Veneto: l attuale contesto economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Veneto: l attuale contesto economico"

Transcript

1 Veneto: l attuale contesto economico Siena, febbraio 2014 Area Pianificazione Strategica & IR

2 Agenda Keypoints pag.3 Lo scenario nazionale ed internazionale pag.5 Il contesto economico regionale ed il commercio estero pag.7 Veneto: alcuni dati socio-economici Veneto: le prospettive di crescita Veneto: mercato immobiliare e bancario pag.15 pag.18 pag.21 Pag. 2

3 Key points L economia italiana sembra ormai avviata verso un modesto recupero, grazie alla dinamica delle esportazioni, alla variazione delle scorte e ad un quadro dell attività industriale più positivo. Tuttavia il recupero si annuncia lento ed inficiato da una domanda interna depressa (le vendite al dettaglio rimangano al palo su base congiunturale a novembre), da un mercato del lavoro fragile (al 12,7% la disoccupazione a dicembre) ed una dinamica fiacca del reddito disponibile. L economia veneta risulta meno esposta alla crisi sin dal 2008, tanto che il Pil regionale è diminuito meno che in Italia nell arco dell ultimo quinquennio e secondo Prometeia crescerà del 0,9% anche quest anno; tale aumento è spiegata dalla spiccata vocazione all export dell industria della regione (l incidenza del comparto industriale sul VA è di oltre il 25% vs il 18% nazionale) che la rende più vulnerabile alle fluttuazioni cicliche dell economia, alla notevole diffusione di imprese subfornitrici di piccola dimensione sul territorio e alla specializzazione produttiva. Nel terzo trimestre la flessione della produzione industriale veneta si è raffreddata fino ad arrestarsi, visto la crescita degli ordini dall estero, mentre la domanda interna continua ad essere debole. La crisi è continuata solo nei comparti del legno e mobili, del marmo, vetro e ceramica. Inoltre le condizioni sul mercato del lavoro sono ancora di difficoltà, specie tra i giovani; con il tasso di disoccupazione che continua a salire (6,5 a/a nel III trimestre 2013 vs. il 6,3% dello stesso periodo dello scorso anno). La quota del fatturato estero del Veneto rappresenta una voce importante del VA complessivo e le vendite all estero confermano indicazioni più che confortanti, registrando sia nel 2012 (+1,7% a/a) che nel terzo trimestre del 2013 (+4,6% a/a) tassi di crescita superiori alla media nazionale. Spiccano le performance del biomedicale di Padova, della calzatura sportiva di Montebelluna, del prosecco di Conegliano-Valdobbiadene (miglior distretto vitivinicolo italiano negli ultimi 10 anni), delle carni di Verona, della ceramica artistica di Bassano del Grappa, cresciuti in doppia cifra. Alla debolezza della domanda interna si affianca un recupero del commercio internazionale che Prometeia ritiene possa rivelarsi superiore alla media nazionale per il Veneto, tenuto conto che il principale sbocco per l export veneto risulta essere un mercato in fase di ripresa come quello europeo (che pesa per oltre il 57% sul totale del commercio estero regionale). I primi nove mesi del 2013 mostrano una tenuta del settore turistico con un leggero incremento del +0,9% a/a degli arrivi e un marcato calo del -1,6% a/a delle presenze totale: a mitigare il dato è l incremento dei turisti stranieri (cinesi e russi) rispetto ai connazionali ed i buoni flussi verso le destinazioni termali, delle città d arti e dell agriturismo. Pag. 3

4 Agenda Keypoints pag.3 Lo scenario nazionale ed internazionale pag.5 Il contesto economico regionale ed il commercio estero pag.7 Veneto: alcuni dati socio-economici Veneto: le prospettive di crescita Veneto: mercato immobiliare e bancario pag.15 pag.18 pag.21 Pag. 4

5 Il quadro macroeconomico e le prospettive In Italia il PIL, sostenuto dalle esportazioni e dalla variazione delle scorte, ha interrotto la propria caduta nel terzo trimestre del Sulla base dei sondaggi e dell'andamento della produzione industriale, la crescita del prodotto sarebbe stata appena positiva nel quarto trimestre. Gli indici di fiducia delle imprese sono ancora migliorati in dicembre, collocandosi sui livelli osservati all'inizio del 2011 ma la dispersione è elevata e l'occupazione resta debole - Bollettino Economico Bankitalia, gennaio Le previsioni sul Pil Italiano (reale, var. a/a) Secondo Prometeia, il Veneto potrebbe espandersi con tassi lievemente superiori a quelli nazionali (+0,9% e +1,5% la stima del Pil veneto nel 2014 e nel 2015). Dinamica del prodotto interno lordo e di alcune componenti della domanda nel (tassi di variazione medi annui) Fonte: Prometeia, Scenari Economie Locali, ottobre 2013 Pag. 5

6 Agenda Keypoints pag.3 Lo scenario nazionale ed internazionale pag.5 Il contesto economico regionale ed il commercio estero pag.7 Veneto: alcuni dati socio-economici Veneto: le prospettive di crescita Veneto: mercato immobiliare e bancario pag.15 pag.18 pag.21 Pag. 6

7 L industria veneta Produzione industriale (var % a/a) Il terzo trimestre 2013 conferma la migliore tenuta produttiva della regione, che sembra ormai correttamente posizionata per un inversione di tendenza. Su base annuale la produzione ha praticamente azzerato il calo (-0,2% la variazione destagionalizzata) a differenza di un contesto italiano che ancora risulta penalizzato (-3,9% a/a per la PI italiana wda a settembre). Indicatori a confronto (% a/a) In termini di fatturato totale, il terzo trimestre del 2013 segna il ritorno all espansione, grazie al positivo andamento delle vendite all estero. Gli ordinativi provenienti dall estero si sono mostrati positivi negli ultimi trimestri, per tutte le classi dimensionali d impresa (ad eccezione delle microaziende). Ancora in difficoltà il mercato interno, anche se il picco recessivo sembra essere alle spalle e la capacità di utilizzazione degli impianti tornata su livelli discreti. Fonte: Unioncamere Veneto, Istat Pag. 7

8 i settori trainanti e le performances provinciali Produzione industriale per settori (dati grezzi, % a/a) PI provinciale (dati grezzi % a/a) 1,9% Altre imprese manifatturiere 1,8% Mezzi di trasporto -2,7% 4,6% Macchine elettriche ed elettroniche -1,8% 3,8% Macchine ed apparecchi meccanici -0,1% -0,4% Metalli e prodotti in metallo -1,4% 1,4% Marmo, vetro, ceramica, altri non met. -4,2% -1,4% Gomma e plastica -2,6% 1,9% Carta e stampa -0,8% 0,0% Legno e mobile -7,2% -0,8% Tessile, abbigliamento calzature -2,4% 0,6% Alimentare, bevande e tabacco -3,7% 0,3% -10% -8% -6% -4% -2% 0% 2% 4% 6% 8% III/2013 II/2013 Vicenza 1,0% -0,2% Verona -3,4% -1,7% Venezia 2,6% 1,0% Treviso 1,1% -2,6% Rovigo* 0,0% -3,6% Padova -0,2% -3,4% Belluno 0,7% 2,3% -5% -4% -3% -2% -1% 1% 2% 3% 4% III trim 2013 II trim Nei primi nove mesi del 2013 la flessione della produzione industriale veneta si è raffreddata fino ad arrestarsi nel terzo trimestre, visto la crescita, pur modesta, degli ordini dall estero mentre la domanda interna continua ad essere debole. Nel terzo trimestre del 2013 i settori che hanno registrato una performance migliore sono stati quello dei mezzi di trasporto (+4,6% a/a) e quello delle macchine elettriche ed elettroniche (+3,8%). In ripresa anche il settore del tessile, abbigliamento e calzature, della gomma e plastica, e dei prodotti in metallo e dei mezzi di trasporto. La flessione della produzione è stata particolarmente intensa nel settore del legno e arredamento (-7,2% a/a) e in quello del marmo, vetro, ceramica (-4,2% a/a), strettamente legati all andamento del comparto edile che rimane sempre crisi. In 5 su 7 province venete si registrano segni positivi della produzione, segno di una timida inversione di tendenza e con le sole province di Verona (-3,4% a/a) e Padova (-0,2% a/a) ancora in difficoltà. Fonte: Unioncamere Veneto Pag. 8

9 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro italiano (tassi %) Ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni Deroga Straordinaria Ordinaria A dicembre del 2013 è ulteriormente peggiorata la situazione sul mercato del lavoro in Italia con un tasso di disoccupazione salito al 12,7%, in aumento rispetto al mese precedente e con la disoccupazione dei giovani tra i 15 ed i 24 anni sempre prossima ai massimi (a dicembre al 41,6%). In Veneto, il tasso di disoccupazione nel terzo trimestre del 2013 performa meglio di quella nazionale e scende al 6,5% migliore risultato negli ultimi tre trimestri. Nel 2013 sono state autorizzate in Veneto circa 108,2 mln di ore di Cassa Integrazione in aumento rispetto allo stesso periodo del 2012 (+5,9% a/a); con l ordinaria e quella in deroga in flessione (rispettivamente del -6,1% a/a e -4,8% a/a) e la straordinaria in forte crescita (+25,5% a/a). A gennaio assistiamo ad un raffreddamento sia della CIG ordinaria che di quella in deroga, mentre quella straordinaria cresce del +18% a/a. Secondo l indagine di VenetoCongiuntura condotta nel terzo trimestre 2013 gli imprenditori veneti si attendono per fine anno un ulteriore aumento della disoccupazione, visto il perdurare della condizioni negative sul fronte dei consumi interni. Fonte: Unioncamere Veneto, Inps Pag. 9

10 Il commercio estero. Esportazioni a/a% (3MA) 30% 20% 10% 0% -10% -20% -30% Italia Veneto Nei primi 9 mesi del 2013 si registra una leggera flessione tendenziale delle esportazioni nazionali (-0,3%); mentre a settembre assistiamo ad un aumento del 2% a/a rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A fronte della stagnazione della domanda interna, le esportazioni venete risultano un importante fonte di crescita registrando nei primi 9 mesi del 2013 un incremento dell 2% rispetto all anno precedente e attestandosi su un valore di 38,9 mld di euro. A settembre 2013 si è assistito ad un decollo delle stesse con un +4,6% a/a. Il Veneto si conferma la 2^ regione italiana, dopo la Lombardia, per valore di beni esportati, con una quota del 13,4% delle vendite estere nazionali. Nelle prime 10 posizioni delle province italiane che esportano, ben due sono venete (Vicenza e Treviso); al terzo posto troviamo Vicenza con una incidenza sulle esportazioni totali del 3,9% (7,6 mld di euro e un 1,4% a/a nel primo trimestre 2013) e all ottavo posto si colloca Treviso con circa 5,1 mld di euro di vendite (+2,8% a/a). Le province di Vicenza, Treviso, Verona e Padova detengono circa il 84% del totale dell export regionale e la sola provincia di Vicenza arriva al 29,6%. Nei 9 mesi del 2013 l export è ripartito in tutte le province della regioni ad esclusione delle sole province di Rovigo (-6,5% a/a) e Verona (-0,4% a/a) ancora in segno negativo. Secondo il sondaggio di settembre 2013 della Banca d Italia si intravedono prospettive favorevoli sul fronte delle esportazioni regionali, visto i buoni giudizi rilevati lo scorso settembre sull andamento atteso degli ordini dall estero nei successivi sei mesi. Fonte: Istat, Banca d Italia Pag. 10

11 i mercati di sbocco e l andamento settoriale Quote export veneto per settore (III trim 2013) Principali mercati di sbocco dell export regionale (euro, quota % su tot e var. %) 3,8% 13,9% 19,8% 8,0% 1,7% 8,3% 12,0% 18,5% 6,5% 2,7% 0,5% 3,4% 1,0% Prodotti alimentari, bevande e tabacco Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori Legno e prodotti in legno; carta e stampa Coke e prodotti petroliferi raffinati Sostanze e prodotti chimici Articoli farmaceutici, chimicomedicinali e botanici Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti Computer, apparecchi elettronici e ottici Apparecchi elettrici Macchinari ed apparecchi n.c.a. Mezzi di trasporto Prodotti delle altre attività manifatturiere AREA PAESE Gen/Set 2012 % Gen/Set 2013 % % Var. % sul 2013 UE ,5% ,1% -0,5% Francia ,5% ,1% -1,3% Germania ,8% ,3% -1,2% Regno Unito ,9% ,9% 1,5% Spagna ,1% ,0% -0,6% Extra UE ,5% ,9% 5,4% Svizzera ,0% ,9% 0,4% Russia ,2% ,5% 10,3% Sudafrica ,5% ,5% 9,8% Stati Uniti ,5% ,8% 5,5% Arabia Saudita ,7% ,8% 14,3% Cina ,6% ,7% 6,2% Giappone ,2% ,2% 4,1% Australia ,0% ,9% -3,6% Totale attività manifatturiere ,0% ,0% 2,0% Nei primi 9 mesi del 2013 le esportazioni venete hanno avuto nel complesso un buon risultato (+2% a/a) con settori che performano meglio di altri: farmaceutica (+9,1 % a/a), alimentari, bevande e tabacco (+8,3% a/a), legno e prodotti in legno, carta e stampa (+6,1%). Permangono in segno negativo i comparti del coke e prodotti petroliferi raffinati (-10,6% a/a), e dei computer, apparecchi elettronici e ottici (-6,3% a/a). La crescita delle esportazioni è sostenuta dall'aumento delle vendite sui mercati extra Ue (+5,4%), mentre quelle verso l'area Ue sono in lieve flessione (-0,5%). L'espansione è trainata dalle vendite verso gli Stati Uniti (+5,5%), che resta il terzo mercato di sbocco per le imprese venete, la Svizzera (+0,4%), la Russia (+10,3%), il Giappone (+4,1%), l Arabia Saudita (+14,3%) e il Sud Africa (+9,8%). Diminuiscono, invece, le vendite estere verso gli altri principali partner europei: -1,2% verso la Germania, primo mercato di riferimento per le imprese presenti nel nostro territorio, -1,3 % verso la Francia, -0,6% verso la Spagna. Fonte: Unioncamere Veneto e Istat Pag. 11

12 L export dei distretti veneti Principali mercati di sbocco Nel II trimestre del 2013 l export dei distretti veneti è cresciuto in linea con la media italiana (3,6 vs. 3,9%); si tratta del 13 trimestre di crescita consecutiva. Sono 5 i distretti che hanno avuto un aumento dell export a doppia cifra: si tratta degli elettrodomestici di Treviso, della calzatura di Montebelluna, del prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, delle carni di Verona, della ceramica artistica di Bassano del Grappa e il biomedicale di Padova. Buon andamento anche per altri distretti veneti, come la concia di Arzignano, le materie plastiche di Treviso, Vicenza e Padova,, il tessile e abbigliamento di Schio- Thiene-Valdagno, i vini del veronese, le calzature della Riviera del Brenta, e per alcuni distretti di minori dimensioni come il marmo e granito di Valpolicella, le calzature del Veronese, il mobile d arte del bassanese. Nello stesso periodo in lieve flessione il settore grafico veronese e la meccanica strumentale di Vicenza. Pesante calo per i prodotti in vetro di Venezia e, soprattutto, per il tessile e abbigliamento di Treviso, in territorio negativo ormai da otto trimestri consecutivi Peso % 4,62 II trim 2012 II trim ,54 7,52 7,65 1,54 1,62 5,00 5,13 I distretti veneti hanno mantenuto un buon ritmo di crescita sui nuovi mercati nei primi 6 mesi del 2013 (+6% a/a nel secondo trimestre del 2013); in evidenza l export verso gli Emirati Arabi Uniti, Hong Kong, il Vietnam, l Arabia Saudita e la Russia. Sui mercati tradizionali, il made in Veneto è tornato a crescere ma con percentuali più limitate. Segnali di recupero, per le vendite, verso la Francia, Portogallo e Spagna e gli USA, l UK e la Svezia; mentre l export verso la Germania rimane stabile. 1,89 2,01 4,32 4,39 0,73 0,65 25,61 25,98 29,4 6,2 19,7 7,7 16,9 2,5 100,0 Fonte: Unioncamere Veneto e Istat Pag. 12

13 Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Il turismo Gli arrivi di turisti per comprensorio. Gen-Ott Arrivi e presenze di turisti (Anni ) 75,7% 37,5% 62,5% Italiani Stranieri ,3% 64,3% 35,7% Montagna 2,7% Terme 2% Mare 24,1% ,7% 24,3% Lago 16, Città d'arte 54,7% 72,1% 27,9% Gen- Ott 2013 Nei primi dieci mesi del 2013 assistiamo, nonostante una non brillante stagione estiva, a una sostanziale inversione di tendenza del settore con circa 14,6 mln di arrivi (+0,9% a/a) e circa 58,3 mln di presenze (+3,6%); in continuo incremento i turisti stranieri e buone le presenze verso le destinazioni termali (+0,2%), le città d arte (+2,3%) e l agrituristico (+9,1% a/a). I turisti stranieri raggiungono il 67% del totale degli arrivi nella regione e il 67,4,4% dei pernottamenti. I turisti che scelgono il Veneto provengono principalmente da Germania, Austria, Paesi Bassi, Regno Unito e Francia ma negli ultimi anni si sono affacciati russi e cinesi con incrementi a due cifre (rispettivamente +19% e +22% a/a). Il Veneto si conferma una delle regioni più turistiche italiane con il 15,2% degli arrivi totali e del 16,4% di presenze totali dell intera penisola (2011) e nel 2012 la spesa dei turisti stranieri ha superato la prima volta la soglia dei 5 mld di euro con un incremento del 5,3% a/a. Fonte: Unioncamere Veneto e Istat Pag. 13

14 Agenda Keypoints pag.3 Lo scenario nazionale ed internazionale pag.5 Il contesto economico regionale ed il commercio estero pag.7 Veneto: alcuni dati socio-economici Veneto: le prospettive di crescita Veneto: mercato immobiliare e bancario pag.15 pag.18 pag.21 Pag. 14

15 Dati socio economici Veneto (1/2) Veneto DATI SOCIO-ECONOMICI 2013 Var. % Var. % Var. % Veneto Italia Veneto Italia Veneto Italia Veneto Italia Popolazione residente a fine anno ,7 0,4 0,6 0,4 0,6 0,3 Occupati totali ,2-1,4-0,3-0,3 0,4 0,4 Forze di lavoro ,1 0,3 0,3 0,1 0,1 0,1 Persone in cerca di occupazione ,1 14,8 6,1 3,2-2,9-1,6 Tasso di occupazione 42,5 37,7-1,2-0,7-0,4-0,3-0,1 0,0 Tasso di disoccupazione 8,7 12,2 2,2 1,5 0,5 0,4-0,3-0,2 Dati in migliaia Tasso di occupazione: % Occupati totali su Popolazione; Tasso di disoccupazione: % Persone in cerca di occupazione su Forze di lavoro REDDITO E CONSUMI PRO-CAPITE DELLE FAMIGLIE Reddito disponibile ,3-1,0 1,7 1,9 2,5 2,7 Spesa per consumi finali ,7-1,5 0,8 1,1 1,8 2,1 Importi in euro e valori correnti, Variazioni % su prezzi correnti IMPORT E EXPORT Importazioni ,7-4,6 3,8 2,7 5,3 4,4 Esportazioni ,3 0,4 4,2 3,6 6,0 5,4 % Import su valore aggiunto 29,3 23,9 1,0-1,1 1,1 0,7 1,5 1,1 % Exportrt su valore aggiunto 39,6 28,0 1,1 0,5 1,6 1,0 1,7 1,1 Importi in milioni di euro e valori correnti, Variazioni % su prezzi costanti VALORE AGGIUNTO Compos. % 2013 Valore aggiunto ,5-1,6 0,9 0,7 1,6 1,4 Veneto Italia - Agricoltura ,8 0,9 2,0 0,0 1,8 0,8 2,0 2,1 - Industria ,8-3,0 1,1 0,9 1,6 1,4 25,8 18,1 - Edilizia ,1-6,6-0,7-0,8 0,8 0,8 6,3 5,6 - Servizi ,8-1,0 1,0 0,8 1,6 1,5 65,8 74,2 Tasso di industrializzazione (Italia=100) 143,0 0,1 0,1 0,0 Importi in in milioni di euro e valori correnti, Variazioni % su prezzi costanti Tasso di industrializzazione: Incidenza del Valore aggiundo dell'industria sul Totale, in rapporto alla media nazionale Le tensioni occupazionali si manterranno elevate nel biennio, con la disoccupazione che dovrebbe salire pur mantenendosi a tassi inferiori alla media nazionale. L espansione delle vendite all estero sembra un dato reale, di una imminente ripresa. La struttura produttiva del Veneto risulta ad elevato peso industriale (l incidenza del comparto industriale sul VA è di oltre il 25,8% vs. il 18.1% circa nazionale) e rende la regione maggiormente esposta alle fluttuazioni cicliche dell economia. Fonte: Prometeia (aggiornamento ottobre 13) Pag. 15

16 Dati socio economici Veneto (2/2) Imprese Attive NUM. IMPRESE ATTIVE - GENNAIO 2014 Incid (%) Veneto Natalità (*) (%) Mortalità ( **) (%) Imprese Attive Incid (%) Natalità (*) (%) Mortalità ( Agricoltura E Pesca ,1 1,4 4, ,0 1,4 3,3 Imprese Di Costruzioni ,4 2,0 3, ,1 2,2 3,5 Altri Servizi Vendibili ,2 1,9 2, ,6 2,3 2,6 Commercio Al Dettaglio ,3 2,3 3, ,7 2,5 3,5 Commercio All'Ingrosso ,6 2,6 3, ,8 2,7 3,1 Servizi Turistici ,8 2,2 3, ,3 2,3 3,5 Servizi Di Consulenza ,1 3,1 3, ,9 2,8 3,4 Servizi Di Trasporto ,1 0,7 2, ,9 0,9 2,2 Metallurgia E Prodotti In Metallo ,6 1,2 1, ,0 1,1 1,6 Concessionari Di Autovetture ,5 1,9 2, ,9 1,7 1,8 Totale ,0 3, ,1 3,3 (*) Numero imprese iscritte su imprese registrate a inizio anno (tasso annualizzato) (**) Numero imprese cessate (al netto delle cessazioni d'ufficio) su imprese registrate a inizio anno (tasso annualizzato) ITALIA **) (%) Le imprese venete registrano una natalità sostanzialmente uguale alla media nazionale (superiore alla media nazionale nella metallurgia e prodotti di metallo, nei servizi di consulenza e nei concessionari di autovetture), ma anche una mortalità è superiore con il dato italiano. Fonte: Movimpresa (aggiornamento dic.-13) Pag. 16

17 Agenda Keypoints pag.3 Lo scenario nazionale ed internazionale pag.5 Il contesto economico regionale ed il commercio estero pag.7 Veneto: alcuni dati socio-economici Veneto: le prospettive di crescita Veneto: mercato immobiliare e bancario pag.15 pag.18 pag.21 Pag. 17

18 Le prospettive per la regione (1/2) Pil Veneto e Italia (% a/a) % Export vs Valore Aggiunto - Veneto 6% 4% 2% 0% -2% -4% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 36,7% 37,2% 36,6% 33,6% 33,6% 33,1% 38,2% 36,6% 37,5% 30,5% 38,5% 39,0% 37,6% 34,9% -6% -8% Italia Veneto 5% 0% Tasso disoccupazione Veneto e Italia (Anni ) 12 Veneto Italia Il PIL veneto, dal 1996 ad oggi, è cresciuto in media dello 0,7% a/a all'anno come in Italia (0,8% a/a); un forte incremento medio annuo si è registrato negli anni , pari al 2,4% a/a (1,9% a/a per Italia) dovuto al buon andamento dell'export. Il Veneto risulta tra regioni con lo sviluppo più elevato, tranne che nel periodo di crisi in cui la caduta più intensa rispetto ad altre regioni del nord (Lombardia ed Emilia Romagna) è stata imputabile alla sua economia legata alla manifattura e all export, fortemente penalizzate dalla recessione globale. L incidenza dell export regionale sul Valore Aggiunto è in costate crescita dal 2009, riportandosi ai livelli pre-crisi. Il tasso di disoccupazione veneto dal 2000 ha avuto un andamento migliore del dato nazionale e nel IV trim si è attestato al 6,7% a/a (23,7% quello giovanile ) e nel III trim al 6,5% a/a. Fonte: Istat, Unioncamere Veneto e Prometeia Pag. 18

19 Le prospettive per la regione (2/2) Il 2013 è stato un altro anno di recessione per l economia veneta; in cinque anni la crisi ha sottratto al Veneto circa 23 mld di euro di Pil anche se si è assistito ad una fase di lento recupero dei livelli produttivi regionali, e dopo un avvio d anno incerto l industria ha mostrato alcuni segnali positivi nel II semestre: la caduta della produzione si è fermata mentre fatturati e ordinativi esteri hanno evidenziato dinamiche vivaci. Segni positivi si sono registrati nel settore della manifattura locale, nel settore della moda e calzature e nel settore della meccanica e nel comparto agroalimentare dove vi sono punte di eccellenza nel settore dei vini (settore del prosecco molto apprezzato all estero). A trainare la ripresa saranno ancora una volta l esportazioni, previste in netto aumento nel 2014 con un unica incognita dovuta al rallentamento dell economia dei paesi in via di sviluppo. Le incertezze sull'andamento futuro ancora in essere influiranno negativamente anche sulle previsioni di investimento per i prossimi mesi e i primi dati positivi sono appannaggio dei soli investimenti fuori confini nazionali. Si prevede che il tasso di disoccupazione subirà una contrazione e uno dei problemi sentiti dalla classe imprenditoriale locale rimarrà il costo del lavoro, considerato leva per far ripartire i consumi interni. Nel settore delle costruzioni e immobiliare si intravedono i primi deboli segnali positivi in alcune zone della regione, ma si tratta di poca cosa per parlare di inversione di tenenza prevista per il Il turismo ha retto bene la crisi, anche se non si ipotizzano ulteriori margini di crescita nel corso del 2014; i tedeschi continuano ad essere al primo posto tra gli arrivi/presenze nella regione, mentre il turista italiano ancora è assente. Degno di nota quale punto di forza regionale è il comparto della Sanità Pubblica considerata con standard superiori rispetto alla media nazionale: da segnalare iniziative interessanti come la prenotazioni di Tac di notte ed una mutata filosofia della relazione con i cittadini non più considerati utenti ma clienti. I finanziamenti bancari continuano a flettere anche se assistiamo ad una debole ripresa sul fronte dei mutui alle famiglie e le sofferenze si consolideranno ulteriormente, anche se è previsto un loro raffreddamento nel corso del La raccolta è buona anche se è in atto un erosione dei risparmi delle famiglie venete con esclusione di quelle Private. Dalle previsioni a breve termine rilevate anche dall indagine UnionCamere, permane un clima meno roseo e ancora di forte incertezza, anche se non manca una quota di imprenditori (soprattutto appartenenti alla medio-grande impresa) ottimisti, che intravedono un accelerazione dell attività produttiva e commerciale prevista per il biennio Anche dalla nostra View si prevede nel corso del 2014 una ripresa economica che però sarà debole e lenta e non avrà nessun effetto sul mercato del lavoro, con una ulteriore contrazione dei posti di lavoro. Pur con qualche incertezza, l export beneficerà del consolidamento della crescita nelle principali economie avanzate e di un miglioramento delle condizioni di domanda nelle maggiori economie dell area Euro. Si prevede che l economia veneta possa consolidare i primi segni di ripresa e si ipotizza una crescita del +1,0% del PIL regionale. Fonte: View BMPS e Area Territoriale Antonveneta Pag. 19

20 Agenda Keypoints pag.3 Lo scenario nazionale ed internazionale pag.5 Il contesto economico regionale ed il commercio estero pag.7 Veneto: alcuni dati socio-economici Veneto: le prospettive di crescita Veneto: mercato immobiliare e bancario pag.15 pag.18 pag.21 Pag. 20

21 Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Intera provincia Capoluogo Il mercato immobiliare Compravendite e prezzi delle abitazioni in Italia Compravendite di immobili residenziali* nel Veneto N di transazioni normalizzate (NTN) rispetto all effettiva quota di proprietà oggetto di compravendita. I/2011 II/2011 III/2011 IV/2011 I/2012 II/2012 III/2012 IV/2012 I/2013 II/2013 In Italia nel III trim. del 2013 si arresta la caduta degli investimenti in costruzioni sia nel comparto residenziale che nel resto del settore. Il numero di transazioni residenziali si mantiene sui livelli di fine 2012, più che dimezzato rispetto al 2007, e si accentua il calo dei prezzi delle abitazioni. Nel 2012 le compravendite residenziali nella Regione subiscono una dura flessione, superiori a quella registrata in Italia (-27,5% vs -25,8%). Secondo i dati dell Agenzia delle Entrate, rispetto ai primi tre mesi del 2013, nel secondo trimestre, le compravendite tornano a crescere nell intera regione (+15,5%) mentre, nello stesso periodo, flettono decisamente il volume di compravendite di immobili residenziali nei Capoluoghi (-21,8 a/a), in controtendenza con il trend nazionale (+14,9% a/a). I finanziamenti oltre il breve termine alle famiglie consumatrici per l acquisto di abitazioni, dopo le flessioni marcate intervenute nel 2012, mostrano nel 2013 cali contenuti in linea rispetto alla media. Finanziamenti oltre il breve termine alle famiglie consumatrici per acquisto abitazioni (% a/a) 23% 21% 19% 17% 15% 13% 11% 9% 7% 5% -1% 1% 3% -3% -5% -7% -9% -11% Italia Veneto Fonte: Bankitalia, Bollettino Economico, gennaio Bankitalia (BIP on line). Agenzia delle Entrate, Osservatorio mercato immobiliare. Pag. 21

22 Dati mercato bancario Veneto Impieghi vivi alle imprese: Veneto vs Italia Qualità del credito alle imprese: Veneto vs Italia 11,30% 10,80% 10,30% 9,80% 9,30% 8,80% 8,30% 7,80% 7,30% 6,80% Rapporto Veneto/Italia % sofferenze/impieghi vivi Italia % sofferenze/impieghi vivi Veneto Le sofferenze (al lordo dei fondi rettificativi e al netto di rimborsi e cancellazioni) non includono quelle su PCT, su titoli e su strumenti partecipativi del capitale. Gli impieghi vivi (escluse quindi le sofferenze) sono al netto dei PCT attivi. Dati per residenza della controparte. Nel corso del 2013 l incidenza degli impieghi regionali sul dato nazionale è aumentata portandosi nel terzo trimestre all 11,1% a/a contro l 10,8% dello stesso periodo dello scorso anno. A fronte della suddetta dinamica il rapporto tra sofferenze e impieghi alle imprese venete, pur in un contesto di generale peggioramento connesso all attuale crisi economica, si è mantenuto costantemente al di sotto della media nazionale. Nel corso del 2013 è cresciuto il divario positivo rispetto al dato nazionale. Fonte: Elaborazione Servizio Research su dati Banca d Italia Pag. 22

23 Contatti Responsabile Area Pianificazione Strategica & Investor Relations Alessandro Santoni, PhD Tel: Autori Pubblicazione Fabrizio Bianchi Disclaimer This analysis has been prepared solely for information purposes. This document does not constitute an offer or invitation for the sale or purchase of securities or any assets, business or undertaking described herein and shall not form the basis of any contract. The information set out above should not be relied upon for any purpose. Banca Monte dei Paschi has not independently verified any of the information and does not make any representation or warranty, express or implied, as to the accuracy or completeness of the information contained herein and it (including any of its respective directors, partners, employees or advisers or any other person) shall not have, to the extent permitted by law, any liability for the information contained herein or any omissions therefrom or for any reliance that any party may seek to place upon such information. Banca Monte dei Paschi undertakes no obligation to provide the recipient with access to any additional information or to update or correct the information. This information may not be excerpted from, summarized, distributed, reproduced or used without the consent of Banca Monte dei Paschi. Neither the receipt of this information by any person, nor any information contained herein constitutes, or shall be relied upon as constituting, the giving of investment advice by Banca Monte dei Paschi to any such person. Under no circumstances should Banca Monte dei Paschi and their shareholders and subsidiaries or any of their employees be directly contacted in connection with this information

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013 collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014 INEA 2014 RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI Sommario Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI BANCA MPS Area Rischi di Gruppo e Ristrutturazioni Performance di bilancio e prospettive economiche

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Relazione e bilancio di Cassa di Risparmio del Veneto dell esercizio 2011

Relazione e bilancio di Cassa di Risparmio del Veneto dell esercizio 2011 Bilancio 2011 Relazione e bilancio di Cassa di Risparmio del Veneto dell esercizio 2011 Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. Sede Legale: Corso Garibaldi n.22/26 35122 Padova Capitale Sociale: Euro 781.169.000

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli