Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management!"

Transcript

1 easypoli Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management / / Lagestionedeiprogetticonil metododmaic facebook.com/easypoli

2 Continuous(Improvement(and$Project$Management$ Occorre adottare un particolare tipo di project management per affrontare il CI. Nel project management è importante che ci sia un unico punto di integrazione delle responsabilitàchesiidentificaconlafiguradelprojectmanagerosimili.ilpm(project manager) deve definire un piano, concordare le risorse con i titolari delle funzioni e sottoporre il piano elaborato ad una verifica( di( compatibilità con gli altri progetti. Questo controllo è affidato a terzi in quanto non sempre il PM ha una visione d insiemedituttiiprocessiaziendali.inoltre,duranteilcorsodiunprogetto,èbene avere una pianificazione( ed( un( controllo( integrati, anche rispetto alle singole aree funzionalicoinvolte.conquestosiintende: G reperire le informazioni riguardanti risultati, tempi e costi del progetto; G effettuare un azione continua di adeguamento dei piani confrontandoi risultati con le proiezioni fatte su tempi e costi futuri; G avere un sistema comune per pianificare e controllare più progetti. E' importante stabilire CHI deve essere il PM. Da chi dipende? Come lo inserisco nell'organizzazione? Che autorità ha? Ce ne sono di diversi tipi, con diversi gradi di autoritàeautonomiadifferenti. Nell'immagine in alto possiamo osservare un portafoglio$ progetti di un'azienda italiana.ognirigarappresentaunprogetto(unacommessa)affidatoaunsingolopm,il cui compito è quello di gestire tutte le attività necessarie per la realizzazione dello stesso nei tempi stabiliti, ottenendo i risultati tecnici voluti dal cliente e avendo un budgetlimitato.conquestoprospettosicontrollailprogressodiciascunprogettoesi può notare come quelli non iniziati comportino un impiego di risorse inutili che potrebberoesseredestinatiaquelliincorso.

3 Le abilità di un PM vengono valutate sulla base dei progetti che porta a termine efficacemente.èquindiindispensabileperladirezionecheilpmgestiscaeaggiorniil piano di progetto in modo da comunicare le risorse necessarie e lo stato di avanzamento.alorovoltairesponsabilidellerisorsedevonofornireinformazionisul lavoro effettivamente svolto in modo da aggiornare la pianificazione del progetto. L aggiornamento costante e il confronto di informazioni permette al PM e alla Direzione Aziendale di avere sotto controllo la situazione e di prendere decisioni appropriate.nelcasocisiaunconflittonellaprogrammazionedeiprogettiladirezione puòdeciderearbitrariamentedirallentareunprogettopiuttostocheunaltrosolose possiedeleinformazioniesatte.inquestoprospettosipuòvederesesonoinritardoo meno su un progetto, a livello di giorni e/o materiali. La pianificazione e il controllo integrati garantiscono che le attività svolte dalle aree funzionali siano volte a soddisfareleesigenzedelprogetto.essifornisconoinformazionisulleconseguenzeda affrontareportandoavantiunprogettopiuttostocheunaltroepermettonodiessere piùtempestivinell identificazionediproblemi. Perché ricorrere al Project Management? Lo impongono gli "imperativi della tecnologia". La società porta dotarsi obbligatoriamente di nuove tecnologia, questo comporta grandi investimenti che occorre progettare in modo puntiglioso per raggiungere l'obiettivo nel tempo previsto. Negli ultimi anni conta di più arrivare on( timechearrivareebasta(vedinokianeiconfrontidisamsungeapple). Iltempocheoccorreperportareatermineunprogettotendeadallungarsieicapitali impiegati tendono a crescere, l utilizzo di tecnologia avanzata richiede personale specializzato,inpiùilcapitalediventasemprepiùrigidopiùrigido.infatti,manmano che si porta avanti un progetto, il capitale investito è talmente alto che non e più possibile né conveniente interrompere il progetto, anche se ha preso una "strada sbagliata". Un organizzazione capillare è quindi fondamentale per condurre un progetto. Dividendo un progetto complesso in attività più semplici, anche il progetto

