Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione. Storie di opportunità create dal FEG"

Transcript

1 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG

2 Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Per utilizzare o riprodurre foto prive di copyright dell Unione europea, l autorizzazione deve essere richiesta direttamente al detentore del copyright. Foto di copertina: 1, 2: Unione europea; 3: 123RF Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea Numero verde unico (*) (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l accesso ai numeri o non ne accettano la gratuità. Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu). Una scheda catalografica, con un sommario, figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea, 2012 ISBN doi: /50518 Unione europea, 2012 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte.

3 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione Storie di opportunità create dal FEG Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari sociali e l inclusione Unità C.2 Manoscritto terminato nell ottobre 2011

4

5 Premessa Dal 2007, il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione dimostra la solidarietà dell Unione europea nei confronti dei lavoratori che hanno perso il lavoro a causa dei grandi mutamenti strutturali nel commercio mondiale derivanti dalla globalizzazione. Dal 2009, la sfera d azione del FEG è stata ampliata al fine di coprire la stessa tipologia di situazioni, ma causate direttamente dalla crisi economica e finanziaria mondiale. Il FEG sostiene gli Stati membri nei loro tentativi di affrontare rapidamente le ripercussioni negative a breve termine della globalizzazione, in particolare sull occupazione dei lavoratori più vulnerabili e meno qualificati. Durante la breve storia del Fondo sono state ricevute 78 domande di contributo da parte di 19 Stati dell Unione europea (UE), che hanno comportato lo stanziamento di 357,6 milioni di euro in contributi finanziari. Tuttavia, l elemento di maggior rilievo è rappresentato dai lavoratori che hanno ricevuto sostegno tramite la solidarietà europea espressa dal FEG. Le sette storie presentate in questa pubblicazione illustrano il potenziale del FEG nel contribuire al reinserimento professionale di coloro che hanno perso il proprio posto di lavoro. Il reinserimento professionale di lavoratori in aree, settori, territori o mercati del lavoro attraversati da gravi perturbazioni economiche non è impresa semplice. Il finanziamento europeo completa, integra o proroga le misure nazionali già a disposizione dei lavoratori in esubero, aumentando le loro opportunità di trovare lavoro in circostanze talvolta piuttosto difficili. L esperienza ha dimostrato che il FEG sostiene principalmente i gruppi di lavoratori meno qualificati e ai quali è più difficile prestare aiuto. Li ha aiutati, in particolare, a sviluppare la propria fiducia e autostima, a rinnovare e migliorare le abilità nella ricerca di lavoro e nell aggiornare le proprie capacità e impiegabilità. Il sostegno del FEG ha migliorato notevolmente le possibilità dei lavoratori assistiti di trovare un nuovo lavoro: più del 40 % dei lavoratori che hanno ricevuto aiuto ha trovato un nuovo lavoro subito dopo aver partecipato alle misure FEG. È auspicabile che il FEG continui a dimostrare la solidarietà europea nei confronti dei lavoratori durante il prossimo periodo di programmazione ( ). A tal fine, la Commissione europea ha presentato una proposta per un nuovo FEG affinché prosegua l attuale lavoro, permettendo al tempo stesso anche ai lavoratori temporanei e interinali, lavoratori autonomi e direttori-proprietari di microimprese, compresi gli agricoltori, di usufruire di tale sostegno. László Andor Commissario europeo per l Occupazione, gli affari sociali e l integrazione Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 3

6

7 Indice Premessa 3 Introduzione 7 Nokia, Germania 8 Intervista Thomas Eming 10 Industria automobilistica, Castilla y León e Aragona, Spagna 12 Intervista Alberto Cascán Pardo 13 Intervista María Jesús Sain Ruiz 15 Perlos, Finlandia 16 Intervista Mika Juvonen 17 Alytaus Tekstile, Lituania 20 Intervista Gerimantas Žukauskas 21 Nord-Centro, Portogallo 22 Intervista Vitor Macedo 24 Intervista Mafalda Ferreira 26 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 5

8

9 Introduzione L economia mondiale può riservare sorprese come l improvvisa chiusura di stabilimenti oppure il rapido declino d interi settori. Di conseguenza, i governi nazionali si trovano a fronteggiare ampi gruppi di lavoratori il cui lavoro è improvvisamente scomparso. Le normali misure del mercato del lavoro possono non essere sufficienti per affrontare le conseguenze che tali eventi possono creare in una singola regione o settore industriale. Al fine di evitare disastrose conseguenze a livello umano ed economico, un aiuto rapido ed efficace è di vitale importanza. L UE ha pertanto istituito il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) per aiutare i lavoratori che hanno perso il lavoro a causa della globalizzazione e della crisi economica e finanziaria mondiale a trovare una nuova occupazione il prima possibile. Il FEG cofinanzia misure fino a 24 mesi, tra cui assistenza nella ricerca di un impiego, orientamento professionale, riqualificazione, certificazione dell esperienza e aiuto alle attività professionali autonome. Contribuisce altresì a finanziare misure di durata limitata, quali le indennità di mobilità e per la ricerca di lavoro oppure le indennità per chi partecipa ad attività di formazione e di apprendimento. Tali servizi sono resi disponibili ai lavoratori coinvolti il più velocemente possibile dopo il licenziamento, mentre lo Stato membro prepara la domanda per il finanziamento FEG. Lo Stato membro deve dimostrare che esiste un significativo numero di esuberi causati da profondi mutamenti nel commercio mondiale o dalla crisi economica e finanziaria. Si spiegheranno le motivazioni dell assistenza e come sarà impiegata, dimostrando l impatto degli esuberi sulla regione coinvolta e il modo in cui il finanziamento FEG aiuterà i lavoratori a trovare un nuovo impiego nello stesso settore oppure in nuovi settori potenzialmente promettenti. In seguito, lo Stato membro presenta la domanda alla Commissione europea, che la valuta prima di proporre un contributo al Parlamento europeo e al Consiglio. Dopo aver ottenuto l approvazione, il FEG può cofinanziare i servizi pertinenti, compresi i servizi già forniti prima della presentazione della domanda. Per poter usufruire dei servizi finanziati dal FEG, i lavoratori devono aver perso il proprio lavoro in seguito a un esubero di 500 o più dipendenti all interno di una singola azienda e dei suoi fornitori nell arco di quattro mesi. Ne possono usufruire anche i lavoratori direttamente colpiti dagli esuberi di almeno 500 dipendenti nello stesso settore in una regione o in due regioni contigue nell arco di nove mesi. Durante la fase iniziale, il principale obiettivo del FEG era di riconciliare gli effetti positivi a lungo termine del libero scambio sulla crescita e l occupazione con le conseguenze negative a breve termine che possono derivare dalla globalizzazione, ripercuotendosi in particolare sui lavoratori vulnerabili e scarsamente qualificati. L azione del FEG non deve essere vista unicamente come misura di emergenza, bensì anche come misura che può comportare effetti positivi a lungo termine. Ad esempio, contribuendo alla riqualificazione dei lavoratori in nuove attività o competenze, può permettere all occupazione fondata sulla conoscenza di sostituire industrie che sono state chiuse, migliorando in tal modo le economie regionali. Questo opuscolo contiene dettagli relativi all impatto di azioni concrete del FEG in cinque Stati membri UE (Germania, Spagna, Finlandia, Lituania e Portogallo) sotto forma di informazioni di carattere generale sulle circostanze relative alle azioni specifiche. Per ciascun caso, le informazioni generali sono accompagnate dalle storie personali di singoli lavoratori che, essendo in esubero, hanno beneficiato del sostegno del FEG, oppure di persone coinvolte nell attuazione delle misure. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 7

10 Informazioni generali Nokia, Germania La Germania ha presentato domanda per il finanziamento FEG a febbraio 2009 in seguito alla perdita di posti di lavoro presso la stabilimento Nokia a Bochum (Renania settentrionale-vestfalia) durante il periodo luglio-novembre Domina la tendenza generale tra i produttori di apparecchi di telefonia mobile a ricollocare la produzione in mercati caratterizzati da alti livelli di crescita nella domanda di telefoni cellulari. I paesi a basso costo della manodopera nella regione Asia-Pacifico esercitano una forte attrattiva per le attività di ricerca e sviluppo nell ambito della telefonia mobile. Ciononostante, gli esuberi a Bochum sono stati inaspettati. Le informazioni fornite da Nokia sembravano indicare che la capacità a Bochum sarebbe stata mantenuta, in particolare perché le attività avevano registrato un guadagno nel Inoltre, il land della Renania settentrionale-vestfalia aveva fornito un notevole sostegno finanziario allo stabilimento. Gli esuberi rientravano nella sfera di responsabilità degli uffici per l impiego locali a Bochum, Gelsenkirchen, Recklinghausen e Dortmund. Tutti questi tendono ad avere un tasso di disoccupazione significativamente superiore rispetto ad altre zone della Renania settentrionale-vestfalia o della Germania. 8 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

11 A causa della crisi economica e finanziaria, la situazione occupazionale nelle aree coinvolte sembra essere vulnerabile. Questa situazione è dovuta, in particolare, all importanza delle industrie automobilistiche e siderurgiche a Dortmund, alla transizione dal settore minerario ad altri settori a Gelsenkirchen, alla dipendenza dalla produzione di materiali sintetici per il settore automobilistico a Recklinghausen. Il finanziamento delle misure nell ambito del FEG è avvenuto da agosto 2008 a febbraio 2010, coinvolgendo lavoratori, e il ministero federale tedesco per il Lavoro e gli affari sociali ha provveduto al prefinanziamento delle misure finché non sono stati ricevuti i fondi FEG. Le misure comprendevano indennità a breve termine, formazione per qualifiche specifiche e di base tra cui formazione di gruppo, creazione di gruppi di sostegno reciproco, sostegno all imprenditorialità, domande di lavoro internazionali e tutoraggio durante le prime fasi dell impiego. La formazione fornita era orientata verso qualifiche per cui era presente domanda e integrava la formazione già fornita dal Fondo sociale europeo. I corsi comprendevano un seminario sulle tecniche di apprendimento che contribuivano a motivare i partecipanti a proseguire la formazione. I finanziamenti FEG hanno anche contribuito a ridurre di un quinto il rapporto tra consulente e persona alla ricerca di impiego, garantendo una consulenza più adeguata alle esigenze personali, assegnando ai lavoratori tutor adatti alle loro necessità. Dei lavoratori che hanno partecipato alle misure cofinanziate dal FEG, 385 (29,5 %) hanno trovato un nuovo impiego quattro settimane dopo la fine del periodo di attuazione. Di questi, 36 erano lavoratori autonomi. Altri 121 (9,3 %) erano impegnati nell apprendimento o formazione e i restanti erano disoccupati (737 o 56,5 %) o inattivi per varie ragioni personali (62 o 4,8 %). Sei mesi dopo la fine del periodo di attuazione, altre 42 persone precedentemente disoccupate hanno trovato un nuovo impiego, facendo salire il numero di lavoratori professionalmente reinseriti a 427. Il tasso di reinserimento era ulteriormente aumentato un paio di mesi dopo, dimostrando che il sostegno cofinanziato dal FEG può avere un impatto positivo anche a più lungo termine. Uno studio condotto dall università di Duisburg/Assia ha dimostrato che le società di trasferimento che aiutano i disoccupati a trovare potenziali datori di lavoro, come quella che ha sostenuto e aiutato gli ex dipendenti Nokia, sono efficaci nell incoraggiare i partecipanti a cercare lavoro attivamente. Ha dimostrato che, in media, le persone che hanno usufruito di tali enti hanno dedicato 33,6 ore a settimana alla formazione e alla ricerca di un impiego, una quantità di tempo superiore alle aspettative. I risultati dell azione mostrano una carenza di entusiasmo per la mobilità geografica, specialmente tra persone con un grado di istruzione inferiore. Tale atteggiamento era legato a vincoli familiari, paura di iniziare nuovamente in un altro luogo e il gruppo di età superiore di molti lavoratori coinvolti. In tale contesto, si è riscontrato che l efficacia del FEG era direttamente collegata alle condizioni economiche predominanti e alla capacità di assorbimento del mercato del lavoro locale. Infine, l esperienza ha fornito terreno fertile all iniziativa artistica, in quanto un regista teatrale ha realizzato un opera ispirata alle storie dei lavoratori e alla loro determinazione. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 9

12 Intervista Intervista Thomas Eming In seguito a una formazione tecnica e all esperienza nell ingegneria elettrica e di sistema, Thomas Eming ha lavorato per Nokia a Bochum per oltre un decennio. Quando Nokia ha deciso di chiudere lo stabilimento di Bochum, Thomas è stato licenziato. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei e sulla sua famiglia? In quel periodo ero in congedo parentale, quindi non ero al corrente di cosa stesse succedendo. Dovevo rientrare al lavoro quando si è diffusa la notizia che la fabbrica avrebbe chiuso. Contavo sullo stipendio. Quando hai un impiego stabile in un azienda non pensi che lo perderai. Pensavo che al termine del congedo parentale avrei semplicemente continuato a lavorare. Inoltre, avevamo appena acquistato una casa, quindi è stato un duro colpo. Come ha cercato un altro lavoro? Siamo stati tutti indirizzati a una società di trasferimento ed io ero preoccupato per il mio avvenire. Vista la mia età, pensavo che potesse essere difficile trovare un altro lavoro, così ho deciso di avviare un attività autonoma. Ho seguito un corso in commercio e consulenza energetica. Sono necessarie conoscenze commerciali per avviare un attività e la mia idea era di diventare consulente energetico nel settore immobiliare. 10 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

13 Intervista L attività di lavoro autonomo si è rivelata proficua? La formazione è stata piuttosto lunga e diversa dalle aspettative, tuttavia l efficienza energetica è importante per il futuro. I primi mesi non ho guadagnato nulla perché dovevo imparare molto. Ora procede bene. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? Ho partecipato a incontri e corsi di formazione settimanali su come presentare domanda di lavoro. È stata una buona esperienza e mi sono sentito adeguatamente sostenuto dalla società di trasferimento. Ci hanno offerto molte opportunità, ma io avevo un obiettivo preciso. Perciò, ho sfruttato le opportunità in maniera diversa rispetto agli altri. Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Inizialmente no. Dopo essere entrato nella società di trasferimento, mi sono iscritto al corso e alla camera di commercio pagando di tasca mia. È costato quasi euro. Ho parlato al mio consulente e alla società di trasferimento del corso della mia idea di avviare un attività in proprio. Mi ha risposto che avrebbe presentato una richiesta di finanziamento al FEG per farmi ottenere il rimborso. È stato un buon inizio per la mia attività in quanto mi ha consentito di poter acquistare prodotti, come ad esempio un computer. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Ho la mia attività come consulente energetico per gli immobili nel settore edile. I miei clienti desiderano ristrutturare i propri edifici e io fornisco loro consulenza su aspetti energetici. Esamino l edificio, scrivo una relazione e faccio raccomandazioni per il risparmio energetico. Questo tipo di consulenza è sostenuta dalle amministrazioni federali e regionali, dunque sono presenti numerosi finanziamenti per i clienti e io ne ottengo una parte. Ha qualche consiglio per le persone che si trovano in una situazione analoga? Alle persone di una certa età, consiglio di provare ad avviare un attività in proprio e di essere indipendenti. Io dipendo da altre persone ma sono il capo di me stesso e decido quanto lavorare. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 11

14 Informazioni generali Industria automobilistica, Castilla y León e Aragona, Spagna È stata presentata una richiesta di finanziamento FEG alla Commissione europea a dicembre 2008, relativa all industria automobilistica a Castilla y León e Aragona. Si sono verificati esuberi in 12 aziende del settore in queste due regioni tra gennaio e ottobre Tali esuberi sono avvenuti sulla scia di un calo a lungo termine della quota di mercato globale dell UE nel settore dei veicoli a motore. Per l UE a 27, questa è scesa dal 28,4 % nel 2004 al 26,9 % nel Nello stesso periodo, la produzione dell UE a 27 è aumentata del 7,5 %, rispetto al 13,3 % a livello mondiale. Le importazioni UE dei veicoli a motore in generale, e delle autovetture in particolare, sono aumentate sostanzialmente tra il 2003 e il Per i veicoli a motore le importazioni sono aumentate del 45 % e le esportazioni del 31 %, mentre per le autovetture gli aumenti sono stati rispettivamente del 44 % e 22 %. Fino al 2004, la Spagna è stata un esportatore netto di autovetture e componenti per veicoli a motore. Durante quell anno è diventata un importatore netto e il deficit commerciale in questo settore è aumentato di anno in anno. Per nove delle imprese coinvolte, gli esuberi sono una conseguenza dell aumento nell UE delle importazioni di auto e relative componenti e la diminuzione nella quota di mercato UE della produzione di veicoli. Mentre le altre tre sono anche state colpite dal calo della produzione automobilistica UE, i licenziamenti sono stati causati dalla delocalizzazione della produzione in paesi extra UE. In seguito agli esuberi, il FEG ha finanziato misure occupazionali attive per 588 lavoratori di quattro delle maggiori imprese. Le misure comprendevano l orientamento, la preparazione di percorsi individuali, formazione generica e specifica, sostegno al reinserimento degli specialisti e incentivi per la ricerca di lavoro. I posti di lavoro vacanti sono stati individuati anche grazie ai contatti con molte aziende nelle due regioni. Mantenere tali contatti anche dopo il periodo di attuazione dovrebbe accrescere le prospettive a lungo termine dei lavoratori. Entro la fine del periodo di attuazione, che andava da marzo 2008 a dicembre 2009, 184 lavoratori (35,5 %) avevano trovato nuovi posti di lavoro. Tali dati dovrebbero essere letti alla luce dell elevato tasso di disoccupazione in Spagna dovuto alla crisi economica e finanziaria. Coloro che non avevano trovato lavoro, hanno in ogni caso percepito che le misure avevano aumentato la loro impiegabilità. Avevano accresciuto la loro fiducia e autostima, sviluppandone l indipendenza e hanno consentito loro di acquisire le competenze necessarie quali la capacità di individuare gli obiettivi e pianificare percorsi personali verso un nuovo lavoro. Il FEG è considerato particolarmente adeguato per aiutare lavoratori con poche opportunità di trovare nuovamente un lavoro. La durata del periodo di sostegno e il budget consentono di fornire un ampia gamma di tutoraggio, consulenza e formazione permettendo ai lavoratori di fissare i propri obiettivi e programmi di carriera. 12 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

15 Intervista Intervista Alberto Cascán Pardo La grande azienda automobilistica internazionale per la quale Alberto Cascán Pardo lavorava da quasi 17 anni ha iniziato a registrare perdite. L azienda ha optato per un ricollocamento, chiudendo gli stabilimenti nella regione e licenziando i lavoratori, compresi Alberto e la moglie. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? Dopo 17 anni nello stesso posto, ti senti a tuo agio. Ti dedichi alla vita familiare e dimentichi la formazione o la preparazione per un lavoro diverso. Quando mi sono trovato senza lavoro, mi sono sentito completamente perso e non sapevo da dove iniziare la ricerca di un nuovo lavoro. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? L impatto è stato duro in quanto mia moglie lavorava nello stesso stabilimento e anche lei è stata licenziata. Abbiamo entrambi ricevuto l indennità di disoccupazione, ma non si può vivere così per sempre. Eravamo preoccupati per il futuro e uno dei due avrebbe dovuto trovare un lavoro visto che avevamo una figlia piccola. Come ha cercato un altro lavoro? Ho iniziato immediatamente, poiché non volevo restare disoccupato più del necessario. Mia moglie non ha iniziato la ricerca subito, visto che si prendeva cura di nostra figlia. Il primo passo è stato preparare un CV, cosa che non avevo mai fatto prima. Mi sono rivolto all ufficio di collocamento, ma poiché non arrivavano offerte ho deciso che dovevo guardarmi attorno autonomamente. Ho iniziato a consegnare CV alle aziende e una ha chiamato. Ho ottenuto un lavoro, che però è durato solo sei mesi poiché la produzione è diminuita bruscamente e hanno dovuto licenziare lavoratori, tra i quali c ero anche io. Qual è stata la sua esperienza di formazione ricevuta dopo aver perso il lavoro? Senza la formazione non avrei saputo come affrontare un colloquio di lavoro. Mi hanno aiutato a preparare un CV migliore e a vedere quali punti mettere in evidenza. Abbiamo simulato dei colloqui e ho iniziato a prendere confidenza. Quando ho dovuto affrontare un vero colloquio, mi sentivo molto più sicuro. Durante la formazione pratica ho imparato a utilizzare un carrello elevatore. Non abbiamo fatto tanta pratica quanto avrei voluto, ma in ogni caso mi ha aiutato a trovare un nuovo lavoro e, dopo due anni, lavoro ancora nello stesso posto. Per quanto riguarda mia moglie, ha frequentato un corso di informatica e ha imparato a usare il computer. Sua moglie ha trovato lavoro? Sì, ma ha impiegato più tempo. Effettua sostituzioni all ufficio postale, ma è una cosa abbastanza costante. All inizio la chiamavano per alcuni giorni, poi per un mese. A diverse riprese, ha continuato a lavorare. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 13

16 Intervista Sapeva che la formazione era cofinanziata dal FEG? Ne ero consapevole perché all inizio abbiamo avuto un colloquio con una serie di formatori che ci hanno detto che l iniziativa era in parte finanziata dall UE. Ha un contratto per l attuale lavoro? Ho trascorso 20 mesi come lavoratore temporaneo e ho poi ottenuto un contratto semestrale. Questa è la mia attuale posizione. Spero che mi rinnovino il contratto semestrale. Se lo faranno, diventerò un dipendente a tempo indeterminato. L idea mi alletta perché si tratta di un lavoro molto stabile. Anche l azienda per cui lavora attualmente è nel settore automobilistico? Realizza lastre di vetro per vetrine e simili. Le lastre sono realizzate dai macchinari ma poi è necessario spostarle da un posto all altro. Il corso che ho frequentato è stato perfetto per questo lavoro, poiché riguardava esattamente ciò che faccio attualmente; trasportare i prodotti con un carrello elevatore. Ha qualche consiglio per le persone in una situazione analoga? Non pensare che si possa semplicemente non fare nulla, vista la possibilità di richiedere l indennità. Io non l ho fatto e ne sono felice. È necessario iniziare a prepararsi per un lavoro diverso. Esistono corsi di formazione per tutti i tipi di lavoro e bisogna cogliere le opportunità. 14 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

17 Intervista Intervista María Jesús Sain Ruiz María Jesús Sain Ruiz lavorava presso lo stabilimento automobilistico Delphi ad Aragona. Quando l azienda ha deciso di dislocare la produzione fuori dall UE, Maria era tra coloro che hanno perso il posto di lavoro. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? È stato un duro colpo. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era che volevo continuare a lavorare. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? Come ho detto, è stato un duro colpo. Come se non bastasse, mio marito, che aveva lavorato come produttore di mobili nella stessa azienda per oltre 27 anni, è stato licenziato poco dopo. È tuttora disoccupato. Come ha cercato un altro lavoro? Ho provato di tutto. Ritengo che la formazione sia davvero importante, perciò ho pagato di tasca mia due corsi di formazione in informatica e farmacia. Quando mi è stata offerta l opportunità di un corso di formazione e consulenza organizzato dall istituto per l impiego di Aragona, ho accettato immediatamente. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? Per ragioni di tempo alcuni corsi si sovrapponevano, ma sono riuscita a seguire tutto. A volte frequentavo corsi di formazione per l intera giornata, perciò non sono pienamente soddisfatta dell organizzazione. Gli insegnanti erano, però, veramente ben preparati. Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Sì, ero al corrente che le misure erano cofinanziate dall UE. In che modo l ha aiutata? Ho seguito diversi corsi di formazione su argomenti quali le tecniche di ricerca del lavoro e il fotovoltaico. Ho anche seguito un corso per diventare animatrice per il tempo libero. Dopo questo corso mi è stato offerto un lavoro in una ludoteca, ma a causa di tagli al bilancio il mio contratto non sarà prolungato. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? Consiglierei di non rimanere seduti a casa, ma di utilizzare il tempo a disposizione per imparare qualcosa di nuovo. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 15

18 Informazioni generali Perlos, Finlandia Perlos è un produttore finlandese che realizza componenti in plastica per telefoni cellulari. Ha creato più di posti di lavoro nella regione della Carelia settentrionale, ma ora ha interamente dislocato la produzione fuori della Finlandia. Quando Nokia, il suo principale cliente, ha trasferito la produzione in Asia, Perlos è stata costretta a fare altrettanto. La Carelia settentrionale è una regione poco popolata, con un tasso di disoccupazione di circa il 15 %, quasi il doppio della media nazionale. Perdere Perlos, di gran lunga il più grande datore di lavoro, ha rappresentato dunque un durissimo colpo, che ha causato un totale di 915 esuberi nella regione. Di questi, 906 erano impiegati negli impianti Perlos Oyj a Joensuu e Kontiolahti e 9 provenivano da fornitori a monte. Si temeva che i lavoratori, per lo più di giovane età, avrebbero abbandonato la zona e perciò i servizi per l impiego hanno attuato un piano per la gestione della crisi. Nell ambito di tale piano, la Finlandia ha presentato domanda per i finanziamenti FEG alla Commissione europea il 18 luglio Il fatto che la domanda sia stata presentata rapidamente ha permesso ai servizi per l impiego di essere ragionevolmente sicuri del sostegno FEG al programma. Questo ha consentito di progettare un pacchetto di misure più ambizioso di quanto sarebbe stato altrimenti possibile. Il FEG ha di conseguenza stanziato oltre 1,3 milioni di euro per il periodo da marzo 2007 a luglio 2008, al fine di aiutare i lavoratori ad acquisire nuove qualifiche e a trovare nuovi posti di lavoro. Oltre al sostegno fornito dal FEG, altri programmi si concentravano sullo sviluppo e il sostegno regionale per un parco scientifico vicino all università. Come parte del piano, è stata condotta un indagine tra tutte le altre aziende locali per possibili posti di lavoro ed è stata avviata una campagna di marketing per attirare nuove aziende nella regione. Questo tipo di sviluppo e conservazione di un ampia rete di portatori di interesse si sta dimostrando utile sia per sostenere i lavoratori in esubero sia per le sfide future. È stata fornita consulenza specifica personalizzata a tutti i lavoratori in esubero a partire dal giorno in cui hanno ricevuto la comunicazione del licenziamento. Ulteriori misure occupazionali attive attuate tramite i finanziamenti FEG comprendevano la promozione dell imprenditorialità, indennità di mobilità e buoni per la formazione. Sono state anche condotte analisi delle competenze e delle capacità professionali. La formazione per consentire ai lavoratori di acquisire competenze al fine di svolgere nuovi lavori è stata una componente essenziale delle misure, a cui hanno partecipato 400 persone. Ciò dovrebbe comportare vantaggi significativi non solo per i lavoratori stessi, ma anche per la regione nel complesso, in particolare vista la collocazione periferica e il rischio di spopolamento. Dei 921 lavoratori che hanno beneficiato delle misure cofinanziate dal FEG, il 56,9 % ha trovato nuovamente lavoro entro la fine del periodo di attuazione. Il programma ha incontrato alcuni ostacoli. Il periodo di attuazione non è stato abbastanza lungo per portare a compimento misure quali la preparazione di nuove attività aziendali. Inoltre, non si sono potute realizzare alcune idee innovative poiché la legislazione nazionale non concedeva indennità per esse. I punti di forza e i punti deboli delle misure sono stati analizzati in profondità, come anche le sfide affrontate e le opportunità emerse. Tale analisi può essere utile per altre regioni o settori che si trovano in una situazione analoga. Nel caso della Carelia settentrionale, le misure attuate per gestire l episodio Perlos hanno consentito ai servizi regionali per l impiego di realizzare piani di emergenza per ulteriori esuberi su larga scala. 16 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

19 Intervista Intervista Mika Juvonen Mika Juvonen ha ricevuto una formazione come ingegnere automobilistico e lavorava come responsabile di officina e manutenzione in un autofficina prima di entrare alla Perlos. Ha lavorato come responsabile di produzione e fabbricazione alla Perlos per quasi dieci anni. È stato uno degli ultimi dipendenti a lasciare l azienda quando essa ha dislocato la produzione al di fuori della Finlandia. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? Non mi sono reso conto che la fabbrica avrebbe chiuso così in fretta. Ero lì da dieci anni e conoscevo bene l azienda, quindi ho provato un senso di paura e insicurezza, anche se i miei piani per il futuro erano già chiari prima di essere licenziato. Qual è stato l impatto sulla sua vita familiare? Ha avuto delle ripercussioni sulla mia vita familiare in quanto mia moglie è stata licenziata all incirca nello stesso periodo. Ed è stato un colpo ancora più duro, in quanto era più inaspettato. Come ha cercato un altro lavoro? I primi licenziamenti significativi si erano verificati a marzo 2006, circa un anno prima che la produzione terminasse definitivamente in Finlandia. I tagli alla produzione sono diventati più probabili durante quell estate e autunno, ma è stata pur sempre un assoluta sorpresa quando la produzione è stata interamente bloccata. Ne abbiamo discusso tra colleghi e io ho iniziato a programmare di avviare un attività in proprio. Avevo 39 anni all epoca. I nostri figli erano abbastanza grandi e io avevo esperienza gestionale. Verso quale settore si è indirizzato e perché? Il mio programma prevedeva la produzione di biogas e fertilizzante. Mio cognato e suo cognato avevano avuto l idea, ma non avevano il tempo di svilupparla. Io ero interessato perché mi consentiva di sfruttare la mia esperienza nella direzione di progetti e nel settore automobilistico, in quanto generiamo elettricità a partire da biogas utilizzando dei motori. In futuro, speriamo di applicarlo alle auto producendo biometano. Inoltre, provengo dalla campagna e i miei genitori possiedono una fattoria. La nostra azienda può produrre fertilizzante per la coltura biologica di circa ettari l anno. Dal punto di vista dei miei ideali, sono sempre stato interessato alle tematiche ambientali. Voglio fare del mondo un posto migliore per la vita dei nostri figli, e questo deve avvenire in modo economicamente sostenibile. Qual è stata la sua esperienza di formazione e consulenza ricevute dopo aver perso il lavoro? La consulenza fornita dal centro per l impiego è stata eccellente. Conoscevo le persone perché avevo lavorato nel settore del reclutamento in passato e ora mi trovavo dall altra parte della barricata. Avevamo un ottimo rapporto e sono stati di grande aiuto. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 17

20 Intervista 18 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

21 Intervista Sapeva che la formazione e la consulenza erano cofinanziate dal FEG? Sapevo fin dall inizio che avrebbero fatto richiesta per i finanziamenti FEG. Eravamo in attesa della risposta con il fiato sospeso. In che modo l ha aiutata? Il finanziamento mi ha consentito di studiare tecnologia ambientale, bioenergia come attività aziendale e i fabbisogni energetici delle fattorie avendo al tempo stesso un reddito certo. Mi ha anche permesso di ottenere i contatti e la base di conoscenze necessari per la nostra azienda. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Ho la mia azienda della quale sono il maggiore azionista insieme a mio cognato e suo cognato. Il nostro investimento complessivo è stato di 5,5 milioni di euro, quindi l azienda ha un grande debito, ma il clima aziendale per la produzione energetica tramite il riciclaggio di rifiuti è favorevole. Lavoro molto più di prima e guadagno meno, ma sono ottimista. Oltre a me, impieghiamo attualmente quattro persone a tempo pieno e tre parttime. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? È necessario sfruttare al meglio la formazione e la consulenza a disposizione. Il raggiungimento dei propri obiettivi richiede duro lavoro ed è necessario credere di poter trasformare una situazione negativa in qualcosa di più positivo. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 19

22 Informazioni generali Alytaus Tekstile, Lituania Il fallimento dell azienda Alytaus Tekstile a Alytus, in Lituania, dovuto alla delocalizzazione generale della produzione tessile e di abbigliamento verso mercati a basso costo, ha causato esuberi tra ottobre 2007 e febbraio La Lituania ha pertanto presentato domanda per un finanziamento FEG a maggio Prima che la Lituania entrasse a far parte dell UE nel 2004, gli Stati membri UE costituivano il principale mercato per le esportazioni tessili lituane. In seguito alla scadenza dell accordo multifibre dell OMC lo stesso anno, il valore delle importazioni UE dei prodotti tessili e di abbigliamento cinesi è salito a 22,9 miliardi di euro nel 2005, quasi il doppio rispetto al Le limitate dimensioni del mercato nazionale lituano, con l 80 % della produzione tessile e di abbigliamento del paese destinato all esportazione, hanno fatto sì che il settore tessile lituano nel suo complesso fosse duramente colpito dalla concorrenza. Poiché i costi di produzione erano circa quattro volte superiori a quelli della Cina, Alytaus Tekstile non è stata in grado di sostenere la concorrenza. Anche gli accresciuti costi energetici e la ricollocazione di molti dei suoi principali clienti hanno contribuito alla chiusura dell azienda. Sono state fornite misure occupazionali attive per oltre un anno a partire da maggio 2008, inizialmente ai 600 lavoratori che ancora necessitavano di aiuto nel momento in cui è stata presentata la domanda e poi ad altri 19. Tali misure comprendevano aiuto nella ricerca di lavoro, sviluppo di piani personalizzati, riqualificazione, supporto nella ricerca di tirocini, sostegno all imprenditorialità e indennità per la formazione e la ricerca di lavoro. Alla fine del periodo di attuazione, il 53 % dei lavoratori coinvolti aveva trovato lavoro, mentre il 12 % era ancora disoccupato. Quasi un quarto aveva deciso di andare in pensione, poiché quasi la metà delle persone coinvolte aveva un età compresa tra i 54 e i 64 anni. La restante parte non cercava più lavoro per problemi di salute e disabilità. Il fatto che il 99 % del finanziamento FEG sia stato speso dimostra che il preventivo iniziale era preciso e realistico. Inoltre, per alcune misure, il costo dichiarato durante la procedura di appalto si è dimostrato inferiore alle stime iniziali, per cui hanno potuto partecipare più persone. In tal modo, il numero di beneficiari della promozione imprenditoriale e dell aiuto occupazionale ha superato le previsioni rispettivamente del 35 % e 32 %. 20 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

23 Intervista Intervista Gerimantas Žukauskas Gerimantas Žukauskas era capo dipartimento alla Alytaus Tekstile, responsabile di 500 dipendenti. Con il fallimento dell azienda a novembre 2007, Gerimantas è rimasto senza lavoro. Quali ripercussioni ha avuto il licenziamento su di lei? È stato un bel colpo in quanto ero a capo di un ampio dipartimento, uno dei quattro dell azienda. Come ha cercato un altro lavoro? La prima cosa da fare è comunicarlo all ufficio di collocamento. Mi hanno detto che esisteva un programma di sostegno. Come ex capo dipartimento avevo alcuni contatti, così ho cercato di ottenere aiuto da loro. Ho anche provato a chiedere ad amici e pensato di lavorare all estero. Qual è stata la sua esperienza di formazione ricevuta dopo aver perso il lavoro? Non ho avuto bisogno di formazione. L ufficio di collocamento sapeva qual era la mia posizione e di quali qualifiche ed esperienza disponevo. Come capo dipartimento maturi molta esperienza ed è più difficile apprendere nuove cose quando si ha 40 anni e si è altamente qualificati. È più semplice riqualificare un lavoratore anziché una risorsa del mio genere. Com è la sua situazione lavorativa al momento? Un contatto lettone che aveva lavorato nel settore tessile per alcuni anni e aveva condotto affari con la Alytaus Tekstile ha suggerito a me e ad alcuni miei colleghi di fondare un impresa comune con lui. Con la crisi e la contrazione del mercato, non abbiamo visto altre alternative. Quando ci siamo uniti, il mio contatto lettone aveva già istituito l azienda, che ora si chiama Alytaus Teksera. Siamo diventati azionisti e ora operiamo da quattro anni con un fatturato annuo di euro. Ci avvaliamo di cinque collaboratori; quattro di noi erano direttori alla Alytaus Tekstile, più il lettone. Il sostegno UE ci ha consentito di avere i fondi sufficienti per avviare l azienda. Sapevate che tale sostegno era cofinanziato dal FEG? Sì, lo sapevamo. Il sostegno è stato di grande aiuto, altrimenti non avremmo potuto creare l azienda. Ne siamo molto grati. Sarei interessato a un ulteriore aiuto poiché abbiamo stabilito molti contatti e le persone vedono che l azienda è in fase di sviluppo. Il primo anno non abbiamo registrato profitti, ma nei tre anni successivi sì. Sono anche felice di avere l opportunità di mostrare alle persone come l UE può aiutarle. Qual è il principale obiettivo della vostra nuova azienda? Inizialmente volevamo concentrarci sulla produzione e abbiamo cercato di acquistare attrezzature. Il co-proprietario lettone disponeva di alcuni fondi, ma avevamo anche bisogno di credito. Non avendo beni, le banche non ci avrebbero concesso prestiti. Questo ha coinciso con il momento peggiore della crisi e ci ha portato a concentrarci sulle importazioni ed esportazioni. Ora abbiamo in affitto un magazzino della Alytaus Tekstile, che attualmente è sotto una nuova direzione. Abbiamo in programma di acquistarlo se otterremo un prestito. Ha qualche consiglio per persone in una situazione analoga? Noi ricoprivamo posizioni direttive e potrei dare consigli solo alle persone con un lavoro analogo. Conoscevamo il mercato e il suo funzionamento e il fallimento non ha rappresentato la fine del mondo, bensì un opportunità. Le persone che affrontano il fallimento la vedono diversamente, dunque direi semplicemente che non è necessario temerlo. Se si ottiene aiuto dall UE, si deve sfruttarlo al meglio, guardare al futuro ed essere consapevoli che è necessario plasmarlo in prima persona. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 21

24 Informazioni generali Nord-Centro, Portogallo Si è registrato un totale di esuberi in 49 aziende tessili (di cui 39 nella regione Nord e 10 nella regione Centro) tra febbraio e novembre 2008, più altri 138 nei due mesi successivi. Questo ha condotto le autorità portoghesi a presentare una domanda di finanziamento FEG a gennaio Dall inizio degli anni novanta, il settore tessile, di abbigliamento e calzature europeo è stato attraversato da un processo di ristrutturazione su vasta scala, tra cui la riduzione della manodopera di quasi un terzo. Con la fine dell accordo multifibre dell OMC nel 2004, le importazioni UE di prodotti tessili e di abbigliamento da paesi a più basso costo sono quasi raddoppiate, e i produttori nelle regioni Nord e Centro del Portogallo hanno dovuto affrontare un rapido aumento della concorrenza. Si prevedeva che il mercato si sarebbe stabilizzato nel 2007/2008 grazie agli adeguamenti delle aziende e alla modernizzazione dell industria tessile nazionale. Tuttavia, la situazione economica in via di deterioramento ha comportato ulteriori chiusure e un brusco calo della fiducia dei consumatori. Il settore tessile e di abbigliamento rappresenta oltre il 14 % della forza lavoro nella regione Nord, mentre nella regione Centro rappresenta il 15 % dell occupazione industriale totale. Nel 2007, gli esuberi nel settore tessile rappresentavano il 4 % della disoccupazione totale portoghese. Inoltre, il 97,8 % della disoccupazione derivante dai licenziamenti nel settore tessile si concentra nelle regioni Nord e Centro. La regione Nord registra il più basso reddito pro capite e il più alto tasso di disoccupazione nel paese. Entrambe le regioni sono caratterizzate da livelli di istruzione e qualifica relativamente bassi. La regione Nord è stata anche colpita dall insolvenza della multinazionale tedesca, Qimonda AG, produttrice di computer e prodotti elettronici e ottici. La crisi finanziaria e la conseguente contrazione dell economia globale hanno ridotto la capacità di Qimonda di investire nell innovazione e attrezzature per la produzione. Inoltre, la sovraccapacità nel mercato della Dynamic Random Access Memory ha esercitato pressioni sui prezzi, costringendo molte aziende a tagliare la produzione. La produzione nella fabbrica tedesca che forniva materie prime all unità portoghese è stata bloccata. Per tali ragioni, insieme alla mancata conclusione di accordi con potenziali investitori, Qimonda in Portogallo è stata costretta all insolvenza. 22 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

25 La perdita di Qimonda ha comportato quasi esuberi nella regione Nord. Si tratta di un duro colpo per le prospettive della regione, in quanto Qimonda era considerata una storia di successo per via degli investimenti nell innovazione e sviluppo tecnologico e i tentativi di affermarsi sul mercato internazionale. Nel caso dell industria tessile, si era inizialmente programmato di offrire misure occupazionali attive quali il riconoscimento delle competenze, convalida e certificazione, formazione professionale, contributi per la formazione, sostegno all imprenditorialità e sviluppo di programmi occupazionali personali per tutti i lavoratori. Infine, solo 720 hanno partecipato. La partecipazione a gran parte delle misure è stata inferiore alle aspettative, ad eccezione della formazione professionale, alla quale hanno partecipato in 714, rispetto ai previsti 250. I costi delle misure sono stati inferiori a quanto preventivato, giacché i lavoratori hanno optato principalmente per i corsi di formazione più brevi. Circa un quarto dei lavoratori coinvolti avevano 55 anni o più, con bassi livelli di istruzione e competenze. Il 79 % non aveva portato a termine i nove anni di istruzione di base, e un altro 13 % non aveva portato a termine l istruzione secondaria. Tuttavia, si è riscontrata una maggiore volontà di partecipazione tra gli over 55, e anche le donne con livelli di istruzione più avanzati erano ben rappresentate. Misure formative più lunghe avrebbero potuto essere proficue, ma non è stato possibile visto il breve periodo di attuazione. Ciononostante, i partecipanti hanno riconosciuto che la formazione di base in informatica, insieme al riconoscimento delle esperienze precedenti, avevano accresciuto la loro impiegabilità. Alla fine del periodo, 30 dei 720 lavoratori avevano trovato lavoro; altri 9 erano impegnati nell apprendimento o formazione, e i restanti 681 erano ancora disoccupati, con poche prospettive lavorative. Gli esiti hanno dimostrato la necessità di una maggiore pubblicità di simili azioni, ampio coinvolgimento dei centri per l impiego e rispetto di una tabella di marcia di azioni per tutto il periodo di attuazione. Un ulteriore punto derivante dall esperienza era la necessità di considerare attentamente la selezione delle aziende da inserire nelle misure FEG a livello regionale. In seguito all insolvenza di Qimonda, sono state fornite misure occupazionali attive a 839 lavoratori tra giugno e ottobre I beneficiari hanno ricevuto contributi per la formazione e hanno potuto partecipare sia alla formazione professionale che imprenditoriale. I lavoratori hanno ricevuto sostegno per avviare le proprie aziende e trovare tirocini lavorativi, consentendo loro in tal modo di acquisire esperienza pratica. Inoltre, ai potenziali datori di lavoro sono stati garantiti incentivi per l assunzione degli ex lavoratori di Qimonda. Infine, le misure FEG hanno consentito ai lavoratori in esubero di riconoscere in maniera più adeguata le competenze acquisite, garantendo una maggiore convalida e certificazione delle competenze. Vitor Macedo e Mafalda Ferreira hanno coordinato due misure FEG per i lavoratori del settore tessile in esubero. Una misura sosteneva il reinserimento dei lavoratori sul mercato del lavoro. L altra promuoveva l imprenditorialità. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 23

26 Intervista Intervista Vitor Macedo Gli esuberi come hanno influenzato il settore? Nella nostra regione, i lavoratori interessati dalla domanda FEG nel settore tessile sono stati licenziati in diverse aziende. Si tratta di una conseguenza della crisi nell industria tessile dovuta alla concorrenza dei paesi asiatici. Le persone e le aziende avevano caratteristiche specifiche. Perciò non disponiamo di una misura accurata dell impatto reale. I lavoratori in esubero come hanno cercato un nuovo lavoro? Molti lavoratori avevano più di 50 anni e disponevano di scarsa istruzione, rendendo difficile trovare lavoro nel nostro settore. Svolgevano lavori molto specifici, spesso da 20 o 30 anni, perciò era difficile per loro sviluppare nuove competenze nel contesto della riqualificazione. Esisteva un elevato livello di consapevolezza del FEG tra i beneficiari? Abbiamo cercato di informarli in merito, ma per molti generava confusione. Molte persone confondevano il FEG con altri finanziamenti europei, in particolare il Fondo sociale europeo. 24 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

27 Intervista In che modo le misure FEG sono state di aiuto? Speriamo che le misure abbiano aiutato a rendere le persone più attive e a dar loro la speranza di trovare lavoro. È stata la prima domanda FEG per la regione Nord e abbiamo avuto solo quattro mesi per attuarla. Per coinvolgere un gran numero di persone, abbiamo deciso di utilizzare quella che chiamiamo formazione a banda larga sulle competenze informatiche, convalida e certificazione di competenze. Per via dell età delle persone e della crisi nell industria tessile, le misure non hanno avuto l impatto che ci saremmo aspettati. Ha qualche suggerimento per rendere tali misure più efficaci in futuro? Accogliamo favorevolmente il prolungamento del periodo di attuazione delle misure FEG da un anno a due. L esperienza con il settore tessile ci ha concesso di migliorare il nostro approccio per tre nuove domande, una per l azienda di semiconduttori Qimonda, una per Rohde, un azienda di calzature tedesca e una terza per l industria delle componenti per auto. Abbiamo migliorato la pianificazione per l attuazione delle misure, in particolare cooperando con i sindacati e altre parti. Inoltre, cosa importante, è stata progettata una serie di misure più flessibili. Esse comprendono il sostegno individuale per la formazione professionale e l aiuto ai lavoratori che intendono avviarsi verso la libera professione. Abbiamo anche aumentato la diffusione delle informazioni relative alle misure. Questo ha attirato l interesse dei lavoratori e aumentato la consapevolezza del sostegno FEG. A che punto vi trovate con le altre domande? Le misure Qimonda stanno per concludersi e il progetto Rohde è a metà percorso. Per Qimonda ci siamo concentrati sulla riqualificazione dei lavoratori per altre attività, poiché non esiste un altra azienda nella regione produttrice di semiconduttori. Per quanto riguarda Rhode, l industria calzaturiera è orientata verso le esportazioni ed è in crescita in Portogallo, perciò cerchiamo di aiutare i lavoratori ad acquisire le competenze richieste dalle piccole e medie imprese nella regione per riportarli all interno del settore. Per quanto riguarda l industria delle componenti per auto, abbiamo organizzato sessioni di presentazione delle misure, e i centri per l impiego stanno attualmente conducendo colloqui più personalizzati, al fine di individuare il giusto impiego e misure di formazione per ogni lavoratore. Qual è la prospettiva per la zona in termini di occupazione? La situazione attuale è difficile. Il mercato dell occupazione è stato duramente colpito dalla crisi. Nel caso dell industria tessile, i risultati dell intervento FEG non sono stati all altezza delle aspettative, essenzialmente per via dell età avanzata e delle qualifiche limitate dei beneficiari. Per Qimonda e Rohde, ci aspettiamo un significativo ritorno delle persone sul mercato del lavoro. Le situazioni variano tra i diversi settori, ma siamo ottimisti poiché con tali misure possiamo concentrarci maggiormente su problematiche specifiche e trovare soluzioni più efficaci. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 25

28 Intervista Intervista Mafalda Ferreira Può citare esempi di persone che hanno usufruito delle misure? Per la misura volta al reinserimento sul mercato del lavoro, avevamo a che fare con persone di una certa età, prevalentemente donne, con un basso livello di istruzione che avevano svolto lo stesso lavoro per 20 o 30 anni. Non disponevano di competenze che potevano essere trasferite in altre attività. Godevano di scarsa autostima e non erano motivate. Per la misura relativa allo viluppo dell imprenditorialità, le persone avevano maggiori competenze ma erano anch esse scarsamente motivate. In cosa consistevano le misure per il primo gruppo? Abbiamo provato a motivare il primo gruppo a cercare attivamente un nuovo lavoro e li abbiamo sostenuti nella ricerca di opportunità. Abbiamo cercato di aiutarli a sfruttare al meglio le competenze acquisite durante la vita che potessero aiutarli nella ricerca di un occupazione. Li abbiamo guidati verso svariati tipi di formazione, mostrato loro l importanza di nuove competenze e persuasi che avrebbero potuto fare cose diverse. Abbiamo dovuto insegnare loro a scrivere CV e affrontare colloqui. Alla fine del processo avevano una prospettiva diversa e intendevano investire nelle loro carriere. E per quanto riguarda il secondo gruppo? Ci siamo concentrati nell aiutarli ad acquisire competenze tecniche in modo che, una volta deciso in che settore lavorare, sapessero come agire. Hanno sviluppato programmi aziendali, valutato la fattibilità e cercato finanziamenti, sostenuti da una squadra di formatori. Alcuni si sono resi conto che i propri programmi non erano finanziariamente fattibili e li hanno riprogettati. Altri, invece, hanno proseguito. In quali settori queste persone hanno avviato aziende? Per molti è stato il settore collegato al loro precedente lavoro. Alcuni lavoravano nel ramo finanziario dell industria tessile e hanno iniziato a fornire consulenza finanziaria. Altri lavoravano nel marketing, così hanno creato aziende per sostenere le PMI nel marketing. Un terzo gruppo lavorava nei laboratori tessili e ha deciso di creare società di consulenza per aiutare le piccole imprese nella realizzazione di laboratori conformi agli standard procedurali e in materia di attrezzature. 26 Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione

29 Intervista I lavoratori che hanno ricevuto formazione sono rimasti nel settore tessile? A causa della crisi nel settore, abbiamo cercato di aiutarli a spostarsi verso altri settori. Nella nostra regione, alcuni settori hanno riscosso un ragionevole successo, come quello dei servizi, in particolare ristoranti e hotel. Alcune persone si sono inserite in questo settore. Un altra possibilità è rappresentata dalle piccole imprese che producono componenti metalliche che non hanno bisogno di personale altamente qualificato. Un terzo settore, specialmente per le donne, è rappresentato dall assistenza agli anziani. Le storie più interessanti sono di donne che all inizio del programma hanno detto di aver lavorato nello stesso settore per 40 anni e di non essere in grado di fare altro e alla fine hanno cercato e trovato nuovi lavori. Esisteva un elevato livello di consapevolezza del FEG tra i beneficiari? Inizialmente no. Si trovavano sul gradino più basso e non riuscivano a credere che qualcuno si sarebbe preoccupato di loro. Fin dall inizio, abbiamo esposto le misure e spiegato alle persone che eravamo interessati al loro futuro. Ha suggerimenti su come rendere tali misure più efficaci? Sono necessari tempo e lavoro approfondito per aiutare questo gruppo di interesse a sviluppare competenze. Vorremmo che le misure durassero di più e poter lavorare su una base maggiormente individuale. Qual è la prospettiva per la zona in termini di occupazione? Stiamo attraversando una grave crisi. Ogni giorno, delle aziende presentano istanza di fallimento. L industria tessile naviga in cattive acque, sebbene provengano segnali positivi da settori quali i servizi e la lavorazione del metallo. Le aziende che hanno introdotto metodi innovativi nei propri processi produttivi stanno ora producendo beni per l esportazione. Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in azione 27

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Quando può cominciare?

Quando può cominciare? Quando può cominciare? L Europa sociale Guida pratica alle assunzioni in Europa Commissione europea Quando può cominciare? Guida pratica alle assunzioni in Europa Commissione europea Direzione generale

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

Aggiornamento 2010. Trovare un lavoro in Europa: una guida per chi cerca lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Trovare un lavoro in Europa: una guida per chi cerca lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Trovare un lavoro in Europa: una guida per chi cerca lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli