Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG"

Transcript

1 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG

2 Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Per utilizzare o riprodurre foto prive di copyright dell Unione europea, l autorizzazione deve essere richiesta direttamente al detentore del copyright. Foto di copertina: 1, 2: Unione europea; 3: 123RF Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea Numero verde unico (*) (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l accesso ai numeri o non ne accettano la gratuità. Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu). Una scheda catalografica, con un sommario, figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea, 2012 ISBN doi: /50518 Unione europea, 2012 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte.

3 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari sociali e l inclusione Unità C.2 Manoscritto terminato nell ottobre 2011

4

5 Premessa Dal 2007, il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione dimostra la solidarietà dell Unione europea nei confronti dei lavoratori che hanno perso il lavoro a causa dei grandi mutamenti strutturali nel commercio mondiale derivanti dalla globalizzazione. Dal 2009, la sfera d azione del FEG è stata ampliata al fine di coprire la stessa tipologia di situazioni, ma causate direttamente dalla crisi economica e finanziaria mondiale. Il FEG sostiene gli Stati membri nei loro tentativi di affrontare rapidamente le ripercussioni negative a breve termine della globalizzazione, in particolare sull occupazione dei lavoratori più vulnerabili e meno qualificati. Durante la breve storia del Fondo sono state ricevute 78 domande di contributo da parte di 19 Stati dell Unione europea (UE), che hanno comportato lo stanziamento di 357,6 milioni di euro in contributi finanziari. Tuttavia, l elemento di maggior rilievo è rappresentato dai lavoratori che hanno ricevuto sostegno tramite la solidarietà europea espressa dal FEG. Le sette storie presentate in questa pubblicazione illustrano il potenziale del FEG nel contribuire al reinserimento professionale di coloro che hanno perso il proprio posto di lavoro. Il reinserimento professionale di lavoratori in aree, settori, territori o mercati del lavoro attraversati da gravi perturbazioni economiche non è impresa semplice. Il finanziamento europeo completa, integra o proroga le misure nazionali già a disposizione dei lavoratori in esubero, aumentando le loro opportunità di trovare lavoro in circostanze talvolta piuttosto difficili. L esperienza ha dimostrato che il FEG sostiene principalmente i gruppi di lavoratori meno qualificati e ai quali è più difficile prestare aiuto. Li ha aiutati, in particolare, a sviluppare la propria fiducia e autostima, a rinnovare e migliorare le abilità nella ricerca di lavoro e nell aggiornare le proprie capacità e impiegabilità. Il sostegno del FEG ha migliorato notevolmente le possibilità dei lavoratori assistiti di trovare un nuovo lavoro: più del 40 % dei lavoratori che hanno ricevuto aiuto ha trovato un nuovo lavoro subito dopo aver partecipato alle misure FEG. È auspicabile che il FEG continui a dimostrare la solidarietà europea nei confronti dei lavoratori durante il prossimo periodo di programmazione ( ). A tal fine, la Commissione europea ha presentato una proposta per un nuovo FEG affinché prosegua l attuale lavoro, permettendo al tempo stesso anche ai lavoratori temporanei e interinali, lavoratori autonomi e direttori-proprietari di microimprese, compresi gli agricoltori, di usufruire di tale sostegno. László Andor Commissario europeo per l Occupazione, gli affari sociali e l integrazione Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 3

6

7 Indice Premessa 3 Introduzione 7 Nokia, Germania 8 Intervista Thomas Eming 10 Industria automobilistica, Castilla y León e Aragona, Spagna 12 Intervista Alberto Cascán Pardo 13 Intervista María Jesús Sain Ruiz 15 Perlos, Finlandia 16 Intervista Mika Juvonen 17 Alytaus Tekstile, Lituania 20 Intervista Gerimantas Žukauskas 21 Nord-Centro, Portogallo 22 Intervista Vitor Macedo 24 Intervista Mafalda Ferreira 26 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 5

8

9 Introduzione L economia mondiale può riservare sorprese come l improvvisa chiusura di stabilimenti oppure il rapido declino d interi settori. Di conseguenza, i governi nazionali si trovano a fronteggiare ampi gruppi di lavoratori il cui lavoro è improvvisamente scomparso. Le normali misure del mercato del lavoro possono non essere sufficienti per affrontare le conseguenze che tali eventi possono creare in una singola regione o settore industriale. Al fine di evitare disastrose conseguenze a livello umano ed economico, un aiuto rapido ed efficace è di vitale importanza. L UE ha pertanto istituito il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) per aiutare i lavoratori che hanno perso il lavoro a causa della globalizzazione e della crisi economica e finanziaria mondiale a trovare una nuova occupazione il prima possibile. Il FEG cofinanzia misure fino a 24 mesi, tra cui assistenza nella ricerca di un impiego, orientamento professionale, riqualificazione, certificazione dell esperienza e aiuto alle attività professionali autonome. Contribuisce altresì a finanziare misure di durata limitata, quali le indennità di mobilità e per la ricerca di lavoro oppure le indennità per chi partecipa ad attività di formazione e di apprendimento. Tali servizi sono resi disponibili ai lavoratori coinvolti il più velocemente possibile dopo il licenziamento, mentre lo Stato membro prepara la domanda per il finanziamento FEG. Lo Stato membro deve dimostrare che esiste un significativo numero di esuberi causati da profondi mutamenti nel commercio mondiale o dalla crisi economica e finanziaria. Si spiegheranno le motivazioni dell assistenza e come sarà impiegata, dimostrando l impatto degli esuberi sulla regione coinvolta e il modo in cui il finanziamento FEG aiuterà i lavoratori a trovare un nuovo impiego nello stesso settore oppure in nuovi settori potenzialmente promettenti. In seguito, lo Stato membro presenta la domanda alla Commissione europea, che la valuta prima di proporre un contributo al Parlamento europeo e al Consiglio. Dopo aver ottenuto l approvazione, il FEG può cofinanziare i servizi pertinenti, compresi i servizi già forniti prima della presentazione della domanda. Per poter usufruire dei servizi finanziati dal FEG, i lavoratori devono aver perso il proprio lavoro in seguito a un esubero di 500 o più dipendenti all interno di una singola azienda e dei suoi fornitori nell arco di quattro mesi. Ne possono usufruire anche i lavoratori direttamente colpiti dagli esuberi di almeno 500 dipendenti nello stesso settore in una regione o in due regioni contigue nell arco di nove mesi. Durante la fase iniziale, il principale obiettivo del FEG era di riconciliare gli effetti positivi a lungo termine del libero scambio sulla crescita e l occupazione con le conseguenze negative a breve termine che possono derivare dalla globalizzazione, ripercuotendosi in particolare sui lavoratori vulnerabili e scarsamente qualificati. L azione del FEG non deve essere vista unicamente come misura di emergenza, bensì anche come misura che può comportare effetti positivi a lungo termine. Ad esempio, contribuendo alla riqualificazione dei lavoratori in nuove attività o competenze, può permettere all occupazione fondata sulla conoscenza di sostituire industrie che sono state chiuse, migliorando in tal modo le economie regionali. Questo opuscolo contiene dettagli relativi all impatto di azioni concrete del FEG in cinque Stati membri UE (Germania, Spagna, Finlandia, Lituania e Portogallo) sotto forma di informazioni di carattere generale sulle circostanze relative alle azioni specifiche. Per ciascun caso, le informazioni generali sono accompagnate dalle storie personali di singoli lavoratori che, essendo in esubero, hanno beneficiato del sostegno del FEG, oppure di persone coinvolte nell attuazione delle misure. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 7

10 Informazioni generali Nokia, Germania La Germania ha presentato domanda per il finanziamento FEG a febbraio 2009 in seguito alla perdita di posti di lavoro presso la stabilimento Nokia a Bochum (Renania settentrionale-vestfalia) durante il periodo luglio-novembre Domina la tendenza generale tra i produttori di apparecchi di telefonia mobile a ricollocare la produzione in mercati caratterizzati da alti livelli di crescita nella domanda di telefoni cellulari. I paesi a basso costo della manodopera nella regione Asia-Pacifico esercitano una forte attrattiva per le attività di ricerca e sviluppo nell ambito della telefonia mobile. Ciononostante, gli esuberi a Bochum sono stati inaspettati. Le informazioni fornite da Nokia sembravano indicare che la capacità a Bochum sarebbe stata mantenuta, in particolare perché le attività avevano registrato un guadagno nel Inoltre, il land della Renania settentrionale-vestfalia aveva fornito un notevole sostegno finanziario allo stabilimento. Gli esuberi rientravano nella sfera di responsabilità degli uffici per l impiego locali a Bochum, Gelsenkirchen, Recklinghausen e Dortmund. Tutti questi tendono ad avere un tasso di disoccupazione significativamente superiore rispetto ad altre zone della Renania settentrionale-vestfalia o della Germania. 8 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

11 A causa della crisi economica e finanziaria, la situazione occupazionale nelle aree coinvolte sembra essere vulnerabile. Questa situazione è dovuta, in particolare, all importanza delle industrie automobilistiche e siderurgiche a Dortmund, alla transizione dal settore minerario ad altri settori a Gelsenkirchen, alla dipendenza dalla produzione di materiali sintetici per il settore automobilistico a Recklinghausen. Il finanziamento delle misure nell ambito del FEG è avvenuto da agosto 2008 a febbraio 2010, coinvolgendo lavoratori, e il ministero federale tedesco per il Lavoro e gli affari sociali ha provveduto al prefinanziamento delle misure finché non sono stati ricevuti i fondi FEG. Le misure comprendevano indennità a breve termine, formazione per qualifiche specifiche e di base tra cui formazione di gruppo, creazione di gruppi di sostegno reciproco, sostegno all imprenditorialità, domande di lavoro internazionali e tutoraggio durante le prime fasi dell impiego. La formazione fornita era orientata verso qualifiche per cui era presente domanda e integrava la formazione già fornita dal Fondo sociale europeo. I corsi comprendevano un seminario sulle tecniche di apprendimento che contribuivano a motivare i partecipanti a proseguire la formazione. I finanziamenti FEG hanno anche contribuito a ridurre di un quinto il rapporto tra consulente e persona alla ricerca di impiego, garantendo una consulenza più adeguata alle esigenze personali, assegnando ai lavoratori tutor adatti alle loro necessità. Dei lavoratori che hanno partecipato alle misure cofinanziate dal FEG, 385 (29,5 %) hanno trovato un nuovo impiego quattro settimane dopo la fine del periodo di attuazione. Di questi, 36 erano lavoratori autonomi. Altri 121 (9,3 %) erano impegnati nell apprendimento o formazione e i restanti erano disoccupati (737 o 56,5 %) o inattivi per varie ragioni personali (62 o 4,8 %). Sei mesi dopo la fine del periodo di attuazione, altre 42 persone precedentemente disoccupate hanno trovato un nuovo impiego, facendo salire il numero di lavoratori professionalmente reinseriti a 427. Il tasso di reinserimento era ulteriormente aumentato un paio di mesi dopo, dimostrando che il sostegno cofinanziato dal FEG può avere un impatto positivo anche a più lungo termine. Uno studio condotto dall università di Duisburg/Assia ha dimostrato che le società di trasferimento che aiutano i disoccupati a trovare potenziali datori di lavoro, come quella che ha sostenuto e aiutato gli ex dipendenti Nokia, sono efficaci nell incoraggiare i partecipanti a cercare lavoro attivamente. Ha dimostrato che, in media, le persone che hanno usufruito di tali enti hanno dedicato 33,6 ore a settimana alla formazione e alla ricerca di un impiego, una quantità di tempo superiore alle aspettative. I risultati dell azione mostrano una carenza di entusiasmo per la mobilità geografica, specialmente tra persone con un grado di istruzione inferiore. Tale atteggiamento era legato a vincoli familiari, paura di iniziare nuovamente in un altro luogo e il gruppo di età superiore di molti lavoratori coinvolti. In tale contesto, si è riscontrato che l efficacia del FEG era direttamente collegata alle condizioni economiche predominanti e alla capacità di assorbimento del mercato del lavoro locale. Infine, l esperienza ha fornito terreno fertile all iniziativa artistica, in quanto un regista teatrale ha realizzato un opera ispirata alle storie dei lavoratori e alla loro determinazione. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 9

12 Intervista Intervista Thomas Eming In seguito a una formazione tecnica e all esperienza nell ingegneria elettrica e di sistema, Thomas Eming ha lavorato per Nokia a Bochum per oltre un decennio. Quando Nokia ha deciso di chiudere lo stabilimento di Bochum, Thomas è stato licenziato. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei e sulla sua famiglia? In quel periodo ero in congedo parentale, quindi non ero al corrente di cosa stesse succedendo. Dovevo rientrare al lavoro quando si è diffusa la notizia che la fabbrica avrebbe chiuso. Contavo sullo stipendio. Quando hai un impiego stabile in un azienda non pensi che lo perderai. Pensavo che al termine del congedo parentale avrei semplicemente continuato a lavorare. Inoltre, avevamo appena acquistato una casa, quindi è stato un duro colpo. Come ha cercato un altro lavoro? Siamo stati tutti indirizzati a una società di trasferimento ed io ero preoccupato per il mio avvenire. Vista la mia età, pensavo che potesse essere difficile trovare un altro lavoro, così ho deciso di avviare un attività autonoma. Ho seguito un corso in commercio e consulenza energetica. Sono necessarie conoscenze commerciali per avviare un attività e la mia idea era di diventare consulente energetico nel settore immobiliare. 10 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

13 Intervista L attività di lavoro autonomo si è rivelata proficua? La formazione è stata piuttosto lunga e diversa dalle aspettative, tuttavia l efficienza energetica è importante per il futuro. I primi mesi non ho guadagnato nulla perché dovevo imparare molto. Ora procede bene. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? Ho partecipato a incontri e corsi di formazione settimanali su come presentare domanda di lavoro. È stata una buona esperienza e mi sono sentito adeguatamente sostenuto dalla società di trasferimento. Ci hanno offerto molte opportunità, ma io avevo un obiettivo preciso. Perciò, ho sfruttato le opportunità in maniera diversa rispetto agli altri. Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Inizialmente no. Dopo essere entrato nella società di trasferimento, mi sono iscritto al corso e alla camera di commercio pagando di tasca mia. È costato quasi euro. Ho parlato al mio consulente e alla società di trasferimento del corso della mia idea di avviare un attività in proprio. Mi ha risposto che avrebbe presentato una richiesta di finanziamento al FEG per farmi ottenere il rimborso. È stato un buon inizio per la mia attività in quanto mi ha consentito di poter acquistare prodotti, come ad esempio un computer. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Ho la mia attività come consulente energetico per gli immobili nel settore edile. I miei clienti desiderano ristrutturare i propri edifici e io fornisco loro consulenza su aspetti energetici. Esamino l edificio, scrivo una relazione e faccio raccomandazioni per il risparmio energetico. Questo tipo di consulenza è sostenuta dalle amministrazioni federali e regionali, dunque sono presenti numerosi finanziamenti per i clienti e io ne ottengo una parte. Ha qualche consiglio per le persone che si trovano in una situazione analoga? Alle persone di una certa età, consiglio di provare ad avviare un attività in proprio e di essere indipendenti. Io dipendo da altre persone ma sono il capo di me stesso e decido quanto lavorare. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 11

14 Informazioni generali Industria automobilistica, Castilla y León e Aragona, Spagna È stata presentata una richiesta di finanziamento FEG alla Commissione europea a dicembre 2008, relativa all industria automobilistica a Castilla y León e Aragona. Si sono verificati esuberi in 12 aziende del settore in queste due regioni tra gennaio e ottobre Tali esuberi sono avvenuti sulla scia di un calo a lungo termine della quota di mercato globale dell UE nel settore dei veicoli a motore. Per l UE a 27, questa è scesa dal 28,4 % nel 2004 al 26,9 % nel Nello stesso periodo, la produzione dell UE a 27 è aumentata del 7,5 %, rispetto al 13,3 % a livello mondiale. Le importazioni UE dei veicoli a motore in generale, e delle autovetture in particolare, sono aumentate sostanzialmente tra il 2003 e il Per i veicoli a motore le importazioni sono aumentate del 45 % e le esportazioni del 31 %, mentre per le autovetture gli aumenti sono stati rispettivamente del 44 % e 22 %. Fino al 2004, la Spagna è stata un esportatore netto di autovetture e componenti per veicoli a motore. Durante quell anno è diventata un importatore netto e il deficit commerciale in questo settore è aumentato di anno in anno. Per nove delle imprese coinvolte, gli esuberi sono una conseguenza dell aumento nell UE delle importazioni di auto e relative componenti e la diminuzione nella quota di mercato UE della produzione di veicoli. Mentre le altre tre sono anche state colpite dal calo della produzione automobilistica UE, i licenziamenti sono stati causati dalla delocalizzazione della produzione in paesi extra UE. In seguito agli esuberi, il FEG ha finanziato misure occupazionali attive per 588 lavoratori di quattro delle maggiori imprese. Le misure comprendevano l orientamento, la preparazione di percorsi individuali, formazione generica e specifica, sostegno al reinserimento degli specialisti e incentivi per la ricerca di lavoro. I posti di lavoro vacanti sono stati individuati anche grazie ai contatti con molte aziende nelle due regioni. Mantenere tali contatti anche dopo il periodo di attuazione dovrebbe accrescere le prospettive a lungo termine dei lavoratori. Entro la fine del periodo di attuazione, che andava da marzo 2008 a dicembre 2009, 184 lavoratori (35,5 %) avevano trovato nuovi posti di lavoro. Tali dati dovrebbero essere letti alla luce dell elevato tasso di disoccupazione in Spagna dovuto alla crisi economica e finanziaria. Coloro che non avevano trovato lavoro, hanno in ogni caso percepito che le misure avevano aumentato la loro impiegabilità. Avevano accresciuto la loro fiducia e autostima, sviluppandone l indipendenza e hanno consentito loro di acquisire le competenze necessarie quali la capacità di individuare gli obiettivi e pianificare percorsi personali verso un nuovo lavoro. Il FEG è considerato particolarmente adeguato per aiutare lavoratori con poche opportunità di trovare nuovamente un lavoro. La durata del periodo di sostegno e il budget consentono di fornire un ampia gamma di tutoraggio, consulenza e formazione permettendo ai lavoratori di fissare i propri obiettivi e programmi di carriera. 12 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

15 Intervista Intervista Alberto Cascán Pardo La grande azienda automobilistica internazionale per la quale Alberto Cascán Pardo lavorava da quasi 17 anni ha iniziato a registrare perdite. L azienda ha optato per un ricollocamento, chiudendo gli stabilimenti nella regione e licenziando i lavoratori, compresi Alberto e la moglie. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? Dopo 17 anni nello stesso posto, ti senti a tuo agio. Ti dedichi alla vita familiare e dimentichi la formazione o la preparazione per un lavoro diverso. Quando mi sono trovato senza lavoro, mi sono sentito completamente perso e non sapevo da dove iniziare la ricerca di un nuovo lavoro. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? L impatto è stato duro in quanto mia moglie lavorava nello stesso stabilimento e anche lei è stata licenziata. Abbiamo entrambi ricevuto l indennità di disoccupazione, ma non si può vivere così per sempre. Eravamo preoccupati per il futuro e uno dei due avrebbe dovuto trovare un lavoro visto che avevamo una figlia piccola. Come ha cercato un altro lavoro? Ho iniziato immediatamente, poiché non volevo restare disoccupato più del necessario. Mia moglie non ha iniziato la ricerca subito, visto che si prendeva cura di nostra figlia. Il primo passo è stato preparare un CV, cosa che non avevo mai fatto prima. Mi sono rivolto all ufficio di collocamento, ma poiché non arrivavano offerte ho deciso che dovevo guardarmi attorno autonomamente. Ho iniziato a consegnare CV alle aziende e una ha chiamato. Ho ottenuto un lavoro, che però è durato solo sei mesi poiché la produzione è diminuita bruscamente e hanno dovuto licenziare lavoratori, tra i quali c ero anche io. Qual è stata la sua esperienza di formazione ricevuta dopo aver perso il lavoro? Senza la formazione non avrei saputo come affrontare un colloquio di lavoro. Mi hanno aiutato a preparare un CV migliore e a vedere quali punti mettere in evidenza. Abbiamo simulato dei colloqui e ho iniziato a prendere confidenza. Quando ho dovuto affrontare un vero colloquio, mi sentivo molto più sicuro. Durante la formazione pratica ho imparato a utilizzare un carrello elevatore. Non abbiamo fatto tanta pratica quanto avrei voluto, ma in ogni caso mi ha aiutato a trovare un nuovo lavoro e, dopo due anni, lavoro ancora nello stesso posto. Per quanto riguarda mia moglie, ha frequentato un corso di informatica e ha imparato a usare il computer. Sua moglie ha trovato lavoro? Sì, ma ha impiegato più tempo. Effettua sostituzioni all ufficio postale, ma è una cosa abbastanza costante. All inizio la chiamavano per alcuni giorni, poi per un mese. A diverse riprese, ha continuato a lavorare. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 13

16 Intervista Sapeva che la formazione era cofinanziata dal FEG? Ne ero consapevole perché all inizio abbiamo avuto un colloquio con una serie di formatori che ci hanno detto che l iniziativa era in parte finanziata dall UE. Ha un contratto per l attuale lavoro? Ho trascorso 20 mesi come lavoratore temporaneo e ho poi ottenuto un contratto semestrale. Questa è la mia attuale posizione. Spero che mi rinnovino il contratto semestrale. Se lo faranno, diventerò un dipendente a tempo indeterminato. L idea mi alletta perché si tratta di un lavoro molto stabile. Anche l azienda per cui lavora attualmente è nel settore automobilistico? Realizza lastre di vetro per vetrine e simili. Le lastre sono realizzate dai macchinari ma poi è necessario spostarle da un posto all altro. Il corso che ho frequentato è stato perfetto per questo lavoro, poiché riguardava esattamente ciò che faccio attualmente; trasportare i prodotti con un carrello elevatore. Ha qualche consiglio per le persone in una situazione analoga? Non pensare che si possa semplicemente non fare nulla, vista la possibilità di richiedere l indennità. Io non l ho fatto e ne sono felice. È necessario iniziare a prepararsi per un lavoro diverso. Esistono corsi di formazione per tutti i tipi di lavoro e bisogna cogliere le opportunità. 14 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

17 Intervista Intervista María Jesús Sain Ruiz María Jesús Sain Ruiz lavorava presso lo stabilimento automobilistico Delphi ad Aragona. Quando l azienda ha deciso di dislocare la produzione fuori dall UE, Maria era tra coloro che hanno perso il posto di lavoro. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? È stato un duro colpo. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era che volevo continuare a lavorare. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? Come ho detto, è stato un duro colpo. Come se non bastasse, mio marito, che aveva lavorato come produttore di mobili nella stessa azienda per oltre 27 anni, è stato licenziato poco dopo. È tuttora disoccupato. Come ha cercato un altro lavoro? Ho provato di tutto. Ritengo che la formazione sia davvero importante, perciò ho pagato di tasca mia due corsi di formazione in informatica e farmacia. Quando mi è stata offerta l opportunità di un corso di formazione e consulenza organizzato dall istituto per l impiego di Aragona, ho accettato immediatamente. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? Per ragioni di tempo alcuni corsi si sovrapponevano, ma sono riuscita a seguire tutto. A volte frequentavo corsi di formazione per l intera giornata, perciò non sono pienamente soddisfatta dell organizzazione. Gli insegnanti erano, però, veramente ben preparati. Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Sì, ero al corrente che le misure erano cofinanziate dall UE. In che modo l ha aiutata? Ho seguito diversi corsi di formazione su argomenti quali le tecniche di ricerca del lavoro e il fotovoltaico. Ho anche seguito un corso per diventare animatrice per il tempo libero. Dopo questo corso mi è stato offerto un lavoro in una ludoteca, ma a causa di tagli al bilancio il mio contratto non sarà prolungato. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? Consiglierei di non rimanere seduti a casa, ma di utilizzare il tempo a disposizione per imparare qualcosa di nuovo. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 15

18 Informazioni generali Perlos, Finlandia Perlos è un produttore finlandese che realizza componenti in plastica per telefoni cellulari. Ha creato più di posti di lavoro nella regione della Carelia settentrionale, ma ora ha interamente dislocato la produzione fuori della Finlandia. Quando Nokia, il suo principale cliente, ha trasferito la produzione in Asia, Perlos è stata costretta a fare altrettanto. La Carelia settentrionale è una regione poco popolata, con un tasso di disoccupazione di circa il 15 %, quasi il doppio della media nazionale. Perdere Perlos, di gran lunga il più grande datore di lavoro, ha rappresentato dunque un durissimo colpo, che ha causato un totale di 915 esuberi nella regione. Di questi, 906 erano impiegati negli impianti Perlos Oyj a Joensuu e Kontiolahti e 9 provenivano da fornitori a monte. Si temeva che i lavoratori, per lo più di giovane età, avrebbero abbandonato la zona e perciò i servizi per l impiego hanno attuato un piano per la gestione della crisi. Nell ambito di tale piano, la Finlandia ha presentato domanda per i finanziamenti FEG alla Commissione europea il 18 luglio Il fatto che la domanda sia stata presentata rapidamente ha permesso ai servizi per l impiego di essere ragionevolmente sicuri del sostegno FEG al programma. Questo ha consentito di progettare un pacchetto di misure più ambizioso di quanto sarebbe stato altrimenti possibile. Il FEG ha di conseguenza stanziato oltre 1,3 milioni di euro per il periodo da marzo 2007 a luglio 2008, al fine di aiutare i lavoratori ad acquisire nuove qualifiche e a trovare nuovi posti di lavoro. Oltre al sostegno fornito dal FEG, altri programmi si concentravano sullo sviluppo e il sostegno regionale per un parco scientifico vicino all università. Come parte del piano, è stata condotta un indagine tra tutte le altre aziende locali per possibili posti di lavoro ed è stata avviata una campagna di marketing per attirare nuove aziende nella regione. Questo tipo di sviluppo e conservazione di un ampia rete di portatori di interesse si sta dimostrando utile sia per sostenere i lavoratori in esubero sia per le sfide future. È stata fornita consulenza specifica personalizzata a tutti i lavoratori in esubero a partire dal giorno in cui hanno ricevuto la comunicazione del licenziamento. Ulteriori misure occupazionali attive attuate tramite i finanziamenti FEG comprendevano la promozione dell imprenditorialità, indennità di mobilità e buoni per la formazione. Sono state anche condotte analisi delle competenze e delle capacità professionali. La formazione per consentire ai lavoratori di acquisire competenze al fine di svolgere nuovi lavori è stata una componente essenziale delle misure, a cui hanno partecipato 400 persone. Ciò dovrebbe comportare vantaggi significativi non solo per i lavoratori stessi, ma anche per la regione nel complesso, in particolare vista la collocazione periferica e il rischio di spopolamento. Dei 921 lavoratori che hanno beneficiato delle misure cofinanziate dal FEG, il 56,9 % ha trovato nuovamente lavoro entro la fine del periodo di attuazione. Il programma ha incontrato alcuni ostacoli. Il periodo di attuazione non è stato abbastanza lungo per portare a compimento misure quali la preparazione di nuove attività aziendali. Inoltre, non si sono potute realizzare alcune idee innovative poiché la legislazione nazionale non concedeva indennità per esse. I punti di forza e i punti deboli delle misure sono stati analizzati in profondità, come anche le sfide affrontate e le opportunità emerse. Tale analisi può essere utile per altre regioni o settori che si trovano in una situazione analoga. Nel caso della Carelia settentrionale, le misure attuate per gestire l episodio Perlos hanno consentito ai servizi regionali per l impiego di realizzare piani di emergenza per ulteriori esuberi su larga scala. 16 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

19 Intervista Intervista Mika Juvonen Mika Juvonen ha ricevuto una formazione come ingegnere automobilistico e lavorava come responsabile di officina e manutenzione in un autofficina prima di entrare alla Perlos. Ha lavorato come responsabile di produzione e fabbricazione alla Perlos per quasi dieci anni. È stato uno degli ultimi dipendenti a lasciare l azienda quando essa ha dislocato la produzione al di fuori della Finlandia. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? Non mi sono reso conto che la fabbrica avrebbe chiuso così in fretta. Ero lì da dieci anni e conoscevo bene l azienda, quindi ho provato un senso di paura e insicurezza, anche se i miei piani per il futuro erano già chiari prima di essere licenziato. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? Ha avuto delle ripercussioni sulla mia vita familiare in quanto mia moglie è stata licenziata all incirca nello stesso periodo. Ed è stato un colpo ancora più duro, in quanto era più inaspettato. Come ha cercato un altro lavoro? I primi licenziamenti significativi si erano verificati a marzo 2006, circa un anno prima che la produzione terminasse definitivamente in Finlandia. I tagli alla produzione sono diventati più probabili durante quell estate e autunno, ma è stata pur sempre un assoluta sorpresa quando la produzione è stata interamente bloccata. Ne abbiamo discusso tra colleghi e io ho iniziato a programmare di avviare un attività in proprio. Avevo 39 anni all epoca. I nostri figli erano abbastanza grandi e io avevo esperienza gestionale. Verso quale settore si è indirizzato e perché? Il mio programma prevedeva la produzione di biogas e fertilizzante. Mio cognato e suo cognato avevano avuto l idea, ma non avevano il tempo di svilupparla. Io ero interessato perché mi consentiva di sfruttare la mia esperienza nella direzione di progetti e nel settore automobilistico, in quanto generiamo elettricità a partire da biogas utilizzando dei motori. In futuro, speriamo di applicarlo alle auto producendo biometano. Inoltre, provengo dalla campagna e i miei genitori possiedono una fattoria. La nostra azienda può produrre fertilizzante per la coltura biologica di circa ettari l anno. Dal punto di vista dei miei ideali, sono sempre stato interessato alle tematiche ambientali. Voglio fare del mondo un posto migliore per la vita dei nostri figli, e questo deve avvenire in modo economicamente sostenibile. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? La consulenza fornita dal centro per l impiego è stata eccellente. Conoscevo le persone perché avevo lavorato nel settore del reclutamento in passato e ora mi trovavo dall altra parte della barricata. Avevamo un ottimo rapporto e sono stati di grande aiuto. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 17

20 Intervista 18 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

21 Intervista Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Sapevo fin dall inizio che avrebbero fatto richiesta per i finanziamenti FEG. Eravamo in attesa della risposta con il fiato sospeso. In che modo l ha aiutata? Il finanziamento mi ha consentito di studiare tecnologia ambientale, bioenergia come attività aziendale e i fabbisogni energetici delle fattorie avendo al tempo stesso un reddito certo. Mi ha anche permesso di ottenere i contatti e la base di conoscenze necessari per la nostra azienda. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Ho la mia azienda della quale sono il maggiore azionista insieme a mio cognato e suo cognato. Il nostro investimento complessivo è stato di 5,5 milioni di euro, quindi l azienda ha un grande debito, ma il clima aziendale per la produzione energetica tramite il riciclaggio di rifiuti è favorevole. Lavoro molto più di prima e guadagno meno, ma sono ottimista. Oltre a me, impieghiamo attualmente quattro persone a tempo pieno e tre parttime. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? È necessario sfruttare al meglio la formazione e la consulenza a disposizione. Il raggiungimento dei propri obiettivi richiede duro lavoro ed è necessario credere di poter trasformare una situazione negativa in qualcosa di più positivo. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 19

22 Informazioni generali Alytaus Tekstile, Lituania Il fallimento dell azienda Alytaus Tekstile a Alytus, in Lituania, dovuto alla delocalizzazione generale della produzione tessile e di abbigliamento verso mercati a basso costo, ha causato esuberi tra ottobre 2007 e febbraio La Lituania ha pertanto presentato domanda per un finanziamento FEG a maggio Prima che la Lituania entrasse a far parte dell UE nel 2004, gli Stati membri UE costituivano il principale mercato per le esportazioni tessili lituane. In seguito alla scadenza dell accordo multifibre dell OMC lo stesso anno, il valore delle importazioni UE dei prodotti tessili e di abbigliamento cinesi è salito a 22,9 miliardi di euro nel 2005, quasi il doppio rispetto al Le limitate dimensioni del mercato nazionale lituano, con l 80 % della produzione tessile e di abbigliamento del paese destinato all esportazione, hanno fatto sì che il settore tessile lituano nel suo complesso fosse duramente colpito dalla concorrenza. Poiché i costi di produzione erano circa quattro volte superiori a quelli della Cina, Alytaus Tekstile non è stata in grado di sostenere la concorrenza. Anche gli accresciuti costi energetici e la ricollocazione di molti dei suoi principali clienti hanno contribuito alla chiusura dell azienda. Sono state fornite misure occupazionali attive per oltre un anno a partire da maggio 2008, inizialmente ai 600 lavoratori che ancora necessitavano di aiuto nel momento in cui è stata presentata la domanda e poi ad altri 19. Tali misure comprendevano aiuto nella ricerca di lavoro, sviluppo di piani personalizzati, riqualificazione, supporto nella ricerca di tirocini, sostegno all imprenditorialità e indennità per la formazione e la ricerca di lavoro. Alla fine del periodo di attuazione, il 53 % dei lavoratori coinvolti aveva trovato lavoro, mentre il 12 % era ancora disoccupato. Quasi un quarto aveva deciso di andare in pensione, poiché quasi la metà delle persone coinvolte aveva un età compresa tra i 54 e i 64 anni. La restante parte non cercava più lavoro per problemi di salute e disabilità. Il fatto che il 99 % del finanziamento FEG sia stato speso dimostra che il preventivo iniziale era preciso e realistico. Inoltre, per alcune misure, il costo dichiarato durante la procedura di appalto si è dimostrato inferiore alle stime iniziali, per cui hanno potuto partecipare più persone. In tal modo, il numero di beneficiari della promozione imprenditoriale e dell aiuto occupazionale ha superato le previsioni rispettivamente del 35 % e 32 %. 20 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

23 Intervista Intervista Gerimantas Žukauskas Gerimantas Žukauskas era capo dipartimento alla Alytaus Tekstile, responsabile di 500 dipendenti. Con il fallimento dell azienda a novembre 2007, Gerimantas è rimasto senza lavoro. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? È stato un bel colpo in quanto ero a capo di un ampio dipartimento, uno dei quattro dell azienda. Come ha cercato un altro lavoro? La prima cosa da fare è comunicarlo all ufficio di collocamento. Mi hanno detto che esisteva un programma di sostegno. Come ex capo dipartimento avevo alcuni contatti, così ho cercato di ottenere aiuto da loro. Ho anche provato a chiedere ad amici e pensato di lavorare all estero. Qual è stata la sua esperienza di formazione ricevuta dopo aver perso il lavoro? Non ho avuto bisogno di formazione. L ufficio di collocamento sapeva qual era la mia posizione e di quali qualifiche ed esperienza disponevo. Come capo dipartimento maturi molta esperienza ed è più difficile apprendere nuove cose quando si ha 40 anni e si è altamente qualificati. È più semplice riqualificare un lavoratore anziché una risorsa del mio genere. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Un contatto lettone che aveva lavorato nel settore tessile per alcuni anni e aveva condotto affari con la Alytaus Tekstile ha suggerito a me e ad alcuni miei colleghi di fondare un impresa comune con lui. Con la crisi e la contrazione del mercato, non abbiamo visto altre alternative. Quando ci siamo uniti, il mio contatto lettone aveva già istituito l azienda, che ora si chiama Alytaus Teksera. Siamo diventati azionisti e ora operiamo da quattro anni con un fatturato annuo di euro. Ci avvaliamo di cinque collaboratori; quattro di noi erano direttori alla Alytaus Tekstile, più il lettone. Il sostegno UE ci ha consentito di avere i fondi sufficienti per avviare l azienda. Sapevate che tale sostegno era cofinanziato dal FEG? Sì, lo sapevamo. Il sostegno è stato di grande aiuto, altrimenti non avremmo potuto creare l azienda. Ne siamo molto grati. Sarei interessato a un ulteriore aiuto poiché abbiamo stabilito molti contatti e le persone vedono che l azienda è in fase di sviluppo. Il primo anno non abbiamo registrato profitti, ma nei tre anni successivi sì. Sono anche felice di avere l opportunità di mostrare alle persone come l UE può aiutarle. Qual è il principale obiettivo della vostra nuova azienda? Inizialmente volevamo concentrarci sulla produzione e abbiamo cercato di acquistare attrezzature. Il co-proprietario lettone disponeva di alcuni fondi, ma avevamo anche bisogno di credito. Non avendo beni, le banche non ci avrebbero concesso prestiti. Questo ha coinciso con il momento peggiore della crisi e ci ha portato a concentrarci sulle importazioni ed esportazioni. Ora abbiamo in affitto un magazzino della Alytaus Tekstile, che attualmente è sotto una nuova direzione. Abbiamo in programma di acquistarlo se otterremo un prestito. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? Noi ricoprivamo posizioni direttive e potrei dare consigli solo alle persone con un lavoro analogo. Conoscevamo il mercato e il suo funzionamento e il fallimento non ha rappresentato la fine del mondo, bensì un opportunità. Le persone che affrontano il fallimento la vedono diversamente, dunque direi semplicemente che non è necessario temerlo. Se si ottiene aiuto dall UE, si deve sfruttarlo al meglio, guardare al futuro ed essere consapevoli che è necessario plasmarlo in prima persona. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 21

24 Informazioni generali Nord-Centro, Portogallo Si è registrato un totale di esuberi in 49 aziende tessili (di cui 39 nella regione Nord e 10 nella regione Centro) tra febbraio e novembre 2008, più altri 138 nei due mesi successivi. Questo ha condotto le autorità portoghesi a presentare una domanda di finanziamento FEG a gennaio Dall inizio degli anni novanta, il settore tessile, di abbigliamento e calzature europeo è stato attraversato da un processo di ristrutturazione su vasta scala, tra cui la riduzione della manodopera di quasi un terzo. Con la fine dell accordo multifibre dell OMC nel 2004, le importazioni UE di prodotti tessili e di abbigliamento da paesi a più basso costo sono quasi raddoppiate, e i produttori nelle regioni Nord e Centro del Portogallo hanno dovuto affrontare un rapido aumento della concorrenza. Si prevedeva che il mercato si sarebbe stabilizzato nel 2007/2008 grazie agli adeguamenti delle aziende e alla modernizzazione dell industria tessile nazionale. Tuttavia, la situazione economica in via di deterioramento ha comportato ulteriori chiusure e un brusco calo della fiducia dei consumatori. Il settore tessile e di abbigliamento rappresenta oltre il 14 % della forza lavoro nella regione Nord, mentre nella regione Centro rappresenta il 15 % dell occupazione industriale totale. Nel 2007, gli esuberi nel settore tessile rappresentavano il 4 % della disoccupazione totale portoghese. Inoltre, il 97,8 % della disoccupazione derivante dai licenziamenti nel settore tessile si concentra nelle regioni Nord e Centro. La regione Nord registra il più basso reddito pro capite e il più alto tasso di disoccupazione nel paese. Entrambe le regioni sono caratterizzate da livelli di istruzione e qualifica relativamente bassi. La regione Nord è stata anche colpita dall insolvenza della multinazionale tedesca, Qimonda AG, produttrice di computer e prodotti elettronici e ottici. La crisi finanziaria e la conseguente contrazione dell economia globale hanno ridotto la capacità di Qimonda di investire nell innovazione e attrezzature per la produzione. Inoltre, la sovraccapacità nel mercato della Dynamic Random Access Memory ha esercitato pressioni sui prezzi, costringendo molte aziende a tagliare la produzione. La produzione nella fabbrica tedesca che forniva materie prime all unità portoghese è stata bloccata. Per tali ragioni, insieme alla mancata conclusione di accordi con potenziali investitori, Qimonda in Portogallo è stata costretta all insolvenza. 22 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

25 La perdita di Qimonda ha comportato quasi esuberi nella regione Nord. Si tratta di un duro colpo per le prospettive della regione, in quanto Qimonda era considerata una storia di successo per via degli investimenti nell innovazione e sviluppo tecnologico e i tentativi di affermarsi sul mercato internazionale. Nel caso dell industria tessile, si era inizialmente programmato di offrire misure occupazionali attive quali il riconoscimento delle competenze, convalida e certificazione, formazione professionale, contributi per la formazione, sostegno all imprenditorialità e sviluppo di programmi occupazionali personali per tutti i lavoratori. Infine, solo 720 hanno partecipato. La partecipazione a gran parte delle misure è stata inferiore alle aspettative, ad eccezione della formazione professionale, alla quale hanno partecipato in 714, rispetto ai previsti 250. I costi delle misure sono stati inferiori a quanto preventivato, giacché i lavoratori hanno optato principalmente per i corsi di formazione più brevi. Circa un quarto dei lavoratori coinvolti avevano 55 anni o più, con bassi livelli di istruzione e competenze. Il 79 % non aveva portato a termine i nove anni di istruzione di base, e un altro 13 % non aveva portato a termine l istruzione secondaria. Tuttavia, si è riscontrata una maggiore volontà di partecipazione tra gli over 55, e anche le donne con livelli di istruzione più avanzati erano ben rappresentate. Misure formative più lunghe avrebbero potuto essere proficue, ma non è stato possibile visto il breve periodo di attuazione. Ciononostante, i partecipanti hanno riconosciuto che la formazione di base in informatica, insieme al riconoscimento delle esperienze precedenti, avevano accresciuto la loro impiegabilità. Alla fine del periodo, 30 dei 720 lavoratori avevano trovato lavoro; altri 9 erano impegnati nell apprendimento o formazione, e i restanti 681 erano ancora disoccupati, con poche prospettive lavorative. Gli esiti hanno dimostrato la necessità di una maggiore pubblicità di simili azioni, ampio coinvolgimento dei centri per l impiego e rispetto di una tabella di marcia di azioni per tutto il periodo di attuazione. Un ulteriore punto derivante dall esperienza era la necessità di considerare attentamente la selezione delle aziende da inserire nelle misure FEG a livello regionale. In seguito all insolvenza di Qimonda, sono state fornite misure occupazionali attive a 839 lavoratori tra giugno e ottobre I beneficiari hanno ricevuto contributi per la formazione e hanno potuto partecipare sia alla formazione professionale che imprenditoriale. I lavoratori hanno ricevuto sostegno per avviare le proprie aziende e trovare tirocini lavorativi, consentendo loro in tal modo di acquisire esperienza pratica. Inoltre, ai potenziali datori di lavoro sono stati garantiti incentivi per l assunzione degli ex lavoratori di Qimonda. Infine, le misure FEG hanno consentito ai lavoratori in esubero di riconoscere in maniera più adeguata le competenze acquisite, garantendo una maggiore convalida e certificazione delle competenze. Vitor Macedo e Mafalda Ferreira hanno coordinato due misure FEG per i lavoratori del settore tessile in esubero. Una misura sosteneva il reinserimento dei lavoratori sul mercato del lavoro. L altra promuoveva l imprenditorialità. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 23

26 Intervista Intervista Vitor Macedo Gli esuberi come hanno influenzato il settore? Nella nostra regione, i lavoratori interessati dalla domanda FEG nel settore tessile sono stati licenziati in diverse aziende. Si tratta di una conseguenza della crisi nell industria tessile dovuta alla concorrenza dei paesi asiatici. Le persone e le aziende avevano caratteristiche specifiche. Perciò non disponiamo di una misura accurata dell impatto reale. I lavoratori in esubero come hanno cercato un nuovo lavoro? Molti lavoratori avevano più di 50 anni e disponevano di scarsa istruzione, rendendo difficile trovare lavoro nel nostro settore. Svolgevano lavori molto specifici, spesso da 20 o 30 anni, perciò era difficile per loro sviluppare nuove competenze nel contesto della riqualificazione. Esisteva un elevato livello di consapevolezza del FEG tra i beneficiari? Abbiamo cercato di informarli in merito, ma per molti generava confusione. Molte persone confondevano il FEG con altri finanziamenti europei, in particolare il Fondo sociale europeo. 24 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

27 Intervista In che modo le misure FEG sono state di aiuto? Speriamo che le misure abbiano aiutato a rendere le persone più attive e a dar loro la speranza di trovare lavoro. È stata la prima domanda FEG per la regione Nord e abbiamo avuto solo quattro mesi per attuarla. Per coinvolgere un gran numero di persone, abbiamo deciso di utilizzare quella che chiamiamo formazione a banda larga sulle competenze informatiche, convalida e certificazione di competenze. Per via dell età delle persone e della crisi nell industria tessile, le misure non hanno avuto l impatto che ci saremmo aspettati. Ha qualche suggerimento per rendere tali misure più efficaci in futuro? Accogliamo favorevolmente il prolungamento del periodo di attuazione delle misure FEG da un anno a due. L esperienza con il settore tessile ci ha concesso di migliorare il nostro approccio per tre nuove domande, una per l azienda di semiconduttori Qimonda, una per Rohde, un azienda di calzature tedesca e una terza per l industria delle componenti per auto. Abbiamo migliorato la pianificazione per l attuazione delle misure, in particolare cooperando con i sindacati e altre parti. Inoltre, cosa importante, è stata progettata una serie di misure più flessibili. Esse comprendono il sostegno individuale per la formazione professionale e l aiuto ai lavoratori che intendono avviarsi verso la libera professione. Abbiamo anche aumentato la diffusione delle informazioni relative alle misure. Questo ha attirato l interesse dei lavoratori e aumentato la consapevolezza del sostegno FEG. A che punto vi trovate con le altre domande? Le misure Qimonda stanno per concludersi e il progetto Rohde è a metà percorso. Per Qimonda ci siamo concentrati sulla riqualificazione dei lavoratori per altre attività, poiché non esiste un altra azienda nella regione produttrice di semiconduttori. Per quanto riguarda Rhode, l industria calzaturiera è orientata verso le esportazioni ed è in crescita in Portogallo, perciò cerchiamo di aiutare i lavoratori ad acquisire le competenze richieste dalle piccole e medie imprese nella regione per riportarli all interno del settore. Per quanto riguarda l industria delle componenti per auto, abbiamo organizzato sessioni di presentazione delle misure, e i centri per l impiego stanno attualmente conducendo colloqui più personalizzati, al fine di individuare il giusto impiego e misure di formazione per ogni lavoratore. Qual è la prospettiva per la zona in termini di occupazione? La situazione attuale è difficile. Il mercato dell occupazione è stato duramente colpito dalla crisi. Nel caso dell industria tessile, i risultati dell intervento FEG non sono stati all altezza delle aspettative, essenzialmente per via dell età avanzata e delle qualifiche limitate dei beneficiari. Per Qimonda e Rohde, ci aspettiamo un significativo ritorno delle persone sul mercato del lavoro. Le situazioni variano tra i diversi settori, ma siamo ottimisti poiché con tali misure possiamo concentrarci maggiormente su problematiche specifiche e trovare soluzioni più efficaci. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 25

28 Intervista Intervista Mafalda Ferreira Può citare esempi di persone che hanno usufruito delle misure? Per la misura volta al reinserimento sul mercato del lavoro, avevamo a che fare con persone di una certa età, prevalentemente donne, con un basso livello di istruzione che avevano svolto lo stesso lavoro per 20 o 30 anni. Non disponevano di competenze che potevano essere trasferite in altre attività. Godevano di scarsa autostima e non erano motivate. Per la misura relativa allo viluppo dell imprenditorialità, le persone avevano maggiori competenze ma erano anch esse scarsamente motivate. In cosa consistevano le misure per il primo gruppo? Abbiamo provato a motivare il primo gruppo a cercare attivamente un nuovo lavoro e li abbiamo sostenuti nella ricerca di opportunità. Abbiamo cercato di aiutarli a sfruttare al meglio le competenze acquisite durante la vita che potessero aiutarli nella ricerca di un occupazione. Li abbiamo guidati verso svariati tipi di formazione, mostrato loro l importanza di nuove competenze e persuasi che avrebbero potuto fare cose diverse. Abbiamo dovuto insegnare loro a scrivere CV e affrontare colloqui. Alla fine del processo avevano una prospettiva diversa e intendevano investire nelle loro carriere. E per quanto riguarda il secondo gruppo? Ci siamo concentrati nell aiutarli ad acquisire competenze tecniche in modo che, una volta deciso in che settore lavorare, sapessero come agire. Hanno sviluppato programmi aziendali, valutato la fattibilità e cercato finanziamenti, sostenuti da una squadra di formatori. Alcuni si sono resi conto che i propri programmi non erano finanziariamente fattibili e li hanno riprogettati. Altri, invece, hanno proseguito. In quali settori queste persone hanno avviato aziende? Per molti è stato il settore collegato al loro precedente lavoro. Alcuni lavoravano nel ramo finanziario dell industria tessile e hanno iniziato a fornire consulenza finanziaria. Altri lavoravano nel marketing, così hanno creato aziende per sostenere le PMI nel marketing. Un terzo gruppo lavorava nei laboratori tessili e ha deciso di creare società di consulenza per aiutare le piccole imprese nella realizzazione di laboratori conformi agli standard procedurali e in materia di attrezzature. 26 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

29 Intervista I lavoratori che hanno ricevuto formazione sono rimasti nel settore tessile? A causa della crisi nel settore, abbiamo cercato di aiutarli a spostarsi verso altri settori. Nella nostra regione, alcuni settori hanno riscosso un ragionevole successo, come quello dei servizi, in particolare ristoranti e hotel. Alcune persone si sono inserite in questo settore. Un altra possibilità è rappresentata dalle piccole imprese che producono componenti metalliche che non hanno bisogno di personale altamente qualificato. Un terzo settore, specialmente per le donne, è rappresentato dall assistenza agli anziani. Le storie più interessanti sono di donne che all inizio del programma hanno detto di aver lavorato nello stesso settore per 40 anni e di non essere in grado di fare altro e alla fine hanno cercato e trovato nuovi lavori. Esisteva un elevato livello di consapevolezza del FEG tra i beneficiari? Inizialmente no. Si trovavano sul gradino più basso e non riuscivano a credere che qualcuno si sarebbe preoccupato di loro. Fin dall inizio, abbiamo esposto le misure e spiegato alle persone che eravamo interessati al loro futuro. Ha suggerimenti su come rendere tali misure più efficaci? Sono necessari tempo e lavoro approfondito per aiutare questo gruppo di interesse a sviluppare competenze. Vorremmo che le misure durassero di più e poter lavorare su una base maggiormente individuale. Qual è la prospettiva per la zona in termini di occupazione? Stiamo attraversando una grave crisi. Ogni giorno, delle aziende presentano istanza di fallimento. L industria tessile naviga in cattive acque, sebbene provengano segnali positivi da settori quali i servizi e la lavorazione del metallo. Le aziende che hanno introdotto metodi innovativi nei propri processi produttivi stanno ora producendo beni per l esportazione. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 27

FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE. Cos è e a cosa serve. Europa sociale

FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE. Cos è e a cosa serve. Europa sociale FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE Cos è e a cosa serve Europa sociale Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Formazione professionale duale. Formazione professionale in Germania

Formazione professionale duale. Formazione professionale in Germania Formazione professionale duale Formazione professionale in Germania Contenuto I. Visione generale II. III. Funzionamento della formazione professionale duale Vantaggi e sfide attuali IV. Perché in Germania

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE INCONTRI TERRITORIALI. Percorso CAF Education

PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE INCONTRI TERRITORIALI. Percorso CAF Education PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE INCONTRI TERRITORIALI Percorso CAF Education La scuola sotto la lente del modello CAF CAF Movie: traduzione La pubblica amministrazione

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Il reinserimento degli infortunati Ridurre le assenze e i casi di rendita. Informazioni e consigli per il datore di lavoro

Il reinserimento degli infortunati Ridurre le assenze e i casi di rendita. Informazioni e consigli per il datore di lavoro Il reinserimento degli infortunati Ridurre le assenze e i casi di rendita Informazioni e consigli per il datore di lavoro Indice La collaborazione 04 Il datore di lavoro 06 L infortunato 08 I familiari

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

(Orientamenti del Governo in merito alle agevolazioni per la riqualificazione energetica n. 2-01099)

(Orientamenti del Governo in merito alle agevolazioni per la riqualificazione energetica n. 2-01099) (Orientamenti del Governo in merito alle agevolazioni per la riqualificazione energetica n. 2-01099) PRESIDENTE. Passiamo all'interpellanza urgente De Girolamo e Brunetta n. 2 01099 (Vedi All. A), concernente

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

Relazione sulla situazione nazionale in Irlanda N 134309-LLP-1-2007-1-IT-Comenius-CMP

Relazione sulla situazione nazionale in Irlanda N 134309-LLP-1-2007-1-IT-Comenius-CMP 1) Caso Irlanda:Shelly Età, luogo Shelly, 16 anni, è nato in una famiglia in una zona ad alto tasso di disoccupazione nella città di Limerick. Descrizione del caso Shelly ha completato la scuola primaria

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO

STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO VITE REALI STORIE VERE CAMBIAMENTI CONCRETI... OTTIMO LAVORO! STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO Fornire microfinanziamenti alle startup italiane, formare taglialegna in Scozia, ispirare i giovani scienziati

Dettagli

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE Da sempre nascono periodicamente problemi che riguardano

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE Overview Education Policy Analysis Analisi delle politiche educative Le note di sintesi sono degli stralci di pubblicazioni dell OCSE. Sono disponibili

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i bilanci 14.11.2014 2014/2181(BUD) PROGETTO DI RELAZIONE sulla proposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la mobilitazione del

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

PROGETTO DI SUPPORTO ALLA RICOLLOCAZIONE AULA 2 : MERCATO E LEGISLAZIONE DEL LAVORO

PROGETTO DI SUPPORTO ALLA RICOLLOCAZIONE AULA 2 : MERCATO E LEGISLAZIONE DEL LAVORO PROGETTO DI SUPPORTO ALLA RICOLLOCAZIONE AULA 2 : MERCATO E LEGISLAZIONE DEL LAVORO CIGS (Cassa integrazione straordinaria) Viene aperta per ristrutturazione o crisi Ne hanno diritto le aziende industriali

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI SCHEDA RIASSUNTIVA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.»

Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.» Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.» Apprendistato commerciale. Un ingresso efficace nel mondo del lavoro. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente.

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente. L'obiettivo immediato di chi svolge una ricerca di lavoro consiste, naturalmente, nell'ottenere un colloquio col potenziale datore di lavoro, o nell'ammissione a un concorso laddove se ne abbiano i titoli

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES SME SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES INTEGRATION GUIDE IT With financial support from the European Union Sole responsibility lies with the author and the Commission is not responsible for any use that

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Questionario per il rilevamento dati

Questionario per il rilevamento dati Questionario sull integrazione lavorativa delle persone sorde Obiettivi e Istruzioni L Area Lavoro e l Ufficio Studi, Progetti e Formazione della Sede Centrale ENS hanno predisposto il presente questionario

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione IV trimestre 213 Rapporto in sintesi I consumatori continuano a pensare che l inflazione salirà oltre i livelli attuali, sia nel breve (un anno) che

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE?

SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE? SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE? Ti piacerebbe gestire la tua giornata lavorativa in LIBERTÀ e AUTONOMIA anche Part-Time o come Secondo Lavoro? Se vuoi dare una svolta definitiva alla tua vita

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli