Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "crisalli@ing.uniroma2.it"

Transcript

1 corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a ITS Intelligent t Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS ( il TUTOR ) Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell Impresa

2 Introduzione Tra gli obiettivi dei sistemi ITS per la gestione del traffico autostradale vi è quello della sicurezza. Le statistiche mostrano come oltre il 90% degli incidenti mortali sia dovuto a comportamenti di guida inadeguati e come ogni anno la velocità causi circa il 60% dei decessi che si verificano in autostrada. Il controllo della velocità si dimostra essere una strategia efficiente per l abbattimento dell incidentalità e, quindi, per rendere più sicuri gli spostamenti. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 2

3 Introduzione TUTOR è un sistema di controllo della velocità media in autostrada. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 3

4 Introduzione L obiettivo del suo utilizzo è quello di indurre i guidatori a moderare la velocità, non limitatamente ad un punto all istante del rilievo, ma su un area vasta (tratta autostradale). Il sistema consente la verifica delle violazioni con due modalità: velocità media su tratto velocità istantanea in un punto Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 4

5 Introduzione Il sistema prevede l uso di una rete di apparati ognuno dei quali rileva automaticamente ti t i dti dati significativi ifi i di dei veicoli in transito, quali: velocità, per la verifica del superamento della velocità istantanea nel punto di rilevamento; classe del veicolo; targa, associata all istante di transito in due punti di rilevamento successivi, consentendo la verifica della velocità media tenutat dl dal veicolonel l trattott sottocontrollo. t Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 5

6 Descrizione del sistema Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 6

7 Descrizione del sistema Per avere un preciso riferimento orario, il riferimento temporale della rete di sistemi di rilevamento è costantemente allineato con il sistema GPS. La rilevazione dei dati di transito viene eseguita da sensori induttivi (spire) installati nel manto stradale connessi ad unità intelligenti che integrano le funzioni automatiche di rilevamento dei veicoli ed il calcolo dei dati di transito, di ripresa delle immagini dei veicoli e la relativa lettura delle targhe. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 7

8 Descrizione del sistema TUTOR ha funzionalità innovative rispetto alle tradizionali metodologie in uso, quali: capacità di monitoraggio dell intera sezione stradale con analoga efficacia su tutte le corsie di transito (1, 2, 3 corsie); rilevamento diretto tramite i sensori in pavimentazione nel 90% dei casi o indiretto (tramite consultazione dei pubblici registri) della classe del veicolo; rilevamento della velocità media su tratti tendenzialmente estesi; rilevazione della velocità istantanea (in prossimità di punti critici e/o ad elevata incidentalità); attribuzione automatica delle violazioni alle categorie di veicoli. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 8

9 Descrizione del sistema La determinazione della velocità media di percorso avviene attraverso: il posizionamento lungo il tracciato di una serie di stazioni di rilevamento del traffico composte, per ogni corsia di transito, da un sensore in pavimentazione (loop magnetico) e da una unità di rilevamento; la misura delle distanze intermedie tra le due stazioni di rilevamento (A e B) secondo il percorso più breve; il rilevamento di tutto il traffico passante sulle stazioni A e B; l abbinamento dei numeri di targa riconosciuti in entrambe le stazioni con i rispettivi dati temporali di passaggio; l acquisizione dagli apparati periferici delle immagini dei veicoli liintransitoi per laverifica dll dellaviolazione. l i Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 9

10 Descrizione del sistema Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 10

11 Descrizione del sistema Un altra peculiarità del sistema, in antitesi con le installazioni di tipo fisso, è rappresentata dalla flessibilità di impiego. Infatti, l utilizzatore del sistema (Polizia) può: dfii definire le soglie limitei di velocità in relazione ad eventuali prescrizioni particolari presenti all interno del tratto monitorato (es. cantieri di lavoro, condizioni atmosferiche); determinare la funzionalità dei punti di rilevamento, intermini di estensione dei tratti, per effetto delle mutabili caratteristiche dll dellacircolazione l i nei diversii periodi didll dell anno. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 11

12 Architettura di Sistema Il sistema è costituito da due unità funzionali: sistema centrale di elaborazione; Sistema di rilevamento periferico che comprende anche i sistemi e software di comunicazione, i sistemi e software per la sicurezza informatica e l unità di sincronizzazione oraria. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 12

13 Architettura di Sistema Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 13

14 Architettura di Sistema Sicurezza La sensibilità dell insieme dei dati trattati (immagini, targhe, orari di passaggio, ecc.) ne impone un trattamento che imponga l inviolabilità e l inalterabilità al fine di non permettere la divulgazione i didti dei dati che possono ld ledere la privacy. Il sistema è dotato di un modello di sicurezza improntato: sulla cifratura e firma did dei dati sensibili utilizzando certificati i standard emessi da enti di certificazione riconosciuti (ad es. Ministero dell Interno). Vengono applicate per lo scambio dei dati che coinvolgono i sistemi periferici ed il sistema centrale; sulla protezione delle diverse linee di comunicazione coinvolte alle quali viene inoltre applicata una ulteriore protezione sui dati trasmessi utilizzando uno scambio di informazioni basato su connessione protetta SSL. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 14

15 Architettura di Sistema Il sistema è costituito da due unità funzionali: sistema centrale di elaborazione; Sistema di rilevamento periferico che comprende anche i sistemi e software di comunicazione, i sistemi e software per la sicurezza informatica e l unità di sincronizzazione oraria. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 15

16 Sistema Centrale Architettura Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 16

17 Sistema Centrale Componenti di elaborazione Il sistema it di elaborazione lb centrale è rappresentato tt dll i dall insiemei di hardware e software per la gestione della soluzione in tutte le sue componenti. È composto da sistemi server di alte prestazioni e capacità di archiviazione su cui sono installati tutti gli applicativi necessari al funzionamento del sistema quali, ad esempio: calcolo delle violazioni di velocità media; verifica delle violazioni da parte dei pubblici ufficiali; stampa delle immagini dei veicoli trasgressori e dei relativi dati di transito; analisi off-line; amministrazione i i di sistema. it Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 17

18 Sistema Centrale Processo di riconoscimento targhe Il riconoscitore i utilizzato (PLATES) è in uso anche in altri sistemi specializzati per controllo accessi a ZTL e sistemi Telepass. Il PLATES riesce ad identificare e leggere la targa in un immagine con un rendimento maggiore del 95%. L errore nel riconoscimento delle targhe è dovuto essenzialmente a due possibili cause: errore nella rilevazione della targa (98% dei mancati rilevamenti) che non viene riconosciuta globalmente nell immagine i dl del veicolo; errore nel riconoscimento dei singoli caratteri (meno del 2% dei casi) che comporta un riconoscimento errato. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 18

19 Sistema Centrale Maschera di accertamento delle targhe Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 19

20 Architettura di Sistema Il sistema è costituito da due unità funzionali: sistema centrale di elaborazione; sistema di rilevamento periferico che comprende anche i sistemi e software di comunicazione, i sistemi e software per la sicurezza informatica e l unità di sincronizzazione oraria. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 20

21 Sistema di rilevamento periferico Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 21

22 Sistema di rilevamento periferico Architettura e componenti È costituito da un insieme di componenti modulari installabili sulle infrastrutture normalmente esistenti, quali i portali attualmente utilizzati per i pannelli a messaggio variabile o cavalcavia. Il sistema risponde alle caratteristiche necessarie per il funzionamento in un ambiente con discrete escursioni termiche e di umidità, fornendo quanto necessario per la rilevazione dei veicoli in transito con la ripresa delle relative immagini, la registrazione temporanea dei dati e l invio in modo protetto verso il sistema centrale. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 22

23 Sistema di rilevamento periferico Architettura e componenti Il sistema di rilevamento periferico può essere suddiviso in tre blocchi fondamentali: unità integrata di rilevamento e veicoli, ripresa immagine e lettura targhe; unità di elaborazione locale; unità di ricezione GPS. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 23

24 Sistema di rilevamento periferico Architettura e componenti Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 24

25 Sistema di rilevamento periferico Installazione Tiene conto di precise esigenze funzionali tra cui: il posizionamento delle spire non deve consentire fenomeni di non rilevamento del traffico o elusione volontaria del sistema, così come il calcolo della velocità e la classificazione del traffico nel rispetto dei requisiti richiesti dal sistema; il posizionamento delle unità di rilevamento, la scelta di un opportuna ottica e del sistema di illuminazione I/R che consentano una rilevazione precisa e dettagliata delle immagini dei veicoli (ed in particolare della targa). Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 25

26 Sistema di rilevamento periferico Installazione Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 26

27 Sistema di rilevamento periferico Installazione Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 27

28 Sistema di rilevamento periferico Installazione Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 28

29 Sistema di rilevamento periferico Installazione Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 29

30 Sistema di rilevamento periferico Installazione Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 30

31 Sistema di rilevamento periferico Unità di rilevamento del veicolo È costituita dai seguenti componenti: rilevatore di traffico che fornisce indicazioni sul transito dei veicoli e sulla relativa tipologia; loop induttivi connessi al rilevatore quali sensori di rilevazione. Il sensore di rilevazione è costituito da una doppia coppia di spire installate nella pavimentazione della corsia da monitorare. L unità esegue il controllo continuo del transito dei veicoli e ne trasmette le informazioni all unità di elaborazione locale Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 31

32 Sistema di rilevamento periferico Unità àdi ripresa immagine È costituita da una telecamera (dotata di illuminazione a infrarosso) e da una unità di analisi dell immagine sulla quale viene caricato il modulo di lettura della targa (PLATES). L immaginei viene ripresa all uscita dl del veicolo dll dalla prima spira mentre si trova ancora nella seconda. Permette di eseguire le elaborazioni (ad es. riconoscimento della targa) in tempi brevissimi consentendo la cattura di immagini e la relativa elaborazione su veicoli che viaggiano fino a 250 km/h. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 32

33 Sistema di rilevamento periferico Unità àdi ripresa immagine Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 33

34 Possibilità di funzionamento Nella modalità di rilevamento nella velocità istantanea il sistema è sempre utilizzabile mentre in quella a velocità media è utilizzabile a condizione che i sistemi di rilevamento siano installati ad una distanza compatibile con l efficacia. Nel controllo della velocità media, purché opportunamente istruito, il sistema prevede la gestione di tratte stradali aventi sottotratte con velocità limite differenti (ad es. per lavori in corso). È utilizzabile nelle diverse condizioni meteo in quanto i componenti sono studiati per funzionare anche nelle condizioni più avverse. In questa situazioni i i l unico parametro che gli operatori autorizzati potrebbero necessitare di modificare è quello delle velocità minime (ad es. -20 km/h i caso di pioggia). Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 34

35 Controllo della velocità media Descrizione Il sistema calcola il tempo impiegato da ogni veicolo per percorrere una tratta stradale individuata tra due sistemi di rilevamento periferici di cui è conosciuta la distanza. Il veicolo viene identificato t attraverso la rilevazione i automatica ti del suo numero di targa e della classe di appartenenza. Se il veicolo impiega un tempo inferiore al tempo minimo ammissibile per percorrere il tratto sotto controllo alla velocità massima consentita per la data classe, viene considerato in violazione. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 35

36 Controllo della velocità media Descrizione Il calcolo viene eseguito basandosi: sulla distanza minima (percorso minimo: traiettorie interne dei tratti curvilinei e taglio delle curve a S) tra i due punti di rilevamento, conosciuta in quanto misurata con opportuna procedura e utilizzando strumenti di altissima precisione installati su veicoli appositamente attrezzati allo scopo; sull istante di attraversamento del veicolo tra i due punti di rilevamento; tale informazione è ricevuta direttamente da un ricevitore GPS; sulla classe del veicolo definita dal C.d.S.. L informazione viene registrata da un apposito sistema di rilevazione e classificazione veicoli dotato di opportuni sensori installati nel manto stradale. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 36

37 Controllo della velocità media Individuazione d distanza minima Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 37

38 Controllo della velocità media Descrizione Il limitei di velocità viene impostato tramite un sistema di controllo centrale al quale è garantito l accesso ai soli operatori autorizzati dell ente ente che gestisce il sistema. Conosciuta la distanza d min e impostata la velocità massima di percorrenza consentita v ref, il sistema calcola il tempo di attraversamento minimo che sarà dato dalla formula: T min = d min v ref Questa misura risulta essere cautelativa nei confronti dei guidatori che adottano una guida ottimale pur non superando i limitii i di velocità imposti. i Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 38

39 Controllo della velocità media Descrizione La targa dei veicoli in transito viene rilevata attraverso un processo di ripresa fotografica dei veicoli che transitano nelle corsie sotto controllo e successiva lettura della targa. La tipologia di veicoli viene verificata dal sistema di rilevamento veicoli che la interpreta leggendo l impronta lasciata dal veicolo all interno di un campo magnetico generato da una coppia di spire installate nel manto stradale. I dati rilevati (numeri di targa e classe del veicolo) vengono successivamente inviati al sistema centrale che li immagazzina temporaneamente nella base dati informativa. Le immagini vengono cifrate e trattenute nel sistema periferico che le ha rilevate in attesa della verifica dell eventuale violazione e successivamente cancellate. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 39

40 Controllo della velocità media Descrizione Il sistema centrale, alla ricezione di ogni dato di transito, esegue le seguenti verifiche: controllo dei sistemi accoppiati. Ogni punto potrebbe essere accoppiato it con un altro precedente o successivo rispetto alla direzione di marcia; se non esiste alcun sistema a monte o se esiste un sistema a valle i dati ricevuti vengono memorizzati temporaneamente sulla base dati informativa; se esiste un sistema a monte vengono ricevuti nella base dati le informazioni relative al passaggio della data targa. Una volta trovate le informazioni a partire dall ora di passaggio, viene calcolato il tempo impiegato dal veicolo a percorrere il segmento di strada. Tale tempo viene poi confrontato coi tempi di percorrenza previsti. i Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 40

41 Controllo della velocità media Descrizione In caso di rilevazione di infrazione, il sistema centrale registra nella banca dati le informazioni relative ai passaggi per i due sistemi di rilevamento periferico e ne richiede agli stessi le immaginii idi dei singoli litransiti. Nel caso che non venga rilevata alcuna infrazione il sistema centrale istruisce il sistema periferico a monte affinché elimini le specifiche immagini e i dati relativi. Le immagini dei veicoli per i quali il sistema non è riuscito a trovare la targa vengono trattenute per il tempo minimo necessario alle successive elaborazioni, siano esse automatiche (mediante analisi da parte di ulteriori software di OCR per la lettura targhe) o manuali (attraverso computazione manuale delle targhe). Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 41

42 Controllo della velocità media Precisione La distanza tra i punti di rilevamento viene verificata utilizzando uno strumento di alta precisione che garantisce un errore massimo dello 0,05%. Un altro errore potrebbe essere introdotto dal disallineamento degli orologi dei due sistemi di rilevamento che si è calcolato possa arrivare al massimo a 120 ms. La precisione del sistema è legata alla seguente formula: dmin T cal = 0, mS v v ref dove T cal è il tempo calcolato, d min è la distanza tra i due punti di rilevamento e v ref è la velocità di riferimento impostata. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 42

43 Controllo della velocità istantanea Descrizione Controllo della velocità istantanea del veicolo in transito sui sensori predisposti nella corsia di marcia. Viene attivata la ripresa dell immagine del veicolo che, nel caso di violazione dei limiti di velocità, viene memorizzata. In caso contrario l immagine viene immediatamente cancellata. La verifica viene eseguita basandosi su di una griglia di riferimento impostata dagli operatori autorizzati in centrale nella quale sono fissati i limiti di velocità per le diverse classi di veicolo. Un secondo processo si preoccupa di analizzare la foto per decodificarne in modo automatico la targa e renderla disponibile per elaborazioni successive. Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 43

44 Controllo della velocità istantanea Esempio Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 44

45 Controllo della velocità istantanea Precisione La precisione del sistema nella rilevazione della velocità istantanea è strettamente legata all accuratezza con cui viene eseguita l installazione delle spire e a quella dell unità di rilevamento veicoli. Il sistema garantisce un errore inferiore al 3% che risulta essere comunque minore del richiesto dall art. art. 345 del regolamento attuativo del C.d.S. (pari al 5%) Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 45

46 Bibliografia Pellegrini M. (2005) Velocità controllata: più sicurezza meno incidenti. id Il progetto SICVe,rivistai it Autostrade, t n.1-2, Crisalli U. - Teoria e Tecnica della Circolazione 46

ITS Intelligent Transport Systems

ITS Intelligent Transport Systems corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2013-2014 ITS Intelligent Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS (sistemi di accertamento automatico delle infrazioni)

Dettagli

Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE. Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema

Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE. Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema 1 Safety Tutor UN SISTEMA PER LA SICUREZZA STADALE Principi opera+vi, pun+ di forza ed efficacia del sistema SafetyTutor Idea di base Il sistema nasce in stretta collaborazione con la Polizia Stradale

Dettagli

Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe

Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe COME NASCE LA SOLUZIONE L evoluzione tecnologica, l esperienza nell identifi cazione delle migliori soluzioni e l esigenza sempre più forte di potenziare

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

La Nabla Quadro s.r.l.

La Nabla Quadro s.r.l. La Nabla Quadro s.r.l. Nasce dall iniziativa di ingegneri con esperienza decennale nell ambito dello studio e controllo delle ricadute ambientali dovute alla costruzione e all esercizio di infrastrutture

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati Affidabilità nel servizio precisione negli strumenti Chanda LPR Chanda LPR è una piattaforma

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ Lo sviluppo del sistema Telepass nell ambito dei servizi urbani di mobilità Ing. Mirco Galvan Responsabile Marketing e Vendite Sistemi

Dettagli

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità Piero Bergamini Responsabile Direzione Servizi Evoluti Autostrade// per l italia Telematic Trends Torino 10 Novembre 2004 1 La rete in gestione Gruppo

Dettagli

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti Pagina 1 di 7 Soluzioni Video Intelligenti Le soluzioni video intelligenti aggiungono ai sistemi di videosorveglianza la caratteristica di essere attivi, cioè la capacità di elaborare le immagini in tempo-reale

Dettagli

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Perché? Perché? Autostrade//Tech nasce per mettere a frutto il Know How tecnologico di Autostrade//per l Italia, relativamente agli ITS,

Dettagli

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI Esigenza Numerose aziende che operano nel settore della logistica e dei trasporti in conto terzi, nonché le aziende di produzione, che hanno la necessità di

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio PTA DESTINATION PERCORSI TRANSFRONTALIERI CONDIVISI Convegno di chiusura Milano, 26 ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio Matteo Vischi 1 FESR Conoscere i TMP identificare eventuali

Dettagli

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze.

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze. Rilevazione Presenze Molte aziende si avvalgono di personale che svolge la propria attività in mobilità, lontano dalla sede, e hanno la necessità di registrarne e certificarne la presenza e gli orari di

Dettagli

Alba Service S.p.a. Requisiti

Alba Service S.p.a. Requisiti SISTEMA DI GESTIONE E MONITORAGGIO ATTIVITA' DI LAVORAZIONE ESEGUITE SULLA RETE STRADALE PROVINCIALE E INTERVENTI DI MANUTENZIONE NELLE SCUOLE PUBBLICHE Requisiti L'idea dell'intera piattaforma in questione

Dettagli

PLATES. Riconoscimento Targhe

PLATES. Riconoscimento Targhe PLATES Riconoscimento Targhe Plates Che cosa è Plates è un prodotto basato su un algoritmo proprietario di lettura automatica delle targhe che transitano nel campo visivo di una telecamera. Plates A che

Dettagli

Via Sonzini, 25 73013 Galatina (LE) Tel. Fax 0833.564849 www.mediasoftonline.com info@mediasoftonline.com

Via Sonzini, 25 73013 Galatina (LE) Tel. Fax 0833.564849 www.mediasoftonline.com info@mediasoftonline.com SISTEMA DI GESTIONE E MONITORAGGIO ATTIVITA' DI LAVORAZIONE ESEGUITE SULLA RETE STRADALE PROVINCIALE E INTERVENTI DI MANUTENZIONE NELLE SCUOLE PUBBLICHE Via Sonzini, 25 73013 Galatina (LE) Tel. Fax 0833.564849

Dettagli

Accesso veicolare a Zone Pedonali e Zone a Traffico Limitato Controllo accessi automezzi in cantieri o aziende Linee di produzione per gestione

Accesso veicolare a Zone Pedonali e Zone a Traffico Limitato Controllo accessi automezzi in cantieri o aziende Linee di produzione per gestione Accesso veicolare a Zone Pedonali e Zone a Traffico Limitato Controllo accessi automezzi in cantieri o aziende Linee di produzione per gestione processo di identificazione prodotti e persone Sistemi di

Dettagli

ishelmet Sistema di rilevamento Presenza Casco

ishelmet Sistema di rilevamento Presenza Casco ishelmet Sistema di rilevamento Presenza Casco Premessa Nelle recenti modifiche al codice della strada stabilite dalla legge 120 del 29 luglio 2010 in vigore dal 13 Agosto 2010, i casi in cui è possibile

Dettagli

Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità

Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità Luca Grimaldi Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste Struttura azioni integrate montagna e ricerca

Dettagli

SOLUZIONI DI SICUREZZA INTEGRATA

SOLUZIONI DI SICUREZZA INTEGRATA Quando un idea creativa genera progresso, allora si parla di innovazione. Se l innovazione si traduce in un agire concreto capace di portare dei risultati tangibili, allora siamo nel raggio dell, oggetto

Dettagli

XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO

XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO Il miglioramento della gestione con un nuovo segnalamento stradale Roberto Arditi SINA (Gruppo ASTM-SIAS) Roma 18-19 febbraio 2005 Crescente

Dettagli

Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione a.a. 2010-2011 ITS Intelligent Transport Systems SISTEMI DI TRASPORTO INTELLIGENTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Mobilità nazionale

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

C P S. Software. Car Plates Server (CPS) è la soluzione sviluppata da SELEA per la

C P S. Software. Car Plates Server (CPS) è la soluzione sviluppata da SELEA per la C P S DATASHEET Software Per postazioni fisse e postazioni mobili Car Plates Server (CPS) è la soluzione sviluppata da SELEA per la memorizzazione, la conservazione, la gestione, la consultazione e la

Dettagli

SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA L Autorità Garante per la protezione dei dati personali ha varato nuove regole per i soggetti pubblici e privati che intendono installare telecamere e sistemi di videosorveglianza Il nuovo provvedimento

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità Luca Grimaldi e Mauro Prevostini Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste Dipartimento

Dettagli

La gestione dei protocolli di legalità con la soluzione NFC - ACTION

La gestione dei protocolli di legalità con la soluzione NFC - ACTION La gestione dei protocolli di legalità con la soluzione NFC - ACTION CONSTRUCTION AND BUILDINGS SOLUTIONS is a product 1 Protocollo di legalità - Definizione Il Protocollo di Legalità è un atto sottoscritto

Dettagli

Una rete integrata per il monitoraggio del trasporto delle merci pericolose su strada

Una rete integrata per il monitoraggio del trasporto delle merci pericolose su strada TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION Una rete integrata per il monitoraggio del trasporto delle merci pericolose su strada Girolamo Marchese Temi

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell Impresa. crisalli@ing.uniroma2.it

Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell Impresa. crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2012-2013 ITS Intelligent Transport Systems CONTROLLO DEL TRAFFICO Prof. Ing. Umberto Crisalli Dipartimento di Ingegneria dell

Dettagli

ITS Intelligent Transportation Systems

ITS Intelligent Transportation Systems L azienda Elsag Datamat è la nuova azienda Finmeccanica, frutto dell unione delle due grandi realtá italiane Elsag e Datamat, nata per essere il Centro di Eccellenza nella progettazione, realizzazione

Dettagli

Ti consente di ricevere velocemente tutte le informazioni inviate dal personale, in maniera assolutamente puntuale, controllata ed organizzata.

Ti consente di ricevere velocemente tutte le informazioni inviate dal personale, in maniera assolutamente puntuale, controllata ed organizzata. Sommario A cosa serve InfoWEB?... 3 Quali informazioni posso comunicare o ricevere?... 3 Cosa significa visualizzare le informazioni in maniera differenziata in base al livello dell utente?... 4 Cosa significa

Dettagli

1. Introduzione. 2. Il Progetto

1. Introduzione. 2. Il Progetto 1. Introduzione Con l espressione trasporto pubblico locale intelligente si intende l uso di tecnologie a supporto della mobilità e degli spostamenti di persone. Grazie allo sviluppo di dispositivi e strumenti

Dettagli

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna Il Centro di controllo del traffico di Bologna Fabio Cartolano Comune di Bologna Veicoli equipaggiati con GPS/GPRS Centro di controllo flotta autobus Telecamere ITS a Bologna Insieme di strumenti per la

Dettagli

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Ing. Andrea Manfron AISCAT AISCAT e la rete L AISCAT è l Associazione

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

MuniWeb-Pad. Prerequisiti. Funzionalità

MuniWeb-Pad. Prerequisiti. Funzionalità MuniWeb-Pad Prerequisiti Cellulare o palmare con sistema operativo Android versione 2.1 o superiore dotato di connessione bluetooth e Wi-Fi Stampante portatile Zebra MZ-320 SIM dati (opzionale) per connessione

Dettagli

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA

COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA COORDINAMENTO PATTUGLIE E VIGILANZA Esigenza Con riferimento al Decreto Ministeriale 290 dell 1 dicembre 2010, fanno parte dei servizi svolti dagli Istituti di Vigilanza le seguenti attività: servizio

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE TECNICA VERSIONE Professional 1.0 VERSIONE Enterprise 1.0 Sistema integrato per la rilevazione di presenze 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 SISTEMA DI ACQUISIZIONE HARDWARE... 3 Modalità di

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Quali informazioni posso comunicare o ricevere?

Quali informazioni posso comunicare o ricevere? I n f o W E B A cosa serve InfoWEB? InfoWEB è una soluzione completamente web che, presentandosi con l aspetto di un sito internet, permette di distribuire tutte le informazioni di presenza volute, e non

Dettagli

istraffic Sistema di monitoraggio Traffico

istraffic Sistema di monitoraggio Traffico istraffic Sistema di monitoraggio Traffico Scopo Lo scopo del sistema è quello di eseguire un analisi automatica del flusso di traffico in modo da rilevare eventi quali rallentamenti, code, veicoli fermi,

Dettagli

Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità

Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità 2 Avviso Programma ELISA Enti Locali Innovazione di SistemA 14 ottobre 2010 Provincia di Milano Settore Gestione Rete Stradale e Mobilità Ciclabile Servizio

Dettagli

MCTCNet2 FULLMCTCNet2

MCTCNet2 FULLMCTCNet2 cosa sono MCTCNet2 FULLMCTCNet2 novità già in atto tempi di attuazione come avverrà la migrazione dal vecchio al nuovo protocollo cosa cambierà Cosa sono MCTCNet2 e FULLMCTCNet MCTC-Net2 è un nuovo protocollo

Dettagli

DOMANDA N. 1 3.1 Prescrizioni tecniche del sistema di bordo RISPOSTA 1 DOMANDA N. 2 3.3.1 Software di gestione

DOMANDA N. 1 3.1 Prescrizioni tecniche del sistema di bordo RISPOSTA 1  DOMANDA N. 2 3.3.1 Software di gestione DOMANDA N. 1 Con riferimento al capitolo tecnico, 3.1 Prescrizioni tecniche del sistema di bordo, Il sistema di bordo deve prevedere, tra le altre cose: modulo di localizzazione basato su ricevitore GPS

Dettagli

Sistema Integrato Sicurezza Stradale On Line Progetto O@SIS 2

Sistema Integrato Sicurezza Stradale On Line Progetto O@SIS 2 Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale Servizio Sistema Integrato Sicurezza Stradale (SISS) Progetti Strategici del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti Sistema Integrato Sicurezza

Dettagli

Platform. Il futuro del telecontrollo diventa semplice

Platform. Il futuro del telecontrollo diventa semplice Platform Il futuro del telecontrollo diventa semplice È tutto sotto controllo. Anche quello che non vedi È come esserci. Anche se non ci sei. Appena qualcosa è cambiato, Rilheva lo sa. E tu sei il primo

Dettagli

BiverInTesoreria. Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2009

BiverInTesoreria. Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2009 BiverInTesoreria Manuale di Attivazione Edizione Novembre 2009 Manuale Attivazione BiverInTesoreria - Novembre 2009 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per

Dettagli

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Obiettivi di progetto (1/2) Il Comune di Genova nell ambito del progetto LO.SE, ha perseguito l obiettivo legato all

Dettagli

Provincia di Sassari. Realizzazione di un sistema di rilevamento del passaggio di merci pericolose

Provincia di Sassari. Realizzazione di un sistema di rilevamento del passaggio di merci pericolose Provincia di Sassari Realizzazione di un sistema di rilevamento del passaggio di merci pericolose Territorio provinciale interessato al rilevamento Localizzazione dei rilevatori migliaia di ton Traffico

Dettagli

Visione Artificiale nell Automotive

Visione Artificiale nell Automotive Visione Artificiale nell Automotive Una presenza diffusa Introduzione Nell ultimo decennio, la necessità di controlli automatici sempre più accurati ha portato ad un intensa integrazione dell industria

Dettagli

PingoTraffic - Sperimentazione Parcheggio Il Fagiolone

PingoTraffic - Sperimentazione Parcheggio Il Fagiolone 1 PingoTraffic - Sperimentazione Parcheggio Il Fagiolone Fase 1: adattamento al task e prove di classificazione 1 Specifiche del problema e scopo dell adattamento Il task proposto da SienaParcheggi S.p.A.

Dettagli

S.A.T.A.P. S.p.A. TRONCHI A4 TORINO-MILANO E A21 TORINO-PIACENZA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN AUTOSTRADA

S.A.T.A.P. S.p.A. TRONCHI A4 TORINO-MILANO E A21 TORINO-PIACENZA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN AUTOSTRADA S.A.T.A.P. S.p.A. TRONCHI A4 TORINO-MILANO E A21 TORINO-PIACENZA TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN AUTOSTRADA E64/A4 Torino Milano E7/A21 Torino Piacenza LA CENTRALE OPERATIVA Presso le Direzioni di Esercizio

Dettagli

Un unica soluzione per Enti differenti

Un unica soluzione per Enti differenti Un unica soluzione per Enti differenti La soluzione innovativa per il riconoscimento delle targhe automobilistiche e l analisi dei flussi di traffico nelle Smart Cities Cos è Traffic Scanner è una soluzione

Dettagli

Case study City of Rome

Case study City of Rome Case study City of Rome aggio 2012 OVERVIEW Go-Mobility è una società che si occupa di pianificazione del traffico e indagini di mobilità. È tra le prime società in Italia ad utilizzare il sistema innovativo

Dettagli

La nostra soluzione è progettata per supportare tipologie di parcheggio ticketless

La nostra soluzione è progettata per supportare tipologie di parcheggio ticketless Per la gestione dei parcheggi abbiamo progettato e realizzato una piattaforma software caratterizzata da un alto grado di affidabilità e flessibilità che permette l implementazione di molteplici architetture

Dettagli

Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue

Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue I data logger SOFREL LT e LT-US sono stati progettati per la sorveglianza delle reti di acque reflue e pluviali (collettori, scolmatori di

Dettagli

CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici

CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici APPLICAZIONE Magtrol ha progettato questo sistema di test su

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

Galileo Factory Control

Galileo Factory Control Galileo Factory Control SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 MODULI... 3 GESTIONE RISORSE... 3 DIALOGO OPERATORE... 3 CONFIGURAZIONE E MANUTENZIONE... 4 MONITORAGGIO E ANALISI DEI CONSUNTIVI... 5 MODULO COLLEGAMENTO

Dettagli

Gestione remota archivi cartelle sanitarie e di rischio informatizzate

Gestione remota archivi cartelle sanitarie e di rischio informatizzate Gestione remota archivi cartelle sanitarie e di rischio informatizzate L odierna realtà economica impone alle aziende di differenziarsi sempre più dai concorrenti, investendo in tecnologie che possano

Dettagli

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION Monitoraggio dei veicoli ADR: architettura e funzionamento delle On Board Unit Fabio Borghetti Stefano Gatti

Dettagli

Se la targa risulta essere tra quelle segnalate, il sistema avvisa con messaggio SMS uno o più numeri telefonici per intervenire tempestivamente.

Se la targa risulta essere tra quelle segnalate, il sistema avvisa con messaggio SMS uno o più numeri telefonici per intervenire tempestivamente. Traffic Scanner rappresenta una piattaforma di lettura e riconoscimento delle targhe automobilistiche di tutti i paesi europei, avente come finalità la segnalazione automatica dei veicoli ricercati e l

Dettagli

Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali

Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali Sistema di Sorveglianza e Ambient Intelligence per Residenze Sanitarie Assistenziali Genova Robot s.r.l. www.genovarobot.com info@genovarobot.com Genova Robot s.r.l fornisce un sistema intelligente con

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

Il Responsabile della conservazione: proposte per un profilo

Il Responsabile della conservazione: proposte per un profilo TAVOLO TECNICO La figura del Responsabile della conservazione Il Responsabile della conservazione: proposte per un profilo a cura di Mirella Casini Schaerf, coordinatrice del Tavolo tecnico BOZZA Proposte

Dettagli

Realizzazione di una rete di monitoraggio e controllo del traffico Inizio/Fine Lavori: 2002-2003

Realizzazione di una rete di monitoraggio e controllo del traffico Inizio/Fine Lavori: 2002-2003 LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Realizzazione di una rete di monitoraggio e controllo del traffico Inizio/Fine Lavori: 2002-2003 Sistema di rilevamento e monitoraggio del traffico sulle strade provinciali

Dettagli

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Area Rete Unitaria - Sezione Interoperabilità Linee guida del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica

Dettagli

Informativa estesa. Informazioni generali sui cookie.

Informativa estesa. Informazioni generali sui cookie. Informativa estesa La presente Informativa viene resa, ai sensi degli articoli 13 e 122 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/03, il c.d. Codice privacy) e del Provvedimento

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

LICARUS LICENSE SERVER

LICARUS LICENSE SERVER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progetto per il corso di Sicurezza dei Sistemi Informatici LICARUS LICENSE SERVER

Dettagli

IL SISTEMA S.I.MON. (Sistema Integrato di MONitoraggio)

IL SISTEMA S.I.MON. (Sistema Integrato di MONitoraggio) SISTEMA SISTEMAS.I.MON. S.I.MON. IL (Sistema Integrato di MONitoraggio) BUS STOP BUS STOP novembre 2010 La struttura del sistema Veicoli Depositi Rete GPRS Semafori Sistemi di Telecomunicazione (rete dedicata)

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità La Centrale della Mobilità Sistemi Tecnologici La Centrale della Mobilità - evoluzione Centrale del Traffico Centrale della Mobilità 2000 STA spa mobilità

Dettagli

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0

Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 MP 5 SOSTEGNO MQ V. 2.0 Manuale di gestione dell istituto Pagina 1 di 5 5 SOSTEGNO 5.0 DESCRIZIONE Il buon funzionamento dell istituto esige la gestione di tutta una serie di attività che, pur non creando direttamente valore

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b]

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b] 7 CHECK LIST 7.1 Tabella di Controllo sezione 1 A R.1.1 [TU4452000/52/1/a] Garanzie di sicurezza e integrità del sistema A R.1.2 [DPCM311000/7/1] Requisiti minimi di sicurezza del sistema operativo dell

Dettagli

EFFICIENZA E RIDUZIONE DEI COSTTI

EFFICIENZA E RIDUZIONE DEI COSTTI SCHEDA PRODOTTO TiOne Technology srl Via F. Rosselli, 27 Tel. 081-0108029 Startup innovativa Qualiano (NA), 80019 Fax 081-0107180 www.t1srl.it www.docincloud.it email: info@docincloud.it DocinCloud è la

Dettagli

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Mirti Lombardi, Stefania Barletti, Daniela Giuliani ARPA Marche D.G.R. n. 3157 del 28/12/2001 Approvazione

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Servizio Autonomo di Prevenzione e Protezione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Servizio Autonomo di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Messina UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Servizio Autonomo di Prevenzione e Protezione Del / 0^ I Tlt/CI / * Interno/Esterno Circolare Ai Sig.ri Presidi di Facoltà AI Sig.ri

Dettagli

Le Tecnologie per il Key-Management

Le Tecnologie per il Key-Management Alessandro Sposi Edizioni Marco Polo Le Tecnologie per il Key-Management Il corretto impiego delle tecnologie per il Key-Management Struttura del documento 1) Premessa 2) Descrizione del sistema complessivo

Dettagli

PROGETTARE ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA IN EDIFICI COMPLESSI. Soluzioni intelligenti KONE

PROGETTARE ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA IN EDIFICI COMPLESSI. Soluzioni intelligenti KONE PROGETTARE ACCESSIBILITÀ E SICUREZZA IN EDIFICI COMPLESSI Soluzioni intelligenti KONE 1 Progettare il flusso di persone in edifici complessi Le soluzioni intelligenti KONE assicurano un flusso di persone

Dettagli

Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco

Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco SMIS0105I12XX SWARCO MIZAR S.p.A. Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco Il Mondo sta cambiando > 7 000 000 000 popolazione mondiale > 60% in aree urbane nel 2050 Tasso di motorizzazione in crecita

Dettagli

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Piero Boccardo Presidente Chi siamo 5T è una società a responsabilità limitata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza

Dettagli

UN ARCHITETTURA PER L INTERNET CALIBRATION Nuove opportunità di taratura e di diagnostica a distanza della strumentazione

UN ARCHITETTURA PER L INTERNET CALIBRATION Nuove opportunità di taratura e di diagnostica a distanza della strumentazione Workshop sulle sulle Telemisure --Bologna, 25 25 febbraio 2004 2004 UN ARCHITETTURA PER L INTERNET CALIBRATION Nuove opportunità di taratura e di diagnostica a distanza della strumentazione Alessio Franco

Dettagli

POLITICA PRIVACY DEL SITO

POLITICA PRIVACY DEL SITO POLITICA PRIVACY DEL SITO Nella presente informativa, resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi

Dettagli

PROGETTO DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA

PROGETTO DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA COMUNE DI BOLOGNA DESCRIZIONE DEI LAVORI PROGETTO DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA ELABORATO DATA AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2005 TITOLO ELABORATO RELAZIONE TECNICA SUL CONTROLLO DELLE CORSIE RISERVATE

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it 1.1 INTRODUZIONE Scopo della presente offerta è la fornitura presso la casa di riposo del sistema di sorveglianza e controllo delle evasioni di ospiti non consapevoli con limitate capacità cognitive. 1.2

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

INFORMATIVA SUL DIRITTO ALLA PRIVACY PER LA CONSULTAZIONE DEL SITO WEB www.arlatighislandi.it

INFORMATIVA SUL DIRITTO ALLA PRIVACY PER LA CONSULTAZIONE DEL SITO WEB www.arlatighislandi.it INFORMATIVA SUL DIRITTO ALLA PRIVACY PER LA CONSULTAZIONE DEL SITO WEB www.arlatighislandi.it redatto ai sensi del decreto legislativo n 196/2003 2 GENNAIO 2014 documento pubblico 1 PREMESSA 3 SEZIONE

Dettagli

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita 1 IL SISTEMA CTP DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO Premessa

Dettagli

Fatturazione Elettronica PA Specifiche del Servizio

Fatturazione Elettronica PA Specifiche del Servizio Fatturazione Elettronica PA Specifiche del Servizio Andrea Di Ceglie 25/09/2014 Premessa Data la complessità del processo e la necessità di eseguirlo tramite procedure e canali informatici, il legislatore

Dettagli