Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG"

Transcript

1 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG

2 Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Per utilizzare o riprodurre foto prive di copyright dell Unione europea, l autorizzazione deve essere richiesta direttamente al detentore del copyright. Foto di copertina: 1, 2: Unione europea; 3: 123RF Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea Numero verde unico (*) (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l accesso ai numeri o non ne accettano la gratuità. Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu). Una scheda catalografica, con un sommario, figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea, 2012 ISBN doi: /50518 Unione europea, 2012 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte.

3 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari sociali e l inclusione Unità C.2 Manoscritto terminato nell ottobre 2011

4

5 Premessa Dal 2007, il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione dimostra la solidarietà dell Unione europea nei confronti dei lavoratori che hanno perso il lavoro a causa dei grandi mutamenti strutturali nel commercio mondiale derivanti dalla globalizzazione. Dal 2009, la sfera d azione del FEG è stata ampliata al fine di coprire la stessa tipologia di situazioni, ma causate direttamente dalla crisi economica e finanziaria mondiale. Il FEG sostiene gli Stati membri nei loro tentativi di affrontare rapidamente le ripercussioni negative a breve termine della globalizzazione, in particolare sull occupazione dei lavoratori più vulnerabili e meno qualificati. Durante la breve storia del Fondo sono state ricevute 78 domande di contributo da parte di 19 Stati dell Unione europea (UE), che hanno comportato lo stanziamento di 357,6 milioni di euro in contributi finanziari. Tuttavia, l elemento di maggior rilievo è rappresentato dai lavoratori che hanno ricevuto sostegno tramite la solidarietà europea espressa dal FEG. Le sette storie presentate in questa pubblicazione illustrano il potenziale del FEG nel contribuire al reinserimento professionale di coloro che hanno perso il proprio posto di lavoro. Il reinserimento professionale di lavoratori in aree, settori, territori o mercati del lavoro attraversati da gravi perturbazioni economiche non è impresa semplice. Il finanziamento europeo completa, integra o proroga le misure nazionali già a disposizione dei lavoratori in esubero, aumentando le loro opportunità di trovare lavoro in circostanze talvolta piuttosto difficili. L esperienza ha dimostrato che il FEG sostiene principalmente i gruppi di lavoratori meno qualificati e ai quali è più difficile prestare aiuto. Li ha aiutati, in particolare, a sviluppare la propria fiducia e autostima, a rinnovare e migliorare le abilità nella ricerca di lavoro e nell aggiornare le proprie capacità e impiegabilità. Il sostegno del FEG ha migliorato notevolmente le possibilità dei lavoratori assistiti di trovare un nuovo lavoro: più del 40 % dei lavoratori che hanno ricevuto aiuto ha trovato un nuovo lavoro subito dopo aver partecipato alle misure FEG. È auspicabile che il FEG continui a dimostrare la solidarietà europea nei confronti dei lavoratori durante il prossimo periodo di programmazione ( ). A tal fine, la Commissione europea ha presentato una proposta per un nuovo FEG affinché prosegua l attuale lavoro, permettendo al tempo stesso anche ai lavoratori temporanei e interinali, lavoratori autonomi e direttori-proprietari di microimprese, compresi gli agricoltori, di usufruire di tale sostegno. László Andor Commissario europeo per l Occupazione, gli affari sociali e l integrazione Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 3

6

7 Indice Premessa 3 Introduzione 7 Nokia, Germania 8 Intervista Thomas Eming 10 Industria automobilistica, Castilla y León e Aragona, Spagna 12 Intervista Alberto Cascán Pardo 13 Intervista María Jesús Sain Ruiz 15 Perlos, Finlandia 16 Intervista Mika Juvonen 17 Alytaus Tekstile, Lituania 20 Intervista Gerimantas Žukauskas 21 Nord-Centro, Portogallo 22 Intervista Vitor Macedo 24 Intervista Mafalda Ferreira 26 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 5

8

9 Introduzione L economia mondiale può riservare sorprese come l improvvisa chiusura di stabilimenti oppure il rapido declino d interi settori. Di conseguenza, i governi nazionali si trovano a fronteggiare ampi gruppi di lavoratori il cui lavoro è improvvisamente scomparso. Le normali misure del mercato del lavoro possono non essere sufficienti per affrontare le conseguenze che tali eventi possono creare in una singola regione o settore industriale. Al fine di evitare disastrose conseguenze a livello umano ed economico, un aiuto rapido ed efficace è di vitale importanza. L UE ha pertanto istituito il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) per aiutare i lavoratori che hanno perso il lavoro a causa della globalizzazione e della crisi economica e finanziaria mondiale a trovare una nuova occupazione il prima possibile. Il FEG cofinanzia misure fino a 24 mesi, tra cui assistenza nella ricerca di un impiego, orientamento professionale, riqualificazione, certificazione dell esperienza e aiuto alle attività professionali autonome. Contribuisce altresì a finanziare misure di durata limitata, quali le indennità di mobilità e per la ricerca di lavoro oppure le indennità per chi partecipa ad attività di formazione e di apprendimento. Tali servizi sono resi disponibili ai lavoratori coinvolti il più velocemente possibile dopo il licenziamento, mentre lo Stato membro prepara la domanda per il finanziamento FEG. Lo Stato membro deve dimostrare che esiste un significativo numero di esuberi causati da profondi mutamenti nel commercio mondiale o dalla crisi economica e finanziaria. Si spiegheranno le motivazioni dell assistenza e come sarà impiegata, dimostrando l impatto degli esuberi sulla regione coinvolta e il modo in cui il finanziamento FEG aiuterà i lavoratori a trovare un nuovo impiego nello stesso settore oppure in nuovi settori potenzialmente promettenti. In seguito, lo Stato membro presenta la domanda alla Commissione europea, che la valuta prima di proporre un contributo al Parlamento europeo e al Consiglio. Dopo aver ottenuto l approvazione, il FEG può cofinanziare i servizi pertinenti, compresi i servizi già forniti prima della presentazione della domanda. Per poter usufruire dei servizi finanziati dal FEG, i lavoratori devono aver perso il proprio lavoro in seguito a un esubero di 500 o più dipendenti all interno di una singola azienda e dei suoi fornitori nell arco di quattro mesi. Ne possono usufruire anche i lavoratori direttamente colpiti dagli esuberi di almeno 500 dipendenti nello stesso settore in una regione o in due regioni contigue nell arco di nove mesi. Durante la fase iniziale, il principale obiettivo del FEG era di riconciliare gli effetti positivi a lungo termine del libero scambio sulla crescita e l occupazione con le conseguenze negative a breve termine che possono derivare dalla globalizzazione, ripercuotendosi in particolare sui lavoratori vulnerabili e scarsamente qualificati. L azione del FEG non deve essere vista unicamente come misura di emergenza, bensì anche come misura che può comportare effetti positivi a lungo termine. Ad esempio, contribuendo alla riqualificazione dei lavoratori in nuove attività o competenze, può permettere all occupazione fondata sulla conoscenza di sostituire industrie che sono state chiuse, migliorando in tal modo le economie regionali. Questo opuscolo contiene dettagli relativi all impatto di azioni concrete del FEG in cinque Stati membri UE (Germania, Spagna, Finlandia, Lituania e Portogallo) sotto forma di informazioni di carattere generale sulle circostanze relative alle azioni specifiche. Per ciascun caso, le informazioni generali sono accompagnate dalle storie personali di singoli lavoratori che, essendo in esubero, hanno beneficiato del sostegno del FEG, oppure di persone coinvolte nell attuazione delle misure. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 7

10 Informazioni generali Nokia, Germania La Germania ha presentato domanda per il finanziamento FEG a febbraio 2009 in seguito alla perdita di posti di lavoro presso la stabilimento Nokia a Bochum (Renania settentrionale-vestfalia) durante il periodo luglio-novembre Domina la tendenza generale tra i produttori di apparecchi di telefonia mobile a ricollocare la produzione in mercati caratterizzati da alti livelli di crescita nella domanda di telefoni cellulari. I paesi a basso costo della manodopera nella regione Asia-Pacifico esercitano una forte attrattiva per le attività di ricerca e sviluppo nell ambito della telefonia mobile. Ciononostante, gli esuberi a Bochum sono stati inaspettati. Le informazioni fornite da Nokia sembravano indicare che la capacità a Bochum sarebbe stata mantenuta, in particolare perché le attività avevano registrato un guadagno nel Inoltre, il land della Renania settentrionale-vestfalia aveva fornito un notevole sostegno finanziario allo stabilimento. Gli esuberi rientravano nella sfera di responsabilità degli uffici per l impiego locali a Bochum, Gelsenkirchen, Recklinghausen e Dortmund. Tutti questi tendono ad avere un tasso di disoccupazione significativamente superiore rispetto ad altre zone della Renania settentrionale-vestfalia o della Germania. 8 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

11 A causa della crisi economica e finanziaria, la situazione occupazionale nelle aree coinvolte sembra essere vulnerabile. Questa situazione è dovuta, in particolare, all importanza delle industrie automobilistiche e siderurgiche a Dortmund, alla transizione dal settore minerario ad altri settori a Gelsenkirchen, alla dipendenza dalla produzione di materiali sintetici per il settore automobilistico a Recklinghausen. Il finanziamento delle misure nell ambito del FEG è avvenuto da agosto 2008 a febbraio 2010, coinvolgendo lavoratori, e il ministero federale tedesco per il Lavoro e gli affari sociali ha provveduto al prefinanziamento delle misure finché non sono stati ricevuti i fondi FEG. Le misure comprendevano indennità a breve termine, formazione per qualifiche specifiche e di base tra cui formazione di gruppo, creazione di gruppi di sostegno reciproco, sostegno all imprenditorialità, domande di lavoro internazionali e tutoraggio durante le prime fasi dell impiego. La formazione fornita era orientata verso qualifiche per cui era presente domanda e integrava la formazione già fornita dal Fondo sociale europeo. I corsi comprendevano un seminario sulle tecniche di apprendimento che contribuivano a motivare i partecipanti a proseguire la formazione. I finanziamenti FEG hanno anche contribuito a ridurre di un quinto il rapporto tra consulente e persona alla ricerca di impiego, garantendo una consulenza più adeguata alle esigenze personali, assegnando ai lavoratori tutor adatti alle loro necessità. Dei lavoratori che hanno partecipato alle misure cofinanziate dal FEG, 385 (29,5 %) hanno trovato un nuovo impiego quattro settimane dopo la fine del periodo di attuazione. Di questi, 36 erano lavoratori autonomi. Altri 121 (9,3 %) erano impegnati nell apprendimento o formazione e i restanti erano disoccupati (737 o 56,5 %) o inattivi per varie ragioni personali (62 o 4,8 %). Sei mesi dopo la fine del periodo di attuazione, altre 42 persone precedentemente disoccupate hanno trovato un nuovo impiego, facendo salire il numero di lavoratori professionalmente reinseriti a 427. Il tasso di reinserimento era ulteriormente aumentato un paio di mesi dopo, dimostrando che il sostegno cofinanziato dal FEG può avere un impatto positivo anche a più lungo termine. Uno studio condotto dall università di Duisburg/Assia ha dimostrato che le società di trasferimento che aiutano i disoccupati a trovare potenziali datori di lavoro, come quella che ha sostenuto e aiutato gli ex dipendenti Nokia, sono efficaci nell incoraggiare i partecipanti a cercare lavoro attivamente. Ha dimostrato che, in media, le persone che hanno usufruito di tali enti hanno dedicato 33,6 ore a settimana alla formazione e alla ricerca di un impiego, una quantità di tempo superiore alle aspettative. I risultati dell azione mostrano una carenza di entusiasmo per la mobilità geografica, specialmente tra persone con un grado di istruzione inferiore. Tale atteggiamento era legato a vincoli familiari, paura di iniziare nuovamente in un altro luogo e il gruppo di età superiore di molti lavoratori coinvolti. In tale contesto, si è riscontrato che l efficacia del FEG era direttamente collegata alle condizioni economiche predominanti e alla capacità di assorbimento del mercato del lavoro locale. Infine, l esperienza ha fornito terreno fertile all iniziativa artistica, in quanto un regista teatrale ha realizzato un opera ispirata alle storie dei lavoratori e alla loro determinazione. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 9

12 Intervista Intervista Thomas Eming In seguito a una formazione tecnica e all esperienza nell ingegneria elettrica e di sistema, Thomas Eming ha lavorato per Nokia a Bochum per oltre un decennio. Quando Nokia ha deciso di chiudere lo stabilimento di Bochum, Thomas è stato licenziato. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei e sulla sua famiglia? In quel periodo ero in congedo parentale, quindi non ero al corrente di cosa stesse succedendo. Dovevo rientrare al lavoro quando si è diffusa la notizia che la fabbrica avrebbe chiuso. Contavo sullo stipendio. Quando hai un impiego stabile in un azienda non pensi che lo perderai. Pensavo che al termine del congedo parentale avrei semplicemente continuato a lavorare. Inoltre, avevamo appena acquistato una casa, quindi è stato un duro colpo. Come ha cercato un altro lavoro? Siamo stati tutti indirizzati a una società di trasferimento ed io ero preoccupato per il mio avvenire. Vista la mia età, pensavo che potesse essere difficile trovare un altro lavoro, così ho deciso di avviare un attività autonoma. Ho seguito un corso in commercio e consulenza energetica. Sono necessarie conoscenze commerciali per avviare un attività e la mia idea era di diventare consulente energetico nel settore immobiliare. 10 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

13 Intervista L attività di lavoro autonomo si è rivelata proficua? La formazione è stata piuttosto lunga e diversa dalle aspettative, tuttavia l efficienza energetica è importante per il futuro. I primi mesi non ho guadagnato nulla perché dovevo imparare molto. Ora procede bene. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? Ho partecipato a incontri e corsi di formazione settimanali su come presentare domanda di lavoro. È stata una buona esperienza e mi sono sentito adeguatamente sostenuto dalla società di trasferimento. Ci hanno offerto molte opportunità, ma io avevo un obiettivo preciso. Perciò, ho sfruttato le opportunità in maniera diversa rispetto agli altri. Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Inizialmente no. Dopo essere entrato nella società di trasferimento, mi sono iscritto al corso e alla camera di commercio pagando di tasca mia. È costato quasi euro. Ho parlato al mio consulente e alla società di trasferimento del corso della mia idea di avviare un attività in proprio. Mi ha risposto che avrebbe presentato una richiesta di finanziamento al FEG per farmi ottenere il rimborso. È stato un buon inizio per la mia attività in quanto mi ha consentito di poter acquistare prodotti, come ad esempio un computer. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Ho la mia attività come consulente energetico per gli immobili nel settore edile. I miei clienti desiderano ristrutturare i propri edifici e io fornisco loro consulenza su aspetti energetici. Esamino l edificio, scrivo una relazione e faccio raccomandazioni per il risparmio energetico. Questo tipo di consulenza è sostenuta dalle amministrazioni federali e regionali, dunque sono presenti numerosi finanziamenti per i clienti e io ne ottengo una parte. Ha qualche consiglio per le persone che si trovano in una situazione analoga? Alle persone di una certa età, consiglio di provare ad avviare un attività in proprio e di essere indipendenti. Io dipendo da altre persone ma sono il capo di me stesso e decido quanto lavorare. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 11

14 Informazioni generali Industria automobilistica, Castilla y León e Aragona, Spagna È stata presentata una richiesta di finanziamento FEG alla Commissione europea a dicembre 2008, relativa all industria automobilistica a Castilla y León e Aragona. Si sono verificati esuberi in 12 aziende del settore in queste due regioni tra gennaio e ottobre Tali esuberi sono avvenuti sulla scia di un calo a lungo termine della quota di mercato globale dell UE nel settore dei veicoli a motore. Per l UE a 27, questa è scesa dal 28,4 % nel 2004 al 26,9 % nel Nello stesso periodo, la produzione dell UE a 27 è aumentata del 7,5 %, rispetto al 13,3 % a livello mondiale. Le importazioni UE dei veicoli a motore in generale, e delle autovetture in particolare, sono aumentate sostanzialmente tra il 2003 e il Per i veicoli a motore le importazioni sono aumentate del 45 % e le esportazioni del 31 %, mentre per le autovetture gli aumenti sono stati rispettivamente del 44 % e 22 %. Fino al 2004, la Spagna è stata un esportatore netto di autovetture e componenti per veicoli a motore. Durante quell anno è diventata un importatore netto e il deficit commerciale in questo settore è aumentato di anno in anno. Per nove delle imprese coinvolte, gli esuberi sono una conseguenza dell aumento nell UE delle importazioni di auto e relative componenti e la diminuzione nella quota di mercato UE della produzione di veicoli. Mentre le altre tre sono anche state colpite dal calo della produzione automobilistica UE, i licenziamenti sono stati causati dalla delocalizzazione della produzione in paesi extra UE. In seguito agli esuberi, il FEG ha finanziato misure occupazionali attive per 588 lavoratori di quattro delle maggiori imprese. Le misure comprendevano l orientamento, la preparazione di percorsi individuali, formazione generica e specifica, sostegno al reinserimento degli specialisti e incentivi per la ricerca di lavoro. I posti di lavoro vacanti sono stati individuati anche grazie ai contatti con molte aziende nelle due regioni. Mantenere tali contatti anche dopo il periodo di attuazione dovrebbe accrescere le prospettive a lungo termine dei lavoratori. Entro la fine del periodo di attuazione, che andava da marzo 2008 a dicembre 2009, 184 lavoratori (35,5 %) avevano trovato nuovi posti di lavoro. Tali dati dovrebbero essere letti alla luce dell elevato tasso di disoccupazione in Spagna dovuto alla crisi economica e finanziaria. Coloro che non avevano trovato lavoro, hanno in ogni caso percepito che le misure avevano aumentato la loro impiegabilità. Avevano accresciuto la loro fiducia e autostima, sviluppandone l indipendenza e hanno consentito loro di acquisire le competenze necessarie quali la capacità di individuare gli obiettivi e pianificare percorsi personali verso un nuovo lavoro. Il FEG è considerato particolarmente adeguato per aiutare lavoratori con poche opportunità di trovare nuovamente un lavoro. La durata del periodo di sostegno e il budget consentono di fornire un ampia gamma di tutoraggio, consulenza e formazione permettendo ai lavoratori di fissare i propri obiettivi e programmi di carriera. 12 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

15 Intervista Intervista Alberto Cascán Pardo La grande azienda automobilistica internazionale per la quale Alberto Cascán Pardo lavorava da quasi 17 anni ha iniziato a registrare perdite. L azienda ha optato per un ricollocamento, chiudendo gli stabilimenti nella regione e licenziando i lavoratori, compresi Alberto e la moglie. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? Dopo 17 anni nello stesso posto, ti senti a tuo agio. Ti dedichi alla vita familiare e dimentichi la formazione o la preparazione per un lavoro diverso. Quando mi sono trovato senza lavoro, mi sono sentito completamente perso e non sapevo da dove iniziare la ricerca di un nuovo lavoro. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? L impatto è stato duro in quanto mia moglie lavorava nello stesso stabilimento e anche lei è stata licenziata. Abbiamo entrambi ricevuto l indennità di disoccupazione, ma non si può vivere così per sempre. Eravamo preoccupati per il futuro e uno dei due avrebbe dovuto trovare un lavoro visto che avevamo una figlia piccola. Come ha cercato un altro lavoro? Ho iniziato immediatamente, poiché non volevo restare disoccupato più del necessario. Mia moglie non ha iniziato la ricerca subito, visto che si prendeva cura di nostra figlia. Il primo passo è stato preparare un CV, cosa che non avevo mai fatto prima. Mi sono rivolto all ufficio di collocamento, ma poiché non arrivavano offerte ho deciso che dovevo guardarmi attorno autonomamente. Ho iniziato a consegnare CV alle aziende e una ha chiamato. Ho ottenuto un lavoro, che però è durato solo sei mesi poiché la produzione è diminuita bruscamente e hanno dovuto licenziare lavoratori, tra i quali c ero anche io. Qual è stata la sua esperienza di formazione ricevuta dopo aver perso il lavoro? Senza la formazione non avrei saputo come affrontare un colloquio di lavoro. Mi hanno aiutato a preparare un CV migliore e a vedere quali punti mettere in evidenza. Abbiamo simulato dei colloqui e ho iniziato a prendere confidenza. Quando ho dovuto affrontare un vero colloquio, mi sentivo molto più sicuro. Durante la formazione pratica ho imparato a utilizzare un carrello elevatore. Non abbiamo fatto tanta pratica quanto avrei voluto, ma in ogni caso mi ha aiutato a trovare un nuovo lavoro e, dopo due anni, lavoro ancora nello stesso posto. Per quanto riguarda mia moglie, ha frequentato un corso di informatica e ha imparato a usare il computer. Sua moglie ha trovato lavoro? Sì, ma ha impiegato più tempo. Effettua sostituzioni all ufficio postale, ma è una cosa abbastanza costante. All inizio la chiamavano per alcuni giorni, poi per un mese. A diverse riprese, ha continuato a lavorare. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 13

16 Intervista Sapeva che la formazione era cofinanziata dal FEG? Ne ero consapevole perché all inizio abbiamo avuto un colloquio con una serie di formatori che ci hanno detto che l iniziativa era in parte finanziata dall UE. Ha un contratto per l attuale lavoro? Ho trascorso 20 mesi come lavoratore temporaneo e ho poi ottenuto un contratto semestrale. Questa è la mia attuale posizione. Spero che mi rinnovino il contratto semestrale. Se lo faranno, diventerò un dipendente a tempo indeterminato. L idea mi alletta perché si tratta di un lavoro molto stabile. Anche l azienda per cui lavora attualmente è nel settore automobilistico? Realizza lastre di vetro per vetrine e simili. Le lastre sono realizzate dai macchinari ma poi è necessario spostarle da un posto all altro. Il corso che ho frequentato è stato perfetto per questo lavoro, poiché riguardava esattamente ciò che faccio attualmente; trasportare i prodotti con un carrello elevatore. Ha qualche consiglio per le persone in una situazione analoga? Non pensare che si possa semplicemente non fare nulla, vista la possibilità di richiedere l indennità. Io non l ho fatto e ne sono felice. È necessario iniziare a prepararsi per un lavoro diverso. Esistono corsi di formazione per tutti i tipi di lavoro e bisogna cogliere le opportunità. 14 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

17 Intervista Intervista María Jesús Sain Ruiz María Jesús Sain Ruiz lavorava presso lo stabilimento automobilistico Delphi ad Aragona. Quando l azienda ha deciso di dislocare la produzione fuori dall UE, Maria era tra coloro che hanno perso il posto di lavoro. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? È stato un duro colpo. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era che volevo continuare a lavorare. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? Come ho detto, è stato un duro colpo. Come se non bastasse, mio marito, che aveva lavorato come produttore di mobili nella stessa azienda per oltre 27 anni, è stato licenziato poco dopo. È tuttora disoccupato. Come ha cercato un altro lavoro? Ho provato di tutto. Ritengo che la formazione sia davvero importante, perciò ho pagato di tasca mia due corsi di formazione in informatica e farmacia. Quando mi è stata offerta l opportunità di un corso di formazione e consulenza organizzato dall istituto per l impiego di Aragona, ho accettato immediatamente. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? Per ragioni di tempo alcuni corsi si sovrapponevano, ma sono riuscita a seguire tutto. A volte frequentavo corsi di formazione per l intera giornata, perciò non sono pienamente soddisfatta dell organizzazione. Gli insegnanti erano, però, veramente ben preparati. Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Sì, ero al corrente che le misure erano cofinanziate dall UE. In che modo l ha aiutata? Ho seguito diversi corsi di formazione su argomenti quali le tecniche di ricerca del lavoro e il fotovoltaico. Ho anche seguito un corso per diventare animatrice per il tempo libero. Dopo questo corso mi è stato offerto un lavoro in una ludoteca, ma a causa di tagli al bilancio il mio contratto non sarà prolungato. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? Consiglierei di non rimanere seduti a casa, ma di utilizzare il tempo a disposizione per imparare qualcosa di nuovo. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 15

18 Informazioni generali Perlos, Finlandia Perlos è un produttore finlandese che realizza componenti in plastica per telefoni cellulari. Ha creato più di posti di lavoro nella regione della Carelia settentrionale, ma ora ha interamente dislocato la produzione fuori della Finlandia. Quando Nokia, il suo principale cliente, ha trasferito la produzione in Asia, Perlos è stata costretta a fare altrettanto. La Carelia settentrionale è una regione poco popolata, con un tasso di disoccupazione di circa il 15 %, quasi il doppio della media nazionale. Perdere Perlos, di gran lunga il più grande datore di lavoro, ha rappresentato dunque un durissimo colpo, che ha causato un totale di 915 esuberi nella regione. Di questi, 906 erano impiegati negli impianti Perlos Oyj a Joensuu e Kontiolahti e 9 provenivano da fornitori a monte. Si temeva che i lavoratori, per lo più di giovane età, avrebbero abbandonato la zona e perciò i servizi per l impiego hanno attuato un piano per la gestione della crisi. Nell ambito di tale piano, la Finlandia ha presentato domanda per i finanziamenti FEG alla Commissione europea il 18 luglio Il fatto che la domanda sia stata presentata rapidamente ha permesso ai servizi per l impiego di essere ragionevolmente sicuri del sostegno FEG al programma. Questo ha consentito di progettare un pacchetto di misure più ambizioso di quanto sarebbe stato altrimenti possibile. Il FEG ha di conseguenza stanziato oltre 1,3 milioni di euro per il periodo da marzo 2007 a luglio 2008, al fine di aiutare i lavoratori ad acquisire nuove qualifiche e a trovare nuovi posti di lavoro. Oltre al sostegno fornito dal FEG, altri programmi si concentravano sullo sviluppo e il sostegno regionale per un parco scientifico vicino all università. Come parte del piano, è stata condotta un indagine tra tutte le altre aziende locali per possibili posti di lavoro ed è stata avviata una campagna di marketing per attirare nuove aziende nella regione. Questo tipo di sviluppo e conservazione di un ampia rete di portatori di interesse si sta dimostrando utile sia per sostenere i lavoratori in esubero sia per le sfide future. È stata fornita consulenza specifica personalizzata a tutti i lavoratori in esubero a partire dal giorno in cui hanno ricevuto la comunicazione del licenziamento. Ulteriori misure occupazionali attive attuate tramite i finanziamenti FEG comprendevano la promozione dell imprenditorialità, indennità di mobilità e buoni per la formazione. Sono state anche condotte analisi delle competenze e delle capacità professionali. La formazione per consentire ai lavoratori di acquisire competenze al fine di svolgere nuovi lavori è stata una componente essenziale delle misure, a cui hanno partecipato 400 persone. Ciò dovrebbe comportare vantaggi significativi non solo per i lavoratori stessi, ma anche per la regione nel complesso, in particolare vista la collocazione periferica e il rischio di spopolamento. Dei 921 lavoratori che hanno beneficiato delle misure cofinanziate dal FEG, il 56,9 % ha trovato nuovamente lavoro entro la fine del periodo di attuazione. Il programma ha incontrato alcuni ostacoli. Il periodo di attuazione non è stato abbastanza lungo per portare a compimento misure quali la preparazione di nuove attività aziendali. Inoltre, non si sono potute realizzare alcune idee innovative poiché la legislazione nazionale non concedeva indennità per esse. I punti di forza e i punti deboli delle misure sono stati analizzati in profondità, come anche le sfide affrontate e le opportunità emerse. Tale analisi può essere utile per altre regioni o settori che si trovano in una situazione analoga. Nel caso della Carelia settentrionale, le misure attuate per gestire l episodio Perlos hanno consentito ai servizi regionali per l impiego di realizzare piani di emergenza per ulteriori esuberi su larga scala. 16 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

19 Intervista Intervista Mika Juvonen Mika Juvonen ha ricevuto una formazione come ingegnere automobilistico e lavorava come responsabile di officina e manutenzione in un autofficina prima di entrare alla Perlos. Ha lavorato come responsabile di produzione e fabbricazione alla Perlos per quasi dieci anni. È stato uno degli ultimi dipendenti a lasciare l azienda quando essa ha dislocato la produzione al di fuori della Finlandia. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? Non mi sono reso conto che la fabbrica avrebbe chiuso così in fretta. Ero lì da dieci anni e conoscevo bene l azienda, quindi ho provato un senso di paura e insicurezza, anche se i miei piani per il futuro erano già chiari prima di essere licenziato. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? Ha avuto delle ripercussioni sulla mia vita familiare in quanto mia moglie è stata licenziata all incirca nello stesso periodo. Ed è stato un colpo ancora più duro, in quanto era più inaspettato. Come ha cercato un altro lavoro? I primi licenziamenti significativi si erano verificati a marzo 2006, circa un anno prima che la produzione terminasse definitivamente in Finlandia. I tagli alla produzione sono diventati più probabili durante quell estate e autunno, ma è stata pur sempre un assoluta sorpresa quando la produzione è stata interamente bloccata. Ne abbiamo discusso tra colleghi e io ho iniziato a programmare di avviare un attività in proprio. Avevo 39 anni all epoca. I nostri figli erano abbastanza grandi e io avevo esperienza gestionale. Verso quale settore si è indirizzato e perché? Il mio programma prevedeva la produzione di biogas e fertilizzante. Mio cognato e suo cognato avevano avuto l idea, ma non avevano il tempo di svilupparla. Io ero interessato perché mi consentiva di sfruttare la mia esperienza nella direzione di progetti e nel settore automobilistico, in quanto generiamo elettricità a partire da biogas utilizzando dei motori. In futuro, speriamo di applicarlo alle auto producendo biometano. Inoltre, provengo dalla campagna e i miei genitori possiedono una fattoria. La nostra azienda può produrre fertilizzante per la coltura biologica di circa ettari l anno. Dal punto di vista dei miei ideali, sono sempre stato interessato alle tematiche ambientali. Voglio fare del mondo un posto migliore per la vita dei nostri figli, e questo deve avvenire in modo economicamente sostenibile. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? La consulenza fornita dal centro per l impiego è stata eccellente. Conoscevo le persone perché avevo lavorato nel settore del reclutamento in passato e ora mi trovavo dall altra parte della barricata. Avevamo un ottimo rapporto e sono stati di grande aiuto. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 17

20 Intervista 18 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

21 Intervista Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Sapevo fin dall inizio che avrebbero fatto richiesta per i finanziamenti FEG. Eravamo in attesa della risposta con il fiato sospeso. In che modo l ha aiutata? Il finanziamento mi ha consentito di studiare tecnologia ambientale, bioenergia come attività aziendale e i fabbisogni energetici delle fattorie avendo al tempo stesso un reddito certo. Mi ha anche permesso di ottenere i contatti e la base di conoscenze necessari per la nostra azienda. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Ho la mia azienda della quale sono il maggiore azionista insieme a mio cognato e suo cognato. Il nostro investimento complessivo è stato di 5,5 milioni di euro, quindi l azienda ha un grande debito, ma il clima aziendale per la produzione energetica tramite il riciclaggio di rifiuti è favorevole. Lavoro molto più di prima e guadagno meno, ma sono ottimista. Oltre a me, impieghiamo attualmente quattro persone a tempo pieno e tre parttime. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? È necessario sfruttare al meglio la formazione e la consulenza a disposizione. Il raggiungimento dei propri obiettivi richiede duro lavoro ed è necessario credere di poter trasformare una situazione negativa in qualcosa di più positivo. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 19

22 Informazioni generali Alytaus Tekstile, Lituania Il fallimento dell azienda Alytaus Tekstile a Alytus, in Lituania, dovuto alla delocalizzazione generale della produzione tessile e di abbigliamento verso mercati a basso costo, ha causato esuberi tra ottobre 2007 e febbraio La Lituania ha pertanto presentato domanda per un finanziamento FEG a maggio Prima che la Lituania entrasse a far parte dell UE nel 2004, gli Stati membri UE costituivano il principale mercato per le esportazioni tessili lituane. In seguito alla scadenza dell accordo multifibre dell OMC lo stesso anno, il valore delle importazioni UE dei prodotti tessili e di abbigliamento cinesi è salito a 22,9 miliardi di euro nel 2005, quasi il doppio rispetto al Le limitate dimensioni del mercato nazionale lituano, con l 80 % della produzione tessile e di abbigliamento del paese destinato all esportazione, hanno fatto sì che il settore tessile lituano nel suo complesso fosse duramente colpito dalla concorrenza. Poiché i costi di produzione erano circa quattro volte superiori a quelli della Cina, Alytaus Tekstile non è stata in grado di sostenere la concorrenza. Anche gli accresciuti costi energetici e la ricollocazione di molti dei suoi principali clienti hanno contribuito alla chiusura dell azienda. Sono state fornite misure occupazionali attive per oltre un anno a partire da maggio 2008, inizialmente ai 600 lavoratori che ancora necessitavano di aiuto nel momento in cui è stata presentata la domanda e poi ad altri 19. Tali misure comprendevano aiuto nella ricerca di lavoro, sviluppo di piani personalizzati, riqualificazione, supporto nella ricerca di tirocini, sostegno all imprenditorialità e indennità per la formazione e la ricerca di lavoro. Alla fine del periodo di attuazione, il 53 % dei lavoratori coinvolti aveva trovato lavoro, mentre il 12 % era ancora disoccupato. Quasi un quarto aveva deciso di andare in pensione, poiché quasi la metà delle persone coinvolte aveva un età compresa tra i 54 e i 64 anni. La restante parte non cercava più lavoro per problemi di salute e disabilità. Il fatto che il 99 % del finanziamento FEG sia stato speso dimostra che il preventivo iniziale era preciso e realistico. Inoltre, per alcune misure, il costo dichiarato durante la procedura di appalto si è dimostrato inferiore alle stime iniziali, per cui hanno potuto partecipare più persone. In tal modo, il numero di beneficiari della promozione imprenditoriale e dell aiuto occupazionale ha superato le previsioni rispettivamente del 35 % e 32 %. 20 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

23 Intervista Intervista Gerimantas Žukauskas Gerimantas Žukauskas era capo dipartimento alla Alytaus Tekstile, responsabile di 500 dipendenti. Con il fallimento dell azienda a novembre 2007, Gerimantas è rimasto senza lavoro. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? È stato un bel colpo in quanto ero a capo di un ampio dipartimento, uno dei quattro dell azienda. Come ha cercato un altro lavoro? La prima cosa da fare è comunicarlo all ufficio di collocamento. Mi hanno detto che esisteva un programma di sostegno. Come ex capo dipartimento avevo alcuni contatti, così ho cercato di ottenere aiuto da loro. Ho anche provato a chiedere ad amici e pensato di lavorare all estero. Qual è stata la sua esperienza di formazione ricevuta dopo aver perso il lavoro? Non ho avuto bisogno di formazione. L ufficio di collocamento sapeva qual era la mia posizione e di quali qualifiche ed esperienza disponevo. Come capo dipartimento maturi molta esperienza ed è più difficile apprendere nuove cose quando si ha 40 anni e si è altamente qualificati. È più semplice riqualificare un lavoratore anziché una risorsa del mio genere. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Un contatto lettone che aveva lavorato nel settore tessile per alcuni anni e aveva condotto affari con la Alytaus Tekstile ha suggerito a me e ad alcuni miei colleghi di fondare un impresa comune con lui. Con la crisi e la contrazione del mercato, non abbiamo visto altre alternative. Quando ci siamo uniti, il mio contatto lettone aveva già istituito l azienda, che ora si chiama Alytaus Teksera. Siamo diventati azionisti e ora operiamo da quattro anni con un fatturato annuo di euro. Ci avvaliamo di cinque collaboratori; quattro di noi erano direttori alla Alytaus Tekstile, più il lettone. Il sostegno UE ci ha consentito di avere i fondi sufficienti per avviare l azienda. Sapevate che tale sostegno era cofinanziato dal FEG? Sì, lo sapevamo. Il sostegno è stato di grande aiuto, altrimenti non avremmo potuto creare l azienda. Ne siamo molto grati. Sarei interessato a un ulteriore aiuto poiché abbiamo stabilito molti contatti e le persone vedono che l azienda è in fase di sviluppo. Il primo anno non abbiamo registrato profitti, ma nei tre anni successivi sì. Sono anche felice di avere l opportunità di mostrare alle persone come l UE può aiutarle. Qual è il principale obiettivo della vostra nuova azienda? Inizialmente volevamo concentrarci sulla produzione e abbiamo cercato di acquistare attrezzature. Il co-proprietario lettone disponeva di alcuni fondi, ma avevamo anche bisogno di credito. Non avendo beni, le banche non ci avrebbero concesso prestiti. Questo ha coinciso con il momento peggiore della crisi e ci ha portato a concentrarci sulle importazioni ed esportazioni. Ora abbiamo in affitto un magazzino della Alytaus Tekstile, che attualmente è sotto una nuova direzione. Abbiamo in programma di acquistarlo se otterremo un prestito. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? Noi ricoprivamo posizioni direttive e potrei dare consigli solo alle persone con un lavoro analogo. Conoscevamo il mercato e il suo funzionamento e il fallimento non ha rappresentato la fine del mondo, bensì un opportunità. Le persone che affrontano il fallimento la vedono diversamente, dunque direi semplicemente che non è necessario temerlo. Se si ottiene aiuto dall UE, si deve sfruttarlo al meglio, guardare al futuro ed essere consapevoli che è necessario plasmarlo in prima persona. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 21

24 Informazioni generali Nord-Centro, Portogallo Si è registrato un totale di esuberi in 49 aziende tessili (di cui 39 nella regione Nord e 10 nella regione Centro) tra febbraio e novembre 2008, più altri 138 nei due mesi successivi. Questo ha condotto le autorità portoghesi a presentare una domanda di finanziamento FEG a gennaio Dall inizio degli anni novanta, il settore tessile, di abbigliamento e calzature europeo è stato attraversato da un processo di ristrutturazione su vasta scala, tra cui la riduzione della manodopera di quasi un terzo. Con la fine dell accordo multifibre dell OMC nel 2004, le importazioni UE di prodotti tessili e di abbigliamento da paesi a più basso costo sono quasi raddoppiate, e i produttori nelle regioni Nord e Centro del Portogallo hanno dovuto affrontare un rapido aumento della concorrenza. Si prevedeva che il mercato si sarebbe stabilizzato nel 2007/2008 grazie agli adeguamenti delle aziende e alla modernizzazione dell industria tessile nazionale. Tuttavia, la situazione economica in via di deterioramento ha comportato ulteriori chiusure e un brusco calo della fiducia dei consumatori. Il settore tessile e di abbigliamento rappresenta oltre il 14 % della forza lavoro nella regione Nord, mentre nella regione Centro rappresenta il 15 % dell occupazione industriale totale. Nel 2007, gli esuberi nel settore tessile rappresentavano il 4 % della disoccupazione totale portoghese. Inoltre, il 97,8 % della disoccupazione derivante dai licenziamenti nel settore tessile si concentra nelle regioni Nord e Centro. La regione Nord registra il più basso reddito pro capite e il più alto tasso di disoccupazione nel paese. Entrambe le regioni sono caratterizzate da livelli di istruzione e qualifica relativamente bassi. La regione Nord è stata anche colpita dall insolvenza della multinazionale tedesca, Qimonda AG, produttrice di computer e prodotti elettronici e ottici. La crisi finanziaria e la conseguente contrazione dell economia globale hanno ridotto la capacità di Qimonda di investire nell innovazione e attrezzature per la produzione. Inoltre, la sovraccapacità nel mercato della Dynamic Random Access Memory ha esercitato pressioni sui prezzi, costringendo molte aziende a tagliare la produzione. La produzione nella fabbrica tedesca che forniva materie prime all unità portoghese è stata bloccata. Per tali ragioni, insieme alla mancata conclusione di accordi con potenziali investitori, Qimonda in Portogallo è stata costretta all insolvenza. 22 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

25 La perdita di Qimonda ha comportato quasi esuberi nella regione Nord. Si tratta di un duro colpo per le prospettive della regione, in quanto Qimonda era considerata una storia di successo per via degli investimenti nell innovazione e sviluppo tecnologico e i tentativi di affermarsi sul mercato internazionale. Nel caso dell industria tessile, si era inizialmente programmato di offrire misure occupazionali attive quali il riconoscimento delle competenze, convalida e certificazione, formazione professionale, contributi per la formazione, sostegno all imprenditorialità e sviluppo di programmi occupazionali personali per tutti i lavoratori. Infine, solo 720 hanno partecipato. La partecipazione a gran parte delle misure è stata inferiore alle aspettative, ad eccezione della formazione professionale, alla quale hanno partecipato in 714, rispetto ai previsti 250. I costi delle misure sono stati inferiori a quanto preventivato, giacché i lavoratori hanno optato principalmente per i corsi di formazione più brevi. Circa un quarto dei lavoratori coinvolti avevano 55 anni o più, con bassi livelli di istruzione e competenze. Il 79 % non aveva portato a termine i nove anni di istruzione di base, e un altro 13 % non aveva portato a termine l istruzione secondaria. Tuttavia, si è riscontrata una maggiore volontà di partecipazione tra gli over 55, e anche le donne con livelli di istruzione più avanzati erano ben rappresentate. Misure formative più lunghe avrebbero potuto essere proficue, ma non è stato possibile visto il breve periodo di attuazione. Ciononostante, i partecipanti hanno riconosciuto che la formazione di base in informatica, insieme al riconoscimento delle esperienze precedenti, avevano accresciuto la loro impiegabilità. Alla fine del periodo, 30 dei 720 lavoratori avevano trovato lavoro; altri 9 erano impegnati nell apprendimento o formazione, e i restanti 681 erano ancora disoccupati, con poche prospettive lavorative. Gli esiti hanno dimostrato la necessità di una maggiore pubblicità di simili azioni, ampio coinvolgimento dei centri per l impiego e rispetto di una tabella di marcia di azioni per tutto il periodo di attuazione. Un ulteriore punto derivante dall esperienza era la necessità di considerare attentamente la selezione delle aziende da inserire nelle misure FEG a livello regionale. In seguito all insolvenza di Qimonda, sono state fornite misure occupazionali attive a 839 lavoratori tra giugno e ottobre I beneficiari hanno ricevuto contributi per la formazione e hanno potuto partecipare sia alla formazione professionale che imprenditoriale. I lavoratori hanno ricevuto sostegno per avviare le proprie aziende e trovare tirocini lavorativi, consentendo loro in tal modo di acquisire esperienza pratica. Inoltre, ai potenziali datori di lavoro sono stati garantiti incentivi per l assunzione degli ex lavoratori di Qimonda. Infine, le misure FEG hanno consentito ai lavoratori in esubero di riconoscere in maniera più adeguata le competenze acquisite, garantendo una maggiore convalida e certificazione delle competenze. Vitor Macedo e Mafalda Ferreira hanno coordinato due misure FEG per i lavoratori del settore tessile in esubero. Una misura sosteneva il reinserimento dei lavoratori sul mercato del lavoro. L altra promuoveva l imprenditorialità. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 23

26 Intervista Intervista Vitor Macedo Gli esuberi come hanno influenzato il settore? Nella nostra regione, i lavoratori interessati dalla domanda FEG nel settore tessile sono stati licenziati in diverse aziende. Si tratta di una conseguenza della crisi nell industria tessile dovuta alla concorrenza dei paesi asiatici. Le persone e le aziende avevano caratteristiche specifiche. Perciò non disponiamo di una misura accurata dell impatto reale. I lavoratori in esubero come hanno cercato un nuovo lavoro? Molti lavoratori avevano più di 50 anni e disponevano di scarsa istruzione, rendendo difficile trovare lavoro nel nostro settore. Svolgevano lavori molto specifici, spesso da 20 o 30 anni, perciò era difficile per loro sviluppare nuove competenze nel contesto della riqualificazione. Esisteva un elevato livello di consapevolezza del FEG tra i beneficiari? Abbiamo cercato di informarli in merito, ma per molti generava confusione. Molte persone confondevano il FEG con altri finanziamenti europei, in particolare il Fondo sociale europeo. 24 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

27 Intervista In che modo le misure FEG sono state di aiuto? Speriamo che le misure abbiano aiutato a rendere le persone più attive e a dar loro la speranza di trovare lavoro. È stata la prima domanda FEG per la regione Nord e abbiamo avuto solo quattro mesi per attuarla. Per coinvolgere un gran numero di persone, abbiamo deciso di utilizzare quella che chiamiamo formazione a banda larga sulle competenze informatiche, convalida e certificazione di competenze. Per via dell età delle persone e della crisi nell industria tessile, le misure non hanno avuto l impatto che ci saremmo aspettati. Ha qualche suggerimento per rendere tali misure più efficaci in futuro? Accogliamo favorevolmente il prolungamento del periodo di attuazione delle misure FEG da un anno a due. L esperienza con il settore tessile ci ha concesso di migliorare il nostro approccio per tre nuove domande, una per l azienda di semiconduttori Qimonda, una per Rohde, un azienda di calzature tedesca e una terza per l industria delle componenti per auto. Abbiamo migliorato la pianificazione per l attuazione delle misure, in particolare cooperando con i sindacati e altre parti. Inoltre, cosa importante, è stata progettata una serie di misure più flessibili. Esse comprendono il sostegno individuale per la formazione professionale e l aiuto ai lavoratori che intendono avviarsi verso la libera professione. Abbiamo anche aumentato la diffusione delle informazioni relative alle misure. Questo ha attirato l interesse dei lavoratori e aumentato la consapevolezza del sostegno FEG. A che punto vi trovate con le altre domande? Le misure Qimonda stanno per concludersi e il progetto Rohde è a metà percorso. Per Qimonda ci siamo concentrati sulla riqualificazione dei lavoratori per altre attività, poiché non esiste un altra azienda nella regione produttrice di semiconduttori. Per quanto riguarda Rhode, l industria calzaturiera è orientata verso le esportazioni ed è in crescita in Portogallo, perciò cerchiamo di aiutare i lavoratori ad acquisire le competenze richieste dalle piccole e medie imprese nella regione per riportarli all interno del settore. Per quanto riguarda l industria delle componenti per auto, abbiamo organizzato sessioni di presentazione delle misure, e i centri per l impiego stanno attualmente conducendo colloqui più personalizzati, al fine di individuare il giusto impiego e misure di formazione per ogni lavoratore. Qual è la prospettiva per la zona in termini di occupazione? La situazione attuale è difficile. Il mercato dell occupazione è stato duramente colpito dalla crisi. Nel caso dell industria tessile, i risultati dell intervento FEG non sono stati all altezza delle aspettative, essenzialmente per via dell età avanzata e delle qualifiche limitate dei beneficiari. Per Qimonda e Rohde, ci aspettiamo un significativo ritorno delle persone sul mercato del lavoro. Le situazioni variano tra i diversi settori, ma siamo ottimisti poiché con tali misure possiamo concentrarci maggiormente su problematiche specifiche e trovare soluzioni più efficaci. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 25

28 Intervista Intervista Mafalda Ferreira Può citare esempi di persone che hanno usufruito delle misure? Per la misura volta al reinserimento sul mercato del lavoro, avevamo a che fare con persone di una certa età, prevalentemente donne, con un basso livello di istruzione che avevano svolto lo stesso lavoro per 20 o 30 anni. Non disponevano di competenze che potevano essere trasferite in altre attività. Godevano di scarsa autostima e non erano motivate. Per la misura relativa allo viluppo dell imprenditorialità, le persone avevano maggiori competenze ma erano anch esse scarsamente motivate. In cosa consistevano le misure per il primo gruppo? Abbiamo provato a motivare il primo gruppo a cercare attivamente un nuovo lavoro e li abbiamo sostenuti nella ricerca di opportunità. Abbiamo cercato di aiutarli a sfruttare al meglio le competenze acquisite durante la vita che potessero aiutarli nella ricerca di un occupazione. Li abbiamo guidati verso svariati tipi di formazione, mostrato loro l importanza di nuove competenze e persuasi che avrebbero potuto fare cose diverse. Abbiamo dovuto insegnare loro a scrivere CV e affrontare colloqui. Alla fine del processo avevano una prospettiva diversa e intendevano investire nelle loro carriere. E per quanto riguarda il secondo gruppo? Ci siamo concentrati nell aiutarli ad acquisire competenze tecniche in modo che, una volta deciso in che settore lavorare, sapessero come agire. Hanno sviluppato programmi aziendali, valutato la fattibilità e cercato finanziamenti, sostenuti da una squadra di formatori. Alcuni si sono resi conto che i propri programmi non erano finanziariamente fattibili e li hanno riprogettati. Altri, invece, hanno proseguito. In quali settori queste persone hanno avviato aziende? Per molti è stato il settore collegato al loro precedente lavoro. Alcuni lavoravano nel ramo finanziario dell industria tessile e hanno iniziato a fornire consulenza finanziaria. Altri lavoravano nel marketing, così hanno creato aziende per sostenere le PMI nel marketing. Un terzo gruppo lavorava nei laboratori tessili e ha deciso di creare società di consulenza per aiutare le piccole imprese nella realizzazione di laboratori conformi agli standard procedurali e in materia di attrezzature. 26 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

29 Intervista I lavoratori che hanno ricevuto formazione sono rimasti nel settore tessile? A causa della crisi nel settore, abbiamo cercato di aiutarli a spostarsi verso altri settori. Nella nostra regione, alcuni settori hanno riscosso un ragionevole successo, come quello dei servizi, in particolare ristoranti e hotel. Alcune persone si sono inserite in questo settore. Un altra possibilità è rappresentata dalle piccole imprese che producono componenti metalliche che non hanno bisogno di personale altamente qualificato. Un terzo settore, specialmente per le donne, è rappresentato dall assistenza agli anziani. Le storie più interessanti sono di donne che all inizio del programma hanno detto di aver lavorato nello stesso settore per 40 anni e di non essere in grado di fare altro e alla fine hanno cercato e trovato nuovi lavori. Esisteva un elevato livello di consapevolezza del FEG tra i beneficiari? Inizialmente no. Si trovavano sul gradino più basso e non riuscivano a credere che qualcuno si sarebbe preoccupato di loro. Fin dall inizio, abbiamo esposto le misure e spiegato alle persone che eravamo interessati al loro futuro. Ha suggerimenti su come rendere tali misure più efficaci? Sono necessari tempo e lavoro approfondito per aiutare questo gruppo di interesse a sviluppare competenze. Vorremmo che le misure durassero di più e poter lavorare su una base maggiormente individuale. Qual è la prospettiva per la zona in termini di occupazione? Stiamo attraversando una grave crisi. Ogni giorno, delle aziende presentano istanza di fallimento. L industria tessile naviga in cattive acque, sebbene provengano segnali positivi da settori quali i servizi e la lavorazione del metallo. Le aziende che hanno introdotto metodi innovativi nei propri processi produttivi stanno ora producendo beni per l esportazione. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 27

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli Donne in età adulta e mondo del lavoro: recuperare il gap tecnologico Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli 1.Uno sguardo alla condizione svantaggiata

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE PER RISPARMIARE SU LUCE E GAS A CASA E IN AZIENDA STEFANO MACRI AZIONI VINCENTI PER RISULTATI ECCELLENTI 1 STEFANO MACRI Imprenditore fin dal 1994, coltivo da sempre

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

Case Study Bomat, Azienda Meccanica, Brugnera, Italy

Case Study Bomat, Azienda Meccanica, Brugnera, Italy Case Study Bomat, Azienda Meccanica, Brugnera, Italy Azienda meccanica taglia del 57% i propri costi di illuminazione Collaborando con Thorn Italia, EMPower ottiene un maggior successo per la propria attività

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

BeLL Questionario. www.bell-project.eu

BeLL Questionario. www.bell-project.eu Q BeLL Questionario www.bell-project.eu Gentile corsista, L obiettivo di questa indagine è raccogliere informazioni sulla sua esperienza di apprendimento in età adulta. Siamo interessati in particolare

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.»

Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.» Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.» Apprendistato commerciale. Un ingresso efficace nel mondo del lavoro. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Rassegna Stampa Lunedì 24 Agosto 15

Rassegna Stampa Lunedì 24 Agosto 15 Rassegna Stampa Lunedì 24 Agosto 15 UIL Regione Basilicata Via Napoli, 3 85100 Potenza Tel. 0971/411435 444221 410556 Fax 0971/34092 E-mail urbasilicata@uil.it BARBAGALLO. ''OK A MISURAZIONE: L'INTESA

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

RELAZIONI UMANE E LA QUALITA

RELAZIONI UMANE E LA QUALITA IL «GIUSTO» NET-WORKING CHE MIGLIORA LA PROFESSIONE, LE RELAZIONI UMANE E LA QUALITA DELLA VITA SIAMO QUI RIUNITI. PER APPRENDERE E SPERIMENTARE NUOVI SISTEMI PER : AFFRONTARE CONSAPEVOLMENTE I CAMBIAMENTI

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO

STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO VITE REALI STORIE VERE CAMBIAMENTI CONCRETI... OTTIMO LAVORO! STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO Fornire microfinanziamenti alle startup italiane, formare taglialegna in Scozia, ispirare i giovani scienziati

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US?

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Newsletter VI - 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Argomenti Polonia: come far quadrare i conti, i più poveri d Europa. Reclutamento per il workshop in Polonia Italia: combattere

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione IV trimestre 213 Rapporto in sintesi I consumatori continuano a pensare che l inflazione salirà oltre i livelli attuali, sia nel breve (un anno) che

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014 INDAGINE ON-LINE Settembre 2014 Rispondenti Indagine on-line condotta fra il 10-15 settembre 2014 (23,8% dei lavoratori sono giovani 15-29 anni) Settore Merceologico * Commercio 36,9% 26,2% 25,4% 11,5%

Dettagli