Gli oggetti 3D di base

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli oggetti 3D di base"

Transcript

1 Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti 3D elementari. Se, infatti, le forme dei manufatti che osserviamo nel mondo reale, non hanno quasi mai la forma esatta di un cubo, di una sfera, di un toroide, ecc. la composizione di questi oggetti elementari può dar vita a forme estremamente complesse che descrivono efficacemente le sagome del mondo naturale che ci circonda. Figura 4.1 Esempio di oggetti 3D di base sulla scena Figura 4.2 Esempio di tempio greco costruito con oggetti 3D di base 51

2 C A P I TO LO 0 4 L interfaccia per la creazione di oggetti 3D I comandi per l inserimento di primitive 3D sono disponibili nel pannello Modellazione 3D. Figura 4.3 Pannello di controllo Modellazione 3D I comandi di inserimento di oggetti 3D elementari si trovano insieme ad una serie di altri comandi, più evoluti, che costituiscono l intero set delle possibilità per la creazione di forme 3D. Di questi ultimi parleremo diffusamente all interno dei capitoli 4 e 5. Il Parallelepipedo e Cubo Per inserire un cubo o, più in generale, un parallelepipedo, si attiva il comando Parallelepipedo che è rappresentato dall icona qui sopra. Il comando prevede una serie di comportamenti leggermente diversi che si attuano in funzione delle opzioni (presenti nel menu contestuale del tasto destro del mouse) attivate di volta in volta. Il flusso di inserimento tipico prevede la definizione di due punti che rappresentano gli estremi della diagonale di base del rettangolo che verrà elevato rispetto al piano di giacitura corrente (vedi comandi UCS e UCS Dinamico). Una volta definita la base, allora, il terzo punto viene interpretato come altezza del parallelepipedo. 52

3 Gli oggetti 3D di base approfondimento il parallelepipedo nella geometria analitica Per Parallelepipedo si intende usualmente un poliedro le cui facce sono tutte parallelogrammi (e sono in numero di 6). Gli angoli formati dalle sue facce non sono necessariamente angoli retti; se questo accade si parla di parallelepipedo rettangolo e tutte le sue facce sono dei rettangoli. AutoCAD, con il comando Parallelepipedo, introduce Parallelepipedi rettangoli o Cubi. Le opzioni presenti nel tasto destro del mouse, a livelli differenti di completamento del comando, consentono di variare la creazione del parallelepipedo in modo significativo. In particolare: L opzione Centro, permette di definire un punto che sarà assunto come centro del parallelepipedo o del cubo. Sia la faccia di base sia l altezza si svilupperanno simmetricamente a partire da questo punto. L opzione Cubo, trasforma l inserimento generico di un parallelepipedo in un box in cui tutti i lati sono dimensionalmente uguali. Si può posizionare un cubo in modo che i suoi spigoli non siano necessariamente paralleli all asse X ed Y del sistema di riferimento, se all atto dell inserimento si definisce un angolo di posizionamento. L opzione Lunghezza permette di modellare un parallelepipedo di una data dimensione i cui lati di base non siano paralleli all asse X ed Y del sistema di riferimento. Figura 4.4 del comando Parallelepipedo, prima della definizione Figura 4.5 del comando Parallelepipedo, dopo la definizione Ovviamente per definire un parallelepipedo di dimensioni date (100, 200, 300 mm) è sufficiente utilizzare le caselle per l input dinamico, sempre presenti all interno di qualsiasi comando di AutoCAD. Nella figura che segue è stato modellato un parallelepipedo con base mm ed altezza di 300 mm. 53

4 C A P I TO LO 0 4 Figura 4.6 Primo esempio di Parallelepipedo Nella figura che segue, invece, si possono notare gli effetti delle opzioni Lunghezza e Cubo. Figura 4.7 Esempio di Parallelepipedo con opzione Lunghezza e Cubo Il Cuneo Il Cuneo è una primitiva solida con base rettangolare che viene generata con un algoritmo molto simile a quello del Parallelepipedo appena visto. Di fatto il cuneo è una porzione di parallelepipedo che è stato tagliato con un piano che passa per lo spigolo superiore e lo spigolo inferiore opposto (fig. 4.8). Per inserire questa forma triangolare, si attiva il comando Cuneo che è rappresentato dall icona qui sopra. Il lato dal quale si eleva il cuneo è determinato dal secondo punto che definisce il rettangolo di base. L elevazione avviene sul lato opposto a questo secondo punto. 54

5 Gli oggetti 3D di base Figura 4.8 Metodo di generazione interna del cuneo Anche per il comando Cuneo sono disponibili una serie di opzioni nel tasto destro del mouse che, a livelli differenti di completamento del comando, consentono di variare la creazione del cuneo in modo significativo. In particolare: L opzione Centro, permette di definire un punto che sarà assunto come centro del cuneo. Sia la faccia di base sia l altezza si svilupperanno simmetricamente a partire da questo punto. L opzione Cubo, trasforma l inserimento generico di un cuneo a base rettangolare in un semi box in cui la base, l altezza e lo spessore sono dimensionalmente uguali. Si può posizionare un cuneo in modo che i suoi spigoli non siano necessariamente paralleli all asse X ed Y del sistema di riferimento, se all atto dell inserimento si definisce un angolo di posizionamento. L opzione Lunghezza permette di modellare un cuneo di una data dimensione i cui lati di base non siano paralleli all asse X ed Y del sistema di riferimento. Figura 4.9 Esempio di posizionamento di Cunei secondo diverse modalità 55

6 C A P I TO LO 0 4 Il Cono e Tronco di cono Il comando Cono viene utilizzato per creare sia coni che tronchi di cono. In questi casi la base è generalmente circolare, ma, agendo sulle opzioni è possibile ottenere coni e tronchi di cono a base ellittica. Un altra delle opzioni possibili permette di definire un certo valore di raggio per la sommità del cono: questo è il metodo classico per ottenere un tronco di cono. approfondimento il cono nella geometria analitica Il Cono è un solido ottenuto ruotando un triangolo rettangolo intorno ad uno dei suoi cateti, che sarà l asse del cono. Il cerchio ottenuto dalla rotazione dell altro cateto è detto base. L estremo dell asse che non si trova sulla base è detto apice o vertice. Un oggetto di forma simile a un cono è detto conico. Uno cono il cui vertice è tagliato da un piano parallelo alla sua base è detto Tronco di cono. Il termine cono viene talvolta esteso a figure più generali, come un cono ellittico, che ha per base un ellissi, o un cono obliquo, che non ha l asse perpendicolare alla base. In generale l inserimento di un cono o un tronco di cono parte con la generazione della base, in modo non dissimile dal comando di cerchio (o ellisse) che conosciamo dall ambito bidimensionale. Per quello che riguarda le opzioni, molto articolate nel caso di questo comando, è possibile definire: 3P. Viene utilizzata per generare una circonferenza di base che passi per 3 punti disposti nello spazio. 2P. Viene utilizzata per definire la circonferenza di base indicando il diametro invece che il raggio. Questo viene calcolato tenendo conto della distanza tra i due punti selezionati. Questa opzione è utile soprattutto quando il centro della base del cono non è direttamente selezionabile. Ttr. Questa sigla di tre lettere è l abbreviazioni di Tangente-Tangente-Raggio. La circonferenza di base viene calcolata sulla base di due selezioni di spigoli a cui sarà tangente e del valore del raggio. Ellittico. Permette di variare la forma della base da cerchio ad ellisse. Punto finale asse. Ha senso per determinare il vertice del cono o il centro della circonferenza superiore del tronco di cono. Selezionando un punto che non giace sull asse Z (perpendicolare al piano che la base) si ottiene un cono con l altezza allineata ai due punti: centro della base inferiore vertice/centro della base superiore Raggio superiore. Permette di definire il raggio della circonferenza superiore e, quindi, di dare forma ad un tronco di cono. La faccia superiore può essere, naturalmente, anche di raggio maggiore rispetto alla inferiore. 56

7 Gli oggetti 3D di base Figura 4.10 del comando Cono, prima della definizione Figura 4.11 del comando Cono, dopo della definizione La procedura, generica, per l inserimento di un cono/tronco di cono è brevemente descritta di seguito: Selezionare l icona del comando Cono. Selezionare il primo punto di posizionamento della base, l orientamento e la dimensione. Eventualmente selezionare le opzioni Diametro o Raggio o selezionare una delle sotto-opzioni e soddisfare gli input richiesti. Specificare l altezza del cono attraverso un punto o un numero. In alternativa selezionare l opzione di Raggio superiore e definirne il valore con un punto o un numero. Specificare l altezza del tronco di cono. Figura 4.12 Esempio di posizionamento di Coni e Tronchi di cono secondo diverse modalità 57

8 C A P I TO LO 0 4 La Sfera Sfera è il comando per ottenere degli oggetti di forma, indovinate, sferica! Le biglie che si usano nel gioco del bigliardo o quelle che trovate nei cuscinetti di rotolamento sono esempi di sfere perfette. Figura 4.13 Esempio di Sfere nel mondo del divertimento Figura 4.14 Esempio di Sfere nel mondo lavorativo approfondimento la sfera nella geometria analitica La Sfera è un oggetto geometrico rotondo e perfettamente simmetrico. Nella geometria, la sfera è generalmente l insieme di tutti i punti che si trovano ad una distanza fissata r, detta raggio della sfera, da un punto O detto centro della sfera. Le opzioni relative alla Sfera sono limitate alla possibilità di posizionamento della stessa, in quanto la forma non consente variazioni sul tema. 3P. Viene utilizzata per generare una sfera che passi per i 3 punti disposti nello spazio. 2P. Viene utilizzata per definire la circonferenza massima della sfera nel piano XY corrente (in funzione dell UCS). Questo viene calcolato tenendo conto della distanza tra i due punti selezionati. Questa opzione è utile soprattutto quando il centro della sfera non è direttamente selezionabile. 58

9 Gli oggetti 3D di base Ttr. Questa sigla di tre lettere è l abbreviazioni di Tangente-Tangente-Raggio. La sfera viene calcolata sulla base di due selezioni di spigoli a cui sarà tangente e del valore del raggio. Nel caso di voglia una semisfera, occorrerà inserire una sfera completa e, quindi, provvedere all asportazione di una metà con i comandi che saranno illustrati nel capitolo 6. Figura 4.15 Esempio di Sfere sulla scena 3D di AutoCAD Il Cilindro Con le funzioni 3D di AutoCAD è possibile modellare oggetti cilindrici a base circolare e a base ellittica. Ogni cilindro prevede l asse perpendicolare al piano in cui giace la base. Con il comando Cilindro non è possibile generare cilindri sghembi. AutoCAD, comunque, garantisce anche l accesso a questo tipo di forme attraverso dei comandi avanzati che saranno affrontati nei capitoli successivi. Seguendo la messaggistica del comando, attivabile attraverso l icona della plancia di comando o della barra degli strumenti di modellazione, si comincia con la definizione del cerchio di base, in modo molto simile a quanto avviene nel caso del comando cerchio 2D. Una volta che la base è stata definita, allora è possibile introdurre il valore numerico dell altezza o, in alternativa, un punto. Le opzioni del comando Cilindro sono molto simili a quelle del comando Cono, in ogni caso, ripetere aiuta la registrazione del concetto: 3P. Viene utilizzata per generare una circonferenza di base che passi per 3 punti disposti nello spazio. 2P. Viene utilizzata per definire la circonferenza di base indicando il diametro invece che il raggio. Questo viene calcolato tenendo conto della distanza tra i due punti selezionati. Questa opzione è utile soprattutto quando il centro della base del cilindro non è direttamente selezionabile. Ttr. Questa sigla di tre lettere è l abbreviazioni di Tangente-Tangente-Raggio. La circonferenza di base viene calcolata sulla base di due selezioni di spigoli a cui sarà tangente e del valore del raggio. Ellittico. Permette di variare la forma della base da cerchio ad ellisse. 59

10 C A P I TO LO 0 4 Punto finale asse. Ha senso per determinare il centro del cerchio superiore del cilindro. Selezionando un punto che non giace sull asse Z (perpendicolare al piano che la base) si ottiene un cono con l altezza allineata ai due punti: centro della base inferiore centro della base superiore. Figura 4.16 Esempio di Cilindri sulla scena 3D La Piramide, il Tronco di piramide ed il Prisma Il comando Piramide è utilizzato per creare oggetti 3D che prevedono una base poligonale e una forma che può concludersi a punta, come nel caso della piramide classica, oppure in una base superiore, come nel caso del tronco di piramide o, infine, in una base superiore con le stesse dimensioni di quella inferiore, nel caso del prisma. Il mondo reale è pieno di oggetti, costruzioni, manufatti a forma piramidale o prismatica. Senza scomodare gli antichi egizi, un po inflazionati in questo campo, nelle figure che seguono noteremo le realizzazioni di alcuni grandi architetti contemporanei. Indovinate ciascuna delle opere riprodotte di seguito! Figura 4.18 Esempio di Prisma famoso Figura 4.17 Esempio di Piramide famosa 60

11 Gli oggetti 3D di base La base della piramide (o del prisma) può avere un numero di lato compreso tre 3 e 32. Inoltre, attraverso l utilizzo delle numerose opzioni disponibili per il comando, è possibile confezionare un oggetto di questo tipo con tutte le sofisticazioni richieste. Spigolo. È utilizzato per specificare la lunghezza del lato del poligono regolare di base. Quando si seleziona un punto per definire la lunghezza, allo stesso tempo si impostano anche la posizione e l orientamento della base. Lati. Consente di definire il numero di lati della base della piramide (e anche della base superiore nel caso di un tronco di piramide). Il valore di default è 4, che inserisce una piramide a base quadrata. Il numero di lati può variare da 3 a 32. Inscritto/Circoscritto. Permettono di controllare il metodo di costruzione del poligono regolare della base della piramide. Punto finale asse. Ha senso per determinare il vertice della piramide o il centro della faccia superiore del tronco di piramide/prisma. Selezionando un punto che non giace sull asse Z (perpendicolare al piano che la base) si ottiene una piramide/ tronco di piramide con l altezza allineata ai due punti: centro della base inferiore vertice/centro della base superiore. Raggio superiore. Si utilizza per generare un tronco di piramide. Il valore del raggio ha lo stesso significato di quello della base inferiore. Figura 4.19 del comando Piramide, prima della definizione Figura 4.20 del comando Piramide, dopo la definizione Figura 4.21 del comando Piramide, dopo la definizione del secondo punto approfondimento la piramide nella geometria analitica La Piramide è un poliedro individuato da una faccia poligonale chiamata base e da un vertice che non giace sullo steso piano della base e che viene definito apice/vertice della piramide. Si definiscono facce della piramide la base e le facce triangolari che partono dagli spigoli di base e convergono al vertice/apice. 61

12 C A P I TO LO 0 4 Le piramidi gestite dai comandi 3D di AutoCAD sono quelle che hanno per base un poligono regolare e la cui altezza cade nel centro di tale poligono (sulla direttrice definita dall asse Z). Una tale piramide viene detta piramide simmetrica; essa in effetti ha la simmetria, elevata, del poligono di base. La piramide, per antonomasia, è quella retta, simmetrica, a base quadrata. approfondimento il prisma nella geometria analitica Il Prisma è un poliedro individuato da due facce poligonali appartenenti a due piani paralleli - chiamate basi - collegate da facce, le cosiddette facce laterali in numero uguale al numero di lati delle basi e costituite da parallelogrammi. Se, in particolare, le facce laterali sono tutte dei rettangoli l oggetto 3D è chiamato prisma retto; Un Prisma Retto od Obliquo le cui basi sono poliedri regolari di n lati è detto prisma n-gonale (prisma triangolare, prisma quadrato, prisma pentagonale ). Figura 4.22 Esempio di Piramidi e Prismi sulla scena 3D Il Toro Il comando Toro è utilizzato per creare degli oggetti di forma toroidale, cioè delle grosse ciambelle con una sezione circolare o ellittica che viene rivoluzionata attorno ad un cerchio più grande. Il termine deriva dal latino torus che indicava, fra le altre cose, un tipo di cuscino a forma di ciambella. Il comando di AutoCAD prevede che si definisca la dimensione e la posizione dei due cerchi, quello della sezione e quello della traiettoria di rivoluzione. 62

13 Gli oggetti 3D di base Figura 4.23 Esempio di oggetti Toro variamente combinati Le opzioni del comando toro sono molto simili a quelle dei comandi già presentati: 3P. Viene utilizzata per generare una circonferenza di rivoluzione che passi per 3 punti disposti nello spazio. 2P. Viene utilizzata per definire la circonferenza di rivoluzione indicando il diametro invece che il raggio. Questo viene calcolato tenendo conto della distanza tra i due punti selezionati. Questa opzione è utile soprattutto quando il centro della circonferenza di rivoluzione non è direttamente selezionabile. Ttr. Questa sigla di tre lettere è l abbreviazioni di Tangente-Tangente-Raggio. La circonferenza di rivoluzione viene calcolata sulla base di due selezioni di spigoli a cui sarà tangente e del valore del raggio. Diametro. Permette di interpretare il valore inserito come diametro invece del raggio. Figura 4.25 del comando Toro, dopo la definizion Figura 4.24 del comando Toro, prima della definizione 63

14 C A P I TO LO 0 4 Conclusioni Breve ma significativo capitolo sulla base della modellazione CAD 3D. Siamo solo all inizio e la strada è ancora lunga. Nel prossimo faremo un ulteriore passo in avanti introducendo la modellazione di oggetti 3D a partire da profili bidimensionali. Tenete duro! 64

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

Creare primitive solide

Creare primitive solide Creare primitive solide I solidi sono caratterizzati dal fatto di avere una massa oltre alle superfici e agli spigoli. Rappresentano l intero volume dell oggetto. Caratteristiche Il solido viene creato:

Dettagli

Introduzione al 3D con Autocad

Introduzione al 3D con Autocad 2 Introduzione al 3D con Autocad Coso di CAD B condotto da Daniela Sidari a.a. 2012/2013 19.02.2013 Modellazione geometrica 3D wireframe superfici solidi Si distinguono tre tecniche principali di modellazione:

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI PROPRIETA : Finestra Proprietà (tasto destro mouse sull oggetto) Fondamentali: permette di assegnare o cambiare NOME, VALORE, di mostrare nascondere l oggetto, di mostrare

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti

I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti I quesiti dal 2008 al 2012 a cura di Daniela Valenti Geometria del piano e dello spazio, trigonometria [2008, ORD] Si consideri la seguente proposizione: Se due solidi hanno uguale volume, allora, tagliati

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43 sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 AutoCAD, AutoCAD per Mac, e 1 L avvio di AutoCAD 2 I primi cenni sull interfaccia 2 L area di disegno 5 Il cursore grafico 5 L icona del sistema di

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

ITIS Q. SELLA Biella Classi 3A 4A 5A Meccanici Prof. Antonio Gareri Pagina 2 di 17

ITIS Q. SELLA Biella Classi 3A 4A 5A Meccanici Prof. Antonio Gareri Pagina 2 di 17 LAVORAZIONI CON INSERIMENTO TESTO... 3 CREARE UN RACCIRDO ATTRAVERSO UNA CURVA... 4 BLEND... 5 BLEND PARALLELA SITUAZIONE DI DEFOLT... 5 BLEND RUOTATA... 6 BLEND GENERALE... 6 BLEND CON SWEEP (SEZIONI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini Scuola secondaria di 2 Grado Liceo Artistico A.S. 2012 2013 CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA DISCIPLINE GEOMETRICHE La classe è composta da alunni che hanno dimostrano una

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2.

SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2. SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro.... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2.3 Cover interna a copertura della piastra forata... 25 2.4 Piastra

Dettagli

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica UNIONE MATEMATICA ITALIANA C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica ESEMPI DI TERZE PROVE per il NUOVO ESAME DI STATO LA COMPONENTE MATEMATICA ISTITUTO MAGISTRALE Tipologia

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Modellare un mouse - AutoCAD 2015 Si utilizzerà la visualizzazione Modellazione 3D

Modellare un mouse - AutoCAD 2015 Si utilizzerà la visualizzazione Modellazione 3D Modellare un mouse - AutoCAD 2015 Si utilizzerà la visualizzazione Modellazione 3D Per prima cosa attivare il pannello MESH e cambiare le impostazioni delle mesh elementari inserendo come valori: Lunghezza

Dettagli

Ingegneria Elettrica (sede di Caltanissetta) INSEGNAMENTO. Disegno assistito da calcolatore TIPO DI ATTIVITÀ

Ingegneria Elettrica (sede di Caltanissetta) INSEGNAMENTO. Disegno assistito da calcolatore TIPO DI ATTIVITÀ FACOLTÀ Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2012/2013 CORSO DI LAUREA Ingegneria Elettrica (sede di Caltanissetta) INSEGNAMENTO Disegno assistito da calcolatore TIPO DI ATTIVITÀ Di base AMBITO DISCIPLINARE Ingegneria

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di Laurea in DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2007-08 - 1 Semestre Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Calendario del corso con argomenti svolti

Dettagli

L insegnamento della geometria dello spazio e il software di geometria dinamica CABRI 3D

L insegnamento della geometria dello spazio e il software di geometria dinamica CABRI 3D L insegnamento della geometria dello spazio e il software di geometria dinamica CABRI 3D Luigi Tomasi Liceo Scientifico Galileo Galilei, Adria (Ro) SSIS Università di Ferrara Sunto. In questo articolo

Dettagli

Disegno 2D, rappresentazioni

Disegno 2D, rappresentazioni CAD 2D/3D Disegno 2D, rappresentazioni piane Disegno 2D, rappresentazioni piane Il CAD 2D è il livello base per il disegno bidimensionale, cioè quello che consente di rappresentare un oggetto mediante

Dettagli

modellare una lampada con DCAD Vector Space

modellare una lampada con DCAD Vector Space Un tutorial passo passo per ripercorrere la modellazione di un mitico oggetto di design degli anni 60: la Taccia di Achille e Piergiacomo Castiglioni modellare una lampada con DCAD Vector Space Francesco

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica Tolleranze

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Laboratorio Da Euclide ai pannelli solari piegando la carta

Laboratorio Da Euclide ai pannelli solari piegando la carta Summer School La matematica incontra le altre Scienze San Pellegrino Terme 8 9-10 Settembre 2014 Laboratorio Da Euclide ai pannelli solari piegando la carta I Parte : Relazioni tra tetraedro regolare e

Dettagli

Gilda Flaccavento Romano. Quaderno. studente. per lo

Gilda Flaccavento Romano. Quaderno. studente. per lo Gilda Flaccavento Romano Quaderno per lo studente indice esercizi di recupero I numeri relativi 6 Il calcolo letterale 8 Equazioni e disequazioni 11 La risoluzione algebrica dei problemi 13 La statistica

Dettagli

Progettare la gioielleria

Progettare la gioielleria Sergio Petronilli Giovanna Migliorelli ANTEPRIMA Progettare la gioielleria in 3D con Rhinoceros il nuovo libro per i designer orafi che usano il CAD Tutorial 16 ANELLO BOMBATO SWEEP 2 CON TRAFORO www.logis3d.it

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

SEZIONI. Introduzione

SEZIONI. Introduzione SEIONI 128 Introduzione Sezionare un solido significa tagliarlo secondo una superficie ideale in modo da mostrare il volume interno del solido stesso. Nella maggior parte dei casi l elemento secante è

Dettagli

INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it

INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it scarica questo e-book in formato pdf Davide Donà vi consiglia AUTOCAD INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it INTRODUZIONE Scopo di questa guida è dare una panoramica

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità

Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Le applicazioni degli integrali al calcolo di aree e volumi nelle prove di maturità Angelo Ambrisi Ne plus ultra. Non si va oltre! Gli integrali costituiscono le colonne d Ercole dell insegnamento della

Dettagli

Modellazione tradizionale e CAD

Modellazione tradizionale e CAD Modellazione tradizionale e CAD 2.1 La Modellazione 3D 2.1.1 Il ruolo dei modelli nella progettazione Probabilmente i modelli hanno alle spalle un storia più che millenaria ma è nel Rinascimento che essi

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

4. Strumenti di aiuto al lavoro

4. Strumenti di aiuto al lavoro 4. Strumenti di aiuto al lavoro GRIGLIA E SNAP La GRIGLIA è una matrice rettangolare di punti o linee (a seconda dello stile di visualizzazione) disposti secondo un intervallo X e Y che si estende sull'area

Dettagli

LICEO ARTISTICO TERAMO

LICEO ARTISTICO TERAMO LICEO ARTISTICO TERAMO APPUNTI DEL CORSO DI DISEGNO GEOMETRICO DISEGNO GEOMETRICO 1 biennio 1 A.S. 2005-2006 Premessa agli appunti del corso Nella programmazione, allegata a questo CD, sono state indicate

Dettagli

100 DOMANDE PER L'ESAME ORALE DI DISEGNO DI MACCHINE

100 DOMANDE PER L'ESAME ORALE DI DISEGNO DI MACCHINE 100 DOMANDE PER L'ESAME ORALE DI DISEGNO DI MACCHINE Queste domande sono state tratte dai registri delle sessioni d'esame orale degli scorsi anni. L'esame orale, di regola, viene svolto ponendo tre domande:

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli

Indice. Modulo 1 Il disegno e i linguaggi grafici 1. Modulo 2 La geometria piana (2D) 27

Indice. Modulo 1 Il disegno e i linguaggi grafici 1. Modulo 2 La geometria piana (2D) 27 VI Indice Modulo 1 Il disegno e i linguaggi grafici 1 Unità 1 La percezione e il colore 2 1.1 Il disegno come linguaggio 2 Cenni storici Il disegno nella storia 2 1.2 Il meccanismo della percezione visiva

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno.

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno. Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - AutoCAD Creazione di un Nuovo Disegno Everyday drafting will never be the same Laboratorio CAD docente: Giuseppe 1 Modica Creare un

Dettagli

13900 BIELLA REALIZZATO A SCOPO DIDATTICO PER A CURA DEL PROF. ANTONIO GARERI

13900 BIELLA REALIZZATO A SCOPO DIDATTICO PER A CURA DEL PROF. ANTONIO GARERI Corso Autocad 2004 Interfaccia Classica di Autocad L AMBIENTE DI LAVORO I Sistemi di Coordinate Cartesiane Assolute e Relative È possibile utilizzare le coordinate cartesiane assolute o relative (rettangolari)

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11

Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11 Piano Lauree Scientifiche Progetto MATEMATICA e STATISTICA Sapienza Università di Roma a.a. 2010/11 Corso di formazione rivolto a insegnanti delle Superiori Giuseppe Accascina accascina@dmmm.uniroma1.it

Dettagli

INDICAZIONI PER LO STUDIO ESTIVO CLASSE 4 A. Allievi con debito formativo.

INDICAZIONI PER LO STUDIO ESTIVO CLASSE 4 A. Allievi con debito formativo. INDICAZIONI PER LO STUDIO ESTIVO CLASSE A. Allievi con debito formativo. Svolgere gli esercizi n. 2 5 7-9 20 28 2 8 dalla scheda dei compiti assegnati al resto della classe. Svolgere i seguenti esercizi

Dettagli

APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DI GRANDI DIAMETRI MANUALE D USO MOD. HR

APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DI GRANDI DIAMETRI MANUALE D USO MOD. HR APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DI GRANDI DIAMETRI MANUALE D USO MOD. HR www.micropla NOMENCLATURA COMPONENTI ARCHIMEDE HR 11 9 13 10 1 14 7 4 8 1 Braccio sinistro in titanio 2 Braccio destro in titanio

Dettagli

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 NOTE: Svolgere le esercitazioni su fogli A3 lisci, preferibilmente tipo cartoncino.

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

OGGETTO: UNIROMA 3 TEST di valutazione Dipartimento di ingegneria

OGGETTO: UNIROMA 3 TEST di valutazione Dipartimento di ingegneria LICEO SCIENTIFICO STATALE CAVOUR Via delle Carine 1 - ROMA Commissione Orientamento in Uscita Comunicazione n. 2013/006 Data: 29-11-2013 OGGETTO: UNIROMA 3 TEST di valutazione Dipartimento di ingegneria

Dettagli

Progettare la gioielleria

Progettare la gioielleria Sergio Petronilli Giovanna Migliorelli ANTEPRIMA Progettare la gioielleria in 3D con Rhinoceros il nuovo libro per i designer orafi che usano il CAD Tutorial 13 CIONDOLO CUORE A SBALZO www.logis3d.it Tutorial

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

Misura e integrazione Formulario

Misura e integrazione Formulario Misura e integrazione Formulario Integrale su rettangolo 1. 2. Teorema di riduzione per un rettangolo (Fubini) Per passare dal rettangolo ad un qualsiasi dominio si definisce una nuova funzione. Integrale

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1.1 Stativo 1. Regolazione della messa a fuoco 2. Vite di bloccaggio 3. Anello di fissaggio 1.2 Microscopio digitale Tasto x fotografare Linea di indicazione dell ingrandimento

Dettagli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizio. ove R R xy x + y + x + y dxdy } x, y R : x, y, x x + y x Svolgimento. Passo : per disegnare R, studiamo C : x + y x, C : x + y x Completando

Dettagli

Modellazione di una parte mediante le Superfici

Modellazione di una parte mediante le Superfici Modellazione di una parte mediante le Superfici Numero di pubblicazione spse01560 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto software e la relativa documentazione

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

DISEGNO E LABORATORIO CAD

DISEGNO E LABORATORIO CAD CORSO DI DISEGNO E LABORATORIO CAD CIVILI C.D.L. INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E EDILE A.A. 2014 2015 P R O G R A M M A DISEGNO E LABORATORIO CAD Docente: Ing. Marco NOCERA m.nocera@email.it Codocente:

Dettagli

QUOTATURA DISEGNO TECNICO

QUOTATURA DISEGNO TECNICO QUOTATURA DISEGNO TECNICO La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico. La quotatura deve quindi definire

Dettagli

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA Il comando raccorda ha anche un uso diverso da quello di smussare gli angoli di polinee o di poligoni.. Può servire per ottenere un tipo molto particolare di ESTENDI.

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI Lezione 3: Proiezioni Ortogonali con il metodo europeo Francesca Campana Le proiezioni ortogonali Le proiezioni ortogonali descrivono bi-dimensionalmente un oggetto

Dettagli

Il testo, la quotatura e la misurazione nel disegno

Il testo, la quotatura e la misurazione nel disegno Alla fine del capitolo saremo in grado di: Inserire il testo nel disegno o nelle tavole di composizione Gestire gli attributi di testo e lo stile di testo Gestire le annotazioni Gestire gli stili di quotatura

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

GeoGebra. Introduzione a. Integrazione per la versione 3.2. Judith e Markus Hohenwarter www.geogebra.org. Versione italiana di Ada Sargenti

GeoGebra. Introduzione a. Integrazione per la versione 3.2. Judith e Markus Hohenwarter www.geogebra.org. Versione italiana di Ada Sargenti Introduzione a GeoGebra Integrazione per la versione 3.2 Judith e Markus Hohenwarter www.geogebra.org Versione italiana di Ada Sargenti 1 1. Introduzione a GeoGebra per la versione 3.2 Ultima modifica:

Dettagli

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 BLENDER LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 Sito ufficiale: www.blender.org BLENDER Sito ufficiale italiano: www.blender.it Wiki: http://wiki.blender.org/ Quick start: http://wiki.blender.org/index.php/file:quickstart_guide.png

Dettagli

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE Le saldature si realizzano prevalentemente con il metodo dell arco elettrico, utilizzando elettrodi rivestiti, che forniscono il materiale di apporto. Il collegamento è

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA

LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA La geometria con Geogebra Introduzione 1 SERGIO BALSIMELLI LA GEOMETRIA CON GEOGEBRA (seconda edizione) Esercizi per la scuola secondaria di primo grado e di secondo grado La geometria con Geogebra Introduzione

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. 3D Computer Aided Design. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. 3D Computer Aided Design. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE 3D Computer Aided Design Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Modulo specialistico CAD 3D. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ]

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] FFA 3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] OBIETTIVI Il corso si propone di formare gli allievi sul noto programma di grafica vettoriale 3d e di animazione, introducendolo attraverso una panoramica più generale

Dettagli

Simulazione di prova d Esame di Stato

Simulazione di prova d Esame di Stato 1 Simulazione di prova d Esame di Stato Risolvi uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario Nome Cognome Classe Data / / Problema 1 Sia y = f(x) una funzione reale di variabile

Dettagli

SAN CARLO ALLE QUATTRO FONTANE

SAN CARLO ALLE QUATTRO FONTANE SAN CARLO ALLE QUATTRO FONTANE STUDIO MATEMATICO SULLE CURVE E SUPERFICI DELLA VOLTA PROFESSORE CORRADO FALCOLINI STUDENTE MICHELE ANGELO VALLICELLI CORSO DI MATEMATICA CURVE E SUPERFICI A.A. 2009/2010

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 5 - Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Laboratorio CAD. A.A. 2010-2011 docente: Giuseppe 1 Modica

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 5 - Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Laboratorio CAD. A.A. 2010-2011 docente: Giuseppe 1 Modica AutoCAD DISEGNO e MODIFICA di OGGETTI Everyday drafting will never be the same Laboratorio CAD A.A. 2010-2011 docente: Giuseppe 1 Modica Disegno di oggetti Le proprietà degli oggetti Premessa Il materiale

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma d'esame CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma

Dettagli