E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012"

Transcript

1 E.3 Networking Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 Data di conclusione prevista: IV trimestre 2014 Creare un network tematico Attivare scambi con progetti analoghi Data di conclusione effettiva: Realizzata la prima conferenza del network tematico. Attivati scambi con reti su temi analoghi da parte del Beneficiario Coordinatore, ISDE, Coordinamento Agenda 21. Costituzione di 1 network sul tema Valutazione degli impatti sanitari con particolare attenzione a partecipazione e metodi di valutazione di impatto nella gestione dei rifiuti. Scambi di conoscenze in meeting/conferenze. Creazione di 1 Network Italiano su VIS Cosa è stato fatto : primo Convegno tematico nazionale su VIS/HIA, Bologna settembre 2014; curatela di Monografia su VIS pubblicata in Ecosicenza n. 4/2014, pgg ; IN PROGRESS : e-book version. articolo collaborativo IN PROGRESS (Special Issue su rivista internazionale, International Journal of Environmental Research and Public Health (under rieview); candidatura a sessione Workshop IN PROGRESS (in International Conference on Impact Assessement IAIA 2015, Firenze); partecipazione a Conferenze tematiche (Quebec 2012; Ginevra 2013; Basilea 2013; Seattle IN PROGRESS: Napoli, novembre formazione scientifica: partecipazione a 2 corsi AIE (Roma, novembre, dicembre 2013); realizzazione di workshop (Pisa, novembre 2013). Scambi realizzati con progetti analoghi: 9 Meeting/convegni: INPHET network (Modena, settembre 2014,); MAPEC Life+ (Pisa, settembre 2014); LinDA Project FP7 (Pisa settembre 2014); International Networking within Coordinamento Agende 21 Italiane (Geneva, 2014) 7th European Conference on Sustainable Cities and Towns (Geneva, 2013); MEDParticles (Roma, Luglio 2013); National Conference Agenda 21 and 20 years of LIFE in Italy (Firenze, maggio 2012); WHO European Healthy Cities Network (St Petersburg, giugno 2012); Week of UNESCO Education for Sustainable Development (Lancaster, ). IN PROGRESS: INPHET meeting (Napoli novembre 2014). 1 Pubblicazione: articolo collaborativo con INPHET su Ecosicenza n. 4/2014, pgg ; 3 attività di supporto metodologico: FRESH 2 project European Environmental Agency; Progetto VIS Val D Agri ( febbriao 2014), Progetto LinDA FP7 (luglio 2014). AZIONE IN PROGRESS

2 Actions D2, D6, D11 Lanciano Inizio previsto: III trimestre 2013 Inizio effettivo: 1 marzo 2014 Data di conclusione prevista: III trimestre 2013 D2 - organizzazione e realizzazione di un Forum per la discussione dei risultati ambientali D6 - organizzazione e realizzazione di un Forum per la discussione dei risultati sanitari D11 - organizzazione e realizzazione di un Forum per la discussione dei risultati socioeconomici Data di conclusione effettiva: organizzazione di un incontro con la popolazione di Lanciano, per la presentazione e discussione congiunta dei risultati finali delle valutazioni per gli impatti su ambiente (D2) salute (D6) e socioeconomica (D11) alla popolazione locale di Lanciano, incluso i comuni limitrofi di Paglieta Atessa, Mozzagrona. Presentazione dei risultati in un incontro Discussione dei risultati. Coinvolgimento della popolazione inrteressata. Realizzazione di un incontro a Lanciano in data 19 luglio Tre presentazioni rispettivamente dei risultati: ambientali (az D2), sanitari (az D6) e socioeconomici (az D11). Le presentazioni in ppt. Sono disponibili sul sito del progetto. I partecipanti sono stati: Il Forum di Agenda 21 di Lanciano, il Focus group di HIA21, i cittadini di Lanciano e dei comuni limitrofi di Paglieta Atessa, Mozzagrona. Il numero di presenti: 100 Metodi per la comunicazione - Prima dell evento: media locali (comunicati stampa, news sui siti web dei giornali locali, manifesti pubblici). Durante e dopo l evento: interviste (ai relatori, agli amministratori), filmati postati dai media locali su youtube, registrazione dell intero evento (disponibile su youtube e sul sito del progetto). AZIONI CONCLUSE

3 Actions D3, D7, D12 Arezzo Inizio previsto: III trimestre 2013 Inizio effettivo: 1 gennaio 2014 Data di conclusione prevista: III trimestre 2013 D3 - organizzazione e realizzazione di un Forum per la discussione dei risultati ambientali D7 - organizzazione e realizzazione di un Forum per la discussione dei risultati sanitari D12 - organizzazione e realizzazione di un Forum per la discussione dei risultati socioeconomici Data di conclusione effettiva: organizzazione di DUE incontri con la popolazione di Arezzo, per la presentazione e discussione congiunta dei risultati 1) preliminari (la presentazione preliminare del è stata voluta dagli stakeholder del FORUM) 2) finali ( ) delle valutazioni per gli impatti su ambiente (D3) salute (D7) e socioeconomica (D12) alla popolazione locale di Arezzo, incluso i comuni limitrofi di Pieve al Toppo, Badia al Pino, Tuori e Tegoleto, appartenenti al comune di Civitella in Val di Chiana. Presentazione dei risultati in un incontro Discussione dei risultati. Coinvolgimento della popolazione interessata. Realizzazione di DUE incontri ad Arezzo in data 11 novembre 2013 e 3 aprile Tre presentazioni (in ciascun evento) rispettivamente dei risultati: ambientali (az D3), sanitari (az D7) e socioeconomici (az D12). Le presentazioni in ppt. dei risultati preliminari sanitari (11 novembre 2013) e dei risultati finali (3 aprile 2014) sono disponibili sul sito del progetto. I partecipanti sono stati: Il Forum di Agenda 21 di Arezzo, il Focus group di HIA21, che includono i rappresentanti dei comitati di cittadini dei comuni di Pieve al Toppo, Badia al Pino, Tuori e Tegoleto. Nello specifico erano presenti i rappresentanti di: legambiente, FIAB, Confartigianato AR, Confindustria Ar, Associazione Valdambra, Circolo Baobab, WWF AR). Erano inoltre presenti gli stakeholder locali (assessorato salute, comune di Arezzo, Provincia di Arezzo, comune di Civitella, ARPA), Il numero di presenti: 60 (totale in due incontri) Metodi per la comunicazione - Prima dell evento: ufficiale ai partecipanti al Forum, ai Focus, agli stakeholder, comunicato attraverso la rete di aderenti ISDE, attraverso le news del portale del Comune di Arezzo e attraverso la rubrica contatti di ASL8 e Centro Redi. Durante e dopo l evento: comunicato stampa a cura di Ufficio stampa ASL8, comunicazione sul sito web istituzionale di ASL8, articolo divulgativo a cura del Beneficiario coordinatore su Scienza in Rete, rivista online (postato 5 dicembre 2013). AZIONI CONCLUSE

4 Action D.4 D.8 D.13 Dissemination of results environment health and socieconomic Inizio previsto: III trimestre 2013 Inizio effettivo: 1 luglio 2013 Data di conclusione prevista: IV trimestre 2014 diffusione dei dati sanitari nel contesto nazionale ed europeo. Data di conclusione effettiva: Web site to different recipients (local authorities/subscribers) Congress/Conferences Stands within Trade Fairs Media press releases Tailored presentation for the Italian Ministry for Environments Scientific and communication papers on participation and HIA approaches Newsletter Gadgets - USB Keys ( Content: Articles, Guidelines) Presentazione dei risultati in un incontro Discussione dei risultati. Coinvolgimento della popolazione interessata. 5 poster : per la Società Lichenologica Italiana (ottobre, Montecatini Terme); HIA Conference, October 2013, Geneva; ISEE Conference August 2013, Basel; ISEE Conference august 2014, Seattle. 3 Comunicazioni Orali: la Vis in Italia, settembre 2014, Bologna; Convegno Nazionale Rifiuti e partecipazione, Ravenna Maggio 2014); International Conference on Municipal Solid Waste Management Pisa, 26-27/06/ Proceeding di conferenza: International Conference on Municipal Solid Waste Management Pisa, 26-27/06/2013; 3 Articoli su rivista: Ecosicenza Rivista di ARPA ER n. 4/2014; Il Cesalpino 2013;35:42-47; articolo del BC (Scienza in Rete, Rivista on line, del ) Scheda MATTM. Partecipazione alla Pubblicazione di un Catalogo Progetti Italiani, del Ministero dell Ambiente. Data: Gennaio Newsletter : Marzo 2013, Gennaio Interviste di : Dr Pagliani; Dr Scaringi ( Evento presentazione risultati finali Lanciano); Dr Linzalone, Dr Scaringi, Dr Lauriola; Dr Luise (maggio 2014 Workshop Rifiuti Ravenna ) 2 comunicati stampa (ASL8, Comune Arezzo; media locali Lanciano) in occasione della presentazione dei risultati finali, Arezzo e Lanciano Diffusione: mailing list istituzionali dei partner, sito di progetto 2 Incontri pubblici: ; (partecipanti totali N. 60). 1 premio - Il progetto LIFE HIA21 ha vinto il secondo premio "Città Sane 2013" con menzione speciale per la rilevanza del progetto in occasione dell 11 Meeting Italiano Città Sane OMS sul tema della Comunicazione e partecipazione per la promozione della salute "Anno europeo dei cittadini" (Milano, Maggio 2013) Diffusione: mailing list istituzionali dei partner, sito di progetto Divulgazione delle informazioni attraverso l ISDE News (Newsletter dell Associazione Medici per l Ambiente inviata a indirizzi nazionali) IN PROGRESS Articolo scientifico III Newsletter Layman s Report 3 comunicazioni orali, Congresso AIE, Napoli novembre 2014 AZIONE IN PROGRESS

5 F.2 - Organisation of a meeting between HIA Working Group (WG) and Local Agenda 21 (LA21) Forum to plan times and methods of monitoring to be performed in Arezzo Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: 1 marzo 2014 Data di conclusione prevista: I trimestre 2014 Una giornata di lavori con il Forum Data di conclusione effettiva: Discussione del piano di monitoraggio, coinvolgimento del Forum di Arezzo Presentazione del piano di monitoraggio in un incontro con il Realizzazione di un incontro ad Arezzo in data 03 aprile La presentazione in ppt della Dr Linzalone include il piano di monitoraggio presentato e discusso. I materiali sono disponibili sul sito del progetto. AZIONE CONCLUSA

6 F.13 - Organisation of quarterly meetings with the stakeholders during the implementation period of the monitoring activities in Arezzo Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: 15 MAGGIO 2014 Data di conclusione prevista: IV trimestre 2014 Organizzazione di tre incontri con gli stakeholder Data di conclusione effettiva: Realizzazione di 3 incontri, distribuzione di materiale di disseminazione (articoli pubblicati e brochure HIA21). Report degli incontri a cura di ISDE e ASL8. Presentazione del piano di monitoraggio in un incontro con il Incontro con gli stakeholder 30 giugno 2014 presntazione dell e necessità del monitoraggio (documenti sul sito) Incontro con gli stakeholder 08 luglio presentazione della scheda di monitoraggio e validazione del questionario D14 Incontro con gli stakeholder 15 settembre 2014 compilazione della scheda e discussione con gli stakeholder In progress Incontro con gli stakeholder 5 novembre 2014 conclusioni e risultati Report finali ; Brochure AZIONE IN PROGRESS

"Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani"

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani LIFE Project Number LIFE10 ENV/IT/331 Monthly Report Reporting Date April 2014 LIFE+ PROJECT NAME "Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento

Dettagli

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans AFTER LIFE COMMUNICATION PLAN With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/331 Progress Report Covering the project activities from 01/05/2013 to 28/02/2014

LIFE10 ENV/IT/331 Progress Report Covering the project activities from 01/05/2013 to 28/02/2014 LIFE Project Number LIFE10 Progress Report Covering the project activities from 01/05/2013 to 28/02/2014 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym "Valutazione partecipata degli impatti

Dettagli

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011 LOWaste Local Waste Market for second life products Incontro Ferrara, settembre 2011 Contenuti dell incontro Che cos è il Programma LIFE+ Introduzione progetto LOWaste Gli obiettivi Le azioni previste

Dettagli

Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca. Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca

Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca. Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Gli aspetti strategici dei progetti di ricerca Quali aspetti considerare? Management Comunicazio ne Aspetti etici Gender Professionalizzazione della gestione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068

PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068 PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER LIFE LIFE09 ENV/IT/000068 1 ABSTRACT The project WASTELESS IN CHIANTI has developed a pilot experience of success for the effective implementation and monitoring of an integrated

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013

PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 PIANO DI COMUNICAZIONE LOCALE LOCAL COMMUNICATION PLAN Aggiornamento Gennaio 2013 Update January 2013 LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti

Dettagli

D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS. Disseminazione e valorizzazione dei risultati

D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS. Disseminazione e valorizzazione dei risultati D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS Disseminazione e valorizzazione dei risultati La Diffusione e Valorizzazione dei risultati si riferisce all utilizzo e all applicazione pratica dei

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Attività di Disseminazione al 30/06/2006

Attività di Disseminazione al 30/06/2006 SIAM Sustainable Industrial Area Model Attività di Disseminazione al 30/06/2006 SIAM PROJECT DISSEMINATION ACTIVITY FROM 1/10/2004 TO 30/6/2006 Task 7 DISSEMINATION PLAN National Agency for New Technologies,

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

After-LIFE Communication Plan

After-LIFE Communication Plan VALUTAZIONE PARTECIPATA DEGLI IMPATTI SANITARI, AMBIENTALI E SOCIOECONOMICI DERIVANTI DAL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI PARTICIPATORY EVALUATION OF THE HEALTH, ENVIRONMENTAL AND SOCIOECONOMIC IMPACT OF

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NO.WA - No Waste

Dettagli

Il Piano di Adattamento della città di Bologna. Bologna 22 maggio 2014 Visita monitoraggio progetto

Il Piano di Adattamento della città di Bologna. Bologna 22 maggio 2014 Visita monitoraggio progetto Il Piano di Adattamento della città di Bologna Bologna 22 maggio 2014 Visita monitoraggio progetto A.1 Local Climate Profile DESCRIZIONE Delineare il profilo climatico e valutare i rischi e le vulnerabilità

Dettagli

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Ministero dell Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale

Dettagli

attività 2012-2013 Roberta Masella Focal Point Italiano EFSA

attività 2012-2013 Roberta Masella Focal Point Italiano EFSA Focal Point EFSA attività 2012-2013 Roberta Masella Focal Point Italiano EFSA Dipartimento di Sanita Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Department Of Veterinary Public Health and Food Safety Organizzazione

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14

Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14 1 Mariano Mazzacani Presentazione Cauto 01/10/2O14 2 Azione B 1 Screening delle strutture sanitarie e dei presidi veterinari che dismettono attrezzature e apparecchi biomedicali; Azione B 3 Gestione dei

Dettagli

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Finalità dell iniziativa MImprendoItalia propone una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti impegnati a

Dettagli

CIVINET CIVITAS CITY NETWORK. Reggio Emilia 18 novembre 2011 Maria Chiara Campodonico Comune di Genova

CIVINET CIVITAS CITY NETWORK. Reggio Emilia 18 novembre 2011 Maria Chiara Campodonico Comune di Genova CIVINET CIVITAS CITY NETWORK Reggio Emilia 18 novembre 2011 Maria Chiara Campodonico Comune di Genova Ordine del Giorno Presentazione delle attività svolte dal Network Richieste di adesione Presentazione

Dettagli

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Introduzione La comunicazione nei progetti finanziati dalla Commissione europea svolge sempre un ruolo rilevante in

Dettagli

Finalizzazione del Forum di Agenda 21 Locale e formazione dei Focus Group

Finalizzazione del Forum di Agenda 21 Locale e formazione dei Focus Group HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE A4 Finalizzazione del Forum di Agenda 21 Locale

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Workshop: op la accab ciclabilità in ambito btouba urbano I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Reggio Emilia, 17 novembre 2011 Patrizia Malgieri

Dettagli

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli Curriculum Vitae 2011 www.fargroup.eu f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali 25/02/2014 0

Dettagli

RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes

RELS Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks Technical meeting minutes RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes Reggio Emilia 30/08/2010 Lista dei partecipanti ALBERTO BELLINI BIANCHINI CLAUDIO GAMBERINI RITA MILANI

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

13-14 NOVEMBRE 2014 PALAZZO DEI CONGRESSI ROMA. per gli SPONSOR

13-14 NOVEMBRE 2014 PALAZZO DEI CONGRESSI ROMA. per gli SPONSOR 13-14 NOVEMBRE 2014 PALAZZO DEI CONGRESSI ROMA per gli SPONSOR BENVENUTO IN UNIRETE Il grande evento B2B di due giorni dedicato alla crescita del networking e del business delle aziende del Lazio associate

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2

Franciacorta sostenibile/2 Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio Simone Mazzata segretario Fondazione Cogeme Onlus Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Franciacorta sostenibile (Giugno 2007-febbraio 2008) Perché

Dettagli

Il progetto MADLER sulle Unioni di comuni e sui comuni capoluogo in Emilia-Romagna. Antonio Gioiellieri e Gian Paolo Artioli, ANCI Emilia Romagna;

Il progetto MADLER sulle Unioni di comuni e sui comuni capoluogo in Emilia-Romagna. Antonio Gioiellieri e Gian Paolo Artioli, ANCI Emilia Romagna; L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Il progetto MADLER

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE

Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE La Sezione 2 Scheda Progetto - va redatta in conformità a quanto riportato in questa sezione in formato PDF e caricata (upload)

Dettagli

I mezzi, web e cartacei, che compongono la piattaforma multimediale edita dal Gruppo Italia Energia offrono a manager, tecnici e ricercatori e al

I mezzi, web e cartacei, che compongono la piattaforma multimediale edita dal Gruppo Italia Energia offrono a manager, tecnici e ricercatori e al Gruppo Italia Energia Hub di cultura energetica I mezzi, web e cartacei, che compongono la piattaforma multimediale edita dal Gruppo Italia Energia offrono a manager, tecnici e ricercatori e al mondo industriale

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Perché queste linee guida I progetti di ricerca scientifica creano valore ed hanno un forte impatto sull economia, ma spesso trovano grosse

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

SERN. Newsletter. 27 Marzo 2009 Volume 4 Numero 1 Ver s ion e Ital iana I N Q U E S T O N U M E R O :

SERN. Newsletter. 27 Marzo 2009 Volume 4 Numero 1 Ver s ion e Ital iana I N Q U E S T O N U M E R O : SERN 27 Marzo 2009 Volume 4 Numero 1 Ver s ion e Ital iana Newsletter SWEDEN EMILIA ROMAGNA NETWORK, Po Box 6141, 40138 Bologna, Italy - Visits: Viale A. Moro 44. http://www.sern.eu info@sern.eu I N Q

Dettagli

POR FSE OBIETTIVO 2 FSE 2007-2013 ASSE V TRANSNAZIONALITA INTERREGIONALITA

POR FSE OBIETTIVO 2 FSE 2007-2013 ASSE V TRANSNAZIONALITA INTERREGIONALITA POR FSE OBIETTIVO 2 FSE 2007-201 ASSE V TRANSNAZIONALITA INTERREGIONALITA Circondario Empolese Valdelsa con Provincia di Prato, Azienda USL 11-Empoli, Istituto Superiore Ferraris- Brunelleschi di Empoli,

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Ente Coordinatore Comune di Pesaro Dott.ssa Fiorenza Martufi Servizio Pianificazione strategica Comune di Pesaro e_demps@comune.pesaro.ps.it Fasi e

Dettagli

Giornata informativa sui programmi tematici UE 2014-2020 nel settore Ambiente, Energia e Protezione civile

Giornata informativa sui programmi tematici UE 2014-2020 nel settore Ambiente, Energia e Protezione civile Giornata informativa sui programmi tematici UE 2014-2020 nel settore Ambiente, Energia e Protezione civile L esperienza del Coordinamento Creia: i progetti Life Mo.Re.& Mo.Re. e Go Park Marco Gentilini,

Dettagli

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS 1 PRINCIPI La salute è la sfida centrale del nostro tempo. Le città, in quanto primo

Dettagli

PROGETTO TWINNING DI GEMELLAGGIO ITALIA POLONIA

PROGETTO TWINNING DI GEMELLAGGIO ITALIA POLONIA PROGETTO TWINNING DI GEMELLAGGIO ITALIA POLONIA TITOLO DEL PROGETTO CAPACITY BUILDING IN THE FIELD OF ENVIRONMENTAL HEALTH PL2005/IB/EN/02 PERIODO DI REALIZZAZIONE Marzo 2007- luglio 2008 LO STRUMENTO

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r

PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r BOZZA VERSIONE ZERO (29/11/2013_fp) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE LIFE+_Climate change-r LIFE12 ENV/IT/000404 Summary 1. Premessa 2. Scopo del piano di comunicazione e diffusione (PCD) 3. Principali

Dettagli

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione 5 anno 2013 Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione in collaborazione con Persone-Imprese-Territorio Obiettivi Club RSI 2013 Obiettivi

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Action 29: After LIFE Communication Plan Deliverable azione 29 Parco Nazionale dell Appenino Tosco Emiliano Responsabile dell azione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea.

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. Presentazione avanzamento progetto Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. DELIVERABLES E MILESTONES PER OGNI AZIONE LE AZIONI AZIONE 1 WP1. DEFINIZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future.

L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile del Coordinamento Nazionale delle Agende 21 italiane: risultati raggiunti e azioni future. Aalborg Commitments e Protocollo di Kyoto: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane per la prevenzione dei cambiamenti climatici L impegno del Gruppo di Lavoro Turismo Sostenibile

Dettagli

Gli Sportelli Informativi Territoriali REACH: Best Practice della Rete italiana EEN

Gli Sportelli Informativi Territoriali REACH: Best Practice della Rete italiana EEN Gli Sportelli Informativi Territoriali REACH: Best Practice della Rete italiana EEN Paolo Guazzotti Confindustria Piemonte EEN - Enterprise Europe Network Protocollo d intesa tra il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Formazione e mobilità in Key Q

Formazione e mobilità in Key Q Formazione e mobilità in Key Q Giovanni Zonin Rovigno 12 aprile 2011 Sviluppo Curricula Didattici Obiettivo: definire, condividere, discutere e validare il piano didattico per tutti i moduli e le sessioni

Dettagli

LIFE+ comunicazione. Presentazione al LIFE+11 Kick-off meeting. LIFE2011 Kick-off Meeting, Roma, 7 novembre 2012 Joaquim Capitão, Unità LIFE-ENV CE 1

LIFE+ comunicazione. Presentazione al LIFE+11 Kick-off meeting. LIFE2011 Kick-off Meeting, Roma, 7 novembre 2012 Joaquim Capitão, Unità LIFE-ENV CE 1 LIFE+ comunicazione Presentazione al LIFE+11 Kick-off meeting LIFE2011 Kick-off Meeting, Roma, 7 novembre 2012 Joaquim Capitão, Unità LIFE-ENV CE 1 Contenuti della presentazione Gruppo esterno di comunicazione

Dettagli

Risultati survey stakeholder engagement. Marzo 2012

Risultati survey stakeholder engagement. Marzo 2012 Risultati survey stakeholder engagement Marzo 2012 Survey Stakeholder engagement 94 rispondenti TUTTE LE SOCIETA' HANNO RISPOSTO, AD ESCLUSIONE DI CORIANCE (Francia) A CUI NON E' STATO INVIATO IL QUESTIONARIO

Dettagli

Gruppo di lavoro Contabilità ambientale degli Enti Locali

Gruppo di lavoro Contabilità ambientale degli Enti Locali Gruppo di lavoro Contabilità ambientale degli Enti Locali dell Associazione Coordinamento Agende 21 locali Italiane Gruppo di lavoro Contabilità ambientale degli Enti Locali Programmazione 2010 Incontro

Dettagli

Finalità: La promozione in Italia, e in particolare nelle aree urbane, del processo di Agenda 21 Locale

Finalità: La promozione in Italia, e in particolare nelle aree urbane, del processo di Agenda 21 Locale Finalità: La promozione in Italia, e in particolare nelle aree urbane, del processo di Agenda 21 Locale Organizzazione Forma: Associazione nazionale volontaria senza scopo di lucro Organi dell Associazione:

Dettagli

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea.

Presentazione avanzamento progetto. Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. Presentazione avanzamento progetto Col contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione Europea. INDICE LE AZIONI DELIVERABLES E MILESTONES PER OGNI AZIONE OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE E STRUMENTI

Dettagli

LIFE+ comunicazione. Presentazione al LIFE+07 Kick-off meeting. LIFE07 Kick-off Meeting, Roma, 9 marzo 2010. Remo Savoia, Unità LIFE CE

LIFE+ comunicazione. Presentazione al LIFE+07 Kick-off meeting. LIFE07 Kick-off Meeting, Roma, 9 marzo 2010. Remo Savoia, Unità LIFE CE LIFE+ comunicazione Presentazione al LIFE+07 Kick-off meeting LIFE07 Kick-off Meeting, Roma, 9 marzo 2010 Remo Savoia, Unità LIFE CE Contenuti della presentazione Gruppo esterno di comunicazione (CoT)

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

Monitoring air pollution effects on children for supporting Public Health Policy

Monitoring air pollution effects on children for supporting Public Health Policy Monitoring air pollution effects on children for supporting Public Health Policy Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Il problema

Dettagli

(AZIONE D.4) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE

(AZIONE D.4) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE (AZIONE D.4) PIANO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO LIFE11 ENV/IT/000243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO-AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

APRE Agenzia per la promozione della Ricerca Europea. Keji Adunmo & Monique Longo, APRE Punti di Contatto Nazionale per il tema SSH

APRE Agenzia per la promozione della Ricerca Europea. Keji Adunmo & Monique Longo, APRE Punti di Contatto Nazionale per il tema SSH APRE Agenzia per la promozione della Ricerca Europea Keji Adunmo & Monique Longo, APRE Punti di Contatto Nazionale per il tema SSH AGENDA: 1. APRE come National Contact Point 2. Il Network dei National

Dettagli

Linee guida per la proposta degli Abstract*

Linee guida per la proposta degli Abstract* 3 rd International Congress of Coaching Psychology, 2013 - Italy Rome, 16-17 May Linee guida per la proposta degli Abstract* Dopo aver preso visione del documento si prega di completare il modulo di proposta

Dettagli

Media Coverings of Buy Smart. Annex: List of media coverings

Media Coverings of Buy Smart. Annex: List of media coverings Media Coverings of Buy Smart Work Package: WP 7: Dissemination Deliverable: D7.6: Media coverings Partner: ENEA Region: Italy Number of in-house consultations 58 All media covering are publicly available

Dettagli

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010 Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader mezia Terme 5 marzo 2010 1 Rete Rurale Nazionale -Organizzazione TF Rete Leader Segretariato tecnico Comitato Scientifico 2 Il contesto Gli attori

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

La promozione della salute e dell ambiente sostenibile a livello locale

La promozione della salute e dell ambiente sostenibile a livello locale CONFERENZA PROGRAMMATICA ISDE ITALIA La promozione della salute e dell ambiente sostenibile a livello locale Dati Profilo di salute Integrazione Centri Integrati Promozione Salute - CIPS Azione Reti, Comunicazione,

Dettagli

! " " #$#% & # $ #% '% # #$ (" )& ##%* $ $'% +$ $%,# * '%$'%, #%# -! #% %!, '% $! $ # #$ % $ (. %! $#&##, $##% * $, # #%#, $ # $ &,%

!   #$#% & # $ #% '% # #$ ( )& ##%* $ $'% +$ $%,# * '%$'%, #%# -! #% %!, '% $! $ # #$ % $ (. %! $#&##, $##% * $, # #%#, $ # $ &,% !"# $%%&&! " " #$#% & # $ #% '% # #$ (" )& ##%* $ $'% +$ $%,# $%("" * '%$'%, #%# -! #% %!, '% $! $ # #$ % $ (. %! $#&##, #$!#$,$ $+# $##% * $, # #%#, $ # $ &,% # %$!##!# * '%$$%$,#$ '%$" *//01#!%""#$,

Dettagli

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE+10 INF/IT/000272 Panoramica delle attività di progetto Roma, 28 giugno 2012 Hotel Quirinale Via Nazionale,

Dettagli

IWWG. International Waste Working Group sede. Isola di San Servolo. Venezia 17-20 Novembre 2014

IWWG. International Waste Working Group sede. Isola di San Servolo. Venezia 17-20 Novembre 2014 organizzato da IWWG. International Waste Working Group sede Isola di San Servolo. Venezia 17-20 Novembre 2014 5th International Symposium on Energy from Biomass and Waste Eurowaste srl via Beato Pellegrino,

Dettagli

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna Provincia di Modena Provincia di Bologna Provincia di Ravenna Struttura partnership Regional co-ordinator Emilia-Romagna Provincia di Modena Co-operating partners Provincia di Bologna Provincia di Ravenna

Dettagli

MILANO, 14 MAGGIO 2013

MILANO, 14 MAGGIO 2013 I FINANZIAMENTI EUROPEI PER L ECO-INNOVAZIONE LAST CHANCE 2013 MILANO, 14 MAGGIO 2013 LUDOVICO MONFORTE HEAD OF EU BRUSSELS OFFICE UNIONCAMERE LOMBARDIA Le attività che l Eurodesk organizza sono: EURODESK

Dettagli

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati Corecom Progetti di educazione ai media Anno scolastico Progetto Interventi realizzati Soggetti coinvolti Indagine sulle abitudini di fruizione televisiva da parte di bambini/e di età compresa tra i 24

Dettagli

IMPLEMENTATION AND EVALUATION OF A TRAINING PROGRAMME ON ORPHAN DRUGS TARGETING PATIENTS' ASSOCIATIONS AND FAMILIES OF PATIENTS WITH RARE DISEASES

IMPLEMENTATION AND EVALUATION OF A TRAINING PROGRAMME ON ORPHAN DRUGS TARGETING PATIENTS' ASSOCIATIONS AND FAMILIES OF PATIENTS WITH RARE DISEASES Questionario per la valutazione dei bisogni formativi delle Associazioni di pazienti di malattie rare e loro familiari sui farmaci orfani per il progetto: IMPLEMENTATION AND EVALUATION OF A TRAINING PROGRAMME

Dettagli

AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO

AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO 1. Premessa... 2 2. Processo Partecipato (Azione B.1)...

Dettagli

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione I

Dettagli

Le politiche per le demenze: criticità e prospettive

Le politiche per le demenze: criticità e prospettive Le politiche per le demenze: criticità e prospettive Teresa Di Fiandra Ministero della Salute VI Convegno UVA ISS, Roma 16 novembre 2012 Le politiche in Europa (1) Conferenza di Parigi (ottobre 2008) sotto

Dettagli

PIANO REDAZIONALE NEWSLETTER

PIANO REDAZIONALE NEWSLETTER LIFE LONG LEARNING PROGRAMME LEONARDO DA VINCI Transfer of Innovation (TOI) PROMETEUS PROmoting Mobility Expertise of Teachers of EU Students PIANO REDAZIONALE NEWSLETTER WORK PACKAGE 8 (documento interno

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

Il PROGETTO UTN. Ivan Boesso Veneto Innovazione

Il PROGETTO UTN. Ivan Boesso Veneto Innovazione Il PROGETTO UTN Ivan Boesso Veneto Innovazione Introduzione UTN è un progetto di cooperazione tra città europee, cofinanziato dall Unione europea nell ambito del Programma Interreg II C CADSES 1 il cui

Dettagli

Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio DI COMUNICAZIONE. Alessandro Coppola Coordinatore task-force comunicazione. POR FESR Lazio 2007/2013

Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio DI COMUNICAZIONE. Alessandro Coppola Coordinatore task-force comunicazione. POR FESR Lazio 2007/2013 Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio VALUTAZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR Lazio 2007/2013 Alessandro Coppola Coordinatore task-force comunicazione POR FESR Lazio 2007/2013 La valutazione

Dettagli

Il contributo di VISPA nel contesto valutativo nazionale nel settore ambiente e salute

Il contributo di VISPA nel contesto valutativo nazionale nel settore ambiente e salute Il contributo di VISPA nel contesto valutativo nazionale nel settore ambiente e salute Fabrizio Bianchi Istituto di Fisiologia Clinica - CNR Pisa NUOVI STRUMENTI DI SANITA PUBBLICA Bologna, 28 marzo 2012

Dettagli

Comunicare il vino. di Pamela Guerra. Consulenza Pubbliche Relazioni, Comunicazione e Social Media.

Comunicare il vino. di Pamela Guerra. Consulenza Pubbliche Relazioni, Comunicazione e Social Media. Comunicare il vino di Pamela Guerra Consulenza Pubbliche Relazioni, Comunicazione e Social Media. Non è possibile non comunicare e comunicare bene significa essenzialmente comunicare in maniera efficace

Dettagli

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Giovanna Bottani I-CSR Foundation Fifth Annual Forum on Business Ethics and Corporate Social Responsibility in a Global Economy

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Linea ISS - 6 Settore Attività Editoriali

Linea ISS - 6 Settore Attività Editoriali Linea ISS - 6 Settore Attività Editoriali Paola De Castro e Daniela Marsili Convegno : Primi risultati Progetti Nazionali sull Amianto Roma, 12 novembre 2015 Istituto Superiore di Sanità ISS - LINEA 6

Dettagli

Creazione del gruppo di lavoro HIA21 Identificazione ruoli e organigramma

Creazione del gruppo di lavoro HIA21 Identificazione ruoli e organigramma HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE A1 Creazione del gruppo di lavoro HIA21 Identificazione

Dettagli

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 Roberta Pastorelli Centro europeo d eccellenza Jean Monnet www.unitn.it/cjm roberta.pastorelli@unitn.it Attività Jean Monnet: Introduzione Promuovono

Dettagli

Cancer screening and early diagnosis in Mediterranean area: a multicollaborative coordination and training approach.

Cancer screening and early diagnosis in Mediterranean area: a multicollaborative coordination and training approach. Cancer screening and early diagnosis in Mediterranean area: a multicollaborative coordination and training approach Giuseppe Salamina Roma, 20 maggio 2014 il progetto obiettivi formazione di alto livello

Dettagli

DAGLI ESPERTI DEL SOLE 24 ORE IL SISTEMA INTEGRATO DI FORMAZIONE CONTINUA

DAGLI ESPERTI DEL SOLE 24 ORE IL SISTEMA INTEGRATO DI FORMAZIONE CONTINUA www.formazione.il sole24ore.com/professionisti DAGLI ESPERTI DEL SOLE 24 ORE IL SISTEMA INTEGRATO DI FORMAZIONE CONTINUA Master part time in formula week end presso la sede del Sole 24 ORE FAD ACCREDITATA

Dettagli

Presentazione del sottogruppo Progetti EU e internazionali

Presentazione del sottogruppo Progetti EU e internazionali Workshop CoDAU Coordinamento Servizi supporto alla Ricerca L organizzazione dei servizi di supporto alla Ricerca delle Università italiane Esiti della rilevazione presso gli Atenei italiani Presentazione

Dettagli

Elisabetta Morlino Pubblicazioni. 1. I contratti delle organizzazioni internazionali, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012

Elisabetta Morlino Pubblicazioni. 1. I contratti delle organizzazioni internazionali, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012 Elisabetta Morlino Pubblicazioni a) Monografie 1. I contratti delle organizzazioni internazionali, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012 b) Curatele 1. La parità di genere nella pubblica amministrazione,

Dettagli

Osservatorio I COSTI DEL NON FARE

Osservatorio I COSTI DEL NON FARE Osservatorio I COSTI DEL NON FARE Piano di attività Indice 1. Gli obiettivi 2. I punti di forza 3. Perché essere nostri partner 4. Divulgazione dei risultati 5. Le pubblicazioni dell Osservatorio CNF 6.

Dettagli

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Il Corso, a titolo gratuito per un solo partecipante per

Dettagli

L AMBITO DI LAVORO DEL PROGETTO

L AMBITO DI LAVORO DEL PROGETTO IL CONTESTO Nel 2012 nell Unione Europea erano presenti 11.000 ospedali e 68.000 presidi sanitari (strutture per lungodegenza, ambulatori, studi specialistici, laboratori, ecc.) Si contavano circa 3.000.000

Dettagli

EYCP2012: l iniziativa l

EYCP2012: l iniziativa l European Youth, Let s Take Care of the Planet EYCP2012: l iniziativa l italiana Francesca Alvisi Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna f.alvisi@ismar.cnr.it Per ripartire PER RILANCIARE IL PROCESSO

Dettagli

MARA GUALANDI APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società gualandi@apre.it

MARA GUALANDI APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società gualandi@apre.it MARA GUALANDI APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società gualandi@apre.it Cooperazione m 32,365 Idee m 7460 Persone m 4728 Infrastrutture m 1700 PMI m 1336 7PQ 2007-2013 Coop. Internazionale

Dettagli