EMMA 2 (senza vendetta)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMMA 2 (senza vendetta)"

Transcript

1 EMMA 2 (senza vendetta) Em.Ma. 2010: Seminario Provinciale 21 maggio 2010 Tutor senior Adani Angelillis Boldrini Ferri - Veronesi

2 PROVE INVALSI MAGGIO 2010 II E V PRIMARIA (MATEMATICA) 13 MAGGIO 2010 I SECONDARIA DI I GRADO I FASCICOLI SONO RIMASTI ALL INSEGNANTE DELLA CLASSE CHE, INSIEME AI COLLEGHI, POTRA FARE TUTTE LE ANALISI DESIDERATE I RISULTATI, ELABORATI DA INVALSI, SARANNO DISPONIBILI NELL A.S

3 EM.MA 2010: Competenze in esame 1. Saper risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica (individuare e collegare informazioni utili, confrontare strategie di risoluzione, individuare schemi, esporre il procedimento risolutivo,...) 2. Conoscere e utilizzare diverse forme di rappresentazione e saper passare da una all'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica, tabellare,...) 3. Acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico (congetturare, verificare, giustificare, definire, generalizzare, )

4 QUESITI NELLE PROVE CLASSE II^ SCUOLA PRIMARIA Saper risolvere problemi: D4 D17 D18 D19 Conoscere e utilizzare diverse forme di rappresentazione: D9 D13 D14 D16 D20 D21 Acquisire forme tipiche del pensiero matematico: D1 D11 CLASSE V^ SCUOLA PRIMARIA Saper risolvere problemi: D2 D4 D5 D6 D 10 D11 Conoscere e utilizzare diverse forme di rappresentazione: D26 D27 D29 Acquisire forme tipiche del pensiero matematico: D3 D15 D18 D20

5 QUESITI NELLE PROVE CLASSE I^ SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO Saper risolvere problemi: D4 D6 D8 D12 D17 D 22 D30 Conoscere e utilizzare diverse forme di rappresentazione: D6 D7 D18 Acquisire forme tipiche del pensiero matematico: D13 D20 D 21 D24

6 LA GRIGLIA DI ANALISI DEI QUESITI INVALSI 6

7 STRUMENTI IL GIORNO DELLA PROVA SONO STATE FORNITE SOLO LE RISPOSTE ALLE DOMANDE APERTE NEI GIORNI SUCCESSIVI ALLA PROVA, INVALSI METTERA IN RETE LA GRIGLIA DI CORREZIONE COSI STRUTTURATA CLASSE N. QUESITO Risposta corretta Ambito Processo Oggetto valutazione Compito 7

8 ENTRO LA SETTIMANA SUCCESSIVA ALLA PROVA INVALSI METTERA IN RETE UNA ANALISI DIDATTICA DEI QUESITI SIMILE A QUELLA SOTTO RIPORTATA Il quesito chiede di individuare un numero all interno di un uguaglianza. La risposta corretta è B. L opzione D Individua un ostacolo noto nella ricerca riguardo al significato di =. In questo caso si tratta dell uguale relazionale (separa due quantità uguali), mentre chi risponde D fa riferimento all uguale procedurale, (uguale significa fa ). Le risposte a questo quesito segnalano ai docenti un punto di attenzione su cui riflettere. 8

9

10 Una griglia per tabulare le risposte

11 Percentuali a confronto

12 Incrociando i dati relativi al nostro contesto e gli obiettivi individuati da EM.MA possiamo passare ad un analisi di alcuni quesiti

13

14

15 D11. Osserva il riquadro: Ambito: NUMERI Contenuti: UGUAGLIANZE = Perché quello che è scritto nel riquadro è corretto? A. Perché ci sono due numeri a destra e due a sinistra del segno di uguale B. Perché il risultato della prima addizione è uguale al risultato della seconda addizione C. Perché 60 è il risultato di

16 Risultati di una classe II campione Modena Percentuali domanda D11 (21 allievi) Omesse 4,76% Corrette 23,80% Corrette Non Corrette Omesse Non Corrette 71,42% Nella classe è la prova andata peggio!

17 Tra le risposte errate 20% sceglie A (Perché ci sono due numeri a destra e due a sinistra del segno di uguale) 80% sceglie B (Perché 60 è il risultato di ) Era necessario riconoscere un argomentazione corretta!

18 Inteso dalla maggioranza dei bambini che errano come significato di ESEGUI, FA. Danno ad esso un significato procedurale Da pochi altri viene vista l uguaglianza, ma senza significato matematico. Viene vista come un uguaglianza estetica, di scrittura simmetrica.

19 Possibili cause Poca pratica di uguaglianze (siamo in II) Poca pratica di argomentazione Poca pratica di riconoscimento di argomentazione?

20 Andrea, Marco e Luca giocano a figurine. Luca ha 13 figurine più di Andrea. Marco ha 12 figurine più di Luca. Chi ha più figurine? A. Andrea B. Marco C. Luca AMBITO: Numeri CONTENUTI: Confrontare e ordinare i numeri naturali e mettere in relazione PROCESSO: Sapere risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica

21 Risultati di una classe II non campione (24 alunni) Percentuali domanda D 17 Risposte corrette 13% Risposte corrette 13% Risposte non corrette 87% Risposte non corrette 87% Nella classe è la prova andata peggio!

22 Tra le risposte errate 9,5% sceglie A (Forse perché non si sa quante figurine ha Andrea, forse perché è il primo nome scritto ) 90,5% sceglie C (Perché Luca ha 13 figurine più di. E 13 è il numero maggiore che compare nel testo - leggere attentamente il testo - Individuare e collegare informazioni utili - trovare, anche con schematizzazioni, strategie di risoluzione - verificare la propria scelta

23

24 Ambito: NUMERI Contenuti: FRAZIONI e DECIMALI D27. 4/8 e 0,5 indicano la stessa quantità? A. No, perché 4/8 indica una quantità minore di 0,5 B. No, perché 0,5 indica una quantità minore di 4/8 C. No, perché la prima è una frazione, il secondo è un numero decimale D. Sì, perché valgono entrambi la metà di un intero

25 Cosa dovevano fare i ragazzi? L allievo deve confrontare due rappresentazioni diverse dello stesso numero Confrontare la scrittura delle frazioni e quella dei numeri decimali Riconoscere la motivazione corretta tra quattro date

26 Processi Conoscere e padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica,...) Conoscere e padroneggiare i contenuti specifici della matematica (oggetti matematici, proprietà, strutture...)

27 Percentuali domanda N 27 Classe V campione Modena (19 alunni) Omesse 15,80% Corrette 31,57% Corrette Errate Errate 52,63% Omesse

28 Tra le risposte errate: - L 80% sceglie B (No, perché 0,5 indica una quantità minore di 4/8) - Il 10% sceglie A (No, perché 4/8 indica una quantità minore di 0,5) - Il 10% sceglie C (No, perché la prima è una frazione, il secondo è un numero decimale)

29 Provocazioni Numeri decimali e frazioni 2 mondi a parte? Dov è il significato di frazione? 0,5 è certamente minore di 4/8, perché 4 e 8 sono più grandi di 0,5 Frazioni equivalenti: queste sconosciute. Forse, se anziché 4/8 si fosse scritto 1/2, i risultati sarebbero stati diversi Forse

30 In un cassetto ci sono, mescolate tra loro, 2 paia di calzini gialli, 2 paia di calzini rossi e 2 paia di calzini verdi. Se sono al buio, quale è il numero minimo di calzini che devo prendere per essere sicuro di avere almeno 2 calzini dello stesso colore? A. 2 calzini B. 3 calzini C. 4 calzini D. 6 calzini AMBITO:Dati e previsioni CONTENUTI: Ricerca dei casi possibili

31 Risultati di una classe V campione ( 25 alunni ) Percentuali risposte al quesito D 20 Risposte corrette 28% Risposte corrette 28% Risposte non corrette 72% Risposte non corrette 72% Nella classe è la prova andata peggio!

32 Tra le risposte errate 22% sceglie A (Perché il 2 è l unico numero che compare) 17% sceglie B (Perché tre sono i diversi colori) 61% sceglie D ( Perché 2 paia per tre colori significa 6 calzini oppure perché c è la certezza) - leggere attentamente il testo - conoscere il significato delle parole e aver interiorizzato i concetti di PAIO e di MINIMO - attivare strategie che gli consentano di individuare i casi possibili. - trovare, anche con schematizzazioni, strategie di risoluzione

Quadro di Riferimento di Matematica

Quadro di Riferimento di Matematica PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo Quadro di Riferimento di Matematica -la rilevazione

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 Scheda di correzione Prova di Matematica Classe Seconda Scuola Primaria Domanda D1. B Numero Ricerca di regolarità Ordinamento D2. 31 Numero D3. C D4. C Numero

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di secondo grado FASCICOLO 1

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di secondo grado FASCICOLO 1 GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di secondo grado FASCICOLO 1 LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e

Dettagli

Matematica Griglia di correzione V primaria

Matematica Griglia di correzione V primaria PROVA DI MATEMATICA Domanda Risposta corretta Ambito Compito Contenuto Processo D1a Sì Numeri D1b No Numeri D1c No Numeri D1d Sì Numeri D2 B Numeri D3 D Spazio e D4a C Numeri D4b 2,5 Numeri D5 C funzioni

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN MATEMATICA TRA PRIMARIA E SECONDARIA: AMBITO NUMERI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN MATEMATICA TRA PRIMARIA E SECONDARIA: AMBITO NUMERI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN MATEMATICA TRA PRIMARIA E SECONDARIA: AMBITO NUMERI Staff di ForMATH Giorgio Bolondi, Laura Branchetti, Elena Franchini, Alice Lemmo 1 PRIMA PARTE Commentiamo alcuni quesiti

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe V Scuola Primaria FASCICOLO 1

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe V Scuola Primaria FASCICOLO 1 GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe V Scuola Primaria FASCICOLO 1 LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Primaria

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Primaria GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Primaria LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare i contenuti specifici

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 (a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni)

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 (a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente: Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 (a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) Guida alla lettura Prova

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe V Scuola Primaria

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe V Scuola Primaria GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe V Scuola Primaria LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni), RF (Relazioni e funzioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Secondaria di secondo grado

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Secondaria di secondo grado GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Secondaria di secondo grado LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni), RF (Relazioni e funzioni) LEGENDA PROCESSI:

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di primo grado FASCICOLO 1

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di primo grado FASCICOLO 1 GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di primo grado FASCICOLO 1 LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare

Dettagli

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2010/11 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria primaria ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni)

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) Guida alla lettura Prova

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado

GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni), RF (Relazioni e funzioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere

Dettagli

Lettura dati relativi alla rilevazione esterna SNV 2014

Lettura dati relativi alla rilevazione esterna SNV 2014 Docente coordinatore Commissione Valutazione Alunni e INVALSI: prof.ssa Adele Rosalba RUGGERI Lettura dati relativi alla rilevazione esterna SNV 2014 I dati INVALSI: usarli per Analisi e lettura critica

Dettagli

dalla finestra di casa mia

dalla finestra di casa mia dalla finestra di casa mia Emanuela Ballesini Doc. di scuola sec. di primo grado Istituto Comprensivo «R.Gasparini» Novi di Modena RISULTATI INVALSI: MATEMATICA 2009-10 (censuaria a livello di scuole e

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti: matematica

La valutazione degli apprendimenti: matematica Valutazione ed autovalutazione delle istituzioni scolastiche autonome La valutazione degli apprendimenti: matematica Conferenza di servizio Istituto d istruzione superiore Di Marzio-Michetti (Pescara)

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossela Garuti, Aurelia Orlandoni)

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossela Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossela Garuti, Aurelia Orlandoni) Guida alla lettura Prova

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 Scheda di correzione Prova di Matematica Classe Prima Scuola Secondaria di primo grado Domanda Risposta Ambito Compito Contenuto Processo Calcolare un valore

Dettagli

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2010/11 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe quinta Scuola primaria (a cura di Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono distribuiti negli ambiti

Dettagli

Testo completo delle prove PISA

Testo completo delle prove PISA Testo completo delle prove PISA Domanda 1: ANDATURA Se la formula si applica all andatura di Enrico ed Enrico fa 70 passi al minuto, qual è la lunghezza del passo di Enrico? Scrivi qui sotto i passaggi

Dettagli

Le prove di Matematica INVALSI per la Scuola secondaria di II grado

Le prove di Matematica INVALSI per la Scuola secondaria di II grado C.R.D. U. Morin, Paderno del Grappa Seminario nazionale, 27 agosto 2010 Ripensare l insegnamento della matematica: valutare Le prove di Matematica INVALSI per la Scuola secondaria di II grado Appunti per

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MATEMATICHE

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MATEMATICHE PROGETTAZIONE ANNUALE SCIENZE MATEMATICHE SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO a. s. 2016/2017 CLASSE PRIMA sez. B SETTEMBRE- OTTOBRE - NOVEMBRE TRAGUAR PER LO Accoglienza -Prove d ingresso Il linguaggio degli

Dettagli

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO C. COLOMBO (TA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI DI ITALIANO E MATEMATICA A. S.

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO C. COLOMBO (TA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI DI ITALIANO E MATEMATICA A. S. SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO C. COLOMBO (TA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI DI ITALIANO E MATEMATICA A. S. 2013-14 CLASSI TERZE A cura della Funzione Strumentale Area 4: Prof.ssa

Dettagli

PROGETTO EMERGENZA MATEMATICA EVENTI ORGANIZZATI PRESSO LE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

PROGETTO EMERGENZA MATEMATICA EVENTI ORGANIZZATI PRESSO LE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PROGETTO EMERGENZA MATEMATICA EVENTI ORGANIZZATI PRESSO LE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Scuola: DD 2 CERVIA Data degli eventi: 1 APRILE 2009 5 MAGGIO 2009 Tipologia degli eventi: riunione monodisciplinare

Dettagli

Risultati PROVE INVALSI

Risultati PROVE INVALSI Istituto Comprensivo Trento 5 Risultati PROVE INVALSI 2009-2010 elaborazione e commento Alessandro Ianeselli alessandro.ianeselli@gmail.com www.istitutotrento5.it somministrazione prove invalsi Le PROVE

Dettagli

Item scelti come base di lavoro

Item scelti come base di lavoro Item scelti come base di lavoro D7. Carla, Luca e Gianni comprano un sacchetto di caramelle. Carla mangia 1/5 delle caramelle, Luca i due decimi, Gianni il 20%. Chi ne mangia di più? A. Carla B. Luca C.

Dettagli

II Seminario Provinciale Progetto EM.MA. ITC G.Ginanni Ravenna

II Seminario Provinciale Progetto EM.MA. ITC G.Ginanni Ravenna II Seminario Provinciale Progetto EM.MA. ITC G.Ginanni Ravenna Ravenna, 27 maggio 2009 1 GRAZIE a tutti i docenti Formatori Tutor Junior (in particolare ai docenti del Polo di Ravenna) Per la straordinaria

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2011/12 Guida alla lettura 1 Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2011/12 Guida alla lettura 1 Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2011/12 Guida alla lettura 1 Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero

Dettagli

Cosa c è alla base? Un esempio

Cosa c è alla base? Un esempio Cosa c è alla base? Un esempio Competenza Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica Regolamento Obbligo Istruzione (Assi culturali

Dettagli

CURRICULO VERTICALE COMPETENZE IN AMBITO LOGICO MATEMATICO. SCUOLA secondaria di secondaria di primo grado

CURRICULO VERTICALE COMPETENZE IN AMBITO LOGICO MATEMATICO. SCUOLA secondaria di secondaria di primo grado CURRICULO VERTICALE COMPETENZE IN AMBITO LOGICO MATEMATICO SCUOLA secondaria di secondaria di primo grado classe 1^ TRAGUARDI per lo sviluppo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo con i numeri Naturali

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Ceporina Francesco Disciplina: Matematica Classe: 1ª F 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo B- Discreto / Buono 7 C

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2011/12 Guida alla lettura 1 Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2011/12 Guida alla lettura 1 Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2011/12 Guida alla lettura 1 Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO MATEMATICA classe prima FINALITÀ/OBIETTIVI GENERALI DI MATEMATICA Fornire strumenti

Dettagli

Circolo Didattico di Borgo San Giacomo (Brescia) - CURRICOLO DI CIRCOLO

Circolo Didattico di Borgo San Giacomo (Brescia) - CURRICOLO DI CIRCOLO M A T E M A T I C O - S C I E N T I F I C O - T E C N O L O G I C A D I S C I P L I N E - F I N A L I T À - E L E M E N T I E S S E N Z I A L I I curricoli delle discipline che costituiscono l'area devono

Dettagli

Giornata di formazione. II Parte Le prove INVALSI e la lettura dei risultati delle rilevazioni per il miglioramento

Giornata di formazione. II Parte Le prove INVALSI e la lettura dei risultati delle rilevazioni per il miglioramento Giornata di formazione II Parte Le prove INVALSI e la lettura dei risultati delle rilevazioni per il miglioramento Angela Martini Udine, 2 dicembre 2013 Alla base delle prove: i Quadri di Riferimento Quadri

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSI I II III

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSI I II III GRIGLIA DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSI I II III NUCLEI TEMATICI: o NUMERO e PROBLEM SOLVING o SPAZIO E FIGURE o RELAZIONI E FUNZIONI o DATI E PREVISIONI NUMERO e PROBLEM SOLVING L alunno

Dettagli

Classe seconda NUMERI. (Nucleo tematico) CONTENUTI (Conoscenze) ABILITÀ (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE.

Classe seconda NUMERI. (Nucleo tematico) CONTENUTI (Conoscenze) ABILITÀ (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. Classe seconda NUMERI (Nucleo tematico) - Numeri naturali - Rappresentazione dei numeri naturali in base dieci -Addizione e sottrazione tra numeri naturali -Moltiplicazione tra numeri naturali -Divisione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE M. BARTOLO PACHINO. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE di MATEMATICA. CLASSE 2 a B- a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE M. BARTOLO PACHINO. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE di MATEMATICA. CLASSE 2 a B- a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE M. BARTOLO PACHINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE di MATEMATICA CLASSE 2 a B- a.s.2015/16 PROF/ssa Petralito Sebastiana PROGRAMMAZIONE DIDATTICA La programmazione

Dettagli

Test d ingresso prime superiori

Test d ingresso prime superiori Test d ingresso prime superiori del 16 Settembre 2011 Prima analisi didattica dei risultati Laboratorio didattico MatNet 9 Novembre 2011 A cura di: Antonio Criscuolo Caterina Scarpaci Andamento complessivo

Dettagli

Prova Nazionale al termine del primo ciclo: Matematica a.s. 2009/10. Guida alla lettura

Prova Nazionale al termine del primo ciclo: Matematica a.s. 2009/10. Guida alla lettura Prova Nazionale al termine del primo ciclo: Matematica a.s. 2009/10 Guida alla lettura (a cura di Giorgio Bolondi, Rossella Garuti e Aurelia Orlandoni) Di seguito vengono presentate alcune prime riflessioni

Dettagli

ovvero come i ragionamenti di natura probabilistica possono aiutare in condizioni di rischio e incertezza Anna Asti -

ovvero come i ragionamenti di natura probabilistica possono aiutare in condizioni di rischio e incertezza Anna Asti - ovvero come i ragionamenti di natura probabilistica possono aiutare in condizioni di rischio e incertezza Anna Asti - anna.asti.mat@gmail.com Ripartiamo da «L incertezza domina ovunque. Tutta la nostra

Dettagli

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento

MATEMATICA. UNITA DI APPRENDIMENTO 1 Numeri. Obiettivi specifici di apprendimento MATEMATICA UNITA DI 1 Numeri. Conoscenze: Rappresentazione dei numeri naturali in base dieci: il valore posizionale delle cifre. Confrontare e ordinare i numeri naturali anche utilizzando i simboli >,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI XXIII

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI XXIII Rapporto sulla restituzione dati INVALSI a.s. 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI XXIII Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Sede centrale Via Giovanni XXIII n 12 72018 - San

Dettagli

Le prove INVALSI di Matematica per la Classe II Scuola secondaria di II grado: osservazioni e considerazioni didattiche su alcune domande

Le prove INVALSI di Matematica per la Classe II Scuola secondaria di II grado: osservazioni e considerazioni didattiche su alcune domande Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica T. Levi-Civita Centro Ricerche Didattiche U. Morin Padova, 4 aprile 2017 ore 14.30-18.00 Sessione C Classe II Secondaria di II grado Le prove

Dettagli

Programmazione didattica annuale classi terze Disciplina Matematica

Programmazione didattica annuale classi terze Disciplina Matematica Primo quadrimestre L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo algebrico, numerico e letterale NUMERI Utilizzare numeri relativi per descrivere reali Eseguire calcoli in ambito algebrico Eseguire confronti

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA secondo le Indicazioni del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA secondo le Indicazioni del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA secondo le Indicazioni del 2012 (CLASSI SECONDE) NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Osservo, confronto e ordino OTTOBRE/NOVEMBRE UDA N.

Dettagli

- Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati.

- Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati. SCUOLA SECONDARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE MATEMATICA - L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza

Dettagli

MATEMATICA INDICATORE DISCIPLINARE

MATEMATICA INDICATORE DISCIPLINARE MATEMATICA INDICATORE DISCIPLINARE Acquisire padronanza del linguaggio logico matematico e dei concetti base per utilizzare le tecniche operative, relative al calcolare, al misurare e alla soluzione di

Dettagli

ESAMI DI STATO I CICLO

ESAMI DI STATO I CICLO ESAMI DI STATO I CICLO Anno Scolastico 2010/11 GENERALITÀ La legge 25/10/2007 n. 176 stabilisce che l esame conclusivo del primo ciclo d istruzione comprende anche una prova a carattere nazionale, volta

Dettagli

E F G H I

E F G H I ISTITUTO COMPRENSIVO DI AGORDO Scuola Primaria a.s. 2014 / 2015 PIANO ANNUALE DI MATEMATICA CLASSE 5^ UNITA DI APPRENDIMENTO (U.A.) OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ( O.S.A. ) 1

Dettagli

( Anno scolastico 2011/2012)

( Anno scolastico 2011/2012) Programmazione disciplinare: MATEMATICA BIENNIO ( Anno scolastico 2011/2012) - Finalità della matematica - Declinazione delle competenze - Obiettivi disciplinari massimi e minimi - Metodi e mezzi - Tempi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE QUINTA. Competenza n. 1

ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE QUINTA. Competenza n. 1 ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE QUINTA n. 1 Abilità* Conoscenze* Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, scritto

Dettagli

Piano annuale di lavoro anno scolastico classe quinta Corsi Giunti Scuola Annarita Monaco PROGETTAZIONE DIDATTICA.

Piano annuale di lavoro anno scolastico classe quinta Corsi Giunti Scuola Annarita Monaco PROGETTAZIONE DIDATTICA. PROGETTAZIONE DIDATTICA Competenze Alla fine della classe quinta L alunno/a: Opera tra numeri naturali e decimali: per iscritto, mentalmente, con strumenti di calcolo Risolve problemi, usando il ragionamento

Dettagli

DECLINAZIONE COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: MATEMATICA COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

DECLINAZIONE COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: MATEMATICA COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DECLINAZIONE COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: MATEMATICA COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo I numeri naturali e il

Dettagli

30 Circolo Didattico G. Parini - Scuola Primaria- a.s. 2007/2008

30 Circolo Didattico G. Parini - Scuola Primaria- a.s. 2007/2008 30 Circolo Didattico G. Parini - Scuola Primaria- a.s. 2007/2008 1 ASCOLTARE PRODURRE OSSERVARE E FINALIZZARE RISOLVERE E PORMI PROBLEMI IO... ESPLORO PER ISTITUIRE RELAZIONI COMPRENDERE ARGOMENTARE, CONGETTURARE

Dettagli

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE PIANO DI LAVORO DOCENTE Rho Maria Luisa MATERIA Matematica DESTINATARI Classe 1 Al ANNO SCOLASTICO 2013-2014 COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE COMPETENZE CONCORDATE CON GRUPPO DI MATERIA Comportamentali

Dettagli

Lezione n 2 29/09/2016. Le prove Invalsi

Lezione n 2 29/09/2016. Le prove Invalsi Lezione n 2 29/09/2016 Le prove Invalsi CHE COSA SONO Sono prove standardizzate nazionali per la rilevazione degli apprendimenti preparate dall Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2007/2008

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2007/2008 DOcente: D AMICO MARIALAURA Materia: MATEMATICA Classe: IBSO 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo cognitivi generali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE QUARTA Competenza n. 1

ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE QUARTA Competenza n. 1 ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA DENNO PIANO DI STUDIO DI MATEMATICA CLASSE QUARTA n. 1 Abilità* Conoscenze* Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, scritto

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

IL CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA IL CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Sinossi delle competenze per ciascun grado scolastico Scuola primaria Scuola secondaria I grado Scuola secondaria II grado Operare con i numeri nel calcolo scritto

Dettagli

PIANO PQM Prime Indicazioni per un analisi della prova svolta in autunno

PIANO PQM Prime Indicazioni per un analisi della prova svolta in autunno PIANO PQM Prime Indicazioni per un analisi della prova svolta in autunno I quesiti sono distribuiti fra gli ambiti secondo la tabella seguente. Ambiti Numero di item Misura, dati e previsioni 8 Numeri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S Matematica - Classe Prima H Prof. Diana Giacobbi. Saper applicare i concetti acquisiti in contesti noti/nuovi;

PROGRAMMAZIONE A.S Matematica - Classe Prima H Prof. Diana Giacobbi. Saper applicare i concetti acquisiti in contesti noti/nuovi; VERIFICHE INIZIALI: 17% insufficiente; PROGRAMMAZIONE A.S. 2016-2017 Matematica - Classe Prima H Prof. Diana Giacobbi 36% sufficiente o quasi sufficiente; 48% buono o ottimo. OBIETTIVI DIDATTICI: Conoscenza

Dettagli

Curricolo di matematica Per la scuola primaria secondaria di primo grado nella prospettiva di un approccio precoce all algebra (early algebra)

Curricolo di matematica Per la scuola primaria secondaria di primo grado nella prospettiva di un approccio precoce all algebra (early algebra) Curricolo di matematica Per la scuola primaria secondaria di primo grado nella prospettiva di un approccio precoce all algebra (early algebra) Rilevazione delle competenze Anno Scolastico 2011 2012 PROVA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MORI

SCUOLA PRIMARIA - MORI ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI DI MATEMATICA

OBIETTIVI MINIMI DI MATEMATICA OBIETTIVI MINIMI DI MATEMATICA TERZA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI COMPETENZE VERIFICHE IL NUMERO Conoscere la struttura del numero intero fino a 999. - Contare oggetti in senso progressivo e regressivo.

Dettagli

Se io fossi un prof di. Guida per l insegnante

Se io fossi un prof di. Guida per l insegnante Se io fossi un prof di Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - È consapevole delle proprie capacità e dei propri limiti - Dà risposte originali - È capace di produrre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALLENDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLENDE Paderno Dugnano

ISTITUTO COMPRENSIVO ALLENDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLENDE Paderno Dugnano ISTITUTO COMPRENSIVO ALLENDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classe 1^ AREA DISCIPLINARE : MATEMATICO TECNICO - SCIENTIFICA materia:

Dettagli

CARAMELLE COLORATE. Giallo. Qual è la probabilità che Roberto prenda una caramella di colore rosso?

CARAMELLE COLORATE. Giallo. Qual è la probabilità che Roberto prenda una caramella di colore rosso? CARAMELLE COLORATE Domanda 1: CARAMELLE COLORATE M467Q01 La mamma permette a Roberto di prendere una caramella da un sacchetto. Roberto non può vedere le caramelle. Il seguente grafico mostra il numero

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO F. D'ASSISI TEZZE SUL BRENTA (VI) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE 3^ OBIETTIVI FORMATIVI: I NUMERI CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE Leggere, rappresentare e utilizzare i

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2012/13 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2012/13 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2012/13 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

NUCLEO DI AUTOVALUTAZIONE A.S. 2015/2016 RELAZIONE FINALE

NUCLEO DI AUTOVALUTAZIONE A.S. 2015/2016 RELAZIONE FINALE Costituzione nucleo autovalutazione A.S. 214/215 Elaborazione RAV Elaborazione Piano di Miglioramento Approvato Collegio Docenti A.S. 214/215 Approvato Collegio Docenti ed inserimento nel PTOF Sezione

Dettagli

Secondo anno modulo recupero

Secondo anno modulo recupero Secondo anno modulo recupero Unità didattica_1 livello recupero: equazioni di primo grado e formule inverse Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti dimostrativi. Riconoscere e saper applicare

Dettagli

MATEMATICA CLASSE TERZA

MATEMATICA CLASSE TERZA MATEMATICA CLASSE TERZA UNITÀ DIDATTICA N. 1 IL NUMERO - IL CALCOLO OBIETTIVI DI CONTENUTI ABILITÀ APPRENDIMENTO Leggere, scrivere e operare con i numeri naturali e decimali avendo la consapevolezza del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N -

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - MATEMATICA: PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA UTILIZZARE I PER PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - 1.1 Risolvere, a livello orale o con l aiuto di una

Dettagli

Classe Prima. Concetti topologici. Confronti Classificazioni Grafici. Confronti, ordinamenti e grandezze misurabili

Classe Prima. Concetti topologici. Confronti Classificazioni Grafici. Confronti, ordinamenti e grandezze misurabili apprendimento ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Classe Prima ABILITA' Leggere e scrivere i numeri, usarli per contare ed eseguire semplici operazioni di addizione e sottrazione I numeri naturali nel loro aspetto

Dettagli

UDA MATEMATICA. Progettazione per unità di apprendimento. Percorso di istruzione di primo livello primo periodo didattica PROF:...

UDA MATEMATICA. Progettazione per unità di apprendimento. Percorso di istruzione di primo livello primo periodo didattica PROF:... UDA MATEMATICA Progettazione per unità di apprendimento Percorso di istruzione di primo livello primo periodo didattica PROF:... B1 5MAT 01 Numeri e calcoli (ore in presenza: 18; ore a distanza: 0 ) COMPETENZA/E

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2012/13 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe quinta Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2012/13 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe quinta Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2012/13 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe quinta Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSI SECONDE A.S. 2017/18 MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE CLASSI SECONDE A.S. 2017/18 MATEMATICA PROGRAMMAZIONE CLASSI SECONDE A.S. 2017/18 MATEMATICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologia. Competenza digitale. Imparare ad imparare. COMPETENZE

Dettagli

PROGETTO EMERGENZA MATEMATICA EVENTI ORGANIZZATI PRESSO LE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PROPOSTA DI SCHEMA DI DIARIO DI BORDO

PROGETTO EMERGENZA MATEMATICA EVENTI ORGANIZZATI PRESSO LE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PROPOSTA DI SCHEMA DI DIARIO DI BORDO PROGETTO EMERGENZA MATEMATICA EVENTI ORGANIZZATI PRESSO LE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PROPOSTA DI SCHEMA DI DIARIO DI BORDO Il presente schema vuole essere una possibile traccia per la conduzione

Dettagli

Prova Nazionale Esame di Stato al termine del I ciclo MATEMATICA a.s. 2010/11. Guida alla lettura

Prova Nazionale Esame di Stato al termine del I ciclo MATEMATICA a.s. 2010/11. Guida alla lettura Prova Nazionale Esame di Stato al termine del I ciclo MATEMATICA a.s. 2010/11 Guida alla lettura (a cura di Giorgio Bolondi, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni e Stefania Pozio) Le domande e gli item sono

Dettagli

CRESCITA. RG-Crescita 1

CRESCITA. RG-Crescita 1 CRESCITA RG-Crescita 1 STIMOLO RG-Crescita 2 Domanda 1: LA CRESCITA A partire dal 1980 l altezza media delle ragazze di 20 anni è aumentata di 2,3 cm arrivando a 170,6 cm. Qual era l altezza media delle

Dettagli

COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1 grado (dalle Indicazioni Nazionali)

COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1 grado (dalle Indicazioni Nazionali) COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1 grado (dalle Indicazioni Nazionali) Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con

Dettagli

PROVE INVALSI A.S / 06

PROVE INVALSI A.S / 06 Istituto Comprensivo Don Lorenzo Milani Latina Dirigente Scolastico: prof.ssa E. Carotenuto PROVE INVALSI A.S. 2005 / 06 Finalità ed analisi delle competenze richieste Scuola primaria: Emanuela Bonan Francesca

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse

Dettagli

ALGEBRA CLASSE III A.S. 2016/2017 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ALGEBRA CLASSE III A.S. 2016/2017 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO UNITÀ DI 1. Proporzionalità Settembre-ottobre 2. Numeri relativi e operazioni Novembre-dicembre ALGEBRA CLASSE III A.S. 2016/2017 OBIETTIVI DI Saper riconoscere la legge di proporzionalità diretta e inversa

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Bellano Scuola secondaria di primo grado classe 2B. Anno scolastico Insegnante: Renata Rossi

Istituto Comprensivo Statale Bellano Scuola secondaria di primo grado classe 2B. Anno scolastico Insegnante: Renata Rossi Istituto Comprensivo Statale Bellano Scuola secondaria di primo grado classe 2B Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Renata Rossi PIANO DELLE UNITA DI APPRENDIMENTO MATEMATICA Unità di apprendimento n.

Dettagli

MATEMATICA CLASSE NUMERO Contare sia in senso progressivo sia in senso regressivo.

MATEMATICA CLASSE NUMERO Contare sia in senso progressivo sia in senso regressivo. MATEMATICA OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. NUMERO Contare sia in senso progressivo sia in senso regressivo..2 Usare il numero per contare, confrontare, ordinare raggruppamenti di oggetti..3 Leggere

Dettagli

CLASSE PRIMA. COMPETENZE OBIETTIVI METODOLOGA E ATTIVITA

CLASSE PRIMA. COMPETENZE OBIETTIVI METODOLOGA E ATTIVITA CLASSE PRIMA. PROGRAMMAZIONE ANNUALE. DISCIPLINA: MATEMATICA NUCLEO FONDANTE COMPETENZE OBIETTIVI METODOLOGA E ATTIVITA Associare la parola/numero agli oggetti che conta. Rappresentare simbolicamente una

Dettagli

1 MODULO OPERATIVO IL MONDO DEGLI INSIEMI

1 MODULO OPERATIVO IL MONDO DEGLI INSIEMI 1 MODULO OPERATIVO IL MONDO DEGLI INSIEMI Acquisire il concetto di insieme N 1 IL CONCETTO DI INSIEME - classificazione e confronto di oggetti diversi tra loro - riconoscimento di attributi di oggetti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - MATEMATICA - COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - MATEMATICA - COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - MATEMATICA - COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA MATEMATICA Classe Prima Profilo dello studente al termine del Primo ciclo d Istruzione:

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico PROVA DI MATEMATICA. Scuola Media. Classe Prima. Codici. Scuola:...

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico PROVA DI MATEMATICA. Scuola Media. Classe Prima. Codici. Scuola:... Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTAZIONE DI UNITA' DI APPRENDIMENTO DI MATEMATICA PER UNA CLASSE PRIMA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTAZIONE DI UNITA' DI APPRENDIMENTO DI MATEMATICA PER UNA CLASSE PRIMA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTAZIONE DI UNITA' DI APPRENDIMENTO DI MATEMATICA PER UNA CLASSE PRIMA Tenendo presente le indicazioni del P., le Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati

Dettagli

Un progetto per migliorare la literacy matematica

Un progetto per migliorare la literacy matematica Un progetto per migliorare la literacy matematica Caserta, 28 Maggio 2016 Federica Saccomanno Seconda Università degli Studi di Napoli Progetto di ricerca Learning and Understanding Capabilities: Improving

Dettagli

MATEMATICA classe PRIMA

MATEMATICA classe PRIMA MATEMATICA classe PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MATEMATICA Classe PRIMA SECONDARIA A 1.1.1. Riconoscere,rappresentare e operare correttamente con gli insiemi matematici. A 1.1.2. Scrivere, leggere,

Dettagli

E F G H I 2. 4.

E F G H I 2. 4. ISTITUTO COMPRENSIVO DI AGORDO Scuola Primaria a.s. 2014/15 PIANO ANNUALE DI MATEMATICA CLASSE 4^ UNITA DI APPRENDIMENTO (U.A.) OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ( O.S.A. ) 1 2 3

Dettagli

LINGUA ITALIANA L.E.1 ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. L.E.2 LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI VARIO TIPO.

LINGUA ITALIANA L.E.1 ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. L.E.2 LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI VARIO TIPO. LINGUA ITALIANA L.E.1 ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. 1a. Prestare attenzione e dimostrare di aver capito i discorsi dei coetanei e degli adulti. 1b. Saper ascoltare ciò che viene letto

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.PERLSC Ferrara CURRICOLO DI ISTITUTO NUCLEO TEMTICO Il numero CONOSCENZE BILIT S C U O L P R I M R I classe 1^ L alunno conosce: i numeri naturali, nei loro aspetti cardinali e ordinali,

Dettagli

RELAZIONE RESTITUZIONE DATI INVALSI 2014/2015- PROVA NAZIONALE

RELAZIONE RESTITUZIONE DATI INVALSI 2014/2015- PROVA NAZIONALE RELAZIONE RESTITUZIONE DATI INVALSI 2014/2015- PROVA NAZIONALE L istituto Nazionale per la Valutazione del sistema di Istruzione (INVALSI), SU DIRETTIVA DEL Ministro dell istruzione, ha predisposto la

Dettagli