109 Terapia antimalarica Si basa su criteri anamnestetici, epidemiologici, clinici e laboratoristici; la specie di plasmodio, la forma clinica (complicata, non complicata), l area geografica di provenienza (l eventuale resistenza) e la precedente esecuzione di chemioprofilassi, sono tutti elementi di fondamentale importanza per la decisione terapeutica.

110 Malaria Terapia : Antimalarici attivi sulle forme asessuate ematiche o schizonticidi ematici: Clorochina (per via os 600mg poi 300mg) Chinino Meflochina (Lariam) Amodiachina Sulfamidici, solfoni, proguanil,sulfadiossinapirimetamina (Fansidar), trimethoprim. Tetracicline, Antimalarici attivi sulle forme epatiche latenti

111 Schizonticidi tissutali: Primachina (0,25mg7kg7die) Ceppi di P. falciparum clorochino resistenti : Sulfadiossina( 500mg)+ Pirimetamina (25mg). Chinino,tetraciclina, meflochina (15mg/kg)

112 Malarone Malarone è un efficace trattamento per adulti e bambini in aree dove il P.falciparum è resistente alla clorochina. Ogni pillola contiene atovaquone 250mg e Proguanil 100 mg. Dose: Dose adulto per trattamento: 4 pillole al giorno prese insieme per 3 gg (totale 12 pillole).

113 Nuovi antimalarici Atovaquone/Proguanil (Malarone (Malarone ) Per il trattamento e la profilassi di P. falciparum Atovaquone è un schizonticida ematico Il Proguanil è metabolizzato a cycloguanil, è uno schizonticida epatico. La combinazione è molto efficace per il trattamento delle forme di P. falciparum multifarmaco resistente.

114 Coartem (Artemetherlumefantrina) E un composto a dosi fisse di artemisia, pianta tradizionalmente utilizzata dalla medicina cinese, e lumefantrina, una sostanza di sintesi. L'azione sinergica di queste due sostanze annulla rapidamente l'infezione causata dal parassita e i principali sintomi della malaria. Può anche ridurre la trasmissione della malattia. L ultima scoperta

115

116 Malaria non complicata Definizione di malaria non complicata: Febbre e uno di questi sintomi: Mal di testa Dolore al corpo e sulle articolazioni Sensazione di freddo e brividi squassanti Perdita di appetito, dolori addominali Diarrea, nausea e vomito Epatosplenomegalia

117 Malaria complicata grave Confusione, sonnolenza, con estrema debolezza Inoltre si possono sviluppare : Alterazione del livello di coscienza (da debolezza a coma profondo) Malaria cerebrale Distress respiratorio Convulsioni multiple generalizzate Shock (collasso circolatorio, setticemia) Edema polmonare CID Ittero Emoglobinuria Insufficienza renale acuta (oligouria, anuria) Anemia grave (emoglobina < 5g/dl, ematocrito <15%) Febbre elevata Ipoglicemia (livello di glucosio nel sangue <2.2. mmol/l)

118

119

120

121 FATTORI CHE RENDONO COMPLESSO LO SVILUPPO DI UN VACCINO ANTI-MALARICO Dimensioni e complessità genetica del parassita Presenza di parassiti in diversi stadi del ciclo vitale Sviluppo di strategie in grado di confondere il sistema immunitario dell ospite Possibilità di infezione contemporanea da parte di più ceppi

122 Vaccini Bersagli dei Vaccini: Stadio Pre-eritrocitario - Prevenire l infezione - Ridurre la malattia Stadio ematico: - Prevenire la malattia Blocco della trasmissione: - Prevenire la trasmissione

123 Malaria vaccines Goal Reduce disease severity and death Goal Target population Block infection of liver Non-immune travelers in low transmission areas Block emergence from liver or RBC infection Children and pregnant women in high transmission areas Goal Target population Target population Children and pregnant women in high transmission areas In Africa AMA 1 based vaccine Phase I and II RTS,S - Phase III Prevent transmission Endemic communities Together with blood-stage vaccines, limit spread of vaccine resistance Any population and situation

Distribuzione geografica

Distribuzione geografica Aree di endemia malarica 1 3 milioni di morti all anno Fattori favorenti: clima (piogge-caldo); densità zanzare; mobilità delle popolazioni Distribuzione geografica Aree tropicali e subtropicali: Africa

Dettagli

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Plasmodium spp. G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Plasmodium spp G Di Bonaventura, PhD Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Phylum: Apicomplexa Classe: Sporozoea Presenza di un complesso apicale (attività lisosomiale di rhoptries e micronemi) e

Dettagli

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P.

Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo sono P. falciparum, P. Malaria Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Eziologia La malaria è una malattia parassitaria causata da protozoi appartenenti al genere Plasmodium, di cui le 4 specie principali patogene per l uomo

Dettagli

Protozoi ematici e tissutali. Plasmodium spp Babesia spp Toxoplasma gondii Sarcocystis spp Leishmania spp Trypanosoma spp

Protozoi ematici e tissutali. Plasmodium spp Babesia spp Toxoplasma gondii Sarcocystis spp Leishmania spp Trypanosoma spp Protozoi ematici e tissutali Plasmodium spp Babesia spp Toxoplasma gondii Sarcocystis spp Leishmania spp Trypanosoma spp La malaria è la più importante malattia parassitaria dell uomo e la principale causa

Dettagli

Plasmodium spp: la malaria

Plasmodium spp: la malaria Plasmodium spp: la malaria causata da protozoi appartenenti al phylum Apicomplexa, ordine Haemosporida i protozoi vivono intracellularmente (globuli rossi) dove in modo caratteristico producono un pigmento,

Dettagli

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte.

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte. Facoltà di Agraria UNIPD Precorso Biologia 2011 Verifica le tue competenze Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise in due sezioni: le domande di competenza

Dettagli

La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste

La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La malaria: profilassi ed epidemiologia dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste La malaria è una malattia che è trasmessa da un uomo malato

Dettagli

La malaria tra passato e presente

La malaria tra passato e presente La malaria tra passato e presente Che cose è la malaria? La malaria è una malattia causata da un protozoo parassita, il plasmodio, che vive e si riproduce alternativamente nel sangue umano e in diverse

Dettagli

7.- MALARIA. Cos'è. Cosa la provoca. Come si trasmette. Periodo di incubazione

7.- MALARIA. Cos'è. Cosa la provoca. Come si trasmette. Periodo di incubazione 7.- MALARIA (Questo materiale è stato elaborato a scopo informativo/didattico e non è sostitutivo delle consulenze mediche. Per necessità specifiche fare riferimento al proprio medico o al sistema sanitario

Dettagli

45. Appendice 4: malaria

45. Appendice 4: malaria 1 45. Appendice 4: malaria I edizione (vale per tutto il capitolo) 45. Appendice 4: malaria...1 45.1. EZIOLOGIA DELLA MALARIA... 3 45.1.1. Agente eziologico: sono quattro le specie di Plasmodium che infettano

Dettagli

MALARIA IN ITALIA FINE

MALARIA IN ITALIA FINE MALARIA NEL MONDO La malaria è una parassitosi trasmessa all uomo da zanzare E una delle principali cause di morte nel mondo Attualmente circa il 46% della popolazione mondiale vive in aree dove la malattia

Dettagli

Malaria: stato dell arte e prospettive future

Malaria: stato dell arte e prospettive future Malaria: stato dell arte e prospettive future Chemioprofilassi antimalarica nel bambino Vania Giacomet Struttura di Infettivologia Pediatrica Dipartimento di Pediatrica AO L Sacco Direttore Prof Zuccotti

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevenzione e controllo della malaria d importazione in Italia. Roberto Romi, Daniela Boccolini, Giancarlo Majori

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevenzione e controllo della malaria d importazione in Italia. Roberto Romi, Daniela Boccolini, Giancarlo Majori ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevenzione e controllo della malaria d importazione in Italia Roberto Romi, Daniela Boccolini, Giancarlo Majori Laboratorio di Parassitologia ISSN 1123-3117 Rapporti ISTISAN

Dettagli

Il sangue. Tessuto connettivo liquido

Il sangue. Tessuto connettivo liquido Il sangue Tessuto connettivo liquido IL SANGUE Tessuto connettivo fluido, rinchiuso in un sistema di canali comunicanti (vasi arteriosi e venosi) Costituito da una parte liquida: plasma e da elementi figurati

Dettagli

LA MALARIA. Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università di Firenze

LA MALARIA. Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università di Firenze LA MALARIA Esther, 11 mesi nata in Italia da genitori nigeriani seguita presso l Unità di Malattie Infettive perché nata da madre HIV+: 2 PCR per HIV-RNA negative Western blot à quasi completamente negativizzata

Dettagli

Parassitologia. Protozoi

Parassitologia. Protozoi Parassitologia Protozoi Microrganismi unicellulari eucarioti sprovvisti di pigmenti, eterotrofi, alcuni provvisti di mezzi di locomozione, generalmente aerobi-anaerobi facoltativi, a riproduzione asessuata

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Corso di Chemioterapia

Corso di Chemioterapia Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO 2012-13 Localizzazione patologie Parassiti Organismi che si accrescono

Dettagli

Corso di Chemioterapia

Corso di Chemioterapia Corso di Chemioterapia Università di Chieti-Pescara Facoltà di Farmacia Dipartimento di Farmacia Prof. Giustino Orlando ANNO ACCADEMICO 2012-13 Parassiti Organismi che si accrescono a spese di un altro

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali Ufficio III ex DGRUERI MALARIA Malaria Informativa n. 94 Dicembre

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

III. P.Ovale 15 gg. Fino a numerosi mesi Africa intertropicale IV. P.Malariae 20 gg. Esclusivamente in Africa

III. P.Ovale 15 gg. Fino a numerosi mesi Africa intertropicale IV. P.Malariae 20 gg. Esclusivamente in Africa Clinica Medica 29/04/03 ore 14-16 Sbobinatrice : Aiello Angela MALARIA La malaria è una parassitosi provocata da sporozoi appartenenti al genere Plasmodium, trasmessa all uomo da zanzare femmine del genere

Dettagli

FARMACI ANTIPROTOZOARI

FARMACI ANTIPROTOZOARI FARMACI ATIPRTZARI I PRTZI sono microrganismi unicellulari animali Si differenziano dai batteri per: ucleo cromosomico Citoplasma differenziato Strutture specializzate per il movimento e per l alimentazione

Dettagli

Informazioni per i pazienti. Cosa dovete sapere sulla malaria

Informazioni per i pazienti. Cosa dovete sapere sulla malaria Informazioni per i pazienti Cosa dovete sapere sulla malaria In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Patienteninformation Informazioni per i pazienti Importante Poiché la malaria è una

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA

CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CHEMIOTERAPIA ANTIPROTOZOARIA TRATTAMENTO DELLA MALARIA Prof.ssa Maura Palmery EPIDEMIOLOGIA E LA PIU IMPORTANTE PARASSITOSI CON 500 MILIONI DI NUOVI CASI CLINICI L ANNO (90%

Dettagli

I protozoi. lamblia, Entamoeba histolytica) - penetrazione diretta o per puntura di artropodi (Plasmodium

I protozoi. lamblia, Entamoeba histolytica) - penetrazione diretta o per puntura di artropodi (Plasmodium I protozoi Microrganismi unicellulari ad organizzazione eucariotica,, con dimensioni variabili tra 2 e 100 m. Alcuni protozoi richiedono due o più specie ospiti nel loro ciclo vitale: ospite definitivo

Dettagli

Utilizzano fenomeni di

Utilizzano fenomeni di Risposte attuate dalla popolazione Cambiamenti della struttura del genoma ADATTAMENTI GENETICI (a lungo termine) La risposta adattativa consiste nel cambiamento del tipo di geni disponibili, accumulatisi

Dettagli

TOXOPLASMA GONDII 10/03/2014. Phylum Protozoa. Subphylum Apicomplexa. Classe Sporozoasida. Subclasse Coccidia. Ordine Eucoccidida

TOXOPLASMA GONDII 10/03/2014. Phylum Protozoa. Subphylum Apicomplexa. Classe Sporozoasida. Subclasse Coccidia. Ordine Eucoccidida Phylum Protozoa Subphylum Apicomplexa Classe Sporozoasida Subclasse Coccidia Ordine Eucoccidida Famiglia Sarcocystiidae Genere Toxoplasma TOXOPLASMA GONDII cosmopolita Felidi - CICLO COMPLETO (fase asessuata

Dettagli

8. Parte IV: Sviluppo di un sistema multi-cinetico e sito specifico per

8. Parte IV: Sviluppo di un sistema multi-cinetico e sito specifico per 8. Parte IV: Sviluppo di un sistema multi-cinetico e sito specifico per la terapia combinata della malaria 8.1 Patogenesi della malaria La malaria è una tra le malattie più diffuse al mondo. Nelle aree

Dettagli

Profilassi dell infezione malarica

Profilassi dell infezione malarica Focus on Profilassi dell infezione malarica Francesco Castelli, Fabio Buelli Clinica di Malattie Infettive e Tropicali, Università di Brescia Introduzione e note di epidemiologia La malaria (nome internazionale

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Evoluzione delle malattie legate alla povertà. Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata

Evoluzione delle malattie legate alla povertà. Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata Evoluzione delle malattie legate alla povertà M. Fraziano, M. Fuciarelli Dipartimento di Biologia, Università di Roma Tor Vergata La triade epidemiologica: l intersezione tra vettore-ospite/patogeno/ambiente

Dettagli

PATOLOGIE TROPICALI E DEL GRANDE VIAGGIATORE

PATOLOGIE TROPICALI E DEL GRANDE VIAGGIATORE Roma 24 novembre 2009 PATOLOGIE TROPICALI E DEL GRANDE VIAGGIATORE Alessandro Bartoloni Dipartimento Area Critica Medico Chirurgica Università degli Studi di Firenze SOD Malattie Infettive e Tropicali

Dettagli

INTERAZIONI TRA POPOLAZIONI COMPETIZIONE COMPETIZIONE INTERSPECIFICA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA 2

INTERAZIONI TRA POPOLAZIONI COMPETIZIONE COMPETIZIONE INTERSPECIFICA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA 2 Tipo di interazione Specie 1 Specie 2 Natura dell interazione Commensalismo + 0 Popolazione 1, commensale, avvantaggiata, popolazione 2 non influenzata Protocooperazione + + Interazione favorevole ad entrambe

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA Assessorato politiche per la salute EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA IN EMILIA-ROMAGNA 1999-2010 Servizio Sanità Pubblica - Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali - Regione Emilia-Romagna Il rapporto

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria

Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria Viaggiare sicuri: prevenzione e trattamento della malaria Merqurio 5 Ago 2014 a cura di: Ivan Gentile, Medico Virologo Revisione e adattamento: Maria De Chiaro, Laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche

Dettagli

Aspetti biologici e clinici della malaria: progressi verso l'eradicazione della malattia

Aspetti biologici e clinici della malaria: progressi verso l'eradicazione della malattia RASSEGNE REVIEWS Aspetti biologici e clinici della malaria: progressi verso l'eradicazione della malattia Andrea Mosca 1, Nicoletta Basilico 2, Romualdo Grande 3, Donatella Taramelli 2 1Dipartimento di

Dettagli

FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro?

FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro? FARMACI PER PROFILASSI MALARIA: Lariam, Malarone o altro? Ci sono diversi aspetti da tenere in considerazione quando si sceglie un farmaco come profilassi per la malaria: I farmaci consigliati per la prevenzione

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria

Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria Malattie infettive Il globe trotter non si esima dalla necessaria cautela anti malaria Renato Rossi Medicina generale Verona LA STORIA Anopheles included? L aumentata propensione delle persone a recarsi

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento

Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Aggiornamenti in tema di medicina dei viaggi Epidemiologia della malaria di importazione in Italia e nel Veneto negli ultimi anni: un quadro in mutamento

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE

RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE 1 FARMACO PROPOSTO: RICHIESTA DI INSERIMENTO DI UN NUOVO FARMACO NEL PRONTUARIO TERAPEUTICO REGIONALE Denominazione e principio attivo: Eurartesim (diidroartemisinina + piperachina tetrafosfato) Diidroartemisinina

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

Pescara 21 Febbraio 2015 Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Pescara. Dott. Ennio Polilli Gruppo Operativo Epidemiologico AUSL Pescara

Pescara 21 Febbraio 2015 Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Pescara. Dott. Ennio Polilli Gruppo Operativo Epidemiologico AUSL Pescara Conoscere e fronteggiare le nuove Emergenze infettive: la Malattia da Virus Ebola Pescara 21 Febbraio 2015 Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Pescara Dott. Ennio Polilli Gruppo Operativo Epidemiologico

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

Entamoebahistolytica. G. Di Bonaventura Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Entamoebahistolytica. G. Di Bonaventura Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Entamoebahistolytica G. Di Bonaventura Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara Epidemiologia Phylum: Sarcomastigophora, Subphylum: Sarcodina (amebe), Generi: Entamoeba, Acanthamoeba, Naegleria. Differenti

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasma gondii Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasmosi - Epidemiologia Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea)

Dettagli

S. Cazzaniga I. Mauri E. Longoni U. Mosca

S. Cazzaniga I. Mauri E. Longoni U. Mosca S. Cazzaniga I. Mauri E. Longoni U. Mosca L'AIKI SHIATSU NELLA TERAPIA DEGLI EFFETTI INDESIDERATI PROVOCATI DALLE TERAPIE RETROVIRALI IN PAZIENTI HIV POSITIVI Lo scopo dello studio che abbiamo presentato,

Dettagli

Ministero della Sanità

Ministero della Sanità Ministero della Sanità Circolare n. 14 del 11 novembre 1997 LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLA MALARIA INTRODUZIONE La malaria è una malattia infettiva causata da protozoi del genere

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Virus delle febbri emorragiche 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Hemorrhagic Fever Viruses JAMA, 2002; 287:2391 Family Disease Vector in Nature Geographic Distribution

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo

HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo HIV e infezioni tropicali concorrenti: uno studio caso-controllo Declich S a, Francesconi P a, Okwey R b, Ouma J b, Ochakachon R b, Dente MG a and Fabiani M a a Reparto Malattie Infettive, Laboratorio

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald

La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald La malaria e una malattia causata da un parassita, il plasmodio (un genere di sporozoi), che vive e si riproduce alternativamente nell uomo e in un

Dettagli

Siena 24 marzo 2014 MALARIA

Siena 24 marzo 2014 MALARIA Siena 24 marzo 2014 MALARIA Federico Gobbi Centro per le Malattie Tropicali, Negrar VR LA MALARIA La malaria è la malattia protozoaria trasmessa da vettore più diffusa al mondo è endemica in > 90 paesi

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale

MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale MVE:Gestione clinica e diagnostica differenziale Nicola Petrosillo INMI L. Spallanzani La malattia da virus Ebola (MVE) è caratterizzata dall insorgere improvviso di febbre e malessere generale, accompagnata

Dettagli

EIMERIOSI ISOSPOROSI. Il loro ciclo biologico di norma prevede un solo ospite. MONOXENO

EIMERIOSI ISOSPOROSI. Il loro ciclo biologico di norma prevede un solo ospite. MONOXENO Phylum APICOMPLEXA Possiedono un COMPLESSO APICALE, sono caratterizzati dal compiere alcune fasi del ciclo vitale in sede intracellulare. Si muovono per scorrimento, presentano sia riproduzione sessuata

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

La leishmaniosi è una malattia trasmessa da vettori, dovuta a numerose specie

La leishmaniosi è una malattia trasmessa da vettori, dovuta a numerose specie Leishmaniosi Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La leishmaniosi è una malattia trasmessa da vettori, dovuta a numerose specie del protozoo Leishmania spp, che si manifesta in tre forme cliniche principali:

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

INTRODUZIONE E BIBLIOGRAFIA

INTRODUZIONE E BIBLIOGRAFIA INTRODUZIONE E BIBLIOGRAFIA 2.400.000.000 persone (il 40% della popolazione mondiale) vivono in paesi a rischio malaria. Si stima che nel mondo colpisca ogni anno dai 300 ai 500 milioni di persone. Il

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Malaria: malattia in aumento

Malaria: malattia in aumento Malaria: malattia in aumento Elisabetta Castagna*, Elena Migliore, Emanuele Bernardi^, Antonella Iacobucci, Salvatore Franco SC Medicina d Urgenza e DEA, Ospedale S. Croce e Carle, Cuneo *Scuola di Specializzazione

Dettagli

Febbre al rientro da Malindi, Kenya

Febbre al rientro da Malindi, Kenya Febbre al rientro da Malindi, Kenya Una giovane coppia di fidanzati (26 anni lui, 23 anni lei) sono rientrati da una settimana da un viaggio a Malindi, Kenya, durato quindici gg. Non hanno effettuato alcuna

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Corso di Perfezionamento Malattie Tropicali e Cooperazione Internazionale. Firenze, 13 maggio 2008 LA MALARIA. Aspetti epidemiologici

Corso di Perfezionamento Malattie Tropicali e Cooperazione Internazionale. Firenze, 13 maggio 2008 LA MALARIA. Aspetti epidemiologici Corso di Perfezionamento Malattie Tropicali e Cooperazione Internazionale Firenze, 13 maggio 2008 LA MALARIA Aspetti epidemiologici Alessandro Bartoloni Clinica Malattie Infettive, Dipartimento Area Critica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0004776-19/02/2016-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA A UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF -SASN

Dettagli

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasma gondii Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasmosi - Epidemiologia Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea)

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Promemoria per i viaggiatori

Promemoria per i viaggiatori Promemoria per i viaggiatori Servizio di Medicina dei Viaggi dell INMP Promemoria per i viaggiatori INDICE I RISCHI DI INFEZIONE 2 LA MALARIA 6 FARMACI: LE INDICAZIONI DEL MEDICO 10 PROMEMORIA PER I VIAGGIATORI

Dettagli

Famiglia Bunyaviridae

Famiglia Bunyaviridae Famiglia Bunyaviridae 5 generi 250 specie Genere Patologia nell uomo Bunyavirus Encefaliti LaCrosse, altre Phlebovirus Febbre della Rift Valley, febbre da flebotomi Nairovirus Tospovirus Hantavirus Febbre

Dettagli

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009

Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 Malaria nella Regione Veneto Dati al 31 dicembre 2009 STRUTTURE COMPETENTI Direzione Prevenzione Servizio Sanità Pubblica e Screening REDAZIONE A CURA DI Dr. Francesca Pozza Dr. Cinzia Piovesan Dr. Francesca

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Fisiopatologia dell emolisi. I GR normalmente sopravvivono 120 giorni

Fisiopatologia dell emolisi. I GR normalmente sopravvivono 120 giorni Fisiopatologia dell emolisi I GR normalmente sopravvivono 120 giorni Fisiopatologia dell emolisi GR senescenti Perdita di H 2 O ed enzimi La membrana si impoverisce di acido sialico, galattosamina e aminoacidi

Dettagli