MMPI-II Tecniche di scoringper la formulazione del profilo di personalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MMPI-II Tecniche di scoringper la formulazione del profilo di personalità"

Transcript

1 AION Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Analitica Bologna Corso di Psicologia Diagnostica MMPI-II Tecniche di scoringper la formulazione del profilo di personalità Dr. Vitantonio Chimienti Psicologo, Docente di Psicodiagnostica Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

2 MMPI-2 : Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 Autori del test: HathawayS. R., McKinley J. C. - Somministrazione - Tecniche di scoring - Tracciato del Profilo di base - Procedure per l interpretazione - Scale e valori normativi di riferimento - Possibilità interpretative -Item critici -Code Type - Esempio clinico e diagnostico - L intervento clinico

3 Scale e Inventari I self report Inventories(inventari o questionari autodescrittivi) costituiscono, con le scale di valutazione, i cosiddetti strumenti oggettivi di misurazione in psicologia. Oggettiviperché gli stimoli (item), presentati sotto forma verbale, offrono una ridotta possibilità di scelta (Vero/Falso, Si/No, Scale Likert) e perché l attribuzione dei punteggi non ha influenze della soggettività del somministratore; vi sono griglie pre-costituite di scoring. Offrono, di conseguenza, una descrizione e un interpretazione puntuale e soprattutto confrontabile con dati normativi di riferimento.in specialmodo, gli strumenti clinici offrono la possibilità di stabilire e discriminare soggetti appartenenti a popolazioni qualitativamente e quantitativamente differenti. Pertanto, sarà possibile e facile reperire informazioni circa la validità e l attendibilità di ciascun strumento. - Clinici (MMPI-II, MCMI-III, ecc.) - Di Personalità (MMPI-II, BFQ, TCI, 16PF, EFQ, ecc.)

4 Limiti Validità di contenuto Corrispondenza item-sintomidata dall esperienza clinica o dalla teoria di riferimento. Falsi positivi e falsi negativi. Validità di criterio Selezione di item in base al riscontro empirico di frequenze reali in campioni clinici e non clinici. Autosomministrazione. Il soggetto può falsare in qualsiasi modo le risposte agli item, dando un immagine di sé diversa (desiderabilità sociale o menzogna) o per manipolare a suo beneficio l esito contingente della valutazione. Stili soggettivi di risposta. Tendenza al SI o al NO, differenza nell interpretare POCO, MOLTO, ecc. Livello intellettivo. Il soggetto non comprende il significato delle domande. Il cambiamento del soggetto. Il linguaggio. effetto Barnum. Applicare descrizioni generali a individui o personalità specifiche e uniche non rappresentate nella teoria di riferimento. Sempre utile considerare probabilisticamenteil risultato al test, confrontandolo e integrandolo con diverse altre valutazioni testologicheo cliniche.

5 Minnesota MultiphasicPersonalityInventory-2 (MMPI-2) Author(s): HathawayS. R., McKinley J. C. UniversityofMinnesota Press, Minneapolis, RestandardizationCommittee:James N. Butcher, PhD; W. Grant Dahlstrom,PhD; John R. Graham, PhD; AukeTellegen, PhD; and Beverly Kaemmer, Coordinator for The University of Minnesota Press Report Authors: James N. Butcher, PhD, and Edwin I. Megargee, PhD

6 Consegna ISTRUZIONI Il presenta questionario è composto da varie frasi numerate. Legga ogni frase e decida riferendosi alla Sua persona se la frase è vera o falsa. Segni le risposte direttamente su questo libretto. Guardi gli esempi di risposte riportati a fianco. Se una frase riferendosi alla Sua persona è vera o prevalentemente vera, faccia una crocetta sulla casella segnata con V (esempio A). Se la frase riferendosi alla Sua persona è falsa, o generalmente non vera, faccia una crocetta sulla casella segnata con F (esempio B). Se la frase non può essere riferita alla Sua persona, o se riguarda qualcosa che non conosce, non faccia nessun segno. Tenti di dare comunque una risposta a ciascuna frase. Ricordi di dare la Sua opinione su se stesso. Esempi di possibili risposte A B C V F V F V F Nel segnare le risposte, faccia segni ben chiari e marcati. Se vuole cambiare risposta, faccia un circolettosu quella che desidera cancellare e apponga la crocetta su quella scelta definitivamente (esempio C). Si ricordi di rispondere, se possibile ad ogni frase. Ora volti pagina e inizi

7 MMPI-2 : Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 Autori del test: HathawayS. R., McKinley J. C. Edizione: UniversityofMinnesota Press, Minneapolis, Edizione italiana: O. S. Organizzazioni Speciali, Firenze, 1995 (adattamento italiano a cura di PancheriP. e SirigattiS). Ambito di utilizzo Assessmentclinico Ricerca Modello teorico di riferimento La personalità è indagata attraverso un approccio clinico e sociale, mettendo in evidenza preferenze soggettive a particolari item. L'MMPI-2 si basa sulla mole più ampia di ricerche che si siano date su uno stesso test e su metodi empirici. Costrutto misurato Il MMPI-2 consente di misurare un numero estremamente elevato di costrutti attraverso molteplici scale e subscale.

8 MMPI II Minnesota Multhiphasic Personality Inventory (Hathaway e McKinley, 1989) Età. Dai 16 anni in su Differenze fra i sessi. Normatività dei dati Tipologia di item: Vero/Falso Numeri item: 567 ( ) La validazione è avvenuta su un campione di 2600 soggetti (1138 maschi e 1462 femmine) di età dai 18 agli 85 anni differenziati e distribuiti per razza. Domande tipo Molto spesso mi sembra di avere un nodo alla gola (11) Nessuno sembra capirmi (22) A volte provo un forte impulso a fare a fare qualcosa di dannoso o sconveniente (85) Credo che si stia complottando contro di me (138) Qualche volta le barzellette sporche mi divertono (260) Mai sono felice a meno che non sia in giro o in viaggio (156) V F V F V F V F V F V F

9 Scale di validità: Scala Lie(L): tendenza a dare una buona immagine di sé; Scala Correction(K):presenza di meccanismi difensivi nei confronti del test; Scala Frequency(F): presenza di esperienze e di pensieri poco comuni. Scale cliniche: Scala Ipocondria (Hs):item relativi a problemi fisici; Scala Depressione (D):relativa alla bassa autostima, tristezza, disperazione, pessimismo; Scala Isteria (Hy): item che indicano problemi fisici e item che tendono a negare qualsiasi problema; Scala Deviazione Psicopatica (Pd): item relativi a caratteristiche antisociali; Scala Mascolinità-Femminilità (Mf): item che misurano l adesione più o meno rigida agli stereotipi di genere; Scala Paranoia (Pa): indaga la sensibilità verso l opinione altrui: Scala Psicastenia (Pt): item relativi ad aspetti cronici dell ansia; Scala Schizofrenia (Sc): item che indagano il grado di confusione mentale; Scala Ipomania (Ma): valuta il grado di energia ideativa, motoria ed emotiva della persona; Scala Introversione sociale (Si): indaga la tendenza della persona ad isolarsi o a stare con altre persone.

10 Scale di validità supplementari; Scala F-Back (Fb): indaga la tendenza a dare risposte inusuali nella seconda metà del test; Scala TrueResponseInconsistency(Trin):valuta la tendenza a rispondere sempre vero o sempre falso ; Scala VariableResponseInconsistency(Vrin): valuta la tendenza a rispondere sempre a caso. Scale supplementari; Scala MacAndrewAlcoholismScale-Revised(Mac-R): indaga l alcolismo e le Scala MacAndrewAlcoholismScale-Revised(Mac-R): indaga l alcolismo e le tossicodipendenze; Scala OvercontrolledHostility(OH): ostilità ipercontrollata; Scala Post TraumaticStress DisorderScale (PK): indaga il disturbo post traumatico da stress; Scala MaritalDistressScale (MDS): indaga il disagio coniugale; Scala AddictionPotentialScale (APS): indaga la tossicodipendenza potenziale; Scala Addiction Ammission Scale (AAS): indaga l ammissione della tossicodipendenza.

11 Scale di contenuto; Scala Anxiety(ANX): ansia; Scala Fears(FRS): paure; Scala Obsessiveness(OBS): ossessività; Scala Depression(DEP): depressione; Scala HealthConcerns(HEA): preoccupazioni per la salute; Scala BizarreMentation(BIZ): ideazione bizzarra; Scala Anger (ANG): rabbia; Scala Cynism(CYN): cinismo; Scala Antisocial Practices(ASP): comportamenti antisociali; Scala TypeA (TPA): tipo A; Scala Low Self-Esteem(LSE): bassa autostima; Scala Social Discomfort(SOD): disagio sociale; Scala Family Problems(FAM): problemi familiari; Scala Work Interference(WRK): interferenze sul lavoro; Scala Negative Treatment Indicators(TRT): indicatori di difficoltà di trattamento.

12 Kit del test Foglio di profilo Foglio di risposta Manuale Somministrazione Qualifica del somministratore del test Psicologo iscritto all'albo Qualifica del valutatore del test Psicologo iscritto all'albo Destinatari - Fasce d'età: Adulti Livello culturale: cultura media cultura superiore Cultura elementare

13 Tempi di somministrazione: La compilazione del MMPI-2 da parte del paziente richiede mediamente 45 minuti, ma talvolta può raggiungere le 2 ore. Tempi di correzione: Lo scoringmanuale del MMPI-2 richiede circa un ora. Prevale il ricorso a programmi di correzione automatizzata che richiedono l inserimento delle risposte fornite dal paziente da parte del valutatore. Se il MMPI-2 viene somministrato nella versione computerizzata la correzione è automatica ed immediata Modalità di somministrazione: individuale collettiva Modalità di presentazione degli stimoli: computerizzata carta-matita Materiale di stimolo e risposta: Foglio di risposta Modalità di risposta: Al soggetto viene chiesto di indicare se ognuno degli item lo descrive o meno, rispondendo vero o falso. Forme: -MMPI-2 -MMPI-A, versione dedicata agli adolescenti composta da 478 item che indagano le dieci scale di base, le scale fattoriali di Ansia e Depressione, le scale di Mac-Rper l Alcolismo, Tossicodipendenza potenziale e Ammissione di tossicodipendenza e 14 scale di contenuto (Butcher et al., 1992; Williams e Butcher 1989a;1989b). Per soggetti di basso livello culturale esiste una versione abbreviata del MMPI, composta da soli 174 item.

14 Caratteristiche psicometriche Attendibilità: La coerenza interna (alfa di Cronbach) varia da 0,34 a 0,91 per le scale di base, da 0,31 a 0,91 per le scale supplementari e da 0,70 a 0,87 per le scale di contenuto. I valori tendono ad essere migliori nell adattamento italiano rispetto ai valori della versione originale. Validità di costrutto: Essendo composto da più scale che misurano costrutti diversi la validità va esaminata scala per scala. Al riguardo esiste una mole di ricerche enorme, prevalentemente in ambito anglosassone. Campioni normativi: Il Manuale dell adattamento italiano fa riferimento ad un campione normativo composto da 403 maschi e 972 femmine, di 27 anni di età media e con una scolarità media di 12 anni (DS=4,68). Dati normativi: Il Manuale fornisce tabelle di conversione dei punteggi grezzi in punti T distinti per genere.

15 Somministrazione Scoring Manuale (carta e matita) Profilo di base Scale di validità Scale di base o cliniche Grafico scegliere sempre prima il Foglio profilo di base a seconda del sesso (maschi, femmine) _ conteggiare i punteggi VERO oppure FALSO coincidenti con quelli riportati agli item costituenti ciascuna scala; poi calcolare il totale per ciascuna scala _ conteggiare i punteggi VERO oppure FALSO coincidenti con quelli riportati agli item costituenti ciascuna scala, con le dovute correzioni K ove opportuno, a seconda del coefficiente (riportato nelle colonnine a lato del profilo); poi calcolare il totale per ciascuna scala _ circolettareo annerire il punteggio grezzo totalizzato su ciascuna scala sul Foglio Profilo di base e unire i punti.

16

17 Scale di validità? (Non so): non costituisce una vera e propria scala, si tratta di un semplice conteggio del numero di item cui il soggetto non ha dato risposta, o a cui ha dato contemporaneamente le risposte vero e falso. Punteggio grezzo Validità del Profilo Cause del punteggio ottenuto Alto probabilmente non Gravi difficoltà di (30 o superiore) valido lettura o dislessia Rallentamento psicomotorio Stato confusionale Sfida Moderato (11-29) Modale (2-10) Basso (0-1) validità dubbia Probabilmente valido (controllare il contenuto delle omissioni) Valido Indecisione Difficoltà di lettura di grado medio Mancanza di esperienza Cautela eccessiva Formalismo Interpretazione idiosincratica Possibilità interpretative Depressione grave Ossessività Mancanza di familiarità con la lingua italiana Ideazione paranoide Le omissioni tendono ad abbassare i punteggi totalizzati al profilo clinico!!!

18 L (Lie-Menzogna): individua un tentativo consapevole ma ingenuo di presentare se stesso in una luce favorevole. E composta da 15 item in cui vengono affermati piccoli difetti a cui il 95% della popolazione risponde vero. Sebbene la scala L possa indicare la tendenza a mentire nel compilare il test, non può essere considerata come una misura della tendenza generale a mentire, falsificare o ingannare gli altri nella vita quotidiana. Questa scala serve piuttosto come indice della probabilità che un determinato protocollo sia stato alterato a causa di un determinato stile di risposta. L Menzogna probabilità di far riferimento ad immagini idealizzate di personalità Punti T Validità del Profilo Cause del punteggio ottenuto Possibilità interpretative Molto alto ( 80) probabilmente non simulazione di buon resistenza al test o valido adattamento ingenuità Alto (70-79) validità dubbia risposte date a caso negazione di difetti stato confusionale stile repressivo mancanza di insight Moderato (60-69) probabilmente valido atteggiamento difensivo iperconvenzionale e conformista eticamente rigido Modale (50-59) valido atteggiamento tipico a proprio agio con Basso ( 49) possibile simulazione di cattivo adattamento ricerca di vantaggi risposte vero a tutti gli item l immagine di sé enfasi della patologia indipendente e fiducioso in se stesso cinico e sarcastico

19 F (Frequency): è composta da 60 item, a cui è stato risposto in modo deviante da meno del 10% della popolazione adulta normale. Persone che non vogliono aderire alle istruzioni possono simulare l esecuzione del test, rispondendo in realtà in modo casuale agli item. Altri soggetti con istruzione e competenza nella lettura assai limitate, o che sono in contatto precario con la realtà, possono fare la stessa cosa. Altri ancora possono deliberatamente esagerare le loro difficoltà e le loro preoccupazioni per assicurarsi una considerazione o un attenzione speciale. Ognuno di questi atteggiamenti verso il test può determinare punteggi elevati in questa scala. Esistono, comunque, alcuni criteri per discriminare, a seconda dei risultati, tra queste tre possibilità. F Frequenza probabilità di esagerazioni relative ai sintomi patologici Punti T Validità del Profilo Cause del punteggio ottenuto Possibilità interpretative Molto alto ( 91) probabilmente non valido risposte date a caso errori di conteggio dislessia grave Alto (71-90) validità dubbia simulazione di malattia processi psicotici risposte vere a tutti gli item Moderato (56-70) probabilmente valido desiderio di anticonformismo forte coinvolgimento politico, sociale, o religioso scarsa attenzione estrema onestà nel rispondere agitazione durante una crisi non collabora, simula disturbi limitata abilità di lettura resistenza al test richiesta di aiuto crisi di identità adolescenziale stato confusionale rischio acting-out aggressivo scontento, inquieto, instabile psicopatologia di media gravità autocritico agitato, distraibile Modale (45-55) valido presenza di convinzioni devianti Basso ( 44) valido Conformismo possibile simulazione di buon adattamento Controllare due metà del test: ha cominciato a cooperare e poi? buon adattamento atteggiamento tipico verso il test Convenzionale, sincero, conformista

20 K (Correction): è stata selezionata per evidenziare tendenze alla negazione più sofisticate di quelle rilevate dalla scala L. E composta da 30 item individuati in protocolli di pazienti clinicamente malati che avevano ottenuto però profili normali ( falsi positivi ). E raro che un soggetto riesca a falsificare deliberatamente questi item, mentre essi possono indicare una tendenza inconsapevole al diniego della patologia. Su questa base la scala K fornisce un fattore di correzione da applicare ad alcune scale cliniche. K Correzione Indicatore di atteggiamento di difesa verso il test Correzione per la tendenza a negare i problemi Punti T Cause del punteggio ottenuto Possibilità interpretative Alto ( 71) atteggiamento difensivo marcato simulazione di buon adattamento risposte falso a tutti gli item cautela nell ambito di selezione del Timido, inibito, apatico utilizza meccanismi di negazione manca di insight personale Moderato (56-70) atteggiamento difensivo moderato adattabile, fiducioso in se stesso mancato riconoscimento di distress non cerca aiuto Modale (41-55) equilibrio tra atteggiamento difensivo e risorse sufficienti per un Basso ( 40) apertura Simulazione di disturbi risposte vero a tutti gli item richiesta di aiuto difese inadeguate intervento cinico, scettico, stato di panico scarsa considerazione di sé critico verso sé e gli altri Punteggi elevati sono stati ottenuti da soggetti con livelli più alti di status socioeconomico

21 Il protocollo è valido o meno? F-K : Dissimulation Index(Gough, 1947) Se superiori a +15 vuol dire che le risposte sono state contraffatte in senso peggiorativo o vi è stata dichiarazione di un numero eccessivo di problemi psicologici Fb (Back-pageInfrequency): ne fanno parte 40 item e viene utilizzata insieme con la scala F, i cui item compaiono prevalentemente nella prima parte del foglio di somministrazione. Gli item della Fb, presenti successivamente nel protocollo, permettono di individuare se un soggetto, le cui risposte sono valide in base alla scala F, ha smesso di prestare attenzione al contenuto degli item, rispondendo in modo casuale. Qualora il protocollo sia già invalidato in base alla scala F, la Fb diventa inutile. VRIN (VariableResponseInconsistency): si basa su 67 coppie di item, di contenuto simile o opposto. Attraverso questa scala, soprattutto se confrontata con la scala F, si può avere una possibilità di discriminazione più precisa fra modalità di risposta casuale, tentativi deliberati di falsificare i dati, confusione e psicopatologia. TRIN (TrueresponseInconsistency): utilizza 23 coppie di item di significato fra loro opposto. Valuta la tendenza a rispondere, in modo indiscriminato, in senso affermativo o negativo.

22 Scale cliniche Scala 1 Hs: Ipocondria. Questa misura fu sviluppata con un gruppo di pazienti nevrotici che mostravano una preoccupazione eccessiva per la loro salute, presentavano una varietà di disturbi somatici con origine organica scarsa o assente, e non accettavano le ripetute assicurazioni di non avere niente dal punto di vista fisico. Alcuni item di questa scala riguardano particolari sintomi o specifici disturbi, ma molti altri concernono una preoccupazione più generale per il corpo o verso se stessi. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Deliri schizoidi, bizzarri, somatici Bloccato, immobilizzato da molteplici sintomi o preoccupazioni somatiche Reazione esagerata a ogni problema reale Estremo egocentrismo ed egoismo Visione amara e cinica della vita, esigente Atteggiamenti distruttivi, pessimista Esagerazione di problemi fisici Disturbi vari e mutevoli Può essere presente uno specifico disturbo organico Lamentoso, irritabile, piagnucoloso, immaturo Preoccupato della propria salute, della dieta, del peso, delle funzioni corporee Poca o nessuna particolare preoccupazione del proprio corpo o della propria salute Emotivamente aperto ed equilibrato, realista e dotato di capacità introspettiva Possono essere trascurati segni o sintomi di malattia Ottimista, energico Capace, efficace

23 Scala 2 D: Depressione. Questa scala fu sviluppata con pazienti psichiatrici che presentavano varie forme sintomatiche di depressione, principalmente pazienti con reazioni depressive o in fase depressiva della psicosi maniaco-depressiva. Gli item che formano questa scala non si riferiscono solo a sensazioni di scoraggiamento, pessimismo e disperazione, che caratterizzano il quadro clinico delle persone depresse, ma anche ad aspetti della personalità di base riguardanti eccessivo senso del dovere, standard personali elevati e intrapunitività. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Ritirato, sopraffatto dai problemi, disperato Ossessionato da sensi di colpa, sentimenti di indegnità e inadeguatezza Assillato da idee di morte e suicidio Scoraggiato, rallentato nel pensiero e nell azione Solitario, timido, isolato, triste Mancante di energia, incapace di concentrarsi, disturbi fisici, disturbi del sonno Autocritico, scarsa fiducia in sé, sentimenti di inadeguatezza, stressato, triste, disforico Inibito, irritabile, timido, malinconico Scoraggiato, depresso, infelice, insoddisfatto di sé e del mondo Pessimista, preoccupato, introverso, moralista, responsabile, modesto A proprio agio con se stesso, stabile, realista, ben equilibrato Attivo, entusiasta Allegro, ottimista Scarsa inibizione, limitato autocontrollo Socialmente disinvolto Libero da turbamenti emotivi, fiducioso in se stesso

24 Scala 3 Hy: Isteria. Questa scala fu costruita con pazienti che manifestavano forme di disturbi sensoriali o motori, per i quali non era stata riscontrata nessuna base organica. Alcuni dei 60 item componenti la scala concernono specifici disturbi fisici o stati d agitazione, ma molti altri item implicano negazione di problemi nella propria vita, o mancanza d ansia sociale, spesso osservata in persone che utilizzano questo tipo di difese. Hy Isteria Disturbo di conversione: i soggetti manifestano rifiuto e un vivace comportamento sociale; sotto stress di tipo ambientale o relazionale la persona può diventare improvvisamente disabile e incapace a causa di problemi fisici, generalmente vaghi e di origine sconosciuta. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Altamente suggestionabile Episodi di ansia e panico improvvisi Disinibito, bizzoso Reagisce alla vergogna sviluppando sintomi fisici Usa meccanismi di negazione e di dissociazione Sintomi e preoccupazioni funzionali specifici Ingenuo, scarsa introspezione Esigente e istrionico, seduttivo Egocentrico e superficiale Immaturo e manipolativo Conformista e moralista Ha bisogno di essere amato, insicuro Espansivo ed estroverso Realista Aperto ai sentimenti Logico, equilibrato Cinico, rigido Socialmente isolato e in disparte Pochi interessi

25 Scala 4 Pd: Deviazione Psicopatica. Questa scala fu sviluppata con soggetti indirizzati al servizio psichiatrico per chiarire il motivo dei loro continui problemi con la legge, sebbene non fossero culturalmente deprivati, possedessero un intelligenza normale e non avessero seri disturbi di tipo nevrotico o psicotico. Alcuni item presenti in questa scala riguardano la disponibilità ad ammettere questo tipo di problemi, altri item riflettono il disinteresse per la maggior parte delle norme sociali e morali di condotta. Punti T Possibilità interpretative Molto alto ( 76) Scarsa capacità di valutazione Instabile Irresponsabile Egocentrico e immaturo Comportamenti antisociali Aggressivo o violento Alto (66-75) Scarsa tolleranza alla noia o alla monotonia Problemi con l autorità Problemi ricorrenti con il coniuge e sul lavoro Ribelle e ostile Reazioni emotive superficiali (vergogna, colpa) Abuso di sostanze Storia di fallimenti personali Relazioni superficiali Moderato Impulsivo e intraprendente (56-65) Edonista Permaloso Inaffidabile e impaziente Socievole Fiducioso di sé e assertivo Fantasioso e creativo Modale (41-55) Sincero Affidabile Tenace Responsabile Basso ( 40) Conformista e rigido Anassertivo e passivo Moralista Autocritico Ipercontrollato

26 Scala 5 Mf: Mascolinità-Femminilità. Gli item di questa scala riguardano vari tipi di reazioni emotive, interessi, atteggiamenti e sentimenti verso il lavoro, i rapporti sociali e gli hobby, che di solito differenziano uomini e donne. Costruita per identificare tratti di personalità inerenti l inversione sessuale maschile e gli omosessuali maschi con interessi di tipo femminile: Identità sessuale. I valori riflettono interessi, valori e caratteristiche di personalità. L interpretazione differisce per sesso, livello culturale, status socioeconomico e livelli di elevazione. Punti T Molto alto ( 70) Alto (60-69) Moderato (51-59) Modale (41-50) Basso ( 40) Femmine Possibilità interpretative Interessi tradizionalmente maschili Ostile, Dominante, Aggressiva Fiduciosa in sé Logica, Non emotiva, Competitiva, Energica Attiva, Intraprendente Spontanea, Assertiva Empatica, Capace, Competente, Disinvolta Premurosa, Idealista Interessi tradizionalmente femminili Insicura e autosvalutativa, Passiva, Sottomessa Limitata, Indifesa, Dipendente Autocompassionevole, Lamentosa Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Maschi Modale (41-55) Pratico Disinvolto Basso ( 40) Possibilità interpretative Interessi tradizionalmente femminili Conflitti riguardanti l identità sessuale Passivo ed effemminato Incerta assertività Tendenze omoerotiche Curioso e creativo Tollerante verso gli altri Individualista Interessi intellettuali Empatico Autocontrollato Espressivo ed espansivo Dotato di buon senso Interessi estetici Sensibilità verso gli altri Realista, Conformista Interessi tradizionalmente maschili Atteggiamento rozzo, aggressivo, macho Imprudente Pochi interessi Orientato all azione Fiducioso in se stesso

27 Scala 6 Pa: Paranoia. Questa scala fu sviluppata inizialmente con un gruppo di pazienti che presentavano condizioni di tipo paranoideo, o stati paranoidi. Il contenuto degli item riflette sia ipersensibilità nei rapporti interpersonali, sia la tendenza a fraintendere le motivazioni e le intenzioni degli altri. Alcuni item riguardano l insicurezza e la tendenza a centrarsi sulla propria persona. Pa Paranoia Valuta caratteristiche di comportamento quali sospettosità, sfiducia, idee fisse, sensibilità interpersonale eccessiva, pensiero rigido ed atteggiamento critico, che generalmente si riscontrano nei disordini di tipo paranoide. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Disturbi di pensiero Convincimenti errati Idee di riferimento Vendicativo Rimuginazione Può agire sotto l effetto di deliri Arrabbiato e permaloso Sposta critiche e colpe Ostile e sospettoso Rigido e ostinato Fraintende le situazioni sociali Ipersensibile ai torti subiti, ai rifiuti Cauto nei contatti iniziali con gli altri Moralista e vittimista Fiducioso finché non si sente tradito Gran lavoratore Razionale Chiarezza di pensiero Cauto Flessibile Equilibrato e allegro Sospettoso ed evasivo Ostinato Può suggerire un disturbo paranoide

28 Scala 7 Pt: Psicastenia. Questa scala fu sviluppata, inizialmente, con pazienti che manifestavano problemi di tipo ossessivo, rituali compulsivi o paure esagerate, scelti tra i soggetti nevrotici che venivano indicati, a quell epoca, come sofferenti di psicastenia (una debolezza nel controllo mentale delle azioni e dei pensieri), attuali DOC. Mentre alcuni contenuti degli item riguardano queste varie sintomatologie, la scala nel suo insieme riflette stati generalizzati d ansia e preoccupazione, ma anche esplicita adesione ad alti standard di moralità, atteggiamento autocritico in caso di insuccesso, controllo dei propri impulsi. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Portato a rimuginare Rigida ritualità Agitazione Fobie superstiziose Sentimenti di colpa Timoroso Ansietà Depressione Insicuro e ansioso Preoccupato e apprensivo Timori di fallimento Eccessivamente meticoloso e indeciso Moralista Teso e infelice Responsabile e coscienzioso Razionalizzante Gran lavoratore Ordinato e perfezionista Autocritico Introspettivo Puntuale Affidabile Fiducioso Adattabile Ben organizzato Sicuro di sé Senza incertezze Rilassato A proprio agio Tenace ed efficiente

29 Scala 8 Sc: Schizofrenia. Questa scala fu derivata da un gruppo di pazienti psichiatrici con manifestazioni del disturbo schizofrenico. Il contenuto degli item riguarda un ampia varietà di bizzarre convinzioni, esperienze insolite e percezioni particolari, che sono caratteristiche di tali pazienti. Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Modale (41-55) Basso ( 40) Possibilità interpretative Disturbi di pensiero Comportamenti eccentrici Deliri Socialmente isolato Scarso contatto con la realtà Allucinato e autistico Convinzioni inconsuete Comportamenti bizzarri Ritirato e isolato Non conformista Dubbioso e confuso sulla propria identità Difficoltà di concentrazione e pensiero Poco interessato alle persone Poco concreto Fantasioso e creativo Molto teso Interessi religiosi Adattabile Fidato Ben equilibrato Conformista e conservatore Dotato di autocontrollo Sottomesso

30 Scala 9 Ma: Ipomania. Questa scala fu sviluppata con pazienti nei primi stadi di un episodio maniacale del disturbo maniaco-depressivo. Il contenuto degli item prende in considerazione alcuni aspetti comportamentali di questa condizione e caratteristiche ad essa associate (ambizione eccessiva, estroversione ed elevati livelli di aspirazione). Punti T Molto alto ( 76) Alto (66-75) Moderato (56-65) Possibilità interpretative Espansivo e grandioso Irritabile Scarso controllo del proprio umore Iperattivo e distraibile Prende decisioni impulsive Confusione Invadente Eccessiva attività Euforico Loquace Inquieto e labile Superficialmente coinvolto Impaziente Socievole ed estroverso Scarsa tolleranza alla noia, alla monotonia Vasta gamma di interessi Gran lavoratore Efficiente Orientato al conseguimento di risultati Intraprendente Socievole ed amichevole Responsabile Realista Entusiasta Equilibrato Apatico e pessimista Si stanca facilmente Timido e dipendente Privo di energie Poco sicuro di sé Depresso elevati livelli di aspirazione). (56-65) Scarsa tolleranza alla noia, alla Ma Ipomania misura del comportamento maniaco o ipomaniaco, della tendenza ad agire in maniera euforica, aggressiva ed iperattiva. Modale (41-55) Basso ( 40)

31 Scala 0 Si: Introversione sociale. Questa scala fu sviluppata da Drake (1946) con campioni di studenti di college che ottenevano punteggi estremi alla scala introversione-estroversione sociale del Thinking-Social- Emotional Introversion Inventory (Evans e McConnel, 1941). Punteggi superiori alla media rispecchiano livelli crescenti di timidezza sociale, preferenza per attività da svolgere da soli e carenza di assertività sociale. Punteggi sotto la media indicano, viceversa, tendenze verso la partecipazione e la dominanza sociale. Punti T Possibilità interpretative Molto alto Chiuso ( 76) Isolato Insicuro e indeciso Ritirato Portato a rimuginare Alto (66-75) Introverso Timido, facile all imbarazzo Mancanza di fiducia in sé Malinconico Sottomesso Rigido Moderato Riservato (56-65) Modesto Ipercontrollato Serio Cauto Socialmente inadeguato Modale (41-55) Attivo Energico Amichevole Loquace Equilibrato Basso ( 40) Caldo Socievole e dipendente Fiducioso in di sé e assertivo Indulgente con se stesso Esibizionista Manipolativo

32 Procedure per l interpretazione -Valutazione dell accettabilità del protocollo + atteggiamento del soggetto verso il test -Esame dei punteggi alle csalecliniche nel profilo di base, per prospettare possibili linee interpretative sulla personalità e sull attuale stato emozionale del testando -Consultazione di diverse guide all interpretazione del MMPI, per cogliere aspetti psicopatologici e psicodiagnostici comuni -Definizione, per le scale che hanno anche una modesta elevazione di punteggio, delle sottoscale che contribuiscono in maniera determinante a queste elevazioni, annotando i problemi che potrebbero avere maggiore rilevanza per il soggetto -Annotazione di ogni item critico significativo, che può costituire un segnale di problemi particolari, o di sintomi e difficoltà non riscontrati in precedenza -Esame dei punteggi alle scale di contenuto sia per sviluppare le ipotesi interpretative già delineate, sia per formulare un coerente quadro delle dinamiche di personalità e delle condizioni psicopatologiche del soggetto, tenendo ben presente i limiti di attendibilità suggeriti dai vari indicatori

33 Tipi di codice (code-type): A due punte: 1 2/21 persone con questo profilo presentano reazioni esagerate ai disturbi fisici, si affaticano facilmente e sono spesso timide, irritabili, solitarie e depresse. Sono caratteristiche preminenti i dolori viscerali, l eccessiva preoccupazione per le funzioni corporee e una mancanza di insighte di introspezione. 1-3/3-1 soggetti resistenti al trattamento psicologico. Sono orientati ad una spiegazione medica dei loro problemi. Massiccio l utilizzo di difese e barriere contro l interpretazione psichica. 1-4/4-1 soggetti con disturbi della personalità a lungo termine, con problemi relazionali e schemi di comportamento aggressivo. Solitamente manipolativi e controllanti. 2-8/8-2 Complesso quadro sintomatologico. Comp. Psicotico, D.Affettivo, DP. Problemi relazionali, Espressiondella rabbia, Ritiro sociale. A tre punte: 2-7-4/4-2-7/7-2-4 diversamente dai profili 2-7/7-2, (aperti e disponibili alla psicoterapia, con bassa autostima e tendenze al perfezionismo) la presenza di Pd può esagerare gli aspetti di sregolatezza, ansia ed actingout. Rispondono meglio al trattamento ambulatoriale o di gruppo. A più punte: solitamente presenza di problemi di alcool o abuso di droga. Soggetti orientati a sviluppare una dipendenza patologica. La psicoterapia o un approccio terapeutico a lungo termine è un percorso difficile e la prognosi è solitamente negativa. Indice di Goldberg Se L+Pa+Sc-Hy-Pt = > 45 (punti T) si suggerisce una diagnosi di psicosi.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

Scala Hs (1: Ipocondria): implicazioni delle elevazioni della scala

Scala Hs (1: Ipocondria): implicazioni delle elevazioni della scala SCALE CLINICHE 1 IPOCONDRIA (HS - 32 item) che descrivono una varietà di disturbi fisici e sintomi somatici vaghi e aspecifici (malessere generale, sensazioni di fatica o stanchezza, disturbi del sonno,

Dettagli

Test di Personalità Basati sul Criterio

Test di Personalità Basati sul Criterio MMPI ed MMPI-2 Test di Personalità Basati sul Criterio Sono i Test di Personalità più Antichi. Non fanno riferimento a nessuna teoria della Personalità. Si basano più spesso su teorie classificatorie o

Dettagli

L M.M.P.I è un questionario di personalità che consente di indagare gli aspetti del temperamento, gli stili di pensiero, le caratteristiche

L M.M.P.I è un questionario di personalità che consente di indagare gli aspetti del temperamento, gli stili di pensiero, le caratteristiche L M.M.P.I è un questionario di personalità che consente di indagare gli aspetti del temperamento, gli stili di pensiero, le caratteristiche personali, le modalità di adattamento e le manifestazioni psicopatologiche.

Dettagli

The Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI 2

The Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI 2 The Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI 2 FINALITA DEL MMPI 2 Il Minnesota Multiphasic Personality Inventory 2 è un test self report ad ampio spettro costruito per valutare le più importanti

Dettagli

Psicodiagnostica. Dott. Sarah La Marca

Psicodiagnostica. Dott. Sarah La Marca Psicodiagnostica Dott. Sarah La Marca L utilizzo di un test è da accompagnarsi sempre ad un elevata prudenza, acquisendo una vasta gamma di dati e di elementi conoscitivi e valutativi (assessment). Chi

Dettagli

Problematiche identitarie e dipendenze patologiche. Un indagine del Ser.T. Fidenza

Problematiche identitarie e dipendenze patologiche. Un indagine del Ser.T. Fidenza Problematiche identitarie e dipendenze patologiche Un indagine del Ser.T. Fidenza Dott.ssa Anna Maria Baratta Dott. Salvatore Briffi Parma, 20 Novembre 2013 Obiettivi dell'indagine 1) Fotografia il più

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

I QUESTIONARI DI PERSONALITÀ

I QUESTIONARI DI PERSONALITÀ I QUESTIONARI DI PERSONALITÀ I questionari di personalità fanno parte dei cosiddetti strumenti oggettivi di misura delle caratteristiche psicologiche. Richiedono un autodescrizione delle proprie caratteristiche,

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967)

Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967) Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967) Il presente questionario è composto da 13 gruppi di frasi. Legga attentamente tutte le frasi che compongono ciascun gruppo

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti

L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO. Riccardo Lancellotti L ICF E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO Riccardo Lancellotti I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO SONO, TRA LE VARIE CATEGORIE DIAGNOSTICHE, QUELLI CHE GENERANO MAGGIORE ALLARME TRA GLI INSEGNANTI E I GENITORI DEGLI

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo OTTIMA COMPETENZA PROFESSIONALE CAPACITA DI PROBLEM SOLVING CAPACITA DI CONCENTRAZIONE

Dettagli

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Nel 1985 Reiss e collaboratori reinterpretarono la paura della paura come dovuta ad una sensibilità specifica all ansia. Valuta

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

MINNESOTA MUTIPHASIC PERSONALITY INVENTORY M.M.P.I.

MINNESOTA MUTIPHASIC PERSONALITY INVENTORY M.M.P.I. MINNESOTA MUTIPHASIC PERSONALITY INVENTORY M.M.P.I. Origine nel 1943 Non teoria di personalità Finalità di screening Riferimenti alla nosografia kraepeliniana Costruzione empirica Validità convergente,

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE LO YOGA Nel novembre del 2013 è stato attivato un corso sperimentale di YOGA presso il presidio di Chiari. Il corso si è svolto presso l Aula Magna dell Azienda, al di fuori dell orario di servizio. Sono

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI Sostegno 400 ore GRUPPO A modulo3 Mag-Giu 2009 Disturbi del comportamento (1) Disturbo da deficit dell attenzione Disturbo da iperattività Disturbo oppositivo-provocatorio

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

PSICOLOGIA CLINICA PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI

PSICOLOGIA CLINICA PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA CENTRO INTEDIPARTIMENTALE DI RICERCA PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO Corso di formazione Metodologie e strumenti di valutazione

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione Argomenti della lezione Scale - primarie subscale Pattern di approfondimento Pattern di validità criteri decisionali Esempio Scale-primarie Subscale STAI X1 - Ansia di Stato Condizione emozionale transitoria

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

Quando un sintomo non è solo fisico

Quando un sintomo non è solo fisico SEMINARIO Quando un sintomo non è solo fisico Luciana Biancalani & Alessandra Melosi 16 Convegno Pediatrico Firenze 11-12 novembre 2011 Disturbi non solo fisici problemi psicologici conseguenti a disturbi

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

9 Cap. 1 L adolescenza 31 Cap. 2 Psicopatologia in adolescenza e comportamenti a rischio 51 Cap. 3 Principali strumenti di misurazione per l

9 Cap. 1 L adolescenza 31 Cap. 2 Psicopatologia in adolescenza e comportamenti a rischio 51 Cap. 3 Principali strumenti di misurazione per l I n d i c e 9 Cap. 1 L adolescenza 31 Cap. 2 Psicopatologia in adolescenza e comportamenti a rischio 51 Cap. 3 Principali strumenti di misurazione per l adolescenza presenti nel panorama estero e italiano

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello Gordon Personality Profile Inventory Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello RAPPORTO INTERPRETATIVO Report a cura di Chiara Consiglio, Federica Di Massa e Mariella

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

Adolescenza e dislessia

Adolescenza e dislessia Adolescenza e dislessia incontro-riflessione riflessione con i genitori della Sezione AID di Varese Olgiate Olona, 13 dicembre 2007 Psicologa-sez. sez. Varese 1 CICLO DI VITA FAMILIARE Cambiamento Crisi

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

I mali che fuggi sono in te. Seneca

I mali che fuggi sono in te. Seneca www..ansiiasociialle..iitt ANSIA SOCIALE,, TIMIDEZZA,, VERGOGNA,, ASSERTIVITÀ I mali che fuggi sono in te. Seneca L ANSIA SOCIALE consiste nella paura eccessiva e immotivata di trovarsi esposti al giudizio

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo I Giorgi NS Bonfiglio Un equilibrio possibile? Evitare le emozioni, vivere le emozioni. (A. Ferro, 2007)...l evitamento delle emozioni è una

Dettagli

La Depressione e il Lutto di Salvatore Di Salvo

La Depressione e il Lutto di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione e il Lutto di Salvatore Di Salvo Il termine lutto indica la reazione

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76.

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Dott. Marco Lipera Dott.ssa Alessandra Leucata Psicologo, Psicodiagnosta Psicologa Clinica e Giuridica Via Trieste n.19, Catania 95127 Psicodiagnosta

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

Seminario. I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche. Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio.

Seminario. I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche. Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio. Seminario I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio.com 1 PARTIAMO DA 3 DOMANDE Cosa fa lo psicoterapeuta in una

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

L opposto della Depressione: l Episodio Maniacale di Salvatore Di Salvo

L opposto della Depressione: l Episodio Maniacale di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it L opposto della Depressione: l Episodio Maniacale di Salvatore Di Salvo L episodio

Dettagli

Sui test Paola Bolgiani

Sui test Paola Bolgiani Ipol Corso di Psicodiagnostica I Sui test Paola Bolgiani Proveremo ad esaminare alcuni tipi di test attualmente considerati strumenti diagnostici. Ciò che mi preme mettere in luce è la logica in base alla

Dettagli

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica e medico/legale Si riferisce ad una serie di comportamenti

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II PREMESSE 1. La depressione (intesa nel senso clinico del termine) non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) PREMESSE 2. In realtà non esiste la depressione (cioè, un unica condizione

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale.

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Di Fiorino Mirabella, psicologo e psicoterapeuta, Istituto Superiore di Sanità, comitato scientifico

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

BENDER GESTALT TEST 27/05/14 FONDAMENTI TEORICI UTILIZZO DEL TEST BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST. La psicologia della Gestalt

BENDER GESTALT TEST 27/05/14 FONDAMENTI TEORICI UTILIZZO DEL TEST BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST. La psicologia della Gestalt BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST BENDER GESTALT TEST VALUTAZIONE SECONDO IL METODO KOPPITZ Il Test di Bender è basato sulla riproduzione di disegni geometrici ed è largamente utilizzato in ambito internazionale

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli