I quaderni di. Utente senza segreti informazione personalizzata SUPPLEMENTO AL NUMERO 255 APRILE 2008 DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I quaderni di. Utente senza segreti informazione personalizzata SUPPLEMENTO AL NUMERO 255 APRILE 2008 DI"

Transcript

1 I quaderni di Utente senza segreti informazione personalizzata tecnologie si evolvono progressivamente tanto che l evoluzione non è più di per sé Le una novità, ma questa evoluzione ha portato a superare certi limiti e quindi a cambiare in modo repentino e radicale le regole del gioco. Invisibili su Internet? Un sogno che è durato poco. Una vignetta americana recitava: On the Internet, nobody knows you re a dog, su Internet nessuno sa che sei un cane! Non è più così. L utente oggi lascia tracce ad ogni passaggio. Chi sfrutta le informazioni? Chi tutela la privacy? Le evoluzioni tecnologiche nel settore dei supporti di memorizzazione, nella capacità elaborativa, rilevazione dati, distribuzione e fruizione sono e saranno elementi di dirompenza per il business in generale, soprattutto per il business legato al mondo dei Media e per le relative catene del valore (vedi Media Duemila n. 237). I fattori che portano al cambiamento sono molteplici, certamente cultura e società hanno un ruolo determinante. Ricordare ed analizzare ogni contesto nel quale si produce una piccola o grande rivoluzione è sempre utile: questo numero è dedicato alla profilazione dell utente e all informazione personalizzata. Sicuramente la curiosità viene stimolata di più dal primo concetto perché l invisibilità, come l onnipresenza e l onniscienza, sono condizioni alle quali l uomo anela da sempre. In questo numero scientificamente si riporta la storia, non troppo antica, dell accesso alle informazioni in formato digitale che è diventato solo recentemente un fenomeno sociale ed economico formidabile, ma le sue radici tecniche sono più antiche. Già negli anni 70 e 80, ben prima che la fame di informazioni, intrattenimento e socializzazione via Internet contagiasse noi tutti, le ricerche in information retrieval e intelligenza artificiale individuano alcuni principi di base e metodologie che ancora oggi presiedono al funzionamento dei motori di ricerca e dei sistemi per il filtraggio e l erogazione delle informazioni. Nello stesso ambito si inserisce la prassi di predire i gusti dell utente, pratica tanto importante che la Netflix, il più grosso servizio on line di noleggio dvd in USA, ha messo in palio un milione di dollari per chi riuscirà a migliorare l accuratezza del sistema di predizione dei gusti dei propri utenti. La personalizzazione è sicuramente la killer application del futuro con tutti i suoi limiti e le sue potenzialità, la perdita di privacy è un limite? Per alcuni sì, per altri assolutamente no. SUPPLEMENTO AL NUMERO 255 APRILE 2008 DI

2 I N D I C E Introduzione Un po di storia Tecniche di profilazione dell utente e di erogazione personalizzata delle informazioni La personalizzazione è il PageRank del futuro? Privacy e servizi informativi personalizzati: una convivenza possibile Conclusioni Il quaderno di Telèma è stato realizzato dalla Fondazione Ugo Bordoni. Presidente il prof. Maurizio Dècina Direttore Generale il prof. Antonio Sassano Direttore delle Ricerche l ing. Mario Frullone Curatori del Quaderno: Andrea Bernardini, Claudio Carpineto, Raffaele Nicolussi. S O N O U S C I T I N E L / : Modelli di business per le tv locali Cresce la multimodalità nella comunicazione Con la nomadicitá cambiano le abitudini Nuovi servizi richiedono una Banda Larga sempre più ampia La logistica apre le porte a nuovi business Verso le reti di nuova generazione: il ruolo di Ethernet Nuovi servizi a larga banda su Internet Segno di riconoscimento: la voce Elettromagnetismo tra scienza e comunicazione L importanza dello spettro radio per un mondo senza fili Società dell informazione e contenuti digitali: tutela dei diritti in un mondo che cambia Il mondo gestito da una rete invisibile e senza fili FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO/AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE /GENNAIO FEBBRAIO MARZO I quaderni di

3 Introduzione Una famosa vignetta del NewYorker (5 luglio 1993) mostrava due cani davanti ad un computer ed uno diceva all altro per spiegargli come la comunicazione su Internet fosse anonima: On the Internet, nobody knows you re a dog. Al giorno d oggi questo potrebbe non essere più vero. Noi lasciamo le nostre impronte sui media che adoperiamo anche se spesso non ce ne accorgiamo. Quando visitiamo un sito, guardiamo un video o facciamo un interrogazione con un motore di ricerca, vengono trasmesse al server una serie di informazioni sulla identità della macchina che si è collegata e sui dati immessi e le operazioni eseguite ad ogni stadio dell interazione col sistema. Aggregando tali informazioni, anche basandosi su tracce lasciate a distanza di tempo, si possono dedurre il profilo ed i gusti di un utente. Il risvolto commerciale dell utilizzo di queste informazioni è immediato. Dal profilo di un utente e dalle sue azioni si possono raffinare i risultati di un motore di ricerca, pianificare offerte commerciali mirate ed addirittura prevedere i suoi comportamenti. Una famosa applicazione è il sistema sviluppato da Amazon per segnalare all utente prodotti di suo possibile interesse. Quando viene visualizzato un prodotto vengono suggeriti anche i prodotti ad esso correlati sulla base delle interazioni passate di altri utenti (chi ha comprato il libro X ha anche comprato il libro Y). La possibilità di sfruttare i profili degli utenti ha dato vita ad una serie di ricerche molto interessanti. Presso i Google Labs è stata investigata la possibilità di utilizzare un profilo d utente e di graduare la sua influenza sui risultati ottenuti senza il profilo, lungo uno spettro di combinazioni che vanno dalla personalizzazione totale all assenza di personalizzazione. Un approccio più ambizioso ed invasivo, studiato soprattutto in ambiente Microsoft, si basa sull analisi dei comportamenti dell utente desunti dalle informazioni presenti sul suo computer: le ricerche antecedenti che ha fatto, i file memorizzati, con chi scambia messaggi di posta e su quale argomento. Lo sviluppo di innovative applicazioni di personalizzazione è legato ad una serie di ricerche che sono attualmente in corso di svolgimento. In questo articolo viene data una panoramica della storia, delle attuali metodologie e delle prospettive di questo filone di ricerca anche alla luce delle esigenze di privacy degli utenti. Il Quaderno è strutturato nei seguenti 4 capitoli: il capitolo 1 offre una panoramica della storia dell interrogazione e del filtraggio delle informazioni. il capitolo 2 si concentra su tre interessanti approcci di profilazione dell utente ed erogazione personalizzata delle informazioni rispettivamente: Filtraggio collaborativo delle informazioni Apprendimento automatico di funzioni di ordinamento Espansione automatica personalizzata dell interrogazione il capitolo 3 si concentra sul futuro delle tecniche di personalizzazione. il capitolo 4 affronta invece il delicato rapporto tra profilazione e privacy dell utente APRILE

4 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA Un po di storia accesso alle informazioni è diventato solo recentemente un fenomeno sociale ed econo- L mico formidabile, ma le sue radici tecniche sono più antiche. Già negli anni 70 e 80, ben prima che la fame di informazioni, intrattenimento e socializzazione via Internet contagiasse noi tutti, le ricerche in information retrieval e intelligenza artificiale individuano alcuni principi di base e metodologie che ancora oggi presiedono al funzionamento dei motori di ricerca e dei sistemi per il filtraggio e la fornitura delle informazioni. In un classico articolo del 1992 apparso sulle Communications of the ACM ( Information filtering and information retrieval:two sides of the same coin? ) Nick Belkin e Bruce Croft postulano una dualità fra le due modalità principali di erogazione delle informazioni, quella di accesso (pull), in cui il sistema reperisce le informazioni d interesse in risposta ad una interrogazione, e quella di filtraggio (push), in cui le informazioni vengono spedite ad un utente verosimilmente interessato a riceverle. Documenti, interrogazione e profilo d utente sono rappresentati allo stesso modo, cioè mediante un vettore di termini pesati dove ciascun peso riflette l importanza di quel termine nel documento (o interrogazione, o profilo), e la selezione dei documenti pertinenti ad una certa interrogazione o profilo viene ricondotta al best matching dei vettori corrispondenti. È subito chiaro però che il metodo basato sul contenuto da solo non è sufficiente a selezionare i documenti pertinenti e a scartare quelli non pertinenti in modo accurato. Ciò è dovuto principalmente all ambiguità del linguaggio naturale, che fa si che gli stessi concetti possano essere espressi in modo differente nei documenti e nella interrogazione (o profilo). Ma non bisogna neanche trascurare il fatto che il pieno soddisfacimento di un bisogno informativo, oltre che alla sua comprensione, è legato anche alla conoscenza di chi lo ha formulato e perché ad esempio con un interrogazione flower gli uomini vogliono di solito spedire fiori, le donne ordinare semi e piante da giardino. Il metodo basato sul contenuto è stato così progressivamente arricchito con altre informazioni di contesto, quelle personali in primis. utilizzate per tarare e raffinare il metodo di base oppure per dare luogo a funzioni di selezione dei documenti autonome da usare in combinazione con esso. La personalizzazione dei risultati è diventata così uno dei tratti distintivi dell accesso intelligente alle informazioni, ed è stata studiata per anni, con alterne fortune, utilizzando anche la metafora degli agenti software. Una delle sue prime e più note incarnazioni è la tecnica di relevance feedback, in cui la funzione di selezione dei documenti viene modellata come un processo di apprendimento guidato dai giudizi di pertinenza sui risultati ritornati durante la fase di addestramento. In sostanza, il vettore della interrogazione (o del profilo) viene modificato ad ogni iterazione aumentando o diminuendo il peso dei suoi termini a seconda che quei termini siano presenti in documenti recuperati pertinenti oppure non pertinenti. Questa tecnica è stata utilizzata in vari modi, incluso il reperimento delle immagini, anche se in applicazioni prevalentemente di laboratorio. Il suo limite principale è che le informazioni di addestramento devono essere fornite esplicitamente dall utente, mediante un attività aggiuntiva al normale sforzo di ricerca e di solito poco gradita. Oggi il tema della personalizzazione è ridiventato centrale, in parte perché c è stata una moltiplicazione di sorgenti informative che contengono implicitamente le preferenze degli utenti, in parte grazie alla evoluzione degli strumenti per il rilevamento e l estrazione automatica dei dati personali da dette sorgenti (come ad esempio le applicazioni per il desktop search ). Contemporaneamente, sono state affilate le tecniche di apprendimento automatico e information retrieval che fanno leva sul possesso di dati personali, e la combinazione dei due fattori potrebbe quindi condurre ad un decisivo miglioramento delle prestazioni in termini di accuratezza e rispondenza dei risultati alle attese degli utenti. 52 I quaderni di

5 TECNICHE DI PROFILAZIONE DELL UTENTE E DI EROGAZIONE PERSONALIZZATA DELLE INFORMAZIONI Tecniche di profilazione dell utente e di erogazione personalizzata delle informazioni Nel seguito vengono introdotti tre interessanti approcci di ricerca. Filtraggio collaborativo delle informazioni. Apprendimento automatico di funzioni di ordinamento Espansione automatica personalizzata dell interrogazione Per ognuno degli approcci proposti viene fornita una breve introduzione prima di focalizzare l attenzione sugli aspetti più metodologici e tecnici. Al termine di ogni trattazione sono fornite indicazioni per ulteriori approfondimenti. FILTRAGGIO COLLABORATIVO DELLE INFORMAZIONI (COLLABORATIVE FILTERING) Si definisce Collaborative Filtering (CF) il processo di filtraggio delle informazioni basato su tecniche collaborative implicite ed esplicite tra agenti intelligenti, sorgenti dati e utenti. A causa delle immediate ricadute commerciali è di particolare interesse il CF che si concentra sui comportamenti degli utenti. È possibile infatti costruire predizioni inerenti gli interessi di una persona confrontando le sue azioni con quelle svolte da altri utenti. Una famosa applicazione di questa tecnica è il sistema sviluppato da Amazon per suggerire libri (chi ha comprato il libro X ha anche comprato il libro Y). In seguito molti altri siti commerciali (Barnes and Noble, itunes, StumbleUpon ecc.) hanno compreso i vantaggi di questo approccio ed integrato meccanismi di CF nei loro portali. A testimonianza dell interesse di questa area di ricerca Netflix, il più grosso servizio online di noleggio dvd negli USA, ha messo in palio in palio un milione di dollari per chi riuscirà a migliorare l accuratezza del sistema di predizione dei gusti dei propri utenti. METODOLOGIA Il Collaborative Filtering può essere suddiviso in due tipologie principali, user based e item based, e relative tecniche di raccolta delle informazioni (implicite ed esplicite). Si può chiedere infatti ad un utente (modalità esplicita) di esprimere un giudizio (rating) su un item, ad esempio un video di Youtube, un libro di Amazon, un link interessante con StumbleUpon, oppure raccogliere dati (modalità implicita) dal comportamento all interno di un sito web (tempo speso per singola pagina, percorso seguito ecc.), dal tipo di contenuti pubblicati in uno spazio condiviso o dalle interrogazioni formulate e dalle successive esplorazioni dei risultati. L assunzione di base del CF è che coloro che hanno manifestato comportamenti simili nel passato tenderanno a condividerli anche in futuro. Le fasi di un approccio di CF sono: Registrazione delle preferenze di un gruppo numeroso di utenti (Input). Utilizzo di algoritmi di Collaborative Filtering (memory based o model based) per individuare uno o più profili di utenza che hanno gusti simili a quella dell utente di interesse. In base alla somiglianza con i profili di utenza presenti del dataset e in base ai loro comportamenti passati registrati costruzione di una predizione/raccomandazione (Output). MODELLAZIONE In uno scenario tipico di CF, c è una lista di m utenti ed una lista di n item (vedi figura 1). Ogni utente ui ha una lista di item I u per i quali ha espresso un opinione (implicita od esplicita). Scopo dell algoritmo di collaborative filtering è quello di predire per un active user il grado di preferenza (likeliness) re- APRILE

6 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA i 1 i 2 i 2 u 1 u a PREDISPOSIZIONE RACCOMANDAZIONE Paj (predizione riguardo item j per l active user) (Tt1...Ttn ) raccomandazione di n item per l active user u m Active user Imput (Matrice dei rating) Algoritmo di Cf Output Figura 1. Scenario generale di Collaborative Filtering. lativo ad uno o più item. Il risultato può essere espresso in due forme: Una predizione ovvero un valore numerico Pa che esprime la likeliness di un active user,j ua per un item ij (usando una metrica di riferimento per le opinioni come ad esempio una scala di valori da 1 a 5). Una raccomandazione ovvero una lista degli N item, che potrebbero interessare l active user ua. Esistono due tipologie di algoritmi per il Collaborative Filtering: model-based e memory-based. Algoritmi model-based questi algoritmi utilizzano la matrice dei rating in modalità offline per costruire un modello che viene poi utilizzato per fare le previsioni. L approccio seguito è di tipo probabilistico con algoritmi di machine learning basati su Bayesian network, clustering, e regole di associazione. Algoritmi memory-based questi algoritmi lavorano in tempo reale su tutta la matrice dei rating per fare le previsioni. Gli algoritmi memory based cercano di individuare un sottoinsieme di utenti affini (neighbors), che in passato hanno concordato con le scelte dell active user (rating simile assegnato su diversi item). Una volta trovato un sottoinsieme di neighbors si combinano le preferenze dei neighbors per trovare una predizione o n raccomandazioni per l active user (vedere riquadro 1). Gli algoritmi di tipo memory based ottengono di norma migliori risultati assoluti e sono più adattabili a contesti dinamici (frequente variazione delle entry della matrice dei rating), ma richiedono molta potenza computazionale. Per questo nel caso di data set molto grandi si preferisce utilizzate algoritmi di tipo model based. CONCLUSIONI Il Collaborative Filtering rappresenta un approccio molto interessante al problema dell enorme crescita del web poiché permette di declinare le informazioni in base alla tipologia di utente che si ha davanti. Esistono diversi approcci e metodologie per il CF in base alla tipologia delle informazioni raccolte(implicite/esplicite) ed al tipo di risposta che si vuole generare (predizione o raccomandazioni). Uno dei vincoli attualmente esistenti è però legato alla potenza di calcolo necessaria alla computazione degli algoritmi di CF. Le soluzioni migliori e più adattabili infatti si basano su algoritmi di tipo memory based che richiedono però una grossa potenza di calcolo. Al crescere del dimensione del dataset invece si preferisce utilizzare algoritmi di tipo model based in grado di costruire un modello offline su cui basare le predizioni. L attualità e l interesse di ricerca nel Collaborative Filtering è testimoniato dal massiccio utilizzo che ne viene fat- 54 I quaderni di

7 TECNICHE DI PROFILAZIONE DELL UTENTE E DI EROGAZIONE PERSONALIZZATA DELLE INFORMAZIONI Fasi di un algoritmo nearest-neighbor memory based FASE 1: PESARE TUTTI GLI UTENTI U In base ai rating dati dagli m utenti U={u 1, u 2,... u m } agli n item I={i 1, i 2, i n } del dataset viene calcolato un grado di similarità con l active user ua. Gli utenti con maggiore similarità verranno usati come predittori delle scelte dell active user. Per calcolare la similarità tra due utenti, si possono utilizzare varie metriche, come ad esempio: coefficiente di correlazione di Spearman; coefficiente di correlazione di Pearson; coseno dell angolo tra vettori; misure di incertezza basate sull entropia; differenza quadratica media. FASE 2: SELEZIONARE UN SOTTOINSIEME DEGLI UTENTI PER USARLI COME PREDITTORI Spesso gli utenti presenti nel dataset sono molto numerosi. Per garantire adeguate prestazioni computazionali si devono selezionare un numero limitato di utenti come predittori. Un popolare approccio è quello di individuare i K nearest-neighbors dell active user (un altra strategia prevede di imporre un valore soglia di similarità ed utilizzare come predittori tutti gli utenti con un valore sopra la soglia). Per selezionare il sottoinsieme degli utenti si usa la distanza Euclidea vincolata al parametro K di utenti. Il numero k dovrebbe essere: grande abbastanza per garantire una buona classificazione dell utente di interesse. piccolo (rispetto al numero dei sample) in modo che i neighbors selezionati siano abbastanza vicini per fornire una buona stima di X. ESEMPIO DI SCELTA DEL K L oggetto del test (cerchio verde)deve essere classificato come appartenente alla classe dei quadrati blu o alla classe dei triangoli rossi (figura 2). Se k = 3 verrà classificato nella seconda classe poiché ci sono 2 triangoli ed un solo quadrato. Se k = 5 verrà classificato nella prima classe (3 quadrati contro 2 triangoli. Alla luce del precedente esempio sembra chiaro come la scelta del parametro k sia cruciale per effettuare una corretta predizione. Per selezionare un buon valore e ridurre il rischio di errore nella selezione dei predittori sono di norma utilizzate tecniche euristiche o si ricorre ad algoritmi genetici. Figura 2. Scelta del numero k di nearest-neighbors. FASE 3: CALCOLO DELLA PREDIZIONE Una volta selezionati, i predittori vengono poi pesati in funzione della effettiva similarità con l active user (i pesi sono l inverso della distanza). La predizione del rating dell active user per un item sarà quindi data dalla somma pesata dei rating dati dai k predittori. APRILE

8 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA to nei grandi portali commerciali come Amazon o Netflix ed in tutte le applicazioni dove è possibile costruire un profilo utente. Per approfondire: Collaborative filtering research paper Collaborative Filtering Resources Filtering.html The Netflix Prize Amazon.com recommendations: item-to-item collaborative filtering xpl/freeabs_all.jsp?arnumber= Evaluating Collaborative Filtering Recommender Systems by J. Herlocker, J. Konstan, L.Terveen, and J. Riedl APPRENDIMENTO AUTOMATICO DI FUNZIONI DI ORDINAMENTO (LEARNING TO RANK) Gli algoritmi di ricerca basati sul Learning to Rank (L2R) sono in grado, in modo automatico, di ricavare e utilizzare le informazioni derivanti dai gusti e desideri dell utente per raffinare i risultati di una ricerca. Queste informazioni posso essere ottenute sia in modo esplicito, per esempio quando l utente compila una form indicando delle chiavi di ricerca, sia in modo implicito. Ogni volta che un utente clicca sul risultato di una ricerca, preferendo in questo modo un link a discapito degli altri, genera un feedback implicito che può essere facilmente esaminato dal motore di ricerca per raffinare le interrogazione (query) successive. Anche l analisi di alcuni dati sensibili presenti sul dispositivo utilizzato, come il calendario degli appuntamenti, la propria rubrica telefonica, la cache o la history dei siti visitati e altro ancora, possono costituire indicazioni sui gusti dell utente che egli fornisce in modo implicito e quindi, spesso, a sua insaputa. Questo modo di ricavare informazioni presenta indubbie problematiche legate alla questione della privacy: i dati utilizzati potrebbero contenere informazioni riservate il cui uso, per effettuare un raffinamento delle ricerca, potrebbe essere mal visto dall utente. Un altro modo di procedere del L2R è costituito dall analisi della sequenza di ricerche e click effettuati da un utente per arrivare a trovare una par ticolare informazione. L esperienza acquisita dall Intelligenza Artificiale, alla base dell algoritmo del L2R, viene così utilizzata per migliorare ricerche simili a quelle realizzate da altri utenti. Per esempio un motore di ricerca basato sul L2R potrebbe osservare che tutti gli utenti che cercano la stringa rimborso viaggi cliccano, successivamente, sul link relativo alla form che è necessario compilare per effettuare la richiesta di rimborso. Da questa analisi il motore potrebbe aggiungere direttamente, tra i suoi risultati, il link per arrivare immediatamente alla form desiderata. MODELLAZIONE Per formalizzare il funzionamento di un sistema basato sul L2R possiamo dire che le azioni di un utente possono essere interpretate come preferenze relative: per una certa query q l utente preferisce il documento d1 rispetto al d2. Per ogni utente u, query q e documento d viene calcolata una funzione h(q, u, d) che rappresenta l utilità o pertinenza del documento rispetto alle interrogazioni e all utente, il cui risultato cambia con l acquisizione di nuova esperienza da parte del sistema. Quando, infatti, l utente preferisce una risposta d1, rispetto a d2, stabilisce implicitamente una relazione del tipo: h(q, u, d1) > h(q, u, d2) La figura seguente (figura 3) mostra il paradigma generale di funzionamento dalla maggior parte dei metodi di ricerca basati sul L2R. Il processo di apprendimento è sintetizzato attraverso due passi: il training e il test. Nella fase di training una collezione di query Q = {q1,,q Q } e una di documenti D = {d1,,d D } vengono combinate per realizzare il training corpus. Questo viene generato come un insieme di coppie query-documento tali che (qi, dj) Q X D. Un etichettatore (Labeler) si occupa, poi, di definire il grado di rilevanza per ogni coppia qi e dj mentre il mo- 56 I quaderni di

9 TECNICHE DI PROFILAZIONE DELL UTENTE E DI EROGAZIONE PERSONALIZZATA DELLE INFORMAZIONI Figura 3. Paradigma generale di funzionamento dei metodi di ricerca basati sul L2R. dulo del Feature Extractor genera, a partire dalle coppie (qi, dj), un vettore di caratteristiche che descrive il livello di corrispondenza esistente tra gli elementi della coppia. Il Learning Algoritm, poi, riceve come input queste informazioni e produce una funzione di ranking f, con f(qi, dj) che si suppone essere in grado di dare il vero livello di rilevanza esistente tra i due elementi della coppia (d e q). Nella fase di test la funzione f, individuata durante il training, viene testata con una nuova query q sul set di documenti usati nella fase precedente. I vantaggi dell uso di un feedback implicito sono molteplici: è economico poiché può essere ricavato dall analisi dell attività svolta da un utente su un motore di ricerca o dai log delle sue attività; è specifico per un particolare utente o collezione di dati; riflette il naturale uso del motore di ricerca. Per esempio un motore di ricerca interno ad un sito che offre ricette culinarie e al quale verrà richiesto di cercare il termine pesca sarà in grado di privilegiare i risultati contenenti il frutto anziché quelli relativi all attività sportiva. Riprendendo l esempio indicato sopra (ricerca del modulo per il rimborso di una trasferta) un altra forma di feedback implicito può essere quello generato dalla riformulazione delle query: quando l utente non è soddisfatto dei risultati ottenuti e riformula nuovamente i termini della ricerca, magari senza aver prima cliccato su nessuno dei link, il motore di ricerca può tenere conto di questa informazione per facilitare le interrogazioni realizzate da altri utenti in possesso di gusti simili. Seppur caratterizzati da indubbi vantaggi i feedback impliciti posso presentare dei grossi problemi: spesso, infatti, forniscono informazioni parziali e sono affetti da disturbo.attraverso, comunque, una opportuna interpretazione essi possono costituire degli economici e accurati dataset nella forma di coppie di preferenze. Per comprendere gli errori di valutazione in cui spesso si può cadere esaminando le azioni di un utente che usa un motore di ricerca consideriamo il caso della ricerca del termine jaguar. Oltre che ai link relativi alla macchina, che supponiamo siano quelli desiderati dall utente, vengono presentati anche risultati inerenti l animale giaguaro. Ovviamente questi risultati indesiderati si manifestano in modo meno frequente se, per esempio, le ricerche vengono realizzate con un motore in lingua diversa da quella inglese (lingua per la qua- APRILE

10 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA le c è confusione tra i due termini) e magari si annullano se il motore è dedicato al mondo dell automobilismo. Supponiamo di trovarci nel caso peggiore di motore generico e in lingua inglese. La domanda che ci poniamo è quanto sia significativo il fatto che l utente clicchi sul primo, terzo e quarto risultato di quelli ottenuti dalla sua ricerca e se questa è una informazione sufficiente perché sia possibile dare un ranking ai link scelti. Molti esperimenti sono stati realizzati, la maggior parte usando software di eyetracking che permettono di analizzare su quali link lo sguardo dell utente si sofferma, e si è visto che le azioni dell utente sono estremamente influenzate da come il motore di ricerca presenta i risultati. Per cui il primo ad essere presentato sarà sempre quello maggiormente cliccato e via a seguire. A suffragio di questa tesi è stato provato che invertendo i primi due risultati (o, addirittura, tutta la lista) quello che prima era il meno cliccato diventa quello più selezionato. È chiaro, quindi, che una semplice analisi dei link cliccati non è sufficiente a definire un ranking tra i risultati, si parla, in questo caso, di presentation bias. Come possiamo, quindi, usare il feedback implicito? In realtà scopriamo come questo non sia in grado di fornirci una risposta assoluta (A è buono) ma solo informazioni relative (A è migliore di B). E questa informazione ci deriva dalla considerazione che l utente, scegliendo di cliccare il primo e il terzo link, salti il secondo comunicandoci che quel link è peggiore del terzo (e del primo, ). Generalizzando, quindi, è possibile valutare le azioni dell utente comparandole con le alternative che aveva a disposizione e che aveva osservato prima di prendere una decisione (ovvero cliccare su un link). Ulteriori studi su questo argomento hanno dimostrato come questa intuizione si sia rivelata, poi, corretta. Confrontando i ranking dedotti automaticamente dall analisi dei click (e i non click) dell utente con quelli individuati manualmente da tecnici esperti si è visto come questi fossero molto simili. Fino ad ora abbiamo visto come un motore di ricerca possa collezionare in modo passivo i feedback impliciti ottenuti dalle ricerche e dalla navigazione degli utenti.vediamo, ora, come questa esperienza possa essere sfruttata per migliorare le ricerche future svolte con il motore di ricerca. A tal proposito sono stati effettuati vari tipi di esperimenti, uno particolarmente significativo (paired blind experiment), metteva a confronto i risultati provenienti da due motori di ricerca diversi per individuare quale fosse il migliore. Una stessa interrogazione era fornita ai due motori in esame e i risultati ottenuti erano visualizzati affiancati su due colonne, così da non avvantaggiare, graficamente, gli uni rispetto agli altri. Successivamente si analizzavano, al solito, i click, e così le preferenze, degli utenti. Esaminando la sequenza dei link scelti è stato possibile individuare quale dei due motori presentasse risultati più affini ai desideri dell utente. Un altro interessante esperimento, invece, è stato realizzato per permettere la valutazione di risultati che, in genere, venivano posizionati in basso nella lista dei link presentati dai motori di ricerca e, conseguentemente, ignorati dall utente. Questi link, trovandosi in basso, non venivano mai scelti dall utente e quindi non era possibile calcolare un feedback implicito per essi. In modo casuale alcuni dei risultati caratterizzati da un basso punteggio venivano mischiati con quelli che, invece, conquistavano i primi posti in modo da poter analizzare il feedback dell utente anche su di essi. Nel breve periodo questo motore di ricerca presentava un livello di qualità basso poiché, spesso, i link presi dal fondo non avevano, effettivamente, nulla a che vedere con i risultati cercati dell utente. Si è dimostrato come, col passare del tempo e grazie all apprendimento svolto dal motore di ricerca in base al ranking ottenuto dal feedback degli utenti, i risultati forniti nel lungo periodo erano sempre più raffinati e vicini ai gusti dell utente. Fino ad ora abbiamo visto un solo tipo di feedback implicito: il click degli utenti. Ma ne esistono molti altri che andrebbero considerati: tempo di lettura: un click seguito, subito dopo, da un altro click indica che la prima pagina esaminata non era effettivamente quella cercata dall utente abbandono: si verifica quando nessun link presentato dal motore di ricerca viene cliccato. Spesso, ma non necessariamente, è seguito dalla riformulazione della query riformulazione della query: quando i link presentati (ed eventualmente visitati) non hanno sod- 58 I quaderni di

11 TECNICHE DI PROFILAZIONE DELL UTENTE E DI EROGAZIONE PERSONALIZZATA DELLE INFORMAZIONI disfatto l utente spesso la query viene riformulata, in parte o totalmente. Si hanno, in questo caso, quelle che vengono conosciute come query chain (catene di query). Le azioni di un utente u permettono di individuare, data una query q e due risposte, d1 e d2, quale questi preferisca potendo, così, stabilire che, per esempio e per quell utente, d1 è migliore di d2. Purtroppo la stragrande maggioranza degli algoritmi di machine learning operano con informazioni del tipo d1 è rilevante o d2 non è rilevante per cui è necessario trovare un modo per adattare i risultati trovati da questi algoritmi. Un possibile adattamento potrebbe essere quello di tradurre il learning problem in uno di classificazione binaria. Ogni coppia di preferenze creerebbe due modelli di classificazione binaria: quello positivo (q, u, d1, d2) e quello negativo (q, u, d2, d1). Purtroppo il processo di fusione dei risultati avrebbe complessità computazionale NP-hard il che si tradurrebbe in tempistiche di elaborazione molto lunghe qualora il sistema venisse applicato a motori di ricerca che lavorano su indici grandi. Una soluzione alternativa, a cui abbiamo già accennato in precedenza, e che richiederebbe solo una singola operazione di ordinamento, è quella che prevede non di apprendere una coppia di preferenze ma direttamente una funzione h(q, u, d) avente lo scopo di assegnare un punteggio di utilità reale ad ogni documento d per una certa query q e utente u. Una volta che l algoritmo avrà appreso una particolare funzione h, per ogni nuova query q1 il motore di ricerca non dovrà far altro che ordinare i documenti in base alla loro utilità decrescente. In altre parole ogni volta che si presenta una preferenza del tipo per la query q l utente u preferisce d1 rispetto a d2 questa viene interpretata come il fatto che per l utente u e la query q il valore di utilità d1 è maggiore di quello di d2. Formalmente questo può essere interpretato come il vincolo che la funzione h, che vogliamo apprendere, è soggetta alla relazione h (q, u, d1) > h (q, u, d2). Se la funzione di utilità è lineare nel parametro w per un dato vettore F (q, u, d) che descrive l abbinamento tra q, u e d possiamo scrivere h(q, u, d)= w X F (q, u, d).trovare la funzione h soggetta a tutte le preferenze P si riduce, semplicemente, nella soluzione di un sistema lineare. È molto probabile, comunque, che a causa del disturbo presente nell analisi dei click dell utente il sistema lineare sia inconsistente. SPERIMENTAZIONE Basandosi su queste considerazioni un gruppo di ricercatori della Cornell University con a capo Thorsten Joachims ha progettato e testato un motore di ricerca basato sul L2R: Striver. Il testing, realizzato per verificarne l efficacia, è stato condotto sottoponendo le query di un gruppo di utenti a più motori di ricerca (Google, MSN,Yahoo!, ecc.). I primi 100 risultati prodotti da ogni motore di ricerca venivano, poi, fusi con quelli ottenuti dagli altri ottenendo, così, l insieme candidato K. L insieme K veniva, successivamente, dato come input a Striver che, applicando la sua funzione di apprendimento, provvedeva ad attribuire un punteggio (rank) per ogni documento presente nell insieme. Questa nuova lista veniva, infine, presentata all utente al quale era chiesta una valutazione. Dopo circa 2 settimane di sperimentazione condotta su almeno 20 utenti esperti che hanno prodotto circa 260 interrogazioni è stato possibile confrontare il ranking attribuito ai documenti dalla funzione di apprendimento con quelli prodotti dai vari motori di ricerca usati nella fase di creazione del dataset. Si è, così, potuto vedere come i risultati ottenuti dalla funzione di apprendimento fossero mediamente migliori rispetto a quelli forniti dai motori di ricerca. CONCLUSIONI Il confronto tra i motori di ricerca tradizionali e quelli basati sulle funzioni di apprendimento mostra come l uso del feedback implicito e del machine learning consenta di realizzare sistemi altamente specializzati. Anche se il feedback implicito è soggetto ad errori, esistono molte tecniche in grado di ridurlo sensibilmente e permettere l individuazione di dati utilizzabili con successo nella fase di apprendimento. Molte sono, comunque, le cose ancora su cui lavorare che vanno dalle considerazioni inerenti i pro- APRILE

12 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA blemi di privacy a quelle relative all individuazione di tecniche in grado di evitare l influenza dello spam oppure alla progettazione e realizzazione di sistemi attraverso i quali sperimentare efficacemente i nuovi sistemi di apprendimento. Seppur inizialmente possa sembrare poco efficace l adattare un motore di ricerca a un particolare gruppo di utenti o documenti si è potuto osservare come questo sia, invece, un processo molto conveniente. L idea che un unico sistema vada bene per tutti costituisce un compromesso spesso inefficiente e l alternativa di adattarlo manualmente, in base alle esigenze del particolare gruppo di utilizzatori, è inaccettabile a causa del tempo che si andrebbe a spendere per la sua realizzazione. Proprio per questi motivi la ricerca sull adattamento automatico dei motori di ricerca grazie all uso del machine learning sta ricevendo, soprattutto in questo periodo, grande attenzione. Rimane, comunque, ancora il problema della disponibilità dei dataset necessari all addestramento dei sistemi e alla loro valutazione. In rete è possibile reperirne alcuni, spesso derivati da quelli usati al TREC (Text REtrieval Conference, conferenza internazionale sul recupero dei documenti). Tra questi è interessante LETOR (LEarning TO- Rank) che è distribuito dalla Microsoft Research Asia e copre la maggior parte delle caratteristiche richieste dall IR. Per approfondire: Home Page of Thorsten Joachims Machine Learning Apprendimento_automatico Learning to Rank for Information Retrieval / p j o a c h i m s. p d f? k e y 1 = &key2= &coll=GUIDE&dl= &CFID= &CFTOKEN= Learning to Rank:A Machine Learning Approach to Static Ranking ectures/learningtorank.pdf Learning to Rank postgrads/andrew/ pdf LETOR: Benchmark Data Sets for Learning to Rank downloads/details/22a1b3e9-c5c6-4cfe-86f9-1d2ea1c199e8/details.aspx Learning to Rank for Information Retrieval Using Genetic Programming pages.com/jyyeh-lr4ir07.pdf X. Geng,T.-Y. Liu,T. Qin, and H. Li. Feature selection for ranking. In SIGIR 07: Proceedings of the 30th annual international ACM SIGIR Conference on Research and development in information retrieval, pages , New York, NY, USA,. ACM Press. ESPANSIONE AUTOMATICA PERSONALIZZATA DELL INTERROGAZIONE Lo schema di principio di un sistema per il reperimento delle informazioni dal Web, inclusi i maggiori motori di ricerca, prevede una fase off-line di raccolta delle pagine e successiva costruzione di un file indice che associa a ciascuna parola le pagine in cui quella parola compare. A questo punto ciascuna interrogazione viene elaborata recuperando soltanto le pagine (documenti) che contengono esattamente le parole specificate nell interrogazione. Come già evidenziato, questa è una limitazione molto forte, alla luce della ricchezza e dell ambiguità del linguaggio naturale. In particolare, se una pagina contiene lo stesso concetto espresso con parole differenti essa non viene recuperata (problema del vocabolario). La situazione è ulteriormente complicata dal fatto che le interrogazioni sono brevi (di solito non più di due o tre parole) e il Web è estremamente ricco ed eterogeneo in contenuti. In queste condizioni, a causa dei problemi di sinonimia (parole differenti con lo stesso significato) e polisemia (una stessa parola con significati differenti), è ancora più probabile che il sistema non riesca a recuperare pagine pertinenti che non contengono gli stessi termini dell interrogazione oppure, simmetricamente, che recuperi molte pagine non pertinenti. Per alleviare questo problema, si può cercare di espandere automaticamente l interrogazione con termini e concetti che non sono presenti nel- 60 I quaderni di

13 TECNICHE DI PROFILAZIONE DELL UTENTE E DI EROGAZIONE PERSONALIZZATA DELLE INFORMAZIONI la sua formulazione originaria e che descrivono con più precisione il bisogno informativo dell utente. In realtà non ci si limita ad aggiungere termini; si attribuisce loro anche un peso, perché a runtime il punteggio di pertinenza di ciascun documento a fronte di una interrogazione viene ottenuto sommando i prodotti dei pesi dei termini dell interrogazione e dei pesi dei termini corrispondenti presenti nel documento. VANTAGGI E LIMITI Assumendo implicitamente che i termini dell interrogazione siano in OR, la prima conseguenza dell ampliamento del loro numero è che aumenta il richiamo del sistema, cioè la capacita di recuperare tutti i documenti pertinenti. Ad esempio, se l interrogazione Al-Qaeda viene espansa con Al-Qaida e Osama bin Laden, la nuova interrogazione non solo recupererà i documenti che contengono il termine originario (Al-Qaeda), ma anche i documenti in cui l organizzazione viene denominata con una ortografia differente o in cui essa non viene menzionata direttamente. Per quanto riguarda la capacità di recuperare solo i documenti per tinenti (precisione), che è l altra variabile che tipicamente misura le prestazioni di un sistema per il reperimento delle informazioni, essa può peggiorare o migliorare. Peggiorerà se i termini aggiuntivi non sono sufficientemente correlati con l interrogazione o se sono correlati solo ad alcuni dei suoi termini, causando cosi uno slittamento del significato della stessa con conseguente recupero di documenti non pertinenti. Migliorerà se i termini aggiuntivi concorrono a polarizzare il reperimento verso il significato cercato, filtrando cosi i documenti che in realtà sarebbero pertinenti solo a qualche componente dell interrogazione. Ad esempio, se l interrogazione tiger, operating systems viene espansa con Mac OS X, il punteggio dei documenti che parlano del sistema operativo Tiger aumenterà mentre quello dei documenti che parlano degli altri significati di tiger o di differenti sistemi operativi diminuirà. In realtà la maggior parte dei test di laboratorio hanno confermato che la misura combinata di prestazione (richiamo + precisione) può aumentare notevolmente con l uso di interrogazioni espanse, anche perché negli ultimi anni le tecniche di espansione sono diventate molto più efficaci. I limiti principali di questo approccio riguardano la sua robustezza, perché non è ugualmente efficace per tutte le interrogazioni, l aggravio computazionale che comporterebbe la sua adozione nei sistemi per l accesso in tempo reale alle informazioni sul Web, e infine il potenziale disorientamento cognitivo che potrebbe derivare da una accresciuta distanza fra il contenuto letterale dei documenti recuperati e quello della interrogazione originaria. Questi motivi hanno finora frenato l impiego della espansione automatica dell interrogazione come un componente standard dei sistemi operazionali per il reperimento delle informazioni, ad esempio i motori di ricerca per il Web. TECNICHE DI ESPANSIONE AUTOMATICA Passando all analisi delle tecniche di espansione, bisogna innanzitutto considerare che un sistema di questo tipo consiste di varie componenti in cascata: selezione delle sorgenti da cui estrarre le informazioni, selezione dei termini (o concetti) candidati all espansione, ordinamento (ranking) di questi ultimi, e infine ripesatura dell interrogazione. Di fatto, è stata utilizzata una grande varietà di sorgenti informative (la collezione completa sottostante, i documenti recuperati senza espansione, log con le interrogazioni, tesauri, ancore testuali,..) e numerosi metodi e algoritmi per estrarre da esse i termini collegati semanticamente a quelli dell interrogazione (correlazione statistica, clustering, elaborazione del linguaggio naturale, teoria dell informazione, calcolo della probabilità). Recentemente, si è cominciato ad utilizzare anche le informazioni personali dell utente per eseguire l espansione automatica dell interrogazione. ESPANDERE L INTERROGAZIONE UTILIZZANDO LE INFORMAZIONI SUL PERSONAL COMPUTER Il primo passo consiste nell indicizzare tutti i documenti contenuti in un computer che hanno valenza personale, ad esempio quelli contenuti in determinate directory, i messaggi di posta elettronica, le pagine Web nella cache, ecc. Questi documenti costituiscono la Personal Information Repository (PIR). Successivamente, data una cer- APRILE

14 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA ta interrogazione, si trovano i documenti della PIR che sono più pertinenti all interrogazione. In pratica si può fare facilmente utilizzando una qualsiasi applicazione di desktop search. A questo punto, si possono utilizzare un ventaglio di metodi per estrarre termini e concetti di espansione dai documenti pertinenti della PIR: Si assegna a ciascun termine presente in ciascun documento del PIR un punteggio proporzionale alla frequenza del termine nel documento, all inverso della sua posizione nel documento (i termini più informativi di solito sono in testa), e al numero di documenti (o sunti di documento) in cui il termine appare. Poi si selezionano i termini coi punteggi più alti. Previa applicazione off-line di sistemi per l identificazione delle parti del discorso all insieme di documenti pertinenti della PIR, si identificano tutti i composti lessicali in cui compaiono i termini dell interrogazione e si scelgono i più frequenti. In pratica è sufficiente utilizzare un analizzatore morfologico e limitarsi ai composti formati da coppie aggettivo-nome. Utilizzando le tecniche per la sommarizzazione dei documenti, si assegna un punteggio a ciascuna frase, poi si scelgono le frasi con il punteggio più alto. Il criterio usato per stabilire il punteggio tipicamente tiene conto della percentuale di parole significative contenute nella frase (valutata utilizzando la frequenza di ciascuna parola nelle frasi del documento) e della posizione della frase nel documento (le frasi in testa sono più importanti se il documento è lungo. Questi metodi possono essere usati singolarmente o combinati. Si è visto che la loro adozione può migliorare la precisione del reperimento delle informazioni, confrontando i risultati recuperati da Google senza e con espansione. Uno dei parametri fondamentali di questa tecnica di espansione automatica, cosi come delle altre, è il numero di termini di espansione che alla fine verranno usati. Un approccio promettente consiste nel rendere questa scelta dipendente dall ambiguità (o difficoltà) della interrogazione originaria (più termini per interrogazioni più ambigue), la quale può essere stimata con un cer to grado di approssimazione con metodi sia statistici sia basati sulla elaborazione del linguaggio naturale. Per approfondire: Libro in corso di stampa su Information retrieval con capitolo su Query expansion: Manning, C. D., Raghavan, P. and Schutze, H. (2008). Introduction to Information Retrieval, Cambridge University Press. irbookonlinereading.pdf Articolo con confronto e combinazione di tecniche per l espansione dell interrogazione basata su retroazione di pseudo-pertinenza (pseudo-relevance feedback): C. Carpineto, G. Romano and V. Giannini (2002). Improving retrieval feedback with multiple termranking function combination,acmtransactions on Information Systems (TOIS), 20(3), pp Articolo sulla robustezza delle tecniche di espansione automatica: G. Amati, C. Carpineto and G. Romano (2004). Query difficuly, robustness and selective application of query expansion, Proceedings of the 26 th European Conference on Information Retrieval (ECIR 2004), pp Articolo recente sulla espansione personalizzata: P.-A. Chirita, C. Firan and W. Nejdl (). Personalized query expansion for the Web, Proceedings of SIGIR 07, pp Link alla Relevance Feedback track che viene inaugurata nel 2008 all interno del forum TREC 62 I quaderni di

15 LA PERSONALIZZAZIONE È IL PAGERANK DEL FUTURO La personalizzazione è il PageRank del futuro? Si noti che la personalizzazione non è l unica tecnica disponibile per complementare la selezione delle informazioni sul Web basata sul contenuto. In effetti, il secondo criterio fondamentale per riuscire a filtrare ed ordinare in modo più efficace l enorme quantità di pagine teoricamente pertinenti ad una interrogazione è basato sui link che collegano le pagine Web, a prescindere dal contenuto testuale delle pagine stesse. L osservazione chiave è che certi siti Web sono oggettivamente più importanti o popolari di altri, e che un indice significativo della loro importanza è costituito dalla quantità e qualità delle pagine che puntano ad essi. PageRank, utilizzato da Google, è l algoritmo più noto, anche se probabilmente non il migliore, per assegnare a ciascuna pagina un punteggio di questo tipo. Negli ultimi anni il miglioramento dei sistemi per l accesso alle informazioni ha riguardato soprattutto l aumento della copertura e della velocità di aggiornamento degli indici, ma la logica di ricerca è rimasta sostanzialmente immutata. Non siamo ancora pronti per passare dai motori di ricerca ai motori di risposta, perché le tecniche basate sull elaborazione del linguaggio naturale e sul Web semantico non sono ancora mature, mentre quelle basate sul rilevamento delle variabili ambientali legate al momento, al luogo e al tipo di dispositivo utilizzato hanno un ambito di applicazione ancora limitato. Probabilmente la personalizzazione è al momento la tecnica più promettente per costruire i sistemi di prossima generazione, anche se è ancora presto per dire che essa diventerà la PageRank del futuro. Parallelamente, il miglioramento nelle tecnologie di personalizzazione può avviare la trasformazione dei motori di ricerca (o di risposta) in sistemi per la fornitura automatica di informazioni ( information supply ), specifiche per utenti e attività, in grado di intercettare il bisogno informativo di un utente prima che questo venga espresso. Questa evoluzione è stata postulata anche alla luce dell affermazione di un analogo paradigma di fornitura mirata di informazioni e pubblicità in vari contesti specializzati quali il commercio elettronico, le reti sociali, i browser, le notizie, la posta elettronica, e gli stessi motori di ricerca. Privacy e servizi informativi personalizzati: una convivenza possibile possesso di informazioni relative alle caratteri- e ai gusti degli utenti pone senza dubbio Ilstiche un problema di privacy. Gli utenti temono che queste informazioni possano essere divulgate o trafugate o adoperate in modo improprio o dannoso. D altra parte, essi apprezzano il fatto che un servizio personalizzato spesso si traduce in un risparmio di tempo e/o denaro. Questi desideri contrastanti hanno un peso variabile nelle persone.alcuni indagini recenti hanno mostrato che esistono tre tipi di atteggiamento verso la privacy. Ci sono i fondamentalisti, che non vogliono correre rischi, i disinteressati, per i quali quello della eventuale violazione della privacy non costituisce un problema, e i pragmatici, i quali essenzialmente valutano costi e benefici. Queste tre classi sono all incirca nella proporzio- APRILE

16 UTENTE SENZA SEGRETI INFORMAZIONE PERSONALIZZATA ne 1:1:2. Indipendentemente dalla loro attitudine, bisogna considerare che la scelta delle persone in definitiva è dettata da una serie di considerazioni che riguardano le caratteristiche del servizio. Due fattori importanti sono il tipo di informazione e il valore del servizio. Alle persone non piace sicuramente mandare in giro il numero della propria carta di credito o i contatti personali, e sono anche generalmente restie a diffondere informazioni sugli acquisti che fanno o le interrogazioni che inviano ai motori di ricerca, mentre sono più disposte ad accettare l eventualità che qualcuno possa venire a conoscenza dei loro hobby e stili di vita. La maggiore propensione ad accettare il rischio privacy dipende poi chiaramente dalla percezione dei benefici ricevuti nella fruizione del servizio, i quali dovrebbero essere sempre esplicitati in modo chiaro. Altri fattori che concorrono alla scelta dell utente sono la consapevolezza dell uso che verrà fatto delle informazioni personali, la possibilità di controllare e eventualmente correggere dette informazioni, e infine la fiducia nella correttezza e professionalità dell erogatore di servizio e del suo sito Web. Questi fattori dovrebbero essere considerati attentamente in fase di progettazione e realizzazione di un servizio personalizzato, perché il successo dello stesso dipenderà probabilmente dall ottemperanza a questi principi. Già oggi alcuni siti di commercio elettronico pongono grande attenzione a questi aspetti. Un passo ulteriore e probabilmente decisivo è rappresentato dall adozione di politiche sicure per la conservazione e gestione dei dati personali. Già oggi sono disponibili una serie di tecniche e altre sono in fase di studio che renderanno sempre più difficile risalire alla identità delle persone. Fra i meccanismi di protezione più efficaci si possono citare le tecniche di anonimizzazione e pseudonimizzazione, il trasferimento delle elaborazioni sul lato client (nei casi in cui non si tratta di gestire e analizzare preferenze e scelte di intere popolazioni di utenti) e l adozione di modelli distribuiti per la protezione dei grandi archivi di dati personali multi-utente. Nel complesso si tratta di favorire una evoluzione in cui il rischio privacy non rappresenti più un ostacolo allo sviluppo e alla fornitura di servizi personalizzati ma piuttosto un vincolo e un incentivo per il loro miglioramento Conclusioni grande sviluppo del web ha portato all esigenza Ildi individuare metodi sempre più raffinati per ottimizzare i risultati dei motori di ricerca e per predire gli interessi degli utenti. Allo stesso tempo si assiste alla graduale perdita di quella caratteristica di anonimato che aveva distinto il web nei primi anni della sua espansione. Durante la navigazione infatti, lasciamo tantissime tracce del nostro passaggio, dalle scelte realizzate alle preferenze espresse.tutta questa serie di informazioni costituiscono, oggi, le fondamenta attraverso cui i sistemi automatici costruiscono il profilo degli utenti. Basandosi sulla storia delle nostre azioni e sugli interessi espressi in modo esplicito o meno, sono state sviluppate alcune strategie innovative come, ad esempio, il filtraggio collaborativo delle informazioni, l apprendimento automatico di funzioni di ordinamento e l espansione automatica personalizzata delle interrogazioni. L evoluzione nel rapporto tra i fruitori della rete ed i portali web ha però notevoli implicazioni dal punto di vista della privacy. La personalizzazione dei contenuti potrebbe rappresentare la killer application del futuro. È fondamentale, però, l individuazione e l applicazione di politiche sicure per la conservazione, la gestione e la tutela dei dati personali degli utenti. Andrea Bernardini, Claudio Carpineto, Raffaele Nicolussi Fondazione Ugo Bordoni 64 I quaderni di

MANUALE UTENTE DELLA BIBLIOTECA VIRTUALE

MANUALE UTENTE DELLA BIBLIOTECA VIRTUALE MANUALE UTENTE DELLA BIBLIOTECA VIRTUALE Il sistema di ricerca della biblioteca virtuale permette di accedere in maniera rapida ai materiali didattici di interesse degli studenti presenti all interno del

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Il PageRank è obsoleto? Via libera al TrustRank

Il PageRank è obsoleto? Via libera al TrustRank Il PageRank è obsoleto? Via libera al TrustRank Prefazione: Questo documento si basa sull originale Combating web spam with TrustRank firmato da alcuni ricercatori del dipartimento di Computer Science

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Dr Maria Federico Programmazione dinamica Solitamente usata per risolvere problemi di ottimizzazione il problema ammette

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Introduzione all Information Retrieval

Introduzione all Information Retrieval Introduzione all Information Retrieval Argomenti della lezione Definizione di Information Retrieval. Information Retrieval vs Data Retrieval. Indicizzazione di collezioni e ricerca. Modelli per Information

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testuali Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testuali Il text mining: una definizione Data mining per dati destrutturati ovvero documenti codificati in linguaggio

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

Fruitpleasure.it Guida Utente FP001 Pag. 1

Fruitpleasure.it Guida Utente FP001 Pag. 1 Fruitpleasure.it Guida Utente FP001 Pag. 1 ALLEGATO GUIDA UTENTE FRUITPLEASURE.IT 1. Introduzione... 2. Iscrizione... 2.1 Iscrizione alla piattaforma web... 2.2 Modifica dati iscrizione... 2.3 Modifica

Dettagli

FRANKY I.A. Ecco i 5 motori di ricerca che lavorano con FRANKY. Perché proprio questi motori e non altri?

FRANKY I.A. Ecco i 5 motori di ricerca che lavorano con FRANKY. Perché proprio questi motori e non altri? FRANKY I.A. Franky GTW, l ultima frontiera dell Intelligenza Artificiale applicata all interpretazione del linguaggio e all e-mail Marketing. Il Software di facilissimo utilizzo e completamente in lingua

Dettagli

Basi di Dati Multimediali. Fabio Strocco

Basi di Dati Multimediali. Fabio Strocco Basi di Dati Multimediali Fabio Strocco September 19, 2011 1 Contents 2 Introduzione Le basi di dati (o database) hanno applicazioni in molti campi, in cui è necessario memorizzare, analizzare e gestire

Dettagli

CONOSCI MEGLIO IL WEB.

CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. di Stefania Pompigna Il mondo virtuale offre infinite opportunità ed infinite insidie. E meglio scoprirle, capirle ed impararle. GUIDA SULLA TORTUOSA STRADA

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIES IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS N. 196/2003

INFORMATIVA SUI COOKIES IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS N. 196/2003 INFORMATIVA SUI COOKIES IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 D.LGS N. 196/2003 In osservanza di quanto previsto dagli artt. 13 e 122 del D.lgs 30 giugno 2003, nonché da quanto

Dettagli

Indice dei contenuti

Indice dei contenuti Gesttiione Knowlledge Base Serrviiziio dii Conttactt Centterr 055055 Manualle dii consullttaziione Indice dei contenuti 1. Introduzione... 4 2. Modalità di accesso alle informazioni... 5 2.1. Accesso diretto

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Privacy e motori di ricerca

Privacy e motori di ricerca E privacy 26 Firenze, 2 maggio Privacy e motori di ricerca La minaccia fantasma Claudio Agosti vecna@sikurezza.org http://www.sftpj.org Questo documento è distribuito sotto la licenza Gnu GPL 2 1 Copyright

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Mining Positive and Negative Association Rules:

Mining Positive and Negative Association Rules: Mining Positive and Negative Association Rules: An Approach for Confined Rules Alessandro Boca Alessandro Cislaghi Premesse Le regole di associazione positive considerano solo gli item coinvolti in una

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Intelligenza Artificiale

Intelligenza Artificiale Intelligenza Artificiale Anno accademico 2008-2009 Information Retrieval: Text Categorization Una definizione formale Sia D il dominio dei documenti Sia C = {c 1,,c C } un insieme di categorie predefinite

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0 Anno 2009, versione 1.0 anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Antherica Srl Via Passo Buole, 82 42123 Reggio Emilia Email: info@antherica.com Web: www.antherica.com

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet.

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. COMMERCIO ELETTRONICO -Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. -Un qualsiasi tipo di transazione tendente a vendere o acquistare un prodotto

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Corso di User Experience

Corso di User Experience Corso di User Experience A.A.2010-2011 RELAZIONE FINALE: Studio sull interazione tra bellezza, bontà e usabilità di prodotti interattivi Autori: Battistutta Paola, Franjul Sandi Data: 08/03/2011 INTRODUZIONE

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

2. e i risultati che si vogliono conseguire

2. e i risultati che si vogliono conseguire L obiettivo di questo intervento consiste nel mostrare come trarre la massima efficienza nelle operazioni multi-canale di vendita e sincronizzazione online. Per efficienza si intende la migliore coniugazione

Dettagli

Clickomania con Blockly

Clickomania con Blockly Clickomania con Blockly Violetta Lonati Sommario Clickomania è un solitario, noto anche come Chain Shot! o Same Game. Il campo di gioco è costituito da una parete inizialmente coperta di mattoni, uno per

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente direct marketing Un filo diretto, utente per utente implementazione data base gestione data base aziendale riqualificazione data base newsletter dem telemarketing gestione numero verde 19/36 Un DB aziendale

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12 Nella lezione precedente: In realtà non tutto il data mining è dettato dagli interessi economici (commercial) data mining Abbiamo visto risvolti commerciali

Dettagli

Navigare in Internet

Navigare in Internet Navigare in Internet ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Word Wide Web = WWW = Ragnatela estesa a tutto il mondo In questo argomento del nostro

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

GESTIONE DEL PALINSESTO DI UN PORTALE MOBILE

GESTIONE DEL PALINSESTO DI UN PORTALE MOBILE GESTIONE DEL PALINSESTO DI UN PORTALE MOBILE Per un Operatore Mobile la gestione dei contenuti sul proprio portale rappresenta un fattore chiave. L obiettivo è quello di trovare il giusto equilibrio tra

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi Il progetto del sistema di ricerca delle informazioni L'esigenza del sistema di ricerca

Dettagli

MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013. AWI Assistenza Web Integrata (Service Desk On Line)

MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013. AWI Assistenza Web Integrata (Service Desk On Line) Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca MANUALE UTENTE Ed. 2 Rev.0/ 12-09-2013 (Service Desk On Line) RTI : HP Enterprise Services

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Questa pagina e tutti i capitoli della guida che trovate elencati a destra costituiscono il cuore di questo sito web.

Questa pagina e tutti i capitoli della guida che trovate elencati a destra costituiscono il cuore di questo sito web. Posizionamento sui motori di ricerca. Cos'è il "posizionamento"? Per posizionamento si intente un insieme di tecniche che hanno l'obiettivo di migliorare la posizione di un sito web nei risultati delle

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

MACHINE LEARNING e DATA MINING Introduzione. a.a.2015/16 Jessica Rosati jessica.rosati@poliba.it

MACHINE LEARNING e DATA MINING Introduzione. a.a.2015/16 Jessica Rosati jessica.rosati@poliba.it MACHINE LEARNING e DATA MINING Introduzione a.a.2015/16 Jessica Rosati jessica.rosati@poliba.it Apprendimento Automatico(i) Branca dell AI che si occupa di realizzare dispositivi artificiali capaci di

Dettagli

Contenuti di un sito web alcune considerazioni

Contenuti di un sito web alcune considerazioni Contenuti di un sito web alcune considerazioni Contenuti unici, interessanti e di qualità Il principale problema che tutti i siti devono affrontare riguarda l aere contenuti unici, interessanti e di qualità.

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza L imminente applicazione del provvedimento definitivo recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico, conseguente all adozione del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Metodi basati sugli autovettori per il Web Information Retrieval

Metodi basati sugli autovettori per il Web Information Retrieval Metodi basati sugli autovettori per il Web Information Retrieval HITS, PageRank e il metodo delle potenze LSI e SVD LSI è diventato famoso per la sua abilità nel permettere di manipolare i termini (all

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE D.Lgs n.150/2009 art.14 rubricato Organismo indipendente di valutazione della performance D.Lgs n.33/2013 art.20 rubricato Obblighi di pubblicazione dei dati relativi

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili

Privacy Policy. Tipi di dati trattati. Profili Privacy Policy Il presente documento ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione dei punti di accesso web relativamente al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che vi accedono previa

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE Manuale d uso UTILIZZO delle PROCEDURE Versione 1.0 Maint manager è sviluppato da ISI per Sommario. Manuale utente...1 Sommario...2 Gestione della manutenzione:...3 Richieste di servizio...3 Dichiarazione

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli