MMPI-II Tecniche di scoringper la formulazione del profilo di personalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MMPI-II Tecniche di scoringper la formulazione del profilo di personalità"

Transcript

1 AION Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Analitica Bologna Corso di Psicologia Diagnostica MMPI-II Tecniche di scoringper la formulazione del profilo di personalità Dr. Vitantonio Chimienti Psicologo, Docente di Psicodiagnostica Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

2 MMPI-2 : Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 Autori del test: HathawayS. R., McKinley J. C. - Somministrazione - Tecniche di scoring - Tracciato del Profilo di base - Procedure per l interpretazione - Scale e valori normativi di riferimento - Possibilità interpretative -Item critici -Code Type - Esempio clinico e diagnostico - L intervento clinico

3 Scale e Inventari I self report Inventories(inventari o questionari autodescrittivi) costituiscono, con le scale di valutazione, i cosiddetti strumenti oggettivi di misurazione in psicologia. Oggettiviperché gli stimoli (item), presentati sotto forma verbale, offrono una ridotta possibilità di scelta (Vero/Falso, Si/No, Scale Likert) e perché l attribuzione dei punteggi non ha influenze della soggettività del somministratore; vi sono griglie pre-costituite di scoring. Offrono, di conseguenza, una descrizione e un interpretazione puntuale e soprattutto confrontabile con dati normativi di riferimento.in specialmodo, gli strumenti clinici offrono la possibilità di stabilire e discriminare soggetti appartenenti a popolazioni qualitativamente e quantitativamente differenti. Pertanto, sarà possibile e facile reperire informazioni circa la validità e l attendibilità di ciascun strumento. - Clinici (MMPI-II, MCMI-III, ecc.) - Di Personalità (MMPI-II, BFQ, TCI, 16PF, EFQ, ecc.)

4 Limiti Validità di contenuto Corrispondenza item-sintomidata dall esperienza clinica o dalla teoria di riferimento. Falsi positivi e falsi negativi. Validità di criterio Selezione di item in base al riscontro empirico di frequenze reali in campioni clinici e non clinici. Autosomministrazione. Il soggetto può falsare in qualsiasi modo le risposte agli item, dando un immagine di sé diversa (desiderabilità sociale o menzogna) o per manipolare a suo beneficio l esito contingente della valutazione. Stili soggettivi di risposta. Tendenza al SI o al NO, differenza nell interpretare POCO, MOLTO, ecc. Livello intellettivo. Il soggetto non comprende il significato delle domande. Il cambiamento del soggetto. Il linguaggio. effetto Barnum. Applicare descrizioni generali a individui o personalità specifiche e uniche non rappresentate nella teoria di riferimento. Sempre utile considerare probabilisticamenteil risultato al test, confrontandolo e integrandolo con diverse altre valutazioni testologicheo cliniche.

5 Minnesota MultiphasicPersonalityInventory-2 (MMPI-2) Author(s): HathawayS. R., McKinley J. C. UniversityofMinnesota Press, Minneapolis, RestandardizationCommittee:James N. Butcher, PhD; W. Grant Dahlstrom,PhD; John R. Graham, PhD; AukeTellegen, PhD; and Beverly Kaemmer, Coordinator for The University of Minnesota Press Report Authors: James N. Butcher, PhD, and Edwin I. Megargee, PhD

6 Consegna ISTRUZIONI Il presenta questionario è composto da varie frasi numerate. Legga ogni frase e decida riferendosi alla Sua persona se la frase è vera o falsa. Segni le risposte direttamente su questo libretto. Guardi gli esempi di risposte riportati a fianco. Se una frase riferendosi alla Sua persona è vera o prevalentemente vera, faccia una crocetta sulla casella segnata con V (esempio A). Se la frase riferendosi alla Sua persona è falsa, o generalmente non vera, faccia una crocetta sulla casella segnata con F (esempio B). Se la frase non può essere riferita alla Sua persona, o se riguarda qualcosa che non conosce, non faccia nessun segno. Tenti di dare comunque una risposta a ciascuna frase. Ricordi di dare la Sua opinione su se stesso. Esempi di possibili risposte A B C V F V F V F Nel segnare le risposte, faccia segni ben chiari e marcati. Se vuole cambiare risposta, faccia un circolettosu quella che desidera cancellare e apponga la crocetta su quella scelta definitivamente (esempio C). Si ricordi di rispondere, se possibile ad ogni frase. Ora volti pagina e inizi

7 MMPI-2 : Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 Autori del test: HathawayS. R., McKinley J. C. Edizione: UniversityofMinnesota Press, Minneapolis, Edizione italiana: O. S. Organizzazioni Speciali, Firenze, 1995 (adattamento italiano a cura di PancheriP. e SirigattiS). Ambito di utilizzo Assessmentclinico Ricerca Modello teorico di riferimento La personalità è indagata attraverso un approccio clinico e sociale, mettendo in evidenza preferenze soggettive a particolari item. L'MMPI-2 si basa sulla mole più ampia di ricerche che si siano date su uno stesso test e su metodi empirici. Costrutto misurato Il MMPI-2 consente di misurare un numero estremamente elevato di costrutti attraverso molteplici scale e subscale.

8 MMPI II Minnesota Multhiphasic Personality Inventory (Hathaway e McKinley, 1989) Età. Dai 16 anni in su Differenze fra i sessi. Normatività dei dati Tipologia di item: Vero/Falso Numeri item: 567 ( ) La validazione è avvenuta su un campione di 2600 soggetti (1138 maschi e 1462 femmine) di età dai 18 agli 85 anni differenziati e distribuiti per razza. Domande tipo Molto spesso mi sembra di avere un nodo alla gola (11) Nessuno sembra capirmi (22) A volte provo un forte impulso a fare a fare qualcosa di dannoso o sconveniente (85) Credo che si stia complottando contro di me (138) Qualche volta le barzellette sporche mi divertono (260) Mai sono felice a meno che non sia in giro o in viaggio (156) V F V F V F V F V F V F

9 Scale di validità: Scala Lie(L): tendenza a dare una buona immagine di sé; Scala Correction(K):presenza di meccanismi difensivi nei confronti del test; Scala Frequency(F): presenza di esperienze e di pensieri poco comuni. Scale cliniche: Scala Ipocondria (Hs):item relativi a problemi fisici; Scala Depressione (D):relativa alla bassa autostima, tristezza, disperazione, pessimismo; Scala Isteria (Hy): item che indicano problemi fisici e item che tendono a negare qualsiasi problema; Scala Deviazione Psicopatica (Pd): item relativi a caratteristiche antisociali; Scala Mascolinità-Femminilità (Mf): item che misurano l adesione più o meno rigida agli stereotipi di genere; Scala Paranoia (Pa): indaga la sensibilità verso l opinione altrui: Scala Psicastenia (Pt): item relativi ad aspetti cronici dell ansia; Scala Schizofrenia (Sc): item che indagano il grado di confusione mentale; Scala Ipomania (Ma): valuta il grado di energia ideativa, motoria ed emotiva della persona; Scala Introversione sociale (Si): indaga la tendenza della persona ad isolarsi o a stare con altre persone.

10 Scale di validità supplementari; Scala F-Back (Fb): indaga la tendenza a dare risposte inusuali nella seconda metà del test; Scala TrueResponseInconsistency(Trin):valuta la tendenza a rispondere sempre vero o sempre falso ; Scala VariableResponseInconsistency(Vrin): valuta la tendenza a rispondere sempre a caso. Scale supplementari; Scala MacAndrewAlcoholismScale-Revised(Mac-R): indaga l alcolismo e le Scala MacAndrewAlcoholismScale-Revised(Mac-R): indaga l alcolismo e le tossicodipendenze; Scala OvercontrolledHostility(OH): ostilità ipercontrollata; Scala Post TraumaticStress DisorderScale (PK): indaga il disturbo post traumatico da stress; Scala MaritalDistressScale (MDS): indaga il disagio coniugale; Scala AddictionPotentialScale (APS): indaga la tossicodipendenza potenziale; Scala Addiction Ammission Scale (AAS): indaga l ammissione della tossicodipendenza.

11 Scale di contenuto; Scala Anxiety(ANX): ansia; Scala Fears(FRS): paure; Scala Obsessiveness(OBS): ossessività; Scala Depression(DEP): depressione; Scala HealthConcerns(HEA): preoccupazioni per la salute; Scala BizarreMentation(BIZ): ideazione bizzarra; Scala Anger (ANG): rabbia; Scala Cynism(CYN): cinismo; Scala Antisocial Practices(ASP): comportamenti antisociali; Scala TypeA (TPA): tipo A; Scala Low Self-Esteem(LSE): bassa autostima; Scala Social Discomfort(SOD): disagio sociale; Scala Family Problems(FAM): problemi familiari; Scala Work Interference(WRK): interferenze sul lavoro; Scala Negative Treatment Indicators(TRT): indicatori di difficoltà di trattamento.

12 Kit del test Foglio di profilo Foglio di risposta Manuale Somministrazione Qualifica del somministratore del test Psicologo iscritto all'albo Qualifica del valutatore del test Psicologo iscritto all'albo Destinatari - Fasce d'età: Adulti Livello culturale: cultura media cultura superiore Cultura elementare

13 Tempi di somministrazione: La compilazione del MMPI-2 da parte del paziente richiede mediamente 45 minuti, ma talvolta può raggiungere le 2 ore. Tempi di correzione: Lo scoringmanuale del MMPI-2 richiede circa un ora. Prevale il ricorso a programmi di correzione automatizzata che richiedono l inserimento delle risposte fornite dal paziente da parte del valutatore. Se il MMPI-2 viene somministrato nella versione computerizzata la correzione è automatica ed immediata Modalità di somministrazione: individuale collettiva Modalità di presentazione degli stimoli: computerizzata carta-matita Materiale di stimolo e risposta: Foglio di risposta Modalità di risposta: Al soggetto viene chiesto di indicare se ognuno degli item lo descrive o meno, rispondendo vero o falso. Forme: -MMPI-2 -MMPI-A, versione dedicata agli adolescenti composta da 478 item che indagano le dieci scale di base, le scale fattoriali di Ansia e Depressione, le scale di Mac-Rper l Alcolismo, Tossicodipendenza potenziale e Ammissione di tossicodipendenza e 14 scale di contenuto (Butcher et al., 1992; Williams e Butcher 1989a;1989b). Per soggetti di basso livello culturale esiste una versione abbreviata del MMPI, composta da soli 174 item.

14 Caratteristiche psicometriche Attendibilità: La coerenza interna (alfa di Cronbach) varia da 0,34 a 0,91 per le scale di base, da 0,31 a 0,91 per le scale supplementari e da 0,70 a 0,87 per le scale di contenuto. I valori tendono ad essere migliori nell adattamento italiano rispetto ai valori della versione originale. Validità di costrutto: Essendo composto da più scale che misurano costrutti diversi la validità va esaminata scala per scala. Al riguardo esiste una mole di ricerche enorme, prevalentemente in ambito anglosassone. Campioni normativi: Il Manuale dell adattamento italiano fa riferimento ad un campione normativo composto da 403 maschi e 972 femmine, di 27 anni di età media e con una scolarità media di 12 anni (DS=4,68). Dati normativi: Il Manuale fornisce tabelle di conversione dei punteggi grezzi in punti T distinti per genere.

15 Somministrazione Scoring Manuale (carta e matita) Profilo di base Scale di validità Scale di base o cliniche Grafico scegliere sempre prima il Foglio profilo di base a seconda del sesso (maschi, femmine) _ conteggiare i punteggi VERO oppure FALSO coincidenti con quelli riportati agli item costituenti ciascuna scala; poi calcolare il totale per ciascuna scala _ conteggiare i punteggi VERO oppure FALSO coincidenti con quelli riportati agli item costituenti ciascuna scala, con le dovute correzioni K ove opportuno, a seconda del coefficiente (riportato nelle colonnine a lato del profilo); poi calcolare il totale per ciascuna scala _ circolettareo annerire il punteggio grezzo totalizzato su ciascuna scala sul Foglio Profilo di base e unire i punti.

16

17 Scale di validità? (Non so): non costituisce una vera e propria scala, si tratta di un semplice conteggio del numero di item cui il soggetto non ha dato risposta, o a cui ha dato contemporaneamente le risposte vero e falso. Punteggio grezzo Validità del Profilo Cause del punteggio ottenuto Alto probabilmente non Gravi difficoltà di (30 o superiore) valido lettura o dislessia Rallentamento psicomotorio Stato confusionale Sfida Moderato (11-29) Modale (2-10) Basso (0-1) validità dubbia Probabilmente valido (controllare il contenuto delle omissioni) Valido Indecisione Difficoltà di lettura di grado medio Mancanza di esperienza Cautela eccessiva Formalismo Interpretazione idiosincratica Possibilità interpretative Depressione grave Ossessività Mancanza di familiarità con la lingua italiana Ideazione paranoide Le omissioni tendono ad abbassare i punteggi totalizzati al profilo clinico!!!

18 L (Lie-Menzogna): individua un tentativo consapevole ma ingenuo di presentare se stesso in una luce favorevole. E composta da 15 item in cui vengono affermati piccoli difetti a cui il 95% della popolazione risponde vero. Sebbene la scala L possa indicare la tendenza a mentire nel compilare il test, non può essere considerata come una misura della tendenza generale a mentire, falsificare o ingannare gli altri nella vita quotidiana. Questa scala serve piuttosto come indice della probabilità che un determinato protocollo sia stato alterato a causa di un determinato stile di risposta. L Menzogna probabilità di far riferimento ad immagini idealizzate di personalità Punti T Validità del Profilo Cause del punteggio ottenuto Possibilità interpretative Molto alto ( 80) probabilmente non simulazione di buon resistenza al test o valido adattamento ingenuità Alto (70-79) validità dubbia risposte date a caso negazione di difetti stato confusionale stile repressivo mancanza di insight Moderato (60-69) probabilmente valido atteggiamento difensivo iperconvenzionale e conformista eticamente rigido Modale (50-59) valido atteggiamento tipico a proprio agio con Basso ( 49) possibile simulazione di cattivo adattamento ricerca di vantaggi risposte vero a tutti gli item l immagine di sé enfasi della patologia indipendente e fiducioso in se stesso cinico e sarcastico

19 F (Frequency): è composta da 60 item, a cui è stato risposto in modo deviante da meno del 10% della popolazione adulta normale. Persone che non vogliono aderire alle istruzioni possono simulare l esecuzione del test, rispondendo in realtà in modo casuale agli item. Altri soggetti con istruzione e competenza nella lettura assai limitate, o che sono in contatto precario con la realtà, possono fare la stessa cosa. Altri ancora possono deliberatamente esagerare le loro difficoltà e le loro preoccupazioni per assicurarsi una considerazione o un attenzione speciale. Ognuno di questi atteggiamenti verso il test può determinare punteggi elevati in questa scala. Esistono, comunque, alcuni criteri per discriminare, a seconda dei risultati, tra queste tre possibilità. F Frequenza probabilità di esagerazioni relative ai sintomi patologici Punti T Validità del Profilo Cause del punteggio ottenuto Possibilità interpretative Molto alto ( 91) probabilmente non valido risposte date a caso errori di conteggio dislessia grave Alto (71-90) validità dubbia simulazione di malattia processi psicotici risposte vere a tutti gli item Moderato (56-70) probabilmente valido desiderio di anticonformismo forte coinvolgimento politico, sociale, o religioso scarsa attenzione estrema onestà nel rispondere agitazione durante una crisi non collabora, simula disturbi limitata abilità di lettura resistenza al test richiesta di aiuto crisi di identità adolescenziale stato confusionale rischio acting-out aggressivo scontento, inquieto, instabile psicopatologia di media gravità autocritico agitato, distraibile Modale (45-55) valido presenza di convinzioni devianti Basso ( 44) valido Conformismo possibile simulazione di buon adattamento Controllare due metà del test: ha cominciato a cooperare e poi? buon adattamento atteggiamento tipico verso il test Convenzionale, sincero, conformista

20 K (Correction): è stata selezionata per evidenziare tendenze alla negazione più sofisticate di quelle rilevate dalla scala L. E composta da 30 item individuati in protocolli di pazienti clinicamente malati che avevano ottenuto però profili normali ( falsi positivi ). E raro che un soggetto riesca a falsificare deliberatamente questi item, mentre essi possono indicare una tendenza inconsapevole al diniego della patologia. Su questa base la scala K fornisce un fattore di correzione da applicare ad alcune scale cliniche. K Correzione Indicatore di atteggiamento di difesa verso il test Correzione per la tendenza a negare i problemi Punti T Cause del punteggio ottenuto Possibilità interpretative Alto ( 71) atteggiamento difensivo marcato simulazione di buon adattamento risposte falso a tutti gli item cautela nell ambito di selezione del Timido, inibito, apatico utilizza meccanismi di negazione manca di insight personale Moderato (56-70) atteggiamento difensivo moderato adattabile, fiducioso in se stesso mancato riconoscimento di distress non cerca aiuto Modale (41-55) equilibrio tra atteggiamento difensivo e risorse sufficienti per un Basso ( 40) apertura Simulazione di disturbi risposte vero a tutti gli item richiesta di aiuto difese inadeguate intervento cinico, scettico, stato di panico scarsa considerazione di sé critico verso sé e gli altri Punteggi elevati sono stati ottenuti da soggetti con livelli più alti di status socioeconomico

21 Il protocollo è valido o meno? F-K : Dissimulation Index(Gough, 1947) Se superiori a +15 vuol dire che le risposte sono state contraffatte in senso peggiorativo o vi è stata dichiarazione di un numero eccessivo di problemi psicologici Fb (Back-pageInfrequency): ne fanno parte 40 item e viene utilizzata insieme con la scala F, i cui item compaiono prevalentemente nella prima parte del foglio di somministrazione. Gli item della Fb, presenti successivamente nel protocollo, permettono di individuare se un soggetto, le cui risposte sono valide in base alla scala F, ha smesso di prestare attenzione al contenuto degli item, rispondendo in modo casuale. Qualora il protocollo sia già invalidato in base alla scala F, la Fb diventa inutile. VRIN (VariableResponseInconsistency): si basa su 67 coppie di item, di contenuto simile o opposto. Attraverso questa scala, soprattutto se confrontata con la scala F, si può avere una possibilità di discriminazione più precisa fra modalità di risposta casuale, tentativi deliberati di falsificare i dati, confusione e psicopatologia. TRIN (TrueresponseInconsistency): utilizza 23 coppie di item di significato fra loro opposto. Valuta la tendenza a rispondere, in modo indiscriminato, in senso affermativo o negativo.

22 Scale cliniche Scala 1 Hs: Ipocondria. Questa misura fu sviluppata con un gruppo di pazienti nevrotici che mostravano una preoccupazione eccessiva per la loro salute, presentavano una varietà di disturbi somatici con origine organica scarsa o assente, e non accettavano le ripetute assicurazioni di non avere niente dal punto di vista fisico. Alcuni item di questa scala riguardano particolari sintomi o specifici disturbi, ma molti altri concernono una preoccupazione più generale per il corpo o verso se stessi. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Deliri schizoidi, bizzarri, somatici Bloccato, immobilizzato da molteplici sintomi o preoccupazioni somatiche Reazione esagerata a ogni problema reale Estremo egocentrismo ed egoismo Visione amara e cinica della vita, esigente Atteggiamenti distruttivi, pessimista Esagerazione di problemi fisici Disturbi vari e mutevoli Può essere presente uno specifico disturbo organico Lamentoso, irritabile, piagnucoloso, immaturo Preoccupato della propria salute, della dieta, del peso, delle funzioni corporee Poca o nessuna particolare preoccupazione del proprio corpo o della propria salute Emotivamente aperto ed equilibrato, realista e dotato di capacità introspettiva Possono essere trascurati segni o sintomi di malattia Ottimista, energico Capace, efficace

23 Scala 2 D: Depressione. Questa scala fu sviluppata con pazienti psichiatrici che presentavano varie forme sintomatiche di depressione, principalmente pazienti con reazioni depressive o in fase depressiva della psicosi maniaco-depressiva. Gli item che formano questa scala non si riferiscono solo a sensazioni di scoraggiamento, pessimismo e disperazione, che caratterizzano il quadro clinico delle persone depresse, ma anche ad aspetti della personalità di base riguardanti eccessivo senso del dovere, standard personali elevati e intrapunitività. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Ritirato, sopraffatto dai problemi, disperato Ossessionato da sensi di colpa, sentimenti di indegnità e inadeguatezza Assillato da idee di morte e suicidio Scoraggiato, rallentato nel pensiero e nell azione Solitario, timido, isolato, triste Mancante di energia, incapace di concentrarsi, disturbi fisici, disturbi del sonno Autocritico, scarsa fiducia in sé, sentimenti di inadeguatezza, stressato, triste, disforico Inibito, irritabile, timido, malinconico Scoraggiato, depresso, infelice, insoddisfatto di sé e del mondo Pessimista, preoccupato, introverso, moralista, responsabile, modesto A proprio agio con se stesso, stabile, realista, ben equilibrato Attivo, entusiasta Allegro, ottimista Scarsa inibizione, limitato autocontrollo Socialmente disinvolto Libero da turbamenti emotivi, fiducioso in se stesso

24 Scala 3 Hy: Isteria. Questa scala fu costruita con pazienti che manifestavano forme di disturbi sensoriali o motori, per i quali non era stata riscontrata nessuna base organica. Alcuni dei 60 item componenti la scala concernono specifici disturbi fisici o stati d agitazione, ma molti altri item implicano negazione di problemi nella propria vita, o mancanza d ansia sociale, spesso osservata in persone che utilizzano questo tipo di difese. Hy Isteria Disturbo di conversione: i soggetti manifestano rifiuto e un vivace comportamento sociale; sotto stress di tipo ambientale o relazionale la persona può diventare improvvisamente disabile e incapace a causa di problemi fisici, generalmente vaghi e di origine sconosciuta. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Altamente suggestionabile Episodi di ansia e panico improvvisi Disinibito, bizzoso Reagisce alla vergogna sviluppando sintomi fisici Usa meccanismi di negazione e di dissociazione Sintomi e preoccupazioni funzionali specifici Ingenuo, scarsa introspezione Esigente e istrionico, seduttivo Egocentrico e superficiale Immaturo e manipolativo Conformista e moralista Ha bisogno di essere amato, insicuro Espansivo ed estroverso Realista Aperto ai sentimenti Logico, equilibrato Cinico, rigido Socialmente isolato e in disparte Pochi interessi

25 Scala 4 Pd: Deviazione Psicopatica. Questa scala fu sviluppata con soggetti indirizzati al servizio psichiatrico per chiarire il motivo dei loro continui problemi con la legge, sebbene non fossero culturalmente deprivati, possedessero un intelligenza normale e non avessero seri disturbi di tipo nevrotico o psicotico. Alcuni item presenti in questa scala riguardano la disponibilità ad ammettere questo tipo di problemi, altri item riflettono il disinteresse per la maggior parte delle norme sociali e morali di condotta. Punti T Possibilità interpretative Molto alto ( 76) Scarsa capacità di valutazione Instabile Irresponsabile Egocentrico e immaturo Comportamenti antisociali Aggressivo o violento Alto (66-75) Scarsa tolleranza alla noia o alla monotonia Problemi con l autorità Problemi ricorrenti con il coniuge e sul lavoro Ribelle e ostile Reazioni emotive superficiali (vergogna, colpa) Abuso di sostanze Storia di fallimenti personali Relazioni superficiali Moderato Impulsivo e intraprendente (56-65) Edonista Permaloso Inaffidabile e impaziente Socievole Fiducioso di sé e assertivo Fantasioso e creativo Modale (41-55) Sincero Affidabile Tenace Responsabile Basso ( 40) Conformista e rigido Anassertivo e passivo Moralista Autocritico Ipercontrollato

26 Scala 5 Mf: Mascolinità-Femminilità. Gli item di questa scala riguardano vari tipi di reazioni emotive, interessi, atteggiamenti e sentimenti verso il lavoro, i rapporti sociali e gli hobby, che di solito differenziano uomini e donne. Costruita per identificare tratti di personalità inerenti l inversione sessuale maschile e gli omosessuali maschi con interessi di tipo femminile: Identità sessuale. I valori riflettono interessi, valori e caratteristiche di personalità. L interpretazione differisce per sesso, livello culturale, status socioeconomico e livelli di elevazione. Punti T Molto alto ( 70) Alto (60-69) Moderato (51-59) Modale (41-50) Basso ( 40) Femmine Possibilità interpretative Interessi tradizionalmente maschili Ostile, Dominante, Aggressiva Fiduciosa in sé Logica, Non emotiva, Competitiva, Energica Attiva, Intraprendente Spontanea, Assertiva Empatica, Capace, Competente, Disinvolta Premurosa, Idealista Interessi tradizionalmente femminili Insicura e autosvalutativa, Passiva, Sottomessa Limitata, Indifesa, Dipendente Autocompassionevole, Lamentosa Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Maschi Modale (41-55) Pratico Disinvolto Basso ( 40) Possibilità interpretative Interessi tradizionalmente femminili Conflitti riguardanti l identità sessuale Passivo ed effemminato Incerta assertività Tendenze omoerotiche Curioso e creativo Tollerante verso gli altri Individualista Interessi intellettuali Empatico Autocontrollato Espressivo ed espansivo Dotato di buon senso Interessi estetici Sensibilità verso gli altri Realista, Conformista Interessi tradizionalmente maschili Atteggiamento rozzo, aggressivo, macho Imprudente Pochi interessi Orientato all azione Fiducioso in se stesso

27 Scala 6 Pa: Paranoia. Questa scala fu sviluppata inizialmente con un gruppo di pazienti che presentavano condizioni di tipo paranoideo, o stati paranoidi. Il contenuto degli item riflette sia ipersensibilità nei rapporti interpersonali, sia la tendenza a fraintendere le motivazioni e le intenzioni degli altri. Alcuni item riguardano l insicurezza e la tendenza a centrarsi sulla propria persona. Pa Paranoia Valuta caratteristiche di comportamento quali sospettosità, sfiducia, idee fisse, sensibilità interpersonale eccessiva, pensiero rigido ed atteggiamento critico, che generalmente si riscontrano nei disordini di tipo paranoide. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Disturbi di pensiero Convincimenti errati Idee di riferimento Vendicativo Rimuginazione Può agire sotto l effetto di deliri Arrabbiato e permaloso Sposta critiche e colpe Ostile e sospettoso Rigido e ostinato Fraintende le situazioni sociali Ipersensibile ai torti subiti, ai rifiuti Cauto nei contatti iniziali con gli altri Moralista e vittimista Fiducioso finché non si sente tradito Gran lavoratore Razionale Chiarezza di pensiero Cauto Flessibile Equilibrato e allegro Sospettoso ed evasivo Ostinato Può suggerire un disturbo paranoide

28 Scala 7 Pt: Psicastenia. Questa scala fu sviluppata, inizialmente, con pazienti che manifestavano problemi di tipo ossessivo, rituali compulsivi o paure esagerate, scelti tra i soggetti nevrotici che venivano indicati, a quell epoca, come sofferenti di psicastenia (una debolezza nel controllo mentale delle azioni e dei pensieri), attuali DOC. Mentre alcuni contenuti degli item riguardano queste varie sintomatologie, la scala nel suo insieme riflette stati generalizzati d ansia e preoccupazione, ma anche esplicita adesione ad alti standard di moralità, atteggiamento autocritico in caso di insuccesso, controllo dei propri impulsi. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Portato a rimuginare Rigida ritualità Agitazione Fobie superstiziose Sentimenti di colpa Timoroso Ansietà Depressione Insicuro e ansioso Preoccupato e apprensivo Timori di fallimento Eccessivamente meticoloso e indeciso Moralista Teso e infelice Responsabile e coscienzioso Razionalizzante Gran lavoratore Ordinato e perfezionista Autocritico Introspettivo Puntuale Affidabile Fiducioso Adattabile Ben organizzato Sicuro di sé Senza incertezze Rilassato A proprio agio Tenace ed efficiente

29 Scala 8 Sc: Schizofrenia. Questa scala fu derivata da un gruppo di pazienti psichiatrici con manifestazioni del disturbo schizofrenico. Il contenuto degli item riguarda un ampia varietà di bizzarre convinzioni, esperienze insolite e percezioni particolari, che sono caratteristiche di tali pazienti. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Disturbi di pensiero Comportamenti eccentrici Deliri Socialmente isolato Scarso contatto con la realtà Allucinato e autistico Convinzioni inconsuete Comportamenti bizzarri Ritirato e isolato Non conformista Dubbioso e confuso sulla propria identità Difficoltà di concentrazione e pensiero Poco interessato alle persone Poco concreto Fantasioso e creativo Molto teso Interessi religiosi Adattabile Fidato Ben equilibrato Conformista e conservatore Dotato di autocontrollo Sottomesso

30 Scala 9 Ma: Ipomania. Questa scala fu sviluppata con pazienti nei primi stadi di un episodio maniacale del disturbo maniaco-depressivo. Il contenuto degli item prende in considerazione alcuni aspetti comportamentali di questa condizione e caratteristiche ad essa associate (ambizione eccessiva, estroversione ed elevati livelli di aspirazione). Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Possibilità interpretative Espansivo e grandioso Irritabile Scarso controllo del proprio umore Iperattivo e distraibile Prende decisioni impulsive Confusione Invadente Eccessiva attività Euforico Loquace Inquieto e labile Superficialmente coinvolto Impaziente Socievole ed estroverso Scarsa tolleranza alla noia, alla monotonia Vasta gamma di interessi Gran lavoratore Efficiente Orientato al conseguimento di risultati Intraprendente Socievole ed amichevole Responsabile Realista Entusiasta Equilibrato Apatico e pessimista Si stanca facilmente Timido e dipendente Privo di energie Poco sicuro di sé Depresso elevati livelli di aspirazione). (56-65) Scarsa tolleranza alla noia, alla Ma Ipomania misura del comportamento maniaco o ipomaniaco, della tendenza ad agire in maniera euforica, aggressiva ed iperattiva. Modale (41-55) Basso ( 40)

31 Scala 0 Si: Introversione sociale. Questa scala fu sviluppata da Drake (1946) con campioni di studenti di college che ottenevano punteggi estremi alla scala introversione-estroversione sociale del Thinking-Social- Emotional Introversion Inventory (Evans e McConnel, 1941). Punteggi superiori alla media rispecchiano livelli crescenti di timidezza sociale, preferenza per attività da svolgere da soli e carenza di assertività sociale. Punteggi sotto la media indicano, viceversa, tendenze verso la partecipazione e la dominanza sociale. Punti T Possibilità interpretative Molto alto Chiuso ( 76) Isolato Insicuro e indeciso Ritirato Portato a rimuginare Alto (66-75) Introverso Timido, facile all imbarazzo Mancanza di fiducia in sé Malinconico Sottomesso Rigido Moderato Riservato (56-65) Modesto Ipercontrollato Serio Cauto Socialmente inadeguato Modale (41-55) Attivo Energico Amichevole Loquace Equilibrato Basso ( 40) Caldo Socievole e dipendente Fiducioso in di sé e assertivo Indulgente con se stesso Esibizionista Manipolativo

32 Procedure per l interpretazione -Valutazione dell accettabilità del protocollo + atteggiamento del soggetto verso il test -Esame dei punteggi alle csalecliniche nel profilo di base, per prospettare possibili linee interpretative sulla personalità e sull attuale stato emozionale del testando -Consultazione di diverse guide all interpretazione del MMPI, per cogliere aspetti psicopatologici e psicodiagnostici comuni -Definizione, per le scale che hanno anche una modesta elevazione di punteggio, delle sottoscale che contribuiscono in maniera determinante a queste elevazioni, annotando i problemi che potrebbero avere maggiore rilevanza per il soggetto -Annotazione di ogni item critico significativo, che può costituire un segnale di problemi particolari, o di sintomi e difficoltà non riscontrati in precedenza -Esame dei punteggi alle scale di contenuto sia per sviluppare le ipotesi interpretative già delineate, sia per formulare un coerente quadro delle dinamiche di personalità e delle condizioni psicopatologiche del soggetto, tenendo ben presente i limiti di attendibilità suggeriti dai vari indicatori

33 Tipi di codice (code-type): A due punte: 1 2/21 persone con questo profilo presentano reazioni esagerate ai disturbi fisici, si affaticano facilmente e sono spesso timide, irritabili, solitarie e depresse. Sono caratteristiche preminenti i dolori viscerali, l eccessiva preoccupazione per le funzioni corporee e una mancanza di insighte di introspezione. 1-3/3-1 soggetti resistenti al trattamento psicologico. Sono orientati ad una spiegazione medica dei loro problemi. Massiccio l utilizzo di difese e barriere contro l interpretazione psichica. 1-4/4-1 soggetti con disturbi della personalità a lungo termine, con problemi relazionali e schemi di comportamento aggressivo. Solitamente manipolativi e controllanti. 2-8/8-2 Complesso quadro sintomatologico. Comp. Psicotico, D.Affettivo, DP. Problemi relazionali, Espressiondella rabbia, Ritiro sociale. A tre punte: 2-7-4/4-2-7/7-2-4 diversamente dai profili 2-7/7-2, (aperti e disponibili alla psicoterapia, con bassa autostima e tendenze al perfezionismo) la presenza di Pd può esagerare gli aspetti di sregolatezza, ansia ed actingout. Rispondono meglio al trattamento ambulatoriale o di gruppo. A più punte: solitamente presenza di problemi di alcool o abuso di droga. Soggetti orientati a sviluppare una dipendenza patologica. La psicoterapia o un approccio terapeutico a lungo termine è un percorso difficile e la prognosi è solitamente negativa. Indice di Goldberg Se L+Pa+Sc-Hy-Pt = > 45 (punti T) si suggerisce una diagnosi di psicosi.

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Disturbi dell Umore. Storia

Disturbi dell Umore. Storia Disturbi dell Umore Storia Classificazioni in base alla sintomatologia e alla gravità Depressione psicotica e Depressione nevrotica In origine connotavano due meccanismi patogenetici diversi (endogeno

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Dr.ssa Marialuigia Foresta Neuropsichiatra Infantile UOC di Neuropsichiatria Infantile ASL Pescara Perché un master sui disturbi

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Salute mentale Che cos è?

Salute mentale Che cos è? Salute mentale Che cos è? 01 Burnout 02 Depressione 03 Sindromi ansiose 04 Sindrome da deficit di attenzione e iperattività 05 Maniacalità 06 Disturbo ossessivo compulsivo 07 Sindromi schizofreniche 08

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli