nazionale e territoriale: i progetti dell Istat

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nazionale e territoriale: i progetti dell Istat"

Transcript

1 Il Benessere equo e sostenibile a livello nazionale e territoriale: i progetti dell Istat Marco Ricci, Istat responsabile Ufficio territoriale Emilia-Romagna e Marche Convegno «La misurazione del Benessere Equo e Sostenibile: uno strumento di conoscenza per la collettività e le politiche territoriali» Ravenna, 24 ottobre 2014

2 Sommario Il concetto più diffuso per misurare lo sviluppo e lo stato di salute di un Paese è il Prodotto Interno Lordo (PIL) però si avverte da tempo l esigenza di costruire nuove misure dello sviluppo, oltre il PIL Il Benessere Equo e Sostenibile è un nuovo paradigma per la misurazione del benessere sociale I principali progetti sul BES in Italia, con la presentazione di alcuni risultati

3 Il Prodotto Interno Lordo (PIL): il concetto più diffuso per misurare lo sviluppo e lo stato di salute di un Paese Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato Il risultato finale dell'attività di produzione delle unità produttrici residenti. Corrisponde alla produzione totale di beni e servizi dell'economia, diminuita dei consumi intermedi ed aumentata dell'iva gravante e delle imposte indirette sulle importazioni.

4 I limiti del PIL: a) come misura dello sviluppo o o In realtà il PIL, proposto e sviluppato negli anni 30 del secolo scorso nell ambito del sistema dei conti nazionali, intende misurare «solo» il valore del prodotto realizzato e le oscillazioni del ciclo economico La mancanza/carenza di altri indicatori sociali e ambientali ha favorito in passato l utilizzo del Pil come misura onnicomprensiva del raggiungimento g degli obiettivi di una società o Però i limiti informativi del PIL erano già noti all economista che lo aveva introdotto (Simon Kuznetz). In particolare: o non considera le attività svolte fuori dal mercato (es. il volontariato, il lavoro domestico); o misura l attività della pubblica amministrazione al costo dei fattori, cioè in termini di valore degli stipendi piuttosto che di quantità e qualità dei servizi forniti; o i cambiamenti nella struttura produttiva e le conseguenze dell innovazione tecnologica non sono misurati adeguatamente.

5 I limiti del PIL: b) come misura del benessere o o non considera le ricadute negative delle attività misurate: ad esempio, l aumento del traffico urbano comporta un aumento del consumo di benzina (che entra nel calcolo del PIL), ma questo comporta un peggioramento delle condizioni ambientali e ed effetti negativi sulla salute non considera gli aspetti distributivi del reddito e della ricchezza, che possono avere un impatto negativo sulle condizioni di vita delle persone o Resta comunque un «possente indicatore per misurare le fluttuazioni a corto e medio termine e lo stato di salute del sistema economico» (Commisione Europea, 2009) o Però è necessario individuare anche altri sistemi di misurazione che colgano in modo più adeguato lo stato e le tendenze del benessere di una società

6 o o La ricerca di misure del benessere: l indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite Dal 1990 le Nazioni Unite pubblicano l Human Development Report, che presenta l indice di sviluppo umano calcolato l per tutti i Paesi del mondo. «Un indice composito che misura i risultati ottenuti in tre dimensioni fondamentali dello sviluppo umano: una vita lunga e sana, l istruzione e un decente standard di vita» o Per ciascun Paese viene calcolata la media di 4 indicatori: a. Speranza di vita alla nascita (la cosiddetta «vita media») b. Il numero medio di anni di istruzione ricevuta dalle persone di 25 anni ed oltre c. Il valore atteso degli anni di scuola che un ragazzo può aspettarsi di frequentare d. Il reddito nazionale lordo pro capite

7 Indice di sviluppo umano (HDI) Speranza di vita alla nascita Anni medi di istruzione Anni attesi di istruzione Value Rank (years) Rank (years) Rank (years) Rank Reddito nazionale netto pro capite (2011 PPP $) Rank a 2012 a 2013 Norway 0, , ,6 4 17, Australia 0, ,5 4 12,8 3 19, Switzerland 0, ,6 3 12, , Netherlands 0, , , , United Statest 0, , ,9 2 16, Germany 0, , ,9 1 16, New Zealand 0, , ,5 6 19, Canada 0, , , , Singapore 0, ,3 6 10, , Denmark 0, , , , United Kingdom 0, , ,3 9 16, Japan 0, ,6 1 11, , France 0, , , , Italy 0, ,4 5 10, , Qatar 0, ,4 38 9, , Niger 0, , , , Fonte: Human Development Report 2014

8 Verso il concetto di benessere equo e sostenibile A partire dal 2004 l OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha promosso il dibattito internazionale su come andare oltre il Pil e nel 2011 ha lanciato la «Better Life Initiative», con cui fornisce ogni due anni un quadro complessivo del benessere dei vari Paesi. Questa proposta si basa su uno schema concettuale che ha raccolto le raccomandazioni i fatte nel 2009 dalla Commissione i Stiglitz-Sen-Fitoussi, S i promossa dal Presidente francese Sarkozy. Lo schema si articola su tre pilastri: Condizioni materiali Qualità della vita Sostenibilità

9 Lo schema concettuale introdotto dall OCSE

10 Il più recente prodotto dell OCSE: «How s life in your region?» Rapporto pubblicato il 9 ottobre 2014, presenta gli indicatori per misurare il benessere nelle regioni dei 34 paesi dell OCSE, suddiviso in 9 dimensioni Un esempio dei risultati:

11 I progetti per la misurazione del Benessere Equo e Sostenibile in Italia: un cantiere aperto Nel 2010 l Istat ha avviato insieme al CNEL (Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro) un iniziativa congiunta per la misurazione in Italia del Bes: Benessere Equo e Sostenibile. Il progetto UrBes - il benessere equo e sostenibile nelle città, avviato nel 2012 dall Istat con la rete delle città metropolitane ed esteso ad altri comuni capoluoghi di provincia Lo studio progettuale Analisi e ricerche per la valutazione del benessere Equo e Sostenibile delle province condotto dall Ufficio i Statistica della Provincia di Pesaro ed Urbino con la compartecipazione metodologica e tecnica dell Istat dal da cui scutrisce l estensione dello studio progettuale Bes delle province (accordo Istat- Province italiane)

12 Nel 2010 l Istat ha lanciato un iniziativa congiunta con il CNEL per la misurazione in Italia del Benessere Equo e Sostenibile. Benessere: analisi multidimensionale degli aspetti rilevanti della qualità della vita dei cittadini. Equo: attenzione alla distribuzione delle componenti del benessere tra soggetti sociali. Sostenibile: garanzia dello stesso benessere anche per le generazioni future.

13 L iniziativa Liniziativa Istat/CNEL: gli obiettivi L iniziativa mira a produrre un sistema di indicatori in grado di offrire una visione condivisa di progresso per l'italia. Non è una questione solo tecnica, ma anche politica: chi decide quali sono i fenomeni da misurare? E necessario un ruolo della società organizzata. «Il Bes aspira a diventare una sorta di Costituzione statistica, perché la riflessione su quali siano i domini del benessere e su come misurarli è anche una riflessione su come la politica definisce i suoi obiettivi e valuta i suoi risultati»

14 L iniziativa Istat/CNEL: i passi - 1 Prima fase: il Comitato d indirizzo CNEL-Istat con la partecipazione di rappresentanti della società civile, (consumatori, associazioni ambientali e culturali,,consulte femminili ecc.) e dell OCSE: 1) ha affrontato una serie di questioni preliminari, come ad esempio: o Confrontabilità internazionale? non può essere un vincolo assoluto, è opportuno cogliere le peculiarità del sistema Italia per utilizzare le misure di benessere nelle politiche e nei processi decisionali o Indicatori anche soggettivi? Sì, ove disponibili o Indicatori per specifici soggetti o segmenti (donne anzitutto, ma anche anziani, giovani e immigrati per particolari aspetti)? Sì, in modo trasversale 2) ha elaborato una definizione condivisa di progresso, articolata in 12 domini

15 I domini del BES

16 L iniziativa Istat/CNEL: i passi - 2 I 12 domini sono stati presentati nel novembre 2011 e sottoposti ad una consultazione pubblica tramite l apertura di un sito dedicato Seconda fase (2012): una Commissione scientifica coordinata dall Istat con numerosi esperti esterni costruisce un set di indicatori sufficientemente generale e condiviso. Obiettivo di misurare gli aspetti che contribuiscono maggiormente a misurare il benessere individuale e sociale. Indicatori selezionati in base ad una chiara correlazione con il concetto di benessere, evitando tuttitti gli indicatori che si prestavano a letture ambigue. I primi i Rapporti «Il benessere equo e sostenibile in Italia» sono stati ti conclusi nel marzo 2013 e giugno 2014 e presentati presso la Camera dei Deputati. 129 indicatori nella prima edizione, 130 nella seconda.

17

18

19

20 Il progetto UrBes il Bes nelle città Nasce nel 2012 come una rete di città metropolitane per la sperimentazione e il confronto di indicatori di benessere urbano equo e sostenibile, promossa da Istat e ANCI Ampia adesione dei Sindaci delle città metropolitane. Ulteriore coinvolgimento di alcuni Comuni capoluogo di provincia ma non di area metropolitana, che hanno manifestato uno specifico interesse: Brescia, Bolzano e Pesaro, insieme alla Provincia di Pesaro e Urbino Alcuni Comuni (Bo, Ge, Ve, Mi) attivano processi di consultazione dei cittadini, indirizzati a specifici segmenti della popolazione, dedicati in particolare alla valutazione dei domini più rilevanti per il Bes

21 2013: primo Rapporto UrBes Torino Appendice A - Gli indicatori Bes del Rapporto Genova Milano Appendice B - Gli indicatori aggiuntivi dei Brescia Comuni Venezia Appendice C La consultazione dei cittadini Bologna sui temi del Bes: le iniziative di alcuni Comuni Firenze Pesaro e Urbino All indirizzo i Roma sono Napoli scaricabili tutte le parti del Rapporto, le tavole Bari statistiche complete e le schede metadati Reggio di Calabria degli indicatori aggiuntivi dei Comuni Palermo Messina Cagliari Filo conduttore delle analisi: il percorso dei territori in direzione degli obiettivi del Bes, i punti di forza e gli spazi di miglioramento che ogni territorio deve affrontare

22 Ultimi sviluppi: la progettazione di un set di indicatori più articolato per la misurazione del Bes nelle città Affidata ad un nucleo misto Istat/Comuni, a cui hanno partecipato gli uffici di statistica di nove Comuni (inizio 2014) Valutate numerose proposte portate dai partecipanti, alla luce di due ordini di requisiti: a) idoneità a fornire una misura diretta di miglioramento/peggioramento per aspetti significativi ifi i nella qualità della vita delle città; b) fattibilità e accuratezza necessarie per l utilizzo a fini di comparazione temporale e territoriale. Lo sforzo di focalizzazione sulle tematiche urbane, in particolare grazie alla rilevazione Dati ambientali nelle città, ha portato ad arricchire soprattutto i domini del Bes su Ambiente, Paesaggio e patrimonio culturale, Qualità dei servizi. Da 25 indicatori dell edizione edizione 2013 a oltre 60 indicatori

23 SALUTE ISTRUZIONE LAVORO E CONCILIAZIONE TEMPI DI VITA BENESSERE ECONOMICO RELAZIONI SOCIALI POLITICA E ISTITUZIONI Partecipazione scuola infanzia (N) Partecipazione elettorale per genere Persone con almeno il diploma superiore (N) Rappresentanza femminile Speranza di vita Persone con titolo universitario (N) Reddito disponibile Donne negli organi decisionali comunali (N) Mortalità infantile Uscita precoce dalla istruzione e form. N) Occupazione DISTRIBUZIONE DEI REDDITI IRPEF (N) Età rappresentanza Mortalità per incidente Giovani che non lavorano e non stud. (N) Mancata partecipazione al lavoro Qualità abitazione (N) Volontari non profit (N) Età media organi decisionali comunali (N) Mortalità per tumore Competenza alfabetica Infortuni mortali Individui in famiglie senza occupati (N) Organizzazioni non profit (N) Rendicontazione sociale delle istituzioni pubbliche (N) Mortalità malattie croniche Competenze numerica Occupazione delle donne con e senza figli (N) SOFFERENZE BANCARIE DELLE FAMIGLIE (N) Cooperative sociali (N) Lunghezza procedimenti civili (N) Omicidi Biblioteche pubbliche (N) DISPERSIONE ACQUA POTABILE (N) Brevetti Servizi infanzia Furti in abitazione (N) Musei (N) Qualità acque costiere(n) Specializzazione produttiva (N) SCUOLE SENZA BARRIERE ARCHITETTONICHE (N) Borseggi (N) UTENTI BIBLIOTECHE (N) Qualità aria urbana Uso di internet (N) Rifiuti in discarica (N) Rapine (N) VISITATORI MUSEI (N) Verde urbano Racc differenz rifiuti Verde storico Aree naturali protette (N) Tempo mobilità (N) Tessuto urbano storico ORTI URBANI (N) TELERISCALDAMENTO (N) Trasporto pubblico locale l (N) PISTE CICLABILI (N) INQUINAMENTO ACUST. (N) QUALITÀ PARCO VEICOLARE (N) MORTI IN INCIDENTI STR. (N) PEDONI VITTIME DI INCIDENTI (N) AREE PEDONALI (N) INFOMOBILITÀ (N) SICUREZZA BENESSERE SOGGETTIVO PAESAGGIO E PATRIMONIO CULTURALE AMBIENTE RICERCA E INNOVAZIONE QUALITA DEI SERVIZI

24 Secondo rapporto UrBes: uscita prevista febbraio 2015 Realizzare una serie di avanzamenti del Progetto UrBes, per quanto riguarda: la capacità informativa a sul Bes nelle e città, attraverso a il nuovo o set di indicatori Il rafforzamento della rete dei Comuni aderenti al Progetto (che passano da 15 a 28) l i li t ti i tti d ll liti h la connessione con gli strumenti e i progetti delle politiche urbane e l impulso ulteriore ai percorsi di ricerca sulla misurazione del benessere urbano

25 A cosa serve misurare il benessere? Alcuni esempi per le città Lo strumento del Bes dovrebbe servire per fissare degli obiettivi di miglioramento per chi governa e amministra un territorio e per verificare i risultati dell azione degli amministratori. In molti casi si possono collegare le politiche con gli indicatori del Bes. Ad esempio, nel caso dei Comuni: Un piano per la pedonalità nel centro storico può avere un impatto multiplo su diverse aree del benessere: o finalizzato al miglioramento della qualità dell aria (dominio Ambiente ), o anche grazie ad un miglioramento quali-quantitativo quantitativo dei servizi di trasporto pubblico locale e delle infrastrutture della mobilità (dominio Qualità dei servizi ), o con possibili ricadute positive sulla sicurezza stradale (dominio Sicurezza) o e sullo stato di salute, misurato da indicatori di mortalità per incidenti e tumori e di speranza di vita (dominio Salute ).

26 A cosa serve misurare il benessere? Alcuni esempi per le città I programmi di riqualificazione di strade e piazze, ristrutturazione dei mercati cittadini, rigenerazione urbana di aree dismesse, pulizia delle strade e dei muri ecc.. trovano un denominatore comune nei temi del decoro urbano e della lotta al degrado, con un possibile riferimento diretto in particolare alla dimensione del Bes Paesaggio e patrimonio culturale. Altre politiche sono ispirate a principi diversi da quello del benessere urbano, come possono essere l attrattività urbana ela smartness; tuttavia, nelle loro finalità si possono comunque ravvisare relazioni i concettuali e causali complesse con l andamento degli indicatori di Urbes.

27 Grazie per l attenzione! it

Il Benessere equo e sostenibile in ambito urbano e metropolitano

Il Benessere equo e sostenibile in ambito urbano e metropolitano Primo Rapporto UrBes 2013 Il Benessere equo e sostenibile in ambito urbano e metropolitano Adolfo Morrone, Istat responsabile Progetto Misure del benessere Marco Ricci, Istat responsabile Ufficio territoriale

Dettagli

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Calabria I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.97 9.79 Superficie (km ) 9,.,7 Densità (ab. per km ) 77, 7, * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Bolzano/Bozen I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.7.7 Superficie (km ),9 7.98,8 Densità (ab. per km )., 9,7 * al.. Numero Addetti unità locali

Dettagli

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Bari I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.71 1.1.9 Superficie (km ) 117,9.8,88 Densità (ab. per km ).79,,9 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Parma I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 87.98.7 Superficie (km ),.7,8 Densità (ab. per km ) 7,7 8, * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*

Dettagli

UNIVERSITA` POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA` DI ECONOMIA

UNIVERSITA` POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA` DI ECONOMIA UNIVERSITA` POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA` DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia e Commercio Internazionale : Il Progetto UrBes applicato alla Provincia di Ancona Relatore: Tesi di Laurea di: Prof.

Dettagli

Forlì. I numeri del comune. Abitanti* 118.359 396.636 Superficie (km 2 ) 228,2 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 518,66 166,77

Forlì. I numeri del comune. Abitanti* 118.359 396.636 Superficie (km 2 ) 228,2 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 518,66 166,77 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Forlì I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 8.9 9. Superficie (km ) 8,.78, Densità (ab. per km ) 8,,77 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*.9.

Dettagli

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Catanzaro I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9..979 Superficie (km ),7., Densità (ab. per km ) 7,,9 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*..9

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

Torino. I numeri del comune. Abitanti* 902.137 2.297.917 Superficie (km 2 ) 130,01 6827,0 Densità (ab. per km 2 ) 6.938,92 336,59

Torino. I numeri del comune. Abitanti* 902.137 2.297.917 Superficie (km 2 ) 130,01 6827,0 Densità (ab. per km 2 ) 6.938,92 336,59 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Torino I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.17.97.917 Superficie (km ) 1,1 7, Densità (ab. per km ).9,9,9 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

Sintesi per la stampa

Sintesi per la stampa Sintesi per la stampa Il secondo rapporto sul Benessere equo e sostenibile nelle città offre una panoramica multidimensionale dello stato e delle tendenze del benessere nelle realtà urbane, applicando

Dettagli

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Roma I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.8..1. Superficie (km ) 1.87,.,8 Densità (ab. per km ).,18 8,71 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Trieste I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti*.89.7 Superficie (km ) 8,11 1,1 Densità (ab. per km ).7,1 1.19,1 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Genova I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.98 88. Superficie (km ),9 1.8,79 Densità (ab. per km ).8, 7, * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Pesaro. I numeri del comune. Abitanti* 94.705 364.385 Superficie (km 2 ) 126,77 2.567,78 Densità (ab. per km 2 ) 747,06 141,91

Pesaro. I numeri del comune. Abitanti* 94.705 364.385 Superficie (km 2 ) 126,77 2.567,78 Densità (ab. per km 2 ) 747,06 141,91 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Pesaro I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 9.7.8 Superficie (km ),77.7,78 Densità (ab. per km ) 77,,9 * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

Il Benessere Equo Sostenibile. nella Provincia di CREMONA. Mara Pesaro. Sala Mercanti, 21 ottobre

Il Benessere Equo Sostenibile. nella Provincia di CREMONA. Mara Pesaro. Sala Mercanti, 21 ottobre Il Benessere Equo Sostenibile nella Provincia di CREMONA Mara Pesaro Sala Mercanti, 21 ottobre Prima realizzazione 88 indicatori per 11 dimensioni per 21 province aderenti, le rispettive regioni e l Italia

Dettagli

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Brescia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 193.99 1..9 Superficie (km ) 9,3.7, Densità (ab. per km ).13,1 3,77 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

IL RAPPORTO URBES LE PROSPETTIVE DEL PROGETTO URBES

IL RAPPORTO URBES LE PROSPETTIVE DEL PROGETTO URBES IL RAPPORTO URBES LE PROSPETTIVE DEL PROGETTO URBES Marco Ricci, Istat Responsabile Ufficio territoriale Emilia-Romagna e Marche Miria Savioli, Istat - Progetto Misure del benessere Convegno Quando il

Dettagli

Firenze. I numeri del comune. Abitanti* 377.207 1.007.252 Superficie (km 2 ) 102,32 3.513,69 Densità (ab. per km 2 ) 3.

Firenze. I numeri del comune. Abitanti* 377.207 1.007.252 Superficie (km 2 ) 102,32 3.513,69 Densità (ab. per km 2 ) 3. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Firenze I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 377.7 1.7. Superficie (km ) 1,3 3.13,69 Densità (ab. per km ) 3.686,9 86,66 * al 1.1.1

Dettagli

Reggio Emilia. I numeri del comune. Abitanti* 172.525 534.258 Superficie (km 2 ) 230,66 2.291,26 Densità (ab. per km 2 ) 747,95 233,17

Reggio Emilia. I numeri del comune. Abitanti* 172.525 534.258 Superficie (km 2 ) 230,66 2.291,26 Densità (ab. per km 2 ) 747,95 233,17 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Emilia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 7..8 Superficie (km ),66.9,6 Densità (ab. per km ) 77,9,7 * al.. Numero Addetti

Dettagli

Milano. I numeri del comune. Abitanti* 1.324.169 3.176.180 Superficie (km 2 ) 181,67 1.575,65 Densità (ab. per km 2 ) 7.288,76 2.

Milano. I numeri del comune. Abitanti* 1.324.169 3.176.180 Superficie (km 2 ) 181,67 1.575,65 Densità (ab. per km 2 ) 7.288,76 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Milano I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 1.3.169 3.176.18 Superficie (km ) 181,67 1.7,6 Densità (ab. per km ) 7.88,76.1,79 *

Dettagli

Cesena. I numeri del comune. Abitanti* 97.131 396.636 Superficie (km 2 ) 249,47 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 389,36 166,77

Cesena. I numeri del comune. Abitanti* 97.131 396.636 Superficie (km 2 ) 249,47 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 389,36 166,77 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Cesena I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 97.11 96.66 Superficie (km ) 9,7.78, Densità (ab. per km ) 89,6 166,77 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

Palermo. I numeri del comune. Abitanti* 678.492 1.275.598 Superficie (km 2 ) 160,59 5.009,28 Densità (ab. per km 2 ) 4.

Palermo. I numeri del comune. Abitanti* 678.492 1.275.598 Superficie (km 2 ) 160,59 5.009,28 Densità (ab. per km 2 ) 4. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Palermo I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 78.9 1.7.98 Superficie (km ) 1,9.9,8 Densità (ab. per km ).,93, * al 1.1.1 Numero

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ 215 Il progetto è stato coordinato dall Istituto nazionale di statistica, hanno partecipato: Roma Capitale Comune di Torino Comune di Genova Comune di Milano

Dettagli

Bologna. I numeri del comune. Abitanti* 384.202 1.001.170 Superficie (km 2 ) 140,86 3.702,32 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bologna. I numeri del comune. Abitanti* 384.202 1.001.170 Superficie (km 2 ) 140,86 3.702,32 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Bologna I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 38. 1.1.17 Superficie (km ) 1,8 3.7,3 Densità (ab. per km ).77,7 7, * al 1.1.1 Numero

Dettagli

BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE

BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE Misurare e valutare il progresso della società Italiana A che punto siamo? Linda Laura Sabbadini Direttore del dipartimento statistiche sociali e ambientali Roma, 12 luglio 2012 Benessere Equo e Sostenibile

Dettagli

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

Misurare la qualità della vita delle città: dal Bes a UrBes

Misurare la qualità della vita delle città: dal Bes a UrBes Progetto UrBes Misurare la qualità della vita delle città: dal Bes a UrBes Adolfo Morrone, Istat responsabile Progetto Misure del benessere Marco Ricci, Istat responsabile Ufficio territoriale Emilia-Romagna

Dettagli

Il Benessere Equo e Sostenibile nei Comuni: il caso di Palermo

Il Benessere Equo e Sostenibile nei Comuni: il caso di Palermo Il Benessere Equo e Sostenibile nei Comuni: il caso di Palermo Girolamo D Anneo ECONOMIA SICILIANA Si illustrano i risultati del progetto urbes che ha portato alla definizione di indicatori di Benessere

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL PROGETTO URBES E LE NUOVE FRONTIERE DELLE SMART CITIES

LE PROSPETTIVE DEL PROGETTO URBES E LE NUOVE FRONTIERE DELLE SMART CITIES LE PROSPETTIVE DEL PROGETTO URBES E LE NUOVE FRONTIERE DELLE SMART CITIES Marco Ricci, Istat responsabile Ufficio territoriale Emilia-Romagna e Marche Cataldo Scarnera - responsabile Ufficio territoriale

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Napoli. I numeri del comune. Abitanti* 989.111 3.127.390 Superficie (km 2 ) 119,02 1.178,93 Densità (ab. per km 2 ) 8.310,23 2.

Napoli. I numeri del comune. Abitanti* 989.111 3.127.390 Superficie (km 2 ) 119,02 1.178,93 Densità (ab. per km 2 ) 8.310,23 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Napoli I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 989.111 3.17.39 Superficie (km ) 119, 1.178,93 Densità (ab. per km ) 8.31,3.,73 * al

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

Un Sistema Informativo Statistico Territoriale per la governance di area-vasta

Un Sistema Informativo Statistico Territoriale per la governance di area-vasta Un Sistema Informativo Statistico Territoriale per la governance di area-vasta Stefania Taralli, Istat (taralli@istat.it) Paola D Andrea, Provincia di Pesaro e Urbino - Ufficio Statistica (p.dandrea@provincia.ps.it)

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLE CITTÀ Il progetto è stato coordinato dall Istituto nazionale di statistica, hanno partecipato: Roma Capitale Comune di Torino Comune di Genova Comune di Milano Comune

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

METROPOLITANA. Daniela Gasparini 24 settembre 2013. AREA Metropolitana MILANESE: UNA CITTA DI CITTA

METROPOLITANA. Daniela Gasparini 24 settembre 2013. AREA Metropolitana MILANESE: UNA CITTA DI CITTA 1 MILANO CITTA METROPOLITANA Daniela Gasparini 24 settembre 2013 AREA Metropolitana MILANESE: UNA CITTA DI CITTA MILANO: VEDUTA NOTTURNA DALLE PREALPI LOMBARDE (D. Necchi) 2 2 DAL SATELLITE... Nel 1970

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Analisie ricercheper la valutazionedel benessere equo e sostenibile delle province

Analisie ricercheper la valutazionedel benessere equo e sostenibile delle province Analisie ricercheper la valutazionedel benessere equo e sostenibile delle province Indicatori di BES a livello locale: una panoramica Paola D Andrea Ufficio Statistica Provincia di Pesaro e Urbino Analisi

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Laurea Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie IL BES NELLE MARCHE

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Laurea Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie IL BES NELLE MARCHE Università Politecnica delle Marche Facoltà di conomia Giorgio Fuà Laurea Magistrale in Scienze conomiche e Finanziarie L BS NLL MARCH Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Chiara Gigliarano Correlatore: Chiar.ma

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014 Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia 29 Gennaio 2014 Il Benessere Equo e Sostenibile Il progetto Istat-Cnel BES - Benessere equo e sostenibile» è un contributo al

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

UrBes: il Benessere equo e sostenibile nelle città

UrBes: il Benessere equo e sostenibile nelle città UrBes: il Benessere equo e sostenibile nelle città Marco Ricci, Responsabile Ufficio Territoriale Emilia-Romagna e Marche, ISTAT Cesena, 23 ottobre 2015 I progetti per la misurazione del Benessere equo

Dettagli

Il PIL e oltre. Come si misura il benessere?

Il PIL e oltre. Come si misura il benessere? Il PIL e oltre. Come si misura il benessere? Roberto Costa Trieste, 12 novembre 2014 Indice 1. Il PIL 2. Il benessere 3. Si può misurare il benessere? Alcune proposte 4. L esperienza italiana: il BES 5.

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI MANTOVA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI MANTOVA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2015 Lo studio del Benessere equo e sostenibile territoriale è la nuova importante sfida concettuale e operativa della statistica ufficiale che

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

Il progetto Urbes. Modelli per la misura del benessere urbano

Il progetto Urbes. Modelli per la misura del benessere urbano Il progetto Urbes. Modelli per la misura del benessere urbano Adolfo Morrone, Istat responsabile Progetto Misure del benessere Convegno I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei Comuni tra

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 13 dicembre 2013 Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Presentazione Rapporto Oltre il Pil 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI PARMA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI PARMA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI PARMA 2015 Lo studio del Benessere equo e sostenibile territoriale è la nuova importante sfida concettuale e operativa della statistica ufficiale che

Dettagli

Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania

Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania Pianificazione ed innovazione dei servizi per la mobilità sostenibile in Campania ANNA DONATI Direttore Generale EnergyMed - 26 marzo 2009 - NAPOLI Peso del settore trasporti sulle emissioni e sui consumi

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE ACCELERARE LA GIUSTIZIA PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE DIGITALIZZAZIONE DI ATTI NOTIFICHE ON LINE PAGAMENTI ON LINE Roma, Indice Obiettivi del programma Sintesi Inquadramento Obiettivi e linee

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2012) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del 19 Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano. La di Palermo,

Dettagli

Bologna I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 371.337 976.243. Superficie (km 2 ) 140,7 3.702,4 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bologna I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 371.337 976.243. Superficie (km 2 ) 140,7 3.702,4 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 371.337 976.243 Superficie (km 2 ) 14,7 3.72,4 Densità (ab. per km 2 ) 2.638,6 263,7 a cura del Dipartimento Programmazione Settore Statistica

Dettagli

Confronto con altre città

Confronto con altre città Il turismo a Torino, dopo i Giochi Confronto con altre città A cura di Piervincenzo Bondonio Dipartimento di Economia e OMERO Due ricerche connesse 1. La vocazione turistica di Torino, dopo i Giochi olimpici

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA 2015 Lo studio del Benessere equo e sostenibile territoriale è la nuova importante sfida concettuale e operativa della statistica ufficiale

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Rapporto Urbes 2015 Il Benessere equo e sostenibile nelle città Adolfo Morrone, Marco Ricci, Miria Savioli

Rapporto Urbes 2015 Il Benessere equo e sostenibile nelle città Adolfo Morrone, Marco Ricci, Miria Savioli Rapporto Urbes 2015 Il Benessere equo e sostenibile nelle città Adolfo Morrone, Marco Ricci, Miria Savioli www.misuredelbenessere.it Forum PA 2015 Seminario su «La misurazione del benessere e della smartness:

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI BARI

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI BARI IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI BARI 2015 Lo studio del Benessere equo e sostenibile territoriale è la nuova importante sfida concettuale e operativa della statistica ufficiale

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

Economia, occupazione e qualità della vita nella provincia di Vercelli Un confronto con la situazione piemontese e nazionale

Economia, occupazione e qualità della vita nella provincia di Vercelli Un confronto con la situazione piemontese e nazionale PROVINCIA DI VERCELLI Ufficio Studi e Statistica, Controllo di Gestione Economia, occupazione e qualità della vita nella provincia di Vercelli Un confronto con la situazione piemontese e nazionale Gennaio

Dettagli

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 27 gennaio 2015 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto 1 Senza

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano

Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano 16 novembre 211 Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano dal 1989 al 21 Una strategia europea per le città e una strategia delle città Il Rapporto Europa 22 del Consiglio Europeo (21) propone:

Dettagli

Strumenti dell Osservatorio per valutare il livello di Innovazione e Sostenibilità delle città italiane. Francesco Profumo 11 Gennaio, 2016

Strumenti dell Osservatorio per valutare il livello di Innovazione e Sostenibilità delle città italiane. Francesco Profumo 11 Gennaio, 2016 Strumenti dell Osservatorio per valutare il livello di Innovazione e Sostenibilità delle città italiane Francesco Profumo 11 Gennaio, 2016 Il presente - 2 - Gli obiettivi Nasce nell aprile 2012 sulla base

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani

PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani PROTOCOLLO D INTESA in materia di contrasto dei fenomeni di sfruttamento, riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani tra Regione Emilia-Romagna Direzione Distrettuale Antimafia Emilia-Romagna Procura

Dettagli

La qualità della vita a Bologna

La qualità della vita a Bologna La qualità della vita a Bologna Confronti con le altre grandi province italiane nel periodo 1998-2012 Elaborazione dei dati sulla qualità della vita nelle province italiane pubblicati dal Sole 24 Ore dal

Dettagli

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE D.SANTONICO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI TRIESTE

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI TRIESTE IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA PROVINCIA DI TRIESTE 2015 Lo studio del Benessere equo e sostenibile territoriale è la nuova importante sfida concettuale e operativa della statistica ufficiale che

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA 2015 Lo studio del Benessere equo e sostenibile territoriale è la nuova importante sfida concettuale e operativa della statistica ufficiale

Dettagli

18 I PROGETTI Bes e UrBes: BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN AMBITO NAZIONALE E METROPOLITANO

18 I PROGETTI Bes e UrBes: BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN AMBITO NAZIONALE E METROPOLITANO 18 I PROGETTI Bes e UrBes: BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN AMBITO NAZIONALE E METROPOLITANO Il progetto Bes La consapevolezza che la misura del prodotto interno lordo non rappresenti la reale situazione

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Oltre il Pil. Ripartire dal benessere sociale per rilanciare lo sviluppo economico

Oltre il Pil. Ripartire dal benessere sociale per rilanciare lo sviluppo economico Oltre il Pil. Ripartire dal benessere sociale per rilanciare lo sviluppo economico Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto SCUOLA DI FORMAZIONE SOCIALE E POLITICA Partecipare

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio Acqua Nel 2012 nel complesso dei comuni capoluoghi di provincia il consumo di acqua per uso civile domestico è pari a 172,1 litri per abitante al giorno, in costante diminuzione nell'ultimo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Il progetto e quali opportunita

Il progetto e quali opportunita Il progetto e quali opportunita IL PROGETTO progetto promosso da Confcooperative e finanziato da Fondosviluppo, finalizzato a creare un incubatore di impresa. Un luogo, che offre strumenti ed eroga servizi,

Dettagli

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale Irene Bengo Politecnico di Milano Strategia: Smart Community 2 SMART CITY Convergenza tecnologia innovazione sociale (benessere) Articolazione sul

Dettagli

materiali prodotti attraverso convegni e seminari, sono confluiti in testi a stampa a larga fusione dif. Tra questi:

materiali prodotti attraverso convegni e seminari, sono confluiti in testi a stampa a larga fusione dif. Tra questi: le pubblicazioni Nel corso degli anni alcuni dei materiali di ricerca prodotti dalla Rur, come anche i materiali prodotti attraverso convegni e seminari, sono confluiti in testi a stampa a larga fusione

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 9 marzo 2011 Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al terzo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di

Lorenzo Bertuccio LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: INDAGINE SULLE PRINCIPALI 50 CITTA. Edizione 2012. Con il patrocinio di. Con il contributo di LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2013) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano, giunto quest anno

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

Gli indicatori per i profili di BES delle province: una valutazione del primo output informativo del progetto

Gli indicatori per i profili di BES delle province: una valutazione del primo output informativo del progetto Gli indicatori per i profili di BES delle province: una valutazione del primo output informativo del progetto Chiara Capogrossi, Giampietro Perri, Stefania Taralli 18 dicembre 2014 Sommario L individuazione

Dettagli

Buone idee per Bologna

Buone idee per Bologna Buone idee per Bologna RILANCIAR IL NOSTRO SISTMA PRODUTTIVO IN MODO SOSTNIBIL, PROMUOVNDO L OCCUPAZION Il LAVORO DI QUALITA, VALORIZZANDO I SAPRI LA CRATIVITA 1. Come riformare il nostro sistema di sviluppo

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 Roma, 28 Aprile 2006 1 Introduzione Nel 2004 è stato attivato il progetto del Dipartimento

Dettagli

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare

Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Sfide e prospettive nella risposta ai nuovi bisogni sociali: lavoro, sviluppo e secondo welfare Franca Maino Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli Studi di Milano Laboratorio

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE COME ANTIDOTO ALLA CRISI

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE COME ANTIDOTO ALLA CRISI 10 MEETING ITALIANO CITTÀ SANE OMS 2012 ANNO EUROPEO DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO LA PROMOZIONE DELLA SALUTE COME ANTIDOTO ALLA CRISI 10>11 MAGGIO 2012 CENTRO CULTURALE DON ORIONE ARTIGIANELLI,VENEZIA 1

Dettagli