4 piùcomplessopuòessereportatoatermineconsuccesso. L utilizzo del project management permette di impiegare risorse avendo definiti obiettivi, tempi e costi; il ricorso alla figura del PM consente di attribuire le responsabilità ad una sola figura, di avere la certezza che le decisioni siano prese in vista di un obiettivo globale e non nell interesse di pochi, di coordinare le varie aree funzionaliediimpiegareadeguatamenteimetodidipianificazioneecontrollointegrati diinformazioni. Avereunsistemainformativodiprogettointegratoconsentedivalutaresel aziendaè ingradodirealizzareleattivitàpreviste.ilgraficoinaltomostral assorbimentodelle risorserispettoalladisponibilità(rappresentatedallalineanera).selebarresuperano lalineavuoldirechelecapacitànecessarieall'attivitàsonomaggioririspettoaquelle effettivamente reperibili e quindi il gruppo avrà più difficoltà ad eseguire il proprio lavoro. L aggiornamentodiquestisistemiinformativièaffidatoalpm:eglidevecostruireun suo piano delle attività e delle risorse che prevede di utilizzare, in modo da fornire informazioni agli altri capi progetto e alla Direzione che controlleranno l effettiva capacità delle risorse. Il fatto che le informazioni siano reperibili a tutti permette di anticipareilimitidicapacitàchesipotrebberopresentareinfuturo. Ilpianodellerisorseaiutaadorganizzarel aziendainperiodiincuiilcaricodilavoro superalecapacità.avendoinformazionipreciseladirezionepuòdecidereseanticipare o ritardare un progetto in base alla quantità di risorse necessarie, al tempo per cui vengonoimpiegateesuqualeprogetto. Per prevenire le inefficienze del project management occorre identificarne i sintomi,successivamentelecauseedefinireunprogrammadimiglioramentovolto adeliminarle.iprobabilisintomi$possonoriguardare: G ritardi; G penalitàsubite; G costitroppoelevati; G alta rotazione delle risorse che prevedono costi di formazione per i nuovi arrivati; G aumentodeglisforzieutilizzoinefficientedeglispecialisti. Leprobabilicausesono: G sonoincorsotroppiprogetti; G cisièpresiimpegniinizialitroppograndi;

5 G nonc èunresponsabilediprogetto; G sihaunascarsaconoscenzadellemansionidelpm; G ilpmnonriferiscealcorrettosettoredell organizzazione; G lasceltadelpmnonèadeguata; G sorgonoconflittieccessivitrailpmeiresponsabilifunzionali; G pianificazioneecontrollononintegrati; G risorsetroppostressate; G pianificazioneeprogrammazionenonsonorealistiche; G nonsiriesconoacontabilizzareicostiel utilizzodellerisorse; G leprioritàcambianomoltofrequentemente; G controlloinsufficientesullemodificheprogettuali; G iprojectofficessonomaleorganizzati. Gli interventi possibili sono molto legati al personale e alla formazione del management del progetto; è importante chiarire le responsabilità e fornire sistemi, metodieprocedurealpmperportareatermineillavoro. Performare(il(managementoccorremigliorarelaconoscenzadelletecnichediproject management, qualificare i manager e gli specialisti, sviluppare politiche e procedure perselezionareadeguatamenteipm,svilupparelacarrieradellepersonecheoperano nell ambito del project management e valutare le prestazioni dei PM e dei team. Organizzare( responsabilità vuol dire rendere chiara agli operatori la gerarchia, stabilendo chi deve rispondere a chi attraverso matrici di responsabilità; sviluppare mansionaripertuttiitipidiprogettoeovesianopresentipiùprogetticreareunufficio dipianificazioneecontrollocentrale.leproceduredaavviareriguardano: G il coordinamento dei piani di marketing, vendite, sviluppo e produzione/logistica; G lapredisposizionedipreventivieofferte; G pianificazionedeiprogettisuddividendoliinsottoparti; G previsionedelfabbisognodellerisorse; G raccoltaedelaborazionedeidatirelativiacosti,personaleeavanzamentodel progetto; G creazionediunarchivioconladocumentazionediprogetto; G creazionedisistemiintegratimultigprogetto. DMAIC$ $ Define Measurement Analyze Improve and Control (metodologia di Project ManagementperiprogettidiMiglioramentoContinuo). DMAICnascenelcampodell'elettronica,incuisidevonoaffrontareproblemidiqualità molto alti rispetto ad altri settori. Essendo il costo delle tecnologie molto elevato la resa è molto importante. Per aumentare la qualità dei processi è nato il 6sigma che introduce l idea del conteggio degli errori per milione e non per centinaia(3.4 errori per milione). Questo modello traccia un percorso di ottimizzazione del processo in modo da ridurre la variabilità. Non eliminarla, Ridurla Essa si può solocomprimere (misura di un oggetto, lo si misura più volte e prendo come valore il valor medio perchéc èsempreunacertavariabilità). Nel contesto 6sigma, vi è il percorso DMAIC, che impartisce una cadenza molto accuratasullefasidilavorodaeseguireduranteunprogettodic.i.;èunasortadiguida alle azioni da eseguire. Dopo ogni fase viene effettuato un controllo, è VIETATO$ sovrapporre$ le$ fasi, esse sono sequenziali. I progetti sono finalizzati a evitare di prendere la strada sbagliata. Nel C.I. ci si imbatte spesso nei problemi a matrioska,

6 doveoccorreanalizzarelasituazioneeattaccarelacausaradice.èmoltopiùdifficile trovareilproblemavero,lacausaprincipalema,unavoltatrovata,cisipuòappoggiare a specialisti. Non è funzionale provare a risolvere i problemi per tentativi. Occorre ordine, struttura, un metodo rigoroso per affrontare i problemi e una rigida conoscenzamatematicogstatisticainquantoquest ultimaaiutanellagestionedigrandi quantitàdidatieadindividuarelacausaprima. Gli sponsor sono coloro che decidono di lanciare progetti all'interno degli aziende. Fornita una direzione dagli sponsor e dalla Direzione ci si muove per raggiungere gli obiettivi. Il numero di progetti presentati in un'azienda può essere molto elevato, ma potrebberononesserciabbastanzarisorsepertutti:ilproblemafondamentalenonè tanto procurarsi le risorse, ma usare al meglio quelle di cui si dispone. L uso del registro( progetti aiuta a migliorare l efficacia del management, fornisce informazioni sulle risorse disponibili e permette di gestire i progetti per priorità. Le informazioni contenutenelregistroprogettisono: G codiceidentificativo; G responsabile(pm)e%ditempodedicataalprogetto; G committente(clienteosponsor); G budgetiniziale(valoredelcontrattooinvestimentorichiesto); G budgetaggiornato; G risultatoatteso; G investimentoinrisorsecritiche(giorniuomo); G datediinizioefine; G eventualirischi(penali,perditadiquotedimercato,vantaggipericoncorrenti).

7 AdognipassaggiocisonoleGate$ review:sonomomentidivalidazioneilcuiscopoè assicurareilcorrettosvolgimentodelprogettoel eventualeinterruzionedellostesso nelcasoincuigliobiettividiventinoirraggiungibiliononpiùutili. Il rispetto del modello assicura un alto grado di efficienza del team, aumenta le probabilità di conseguire risultati efficaci e durevoli e consente di ridurre i tempi di svolgimentodelprogetto.lastandardizzazionedelladocumentazionepermetteatutte lepersoneeducateall utilizzodeldmaicdiconsultarla. 1)$Define$ Fase che serve per condividere l impostazione del progetto fra lo sponsor e il team. Consiste nell individuare il problema, descrivere le opportunità di miglioramento e stabilireobiettivi. Precisalacomposizionedelteam,definisceilpianopreliminaredelleattività,ladatadi effettuazione delle gate reviews e la data di chiusura del progetto. Gli strumenti utilizzatipermettonodiottenereunadescrizioneefficacedelprocessonelcuiambito verràsvoltoilprogetto. Sipartesentendolavocedelcliente,cercandodicapiredaluiilproblemaedalìsi iniziaastendereunproject$charterchevaconsegnataalpm. Il documento( di( avvio (Project$ Chartero Project Brief) contiene una indicazione di massima di cosa il progetto dovrà produrre, della strategia per produrlo e delle responsabilità connesse. Costituisce in tal senso la base per l accordo tra Sponsor e ProjectManagerincaricato.IldocumentovieneredattoacuradelloSponsoroppure dal Project Manager in base ad informazioni fornite dallo Sponsor. Per progetti di dimensioni ridotte il documento sarà snello e con poche informazioni per ciascuna sezioneprevista.progettipiùgrandiodiimpattoaziendalemaggiorerichiederannoun maggiordettaglioinmododafacilitareledecisionidaprendere.

8 In un primo momento il documento può essere poco dettagliato e comunicato informalmente.mascopodellafasediavvioèperfezionareildocumentocontuttele informazionidisponibili,inparticolarequelleprovenientidaprogettisimilarisvoltiin precedenza. Ciò avverrà attraverso momenti di incontro e di analisi finalizzati a garantireilcommitmentdelleparticoinvolte. Ilcompletamentodellevariesezionideldocumentoconsentiràdigarantirecheogni aspetto del progetto è stato valutato, ferma restando la necessità di una verifica successivadasvolgersinellafasedipianificazionedovepotràesseresvoltaunaanalisi inbaseadinformazionididettaglio. Contenuti L articolazionedeicontenutidipenderàdallespecificitàdell aziendaedelprogetto.in terminigeneralipotràaverelaseguentestruttura: Obiettividelprogetto; Ambito di applicazione (ciò che è compreso nel progetto e ciò che non è compreso); Deliverablesattesi; Beneficiinterminidibusinesssiaperilfornitorecheperilcommittente; Ipotesisullemodalitàdirealizzazione; Vincoli; Rischi; Altreareediattivitàinteressate; Dipendenzedaaltriprogetti,iniziative,attività; Stakeholdersindividuati; Risorsecoinvolte; Stimepreliminaririguardotempiecosti(sedisponibili). LostessoPMdefiniscelaSIPOC,ovverochiarisceilperimetrodiazionedelprogetto. Viene poi fatta la STAKEHOLDERS$ ANALYSIS, fondamentale in quanto non posso prescinderedaiportatoridiinteresseedailorobisogni.ilpiano$di$comunicazione aggiorna i portatori d'interesse, in modo che la soluzione che si elabora nonvada in conflittoconilorobisogni. LafasediDesignèconclusaquando: G èstatoselezionatounteamdimiglioramento; G laprojectcharterèstatacompilatainmodochiaroediscussaconilteam; G sonostatiidentificatiglistakeholderselemodalitàdiaggiornamento; G èstatostesounpianodiprogettogeneralestabilendoledatedicontrolloe alcunidettaglidellafasedimeasure. $ $ 2)$Measure$$ Quantificazione del problema, del gap da colmare, rilevazione dei dati. Questa fase deve portare il Team alla comprensione del processo e delle sue prestazioni attuali (analisidelley). LaVALUE$STREAM$MAP(mappaflussodelvalore)èinternazionaleedescriveinmodo dettagliato l'andamento del progetto; per ogni fase vengono raccolti i dati per analizzare il problema. Non solo il movimento di materiali, ma anche l'innesco di

9 questomovimento.rappresentolasituazionedelmomento,raccolgodatieguardole statistichepercontrollaresesonobuoni.occorreprestareattenzioneall attendibilità delleinformazioni. GAGE$R&R:verificalabontàdelsistemadimisura.Sieffettuanopiùciclidimisureper rilevare statisticamente i contributi di errore dello strumento o del misuratore; con questi dati si compongono 6 grafici che misurano l'errore. Le informazioni vengono raggruppate in un FOGLIO$ DI$ RACCOLTA$ DATI. Con le CARTE$ di$ CONTROLLO$ STATISTICO verifico se la variabilità è naturale o meno; nel primo caso rappresento una gaussiana se invece esco da +/G 3sigma ci sono casi straordinari di cui rilevo la causaelaelimino.attraversoillivellosigmacontrolloseidatisonodescrittidauna curvadigauss.possopassareallafasesuccessivasolose: G ÈstatasviluppataunamappadelsottoGprocessoinesameesonostatecollegati adessalevariabilichiavediinputeoutput; G Sonostatiraccoltidatisufficientipermisurarelostatoinizialedelleprestazioni delprocessoesonostateusatecartedicontrolloperdeterminarnelastabilità eisolarelavariazionepercausespeciali; G Èstatamisuratalacapacitàdiprocesso; G ÈstataeventualmenteaggiornatalaProjectCharter; G Sono stati identificati Miglioramenti Rapidi o possibili progetti Kaizen (la metodologia Kaizen è incentrata sul miglioramento continuo e incrementale svoltoquotidianamente). 3)$Analyse$ Fase in cui avviene la certificazione del perché le prestazioni del processo non sono ritenutesoddisfacenti.inquestafasesivannoadindagarequellechesichiamanolex del processo, ovvero le cause che generano problematiche nei processi, le quali si ripercuotono sule Y, ovvero gli output del processo. Queste Y sono funzioni di una o piùx,siadelprocessochedell'input: Y=f(Xp1,...,Xpn,Xi1...,Xin) Come detto, le X sono le misure di tutte le variabili interne al processo (qualità di servizio, qualità della materia prima); nella fase di Analyse si cerca di trovare quella funzionematematicachelegatalivariabiliaglioutput. Se, ad esempio, al variare di una certa X1 ho un'influenza sul risultato fornito dalla relativa Y, questa X1 é considerata una causa dell'andamento delle prestazioni dell'output. Quantificando la relazione, ho trovato "il colpevole" reale della prestazionediy. TutteleXsonoimputateadunprocesso,mainnocentifinoaprovacontraria(sidice chetuttelevariabilixsonocause(potenziali).quandotrovounlegamematematicotra X e Y, le prime diventano cause( radice. Alcune x possono essere risolte durante il progetto,perchésemplicidarisolvereancheduranteilprocessodianalyze.allafinedi questafasedevo:

10 1. avere risolto tutti i problemi semplici e aver implementato dei miglioramenti rapidi; 2. averpriorizzatolex,quantificatolaloroincidenzasulleyinmododapotermi concentrareinprimissullepiùinfluenti; 3. averaggiornatolaprojectcharter,dovenecessario. 4)$Improve( In questa fase l'obiettivo del team del progetto è quello di trovare soluzioni che risolvanoiproblemidellex.inquestomodosivuolemigliorareglioutputfornitidalle Y. Inprimoluogosigeneranosoluzioniinnovative,seguendoilmodello(LEAN(modellodi riferimento per la gestione del processo). Seguono questo modello le seguenti tipologiedisoluzione:( si parla di semplificazione e di mappatura del processo quando si cercano soluzionicheelimininoomigliorinoleattivitàchenonproduconovaloreoche sonosvolteinmodoerrato; si può cercare di recuperare, nel caso esempio di un'impresa che lavoro per attività sequenziali, il bilanciamento dei tempi di esecuzione, in modo da eliminareleattesemultiple(chepossonosommarsiavarilivellieprodurreun dannosoeffettoacascata); sipuòricorrereasoluzionipoka(yoke,aprovadierroreecheneimpediscono lagenerazione; c'è poi il modello di soluzione 5S. E' il modello da utilizzare per fare ordine e pulizia: 1)eliminareilSuperfluo; 2)Sistemarelecosecheservono; 3)Spazzareelucidare(tenerepulito,perevitarechesi ripresentinoproblemi); 4)SistematizzareoStandardizzare; 5)Sostenereodiffondere. lavora;sonoitempidiadattamentoallaproduzionediprodottidiversi.sesono alti,cisonocostipiùaltiperl'azienda.inrealtà,lamacchinaèpermeuncosto siaquandolavorachequandononlofa.ilpuntoèchenelprimocasoessasta generandovalore,quindiquandovenderòilmioprodottosulmercatomiverrà

11 riconosciutadalclientetalegenerazioneeverròremuneratoincambiodelmio prodotto; i tempi di setgup sono per me solo un costo, che non posso recuperare in alcun modo. Se ho alti tempi di setgup sono costretto ad accettare solo commesse grandi, ma rischio di perdere clienti. A volte aumentanopiùperlapreparazionecheperilsetgup.riducendoitempidisetg uppossoaccettareordinipiùpiccoliequindihopiùflessibilità; Layout(a(celle:ripensamentodellelineediprodotto.Damacchinariseparatiper tipo(sigeneraunflussocomplessotraivarireparti),allacreazionedellelinee dilavorazioniperprodotto(celledilavorazione):riducoitempidiproduzionee eliminoglispostamentidimateriali.anchel'identificazionedeiproblemiépiù immediata,trovoprimalamacchinachenonhalavoratobene. Ora, individuate le soluzioni ai problemi del mio processo, devo scegliere come implementarle.sarebbebello,maspessoèimpossibileimplementaretuttelesoluzioni pensate.questisonoalcunideglistrumentichepossoutilizzare: Matrice(di(selezione:inunatabellainseriscotuttelemievariabiliproblematiche X e le soluzioni che ho ideato. Quelle che implementerò saranno quelle che, agendo su un maggior numero o in maniera migliore sulle variabili, generano unpiùconsistentemiglioramentonell'outputy. DOE((Design(Of(Experiments):seiovogliotrovarelecondizioniidealidilavoro di un impianto, devo prima capire quali sono quelle essenziali, che condizionanoinmanierapiùforteilrisultatofinale.peridentificarequeste,ho 2possibilità:( o faccio tante prove, cambiando una variabile alla volta, cercando la condizionedilavoroottimale; o applico il DOE: questo strumento di calcolo mi aiuta a progettare gli esperimenti, facendone una pianificazione a priori. Identificate le variabili di controllo, in funzione del numero di queste e dell' investimentofatto,ildoestabilisceilnumeroeiltipodiprovedafare sull'impianto. Una volta identificate le variabili da modificare obbligatoriamente,lealtrerisultanolibereequindilepossomodificare puntandoalminorcosto; analisi(dei(rischi:valutoirischidierroreattraversounaproceduradenominata FMEA(Failure Mode & Effects Analysis, analisi delle modalità di guasto e dei loroeffetti);( piano(di(implementazione:(inquesto(sidefinisconoancoraunavoltaqualisono lesoluzionidaimplementare,incheordinequestevadanoattuateesiindicail temponecessariopereseguirle.( Bene,trovatelesoluzionieindividuatalamanierapiùopportunaperimplementarle, devofareunoopiùtest(pilota:ènecessarioprocederecondeitestpervalutaresele

12 soluzionifunzionano,magarisoloinunramodell'azienda.cosìfacendopossodecidere di "raffinare" le soluzioni, migliorarle, cambiarle. Dopo aver fatto tutte le prove del caso, quando ho in mano un piano robusto, decido quali soluzioni implementare, chiedo il permesso di agire allo Sponsor del progetto nella Gate review e inizio ad attuarle. Sipassacosìallafasedicontrol. 5)$Control$ Fasedipassaggiodiconsegne.Vienefornitalanuovadocumentazionedelleprocedure all'operatore;eventualmentevieneerogatoilnecessarioaddestramento,inquantosto cambiando il modo di lavorare degli operatori. Gli incaricati di questo procedimento sonoicomponentidelteamdimiglioramento,lostessochehatrovatolesoluzionieha decisodicambiare. Devopoidefinireunpiano(di(controllo:( Dalladifettositàiniziale,ilcuivaloremedioeraelevato(rigaarancioasinistra),hosono passatoadunlivellodidifettositàconunvaloremedioridotto(rigaarancioadestra). Tuttavia è necessario, per un certo periodo, che il team che ha lavorato al progetto monitori costantemente i risultati effettivi delle prestazioni dopo il cambiamento. Se inavvertitamente si oltrepassino i nuovi limiti statistici, è necessario intervenire per evitareditornareallasituazionedidifettositàprecedente. Solo dopo aver correttamente addestrato gli operatori e aver verificato che se la cavinoinautonomia,ilteamsmetteufficialmentedilavoraresualprogettoeavviene ilpassaggiodelleconsegnealprocess(holder. A questo punto avviene l'archiviazione del( progetto: abbiamo indagato, analizzato sistematicamente un determinato processo aziendale, abbiamo accumulato una conoscenza grande su di esso e questo know how deve essere disponibile a tutta l'azienda,perchépotrebbeessereutileinfuturo. (

13 Ultimogatereview:sivadallosponsoresipresentanoirisultatidelprogetto.Alivello dibudget,sistanziaunasommacomepremioperilteam.

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Informazioni contenute nel registro progetti: codice identificativo del progetto responsabile (project manager) e % di tempo dedicata al progetto

Informazioni contenute nel registro progetti: codice identificativo del progetto responsabile (project manager) e % di tempo dedicata al progetto BIBLIOGRAFIA G. Spina, La gestione dell impresa, Etas Daft, Organizzazione Aziendale, Apogeo, 2001 Grandori, L organizzazione delle attività economiche, Il Mulino, 1995 Mintzberg, La progettazione dell

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

DoE - Design of Experiment

DoE - Design of Experiment 3 Tecniche di DoE DoE - Design of Experiment Sequenza di Prove Sperimentali da Effettuare per Studiare e Ottimizzare un Processo Un esperimento programmato è una prova o una serie di prove in cui vengono

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi Mario Vianello Politecnico di Torino - Ingegneria dell Autoveicolo Incontro su SEI SIGMA SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi 1 Il Sei Sigma, è senz

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Catalogo Humanform 2013. Lean Six Sigma

Catalogo Humanform 2013. Lean Six Sigma Catalogo Humanform 2013 Lean Six Sigma PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è certificata UNI EN ISO

Dettagli

LA MESSA IN EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZION E CON IL METODO DELL ANALISI PER ATTIVITA

LA MESSA IN EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZION E CON IL METODO DELL ANALISI PER ATTIVITA LA MESSA IN EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZION E CON IL METODO DELL ANALISI PER ATTIVITA 1 Contenuti L azienda snella e la lean organization Cosa è l analisi per attività 2 Lean organization Per Lean organization

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing Il miglioramento in AVIO Il sei sigma e il lean manufacturing 1 Contenuti Introduzione ad AVIO S.p.A. La decisione di avviare il programma Il programma Cartesio Plus Lean Sei Sigma Alcuni esempi Conclusioni

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

L approccio Festo Consulenza e Formazione

L approccio Festo Consulenza e Formazione L approccio Festo Consulenza e Formazione Festo Consulenza e Formazione opera con un approccio integrato, attraverso un Customer Team che integra le competenze nei diversi ambiti aziendali (Operations,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Controllo di gestione con Mago.NET

Controllo di gestione con Mago.NET logikasoftware.it Controllo di gestione con Mago.NET Una mattinata di formazione per scoprire come monitorare perfettamente la tua azienda attraverso i nuovi moduli di Mago.NET. Imparerai quali sono i

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Qualità/dei/ processi/e/analisi/ dei/sistemi/di/ misura/

Qualità/dei/ processi/e/analisi/ dei/sistemi/di/ misura/ / easypoli Qualità/dei/ processi/e/analisi/ dei/sistemi/di/ misura/ / / Strumentiemetodologiefunzionali almiglioramentocontinuo www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Capitolo(1(*(Misurare(la(qualità(dei(processi(

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo Progetto software 2008/2009 Docente Marianna Nicolosi Asmundo Obiettivi del corso Coinvolgervi nello sviluppo di un progetto software in cui mettere a frutto le conoscenze che avete acquisito durante i

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Le origini di Lean Six Sigma

Le origini di Lean Six Sigma 1 Le origini di Lean Six Sigma Le origini di Lean e Six Sigma risalgono agli anni 80 (e più indietro) Lean emerse come metodo per ottimizzare la produzione di automobili Venne sviluppato nei primi anni

Dettagli

Fasi di un progetto SIX SIGMA (DMAIC)

Fasi di un progetto SIX SIGMA (DMAIC) PREMESSA Come noto un progetto SIX SIGMA si articola in cinque fasi diverse, che abitualmente sono in sequenza ma che talvolta possono anche essere temporalmente in parte sovrapposte : DEFINIZIONE MISURA

Dettagli

Diventare GREEN BELT

Diventare GREEN BELT La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Diventare GREEN BELT Accrescere le proprie potenzialità nel mondo del lavoro Percorso di Formazione e Certificazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Premio Manager per la Qualità

Premio Manager per la Qualità Premio Manager per la Qualità Dal primo progetto Sei Sigma al "Miglioramento Continuo di oggi" Quality Plant Manager Stabilimento Ciriè (TO) P. Colosimo Informazioni generali sito produttivo Ciriè (TO)

Dettagli

05/03/07 Anna Maria Baratta. Lavorare per progetti

05/03/07 Anna Maria Baratta. Lavorare per progetti 05/03/07 Anna Maria Baratta Lavorare per progetti Cosa e` un Progetto Un progetto e` una serie di attività temporanee e mirate alla creazione un nuovo unico prodotto/servizio. (Project Management Institute

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Unità Formativa 13.1: Principi per la costruzione e l implementazione del budget

Unità Formativa 13.1: Principi per la costruzione e l implementazione del budget Unità Formativa 13.1: Principi per la costruzione e l implementazione del budget La Commissione UE, nel varare il Lifelong Learning Programme, ha stabilito anche una serie di disposizioni finanziarie generali

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Presentiamo una soluzione totalmente diversa da altre offerte sul mercato. Un vero e proprio strumento operativo capace di far ridurre in modo

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

METODI E STRUMENTI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLA QUALITÀ NELL EROGAZIONE DI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ: IL CASO METRONAPOLI

METODI E STRUMENTI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLA QUALITÀ NELL EROGAZIONE DI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ: IL CASO METRONAPOLI Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Abstract di tesi di laurea in GESTIONE AZIENDALE METODI E STRUMENTI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO

Dettagli

Il Sistema di Gestione per la Qualità nelle RSA. Principi metodologici della consulenza

Il Sistema di Gestione per la Qualità nelle RSA. Principi metodologici della consulenza Via M.G. Terruzzi n. 44 20050 Sovico (MI) tel. 0392010901 cell. 3938805260 fax 02700430740 E-mail micronbeta@lombardiacom.it Il Sistema di Gestione per la Qualità nelle RSA Implementazione del Sistema

Dettagli

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10 Piano di valutazione Horsa Anno 2013 Sommario Perché Horsa introduce un Piano di Valutazione... 3 I destinatari del Piano di Valutazione... 4 I criteri di acquisizione dei Punti... 4 Costi standard di

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO

LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA IN AZIENDA: OPPORTUNITA E STRATEGIE DI SVILUPPO 8 Marzo 2001 SEMINARIO TESTIMONI DI IMPRESA MARCO CAVALCA Executive Summary Introduzione La qualità in azienda (basic( quality

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

VENDITORI CHE TELEFONANO BENE

VENDITORI CHE TELEFONANO BENE Miniguida Vendite Business VENDITORI CHE TELEFONANO BENE Dieci comportamenti e tecniche che incidono in modo diretto sui risultati di una attività di contatto della clientela attraverso mezzi «remoti»

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo 21 Capitolo II Il budget 1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo Il budget - e' un programma delle operazioni di gestione da compiere in un anno, finalizzato

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 3 I PRINCIPI DEL PROJECT MANAGEMENT

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo UNIVERSITA DI PISA Università di Pisa Miglioramento continuo e Problem Solving 1 Indice Il miglioramento: i diversi approcci

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI NOVAFRIGOR

CARTA DEI SERVIZI NOVAFRIGOR CARTA DEI SERVIZI NOVAFRIGOR Che cos è la Carta dei Servizi? Perché sentiamo il bisogno di questo strumento? Natura e finalità della Carta dei Servizi La Carta dei Servizi rappresenta uno strumento di

Dettagli

I "Rischi" in ISO 9001:2015

I Rischi in ISO 9001:2015 I "Rischi" in ISO 9001:2015 1. Obiettivo di questo documento: - spiegare come il rischio è individuato nella ISO 9001 - spiegare quello che si è voluto dire attraverso il termine 'opportunità' in ISO 9001

Dettagli

INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE

INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE Sezione Informatica Sezione Informatica INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE Sestri Levante 10-11 Aprile 2014 SEDE DEL CONVEGNO FONDAZIONE MEDIATERRANEO Introduzione al convegno Paolo Paris Delegato

Dettagli

Project management Che cos è un progetto?

Project management Che cos è un progetto? Project management Che cos è un progetto? I progetti mirano a risolvere problemi, o a cogliere opportunità, in un tempo determinato e abbisognano di risorse qualificate, soprattutto part time. 2 Il progetto

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA CORSO DI FORMAZIONE PER GREEN BELT I Green Belt sono una figura importantissima nell implementazione della Lean Six Sigma: essi ricoprono il ruolo, part time, di Project Leader dei progetti di miglioramento

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANEVA DIPARTIMENTO AREA MATEMATICA-SCIENZE-TECNOLOGIA Scuola Primaria di SARONE. Il Supermercato a scuola

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANEVA DIPARTIMENTO AREA MATEMATICA-SCIENZE-TECNOLOGIA Scuola Primaria di SARONE. Il Supermercato a scuola ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANEVA DIPARTIMENTO AREA MATEMATICA-SCIENZE-TECNOLOGIA Scuola Primaria di SARONE Il Supermercato a scuola C osa? C ome? Q uando? P erché? Abbiamo scelto di creare a scuola un angolo

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Gestione della tesoreria web based

Gestione della tesoreria web based Gestione della tesoreria web based La soluzione tecnologicamente più avanzata per gestire la tesoreria. The Transparent Box Gestisci > Controlla > Pianifica The Transparent Box: condividere le informazioni

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli