Indice. 1 Le operazioni della Banca Centrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Le operazioni della Banca Centrale ------------------------------------------------------------------ 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI POLITICA ECONOMICA LEZIONE VI LA POLITICA MONETARIA (PARTE II) PROF. GAVINO NUZZO

2 Indice 1 Le operazioni della Banca Centrale L'equilibrio del mercato monetario Il controllo della Banca Centrale sull offerta di moneta L Italia nel SEBC di 2

3 1 Le operazioni della Banca Centrale La Banca centrale, dunque, controlla lo stock di base monetaria, attraverso le seguenti operazioni: a) Operazioni di mercato aperto. La Banca centrale crea base monetaria quando acquista titoli dal mercato. L'acquisto di un titolo comporta il pagamento al suo possessore. La Banca paga il venditore emettendo un assegno su se stessa. Il venditore potrà depositare la somma ricevuta presso la sua banca, si innesca, in questo modo, il meccanismo del moltiplicatore sopra descritto. b) Operazioni in valuta estera. Queste operazioni servono alla Banca centrale per controllare i cambi. La Banca può acquistare valuta estera da immettere nel proprio circuito per evitare un'impennata della valuta. L'acquisto della valuta estera è reso possibile dall'emissione di nuova base monetaria, per compensare ciò, la Banca può vendere titoli di Stato e ritirare, dai mercati, base monetaria. Tale operazione è nota come sterilizzazione. c) Determinazione del tasso di sconto. Il tasso di sconto è il tasso a cui la Banca centrale concede prestiti alle altre banche. Esso è il termometro del mercato finanziario perché sulla sua base vengono determinati il tasso di interesse e il tasso interbancario. Quando il tasso di sconto è elevato si è in presenza di una stretta creditizia, ossia l'autorità centrale ha stabilito di ridurre il credito, solitamente ciò accade per fronteggiare un processo inflazionistico. d) Imposizione di vincoli di portafoglio e di limiti al credito bancario. Queste operazioni di controllo, che rientrano nelle possibilità della Banca centrale, non sono diffuse in tutte le economie mondiali ma sono presenti nel nostro Paese. La Banca centrale può imporre alle banche del circuito di mantenere un certo rapporto tra le attività di portafoglio, in altri termini, le banche sono obbligate a spostare i loro impieghi dai prestiti all'acquisto di titoli. Questo vincolo innalza il tasso di interesse sul credito e abbatte il tasso di rendimento dei titoli. La Banca centrale può anche fissare limiti all'espansione del credito, stabilendo che il volume dei prestiti non possa esorbitare un certo ammontare quantunque le 3 di 3

4 banche sarebbero disposte a concedere maggiori crediti. Come si coglie immediatamente, questi vincoli interferiscono pesantemente nei mercati. Il finanziamento del deficit: il rapporto tra la Banca centrale e il Tesoro Per la copertura dei suoi disavanzi, il Tesoro può ricorrere al debito pubblico attraverso l'emissione di titoli di Stato. Quando il Tesoro vende i titoli direttamente ai privati, afi-onte delle somme ricavate da queste vendite, aumenta le sue riserve presso la Banca centra/e, via via che utilizza queste risorse per finanziare il deficit per rimborsare i titoli la situazione del suo credito ritorna quella di partenza. Non vi è stata creazione di base monetaria. Il Tesoro può però ricorrere alla Banca centrale per finanziare il deficit, ciò accade quando vende i titoli direttamente alla Banca centrale e sulla base di questi titoli emette assegni su di essa. Questo meccanismo genera base monetaria attraverso il moltiplicatore.!n Italia fino al 1981 la Banca centrale era obbligata in forza di legge ad acquistare i Titoli di Stato che non erano stati assorbiti dal mercato. Tale vincolo la rendeva molto vulnerabile e depotenziava gravemente la sua autonomia nel creare base monetaria. Dal 1981 al 1993 le cose sono andate in modo diverso. Non vi era più alcun obbligo all'acquisto di titoli di Stato invenduti per la Banca, mentre al Tesoro era consentito uno scoperto sul suo conto limitato a114% delle spese inserite nel bilancio di previsione dello Stato. Se lo scoperto era superiore a quella percentuale, occorreva un provvedimento legislativo affinché la Banca d'italia accettasse di coprire il disavanzo. Dal 1993, in seguito al Trattato di Maastricht le cose sono ulteriormente cambiate. Al Tesoro non viene riconosciuto alcun trattamento di credito preferenziale. La legge 483/1993 (si veda ora l'art. 5 deld.p.r. 398/ 2003) sul servizio di tesoreria di Stato ha vietato anticipazioni al Tesoro, il quale viene obbligato ad accendere un fondo presso la Banca d'italia. La dotazione iniziale di tale fondo è di euro ,973, su tale fondo la Banca d'italia svolge i compiti di tesoriere provvedendo agli incassi ed ai pagamenti. Qualora il saldo risulti negativo, il Tesoro è tenuto a ripristinare il livello del fondo entro tre mesi, se l'ammanco mensile supera del 50% il deposito iniziale, il Tesoro è tenuto ad informare il Parlamento con una relazione giustificativa. Infine, se si verificano saldi a debito del Tesoro, la Banca non esegue nessun altro pagamento e procede alla messa in mora. 4 di 4

5 2 L'equilibrio del mercato monetario Siamo finalmente giunti a determinare le condizioni di equilibrio del mercato monetario. Per semplicità, fissiamo come dati il livello dei prezzi pari a Po e quello del reddito Yo, in tal modo la domanda di moneta dipenderà soltanto dal tasso di interesse. Come sappiamo l'equilibrio sarà assicurato dall'eguaglianza tra domanda e offerta espresse in termini reali: M/P = Md(i, Y). Sotto le ipotesi di costanza del livello dei prezzi e del reddito ed esprimendo l'offerta di moneta tramite moltiplicatore, avremo: mm (i,id,cu,re) H/Po =Md(i,Yo) La condizione di equilibrio che abbiamo, così, ricavato tiene conto dei tassi di interesse e di tutte le altre variabili su cui ci siamo concentrati in questo capitolo. Dalla figura traiamo alcune conclusioni sul funzionamento del mercato. i Ms Ms1 i0 E i1 E1 Md Fig. D 0 M0/P0 M1/P0 Moneta in termini reali M/P La domanda di moneta Md presenta un andamento decrescente rispetto al tasso di interesse quando il livello del reddito è fissato, in quanto la preferenza per la liquidità aumenta se il costo opportunità della detenzione di moneta si abbassa. L'offerta di moneta, MS, crescente, è indicata per uno stock dato di base monetaria. Il suo andamento si giustifica in quanto, per elevati livelli del tasso di interesse, le banche desiderano depositare minori riserve (re si abbassa), e questo farà aumentare il moltiplicatore. 5 di 5

6 A partire da una situazione di equilibrio, determinato nel punto E, si immagini di aumentare la base monetaria attraverso un'operazione di mercato aperto. Come sappiamo, via moltiplicatore, l'offerta di moneta aumenterà più che proporzionalmente rispetto all'iniziale aumento della base monetaria. In corrispondenza di questo evento si traccia la nuova curva di offerta di moneta Ms1 tale curva prevede un nuovo punto di equilibrio E1, in corrispondenza del quale vi saranno un tasso di interesse più basso ed una maggiore quantità di moneta. Possiamo ottenere il medesimo risultato ragionando nei termini del modello IS-LM, come accade nella figura E. i LM LM1 E E1 IS Fig. E 0 Y0 Y Dall'iniziale equilibrio in E, l'incremento della base monetaria sposta la LM in LM1, il nuovo punto di equilibrio E1 prevede un tasso di interesse più basso e un maggiore livello del reddito. Sulla base di questo modello i policy makers mettono a punto le politiche monetarie, scartando l'ipotesi monetarista forte che nega qualsiasi possibilità a questa tipologia d'intervento. 6 di 6

7 3 Il controllo della Banca Centrale sull offerta di moneta In questo paragrafo si intende dimostrare che la Banca centrale non possa stabilire simultaneamente il tasso di interesse e lo stock di moneta ai livelli desiderati. Da questa impossibilità sorgono alcuni problemi di controllo dell'offerta di moneta. La figura F mostra ciò di cui stiamo parlando: i i* E i0 E1 Md 0 M0//P0 M*/P0 M/P0 Fig. F -La Banca centrale, i tassi d'interesse e lo stock reale di moneta In essa è presentata la curva di domanda Ma, come si nota, la Banca centrale può alternativamente stabilire il livello i* oppure M*/Po, ma non entrambi, questo perché non è in grado di modificare la curva di domanda di moneta, per cui, qualunque livello di equilibrio sarà raggiunto dal sistema, esso dovrà corrispondere a una combinazione giacente sulla curva Md e la combinazione I" W/Po non appare su Md. Tecnicamente per la Banca centrale è più semplice controllare il tasso di interesse, infatti in primo luogo è più agevole conoscere il suo andamento, quasi in tempo reale, inoltre, 7 di 7

8 quando essa vuole portarlo ad un livello più elevato dovrà, semplicemente, procedere alla vendita di titoli di Stato, nell'ipotesi contraria essa procede all'acquisto di titoli. Questo meccanismo funziona in quanto esiste una relazione inversa tra il prezzo di un titolo e il suo rendimento, per cui quando vi sono pochi titoli a disposizione dei mercati (perché la Banca centrale li sta rastrellando) il loro prezzo aumenta e il tasso di interesse (collegato al rendimento dei titoli di Stato) diminuisce. L'offerta di moneta è più difficile da controllare in quanto, in primo luogo la Banca reperisce informazioni su questa quantità con ritardo, inoltre le continue variazioni del moltiplicatore impediscono il controllo dell'offerta di moneta, pur essendo nota la dimensione della base monetaria. Nel perseguimento di una politica monetaria, la Banca centrale si pone degli obiettivi. Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, la Banca centrale può alternativamente fissare come obiettivo il mantenimento di un certo livello di tasso di interesse, ovvero di un certo stock di moneta. Tali obiettivi sono però strumentali, in quanto al di là di essi ve ne saranno di più sostanziali, quali, ad esempio, il raggiungimento di un certo livello di reddito, o di una certo tasso di crescita del sistema economico, ovvero di una certa riduzione della disoccupazione. Poniamo che la politica monetaria della Banca centrale abbia come obiettivo il raggiungimento di un livello di prodotto pari a Y*. Per dirigere il sistema economico in questa direzione, la Banca centrale può alternativamente lasciare fissa la base monetaria, ovvero il tasso di interesse. Le curve LM(M) e LM(i) rappresentano rispettivamente le combinazioni di equilibrio del mercato monetario per i diversi valori del prodotto e del tasso di interesse, quando rispettivamente la Banca centrale tiene fissa la quantità di moneta LM(M) e il livello del tasso di interesse LM (i). Le diverse curve IS dimostrano l'incertezza sul comportamento dei mercati dei beni in risposta alla politica monetaria. In effetti, molto dipende da come variano le decisioni di investimento al variare di quest'ultima, ma questa informazione è sconosciuta alla Banca centrale quando essa determina quale tipo di strategia prescegliere. 8 di 8

9 Quando il reddito è lontano dal suo livello ottimale, soprattutto a causa delle variabili che determinano la curva IS (ossia quando il mercato dei beni è instabile), è preferibile perseguire una politica monetaria che mantenga M costante. Infatti quando la IS si sposta a destra, soltanto la curva LM(M) genera un meccanismo di stabilizzazione automatica, via aumento del tasso di interesse, invece la LM(i) non è capace di agire alcuna contromisura e pertanto sarebbe molto improbabile, in questo scenario, il raggiungimento del livello di reddito di equilibrio. Quando il mercato dei beni è stabile e la IS si mantiene fissa, l'incertezza sui risvolti della politica monetaria può attribuirsi soltanto agli spostamenti della LM. La figura mostra cosa avviene in questo caso, opposto al precedente. i LM1 LM2 i* IS 0 Y1 Y2 Y3 Incertezza della politica monetaria e la LM Con la IS stabile, quando la politica monetaria si concentra sull'offerta di moneta, non si potranno prevedere le conseguenze sulla domanda di moneta e la LM potrebbe spostarsi tanto in LMl quanto in LM2. Se la Banca centrale, invece, definisse il tasso di interesse al livello i*, il raggiungimento del reddito Y* verrebbe garantito. Pertanto, quando la domanda di moneta è molto instabile, la politica monetaria deve fissare il suo obiettivo in termini di tasso di interesse. La critica monetarista insiste nell'affermare che la crescita della offerta di moneta causa inevitabilmente inflazione e che l'unica alternativa a ciò consiste in un aumento 9 di 9

10 moderato e costante della base monetaria. Anche fissando, in alternativa, il tasso di interesse ad un livello stabilito, non si riuscirà a domare l'inflazione. Un ulteriore strumento di politica monetaria attuato dalla Banca centrale è quello del razionamento del credito che abbiamo già visto nel capitolo precedente. Questo tipo di intervento è molto forte in quanto incide direttamente sugli investimenti delle imprese e sui consumi delle famiglie. In presenza di razionamento del credito, il tasso di interesse in vigore sul mercato non esprime un indicatore attendibile per la politica monetaria, tuttavia 1a misura in cui il credito viene razionato manifesta le aspettative per il futuro degli operatori economici. Abbiamo accennato in apertura di questo paragrafo che esiste una sostanziale differenza di rango tra gli obiettivi della politica monetaria, per cui alcuni di essi sono essenzialmente strumentali, mentre altri appaiono strutturali. Occorre anzi tutto distinguere tra gli obiettivi finali e quelli intermedi. Tra gli obiettivi finali rientrano quelli strutturali come il livello del reddito, il tasso di disoccupazione, il tasso di inflazione ecc.; gli obiettivi intermedi corrisponde no, grosso modo, a quelli strumentali e possono consistere nel mantenimento di un certo tasso di interesse, di un certo stock di moneta, di un certo livello di cambio con le monete estere ecc. Gli obiettivi intermedi vengono fissati per monitorare il sentiero per il raggiungimento di quelli finali. Essi sono più facilmente controllabili e, inoltre, fungendo da monitor vanno periodicamente rivisti e ripensati. La frequenza con cui si ricontrollano taluni parametri può determinare il successo o l'insuccesso di una certa politica monetaria. Ad esempio, se lo scopo della Banca centrale è quello di mantenere un certo livello di crescita del PIL nominale, e per realizzare ciò essa decide di aumentare annualmente la base monetaria di una certa percentuale, sarà opportuno monitorare se, nel frattempo, la velocità di circolazione della moneta non sia cambiata. Gli obiettivi intermedi sono anche posti perché la politica monetaria non conosce con esattezza la bontà degli obiettivi finali, per esempio se si stabilisse di raggiungere un livello di disoccupazione molto basso, poniamo pari all'1%, potrebbe darsi che questo livello comporti un tasso di inflazione tanto alto da rendere sconsigliabile per il Paese la prosecuzione di politiche per il sostegno dell'occupazione. La Banca centrale quando si pone degli obiettivi intermedi è anche in grado di controllare se sta procedendo bene, inoltre se questi obiettivi sono portati a conoscenza 10 di 10

11 dell'opinione pubblica, da un lato su di essi può aprirsi un dibattito che consente alle diverse forze sociali di esprimere la loro opinione e le loro esigenze; dall'altro la Banca assume delle responsabilità dirette nei confronti dei cittadini. Un obiettivo intermedio deve possedere due requisiti essenziali: - è sempre una variabile che la Banca centrale può controllare, almeno in qualche misura; - è una variabile correlata alla macrovariabile che costituisce l'obiettivo finale. Appare chiaro che, mentre, su alcuni elementi la Banca centrale risulta in condizioni di operare un rigido controllo, su altri non vi riesce con la stessa efficacia. L'elemento che più di ogni altro è soggetto al controllo della Banca centrale è, come sappiamo, la base monetaria. Il suo ammontare dipende unicamente da essa, tuttavia, stabilire un obiettivo intermedio con riferimento alla base monetaria può risultare fuorviante. Seppure esso sarà rispettato agilmente, il risultato complessivo dello sforzo di controllo potrebbe andare perduto, in quanto variazioni del moltiplicatore o della velocità di circolazione della moneta comportano modifiche non desiderate del livello nominale del PIL. Quando invece la Banca centrale annuncia un obiettivo di lungo periodo in termini di crescita del PIL nominale, accompagnato da un obiettivo intermedio, congruente, di crescita della base nominale, da un lato essa pone maggiore distacco tra se stessa ed eventuali fallimenti poiché il PIL è determinato da molti elementi al di fuori della sua portata (shock dell'offerta, politica fiscale, ecc), dall'altro essa dovrebbe impegnarsi anche nel continuo monitoraggio della velocità di circolazione della moneta. Come si nota la stessa scelta degli obiettivi è un problema della politica monetaria. 11 di 11

12 4 L Italia nel SEBC Nel 1998 i quindici Paesi dell'unione Europea (ora la UE è formata da 27 Paesi) hanno raggiunto l'accordo di adottare una moneta unica, dando vita alla Banca Centrale Europea (BCE), organismo dotato di personalità giuridica. Attualmente la moneta unica riguarda soltanto 13 dei Paesi dell'unione. La BCE è il cuore pulsante del Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) nato con l'accordo di Maastricht, esso si compone oltre che della BCE di tutte le Banche Centrali dei Paesi aderenti, senza che nessuna di esse abbia perso la propria personalità giuridica. Il SEBC rappresenta un canale di collegamento tra tutte queste unità, i suoi compiti sono stabiliti dal Trattato di Maastricht. Dall'art. 2 del Trattato si legge che «l'obiettivo principale del SEBC è il mantenimento della stabilità dei prezzi. Fatto salvo l'obiettivo della stabilità dei prezzi, esso sostiene le politiche economiche dell'unione». Pertanto il SEBC ha assunto un preciso orientamento rispetto alla definizione degli obiettivi su cui abbiamo discusso nel precedente paragrafo. I compiti del SEBC sono individuati all'art. 3 che recita «il SEBC definisce e attua la politica monetaria dell'unione, svolge le operazioni nel mercato dei cambi; detiene e gestisce le riserve ufficiali in valuta estera degli Stati membri; sovraintende al sistema dei pagamenti; contribuisce ad una buona conduzione della politica monetaria per quanto riguarda la vigilanza prudenziale delle banche e la stabilità del sistema finanziario». Nell'art. 7 è sancita l'indipendenza degli Organi della BCE da qualsiasi altro organismo all'interno della UE ovvero da qualsiasi Stato nazionale. I governatori delle BCN sono membri del Consiglio direttivo della BCE (artt. 9-13) insieme ai membri del Comitato esecutivo che comprende il Presidente, il Vicepresidente e quattro alti membri nominati dai Capi di stato e di governo dei Paesi membri, scelti tra persone di riconosciuta levatura ed esperienza professionale. Il rapporto esistente tra le Banche centrali nazionali e la BCE è sancito dall'art. 14, in virtù di tale articolo, «Le Banche centrali nazionali agiscono secondo gli indirizzi e le istruzioni della BCE». Questo stesso articolo ha notevolmente potenziato l'autorità di talune banche centrali, come quella francese che, prima del Trattato di Maastricht, era più che altro un'agenzia del governo con scarsissimi poteri. La Banca d'italia, invece era già 12 di 12

13 sufficientemente autonoma ed anzi ha visto la sua autorità contrarsi in seguito al Trattato; infatti è stabilito che «Ciascuno Stato Membro assicura che, alla data dell'istituzione del SEBC, la propria legislazione nazionale, incluso lo statuto della banca centrale, sarà compatibile con il Trattato». Nella BCE si concentrano tutte le decisioni di politica monetaria che poi saranno attuate dalle BNC, in particolare la banca centrale nazionale non gode più del privilegio di stabilire la base monetaria, in quanto essa può emettere moneta soltanto dietro autorizzazione della BCE. Anche la determinazione del tasso di interesse e di quello di sconto è affidato a quest'ultima, mentre le banche nazionali vigilano affinché nei loro mercati interni sia assicurato un livello di liquidità compatibile con i tassi indicati poc'anzi. Alle BCN è consentito di operare direttamente controlli nel mercato dei cambi, su istruzioni della BCE. Le banche nazionali sono tenute a trasferire alla BCE solo una parte delle loro riserve ufficiali in valuta estera. Per quanto riguarda la funzione di controllo e vigilanza sul circuito bancario, mentre la BCE è responsabile della supervisione del Sistema Europeo dei Pagamenti, la vigilanza prudenziale delle banche e dei sistemi finanziari nazionali, è affidata alla responsabilità degli Stati nazionali, pertanto sono tuttora di competenza di quelle BCN che già esercitavano questi controlli (come la Banca d'italia). Il Consiglio Europeo può stabilire particolari forme di vigilanza prudenziale sul sistema di intermediazione finanziaria da affidare direttamente alla BCE. Il capitale della BCE è stato costituito in seguito ai conferimenti delle diverse BCN e unicamente di queste. Il capitale è distribuito tra i Paesi aderenti secondo queste proporzioni: a) 50% sulla base della popolazione dello Stato; b) 50% sulla base del PIL ai prezzi di mercato. I profitti sono distribuiti in proporzione alle quote di capitale sottoscritte. 13 di 13

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Politica monetaria. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Politica monetaria. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Politica monetaria Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Teoria del moltiplicatore depositi L idea è che la banca non trattiene nelle sue

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

Alessandro Scopelliti

Alessandro Scopelliti Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Politica Monetaria e Sistema Finanziario Perché la politica monetaria è rilevante per il sistema

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Capitolo 7 Z La politica monetaria

Capitolo 7 Z La politica monetaria Capitolo 7 Z La politica monetaria Sommario Z 1. Obiettivi finali, intermedi e operativi. - 2. Gli strumenti della politica monetaria. - 2.1 La manovra delle riserve obbligatorie. - 2.2 Le operazioni di

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita Capitolo 14 Crescita economica e innalzamento del tenore di vita La crescita economica è l'incremento della produzione di beni e servizi di un sistema economico nel lungo periodo Il raggiungimento di un

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1,

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1, Esercitazione 8 Domande 1. Si consideri un economia per cui il coefficiente di liquidità sia pari a Cl = 5%, mentre il coefficiente di riserva è Cr = 3%. a) Si calcoli il moltiplicatore monetario. b) Se

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Documento Comparativo Mutui

Documento Comparativo Mutui INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica IGEA BANCA S.P.A. Sede legale e Direzione Generale Via Paisiello, 38 00198 Roma Capitale sociale 16.025.184,00 Codice fiscale e n iscrizione al

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15 Politica Economica Europea 3 Altre fonti di asimmetria Diversità strutturali Le istituzioni che governano i mercati possono essere diverse tra stati (diversità strutturali). Shock simmetrici in origine

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Elementi di finanza pubblica

Elementi di finanza pubblica Elementi di finanza pubblica (III parte) a cura di Monica Montella -montella.monica@gmail.com Franco Mostacci-frankoball@hotmail.com Indice 1) La struttura dei conti 2) Il debito pubblico 3) L andamento

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE IX IL SETTORE PUBBLICO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 1.1. Gli

Dettagli

Indice. 1 Obiettivi della politica monetaria --------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Obiettivi della politica monetaria --------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI POLITICA ECONOMICA LEZIONE V LA POLITICA MONETARIA PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 Obiettivi della politica monetaria --------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura Luca Sartirana indice Gli intermediari finanziari Attività bancaria Funzioni della banca Normativa Il SEBC Autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Il sistema TARGET Gli intermediari

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

6ª Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati. Audizione sulla proposta di legge n. 1899

6ª Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati. Audizione sulla proposta di legge n. 1899 6ª Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati Audizione sulla proposta di legge n. 1899 Proposta di legge in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero

Dettagli