ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO"

Transcript

1 IITM CORSO SOUND DESIGNER 2006 ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO LEZIONE 2 ENRICO COSIMI - 1 -

2 1 SOUND SOURCES 1.1 OSCILLATORI (Parte II) MODULAZIONE DI FREQUENZA E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Modulazione di Frequenza Esponenziale in banda Sub-Audio Modulazione di Frequenza Esponenziale in banda Audio Modulazione di Frequenza Lineare in banda Sub-Audio Modulazione di Frequenza Lineare in banda Audio Il limite tra banda sub audio e banda audio è variabilmente indicato tra i Hz. Una modulazione di frequenza può essere ciclica o transiente; nel primo caso, si utilizza ad esempio una sorgente di tensioni cicliche, come un LFO; nel secondo caso ad esempio una tastiera si utilizzerà una sorgente dal comportamento non ripetitivo. In tutti i casi, i parametri significativi per identificare una modulazione sono: frequenza originale dell oscillatore destinazione (cioè che riceve la modulazione) forma d onda dell oscillatore destinazione / modulato frequenza dell oscillatore sorgente / modulante forma d onda dell oscillatore sorgente / modulante indice di modulazione, ovvero quantità di modulazione fatta pervenire alla destinazione INQUADRAMENTO STORICO La modulazione di frequenza, Frequency Modulation o FM per brevità, nasce all inizio degli anni 70 grazie alle sperimentazioni di John Chowning effettuate presso i laboratori del CCRMA esistenti alla Stanford University. Originalmente, la tecnica venne considerata funzionale per la sua effettiva economicità di esercizio, ma nononstate tutti gli sforzi, nessuna realtà commerciale statunitense sembrava interessata ad intraprendere la produzione e lo sviluppo di sistemi in grado di sfruttarla. Solo la Yamaha Corporation, con i primi modelli non editabili GS1 e GS2, e successivamente con la DX-7, colse l occasione di raggiungere un record ancora ineguagliato di diffusione commerciale FM ESPONENZIALE IN BANDA SUB AUDIO E il banale vibrato imposto a diversi oscillatori mediante sorgente di controllo ad andamento ciclico. Ecco i punti fondamentali della FM in banda sub audio: profilo del vibrato: il profilo del vibrato, ovvero il suo andamento, è strettamente legato alla forma d onda emessa dall oscillatore modulante; contenuto armonico risultante: fintanto che la modulazione di frequenza rimane in banda sub audio, il contenuto armonico è esclusivo retaggio dell oscillatore portante; ampiezza del vibrato: l ampiezza del vibrato dipende dalla quantità di segnale emesso dall oscillatore modulante; questa quantità viene espressa in termini di indice di modulazione, tanto più l indice è elevato, tanto più il vibrato risulterà ampio; composizione del segnale audio: nella modulazione di frequenza in banda sub audio, il oscillatore modulante non appare nell uscita audio finale (si confronti, a tal proposito, il diverso funzionamento della modulazione di ampiezza AM) FM ESPONENZIALE IN BANDA AUDIO Se l oscillatore modulante viene tirato in banda audio, nel segnale dell oscillatore modulato cioè nel prodotto finale inizieranno a comparire componenti armoniche estranee, che prendono nome di sidebands; la frequenza delle sidebands generate durante il processo di modulazione dipende dalle frequenze dei segnali modulante fm e del segnale modulato fc e dall indice di modulazione. ENRICO COSIMI - 2 -

3 Se il modulante genera una sinusoide pura con frequenza pari a 100 Hz ed il portante (cioè l oscillatore modulato) genera una sinusoide pura con frequenza pari a 500 Hz, la modulazione di frequenza produrrà le frequenze 100 (fm), 400 (fc-fm), 500 (fc) e 600 (fc+fm); tutto questo è valido per tutte le armoniche presenti nei segnali modulante e portante Modulazione di frequenza lineare in banda sub audio E assimilabile al normale comportamento del vibrato Modulazione di frequenza lineare in banda audio La tecnica di FM in banda audio permette di generare una massiva quantità di armoniche partendo da due semplici sinusoidi, C e M, con notevole risparmio di gestione. Risulta fondamentale per la FM la capacità di produrre suoni armonicamente complessi con un estrema economia strutturale: pochi elementi facilmente controllabili possono infatti generare timbriche interessanti e molto più costose se prodotte con le tecnologie tradizionali Intonazione percepita nella FM esponenziale Se la modulazione di frequenza segue un andamento esponenziale, la frequenza del carrier viene modulata non più per intervalli simmetrici sopra e sotto la frequenza nominale, bensì seguendo gli intervalli musicali, ovvero seguendo la legge esponenziale: partendo da una frequenza centrale, per salire di un dato intervallo musicale (ad esempio un ottava Hz, con intervallo 200 Hz) bisognerà percorrere più Hz che per scendere (ad esempio Hz, con intervallo 100 Hz). In risultato audio della FM esponenziale ci sarà pertanto una frequenza percepita del carrier modulato come progressivamente crescente mano mano che si cresce allontanandosi dalla frequenza nominale di partenza e mano mano che aumenta l indice di modulazione. In pratica: non è possibile utilizzare melodicamente il timbro nel rispetto del temperamento equabile. Se controlliamo in frequenza un oscillatore che produce una sinusoide a 440 Hz utilizzando un oscillatore modulante che produce una sinusoide con ampiezza pari a 2V picco picco, otterremo nell oscillatore destinazione uno spostamento di intonazione pari a +1 ottava / -1 ottava (cioè un ottava per ogni Volt di ampiezza del segnale modulante). In pratica, l oscillatore modulato arriverà ciclicamente alle frequenze massima e minima di 880 Hz (un ottava sopra) e 200 Hz (un ottava sotto). Quando la frequenza di modulazione arriva in banda audio, l alternanza delle due nuove intonazioni diventa talmente veloce che il nostro orecchio percepirà un valore intermedio pari a = 660 Hz, un valore fuori tonalità rispetto ai 440 Hz originali Intonazione percepita nella modulazione di frequenza lineare A differenza della FM esponenziale, l andamento lineare garantisce la corretta intonazione del risultato audio. Se moduliamo in frequenza linearmente un oscillatore che produce una sinusoide a 440 Hz mediante un oscillatore modulante a 220 Hz, otterremo sidebands pari a e Hz, cioè 660 e 220. Quando le due armoniche vengono alternate tra loro a velocità audio, la frequenza media percepita sarà = 440 Hz, perfettamente in tonalità con la frequenza originale. Calcolare le frequenze delle sidebands E possibile prevedere i valori in frequenza che assumeranno le diverse sidebands generate nella FM (e quindi il contenuto armonico del segnale risultante) mediante la semplice formula: C f ± nm f [n=0,1,2,3,4 ] C f è la Carrier Frequency (la frequenza dell oscillatore/operatore portante; M f è la Modulator Frequency (la frequenza dell oscillatore/operatore modulante); n è la serie di numeri interi. Rifacendonsi a J.Haas: la frequenza del portante (C f ) più e meno tutti i numeri interi multipli della frequenza modulante (C m ). Cioe: Cf, Cf+Mf, Cf-Mf, Cf+2Mf, Cf-2Mf, Cf+3Mf, Cf-3Mf, Cf+4Mf, Cf-4Mf. ENRICO COSIMI - 3 -

4 Rapporto di frequenza costante C f : M f Le frequenze delle sidebands possono essere calcolate anche in un altro modo, utile quando il rapporto tra C f e C m rimane costante (ad esempio C : M = 1 : 2 per C f = 100 Hz e C m = 200 Hz. E importante notare che i rapporti C : F espressi con numeri interi hanno proprietà timbriche ben precise, come vedremo tra poco. E possibile calcolare le sidebands superiori per C : M = 1 : 2 nel seguente modo: C+M, C+2M, C+3M, C+4M Se C : M = 1 : 2, avremo la prima sideband superiore a 1+2=3, la seconda a 1+(2x2)=5, eccetera. Se interpretiamo i rapporti ottenuti in Hertz, è facile riconoscere che, partendo da 1 come valore fondamentale, 3f + 5f (+7f + 9f ) ci forniscono in pratica le armoniche dispari della carrier frequency. Se il rapporto è C : M = 1 : 1, ovvero quando portante e modulante hanno la stessa frequenza, si otterrà un contenuto armonico assimilabile a quello di un onda a dente di sega. Se il rapporto diventa C : M = 1 : 2, si ottiene un contenuto armonico assimilabile a quello di un onda quadra con duty cycle al 50 %. Se il rapporto diventa C : M = 1: 3, si ottiene un contenuto armonico assimilabile a quello di un onda impulsiva con duty cycle al 70 % Similmente, le frequenze delle sidebands inferiori potranno essere calcolate nel modo: C-M, C-2M, C-3M, C-4M Se C : M = 1 : 2, avremo la prima sideband inferiore a -1, la seconda a 1-(2x2)=3, la terza a 1-(2x3)=5 eccetera. Per C f = 200 Hz e C m = 400 Hz, dato C : M = 1 : 2, insieme alla prima sideband superiore di 600 Hz anche la prima sideband inferiore a -200 Hz. Le sideband di frequenza espressa con segno negativo vengono chiamate sidebands reflective. Al nostro orecchio non avendo senso parlare di frequenze negative - risulteranno con fase invertita di 180 rispetto alle sidebands partner. Pertanto, nel calcolo delle sidebands superiori ed inferiori, si può togliere il segno meno ed esprimersi matematicamente come assoluto /-200/ Cosa succede quando c è un inversione di fase? Fintanto che le frequenze delle sidebands sono diverse tra loro, quale che sia il loro segno, il risultato sonoro finale corrisponderà alla semplice somma di tutte le frequenze presenti. Se però due sidebands hanno frequenza eguale ed egual segno si sommeranno realizzando un aumento di ampiezza per la frequenza dell armonica corrispondente; se due sidebands hanno eguale frequenza ma segno opposto, ovvero sono in antifase, si cancelleranno, provocando un vuoto nello spettro armonico risultante Spettri armonici e spettri inarmonici Se C e M sono espressi con numeri interi (N), il rapporto risultante 1:N sarà armonico, ma nel timbro risultante saranno mancanti tutte le armoniche multiple di N. Nel caso di C : M = 1 : 2, risulteranno mancanti tutte le armoniche multiple di 2, ovvero tutte le armoniche pari. Teoricamente, qualsiasi rapporto C:M riducibile a numeri interi produrrà sidebands riconducibili ad una serie armonica. ENRICO COSIMI - 4 -

5 Se la C f o la C m vengono espressi con numeri irrazionali, ci sarà uno spettro inarmonico In pratica Se si intende utilizzare la Linear FM come tecnica di sintesi a se stante, bisogna tenere presente che gli oscillatori Carrier produrranno l intonazione desiderata, gli oscillatori Modulator produrranno il contenuto armonico richiesto e, cosa ancora più importante, la variazione dinamica dell indice di modulazione permette di alterare nel tempo il contenuto armonico prodotto. Quantità e posizione reciproca di Carrier / Modulator all interno di un algoritmo permettono di ottenere risultati sensibilmente diversi. PATCH SS006 FM EXP_LIN HARD SYNC Nella sincronizzazione dura, il ciclo della forma d onda slave viene brutalmente interrotto e fatto ripartire in corrispondenza del ciclo master; chiaramente, il restart forzato comporta una serie significativa di alterazioni nell andamento (armonico e conseguentemente grafico) del segnale slave che rendono particolarmente interessante l ascolto del medesimo. Se, come nel caso dello schema superiore (da Doepfer), la frequenza del segnale master è superiore a quella del segnale slave, il restart forzato della forma d onda slave si traduce in una perfetta aderenza alla frequenza dell oscillatore principale; il segnale audio prodotto dall oscillatore slave non presenterà significative variazioni timbriche. ENRICO COSIMI - 5 -

6 Le cose si complicano sensibilmente se, come nello schema superiore, la frequenza del master è inferiore a quella dello slave. In questo caso, il restart forzato dello slave comporterà una serie di picchi intermedi corrispondenti ai cicli abortiti prematuramente. La sequenza dei picchi intermedi produce in ascolto un forte incremento armonico che arricchisce in maniera inconfondibile il segnale emesso dall oscillatore slave Soft Sync La sincronizzazione morbida agisce sul segnale slave senza spezzarne il ciclo: in corrispondenza del restart imposto dal segnale master, all interno dell oscillatore slave verrà semplicemente forzata la frequenza alla normale produzione del ciclo. In pratica, nell oscillatore slave viene ristretto il periodo la frequenza preservandone l intero andamento Da un punto di vista tecnico La sincronizzazione è ottenuta utilizzando a livello circuitale appositi impulsi definiti di sincrono. Quando la dente di sega di un oscillatore master decade, viene liberato un impulso di sincrono che è poi convogliato sul sync buss. In regime di Soft Sync, qualsiasi oscillatore slave collegato al sync buss (internamente o mediante appositi patch cords) scaricherà la propria dente di sega appena ricevuto l impulso di sincronizzazione. Con tutti gli oscillatori slave collegati al sync buss, la frequenza risultante sarà quella dell oscillatore master accordato più in alto; in pratica l oscillatore più lento scaricherà la propria dente di sega solo se già in procinto di farlo. In regime di Hard Sync invece, la scarica della dente di sega nell oscillatore schiavo diventerà operativa senza riguardo per il punto del ciclo in cui ci si trova l oscillatore. Se lo slave ha frequenza inferiore al master, questo comportamento è equivalente al soft sync; ma se lo slave è più acuto del master verranno prodotte grosse quantità di sideband armoniche e con conseguenti bizzarri cambiamenti timbrici. Patch SS007 Sync Phase Modulation La modulazione di fase utilizza la stessa tecnologia impiegata nella DX7 Yamaha, ovvero nell implementazione commerciale della tecnologia originale Linear Frequency Modulation sviluppata da J. Chowning. Se, all interno di un oscillator dotato di PM Input (phase modulation input o, se preferite, di indice di modulazione regolabile), viene inviata una tensione di controllo, la forma d onda originalmente generata dall oscillatore viene variata di fase, cioè viene letta con uno spostamento in gradi bidirezionale direttamente legato alla polarità del segnale modulante ricevuto. Il vantaggio di questo metodo, rispetto alla normale FM lineare è che la modulazione non risente delle eventuali componenti DC presenti nel segnale modulante. Queste componenti potrebbero far deviare, in ENRICO COSIMI - 6 -

7 modo crescente o calante, l intonazione dell oscillatore modulato dalla frequenza nominale. Quando si utilizza la Phase Modulation si riesce ad evitare questa deviazione e, quindi, il sistema è da preferirsi se l accurateza dell intonazione è particolarmente importante. Una prova interessante consiste nel realizzare un circuito di auto modulazione, ovvero nel collegare all ingresso di modulazione l uscita dello stesso oscillatore: se si utilizza la Phase Modulation, non ci sono variazioni significative nell intonazione originale; con le altre tecniche, può verificarsi la condizione di DC offset. Patch SS008a Phase Mod Patch SS008b Feedback Mod Modellazione fisica delle corde pizzicate Un altro modo di generare segnali sonori consiste nell utilizzare una linea di ritardo eccitata da un transiente appositamente generato; il sistema è particolarmente diffuso ed ha trovato più di un applicazione significativa negli ultimi 23 anni di Computer Music. Di base, la delay line con feedback accordato sulla tastiera è il sistema più efficace e, per certi versi economici per ottenere una significativa simulazione del comportamento sonoro tipico delle corde pizzicate. Sviluppato originariamente da Kevin Karplus e Alex Strong nel 1983, e successivamente perfezionato da D.A. Jaffe, J.O. Smith e C. Sullivan negli anni successivi, l algoritmo di Karplus-Strong utilizza come sorgente sonora eccitatrice un breve transiente di rumore, ed una linea di ritardo la cui uscita è sottoposta, prima di essere reimmessa in feedback, al filtraggio di un modulo passa basso (ed, in alcuni casi particolarmente sofisticati, ad un modulo all pass per le regolazioni microtonali). Una volta che l impulso di rumore ha riempito le celle di memoria della linea di ritardo, l uscita di questa viene collegata in feedback al suo ingresso, creando un anello chiuso che, ad ogni passaggio, subisce l azione filtrante. Fintanto che la frequenza di taglio del filtro rimane sufficientemente elevata, il segnale in feedback rimane continuo nella sua ampiezza, ma quando il filtro si chiude successivamente per influire sulla banda passante, il segnale perde parte delle armoniche superiori ad ogni passaggio, simulando la tipica caduta di energia esponenziale delle corde pizzicate. Le note più basse dureranno naturalmente più a lungo delle note più acute, sottoposte maggiormente all azione del modulo di filtraggio. I parametri a disposizione, a parte la generazione del transiente iniziale che è indispensabile per eccitare la linea di ritardo, comprendono la possibilità di accordare la linea di ritardo (possibiilità espressa in semitoni e centesimi di semitono), il decadimento (decay) del segnale, e l attenuazione delle frequenze più acute (damp). ENRICO COSIMI - 7 -

8 Patch SS009 Plucked_Strings Timbriche percussive La nobile arte della programmazione di timbriche percussive esula, per complessità e vastità, dai limiti imposti a queste pagine; sarà comunque significativo esporre le caratteristiche operative del modulo Drum Synthesizer, che riunisce al suo interno tutte le funzioni necessarie alla produzione di sonorità analogicamente credibili. Lla costruzione del timbro percussivo prevede la necessità di poter dosare individualmente le componenti necessarie; il Drum Synthesizer Oscillator messo a disposizione da Clavia fornisce buona parte delle attrezzature sonore necessarie alla costruzione timbrica; sono infatti disponibili: Una coppia di oscilaltori Master e Slave, dotati di Frequency, Amplitude Decay e Level. Un Noise Filter Multimode (HP-BP-LP) dotato di Frequency, Resonance, Sweep Amount e Decay. Un Bend Envelope per i due oscillatori Master e Slave. Una generazione Click indipendente sul transiente iniziale Una regolazione di Noise Volume. Il sistema prevede, inoltre, l accesso immediato a 32 preset factory, e la possibilità di editare liberamente i parametri di sintesi. Patch SS010 Drum_Synth 1.2 Noise Generator Colori del rumore In maniera analoga a quanto succede con i fenomeni ottici, si parla di rumore bianco (white noise) quando il segnale generato contiene al suo interno tutte le frequenze dello spettro acustico con egual peso sonoro; il suo timbro è facilmente assimilabile al suono causato da un getto di vapore o, se preferito, al rumore prodotto da un apparecchio televisivo completamente fuori sintonia. Purtroppo, il normale comportamento del nostro orecchio percepisce il rumore bianco privilegiando le frequenze medio acute, a discapito di quelle medio basse: per garantire una (apparente) eguaglianza timbrica, diventa necessario filtrare il rumore bianco attraverso un modulo passa basso che, con una pendenza (slope) pari a -3 db/oct, provvederà ad attenuare le frequenze più acute. Il risultato di questo filtraggio prende nome di rumore rosa (pink noise) e, ad un ascolto veloce, risulterà maggiormente bilanciato nelle sue componenti timbriche. Un terzo tipo di rumore, viene ottenuto filtrando in maniera particolarmente drastica il rumore bianco; il rumore a bassa frequenza (low frequency noise o slow random) è significativamente privo di componenti / frequenze acute e pertanto il suo timbro viene facilmente assimilato ad un rombo continuo; concettualmente assimilabile ad un Control Voltage in banda sub audio con escursione pari a +/- 5V, viene ottenuto lasciando operativa una banda di frequenza contenuta tra 0.1 e 10 Hertz. ENRICO COSIMI - 8 -

9 Se si aumenta l efficacia del filtraggio, o se semplicemente se ne varia la frequenza di taglio, si ottengono altri tipi di rumore, identificati con colorazioni definite caso per caso; i due tipi di rumore più comuni rimangono, comunque, il bianco ed il rosa. Relativamente poco diffuso, se non nelle vecchie strutture modulari analogiche di classe più elevata, il rumore rosso è ottenuto filtrando il normale rumore bianco con uno stadio passa basso con pendenza di intervento (slope) pari a 6dB/Oct e frequenza di taglio accordata attorno ai 34 Hertz. Si confronti questo slope a 6dB/Oct con quello a 3 db/oct utilizzato per ottenere il più energico rumore rosa Dal punto di vista tecnico Come differenziare in maniera più tecnica i tipi di rumore? Il rumore bianco presenta eguale energia per unità di banda (la stessa energia è presente tra Hz e tra Hz), il rumore rosa presenta eguale energia per ottava (la stessa energia è presente tra Hz e tra Hz); è evidente come, nel secondo caso, la stessa quantità di energia risulti distribuita su un ambito dieci volte maggiore ( contro ) e quindi ci sia meno attività sulle frequenze acute. All interno di una struttura di sintesi sottrattiva, il generatore di rumore (noise generator) offre un corredo significativamente ridotto di parametri: la selezione del tipo di rumore desiderato, operabile con continuità come nel caso del Clavia Nord Modular G2 o per incrementi discreti e, in alcuni casi, la regolazione di ampiezza per il segnale in uscita. Chiaramente, nelle strutture più limitate, la generazione del rumore può essere inserita direttamente all interno delle possibili forme d onda emesse da uno degli oscillatori disponibili; in tutti i casi, è necessario ricordare che le diverse colorazioni del rumore possono essere sempre ottenute processando il segnale attraverso un modulo di filtraggio passa basso. Patch SS011 Noise Rumore come sorgente di modulazione Oltre che come segnale audio, il noise generator può essere utilizzato come sorgente di tensioni casuali utili a modificare (modulare) il comportamento di altri moduli. Gli esempi più banali sono relativi all impiego sull intonazione degli oscillatori e sulla frequenza di taglio del filtro. Patch SS012 Noise Mod ENRICO COSIMI - 9 -

Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza:

Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Sound Source Oscillator Osc B Modulazione di frequenza E necessario distinguere tra diversi tipi di modulazione di frequenza: Modulazione di Frequenza Esponenziale in banda Sub-Audio Modulazione di Frequenza

Dettagli

Elementi di Sintesi Sottrattiva e Sintesi per Modulazioni LFO

Elementi di Sintesi Sottrattiva e Sintesi per Modulazioni LFO LFO Control Source LFO - LFO B Oscillatore a bassa frequenza L oscillatore a bassa frequenza (Low Frequency Oscillator LFO) è, come il nome lascia presupporre, un oscillatore che non viene fatto lavorare

Dettagli

Chorus, Phaser e Flanger

Chorus, Phaser e Flanger Chorus, Phaser e Flanger Sound Modifier FX - St Chorus Phaser Flanger Raddoppi di segnale, sovrapposizioni e sfasamenti Senza ripetere quanto già specificato a proposito dei filtri All Pass e dei comportamenti

Dettagli

Sintetizzatori. Strumenti elettrofoni: generano suono tramite elettricita' Vari tipi di sintesi: Sottrattiva: la piu' diffusa e piu' semplice

Sintetizzatori. Strumenti elettrofoni: generano suono tramite elettricita' Vari tipi di sintesi: Sottrattiva: la piu' diffusa e piu' semplice Sintetizzatori Strumenti elettrofoni: generano suono tramite elettricita' Vari tipi di sintesi: Sottrattiva Additiva Modulazione di frequenza (FM) Granulare Sottrattiva: la piu' diffusa e piu' semplice

Dettagli

Corso di Reaktor. - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati -

Corso di Reaktor. - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati - Corso di Reaktor - sintesi del suono applicata a Reaktor per la creazione di sound tools personalizzati - Lezione 1 (propedeutica) Il suono e le sue caratteristiche fondamentali - frequenza - lunghezza

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH

BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH BLOCCHI PRINCIPALI IN UN SYNTH (Appunti per le lezioni di HD Recording estratto da Sintesi del Suono Appunti e approfondimenti per i corsi di Music Technology ) Francesca Ortolani 3.1 Introduzione all

Dettagli

TECNICHE DI SINTESI DEL SUONO

TECNICHE DI SINTESI DEL SUONO RICCARDO SANTOBONI TECNICHE DI SINTESI DEL SUONO (Manuale di orchestrazione elettronica) ad uso degli allievi di Musica Elettronica, del Corso Superiore di Composizione, di Sound Engineer e di Computer

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

lunghezza d'onda = velocità del suono (m/s) frequenza (Hz)

lunghezza d'onda = velocità del suono (m/s) frequenza (Hz) 5. IL SUONO Le onde che si propagano in mezzi deformabili o elastici sono chiamate onde meccaniche. Esse hanno origine dallo spostamento di una porzione di un mezzo elastico dalla sua posizione normale,

Dettagli

SN76477N. Per la descrizione dei singoli stadi, scegliere nell'elenco:

SN76477N. Per la descrizione dei singoli stadi, scegliere nell'elenco: SN76477N A cura di Federico Battaglin www.febat.com - info@febat.com Il circuito integrato SN76477N (costruito dalla Texas Instruments) è un completo "Complex Sound Generator", ovvero un generatore di

Dettagli

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO

ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO IITM CORSO SOUND DESIGNER 2006 ENRICO COSIMI SINTESI DEL SUONO LEZIONE 1 ENRICO COSIMI - 1 - 1 INTRODUZIONE 1.1 PREMESSE Per sua natura, la Sintesi del Suono è fortemente interdisciplinare: la padronanza

Dettagli

Full-hardware implementation of Karplus-Strong algorithm on electronic PS/2 keyboard

Full-hardware implementation of Karplus-Strong algorithm on electronic PS/2 keyboard Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Ingegneria e Architettura Full-hardware implementation of Karplus-Strong algorithm on electronic PS/2 keyboard Prof. Stefano Marsi Raffaele Bernardi r.bernardi.ts@gmail.com

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Introduzione Le onde stazionarie presenti su una corda vibrante, quando la stessa è messa in moto da una forza impulsiva, dopo un iniziale transiente, possono

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione La psicologia dell udito onde sonore percezione uditiva cognizione Fisica-percezione-cognizione Aria Orecchio Mente Suono Sensazione Musica/Parole Ampiezza Intensità Dinamica Frequenza Altezza Classe di

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni)

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni) Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing.

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello Surace 1 Si richiamano le definizioni delle leggi fondamentali, invitando

Dettagli

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace e-mail: gino.iannace@unina2.it prof. ing. Gino IANNACE 1 Il suono è un "rumore sgradevole", "un suono fastidioso, non desiderato". Dal punto di vista fisico, il

Dettagli

Novation Bass Station II

Novation Bass Station II PARTENZA Bass Station II può essere utilizzato come sintetizzatore autonomo, o con le connessioni MIDI da/per altri moduli timbrici o tastiere. Può anche essere collegato con la sua porta USB ad un computer

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 03

ELEMENTI DI ACUSTICA 03 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 01/013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni EEMENTI DI ACUSTICA 03 PROPAGAZIONE DE SUONO 0 DIRETTIVITA DEA SORGENTE FREQUENZA SONORA PROPAGAZIONE

Dettagli

Lezione B4 - DDC 2003 1

Lezione B4 - DDC 2003 1 Elettronica per le telecomunicazioni Unità B: Anelli ad aggancio di fase (PLL) Lezione B.4 Sintetizzatori, DDS, CDR, DLL principio e parametri di DDS data recovery, CDR sincronizzazione clock con DLL Elettronica

Dettagli

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali Aggiungendo alcuni condensatori e resistenze ad un semplice circuito con amplificatore operazionale (Op Amp) si possono ottenere molti circuiti analogici interessanti come filtri attivi, integratori e

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione

Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 4 Oscillatori e tipi di modulazione Carlo Vignali, I4VIL FEEDBACK OSCILLATORE ARMSTRONG Tuned grid tuned plate

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale Strumentazione Elettronica pag. 1 STRUMENTAZIONE ELETTRONICA Generatore di segnale Il generatore di segnale è genericamente lo strumento che fornisce la sollecitazione nella analisi di rete e assume diversi

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^)

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) Il problema del rumore generato dalle trasmissioni è diventato sempre più pressante negli ultimi anni, anche a causa della maggiore esigenza di combattere l inquinamento

Dettagli

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse.

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse. Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni Anelli ad aggancio di fase (PLL) B6 - Demodulatori e sincronizzatori» FSK, PSK, PAM» recupero dati/clock (CDR)»

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 10: Carrier Recovery Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/20 Schema generico di ricevitore A.A. 2013-2014

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11 Indice: Introduzione 2 L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3 Adsr 4 I cavi 6 Tipo di connettori 7 Gli alimentatori 9 L'amplificatore 11 Le valvole 15 I trasduttori elettroacustici 16 Il compressore

Dettagli

Deep Time. Manuale Utente v.1.3

Deep Time. Manuale Utente v.1.3 Deep Time Manuale Utente v.1.3 Il Deep Time è uno Step Sequencer 8x2 che può operare in modalità "seriale" (una sequenza da 16 step), in modalità "parallela" (due sequenze da 8 step contemporaneamente)

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 17/03/2015 - LE ZI ON E 3 1. RISPOSTA IMPULSIVA E CONVOLUZIONE Una descrizione informale

Dettagli

Crossing 1.0.0. 1.0 Introduzione

Crossing 1.0.0. 1.0 Introduzione Crossing 1.0.0 1.0 Introduzione Crossing è un software per la creazione semiautomatica di oggetti sonori, basato sulla sintesi additiva. L aspetto generale del software alla sua apertura è quello riportato

Dettagli

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Indice INDICE INDICE... 1 1. DESCRIZIONE...

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

Rossini CD Player REV 2.0

Rossini CD Player REV 2.0 Rossini CD Player REV 2.0 Issue Date: giugno 2008 AUDIO FUTURA s.r.l. Research & Development Ing. Luca Podestà Ing. Fabio Elia Ing. Marco Saggini Rossini CD Player REV 2.0 1 / 8 Introduzione Sebbene il

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni Apparati di radiodiffusione AM ed FM Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni 1 Trasmettitori a modulazione di ampiezza Un trasmettitore per radiodiffusione ha il compito di convertire

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N.8, agosto 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle potenzialità offerte dalla strumentazione e

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Analisi di un segnale sonoro

Analisi di un segnale sonoro Analisi di un segnale sonoro 1. Introduzione Lo scopo di questa esperienza è quello di scoprire com è fatto un suono, riconoscere le differenze fra i timbri, imparare a fare un analisi in frequenza e vedere

Dettagli

Elaborazione digitale dell audio

Elaborazione digitale dell audio Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Lezioni di Informatica di Base per la Facoltà di Lettere e Filosofia Anno Accademico 2012/2013 Docente:

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Acustica. Caratteristiche distintive del suono. Altezza. Intensità W S

Acustica. Caratteristiche distintive del suono. Altezza. Intensità W S Acustica L acustica studia le caratteristiche del suono e della sua propagazione. l suono è generato da un corpo vibrante, come una corda, una membrana elastica, le corde vocali. La sorgente del suono

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo IL SUONO Caratteristiche Generali Il suono é un onda elastica (ha bisogno di un mezzo per propagarsi),longitudinale (la perturbazione avviene parallelamente alla direzione di propagazione); per la sua

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Nota Tecnica n.19 del C.R.A.

Nota Tecnica n.19 del C.R.A. X Dipartimento del COMUNE DI ROMA via Cola di Rienzo 23 00192 ROMA Roma 7 maggio 2002 Protocollo n.9543 del X Dipartimento Nota Tecnica n.19 del C.R.A. da Fabrizio Calabrese Consigliere Tecnico del C.R.A.

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it Il decibel Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Il concetto di decibel Il concetto di decibel entra in gioco ogni volta che ci troviamo a misurare una grandezza legata alla teoria del suono. L'orecchio

Dettagli

Taratura sintonia di un ricevitore HF

Taratura sintonia di un ricevitore HF Taratura sintonia di un ricevitore HF bozza 21/12/010 di Marco Ducco IK1PXM Descrivo come ho misurato l'errore di sintonia di un RTX IC-725 utilizzando come riferimento la ricezione della stazione campione

Dettagli

Risposta in frequenza di un elettrocardiografo a scopo diagnostico: scelta, verifica e corretto utilizzo. Vincenzo Ventimiglia

Risposta in frequenza di un elettrocardiografo a scopo diagnostico: scelta, verifica e corretto utilizzo. Vincenzo Ventimiglia Risposta in frequenza di un elettrocardiografo a scopo diagnostico: scelta, verifica e corretto utilizzo Vincenzo Ventimiglia Articoli scientifici Simulation of anteroseptal myocardial infarction by electrocardiographic

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Elementi di tecnologie digitali audio-video

Elementi di tecnologie digitali audio-video Elementi di tecnologie digitali audio-video - dispensa - a cura di Girolamo De Simone Audio analogico Uso del registratore multitraccia Collegamenti di strumenti e microfoni Audio analogico Caratteristiche

Dettagli

I sensori di spostamento induttivi

I sensori di spostamento induttivi Si basano sulla variazione del coefficiente di auto o mutua induzione con lo spostamento incognito. Sono dispositivi molto diffusi poiché presentano una elevata robustezza verso i fattori ambientali (si

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING

IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING A. Cerniglia(1), T. Valente (2), A. Costa (3) (1) 01dB Italia Via Sanzio, 5 Cesano Boscone cerniglia@01db.it (2) Studio Ambiente e Sicurezza

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

Generazione della portante sinusoidale

Generazione della portante sinusoidale 6 Generazione della portante sinusoidale In questo capitolo vengono illustrati due metodi per la generazione di portante sinusoidale affetta da rumore di fase. Un metodo produce un segnale simulato quantizzato

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Il vetro e l isolamento acustico

Il vetro e l isolamento acustico Proprietà e funzioni del vetro 31 Principi generali Intensità, pressioni e livelli sonori La "potenza" di un rumore può essere data dalla sua intensità I o dalla sua pressione P (misurate rispettivamente

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli